Se ti piace il nostro sito votalo adesso con un click sul pulsante Google +1 qui sotto :


Le emozioni che vengono maggiormente represse

Le emozioni che vengono maggiormente represse: 

Rabbia:quando abbiamo creato delle aspettative che non si sono realizzate;

Amarezza:qualcosa che abbiamo immaginato, e che non è accaduto;

Paura:davanti alla sofferenza anche immaginaria ( dietro le spalle abbiamo le sofferenze, cosi la nostra mente è sempre in guardia);

Rimpianto:per delle occasioni perse, comportamenti non adeguati alle situazioni;

Senso di impotenza:non riesco a fare niente. Frustrazione;

Delusione:per molto tempo abbiamo creduto in un qualcosa, che si è verificato non cosi come lo credevamo;

Preoccupazione:del fatto che in ogni momento posso agire in maniera sbagliata, qualcosa può andare storto;

Confusione / Perplessità:le persone sono diventate testimoni del mio errore (detto, fatto);

Invidia / Gelosia:altri hanno qualcosa che io non ho e questo non mi da pace;

Risentimento:non sono stato capito, sono stato rifiutato;

Spavento:successo qualcosa di brutto e ora non so come gestirle la situazione;

Vergogna: ho fatto qualcosa che danneggia la mia immagine.

 

Nella nostra vita tutti vogliamo essere buoni, non vogliamo essere o sembrare  cattivi davanti agli altri. Per questo motivo spesso desideriamo provare solamente delle emozioni positive, e quando si presentono le emozioni spiacevoli, chiamiamole negative, le mettiamo di nuovo “sotto il tappeto”, nascoste da tutti.

Ma la vita è come un onda energetica, la quale va su e giù, la vita è fatta di tutte le emozioni, la durezza e solo l’altra faccia della gentilezza, ed entrambe fanno parte dell’ esistenza.

 

L’emozione quando è repressa, non sparisce nel nulla, rimane nel nostro profondo, e ogni tanto spinge da dentro, dando quel senso di inquietudine, che ogni tanto capita di provare.  E se ci facciamo caso, più neghiamo una determinata emozione, più non vogliamo sentirla, e più si presentano nella nostra vita nelle situazioni che ci fanno provare l’ emozione indesiderata.

 *

Ora la domanda è: Cosa fare? 

La prima cosa utile potrebbe essere quella di cambiare il contesto proprio nel momento in cui stiamo provando l’emozione indesiderata. Cosa significa questo? Ad esempio il vostro capo vi ha sgridato, e voi state provando una rabbia fortissima. In primo momento sembra che è il capo con il suo comportamento ad aver provocato l’emozione che stiamo provando, ma fermatevi un attimo, e cercate di ricordarvi in quale altro contesto provate o avete provato in passato la stessa emozione. Che cosa vi fa provare la rabbia? Che cosa vi fa provare la paura? Come abbiamo già visto al’inizio, molto spesso le nostre emozioni forti sono quelli che non abbiamo elaborato nell’ infanzia. Di conseguenza i turbamenti che stiamo vivendo entrano in risonanza con l’emozione vissuta in quel tempo e diventano esagerate, non adeguate alla situazione in tempo presente.

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
scuola di reiki bologna
REIKI : ARTE DI CURA CON LE MANI
SCUOLA DI REIKI BOLOGNA [ CLICK QUI ]

Oggi possiamo agire diversamente sull’emozione, siamo più consapevoli, più forti, non siamo più quel bambino indifeso che non sapeva come fare. Oggi possiamo aiutare al nostro bambino interiore a fare fronte, a rivivere quella emozione.

 * 

Per elaborare l’emozione bisogna diventare consapevoli di tre passaggi:

  1. Riconoscere l'emozione. Spesso quando proviamo un turbamento, vogliamo sbarazzarci di esso, perché e fastidioso da sentire.  Ma cacciando via l’emozione non desiderata, non riusciamo ad ascoltare che cosa esattamente stiamo mandando via. In questo modo non riacquistiamo la salute, ma mettiamo l’emozione sotto uno strato ancora più profondo, ancora più lontano da noi.
  2. L’emozione è esterna. La comprensione che io non sono emozione , ma l’emozione è fuori da me, aiuta a non identificare se stessi con l’emozione che stiamo provando. Se ad esempio provo la rabbia, non vuol dire che sono una persona rabbiosa o cattiva.
  3. Emozione non è ne positiva, ne negativa. E solo quello che noi pensiamo che essa sia. L’emozione non e buona o brutta, è come l'acqua. Noi non diciamo l'acqua è buona o cattiva. La sua qualità dipende dal fatto dove l'abbiamo presa e con cosa la stiamo bevendo. La rabbia e solo l'altra faccia del’amore. Per cui abbiamo bisogno di lasciarla fluire attraverso il nostro corpo. 

 *

Quando abbiamo fatto questi tre passi possiamo passare alla pratica del cambiamento delle nostre emozioni.

Di solito sotto l’emozione forte, ci sono delle emozioni meno intense che creano la base per l’emozione indesiderata. E a volte non è subito possibile identificare che cosa esattamente ci provoca la rabbia, oppure a volte la rabbia e talmente forte, che riusciamo a legarla solo alla situazione del momento. Quindi che cosa possiamo fare in questo caso? Possiamo cercare di  riconoscere quali sono delle emozioni che creano l’appoggio all’emozione forte che stiamo provando.  In questo compito vi può essere utile la carta e penna, perché scrivere quello che proviamo, aiuta a individuare e a mettersi in contatto con quello che c’è dentro di noi.

 

Se provo rabbia, cerco di immaginare la situazione dove provo l’irritazione.

Se qualcosa mi fa infuriare, cerco qualcosa che mi rattrista.

Se provo la paura, cerco dei contesti dove provo la preoccupazione.

 

Può volerci del tempo, perché a volte l’emozione che stiamo provando è talmente forte, che sembra che è l’unica che riusciamo a sentire, che non ci siano altre emozioni più deboli. Ma con un po’ di pratica vi sarà più facile di trovarli.

 

Analizzando in questo modo l’emozione, usciamo dalla sua pressione, smettiamo di avere paura di essa. Per liberarsi dall’emozione negativa, bisogna avvicinarsi a essa, e guardarla da molto vicino. Quando è possibile avvicinarsi cosi? Quando sapete che non c’è niente di cui avere paura, perché l’emozione non è brutta e non è bella, e solo quello che è. E quando sapete che voi non siete quell’emozione. L’emozione è il film del vostro stesso cervello.

 

Oksana Varcenko.

 

https://www.counselingitalia.it/articoli/3903-imparare-a-riconoscere-ed-affrontare-delle-emozioni-represse

 

 

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php

TROVA LA CURA NATURALE

TROVA LA CURA NATURALE CON UN CLICK

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli