Se ti piace il nostro sito votalo adesso con un click sul pulsante Google +1 qui sotto :


nuove informazioni sul MIELE DI MANUKA utile non solo per contrastare batteri e virus ma anche per la bellezza, per fare tisane, per aiutare gli animali

MIELE DI MANUKA

www.NaturalePiù.com

Il Miele di Manuka è una particolare varietà di miele dalle eccellenti
capacità terapeutiche.
Prodotto esclusivamente in Nuova Zelanda, si presenta molto cremoso e
profumato, dal colore arancio davvero intenso!
Già da quasi venti anni, all’università di Waikato, si cerca di identificare lo
sconosciuto fattore misterioso capace di determinare la grossa differenza
fra i mieli comuni e il Miele di Manuka Attivo.
“È indispensabile quindi sottolineare che per essere attivo un miele di
manuka deve avere una presenza di MetilGliossale superiore agli 80 MG/kg”
Un equipe di chimici alimentari tedeschi del Politecnico di Dresda sono
riusciti ad identificare nel Metilgliossale il principio attivo determinante il
suo potere antibatterico e che fino allora veniva chiamato UMF (Unique
Manuka Factor) che significa “Fattore Unico di Manuka”.

La pianta di Manuka si trova soprattutto in Nuova Zelanda e in alcune zone
dell’Australia.
Il suo nome botanico ufficiale è Leptospermum scoparium le fu attribuito
da Thomas Cook a causa delle tipiche ramificazioni disordinate di questo
arbusto che rimandavano alle scope.
L’inglese Cook sbarcò sulle coste neozelandesi nel 1769 e si occupò molto di
questa pianta, di cui apprezzava soprattutto le foglie come tè.
Inoltre, la Manuka possiede numerosi impieghi noti sin dai tempi dei Maori
e poi tramandati ai coloni inglesi.

La pianta di Manuka si può presentare in varie dimensioni.
Come coltura di copertura di circa 5 cm fino a alberi di 15 metri.
Solitamente si presenta come arbusto la cui altezza varia dai 2 ai 5 metri.
Viene definita una “pianta pioniera” in grado di insediarsi per prima nelle
aree deforestate, per questo motivo in Nuova Zelanda esistono ampie zone
collinose ricoperte da piante di Manuka, che regalano un profumo fragrante
e nella stagione della fioritura le colline si trasformano in vallate di fiori
bianchi

La Manuka offre l’habitat adeguato a numerosissime specie animali, tra cui
le api che dal nettare di questa pianta ricavano un miele dalle eccellenti
proprietà.
Per questo motivo gli apicoltori pongono i loro alveari in prossimità di
queste piante nella natura incontaminata per produrre il Miele di Manuka.

La Nuova Zelanda offre le più svariate condizioni climatiche.
La pianta di Manuka ha una crescita rapida e non è molto esigente per
quanto riguarda la qualità del suolo, ma le caratteristiche dell’habitat dove
cresce ne determina la qualità e la sua capacità antimicrobica.
Esistono territori sterminati in cui la la Manuka cresce senza alcun
intervento esterno.
La pianta stessa in grado di produrre sostanze capaci di difenderla da
batteri, virus e funghi, per questo motivo è davvero inutile ogni uso di
fertilizzanti e pesticidi per far crescere sana la pianta.
Di conseguenza, il Miele di Manuka che ne risulta sarà comunque prodotto
in maniera completamente Naturale.
Ciò che rende “attivo” un Miele di Manuka è ancora oggetto di accurate
ricerche, infatti, è stato scoperto il principio attivo responsabile delle sue
eccellenti capacità antibatteriche , ma non è ancora chiaro quali siano le
condizioni ambientali che inducono la pianta ad arricchire il suo nettare con
questa sostanza.

Come ho detto in precedenza la Manuka è una pianta robusta e adattabile
capace di estendersi in larga misura nella natura incontaminata.
Gli apicoltori posizionano i loro alveari nelle vicinanze di queste piante.
La Manuka fiorisce a metà novembre e il processo di fioritura dura 4
settimane.
Appena il fiore si apre il nettare arriva sulla punta del fiore. L’ape che si
posa sul fiore ne estrae il nettare e lo porta con sé nell’alveare.
Il fiore cadrà ma si schiuderanno altri occhielli lungo la pianta di Manuka,
creando moltissime ricrescite nel cespuglio

L’ape nell’alveare rigurgiterà il nettare e lascerà il compito alle api operaie di
elaborare il nettare e trasformarlo in miele che poi verrà immagazzinato
nei favi.

La lavorazione dell'uomo inizia dove finisce quella dell'ape, dopo che le api
hanno immagazzinato il miele nei favi.

Il miele di Manuka è una particolare varietà di miele dalle eccellenti
capacità terapeutiche.
Nessun altro miele in natura presenta le stesse caratteristiche. Potente
antimicrobico [1].
Pagina 8
L’osmolarità
L’osmolarità è un fattore che contribuisce alla capacità antibatterica del
miele.
Il miele è costituito principalmente da zucchero, soprattutto da fruttosio e
da glucosio che hanno la capacità di modificarne la consistenza.
Se contiene più glucosio il miele sarà più cremoso fino ad essere quasi
solido, mentre se contiene più fruttosio il miele rimane più fluido.
Il miele maturo contiene basse percentuali di acqua, inferiore al 20%,
questo la rende una soluzione zuccherina estremamente satura.
Nel miele maturo i microrganismi non possono riprodursi perché avrebbe bisogno di acqua per sopravvivere.

Per molti anni gli scienziati non sono riusciti ad isolare il principio attivo
responsabile della straordinaria capacità antibatterica del Miele di Manuka.
Fu concordato di chiamarlo Unique Manuka Factor, UMF (Fattore Unico di
Manuka).
La sua intensità fu paragonata all’efficacia dell’acido fenico contro diversi
batteri e fu classificato, ad esempio, come UMF10 se si rivelava efficace
come una soluzione di fenolo al 10%.
Il segno “più” (+) veniva indicato se addirittura il grado di efficacia veniva
superato (es. UFM10+ oppure UFM20+).
Questo tipo di classificazione fu per anni considerata soddisfacente, anche se
non esistevano test riproducibili in maniera esatta e quindi era impossibile
sapere con esattezza l’esatta quantità di questo principio attivo.
Ma soltanto grazie alle scoperte di un team di chimici finalmente il
Metilgliossale dà un nome al fattore unico di Manuka.

Un team di chimici alimentari del Politecnico di Dresda guidati da Thomas
Henle è riuscito a far luce ed identificare il fattore unico di Manuka come il
Metilgliossale.
“Il metilgliossale è il principio attivo presente nel miele di Manuka
responsabile della sua potente capacità antibatterica e che lo differenzia
da qualsiasi altro miele al mondo.”
La quantificazione del Metilgliossale avviene in termini assoluti, infatti oggi si
può determinare in modo esatto la percentuale di metilgliossale in una data
dose di miele (es. 100 mg di MetilGliossale in 1 kg di miele).
“Abbiamo dimostrato per la prima volta senza ambiguità che il
Metilgliossale è il diretto responsabile dell’attività antibatterica del miele
di Manuka.” (Thomas Henle)
Infatti nel Miele di Manuka la quantità di metilgliossale può variare da 100 a
600 mg di metilgliossale per Kg, in altri tipi di miele può raggiungere
perlopiù 1-2 mg talvolta arriva a 20 ma è comunque una quantità molto
Anche in altri cibi è presenti ma è sempre in quantità davvero minime non
superando mai 50 mg per Kg.
“Finora il miele di Manuka è il solo alimento al mondo che contiene il
Metilgliossale alimentare in quantità significative.” (Thomas Henle)

Come si forma il Metilgliossale?
Come abbiamo già detto non è ancora chiaro quali siano le condizioni
ambientali che inducono la pianta ad arricchire il suo nettare con questa
sostanza.
Questo è ancora oggi oggetto di numerose ricerche di molti ricercatori.
Sembra che lo “stress” della pianta favorisca un contenuto elevato di
metilgliossale nel miele di Manuka.
I possibili fattori scatenanti potrebbero essere i terreni salini, il calore, il
freddo e la siccità costante.
Questi “stress” inducono la pianta a produrre alte concentrazioni metilgliossale che si riversano nel nettare e quindi non ci sarebbe alcun
apporto di enzimi da parte delle api.
Altre ricerche da parte del dipartimento di chimica dell’Università di Waikato
hanno identificato nel DHA (diidrossiacetone) lo stadio precedente del
metilgliossale.
Il DHA che si trova nel miele non maturo, è presente poco dopo che le api
hanno depositato il miele nel favo.
Con la maturazione del miele, il DHA si trasforma in metilgliossale, sostanza
responsabile della sua potente azione antibatterica.
Nonostante numerosi esperimenti svolti non è possibile accelerare
artificialmente la maturazione del Miele di Manuka attivo.

VARI TIPI DI MIELI DI MANUKA

La classificazione dei vari tipi di miele di Manuka è possibile solo ed
esclusivamente in relazione alla concentrazione di Metilgliossale presente
al suo interno.
Mieli di Manuka con aspetto, consistenza e sapore molto simili possono, in
realtà, essere molto differenti!I valori elevati di metilgliossale NON sono rilevabili sulla base del sapore,
per questo scopo è sempre necessaria un’analisi chimica.
Per questo motivo il miele di Manuka in commercio deve riportare in
etichetta il contenuto di Metilgliossale per essere originale ed affidabile.
Se non è indicato il grado di attività non significa che quel miele di Manuka
non sia attivo, ma probabilmente avrà quantità di metilgliossale minime.Sarebbe opportuno scegliere almeno un miele di Manuka MG100+, quasi
sempre sufficiente per uso esterno, come l’applicazione su ferite o sulla pelle.
Per l’uso interno occorre invece una varietà con una concentrazione più
elevata.
La regola generale è che più si vuole andare in profondità più il miele deve
essere forte.
Esistono tantissime cliniche e ospedali soprattutto in Germania che
utilizzano il Miele di Manuka come dispositivo.
Ad oggi è sempre più evidente che gli agenti patogeni stanno sviluppando
strategie che li hanno resi quasi completamente resistenti alle sostanze
medicinali usate per combatterli, come gli antibiotici.

Oppure, ancora, nella clinica Havelhöhe di Berlino, il miele di Manuka si
utilizza nel trattamento del “piede diabetico” favorendone la pulizia della
ferita e la formazione di nuovi vasi sanguigni grazie ai quali i tessuti vengono
irrorati nuovamente. [5] spesso riuscendo ad evitare l’amputazione.
Inoltre il miele di Manuka è molto efficace nel trattamento della rinosinusite
cronica.
Infatti, in vitro il miele di Manuka è in grado di eliminare lo Staphylococcus
aureus [1] e la Pseudomonas aeruginosa [2] .
Come il miele riesca ad ottenere questi risultati non è ancora del tutto
chiaro, ma non solo ha un’eccellente capacità antimicrobica ma il batterio
non sviluppa resistenza nei confronti del miele [3].
La professoressa Liz Harry, della University of nology di Sydney,
attribuisce al miele di Manuka la capacità di rendere sensibili agli antibiotici
anche i batteri resistenti, quindi la proprietà di impedire che si sviluppi
resistenza e addirittura la caratteristica di rendere nuovamente sensibili agli
antibiotici i batteri già resistenti.

MANUKA PER USO VETERINARIOAnche in ambito veterinario è possibile utilizzare il miele di Manuka come
dispositivo medico soprattutto in caso di gravi ferite o ustioni.
Questo eccellente miele promuove un’accurata pulizia e fa sì che la
medicazione sia sostituibile senza dolore.
Il miele di Manuka grazie alla sua potente azione antibatterica, antimicotica
e terapeutica rende possibile eliminare le impurità e i tessuti morti senza
alcun dolore per l’animale.
Grazie all’uso del Miele di Manuka in campo veterinario si raggiunge una
guarigione completa soprattutto in caso di ferite gravi e ustioni.

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
scuola di reiki bologna
REIKI : ARTE DI CURA CON LE MANI
SCUOLA DI REIKI BOLOGNA [ CLICK QUI ]

UTILIZZO MIELE DI MANUKA

È già noto come anche altre varietà di miele sono utilizzabili a scopi
terapeutici, ma il miele di Manuka ottiene sicuramente risultati
straordinari.
Questo è certamente dovuto alla presenza in percentuali molto importanti
del Metilgliossale, a cui il miele di Manuka deve il suo potente effetto
antimicrobico.
Molto importante è scegliere il giusto grado di concentrazione a seconda
del tipo di problema che si vuole trattare.
Di solito per uso esterno è sufficiente un grado di attività MG100+, mentre
per l’uso interno a seconda del tratto che si vuole raggiungere si potrà
scegliere varietà MG200+, MgG400+, MG500+ oppure il più potente
MG800+.

➢ FERITE [1 -2]
➢ DERMATITE [3]
➢ ULCERE [4]
➢ NELLA CURA DELLA PELLE [5]
NB: È comunque è sempre necessario interpellare un medico e avere il
parere di personale medico autorizzato.

IMPIEGO INTERNO

Assumi un cucchiaino al giorno a stomaco vuoto.
L’assunzione di miele di Manuka risulta essere davvero molto efficace e
può rappresentare un’alternativa sana e naturale in caso di vari disturbi,
ma è sempre opportuno consultare un medico.
Scegliere la concentrazione di metilgliossale nel trattamento di queste
patologie è fondamentale, ricorda che più il miele dovrà andare in
profondità più dovrà essere forte

Il miele di Manuka ha sapore e consistenza molto diversa dai mieli più
comuni che troviamo in commercio frequentemente.
La sua consistenza è molto densa e cremosa di un colore giallo/arancio e si
scioglie più lentamente nelle bevande calde.
Il suo profumo è intenso ed il sapore è forte e deciso, ma comunque
inconfondibilmente dolce.
Come ho già detto mieli di Manuka con aspetto, consistenza e sapore molto
simili possono, in realtà, essere molto differenti!
I valori elevati di metilgliossale NON sono rilevabili sulla base del sapore,
per questo scopo è sempre necessaria un’analisi chimica oppure fai
riferimento alla gradazione riportata sull’etichetta.

CONTROINDICAZIONI

Il Miele di Manuka è un prodotto sicuro e non presenta particolari
controindicazioni.
È comunque sconsigliato l’uso nei seguenti casi:
1 - Nei soggetti allergici o sensibili alle componenti del miele o alla pianta di
Manuka.
2 - Nei soggetti allergici o sensibili alle Api.
3 - Dato l’elevato contenuto in zuccheri, è da consumare con moderazione
per soggetti diabetici.
4 - Evitare l’assunzione per i neonati sotto i 12 mesi.

USI

Nel tè o nelle tisane
Al posto dello zucchero, per dolcificare, utilizza un cucchiaino di miele di
Manuka MG100+ donerà alla tua bevanda un gusto inconfondibile.
Una bevanda disintossicante, depurante e brucia grassi con tutte le
proprietà antibatteriche del miele di manuka.
Per prepararla ti occorrono solamente:

  1. 40 gr di zenzero pulito e sbucciato
  2. 2 cucchiai di miele di Manuka MG100+
  3. 1 litro d’acqua
  4. succo di 1 limone biologico
    Preparazione:
    Metti sul fuoco l’acqua con lo zenzero tritato finemente e lascia cuocere
    per circa 15 minuti.
    Togli dal fuoco e aggiungi il miele di Manuka MG100+ e lascialo
    sciogliere girando con un cucchiaio.
    Mettilo in una caraffa, filtrandolo con un colino o una garza e infine
    unisci il succo di limone.
    Puoi berlo sia freddo che caldo e conservarlo in frigo per 2-3 giorni.

Essendo un miele dal sapore molto forte e deciso si presta molto bene
ad accompagnare piatti dal gusto ricco.
Un abbinamento perfetto è quello con il salmone o pesci grassi simili,
in ricette a base di verdure, insalate di legumi e cereali,

Ecco una semplice e gustosa ricetta per te, ingredienti per due persone:
• 100 gr di orzo perlato
• 50 gr di spinacino fresco
• 10 noci
• 1 mela renetta
• 2 cucchiai di miele di Manuka MG 100+
• semi di chia e girasole q.b.
• sale e olio extravergine d’oliva q.b.
• succo di limone

MANUKA NELLE RICETTE DI BELLEZZA

Il miele di Manuka per le sue eccellenti capacità antimicrobiche può
essere usato anche per esaltare la bellezza della tua pelle.
Come maschera per il viso oppure come ingrediente in un esfoliante
naturale per il corpo, renderà la tua pelle più sana e bella,
incredibilmente liscia

Puoi applicare il Miele di Manuka puro sulla pelle e lasciarlo agire
prima di risciacquarlo con dell’acqua tiepida oppure puoi esaltarne le
caratteristiche mescolandolo con altri ingredienti.
• 1 cucchiaio di olio di cocco
• 1 cucchiaio di miele di Manuka
• 2 gocce di olio essenziale Tea Tree
L’olio essenziale di Tea Tree ha proprietà antibatteriche, cicatrizzanti,
antimicotiche e antiodoranti.
Se non hai l’olio essenziale Tea Tree puoi utilizzare 1/2 cucchiaino di
limone, restringe i pori dilatati e possiede proprietà antibatteriche.
Mescola tutti gli ingredienti e applica la maschera sul viso pulito, lascia
agire per 10 minuti e poi risciacqua con abbondante acqua.
Maschera viso con Miele di Manuka per pelli
grasse con tendenza all’acne
Se hai la pelle molto grassa e soffri di acne, scegli una maschera viso ad
azione antibatterica.

Il nostro Miele di Manuka viene prodotto esclusivamente in Nuova
Zelanda dove la Manuka nasce e cresce senza alcun utilizzo di fertilizzanti
e pesticidi e la presenza di Metigliossale è certificata da analisi di
laboratorio accreditato, ufficiale e ben visibile sulla confezione.
Noi di NaturalePiù prestiamo una particolare attenzione nel selezionare
tutti i nostri prodotti.
Ci auguriamo che questa guida possa averti aiutato a fare maggiore
chiarezza e capire gli innumerevoli utilizzi e benefici di questo miele
eccellente.
Un Caro saluto e... Buon Miele di Manuka!

www.NaturalePiù.com

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php


#spaziosacro

TROVA LA CURA NATURALE

TROVA LA CURA NATURALE CON UN CLICK

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli