SPAZIOSACRO
Tu sei qui:  / Il dono della terza lingua / La Terza Lingua: la comunicazione nel linguaggio dello Spirito. Una ipercomunicazione.

La Terza Lingua: la comunicazione nel linguaggio dello Spirito. Una ipercomunicazione.

*

LA TERZA LINGUA ® 

 La Comunicazione nel Linguaggio dello Spirito

 La Terza Lingua e’ una ipercomunicazione:

Lo Spirito ci avvicina ai nostri fratelli Umani, alle Guide ed ai Maestri Spirituali, ai Deva degli Alberi e agli Individui Cristallo attraverso il linguaggio extrasensoriale che nasce dall’apertura del chakra del cuore, dalla mente meditativa, da uno stato spirituale elevato che porta ad un contatto con il proprio SE’ superiore e riconosce il Puro Intento, l’Intuizione, la capacita’ percettiva, l’attivazione sensoriale profonda quale via per una ipercomunicazione…

*
Un gran numero di persone desiderose di sviluppare la propria percezione extrasensoriale si rivolsero ad Edgar Cayce, il famoso sensitivo. Questi replicò loro che dapprima avrebbero dovuto elevare il livello di coscienza, visto che le capacità paranormali provenivano dall’Anima. Assicurò loro che se avessero coltivato i valori spirituali, le loro facoltà psichiche sarebbero aumentate in modo naturale, secondo le loro necessità e il motivo della loro presente incarnazione. Cayce disse che durante ciò che egli definì la prossima “Era dell’Acquario avremmo raggiunto la piena coscienza della capacità di comunicare con il TUTTO” : 
una ipercomunicazione !

***

Da Nicola Tesla :

-La vita è un ritmo che dev’essere compreso. Sento il ritmo, lascio che mi diriga e lo assecondo. È molto gradevole e mi ha dato la conoscenza che ho. L’Universo è vivo in tutte le sue manifestazioni, come un animale pensante. La pietra è un essere pensante e sensibile, come le piante, le bestie e l’uomo.  Una stella che brilla chiede di essere vista e se non fossimo così immedesimati in noi stessi capiremmo il suo linguaggio ed il suo messaggio. Il respiro, gli occhi e le orecchie dell’uomo devono armonizzarsi con il respiro, gli occhi e l’udito dell’Universo.

-L’universo intero è in certi periodi malato di sé stesso e di noi. La sparizione di una stella e l’apparizione delle comete ci influenzano più di quello che possiamo immaginare. Le relazioni tra le creature della Terra sono ancora più forti, a causa dei nostri sentimenti e pensieri, il fiore profumerà ancora di più o cadrà nel silenzio. Dobbiamo imparare queste verità per essere guariti. Il rimedio sta nei nostri cuori ed ugualmente nel cuore dell’animale che chiamiamo Universo.

-Mi sono alimentato col mio pensiero, ho imparato a controllare le emozioni, i sogni e le visioni. Ho sempre apprezzato come ho nutrito il mio entusiasmo. In tutta la mia vita ho passato molto tempo in estasi. Quella fu la fonte della mia felicità.

-Quando un uomo diventa cosciente, la sua meta più alta dev’essere correre verso una stella cadente e tentare di catturarla. Dovrà comprendere che la sua vita gli fu data per questo e sarà salvato. Gli sarà possibile acchiappare le stelle! 

***

Parafrasando ALCUNI MAESTRI :

… vi diciamo che “non è il nostro compito quello di provare che si può avere una ipercomunicazione con i Maestri Guida o con Gli Individui Albero o con gli Individui Cristallo o con Gli Uomini attraverso la telepatia. Non abbiamo personalmente alcuna base scientifica se non quella che abbiamo studiato, nessuna prova per quello che vi diciamo se non la nostra personale esperienza e non abbiamo bisogno di avere ragione, nessuno dunque potrà affermare che abbiamo torto”.  Ci sentiamo solo di incamminarvi verso la sperimentazione individuale. Verso esperienze che abbiamo vissuto e che saranno comunque diverse per ognuno di voi.   Infatti ….Nessuno può garantire che dopo questo lungo corso potremo canalizzare, noi non prendiamo in giro nessuno, ma  le potenzialità saranno aumentate esponenzialmente alla vostra Crescita Spirituale e dunque le previsioni, a breve o a lungo termine, possono essere più che buone. Nel puro INTENTO, nel piacere di una nuova consapevolezza , è gioia essere comunque già nel “Cammino”. GRAZIE!

***

Da Yogi Harbhajan Singh :

La vostra anima è già redenta.  Ciò che voi dovreste redimere è il vostro essere superficiali, indegni, inutili, non coerenti con le vostre parole, non reali verso il vostro impegno e verso il vostro carattere. … Ora è venuto il tempo in cui dovete avere una mente meditativa per poter aspettare e vedere ciò che vi arriva. Allora la vostra mente vi dirigerà ad agire verso i giusti canali. Incontrerete le persone giuste. Il nostro futuro è adesso e la nostra presenza è la nostra purezza. Non dobbiamo purificarci: siamo puri. Noi semplicemente non dobbiamo corromperci con le distrazioni, le storie e creando romanticismi senza senso, fantasie e immaginazioni che sono zero. Noi avremo la maestria di noi stessi attraverso il nostro servizio, il nostro carattere, il nostro impegno e, cosa più importante di tutte, attraverso la nostra grazia ….Tutti i nostri 10 corpi del Raja Yoga, tutti i nostri chakra sono filtri attraverso i quali decodifichiamo la Luce e le diamo forma attraverso la parola. Noi siamo il linguaggio Divino in continua evoluzione. Noi tutti siamo o possiamo essere dei canali. La canalizzazione o meglio la riconnessione è la nostra condizione naturale di esistenza, ma ce ne siamo dimenticati. Occorre solo risvegliarla. Quello che ci serve è ritrovare la consavevolezza di poter divenire la più alta Espressione del Verbo Divino in Terra. E’ giunto il tempo non per adorare Dio, ma per fidarsi e per dimorare nel Dio all’opera . Smettete di cercare e iniziate a praticare. !

***

Dal libro “Bleep “di Artz, Chasse e Vicente :

I maestri esoterici e spirituali sanno da millenni che il nostro corpo si può programmare con il linguaggio, le parole e il pensiero. Ora questo è stato provato e spiegato scientificamente. Certamente la frequenza deve essere quella corretta e a questo si deve il fatto che non tutti hanno lo stesso risultato o possano farlo sempre con la stessa forza. La persona deve lavorare con i processi interni e la maturità per poter stabilire una comunicazione cosciente con il DNA. Gli scienziati russi hanno anche scoperto che il nostro DNA può causare modelli di perturbazione nel vuoto, producendo così “cunicoli” magnetizzati! I “piccoli buchi” sono gli equivalenti microscopici di quelli chiamati ponti Einstein-Rosen nella vicinanza dei buchi neri (lasciati da stelle consumate). Questi sono dei tunnel di connessione, fra aree completamente differenti dell’universo, attraverso i quali si può trasmettere l’informazione fuori dallo spazio e dal tempo. Il DNA attira quei frammenti di informazione e li passa alla nostra coscienza. Questo processo di ipercomunicazione è più efficace in stato di rilassamento. Lo stress, le preoccupazioni e l’intelletto iperattivo impediscono il successo dell’ipercomunicazione o ne distorcono completamente l’informazione rendendola inutile.  In Natura, l’ipercomunicazione è stata applicata con successo da milioni di anni. Il flusso di vita strutturato in “organizzazioni stato” di insetti lo prova grandemente. L’uomo moderno la conosce solo ad un livello molto più sottile come “intuizione”. Però anche noi possiamo recuperarne a pieno l’utilizzo.  Nell’uomo l’ipercomunicazione si attiva quando  la persona improvvisamente riesce ad avere accesso ad un’informazione che è fuori dalla propria base di conoscenza. A quel punto questa ipercomunicazione viene sperimentata e catalogata come un’ispirazione o intuizione: il dono della terza lingua.

***

Come dice Kryon:

“LA TERZA LINGUA E’ LA COMUNICAZIONE NEL LINGUAGGIO DELLO SPIRITO. E’ il potere del Puro Intento, Funziona con l’intuizione. Questa intuizione è il prodotto della sincronicità. E’ proprio il modo in cui Dio, “il sistema”, comunica con l’umanità. Abituiamoci al fatto che le risposte siano intuizioni, perchè quelle sono le parole del GRANDE SPIRITO, del Divino. Attraverso questa ipercomunicazione tra il proprio Sè Superiore e gli Uomini, le Entità Angeliche, le Entità Cristallo e i Deva degli Alberi, attraverso la vibrazione della parola e del Suono comparteciperemo a molte espressioni Divine.”

***

 ” Il DONO DELLA TERZA LINGUA” ®

E’ DI 8 WEEKEND E SI SVOLGE A BOLOGNA

***

Ipercomunicazione tra UMANI e INDIVIDUI CRISTALLO

  Ipercomunicazione tra UMANI E ALBERI

 Ipercomunicazione tra UMANI E UMANI

 Ipercomunicazione tra UMANI, GUIDE DELL’ANIMA E MAESTRI SPIRITUALI

***

DATE:

SI PUO’ PARTECIPARE ANCHE AD UN SOLO SEMINARIO, MA PER RAGGIUNGERE IL FINE CHE CI SIAMO PROPOSTI  OCCORRE L’INTERO PERCORSO. GRAZIE.

 Aprile 2020

Il Dono Della Terza Lingua: Ipercomunicazione tra Umani e Umani – Seminario di Reiki 1° livello:comunicazione verbale e non verbale nella cura e ampliamento della coscienza

 Aprile 2020

Il Dono Della Terza Lingua : Ipercomunicazione tra Umani e Individui Cristallo 1 di 2

Qui non parliamo di Cristalloterapia Ayurvedica come terapia,la base rimane, ma viene data piu’ rilevanza all’aspetto conoscitivo percettivo ed empatico con le Creature Cristallo

 Maggio 2020

Il Dono Della Terza Lingua: Ipercomunicazione tra Umani e Umani – Seminario di Reiki 2° livello: per espandere la consapevolezza e aumentare la percezione

 Maggio 2020

Il Dono Della Terza Lingua : Ipercomunicazone tra Umani e Alberi – Dendroterapia Energetica

 Maggio 2020

Il Dono Della Terza Lingua : Ipercomunicazione tra Umani e Individui Cristallo 2 di 2

 Giugno 2020

Il Dono Della Terza Lingua : Ipercomunicazione tra Umani e la Guida dell’Anima – l’utilizzo del Suono per attivare le esperienze psico-spirituali

 Giugno 2020

Il Dono Della Terza Lingua : Ipercomunicazione Tra Umani e Maestri Spirituali

 Ottobre 2020

Il Dono Della Terza Lingua : Energia, Spazio-Tempo, Coscienza, Spirito e Anima

***

RENDIAMO ONORE ALL”ENTOURAGE DI KRYON”  -DI 15 ANNI FA-  CHE CI HA PARLATO PER LA PRIMA VOLTA DI QUESTO DONO

*


Presentazione del PERCORSO

“IL DONO DELLA TERZA LINGUA”

Viviamo sul Pianeta della libera scelta e quindi viviamo nella dualità fino a quando essa verrà completamente superata dal cambio dimensionale, che è in atto da diversi anni e poichè molti Uomini hanno scelto l’integrità e la consapevolezza, vi sara’ un cambiamento. La dualità portava con sè le paure-seme e il ciclo delle rinascite e ci impediva di evolvere e di realizzare l’ipercomunicazione. Vi sono ora tutti i potenziali perchè questo accada ,nonostante cio’ che sta succedendo nel mondo che ci vorrebbe far credere il contrario 

 IL NOSTRO SENTIERO SPIRITUALE

Siamo grati ai Maestri ed alle Guide per questa apertura del cuore che ci porta umilmente a condividere con voi l’esperienza della nuova lingua nel linguaggio dello Spirito. Siamo grati ad alcuni scienziati che ora appoggiano questa potenzialità’ e prendiamo “in prestito” queste parole dell’Entourage di Kryon, (il 1°Kryon,quello dei primi libri, che è l’unico che ci risuona),  e da altri Maestri che ringraziamo poichè viene da loro l’ispirazione per questo PERCORSO.

dice KRYON :
Siamo sempre stati passeggeri su di una scialuppa di salvataggio sballottati nell’oceano della vita sperando che Dio scendesse ad aiutarci.Ora, in questa età dell’acquario vi è un nuovo paradigma: è giunto il momento di stare alla guida. Al posto della scialuppa di salvataggio al cui timone c’è Dio, è giunto il momento di seguire le indicazioni di Dio e poi accendere i motori e pilotare noi stessi.

In questo processo di trasformazione da passeggero a pilota c’è il CAMBIAMENTO . Il sentiero pare spesso non definito e ci si può sentire disorientati. Il conducente è il responsabile, tutto ciò che deve fare è semplicemente viaggiare. Ma per viaggiare ha bisogno di utilizzare una mappa. Dobbiamo imparare ad utilizzare la mappa che è una metafora dell’INTUIZIONE E DEL DISCERNIMENTO che ci permetteranno di guidare tranquillamente in un territorio a noi sconosciuto. Occorre qui la convinzione che contempla l’esistenza dell’ignoto. All’inizio potremo sentirci molto incerti ma poi sarà gratificante quando ci abitueremo a guidare.  La strada è vista chiaramente dal nostro partner Dio Padre/ Madre, detto anche dai Nativi GRANDE SPIRITO E GRANDE MISTERO .

La comunicazione con lui per la nostra mappa passa attraverso il discernimento e l’intuizione.  Altra cosa da fare è quella di ricordarci che ora siamo in un tempo circolare, siamo nel TEMPO DELL’ADESSO , il tempo Divino in cui tutto succede contemporaneamente; è solo il velo della dualità che ci impedisce di vederlo. Siamo in un tempo di grandi cambiamenti. Il cambiamento di questa energia della Terra è La Pura INTENZIONE perchè l’intenzione pura dell’Essere Umano nel suo libero arbitrio, seppure limitato, e quella del frammento di Dio quale lui è, invia un messaggio di cambiamento alle fibre stesse della Terra. E questo avviene per opera del PURO INTENTO.

La Terra cambia quando cambiano i suoi abitanti, quando essi si evolvono spiritualmente. Siamo transitati dall’energia dei Pesci a quella dell’Acquario. Questo attraversamento tra la vecchia e nuova Energia porta con sè un nuovo DONO: LA TERZA LINGUA.

Essa non ha nulla a che fare con tre linguaggi, è una metafora che descrive la comunicazione nel LINGUAGGIO DELLO SPIRITO. Esso passa dal RICONOSCIMENTO DI SE’ che è la chiave di ogni crescita spirituale e di ogni ascensione spirituale. Il riconoscimento della DIVINITA’ che c’è in NOI. Sapremo allora come usare gli attrezzi e rilasciare i voti della vecchia energia. Impareremo la compassione e il perdono. E ci libereremo dall’incredulità e da altre convinzioni limitanti metaprogrammando un nuovo SE’. La Terza Lingua è una comunicazione che parla d’Amore, è una consapevolezza che parte dal chakra del cuore e si espande nel capo, trasformandosi prima in amore-saggezza poi in piena conoscenza. Il Dono della Terza Lingua sviluppa nuove comprensioni ed intuizioni nella personale espressione della propria Anima.

LA TERZA LINGUA E’ LA COMUNICAZIONE NEL LINGUAGGIO DELLO SPIRITO

La TERZA LINGUA, come dice Kryon, è la lingua delle Persone che hanno aperto il chakra del cuore con Puro Intento, sviluppando la propria percezione extrasensoriale.

Dice Guru Ram Das che se poni una domanda o fai una richiesta, la risposta, se viene dal cuore, se è intuizione, arriva in “nove millesimi di secondo”.

La Terza lingua, con la sua energia a Spirale, risveglia le cellule ed il cervello umano ed interrompe la progressione lineare. Si potrà così accedere allo Spazio Sacro aprendo lo Sazio Sensibile, permettendo sensazioni ed emozioni, quelle che ci vengono da dentro di noi, da fuori o extrasensoriali.  Lasciando andare le resistenze, verranno superati i blocchi e le paure e verrà tacitamente dato il permesso di entrare in uno spazio meditativo di abbandono fiducioso al Divino che c’è in NOI.  In questo permettere, rimanendo nella mente neutra e silenziosa, l’ipercomunicazione può avere inizio, così come la Cura.

Questo Dono accade in coloro che hanno deciso, con intenzione e purezza di cuore, di entrare nella Nuova Energia con comprensione e Risveglio Spirituale. Nessun altro potra’ accedervi. Questo dono può risvegliarsi SOLO in umani di “buona volonta”.

*

NONOSTANTE I TEMPI SIANO MOLTO IMPEGNATIVI ,VOGLIAMO RIMANERE PROPOSITIVI E SPERIMENTATORI 

YOGI BHAGJAN dichiarò che l’era dei Pesci era stata una delle più funeste degli ultimi 3.000 anni ma che con l’avvento dell’età dell’Acquario le cose sarebbero cambiate radicalmente.  Egli ha lasciato questo messaggio: “In questo tempo Si svilupperà il Sistema di Percezione del Sé : un nuovo sistema in cui l’individuo troverà se stesso/a completo/a.  La comunicazione sarà travolgente. Chiunque avrà accesso alla conoscenza. Spingendo un bottone voi potete ottenere tutte le informazioni che volete. Il mondo intero sarà a vostra disposizione. L’Era dell’Acquario sarà l’Era dell’Esperienza: le persone saranno consultate e comprese.  E’ venuto il tempo dell’auto-stima. E la questione non è : “essere o non essere” ma, il motto è : “essere, essere”. “Io sono l’ Io sono”. Il tempo è venuto non per cercare Dio, ma per essere in Dio.

Il tempo è venuto non per adorare Dio, ma per fidarsi e per dimorare nel Dio all’opera, se voi non state ascoltando e profondamente sentendo, allora lo perderete. Ma se state ascoltando col cuore, allora lo coglierete. Dovete arrivare alla consapevolezza di quanto brutto e sfortunato avete reso questo pianeta e di quanto in realtà Dio lo abbia creato magnifico. Noi siamo degli autentici nemici di Dio, poiché il Dio dentro di noi è nel dolore; non c’è Dio al di fuori. Ognuno è la manifestazione di Dio e perciò non funzionerà adorare una pietra o una immagine. Ogni granello di sabbia è Dio e noi dobbiamo avere un corpo sottile e un’anima così sofisticati da poterlo vedere. In realtà voi siete un insieme di molecole viventi grazie al corpo pranico. Nulla di più, nulla di meno. Finché la psiche non si fonderà dentro di voi in equilibrio, voi non avrete consapevolezza. L’esistenza umana è una combinazione di corpo pranico ed energia psichica, che è l’universo. Quando voi raggiungerete quello stato mentale allora sarete puliti e chiari. Smettete di cercare e iniziate a praticare.

La divisione dentro di voi si dissolve e il vostro flusso diventa vasto come l’universo e a volte anche di più. Voi avete l’autentica misura di voi stessi.  Io voglio essere solo “ciò che è”. … uomo, animale, pietra, acqua, fuoco, aria luce etc… E la mia corsa è con il flusso della psiche dell’universo così come mi prende, come mi muove, come mi desidera. L’uomo smetterà di smussare gli angoli e verrà ad una reale esistenza.

E non ci vuole molto perché ciò accada. Ogni persona che pensa di essere grande può essere nulla, perché l’Era dell’Informazione è così potente, fruibile, comprensibile che nulla può funzionare. Noi non siamo in grado di ingannare nessuno, ma possiamo trattare e aiutare ognuno alla pari. Non c’è ne bello ne brutto. L’amore per l’esistenza della nostra vita e del nostro respiro necessiterà del flusso della psiche in noi, e così noi potremo essere una reale combinazione del Sé dentro il Sé.  E il Sistema di Percezione del Sé che si svilupperà automaticamente in noi sarà l’arcangelo che ci proteggerà e glorificherà. Coloro che si affanneranno correndo e desiderando, semplicemente moriranno senza aver guadagnato nulla.

Ora è venuto il tempo in cui dovete avere una mente meditativa per poter aspettare e vedere ciò che vi arriva. Allora la vostra mente vi dirigerà ad agire verso i giusti canali. Incontrerete le persone giuste. Il nostro futuro è adesso e la nostra presenza è la nostra purezza. 

 Noi avremo la maestria di noi stessi attraverso il nostro servizio, il nostro carattere, il nostro impegno e, cosa più importante di tutte, attraverso la nostra grazia. La nostra GRAZIA INDIVIDUALE è la virtù più richiesta oggi. E la nostra proiezione, che ci darà soddisfazione, completezza e esaltazione, è la nostra nobiltà. Noi agiremo nobilmente, con grazia, gentilezza e compassione. Queste sono le nostre caratteristiche essenziali. La nostra creatività . E attraverso questo sistema di percezione noi saremo traboccanti di energia, toccando il cuore delle persone, sentendo il loro sentire, e colmando il loro vuoto. Agiremo in maniera meravigliosa e il nostro flusso soddisferà la gratitudine dei cuori degli altri. Sarà un nuovo tipo di relazione. Creeremo una nuova umanità con un nuovo Sistema Sensoriale e perciò stabiliremo l’Era dell’Acquario.   Questo è il carattere fondamentale che dovete imparare dal cuore.

**************

Non vi stiamo riempendo di belle parole, oramai ci vengono in aiuto scienziati ed esperti:  da qualche anno in un viaggio entusiasmante, nei laboratori e nei centri di ricerca mondiali, si stanno realizzando alcune tra le più grandi avventure scientifiche umane, in un crescendo coinvolgente che ci porta dal mondo microscopico di fotoni ed elettroni,l’antimateria… ai misteri del DNA, del cervello e della coscienza, fino ad arrivare ai fenomeni psichici del linguaggio spirituale a quelli della coscienza collettiva.

Per gli scienziati più “avanzati”, un unico meccanismo fisico sincronico sembra unire tra loro tutti questi fenomeni, dove particelle, materia e coscienza si fondono in una sola realtà olografica, rendendo concreti e spiegabili fenomeni come la telepatia, il teletrasporto, la precognizione, la visione remota e la psicocinesi.

******************

Le 4 persone che vi accompagneranno in questa esperienza e con puro intento, sono ben consapevoli di essere solo dei facilitatori, dei catalizzatori, degli strumenti nelle mani del TUTTO.

 Allievi essi stessi della vita, della Terra e del Divino.

*

La vita ha un numero infinito di forme e il dovere degli scienziati è quello di trovarle in tutte le forme della materia. Mediante la visualizzazione risolvo mentalmente le equazioni matematiche complesse. La visione per me non è stata una malattia, bensì la capacità della mente di penetrare oltre le tre dimensioni della Terra.

(Nicola Tesla)

***

PERCORSO

“IL DONO DELLA TERZA LINGUA”

La biorelatività descrive la capacità degli esseri umani di comunicare telepaticamente con lo spirito della Terra e con le creature cristallo, animale, pianta.

***

Ipercomunicazione tra UOMINI e INDIVIDUI CRISTALLO

– Gli Individui CRISTALLO (click qui) :le intelligenze superiori del nostro pianeta

– Presentazione di alcuni Individui Cristallo

-il senso sottile dell’Empatia per “riceverli con amore nella propria aura”

-“Sintonizzarsi” sulla loro frequenza per ricevere i messaggi di cui sono portatori, poichè essi “agiscono” per Informazione, elevando le nostre vibrazioni.

Utilizziamo la parola Cristalloterapia per praticità, in realtà dovremmo parlare di Collaborazione tra noi e gli “INDIVIDUI CRISTALLO”. Le Creature CRISTALLI agiscono per “informazione”.  Sono Essi stessi l’informazione da dare poichè sono INDIVIDUI con una loro “personalità” e delle qualità potenti che sono uniche per ogni “specie”.  Possiamo quindi affermare che la Cristalloterapia non è in realtà una  terapia, ma, come dice la nostra insegnante, è un Individuo che entra nel nostro spazio vitale apportandovi vari cambiamenti e disinnescando ciò che portava allo squilibrio e alla malattia, elevando le nostre vibrazioni. Essi possono metterci in contatto con la nostra Anima  che conosce chi siamo e perche’ siamo qui….etc…

*

Ipercomunicazione tra UOMINI E CREATURE ALBERO

 GIORNATA ESPERIENZIALE CON LA DENDROTERAPIA ENERGETICA

Dendroterapia Energetica: Gli Individui Albero 

-La Dendroterapia Energetica: Esperienze e cura con le Energie degli Alberi (si tiene in un parco o in un bosco)

– Gli Alberi Maestri: antichi o secolari come custodi delle nostre memorie, come recettori delle energie cosmiche e telluriche

– Come ritrovare il proprio “luogo di potere”

– Come ritrovare il proprio “Albero di potere”

– “Dialogare” con i Deva degli Alberi

*

La Dendroterapia Energetica nasce da un’ ispirazione RICEVUTA dagli Alberi nostri Maestri e da una lunga e personale esperienza con loro. Per tanti anni 36/ 23 e quotidianamente, abbiamo frequentato “La scuola degli Alberi del Parco Talon” e ogni estate quella della “valle dei Ciclopi” a Zacinto.  Rimanendo in un ascolto consapevole e con grande apertura di cuore, ci e’ stato concesso di imparare, di vivere esperienze meravigliose, di dialogare con loro e di essere curati.

Molti scienziati parlano di intelligenza nelle cellule arboree e molti grandi ricercatori spirituali parlano di “energia spirituale” nel loro DNA: Si nota in essi la precoce comparsa della cooperazione sia a livello atomico, molecolare biologico e spirituale… c’e’ l’ipotesi che la natura persegua una sua finalita’…quella si’ di mantenere la vita sul pianeta ma collegandola alle altre dimensioni superiori ! Infatti piu’ evolve l’Uomo piu’ la Terra cambia dimensione Spirituale! 

Camminiamo spiritualmente con loro per cambiare. Per aiutare Madre Terra e tutte le sue indifese creature

Lasciando aperto lo spazio dell’accoglienza, usando il DISCERNIMENTO e il PURO INTENTO, Noi diveniamo canali, attori consapevoli, TESTIMONI integri. QUELL’INTEGRITA’ che non verrà intaccata dal fanatismo, ma  neppure da uno scetticismo paralizzante. Vi invitiamo, assieme a noi, a rimanere nell’intenzione e nella volontà di ricercare quello che è meglio per voi, di ascoltare l’intuizione, di essere aperti al confronto e al dialogo per il bene di tutti. In cammino verso l’accoglienza e l’esperienza con mente neutrale e grande apertura di cuore. Noi siamo persone semplici, dunque chi ci offre la possibilità di tenere questi percorsi?  è L’AMORE, l’amore scambievole tra gli ALBERI, nostri Maestri e noi  e la nostra frequentazione di tanti e tanti anni.

Oh, non siamo cosi’ stupidi da non comprendere  che quanto andremo dicendo possa suscitare sentimenti di incredulita’, di derisione, o per lo meno di scetticismo. Eppure abbiamo la sicurezza di non essere degli “invasati”, dei creduloni ne’ tanto meno dei megalomani.

Siamo gia’ passati attraverso le fasi del dubbio,la paura dell’inconoscibile, la sete insaziabile di prove concrete…

Dalla tenerezza della stupidita’ umana, dalla grandezza dei suoi potenziali, il collegamento vero con Madre Terra, attraverso le creature Albero, ci ha guidati oltre il velo della paura, verso la nostra piu’ intima Essenza, verso altre possibilita’.  E’ per queste potenzialita’, la condivisione. Per questo amore che vi e’ il riconoscimento.

Per comunicare con gli ALBERI, dice il grande botanico VOGEL, occorre una forte esaltazione dello Spirito. Una mente yogica.

Noi siamo tutti uniti nello Spirito al Divino. E gli Alberi sono fortemente uniti a lui. E, come l’Albero contiene noi, cosi’ noi conteniamo lui. Siamo tutti dentro alla Divinita’. etc….

***

Ipercomunicazione tra UMANI E UMANI

-REIKI 1° e 2° LIVELLO della Scuola “Spazio Sacro”: L’INIZIAZIONI AL LAVORO CON LE ENERGIE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE DELLA CURA  TRA UMANI E UMANI, E AMPLIAMENTO DELLA COSCIENZA …anche con …I SIMBOLI, VERBI DI POTERE 

Reiki è una potente Arte di cura con le mani che usufruisce dell’Energia Vitale Universale Primordiale. E’ complementare alla Medicina Ufficiale. E’ attiva oramai in molti Ospedali del mondo.  Come arte di cura manuale si colloca tra le più efficaci “tecniche dolci” di rilassamento e analgesia. 

Per un principio di onestà intellettuale vi informiamo che sul REIKI è stato detto di tutto e di più:
– che è di origine giapponese o cinese, che i suoi Simboli sono di origine buddista, induista, e che per altri sono stati presi dalla tecnica “Waiqi” del Qi Gong , la via della Medicina Cinese…

– che il Maestro Usui non è mai esistito o, al suo opposto, che è assolutamente esistito ed era di religione cattolica, che il Reiki è nato dal SEIKI il cui iniziatore non era altro che una Maestra: una certa Ikuko Osumi e così via…

– anche la tradizione si movimenta passando dalle Hawai, all’America, il Giappone, la Cina e il Tibet…

Sorridendo bonariamente sulla necessità di trovare il testimone originale, pensiamo che l’arte di curare con le mani si perda nella notte dei tempi e che anche il Maestro Gesù o il Budda o chissà quanti altri maestri o uomini “normali” lo hanno testimoniato. C’è poi da dire che vi sono molti detrattori del Reiki ; queste persone non vorrebbero che la cura con le mani fosse un dono per tutti, non vorrebbero sentire parlare di “Energia Divina” così anche su internet scrivono cose assolutamente non vere e non dimostrabili e si spingono verso l’offesa e l’ingiuria…. aiutati in questo anche da master o reikisti che non operano con integrità, disonorando Reiki e ledendo la fiducia delle persone.  

Al contrario, vogliamo essere testimoni e ci testimoniano perfino medici in ospedali, di come sia efficace  e piacevole questa arte di cura. E sopratutto come sia semplice ed efficace per se stessa!

Alcuni Maestri non chiamano “INIZIAZIONI” ma “RITUALI DI POTENZIAMENTO” le “attivazioni” al Reiki dei loro Allievi. Noi non intendiamo togliere “sacralita” a questo evento  che  per noi e’ una ”Iniziazione”.

INIZIAZIONE… poiche’, come dice il Maestro P. Mancini: L’iniziazione e’ la riconquista della percezione dei mondi superiori, e’ l’esperienza piu’ intima e profonda che l’essere umano possa avere: quella verso cui  converge tutta la storia del singolo e dell’umanita’

E l’allievo che si avvicina con buona intenzione e integrita’ al Reiki sara’ iniziato a questa Energia.

Il Reiki si ispira al modello energetico della fisica quantistica che considera il corpo non solo nella sua materialità fisica o chimica, ma come Energia Vitale che si esprime biologicamente nelle reazione biochimiche e  biofisiche che avvengono nelle cellule, psichicamente nelle emozioni-sensazioni che attraversano il corpo, nel linguaggio- pensiero della mente,e nello Spirito che è a stretto contatto con tutte le altre componenti, promuovendone  così l’integrazione ed il riequilibrio.  Reiki è  dunque un’Arte che ci permette di curare il corpo fisico e le varie disfunzioni che lo affliggono, ci permette di lavorare sulla nostra psiche, equilibrando le emozioni e liberandoci da ansie e stress, ci permette di lavorare sulla nostra parte Spirituale aiutandoci ad evolvere con maggior levità.

La chiamiamo ARTE di cura perchè “ARS” deriva dalla radice indoeuropea “ARE'” col valore semantico di ordinare: l’arte in questo caso è il modo di portare ordine, significato e a compimento  le cose del mondo fisico per arrivare agli altri “mondi”…L’Arte del Reiki  è la cura del riequilibrio energetico.

Il Guaritore non è colui che  ti guarisce ma colui che ti “rimette così bene in equilibrio” da agevolare la tua “autoguarigione” quando la tua Anima e’ pronta….  etc….leggi alla voce REIKI

REIKI ci permette una buona interazione e cura tra umani e umani, umani e alberi, umani e cristalli…

***

“Il suono non esiste solo nel tuono e nel lampo, esiste anche nella trasformazione, nella lucentezza e nel colore. Un colore può essere ascoltato. La lingua è delle parole, il che signifia che è dei suoni e dei colori”

(Nicola Tesla)

*

IPERCOMUNICAZIONE TRA UMANI E UMANI E GUIDA DELL’ANIMA

IL LINGUAGGIO DEL SUONO- :

L’universo è in uno stato perenne di vibrazione e noi, che ne siamo parte abbiamo un Corpo con i suoi organi e tessuti,  cellule che hanno una loro propria frequenza di risonanza e che insieme compongono un ‘armonica che è il nostro ritmo vibratorio personale. Quando siamo in salute siamo come un’orchestra che suona una musica meravigliosa.

In questo seminario partiremo dal silenzio che poi silenzio non e’, ma accoglienza; partiremo da noi stessi, dai nostri suoni: quelli del cuore che batte, delle vene e delle arterie che pulsano, dei nostri organi del ventre che gorgogliano, delle nostre ossa ,dai polmoni che respirano, il sistema nervoso e le onde cerebrali che creano una miriade di suoni, le ciglia che fremono , persino i nostri capelli hanno un leggero fruscio….etc…

Dai nostri suoni interni  andremo ai suoni che ci circondano , da quelli dei nostri simili a quelli della natura e dei suoi elementi e ancora per arrivare ai suoni “ultraterreni” quando entreremo in uno stato di coscienza speciale per incontrare i suoni dell’universo…..

La bellezza della nostra ricerca spirituale e’ avere una vita piena di armonici che possono essere percepiti ma non raccontati, ascoltati ma non esplicati. Non ci sono parole per descrivere l’esperienza inebriante di un bagno di suoni !

Noi, dice A. TOMATIS, siamo un’orchestra celestiale. Un bagno di suoni ! Non solo il nostro corpo, ma tutto risuona in noi, e l’essere umano ha il dono delle voce, del linguaggio, il dono di molti strumenti musicali per far si che il suo animo si elevi e il suono arrivi attraverso di loro, non da loro, poiche’ crediamo che il suono sia il potere piu’ grande che Dio ci ha donato poiché proviene da lui.

 

-LA PAROLA- MEDICINA DI FREQUENZA data dagli Armonici strumentali e vocali

-L’utilizzo del SUONO PER ATTIVARE LE ESPERIENZE PSICO-SPIRITUALI

Dice Alfred Tomatis: “Ovunque si trovi, l’essere umano ,sperimenta una vera e propria ubriacatura con il mondo vibratorio che lo racchiude, lo modella e scolpisce letteralmente IL SUO CORPO CHE NON E’ ALTRO CHE SUONO; così, uomo e ambiente si sintonizzano nel vero senso della parola, su un’identica lunghezza d’onda. Si “armonizzano”. LUCE E PAROLA vanno insieme, hanno la stessa essenza. La prima luce che esplode nell’universo per farlo nascere contiene e richiama la luce della parola. Essa è come un’indescrivibile vibrazione, un suono “magico” in grado di dare forma al caotico, a ciò che non è ancora formato. Questa LUCE-PAROLA che in-forma (dà significato, forma ed essenza alla realtà), essendo vibrazione, è anche suono e colore. In questo senso, è in grado di colorare il mondo col suo arcobaleno e farlo vivere.

 “DA SUONO A SUONO”

All’inizio fu il suono. l’Universo è un mare sonoro, invisibile ma reale, dentro cui ciascuno di noi si trova immerso sin dalla nascita.. un eco del “suono primordiale”, del suono divino da cui tutto, ma proprio tutto ebbe inizio. Ma che cos’e’ un suono? E’ una vibrazione. A livello fisico essa si propaga sotto forma di onde, misurabili in cicli per secondo , definite scientificamente hertz.Ogni cosa possiede uno stato vibrazionale , l’effettiva frequenza con la quale gli oggetti vibrano e’ definita frequenza sonora

L’universo è in uno stato perenne di vibrazione e noi, che ne siamo parte abbiamo un Corpo con i suoi organi e tessuti,  cellule che hanno una loro propria frequenza di risonanza e che insieme compongono un ‘armonica che è il nostro ritmo vibratorio personale. Quando siamo in salute siamo come un’orchestra che suona una musica meravigliosa. In questo seminario partiremo dal silenzio che poi silenzio non e’, ma accoglienza; partiremo da noi stessi, dai nostri suoni: quelli del cuore che batte, delle vene e delle arterie che pulsano, dei nostri organi del ventre che gorgogliano, delle nostre ossa ,dai polmoni che respirano, il sistema nervoso e le onde cerebrali che creano una miriade di suoni, le ciglia che fremono , persino i nostri capelli hanno un leggero fruscio….etc…

Dai nostri suoni interni  andremo ai suoni che ci circondano , da quelli dei nostri simili a quelli della natura e dei suoi elementi e ancora per arrivare ai suoni “ultraterreni” quando entreremo in uno stato di coscienza speciale per incontrare i suoni dell’universo…..La bellezza della nostra ricerca spirituale e’ avere una vita piena di armonici che possono essere percepiti ma non raccontati, ascoltati ma non esplicati. Non ci sono parole per descrivere l’esperienza inebriante di un bagno di suoni !

Noi, dice A. TOMATIS, siamo un’orchestra celestiale. Un bagno di suoni !

Non solo il nostro corpo, ma tutto risuona in noi, e l’essere umano ha il dono delle voce, del linguaggio, il dono di molti strumenti musicali per far si che il suo animo si elevi e il suono arrivi attraverso di loro, non da loro, poiche’ crediamo che il suono sia il potere piu’ grande che Dio ci ha donato poiché proviene da lui.Per i maestri Vedici vi e’ differenza tra suoni interni ed esterni. Gli udibili sono chiamati AHATA, suoni provocati e risultati di una vibrazione sul piano fisico

Gli ANAHATA sono percepiti solo grazie ad una avanzata pratica di meditazione. I “suoni senza suono”I suoni armonici sono i ponti che collegano questi due .Quindi e’ ottimo iniziare a lavorare con “l’energia del silenzio” poiche’, onorare questa energia ci permettera’ di raggiungere uno stato di pace e di serenita’. Nel silenzio si possono percepire tutti i suoni interni ed esterni  per arrivare agli ARMONICI.

Quando iniziamo ad interagire con i nostri suoni interni ed esterni cambiamo il nostro modo di percepire gli armonici che alterano anche il nostro sistema uditivo e le onde cerebrali apportando notevoli miglioramenti. Ci apriamo all’ascolto, utilizziamo le orecchie, ma essendo l’ascolto una pratica attiva diversa dal sentire, mettiamo in atto L’INTENZIONE e ci apriamo consapevolmente al suono, a noi stessi e al mondo, all’universo che ci circonda e generiamo un cambiamento in noi e fuori di noi, poiché tutto e’ collegato. Il linguaggio è l’elemento fondante l’umanità dell’uomo. L’orecchio e’ “il suo ascoltare”.La capacità di ascoltare è la madre di tutte le altre capacità: dell’apprendimento, del linguaggio, della relazione, degli affetti, della memoria, dell’intelligenza, dell’identità personale e della salute psicofisica. L’orecchio è quindi anche uno dei migliori strumenti di guarigione. Tutto il corpo è un orecchio, un’antenna ricettrice che vibra all’unisono con la fonte del suono...L’udito è il primo senso che si sviluppa nel feto

La cosa più interessante da ricordare è che il cervello non produce energia, la cattura, ed è l’orecchio che gliela fornisce. Il suono è quindi un alimento del cervello.Vi sono suoni che affaticano e suoni che rigenerano.I suoni armonici che caricano l’ascoltatore sono frequenze intorno agli 8.000 hz che stimolano positivamente il sistema nervoso centrale e la corteccia cerebrale e provvedono al 90% della carica del suo corpo. Le frequenze piu’ basse sono usate semplicemente per il sistema semantico.

Nyasa è una parola sanscrita che significa sovrimpressione. Il Nyasa è un particolare aspetto del Nada Yoga, lo yoga del suono, che consiste nel sovrimporre eccezionali vibrazioni sonore (MANTRA E BIJA MANTRA ) a certe parti del corpo

 

L’aspetto terapeutico del suono e’ dato dagli ARMONICI VOCALI e STRUMENTALI

In essi sta la capacita’ conduttiva delle ossa che sono stimolate a frequenze intorno ai 2.000 hz. Il suono prodotto non e’ nella bocca, non e’ nel corpo, ma nelle ossa poiche’ sono esse che risuonano quando sono stimolate dai suoni.  La conduzione delle ossa amplifica i suoni grazie alla risonanza del cranio e del teschio. Esse stimolano i muscoli dell’orecchio che a sua volta carica il cervello.  4 ore al giorno di ascolto di suoni ricchi di frequenze armoniche alte o la creazione del proprio suono corretto, sono pratiche sufficienti a caricare il cervello e a farci sentire bene. Viene cosi’ migliorata anche la qualita’ della nostra voce e non solo, comprenderemo alti livelli di coscienza attraverso la consapevolezza e il puro intento.  

I SUONI CURATIVI

Esistono centinaia di suoni sopra e sotto i limiti del nostro campo uditivo che ci bombardano ogni giorni , ma i suoni curativi sono GLI ARMONICI. Ci aiuteranno in questo percorso, il lavoro di A. Tomatis, P. Barraque,  e naturalmente quello di   ELENA BIANCHINI, gong master ed esperta di suoni armonici vocali e strumentali che terra’ questo seminario. Gli armonici, secondo  diversi autori, ci sono e non ci sono. sono presenti ma nessuno se ne accorge fino a quando non avviene un cambiamento. Cambia per primo il nostro udito, poi la voce che riesce a creare suoni che prima non riusciva…poi cambia la nostra coscienza e nuove realta’ si rivelano alla nostra consapevolezza. Il potere di guarigione dei suoni  e’ dato dalla capacita’ degli Armonici di creare cambiamenti vibrazionali sul piano fisico, mentale e spirituale. Essi svelano principi universali che sono costanti nella varie tradizioni di popoli che utilizzano i suoni per trasformare e guarire. Essi sono sacri e magici.

Ogni cellula del nostro corpo ha una propria distinta frequenza di vibrazione. Tutte le cellule insieme compongono una frequenza armonica  che e’ il nostro distinto ritmo vibrazionale personale.

In questo seminario ci faremo aiutare dal nostro Divino Se’ superiore, partendo dal nostro cuore e per assonanza, dai suoni della natura nella visualizzazione, dalla nostra nota personale, dai suoni delle Vocali Pure per cantare anche le Sette Energie dei Chakra e quelle degli elementi per un’autoguarigione mediante la voce e i suoni strumentali

questo per incarnarci e radicarci meglio,per avere controllo sulle nostre emozioni e renderle positive,per aprire il nostro cuore e aprirci al mondo e alla percezione sottile 

per dare una nuova direzione alla nostra vita per poter comprendere meglio e realizzare i progetti della nostra anima

per concentrarci meglio e avere un’intelligenza piu’ vivace e curiosa

per aprire la nostra coscienza ad un nuovo ed ampio mondo spirituale

*

I SUONI SACRI:

Il ritmo del risveglio spirituale puo’ essere dato dal divino suono OM , dai canti dei monaci tibetani,  dai canti gregoriani o dai MANTRA.

Nelle Upanishad UN MANTRA puo’ definirsi si una preghiera ma solo nel senso tipicamente orientale del termine, non cioe’ una richiesta di protezione, di lode o di devozione nei confronti di una divinita’, ma come strumento potente, lo strumento assoluto per eccellenza mediante il quale la mente puo’ sperimentare la realta’ Assoluta.  La parola e’ il suono!

Impareremo ad intonare il mantra primo:  OM-  A U M e ne spiegheremo il profondo significato. -Il SUONO ORIGINARIO-che contribuisce a scuotere e liberare l’essere, a farlo vibrare in un rinnovato stato di salute. 

Verra’ insegnato anche il MANTRA  ONG SO HUNG….PER ATTIVARE LA CONNESSIONE CON IL NOSTRO SE’ SUPERIORE E LA SORGENTE.

*

GLI ARMONICI STRUMENTALI E VOCALI : in questo percorso ci accompagna ELENA BIANCHINI master gong-

***

Ipercomunicazione tra UMANI E GUIDE DELL’ANIMA E MAESTRI SPIRITUALI

Il channeling:

L’aspetto più importante della comunicazione con il mondo spirituale è essere in grado di entrare in uno stato mentale gnostico. Mentre ovviamente qualcosa puo’ accadere spontaneamente, molti sono spinti a coltivare la canalizzazione … Quindi e’ appropriato imparare come separare aspettativa e pregiudizio, dall’intuizione e dalla mente neutra, meditativa. E sto ancora imparando. Per la crescita personale, la “curva di apprendimento è ripida” … vale a dire, che quando le cose diventano sempre più sottili, l’allineamento diventa più difficile… almeno mentre stiamo piano piano evolvendo …

Una delle mie citazioni preferite su Dio è che per tutto ciò che pensiamo che Dio sia, Dio è anche l’opposto e l’inimmaginabile. Per me, la magia è tanto parte di Dio quanto lo e’ il vento e la pioggia  e il fuoco della vita … Il channeling è solo il collegamento con tutto questo …

Alcuni maghi del caos hanno ipotizzato che più dimentichiamo ciò che abbiamo incanalato, più esso è entrato attraverso il nostro subconscio e più l’informazione è magica. Questo è il motivo per cui trovo così importante avere un mezzo creativo o espressivo da canalizzare. Immagino che sia anche per questo che si parla di canalizzazione, al contrario della contemplazione. Che viene fuori non appena entra

Ciò rende anche il giudizio più difficile e aiuta a evitare il blocco delle informazioni inutili. Anche se non ricordo nel momento in cui cerco di ricordare ciò che ho canalizzato, se l’ho vissuto, credo che il mio subconscio l’abbia registrato, o lo stia elaborando

Condividere ciò che canalizziamo è l’unico modo in cui possiamo trovare la validità oltre l’applicazione personale

Se intendiamo “farne una verita’ assoluta” per nessuno tranne che per noi stessi, questo è solo un problema personale, ma se quello che diciamo non vibra con gli altri, non possiamo supporre che rappresenti una verità per loro.

… altre  volte sono stato intuitivo verso cose che forse non tutti vibravano, ma che è stato ritenuto vero nella gnosi personale di molti individui. In ogni caso, non c’è nulla che io possa fare se non vibrare come faccio io, ed essere eternamente grato ogni volta che incontro qualcuno che ha imparato a contemplare

La natura dell’universo è oltre la portata di ognuno di noi. Solo quando molti di noi impareranno a cercare se’ stessi, possiamo cominciare a vedere un’immagine più completa.

Lucas Piero

***

Chi sono gli  Angeli, le Guide Spirituali e i Maestri Ascesi ?  Ciò che contraddistingue questi esseri di Luce è il tipo di vibrazione che emanano. Ognuno di questi gruppi, vive infatti in una dimensione o vibrazione differente.

Le vibrazioni in cui vivono le Guide Spirituali sono quelle più vicine a noi. Tutte le Guide Spirituali hanno vissuto sulla Terra come esseri umani. Quando nasciamo, ci vengono affiancate diverse Guide Spirituali. Alcune di loro resteranno con noi per tutta la presente vita, altre resteranno con noi solo il tempo necessario per aiutarci ad evolvere in determinate e speciali circostanze

Il numero delle Guide Spirituali che una persona può avere varia a seconda del percorso di vita che intraprenderà.

Questi “ Esseri di Luce” ci conoscono da prima che nasciamo. Essi sono qui per aiutarci nel nostro cammino terreno, ci inviano messaggi d’amore e ci proteggerci. Alcuni di noi si accorgono della loro presenza, altri ne sono inconsapevoli .

Angeli e Maestri Ascesi non sono una singolarita’, ma un GRUPPO e sono onnipresenti, cioe’: possono aiutare contemporaneamente più persone.  Le loro vibrazioni sono cosi’ elevate che il semplice pensare a uno di loro può potenziare la nostra vibrazione e migliorare il nostro percorso.

Vi sono Angeli e Arcangeli ed una infinita gamma di Maestri ascesi…ed ognuno di lor possiede doni specifici da condividere.

Personalmente credo che siano loro, quando la tua anima e’ pronta o quando se ne ha piu’ bisogno,a farsi “sentire” tramite visioni, messaggi sparsi qua’ e la, sogni, parole, intuizioni dal cuore…

Piu’ eleviamo le nostre vibrazioni e piu’ riusciamo a “percepirli”.

*

In ogni tempo gli uomini hanno desiderato di poter contattare Angeli e Maestri Ascesi. Alcuni ci sono riusciti. Questa potenzialità esiste però in ognuno di noi e può esprimersi spontaneamente come dono o attraverso una crescita spirituale che nasce sempre dal PURO INTENTO, dall’apertura del cuore e dalla consapevolezza.

Attraverso il PURO INTENTO che ci pone in sintonia con la LUCE DIVINA potremo metterci al servizio della vita. Occorre perciò sintonizzare la propria volontà con quella Divina e questo ci permetterà di essere in pace, accoglienti e silenziosi poichè se rimaniamo in questa sintonia ci libereremo di tutti quei condizionamenti limitanti di paura, di convinzioni che portavano sensi di inadeguatezza e ignoranza.

Aprendoci all’Amore Divino saremo perfusi dalla capacità di dare e ricevere LUCE, intuizione ed Amore per tutto ciò che esiste poiche sentiremo di farne parte, sentiremo di essere Uniti al tutto. In questa armonia riusciremo più facilmente ad ascoltare la VOCE DELLA SORGENTE ,come dice Silvia Galimberti, canalizzatrice delle Pleiadi e di Antares.

Le PAROLE DIVINE portano sempre Informazione, cioè veicolano i Potenziali della Creazione. L’uomo, trova, quando si eleva alla contemplazione chiaroveggente, le immaginazioni, le ispirazioni e le INTUIZIONI per mezzo delle quali egli penetra nel mondo delle Entità spirituali, come dice Rudolf Steiner. Questo cammino ci è reso più facile dal “lavoro” che avremo compiuto fino ad ora: l’armonizzazione con le Creature Cristallo, Gli Individui Alberi e i nostri Fratelli terreni…il tutto nell’Amore per la nostra Madre Terra. Radicandoci bene ad essa e riscoprendo col cuore, le sue creature, possiamo ora guardare verso il “nostro cielo interiore e superiore”.

Tutti i nostri corpi del Raja Yoga, tutti i nostri chakra sono filtri attraverso i quali decodifichiamo la Luce e le diamo forma attraverso la parola. Noi siamo il linguaggio Divino in continua evoluzione. Noi tutti siamo o possiamo essere dei canali. La canalizzazione è la nostra condizione naturale di esistenza, ma ce ne siamo dimenticati. Occorre solo risvegliarla. Quello che ci serve è ritrovare la consavevolezza di poter divenire la più alta Espressione del Verbo Divino in Terra.

Sarà utile una metaprogrammazione del SE’ per liberarci da credenze limitanti, sarà appropriato abbandonarsi alla fiducia nel Divino che c’è in noi, per liberare le nostre percorrenze onda-pensiero-informazione che ci porteranno in uno stato concentrato di coscienza , lo stato alpha-theta.

Ci aiuteranno in questo, prima  con esercizi di metaprogrammazione, poi di apertura del chakra del cuore e di accompagnamento al personale ascolto… con l’aiuto anche dello Yoga Nidra, della terapia del suono, così, rimanendo consapevolmente in onde theta , le visualizzazioni diverranno potenti a tal punto che potremo chiamarle “visioni” e le percezioni “solleveranno di un pochino quel velo” per collegare il nostro Sè Superiore al SE’ Divino e quindi alle nostre Guide…

Queste sono le potenzialità, il lavoro Nessuno può garantire che dopo questo lungo PERCORSO potremo canalizzare, noi non prendiamo in giro nessuno, tuttavia le potenzialità saranno aumentate esponenzialmente alla nostra Crescita Spirituale e dunque le previsioni, a breve o a lungo termine, possono essere più che buone. Tuttavia, nel puro INTENTO , è gioia essere già nel “Cammino”.

E non dimentichiamolo: siamo sempre sostenuti, guidati e aiutati da loro: I nostri Angeli, le nostre Guide!

Chi sono gli Angeli? …una delle tante interpretazioni..

Se l’Angelo non fosse altro che l’eco della nostra coscienza interiore, una proiezione sottilissima della nostra Anima?
Forse, un’emanazione proveniente dal nostro lato spirituale al quale noi troppo sovente chiudiamo l’accesso a causa della nostra natura profondamente materialista;

certo le domande possono essere innumerevoli, si può dare risposta ad una parte di esse, ma le altre rimangono avvolte dal mistero.
L’Angelo, il nostro Angelo Custode, come le nostre Guide, ci ricordano con la loro Presenza che siamo amati e protetti, non cercano di imporsi in alcun modo, perché hanno piena coscienza del libero arbitrio di ciascuno di noi: cercano soltanto di riaccendere in noi la scintilla Divina che ci anima, quella stessa scintilla che ci lega alla grande catena umana).

dice Rudolf Steiner :”Se vogliamo parlare delle e alle cosiddette Gerarchie Spirituali- Angeli, Guide-, dobbiamo elevarci con l’occhio dell’Anima agli Esseri che hanno la loro esistenza al di sopra dell’uomo vivente sulla Terra.

Occhi visibili possono contemplare una scala di esseri che rappresentano soltanto quattro gradini di una gerarchia: il mondo minerale, il mondo vegetale, quello animale e quello umano.

Ma sopra l’uomo comincia un mondo di Esseri Invisibili, e all’uomo è dato, grazie alla conoscenza di ciò che trascende i sensi fisici e fin dove essa gli è possibile, di salire per un certo tratto alle potenze ed entità che, nell’invisibile mondo soprasensibile, sono la continuazione dei quattro gradini che si trovano sulla Terra stessa.

L’uomo, trova, quando si eleva alla contemplazione chiaroveggente, le immaginazioni, le ispirazioni e le INTUIZIONI per mezzo delle quali egli penetra nel mondo delle Entità spirituali.

Perciò possiamo dire che il compito della moderna scienza dello spirito, è ritrovare il nesso tra il fisico e lo spirituale, tra il mondo terrestre e le Gerarchie Spirituali.”   Occorre lavorare sull’Ego e cercare una Guida, un Guru.

Ego, Guru, Guida 

Estratti da una conferenza di Kundalini Quarterly, Summer Solstice 1976 Bicentennial Issue di Yogi Bhajan

Perché vuoi trovare Dio? Dio ti ha già trovato. Sei solo qui su questa Terra per cominciare a causa sua. È incredibile cosa a volte ti lasci credere. Anche se tu potessi trovare Dio, cosa faresti con Lui? Non è una noce di cocco che puoi mangiare.

Dio non è altro che la tua coscienza interiore. Ora sono d’accordo con te sul fatto che non puoi sempre sentire Dio, ma è perché pensi di essere separato da Dio. Lo chiamiamo maya. Maya è l’illusione della separazione; sono le sabbie mobili di questa vita.

Ogni volta che dimentichi di avere la capacità di essere una parte di Dio, allora ti disconnetti da Dio, ed è molto solo e molto doloroso. È molto sfortunato. Perdi il contatto con la tua guida e sprofondi nelle sabbie mobili. Senza la guida, non ci può essere l’autodeterminazione. Senza l’autodeterminazione, non ci può essere alcun risultato. Senza successo, non può esserci conoscenza. Senza conoscenza, non può esserci consapevolezza. Senza consapevolezza, non può esserci radianza. E senza radiosità, potresti anche essere un animale.  Hu significa luce;l’uomo significa mente. Un essere umano è un essere di luce mentale, un essere della mente e del corpo. Ma per sperimentare te stesso come essere umano, devi condizionare la tua mente per sperimentare l’Infinito.

La vita fa una domanda a cui bisogna rispondere. La vita dice all’ego: “Sei venuto con me in questa vita, ma non puoi venire con me nella morte. Devo usarti per aiutarmi a portarmi attraverso, ma non posso portarti con me quando me ne vado. “Questo è l’enigma dell’ego con cui ci troviamo di fronte. La vita appartiene alla terra di là; l’ego ti è dato come compagno in modo che tu possa percorrere la strada verso la terra al di là, ma l’ego non può venire con te. Né l’ego può dirigere il tuo viaggio, perché l’ego non sa dove stai andando. L’ ego non può sapere di appartenere agli eteri, perché l’ego non è un prodotto degli eteri; è un prodotto di questa Terra. È un amico e un compagno da portare in viaggio; non è il conducente della macchina. Ma ciò non significa che il conducente del sedile posteriore non provi a guidare.

È necessario prendere il controllo di questo driver sedile posteriore e impegnarsi a destinazione. Senza questo impegno, la vita non ha essenza, la vita non ha gioia, né può esserci alcun risultato. Se sei impegnato solo su questa Terra, alla fine non puoi goderti la vita, perché la tua vita deve andare oltre questa Terra. Potresti ottenere un successo mondano, ma i risultati mondani sono solo per questo mondo. Solo la conquista spirituale ti porterà attraverso questa vita in un’esperienza di illimitatezza della tua esistenza. Più sperimenterai la tua anima, più potrai fonderti in quell’universalità da cui sei venuto. Ecco perché hai un Guru: così puoi conoscere e sperimentare la tua anima. È lo spirito di guida che ti permette di raggiungere il tuo destino e diventare grande.

Hai bisogno di questo Guru, questa guida, non per possederti, ma per guidarti. Hai bisogno di questa guida per apprezzarti, ispirarti e correggerti quando ti sbagli. Il Guru è come una bussola: ti dirà dove è il Polo Nord e dove sei in relazione con esso, ma non ti porterà lì. Stabilisce una relazione tra te e la tua coscienza infinita in modo che tu possa avere quella guida da seguire nella tua vita. 

Il Guru dovrebbe togliere il tuo dubbio e l’oscurità. Dovrebbe riaccendere il tuo spirito e reindirizzare verso il tuo obiettivo. Dovrebbe ricordarti che cos’è la realtà, e tenerti diretto verso quella realtà. Dovrebbe ricordarti la tua energia e ricordarti della tua vita in modo da farti gli affari tuoi e andare avanti. Questo è il lavoro del Guru, colui che ha l’abitudine di dire la verità infinita in tutte le circostanze. Poiché il Guru non può essere misurato, ti apre e mette alla prova il tuo ego finito e misurato contro l’infinito senza misura. Ti farà faticare, ma ti manterrà sulla via della rettitudine.

Se Dio dà qualcosa a questa Terra, vuole indietro quella stessa cosa. Questa è la sua natura. E i più vicini a Dio sono quelli che possono capirti per quello che sei e ricordarti chi sei quando lo dimentichi.

Il mondo non è un mistero, è una gioia da sperimentare; ma il nostro ego non ci farà godere la nostra visita su questa terra. Il Sé Infinito ci viene regalato come un dono, ma non ci crediamo. Nel momento in cui credi nel Sé, in quel momento sei illuminato. Quando sperimentate il Sé, allora sapete che dovete andare e continuate ad andare avanti. Altrimenti, sei bloccato qui. La liberazione non sta andando nel regno di Dio da questa terra. Non esiste affatto un regno del genere. Il regno di Dio è giusto dove sei ora.

Il Guru è una guida che può portarti dall’oscurità alla luce. Il Guru è un oceano in cui puoi totalmente unirti e uscire pulito e lavato. Il Guru è una riserva di know-how tecnico in cui puoi andare e prenderti cura di te per essere di nuovo in forma per assumerti la responsabilità di questo pianeta. Il Guru è la camera segreta del tuo sé interiore in cui puoi confidare i tuoi più grandi segreti e essere guidato nella luce della rettitudine. Coloro che si qualificano secondo questi criteri sono veramente i benedetti che sono venuti per servire l’umanità e portarci attraverso i tempi.

*

Il Channeling visto da un canalizzatore:

Viviamo in un universo multidimensionale. Il piano fisico è il primo e il più denso di sette piani. Il prossimo piano è l’astrale; ci soffermiamo sul piano astrale inferiore prima della nascita e dopo la morte. Gli altri piani sono i causali, akashici, mentali, messianici e buddhici . Diciamo che questi piani non sono realmente separati dalle nostre vite qui sul piano fisico. Attraverso la canalizzazione, possiamo stabilire un contatto cosciente con i piani superiori. Possiamo anche comunicare con esseri fisici ma non umani, come i deva (spiriti della natura), i delfini e le balene e gli extraterrestri.

Più comunemente, il termine channeling si riferisce alla comunicazione con le guide spirituali, che sono astrali e con insegnanti di alto livello,  che si trovano su piani sopra l’astrale.  Sebbene l’universo contenga una varietà infinita di coscienza che potrebbe teoricamente essere canalizzata, in pratica i canali di solito si sintonizzano su quello con cui hanno una connessione significativa e che sono adatti al processo di canalizzazione.

La forma più comune di comunicazione con la coscienza non fisica è con le persone che sono passate, ma di solito si parla di “medianità” piuttosto che di canalizzazione.  Sebbene ci sia una sovrapposizione, la canalizzazione di solito si riferisce all’accesso ad una conoscenza superiore per sostenere la crescita spirituale e ottenere una maggiore chiarezza sulla propria vita. 

C’è molto del processo di canalizzazione spirituale  che è sconosciuto o difficile da tradurre in parole, e ogni sua esperienza è unica, ma alcune generalizzazioni possono essere fatte. La canalizzazione avviene attraverso  i cosi detti “centri superiori”, che sono dormienti nella maggior parte di noi ma che possono essere aperti con la pratica. I centri superiori sono le parti di noi che possono connettersi con l’amore universale, la verità e l’energia cinetica.  Il “segnale” viene generalmente ricevuto per primo dal chakra della corona. Nella canalizzazione verbale, quindi, stimola il sesto chakra (il terzo occhio) e il cervello, cercando il subconscio per correlare le parole. O l’entità, il canale o entrambi, lavorando insieme in cooperazione, selezionano le parole specifiche che sembrano esprimere al meglio i pensieri. Anche se l’entità seleziona le parole, il canale di solito non viene percepito come udito da voci esterne; ha il suono dei suoi pensieri, poiché le entità canalizzate non hanno voci fisiche. Per mia esperienza si.

 Questo non è diverso dal processo con cui traduciamo i nostri pensieri in parole, tranne che è più difficile, perché i pensieri di qualcun altro vengono tradotti attraverso il canale.

Per definizione, gli insegnanti dell’elevazione superiore lavorano maggiormente con gli aspetti invisibili delle cose e arrivano alle informazioni in modo diverso rispetto a noi. Sembrano spesso “in spirale” a intuizioni fondamentali, che svelano gradualmente uno strato dopo l’altro, come sbucciare una cipolla, piuttosto che escogitare un’analisi istantanea di ciò che sta accadendo. Questo è un processo delicato, un’arte e una scienza.

Alcune persone canalizzano o almeno “sintonizzano” su fonti più alte senza esserne consapevoli.  Non tutte le ispirazioni provengono dalla canalizzazione, dal momento che siamo tutti esseri creativi a pieno titolo, ma la maggior parte della creazione implica una sorta di collaborazione. Riceviamo più aiuto di quanto pensiamo.

La mia impressione iniziale era che il channeling fosse una semplice questione di dettatura – che se uno spirito guida desidera comunicare qualcosa, dovrebbe suonare lo stesso indipendentemente da chi sia il canale. Tuttavia, l’esperienza mi ha insegnato che la canalizzazione è un fenomeno molto più complesso. Ora la vedo come una collaborazione, con molte variabili.

Essendo fisici, ci manca la “strumentazione” per comprendere pienamente e veramente ciò che non è fisico. Lavoriamo necessariamente con modelli intellettuali “bidimensionali”. Possono essere utili, ma non possono sostituire l’esperienza diretta, “tridimensionale”, e alcune esperienze dirette semplicemente non sono disponibili per noi ora. Fino a quando noi stessi siamo fisici, non saremo in grado di comprendere pienamente come funzioni realmente la canalizzazione spirituale, chi o cosa sia realmente LA GUIDA e molte altre cose. Anche riguardo ai fenomeni fisici, la scienza pretende di spiegare molte cose che non sono veramente comprese. Per esempio, comprendiamo davvero la fotosintesi? Potremmo apprezzare una spiegazione della meccanica, che può o non può essere abbastanza precisa – la scienza cambia sempre idea – ma sicuramente non è tutto il quadro. È bene mantenere un sano apprezzamento del mistero. Non sto suggerendo la fede o il credo cieco, ma una consapevolezza della vastità della vita.

CHI PUOI CANALIZZARE?

Il channeling è simile a suonare il piano: quasi chiunque si applica probabilmente può imparare a farlo, almeno un po ‘, e persino uno studio casuale può essere arricchente. Tuttavia, imparare a farlo bene richiede molta energia e impegno e, ovviamente, è più facile per alcune persone che per altre. 

 Pianifichiamo ogni vita prima che inizi. Se desideriamo canalizzare durante quella vita, di solito facciamo accordi per farlo con le particolari sorgenti che desideriamo canalizzare, e pianifichiamo i tempi e la forma della canalizzazione che faremo in modo tale da supportare il nostro compito vitale. Possiamo progettare i nostri involucri esterni e persino il nostro corpo per facilitare la canalizzazione.  La canalizzazione di solito non è di forte interesse per l’anima fino a quando l’anima matura e la persona invecchia, perché prima di ciò, le nostre lezioni enfatizzano fattori esterni. Se la canalizzazione fa parte del piano di vita di qualcuno, molta preparazione può verificarsi sia a livello conscio che inconscio durante la vita del canale prima che inizi a canalizzare. Non a caso, ho iniziato a canalizzare poco dopo aver completato un anno di intensa catarsi emotiva e di guarigione, lavorando con qualcuno che era sia un terapista che un sensitivo – avevo bisogno di svuotare la mia “nave” dal vecchio bagaglio prima che potessi diventare un canale pulito.

Io sono quello che è stato definito un “canale del cuore”: il cuore è dove avviene l’integrazione.  La mia pratica non è tanto informativa quanto esperienziale.

Ogni approccio alla canalizzazione ha pro e contro. Anche se sto attento a permettere attraverso le precise parole che Michael vuole, il lato intellettuale della mia canalizzazione è probabilmente un po ‘diluito a causa degli altri elementi che mi attraversano allo stesso tempo, in particolare il lavoro energetico..

Offro un servizio che chiamo “channeling coaching” per coloro che stanno imparando a canalizzare e hanno bisogno di supporto e incoraggiamento. Nella maggior parte dei casi, non hanno davvero bisogno di me – stanno già facendo la connessione, ma non si fidano di se stessi. Li aiuto a convalidarla.  La chiave per coloro che imparano a canalizzare è semplicemente esercitarsi molto, prendendo tutto ciò che ottengono con un pizzico di sale senza preoccuparsi troppo della precisione. È come disegnare in una classe d’arte, non preoccuparsi di un prodotto finale in quella fase.

QUALI ENTITA’ I CANALI PERCEPISCONO?

Einstein insegnò che la materia fisica non può essere distrutta, ma solo trasformata in energia, proprio come l’energia può essere trasformata in materia. Lo prenderei ulteriormente e dirò che la materia, e in effetti tutto nell’universo, su ogni piano dell’esistenza, è energia. Noi percepiamo la materia come tale perché vibra nella stessa porzione dello spettro energetico che facciamo. Le entità canalizzate non percepiscono la materia fisica nello stesso modo in cui lo facciamo eccetto quando sono canalizzate e hanno l’uso di occhi, orecchie e così via. Altrimenti, percepiscono l’energia nel modo in cui normalmente si troverebbero sul loro piano di esistenza, proprio come gli psichici vedono piani più alti in termini di piano fisico, poiché gli esseri umani non hanno mezzi per percepire direttamente piani più alti. La sostanza della vita fisica è la materia, la sostanza della vita astrale è l’emozione, e la sostanza della vita causale è l’intelletto. Sebbene questa sia una semplificazione eccessiva, si potrebbe dire che quelli sul piano astrale percepiscono il piano fisico in termini della sua sostanza emotiva, e quelli sul piano causale, in termini della sua sostanza intellettuale.

PREDIZIONI

Dal momento che il futuro, per definizione, non è ancora avvenuto, è impossibile fare previsioni coerentemente accurate. Alcuni sensitivi e fonti incanalate sono abili nel cogliere le probabilità in base a dove stanno andando le cose, ma dal momento che ogni individuo ha il libero arbitrio – le probabilità sono in costante cambiamento mentre facciamo delle scelte – nessuno lo sa per certo. Anche quando alcuni cambiamenti sono più o meno inevitabili, la forma che assumono e il modo in cui le persone reagiscono a loro non lo sono. Il tempismo è particolarmente difficile da prevedere, e anche quando diversi canali e sensitivi concordano nelle loro previsioni su eventi specifici, le date spesso variano.

Non sappiamo per certo quale sarà il futuro per noi stessi o per voi. Ciò rende il gioco della vita molto più interessante e stimolante. Se tutto potesse essere previsto in anticipo, dovremmo essere tutti automi e se siamo espressioni del Tao, allora anche il Tao sarebbe un automa. Fortunatamente, non è questo il caso. Non possiamo predire quello che gli altri faranno con sicurezza perché gli altri non sanno cosa faranno, e anche se pensano di saperlo, potrebbero cambiare idea. Possiamo solo dare le nostre migliori proiezioni in base a dove le cose sembrano andare, tenendo conto degli accordi e dei karma rilevanti. Questa è un’arte che stiamo imparando.

È un grande errore prevedere il futuro per scegliere bene ora. Affidarsi alle previsioni del futuro indebolisce la tua capacità di fare buone scelte. Quando pensi di aver capito tutto, puoi iniziare a vagabondare sulle nozioni preconcette piuttosto che giocare nel momento presente con tutta l’abilità e l’attenzione che puoi raccogliere.

Anche se gli eventi non vanno come previsto dalla nostra essenza e le previsioni si dimostrano quindi sbagliate, a volte le cose funzionano comunque meglio. 

Non mi associo all’idea che tutto funzioni per il meglio – i compiti più alti sono a volte ostacolati perché, di nuovo, le persone hanno il libero arbitrio – ma io credo che l’universo sia fondamentalmente benevolo, e nel suo insieme cospiri per  il nostro bene più alto se lo permettiamo. Forse a volte lo fa in modi in cui persino le nostre guide e la nostra essenza non sono consapevoli.

SIAMO RESPONSABILI

Nessuno su qualsiasi piano di esistenza è infallibile o conosce tutto ciò che dobbiamo sapere. Inoltre, tutti noi abbiamo la nostra esperienza della realtà e modi per descriverla. Non c’è giusto e sbagliato a questo riguardo, solo infinite sfaccettature di verità. Abbiamo molto da imparare gli uni dagli altri, e quelli su piani più alti di solito hanno più esperienza, maggiori risorse di informazione e una prospettiva più ampia di quella che facciamo sul piano fisico. Tuttavia, il loro consiglio è visto più accuratamente come proveniente da amici amorevoli che da una divinità. Nessuno è più “Dio” di chiunque altro.

Ognuno di noi è responsabile per se stesso. Sperimentiamo più crescita se non facciamo le cose semplicemente perché pensiamo che qualcun altro, incarnato o meno, ci abbia detto di farlo. È bene esaminare ciò che sentiamo dire dagli altri con apprezzamento e rispetto, ma non sempre sentiamo ciò che è effettivamente inteso, per una cosa. Ancora più importante, nessuno ci conosce meglio di quanto sappiamo noi stessi, almeno potenzialmente. Dobbiamo prendere le nostre decisioni ed i nostri errori e formarci la nostra comprensione, se vogliamo imparare a guidare saggiamente il corso delle nostre vite. Inoltre, i veri maestri non dicono alla gente cosa fare. Danno maggiore prospettiva e comprensione in modo che i loro studenti possano fare scelte ben informate. Fai attenzione a coloro che emettono ordini o che sono sicuri di sapere cosa è meglio per qualcun altro, anche se dicono che vengono canalizzati da un piano più alto.

RICONOSCERE LA VERITÀ

Il materiale incanalato, come tutto il resto, deve essere interpretato attraverso la comprensione dell’ascoltatore. A volte traiamo conclusioni o creiamo associazioni che non sono valide, o semplicemente fraintendiamo.  La verità è precisa; è altrettanto importante ascoltare ciò che non viene detto come ciò che è.

La capacità di riconoscere la verità è fondamentale. La verità è sempre associata all’amore. Ho una certa sensazione al riguardo. Non è necessariamente comodo, ma è penetrante e alla fine liberatorio.

Spesso la verità o il valore del materiale canalizzato non è pienamente chiaro fino al dopo. All’inizio può sembrare ingannevolmente semplice o generale.  Michael  mi dice:

Otterrai il massimo da questa sessione se rivedrai il materiale in una settimana o due. È difficile ricevere così tanti input in una volta. C’e’ una difesa contro il sovraccarico:  far sembrare meno quello che è. Questo è normale, ma spesso i nostri studenti scoprono che la canalizzazione è molto più significativa settimane o addirittura mesi più tardi. È il marchio di un buon insegnante (e aspiriamo a questo)  dare ciò che lo studente è quasi- ma non ancora pronto- ad ascoltare. In questo modo, promuoviamo la crescita. Ovviamente, il materiale diventa più significativo quando lo studente è effettivamente pronto.

Il modello di verità della nostra società occidentale si basa sulla polarità: qualcosa è o vero o non lo è, e se è vero, qualcos’altro deve quindi essere falso. Nella mia esperienza, due affermazioni che sembrano contraddittorie possono essere entrambe vere o, per lo meno, per lo più vere. Ho cercato di dimostrare questo in tutto questo libro.

Michael parla di verità personali, mondiali e universali. Questo concetto indica che qualcosa può essere vero per un individuo o anche per molti individui, ma non è vero per tutti nel mondo, per non parlare dell’universo.  La verità è infinita ed è quindi abbastanza vasta da contenere un numero infinito di sfaccettature. Qualcuno ha detto che la misura della grandezza di un’idea è il grado in cui anche il suo opposto è vero.

Se ci sono poli di verità assoluta e falsità assoluta, c’è un lungo continuum nel mezzo, le infinite sfumature di grigio tra bianco e nero. Ma più probabilmente, la verità assoluta e la falsità assoluta non esistono nell’universo dimensionale – solo nel Tao è la verità assoluta.  Un buon modello ci collega alla verità infinita che modella e, sebbene ciò non possa essere approfondito, può essere sentito. Più vicini siamo alla verità di noi stessi, meglio possiamo riconoscere la verità nei modelli.

LA PIÙ GRANDE PROSPETTIVA

Siamo nel bel mezzo di una trasformazione planetaria. Ci sono molti esseri non fisici che ci stanno assistendo, che lo sappiamo o no. Il channeling è un mezzo per lavorare coscientemente con loro. Spesso piu’ gratificati loro di stabilire una connessione con noi quanto lo siamo noi con loro. 

Usata in modo responsabile, la canalizzazione può essere uno strumento importante nella nostra crescita personale e collettiva.

Sia che ci chiamiamo o no canali, sta diventando sempre più essenziale che ciascuno di noi sviluppi le proprie connessioni interiori con l’universo più grande se vogliamo muoverci in modo creativo con i cambiamenti che si verificano.

Shepherd Hoodwin

***

PS: in questi tempi, troppe persone si identificano come canalizzatori e trasmettono alle persone messaggi spesso controversi o che incutono paura. E’ bene mantenere una buona centratura affinchè le energie dell’ego non abbiano il sopravvento.

Per la comunicazione con i Maestri ascesi, occorre una particolare attenzione..occorre non prendere alla leggere tutto quello che si dice di vedere o che si sperimenta…occorre una Guida.

altrimenti il  9°chakra spirituale, il Talu chakra o Lalana Chakra, uno dei ricettore della coscienza astrale,il conduttore principale nelle nostre comunicazioni con entità astrali, potrebbe “sovraccaricarsi” e “ostruirsi con varie influenze astrali”, trascinando la vibrazione dello sperimentatore a un livello assai basso e quindi squilibrato;

ma eliminando le false visioni, gli eccessivi desideri di “vedere a tutti i costi”  egli puo’ tornare, sotto la guida di un Maestro, ad una corretta percezione  e intuizione. Con soddisfazione di entrambi.

La Terza Lingua ha bisogno del supporto dell’anima che a sua volta ha bisogno dello Spirito….un Guru, una Guida, un Maestro sono di grande aiuto

***

IN CAMMINO…SI PARLERA’ E  SPERIMENTERA’….

***

  • APERTURA DELLO SPAZIO SACRO E DELLO SPAZIO SENSIBILE

secondo gli insegnamenti dei 10 Guru Sikh   per essere protetti e più intuitivi, più vicini al Divino che c’è in noi – Per ringraziare di questo spazio amorevole e consapevole  .   Esso si realizza con delle MUDRA ed alcuni MANTRA… COL PERMETTERE, INGLOBARE E LASCIAR ANDARE

I MANTRA CHE RIPETIAMO PER APRIRE LO SPAZIO SACRO sono molto potenti e di essi viene spiegato il significato e prima di recitarli viene invocato UN PURO INTENTO poichè avere una chiara intenzione permette di inviare all’universo ciò che vogliamo ottenere e con fede e fiducia lo otteniamo!

  • I GRADI DELLA CONOSCENZA:

 

  • ISPIRAZIONE-INTUIZIONE

 

  • LA MEDITAZIONE CREATIVA:

La Meditazione Creativa: Yogi Harbhajan

Quando la vostra mente è totalmente creativa, niente giunge a voi senza un fine, niente vi succede senza un fine. Niente vi lega con l’attaccamento al ciclo delle preoccupazioni e del dolore. Il successo diventa un’abitudine inconscia. La meditazione creativa è quando la mente creativa accetta sé stessa come parte dell’universo. Allora l’intero universo diventa parte di voi. Una mente creativa sa che, ovunque si trovi, può essere creativa. Quando diventate parte dell’universo, l’universo diventa parte di voi. Questa è la meditazione creativa – di minuto in minuto, di essere in essere, di luogo in luogo, di respiro in respiro.

Ogni respiro che entra dentro di voi entra per volontà` divina ed esce per volontà divina. Perciò, di cosa vi preoccupate?

Chi tra voi ha il potere di respirare? Cos’ è il respiro per voi? Respiro significa vita. È la vita. Cos’ è la vita? La vita è un bindu, un punto. Un punto a cui sono state date esistenza ed energia per percorrere in longitudine e in latitudine l’orbita del tempo su una specifica estensione. Il suo splendore dipende dalla sua vibrazione. Se vibrate come l’universo, siete umani universali. Se vibrate come una nazione, siete umani nazionali. Se vibrate come una città, siete cittadini.Se la vostra vibrazione è limitata, siete uomini limitati. Potete decidere. Tutto questo dipende da voi, potete scegliere. Se espandete la vostra mente, vi espandete. Se la vostra mente è contratta, siete contratti. La vita non è sotto il vostro controllo e la mente non è obbediente, ma c’è qualcosa a cui la mente obbedisce. È il ritmo del respiro. La mente sa che se il suo corpo non riceverà il respiro, non potrà più agire con il corpo.

Quando il respiro è lungo, profondo e lento, la mente è costante e concentrata. Quando il respiro è pesante, rapido e superficiale, la mente si disperde. Normalmente respirate quindici volte al minuto. Se riuscirete ad abituarvi a respirare otto volte al minuto potrete tenere il vostro umore e la vostra proiezione sotto controllo. È la meditazione più creativa che possiate fare. Espandete la mente e diventate parte dell’intero processo cosmico. Diventate creativi, non attaccati e senza preoccupazioni, ma non noncuranti. Tenete nel cuore la meditazione come una strada d’oro verso l’infinito,di cui si deve fare esperienza ogni giorno nell’attività pratica.

Tratto da: “Meditazione Creativa – Manuale di Yoga Kundalini per risvegliare ed equilibrare i sette chakra” a cura di Ravijeet Kaur

 

  • L’IPERCOMUNICAZIONE DELLA TERZA LINGUA E LA SCIENZA

L’Ipercomunicazione si manifesta su un piano più sottile, vale a dire sotto forma di ispirazione, di motore della creatività .E’ qualcosa di simile alla connessione ad una grande Rete come Internet. Tutti gli uomini possono averne accesso. Tutti abbiamo la possibilità di riprogrammare il nostro “biocomputer”  se rimaniamo nel PURO INTENTO

 Il nostro materiale ereditario comunica su questo piano. Ma anche nei nostri sogni possiamo accedere alla coscienza di gruppo più spesso di quanto pensiamo. Ci sono alcuni che sono esperti nell’utilizzo di queste potenzialità e altri che le usano come passatempo o non le usano affatto. Gli individui creativi sono in grado di attingere da questa fonte una profonda energia artistica o delle idee scientifiche o sviluppano capacità di canalizzare. L’informazione che diviene disponibile a una persona in stato di ipercomunicazione è corretta, ma mentre viene trasmessa si possono verificare vari gradi di distorsione dovute o a fattori fisici o perchè non erano comprensibili per il destinatario stesso.  Ecco perchè è importante che “il canale ricevente” sia consapevole e “pulito”

Questo diventa più facile se si lavora in uno stato Alpha-Theta insieme.

Questo per noi è maggiormente possibile durante una seduta di Yoga Nidra  così come nella Terapia del Suono, o Nada Yoga o nel praticare Reiki o nel “lavorare” con le creature Albero e Cristallo

L’aspetto più spettacolare di queste esperienze di ipercomunicazione, studiate dalla scienza, si possono misurare:

-sul piano cellulare si amplificano i canali di comunicazione che hanno a che fare con il magnetismo cunicolare. Il funzionamento di apparecchi elettronici, o registratori viene disturbato, carte magnetiche , se tenute vicine,vengono costantemente smagnetizzate.

-Il cervello di queste persone, che dallo stato alpha passa allo stato theta entra in uno stato che nell’EEG viene caratterizzato da un massimo compreso fra i 7 e gli 8 hertz.

E’ qui che si trova la frequenza elementare Schumann, vale a dire la prima risonanza terrestre.  In un simile stato si può arrivare ad esperienze transpersonali sul piano della coscienza umana di gruppo o di una qualsiasi altra coscienza terrena e non. Quello di cui stiamo trattando.

Tra i fisici girano voci che tale risonanza passerà a 13 Hertz per entrare in risonanza con la nuova griglia magnetica posta per la nostra ulteriore evoluzione. I maestri esoterici e spirituali sanno da millenni che il nostro corpo si può programmare con il linguaggio, le parole e il pensiero. Ora questo è stato provato e spiegato scentificamente. Il DNA umano è un internet biologico, superiore, sotto molti aspetti, a quello artificiale.

I nostri biologi molecolari erano riusciti a scoprire soltanto in parte la funzione della doppia elica del DNA e del nostro intero sistema genetico, avevano anche individuato parti che consideravano inattivo chiamandole “DNA cianfrusaglia ” perchè non riuscivano a spiegarsi la sua funzione.

Da anni la scoperta scientifica russa , rivalutando il “DNA cianfrusaglia o DNA rottame” spiega, direttamente o indirettamente, fenomeni quali la chiaroveggenza, l’intuizione, gli atti spontanei e la cura a distanza, l’auto-guarigione, le tecniche di affermazione, la luce o aure insolite intorno alle persone, l’influenza delle menti sui modelli climatici, la capacità di ipercomunicazione.

Approfondimento: Il DNA, dicono,può essere influenzato e riprogrammato dalle parole e dalle frequenze sonore senza sezionare e rimpiazzare geni individuali.  Questo dicono gli scienziati Piotor Garjajev, Frosar e Bludorf:

Secondo loro, il nostro DNA non solo è il responsabile della costruzione del nostro corpo, ma serve anche da magazzino di informazioni e per la comunicazione.

I linguisti russi hanno scoperto che il codice genetico, specialmente nell’apparentemente inutile 90%, segue le stesse regole di tutte le nostre lingue umane.

Per questo motivo, hanno confrontato le regole della sintassi (il modo in cui si mettono insieme le parole per formare frasi e proposizioni), la semantica (lo studio del significato delle parole) e le regole grammaticali di base.
Hanno scoperto che gli alcalini del nostro DNA seguono una grammatica regolare e hanno regole fisse come avviene nelle nostre lingue. Così le lingue umane non sono apparse per coincidenza, ma sono un riflesso del nostro DNA apparentemente inerente.

Anche il biofisico e biologo molecolare russo Pjotr Garjajev e i suoi colleghi hanno esplorato il comportamento vibratorio del DNA.

La linea finale è stata: “I cromosomi vivi funzionano come computer “solitonici/olografici” usando la radiazione laser del DNA endogeno”.

Questo significa che hanno fatto in modo di modulare certi modelli di frequenza con un raggio laser e con questo hanno influenzato la frequenza del DNA e, in questo modo, l’informazione genetica stessa. Siccome la struttura base delle coppie alcaline del DNA e del linguaggio (come si è già spiegato) sono la stessa struttura, non si rende necessaria nessuna decodificazione del DNA.

Uno semplicemente può usare parole e preghiere o mantra del linguaggio umano! Questo è stato anche provato sperimentalmente. (la preghiera di guarigione inviata e’ perfetta !)

La sostanza del DNA vivente (in tessuto vivo, non in vitro), reagirà sempre ai raggi laser del linguaggio modulato e anche alle onde radio, se si utilizzano le frequenze appropriate.

Infine questo spiega scientificamente perchè le affermazioni, l’educazione autogena, l’ipnosi e cose simili possono avere forti effetti sugli umani e i loro corpi.

E’ del tutto normale e naturale che il nostro DNA reagisca al linguaggio. Mentre i ricercatori occidentali ritagliano geni individuali dei filamenti del DNA e li inseriscono in un altro posto, i russi hanno lavorato con entusiasmo con dispositivi che possono influenzare il metabolismo cellulare con le frequenze modulate di radio e di luce per riparare difetti genetici.

In quel modo, l’informazione completa è stata trasmessa senza nessuna delle disarmonie o effetti collaterali che si manifestano quando si fa l’ablazione e si reintroducono geni individuali del DNA!

Questo rappresenta una rivoluzione e sensazione incredibili, che trasformerà il mondo! Tutto ciò applicando semplicemente la vibrazione e il linguaggio al posto dell’arcaico processo d’ablazione!  I maestri esoterici e spirituali sanno da millenni che il nostro corpo si può programmare con il linguaggio, le parole e il pensiero. Ora questo è stato provato e spiegato scientificamente. Certamente la frequenza deve essere quella corretta e a questo si deve il fatto che non tutti hanno lo stesso risultato o possano farlo sempre con la stessa forza. La persona deve lavorare con i processi interni e la maturità per poter stabilire una comunicazione cosciente con il DNA.

I ricercatori russi lavorano con un metodo che non dipende da questi fattori, però funziona SEMPRE, sempre e quando venga usata la giusta frequenza.

Però, quanto più è sviluppata la coscienza individuale, meno c’è la necessità di qualsiasi tipo di dispositivo! Si possono ottenere quei risultati da se stessi e la scienza finalmente smetterà di ridere di tali idee e potrà spiegarne e confermarne i risultati.

E non finisce qui. Gli scienziati russi hanno anche scoperto che il nostro DNA può causare modelli di perturbazione nel vuoto, producendo così “cunicoli” magnetizzati!

I “piccoli buchi” sono gli equivalenti microscopici di quelli chiamati ponti Einstein-Rosen nella vicinanza dei buchi neri (lasciati da stelle consumate).

Questi sono dei tunnel di connessione, fra aree completamente differenti dell’universo, attraverso i quali si può trasmettere l’informazione fuori dallo spazio e dal tempo. (VEDESI REIKI 2° LIVELLO CON I SIMBOLI CHIAMATI A VOCE ALTA!)

Il DNA attira quei frammenti di informazione e li passa alla nostra coscienza. Questo processo di ipercomunicazione è più efficace in stato di rilassamento.Lo stress, le preoccupazioni e l’intelletto iperattivo impediscono il successo dell’ipercomunicazione o ne distorcono completamente l’informazione rendendola inutile.

In Natura, l’ipercomunicazione è stata applicata con successo da milioni di anni. Il flusso di vita strutturato in “organizzazioni stato” di insetti lo prova drammaticamente. L’uomo moderno lo conosce solo ad un livello molto più sottile come “intuizione”. Però anche noi possiamo recuperarne a pieno l’uso.

Un esempio in Natura. Quando un formica regina è lontana dalla sua colonia, la costruzione continua con fervore e in accordo con la pianificazione. Tuttavia, se si uccide la regina, nella colonia tutto il lavoro si ferma. Nessuna formica sa cosa fare. Apparentemente, la regina invia i “piani di costruzione” anche da molto lontano per mezzo della coscienza gruppale dei suoi sudditi. Può stare lontana quanto vuole, fintanto che sia viva.

Nell’uomo l’ipercomunicazione si attiva quando uno improvvisamente riesce ad avere accesso ad un’informazione che è fuori dalla propria base di conoscenze.

A quel punto questa ipercomunicazione viene sperimentata e catalogata come un’ispirazione o intuizione.

Quando avviene l’ipercomunicazione,(come si puo’ avere con gli alberi, le guide ) si possono osservare fenomeni speciali nel DNA, così come nell’essere umano. Gli scienziati russi hanno irradiato campioni di DNA con luce laser. Nello schermo si è formato un modello di onde tipico. Quando hanno ritirato il campione di DNA, i modelli di onda non sono scomparsi, sono rimasti. Molti esperimenti di controllo hanno dimostrato che il modello proveniva ancora dal campione rimosso, il cui campo energetico apparentemente è rimasto di per se stesso. Questo effetto ora si denomina effetto del DNA fantasma.

Si presume che l’energia dello spazio esteriore e del tempo, dopo aver ritirato il DNA, fluisca ancora attraverso i “cunicoli”. La maggior parte delle volte gli effetti secondari che si incontrano nell’ipercomunicazione, anche degli esseri umani, sono campi elettromagnetici inspiegabili nelle vicinanze della persona implicata. In presenza dei quali i dispositivi elettronici, come attrezzature per CD e altri simili, possono essere alterati e smettere di funzionare per ore. Quando il campo elettromagnetico si dissolve lentamente, le attrezzature funzionano ancora normalmente. Molti curatori e psichici conoscono questo effetto dovuto al loro lavoro. Più si migliorano l’atmosfera e l’energia dell’ambiente più frustrante è che in quel preciso istante l’attrezzatura di registrazione smette di funzionare e di registrare. Il riaccendere e spegnere dopo la sessione non ne ristabilisce ancora la funzionalità totale che però il giorno dopo ritorna alla normalità.  Chissà forse leggere ciò risulta tranquillizzante per molti, in quanto non ha niente a che vedere con l’essere tecnicamente incapaci, ma significa semplicemente che sono abili per l’ipercomunicazione.

Gli scienziati russi hanno irradiato diversi campioni di DNA con dei raggi laser e su uno schermo si è formata una tipica trama di onde che, una volta rimosso il campione, rimaneva sullo schermo. Allo stesso modo si suppone che l’energia al di fuori dello spazio e del tempo continua a passare attraverso gli tunnel spaziali attivati anche dopo la rimozione del DNA.

Gli effetti collaterali più frequenti nell’ipercomunicazione sono dei campi magnetici vicini alle persone coinvolte. Gli apparecchi elettronici possono subire delle interferenze e smettere di funzionare per ore. Quando il campo elettromagnetico si dissolve, l’apparecchio ricomincia a funzionare normalmente. 

Molti operatori spirituali conoscono bene questo effetto. (REIKI 2° livello)

Grazyna Gosar and Franz Bludorf nel loro libro Vernetzte Intelligenz spiegano queste connessioni in modo chiaro e preciso. Gli autori riportano anche alcune fonti secondo le quali gli uomini sarebbero stati come gli animali, collegati alla coscienza di gruppo, e quindi avrebbero agito come gruppo. Per sviluppare e vivere la propria individualità, tuttavia, avrebbero abbandonato e dimenticato quasi completamente l’ipercomunicazione.

Ora che la nostra coscienza individuale è abbastanza stabile, possiamo creare una nuova forma di coscienza di gruppo. Così come usiamo Internet, il nostro DNA è in grado di immettere dati nella rete, scaricare informazioni e stabilire un contatto con altre persone connesse. In questo modo si possono spiegare i fenomeni quali telepatia o guarigioni a distanza.

Senza un’individualità distinta la coscienza collettiva non può essere usata per un periodo prolungato, altrimenti si ritornerebbe a uno stato primitivo di istinti primordiali.

L’ipercomunicazione nel nuovo millennio significa una cosa ben diversa. I ricercatori pensano che, se gli uomini con piena individualità formassero una coscienza collettiva, avrebbero la capacità di creare, cambiare e plasmare le cose sulla terra E l’umanità si sta avvicinando a questo nuovo tipo di coscienza collettiva.

Il tempo atmosferico è piuttosto difficile da influenzare da un solo individuo, ma l’impresa potrebbe riuscire dalla coscienza di gruppo (niente di nuovo per alcune tribù indigene).Il tempo viene fortemente influenzato dalla frequenza risonante della terra (frequenza di Schumann).

Ma queste stesse frequenze vengono prodotte anche nel nostro cervello, e quando molte persone si sincronizzano su di esse, o quando alcuni individui (Es.maestri spirituali) concentrano i loro pensieri come un laser, non sorprende affatto che possano influenzare il tempo. Una civiltà moderna che sviluppa questo tipo di coscienza non avrebbe più problemi né d’inquinamento ambientale, né di risorse energetiche; usando il potere della coscienza collettiva potrebbe controllare automaticamente e in modo naturale l’energia del pianeta. Se un numero abbastanza elevato di individui si unisse con uno scopo più elevato, come la meditazione per la pace, si dissolverebbe anche la violenza :  Ecco il fine del percorso della TERZA LINGUA !

www.fosar-bludorf.com

-NUOVE SCOPERTE SCIENTIFICHE: INTENZIONE, MOTIVAZIONE, VISUALIZZAZIONE, EMPATIA, INVIO DI PENSIERI AMOREVOLI, ESSERE TESTIMONI DELL’AGIRE DI DIO

 

  • NOSTRI CENTRI E CAMPI ENERGETICI

I 10 CORPI DEL RAJA YOGA :

Secondo la scienza del Raja yoga abbiamo 10 Corpi, essi comprendono l’intero sistema energetico dell’essere umano
Ognuno di essi ha una sua qualità specifica.   Noi siamo anime che sperimentano un’esperienza umana in viaggio sulla via del ritorno alla sorgente.  Il progresso dell’Anima chiede il sostegno della mente e del corpo.
L’anima della persona viaggia attraverso i vari corpi e in ciascuno di loro trova il suo lato evolutivo.
Conoscere le qualità e le energie di ciascuno di questi corpi ci aiuta nella nostra evoluzione, ci aiuta a conoscerci meglio e ad avvicinare le persone, a comprendere meglio le nostre e le loro potenzialità, i blocchi,le paure, le armonie, i talenti etc…
essi sono:

Il Corpo dell’Anima-La Mente negativa-La Mente positiva-La Mente neutra- Il Corpo fisico- La Linea d’Arco- l’Aura- il Corpo Pranico- il Corpo Sottile- il Corpo Radiante

 

  • I CHAKRA VEDICI:

Abbiamo 14 chakra principali, ma noi parleremo solo di 9

I nostri “9 modi di essere” I livelli di consapevolezza sono determinati dall’identificazione dell’anima con i nostri centri vitali detti anche chakra o ruote energetiche che sono posti lungo la linea della spina dorsale ed esprimono questo potenziale .I chakra sono manifestazioni astrali della forza della vita ed essa fluisce attraverso di loro per regolare i processi interni. questa stessa identificazione influenza i poteri di percezione e funzionalità.

Abbiamo 14 chakra principali: 7 sul corpo fisico e 7 sopra il nostro corpo, sulla testa. Al Corso parleremo, per ora solo di 7 chakra fisici + 2.   I due chakra, collegati a Visuddha chakra sono :

l’8° chakra o CHAKRA BINDU

e il 9° chakra o LALANA CHAKRA CHE MAGGIORMENTE CI POSSONO AIUTARE ESSENDO COLLEGATI AL 5° CHAKRA QUELLO DELLA COMUNICAZIONE.. che per loro diventa quella piu’ elevata…

E’ l’8° chakra o CHAKRA BINDU che fungerà da centro di controllo e comando per la mutazione del corpo fisico e la fusione dei corpi energetici.

 

  • IL LINGUAGGIO DELL’AURA

 L’Aura è il nostro settimo Corpo dello Raja Yoga.

L’aura, dice KRYON non è un campo magnetico e non la si può vedere con una strumentazione per il magnetismo. L’aura è il risultato della confluenza della comunicazione del DNA con il corpo Umano, un imprinting quantico, una fusione di energia che crea un campo quantico che sul pianeta ancora nulla riesce a misurare. Vi dico queste cose perché dovete comprendere che ciò che avviene nel DNA succede tutto in una volta in ogni suo strato di energia. Pensate che coordinamento, che puzzle. Se avrete un qualche tipo di nuova attivazione esoterica all’interno del vostro DNA, pensate a ciò che deve aver luogo! Centinaia di trilioni di parti la ricevono tutte in contemporanea. Aura circonda il corpo umano, animale, vegetale, minerale… anche gli oggetti…L’Aura cambia costantemente.

Le sorprendenti ricerche condotte dall’autore Goran Tasic,dimostrano che l’aura umana può espandersi nello spazio fino a distanze enormi che superano il diametro del nostro pianeta o quello del sistema solare. Il fenomeno naturale dell’espansione dell’aura rappresenta un’esplosione cosmica in miniatura della scintilla interiore, un fatto difficile da spiegare e da comprendere in base alle comuni conoscenze scientifiche. …Lo sviluppo spirituale dell’uomo, egli dice,  senza l’avvio dello sviluppo del corpo dell’aura è come un giorno senza sole, un albero senza frutti… perciò è molto importante sviluppare con successo l’aura …

L’Aura dà molteplici indicazioni sull’individuo e vibra di molti colori. Il colore sembra essere una caratteristica vibrazionale della materia e la nostra anima sembra rifletterlo nel mondo tridimensionale attraverso modelli atomici. Noi siamo dei modelli e proiettiamo colori per chi può vederli.Il colore è luce e la luce è la manifestazione della creazione. I colori sono vibrazioni di forze spirituali. La prima Aura attorno al corpo Fisico è quella eterica ed è il nostro involucro protettivo. La seconda è quella astrale o emotiva ed è formata dalle nostre emozioni.La terza Aura è quella mentale ed è formata dai nostri pensieri. I colori delle aure astrali e causali (mentale) sono soggettivi, ognuno ha il suo. Se si è in armonia i colori saranno chiari e stabili. I chiaroveggenti o sensitivi riescono a leggere, dai colori dell’Aura, anche i tipi di malattie e dei residui karmici che la persona porta con se. Uno di questi era Edgar Cayce. Presto, dice Edgar Cayce, andremo avanti nella scala della nostra evoluzione. A cosa condurrà questa evoluzione? A vedere anche l’Aura!  E a chi gioverà tutto questo? A tutti.

E’ difficile proiettarci in un mondo in cui le persone possono vedere reciprocamente le virtù, gli errori, le debolezze, la forza, le malattie, i dolori o l’imminente successo. Noi stessi ci vedremo come gli altri ci vedono. E potremo migliorare cercando di trasformare le nostre Aure in una luce bianca e pura. Se la nostra Anima fosse in perfetto equilibrio tutte le vibrazioni dei nostri colori si fonderebbero e avremmo un’Aura composta da Puro Bianco.

 

  • LA SPIRITUALITA’ E IL CORPO QUANTICO

CHI SIAMO- COSA CI FACCIAMO QUI SULLA TERRA?

Uno degli effetti che la spiritualita’ puo’ dare alla vita di una persona e’ quello di non PROVARE piu’ nessun rancore, di non avere piu’ rabbia o odio verso qualcuno perche’ lo stato di pace, di tranquillita’, lo stato di unione, di interconnessione che si raggiungono quando si e’ in queste condizioni va oltre le varie particelle emozionali che ci sono nel regno materiale, contenute nella mente.  Si arriva ad una neutralita’ rasserenante

Ogni persona va oltre e riconosce nell’altro un essere spirituale da onorare,cio’ conduce ad una variazione nella struttura stessa del fisico, nella fisiologia e nella biochimica. Il contatto con il proprio guaritore interiore  apporta profondi cambiamenti nella vita di una persona. Alcuni sono diventati perfino psicoterapeuti spirituali, hanno capito che la guarigione e’ dovuta al loro collegamento con Dio, cioe’ con la loro parte spirituale.

Un concetto interessante e’ che si puo’ convivere con una malattia a livello fisico ed essere guariti a livello spirituale .Cio’ porta come conseguenza uno stato di salute ottimale e anche la’ dove la malattia e’ grave, sicuramente non peggiorera’ . Nello stato virtuale, spirituale, non esiste la malattia e quindi nessuno che debba essere guarito. Altro fattore importante nelle guarigioni basate sulla spiritualita’ e’ dato dall’ambiente, quindi dal sostegno sociale, dal gruppo a cui si appartiene…e dalla natura

Quando siamo in contatto con la natura, con gli alberi, con un bosco con i suoni di un ruscello i canti degli uccellini, stiamo ricevendo informazioni di particelle emozionali pacifiche, prive di malvagita’, piene di positivita’, di gioia e di amore e quindi che rientrano nel flusso ben preciso delle leggi spirituali Evidentemente noi, senza accorgercene cominciamo a sentire la stessa vibrazione di pace e di tranquillita’: il passaggio di informazioni quantiche dall’ambiente al nostro corpo quantico, e’ gia’ avvenuta.

Per cui anche un sostegno religioso, un sostegno di un gruppo spirituale, puo’ agire a livello subliminale sul corpo quantico di ogni persona piu’ o meno   (Ad esempio sono stati fatti degli esperimenti e si e’ visto come la fede accelera la guarigione dalla depressione, dalle paure, e da molte altre malattie specie quelle cardiache)

Maggiori sono l’intenzione e l’Attenzione nel volere una guarigione, piu’ rapido sara’ l’effetto creativo. L’azione immediata a distanza di una cura (vedesi REIKI) o di una intenzione, grazie alla legge della non-localita’ da’ ragione degli effetti terapeutici a distanza come lo puo’ fare anche la preghiera diretta o per intercessione

Dopo  22 anni di pratica, di masterato e di ricerca, abbiamo potuto constatare che l’energia del Reiki se ricevuta e donata correttamente puo’, con la pratica, portare a sviluppare doti extrasensoriali, poiché praticando con purezza, si diventa piu’ meditativi, piu’ intuitivi, piu’ compassionevoli…”piu’ collegati con la Sorgente”…

Possiamo scoprire meglio chi siamo e perche’ siamo qui.

 

  • I CANALI DEL LINGUAGGIO DELLO SPIRITO :

onde betha, alpha, theta, deltha e gamma

Tutti gli stadi della nostra coscienza sono dovuti all’incessante attività elettrochimica del cervello, che si manifesta attraverso “onde elettromagnetiche”: le onde cerebrali, appunto.  La frequenza di tali onde, calcolata in ‘cicli al secondò, o Hertz (Hz), varia a seconda del tipo di attività in cui il cervello è impegnato e può essere misurata con apparecchi elettronici. Gli scienziati suddividono comunemente le onde in “quattro bande”, che corrispondono a quattro fasce di frequenza e che riflettono le diverse “attività del cervello”. Esse sono: Le onde betha, alpha, theta, deltha e gamma.

 

  • I SENSI SOTTILI

Empatia, chiaroveggenza, chiaraudienza, senso profetico  ma anche intuizione, propriaccezione, interoccezione, la mente o “sesta porta dei sensi”…

Abbiamo più sensi di quanto pensiamo.

L’intuizione è una sorta di senso e comprende molte cose più rapidamente ed efficacemente che non la mente poichè essa ha in più la VISIONE DELL’INSIEME. La propriocezione- la conoscenza che il corpo ha della propria collocazione e posizione nello spazio-è un senso.  L’interocezione-la sensazione generale del corpo come di un unicum intero- è un senso. La mente stessa può essere considerata un senso, infatti i buddhisti la definiscono “La sesta porta dei sensi”. Senza la mente anche gli organi di senso perfettamente intatti-gli occhi, le orecchie, il naso, la lingua e la pelle- non darebbero immagini utilizzabili del mondo in cui abitiamo.

Ciò che vediamo, udiamo, gustiamo odoriamo, tocchiamo va conosciuto e noi lo conosciamo solo nell’interazione fra l’organo di senso stesso e ciò che chiamiamo mente, quella misteriosa funzione cognitiva senziente e cosciente che include il pensiero, ma non si limita al mero pensiero.

Non è quindi sbagliato se definissimo il nostro sesto senso “consapevolezza” invece che mente.

Alla consapevolezza appartengono i Sensi Sottili.

L’uomo spiritualmente e completamente evoluto è in risonanza con la nuova griglia magnetica planetaria, è aperto a tutti i suoi sensi sottili, ha una grande apertura di cuore e riesce ad integrare, trasformare o trasmutare tutti i blocchi, tutti gli schemi di credo o convinzioni, tutti i programmi che impedivano questa meravigliosa apertura del cuore. E’ una metaprogrammazione del SE’

L’Empatia è un senso e si “colloca” nel plesso solare e rappresenta la capacità di percepire e di connetterci alle emozioni altrui in modo istintivo attraverso la proiezione del nostro campo elettromagnetico

Il senso della chiaroveggenza usa l’energia del “terzo occhio”, in corrispondenza con gli altri centri del corpo. Con questo senso abbiamo la capacità di vedere oggetti o eventi non percepiti dai “normali sensi”. E’ la visualizzazione degli occhi della mente.

Molti chiaroveggenti hanno la capacità di leggere i pensieri degli altri usando la telepatia. I chiaroveggenti riescono a vedere anche “dentro” ai corpi delle persone.

Il senso chiarudiente permette di udire suoni o parole non percepiti dal normale udito. Con questa abilità riusciamo ad ascoltare i messaggi “di entità Angeliche o guide”.

E’ l’ultimo dei sensi psichici a svilupparsi. A volte “le voci” non vengono sentite dall’orecchio ma percepite come forme di pensiero o come vibrazione intorno a noi che partono dal cuore.

Il senso profetico è il dono che rivela o predice con certezza usando l’ispirazione Divina. Quando riusciamo a connetterci con il nostro Sè Divino diventiamo profetici, impariamo a congiungere tutti i sensi psichici e accedere allo stato Theta del cervello.

I chakra di cui abbiamo parlato sopra sono i nostri potenziali energetici in cui risiedono i nostri sensi psichici, i nostri sensi sottili.

I chakra Spirituali possono essere considerati “chakra profetici” poichè è dall’8° chakra che le abilità del nostro sè superiore iniziano ad attivarsi.

 

  • LE ONDE ALPHA e THETA, LO YOGA NIDRA E LA VISUALIZZAZIONE CREATIVA

“Devo ringraziare la visualizzazione per tutto ciò che ho inventato. Gli avvenimenti della mia vita e le mie invenzioni sono reali davanti ai miei occhi, come qualunque evento o oggetto. In gioventù ebbi paura di non sapere ciò che fosse, ma più tardi imparai a usare questo potere come un talento eccezionale e un regalo. Lo nutrivo e proteggevo gelosamente. Feci anche le correzioni per mezzo della visualizzazione alla maggior parte delle mie invenzioni, e così le completavo. Mediante la visualizzazione risolvo mentalmente le equazioni matematiche complesse. Per questo dono che ho, ricevo il titolo di Alto Lama in Tibet. La mia vista e l’udito sono perfetti, e oserei dire persino più forti che negli altri. Sento un tuono a 150 chilometri di distanza e vedo colori, nel cielo, che altri non possono vedere. Questa ampiezza di visione e di udito ce l’ho da quando ero bambino. Più tardi l’ho sviluppata coscientemente”

  (N. Tesla)

 

  • ENTRARE NELLO STATO CONCENTRATO DI COSCIENZA PER L’IPERCOMUNICAZIONE ATTRAVERSO I SENSI SOTTILI

Attraverso visualizzazioni o “visioni” o “sensazioni uditive” ci inoltreremo in un mondo che prima ci pareva inesistente.  Questo è il riconoscimento del potere che può risiedere nell’ Anima dell’Umano quando si evolve.  Tuttavia, qui non si vuole parlare di abuso dei poteri divini, oggi tanto di moda, poichè riteniamo che le capacità umane che si discostano dalle Leggi divine non possono perdurare nel tempo. Il Contatto energetico con Le Entità di Luce è un Dono.  I Doni arrivano da una profonda apertura del cuore e da una elevata intenzione  Chi rimane nell’Energia del cuore sarà sempre umile,onesto,sereno gentile e GRATO.

Gli umani creano le proprie situazioni di apprendimento e Entità molto più evolute di loro come Angeli, Maestri Spirituali, o anche i loro Sè più evoluti possono guidarli e aiutarli nella loro crescita spirituale. La comunicazione con loro spesso accade spontaneamente, inaspettatamente, a volte occorre un aiuto. Comunque sono Decine e centinaia le Persone serie nel mondo ci dimostrano come sia possibile comunicare con loro. Come sia possibile una ipercomunicazione a molte vie. E’ quello che con PURO INTENTO vogliamo anche Noi.

….TUTTAVIA

Parafrasando ALCUNI MAESTRI vi diciamo che “non è il nostro compito quello di provare che si può parlare con i Maestri Guida o con Gli Individui Albero o con gli Individui Cristallo o con Gli Uomini attraverso la telepatia.  Non abbiamo personalmente alcuna base scientifica, nessuna prova per quello che vi diciamo se non la nostra personale esperienza e non abbiamo bisogno di avere ragione, nessuno dunque potrà affermare che abbiamo torto”.

Ci sentiamo solo di incamminarvi verso la sperimentazione individuale.  Verso esperienze che abbiamo vissuto e che saranno comunque diverse per ognuno di noi.

Ego, Guru, Guida

Estratti da una conferenza di Kundalini Quarterly, Summer Solstice 1976 Bicentennial Issue di Yogi Bhajan

Perché vuoi trovare Dio? Dio ti ha già trovato. Sei solo qui su questa Terra per cominciare a causa sua. È incredibile cosa a volte ti lasci credere. Anche se tu potessi trovare Dio, cosa faresti con Lui? Non è una noce di cocco che puoi mangiare.

Dio non è altro che la tua coscienza interiore. Ora sono d’accordo con te sul fatto che non puoi sempre sentire Dio, ma è perché pensi di essere separato da Dio. Lo chiamiamo maya. Maya è l’illusione della separazione; sono le sabbie mobili di questa vita.

Ogni volta che dimentichi di avere la capacità di essere una parte di Dio, allora ti disconnetti da Dio, ed è molto solo e molto doloroso. È molto sfortunato. Perdi il contatto con la tua guida e sprofondi nelle sabbie mobili. Senza la guida, non ci può essere l’autodeterminazione. Senza l’autodeterminazione, non ci può essere alcun risultato. Senza successo, non può esserci conoscenza. Senza conoscenza, non può esserci consapevolezza. Senza consapevolezza, non può esserci radianza. E senza radiosità, potresti anche essere un animale.  Hu significa luce;l’uomo significa mente. Un essere umano è un essere di luce mentale, un essere della mente e del corpo. Ma per sperimentare te stesso come essere umano, devi condizionare la tua mente per sperimentare l’Infinito.

La vita fa una domanda a cui bisogna rispondere. La vita dice all’ego: “Sei venuto con me in questa vita, ma non puoi venire con me nella morte. Devo usarti per aiutarmi a portarmi attraverso, ma non posso portarti con me quando me ne vado. “Questo è l’enigma dell’ego con cui ci troviamo di fronte. La vita appartiene alla terra di là; l’ego ti è dato come compagno in modo che tu possa percorrere la strada verso la terra al di là, ma l’ego non può venire con te. Né l’ego può dirigere il tuo viaggio, perché l’ego non sa dove stai andando. L’ ego non può sapere di appartenere agli eteri, perché l’ego non è un prodotto degli eteri; è un prodotto di questa Terra. È un amico e un compagno da portare in viaggio; non è il conducente della macchina. Ma ciò non significa che il conducente del sedile posteriore non provi a guidare.

È necessario prendere il controllo di questo driver sedile posteriore e impegnarsi a destinazione. Senza questo impegno, la vita non ha essenza, la vita non ha gioia, né può esserci alcun risultato. Se sei impegnato solo su questa Terra, alla fine non puoi goderti la vita, perché la tua vita deve andare oltre questa Terra. Potresti ottenere un successo mondano, ma i risultati mondani sono solo per questo mondo. Solo la conquista spirituale ti porterà attraverso questa vita in un’esperienza di illimitatezza della tua esistenza. Più sperimenterai la tua anima, più potrai fonderti in quell’universalità da cui sei venuto. Ecco perché hai un Guru: così puoi conoscere e sperimentare la tua anima. È lo spirito di guida che ti permette di raggiungere il tuo destino e diventare grande.

Hai bisogno di questo Guru, questa guida, non per possederti, ma per guidarti. Hai bisogno di questa guida per apprezzarti, ispirarti e correggerti quando ti sbagli. Il Guru è come una bussola: ti dirà dove è il Polo Nord e dove sei in relazione con esso, ma non ti porterà lì. Stabilisce una relazione tra te e la tua coscienza infinita in modo che tu possa avere quella guida da seguire nella tua vita. 

Il Guru dovrebbe togliere il tuo dubbio e l’oscurità. Dovrebbe riaccendere il tuo spirito e reindirizzare verso il tuo obiettivo. Dovrebbe ricordarti che cos’è la realtà, e tenerti diretto verso quella realtà. Dovrebbe ricordarti la tua energia e ricordarti della tua vita in modo da farti gli affari tuoi e andare avanti. Questo è il lavoro del Guru, colui che ha l’abitudine di dire la verità infinita in tutte le circostanze. Poiché il Guru non può essere misurato, ti apre e mette alla prova il tuo ego finito e misurato contro l’infinito senza misura. Ti farà faticare, ma ti manterrà sulla via della rettitudine.

Se Dio dà qualcosa a questa Terra, vuole indietro quella stessa cosa. Questa è la sua natura. E i più vicini a Dio sono quelli che possono capirti per quello che sei e ricordarti chi sei quando lo dimentichi.

Il mondo non è un mistero, è una gioia da sperimentare; ma il nostro ego non ci farà godere la nostra visita su questa terra. Il Sé Infinito ci viene regalato come un dono, ma non ci crediamo. Nel momento in cui credi nel Sé, in quel momento sei illuminato. Quando sperimentate il Sé, allora sapete che dovete andare e continuate ad andare avanti. Altrimenti, sei bloccato qui. La liberazione non sta andando nel regno di Dio da questa terra. Non esiste affatto un regno del genere. Il regno di Dio è giusto dove sei ora.

Il Guru è una guida che può portarti dall’oscurità alla luce. Il Guru è un oceano in cui puoi totalmente unirti e uscire pulito e lavato. Il Guru è una riserva di know-how tecnico in cui puoi andare e prenderti cura di te per essere di nuovo in forma per assumerti la responsabilità di questo pianeta. Il Guru è la camera segreta del tuo sé interiore in cui puoi confidare i tuoi più grandi segreti e essere guidato nella luce della rettitudine. Coloro che si qualificano secondo questi criteri sono veramente i benedetti che sono venuti per servire l’umanità e portarci attraverso i tempi.

*** 

Il Cammino evolutivo dell’anima, alla luce delle nuove scoperte fatte dalla fisica quantistica

Il dott. CELANO EMMANUEL desidera affrontare il tema del cammino evolutivo dell’anima, alla luce delle nuove scoperte fatte dalla fisica quantistica.

Parliamo di Energia, Spazio-Tempo, Coscienza, Spirito, Anima, Consapevolezza e Karma con l’aiuto della fisica quantistica 

Esiste un Unico Organismo vivente, una sola coscienza cosmica in cui tu ed io stiamo vivendo all’unisono in un eterno presente. Questo eterno presente è costituito da infiniti mondi spazio-temporali nei quali sperimentiamo tutte le nostre vite sincroniche. Le nostre vite, che pensiamo esperire una dopo l’altra, in realtà sono riconducibili ad una unica esperienza del sè contemporaneamente. La sensazione di una linearità del tempo ci fa cadere nell’illusione di prima e di un dopo. Vedremo come l’illusione del movimento è data dalla scia che ha lasciato l’energia di espansione e che chiede all’anima in ogni incarnazione di liberarsi dai suoi legali materiali.

In realtà è come se morissimo e nascessimo in un anello dello stesso cerchio dove la distanza tra il centro, o coscienza cosmica, e la nostra coscienza rimane invariata, mentre il nostro Sé collegato alla nostra anima sperimenta infiniti karma fino a che non incontra nuovamente se stesso in questo virtuale giro di giostra intorno all’Uno.

In questo senso il karma genera la reincarnazione.

Vita dopo vita la nostra anima sceglie di ri-nascere contenuta in un corpo sottile, corpo sottile che ci protegge, senza il quale la nostra anima sarebbe fusa con l’essenza dell’universo. Questa fusione tuttavia non può avvenire fino a che non sia stata “ceduta tutta l’energia” generata dal ciclo delle rinascite, che è sincronico al presente.  Ad ogni trasformazione o bardo della morte che provoca un trasferimento di energia, l’entropia aumenta, perché l’equilibrio può solo crescere.

Il concetto di energia collegato all’anima è fondamentale. La parola anima deriva infatti da due radici ANI + MA che significano in fenicio – ebraico – antico – samaritano, ANI = IO SONO (l’essere) e MA = Materia Matriciale (matrice di tutte la materia ) o Energia. L’anima è quindi unione di corpo o materia ( io sono ) e spirito ( energia ) Il “modo” in cui si sceglie di osservare l’anima, in sostanza, determina ciò che si vedrà”, o corpo o spirito. La coscienza così importante nella fisica quantistica è divenuta un elemento fondamentale dell’universo perché rende consapevole il corpo dello spirito e lo spirito del corpo. E’ il ponte di unione tra corpo e spirito. La scienza del passato invece vedeva solo il corpo e non vedeva lo spirito né tanto meno sapeva come correlarle.

La nostra coscienza, tuttavia pur così importante, è limitata fino a che si muove in una spirale di rinascite, non è ancora consapevole … e nel palcoscenico della Terra spazio-temporale, dimentica ogni volta le esperienze passate. Questa mancanza spinge l’anima a generare un continua energia per la coscienza. Una sorta di incoraggiamento, necessaria a chi crede di dover ancora trovare le risposte, risposte che noi chiamiamo Karma.

Il karma è la percezione di un’esperienza passata e di una risposta emozionale così che noi, o la ripetiamo ancora ed ancora e generiamo nuovamente energia o ci asteniamo e ci avviciniamo maggiormente alla quiete.  L’uno infatti è quiete, è quanto di più vicino allo zero assoluto.

L’anima non si può fondere con l’Uno se è ancora vincolata dalla ruota del karma / Energia che è animata da azione e reazione. Fino a che le azioni e reazioni saranno continuate in “una linea orizzontale” che contraddistingue la materia, esse genereranno sempre nuovo karma. Quando le azioni e reazioni saranno esaurite, e l’anima non dovrà generare più energia per la coscienza, si genererà un campo ad energia prossima allo zero. Ricordiamo che l’energia era richiesta per la co-creazione di infiniti sé per ogni combinazione spazio-temporale possibile ( visto che tutto accade in un eterno presente ). In questo campo prossimo allo zero, che possiamo chiamare campo z (o campo zero), finiremo di co-creare e riusciremo a cogliere quell’istante come “unico” e meravigliosamente capace di guarire nell’amore tutte le nostre vite sincroniche.

Solo allora vibreremo in armonia con le infinite “linee circolari” proprie dello spirito che si diffondono nell’universo come un messaggio preciso e la nostra anima sarà pronta a fare un salto quantico fuori dallo spazio tempo per essere trasportata in un centro, senza centro, unificandosi con la coscienza cosmica dell’assoluto. 

Glossario dei termini utilizzati :

Materia = onde di possibilità tra cui la consapevolezza può scegliere

Tempo = trasformazione dell’energia in materia ( anche se in realtà tempo e spazio non esistono e passato e futuro sono solo una illusione. Esiste solo il momento presente)

Coscienza = rende consapevole il corpo dello spirito e lo spirito del corpo. E’ il ponte tra corpo e spirito. Il motore della coscienza è un campo di energia pulsante o campo unificato.

Spirito = Spiritus o soffio, spirito vitale, respiro … determina i moti dell’anima, ne è la sua componente volatile.

Anima = evocazione delle esperienze dell’unione di corpo e spirito. La parola anima è divisibile in due parti “Ani” + “Ma” ovvero corpo + spirito ( “ani” in ebraico antico significa io sono e “ma” significa materia matriciale, matrice di tutte le materie o Energia). La parte “sottile” che governa tutte le nostre coscienze in ogni multiverso esistente e che agisce come “collante” tra corpo e spirito è l’anima.

Consapevolezza = il mediatore tra la coscienza e la materia. Non implica la comprensione ma solo l’intuizione della VERITA’ con la V maiuscola. Fornisce il materiale grezzo a partire dal quale si può arrivare a scoprire la parte non visibile o inconscia. Quando la parte invisibile o inconscia diviene chiara si manifesta l’illuminazione.

T = E –> M

Se il Tempo è energia che si trasforma in materia, in assenza di tempo ( ed il tempo ricordiamo che non esiste ) l’energia non ha più un compito, ridondante a sè stessa permane come campo unificato o coscienza. Tutte le Anime “attingono” da questo campo unificato e ne sono attratte fino al ricongiungimento. L’anima non muore mai ed attende solo di fare un salto quantico fuori dallo spazio tempo per essere trasportata in un centro, senza centro, unificandosi con la coscienza cosmica dell’assoluto. 

Il karma è la percezione di un’esperienza passata e di una risposta emozionale così che noi, o la ripetiamo ancora ed ancora e generiamo nuovamente energia o ci asteniamo e ci avviciniamo maggiormente alla quiete.  L’Uno infatti è quiete, è quanto di più vicino allo zero assoluto.

Tutto è elettricità. All’inizio fu la luce, fonte senza fine da cui proviene la materia ed è distribuita verso tutte le forme che rappresentano l’Universo e la Terra con tutti i suoi aspetti della vita. Il nero è il vero volto della Luce, solo che non lo vediamo. È una notevole grazia per l’uomo e le altre creature. Ognuna delle loro particelle possiede luce, termica, forza nucleare, radiazione, chimica, meccanica e l’energia ancora non identificata. Ha il potere di creare la Terra con la sua orbita. È l’autentica leva di Archimede.  Io Sono elettricità. o, se lo preferisci, io sono la luce nella forma umana. Anche tu sei elettricità

Il corpo dell’uomo e il cervello sono composti da una gran quantità di energia. In me esiste in maggior parte l’elettricità. L’energia, che è differente in ogni persona, è quello che rende l’essere umano “io” o “anima”. 
(Nicola Tesla)

 

 GRAZIE DI AVER LETTO!

Spazio Sacro

Spazio Sacro : contatti

Ass. Cult. Spazio Sacro

Studio e Sperimentazione Medicine Analogiche

via Vaccaro 5 - 40132 BOLOGNA
TelFax. 051-2984217
Cell. 333-8423018

info@spaziosacro.it

Soci e Privacy

I nostri soci sono :  

Diventa socio anche tu

Iscriviti [ click qui ]

Per la PRIVACY POLICY del sito visitare questo link:
Vedi Privacy Policy/

RSS FEED SPAZIOSACRO

I nostri Feed

RSS :

calendario medicine alternative italia articoli medicine alternative blog blog spazio sacro eventi spaziosacro rss feed trova la cura naturale

 

 

spaziosacro
Benvenuti su www.SpazioSacro.it
reiki

Reiki


Reiki è una potente Arte di cura con le mani che usufruisce dell'Energia Vitale Universale.
[ Continua ... ]

breathwork

Breathwork


Il lavoro sul Respiro. Il respiro aiuta il Corpo, la mente e le emozioni. Per raggiungere armonia ed equilibrio -
[ Continua ... ]

reiki

Cristalloterapia Ayurvedica


I Cristalli agiscono per "informazione".
Sono Essi stessi l'informazione da dare [ Continua ... ].

reiki

Numerologia Tantrica


La Numerologia Tantrica è una Scienza Sacra della tradizione del Kundalini Yoga.
[ Continua ... ]

Scuola di Naturopatia [ click qui ] Alcuni tra i nostri seminari / corsi :
Se ti piace il nostro sito votaci :
Utilizziamo i Cookie : Privacy Policy
×
NEWSLETTER
Iscriviti alla nostra Newsletter
e ricevi le ultime notizie, corsi ed eventi sul Mondo Olistico in Italia
I tuoi dati non verranno ceduti a terzi. Rispettiamo la tua privacy!