SPAZIOSACRO
Tu sei qui:  / Segnature - Fuoco Sacro - Notte di Natale / Segnature – medicina solstiziale – Fuoco Sacro – Notte di Natale

Segnature – medicina solstiziale – Fuoco Sacro – Notte di Natale

MEDICINA SOLSTIZIALE:

LE SEGNATURE, L’ARTE DEL BENEDIRE

*

IL LINGUAGGIO E GLI ANTICHI SIMBOLI DELLA CURA

di alcune tradizioni della nostra Terra che si trasmettono solo la notte di Natale

*

Vi era un tempo in cui solo pochi avevano il dono. L’esclusività appartiene alla “vecchia” energia.  Infatti molti la vorrebbero ancora e pensano di lasciarlo solo in punto  di morte: ma da  quando sappiamo quando moriamo?

Cosi’ molti segnatori non hanno lasciato a nessuno la possibilita’ di curare.

Oggi parliamo di condivisione.  Grazie Albertina per averci insegnato questo nuovo “moto del cuore” e di averci chiesto,

in punto di morte, di donarlo a piu’ persone possibili.

-Lei lo aveva donato a qualcuno, ad ogni Natale per 40 anni! –

Grazie a te Cara, centinaia di persone hanno potuto ricevere questo dono ! Un dono immenso per il bene del prossimo.

Se aggiungiamo il fatto che questo evento ci ha permesso di aiutare chi aveva bisogno, troviamo questa possibilità una vera benedizione ! 

  Quest’ anno, dati i tempi, i moti del cuore e il disonore che molti hanno portato abbinando le segnature alla magia, ai tarocchi, ai talismani, a riti inappropriati, abbiamo deciso di tenere l’evento a NUMERO CHIUSO

  Trasmettiamo questi doni, che con gli anni sono aumentati, a chiunque chieda di venire con  CONSAPEVOLEZZA ED INTEGRITA’

Infatti, l’energia da sola fara’ la sua “scelta”: se l’intento non e’ integro e amorevole, non funzionera’ !

Benedizioni e Luce al cammino!

*

Diffidiamo i nostri “allievi” o chiunque altro di abbinare alle segnature SISTEMI NON APPROPRIATI come talismani, amuleti o riti magici, poiché non hanno nulla a che fare con questi insegnamenti che vengono da noi trasmessi solo a Bologna ! Diffidiamo inoltre di utilizzare le nostre dispense senza autorizzazione o di  trasmettere le segnature in altro periodo che non sia il solstizio d’inverno, poiche’ non sarebbero valide.

NOI NON SIAMO “MAGHI” MA SEGNATORI ! 

***

NESSUN UOMO PUO’ AUTORIZZARE UN ALTRO A SEGNARE, COSI’ COME NESSUN UOMO PUO’ PARLARE IN NOME DI DIO. LA GRAZIA VIENE DA DIO ED E’ RICEVUTA DAL “DISCEPOLO” CHE L’ ACCOGLIE CON ANIMO PURO . NON SI TRATTA DI ESSERE AUTORIZZATI , MA DI RICEVERE UN’INIZIAZIONE, NON SI TRATTA DI LAVORARE CON L’EGO MA DI LASCIARSI FLUIRE,  DI ESSERE GRATI ! GRATI DI UN DONO CHE SI TRAMANDA DA SECOLI. UN DONO CHE RICHIEDE UNA SOLA CONDIZIONE: NON AVERE ASPETTATIVE NE’ ESSERE PRESUNTUOSI.  L’ESSENZA DI TUTTO STA NELL’ ESSERE CONSAPEVOLI E COMPORTARSI COME CANALI DI LUCE, CANALI DELL’ENERGIA DIVINA, MANTENENDO UNA MENTE NEUTRA, UNA MENTE CONSAPEVOLE DI ALCUNE VERITA’: TUTTI POSSONO ESSERE CURATI  DAGLI UOMINI SE LO DESIDERANO, MA TUTTI POSSONO ESSERE GUARITI DA DIO  PERCHE’ LA GUARIGIONE VIENE SOLO DA LUI,  SE POI ESSA HA  I CONNOTATI DI UN MIRACOLO…QUESTA “MAGIA” E’ SOLO DIVINA….
Quindi i presunti maghi, coloro che mescolano malamente le segnature, tolgono “il malocchio” SPAVENTANDO LE PERSONE, fanno fatture e amuleti e chiedono inappropriati compensi,non possono entrare nel nostro lignaggio.
Se la gratitudine porta le persone a offrire spontaneamente dei doni,come diceva Albertina: “nulla chiedere,nulla rifiutare . La gratitudine e’gia’ una guarigione!”

* 

NOTTE DI NATALE : 24 dicembre

IL RITO DELLE SEGNATURE

 IL LINGUAGGIO E GLI ANTICHI SIMBOLI DELLA CURA

san basilio diceva l'uomo e' una creatura che ha ricevuto da dio l'ordine di diventare dio per grazia

PER L’ISCRIZIONE E PER CONOSCERNE LE MODALITA’ INVIA UNA EMAIL A : info@spaziosacro.it

 

Le segnature fanno parte della

“MEDICINA SOLSTIZIALE”

Gli ultimi tremila anni dell’umanita’ sono stati un viaggio negli ideali, nell’ incorporeita’ e nella  tragedia e ora il viaggio e’ finito… praticamente e’ una questione di rapporto.  Dobbiamo tornare al dialogo e al rapporto, al vivido e vivificante rapporto con il Cosmo. Il mondo e’ attraverso i rituali quotidiani e il risveglio.  Dobbiamo ancora una volta compiere il rituale dell’Alba, di mezzogiorno e del tramonto; il rituale dell’accendere il fuoco e del versare l’acqua, il rituale del primo e dell’ultimo respiro. Dobbiamo ritornare alla Medicina Solstiziale, dobbiamo ritornare al modo di “conoscere in termini di comunione”. Comunione del corpo, delle emozioni e delle passioni, con la Madre Terra, il Sole, la Luna e le Stelle. Dio.

( D.H. Lawrence )

La nostra associazione da anni pratica la cosidetta “medicina solstiziale” con due riti: al solstizio invernale, 24 dicembre, con le SEGNATURE e a quello d’estate, 21 giugno, con IL MANDALA DEI 9 PIANETI

La Medicina solstiziale comprende alcune pratiche di cura e prevenzione per il corpo la mente e lo spirito che sono in relazione con i due solstizi,che,per quanto riguarda quello d’inverno, la Chiesa cattolica ha traslato al 25 dicembre con la festività del Natale e per quello d’estate,lo celebriamo il 21 giugno in relazione alla prossima festivita’ di San Giovanni Battista, l’evangelizzatore.

Il termine solstizio viene dal latino solstitium, che significa letteralmente “sole fermo” (da sol, “sole”, e sistere, “stare fermo”).

Infatti nell’emisfero nord della Terra tra il 22 e il 24 dicembre il sole sembra fermarsi in cielo (fenomeno tanto più evidente quanto più ci si avvicina all’equatore).

In termini astronomici, in quel periodo il sole inverte il proprio moto nel senso della “declinazione”, cioè raggiunge il punto di massima distanza dal piano equatoriale. Il buio della notte raggiunge la massima estensione e la luce del giorno la minima.Si verificano cioè la notte più lunga e il giorno più corto dell’anno.

Subito dopo il solstizio, la luce del giorno torna gradatamente ad aumentare e il buio della notte a ridursi fino al solstizio d’estate, in giugno, quando avremo il giorno più lungo dell’anno e la notte più corta. Il giorno del solstizio cade generalmente il 21, ma per l’inversione apparente del moto solare diventa visibile il terzo/quarto giorno successivo.

Il sole, quindi, nel solstizio d’inverno giunge nella sua fase più debole quanto a luce e calore, e pare precipitare nell’oscurità, ma poi ritorna vitale e “invincibile” sulle stesse tenebre. E proprio il 25 dicembre sembra rinascere, ha cioè un nuovo “Natale”.

Questa interpretazione “astronomica” può spiegare perché la notte tra il 24 e il 25 dicembre sia una data celebrativa presente in culture e paesi così distanti tra loro.Tutto parte da una osservazione attenta del comportamento dei pianeti e del sole, e gli antichi,per quanto possa apparire sorprendente, conoscevano bene gli strumenti che permettevano loro di osservare e descrivere movimenti e comportamenti degli astri.

Al 21 giugno vi è il solstizio d’estate, momento nel quale il sole raggiunge la sua massima declinazione positiva rispetto all’equatore celeste, ed è la giornata con più ore di luce, per riprendere il cammino inverso e al 21 dicembre si realizza il solstizio invernale che simbolicamente indica la vittoria della luce sull’oscurità poiché le ore di luce torneranno ad aumentare e le giornate ad allungarsi.

I solstizi possono anche leggersi come “PORTALI ENERGETICI, PASSAGGI DIMENSIONALI PER NUOVI CAMBIAMENTI” :

 ”il portale degli uomini”, corrispondente al solstizio d’estate, mentre il solstizio d’ inverno e’ ” la porta verso il divino”.

 I solstizi sono dunque simboli di passaggio, o del confine tra il mondo dello spazio-tempo e lo stato di aspazialità e dell’atemporalità.

Le due tradizione popolari o religiose, alle quali ci rifacciamo, hanno assegnato ai due solstizi valori terapeutici particolari, eccezionali proprio per il loro legame religioso-astrologico, infatti, per noi, uno appartiene alla religione Cristiana e l’altro alla tradizione Vedica.

Nell’uno, quello invernale, predominano parole sacre, segni, simboli e figure sacre e nell’altro, mantra pianeti ed elementi,

quello estivo, oltre a tutti gli elementi: etere, acqua, terra, fuoco, aria,… si ricrea con il mandala dei 9 pianeti con i suoi simbolismi, l’energia della terra, del sole e della luna,  il rito dell’olio di iperico…. 

Essi sono dunque due riti di passaggio, di purificazione,energizzazione cura e PRESENZA

Sono entrambi Indicazioni per rinnovare il cammino di noi uomini sulla Terra, un cammino di cura e “guarigione” per se stessi e per gli altri…Siamo un tutt’uno!

Per quanto riguarda il solstizio d’estate l’uomo e’ invitato all’operosita’, alla ricerca della comunione col prossimo, al ringraziamento per i frutti della terra, alla gioia…e tutte le cure sono volte ad ottenere questo equilibrio

IL Solstizio d’Estate,e’ il momento della massima manifestazione dell’espansione, simboleggiato dalla festa di mezza estate in cui gli spiriti della natura si stringono in solida alleanza con l’uomo che sa.

Per quanto concerne il Solstizio d’Inverno, l’uomo rientra in se stesso ed e’ appropriato per lui cercare o ritornare alla sua parte spirituale piu’ sacra, tanto che la medicina solstiziale in questo periodo propone “la cura dell’anima” con la meditazione e quella del corpo con LE SEGNATURE …per arrivare a vivere una vita consapevole,di aiuto al prossimo e di ricerca interiore..verso il proprio sé divino

Esotericamente, il solstizio d’inverno rappresenta quindi l’apertura di una porta di crescita spirituale, verso una forma di conoscenza superiore

SIAMO IN INVERNO

benvenuti dunque al solstizio d’inverno, a questa notte di NATALE 24 -25 Dicembre : Benvenuti ad una delle notti energeticamente piu’ potenti dell’anno.

A tre giorni dal solstizio d’inverno, nel tempo del “SOLE INVICTO”, NASCE O SI RICORDA LA NASCITA DI GESU’, IL MESSIA,  il MELCHISEDEK, il re vero, ritenuto dalla Cristianita’ quel SOLE VITTORIOSO CHE PORTERA’ LA LUCE SPLENDENTE DELL’AMORE A TUTTE LE GENTI.

Egli e’ considerato il Maestro della sensibilita’ e della guarigione spirituale, figlio prediletto del Divino che vince la sofferenza e la morte.

Nella sua Luce e nel suo Amore, vi auguriamo una buona RINASCITA BUONE CURE E GUARIGIONI SPIRITUALI !  

*

CHIEDIAMO A CHI  INTENDE PARTECIPARE ALLA NOTTE DI NATALE IN CUI SI TRASMETTERANNO QUESTI INSEGNAMENTI DI AVVICINARSI CON INTEGRITA’ E BUON CUORE E DI INVIARE UNA EMAIL IN CUI SI DICHIARA IL PROPRIO INTENTO E LA MOTIVAZIONE PER CUI SI DESIDERA APPRENDERE QUESTO DONO.

CHE IL SEGNATORE  MAI SI SOSTITUISCA AL MEDICO, MA SE EGLI LO DESIDERA, SI COLLABORI.
VI  ASSICURIAMO CHE TRASMETTEREMO GLI INSEGNAMENTI RICEVUTI, CON LO STESSO AMORE E LA STESSA INTEGRITA’ CHE ABBIAMO PERCEPITO RICEVENDOLI … E CHE LO FAREMO A MAGGIOR GLORIA DELLA LUCE !
GRAZIE!

dagli insegnamenti

di Albertina che amiamo e ringraziamo

e che al di la’ del velo sempre ci guida

*

Il termine SEGNATURA e’ senza tempo.

UN SEGNO-SIMBOLO e’ un archetipo ed e’ potente perche’

 ripetuto e compreso da tanti individui,

e’ una “porta” che si apre per una soluzione, in questo caso per la soluzione

da un malessere o da una malattia.

Anche nei fiori di Bach, ad esempio, si parla di Segnature di una pianta e si ribadisce il concetto sopraesposto. Questo comunque non sarà mai un invito ad abbandonare la medicina ufficiale !

La segnatura va ad imprimersi in una parte del corpo umano o della sua mente-spirito, la’ dove la malattia si e’ istaurata o ha avuto inizio ed essa la va a curare entrando proprio da quella “porta”

Per le SEGNATURE occorre la trasmissione di SEGNI-SIMBOLI E PAROLE che si tramandano, per noi, solo la NOTTE DI NATALE perche’ e’ energeticamente potente e significativa.

I Simboli, lungi dall’essere il retaggio fossilizzato di epoche perdute, sono “entità viventi” attive ed operanti, svincolate dalle leggi del tempo ed, in quanto tali, sostanziate d’eternità. Ne deriva una congenita attitudine alla perennità, che conferisce al Simbolo un’inesauribile vitalità ed un’attualità che si perpetua da millenni, nei millenni (Michele Addante)

I SEGNI -SIMBOLI raccolgono le energie per indirizzarle verso la parte spirituale piu’ alta della Persona e le PAROLE sono la compartecipazione a tutte le espressioni Divine:

quindi niente magia se non quella del Se’ Superiore che opera in uno stato concentrato di coscienza attingendo alla memoria collettiva dell’umanita’.

Nel nostro caso alle tradizioni della nostra Terra e alla”Sorgente”.                                        

Il linguaggio delle Segnature

con Parole, Segni-Simboli

.

LE SEGNATURE SONO PER :

(nessuna di queste segnature vuole sostituire la terapia del vostro medico curante,  cerchiamo una collaborazione a MAGGIOR GLORIA DELLA LUCE, infatti ci chiamano anche a segnare negli ospedali e vengono medici da noi per farsi segnare essi stessi quando hanno bisogno )

– segnare il Fuoco Sacro (herpes zoster)

– l’herpes labiale (herpes simplex)

– le Bruciature o ustioni

 (ustione, localmente nota anche come fuoco domestico per contrapposizione al fuoco selvatico, cioè l’herpes zoster)

– le Lombalgie (lenirle)

  – segnatura per togliere i “vermi” – gli ossiuri -nei bambini e negli adulti

Segnatura della “bronchite”

– Segnatura per il “sangue”

(in piccole emorragie, ferite sanguinanti, sanguinamenti dentarii emorroidali etc….. no nelle mestruazioni che sono un flusso naturale . E’ ottima anche come prevenzione!  Ringraziamo Gigi e Daniel per questa trasmissione a natale)

GRAZIE! 

 Per partecipare all’evento :

iscriviti alla notte di natale con un click qui

        *

+ verra’ insegnato ” il rito antichissimo della Stachys Recta” (una  pianta)

 per lenire gli shock e aiutare i bambini piccoli a superare uno spavento

 (questo rito ci e’ stato insegnato da Roberto Valeriani, nostro amico Erborista, il quale lo ha ricevuto a sua volta la Notte di Natale)

pianta

Stachys recta

per vedere alcune foto della pianta [ click qui ]

La Stachys Recta si raccoglie, secondo tradizione, a digiuno e chiedendo il permesso, la mattina del 24 Giugno, la festa di San Giovanni.   Si fanno seccare i fiori con il gambo, ponendoli a testa in giu’ poi  si deporranno delicatamente in un sacchetto di materiale naturale o in vetro e si useranno al bisogno, come verra’ insegnato.

Presente in tutta Italia fuorche’ nelle Isole. E’ una delle prime specie dei prati secchi che penetra nei prati semisecchi. Si affianca a leguminose come il trifoglio rosso e la stellina purpurea.

***

——————————————————————–

LISTA SEGNATORI

Vai subito alla Lista delle persone

che segnano secondo la nostra tradizione in ITALIA [ click qui ]

——————————————————————–

sono gia’10 anni che trasmettiamo gli insegnamenti delle segnature, questo sara’ il l’11°

*

 abbiamo chiamato questa serata: 

Serata di “Iniziazione agli antichi riti della nostra Terra”

secondo gli insegnamenti di Albertina

.

segnatori del fuoco sacro in italia

SEGNATURA CON L’ANELLO BENEDETTO

 come gesto e linguaggio di dialogo

 tra l’inconscio inferiore e Superiore che e’ collegato al Divino.

*

E’ da ricordare che

Affinche’ le SEGNATURE siano efficaci  e corrette e’ indispensabile portare una VERA BENEDETTA ( che non deve obbligatoriamente essere portata al dito )

perche’ questo gesto dona sacralita’ al Vostro PURO INTENTO che dovrebbe essere quello di curare affinche’ l’autoguarigione della persona possa avere inizio.

Va bene l’anello del matrimonio (che deve essere personale e non della mamma, della nonna etc…), oppure comperare per l’occasione una veretta semplice di acciaio o d’argento (chi puo’ anche d’oro) e senza pietre o incisioni,

 e farla benedire in una chiesa anche Ortodossa infatti in entrambe  si crede e si prega in nome di Cristo Gesu’

poiché quello che faremo ha a che fare con il Maestro Gesu’, infatti e’ di lui che si parlera’, di sua Madre Maria, di San Giuseppe e di altri Santi Cristiani e Ortodossi.

Tuttavia Il far benedire la veretta

 (e non farlo da soli come molti vorrebbero, che inficierebbe il potere della segnatura)

 e’ indispensabile per dare “potere” alla segnatura e per dare sacralita’ al  gesto e al vostro PURO INTENTO che dovrebbe essere quello di curare affinche’ la persona possa auto-guarire.

SE UNA PERSONA NON CREDE IN LORO NON HA SENSO CHE VENGA, POIHE’ FAREBBE UN GESTO PRIVO DI SIGNIFICATO E SAREBBE INEFFICACE
NON VOGLIAMO DEFINIRE UNA RELIGIONE MIGLIORE DI UN’ALTRA
MA IN QUESTE SEGNATURE, LA NOSTRA TRADIZIONE E’ IN ARMONIA CON GESU’, IL MESSIA

fuoco sacro

Gesu’

Il Guaritore non guarisce nessuno ma riequilibria cosi’ bene la persona che sara’ lei stessa ad attivare poi la sua autoguarigione 

quando la sua Anima sara’ pronta

.

 Foto che mostra una vera da benedire:

 PER ESPERIENZA, CONSIGLIAMO CHE LA VERETTA NON SIA DI DIAMETRO TROPPO SOTTILE

fuoco sacro

       dice Massimo, un segnatore, che e’ venuto la notte di Natale 2010, circa l’anello che e’ indispensabile per la segnatura:

“La cosa straordinaria è che quel 24 dicembre mi avete reso ancor più consapevole che l’intenzione attiva meccanismi favolosi e se condita dal non farci nulla di nostro alla fine può accadere di tutto”.

 Il principio dell’ anello e’ il principio della fiducia che prende  forma attraverso un rituale che focalizza il potere dell’intenzione.

” Ritengo che se tutto questo avviene in collaborazione e riconoscenza all’amore Divino che tutto sorregge è più facile far emergere la meravigliosa unicità cocreatrice in Dio che siamo”.

Grazie Massimo, hai reso benissimo i concetti e i sentimenti!***

 NELLE SEGNATURE sono il Puro Intento , I Segni e la “sacralita” del gesto con un anello benedetto (come uno dei Simboli), che ne comprovano, assieme alle Sacre Parole, l’efficacia . 

Naturalmente Albertina era di fede Cristiana e compartecipa quindi, all’Espressione Divina del Maestro Gesu’ e dei suoi genitori: Maria e Giuseppe.

E Noi comparteciperemo con Lei.

Non importa essere Cristiani per comprendere che GESU’ e’ comunque il Cristo, un illuminato, il grande Maestro, il Maestro della sensibilita’ e della guarigione spirituale.

E, anche se non appartenessimo alla religione che lo rappresenta, noi attraverso il Puro intento, lo onoreremo come tale, come onoreremo i suoi genitori terreni. Allora il significato dei gesti e delle parole si dispiegheranno per realizzare una guarigione.

Nel mondo tutto e’ Sacro se lo comprendiamo.

In altri luoghi della terra si compartecipa all’espressione Divina secondo altri Maestri: se siamo aperti e con cuore sincero, comprenderemo che anche questo e’ appropriato .

Noi siamo nati in Italia.  Il nostro Maestro e’ Gesu’

              

le parole ed i segni delle SEGNATURE sono segreti e si tramandano la notte di Natale,

ma ad essi si affiancano alcune preghiere che molti sanno o che verranno date la notte stessa.

           E’ appropriato recitarle con cuore, ogni volta che SEGNEREMO.

     

 ******************* 

PORTARE PER LA SERATA

     ******************* 

Oltre all’anello benedetto,

per la serata si richiede di portare una biro per scrivere

*

E’ indispensabile la prenotazione 

iscriviti alla notte di natale con un click qui

 potete utilizzare il modulo “pre-iscrizioni”  in alto nella colonna di sinistra oppure il pulsante qui sopra !

 

L’evento inizia alle ore 19,30 e finisce verso l’una e mezzo  di notte

 Gli insegnamenti sono e rimangono gratuiti

ma  vi sono dei costi da sostenere e delle offerte da donare

Considerando che le persone sono comunque molte, abbiamo optato per un centro congressi, , a due passi da bologna con possibilità anche di pernottamento, con una sala che dispone di attrezzature tecniche all’avanguardia

 (impianto audio e video per la proiezione anche delle slides in PowerPoint e di un filmato che puo’ spiegare meglio i vari passaggi affinché, a differenza degli altri anni, tutte le persone potranno avere una giusta visuale, senza fatica e avere una comprensione maggiore dei procedimenti) . 

E poiché le persone vengono quasi tutte da molto lontano abbiamo fatto anche allestire un buffet per rifocillarle prima dell’evento che andra’ avanti fino all’1-1,30 di notte.

Il centro Congressi dispone di un ampio parcheggio

E Abbiamo pensato quest’anno di fare una donazione ad un centro che aiuta i terremotati delle Marche

***

Per visitare la struttura dell’evento [ fare click qui ]-

INVESTIMENTO RICHIESTO PER PARTECIPARE chiedere per email

PROGETTI UMANITARI:

La documentazione sulle donazioni sono a disposizione di chiunque le voglia visionare, presso la nostra associazione.

E’ anche per questo che ringraziamo di cuore tutte le persone che vi partecipano e siamo grati e onoriamo Albertina che anche “al di la del “velo” continua a fare del bene!

A BENEFICIARNE SONO STATE ALCUNE PERSONE BISOGNOSE IN ITALIA,
 UNA ASSOCIAZIONE CHE SEGUE I BAMBINI CARDIOPATICI SEMPRE IN ITALIA
 E L’ALTRA ASSOCIAZIONE IN MADAGASCAR PER “I BAMBINI DI AMPASILAVA”
 E ANCORA ALCUNE FAMIGLIE POVERE DEL TIBET SEGUITE dal LAMA REINCARNATO ALAK RIMPOCHE

-una madre con due figli autistici

-i poveri di bologna…. tanti, piu’ di quello che si crede…

-una persona disabile che ci ha chiesto aiuto via internet : rosalba

*

CHI ERA ALBERTINA

ALBERTINA abitava in un paesino di montagna in provincia di Bologna, aveva ricevuto il “lascito” da sua madre e lei da sua madre e cosi’ via fino alla 4° generazione.

Ella per 60 anni ha ricevuto nella sua casa, per segnare, migliaia di persone che vi hanno trovato grande beneficio ed un grande conforto, poiche Albertina non solo era umile, ma una brava segnatrice, gioiosa, allegra e piena di buon senso e di grande cuore.

E’ vissuta, nonostante le prove, sempre nella serenita’, nella fiducia nel Divino e nella vita.

E’ ascesa da questo piano di esistenza a Novantacinque anni.  Quanche mese prima di andarsene  ci cantava ancora qualche filastrocca che ricordava perfettamente.

Lasciandoci gli insegnamenti ci ha personalmente chiesto di trasmetterli a piu’ persone possibili e questo avviene da 11 anni

Ti vogliamo bene, Albertina! Grazie.

 
 
SEGNATURE:  

 CONOSCERE E SEGNARE L’HERPES ZOSTER

fuoco sacro

L’Herpes Zoster ,comunemente chiamato Fuoco di Sant’Antonio,è una patologia a carico della cute e delle terminazioni nervose, causata dal virus della varicella infantile (varicella/zoster virus). ll suo nome deriva da due parole greche “serpente” e “cintura” che descrivono in modo molto appropriato una malattia dolorosa, come un serpente di fuoco che si annida all’interno del corpo e che a volte ha strascichi lunghi e invalidanti.

Il fuoco sacro o herpes zoster e’ anche detta la ” MALATTIA DEGLI ARDENTI” che, nel significato esoterico ,voleva  indicare quelle persone che potevano “ardere” dal fuoco d’Amore Divino e che, solo dopo una purificazione spirituale molto forte, avrebbero ricevuto in dono” il talento di guarire”.

Nella Segnatura si nomina, per quanto riguarda il Fuoco Sacro o herpes zoster, anche Sant’Antonio Abate

Sant’Antonio Abate, eremita ed asceta cristiano nacque in Egitto nel 251. A 20 anni, seguendo i suggerimenti evangelici, si spogliò dei beni materiali dedicandosi alla vita ascetica.Ritirandosi a vivere nel deserto diede l’inizio al movimento del monachesimo occidentale. Il santo è l’esemplare modello dell’anacoreta cristiano e la sua biografia fu elaborata da San Atanasio, Vescovo di Alessandria d’Egitto.

Nella tradizione popolare San Antonio Abate è considerato autore di miracoli, vendicatore delle donne offese, confidente delle fanciulle. Oltre ad essere patrono di numerose città e villaggi, il Santo protegge tradizionalmente gli animali domestici e va invocato contro ogni tipo di contagio, specialmente contro il dolorosissimo herpes zoster, detto anche “fuoco di Sant’Antonio”.

L’attributo principale di Sant’Antonio Abate consiste in un bastone del Tau con la campanella,gli altri attributi secondari sono:

il fuoco che egli toccava a mani nude,

 il libro, il porcello. La ricorrenza di Sant’Antonio Abate si celebra il 17 gennaio.

*

Curiosita’ sul FUOCO SACRO:

Secondo i segnatori, se la patologia si presenta contemporaneamente in due diverse parti del corpo, queste devono essere “segnate” da due segnatori diversi… ma in verita’ sarebbe meglio sempre e che fossero un uomo e una donna.

(infatti per affrettare la “guarigione” viene sempre comunque consigliato di farsi Segnare da  un  uomo e da una donna contemporaneamente);

inoltre la mancata segnatura (o LA  MANCATA CURA MEDICA) porterebbero all’accrescimento dell’herpes per tredici giorni e i suoi sintomi permangono per nove mesi lunari.

Ci Sembra che tra vari medici, ormai  ce ne siano tanti che consigliano di farsi “segnare” questa patologia.

**

le segnature si realizzano:

NEL NOME DI GESU’ e di sua MADRE MARIA ,SAN GIUSEPPE

E da:

I SANTI DELLE “SEGNATURE” che per noi sono:

maria la madre di gesu’

 

san giuseppe

   

 sant’antonio abate….

san antonio abate
.
san antonio da padova 
.
san antonio padova
.
.
san Basilio  
san basilio
san basilio diceva l'uomo e' una creatura che ha ricevuto da dio l'ordine di diventare dio per grazia
.
.

 SEGNATURA PER TOGLIERE

     I “VERMI” – OSSIURI – NEI BAMBINI o negli adulti

poiche’ nominiamo 4 Santi, mettiamo le loro immagini cosi’ ve li presentiamo e ringraziamo di cuore MARIO per avercela trasmessa la notte di natale:

    

San Giobbe

san giobbe

San Giorgio

san giorgio

San Zaccaria il profeta

san zaccaria

San Giovanni l’evangelista

san giovanni

.

ALLE SEGNATURE SI ASSOCIANO 3 PREGHIERE

      notte di natale 

 MA SE VOLETE POTETE PREGARE OGNI VOLTA CHE NE SENTITE IL PIACERE DI FARLO: PREGARE E’ “UNA CURA”

Noi siamo ologrammi  dell’universo ed in ogni nostra cellula c’e’ l’universo.Quindi se facciamo un piccolo cambiamento nel nostro cuore, tipo una preghiera di pace, la pace avviene ovunque ! Le preghiere create nel nostro cuore sono gia’ dalla persona per cui stiamo pregando, poiche’ in un ologramma tutto avviene simultaneamente.

Se cambiamo il nostro mondo spirituale avviene un cambiamento anche nel mondo fisico.

.

LA CURA CON LE PREGHIERE

“Quando preghiamo per gli altri, l’universo prega per noi.” – Amma – 

Per leggere tutte le preghiere

andare a questo link [ click qui ]

.

una preghiera prima della segnature:

LA GRANDE INVOCAZIONE

DAL PUNTO DI LUCE ENTRO LA MENTE DI DIO
AFFLUISCA LUCE NELLA MENTE DEGLI UOMINI.
SCENDA LUCE SULLA TERRA.
DAL PUNTO DI AMORE ENTRO IL CUORE DI DIO
AFFLUISCA AMORE NEI CUORI DEGLI UOMINI.
POSSA IL CRISTO RITORNARE SULLA TERRA.
DAL CENTRO OVE IL VOLERE DI DIO E’ CONOSCIUTO
IL PROPOSITO GUIDI I PICCOLI VOLERI DEGLI UOMINI;
IL PROPOSITO CHE I MAESTRI CONOSCONO E SERVONO.
DAL CENTRO CHE VIENE DETTO GENERE UMANO
SI SVOLGA IL PIANO DI AMORE E DI LUCE
CHE POSSA SBARRARE LA PORTA DIETRO CUI IL MALE RISIEDE.
CHE LUCE, AMORE E POTERE RISTABILISCANO IL PIANO DIVINO SULLA TERRA.

. 

>le preghiere da recitare durante segnature:

.

DIO PADRE MADRE

:

PADRE NOSTRO

che sei nei cieli, e’ santificato il tuo nome

il tuo regno viene, in cielo come in terra.

Tu ci dai oggi il nostro pane quotidiano

tu rimetti a noi i nostri debiti poiché noi li rimettiamo ai nostri debitori.

Tu non induci in tentazione, ma nella tentazione ci indichi la strada

per liberarci  dai cattivi pensieri e dalle azioni malvage.

GRAZIE!

*

oppure:

DIO PADRE/MADRE,

Creatore di tutto cio’ che e’, onoriamo grandemente i vostri nomi, sia manifestata la vostra divinita’ sulla Terra come in Cielo, in ogni luogo, in questo luogo e dentro di noi.  Cocreamo oggi insieme il nostro nutrimento spirituale, mentale e fisico. Sosteneteci nel nostro cammino e guidateci lontano dal giudizio e dalla paura, dalla malattia e dalla poverta’. Fateci comprendere che siamo un tutt’Uno con i nostri  pensieri le nostre azioni e le nostre parole e che tutto quello che facciamo ad un altro e’ come se lo facessero a se stessi. Sosteneteci nel nostro verso la LUCE SUPERIORE poiche’ anche in noi ci sia il Regno, la potenza e la Gloria nei secoli, amen. cosi’ e’ . Grazie!

.

MARIA,MADRE DI GESU’

Ave o Maria piena di grazia il SIGNORE E’ CON TE, tu sei benedetta fra le donne e benedetto e’ il frutto del tuo seno: GESU’

Santa Maria, Madre di  Dio prega per noi che siamo in cammino verso la consapevolezza, preghiamo insieme per la nostra buona vita e la nostra salvezza e quella della Terra e di Tutte le sue creature. Grazie!

.

.

.

SIA GLORIA AL PADRE AL FIGLIO E ALLO SPIRITO SANTO

com’era nel principio, ora e sempre

nei secoli dei secoli: cosi’ sia

grazie!

.

DOPO LA SEGNATURA: ANGELO DI DIO

che sei il mio custode, ti prego, custodiscimi, reggimi, guidami, perche’ ti fui affidato  dall’amore celeste

cosi’sia e Grazie !

(e grazie di averlo sempre fatto !)

.

     

Eventi che riguardano le SEGNATURE:

      FESTA DELLA CANDELORA o FESTA DELLA LUCE

Questa festa interessa una SEGNATURA poiche’ viene indicata in essa il 2 febbraio come la FESTA DELLA LUCE, il giorno in cui si va in chiesa a benedire le candele, simbolo della LUCE DIVINA

La festa della Candelora si rifa ad un’ origine celtica

-Imbolc è la prima delle tre feste celtiche dedicate alla primavera (le altre sono Alban Eiler o Equinozio di Primavera (21 Marzo) e Beltaine (1° maggio), e si festeggia il primo ed il secondo giorno di febbraio.

La festa cominciava il 31 gennaio (poichè per i Celti i giorni cominciavano dalla notte precedente) e aveva il suo culmine il 2 febbraio, quando il giorno diviene visibilmente più lungo e la luce comincia a vincere le tenebre. Imbolc si colloca a metà tra la notte più lunga dell’anno del Solstizio d’Inverno (21 dicembre), e l’Equinozio di Primavera (21 marzo), quando la notte è lunga come il giorno.

Ha luogo al momento della prima comparsa dei bucaneve e delle prime avvisaglie del disgelo e della scomparsa delle pesantezze dell’inverno. Il sole bambino, nato dalle profondità dell’inverno, solleva il suo volto e tocca la terra con i primi raggi di calore.

Il nome gaelico sembra riferirsi al “latte di pecora” che viene quando nascono gli agnelli, proprio in questo periodo dell’anno.

La festa era dedicata alla dea Brighid, figlia di Dagda il Dio Buono, che era la Dea dei poeti, dei guaritori, delle levatrici e delle forze femminili presenti in natura e cadeva nel mese di Ogham (il Salice, albero femminile per eccellenza).

La festa di Imbolc venne trasformata dal Cristianesimo nella Vigilia della Candelora (il momento della presentazione del Cristo al Tempio), consacrata alla Vergine Maria e a Santa Brigida.

Anche se Imbolc era una festa della primavera, le condizioni atmosferiche non erano ancora favorevoli per festeggiare all’aperto, perciò la sacralità veniva vissuta in famiglia. Era anche la festa delle nascite, non solo degli agnelli, ma anche dei bambini che erano stati concepiti, nove mesi prima, tra gli eccitanti fuochi di Beltaine.

-Per i druidi è la sacra festa in onore della donna. Accesa una candela, si medita e si ringraziano le nostre madri e le madri delle nostre madri. Oltre che a ringraziare la Madre Terra, le nostre madri, noi ringraziamo Albertina e le madri delle sue madri cosi’ per 4 generazioni.

Dopo la candelora, buona rinascita di Primavera!

PREGHIERA PER LA FESTA DELLA LUCE, ALL’ACCENSIONE DELLA CANDELA DELLA CANDELORA

PRIMA DI INIZIARE OGNI RITO E’ CONSIGLIABILE ACCENDERE UNA CANDELA BENEDETTA e PREGARE : CHE LA LUCE DIVINA ILLUMINI I NOSTRI CUORI E CI ISPIRI A SUPERARE LE DIFFICOLTA’ E AD AIUTARE LE PERSONE NELLA LORO AUTOGUARIGIONE SPECIALMENTE I BAMBINIE FACCIO QUESTO A MAGGIOR GLORIA DELLA LUCE

PREGHIERA DURANTE L’ACCENSIONE DI UNA CANDELA:

Tu, O Divino Padre/Madre, fa che questa candela che accendo SIA LUCE  perché tu mi illumini e illumini (dire il nome della persona per cui l’accendiamo E CHE STIAMO PER TRATTARE) nelle nostre difficoltà, nelle nostre decisioni , cure e guarigioni.

SIA FUOCO   perché tu bruci in noi tutto l’orgoglio e l’egoismo, la paura, lo scoraggiamento e LA MALATTIA .

SIA FIAMMA  perché tu riscaldi i nostri cuori  e ci insegni ad amare.

Aiutaci a vivere la vita con consapevolezza e gratitudine , CON AMORE E INTEGRITA’ affinche ogni nostra azione  e guarigione avvenga per il nostro bene, a MAGGIOR GLORIA DELLA LUCE!  Amen.

***************** 

LISTA DELLE PERSONE CHE SEGNANO 

Queste  persone, che seguono gli insegnamenti di Albertina

 si offrono GRATUITAMENTE

per la Segnatura del Fuoco Sacro, delle bruciature  etc… per chi avesse bisogno

e come insegnava Albertina , poiché le persone spesso hanno bisogno di ricordare la gratitudine:

nulla chiedere nulla rifiutare dopo le segnature

Le persone che segnano quasi tutte aiutano i piu’ poveri o I malati cosi’ date secondo il vostro buon cuore per questi aiuti

Noi diciamo spesso: fai una offerta al primo FRATELLO bisognoso che te lo chiede.

Essere grati e’ gia’ una guarigione e la facilita. Tuttavia ricordate che il SEGNATORE lavora gratuitamente perché lo fa a maggior gloria della luce e per il bene di TUTTI

*

AI SEGNATORI CHE SONO ISCRITTI :

Poiche’ a volte incontrerete “delle resistenze e delle derisioni “ su quello che fate, Vorremmo, ora, darvi la seguente comunicazione:   Dice Oriana Fallaci:

Vi sono momenti nella vita, in cui tacere è una colpa è parlare un obbligo. Un dovere civile,una sfida morale, un imperativo categorico,al quale non ci si può sottrarre.  Per fare trionfare il male è sufficiente che le presunte forze del bene siano inoperose”.

Ci riferiamo all’intervento mediatico sui “manipolatori della mente” o di coloro che ci deridono o di coloro che disonorano la medicina naturale. Poiche’ crediamo nel nostro lavoro e lo compiamo con preparazione, integrita’ e nel rispetto della nostra e dell’altrui liberta’, ci dissociamo sia da chi “attacca le associazioni che lavorano nel campo olistico”, sia da chi “manipola la mente delle persone” tramite esse.

Pensiamo che gli uni dovrebbero informarsi rimanendo nella mente neutra e gli altri non disonorare.  Altrimenti ci rimettiamo tutti.  Noi crediamo nella “medicina degli uomini”, ma sappiamo che quella dello Spirito e’ potente. Pensiamo altresi’ che sia difficile per alcune persone credere che in ognuno di noi ci siano facolta’ e talenti extrasensoriali; rispettiamo  egualmente la loro decisione di  non cercare, tuttavia, per chi e’ in un cammino spirituale e’ doveroso ammettere che esse si manifestano e che sono fruibili per il bene di tutti. 

Siamo nati su questa Terra e vi teniamo i piedi “ben piantati”, ma sappiamo che sopra di essa vi e’ il Cielo, l’immenso, lo sconosciuto, Il Supremo che a volte “si piega” amorevole su di noi e ci “apre qualche porta”.

Come, in questo caso, il poter Segnare.

La societa’ di oggi si dimentica troppo spesso che l’uomo non e’ solo corpo e mente ma e’ anche Spirito. Siamo un tutt’uno. 

Lo dice e lo dimostra anche la fisica quantistica.

Cosi’ in questo tempo di “caccia alle streghe e di manipolatori della mente” e di assurdi denigratori, noi andiamo avanti lavorando e curando nell’integrita’ e senza farci intimidire.  

PER CHI CERCA UN SEGNATORE: 

LE PERSONE QUI ELENCATE AGISCONO IN PIENA AUTONOMIA E SOTTO LA PROPRIA PERSONALE RESPONSABILITA’ e

 poiche’ gli insegnamenti sono stati dati correttamente , e’ appropriato che loro li seguano:

 VI SAREMO GRATI SE VOLESTE SEGNALARE EVENTUALI COMPORTAMENTI NON CORRETTI    a info@spaziosacro.it

C’E’ DA TENERE POI PRESENTE CHE NON TUTTI I SEGNATORI DI QUESTA LISTA   Segnano anche gli ossiuri e le bronchiti , né conoscono la segnatura del “sangue” .   Informatevi prima !

LISTA SEGNATORI  

Attenzione : se navigate dal cellulare occorre disporre il dispositivo in orizzontale per vedere la tabella dei segnatori

SVIZZERA e GERMANIA
LUGANO – Maria Pia  – 0041763162042
CANTON TICINO – FRANCESCA – 0041794516185

 BERLINO E BRANDEBURGO – DANIEL E – 00491605023358

 BERLINO E BRANDEBURGO – GIGI – 00491758984096

REP. SAN MARINO
Simona  – 328-2355755
ITALIA 
ABRUZZO
BASILICATA
Castelluccio Superiore
(POTENZA)
MARIA PINA
347-2939734
CALABRIA
COSENZA
LUIGI
348-0141089
CAMPANIA
ANACAPRI
NAPOLI
347-5980266
EMILIA ROMAGNA
BOLOGNA
Carmen ed Emanuel Ass. Spazio Sacro
333-8423018
 
Virna
338-5410732
  Alma  347-4189168
 

 Novella

 333-3065626

 

 Alessandra

 328-8116902

   Susanna  338-8727901
   Giovanni  333-2573950
 

  Anna Maria

  335-5806564
 CASTEL BOLOGNESE

Laura

339-4519436 
 CASTENASO

Emanuela

389-6818683 
CASTELLO D’ARGILE

Angela

339-1715714
BUDRIO 
Letizia
328-7461116
 
Giovanni
366-4257646 
CARPI
Giorgio
340-1407462
Stefania
347-4588954
CASTELLO DI SERRAVALLE
Cinzia
335-6489872

 FAENZA

 Giandomenico

 338-8865068

 

 Francesca

 328-6663162

FERRARA / CENTO
Laura
333-8252758

 FORLI

Liliana

 333-8252758
 

 Natale

 335-7825221

   Mariangela  328-1080042
 FORLI / CESENA   Paola  339-1246680

 (sarsina e cesena)

 Debora

 346-3296779

 Roncofreddo

  Roberto

 349-0883300

   Federico  333-3526868

 IMOLA

 Lorena

 340-5904238

 LUGO

Roberta
 340-6341030
MEDICINA
Angela

 347-9694766

 MINERBIO

Stefano

 335-6313357

MIRANDOLA
Rossella
338-3224912
MONTE SAN PIETRO Antonio 338-8659936
 MODENA  Barbara  339-3298664
   Otello  338-8482788

 (samone)

 Carlo

 328-8438209

 NONANTOLA (MO)  Lorena  339-7287441

NOVI D MODENA (MO)

Gabriele

335-6980840

 OZZANO

 Gilda

 328-0428268

 PARMA    
 fraz. Felino   Cristian  346-1380591
  fraz. Marzolara   Enrica  339-2683803

 PIANORO (BO)

 Daniela

 333-2394122

 PONTE SAMOGGIA  Cinzia  377-6950118
REGGIO EMILIA
 Paola  335-1607737
   Monica  347-9647701
RAVENNA
Liliana
347-3642301
 
Elisa
338-9344724

 Massa Lombarda (Ravenna)

Pasqualina
340-9647773
 RIMINI    
    Deborah   335-6556297
 SESTOLA ( MODENA )
 Maria
334-7572717
SAN LAZZARO
Stefano
334-9791903
SALA BOLOGNESE e CALDERARA
Giovanna
329-3665945
 
Simona
339-7952130
   Gianenrico  340-6854741
   Milena  349-8828623
VIGNOLA
Simonetta
333-1206131
ZOLA PREDOSA
Sceida
333-9325105
 LOIANO
Anna Maria e Lino Antonio
335-8165222 335-7940527
FRIULI VENEZIA GIULIA
SACILE (pordenone)
Gianni
348-3195282
GORIZIA
Ambra
333-5069250

 PASIAN DI PRATO ( Udine )

 Antonella

 338-3744443

LAZIO
ROMA
Angela
333-5325329
LIGURIA

 Sestri levante (Genova)

Mara
347-0121699

La Spezia

Valentina
338-1127022 

Sarzana  (sp)

Daniela
339-1958649

 Sarzana (sp)

 Isabella
347-4655229 
LOMBARDIA
BRESCIA
   
    Giacomo  348-2340949
    Lucilla  328-1883749
   Sebastiana  348-2340949

 Bergamo

 Giorgia

331-2032299 

 Gargano ( Brescia )

  Silvia e Samuele

 338-8114375

Cavenago Brianza
Claudia
339-3045223
Cesano Maderno
Mirella
347-8517970

 Como

 Chiara

 328-1614811

 Erba (Como)

 Maddalena

 347-7942833

Ispra (Varese)

 Cesare

 338-8739092

 Mantova

Amalia

 349-8561425

 Monza

 Chiara

  328-1614811

 MILANO

 Chiara

  328-1614811

OSTILIA (MN)

Dania

3383351074

 PAVIA ( Garlasco )

 Patrizia

 347-8917643

 RHO Tiziana  392-3295615
 Varese  Andrea  348-6961623
 

 Rosalba

 335-6940590

 Varese

 Tiziana 348-6975228
 

 Maura

 338-3827731

 Coronno Varesino

 Luciano

 329-5444435

MARCHE
MOLISE
PIEMONTE
Bussoleno
Maria Rosa
335-8154230

 Biella

 Loredana

366-4444146 

Borgofranco d’Ivrea

Carlo

328-2230843

 Collegno

 Giuseppe

 339-4126305

Cerano (No)

Marina

3396738190

 Oulx (Torino)

 Luisa

339-1281021

 San Germano Chisone

 Fabrizio

 339-1538568

 TORINO Centro

 Luigia

 347-0550618

 Verbania

 Silvia

 328-3777759

 Savigliano (CN)  Rosa Concetta  347-3722996
 Arona (Novara)  Valentina  347-4734398

 Cavaglietto (Novara)

  Franca

 349-3778147

PUGLIA
Bari
Liliana
389-5106950
 

 Natale

335-7825221

  Gloria  347-6490799
 San Severo  Anna  328-4948326
   Armando  327-8170959
SARDEGNA
CAGLIARI e Oristano
Monica
349-8165308
Carbonia-Iglesias Igor  393-0366021

 SASSARI E NUORO

 Donatella

 333-8896318

SICILIA

 Francavilla di sicilia

  Lella

339-4026692
TOSCANA

 EMPOLI e SAN MINIATO

 Stefania

 328-1615406

 CARRARA  Davide  335-1007186
FIRENZE
Ernesto
349-3181656
  Fabrizio  393-0017616
 LIVORNO Aerendil  380-5136985
   

 340-9477794

  Fangorn  388-1790085
Lamporecchio
Giulio
347-2637953
PISTOIA
Giulio
347-2637953
PISTOIA e PRATO
Daniele
333-4309726
PISTOIA e PRATO
Gigi
340-9845505

 PRATO

 Valleverdina

 338-2158929

SESTO FIORENTINO

SIMONA
339-6184486

 GREVE IN CHIANTI

Gianfranco
328-4190273
335-8267040

   SIENA

 Tiziana
340-0763902 

 SIENA

Eleonora
333-3882456
TRENTINO ALTO ADIGE
TESERO (VAL DI FIEMME)
Claudia
349-3827593
 
Fabio

 348-3535165

UMBRIA
VALLE D’AOSTA
Aosta

Bruna

339-8030500
 Montjovet (Aosta)  Vilma e Franco  334-3916278
VENETO
Arsiero

Giovanna

347-2584571
Bassano del Grappa ( Vicenza )
Bruna Mariarosa 
331-9035055 
PADOVA
Cinzia
328-3270415
   Giulia  345-2525066

 ROVIGO

 Leonora

 349-5392315

   Serenella  328-6866343
   Margherita  348-7646004
   Antonio  347-7472824
 TREVISO    
 

 Lucia

 347-7581267

 Castelcucco (Treviso)

 Sofia

 335-5962700

 VENEZIA   Daniela 338-8415488
 Noventa di Piave (Venezia)  Lucia 347-1294239
 PORTOGRUARO   Clara  328-8868813
     
 CASTEL NOVO DEL GARDA  Bruna 348-7723543 
 VERONA  Maria Paola  340-2884908

Susanna

 347-4604959

 

 Stefania

 335-8295710

 

Franco

366-5941148 

 VICENZA

 

 

 ALTAVILLA VICENTINA (VICENZA)

Rino

 335-6050514

 MONTECCHIO MAGGIORE

Rina 

339-1740626 

**

Herpes : quali esami fanno diagnosi

  1. Esami del sangue per gli anticorpi dell’HSV (sierologia).

Occorre verificare la negativita’ IgG all’herpes sia di tipo 1 che di tipo 2. Bisogna inoltre escludere di avere un’infezione in atto con il dosaggio degli anticorpi di tipo IgM VZV (virus zoster varicella) specifici.

2. Test di immunofluorescenza diretta (DFA) delle cellule prelevate da una vescica

3. Coltura virale delle vesciche

***

LE FASI LUNARI 2016

Fase lunare
Data del Mese
Ultimo quarto 2 gennaio 2016
Luna nuova 10 gennaio 2016
Primo quarto 17 gennaio 2016
Luna piena 24 gennaio 2016
Ultimo quarto 1 febbraio 2016
Luna nuova 8 febbraio 2016
Primo quarto 15 febbraio 2016
Luna piena 22 febbraio 2016
Ultimo quarto 2 marzo 2016
Luna nuova 9 marzo 2016
Primo quarto 15 marzo 2016
Luna piena 23 marzo 2016
Ultimo quarto 31 marzo 2016
Luna nuova 7 aprile 2016
Primo quarto 14 aprile 2016
Luna piena 22 aprile 2016
Ultimo quarto 30 aprile 2016
Luna nuova 6 maggio 2016
Primo quarto 13 maggio 2016
Luna piena 21 maggio 2016
Ultimo quarto 29 maggio 2016
Luna nuova 5 giugno 2016
Primo quarto 12 giugno 2016
Luna piena 20 giugno 2016
Ultimo quarto 27 giugno 2016
Luna nuova 4 luglio 2016
Primo quarto 12 luglio 2016
Luna piena 20 luglio 2016
Ultimo quarto 27 luglio 2016
Luna nuova 2 agosto 2016
Primo quarto 10 agosto 2016
Luna piena 18 agosto 2016
Ultimo quarto 25 agosto 2016
Luna nuova 1 settembre 2016
Primo quarto 9 settembre 2016
Luna piena 16 settembre 2016
Ultimo quarto 23 settembre 2016
Luna nuova 1 ottobre 2016
Primo quarto 9 ottobre 2016
Luna piena 16 ottobre 2016
Ultimo quarto 22 ottobre 2016
Luna nuova 30 ottobre 2016
Primo quarto 7 novembre 2016
Luna piena 14 novembre 2016
Ultimo quarto 21 novembre 2016
Luna nuova 29 novembre 2016
Primo quarto 7 dicembre 2016
Luna piena 14 dicembre 2016
Ultimo quarto 21 dicembre 2016
Luna nuova 29 dicembre 2016

Il mese lunare, o mese sinodico, è il periodo impiegato dalla Luna a compiere un ciclo completo di fasi.

 Esso è di circa 29 giorni, 12 ore, 44 minuti e 3 secondi e non è uguale al periodo di rivoluzione della Luna intorno alla Terra (di 2 giorni più breve), perché nel frattempo la Terra gira intorno al Sole.

 I calendari lunari si basano sul mese lunare: essi hanno mesi di 29 e 30 giorni alternativamente, il che comporta un anno di 354 giorni (se l’anno è bisestile, per i mesi da marzo a dicembre occorre aumentare la somma di una unità).

 I calendari solari invece si basano sull’anno solare (o anno tropico), che ha una durata di circa 365 giorni.

Durante il mese lunare si hanno:

14 giorni di Luna crescente (primo quarto), cioè quando essa si avvia verso la Luna Piena e presenta la gobba a ponente;

1 giorno di Luna Piena (plenilunio);

14 giorni di Luna calante (ultimo quarto), cioè quando essa si avvia verso la Luna Nuova e presenta la gobba a levante;

1 giorno di Luna Nuova (novilunio), in cui essa è invisibile perché oscurata dalla Terra.

*     

LE FASI LUNARI, LA  NOSTRA VITA 
Ripeteremo la segnatura ad iniziare dal giorno della luna nuova . GLI OSSIURI SI SEGNANO SOLO CON LA LUNA PIENA!
.
La luna piena corrisponde alla fase d’illuminazione della Luna (polarità femminile) da parte del Sole (polarità maschile). La Luna è un enorme specchio, che riflette la luce e la forza solare. Ogni mese, le energie diffuse sono cariche delle qualità proprie della costellazione zodiacale che influenza il mese. Quest’energie agiscono ciascuna a loro volta su tutti gli aspetti della vita terrestre: fisici, mentali e spirituali, e dunque su tutti i corpi: minerali e piante, animali, umani; LP agisce dunque: -sul meccanismo delle acque (le maree tra altro) ed il sistema riproduttore animale ed umano sulle emozioni  -sull’umanità intera, introduce man mano nella coscienza degli uomini gli attributi divini.

.

 LA LUNA NUOVA (o luna nera) È il momento in cui la luna è in congiunzione con il sole, ogni 29 giorni circa. La luna si alza e cala contemporaneamente a lui. La notte della nuova luna, sono sotto l’orizzonte nell’altro emisfero. Sono le ore di contrazione della terra. La nuova luna simbolizza le forze distruttive dell’inconscio. A luna nuova, le forze materiali sono più deboli.

.

LUNA CRESCENTE Poi si entra nella fase della luna crescente per 14 giorni e mezzo circa e fino alla luna piena,. Nella mitologia, la luna ascendente era dedicata a Diana Artemide, la dea della caccia, amazzone liberatrice della condizione femminile. La luna crescente si riconosce al suo arco, sempre convesso verso la destra sotto forma di D. Si alza la mattina, passa sopra la nostra testa dopo mezzogiorno e cala la sera. Nella natura il contatto con l’ossigeno è un periodo caldo, di spinta, simile all’impulso della primavera. Il temperamento sanguigno è esaltato questi giorni. L’elemento è l’ARIA La luna del secondo quarto si riconosce al suo disco in semicerchio che aumenta fino al cerchio completo della luna piena. La luna si alza dopo mezzogiorno, passa sopra la nostra testa nella sera e cala la notte. È per la natura, un periodo caldo e secco, di maturazione, simile alla crescita dell’estate. Il temperamento bilioso, questo giorno prende la cima. L’elemento è il FUOCO.
 
LA LUNA PIENA È il momento in cui sullo zodiaco, la luna è all’opposto del sole. Si alza quando al tramonto, essa splende sopra la nostra testa a mezzanotte, quando il sole è a mezzogiorno nell’altro emisfero, quindi cala all’alba. La riconosce al proprio cerchio completo, illuminato e visibile tutta la notte. Sono ore d’espansione per la terra, e le maree sono sempre più alte. La luna piena simbolizza il libero arbitro, la forza che solleva l’uomo verso la luce e lo spinge a rompere le catene dell’illusione per guadagnare la sua libertà.

.

 
 LUNA CALANTE Dopo la luna piena comincia la luna calante, per altri 14 giorni circa, fino alla prossima luna nuova. La sua forma e quella di un C. La luna si alza la sera passa sopra la nostra testa nella notte e cala nella mattina. È per la natura e tutto ciò che vive sulla terra, un periodo freddo e secco, di chiusura, che ispira anche la nostalgia e l’autunno. L’elemento è la TERRA Si ha tendenza questi giorni, a mostrarsi nervosi. Nell’ultimo quarto, I 7 giorni prima del periodo della nuova luna, la luna si alza nella notte, passa sopra la nostra testa nella mattina e cala dopo mezzogiorno. È un periodo freddo ed umido, di rigidità, comparabile ai geli dell’inverno. In questi momenti, si è in generale piuttosto linfatico. L’elemento è l’ACQUA  

 

  ******* 

Poiche’ le SEGNATURE secondo la tradizione della nostra Terra, riguardano la figura del Maestro GESU’ CRISTO e della sua famiglia,vogliamo qui presentarlo ai nostri allievi con “un altro volto”e proprio durante la seconda settimana piu’ importante della sua vita terrena: LA PASQUA

Conoscendolo meglio, anche la SEGNATURA avra’ un senso diverso, nuovo e piu’ potente, perche’ saremo piu’ consapevoli.

.

ringraziamo August Cury che nel suo libro : IL MAESTRO DELLA SENSIBILITA’ci presenta un GESU’amabile, umano, amorevole e comprensivo, compassionevole e tenero Un amore divino.

.

1° tappa della passione di GESU’

Naturalmente ognuno e’ libero di leggerci o no.

Questo e’ per tutti i nostri allievi vicini e lontani

E’  una condivisione per nuove comprensioni

E’ l’augurio di una NUOVA RINASCITA

UNA RESURREZIONE

UNA BUONA PASQUA per arrivare….ad un Buon Natale….nascita e rinascita…..

 

Dopo la Domenica delle Palme

Ulivi come bandiere,

 

ecco la Settimana Santa per la Cristianita’

la commemorazione della passione e morte e Resurrezione del MAESTRO GESU’

 

Vogliamo parlarne non in termini religiosi ma amorosi

Si parla tanto di altri Maestri e poco del Cristo, il maestro nazareno

Forse perche’ la nostra tradizione ce lo ha presentato sempre secondo stereotipi cattolici che spesso ce lo hanno allontanato dal nostro sentimento.

Vorremmo, secondo le parole di Augusto Cury, presentare, in  nove tappe l’altro suo volto.

Affinche’ la Pasqua non sia la festa dell’Uovo, delle gite fuori porta, della vacanza,

bensi’ una FESTA DI RESURREZIONE

un cambiamento nella nostra vita, nel nostro sentire, nel nostro evolvere spiritualmente.

Festa che trovera’ il suo significato di compimento nella NOTTE DI NATALE.

   AUTENTICO E AMICO

Nel corso della sua vita Cristo manifesto’ un potere straordinario.

 Le sue parole lasciavano interdetti i suoi interlocutori e oppositori ed esaltavano le moltitudini.

 

Quando inizio’ il suo “Calvario” nel Getsemani  mostro’ un volto che i discepoli non avrebbero mai pensato di vedere, quello della sua fragilita’.

Il nostro comportamento in generale e’ proprio l’opposto:abbiamo una necessita’ quasi paranoica di esibire i nostri successi e di ricevere applausi

Mentre nascondiamo le nostre miserie e preferiamo non mostrare i nostri punti deboli

 

Il Maestro invece ebbe il coraggio di confessare ai suoi tre amici piu’ intimi quello che sentiva dentro dicendo a chiare lettere:

” una tristezza mortale mi opprime”

 

Come fa uno che ha curato lebbrosi, ciechi e che ha resuscitato dai morti ad affermare che e’ avvolto da una angoscia cosi’ profonda?

Com’e’ possibile che una persona che non ha avuto paura nemmeno di fronte alla prospettiva di subirere fratture multiple a seguito di lapidazione dire ora che la sua anima e’ depressa fino alla morte?

I discepoli abituati alla fama del maestro rimasero profondamente scossi da quella manifestazione di sofferenza e fragilita’.

Lo ritenevano un superuomo dotato di natura divina.

 

Nella nostra concezione umana Dio non soffre, non ha paura, non prova ne’ dolore ne’ ansia

Dio e’ superiore ai sentimenti che perturbano l’umanita’.

In Galilea apparve qualcuno che proclamava di essere si’ figlio di Dio, ma che tanto lui che suo Padre provavano emozioni si preoccupavano e amavano singolarmente ogni essere umano..

Il pensiero di Gesu’scandalizzo’ gli ebrei che proclamavano l’esistenza di un Dio imperturbabile ed irraggiungibile.

 

I discepoli non erano consapevoli del fatto che il maestro di li’ a poco sarebbe stato condannato, torturato e crocifisso, non come figlio di Dio ma come figlio dell’uomo.

 

Le sue sofferenze furono le stesse di qualsiasi altro uomo:le frustate, le spine, i chiodi della croce penetrano nel corpo fisico di un uomo

I discepoli, affascinati dal potere di Cristo non avrebbero mai immaginato che avrebbe sofferto e avrebbe avuto bisogno di loro.

 

Ma ecco che all’improvviso il maestro non solo comunica a loro di essere triste ,ma che gli piacerebbe che gli facessero compagnia e pregassero con lui.

Gesu’ visse in pieno l’arte dell’autenticita’ ma i discepoli, spaventati, non compresero…e si addormentarono….

 

Gesu’ non nascondeva i propri sentimenti,  invece noi tendiamo a trattenerli e finiamo per essere autopunitivi e impietosi verso noi stessi

Come se non ci fosse consentito sbagliare o avere momenti di fragilita’.

Ci sono persone che non espongono mai i loro sentimenti e nessuno li conosce come sono dentro, ne’ il coniuge, ne’ il compagno, ne’ i figli, ne’ gli amici piu’ intimi, nonostante abbiamo una profonda necessita’ di condividere.

 

Il maestro dei maestri della scuola della vita, ci ha lasciato un modello vivo di cosa significa essere una persona emozionalmente sana

 

Cadde in una profonda tristezza sapendo tutto quello che lo aspettava, ma non ebbe paura ne’ vergogna a dichiarare apertamente le sue emozioni agli amici

E loro trascrissero sui papiri questa caratteristica della sua personalita’ e la diffusero nel mondo…..

2° tappa –

 CRISTO non andava in cerca di eroismo-

Una persona intenzionata a fondare una religione o ad essere un eroe nasconderebbe i sentimenti che invece Cristo espresse nel giardino del Getsemani

Cio’ dovrebbe dimostrare che non voleva competere con nessunoI suoi obiettivi erano piu’ alti.Voleva aiutare l’uomo e introdurlo nell’eternita’

 Non andava in cerca di eroismo ma voleva semplicemente portare a termine quello per cui era stato designato, il suo progetto trascendentale.

Il momento cruciale di quel progetto era giunto:bere il suo amaro calice, affrontare il suo martirio.

In quel buio giardino, abbandonato da tutti, anche dai suoi amici, doveva prepararsi a sopportare quei  tormenti.

 Nel processo di preparazione rivelo’ il suo dolore e si mise a dialogare su di esso con il Padre.

Mentre per alcuni la fragilita’ di Cristo nel getsemani non era che ritrazione

noi invece vi leggiamo la piu’ bella poesia di liberta’ e di autenticita’.

 Era libero di nascondere i suoi sentimenti e fare l’eroe, ma non lo fece.

Mai nessuno di cosi’ grande fu altrettanto –

LE SOFFERENZE CAUSATE DAGLI AMICI:

 Il calice di dolore di Cristo dal Getsemani al Golgota, luogo della crocifissione,e’ costituito da numerose e diverse sofferenze

Analizzeremo  le tappe di questo processo.

Quale fu la prima sofferenza che sperimento’?   Fu quella causata dai suoi tre amici: il dolore piu’ acuto e’ proprio quello causato dalle persone che amiamo di piu’!!!!!!.

 Il maestro all’apice del suo dolore chiese l’aiuto di Pietro, Giacomo e Giovanni.

 E non lo ottenne. Eppure il maestro comprese che l’ascolto delle sue parole in cui dichiarava una tristezza mortale e la visione della sua angoscia, fu ragione di grande stress per quei giovani galilei , che infatti sprofondarono in una strana sonnolenza.

 Lo stress interno sottrae energie alla corteccia cerebrale, energia che viene usata da altri organi del corpo, ad esempio la muscolatura; il risultato di questa sottrazione di energia e’ una stanchezza fisica esagerata ed inspiegabile.

 Molti di noi diventano intolleranti quando vivono una frustrazione a causa degli altri,ma Gesu,’ specialmente per i suoi discepoli ,non si scoraggiava mai, non perdeva la speranza riposta in loro, nemmeno quando lo deludevano profondamente.

 Con il Maestro della scuola della vita possiamo imparare che la maturita’ di una persona non si misura alla cultura o dall’eloquenza ma dalla speranza e dalla pazienza che possiede e dalla sua capacita’ di stimolare le persone ad utilizzare i propri errori come mattoni per costruire saggezza.

 I suoi discepoli  solo cosi’ compresero e si dispiacquero molto….

3°tappa-

Il TRADIMENTO DI GIUDA

 “La notte del suo arresto fu una delle piu’ angoscianti della  vita del Maestro.

Egli non si preoccupava della squadra di soldati che stavano venendo a prenderlo, il dolore che sentiva per il tradimento di Giuda era molto piu’ forte dell’aggressivita’ di centinaia di soldati

 Se la sofferenza provocata dai soldati feriva il suo corpo, quella provocata da Giuda Iscariota, l’amato discepolo, lo feriva nell’anima.

Ma egli non sprofondo’ in un mare di frustrazioni solo perche’ sapeva difendere le proprie emozioni e non coltivava grandi aspettative nelle persone per le quali si donava e quindi si riprendeva in fretta.

 Non e’ la quantita’ di stimoli stressanti a cui siamo sottoposti che ci fa soffrire, ma la qualita’.

 Il dolore del tradimento e’ indescrivibile!

 Il Maestro aveva sempre trattato Giuda con amorevolezza, mai lo aveva sminuito davanti agli altri discepoli benche’ fosse a conoscenza delle sue segrete intenzioni.           Lo tratto’  sempre con dignita’.

 Questo comportamento per noi e’ impensabile.

Il maestro non si diede neppure da fare perche’ non avvenisse il tradimento, ma si limito’ ad invitare Giuda a ripensare al proprio comportamento

 Che struttura emozionale doveva avere dentro questo Maestro della Galilea per riuscire a sopportare l’insopportabile!

Egli riusciva A filtrare le offese e le aggressivita’ rivolte verso di lui e in questo modo si rendeva EMOZIONALMENTE LIBERO di poter amare le persone.

 IL SUO IMPEGNO PRINCIPALE GESU’ LO AVEVA PRESO CON LA PROPRIA COSCIENZA E NON CON L’AMBIENTE SOCIALE.

 Non deformava il proprio pensiero ne’ cercava di dare risposte gradite ai suoi ascoltatori anzi, per rimanere fedele alla sua coscienza spesso creava situazioni pericolose per la sua stessa vita…

 Considerava la fedelta’ alla  propria coscienza piu’ importante di qualsiasi altro tipo di accordo sotterraneo o di comportamento dissimulato.

 Colui che rimase fedele alla sua coscienza e insegno’ ai suoi discepoli a volare alto, su quella medesima rotta fu colpito alle spalle .

Giuda non imparo’ quella lezione e fu infedele alla sua stessa coscienza”

4° tappa 

ABBANDONATO DA TUTTI:

 

Vedremo ora il terzo tipo di sofferenza vissuto da Cristo  nella sua settimana di passione

 

Quando fu arrestato dopo il tradimento di giuda, Cristo fu abbandonato da tutti

 

“Non diro’ mai che ti conosco”…e’ la tipica frase di Pietro quando gli fu chiesto se era discepolo di quell’uomo.

 

E’ facile restare fedeli ad una persona forte, e’ facile dare credito ad uno situato all’apice della sua fama, ma e’ una delle

Insidiose trappole della modernita’.

Molti si lasciano entusiasmare dal suono degli applausi ma col passare del tempo si ritrovano ad avere come unica compagna la solitudine.

Cristo sapeva che un giorno i discepoli lo avrebbero lasciato solo.

Anche se dicevano che non lo avrebbero mai fatto.

Ed effettivamente nel momento finale nessuno riusci’ ad essere INTREPIDO al punto di rimanere con lui.

 

Quei giovani della galilea cosi’ apparentemente forti in realta’ erano fragili e si fecero vincere dalla paura.

Ma il Maestro non li abbandono’ e non perse la fiducia in loro perche’ nei suoi piani l’obiettivo fondamentale

 non era punirli quando sbagliavano ma essere la loro guida in un viaggio di trasformazione interiore

 

Poiche’ comprendeva che l’esistenza umana era troppo complessa per essere imbrigliata da leggi e regole di comportamento,

le strade percorse da Gesu’ non erano quelle del giusto e dello sbagliato

egli era venuto non per le rigide leggi dettate da Mose’ ma per aiutare l’uomo ad immergersi nelle flessibili leggi della vita.

 

Anche il tradimento di Pietro ne e’ un’esempio.

Era facile per Pietro essere forte quando stava vicino ad una persona forte, era facile donarsi a chi non ha bisogno,

 ma gli fu difficile stare vicino ad una persona fragile.

Nel momento in cui Cristo si spoglio’ della sua forza per diventare semplicemente il figlio dell’uomo, la forza di Pietro venne meno.

 

Quando Pietro vide l’espressione triste, la respirazione affannosa di Gesu’ rimase profondamente scosso e penso’:

“ non sara’ che tutto quello che ho vissuto fino ad ora accanto a quest’uomo e’ stato solo un miraggio che e’ diventato un incubo?”

Non rinnegava solo il maestro ma anche tutto quello che avevano vissuto insieme.

 

Gesu’ sapeva che il suo amato discepolo stava assistendo al suo martirio e che mentre era impietosamente colpito, Pietro lo rinnegava.

 

Questo rinnegamento scavo’ un solco profondo in Gesu’ molto piu’ profondo di quello provocato dai soldati.

 

Ma Gesu’ amava Pietro profondamente e lo conosceva bene e capiva il suo stato d’animo. E quindi gli era vicino nonostante tutto.

 

L’amore del maestro di Nazaret verso i suoi discepoli e’ la piu’ bella ed illogica poesia esistenziale mai vissuta da un uomo.

 

Pietro poteva anche escludere il Maestro dalla propria storia, ma Gesu’ non lo avrebbe mai abbandonato perche’ lo considerava insostituibile.

Nessuno ha mai amato e si e’ dedicato con tanta premura a persone che lo frustravano e gli davano cosi’ poco in cambio…..

 

GESU’ come possiamo imparare da te ad AMARE

Anche quelli che ci rinnegano? Che ci danno frustrazioni?

In questa settimana che ci ricorda il tuo dono

Insegnaci a donarci

A tutti e a tutto

 

Grazie!

5° tappa: 

Tutte le volte che Cristo prevedeva un avvenimento frustrante relativo ai suoi discepoli, aveva almeno 4 grandi obiettivi.

Primo, alleviare il proprio dolore. Prevedendo in anticipo le frustrazioni a cui sarebbe stato sottoposto, attrezzava le sue difese emozionali per proteggere se stesso nel momento in cui si fossero presentate.

Quando i discepoli lo abbandonarono non fu colto di sorpresa.

Amava e si donava senza riserve agli esseri umani, ma non si aspettava molto da loro.

Non c’e’ niente che preservi l’emozione quanto ridimensionare le aspettative che nutriamo nei confronti delle persone che ci circondano.

Ogni volta che ci aspettiamo troppo, aumentano anche le nostre probabilita’ di cadere nelle grinfie della delusione.

Gesu’ aveva accettato in quei momenti l’abbandono e la solitudine.

 Anche quando vide che Pietro lo rinnegava e gli altri dietro di lui, volle mostrare loro che non pretendeva cose impossibili.

Viste le lezioni che aveva impartito loro in quei singolari tre anni e mezzo avrebbe potuto essere esigente, ma non lo fu.

 Poiche’ era il maestro dei maestri della scuola della vita sapeva che superare la paura, vincere l’ansia ed elaborare le sofferenze erano le lezioni piu’ difficili da applicare nella vita.

Il Maestro utilizzo’ il dolore stesso che i discepoli gli avevano inflitto per aiutarli ad interiorizzarsi e ad espandere la loro comprensione della vita.

Che Maestro ha mai sacrificato tanto in nome dell’insegnamento ai suoi allievi?

Non li avrebbe mai abbandonati, nemmeno se loro avessero abbandonato lui.

 Quarto punto, voleva che fossero preparati a non perdere la fiducia in se stessi a prescindere dai loro errori.

Non voleva che si lasciassero prendere dal senso di colpa e dallo scoraggiamento.

 Egli voleva fornire loro i mezzi e la strada per il ritorno.

Purtroppo Giuda non torno’. Il senso di colpa e un’intensa reazione depressiva lo portarono al suicidio.

Pietro anche se in lagrime torno’.

 Gli educatori, i genitori, i manager di imprese si preoccupano di correggere gli errori immediati e di ridisegnare le rotte del comportamento.

Si impongono.

 Gesu’ invece voleva condurre i suoi discepolo allo sviluppo dell’arte del pensare, fosse anche al prezzo di errori umilianti.

Tuttavia prima che si sentissero in colpa, stava gia’ preparando loro il rimedio

 Rispettando comunque il loro libero arbitrio…..(infatti Giuda decise di non tornare!)

6° tappa nel percorso di Gesu’

– ANSIA VITALE-ANSIA PATOLOGICA- ATTACCO DI PANICO 

Abbiamo visto che nel Getsemani Gesu’ si dichiaro’ depresso

Si trattava di una malattia o di uno stato d’animo momentaneo?

Molti psichiatri e psicologi pensano che qualsiasi ansia sia patologica.

 Non e’ cosi’. Esiste invece un’ansia vitale e normale che abita l’intelligenza di ogni essere umano ed e’ presente nella costruzione dei pensieri, nella ricerca del piacere e nella realizzazione di progettiL’ansia vitale stimola la creativita’.

 Anche Gesu’ aveva ansiosamente aspettato l’ultima cena con i suoi discepoli per veder portato a compimento il desiderio del suo cuore.

 L’ansia diventa patologica o morbosa quando ostacola la normale attivita’ intellettuale e riduce la liberta’ emozionale.

Le caratteristiche piu’ evidenti dell’ansia sono: labilita’ emozionale, irritabilita’, iperaccelerazione del pensiero, difficolta’ a gestire la tensione, perdita della capacita’ di concentrazione, deficit di memoria e comparsa di sintomi psicosomatici.L’ansia patologica fa vivere in funzione dell’anticipazione costante di quello che potrebbe succedere.

Il Maestro della scuola della vita aveva vaccinato i suoi discepoli contro l’ansia patologica poiche’ coltivava in loro la liberta’ dalle preoccupazioni della sopravvivenza, coltivava in loro la tranquillita’, la solidarieta’, l’amore reciproco, la lucidita’, la coerenza, l’unita’;

insegnava affinche’ imparassero ad affrontare i problemi reali della vita quotidiana anziche’ quelli immaginari creati dalla mente.

 L’uomo cosi’ diveniva sicuro di se’, stabile,  un uomo che sa interiorizzarsi, che sa gestire coerentemente i suoi pensieri e le sue emozioni durante i momenti piu’ turbolenti della sua vita.

 I giovani di oggi escono dalle scuole e dalle universita’ con un diploma o titoli accademici abilitati all’azione nel mondo fisico ma non sanno come comportarsi nel loro mondo personale ne’ essere agenti di trasformazione della propria storia emozionale intellettuale o sociale.

 Quando siamo ansiosi qualunque problema diventa un mostro, siamo instabili e irritabili; la nostra gentilezza si dissolve e finiamo per aggredire le persone che abbiamo intorno.

In Gesu’, al culmine della sua angustia, la sua umanita’ riusciva ancora a brillare e benche’ si sentisse profondamente abbattuto era premuroso con le persone che lo circondavano.

Non ha mai scaricato la propria tensione su di loro ne’ vi ha rovesciato il suo dolore.

Eppure la sua passione era intensissima.

Luca ci riferisce che l’ansia del maestro era cosi’ intensa che mentre pregava i suoi pori si aprivano e il sudore scorreva sul suo corpo fino a bagnare la terra ai suoi piedi.

CRISTO ebbe un attacco di panico nel giardino del Getsemani?

 Vediamo che cos’e’ la sindrome da attacco di panico o DAP

Il profilo psicologico di un dappista e’ caratterizzato da ipersensibilita’ emozionale, da preoccupazione eccessiva per il proprio corpo.E’ il “teatrino della morte”L’attacco di panico e’ caratterizzato da una paura improvvisa e drammatica di stare per morire o per svenire, ha una intensa reazione ansiosa, vi e’ tachicardia, accelerata frequenza respiratoria, forte sudorazione, eventuale perita delle urine, obnubilamento, spesso si ha l’impressione di avere un infarto e si corre da un medico perche’ rassicuri che non si sta per morire.

 Se gli attacchi di panico si prolungano negli anni Si hanno problemi di  autonomia  la’ dove puo’ essere compromessa la capacita’ di uscire da soli  e di  non poter vivere senza un accompagnamentoLa liberta’ allora e’ completamente persa poiche’, loro malgrado, queste persone diventano dipendenti.  Soffrendo moltissimo per questo anche perche’  spesso non sono compresi dalla famiglia, dalla societa’ in cui vivono  cosi’ piano piano  diventano anche emarginati che si emarginano.

Nessuno muore per la sindrome di attacco di panico, ma queste persone soffrono piu’ di chi sta veramente avendo un infarto o si trova in reale pericolo di vita.

 In America si e’ trovata solo ora la spiegazione di questa patologia che non e’ assolutamente psicologica (dicono loro) o per lo meno non solo.

Si e’ visto che essa viene creata da un mancato biofeedback di due zone del cervello:corpo calloso e ippocampo.

Tuttavia, nell’attesa di qualcosa di chimico piu’ adeguato, sarebbe importante decaratterizzare nella memoria il teatrino della morte, recuperare il controllo dell’io nei momenti di maggior tensione e gestire i pensieri negativi, come fece il MAESTRO DI NAZARET  nei momenti difficili del Getzemani.

Nel giardino del Getzemani tuttavia Gesu’ non ebbe un attacco di panico, sebbene abbia presentato diversi sintomi psicosomatici.

 In quella fatidica notte l’ansia del maestro non aveva niente a che vedere con la paura della morte, ma piuttosto del tipo di morte a cui andava incontro e del comportamento che avrebbe dovuto mantenere in ciascuna delle tappe della sua sofferenza.

 Non poteva avere un attacco di panico poiche’ era totalmente confidente nel Padre!

(Cosi’ dicono alcuni Maestri spirituali,  che se un dappista avesse cosi’ tanta fede da abbandonarsi al Divino Se’ Superiore, sarebbe libero da questa malattia che per loro e’ di origine karmica)

Le biografie di Cristo ci raccontano che compiva molti miracoli fisici ma non nell’anima e nella personalita’ .

 La personalita’ non ha bisogno di miracoli ma di trasformazioni.

Perfezionare l’arte del pensare, imparare a filtrare gli stimoli stressanti, investire in saggezza durante le stagioni fredde della vita sono nobili funzioni della personalita’ che pero’ non si conquistano in tempi brevi.

A noi tutti piacerebbe eliminare velocemente e istantaneamente le nostre sofferenze ma non e’ possibile.

Non esistono strumenti adatti a cio’ (a meno che non succeda un miracolo)

Dobbiamo imparare dal Maestro a veleggiare dentro a noi stessi e ad affrontare il dolore con dignita’ e coraggio e a usarlo per levigare la nostra Anima.

7° tappa

Come avra’ fatto il PADRE a far bere “il calice della passione” a Gesu’?

 

Il figlio aveva compreso che il calice era inevitabile e per questo si arrese alla sua volonta’.

Egli pensava che se avesse fallito anche il piano di Dio  e quindi la redenzione dell’umanita’ non avrebbe avuto luogo,

 ne’ si sarebbe realizzata la liberazione dalle miserie e nessuna creatura avrebbe raggiunto l’eternita’.

 

Mentre pregava nell’orto del Getzemani  la volonta’ di Gesu’ non ebbe risposta dal Padre ma non per questo egli smise di pregare.

Perche’ pregava?

Perche’ quel dialogo silenzioso lo sosteneva, irrorava la sua anima di speranza e gli restituiva le forze.

 

Forse per il Padre morire in croce sarebbe stato piu’ sopportabile che vedere il proprio figlio rimanere tranquillo pur essendo percosso, rimanere docile pur essendo ingiuriato, essere tollerante pur essendo flagellato, avere la liberta’ di riuscire ad amare e perdonare pur essendo annichilito sulla croce.

 

Gesu’ compi’ la volonta’ del Padre affinche’ “essendo Dio divenuto uomo, l’Uomo diventasse Dio”

 Quindi bere l’amaro calice non corrispondeva a soffrire come un povero miserabileMa alla realizzazione dell’ambizioso progetto di Dio: infondere l’immortalita’ nell’uomo temporale. 

Il venerdi’ santo GESU’ muore sulla croce per questo.

8° tappa

– CRISTO  e’ una persona emozionalmente sana perche’: 

          Proteggeva le proprie emozioni nei momenti di maggior tensione

          Filtrava gli stimoli stressanti

          Non trasformava la sua memoria in una pattumiera delle miserie dell’esistenza

          Non viveva in funzione delle offese e del rifiuto della societa’

          Era convinto di cio’ che pensava e gentile nell’esporre le sue idee

          Viveva l’arte del perdono, era cioe’ capace di riprendere in qualunque momento il dialogo con le persone che gli avevano creato frustrazioni

          Investiva in saggezza per affrontare i momenti duri della vita

          Non fuggiva di fronte alla sofferenza ma l’affrontava con lucidita’ e dignita’

          Gestiva i suoi pensieri con liberta’  e non lasciava che idee negative prendessero il sopravvento nella sua mente

          Era un agente trasformatore della sua storia

          Non soffriva per ansia da anticipazione

 –         Spezzava ogni tipo di carcere intellettuale

          era dotato di raziocinio brillante perche’ prendeva in considerazione ogni possibilita’

          non gravitava intorno alla fama e non perdeva mai il contatto con le cose semplici

          era socievole, gradevole e rilassante

          sapeva condividere i suoi sentimenti e parlare di se’

          viveva l’arte dell’autenticita’

          viveva l’arte della motivazione

          non si aspettava molto dalle persone che lo circondavano, nemmeno dai piu’ intimi anche se si donava intensamente a loro

          aveva una pazienza enorme nell’insegnare

          non rinunciava mai a nessuno, nemmeno  se le persone lo abbandonavano

9° E ULTIMA TAPPA

 LA RESSURREZIONE:LA PASQUA!

Considerazioni dopo la passione:

 Dio Padre e il figlio Gesu’ sono forti o sono deboli?

Sono forti al punto di non aver bisogno di mostrare la propria FORZA

Grandi al punto di mescolarsi agli uomini piu’ disprezzati della societa’

Nobili al punto di voler essere amati dagli uomini e non da volerli come schiavi o servi.

Piccoli al punto di essere percettibili solo a quelli che vedono con gli occhi del cuore

Solo qualcuno molto forte e molto grande insieme riesce a farsi cosi’ piccolo e cosi’ prossimo.

 Se ogni essere umano, indipendentemente dalla sua religione, incorporasse nella sua personalita’ alcune di queste caratteristiche, il mondo non sarebbe piu’ lo stesso.

 Il Padre e il Figlio, alle acque impetuose preferiscono il silenzio della brezza e l’umilta’ anonima della rugiada.

Riverenti  ci inchiniamo e accogliamo il loro silenzio intenso e significativo.

 Il mistero ci aprira’ le sue porte e capiremo che non siamo mai stati divisi se non dai nostri pensieri.

Vi auguro e ci auguriamo una BUONA RESURREZIONE

Una BUONA PASQUA nel nome di Gesu’

Che possiamo tutti  essere  in pace IN PACE

 Rimaniamo nella pace per arrivare ad incontrarci in pace a Natale!

.

 ******************* 

RACCONTO ESPERIENZIALE

di Carmen

   ******************* 

  I SEGNATORI

I miei avi erano SEGNATORI Erano cioe’ persone che con buona intenzione, simboli , segni e parole sacre aiutavano nella cura.

Un’arte semplice tramandata con semplicita’

Mio nonno ELISEO,i primi alberi che pianto’ in mezzo ad un bosco,proprio davanti alla sua casa erano dei noccioli Dopo novant’anni sono ancora li. Di alcuni loro rami ne faceva delle “bacchette” e riusciva a trovare le sorgenti di acque nascoste.

Sapeva “segnare” certe malattie e, durante epidemie di bestiame i suoi animali e le sue acque rimanevano incontaminati.

Segnava l'”erisipela” sugli uomini e aveva sempre successo.

Non insegnava nulla ai suoi compaesani perche’ lo deridevano e lui, che era sempre sorridente e cantava tutto il giorno, diceva scherzosamente che erano stupidi e faceva “spallucce”.

Quasi sempre collaborava con un  Medico del paese vicino.

Sua madre, la mia bisnonna CELESTE, piccola e svelta, conosceva i segreti delle nostre erbe di montagna ed era rinomata per saper curare e guarire gli ascessi di ogni tipo.

Si alzava allo spuntare del sole, a digiuno, andava a cercare certe piante con le foglie molto larghe, diceva su di loro una preghiera e delicatamente le raccoglieva.

Andava a casa, le lavava e ne faceva dei decotti che poneva sulla parte ammalata bisbigliando ancora  preghiere e segnature con Simboli che lei diceva Sacri.

Mi hanno raccontato che una volta e’ stata su di un malato a cambiare continuamente questo “impiastro” per 29 ore di seguito perche’ la questione era seria, la vita era in pericolo. Ce l’ha fatta lei con le piante, le segnature, le preghiere. Il Medico condotto sapeva e lasciava fare.

Mio padre ed i suoi fratelli non si sono interessati a questo dono e lui e’ morto troppo presto, ero ragazzina e non capivo niente di queste cose e non ho potuto sapere…  col tempo mi dispiacera’ molto.

Tuttavia, e mi piace pensarla cosi’, ho ripreso la “tradizione ” interrotta.

Il sincrodestino mi ha fatto conoscere una nonnina meravigliosa , ALBERTINA, che dopo alcuni anni di amicizia, mi ha trasmesso le sue conoscenze… provo per lei e per i miei avi molto amore.

Cosi’, anche io sono diventata una Segnatrice.

E quando vedo  in poco tempo e con cosi’ semplici gesti ed ancor piu’ semplici parole succedere dei “piccoli miracoli” sotto i miei occhi non posso non credere, la verita’ e’ palese.

Tuttavia ancora rimango stupita e provo meraviglia per come cio’ sia possibile data la grande semplicita’ dei gesti e delle parole.

Fino a qualche anno fa, quando ancora lavoravo in ospedale, erano i medici stessi a consigliare in via “amicale” ai pazienti con fuoco sacro di farsi “segnare”.

Qualche volta ho visto adirittura “segnare” in ospedale.

Ora non ho piu’ paura di essere presa per “maga” poiche’ non lo sono, la “magia” la compie il Divino Se’ Superiore che si appella alla memoria collettiva dell’Umanita’.

Ma ora posso capire un po’ di piu’.

Sono quasi 9 anni che mio figlio ed io segnamo “fuochi sacri”, tanti in verita’ da avere una buona esperienza ma rimanere ogni volta pieni di gioia per questo “piccolo grande” dono.

Ho capito di piu’

e con gratitudine verso il Divino, suo figlio il Maestro Gesu’, sua Madre Maria e Giuseppe il suo padre putativo,

mio nonno Eliseo, la mia bisnonna Celeste e l’amorevole Albertina, Massimo e Gigi, vado avanti con integrita’.

.

************************

curare e lavorare con integrita’ e senza paura

  ***********************

Poiche’ a volte incontrerete “delle resistenze e delle derisioni “ su quello che fate, Vorremmo, ora, darvi la seguente comunicazione:   Dice Oriana Fallaci:

Vi sono momenti nella vita, in cui tacere è una colpa è parlare un obbligo. Un dovere civile,una sfida morale, un imperativo categorico,al quale non ci si può sottrarre.  Per fare trionfare il male è sufficiente che le presunte forze del bene siano inoperose”.

Ci riferiamo all’intervento mediatico sui “manipolatori della mente” o di coloro che ci deridono o di coloro che disonorano la medicina naturale. Poiche’ crediamo nel nostro lavoro e lo compiamo con preparazione, integrita’ e nel rispetto della nostra e dell’altrui liberta’, ci dissociamo sia da chi “attacca le associazioni che lavorano nel campo olistico”, sia da chi “manipola la mente delle persone” tramite esse.

Pensiamo che gli uni dovrebbero informarsi rimanendo nella mente neutra e gli altri non disonorare.  Altrimenti ci rimettiamo tutti. 

Noi crediamo nella “medicina degli uomini”, ma sappiamo che quella dello Spirito e’ potente. Pensiamo altresi’ che sia difficile per alcune persone credere che in ognuno di noi ci siano facolta’ e talenti extrasensoriali; rispettiamo  egualmente la loro decisione di  non cercare, tuttavia, per chi e’ in un cammino spirituale e’ doveroso ammettere che esse si manifestano e che sono fruibili per il bene di tutti. 

Siamo nati su questa Terra e vi teniamo i piedi “ben piantati”, ma sappiamo che sopra di essa vi e’ il Cielo, l’immenso, lo sconosciuto, Il Supremo che a volte “si piega” amorevole su di noi e ci “apre qualche porta”.

Come, in questo caso, il poter Segnare.

La societa’ di oggi si dimentica troppo spesso che l’uomo non e’ solo corpo e mente ma e’ anche Spirito. Siamo un tutt’uno. 

Lo dice e lo dimostra anche la fisica quantistica.

Cosi’ in questo tempo di “caccia alle streghe e di manipolatori della mente” e di assurdi denigratori, noi andiamo avanti lavorando e curando nell’integrita’ e senza farci intimidire.  

.                          

                        

TESTIMONIANZE

abbiamo almeno una 50° di testimonianze  di “guarigioni ” che sono avvenute  da segnatori che ci hanno informati

(e tante anche con noi)

*

grazie grazie grazie

 

© 2014 – 2017, SpazioSacro.it – Testi non riproducibili neppure parzialmente senza autorizzazione -. Tutti i diritti Riservati.

Spazio Sacro

Spazio Sacro : contatti

Ass. Cult. Spazio Sacro

Studio e Sperimentazione Medicine Analogiche

via Vaccaro 5 - 40132 BOLOGNA
TelFax. 051-2984217
Cell. 333-8423018

info@spaziosacro.it

Soci e Privacy

I nostri soci sono : 8458845884588458 

Diventa socio anche tu

Iscriviti [ click qui ]

Per la PRIVACY POLICY del sito visitare questo link:
Vedi Privacy Policy/

Spazio Sacro su G+

RSS FEED SPAZIOSACRO

I nostri Feed

Mappa Sito + 7 Feeds RSS :

calendario medicine alternative italia calendario medicine alternative italia articoli medicine alternative blog
blog spazio sacro libri gratuiti sulle medicine alternative corsi seminari eventi spazio sacro Feed Trova la Cura Naturale

Pubblicate i nostri 7 Feeds RSS nel vostro sito !

 

spaziosacro
Benvenuti su www.SpazioSacro.it
reiki

Reiki


Reiki è una potente Arte di cura con le mani che usufruisce dell'Energia Vitale Universale.
[ Continua ... ]

breathwork

Breathwork


Il lavoro sul Respiro. Il respiro aiuta il Corpo, la mente e le emozioni. Per raggiungere armonia ed equilibrio -
[ Continua ... ]

reiki

Cristalloterapia Ayurvedica


I Cristalli agiscono per "informazione".
Sono Essi stessi l'informazione da dare [ Continua ... ].

reiki

Numerologia Tantrica


La Numerologia Tantrica è una Scienza Sacra della tradizione del Kundalini Yoga.
[ Continua ... ]

Scuola di Naturopatia [ click qui ] Alcuni tra i nostri seminari / corsi :
Se ti piace il nostro sito votaci :
Utilizziamo i Cookie : Privacy Policy
×
NEWSLETTER
Iscriviti alla nostra Newsletter
e ricevi le ultime notizie, corsi ed eventi sul Mondo Olistico in Italia
I tuoi dati non verranno ceduti a terzi. Rispettiamo la tua privacy!
spaziosacro
Benvenuti su www.SpazioSacro.it
reiki

Reiki


Reiki è una potente Arte di cura con le mani che usufruisce dell'Energia Vitale Universale.
[ Continua ... ]

breathwork

Breathwork


Il lavoro sul Respiro. Il respiro aiuta il Corpo, la mente e le emozioni. Per raggiungere armonia ed equilibrio -
[ Continua ... ]

reiki

Le Segnature : l'Arte del Benedire
[ 24 Dicembre ... ].

 

Scuola di Naturopatia [ click qui ] Alcuni tra i nostri seminari / corsi :
Se ti piace il nostro sito votaci :
Utilizziamo i Cookie : Privacy Policy
×