Se ti piace il nostro sito votalo adesso con un click sul pulsante Google +1 qui sotto :


GLI ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI :


- Russia: abbattuto il muro tra fisica e medicina per sconfiggere il cancro ...

- Unghie : ecco come rivelano il nostro stato di salute ...

- Scienziati scoprono che il digiuno attiva le cellule staminali nel rigenerare il ...

- La scoperta del premio Nobel Linus Pauling e del Dr. Rath sulle vere cause delle ...

- NETTUNO: ILPIANETA DELLA PROFONDITA' INTERIORE ...

- La linea sacra di San Michele : i luoghi dove Michele e' apparso che garantiscon ...

- TUMORI : La melatonina elimina le cellule tumorali fino all'80-90% ...

- LA SOIA FA BENE O FA MALE? LEGGETE E' IMPORTANTE! ...

- Il contadino che non ha studiato e sta rivoluzionando l'Agricoltura ...

- Medicina naturale e medicina tradizionale: quando l'unione fa la forza ...

UNA LEGGE PER LE MEDICINE NON CONVENZIONALI : FIRMA ANCHE TU
INDICE GENERALE ARTICOLI :



Per vedere INDICE CON TUTTI GLI ARTICOLI [ click qui ]

Vuoi inserire nel tuo sito gratuitamente
il preview dei nostri ultimi 15 articoli

PREMI QUI
per scaricare il box interattivo !
CORSI ED EVENTI SPAZIOSACRO.IT
 
NOME DEL CORSO
Vai
 
NOME DEL CORSO
Vai
aromaterapia
AROMATERAPIA
Armonia nella vita quotidiana
massaggio do-in
MASSAGGIO DEL BAMBINO
MASSAGGIO NEONATALE
aurasoma
AURASOMA
massaggio do-in
MASSAGGIO DO-IN
MERIDIANI CINESI E MOXA
breathwork
BREATHWORK - Il Potere del Respiro
massaggio messaggio
MASSAGGIO-MESSAGGIO
camminata sul fuoco
CAMMINATA SUL FUOCO
linguaggio aura
MASSAGGIO AYURVEDICO
costellazioni familiari
COSTELLAZIONI FAMILIARI
linguaggio aura
MASSAGGIO SONORO E BAGNI DI SUONO
credenze gemelle
CREDENZE GEMELLE
Trasmutare le paure e vivere in equilibrio
meditazione
MEDITAZIONE
cristalloterapia auyrvedica
CRISTALLOTERAPIA AYURVEDICA
Gli Individui Cristallo
morfopsicologia
MORFOPSICOLOGIA
cromoterapia
CROMOTERAPIA
musicoterapia
MUSICOTERAPIA
dendroterapia
DENDROTERAPIA ENERGETICA
Energie degli Alberi
numerolgia tantrica
NUMEROLOGIA TANTRICA
Il Divino attraverso i numeri
enneagramma
ENNEAGRAMMA
oligoelementi
OLIGOELEMENTI
giardini terapeutici e antenna di lecher
GIARDINI TERAPEUTICI E ANTENNA DI LECHER
pnl umanistica
PNL UMANISTICA
giardini terapeutici e antenna di lecher
GUARIGIONE DELLA CELLULA MADRE
qi gong
QI GONG
fiori di bach
FIORI DEL CAMBIAMENTO
FIORI DI BACH
radiestesia scientifica
RADIESTESIA SCIENTIFICA
(Antenna di Lecher)
fiori di bach
FIORI DEL CAMBIAMENTO
FIORI AUSTRALIANI
reiki e scuola di reiki gratuita
REIKI 1° e 2° livello
SCUOLA DI REIKI
Potente arte di cura con le mani
ching
I CHING
riflessologia plantare
RIFLESSOLOGIA PLANTARE
il dono della terza lingua
IL DONO DELLA
TERZA LINGUA

La comunicazione
nel linguaggio dello Spirito
riflessologia plantare
SUONI TAOISTI DI GUARIGIONE
linguaggio aura
IL LINGUAGGIO DELL'AURA - Foto dell'Aura e Digitoscopia Kirlian
tamburi sacri
TAMBURI SACRI (ritmi per corpo e spirito)
casa come nido anima
LA CASA COME NIDO DELL'ANIMA
tai chi
TAI-CHI
iridologia
IRIDOLOGIA
visualizzazioni creative
VISUALIZZAZIONI CREATIVE e YOGA NIDRA
mandala e mantra
MANDALA E MANTRA
visualizzazioni creative
YOGA SHARIRA
MUDRA e ARTE MUDRA
scuola di naturopatia sciamanica

SCUOLA DI NATUROPATIA
[ visita la scuola con un click qui ]
Abbiamo pubblicato il nuovo programma !

cura con le preghiere
LA CURA CON LE PREGHIERE :
"Quando preghiamo per gli altri, l'universo prega per noi." - Amma - 
Leggi ed invia le preghiere con un [ click qui ]
IL LINGUAGGIO DELLA CURA : LE SEGNATURE
IL LINGUAGGIO DELLA CURA : LE SEGNATURE
Iniziazioni della Notte di Natale
e lista di persone che segnano
il Fuoco Sacro in Italia [ click qui ]

Russia: abbattuto il muro tra fisica e medicina per sconfiggere il cancro

Nulla di nuovo, potrebbe argomentare qualche esperto, nell’associare la fisica alla medicina. La risonanza magnetica nucleare ne è un esempio. Eppure qualcosa ancora manca. Fisici, biologi e medici si parlano troppo poco per poter riuscire ad avere una chiara visione interdisciplinare della salute e, nel caso specifico, del cancro. La ragione è comprensibile: ciascuna di queste discipline ha linguaggi e complessità diverse tra loro e le competenze che ha sviluppato un medico sono molto diverse da quelle di un fisico, e vice versa.

 

Per questa ragione il distaccamento siberiano dell’Accademia delle Scienze Russa ha coraggiosamente avviato il progetto “Physics of Cancer: Interdisciplinary Problems and Clinical Applications” (“La Fisica del Cancro: aspetti interdisciplinari ed applicazioni cliniche”).

 

L’obiettivo di queste conferenze annuali è quello di far incontrare i principali ricercatori che lavorano sul problema del cancro: chi dal punto di vista della fisica, chi della biologia e chi della medicina così da poter discutere lo stato dell’arte dei nuovi approcci di ricerca e delle loro applicazioni cliniche. 

 

Uno degli aspetti principali che è stato affrontato nella recente conferenza di fine maggio è stato quello della multi scalarità, ossia il tentativo di rispondere alla domanda: “Come si possono correlare gli studi sulla crescita e progressione del tumore fatti nelle diverse scale, dal livello atomico/molecolare, al livello cellulare e fino al livello clinico?”.

 

È noto, ad esempio, che uno dei processi principali implicati nel cancro è quello delle mutazioni genetiche che avvengono all’interno del nucleo delle cellule. Conosciamo ancora poco tuttavia riguardo al ruolo che la forma e la dimensione del nucleo hanno nei confronti dei meccanismi di regolazione della funzione genetica. Ci sono infatti numerosi indizi che inducono a pensare come oltre ad analizzare le mutazioni genetiche la ricerca debba interessarsi anche allo studio dell’architettura delle varie strutture del nucleo e della cellula quali la cromatina ed il citoplasma. 

Non solo ma che ruolo ha il micro ambiente intorno alle cellule nel determinare lo sviluppo e la crescita delle cellule tumorali?  Come misurare queste caratteristiche e come sviluppare nuovi farmaci o approcci biofisici per intervenire su questi aspetti e ristabilire uno stato di salute a livello clinico? 

 

 

Sono alcuni degli argomenti trattati in questa conferenza che ha avuto protagonisti ricercatori russi, tedeschi, francesi ed anche italiani. Capofila della spedizione italiana è stato il Professor Mariano Bizzarri (direttore del gruppo di biologia sistemica presso l’Università La Sapienza di Roma) che ha presentato le sue innovative ricerche svolte in assenza di gravità: cosa succede alle cellule, sia normali che tumorali, quando queste si trovano prive dei “riferimenti” della gravità terrestre? Ad accompagnarlo il Dottor Andrea Pensotti, direttore dell’Interdisciplinary Life Science Institute e managing Editor della neonata rivista Organisms, impegnato nella costruzione di un network scientifico interdisciplinare a livello internazionale. 

I dati esposti dalla scuola di Roma (il Systems Biology Group) hanno mostrato come vincoli fisici (densità e ‘durezza’ del tessuto, potenziali bio-elettromagnetici, gravità) possono influenzare in modo prepotente la differenziazione e lo sviluppo dei tessuti e delle cellule. In particolare, cambiamenti nelle proprietà biofisiche del microambiente possono, a seconda dei casi, determinare la nascita di un tumore o al contrario indurre la regressione delle cellule tumorali.

 

Altro prestigioso intervento italiano è stato quello del Professor Alessandro Giuliani, direttore del dipartimento di Statistica dell’Istituto Superiore di Sanità, che ha presentato un’illuminante lavoro sul tema della correlazione dei dati a diverse scale. Lo studio di Giuliani ha mostrato come il comportamento di sistemi complessi (come la cellula o il tumore) dipenda più da fattori di controllo che si esplicano a livello globale piuttosto che da meccanismi di controllo operanti a livello locale, strettamente molecolare. 

 

Il merito per aver favorito questo importante passo nella ricerca e nella comunicazione tra scienziati di diversa provenienza geografica e disciplinare va alla Professoressa N.V. Cherdyntseva, direttrice del dipartimento di biologia molecolare dell’Università siberiana di Tomsk, al Professor O.B. Naimark direttore del dipartimento di Fisica all’Università di Perm e al Professor E. Gutmanas direttore del dipartimento di Scienza dei Materiali dell’Università Israeliana di Haifa.

 

Con loro il Professor Bizzarri ha messo le basi per una fruttifera collaborazione per portare presto anche in Italia importanti approcci innovativi nella diagnosi e cura dei tumori, nonché favorire programmi formativi interdisciplinari rivolti alle diverse categorie di ricercatori.

 

Anche se le notizie d’attualità ci raccontano di un mondo diviso dalla politica e dall’economia, lo stesso mondo si trova unito quando si parla di scienza.

 

 

 

Link al sito dell’Università di Tomsk, pagina della conferenza:

 

http://www.ispms.ru/en/ispmsconf/7/

 

 

Didascalia foto - da sinistra:

prof. Alessandro Giuliani

dott. Andrea Pensotti

prof.ssa Nadezhda Cherdyntseva

prof. Mariano Bizzarri

prof. Oleg Naimark

 

 

Redazione Saluteuropa

redazione@saluteuropa.org

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

http://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

http://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

Unghie : ecco come rivelano il nostro stato di salute

Striature verticali o macchioline bianche sulle unghie sono di solito segnali innocui; se le unghie si curvano verso l’alto con un aspetto simile ad un cucchiaio, può essere dovuto ad anemia da carenza di ferro, emocromatosi (eccesso di ferro), malattie cardiache o ipotiroidismo; striature nere nelle unghie potrebbero essere segnale di un melanoma della pelle. Ecco solo alcuni dei sintomi delle unghie, specchio della nostra salute.

L’articolo seguente è stato scritto dal Dott. Mercola

Le unghie sono spesso considerate da un punto di vista puramente estetico e i 768 milioni di dollari spesi annualmente in smalto per unghie (solo negli Stati Uniti) lo possono attestare.1 Tuttavia, le unghie sono molto più che una semplice superficie da addobbare con colori vivaci.

La forma, la struttura e il colore delle unghie sono una finestra sul tuo corpo e, mentre alcuni sintomi delle unghie sono innocui, altri possono essere indicativi di malattie croniche, tra cui il cancro. Come notato dall’Accademia Americana di Dermatologia (AAD):2

 
“Le unghie spesso riflettono il nostro stato di salute generale. I cambiamenti delle unghie, come la decolorazione o l’ispessimento, possono segnalare problemi di salute tra cui malattie epatiche e renali, condizioni cardiache e polmonari, anemia e diabete”.

Anche il tasso di crescita delle unghie può dare indizi sul tuo stato di salute globale. Le unghie sane crescono, in media, di 3,5 millimetri (mm) al mese, ma questo è influenzato dallo stato nutrizionale, dai farmaci, dai traumi, da malattie croniche e dai processi di invecchiamento.3

Se si notano cambiamenti significativi nelle unghie, tra cui gonfiore, scolorimento o modifiche di forma e spessore, consultate immediatamente un dermatologo. Potrebbe essere nulla di grave, o potrebbe essere dovuto ad una condizione patologica (ad esempio, i problemi delle unghie sono più comuni nelle persone con diabete).

 
Di seguito sono riportati 10 segni che le vostre unghie potrebbero darvi e che cosa questi segnali indicano sulla vostra salute.

10 segnali delle unghie e il loro significato per la salute
1. Unghie gialle

 

Le unghie possono diventare gialle con l’età o con l’uso di smalti e unghie finte. Anche il fumo può rovinare le unghie dando loro una tonalità giallognola. Se le unghie sono spesse, morbide e gialle, potrebbe essere un’infezione fungina.

Più raramente, le unghie gialle possono essere correlate a malattie della tiroide, diabete, psoriasi o malattie respiratorie (come la bronchite cronica).

2. Unghie secche, crepate o fragili

 

Qui lo stile di vita può svolgere un ruolo importante, ad esempio se si tengono spesso le mani in acqua (lavare piatti, nuotare, ecc.), se si usa spesso lo smalto e quindi l’acetone per rimuoverlo, se sono spesso esposte a prodotti chimici (come i prodotti per la pulizia) o se si vive in una zona molto arida.

Le crepe e le spaccature possono anche essere causate da un’infezione fungina o da una malattia della tiroide, in particolare l’ipotiroidismo. Le unghie fragili possono anche dipendere da una carenza di vitamine A e C o da carenza di biotina.

3. Clubbing (Dita ippocratiche o a “bacchetta di tamburo”)

 

Il Clubbing è quel fenomeno per cui le punte delle dita diventano molto grosse e l’unghia si curva verso il basso. Può essere un segno di scarso ossigeno nel sangue ed è anche associato a malattie polmonari. Il clubbing può anche essere correlato a malattie epatiche o renali, malattie cardiache, malattie intestinali infiammatorie e AIDS

4. Macchie bianche

 

Piccole macchioline bianche sono di solito conseguenza di un trauma dell’unghia. Non sono motivo di preoccupazione, sorgono e svaniscono da sole. Più raramente, macchie bianche che non se ne vanno potrebbero essere dovute ad un’infezione fungina.

5. Striature orizzontali

 

Le striature orizzontali possono essere dovute a traumi o a più gravi malattie con febbre alta (come la scarlattina o la polmonite). Il dott. John Anthony, dermatologo presso la Clinica di Cleveland in Ohio, ne ha parlato sul TIME:

“Ciò è in genere il risultato di un trauma diretto sull’unghia o di una malattia più grave, in questo caso lo si vedrà su più di un’unghia alla volta … Il tuo corpo sta dicendo letteralmente: -Ho cose più importanti da fare che badare alle unghie- e così mette in pausa la loro crescita”.

Le striature orizzontali, conosciute anche come linee di Beau, possono essere dovute anche a psoriasi, a diabete, a malattie circolatorie o a grave carenza di zinco. Un altro tipo di striature orizzontali, note come linee di Mees, sono scolorimenti orizzontali che possono essere dovuti all’avvelenamento da arsenico, al morbo di Hodgkin, alla malaria, alla lebbra o all’avvelenamento da monossido di carbonio.

6. Striature verticali

 

Le striature verticali sono in genere un normale segno d’invecchiamento e non sono motivo di preoccupazione. Possono diventare più prominenti quando si invecchia. In alcuni casi, queste striature delle unghie potrebbero essere dovute a carenze nutrizionali, inclusa carenza di vitamina B12 o di magnesio.

7. Unghie a cucchiaio

 

Le unghie che curvano verso l’alto ai bordi, assumendo un aspetto che ricorda un cucchiaio, possono essere segno di anemia da carenza di ferro oppure il contrario emocromatosi (assorbimento di ferro in eccesso), malattie cardiache o ipotiroidismo.

8. Unghie butterate

 

Se le unghie presentano delle rientranze o delle protuberanze, potrebbe trattarsi di psoriasi. Le unghie butterate possono anche dipendere da disturbi del tessuto connettivo (compresa la sindrome di Reiter) o da alopecia areata, una malattia autoimmune che causa la perdita dei capelli.

9. Macchie scure

 

In presenza di striature nere o dolorose escrescenze sulle vostre unghie vi consiglio un viaggio immediato dal medico, potrebbe essere un melanoma, la forma più grave di cancro della pelle.

10. Unghie bianche con una striscia di rosa

 

Se le unghie sono prevalentemente bianche con una linea rosa in alto, fenomeno noto come unghie di Terry, potrebbe essere un sintomo di malattie epatiche, insufficienza cardiaca, insufficienza renale o diabete. A volte le unghie di Terry possono anche essere dovute all’invecchiamento.

Ti mangi le unghie? Potrebbe causarti infezioni
La maggior parte dei sintomi delle unghie è dovuta a problemi sistemici e traumi oppure, questi sintomi potrebbero essere connessi ad uno scorretto stile di vita, inclusa l’abitudine di mangiarsi le unghie (onicofagia). I mangiatori di unghie rischiano la paronichia, un’infezione cutanea che si verifica intorno alle unghie. Quando ci si mastica le unghie, batteri, lieviti e altri microrganismi possono penetrare attraverso piccole lacerazioni o abrasioni, portando a gonfiore, arrossamento e pus intorno all’unghia.

Questa condizione dolorosa può portare all’intervento chirurgico. Le infezioni batteriche causate dall’onicofagia sono in realtà uno dei problemi più comuni delle unghie, come confermato dall’American Academy of Dermatology (AAD).4

L’onicofagia tendenzialmente inizia durante l’infanzia, si ha il picco nell’adolescenza, e poi lentamente (o bruscamente), diminuisce con l’età. Se sei un adulto che non riesce a sconfiggere questa abitudine, o un genitore di un bambino o di un adolescente che si mangia le unghie, qui di seguito ci sono semplici consigli efficaci per uscirne:

Tenete un diario per identificare cosa vi induce a mordere le unghie, ad esempio la noia o la televisione, quindi evitate il più possibile quelle situazioni
Avvolgete la punta delle dita con cerotti o nastro elettrico
Mantenete le unghie tagliate corte e ben curate
Mantenete le mani impegnate in altre attività, come ad esempio lavorare a maglia
Prendete in considerazione una terapia comportamentale, come la habit reversal training,5 o le tecniche di libertà emozionale (EFT)
Mettete una sostanza dal sapore sgradevole sulle dita (aceto, salse o altre …)
Una dieta sana vi darà unghie sane
Se seguite una dieta equilibrata e integrante come quella descritta nel mio piano nutrizionale, probabilmente date al corpo una quantità adeguata di vitamine e di minerali necessari. Se ciò non avviene (e questo vale per la maggioranza della popolazione degli Usa), ci sono buona probabilità che al corpo manchino importanti sostanze nutritive. Non solo, questo può portare a malattie croniche, ma anche la salute delle vostre unghie (capelli e pelle inclusi) ne risentirà.

Salutari fonti di proteine molto importanti sono ad esempio le proteine del siero di latte, le uova biologiche provenienti da galline ruspanti e la carne di animali alimentati con erba (carne bovina alimentata con erba è un’ottima fonte di zinco, necessario per produrre proteine come quelle che si trovano nelle unghie). Fare scorta di antiossidanti, vitamine e minerali che si trovano nelle verdure a foglie, in bacche e altri cibi non raffinati, è molto importante e ne beneficerà anche la salute delle vostre unghie. Biotina, vitamina B7, solo per fare un esempio.

Il corpo ha bisogno di biotina per metabolizzare i grassi, i carboidrati e gli amminoacidi, ma la biotina è ben più nota per il suo ruolo nel rafforzare capelli e unghie.

Come avere unghie forti
La Biotina svolge un ruolo importante nella produzione di cheratina, di cui sono fatte le unghie. I tuorli d’uovo provenienti da uova biologiche restano una delle migliori fonti di biotina. Gli omega-3  sono molto importanti. La maggior parte degli americani mangia troppi grassi omega-6 infiammatori (pensate agli oli di semi) e pochi omega-3 anti-infiammatori, ciò può portare a vari problemi di salute come depressione, malattie cardiache, artrite reumatoide e diabete, solo per citarne alcuni. L’infiammazione può interferire con lo sviluppo delle unghie.

Il rapporto ideale di omega-3 e omega-6 è di 1: 1, ma la tipica dieta occidentale è tra 1:20 e 1:50. Unghie fragili e che si spezzano sono un tipico segnale che il rapporto omega-3 e omega-6 è sbilanciato. Provate ad eliminare gli oli di semi e mangiate più omega 3 come semi di chia, semi di lino, olio di krill, olio di fegato di merluzzo, sardine o acciughe.

 

https://www.dionidream.com/unghie-salute-10-sintomi-tipi/

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

http://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

http://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

Scienziati scoprono che il digiuno attiva le cellule staminali nel rigenerare il nostro corpo

Uno studio pubblicato su  Cell Stem Cell mostra che cicli di digiuno prolungato non solo proteggono contro i danni al sistema immunitario, un importante effetto collaterale della chemioterapia, ma inducono la rigenerazione del sistema immunitario, spostando le cellule staminali da uno stato inattivo a uno stato di auto-mantenimento.

I risultati di esperimenti sui topi e un test clinico umano di fase 1, hanno dimostrato che lunghi periodi di digiuno abbassano significativamente i livelli di globuli bianchi. Nei topi, il digiuno ha cambiato le vie di segnalazione delle cellule staminali ematopoietiche, un gruppo di cellule staminali che generano sangue. I ricercatori californiani confermano dunque che il digiuno innesca un meccanismo o uno switch rigenerativo che spinge le staminali a creare nuovissime cellule del sangue, nuovissimi globuli bianchi in particolare, essenziali per ripristinare l’intero sistema immunitario, promuovere la rigenerazione di cellule staminali del sistema ematopoietico.

La scoperta potrebbe essere particolarmente utile per le persone che soffrono di sistemi immunitari danneggiati, come i malati di cancro in chemioterapia. Si potrebbero anche aiutare gli anziani il cui sistema immunitario diventa meno efficace con l’avanzare dell’età, rendendo più difficile per loro combattere anche le malattie più comuni. Lo studio ha importanti implicazioni per quanto riguarda l’invecchiamento, in cui il declino del sistema immunitario contribuisce ad un aumento della suscettibilità alle malattie come per le persone  in età avanzata. Prolungati cicli di digiuno –  periodi di astensione dal cibo dai due a quattro giorni alla volta nel corso di sei mesi – uccidono le cellule immunitarie più vecchie e danneggiate generando così nuove cellule. La ricerca ha anche dimostrato implicazioni nella tolleranza alla chemioterapia per persone con un vasta gamma di carenze del sistema immunitario, tra cui disturbi causati dalle malattie autoimmuni, il corpo induce le cellule staminali a produrre nuove cellule immunitarie (globuli bianchi) capaci di combattere efficacemente ogni eventuale infiammazione del corpo.

“Non potevamo prevedere che il digiuno prolungato avesse un effetto così notevole nel promuovere la rigenerazione delle cellule staminali a base del sistema ematopoietico,” ha affermato Edna M. Jones docente di Gerontologia e le scienze biologiche alla USC School Davis Gerontologia e direttore del USC Longevity Institute .

 
“Quando viene privato del cibo, il sistema tenta di risparmiare energia, e una delle cose che può fare per risparmiare energia è quello di riciclare un sacco di cellule immunitarie che non sono necessarie, in particolare quelle che possono essere danneggiate”, afferma il Prof. Valter Longo lo scienziato italiano che è tra i maggiori esperti mondiali sul digiuno. “Ciò che abbiamo notato sia nel nostro lavoro sugli animali che su umani è che il numero di globuli bianchi scende con il digiuno prolungato. Poi, quando si riprende ad alimentarsi, le cellule del sangue tornano.”
Cicli di digiuno
Il digiuno prolungato costringe il corpo a utilizzare depositi di glucosio, grassi e chetoni, ma attinge anche ad una parte significativa di globuli bianchi.

Durante ogni ciclo di digiuno, questa diminuzione di cellule bianche del sangue induce cambiamenti che attivano la rigenerazione delle cellule staminali tramite nuove cellule del sistema immunitario. In particolare, il digiuno prolungato riduce l’enzima PKA, che precedentemente l’équipe di Longo ha scoperto che ciò estende la longevità negli organismi semplici e che è stato collegato in altre ricerche alla regolazione dell’auto rinnovamento delle staminali e alla pluripotenza (auto-rinnovamento delle cellule) – ossia il potenziale di una cellula di svilupparsi in altri tipi di cellula. Il digiuno prolungato, inoltre abbassa i livelli del IGF-1, un ormone collegato a invecchiamento, progressione dei tumori e rischio di cancro. Infatti per questo è fortemente sconsigliato ai malati di cancro di assumere latticini che invece stimolano l’IGF-1, come ha fatto notare il Dr. Berrino nell’articolo Raccomando a chi ha un tumore di NON bere latte di mucca.

 
“Spegnere il gene PKA è il passo chiave che induce le cellule staminali alla rigenerazione. E’ come dare l’ok alle cellule staminali per andare avanti e iniziare a prolifere per ricostruire l’intero sistema.”dice il Prof. Longo.

”E la buona notizia”, aggiunge, ”è che il corpo si libera anche delle parti del sistema che potrebbero essere danneggiate o vecchie e delle parti inefficienti, durante il digiuno. Se si ha un sistema fortemente danneggiato da chemioterapia o invecchiamento, i cicli di digiuno possono generare, letteralmente, un nuovo sistema immunitario“.

 
In uno studio clinico che ha coinvolto un piccolo gruppo di pazienti affetti da cancro, il team ha anche scoperto che il digiuno per tre giorni, prima di ricevere la chemioterapia, li proteggeva dai suoi effetti tossici.

Se da una parte la chemioterapia può essere utile in alcuni casi, dall’altra provoca anche danni significativi al sistema immunitario e il team spera che i loro risultati possano dimostrare che il digiuno può aiutare a minimizzare alcuni di questi danni. Questo è ciò che afferma Tanya Dorff, assistente di medicina clinica presso l’USC Norris Comprehensive Cancer Center. “Sono necessari ulteriori studi clinici, e qualsiasi intervento dietetico deve essere effettuato esclusivamente sotto la guida di un medico.”

Il Prof. Longo sta ora studiando se questi stessi effetti di rigenerazione funzionano con altri sistemi e organi oltre che con il sistema immunitario. Il suo laboratorio ha già in programma ulteriori studi su animali e studi clinici.

Lo studio è stato sostenuto dal National Institute of Aging parte del National Institutes of Health (numeri di sovvenzione AG20642, AG025135, P01AG34906). La sperimentazione clinica è stato sostenuta dalla V Foundation e dal National Cancer Institute of the National Institutes of Health (P30CA014089).

Chia Wei-Cheng di USC Davis è stato il primo autore dello studio. Gregor Adams, Xiaoying Zhou e Ben Lam del Eli e Edythe Broad Centro di Medicina Rigenerativa e ricerca sulle cellule staminali a USC; Laura Perin e Stefano Da Sacco dell’Istituto Saban Research all’ospedale dei bambini di Los Angeles; Min Wei di USC Davis; Mario Mirisola dell’Università degli Studi di Palermo; Dorff e David Quinn della Keck School of Medicine della USC; e John Kopchick della Ohio University sono stati co-autori dello studio.

https://www.dionidream.com/digiuno-cellule-staminali/

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

http://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

http://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

La scoperta del premio Nobel Linus Pauling e del Dr. Rath sulle vere cause delle malattie cardiache

Linus Pauling, chimico e vincitore del Nobel per la chimica, sosteneva che le sostanze specifiche inibitrici della Lp (a), assunte per via orale impediscono la formazione della placca nelle arterie e possono anche sciogliere quelle già esistenti. Questo lavoro si basa su almeno 2 premi Nobel per la medicina e gli sforzi di innumerevoli ricercatori medici. La teoria e le conclusioni offerte rappresentano il contributo finale di una gigante ricerca scientifica americana. Il fatto che non avete sentito parlare di questa scoperta nei media principali è inquietante. E la dice lunga su come gli interessi delle big pharma possono in qualche modo sopprimere informazioni vitali che sarebbero dannose per i loro interessi finanziari. Nel 1989, l’eminente scienziato americano Linus Pauling e il suo socio, il medico Matthias Rath, fecero un’importante scoperta.

Pauling e Rath hanno trovato la ragione per cui gli esseri umani soffrono di malattie cardiache
Poi, nel 1991, Linus Pauling ha inventato una cura non soggetta a prescrizione. Il due volte premio Nobel, chimico e ricercatore vincente sostiene che la malattia cardiaca può essere controllata, anche guarita, da una specifica terapia “mega-nutriente”. I malati di cuore con la terapia di routine di Pauling potevano evitare l’intervento chirurgico a cuore aperto detto angioplastica. Non abbassa il colesterolo, come i media vorrebbero farci credere, ma attacca la causa principale. Un recupero rapido è stata la regola, non l’eccezione. Stranamente, non ci sono effetti collaterali negativi, ma la professione medica ignora Pauling e Rath.

L’arteriosclerosi è un deposito di placche. Questo importante risultato ha portato al premio Nobel nel 1985 Brown-Goldstein per la medicina. La confusione nei media è stata quella di invertire l’effetto con la causa. Ovvero l’errore è stato nel considerare il colesterolo come la causa delle malattia cardiache, ma l’accumulo di placca è invece solo l’effetto della malattia. G. C. Willis, MD, ha fatto l’osservazione cruciale nei primi anni ’50. Questo medico canadese, ha notato che le placche aterosclerotiche nei suoi pazienti si formano negli stessi punti. Di solito vicino al cuore, dove i vasi sanguigni sono allungati e piegati. Willis è stato il primo a coinvolgere le alte pressioni di sangue e lo stress meccanico causato dal battito cardiaco. La teoria di Pauling e Rath si basa su questa osservazione, che la placca non si forma casualmente nel flusso sanguigno. Di conseguenza, è improbabile che la causa primaria delle lesioni che portano a malattie cardiache siano i “veleni” circolanti nel sangue.

Quali sono le cause delle fratture da stress nelle pareti dei vasi sanguigni, che portano alle malattie cardiache?
La teoria unificata Pauling / Rath  accusa la mancanza di una specifica proteina causata da una carenza di vitamina specifica. Immaginate un tubo da giardino continuamente calpestato 70-80 volte al minuto. Un destino simile alle arterie coronarie che alimentano il cuore. Come il tubo da giardino, le arterie perdono la loro forza e stabilità nel tempo. Secondo Pauling, solo dopo crepe o fratture da stress compaiono le placche aterosclerotiche che portano alla malattia coronarica.

 
 

La proteina che previene le malattie cardiache
La lipoproteina (a)  o Lp (a) è una variante del cosiddetto colesterolo “cattivo” LDL. Lp (a) è una sostanza “appiccicosa” nel sangue che Pauling e Rath ritengono inizi il processo di formazione di placche aterosclerotiche nelle malattie cardiache. Nel 1985 il Premio Nobel per la medicina è stato assegnato per la scoperta dei siti di legame del colesterolo. Si può pensare a un recettore chimico come una serratura semplice e una chiave. Una sola chiave (ad esempio la lisina) si adatta alla serratura (recettore sulla molecola Lp (a).) Ci possono essere molteplici recettori presenti sulla molecola, ma una volta che sono tutti riempiti con le chiavi (la lisina o prolina) la Lp (a)  perde la sua capacità di legarsi con altre sostanze. Quando tutte le serrature della la Lp (a) hanno una chiave, non sarà più in grado di creare la placca. Una volta che Linus Pauling ha appreso che la Lp (a) ha recettori per la lisina, ha saputo contrastare il processo di aterosclerosi chimicamente. La sua invenzione, la terapia Pauling, è quella di aumentare la concentrazione di questo acido essenziale e non tossico nel siero del sangue. Integratori di lisina e prolina ne aumentano la concentrazione. Maggiore è la concentrazione di lisina libera (e prolina) nel sangue,  più è probabile che molecole di Lp (a) si leghino ad essa piuttosto che al colesterolo,  e si appiccichi alle pareti arteriose.

Secondo Pauling, un’elevata concentrazione di lisina libera può distruggere le placche esistenti. Se non si assume abbastanza vitamina C per la produzione di collagene, i vasi sanguigni si infossano verso il basso, quindi la Lp (a) della placca è di grande beneficio. È sufficiente rimuovere la placca senza ripristinare la vena o l’arteria, è come strappare una crosta da una ferita. Il corpo ha bisogno di vitamina C in modo che le vene e le arterie possano guarire. L’aterosclerosi è un processo di guarigione. Come una crosta,le placche si formano dopo una lesione alla parete dei vasi sanguigni. Questi inibitori di legame (vitamina C / lisina) sono completamente atossici. Sono anche gli elementi di base del collagene. La teoria unificata accusa la scarsa produzione di collagene nelle malattie cardiache. Pertanto, la terapia Pauling non solo scioglie la placca, ma attacca la causa principale stimolando la produzione di collagene nel corpo.

 
Con abbastanza collagene, le arterie rimangono forti
La teoria Pauling e Rath postula che la causa principale dei depositi di placca aterosclerotica è dovuta a una carenza cronica di vitamina C che limita il collagene nel corpo. Molte ricerche sperimentali sostengono questa teoria. Accurati studi sugli animali che non producono in modo endogeno la vitamina C, dimostrano che quando l’assunzione di questa vitamina è bassa, la produzione di collagene è limitata, e i vasi sanguigni tendono a diventare più sottili e più deboli. I depositi di placca si formano per compensare questa debolezza. Tali animali sono rari. I grandi studi sulla popolazione supportano anche l’idea che l’assunzione di vitamina C abbassa l’incidenza di malattie cardiovascolari e abbassa i tassi di mortalità.

Le malattie cardiache sono scorbuto- croniche
Senza placche, i vasi sanguigni indeboliti si romperebbero o ci sarebbero delle perdite di sangue che causerebbero una morte lenta da emorragia interna. Una versione più lenta dello scorbuto, malattia a lungo temuta dagli antichi marinai. Lo scorbuto acuto può essere prevenuto con una semplice integrazione di 10 mg di vitamina C al giorno. Questo processo di per sé uccide raramente le persone, ma la placca che fodera le arterie rende più probabile un attacco di cuore causato da un coagulo di sangue che blocca la circolazione. E ‘attualmente sconosciuta la quantità di vitamina C che previene le placche aterosclerotiche da scorbuto cronico, ma Linus Pauling spesso raccomanda 3000 mg. Per molti anni, il colesterolo LDL ordinario è stato incolpato perché suoi livelli elevati sono stati correlati con la malattia del cuore. Altri scienziati hanno correlato elevati di omocisteina e colesterolo ossidato. Anche in questo caso, la confusione è causa ed effetto. Se il colesterolo provoca crepe o lesioni, la placca deve essere distribuita in modo più casuale in tutto il flusso sanguigno. Secondo la teoria unificata Pauling / Rath, sia omocisteina elevata e sia il colesterolo ossidato sono i sintomi di scorbuto.

 
Finalmente la medicina tradizionale si mette al passo con Pauling?
Il team di ricerca tedesco del Dr. Rath ha esaminato la placca delle aorte umane (vasi sanguigni vicino al cuore) post mortem. Ha scoperto che le placche aterosclerotiche sono composte principalmente da Lp (a) e colesterolo LDL. La scienza medica tradizionale ha riconosciuto dal 1989 che la Lp (a) si lega al colesterolo LDL per formare la placca. Il Dr. Rath, si rese conto che la Lp (a) è stata collegata in qualche modo con la vitamina C e si è unito al Linus Pauling Institute of Science and Medicine. Insieme, Pauling e Rath hanno sviluppato la loro teoria unificata che sostiene che un aumento di Lp (a) agisce come un surrogato per bassi livelli di vitamina C e  indurisce i vasi sanguigni deboli. I loro esperimenti per testare la loro teoria hanno dimostrato che l’assunzione di bassi livelli di vitamina C aumenta i livelli ematici di Lp (a) in animali di laboratorio, rispetto al controllo. Un risultato importante è che questa Lp (a) appiccicosa è stata trovata solo in pochissime specie animali che non producono la propria vitamina C, compresi gli esseri umani. La maggior parte degli animali producono la vitamina C nel fegato o reni in grandi quantità (da 9.000 mg a 12.000 mg adattata al peso corporeo) e non hanno Lp (a) nel sangue, e raramente soffrono di malattie cardiovascolari. Noi esseri umani siamo quasi gli unici sulla Terra che dobbiamo ottenere la nostra vitamina C del tutto dalla dieta.

La scienza ha conosciuto per quasi due decenni che il danno alle pareti dei vasi sanguigni (o lesioni) sono una condizione necessaria per la formazione di placche aterosclerotiche negli  esseri umani. Le teorie più popolari sul motivo per cui si verificano queste lesioni sono:

Colesterolo ossidato nel sangue
Elevati livelli di omocisteina e ossidati nel sangue
Queste teorie in competizione devono essere in grado di spiegare perché le malattie cardiovascolari occlusive non si verificano negli animali, e perché l’infarto del nell’uomo solito si verifica nelle arterie in posizioni in cui è presente stress meccanico (pressione sanguigna, flessione arteriosa stretching, ecc), piuttosto che distribuito in modo più casuale in tutto il corpo. Queste due osservazioni sono i cardini della teoria della vitamina C e lisina. Inoltre, i primi risultati dei medici canadesi Patterson e Willis non devono essere dimenticati. La loro ricerca ha indicato che i livelli di acido ascorbico nel tessuto arterioso sono molto più bassi nei pazienti con malattie del cuore rispetto ai controlli, e che l’integrazione di vitamina C  potrebbe ridurre i depositi arteriosi. Questo lavoro pionieristico sarebbe dovuto essere immediatamente seguito.

https://www.dionidream.com/pauling-rath-malattie-cardiache/

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

http://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

http://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

NETTUNO: ILPIANETA DELLA PROFONDITA' INTERIORE

NETTUNO: Trattandosi del segno della rinascita, E indicano il buon sviluppo e l’uso futuro della forma, nonché lo sviluppo della sensibilità psichica, sia inferiore che superiore. Sono conseguimenti importanti per l’anima che ha deciso di incarnarsi. La costruzione di forme adatte, il loro uso e controllo sono essenziali se si vuole cooperare con precisione e saggezza al Piano di Dio

Nettuno e’ il pianeta dell’INTUIZIONE e della capacita’ di DISTACCO

In Nettuno c’è il misticismo e quell’amore incondizionato che esula dal giudizio e da ogni volontà di ricompensa

Dal giorno 13 giugno 2017 parte la fase buia della nona onda.  La fase buia è quella che ci obbliga ad immergerci nella nostra parte ombra per portare a galla le nostre paure e i traumi che ancora non sono stati superati.  A questo guarda caso si aggiunge la retrogradazione di Nettuno che ci spinge ad entrare nelle nostre profondità.

Non pensiate necessariamente che questo sia un male, ne che debbano accadere cose nefaste, è la mente buonista positivista con la quale ci hanno cresciuto che ci ha abituato a pensare che gli accadimenti positivi siano buoni e quelli negativi non lo siano.

Pensate invece a quante volte vi siete tolti da una situazione dannosa perché non stavate bene si aggiungeva un accadimento negativo che ci ha fornito “la scusa” per andarcene.

Oppure quando di fronte ad un conflitto dalla quale tendavamo a scappare un malessere o un accadimento ci ha obbligato ad affrontarlo.

Noi non siamo venuti al mondo completi, siamo venuti a trasformare delle parti di noi e a trovarne altre, queste parti di noi le troviamo attraverso le relazioni, i conflitti e la nostra modalità di reazione ai grandi accadimenti. Dopo aver trovato e trasformato noi possiamo pensare alla nostra autorealizzazione.

Questo folle Mondo ci ha convinto che l’autorealizzazione è l’unica cosa importante, portando la competizione e la voglia di emergere ad una fase esasperante. In realtà le nostre relazioni sono la scuola che ci fa trovare noi stessi: in primo luogo le primarie (genitori fratelli) finchè non troviamo la modalità per vivere bene la nostra naturale conflittualità o dipendenza da loro non sapremo chi siamo.

Le relazioni d’amore: sono il primo strumento di crescita, io dico che sono solo per coraggiosi, perché l’amore per l’altro fa crescere come nessuna relazione, ma allo stesso tempo mette in crisi come nessun’altra relazione. (infatti adesso per non entrare mai in profondità con noi stessi NON SI ENTRA IN PROFONDITA CON LA RELAZIONE!)

La relazione con i figli: se guardate veramente i vostri figli vedrete che specchio sono! Basta biasimare loro, guardate voi stessi!Le relazioni con gli amici: subdola relazione che cela paure, insicurezza e vigliaccheria o può portare a galla l’aspetto più bello dell’essere umano: l’amore disinteressato.  Infine la relazione con colleghi e vicini di casa: la vostra capacità di adattamento al Mondo e alla Vita si misurerà con la qualità delle relazioni che instaurate in questi ambiti…

Allora vi invito a usare questi giorni di buio prima del 23 giugno per fare il punto della situazione sulle vostre relazioni e su cosa realmente volete fare con voi stessi. Siete venuti a fare riempimento e lasciare che la vita scorra sopra le vostre teste senza mai rendervi conto cosa REALMENTE siete venuti ad imparare oppure vi decidete a prendere in mano le redini della vostra Vita e cominciate a non scusarvi più, a non usare i sensi di colpa o altro per giustificare le vostre non riuscite. Usate l’energia del 23 giugno per porvi l’obiettivo di quali relazioni volete trasformare e cominciate ad agire.  Vi auguro di usare al meglio la splendida opportunità che ci offre il buio!

DIONIDREAM. It

+

La scoperta di Nettuno, ottavo pianeta del sistema solare, avvenne nel 1846 dopo anni di ricerche mirate sulle irregolarità del moto orbitale di Urano.
Furono due matematici, l’inglese Johm Adams e il francese Urbain Le Verrier, che individuarono, con dei complessi calcoli, la possibile esistenza di un altro pianeta.
A settembre del 1846 i loro elaborati furono inviati all’osservatorio di Berlino e il giorno 23 di quello stesso mese l’astronomo Johan Galle notò la presenza di un astro brillante in un punto del cielo non ancora esplorato ed Heinrich D’Arrest, dall’osservatorio di Berlino confermò tale scoperta. Poco dopo William Lassel individuò il primo dei satelliti del pianeta: Tritone.  La sua distanza dal Sole è approssimativamente di 4.495 milioni di km.  Si sa poco della sua composizione ed è invisibile a occhio nudo. Al telescopio appare bianco tendente al celeste-verdino. È stato raggiunto da una sonda, il Voyager 2, che nel 1989 inviò sulla Terra le sue prime immagini, rivelando che è il pianeta più ventoso del sistema solare, ha cinque anelli e sei lune alle quali sono stati dati nomi di deità che hanno attinenze con Nettuno, dio del mare.
Come dimensioni e struttura è simile a Urano: è un miscuglio di ghiacci, acqua, ammoniaca e metano. Nella parte centrale c’è un piccolo nucleo di roccia e, forse, ghiaccio.


NETTUNO NEL MITO
Nettuno ha più di un mito di riferimento: è Dioniso, il dio dell'estasi, oppure è Orfeo, il musicista e poeta ma è più conosciuto come Poseidone, figlio di Cronos, quella divinità greca che divorava i figli per evitare (come diceva una profezia) di esser da loro detronizzato. Suo fratello era Zeus (per i romani Giove), che una volta liberatosi, insieme agli altri fratelli, dal loro padre, divise con essi il dominio dei suoi regni. Zeus ebbe il dominio sul cielo e su tutte le terre, Ades (Plutone) fu il re dell'oscuro mondo sotterraneo e del regno dei morti, Poseidone (Nettuno) fu signore delle acque e del mare.
Si narra che vivesse in un grande palazzo sottomarino al largo di Egea in Eubea. Viaggiava su un cocchio d'oro trainato da cavalli bianchi dalla criniera d'oro. Come scorta aveva le creature degli abissi.
Il suo simbolo era il tridente e in astrologia il suo glifo è proprio a forma di tridente.. Usava il suo tridente per causare dei sommovimenti nelle acque e nella terra. Con un sol colpo della sua arma faceva sprofondare intere isole o provocava maremoti e terremoti. Usato per il bene questo suo tridente riusciva a far scaturire l'acqua dalle rocce.
Tra le creature marine a lui più vicine ci sono gli ippocampi e i delfini.

COSA RAPPRESENTA NEL TEMA NATALE
Nettuno è il pianeta che, agendo dall’interno, ci aiuta a sgretolare quelle barriere che ci dividono dagli altri. E’ il pianeta della metamorfosi, ossia di quella capacità di trasformazione ed evoluzione che accompagna il percorso dell’essere umano.
Nel tema di nascita non rappresenta persone fisiche ma si riferisce a quella possibilità insita in ciascuno di noi, di varcare la soglia del visibile e creare una connessione con il mondo attorno a noi e con le nostre qualità superiori.
E’ il pianeta della grande compassione, dell’intuizione e del senso artistico. E’ l’ottava superiore di Venere ed è legato, quindi, ai sentimenti, ma il suo tipo di amore è meno carnale perché si riferisce a un senso di fusione, compartecipazione, empatia, dono di sé.
Governa, insieme a Giove, il segno dei Pesci e quello del Sagittario. Con lui condivide un ideale spirituale, una volontà di trascendenza.
In Nettuno c’è il misticismo e quell’amore incondizionato che esula dal giudizio e da ogni volontà di ricompensa. Un amore che può riguardare non solo una persona ma anche un’idea, una causa, un’entità religiosa o una fede. Lui insegna a dare senza aspettarsi nulla in cambio.
Sotto la sua influenza si perde il senso dell’io e si trova una connessione con quella parte d’infinito alla quale aspiriamo. Dalla casa in cui si trova, nel tema di nascita, descrive come e dove desideriamo mescolarci e dissolverci in qualcosa di più grande rispetto a noi.
Il senso del sacrificio scaturisce da un’influenza positiva o negativa di questo pianeta. E’ negativa quando diventa negazione di sé o materia di scambio per ottenere amore e considerazione.

NETTUNO NELLA VITA PRATICA
E’ vaga l’influenza di Nettuno nella vita pratica, ciò non toglie che, a modo suo, riesce a farsi sentire.
E’ legato ai sogni e alla fantasia, ai viaggi, alle dipendenze. In quest’ultima categoria non dobbiamo considerare soltanto la droga o l’alcol ma anche tutti gli altri tipi di vincoli che portano a una forma di schiavitù.
E’ il pianeta degli artisti e di tutto ciò che riguarda l’arte (teatro e cinema compresi). Nel tema natale delle persone con un talento artistico c’è sempre una posizione importante di questo pianeta. Lui governa tutto ciò che è fisicamente invisibile o intangibile.
Il mare è, naturalmente, sotto la sua protezione, come pure gli ospedali e i luoghi di culto.. Nella natura protegge le piante che vivono nell'acqua o vicino ad essa e la fauna marina.
Tra le qualità a lui connesse citiamo: trascendenza, redenzione, resa, incantamento, fascino, desiderio struggente, disillusione, confusione, tendenza alla fuga….VISIONE, capacita’ di canalizzare altre ENTITA’ BENEFICHE.


NETTUNO NELLA SALUTE
La ghiandola governata da Nettuno è l’epifisi. Nel corpo è di sua competenza il citoplasma, i leucociti,  il liquido amniotico e il sistema linfatico. Le malattie infettive e i virus sconosciuti sono direttamente a lui associati, così come le allergie, l’alcolismo e la tossicodipendenza. Ci sono poi le intossicazioni da veleni, problemi con l’anestesia, le intossicazioni. Inoltre ha un’attinenza con gli incidenti in mare o a causa dell’acqua.

Il suo elemento di appartenenza è l’acqua.
Il chakra sul quale ha il dominio è il sesto: quello che riguarda l’intuizione e il pensiero elevato.
Il suo colore è l’indaco e il blu violetto. Le sue pietre sono: fluorite, giada, ametista, sugilite. 
Nell’aromaterapia i profumi a questo pianeta associati sono: mirra, rosmarino, ginepro, elicrisio.

Fonte : Maria Santucci

*

NETTUNO E’ IL PIANETA DELL’INTUIZIONE E DELLA CAPACITA’ DI DISTACCO:

 

L’intuizione non è un afflusso d’amore verso gli altri e quindi di comprensione del prossimo. Gran parte di ciò che viene detto intuizione non è che il riconoscimento di affinità e la proprietà di una mente chiara e analitica. Uomini intelligenti che abbiano vissuto a lungo, dotati di molta esperienza e di molti contatti umani, in genere riescono a discernere i problemi e le disposizioni altrui, purché vi siano interessati, ma questa facoltà non si deve confondere con l’intuizione.

Essa non ha nulla a che fare con lo psichismo, superiore o inferiore; avere una visione, udire la Voce del Silenzio, reagire compiaciuti ad un insegnamento, non provano che l’intuizione sia attiva. Né basta vedere dei simboli, poiché questo tipo di percezione è la capacità di intonarsi con la Mente Universale là dove essa produce i modelli delle forme su cui sono basati i corpi eterici. Non è psicologia intelligente, né amorevole desiderio di porgere aiuto, che derivano dal rapporto fra una personalità spiritualmente orientata e l’anima, che ha coscienza di gruppo.

Intuizione è la comprensione sintetica che è prerogativa dell’Anima e questa si manifesta solo quando, dal proprio livello, si protende in due direzioni: verso la Monade e verso la personalità integrata e che sia (anche solo temporaneamente) coordinata e unificata. È il primo indizio d’unione profondamente soggettiva che troverà il proprio compimento alla terza iniziazione.

Intuizione è afferrare il principio di universalità e, quando è attiva, il senso di separazione scompare, almeno temporaneamente. Nella sua espressione più elevata è nota come Amore universale, che non ha alcun nesso con il sentimento o la reazione affettiva, ma è prevalentemente identificazione con tutti gli esseri. Si prova allora la vera Compassione, diviene impossibile criticare e solo allora si può scorgere il germe divino, latente in tutte le forme. L’intuizione è la luce stessa e quando è ridesta il mondo è visto come luce e il corpo di luce di tutte le forme si fa gradatamente visibile. Ciò comporta la facoltà di entrare in contatto con il seme di luce esistente in ogni forma; si stabilisce così un rapporto essenziale e il senso di superiorità e di separazione recede. Perciò l’intuizione introduce con il suo apparire tre qualità: Illuminazione, Comprensione, Amore.

Un accenno su cosa sia la rinuncia o il distacco

La vera rinuncia, non è l’abbandono del mondo, ma soltanto quella rivolta all’attaccamento e all’avversione. Si può vivere come degli eremiti, in solitudine e povertà, ma continuare a provare attaccamento e avversione. La rinuncia è una questione interiore, un riorientamento di tutta la personalità affinché si allinei alla volontà e all’Amore dell’Essere.

Per cercare la verità occorre rinunciare al mondo, ma questo non è da intendersi con l’abbandono. Il raggiungimento dell’illuminazione non prescinde o vieta l’essere sposati, l’avere un lavoro o vivere nel benessere materiale. Rinunciare, non vuol dire andare a vivere in una grotta e in isolamento. La rinuncia è nei frutti dell’azione ovvero all’attaccamento o avversione che si genera. Il rinunciante detto anche Sannyasin non è colui che abbandona gli affari, la famiglia e il mondo, ma chi riesce ad allineare la personalità alla Volontà e all’Amore dell’anima, trasformandola nel suo strumento di espressione nei tre mondi.

La materia è sempre un espressione, seppur rivestita di veli dello Spirito; come tale essa va elevata al cielo non ripudiata, va perfezionata non scartata: “La pietra scartata dai costruttori è divenuta testata d’angolo”. I frutti dell’albero sono nella parte più alta, ma l’albero esiste grazie alle radici che prendono nutrimento dalla terra. Le radici sono importanti quanto i rami, seppur sono questi ultimi che danno il frutto della Saggezza e il fiore dei poteri dell’anima.

Sannyasin, è colui il quale riesce a vivere nel mondo pur non essendo attaccato a esso. Ha compreso il potere del desiderio, il valore del distacco e l’abilità di camminare fra le paia degli opposti. Ogni sensazione piacevole sviluppata nel cervello, in assenza del discernimento spirituale, porta a sviluppare l’attaccamento. Questo è il desiderio mal indirizzato. Nel caso opposto prende il nome di avversione, odio, repressione, critica e invidia. Ma in entrambi i casi quando il desiderio diviene inappagato si trasforma in collera. Rabbia e odio sono solo una repressione all’Amore non un energia uguale e contraria. Il punto più distante dal quel centro da cui hanno comunque origine. Inducono a chiudere il cuore, dell’uomo come farebbe un riccio per difesa. Ma in realtà la persona che dà sfogo all’ira nasconde e invoca silenziosamente solo il bisogno d’amore.

L’attaccamento e l’avversione, che si generano dalla maya, dall’annebbiamento astrale e dall’illusione mentale, sono il match decisivo della partita della realizzazione. Non si riferiscono solo al piano fisico, dove è facile discernere sulla scelta da compiere. Man mano che si progredisce, il Sannyasin gioca la sua partita sui piani più sottili.

La rinuncia all’attaccamento è anche per le visioni che si sviluppano nella meditazione, nei fenomeni occulti e psichici, nella medianità, nel channeling e nella magia; nell’amore per un maestro (per la sua personalità), nel nirvana e perfino per l’Anima stessa qualora esista ancora una visione dualistica e separativa tra se stesso, gli altri esseri viventi nei quattro regni della natura e lo Spirito.

 

La rinuncia vale anche per l’abbandono dei legami con gli altri sé personali. L’Anima deve imparare a conoscere e incontrare gli altri soltanto sul piano dell’anima. È una dura lezione per molti, anche per i più progrediti. Anche se si è giunti a un notevole distacco personale perché trasceso il non-sé, ancora però non si è riusciti a trascendere l’amore per la personalità della famiglia, dei figli e degli amici. Questa è un’altra prigione che provoca attaccamento e dolore.

Partire dal punto di vista dell’anima, vuol dire operare da quel punto in ogni situazione e aspetto della vita, ma soprattutto essere in contatto con le anime delle altre persone e non con i loro aspetti inferiori. Così come noi attraverso la nostra esperienza, siamo arrivati all’attuale condizione e consapevolezza solo dopo essere morti e nati tanti volte, solo dopo lunghe sofferenze, e dolore, dopo aver calcato il sentiero in solitudine, sbattuto la testa tante volte per imparare determinate lezioni utili, così anche gli altri stanno percorrendo lo stesso medesimo percorso. Proprio per questo dobbiamo capire che l’Anima in realtà non soffre e non muore; l’Anima è onnisciente nel suo piano; è solo la personalità immersa nell’illusione e nell’ignoranza della dualità a soffrire, ammalarsi e morire. È solo la personalità che si dispera, prova odio, rabbia e risentimento, non l’anima. Stabilendo il contatto con la propria Anima e con le anime di tutti gli esseri senzienti, non resteremo mai delusi, tristi e lasceremo che gli altri compiano il proprio cammino in libertà e con i propri tempi.

La rinuncia è inoltre rivolta ai frutti del servizio. L’Anima deve servire senza badare ai risultati, ai mezzi, alle persone o alle lodi; alla fama o al potere; e anche al karma positivo che genera, altrimenti il servizio non sarebbe un’impulso dell’amore incondizionato ma guidato dall’opportunismo e sentimenta-lismo della personalità.

L’avversione invece sui piani mentali si rivela come egoismo, orgoglio, arroganza, saccenteria, critica ed assenza di consapevolezza di gruppo. Essi nascono dall’incapacità di vedere il divino in ogni forma di vita, dal senso di superiorità, da un’imposizione del proprio volere che vede giusti e veri i propri metodi e la propria interpretazione, falsi ed errati quelli altrui, da una visione limitata e rigida. Ognuno di noi fa il proprio dovere e si assume le proprie responsabilità, occorre lasciare che gli altri facciano altrettanto, senza la pressione del nostro pensiero o parole di critica. Talvolta, però, la critica oltre che per un orgoglio mentale o un’intolleranza, nasce anche da una repressione dell’invidia e quindi del desiderio. Tuttavia la critica è valida solo se richiesta o messa in moto per fini costruttrici ed educativi, e dovrebbe derivare da un intenzione distaccata e altruistica.

Questo è quanto maya offre ai suoi spettatori immersi come pesci nel mare dell’annebbiamento astrale e dell’illusione mentale, che li conduce all’annientamento della vita spirituale.

Il distacco che sviluppa il Sannyasin non è soltanto fisico ma soprattutto emotivo e mentale. Egli percorre il sentiero della vita in equanimità, senza che il suo benessere, la sua pace e serenità vengano turbati.

In tempi antichi il sannyasin lasciava la casa e gli affari e andava per il mondo, seguendo la luce, cercando il Maestro, e sempre insegnando sul suo cammino. Oggi, nella civiltà occidentale e sotto l’albeggiante influsso della Nuova Era, il richiamo è lo stesso, ma il discepolo non abbandona la famiglia e la propria utilità esterna. Resta dov’è, continuando a compiere i suoi doveri esterni e fisici, ma in lui avviene un grande cambiamento e un preciso riorientamento. Il suo atteggiamento verso la vita e gli affari è profondamente alterato. Tutta la sua vita interiore tende a divenire un sistematico ritirarsi. Attraversa lo stadio della Via cui Patanjali allude negli Yoga Sutra col termine “giusta astrazione”.

È alquanto diversa dal “distacco”, poiché quel processo o attività motivata si applica principalmente alla natura astrale-emotiva, al desiderio, qualunque siano gli attaccamenti o i desideri. Questa è invece un’attività mentale; è un atteggiamento della mente che domina tutta la vita della personalità.

Comporta non soltanto il distacco dal desiderio e da ciò che è familiare, desiderato e acquisito da lunga abitudine, ma anche un completo riadattarsi dell’intero triplice uomo inferiore al mondo dell’anima. È qui che le rette abitudini e i giusti atteggiamenti verso il mondo degli affari e le relazioni di famiglia entrano in gioco, e consentono al “sannyasin” “di continuare la via ascendente con cuore distaccato e libero”, e tuttavia farlo mentre si compie la giusta azione, mediante la giusta abitudine e il giusto desiderio, verso tutti coloro cui è legato per destino. Ora l’Anima ti chiama a questo difficile compito. È il problema principale della sua vita: rimanere libero anche se circondato; operare nel mondo soggettivo mentre è attivo in quello esteriore; conseguire il vero distacco mentre da a tutti ciò che è dovuto”.

La rinuncia del Sannyasin è quella che vede il dimorare nel centro interiore dell’essere spirituale percependo e attuando il proposito divino. Raggiunto quel nettare di beatitudine eterno la vera rinuncia, nel senso puramente letterale, la compiono solo le persone ancora attaccate al mondo dell’ignoranza e delle illusioni trascinati senza meta e senza pace dalla corrente tumultuosa del desiderio, per infrangersi poi negli scogli del dolore, della povertà spirituale, della malattia e della morte.

Bibliografia:

[1] Alice Bailey – Trattato dei Sette Raggi – Vol.III – Astrologia Esoterica – Il Libraio delle Stelle.

 

MANTRA PER PROPIZIARSI NETTUNO:

AUM RAM RAHUVE NA MA AUM

 

E’ forte il mantra cantato per 20 minuti la notte del solstizio d’estate

 

Che la profondita’ dei sentimenti che svela Nettuno ci porti il dono della consapevolezza e dell’innocenza

Che non dimentica le responsabilita’

 

Baci e abbracci e buon solstizio…..di rinnovamento

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

http://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

http://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli