Se ti piace il nostro sito votalo adesso con un click sul pulsante Google +1 qui sotto :


La crisi climatica sta cambiando il Mediterraneo: i 6 effetti principali

La crisi climatica sta cambiando il Mediterraneo: i 6 effetti principali

Inserito il 08 giugno 2021

Con le temperature in aumento del 20% più velocemente della media mondiale e il livello del mare che dovrebbe aumentare di oltre un metro entro il 2100, il Mediterraneo sta diventando il mare con il riscaldamento più rapido e il più salato del nostro pianeta.
Un nuovo rapporto del WWF, pubblicato quest'anno in occasione della Giornata mondiale degli oceani (8 giugno), mostra come la crisi climatica abbia già colpito - in alcuni casi irreparabilmente - alcuni dei più importanti ecosistemi marini del Mediterraneo.

Quasi 1.000 specie aliene sono già migrate nelle acque più calde del Mediterraneo e hanno sostituito le specie endemiche, mentre l'aumento delle condizioni meteorologiche estreme sta causando danni alle praterie marine di angiosperme, come le praterie di Poseidon e le barriere coralline della zona. La crisi climatica sta trasformando gli ecosistemi marini, con implicazioni per settori economici come la pesca e il turismo, ma anche per le nostre abitudini alimentari. Dobbiamo agire con urgenza per ridurre le emissioni di gas serra, ma anche per adattarci alla nuova realtà di un mare riscaldato.

Il nuovo rapporto del WWF intitolato " L'impatto dei cambiamenti climatici nel Mediterraneo: racconti di un mare che si surriscalda " ("L'effetto del cambiamento climatico nel Mediterraneo: storie di un mare in surriscaldamento"), mette in evidenza i sei principali impatti del cambiamento climatico in mare biodiversità e i conseguenti cambiamenti nelle principali specie e habitat ittici, nonché l'impatto implicato sulle comunità locali. Il WWF sottolinea il pericoloso legame tra i cambiamenti climatici e le pressioni esercitate dall'uomo sulla vita marina, come la pesca eccessiva, l'inquinamento, lo sviluppo costiero e la navigazione, che hanno già gravemente colpito la resilienza dei nostri mari.

I cambiamenti negli habitat e nelle popolazioni dei pesci sono evidenti. Nelle acque israeliane, i molluschi domestici sono stati ridotti di quasi il 90%, mentre le specie straniere, come i cinghiali, rappresentano l'80% delle catture in Turchia. Allo stesso tempo, le specie provenienti dalle aree meridionali, come barracuda e luccio, sono ora più comuni nelle acque liguri dell'Italia settentrionale. Le comunità costiere hanno iniziato ad adattarsi alla nuova realtà, imparando a cucinare cinghiali, meduse e altre specie aliene come prelibatezze, o installando reti intorno alle spiagge per tenere lontane le meduse. Temperature più elevate e tempeste stanno trasformando anche i fondali marini, portando a un declino delle praterie di Poseidon, dei coralli sirena e dei pini.

In particolare, secondo la ricerca, i sei principali effetti del cambiamento climatico nel Mediterraneo sono:

"Modifica" del mare , con specie che vivono nell'area che vengono spostate o muoiono a causa dell'innalzamento delle temperature. "L'assoluta mancanza di specie mediterranee comuni e la diffusa comparsa di specie non endemiche rendono il paesaggio marino irriconoscibile rispetto ad altre aree mediterranee", ha affermato Paolo Albano, ricercatore capo dello studio.
Le migrazioni dei pesci stanno avvenendo in tutta la regione: quasi 1.000 nuove specie aliene (126 di queste specie ittiche) sono entrate nel Mediterraneo, causando una riduzione delle specie endemiche - fino al 40% in alcune aree. Allo stesso tempo, le specie ittiche si stanno spostando dalle coste meridionali dell'Africa alle più calde acque settentrionali.
Le meduse sono ovunque. Nelle regioni meridionali del Mediterraneo si registrano ogni anno sempre più popolazioni di meduse che durano sempre più a lungo. Molti anni di pesca eccessiva hanno portato sull'orlo del collasso molti degli stock ittici che competevano con le meduse per il cibo, con il risultato che alcuni pescatori ora stanno catturando più meduse che pesci.
Le praterie di Poseidon sono minacciate da acque più calde e dall'innalzamento del livello del mare, con gravi conseguenze per la biodiversità e il "carbone blu". È indicativo che le praterie di Poseidonia immagazzinano l'11-42% delle emissioni di CO 2 dei paesi mediterranei.
Il 30% di tutte le Gorgonie (specie di corallo) sono state distrutte da una singola tempesta . Specie di corallo emblematiche che hanno svolto finora un ruolo importante in molti complessi ecosistemi mediterranei vengono distrutte da eventi meteorologici estremi.
L'80-100% della popolazione di pinna nobilis è stata recentemente persa a causa della mortalità di massa in Spagna, Italia e in altre parti del Mediterraneo . Questo mollusco bivalve, il più grande endemico del Mediterraneo e uno dei più grandi al mondo, può creare habitat per un massimo di 146 specie diverse.
Tutti gli effetti di cui sopra mostrano chiaramente il forte legame tra clima e oceani, nonché la necessità di una migliore protezione dei nostri mari per ripristinare la biodiversità e gli stock ittici e migliorarne la resilienza. Si ritiene necessaria una gestione adeguata ed efficace delle aree marine protette (MARS). Oggi le aree protette coprono solo il 9,68% del Mediterraneo e solo l'1,27% dispone di misure per l'efficace gestione e protezione degli ecosistemi sensibili. Recenti ricerche del WWF dell'Iniziativa Mediterranea, dal titolo '30 a 30: Scenari per la biodiversità e il recupero dei pesci'Sottolinea che la protezione del 30% del Mediterraneo, attraverso la creazione di PAM e l'introduzione di misure di conservazione, porterà al ripristino degli ecosistemi, al ripristino degli stock ittici e alla riduzione degli effetti dei cambiamenti climatici, garantendo nel contempo una pesca sostenibile e cibo e prosperità nelle comunità locali.

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
scuola di reiki bologna
REIKI : ARTE DI CURA CON LE MANI
SCUOLA DI REIKI BOLOGNA [ CLICK QUI ]

" La crisi climatica sta esacerbando le minacce già poste agli ecosistemi marini, soprattutto nel chiuso e trafficato Mar Mediterraneo. Le implicazioni sono già qui, chiare per le nostre società e per aree chiave di attività, per la nostra alimentazione e salute. "Miriamo a proteggere il 30% del Mediterraneo con misure di gestione efficaci per ridurre la pressione sugli ecosistemi naturali e aiutarli a diventare più resilienti alla crisi climatica, riconsiderando il modo in cui utilizziamo le risorse naturali " , ha affermato Panagiota Marangou. Programmi al WWF Hellas .

Note agli autori:

Il materiale fotografico lo trovate QUI .
La mostra completa "The Climate Change Effect in the Mediterranean: Stories from a surheating sea" (in inglese) è disponibile qui .
In occasione della Giornata mondiale degli oceani, il WWF pubblica anche il Blueprint for a Living Planet, che delinea quattro principi per un'azione integrata su oceani e clima in vista della Conferenza biologica Diversity (COP15), la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP26). ) e COP22 della Convenzione di Barcellona che si terrà nella seconda metà del 2021. Il WWF invita i leader del Mediterraneo e di tutto il mondo a raggiungere un accordo quest'anno sulle misure di recupero della biodiversità, sull'azione per il clima e sui relativi meccanismi economici. La mostra "Blueprint for a Living Planet" (in inglese) è disponibile qui .

Con le temperature in aumento del 20% più velocemente della media globale, il Mediterraneo sta diventando il mare con il riscaldamento più rapido del nostro pianeta.
©️ iStock

L'80-100% della popolazione di pinna nobilis è stata recentemente persa a causa di una mortalità di massa in diverse parti del Mediterraneo.
©️ MIramareMPA

Nelle regioni meridionali del Mediterraneo si registrano ogni anno sempre più popolazioni di meduse.
©️ Mohamed Najib

Quasi 1.000 nuove specie aliene sono entrate nel Mediterraneo, causando una riduzione delle specie endemiche, fino al 40% in alcune aree.
©️ WWF
CONDI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php


#spaziosacro

TROVA LA CURA NATURALE

TROVA LA CURA NATURALE CON UN CLICK

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli