Se ti piace il nostro sito votalo adesso con un click sul pulsante Google +1 qui sotto :


Categoria: "Notizie scottanti"

Cortisone naturale: RIBES NIGRUM

Mai si parlerà abbastanza del Ribes Nigrum (Ribes nero) per le sue eccellenti qualità antinfiammatorie, antiallergiche e cortisone-like. Infatti il Ribes è un potente antistaminico naturale, soprattutto per i disturbi respiratori mentre svolge un’azione rinforzante su tutto il sistema immunitario, ma senza dare l’assuefazione e gli effetti collaterali dei farmaci.

 

Nel caso di infiammazioni e di allergie sarebbero comunque anche da evitare gli alimenti che contengono istamina, dato che tale sostanza può aumentare i sintomi sopra descritti. Trovate l’istamina nei seguenti alimenti: cioccolata, formaggi, birra e vino (specialmente rosso). Alcuni autori suggeriscono di evitare anche il pollo a causa delle lectine in esso contenute, in quanto sono sostanze che tendono a innescare le globuline E causando la fuoriuscita dell’istamina. Da non dimenticare che anche l’inquinamento, può dare adito all’insorgere di allergie.

 

Vediamo i suoi meravigliosi usi, fermo restano che di base lo si usa come anti-infiammatorio molto efficace:

- AZIONE ANTI-INFIAMMATORIA: dimostra proprietà antiinfiammatorie sia nell’ edema che nelle flogosi semplici. Lo si utilizza per: infiammazione articolare, dermatiti, dermatosi, eczemi (anche topici), sindromi allergiche acute, sindromi infiammatorie (su mucose, apparato respiratorio, urinario, digestivo e cutaneo), congiuntiviti allergiche, riniti, riniti allergiche stagionali (sia le spasmodiche che il raffreddore da fieno), allergie asmatiche, parotite, edema di Quincke, orticarie allergiche, sensibilizzazione a farmaci, emicranie allergiche, cefalee.

- AZIONE DI PROTEZIONE E DI CURA DELLE VENE: gli antocianosidi del frutto, si rivelano significativamente attivi sui disturbi funzionali legati all’insufficienza venosa (dolore, edema, ecc.) e sulla microcircolazione connettivale. Per la presenza di antocianosidi può essere utilizzato anche per problemi venosi che creano disturbi nella sfera genitale e nella vista, ma anche in caso di gambe pesanti in qualunque stagione dell’anno. Si rivela ottimo anche per la protezione della congiuntiva e dei tessuti elastici danneggiati, ma anche per le mucose infiammate e per la fragilità capillare

- AZIONE ANALGESICA: l’efficacia assomiglia ai medici tradizionali, senza effetti collaterali, ma l’efficacia varia da persona a persona.

- AZIONE ANTIOSSIDANTE: sia per la presenza delle sostanze antocianidine e sia, nel caso dei frutti,per le vitamine antiossidanti.

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
il linguaggio informatico di Dio
LIBRO IN VENDITA Scritto dal Dott. Emanuel Celano - Un testo unico che coniuga informatica, fisica quantistica e spiritualità
IL LINGUAGGIO INFORMATICO DI DIO [ QUI ]

- AZIONE ANTIMICOTICA: è stata dimostrata l’azione fungicida di un flavonoide presente nel Ribes.

- AZIONI VARIE ED EVENTUALI: antivirale, stimolatore del sistema immunitario, alza la pressione bassa, tonico generale.

 

Modo d’uso. Per il macerato glicerico molti testi consigliano in genere, 50 gocce per 3 volte al giorno, 10-15 minuti prima dei 3 pasti principali. Le gocce vanno diluite in un po’ d’acqua e tenute in bocca per un minuto prima di essere deglutite, allo scopo di assicurare il massimo assorbimento per via perlinguale. Potete anche bere il succo delle bacche per la fragilità capillare: un cucchiaio in un po’ d’acqua al mattino a digiuno. E’ sempre meglio rivolgersi ad un medico o naturopata che valuterà caso per caso il giusto dosaggio.

Essendo un rimedio naturale il Ribes Nigrum agisce un po’ più lentamente rispetto ai farmaci antistaminici e va assunto per più tempo e in maniera costante. Offre però due grandi vantaggi: non ha effetti collaterali e non provoca assuefazione.

 

ATTENZIONE: non adatto a chi soffre di IPERTENSIONE.

http://metamedicina.altervista.org/il-cortisone-naturale-ribes-nigrum/

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php


#spaziosacro

TROVA LA CURA NATURALE

TROVA LA CURA NATURALE CON UN CLICK

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

I benefici della curcuma

La curcuma è una radice gialla della famiglia dello zenzero, anche se si rivela molto diversa come sapore. Di solito la si trova in polvere gialla/arancio ed è la base della ricetta del Curry. I suoi rizomi (che è la parte della pianta che contiene i principi attivi) vengono fatti bollire per parecchie ore e fatti seccare in grandi forni, dopodiché vengono schiacciati fino ad ottenere una polvere giallo-arancione che viene comunemente utilizzata come spezia nella cucina del Sud Asia.

 

Per le sue proprietà è una sostanza che viene largamente impiegata nel ramo alimentare come colorante (codice E 100) per alimenti come il formaggio, yogurt, mostarda, brodi vari in scatola ecc.

 

La curcumina ha moltissime proprietà tra cui quelle anticoagulanti, antitrombotiche, antipertensive, antinfiammatorie, antidiabetogene, ipocolesterolemiz-zanti , antiossidanti, antivirali antinfiammatorie, antivirali, cicatrizzanti, diuretiche, disinfettanti, antiossidanti, epatoprotettive, ecc.. E’ particolarmente utile al cervello perché attiva un enzima antiossidante che riduce la formazione di placche, caratteristiche della sclerosi multipla, l’artrite reumatoide, la psoriasi, e diversi disturbi infiammatori intestinali.

 

La curcuma favorisce la produzione di bile ed il suo deflusso verso l’intestino, migliora la salute del fegato, contribuisce ad eliminare gli eccessi di colesterolo e facilita la digestione di pasti abbondanti e ricchi di grassi. Inoltre, aiuta a proteggere il fegato dai danni causati dai radicali liberi e contribuisce a metabolizzare i grassi nel corpo riducendo il tasso di grasso accumulato nelle cellule del fegato.

 

Dal punto di vista cardiovascolare esercita un effetto protettivo dovuto alle sue proprietà antiaggreganti (ha un’efficacia pari all’aspirina) e ipocolesterolemizzanti. Secondo uno studio pubblicato sulla rivista ” Cancer Research”, la curcuma avrebbe un ruolo fondamentale nella prevenzione e nel trattamento del tumore alla prostata, ed è anche utile per contrastare l’insorgere di altri tumori quali quelli di colon, bocca, polmoni, fegato, pelle, reni, mammelle e leucemia.

 

La curcumina trasforma i radicali liberi in sostanze inoffensive per il nostro organismo oltre naturalmente a rallentare l’invecchiamento del nostro patrimonio cellulare. Molto valida anche l’azione cicatrizzante; in India infatti viene applicato il rizoma (radice) per curare ferite, scottature, punture d’insetti e malattie della pelle con risultati veramente soddisfacenti.

La curcumina inoltre ha un principio attivo che inibisce la crescita delle scaglie della pelle che portano alla psoriasi. (Vol. 595 della rivista “I progressi in Medicina Sperimentale e Biologia”).

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
il linguaggio informatico di Dio
LIBRO IN VENDITA Scritto dal Dott. Emanuel Celano - Un testo unico che coniuga informatica, fisica quantistica e spiritualità
IL LINGUAGGIO INFORMATICO DI DIO [ QUI ]

 

La proprietà antiossidante è 300 volte superiore a quella della vitamina E: contiene inoltre manganese, ferro, potassio, magnesio, vitamina C e vitamina B6, omega 3 e 6

Per un uso salutistico è sufficiente integrarla nella nostra dieta quotidiana nella dose di un cucchiaino da caffè; la si può aggiungere a fine cottura su molti alimenti ma si può anche aggiungere a vari tipi di yogurt o succo di frutta. E’ consigliabile comunque assumere la curcuma assieme a pepe nero, tè verde o succo di ananas per facilitarne l’assorbimento.

 

Attenzione: la curcuma non deve essere utilizzata da persone affette da calcoli o ostruzione biliare, ed anche in gravidanza; è meglio consultare un medico in quanto può essere uno stimolante uterino.

 

http://www.curcumina.it/

http://www.naturalmentemangio.it/

 

ALTRI ARTICOLI SULLA CURCUMA

https://www.spaziosacro.it/interagisci/blog/blog2.php/la-curcuma

Curcuma : potente antiossidante che rallenta l’invecchiamento naturale delle cellule

https://www.spaziosacro.it/interagisci/blog/blog2.php/curcuma-potente-antiossidante-che-rallenta

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php


#spaziosacro

TROVA LA CURA NATURALE

TROVA LA CURA NATURALE CON UN CLICK

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

In India la lotta al cancro della cervice passa dall'aceto

Un semplice test permette

di ridurre la mortalità per questa forma di tumore. I risultati presentati a Chicago durante

il convegno dell’American

Society of Clinical Oncology

DANIELE BANFI

Nelle scorse settimane la notizia della decisione “shock” di Angelina Jolie di farsi rimuovere il seno per timore dello sviluppo di un cancro ha fatto il giro del mondo. Una scelta dettata dalla possibilità di conoscere in anticipo l’eventuale predisposizione a sviluppare la malattia. Se ad oggi si è arrivati a tanto il merito è anche delle sempre più raffinate tecniche diagnostiche. In gran parte del mondo però, soprattutto nei paesi più poveri, tutto ciò è ancora ben lontano dal realizzarsi. E’ questo il caso dell’India, dove ancora troppe donne muoiono perché scoprono tardi di avere un cancro alla cervice. Qualcosa però sta fortunatamente cambiando: in uno studio presentato in questi giorni all’ASCO di Chicago, il più importante convegno di oncologia al mondo, è stato dimostrato che un semplice e poco costoso test di diagnosi precoce permette di diminuire drasticamente la mortalità per questo tipo di tumore.

 

Come spiega il professor Surendra Shastri, autore del progetto, «Il cancro della cervice uterina è un problema emergente per l’India. E’ la forma tumorale con la più alta incidenza e mortalità». Una situazione diametralmente opposta rispetto ai paesi occidentali dove il numero dei casi e quello dei decessi continua a diminuire grazie soprattutto all’introduzione del Pap-test -un esame di diagnosi precoce molto efficace- e del vaccino per l’HPV. La maggioranza dei tumori del collo dell’utero è infatti causata dalla presenza del Papilloma virus, una forma virale che è possibile contrastare attraverso campagne di vaccinazione.

 

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
il linguaggio informatico di Dio
LIBRO IN VENDITA Scritto dal Dott. Emanuel Celano - Un testo unico che coniuga informatica, fisica quantistica e spiritualità
IL LINGUAGGIO INFORMATICO DI DIO [ QUI ]

«Il nostro problema -continua Shastri- è che in India mancano programmi di screening basati sul Pap-test a causa delle strutture inadeguate e della mancanza di personale sanitario competente. Non solo, tutto ciò si somma alle difficoltà logistiche e alla mancanza di fondi per attuare una seria campagna». Ecco perché la possibilità di avere un semplice e rapido esame “alternativo” rappresenta oggi più che mai un’urgenza.

 

Uno di questi è il “VIA-test” (Visual Inspection with Acid Acetic), una metodica conosciuta da molti anni che consente, in maniera abbastanza precisa, di individuare quelle lesioni all’interno del collo dell’utero che potrebbero evolvere in tumore. L’esame consiste nell’applicare sulla cervice uterina alcune gocce di aceto ed osservare se avvengono cambiamenti. «Se siamo in presenza di lesioni – spiega Shastri- l’acido acetico ha il potere in un solo minuto di far diventare bianca la zona danneggiata. Un ottimo modo per fare diagnosi precoce che ci consente di selezionare quelle donne che necessitano di un’operazione di rimozione della lesione. Un altro fattore da non trascurare è che l’esame non richiede la presenza di strutture ospedaliere e può essere effettuato da personale paramedico. Nel nostro caso è bastato un corso di 4 settimane per raggiungere un buon livello di competenza».

 

A dimostrare la bontà del metodo sono i dati presentati al congresso statunitense. Nello studio, durato 15 anni e che ha coinvolto più di 150 mila donne di Mumbai, è stato mostrato che sottoponendosi al test ogni due anni la mortalità per cancro alla cervice si riduce del 31%. «Un risultato che spero possa produrre profondi effetti nella riduzione dell’incidenza dei tumori del collo dell’utero. Ad oggi sarebbe possibile infatti salvare 22 mila donne all’anno nella sola India e la prospettiva è di arrivare a 72 mila se si considerano tutti i paesi in via di sviluppo. Ecco perché auspico che questo modello possa essere applicato su più larga in quei luoghi che al momento non possiedono ancora le risorse necessarie per attuare programmi di screening più complessi» conclude Shastri.

 

Twitter @danielebanfi83

http://www.lastampa.it/2013/06/03/scienza/in-india-la-lotta-al-cancro-della-cervice-passa-dallaceto-fzHgq3Ug7NiLH3H9L90akN/pagina.html

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php


#spaziosacro

TROVA LA CURA NATURALE

TROVA LA CURA NATURALE CON UN CLICK

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

Olio di semi di borragine: un rimedio per tutte le stagioni

Questo prezioso olio, che si ottiene per spremitura a freddo dei semi della pianta Borago Officinalis, appartenente alla famiglia delle Boraginacee, è da considerarsi un rimedio utile per tutte le stagioni, intese non solo come stagioni dell’anno ma anche stagioni della vita in quanto aiuta la risoluzione di problemi e il mantenimento della salute a qualsiasi età. .

 

Proprietà e caratteristiche della borragine

 

Iniziamo col dire che è una fonte importantissima di acidi grassi Omega 6 (che rientrano nella categoria dei grassi “benefici” per la salute, i polinsaturi), e precisamente acido alfalinoleico, acido gammalinoleico (vitamina F), acido oleico; inoltre favorisce la formazione delle prostaglandine PGE1, quelle di tipo antinfiammatorio e contiene fitoestrogeni. Si tratta di un olio altamente pregiato che va conservato a bassa temperatura perché facilmente ossidabile; la cosa migliore è consumarlo sotto forma di perle gelatinose, che ne preservano intatte tutte le qualità.

 

Amico della pelle

 

Già dall’infanzia si può iniziare ad assumerlo, infatti è stato spesso impiegato con successo per via interna per la cura della dermatite atopica nel neonato. In generale gli acidi grassi contenuti svolgono un importantissimo ruolo strutturale nella costituzione delle membrane cellulari, risultando così molto importanti per la cura della pelle. Nell’adolescenza può essere un ottimo coadiuvante nella la cura dell’acne giovanile (per un’azione sinergica si può abbinare all’assunzione orale anche l’uso topico, applicando sul viso il contenuto di un paio di perle a cui si aggiungono due gocce di olio essenziale di tea tree oppure di lavanda ) invece per chi è più avanti negli anni è un importante fattore antiossidante e antiage, favorisce il trofismo cutaneo prevenendo rughe e migliorando l’aspetto della pelle in generale (assumere due perle al giorno per un paio di mesi in primavera e in autunno aiuta a ‘ringiovanire’ la cute, magari abbinando un fiala dell’oligoelemento rame da assumere ogni mattina). Previene le smagliature. Trova la sua applicazione elettiva nella cura di eczemi, contrastando le desquamazioni cutanee perché favorisce l’elasticità delle membrane cellulari e l’idratazione naturale della cute: per lo stesso motivo viene spesso impiegato con buoni risultati anche in caso di psoriasi, e in tutti i casi di irritazione e ipersensibilità della pelle. Può apportare miglioramento anche nei casi di allergie cutanee (acido linoleico e gammalinoleico hanno azione antiallergica) o dermatiti senza causa; ho riscontrato con alcuni clienti che anche pruriti idiopatici, cioè quelli in cui non esiste una causa accertata e che non rispondono a trattamenti tradizionali, hanno trovato beneficio dopo un ciclo di assunzione per via orale di questo olio (meglio se abbinato al gemmoderivato di Ribes Nigrum). Ottimo anche per il trofismo delle mucose e utile per gli annessi cutanei quali unghie e capelli.

 

Problematiche femminili

 

Grazie al contenuto di fitoestrogeni e alla sua efficacia antinfiammatoria molte donne hanno trovato un miglioramento importante nella Sindrome premestruale (ottimo abbinato all’oligoelemento Zinco-Rame e a capsule di magnesio) e in generale in tutte le problematiche ormonali, quali dolori mestruali, amenorrea, in particolare nei disturbi del climaterio e della menopausa. Alcune donne hanno riportato anche un miglioramento nelle problematiche di mastalgia e mastodinia ottenendo una riduzione del gonfiore e del dolore al seno. Può essere di aiuto anche per chi soffre di vaginiti ricorrenti in quanto protegge le mucose ed è antinfiammatorio, può essere un ottimo coadiuvante nelle terapie per la risoluzione della policistosi ovarica e altre disfunzioni ormonali.

 

Ricostituente

 

È da considerare anche la funzione di stimolo alle surrenali, in quanto è un ricostituente della corteccia surrenale, immunomodulante, è ottimo dopo trattamenti con farmaci steroidei o cortisone, può essere di sostegno per il sistema nervoso.

 

Altri usi dell'olio di borragine

Non va dimenticato che l’acido gammalinoleico aiuta ad impedire l’aggregazione piastrinica, libera i vasi arteriosi quindi del suo consumo se ne avvantaggiano la circolazione sanguigna e il funzionamento cardiaco; inoltre le prostaglandine Peg1 possono aiutare ad abbassare la pressione sanguigna ed inibire la sintesi del colesterolo “cattivo”. La sua azione antinfiammatoria può essere utile per il benessere delle articolazioni e coadiuvante in qualche caso di artrite reumatoide (ricerche sono state fatte in questo senso nell’Università di Medicina in Vermont). Infine in alcuni casi sono stati ottenuti risultati anche per osteoporosi, problematiche del sistema nervoso legate al diabete, in alcune malattie infiammatorie e colite ulcerosa.

 

Precauzioni d’uso

 

Riguardo all’olio di semi di borragine non sono stati segnalati effetti dannosi né tossici secondari (mentre sono stati segnalati nel caso di fiori e foglie della pianta per la presenza in alcuni momenti vegetativi di alcaloidi, che non sono mai presenti nell’olio). Si suggerisce cautela nell’uso ai soggetti che assumono anticoagulanti o affetti da emofilia, dato che abbassa la formazione dei coaguli sanguigni a seguito di una ferita o lesione. E’ buona norma assumere assieme l’olio di semi di borragine nell’ambito di un’alimentazione che sana, completa ed quilibrata.

 

Infine ricordiamo la buona norma di mantenere assieme al consumo di olio di Borragine una regolare assunzione di omega 3 (olio di lino, noci, pesce azzurro) per bilanciare le componenti Omega 3 e omega 6, il cui rapporto è bene che rimanga sempre ben proporzionato nell’alimentazione al fine di ottenere il massimo dell’effetto antinfiammatorio e benefico.

Manuela Palchetti

http://www.naturopataonline.org/articoli/4-nutrienti/2479-olio-di-semi-di-borragine-un-rimedio-per-tutte-le-stagioni/1.html

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php


#spaziosacro

TROVA LA CURA NATURALE

TROVA LA CURA NATURALE CON UN CLICK

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

Proteine: cosa sono, a cosa servono, quali scegliere

Alimentazione:Cosa mangiamo?NutrientiVitamineMinerali - OligoelementiAllergie Intolleranze DieteRicette e Cucina NaturaleNaturopatia:Malattie e NaturopatiaMedici AlternativiMacchine per la SaluteCure Olistiche:AyurvedaDomoterapia GeobiologiaCromoterapiaFloriterapia e Fiori di BachIridologiaRiflessologiaMusicoterapiaCristalloterapiaAltre disciplinePiramidoterapiaShiatsuMassaggioMetodo BatesMamme e bambini:Guide e consigliGuida Salute:Rimedi NaturaliProdotti NaturaliTutto Al FemminileSport e benessere:Sport Salute BenesserePostura e BenessereYoga e meditazione:E.F.T.YogaMeditazioneFilosfia e spiritualità:Solo Pensiero PositivoCrescita InterioreScienza e conoscenza:AttualitàBioenergia e BiofisicaLetture ConsigliateEnneagrammaInquinamento:Inquinamento e SaluteMetalli TossiciServizi:Test Online GratisDomande e RisposteConsulenze gratuiteCorsi e GuideAssociazione Satya:Chi SiamoFunzioni Utili:

Cerca nel sito:

 

Ricerca avanzata

 

Iscriviti alla newsletter:

 

 

 

Sponsors:

 

 

 

 

 

 

 

 

Ti trovi in: Nutrienti Stampa Aggiungi ai Preferiti

Proteine: cosa sono, a cosa servono, quali scegliere

 

Svolgono importanti funzioni del corpo umano, le proteine sono utili alla formazione di tessuti, enzimi, ormoni, forniscono anche energia. Non possiamo farne a meno ma neppure eccedere Data di pubblicazione:: 14-05-13 15:36

 

Autore:: Claudio Monteverdi

 

Numero letture: 657

Condividi: Share on facebook Share on twitter E' vietato l'impiego a scopo medico delle presenti informazioni. Esso costituisce reato previsto e punito dall'art. 348 c.p., del quale l'utente − avendo agito in contrasto con le condizioni di utilizzo dell'Associazione − risponde a titolo esclusivo.

Diritti d'autore riservati all'Associazione Benessere Naturale Satya.Pagina 1. Quali, quante, perchè? Alcune risposte sulle proteine

 

 

Galleria:

Si sente spesso parlare, soprattutto in tv, di alimentazione in termini di carboidrati, grassi e proteine, dando per scontato cosa siano e a cosa servano, e senza mai far cenno alla qualità di questi importanti componenti. Vediamo in estrema sintesi i concetti alla base del termine proteine.

Tra le importanti funzioni svolte dalle proteine (o protidi) nel corpo umano è bene ricordare che esse costituiscono tutti i tessuti - non solo i muscoli come è noto agli sportivi, ma anche capelli, unghie, pelle... - e quindi anche il sangue e gli organi, inoltre in alcune situazioni sono fonte di energia (zuccheri e grassi) e partecipano alla formazione di ormoni, enzimi e altre importanti sostanze utili al buon funzionamento dell'organismo umano. Le proteine sono formate da catene di aminoacidi che il nostro corpo ricava dagli alimenti (o meglio dalle proteine del cibo).

 

Le proteine non possono mancare, ma non possono essere troppe

 

Le proteine sono una componente fondamentale del nostro corpo: non possiamo farne a meno, ed oltretutto anche gli enzimi - le molecole che facilitano tutte le reazioni del nostro metabolismo, compresa la digestione - sono essi stessi proteine. Dalle premesse fatte si deduce che la nostra alimentazione deve prevedere una dose di proteine, che oltretutto ci donano un senso di sazietà, tuttavia se si eccede, possiamo andare incontro a problemi di salute.

 

I mattoni delle proteine, gli aminoacidi

 

Le proteine sono costituite da 20 aminoacidi i quali combinati tra loro in diversi modi attraverso i legami peptidici, generano a loro volta una grande varietà di proteine diverse con funzioni differenti. Otto dei 20 aminoacidi non posso essere sintetizzati dal corpo umano come i restanti 12, e vengono per questo chiamati aminoacidi essenziali: essi posso essere reperiti in alcuni cibi animali (carne pesce uova) o nelle combinazioni di cereali e legumi.

 

A cosa servono le proteine, in sintesi

 

La principale funzione delle proteine è quella definita "plastica" che consiste nel rifornire gli aminoacidi necessari per i processi di rinnovamento dei tessuti, inoltre

 

- sono precursori di alcuni enzimi che intervengono nei vari metabolismi del corpo

 

- sono necessarie per la contrazione muscolare e per la difesa immunitaria dell'organismo

 

- sono depositarie del codice genetico, DNA e RNA

 

- trasportano varie sostanze presenti nel sangue (ad esempio gli ormoni)

 

- fanno da neurotrasmettitori (serotonina)

 

- intervengono nella coagulazione del sangue.

 

Le proteine hanno anche funzione energetica, ma in una alimentazione bilanciata questa azione è marginale, mentre diventa importante in alcune situazioni, ad esempio durante il digiuno prolungato o durante un'attività fisica prolungata o intensa

Troppe o troppo poche?

Per dovere di cronaca qui sotto gli effetti delle due casistiche, ma sottolineo che lo stile alimentare tipico del mondo occidentale porta ad un cronico eccesso di proteine, quindi la nostra preoccupazione principale non dovrebbe essere quella di assumerne troppo poche, bensi di assumerne troppe. Un continuo processo di demolizione e sintesi delle proteine consente il loro continuo ricambio, che avviene molto più velocemente in alcune situazioni o fasi della vita, come nel caso di intensa attività sportiva, oppure nella fase della crescita. Se introducessimo nel nostro corpo una quantità insufficiente di proteine s il bilancio da proteine demolite e quelle introdotte sarebbe negativo e l'effetto sarebbe quello di una diminuzione delle proteine in particolare della massa muscolare. Se assumiamo troppe proteine, come molto più probabilmente avviene, o peggio come proposto da molte diete iperproteiche (per esempio la dieta Dukan) le proteine in eccesso vengono trasformate in depositi di grasso, oltretutto le scorie della loro trasformazione diventano urea, acido urico e ammoniaca, che hanno un importante impatto dannoso su fegato e reni, con il risultato dio affaticarli e anche danneggiarli. Un altro effetto è quello acidificante del fisico, che crea i presupposti per lo sviluppo di malattie. Recenti studi hanno dimostrato che le proteine necessarie sono molto inferiori ai quantitativi che si consigliavano fino a pochi anni fa o che ancora molti nutrizionisti suggeriscono. Nelle varie scuole di pensiero del mondo medico scientifico la quota proteica suggerita per la nostra alimentazione è quantificata in una percentuale sul totale delle calorie introdotte che va dal 10% al 20%. Alcuni suggerimenti sono espressi in grammi per Kg. corporeo, e la letteratura riporta consigli che vanno da 0,8g a 1,5 grammi per chilo corporeo. I valori però sono molto indicativi e soggettivi in quanto sono anche funzione del tipo di attività che si svolge e delle caratteristiche di ogni singolo individuo.

 

Le proteine non si trovano solo nel cibo animale

 

Come è noto le proteine sono contenute nei cibi animali come carne, uova, pesce, latte e latticini. Molti sanno che nel mondo vegetale anche i legumi sono fonti di proteine, ma è bene ricordare che esistono altri cibi che contengono percentuali interessanti di proteine come i cereali integrali, la frutta secca ed alcuni semi oleosi, alcuni superfood tra cui le alghe (spirulina). Un recente ed importante studio scientifico sull'alimentazione durato oltre 30 anni e descritto dal dott. Campbell nell'opera The China Study conclude che nella nostra società tumori e malattie si sviluppano e crescono nell’organismo con una efficacia direttamente proporzionale il maggiore consumo di proteine e grassi animali. Purtroppo non si parla spesso di un altro importante elemento evidenziato anche dal dott. Campbell: la qualità delle proteine.Ad esempio nel caso di proteine animali quali sono le proteine migliori? Quelle provenienti da animali cresciuti in modo naturale, senza mangimi, senza farmaci. Particolare importanza assume l'argomento quando parliamo di latte lavorato dall'industria, proveniente da allevamenti intensivi, pastorizzato, omogeneizzato, sgrassato...

Claudio Monteverdi

http://www.naturopataonline.org/articoli/4-nutrienti/2468-proteine-cosa-sono-a-cosa-servono-quali-scegliere/1.html

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php


#spaziosacro

TROVA LA CURA NATURALE

TROVA LA CURA NATURALE CON UN CLICK

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli