Se ti piace il nostro sito votalo adesso con un click sul pulsante Google +1 qui sotto :


Olio extravergine di oliva, quali sono le proprieta' e i benefici dei polifenoli?

Olio extravergine di oliva, quali sono le proprieta' e i benefici dei polifenoli?

Tutti riconoscono che l’olio extravergine di oliva è un grande alleato di benessere ma non tutti sanno che è il contenuto in polifenoli a renderlo un vero elisir di salute a cominciare dalla prima infanzia, l’alimento ideale per proteggere il nostro organismo dallo stress ossidativo e preservarne la giovinezza.

I polifenoli sono potentissimi antiossidanti naturali dalle conclamate virtù benefiche per il nostro organismo; veri alleati di benessere e bellezza, fondamentali nell’alimentazione quotidiana di grandi e bambini.
Queste sostanze, presenti naturalmente nelle piante, sono in grado di contrastare lo stress ossidativo delle cellule, proteggendole dai danni causati dai radicali liberi e dagli agenti inquinanti. Contribuiscono altresì a contrastare l’insorgenza di patologie degenerative come l’ateriosclerosi, e di malattie cardiovascolari. Rallentano i processi d’invecchiamento e riducono anche l’incidenza di alcuni tipi di cancro.

Polifenoli dell’olio: quali sono?
Polifenoli propri dell’olio extra vergine di oliva sono in particolare l’oleuropeina e l’idrossitirosolo, che figurano tra i più potenti antiossidanti prodotti in natura e sono responsabili dei numerosi effetti benefici dell’alimento principe della dieta mediterranea, probabilmente il modello alimentare più sano al mondo, e l’oleocantale, che si stima abbia un potere antinfiammatorio !

Polifenoli dell’olio: una protezione per i nostri bambini

Con il suo contenuto di polifenoli, vitamine, Omega 3 e Omega 6, nonché di acidi grassi polinsaturi simili a quelli del latte materno, l’olio extravergine di oliva (quello buono!) è essenziale in particolare nell’alimentazione dei nostri bambini. Favorisce lo sviluppo osseo e del sistema nervoso, stimola la funzione gastrica e protegge le cellule articolando un perfetto corredo antiossidante; e tutto questo sin dal momento del concepimento tramite l’alimentazione della futura mamma.

Olio extravergine di oliva con alto contenuto di polifenoli: un elisir di giovinezza per gli adulti
Gli studi a riguardo non sono esaustivi, sebbene di sempre maggiore interesse e unanimi nel dimostrare che un consumo costante di polifenoli nella dieta può essere associato a una significativa riduzione (circa il 30%) del tasso di mortalità negli adulti.

I polifenoli proteggono l’organismo dalle tossine e dagli agenti patogeni, “spazzano” letteralmente via i radicali liberi che favoriscono le infiammazioni cellulari alla base dell’insorgenza di malattie croniche e invecchiamento.
Agiscono anche da antimicrobici, con un ruolo fondamentale nel mantenimento dell’equilibrio della flora intestinale e nel benessere dell’apparato digerente. Tutto questo si traduce in un buono stato di salute generale.

Oramai è confermato dai più autorevoli studiosi: l’olio extravergine di oliva ricco in polifenoli giova alla salute non solo da un punto di vista metabolico, ma anche sullo stato ossidativo, sull’infiammazione e sulla prevenzione dell’aterosclerosi e del cancro.

Assuzione e biodisponibilità dei polifenoli

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
scuola di reiki bologna
REIKI : ARTE DI CURA CON LE MANI
SCUOLA DI REIKI BOLOGNA [ CLICK QUI ]

I polifenoli sono capaci di neutralizzare i radicali liberi e combattere le aggressioni dei batteri. Naturalmente la loro efficacia dipende dalla quantità che riusciamo ad assorbirne tramite gli alimenti.
Ma in base a cosa un alimento è giudicato migliore di un altro nell’apporto fenolico?
Ebbene, non soltanto in base alla quantità dei nutrienti in esso presenti ma soprattutto in virtù della cosiddetta “biodisponibilità” di tali nutrienti.
Questo significa che la capacità di un nutriente di esercitare la sua azione biologica, nel caso specifico la capacità di un polifenolo ingerito di esercitare le sue virtù benefiche, dipende da un insieme di fattori che non ha a che fare semplicemente con le quantità ingerite.

I fattori che influenzano l’efficacia di un polifenolo possono essere molteplici: condizioni ambientali di crescita e coltura del frutto, interazione con altri composti all’interno dello stesso alimento, fattori legati alla persona (genetiche, patologiche, etc.), senza dimenticare i fattori legati alla lavorazione dei cibi. È sempre più difficile ricavare nutrienti dall’alimentazione perché l’industria chimica porta sulle nostre tavole alimenti completamente depauperati, sebbene più vicini al nostro gusto.
Basti pensare ai frutti di bosco: quelli che troviamo al supermercato sono grandi e dolci mentre quelli selvatici sono piccoli e aciduli. Questo perché nei frutti selvatici i polifenoli (che sono amari) non sono stati diluiti con acqua e zuccheri (come accade in quelli coltivati in serra) e, anche se probabilmente il nostro palato viziato e assetato di zuccheri apprezza meno, proprio in questi troviamo un’alta concentrazione di antiossidanti! Senza contare che l’utilizzo massivo di diserbanti e pesticidi riduce le concentrazioni di polifenoli nelle piante.

Come fare a mantenere alto il livello di polifenoli nel sangue?
L'OLIO DEI THERIANOS!

I polifenoli, una volta ingeriti, agiscono entro un paio di ore dal consumo. Dopo vengono metabolizzati ed espulsi dall’organismo. Ecco perché per mantenerne alti i livelli nel flusso sanguigno è fondamentale un’assunzione costante, possibile tramite l’immissione in ogni pasto di cibi che ne siano carichi.

In quali alimenti si trovano i polifenoli?
La frutta e la verdura colorate contengono grandi quantità di polifenoli, è risaputo. Ma esistono anche altri alimenti che possono incrementare il nostro fabbisogno giornaliero di questi nutrienti. Il cacao amaro ad esempio, la frutta rossa, il vino rosso, il tè verde, le erbe aromatiche e…SOPRATUTTO l’olio extravergine di oliva!

Come capire se un olio non è buono?
L’olio extravergine di oliva è un vero e proprio farmaco. Ma attenzione! Soltanto l’olio extravergine di alta qualità e ad alto contenuto di polifenoli può fare bene al nostro organismo. Un olio esposto al calore, all’ ossigeno e umidità diviene rancido. Un difetto inevitabile questo, che prima o poi arriva per tutti gli oli, anche i migliori, quando si esauriscono i polifenoli e l’impatto dell’aria prende il sopravvento. Negli oli scadenti, in quelli conservati nelle bottiglie di vetro trasparente o nelle oliere dei ristoranti l’odore di rancido è estremamente diffuso, spesso viene confuso con l’odore proprio dell’olio!
Mangiare un olio del genere ci sottopone a processi di invecchiamento accelerato e all’attacco dei radicali liberi, nei tessuti, nei vasi sanguigni e sulla pelle.
Ecco che ne risentono i livelli di colesterolo, il peso corporeo e tutto l’organismo, violentemente sottoposto ad una vera e propria aggressione di sostanze tossiche.

*Perché l’olio extravergine degli Intini è diverso?

Le analisi sensoriali e chimiche effettuate negli anni hanno riportato per i gli olii dei therianos contenuti in polifenoli altissimi
Un buon extravergine ne contiene circa 300/400 per kg! Questo significa che l’impegno e gli investimenti della famiglia Intini sono stati una scelta vincente per il rilancio di un settore che punta a valorizzare l’olio non come semplice condimento bensì come un alimento nutraceutico.
La selezione rigorosa della materia prima e i metodi di lavorazione sono i due fattori principali nella produzione di un buon extravergine, ma cosa fa davvero la differenza nella creazione di extravergini fuori dal coro?

Come riconoscere un olio extravergine di oliva di qualità?
Se l’olio è amaro e piccante allora fa bene
Come si manifesta il contenuto fenolico al palato? Capace di impartire precise caratteristiche sensoriali a un extravergine, il contenuto polifenolico si manifesta con note amare e piccanti quindi bando alle finte convinzioni e alle cattive abitudini alimentari. Un olio dalle spiccate proprietà benefiche non può essere dolce!
Se al palato un olio è piccante e amaro vuol dire che è di qualità, perché ricco di antinfiammatori e antiossidanti. Olive verdi, raccolte a mano e trasformate a freddo nelle 24 ore, con sistemi che ne evitano l’ossidazione, danno quasi sempre oli dalle tonalità amare e piccanti. Un olio più amaro e piccante è dunque anche più sano. Occorre soltanto imparare ad abbinarlo a tavola.

QUI NON VOGLIAMO FARE PUBBLICITA' A NESSUNO ANCHE PERCHE' CI SARANNO MOLTI CHE FANNO OLI BUONISSIMI CI INTERESSAVA IL CONTENUTO
GRAZIE!
https://oliointini.it/polifenoli-dellolio-extravergine-di-oliva-cosa-sono/

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php


#spaziosacro

TROVA LA CURA NATURALE

TROVA LA CURA NATURALE CON UN CLICK

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli