SPAZIOSACRO
Tu sei qui:  / Reiki e Scuola di Reiki / Reiki Bologna e Scuola di Reiki : l’arte di cura con le mani

Reiki Bologna e Scuola di Reiki : l’arte di cura con le mani

reiki

 Reiki Bologna e Scuola di Reiki : l’arte di cura con le mani

 

REIKI : L’ANTICA ARTE DEL RIEQUILIBRIO ENERGETICO

L’ARTE DEL REINCONTRO CON LA SORGENTE DELL’ENERGIA DI GUARIGIONE

Il Guaritore non è colui che ti guarisce ma colui che ti “rimette così bene in equilibrio”

da agevolare la tua “autoguarigione, quando la tua anima e’ pronta”

*

SCUOLA DI REIKI SPAZIO SACRO

a Bologna e su richiesta in tutta Italia ed Europa

1° Livello – 2° livello – 3° livello

preghiera

Prenota anche trattamenti presso le nostre sedi

PRENOTA O REGALA UN TRATTAMENTO DI REIKI TEL.051/29.84.217  – CELL. 333.84.23.018 .

*

   Reiki è una potente Arte di cura con le mani che usufruisce dell’Energia Vitale Universale. E’ complementare alla Medicina Ufficiale. E’ attiva oramai in molti Ospedali del mondo.  Come arte di cura manuale si colloca tra le più efficaci “tecniche dolci” di rilassamento e analgesia .

LA SCUOLA DI REIKI E’ UN DONO !

Dopo aver partecipato ad un nostro seminario di 1° o di 2° livello  con iscrizione alla nostra Associazione e versamento di quota associativa e del corso,  gli insegnamenti continuano poi nella nostra SCUOLA DI REIKI, FACOLTATIVAMENTE, SENZA ALCUN OBBLIGO DI FREQUENZA MA SOLO COME DONO, tutto l’anno senza spese aggiuntive, una volta al mese per 10 mesi, a Bologna e nelle sedi distaccate. E questo gia’ da  quasi 10 anni. E’ possibile partecipare anche solo ad un appuntamento dei 10 previsti durante l’anno.

Due parole: in questo periodo vi sono dei master reiki che disonorano profondamente questa semplice e potente arte di cura con le mani e fanno si che anche le persone alla fine siano scontente e parlino a loro volta male del reiki . Vi invitiamo, assieme a noi, a rimanere nell’intenzione e nella volontà di ricercare quello che è meglio per voi, di ascoltare l’intuizione, di essere aperti al confronto e al dialogo per il bene di tutti. In cammino verso l’accoglienza e l’esperienza con mente neutrale e grande apertura di cuore affinché ogni cosa sia fatta a maggior gloria della luce.

##################################

 Link Veloci alle sezioni della pagina

SEMINARI DI REIKI
CONSIDERAZIONI INZIALI
ORIGINI DEL REIKI
PRESENTAZIONE REIKI
I LIVELLI DEL REIKI 
SEMINARI DI 1 GIORNO O DI 2 GIORNI ?
I MAESTRI DELLA NOSTRA SCUOLA DI REIKI 
INSEGNAMENTI DI UN GRANDE MAESTRO
LE DOMANDE PIU’ FREQUENTI SUL REIKI

##################################

*

SEMINARI DI REIKI

e SCUOLA DI REIKI

 “Spazio Sacro”

Maestri di Reiki : Carmen Cattani ed Emanuel Celano (madre e figlio)

 per iscriversi ai Seminari  inviare email a info@spaziosacro.it

* 

 LA NOSTRA SCUOLA DI REIKI E’ NATA NEL 2003 ED E’ SEMPRE STATA UN DONO

E’ vero, l’energia REIKI fluisce da sola e va dove è necessaria , e dopo un solo weekend ci si può già curare da soli e curare gli altri, ma… abbiamo aperto una Scuola di REIKI a partecipazione gratuita e facoltativa perchè è impossibile rendere le persone consapevoli in un solo weekend; (come prevede la Proposta di Legge che stiamo promuovendo), poichè non si può dare un “patentino di curatore” così a buon mercato, perchè il lavoro con l’Energia vuole consapevolezza, occorre saper leggere i “segnali”, occorre integrità, occorre discernimento ed un lungo cammino di crescita personale e spirituale. Soprattutto occore imparare a percepire, a divenire neutri, meditativi, affidarsi e divenire creativi  ma anche studiare, conoscere poiche’ la scienza puo’ aiutarci ….

cosi’ dopo aver appreso, dopo aver imparato ad aprire LO SPAZIO SENSIBILE, allora si potra’ curare le persone nel migliore dei modi.

Per i nostri allievi che abitano fuori Bologna o sono lontani dalle sedi distaccate è possibile accedere ad un’area riservata del nostro sito ove scaricare comunque tutte le lezioni.

POTETE LEGGERE con un click qui IL PROGRAMMA

>> DELLA SCUOLA DI REIKI SPAZIO SACRO <<

*

SIAMO ISCRITTI NELL’ELENCO UFFICIALE DELLEASSOCIAZIONI DI BOLOGNA

La nostra Associazione è inserita nell’Elenco delle Libere Forme Associative del Comune di Bologna, con Determinazione Dirigenziale della Direttrice, Pgn. 208956/2008, adottata il 12 settembre 2008. Tale Elenco aggiornato è pubblicato su internet [ click qui ]Il nostro Statuto è online qui [ click qui ]
Accreditamento ECM
Siamo registrati come struttura accreditata E.C.M. sul sito del Ministero della Salute, Educazione continua in Medicina,http://ape.agenas.it/homeEsterno.aspx dal 27/09/2008 con NUMERO PROVIDER: 11685 e NUMERO REFERENTE: 13003

##################################

*

CONSIDERAZIONI INIZIALI

“Credo che esista un Essere Supremo, l’Infinito Assoluto, una Forza Dinamica che governa il mondo e l’universo. È un’energia vibrante, spirituale e invisibile. Al suo cospetto tutte le altre energie appaiono insignificanti: è, dunque, l’Assoluto!…La chiamerò “Reiki”!  Essendo una forza universale del Grande Spirito Divino, appartiene a tutti coloro che la ricercano e desiderano conoscerne i poteri curativi ” (Hawayo Takata)

*

Prima di spiegare cosa e’ Reiki, ci permettiamo di fare alcune considerazioni insieme a voi e che sarebbe importante che leggeste : Dice Schopenhauer che il primo dovere di chi scrive o parla, e’ quello di evitare di atteggiarsi a profeta e di non usare un linguaggio allusivo, fumoso e oscuro. Non vogliamo niente di tutto questo. Ci dichiariamo allievi “in cammino”, sperimentatori o testimoni. Non diamo nulla per scontato, amiamo la scienza e lo Spirito della conoscenza, possiamo aver buone intuizioni … rimaniamo in cammino fiduciosi e puri nella nostra apertura del cuore.

Non e’ piu’ il tempo di passare per “creduloni”, o dare tutto per scontato o, al contrario, offrire false illusioni. Sta arrivando il tempo del conforto e della Grazia dopo tante prove.

Per un principio di onesta’ intellettuale vi informiamo che sul REIKI e’ stato detto di tutto e di piu':

-che e’ di origine giapponese o cinese, che i suoi Simboli sono di origine buddista, induista, e che per altri sono stati presi dalla tecnica “Waiqi” del Qi Gong , la via della Medicina Cinese…

- che il Maestro Usui non e’ mai esistito o, al suo opposto, che e’ assolutamente esistito ed era di religione cattolica,

-che il Reiki e’ nato dal SEIKI il cui iniziatore non era altro che una Maestra: una certa Ikuko Osumi e cosi’ via…

-anche la tradizione si movimenta passando dalle Hawai, all’America, il Giappone, la Cina e il Tibet…

Sorridendo bonariamente sulla necessita’ di trovare il testimone originale, pensiamo che l’arte di curare con le mani si perda nella notte dei tempi e che anche il Maestro Gesu’ o il Budda o chissa’ quanti altri maestri o uomini “normali” lo hanno testimoniato.

C’e’ poi da dire che vi sono molti detrattori del Reiki ; queste persone non vorrebbero che la cura con le mani fosse un dono per tutti, non vorrebbero sentire parlare di “Energia Divina” cosi’ anche su internet scrivono cose assolutamente non vere e non dimostrabili e si spingono verso l’offesa e l’ingiuria; aiutati in questo anche da master o reikisti che non operano con integrita’, disonorando Reiki e ledendo la fiducia delle persone. Essi hanno aggiunto altri nomi alla parola Reiki abbinando cosi’ tante altre tecniche che a volte poco o niente hanno a che fare con questa canalizzazione energetica.

Al contrario, vogliamo essere testimoni e ci testimoniano perfino medici in ospedali, di come sia efficace  e piacevole questa arte di cura ! E sopratutto come sia semplice ed efficace per se stessa!

C’e’ un’altra verita’ di cui vorremmo farvi partecipi: con questo cambio dimensionale che sta compiendo la Terra, L’Energia REIKI che “arriva” durante le iniziazioni e nei trattamenti e’ ora molto POTENZIATA! veramente diversa da quella di 20 e 17 anni fa quando abbiamo iniziato il percorso e diversa perfino da quella di due anni fa!  Potenziata, “rinnovata e luminosissima”.

Qualunque sia la situazione, qualunque sia l’origine o il testimone, pubblicamente e onestamente affermiamo che L’ENERGIA REIKI E’ POTENTE e mantiene quello che tutti ci hanno trasmesso : E’ L’ARTE DEL RIEQUILIBRIO ENERGETICO e della guarigione!

Ma e’ solo facendone esperienza personalmente che si potra’ comprendere meglio quello che andremo dicendo.

Dal dire al fare… all’ESSERE ! Lasciando aperto lo spazio dell’accoglienza, usando il DISCERNIMENTO e il PURO INTENTO, Noi ne diveniamo canali, attori consapevoli, TESTIMONI integri.

QUELL’INTEGRITA’ che non verra’ intaccata dal fanatismo ma neppure da uno scetticismo paralizzante.

Vi invitiamo, assieme a noi, a rimanere nell’intenzione e nella volonta’ di ricercare quello che e’ meglio per voi, di ascoltare l’intuizione, di essere aperti al confronto e al dialogo per il bene di tutti. In cammino verso l’accoglienza e l’esperienza con mente neutrale e grande apertura di cuore.

Poiche’ come dice il grande illuminato Yogi Bhajan, mondialmente riconosciuto come un grande maestro dei nostri tempi, nel suo “testamento” spirituale :

“E’ venuto il tempo non per adorare Dio, ma per fidarsi e per dimorare nel Dio all’opera. L’uomo smetterà di smussare gli angoli e verrà ad una reale esistenza. E non ci vuole molto perché ciò accada. Ogni persona che pensa di essere grande può essere nulla, perché l’Era dell’Informazione è così potente, fruibile, comprensibile, effimera, che nulla può funzionare a lungo. Voi non siete in grado di ingannare nessuno, ma potete trattare e aiutare ognuno alla pari. E’ il Sistema di Percezione del Sé che si svilupperà automaticamente in voi . Ora è venuto il tempo in cui dovrete avere una mente meditativa per poter aspettare e vedere ciò che vi arriva. Allora la vostra mente vi guidera’ad agire verso i giusti canali. Incontrerete le persone giuste. Il vostro futuro è adesso e la vostra presenza è la vostra purezza. Non dovete purificarvi: siete già puri ! Semplicemente non dovrete corrompervi con le distrazioni, le storie e creando romanticismi senza senso, fantasie e immaginazioni che sono zero. Voi avrete la maestria di voi stessi attraverso il vostro servizio, il vostro carattere, il vostro impegno e, cosa più importante di tutte, attraverso la vostra grazia.

La vostra GRAZIA INDIVIDUALE è la virtù più richiesta oggi. E la vostra proiezione, che vi darà soddisfazione, completezza e esaltazione, è la vostra nobiltà. Voi agirete nobilmente, con grazia, gentilezza e compassione. Queste sono le vostre protezioni ed e’ attraverso questo sistema di percezione che sarete traboccanti di energia, toccando il cuore delle persone, sentendo il loro sentire, e colmando il loro vuoto. Agirete in maniera meravigliosa e il vostro flusso soddisferà la gratitudine dei cuori degli altri. Sarà un nuovo tipo di relazione. Creeremo tutti insieme una nuova umanità con un nuovo Sistema Sensoriale e perciò stabiliremo l’Era dell’Acquario. Questo è il carattere fondamentale che dovrete imparare dal cuore.”

Noi siamo fatti anche di “corpo fisico” ed e’ corretto che chiediamo aiuto a medici e fisioterapisti etc…, ma noi siamo “anche” corpo sottile, psiche, spirito  e cosi’, perche’ non affidarci all’Energia Universale, al Nostro Divino SE’?

A quando la cooperazione, l’integrazione per un mondo migliore? Noi lavoriamo per questo e vi ringraziamo di essere qui a leggere e a meditare su quello che vi viene trasmesso. Sentitevi comunque liberi. Grazie!

NEL REIKI SIAMO TUTTI ALLIEVI. I MAESTRI SONO INSEGNANTI DI REIKI. SONO DEI TESTIMONI.  
COME PUO’ UN UOMO INIZIARNE UN ALTRO? L’INIZIAZIONE VIENE SEMPRE RICEVUTA DA DIO!
SE L’INSEGNANTE E’ PREPARATO PUO’ ESSERNE TESTIMONE, L’INIZIAZIONE ACCADRA’!
LA GRAZIA CHE VIENE DAL DIVINO E’ RICEVUTA DAL DISCEPOLO LA CUI ANIMA HA DETTO “SI!”
MIKAO USUI E’ PER NOI L’EMBLEMA DELL”ALLIEVO, DEL MAESTRO E DEL  TESTIMONE PERFETTO E NOI, COME TALE,  LO ONORIAMO!
MAESTRI E ALLIEVE DI REIKI

  Dice il Maestro Osho: “Tu pensi che il Testimone sia qualcosa di separato, di distaccato. Non lo e’. La tua intensita’, la tua totalita’, sono il Testimone. Quindi allorche’ osservi l’iniziazione di una persona sei al contempo l’Iniziato e l’Iniziatore. Non c’e’ divisione…”

osho scrive

 Alcuni maestri non chiamano “INIZIAZIONI” ma “RITUALI DI POTENZIAMENTO” le attivazioni  al Reiki dei loro Allievi. Noi non intendiamo togliere “sacralita” a questo evento  che  per noi e’ una Iniziazione.

L’iniziazione e’ la riconquista della percezione dei mondi superiori, e’ l’esperienza piu’ intima e profonda che l’essere umano possa avere: quella verso cui  converge tutta la storia del singolo e dell’umanita’ (Paolo Mancini)

Un iniziato e’ Una persona che conosce segreti che gli altri non sanno, che individua aspetti del Reale che gli altri non vedono, che constata nessi e rapporti non accessibili a tutti e indica una diversa dimensione della vita. Tramite questa realta’ si entra in contatto con l’anima dell’umanita’ quale unica entita’ verso il Divino. C’e’ una grande differenza fra partecipare alla vita cosciente e causarla. E’ qui che  sarebbe appropriato che l’ “apprendista” che entra “nella famiglia del Reiki” comprendesse il significato della responsabilita’ spirituale verso se stesso e verso il mondo.

Nell’antica cerimonia di iniziazione al Reiki Kanjo, una strana combinazione di elementi shintoisti, Taoisti e Buddhisti, si afferma che le Mudra e i Mantra del maestro erano stati trasmessi da una generazione di dei ad una generazione di imperatori.

 

Origini del Reiki :

VI SONO MOLTE VERSIONI DEL REIKI , MOLTE SULLA VITA DI USUI E MOLTE SUI SUOI INSEGNAMENTI,
 VI INVITIAMO A CERCARE LA VOSTRA INTERIORE VERITA’ E VI INFORMIAMO DI QUANTO SEGUE:

Alcune teorie ci dicono che le origini  del REIKI risalgono alla notte dei tempi, altre ad almeno 4500 anni fa e si celano nei Sutra del Buddhismo e in alcune pratiche Shintoiste,Taoiste ed Induiste.

La teoria dei Chakra è infatti di origine Vedica.

“Il Segreto della CURA e della  guarigione è consegnato alla tradizione orale e tramandata da Maestro a Discepolo. I Simboli ed i procedimenti per il loro utilizzo sono Segreti.

Un’altra teoria dice che esso provenga dal  WAIQI  di origine cinese, insegnato in un ramo del QI GONG  e che è stato tenuto segreto nei secoli  dai vari maestri e che solo recentemente è entrato nella pratica ufficiale della medicina cinese.

Altri parlano non di REIKI ma di SEIKI-JUTSU  tramandato dalla maestra IKUKO OSUMI la cui vita viene raccontata come quella di Mikao Usui, il maestro della nostra “discendenza”.

Frank Arjava Petter, esperto di Reiki Ryoho tradizionale Giapponese dice fra l’altro che i chakra non erano di origine giapponese e ha ragione, sono induisti, ma si dice che il maestro USUI conoscesse e applicasse discipline di tradizioni diverse: Noi utilizziamo le conoscenze che si rifanno all’antico yoga Kundalini,

personalmente, penso che nessuno abbia la verita’ in tasca circa Usui, la sua nascita e i suoi insegnamenti.

Noi veniamo dalla scuola di Mikao Usui, Hayashi, Takata e Furumoto e quindi dal  Usui ReikiRyoho,  poiché Takata ci ha lasciato testimonianza in un suo piccolo libro

Nella scuola di Petter ci si basa sugli insegnamenti della Usui Reiki Ryoho Gakkai

In essa si dice che Mikao Usui creò e sviluppo il suo metodo del Reiki a partire dalla cultura giapponese più tradizionale e in un periodo storico fine ‘800 – primi del ‘900 –  periodo in cui in Giappone venivano codificate le più importanti arti marziali e tecniche di lavoro sull’energia come l’Aikido  il Karate  il Judo ,lo Shiatsu, il Tai Rei Do

L’USUI REIKI RYOHO, quella della nostra scuola, , Metodo di Mikao Usui , è un’Arte che ha come scopo di ristabilire il corretto equilibrio energetico nell’individuo e di favorirne  la crescita spirituale.

Il termine Reiki  è composto dagli ideogrammi Rei =Spirito e Ki =Forza, energia e può essere tradotto come Forza o Energia Spirituale

Il Rei è l’energia alla base della vita, la Fonte primordiale, il campo di forza illimitato ed inesauribile che alimenta i fenomeni dell’universo.

Il Ki è l’energia vitale che scorre in ogni essere vivente, una parte infinitesimale del Rei.

Il termine Reiki indica l’unione di questi due aspetti della stessa energia , il microcosmo e il macrocosmo che si manifesta  anche durante la pratica del Reiki

Gli insegnamenti del Maestro Usui Sensei  avevano la finalità di creare una via per ritrovare il senso di unità con il Tutto, poiché è nella dualità l’origine di tutte le sofferenze umane

Lo stile insegnato nei seminari della scuola che dice di seguire lo stile giapponese è quello della scuola SEKI JI DO (la Via del tempio di pietra),  che comprende vari stili  tra cui l’ Usui Reiki Ryoho Gakkai  tramite Frank Arjava Petter

e dell’Usui Shiki Ryoho linea occidentale della maestra Takata, nella sua forma pura ,non contaminato dalla New Age, attraverso la maestra Phillis Lei Furumoto. IL NOSTRO MASTERATO APPARTIENE A QUESTO LIGNAGGIO

.

    PRESENTAZIONE REIKI

 di  Carmen Cattani

carmen_bella_01

 

Reiki e’ una potente Arte di cura con le mani che usufruisce dell’Energia  Vitale Universale. E’ complementare alla Medicina Ufficiale. E’ attiva oramai in molti Ospedali del mondo. Come arte di cura manuale si colloca tra le piu’ efficaci “tecniche dolci”di rilassamento e analgesia.

Il Reiki si ispira al modello energetico della fisica quantistica che considera il corpo non solo nella sua materialita’ fisica o chimica, ma come Energia Vitale che si esprime biologicamente nelle reazione biochimiche e  biofisiche che avvengono nelle cellule,

psichicamente nelle emozioni-sensazioni che attraversano il corpo,

nel linguaggio- pensiero della mente, e nello Spirito che e’ a stretto contatto con tutte le altre componenti, promuovendone  cosi’ l’integrazione ed il riequilibrio.

Reiki e’  dunque un’Arte che ci permette di curare il corpo fisico e le varie disfunzioni che lo affliggono, ci permette di lavorare sulla nostra psiche, equilibrando le emozioni e liberandoci da ansie e stress, ci permette di lavorare sulla nostra parte spirituale aiutandoci ad evolvere con maggior levita’.

La chiamiamo ARTE di cura perche’ “ARS” deriva dalla radice indoeuropea “ARE'” col valore semantico di ordinare: l’arte in questo caso e’ il modo di portare ordine, significato e a compimento  le cose del mondo fisico per arrivare agli altri “mondi”

L’Arte del Reiki  e’ la cura del riequilibrio energetico.

Il Guaritore non e’ colui che  ti guarisce ma colui che ti “rimette cosi’ bene in equilibrio” da agevolare la tua “autoguarigione”.

CURARE E’ UMANO GUARIRE E’ DIVINO   Noi siamo Umani e Divini

L’Equilibrio si realizza attraverso l’Energia Vitale Universale. O come parlano nei Ching: trasmettere l’Essenza Divina nella trasformazione del Principio Vitale.

L’Energia Vitale che permette la vita e l’evoluzione, e’ per tutti  e puo’ aumentare attraverso canalizzazioni diverse. Reiki e’ una di queste.

Il Simbolo della nostra Scuola di REIKI,  nella parte superiore e’ un arcaico ideogramma cinese che significa LING, da  LING SHU,  del mistico LI CHING, testo  oracolare e base della medicina cinese.

LING cosi’ tradotto significa ” LO SPIRITO SUPERIORE DELL’ESSERE CHE AGISCE SUGLI ALTRI ESSERI MEDIANTE IL QI”. L’energia Vitale.

Pur non essendo legato ad alcuna religione, il REIKI offre della vita l’aspetto piu’ Integro e Sacro poiche’, come ogni percorso di crescita, esso e’ una strada anche verso l’elevazione Spirituale. Quest’arte antichissima  di cura,  che  ha ritrovato, in occidente, una grande diffusione intorno alla meta’ del secolo scorso, si dice sia ad opera di un ricercatore spirituale: Mikao Usui.

Tra leggenda e verita’, un uomo ha “risvegliato” il dono!

MIKAO USUI E’ PER NOI L’EMBLEMA DELL”ALLIEVO,DEL MAESTRO E DEL  TESTIMONE PERFETTO

E  COME TALE NOI  LO ONORIAMO!

maestro usui

maestro mikao usui

Come abbiamo detto sopra, Esistono varie attivazioni al Reiki e quindi varie scuole: la nostra segue il Sistema di USUI SHIKI RYOHO

E’ il Sistema di Reiki che e’ giunto in occidente secondo la tradizione di Mikao USUI, Chujiro HAYASHI e Hawayo TAKATA e L. FURUMOTO.

La parola Reiki, formata da un ideogramma (nella ns. scuola e’ in stile Kaisho) e’ anche un movimento di energia, un delicato equilibrio di pieni e di vuoti, di energie yin e yang, femminili e maschili.

Su di un antichissimo libro cinese di riflessologia plantare abbiamo ritrovato parte dello stesso ideogramma e la sua spiegazione: “E’ IL FEMMINILE CHE GUARISCE”!

Ogni curatore o guaritore, dunque dovra’ rivolgersi all’energia Divina della sua parte femminile quando vuole curare ! Dovra’ affidarglisi dovra’  superare il suo ego, svuotare la mente da aspettative o giudizi e mettersi in ascolto. Divenire aperto e intuitivo.

L’ultima parte dell’ideogramma “Rei” rappresenta uomini e donne posti tra Cielo e Terra, per essere partecipi, attraverso la loro vita, alla co-creazione con il Divino …

Da un punto di vista esoterico, la parola REI possiamo anche chiamarla Luce, Spirito Divino, Macrocosmo, Principio Primo, Energia Universale…

La parola KI  rappresenta l’energia vitale individuale, e’ cioe’ quella caratteristica particolare che distingue ogni essere da tutti gli altri. Da un punto di vista esoterico la parola KI potremmo definirla anche Anima, Atman, Microcosmo, Coscienza, Psiche o concretamente, individualita’, Identita’.

REI e’ l’energia cosmica, il macrocosmo,  e’ il trascendente, e’ la forza creatrice Divina…

KI sono io, sei tu, siamo noi…e’ l’essenza individuale di ciascuno. E’ il se’ individuale che appartiene all’Universo, alla vita del microcosmo …

IL KI- l’energia vitale, per i cristiani e’ come LUCE

per i cinesi e’ come ENERGIA, FORZA, RESPIRO

per gli indu’ e’ come PRANA

per i kaunas e’ come MANA

dai fisici/biologi e’ detta BIOPLASMA ,BIOENERGIA O ENERGIA COSMICA

REIKI e’ la connessione tra i due, l’unione tra REI e KI. L’unione di REI e di KI attraverso la cerimonia dell’iniziazione del REIKI, rappresentano la scelta consapevole di compenetrare l’energia dello Spirito nella Materia e di innalzare quest’ultima verso di esso.

REIKI e’ un’arte, non una credenza, che si sperimenta individualmente. Con la trasmissione del REIKI viene risvegliato il potere curativo individuale, per cui ciascun uomo si cura da se’.

In questo modo tanto colui che trasmette Reiki quanto colui che lo riceve si cura durante un trattamento.

REIKI e’ una connessione originale e diretta con l’Energia Universale, che non subisce le nostre interferenze. Non viene aggiunto nulla di quello che siamo, ma essa aiuta la nostra evoluzione a tutti i livelli indirizzandosi la’ dove e’ necessaria.

Il Maestro di REIKI e’ semplicemente un trasformatore, un catalizzatore di tale energia. Un testimone consapevole.

Il pranoterapeuta e’ una persona che metabolizza l’energia universale in maniera eccezionale,facendola divenire la sua bioenergia ed e’ quella che lui trasmette, con risultati a volte piu’ che ottimi.

Con l’attivazione al Reiki, che viene apportata dal Maestro, si produce un passaggio vibratorio energetico particolare,  la cui frequenza non fa parte di una gamma umana di frequenze. La persona attivata al Reiki diventa cosi’ un canale di trasmissione energetica universale. La forza dell’energia fornita si regola a seconda del bisogno del beneficiario.

Il curatore trasmette energia vitale come lungo un “canale”, a questi non viene sottratta alcuna energia personale ma al contrario egli si carica e si arricchisce di energia per tutto il trattamento. Questo fa si che non si verifichi  il fenomeno dell'”assorbimento, grande problema dei pranoterapeuti che operano quando non sono in equilibrio energetico non riuscendo a “rifornirsi adeguatamente”.

Reiki e pranoterapia usano entrambi le mani anche se rimangono due terapie con alcune profonde diversita’

Dalle mani  di un pranoterapeuta e di un Reikista vengono emesse due tipi di frequenze elettromagnetiche. Le prime riguardano le alte frequenze biofotoniche nel campo degli infrarossi che provengono direttamente dalle mani dei terapisti, le seconde che si possono chiamare “simil-alpha” sono onde a bassa frequenza che partono dal cervello del reikista o del pranoterapeuta.

L’energia all’infrarosso e’ l’onda portante delle frequenze che provengono dal cervello, le onde alpha, che trasportano l’informazione dell’equilibrio. Il messaggio inviato al ricevente e’ coerente, lento, e a bassa frequenza. In un tipo di energia viene veicolato il progetto da realizzare(l’informazione di riequilibrio) e nell’ altra viene portata l’energia per realizzarlo.

L’energia senza l’intenzione non saprebbe cosa fare e l’intenzione senza l’energia non potrebbe realizzare nulla.

Il progetto senza l’energia non sarebbe realizzato e l’energia senza lo scopo sarebbe solo ridondanza.

La coerenza dei treni d’onda pensiero, le cerebrofrequenze, sono di assoluta importanza per l’effettiva guarigione di una malattia.

Vi sono alcune differenze tra pranoterapeiti e Reikisti che spiegheremo nel seminario.

Il Reiki coadiuva le terapie mediche quali per esempio le pratiche respiratorie, i massaggi zonali, il linfodrenaggio, la psicoterapia, le terapie antidolorifiche etc…

Reiki scioglie i blocchi energetici e psicologici, purifica da sostanze tossiche, equilibra i centri energetici, ristabilisce l’armonia e fluisce in quantita’ illimitata, ti “instrada” verso l’origine dei sintomi fisici e infonde energia per ripristinare lo stato di salute.

Per alcune Persone, l’Energia Reiki puo’ essere un metodo di “autoguarigione” o di cura per gli altri, per altri e’  un cammino per una crescita Spirituale accelerata…e’ una trasformazione che porta alla gratitudine e alla guarigione….piccola o grande che sia…..

REIKI E SCIENZA:

Noi siamo, come dice la fisica quantistica, un tutt’uno con il Tutto, percio’ siamo un tutt’uno anche con L’Energia Universale, siamo Tutti nel Respiro Divino.

Non vi stiamo riempiendo di belle parole, oramai ci vengono in aiuto scienziati ed esperti: in questo periodo, in un viaggio entusiasmante, nei laboratori e nei centri di ricerca mondiali, si stanno realizzando alcune tra le più grandi avventure scientifiche umane, in un crescendo coinvolgente che ci porta dal mondo microscopico di fotoni ed elettroni, ai misteri del DNA, del cervello e della coscienza, fino ad arrivare ai fenomeni psichici  dell’autoguarigione con L’Energia Universale, e a quelli della coscienza collettiva.

Per gli scienziati piu’ “avanzati”, un unico meccanismo fisico sincronico sembra unire tra loro tutti questi fenomeni, dove particelle, materia e coscienza si fondono in una sola realtà olografica, rendendo concreti e spiegabili fenomeni come la telepatia, il teletrasporto, la precognizione, “gli agglomerati di pensiero” che possono essere canalizzati da altre Entita’ siano esse Angeliche o Terrestri, la guarigione con l’Energia (del REIKI, in questo caso), la visione remota e la psicocinesi.

Sarebbe appropriato cambiare anche il nostro punto di vista. Un cambiamento non piu’ come azione-reazione ma come passaggio dal fare all’ESSERE. Cercare un varco verso l’armonia interiore e l’Armonia con il Tutto… Il Reiki ce ne offre la possibilita’. Il nostro compito in questa vita e’ quello di perfezionarci elevando le nostre vibrazioni, il REIKI ne e’ Maestro ed elevandole potremo migliorare come Esseri Umani e facilitare l’ascensione di tutta la Terra.

Questo e’ possibile anche perche’ il campo elettromagnetico umano ed i campi elettromagnetici del nostro pianeta si scambiano continuamente informazioni energetiche per cui, piu’ stiamo bene noi, piu’ sta bene la madre Terra ed i suoi abitanti.

Reiki non ci aiuta solo personalmente ma con esso possiamo aiutare anche i nostri simili, gli amici animali, le piante e le creature minerali.  Rivitalizzare il cibo e l’acqua.

Una volta che siamo stati attivati, rimarremo aperti a questa energia per tutta la vita !

E’ vero, l’energia REIKI fluisce da sola e va dove e’ necessaria , e dopo un solo weekend ci si puo’ gia’ curare da soli e curare gli altri, ma… se una persona desidera divenire un terapeuta allora ben venga anche la nostra scuola, poiche’ non  si puo’ dare un “patentino di curatore” cosi’ a buon mercato, perche’ il lavoro con l’Energia vuole consapevolezza, occorre saper leggere i “segnali”, occorre rispettare  l’ integrita’ delle persone e la propria, occorre discernimento ed un cammino di crescita personale e spirituale, occorre studiare, conoscere cosi’ le cure saranno appropriate.

La cura e la “guarigione”, e’ bene sapere che passano inevitabilmente dalla “reazione omeopatica”! Reiki porta cioe’ all’incontro, prima con i propri blocchi energetici dovuti a problematiche fisiche o emotive del presente o del passato per poi superarle con l’energia che e’ aumentata-riequilibrandosi,

reiki quindi porta a quella consapevolezza che col tempo permettera’ il riconoscimento delle proprie capacita’ nascoste, impensabili prima, ma possibili dopo… poiche’ Reiki “porta fuori “cio’ che e’ velato, per curarlo e “guarirlo” equilibrando.

Colui che pratica Reiki nell’integrita’ risvegliera’ in se l’amore e la consapevolezza, infatti Reiki ci fa da specchio, ci invita al superamento delle nostre sensazioni limitanti di paura e di inadeguatezza per poi ricongiungerci con la parte Divina che c’e’ in noi.

Sappiate, dunque, che ogni cosa era gia’ dentro di Voi: con il Reiki stiamo solo risvegliandola !

I bambini, fino ai tre anni, sono gia’ “aperti” a questa Energia… ma, tutti i  condizionamenti che subiscono, li portano, col tempo, a “richiudersi” … pare che questo problema, in questo cambio dimensionale che sta facendo la Terra, non sussista piu’ da quando sono nati i Bambini Indaco, i bambini  Cristallo  e i bambini che definiscono “Arcobaleno.”..  tutti bambini di questa nuova era con doti e qualita’ speciali…!

L’incontro con REIKI, l’ ENERGIA UNIVERSALE non ha nessuna controindicazione ma e’ piu’ piacevole se trasmessa col cuore e con PURA INTENZIONE.

Il Guru Gurumayi, ma anche i maestri di Sat Nam Rasayan che ci hanno insegnato ad aprire lo Spazio Sacro, suggeriscono, perche’ sia piu’ efficace, di esprimere sempre un’Intenzione prima di intraprendere un lavoro, una cura o un nuovo percorso: REIKI e’ un nuovo percorso!

Aprendo lo Spazio Sacro e dichiarando cosi’ l’intenzione di guarire, anche con il Reiki, tutto il nostro essere e’ orientato verso la guarigione, ma l’aspetto piu’ importante dell’INTENZIONE e’ la capacita’ di mantenerla. Occorre allora mantenere stabile lo spazio sensibile, lasciando la mente silenziosa e avendo chiara l’intenzione. Senza aspettative, senza giudizi ma con fiducia in se stessi e nell’energia divina E’ un messaggio non solo allo spirito e alla mente ma anche ad ogni cellula del nostro corpo, specie se malata, affinche’ attivi la sua autoguarigione…

Reiki non e’ solo un cammino di cura ma, come abbiamo gia’ detto, è anche un percorso di conoscenza di se stessi ed un miglioramento nella conoscenza degli altri. Questo predisporra’ ad incontrarsi con piu’ tolleranza e comprensione. Magari il mondo non cambiera’ intorno a noi ma noi lo vedremo con altri occhi e ci daremo delle nuove opportunita’.

 

I LIVELLI DI REIKI

Nel Reiki, come in tutte le cure analogiche, siamo individui liberi che possono liberamente scegliere pur nel rispetto di tutto e di tutti.

IL REIKI DELL’Usui Shiki Ryoho e’ insegnato per mezzo di Tre livelli : Le Iniziazioni al Reiki sono un ritorno all’Armonia Cosmica all’Amore universale

«L’amore non è un bisogno, ma un traboccare… L’amore è un lusso. È abbondanza. Significa possedere così tanta vita che non sai più cosa farne, quindi la condividi. Significa avere nel cuore infinite melodie da cantare; che qualcuno ascolti o no è irrilevante. Anche se nessuno ascolta, devi comunque cantare, e danzare la tua danza.»  (Osho)

                             Reiki e’ un percorso di consapevolezza. Se in piena liberta’ di scelta vuoi farlo insieme a noi, noi siamo qui. Possiamo fare solo un pezzo di strada o l’intera strada:

1° Livello- 2° Livello- 3° Livello

Con le iniziazioni, il Maestro di Reiki riapre negli Allievi il canale interiore di cura.

Ogni iniziazione e’ una benedizione, un incontro con il proprio Se’, una cura.

Con la trasmissione di energia ha luogo una “purificazione” a tutti i livelli : la “frequenza di oscillazione” aumenta, i blocchi sono eliminati. Un nuovo sviluppo personale porta con sè altri cambiamenti. E’ come una “rinascita”.

Poggiando delicatamente le mani trasmettiamo Reiki, ci avviciniamo, ci “tocchiamo” nuovamente.

Tutto di noi si riempie di questa Luce, defluisce dalle nostre mani al nostro cuore.

Poiche’ l’AMORE possiede la piu’ alta frequanza di vibrazione, sperimentiamo un cambiamento, una trasformazione con questa frequenza piu’ alta.

L’Amore e’ Luce ! Noi siamo energia, Luce !

E poiche’ all’improvviso si fa luce dentro di noi, si rischiara anche quello che non ci andava di vedere, ma la Luce ci consente di accettarlo e trasmutarlo.

E’ davvero l’inizio di un cambiamento! Ci viene data la possibilita’ di crescere e di imparare ad amare. La cura viene da se’

.

I° LIVELLO REIKI

scuola di naturopatia 

il primo livello e’ del piano fisico : Il Corpo come tempio dello Spirito. A questo livello, i simboli canalizzano e rendono fruibile l’energia cosmica. Essi  ci aiutano nei bisogni primari: esistenza, sopravvivenza, riproduzione. Ci fanno comprendere che siamo un tutt’Uno con il Tutto.

Nel seminario di 1° livello si riceve dal Maestro le  iniziazioni per curare se stessi e gli altri con la semplice imposizione delle mani.

Le attivazioni-iniziazioni connettono stabilmente il Ki con il Rei.

L’attivazione- INIZIAZIONE viene fatta su tutti i chakra principali mettendoli in frequenza. L’iniziazione e’ connetersi con l’energia che ci attraversa, che e’ sempre presente ed e’ appropriato abbandonarsi a lei fiduciosi, tuttavia non e’ una questione di credere, e’ una questione di sentire, di percepire

Con il primo livello, il candidato, restando ad occhi chiusi, riceve le prime attivazioni o iniziazioni.

-La prima pulisce i canali energetici

- la seconda fa scorrere l’energia

- la terza riabilita le “memorie della salute” e inizia così un processo di autoguarigione fisica, emotiva e mentale

- L’ultima  “fissa” il lavoro fatto in modo che duri nel tempo.

*

                  ARGOMENTI DEL SEMINARIO di 1° LIVELLO:

- APERTURA DELLO SPAZIO SACRO

Lo “SPAZIO SACRO”  non fa parte degli insegnamenti di Reiki, ma noi lo apriamo per ogni arte di cura prima di ogni trattamento , secondo gli insegnamenti di Yogi Bhajan  poiche’e’ uno spazio che ci rende intuitivi,  protetti  e percettivi esso  “si apre” con delle MUDRA E DEI MANTRA     

QUANDO” APRIAMO LO SPAZIO SACRO” ESEGUIAMO UNA MUDRA CON LE MANI
mudra namascara spaziosacro.it

mudra namascara spaziosacro.it

la mudra namascara
CHE COS’E’ UNA MUDRA?   UNA MUDRA  E’ UN GESTO YOGICO DI  POTERE MENTRE UN MANTRA SONO PAROLE DI POTERE

L’ARTE DELLE MUDRA e una Disciplina indiana millenaria, serve per la ricerca spirituale interiore,per la concentrazione della mente e per guarirsi attraverso la riflessologia delle mani. La parola Mudra significa SIGILLO ARTE o DANZA, la sillaba “MUD” conferma che sta per ” Gioia” e ” RA” che sta per ” Suscitare”.  Le Mudra sono sigilli spirituali provenienti da Babilonia, il suo nome era ” Musarù”.

- PRESENTAZIONE DEL REIKI

- LE ONDE CEREBRALI:

onde_celebrali_reiki

onde_celebrali_reiki

i ritmi betha, alpha, theta interessano questa cura:

Il cervello del Reikista  quando tratta va in onde Alpha e theta nel secondo livello

Le ONDE ALFA hanno una frequenza che varia da 8 a 14 Hz e sono associate a uno stato di coscienza vigile, ma rilassata. La mente, calma e ricettiva, è concentrata sulla soluzione di problemi esterni, o sul raggiungimento di uno stato meditativo leggero. Le onde alfa dominano nei momenti introspettivi, o in quelli in cui più acuta è la concentrazione per raggiungere un obiettivo preciso. Sono tipiche, per esempio, dell’attività cerebrale di chi è impegnato in una seduta di meditazione, di yoga o  durante una seduta di reiki ed hanno un potere rilassante e analgesico La stato ALPHA e’ connesso ad un maggior rilassamento muscolare, ad una migliore circolazione capillare, ad una buona stimolazione dell’apparato digerente, al “superamento” di problemi psichici e ad una migliore memorizzazione

ONDE THETA

Le onde Theta sono onde lente ( 4-8 cicli per secondo) di ampiezza elevata. Sono associate agli stati di veglia in cui la focalizzazione è verso l’interno, ma anche alla spontaneità, alla spiritualità e alla creatività per quanto riguarda la parte alta della banda (6-8 Hz)

- RADIANZA ENERGETICA DELLE MANI (che verra’ approfondita alla Scuola di Reiki):

-IL FLUSSO ENERGETICO: LE SUE COMPONENTI ELETTRICHE E MAGNETICHE E LA SUA “COMPONENTE “INFORMATIVA”

- IL PURO INTENTO

- ATTIVITA’ CELLULARE SOTTILE E CHAKRA: le cellule del nostro corpo hanno anche un metabolismo sottile, che comporta due diverse attivita': a) l’attivita’ energetica vera e propria, che consiste in due meccanismi diversi: le cellule trasformano l’energia densa in eccesso in energia sottile, che poi eliminano sotto forma di energia “congesta”, le cellule trasformano l’energia sottile data dal Reiki in vitalita’ o bioenergia. Questo corpo energetico guida e controlla le cellule, i tessuti, gli organi, le funzioni di cellule, organi e tessuti. b) l’attivita’ informazionale: le cellule conservano, eseguono,accolgono e trasmettono informazioni per via sottile. Il corpo energetico e’ in grado di modificare, sotto l’influsso dell’energia Reiki, il nostro stato di coscienza. I chakra sono campi di energia sottile che provvedono ad assorbire energia sottile dall’ambiente (nel nostro caso dalle mani del reikista) per destinarla al campo energetico del ricevente, trasferiscono questa energia a cellule e tessuti, raccolgono e disperdono l’energia usata dalle cellule e dai tessuti. Essi interagiscono a livello sottile con la nostra coscienza

- I NOSTRI CENTRI ENERGETICI:  I CHAKRA

i 7 chakra principali reiki

i 7 chakra principali reiki

 

i 7 chakra principali + 2 che noi consideriamo

.

I CHAKRA  nel sistema  TANTRA YOGA- KUNDALINI YOGA I livelli di consapevolezza sono determinati dall’identificazione dell’anima con i nostri centri vitali detti anche chakra o ruote energetiche. Essi sono manifestazioni astrali della forza della vita ed essa fluisce attraverso di loro per regolare i processi interni. Questa stessa identificazione influenza i poteri di percezione e funzionalità.

Qualunque sia l’azione che il Reiki opera su di noi, i riferimenti tradizionali del TANTRA-YOGA  rimangono la chiave di lettura più organica relativa a questa disciplina.

La parola chakra significa in sanscrito cerchio o ruota ed appare per la prima volta nei testi Vedici dell’India preistorica. In essi viene rappresentato il dio Visnu mentre scende sulla terra per conservarne la vita e che detiene nelle sue quattro mani una mazza che rappresenta la vibrazione del divino che per manifestare vibra a frequenze diverse, una conchiglia come simbolo di vita-morte-rinascita di tutte le creature, il fiore di loto che è la capacità di astrazione della coscienza che riporta la mente all’assoluto anche in mezzo al costante divenire della sua manifestazione, il chakra di luce attorno al suo dito indice inteso come il punto di interazione di tutto ciò che esiste e che permette alle varie dimensioni dell’esistenza di toccarsi senza mai confondersi…. abbiamo quindi: dominio, conoscenza, purezza e illuminazione.

Gli insegnamenti induisti sono rivolti alla realizzazione dell’individuo, cioè alla sua liberazione dall’ignoranza che provoca l’esperienza del dolore e della solitudine. Per questo vengono dati gli insegnamenti sui chakra. Sul piano fisico possiamo intendere i chakra come aree di attività elettromagnetica e sono punti di conversione tra diverse dimensioni che esistono simultaneamente in noi. Il corpo quindi diventa un veicolo di coscienza. I chakra sono visti come fiori di loto inanellati in un unico stelo con un numero differente l’uno dall’altro.

Ogni petalo indica un canale di energia ed è contrassegnato da una lettera dell’alfabeto sanscrito e possiede quindi una differente vibrazione, un suono particolare del verbo creatore. La vibrazione che lo evoca è detto Bija. Ogni loto ha anche un suo colore. La luce in esso contenuta assume una forma geometrica detta yantra o forma di potenza. Parleremo dei chakra nel momento del nostro concepimento e del prana che li struttura e li conserva Il concepimento dei chakra viene preso dalla GARBHO UPANISHAD che in sanscrito significa utero.

Essa dice che quando l’energia paterna detta “bianca e beata”, si incontra al momento dell’unione,con l’energia materna detta “rossa e calda” ha luogo un’esplosione di energia. All’inizio è nell’uomo che giace l’embrione, ossia lo sperma che è l’ardore raccolto da tutte le sue membra. In verità, l’uomo porta l’ATMAN in se stesso. Quando versa il seme nella femmina, allora provoca la nascita dell’ATMAN in un altro corpo umano. Questo seme diventa una cosa sola con la donna , diventa come parte di lei ed ella fa crescere nella nuova creatura l’ATMAN dell’uomo che è penetrato in lei. Questo incontro sviluppa un nucleo formato da due energie e costituisce il cuore del nuovo bambino. L’ATMAN è il soffio Divino che permea la creatura. Si costituisce così questo “serbatoio” incredibile che viene chiamato ANAHATA CHAKRA ,il 4° chakra, quello del Cuore.

Le Energie lì accumulate dipartono da anahata formandosi una loro via luminosa detta “NADI SUSHUMNA” che stabilisce due punti terminali i quali determinano il primo dei 5 elementi costitutivi del corpo del nascituro:AKASHA, LO SPAZIO.

In Akasha e da Akasha avranno manifestazione gli altri 4 elementi: l’aria, il fuoco, l’acqua e la terra. I punti terminali che limitano akasha sono chiamati anch’essi chakra: sahasrara determinato dall’energia paterna e muladhara dall’energia materna fra loro vi sono gli altri chakra.

Come abbiamo detto, I primi 5 chakra generano  gli elementi: -muladhara genera la terra -svadisthana genera l’acqua -manipura il fuoco – anahata l’aria -visuddha l’etere -ajna genera la mente (manas)

Tutto questo sistema di nadi e chakra è conservato in maniera ottimale da un’energia chiamata PRANA la cui radice “ana” significa l’energia della vita. Il Prana è la forza divina che dona la vita a questa creazione nata dagli elementi che altrimenti sarebbero inerti

Il Reiki aiuta ad aumentare questo prana e a riequilibrare fra loro i vari chakra.

Nell’uomo, secondo questa filosofia , albergano 7 sentimenti: – accettazione -indignazione-giustizia:il senso del dharma del dovere -il sentimento della pace, della condivisione -l’accettazione del proprio karma o dignità -il sentimento della verità -il sentimento della compassione -il sentimento dell’evoluzione

Essi, mano a mano che procediamo nel cammino dei chakra si fanno più densi ed è difficile cambiare un sentimento da soli, occorre un aiuto.  Il Reiki puo’ farlo.

I chakra sono l’espressione degli elementi dentro di noi, è il nostro modo di esprimere i livelli di essi nella nostra vita. Livelli di consapevolezza detti anche Locayana o livelli di energia o modi di guardare il mondo. I suoni dei chakra sono le cinquanta lettere dell’alfabeto sanscrito e sono la musica delle sfere celesti.

L’anima possiamo leggerla come esperienza dei chakra ed ognuno di essi ci offre una via di evoluzione. Vi sono chakra superiori e chakra inferiori precedenti alla coscienza e sono chiamati anche inferni o TALA, essi sono piani di caduta in cui possiamo “inceppare” nel nostro cammino di crescita.

E’ bene conoscere il sistema dei chakra poichè ci serve quando abbiamo bisogno di curare L’ANIMA che e’ in evoluzione. L’Anima “si legge” nelle nadi e nei chakra. Siamo un tutt’uno olistico quindi dai chakra possiamo curare anche il corpo fisico. E’ bene dire che i chakra piu’ importanti sono 14, ma noi parleremo solo di 9.

Essi hanno tanti altri “compiti” interagendo con la nostra coscienza… Parleremo di essi nella loro interazione “psicologica” (secondo gli insegnamenti di H. Wessbecher) e parleremo dei “loro legami” nel corpo fisico

I chakra sono i nostri portali energetico- spirituali , agiscono dal piano sottile astrale dell’uomo e dirigono le energie del nostro corpo emozionale per poi agire sul corpo fisico. L’attivita’ di questi centri energetici spirituali ci forniscono informazioni su come una persona trasforma le energie della propria Aura centrale esprimendo la propria essenza, oppure indica in quale settore dell’esistenza fluiscono le sue energie innate e dove sono bloccate. Ci aiutano attraverso questa conoscenza,nel trattamento della cura.

Il 1° CHAKRA descrive l’energia di base per tutta la nostra vita. L’energia della radice corrisponde alla forza della motivazione, della nostra voglia incondizionata di fare, vivere o capire qualcosa. Questo principio energetico ci fa sentire quali visioni e aspirazioni portiamo dentro di noi e ci da’ inoltre la forza della motivazione per poterle esprimere. La mancanza di motivazione si manifesta come mancanza di vitalita’, si tende ad ammalarsi spesso o ad avere bisogno di molto tempo per ristabilirsi dopo una malattia. Le energie non fluiscono in modo uniforme, si formano ristagni energetici e intolleranze di vario genere. A livello fisico il primo chakra e’ collegato energeticamente all’apparato locomotore, agli organi sessuali maschili e femminili:testicoli e ovaie. Attiva e controlla tutti i tessuti: la pelle, il tessuto osseo, il tessuto muscolare, il connettivo, la colonna vertebrale e in parte il sangue Il perineo anteriore, suo chakra secondario, attiva e controlla:l’utero e la prostata, la vescica e gli sfinteri vescicali, l’uretra Il perineo posteriore attiva e controlla il retto, l’ano, la vena emorroidale

Il 2° CHAKRA: il secondo principio energetico essenziale di cui ci serviamo per esprimere la nostra intenzione di vita e’ l’energia sessuale. Si puo’ descriverla come un’energia integrativa che ci indica quali altre energie sono corrette per noi e come possiamo integrarle per crescere ed evolverci ulteriormente;questa ricerca si estende in particolare modo alla sfera dei rapporti interpersonali. Chi vive queste energie e’ un po’ come un bambino: curioso, spontaneo , flessibile alla ricerca di cose nuove che lo affascinino. Rifiuta le regole, la routine e gli piace sperimentare. Chi vive la propria energia integrativa esercita un grande fascino sugli altri. Al contrario, chi non e’ in contatto con questa energia tende ad isolarsi, non e’ vicino ai desideri di conoscere e interagire con persone o situazioni nuove. A livello fisico il secondo chakra e’ collegato, ai reni,alle ghiandole surrenali, al campo ordinatore dei mitocondri delle cellule che hanno la funzione di produrre l’ATP, cioe’ la molecola utilizzata dalla cellula per produrre energia. Tra il 2° ed il 3° chakra vi e’ il chakra ombelicale che attiva e controlla l’intestino tenue e l’intestino crasso

IL 3° CHAKRA: Il terzo principio energetico, il plesso solare o l’energia della personalita’ e’ importantissimo poiche’ ci aiuta a percepirci come diversi dal nostro ambiente e ci conferisce l’autocoscienza. Ci indica quali sono le energie che e’ bene portare all’interno per vivere le nostre aspirazioni e da quali e’ bene difenderci o quali portare all’interno di noi per realizzare le nostre aspirazioni. Se una persona non vive l’energia del plesso solare si allontana dalla propria essenza, e’ facilmente manipolabile, si accolla sensi di colpa e reagisce spesso con insicurezza dato che non ha un proprio punto di vista. E’ priva di autococienza e di autostima. A livello fisico il terzo chakra e’ legato energeticamente agli organi della digestione e alla ghiandola del pancreas, agli organi della respirazione: polmoni bronchi, diaframma

IL 4° CHAKRA: il quarto principio energetico e’ legato all’energia del cuore e ci stimola a gettare un ponte fra noi ed il resto della realta’. Esso genera una sensazione di unione e di fiducia.In esso sentiamo che tutto cio’ che esiste non ha solo il diritto di essere cosi’ com’e’, ma che tutto cio’ che si presenta nella nostra vita e’ parte di noi, ci fa da specchio. L’energia del cuore ci fa amare gli esseri umani, gli individui Alberi e Cristalli e gli animali per quello che sono e non per quello che fanno .L’energia del cuore rilassa e rende amorevoli. Se essa non e’ attiva si tende all’intolleranza, si cercano le debolezze degli altri, li si vuole controllare…perche’ si scambia per amore il proprio desiderio-bisogno di fare qualcosa per gli altri, avendo aspettative ed esigenze che sono solo nostre. A livello fisico il quarto chakra si divide in: -cardiaco anteriore (anatomicamente all’altezza dello sterno) specializzato per la circolazione del sangue che attiva e controlla il cuore, la circolazione arteriosa e venosa, i capillari. Il suo “chackra rubinetto” e’ al centro del palmo della mano. -cardiaco posteriore, in posizione opposta al cardiaco anteriore ha la funzione di controllo di parte del sistema immunitario, attiva e controlla la ghiandola del Timo, la produzione di linfociti T , il campo ordinatore dei mitocondri, il seno.

IL 5° CHAKRA: energeticamente ha a che fare con la conoscenza e l’espressione di Se’. Questa energia ci fa sentire chi siamo e ci esorta ad esprimerci. Se si realizza questo principio , la persona sente le proprie aspirazioni, inclinazioni, talenti e opinioni sulle cose e le dice, le mostra e le ama. Ella agisce con totale naturalezza ed e’ tollerante nei confronti degli altri, anche di quelli che non la pensano come lei. Ella soddisfa le aspettative altrui solo se cio’ corrisponde al suo desiderio e voglia di farlo, col cuore. La persona prende qui contatto con il suo nucleo e attiva l’esigenza di una crescita verticale. Ha gia’ sentore del suo Se’ divino e cerca un cammino spirituale piu’ profondo. A livello fisico il quinto chakra attiva e controlla la ghiandola tiroide, le ghiandole paratiroidi, e i suoi sotto-chakra: il chakra giugulare che oltre alla giugulare controlla e attiva la trachea e le corde vocali, il chakra dei masseteri che attiva e controlla le gengive, i denti, e gli altri organi della bocca e altri della fonazione.

IL 6°CHAKRA: energeticamente ha a che fare con l’armonizzazione tra il principio maschile e quello femminile che ci riguarda ed ha a che fare con la percezione. E’ l’espressione globale del nostro nucleo, il riconoscimento dei nostri talenti. Questa energia ha molta influenza sul modo con cui ci esprimiamo nella vita, ma anche sul modo il cui la percepiamo globalmente. Provvede all’armonia delle qualita’ maschili e femminili nella nostra coscienza, nel nostro corpo e nella nostra vita. Le qualita’ femminili che sviluppera’ sono: la delicatezza, la fluidita’, l’intuito, il radicamento nel presente, la disponibilita’ a lasciar andare,l’impulsivita’ e la capacita’ dell’accoglienza e del nutrimento.

Gli attributi maschili che sviluppera’ sono: la risolutezza, la capacita’ di analisi, l’oggettivita’, la logica, la programmazione, il legame col tempo che ha a che fare con l’armonica fusione tra passato presente e futuro per AIUTARCI A VIVERE La persona che armonizza queste sue due parti sara’ sempre al posto giusto nel momento giusto e sapra’ prendere la giusta decisione per ogni situazione semplicemente attivando la qualita’ che in quel momento le pare piu’ appropriata. Sapra’ evolvere spiritualmente con gioia e tenacia. Se siamo duri e determinati non possiamo seguire e sfruttare tutti i nostri talenti e le nostre potenzialita’.Ignoriamo la nostra intuizione e la nostra spontaneita’. Se al contrario, continuiamo ad andare avanti senza programmi, sempre in attesa dell’intuizione successiva, non riusciremo a portare avanti intenzioni e progetti importanti per noi e per gli altri. La nostra percezione si blocca. NELL’ADESSO.

Al contrario, dal libero fluire di questa energia si realizzano le facolta’ del “terzo occhio”, la nostra grande visione delle cose che va ben oltre la facolta’ dei nostri sensi fisici. Questo chakra, AJNA chakra, e’ posto tra le due sopraciglia, al centro e controlla i neuroni, gli occhi, l’ipofisi, l’ipotalamo, lo stato di coscienza betha e il suo chakra inferiore frontale. L’ipofisi detta anche ghiandola pituitaria e’ endocrina. La sua parte anteriore detta adenoipofisi produce ormoni destinati a attivare o inibire altre ghiandole endocrine e secerne: -l’ormone della crescita -gli ormoni follicolostimolanti o luteinizzanti con funzioni riproduttive -l’ormone tireotropo che controlla la tiroide -l’ormone adenocorticotropo che controlla la corteccia surrenale la prolattina che stimola la produzione di latte nelle mamme La parte posteriore dell’ipofisi detta neuroipofisi, stimola la produzione di latte, le contrazioni dell’utero e produce un ormone la vasopressina che agisce come antidiuretico e che contrae i vasi.

Controlla il chakra FRONTALE (suo sotto-chakra) che e’ situato al centro della fronte che controlla: -le cellule del cervello dette astrociti -la ghiandola endocrina epifisi che e’ responsabile della produzione di melatonina -lo stato di coscienza ALPHA Attivando il chakra frontale si stimola la microcircolazione cerebrale. La stimolazione dell’epifisi migliora la qualita’ del sonno e la sua profondita’ La stato ALPHA e’ connesso ad un maggior rilassamento muscolare, ad una migliore circolazione capillare, ad una buona stimolazione dell’apparato digerente, al “superamento” di problemi psichici e ad una migliore memorizzazione  E’ importante per i Reikisti.

IL 7° CHAKRA: e’ l’energia che rappresenta l’unione con la nostra origine Spirituale. Va intesa come il principio che ci aiuta a “rendere sacra” la nostra vita, che offre fiducia nelle nuove ispirazioni e nei nostri talenti, nella nostra intenzione di vita e nella guida della nostra Anima. Ci offre la fiducia che nella vita tutto ha un senso e che le cose andranno bene malgrado tutto. Chi vive questo principio viene notato per la sua calma ed il suo equilibrio, la sua sola presenza ha un effetto terapeutico sugli altri e EGLI fa si’ che le cose non sembrino cosi’ difficili poiche’ infonde agli altri LA SUA CONTAGIOSA FIDUCIA E SICUREZZA.

I canali dell’intuizione si aprono, ancora maggiormente che nel 6° chakra. Il contatto con il proprio Se’ Divino si realizza. Chi non vive questa energia della corona, diventa insicuro, tormentato dai dubbi e, per compensazione va in cerca di sicurezze esteriori…si sente vittima delle circostanze, non e’ responsabilizzato e ha paura dei fallimenti e delle perdite, specie quelle materiali…egli e’ ben lontano dal contatto con il suo Se’ superiore Un’altra faccia della medaglia puo’ essere quella delle persone con forti disturbi psichici, magari dalla nascita…una questione karmica: hanno visto la “LUCE DIVINA” ma non sono riusciti a sostenerla…e cosi’ rimandano “la prova”.

Questo chakra e’ diviso in coronale centrale, anteriore e posteriore. Il coronale centrale attiva e controlla le funzioni dei tre cervelli: Il MIDOLLO ALLUNGATO o cervello rettiliano responsabile della respirazione, dell’escrezione, della circolazione sanguigna, della temperatura corporea e di altre funzioni organiche Il SISTEMA LIMBICO che si considera sede delle emozioni data la sua grande concentrazione di neuropeptidi e’ formato dall’AMIGDALA che se stimolata puo’ produrre grandi gamme di espressioni emotive, specialmente la paura e che genera le relative modificazioni corporee.

corteccia cerebrale

corteccia cerebrale

LA CORTECCIA CEREBRALE nel lobo anteriore, che e’ la sede della razionalita’ il coronale anteriore controlla le cellule mieliniche del cervello e una componente importante del sistema immunitario e lo stato THETA L’onda cerebrale theta e’ molto attiva nei bambini , negli adulti tende a spegnersi. Si riattiva, in parte con la meditazione, con l’ipnosi, nelle trance, e in alcuni trattamenti del 2° livello di REIKI E’ il responsabile dei fenomeni di telepatia, di visualizzazione profonda detta anche “visione”.

-LA FINE DEI CHAKRA SIGILLATI: finisce la tecnica e incomincia la percezione, la creativita’, la connessione, l’unione  il tutto -

L’APERTURA DELLO SPAZIO SENSIBILE

- FASE ESPERIENZIALE   - Verra’ indetto, in un secondo tempo, un seminario di “aggiornamento” che chiamiamo IL “PERCORSO DI PERCEZIONE VERSO LA GUARIGIONE”

1
TRATTAMENTO DI BASE DEL 1° LIVELLO REIKI

Al primo livello, vengono dapprima insegnati i trattamenti di base che sono potenti ed efficaci ma il secondo step sara’ quello di affrancare la persona da percorsi rigidi e trovare cosi’ la personale creativita’, il personale sentire, l’apprendere a percepire per lasciarsi  guidare solo dalla propria sensibilita’ percettivita’ e il proprio Se’ superiore legato alla “SORGENTE” ecco perche’ abbiamo scritto: dalle origini al multiverso: INCONTRARE IL TUTTO al di fuori del tempo e dello spazio infatti Il metodo di Usui differiva in modo notevole dal Reiki praticato oggi, in quanto era concepito come un cammino spirituale completo e includeva quindi, oltre alle modalità per trasmettere l’energia, tecniche di meditazione ed altri insegnamenti. Era in larga parte basato sull’intuito, che gli allievi sviluppavano praticandolo nella scuola di Reiki durante un lungo arco di tempo.

Usui diede incarico a un suo allievo, Chujiro Hayashi, di aprire una Clinica Reiki per studiare in modo più approfondito l’efficacia terapeutica del Reiki e migliorare eventualmente la tecnica. Hayashi si dedicò completamente a questo compito, pur rimanendo in contatto costante con Usui.

Dopo la morte di questi, Hayashi fondò una sua scuola che integrava l’esperienza acquisita nella clinica: egli eliminò tutto ciò che non era strettamente inerente alla “tecnica” ed introdusse i trattamenti e le posizioni standard, usate ancora oggi, che rendono possibile praticare Reiki con profitto anche a chi non ha sviluppato un grande intuito. Prese così forma una disciplina che per la sua semplicità e per l’assenza di contenuti filosofici e dogmatici ha potuto affermarsi in tutto il mondo venendo praticata quotidianamente da milioni di persone di ogni credo, razza e religione.

Ora e’ tempo di ritornare con integrita’ all’intuito, alla percezione allo stato meditativo profondo di grande connesssione con il divino se’   trattamenti di base – trattamento di energizzazione o tonificazione dei chakra ed il loro riequilibrio – per se stessi e per gli altri – autotrattamento veloce – autotrattamento “lungo” – trattamento “lungo” sugli altri – trattamento nei casi di emergenza – anti-dolore – trattamento sulle piante, animali ,cristalli, cibo-acqua Tuttavia e’ bene comprendere che l’Energia va dove vi e’ bisogno , cosi’, ovunque porrai le mani, non dovrai preoccuparti di sbagliare. Questa paura fa rimanere nell’ego.

Potrai continuare gli insegnamenti e gli scambi una volta al mese, per il tempo che vorrai senza alcun obbligo, presso la nostra Scuola di Reiki offerta come Dono ai nostri allievi. Potrai incontrare compagni di strada che ti sosterranno nel tuo cammino.

-LE INIZIAZIONI che nella nostra scuola SONO sempre PERSONALI.

- CHIUSURA DELLO SPAZIO SACRO

– CONSEGNA DEGLI ATTESTATI  

 

 

*

II° LIVELLO REIKI

reiki5

Il 2° LIVELLO e’ il livello del Pensiero e del Piano Mentale. E’ il piano della consapevolezza e della creativita’. E’ conoscenza profonda.

L’armonizzazione-iniziazione del secondo livello scioglie le difese caratteriali dell’IO e i blocchi della personalita’.

Crea ordine e consapevolezza e aiuta a connettersi con la dimensione Spirituale.

E’ un salto di qualita’ per la crescita personale, la riscoperta dei propri talenti.

E’ un gradino verso una nuova consapevolezza: il mondo non cambiera’ intorno a voi, ma voi lo vedrete con altri occhi ed altro cuore. E’ il primo approccio verso il Vivere nel “qui ed ora” per vivere lo stato meditativo nel quotidiano.

Usufruire della mente neutra che non giudica ma e’ compassionevole. Magari il mondo non cambiera’ intorno a voi, ma voi vi concederete altre possibilita’ mano a mano che diverrete piu’ consapevoli.

Vorremmo quindi pregarvi di accedere a questo 2° livello di Reiki come ad uno strumento per mantenervi consapevoli.

ARGOMENTI DEL SEMINARIO:

APERTURA DELLO SPAZIO SACRO

APERTURA DELLO SPAZIO SENSIBILE

LA PERCEZIONE

- Verra’ indetto, in un secondo tempo, un seminario di “aggiornamento”

che chiameremo  IL “PERCORSO DI PERCEZIONE VERSO LA GUARIGIONE”

Al primo livello, vengono dapprima insegnati i trattamenti di base che sono potenti ed efficaci, al secondo come usufruire anche dei Simboli sacri ma il terzo step sara’ quello di affrancare la persona da percorsi rigidi e trovare cosi’ la personale creativita’, il personale sentire, l’apprendere a percepire per lasciarsi  guidare solo dalla propria sensibilita’, percettivita’ che ci mettera’ in contatto con il proprio Se’ superiore legato alla “SORGENTE” ecco perche’ abbiamo scritto: dalle origini al multiverso: INCONTRARE IL TUTTO fuori dal tempo e dallo spazio infatti  come abbiamo gia’ detto sopra, Il metodo di Usui differiva in modo notevole dal Reiki praticato oggi, in quanto era concepito come un cammino spirituale completo e includeva quindi, oltre alle modalità per trasmettere l’energia, tecniche di meditazione ed altri insegnamenti. Era in larga parte basato sull’intuito, che gli allievi sviluppavano praticandolo nella scuola di Reiki durante un lungo arco di tempo.

Usui  si dice diede incarico a un suo allievo, Chujiro Hayashi, di aprire una Clinica Reiki per studiare in modo più approfondito l’efficacia terapeutica del Reiki e migliorare eventualmente la tecnica. Hayashi si dedicò completamente a questo compito, pur rimanendo in contatto costante con Usui. Dopo la morte di questi, Hayashi fondò una sua scuola che integrava l’esperienza acquisita nella clinica: egli eliminò tutto ciò che non era strettamente inerente alla “tecnica” ed introdusse i trattamenti e le posizioni standard, usate ancora oggi, che rendono possibile praticare Reiki con profitto anche a chi non ha sviluppato un grande intuito.

Prese così forma una disciplina che per la sua semplicità e per l’assenza di contenuti filosofici e dogmatici ha potuto affermarsi in tutto il mondo venendo praticata quotidianamente da milioni di persone di ogni credo, razza e religione. Ora e’ tempo di ritornare con integrita’ all’intuito, alla percezione allo stato meditativo profondo di grande connesssione con il divino se’

- LA MENTE NEUTRA, MEDITATIVA

non siete qui alla ricerca di una maggiore informazione, che comunque vi verrà passata,ma per divenire piu’ consapevoli. L’informazione è un oggetto esterno totalmente consumabile da tutti ; la consapevolezza invece è personale, immediata, non lascia depositi, è un’esperienza diretta interiorizzata. E’ la vostra nuova esperienza! E’ importante mantenere stabile l’esperienza Nel secondo Livello siete qui per “essere accompagnati” verso l’arte della percezione. Cercare l’esperienza della percezione stimola la capacità meditativa di apprendere ed imparare; infatti non siete  della consapevolezza. Essa è un particolare aspetto della mente meditativa. La mente meditativa è la mente neutra che osserva la mente positiva che trova soluzioni, la mente negativa che giudica e poi decide per la via di mezzo. La mente meditativa è lo stato naturale della mente consapevole : siamo nati in questo stato naturale e ce ne siamo dimenticati. Con questo secondo livello l’Energia Universale vuole farvi riassaporare l’antico piacere di recuperare la vostra dimensione meditativa. Questo succederà quando: – riuscirete a mantenere uno stato di meditazione stabile – riuscirete a mantenere una relazione stabile con l’evento, che per voi sarà quello di curarvi e di curare… (meglio se avrete almeno una piccola conoscenza del vostro e dell’altrui corpo anatomico) – riuscirete a mantenere stabile l’intenzione della cura per “la guarigione”. Lo stato meditativo è in definitiva uno stato di contemplazione, è uno stato non reattivo ; se reagisco sto ancora nella mente dualista, non naturale; mentre lo stato meditativo è assolutamente percettivo e senza resistenze.

ci facciamo aiutare dalla consapevolezza del SAT NAM RASAYAN

- LE  SENSAZIONI E LE RESISTENZE NEL CURATORE e NEL RICEVENTE

Una resistenza è una sensazione di limitazione, una forma di concentrazione che vi impedisce di percepire chiaramente lo spazio sensibile. E’ quella dimensione nella quale accadono i nostri sentimenti e le nostre sensazioni. E’ semplicemente un sentire. Le resistenze nello spazio sensibile riflettono i vostri condizionamenti. Ogni volta che un curatore fa una supposizione cioè “da’ una opinione o crea una credenza”, genera una resistenza. Le resistenze sono contrazioni, sensazioni che egli non riesce a permettere. La stessa cosa puo’ succedere al ricevente Descrivere una resistenza è complicato ma sentirla è semplice poiché tutti ne siamo pieni. Per percepire una resistenza è sufficiente chiudere gli occhi e sentire quello che sentite in questo istante. Presto o tardi sarete invasi da pensieri che oscureranno la vostra sensibilità. Questa è una resistenza. Vi sono anche resistenze dovute a contrazioni fisiche, cioè dolori fisici che impediscono di sentire qualsiasi altra cosa vi sia nel vostro spazio sensibile. Vi è poi un’altra resistenza, chiamata “resistenza vuota”. Essa è tipica dei curatori che sentono di non sentire nulla e percepiscono ciò come una limitazione.Anche il non sentire nulla è una sensazione. Questo puo’ momentaneamente succedere anche al ricevente.  Non e’ l’energia a non fluire e’ la sua sensibilita’ ad essere momentaneamente bloccata da “ingorghi” energetici e psicologici. Che fare di queste resistenze ? Permetterne le sensazioni, ed esse se ne andranno da sole e lasceranno il posto ad un ampio spettro di nuove sensazioni. Dovremo aiutare anche il ricevente a realizzare questo stato offrendogli spiegazioni semplici e corrette e delicate rassicurazioni. Lo Spazio Sensibile è quella dimensione nella quale accadono i nostri sentimenti e le nostre sensazioni. E’ semplicemente un sentire, è cioè il nostro universo sensibile.

Lo spazio sensibile è neutro e non esclude nessuna sensazione, pur spiacevole o strana che sembri. Qualsiasi cosa può esservi inclusa purchè sia sentita. Permettere è abbandonare ogni controllo (esempio : se sento una pressione alla gola, ne faccio esperienza, senza prendere appunti mentali in proposito).

Anche nel Reiki, come in altre arti di cura è importante la capacità di sentire, cioè di aprire lo spazio sensibile e permettere un’esperienza. Nella totalità di sensazioni che proviamo riusciremo così a metterci in relazione con l’evento del curare, con la persona che stiamo curando, ella con l’energia e la sua essenza, e per entrambi con il luogo della cura, con la musica che vi si suona etc… Le conseguenze sono addirittura rivoluzionarie : non solo diremo che le sensazioni non sono soggettive ed isolate, ma che esse sono elementi di comunicazione e trasformazione. Ci troveremo così improvvisamente nel mondo della sensibilità e scopriremo che l’INTUIZIONE  e la capacita’ terapeutica sono aumentate notevolmente Nello Spazio Sacro il curatore si mette in relazione con la realtà in modo neutro, così la coscienza non giudica e l’esperienza è pura. (dal libro di Guru Dev, nostro Maestro di Sat Nam Rasayan) .

IL SECONDO LIVELLO RISVEGLIA  IN NOI LA CREATIVITA’ E  PUO’ SVELARE  DONI-TALENTI

(scritto da Emanuel Celano):

- E’ possibile raggiungere lo stato di beatitudine su questa Terra ?

- Esiste davvero il libero arbitrio e la libertà di scelta ?

- I “Doni del Divino” arrivano a noi o li dobbiamo cercare ?

Osho ha scritto molti testi su questi temi, così importanti per la nostra crescita spirituale. Desidero leggervi alcuni passaggi e commentarli….e non solo i suoi…… Mi rivolgo al vostro cuore, poiché la mente reagisce mentre il vostro cuore risponde . Gregg Braden ha visto che molti studiosi e molti scienziati sorprendentemente hanno presupposto che l’atomo in realtà non ha un nucleo ma è composto esclusivamente da energia elettrica e magnetica. Quindi se vogliamo cambiare l’atomo dobbiamo lavorare su questi due tipi di energia.

A differenza di quello che credevamo, l’organo maestro del nostro corpo, il solo che può cambiare i nostri atomi, non è il cervello ma il cuore. Infatti, l’organo con il più forte campo elettrico e magnetico è il cuore. Confrontando il cuore e il cervello si misura che il cuore ha un campo elettrico 100 volte maggiore e un campo magnetico 5000 volte maggiore. Da questo si evince che se vogliamo realizzare la “cosiddetta guarigione”, occorre che vi sia coerenza tra cuore e cervello e la coerenza è data dall’amore con cui si invia l’intento, intento che va a modificare ed equilibrare l’energia elettrica e magnetica. La scienza ha già validato l’influenza del cuore umano sulla materia.

La scienza conferma che esiste un linguaggio del cuore.   Ma per provare amore occorre gratitudine. La forza più grande del nostro cuore si chiama, infatti, GRATITUDINE ; quella gratitudine che nasce dalla consapevolezza di aver ricevuto il dono della vita.Essere grati per il solo fatto di esistere.Vi era un tempo in cui i cuori degli uomini cantavano ed erano colmi di gratitudine. L’uomo era in equilibrio e non aveva bisogno di terapie perché era sano essendovi coerenza tra cuore e cervello.Essere alla presenza di un Buddha o di un Cristo era già guarigione.

L’Integrità di questi esseri di Luce era contagiosa.. Se le malattie possono essere contagiose anche la salute è contagiosa. L’uomo ha perduto la sua integrità e quello che essa generava come stato di beatitudine. Ha “dimenticato quell’assaggio di fiducia” condiviso dai Buddha, quel sapore della fiducia sufficiente a trasmutare la sua vita.. Occorre quindi interrogarsi sulla responsabilità o meno di questa “caduta”. Per i filosofi del passato l’uomo ha un fato, un destino. Diventa un’entità prefissata. Tutto è già stato scritto. Il fatto che tu non ne sia consapevole è un’altra questione. Questa è la posizione dei deterministi e dei fatalisti.

Rispetto alla trasformazione dell’uomo e al suo “distacco” dalla Luce, dalla beatitudine, non si può fare nulla. Tutto accadrà come dovrà accadere … e se non si può fare nulla si comincia ad accettare tutto :  schiavitù, povertà, brutture .. In una visione totalmente differente, sposata anche dal maestro Osho, l’uomo è l’unico essere sulla Terra a possedere la libertà. Gli animali e le piante nascono e muoiono seguendo ciò che la loro natura suggerisce.L’uomo invece non solo è libero ma è la libertà stessa. Se neghi la libertà all’uomo hai negato il suo tesoro più prezioso. Una volta compreso questo, ovvero che l’uomo nasce in quanto libertà, si comprende bene che tutte le dimensioni sono disponibili e che dipende solo da lui cosa diventare o cosa non diventare.La vita diventa un’avventura e l’uomo la crea ogni attimo. In ogni istante ci stiamo creando.. Su questo punto anche la Fisica Quantistica ci viene in aiuto.

Ogni essere quantico può agire “provocando la sincronicità” o “subendo la sincronicità”. Se agiamo provocando la sincronicità non si parlerà più di caso e di coincidenze ma di strategie creative per favorire lo sviluppo cosmico. Se agiamo subendo la sincronicità non faremo altro che confermare le nostre false credenze, attribuire le responsabilità al di fuori di noi e attendere che l’universo provochi nella nostra vita tutte quelle prove ed effetti sincronici che ripristineranno la nostra intenzione iniziale, di anime che si incarnano per evolvere.

Ma se siamo liberi sorge una grande paura. La libertà di scegliere fa paura perché la responsabilità ricade interamente su di noi. Parliamo di responsabilità e non di colpa. A causa di questa paura le persone assumono posizioni deterministiche. Per questo i maestri ci hanno insegnato a non evitare le responsabilità. Nell’istante in cui crei te stesso nasce una grande gioia e quando ti sei completato nel modo in cui volevi, l’appagamento è immenso.

Si ha la sensazione di aver partecipato al Tutto.

La CREATIVITA’ è ciò che ci permette di partecipare al TUTTO ! . La creatività ci permette di innalzare la nostra consapevolezza. Cresci in consapevolezza e cresci in libertà ! I Maestri ci possono insegnare ad essere liberi ma poi ci lasciano necessariamente a noi stessi. Siamo noi a decidere di fare di ogni nostro passo una nostra scelta. In sintesi : “crea te stesso e assumitene l’intera responsabilità” !

Mentre creiamo noi stessi saremo unici e ce ne accorgiamo dal fatto che ad ogni individuo appaiono e accadono cose diverse ma arrivando alla meta sulla montagna saremo uniti, saremo UNO, e potremo, tutti insieme osservare la stessa esistenza ! A questo punto potremmo chiederci come innalziamo la nostra consapevolezza ?Abbiamo visto come la consapevolezza sia legata alla libertà.Vediamo ora come la liberà e la solitudine siano due aspetti della stessa medaglia e comprenderemo come la consapevolezza significa esistere con gioia nella solitudine, solitudine intesa come felicità nel sentirsi completi da soli. Questo passaggio è molto delicato e si potrebbe prestare a diversi fraintendimenti.

La parola di Gesù ci aiuta a comprendere.Gesù a detto : “Beato il solitario e l’eletto, perché egli troverà il Regno. E poiché viene da esso vi farà ritorno”. Una persona quindi che non ha bisogno di sentirsi dire “sei importante”.La sua importanza risiede dentro di lei, non viene dagli altri. Non la mendica. Il suo significato nasce dal suo stesso essere. Il solitario è colui che non ha più bisogno di essere necessario, che non chiede alcun significato dagli altri, dalle loro risposte. Se dai il tuo amore sarà riconoscente, se non lo dai non si lamenterà e sarà felice comunque.

Un solitario ha imparato a vivere ed essere felice da solo, quella solitudine che dichiara una grande libertà, quella di non aver bisogno di appartenere ad altri. Cosa ha scelto il solitario ? Solo il suo essere. E quando scegli il tuo essere hai scelto l’Essere di tutto l’universo, perché il tuo essere e quello dell’universo non sono due cose diverse.

Quando scegli te stesso hai scelto il Divino, e quando hai scelto il Divino il Divino ha scelto te : sei diventato l’eletto. Un solitario non è paragonabile ad una linea, al contrario di chi vive senza consapevolezza. Per quest’ultimo, l’inizio e la fine non si incontrano mai.Il solitario è come un cerchio, il suo inizio e la sua fine coincidono. Ecco perché Gesù dice “ … e poiché viene da esso, vi farà ritorno”. Diventerai una cosa sola con la sorgente e ti sarai trasformato in un cerchio. Ed è in questo cerchio che l’uomo ri-trova i suoi Doni. Arrivano a lui come se gli fossero appartenuti da sempre.Il Buddha ripeteva spesso : “la funzione del Maestro è aiutarti a ricordare chi sei”.

Ti sei dimenticato dei tuoi Doni, hai dimenticato che nel tuo interno si nasconde il Divino.Per ricevere i Doni, i Talenti vanno considerate tre cose  e mi trovo d’accordo con Osho. Il primo elemento è avere una mente che indaga e non una mente che crede. La preparazione fondamentale è avere una mente esploratrice, e  l’indagine non dovrebbe essere volta ad una risposta ma ad un’esperienza. Chiunque può darti una risposta, mentre nessuno può darti l’esperienza.

La gente è pronta a ricevere delle risposte dagli altri, dai libri, dai Guru ma pochi vogliono conoscere veramente il proprio essere e realizzare così i proprio Doni. Il secondo elemento che va considerato per predisporsi alla ricezione dei Doni e dei Talenti è comprendere che la verità non può essere scoperta abbandonando ciò che si ha, ma scomparendo rispetto a ciò che si è. La domanda quindi è : “sei disposto a lasciarti andare ?” L’essere disponibili a dare se stessi è sufficiente. Una volta che ti sei mostrato disponibile, i Doni iniziano ad arrivare a te. Il terzo elemento è quello più difficile, occorre una pazienza infinita. Capacità di attendere. .

Il terzo elemento è quello più difficile, occorre una pazienza infinita. Capacità di attendere.  Non che non si possano ricevere istantaneamente i Doni, è possibile. Occorre tuttavia essere in uno stato in cui non esista domanda, dove si dica : “Sia tutto ciò che deve essere, per me va bene lo stesso. Sono disposto ad aspettare.”

La cosa più difficile da accettare in questa attesa è che la crescita spirituale non si ottiene un pezzo per volta, un centimetro oggi, due domani, così da poter dire tra un mese riceverò questo dono e questo talento. I doni arrivano a noi istantaneamente o non si ricevono affatto. Ecco perché non ha senso fare dei paragoni tra noi e gli altri in un cammino spirituale. Non ha senso dire quella persona ha lavorato per anni e si merita di ricevere doni e talenti.

Ecco perché molte volte la nostra mente si pone la domanda : “forse sto aspettando inutilmente ?”, “Forse è già troppo tardi, ho già perso tanto tempo in modo inconsapevole” e tante altre domande simili … . L’illuminazione non è quindi qualcosa che nasce dall’esterno ma qualcosa che nasce dentro di noi. Il solitario non è quindi separato. L’intera esistenza è un’unità organica. L’idea della separazione esiste a causa del nostro oblio. La stessa vita ci attraversa tutti, lo stesso amore riempie ogni cuore, la stessa gioia danza in ogni essere.

Pensiamo di essere separati solo a causa della nostra inconsapevolezza. Dipenda da noi quanto riusciamo a riversare nell’esistenza e riceveremo indietro la stessa quantità. Ecco perché le persone creative conoscono più bellezza, più amore, più gioia. Proprio perché le persone creative riversano qualcosa nell’esistenza, l’esistenza risponde loro … e risponde con generosità.Siate creativi, riversate negli altri la vostra luce !Quando avremo acquisito la capacità di vedere lo spirito riusciremo a vedere che la materia è scomparsa. Non si possono vedere contemporaneamente.Tutto ciò che esiste è la consapevolezza. Abitiamo il pianeta della libera scelta.

La Dualità è quella parte di noi che mette in dubbio ogni cosa, ed in particolare le cose Spirituali. La Dualità divide ogni cosa. La Dualità ci permette di dire che una cosa è reale o meno, oppure di dire, solo forse è reale.Amore-Odio, Bene-Male, Saggezza-Follia sono solo alcune delle infinite manifestazioni della dualità.Superare la dualità significa vibrare sulla frequenza della nostra vera essenza. Essere anziché scegliere. Alla luce di quanto abbiamo letto potremmo chiederci quale sia la paura primaria di ogni essere umano. La risposta è che, la paura seme, l’origine di tutte le paure è la paura dell’Illuminazione, è la paura del Co-Creare la propria realtà, di essere liberi, è la paura di riconoscere la parte Divina che è in noi.

L’OPERATORE DI LUCE: In questo tempo di “caccia alle streghe” e di manipolatori della mente è importante essere chiari. Riconoscere la parte Divina che è in noi non significa “sentirsi un Dio in terra”, agire spinti dall’ego o semplicemente pensare positivo in uno stato temporaneo di auto-induzione come accadeva nella new age. Al contrario, significa celebrare la vita, rendere sacro ogni gesto, non ostentare i propri doni e la propria potenza, rimanere umili ma consapevoli, non profetizzare catastrofi ma mostrarsi fiduciosi per il futuro.

L’operatore di Luce della Nuova Energia è partito dal pensiero positivo della New Age per arrivare all’intenzione creativa della Now Age. Intenzione, coscienza e divinità spostano l’uomo in una nuova realtà.Esserci o non esserci dipenderà dalle nostre scelte, dall’accettazione dei doni e dalla realizzazione dei nostri talenti. (Articolo scritto da Emanuel Celano)

Dopo aver compreso questo  non c’è più la necessità di cambiare il mondo né di manipolarlo, bensì quella di cambiare le proprie percezioni di esso.

Tutte le arti di cura che utilizzano questa consapevolezza permettono di entrare in uno stato alterato di coscienza, necessario per causare “la guarigione”, ed esso è conosciuto come spazio sacro.

Il Reiki,  specie al 2° livello, fa parte di queste.

-IL REIKISTA E LE ONDE THETA: In alcuni trattamenti del 2° livello “la coscienza va in ONDE THETA, nello “spazio Sacro” e puo’ quindi congiungersi al Supremo SE’ con la Sovracoscienza e curare cosi’ problemi psicologici che vanno ad alterare anche il piano fisico.

Le onde Theta hanno una frequenza  tra i 4 ed i 7/8 Hz e sono proprie della mente impegnata in attività di immaginazione, visualizzazione, ispirazione creativa. Tendono ad essere prodotte durante la meditazione profonda, il sogno ad occhi aperti, la fase REM del sonno (cioè, quando si sogna).

Nelle attività di veglia le onde theta sono il segno di una conoscenza intuitiva e di una capacità immaginativa radicata nel profondo. Genericamente vengono associate alla creatività e alle attitudini artistiche e nel nostro caso nei trattamenti “mentali” o a destanza del Reikista. Studi scientifici dimostrano che le onde theta possono: alleviare lo stress e promuovere una duratura diminuzione dell’ansia ; facilitano un profondo relax fisico e portano ad una buona chiarezza mentale; aumentano la capacità verbale e le capacita’ cognitive; sincronizzano entrambi gli emisferi del cervello; facilitano la visualizzazione, il pensiero creativo, riducono il dolore, promuovono l’euforia e stimolano il rilascio di endorfine.

L’onda cerebrale theta e’ molto attiva nei bambini , negli adulti tende a spegnersi. Si riattiva, in parte con la meditazione, con l’ipnosi, nelle trance, e in alcuni trattamenti del 2° livello di REIKI E’ il responsabile dei fenomeni di telepatia, di visualizzazione profonda detta anche “visione”.

- STUDIO DELL’ ANATOMIA DEL CORPO UMANO (maggiormente alla scuola)

Il Reikista potra’ aiutarsi meglio attraverso un elementare studio dell’anatomia del corpo umano e delle sue principali patologie energetiche e imparare a visualizzare,  lo spazio della mente silenziosa avra’ cosi’ piu’ nozioni da utilizzare autonomamente. (nella dispensa verranno date tavole di anatomia degli organi piu’ importanti)

- LA VISUALIZZAZIONE CREATIVA: per i maestri indiani e’ un moto Divino, la via della potenza della mente o auto-induzione. Sara’ di grande aiuto ai Reikisti di 2° livello, nei  trattamenti cosi’ detti “mentali” e nei trattamenti a distanza La forza di questa energia è data dalla non influenzabilità… ma se non ho ben coscienza di chi sono e cosa voglio, la mia Creatività è bloccata al piano della pura possibilità.

Le visualizzazioni creative ci  guidano alla scoperta del nostro infinito consapevolmente. Per ottenere una forte consapevolezza, occorre una personalità più vicina agli Archetipi: nessun pregiudizio, nessun preconcetto, nessuna resistenza, nessun attaccamento. Occorre il Puro Intento: aiutare con apertura di cuore” la guarigione” di se stessi in primis e dei riceventi poi, ed essere “consapevolmente presenti” in quello che si fa. La visualizzazione tuttavia rimane per noi solo un supporto, seppur validissimo

ED ECCO CHE DA ALLIEVI DIVENTEREMO DEI VISUALIZZATORI PER POI ESSERE DEI TESTIMONI DI CIO’ CHE SI DISPIEGA DAVANTI AI NOSTRI OCCHI,  PER DIVENIRE ALLA FINE  DEI MANIFESTATORI !

- I CURATORI E I GUARITORI: Curare e’ umano, guarire e’ Divino

Infatti, Il guaritore non e’ un guaritore poiche’ non e’ colui che agisce, la guarigione data, accade attraverso di lui; egli deve semplicemente annullare il suo ego, essere un guaritore significa in verita’ non essere, meno ci sei, migliore sara’ la guarigione, piu’ ci sei piu’ il passaggio e’ bloccato. Il Potere viene dallo Spirito ma trova risposta nell’energetico. E’ bene capire che il potere dell’Immaginazione è un Potere Spirituale. Una volta che ci siamo messi in contatto con il nostro Spirito, le strade si apriranno da sole. Riusciremo a “seguire il percorso dell’Energia dentro ad un Corpo”. Potremo avere “ visioni” o “ricevere messaggi”  durante un trattamento… senza per questo ora, in questo cambio dimensionale in cui tutto e’ potenziato,essere tacciati per visionari o impostori. La visione e’ realmente possibile, non sempre e momentaneamente non per tutti. E tutto sara’ facilitato se saremo riusciti ad essere semplicemente dei TESTIMONI dell’operato dell’Energia Divina canalizzata da Reiki.

- I SIMBOLI DEL 2° LIVELLO

Il significato dei simboli, come tracciarli, percepirli ed usufruirne.

Nel 2° livello di Reiki ricevete i 3 SIMBOLI che andranno ad armonizzare i vostri processi mentali, renderanno piu’ veloci e potenziati i vostri trattamenti , potrete curare anche a distanza. Imparerete a conoscere questi simboli, a tracciarli ,a sapere come fruire dei loro potenziali che in questo cambio dimensionale della terra sono divenuti piu’ potenti e luminosi. I SIMBOLI che ricevete sono le chiavi per collegare le” computer-menti,” favorendo miglioramenti o “guarigioni spesso inspiegabili” (ma la fisica quantistica  ci viene in aiuto). Nel seminario di 2° livello vi verranno insegnati anche il trattamento mentale ed il trattamento a distanza, superando le barriere del tempo e dello spazio.                                       

STRUMENTI DI CURA DEL REIKISTA DI 2° LIVELLO

Il Reikista di 2° livello ha così diversi “strumenti” per la cura :

- le mani

- l’Energia VITALE Universale

- il Puro Intento

-la percezione

- l’Apertura dello Spazio Sacro

- l’Apertura dello Spazio Sensibile

- La consapevolezza e la conoscenza dei principi di anatomia del corpo umano e di come “funzionano le mani “

- La visualizzazione

- gli archetipi della geometria sacra che sono i TRE SIMBOLI

- la mente neutra, meditativa

- l’andare in ONDE THETA dove la “visione profonda” e’ possibile

- l’ESSERE TESTIMONE

Nelle tradizioni spirituali ed esoteriche la PURA INTENZIONE e’ ciò che conferisce potere alle azioni rituali. Con l’Intenzione di curare, il Reikista da forza all’Energia che è ARRIVATA E VIENE RICEVUTA. L’Intenzione si mantiene permettendo l’esperienza e rimanendo consapevoli. MA L’INTENZIONE e la Visualizzazione sono” i PRELIMINARI” IL DIVENIRE TESTIMONE e’ IL VERO PERMETTERE!

Dice il Maestro Osho: “Tu pensi che il Testimone sia qualcosa di separato, di distaccato. Non lo e’.  La tua intensita’, la tua totalita’, sono il Testimone. Quindi allorche’ osservi come testimone imparziale e al tempo stesso fai qualcosa non sei due entita’. Quando curi tu sei il curatore e la cura. Non c’e’ divisione…” (Lasciar agire l’Energia e qualunque cosa susciti nel nostro Spazio Sensibile sia privo di resistenze)

- LA GRATITUDINE : ringraziare con amore e gratitudine!

*

I SIMBOLI CHE SI RICEVONO NEL 2° LIVELLO SONO TRE:

il 1° -potenziamento /piano fisico vitale

il 2° -purificazione /piano emozionale-mentale

il 3°- canalizzazione /piano causale-karmico

*

Il Primo Simbolo: richiama forza, potenza, energia La sua funzione è di richiamare, potenziare e sostenere il flusso energetico. Che viene moltiplicato. È energia che ha UNA DIREZIONE. E la nostra intenzione la guida. Si impiega per sostenere ogni pratica di Secondo Livello e ogni trattamento che e’ insegnato nel primo: è potenza in atto, potenza in movimento, una spirale perenne di energia in azione! SIA RIEMPITA LA PERSONA, VASO CERIMONIALE, CON CREATIVITA’ E SPIRITO SANTO….. .

Il Secondo Simbolo: richiama equilibrio, calma, scioglie le tensioni, porta purificazione, disintossicazione, guarigione. Questa chiave emotivo-mentale e’ capace di creare ponti verso l’inconscio, di produrre una vibrazione alta di riequilibrio energetico e di guarigione che può dissolvere antiche ferite e conflitti profondi che portavano alla malattia. PUO’ LIBERARE LA NOSTRA CREATIVITA’ E SVELARE I NOSTRI TALENTI….. Esso indica lo stato mentale di chi ha trovato un suo equilibrio e, qualsiasi cosa succeda, non si scompone piu’ di tanto…..esso ha la chiave per realizzarlo! IO E IL DIVINO SIAMO UNA COSA SOLA

Il Terzo Simbolo: Ritorna all’unita’, alla connessione, all’origine, conosce la giusta direzione. Proietta la coscienza in dimensioni che travalicano i confini del conscio e la limitatezza della percezione ordinaria. È il simbolo potente che facilità la connessione con persone e situazioni con le quali si è già da sempre collegati senza esserne tuttavia consapevoli. Noi siamo un TUTT’UNO! Esso dona il potere di operare trattamenti energetici a distanza travalicando tempo e spazio.Noi siamo nell’Unità del Tutto, liberati finalmente dalla limitatezza dei sensi fisici. Questo simbolo ci consente anche di lavorare sul nostro karma Nel “tutto presente” mentre facciamo del bene ad un altro facciamo del bene a noi stessi purifichiamo le nostre vite e ci riconnettiamo ALLA SORGENTE!

RICORDATEVI E’ UNA RICONNESSIONE!
….IL DIVINO TU ED IO SIAMO UNITI DA SEMPRE, L’ORIGINE E’ IDENTICA , POSSA IL MIO PURO INTENTO , ATTRAVERSO UN TUNNEL DI LUCE DA UNA DIMENSIONE SUPERIORE MANIFESTARE QUESTA REALTA': SIAMO CONSAPEVOLI DI NON ESSERE MAI STATI SEPARATI, SIAMO SEMPRE STATI UNITI, IL TEMPO E LO SPAZIO NON ESISTONO,PER QUESTO POSSIAMO CURARE A DISTANZA PERCHE’ VENENDO DAL DIVINO CONOSCIAMO GIA’ LA GUARIGIONE ! SIAMO SEMPRE STATI INTEGRI…..”

Si lavora sui chakra anche nel secondo livello ma con in + l’aiuto dei 3 SIMBOLI .

-APPROFONDIMENTO DELLO STUDIO SULL’ENERGIA E LA SUA RADIANZA NELLA CURA CON LE MANI.

- ESPERIENZA DELL’APERTURA DELLO SPAZIO SENSIBILE: che puo’ essere diverso ogni volta, spaziando da visualizzazioni, meditazioni, dialoghi, a seconda delle necessita’ degli allievi e le loro interazioni

- I TRATTAMENTI DEL SECONDO LIVELLO:

- FASE ESPERIENZIALE

- INIZIAZIONE AL 2° LIVELLO

- CHIUSURA SPAZIO SACRO

- CONSEGNA ATTESTATI

.

III° LIVELLO REIKI

IL MASTERATO

preghiera

  “Se vuoi imparare qualcosa, leggila. se vuoi comprenderla, scrivila, Se vuoi averne la Maestria Insegnala, diventane maestro

” (Yogi Bhajan)

- E’ con grande Amore che abbiamo intrapreso la strada dell’insegnamento di Reiki e siamo grati ai tanti nostri Allievi che ci hanno fatto da Maestri.  Grati al Divino, il nostro Primo Maestro. Grazie REIKI!

Il 3° livello e’ quello del Maestro di Reiki che porta all’attivazione del piano Spirituale e alla possibilita’ di “aprire” le Persone al Reiki .

Il sistema energetico Reiki della nostra scuola e’ basato su 10 simboli cosmici o universali : I simboli universali ci portano sempre in contatto con i piani più elevati della coscienza.

Essi attivano esclusivamente energia luminosa – un’energia vivente, non statica, irradiante – che manifesta le sue qualità di completezza, come gioia, saggezza, chiarezza o amore universale. Gli esclusivi simboli armonici e universali sui quali si basa REIKI sono, secondo Gustav Jung, ‘entità viventi’ continuamente in movimento, e nei confronti della nostra psiche possiedono – che ne siamo coscienti o meno – una determinata forza magnetica e un certo effetto. Essi vengono evocati dal maestro durante le iniziazioni, assieme al loro mantra in un consono rituale.

Nella nostra Scuola, pur rimanendo nella piu’ grande umilta’, viene spiegata  l’importanza del Masterato che non puo’ essere “dato con leggerezza” poiche’ e’ un percorso importante e occorre un presa di coscienza di chi si e’ e qual’e’ il nostro puro Intento, occorre lavorare su se stessi e sugli altri per almeno 3-5 anni, provare amore per quello che si fa, e comprendere che quella e’ proprio “la nostra Strada”.

Si ha, durante le “INIZIAZIONI” LA “RESPONSABILITA'”  DI ALTRE ANIME E PER QUESTO E’ IMPORTANTE UNA CRESCITA SPIRITUALE  E  DELLE CONOSCENZE ADEGUATE e questo non puo’ accadere in tempi brevi, anche se ora viviamo in un tempo circolare.

In questo percorso spirituale significa essere accoglienti, preparati e “pronti a mettersi in gioco ogni volta”. E per questo, oltre all’Amore con cui si fanno le cose, occorre competenza e preparazione e molte ore di trattamenti alle spalle per saper sostenere una grande quantita’ di energia durante le “armonizzazioni” e questo non puo’ avvenire che per gradi… come la capacita’ di sostenere le “reazioni” degli allievi… il tutto rimanendo nella mente neutra, il tutto rimanendo in un buon equilibrio interiore

OCCORRE SAPER GIOIRE DELLE PICCOLE COSE DELLA VITA E AVERE DI ESSA UNA VISIONE SPIRITUALMENTE GIOIOSA.

Con il 3° livello la Persona sceglie di continuare a crescere, di mettersi in gioco, di ripulire il proprio karma, di darsi ulteriori possibilita’, di ascoltare il proprio se’ Divino, di cambiare e rivedere le priorita’ della propria vita.

Si sceglie l’essenzialita’ e la semplicita’.

Il 3° livello e’ una scelta impegnativa ed occorre una consapevolezza profonda per intraprenderlo. Occorre imparare ad essere Maestri prima di se stessi che degli altri. Occorre pensare di essere solo un piccolo mezzo per un fine che non e’ il proprio.

Il Maestro, anche nell’attivare altri Maestri, dovra’ essere molto scrupoloso ed attento in quello che fa, per non bloccare la crescita spirituale delle persone, per non disonorare il Reiki e per salvaguardare il suo karma.

E’ importante essere di “buona qualita'”, per creare, a nostra volta, dei Maestri di Reiki degni di tale nome.

Il 3° Livello è l’inizio del “ritorno a casa”! Con l’Iniziazione al Masterato di REIKI viene toccata la nostra piu’ intima essenza che e’ la scintilla o il SE’ Divino che c’e’ in noi, la nostra essenza eterna ed immortale.

Si tratta della riunione con il presente di Dio nel nostro cuore. Ci leghiamo cioe’ nuovamante al nostro nucleo d’Amore. (Birgitte Muller)

COME ACCEDERE AL MASTERATO della nostra Scuola :

- Per diventare Maestri di Reiki e’ la gioia che ti dona questa energia e ti spinge ad avanzare, e’ un affidarsi, una diversa apertura del cuore un nuovo modo di percepire se stessi e gli altri, e’ un dolce e a volte potente incontro con il proprio se’ superiore

Voglio dire che occorre essere innamorati di REIKI . Voglio dire che occorre averlo percepito, sentito, “bevuto” , occorre essersi trattati tanto e di aver trattato cosi’ tante persone da averne fatto amicizia, di conoscerlo cosi’ bene da accettare tutto il dolore che porta fuori e tutti i doni che ti libera……mai piu’ si sara’ gli stessi, mai piu’ si sara’ slegati dalla sorgente….anche quando si e’ arrabbiati…. sempre canali e per sempre.

L’amore fa straparlare……

Nella nostra Scuola questo e’ il percorso “pratico” :

- 5 anni di lavoro su se stessi e di trattamenti su se stessi e sugli altri

- seguire il Maestro durante  vari seminari

- approfondire le conoscenze  sull’energia e sulle sue potenzialita’ nella cura

- approfondire le nozioni di anatomia e delle piu’ importanti patologie energetiche del corpo umano

- conoscere” l’Anatomia Sottile” ed imparare trattamenti “differenziati”

- approfondire la visualizzazione e la meditazione

-apprendere l’arte del PERCEPIRE

- partecipare a seminari “SULLA RELAZIONE DI AIUTO”

- conoscere meditare e interagire con I simboli del REIKI della nostra scuola

ACCEDERE AL GIORNO DELL’INIZIAZIONE CON PURO INTENTO INTEGRITA’ E CONSAPEVOLEZZA

NELLE DUE GIORNATE DELL’INIZIAZIONE verranno trasmessi e spiegati i  SIMBOLI per attivare le Persone al 1° LIVELLO

- verra’  insegnato e trasmessso il Simbolo per attivare le persone al 2° livello

- verra’ insegnato e trasmesso L’ULTERIORE SIMBOLO DEL 3° LIVELLO  DA RICEVERE E SUCCESSIVAMENTE DA TRASMETTERE

-insegnato e trasmesso il SIMBOLO DEL REIKI

- insegnamenti su come tenere un seminario e le iniziazioni…

-Inoltre, nella nostra Scuola di Reiki prima di ricevere l’attestato di Maestro di Reiki occorre continuare il tirocinio : TIROCINIO significa partecipazione ad almeno 1 anno di  Seminari di Iniziazione  assieme al maestro per sentirsi “accompagnati nel cammino”, per imparare praticamente  come si “tiene” un seminario, per apprendere meglio le procedure … che sono tante, per saper “sostenere gli Allievi”, e continuare  poi da soli il percorso con maggior levita’ , conoscenza, consapevolezza …nel dono del REIKI

 

 

SEMINARI di 1 GIORNO o di 2 GIORNI ?

preghiera 

Indiciamo seminari di primo livello anche di 1 solo giorno infrasettimanale per coloro che lavorano durante i week-end.

Abbiamo pensato in questo modo di poter aiutare chi non avrebbe modo di partecipare durante il sabato e la domenica. Per noi è molto più faticoso ma lo facciamo con il cuore!

A questo seminario possono partecipare solo ed esclusivamente 2 persone.

Le conoscenze trasmesse sono uguali, la differenza è che nei due giorni del week-end si fanno anche esperienze di meditazione e visualizzazione.  Si può comunque e sempre ripartecipare gratuitamente ad ogni seminario di Reiki, anche quello dei weekend.

L’investimento rimane lo stesso di quello richiesto nel week-end perché :

  • vi è un’iscrizione all’associazione che ovviamente non può essere differente.
  • perché la dispensa e l’attestato hanno lo stesso costo di 50 euro ( con foto a colori ).
  • perché gli insegnamenti sono gli stessi. Nei due giorni si ha la possibilità di fare solo qualche meditazione in più ma i tempi della pratica sono moltiplicati essendoci più persone. Questo motiva la nostra richiesta di limitare il seminario infrasettimanale a due persone.
  • il seminario di un solo giorno termina alle ore 21 circa, mentre quello del week-end alle ore 18,30-19.
  • perché avete a disposizione un maestro solo per voi ( siamo due maestri e due allievi )

Una volta partecipato ad un seminario ( del week-end o di un solo giorno) è possibile sempre tornare anche a quelli successivi dello stesso livello, gratuitamente, ogni volta che lo si desidera, e questo non per ricevere nuovamente le iniziazioni al livello, ma per riprovare la gioia di stare insieme, riascoltare gli insegnamenti e fare un’esperienza di gruppo.

 

I MAESTRI DELLA

SCUOLA DI REIKI “SPAZIO SACRO”:

 

CARMEN CATTANI [ scheda di presentazione ]

carmen_cattani_2014

e

EMANUEL CELANO [ scheda di presentazione ]

.

emanuel_celano_05_13

 

*

*

Gli insegnamenti di un grande MAESTRO : YOGI BHAJAN

 

       YogiBhajan

yogi bhajan

Dice Yogi Bhajan dell’essere Insegnante: Non sono una donna, non sono un uomo, non sono una persona, non sono me stesso. Sono un insegnante. Questo è il concetto che purifica il canale e porta i cieli attraverso di voi. Poi chiudete gli occhi, vi concentrate sul terzo occhio e cantate tre volte Ong Namo Guru Dev Namo. È il Nadhi Sadhani Kriya, Azione, kriya, che perfeziona, sadhani, tutti i canali, nadhi. Ogni cosa vi è stata data totalmente pura. Niente è stato aggiunto o sottratto o modificato.

Lo scopo è molto semplice: dare onestamente alla gente ciò che abbiamo. Non promuovetevi e non promuovete qualsiasi cosa piace alla gente, ma datele ciò che le serve, ciò che può elevarla: energia!  

Condividete conoscenza, non emozioni! Se è una pillola e’ amara, lasciate che sia amara. Non zuccheratela!  

È molto falso dare insegnamenti per far piacere alla gente,  insegnate invece per costruire le persone, per nutrirle, per portare fuori la loro realtà, far emergere la loro personalità,  togliere le loro cavità e rovine, i loro punti abissali, stimolare la vera forza di una persona.

Voi avete questa capacità, attraverso l’insegnamento voi avete questa qualità perfetta. Non cercate popolarità o personalità. È la qualità delle persone, la qualità dei loro pensieri, la qualità della loro percezione, la qualità della loro proiezione, la qualità del loro comportamento e la qualità della loro vita ciò che importa. Non la quantità! .

Poiche’ viviamo in questo cambio dimensionale della Terra e anche l’energia REIKI ci aiuta nel cambiamento, vogliamo lasciarci guidare dalle parole di questo grande GURU dei nostri tempi : BENEDIZIONE DI YOGI BHAJAN Yogi Bhajan chiudeva le sue lezioni con una benedizione.

Una delle sue rinomate benedizioni era: “Pace a tutto, Luce a tutto, Amore a tutto”.

Egli non discriminava fra amico ed estraneo, alleato o nemico, studente devoto o calunniatore; lui era uno yogi.

Viveva al di sopra della polarità e benediva tutti coloro dei quali attraversava il cammino.

Imparare a benedire è una delle nostre sfide primarie come insegnanti. Prima di poter benedire gli altri, dobbiamo cancellare la nostra propria dualità. Per benedire dobbiamo essere un canale pulito per l’Infinito.

Ogni ombra residua deve essere spazzata via affinchè la chiara luce della coscienza possa brillare.  Inoltre dobbiamo imparare a benedire noi stessi prima di poter benedire gli altri.

Questo può essere un compito scoraggiante. La negatività dal passato o la mancanza di auto-stima dall’infanzia possono rendere insostenibile il pensiero di benedire se stessi.

Per essere in grado di benedire tutto, dobbiamo vedere Dio in tutto, anche in noi stessi: “Se non puoi vedere Dio in tutto, non puoi vedere Dio del tutto”.

Affrontare questa sfida e superare questo blocco diventa il nostro dono più grande, perchè nel benedire noi stessi apprendiamo a benedire tutti. Ecco la sua preghiera di benedizione: “Possa la luce prevalere, possa il loto del cuore portarVi l’estasi nella coscienza, la radice dell’esistenza della verità, e possa uno realizzare che tutti sono uguali. In quella consapevolezza possiamo noi essere benedetti con la tolleranza, la pazienza, e il sacrificio, e possiamo praticare la legge del dare per raggiungere la coscienza di Colui che Dà. Possa questo giorno essere il momento di svolta della nostra vita, per darci la realizzazione che è l’Infinità che esiste adesso e per sempre. Porti gioia, felicità e pace a ogni cuore con tutta la sua dolcezza nella coscienza, per renderla flusso della Coscienza Suprema.” .

 

L’augurio di YOGI BHAJAN per gli uomini  che sono in un cammino spirituale

Siete venuti qui da tutte le parti della terra, e continuerete a venire qui da tutte le parti della terra per secoli a venire. Questa terra ha il suo karma e il suo dharma, vi arricchisce ogni volta che venite qui, come ha fatto per secoli. E’ una tradizione ed è una benedizione. E’ la dimora delle anime custodi di questo pianeta. E ‘ una storia umana. Si tratta di un percorso che sarà sempre lì, che vivrà, fiorirà e si espanderà. Questo percorso appartiene a coloro che non sono di ghiaccio, i cui cuori non sono diventati di pietra, le cui teste non sono diventate così piene da non poter sentire la voce dell’anima.

Questo percorso appartiene a coloro che renderanno giustizia a se stessi, che ascolteranno le loro anime e le loro passioni, mentali e spirituali, che non saranno spiritualmente ciechi o fanatici, e che non saranno troppo pigri per camminare. Questo percorso appartiene a coloro che, con tutte le loro forze e debolezze, continuano a servire gli altri.

Ed io vi prometto che coloro che serviranno gli altri, Dio onnipotente non ha altro potere che servire loro, questa è l’unica via. Il vostro potere non è nella vostra forza e debolezza, in ciò che mostrate e nelle vostre capacità, nei vostri titoli e nei vostri riconoscimenti, nel vostro denaro, e nei giochi che giochate.

Il vostro potere è elevare gli altri. Chi eleva gli altri, Dio lo eleverà, perché è la volontà di Dio elevare tutti. Quando vivete nella vostra divinità, Egli non vi lascerà cadere. Siamo tutti pionieri nell’ Età dell’Acquario. Nessun uomo può dare qualcosa ad un altro uomo che non sia amore. Nessun uomo può dare altro ad un uomo che non sia speranza.

Nessun uomo può dare ad un altro uomo niente altro che servizio. L’unica cosa che potete fare è agire come un elevatore, muoversi nel fango e sollevare l’altra persona, adagiarla sul percorso in modo che possa proseguire. Voi mi ponete la domanda: “Se comincio a farlo tutto il tempo, cosa ne sarà di me?” Poi il grande elevatore chiamato Dio verrà, e Lui andrà nel fango e vi solleverà. C’è un affare migliore di quello? Ricordate noi siamo qui per iniziare un’epoca, per avviare un’Era, per celebrare il passaggio dall’età dei Pesci nell’Era dell’Acquario. Siamo qui per festeggiare. Noi siamo i pionieri.  

Noi siamo i pionieri del Dharma. Chiniamo la testa in preghiera e apriamo i nostri cuori. camminiamo con lo spirito su questa terra benedetta. Dovete essere intelligenti, imparare l’arte, attraversare il mondo e guarire le creature di Dio. Questo è il vostro lavoro, e ciò che in realtà direte è: “Ave, ave Guru Ram Das guarisci il mondo.”  

Il vostro compito è quello di guarire il mondo e di elevare e sollevare tutti. Ognuno sarà guarito. Prendete una persona dal suo sé inferiore, alzate il fossato così da poterla sollevare. Il mantra del Età dell’Acquario è “tenete il passo”, aiutate a sostenere tutti. Se non vi lasciate andare giù e non lasciate gli altri andare giù, Dio vi servirà. Egli non vi deluderà. Che Dio vi guidi durante questo cammino. Che possiate capire che siete bambini benedetti e che avete un lavoro da svolgere. Possa il vostro cuore comprendere che Dio vi appartiene da sempre, dentro e fuori. Che il vostro dolore non tocchi il vostro domani, che le vostre benedizioni siano per tutti, che la vostra felicità sia condivisa, e che i vostri sorrisi possano dare speranza agli altri. ..

*****

LE DOMANDE PIU’ FREQUENTI SUL REIKI

QUELLO CHE LE PERSONE SI CHIEDONO SUL REIKI E CHE NON CONOSCONO :

Qui sotto trovate le domande più frequenti che ci vengono poste sul REIKI e le nostre relative e concise risposte:

   
  Fare click sul numero per andare direttamente alla risposta :
   
 

Domande più comuni – fare CLICK SUI NUMERI  :

01) Reiki è veramente per tutti ?
02) Reiki ha delle controindicazioni ?
03) Reiki è un massaggio ?
04) Che differenza c’è tra un pranoterapeuta ed un reikista ?
05) Per fare Reiki occorre appartenere ad una religione ?
06) Quali sono i casi in cui Reiki non funziona ?
07) Esistono solo tre livelli nel Reiki ?
08) Con il primo livello di Reiki puoi già curarti da solo ?
09) Tramite il Reiki si riequilibrano i chakra ?
10) Si può fare Reiki agli animali ed alle piante ?
11) I trattamenti Reiki hanno dei tempi prestabiliti ?
12) Si può prendere il 1° e 2° livello in un week-end ?
13) Si può ricevere Reiki a distanza ?
14) I bambini possono prendere il 1° livello di Reiki ?
15) Si può ricevere Reiki da più persone contemporaneamente ?
16) Il Reikista è un guaritore ?
17) Perchè esiste un corrispettivo economico per i livelli di Reiki ?
18) In quanto tempo si diventa Reikisti di 1° livello ?
     
 

Ulteriori domande che la gente ci pone :

g1) Per iniziare le persone al Reiki, il Maestro usa anche dei farmaci o altre cose strane ?
g2) Reiki ha a che fare con il “diabolico o con la magia” ?
g3) E’ vero che una volta “aperti” al Reiki ci si richiude dopo 2 anni e bisogna tornare dal Maestro per effettuare una nuova attivazione ?
g4) E’ vero che facendo Reiki agli altri il reikista può “prendersi la negatività di una persona” o comunque stare male ?
g5) E’ vero che per curare una persona quella persona deve crederci perchè altrimenti reiki non funziona ?
g6) Perchè per prendere il primo livello occorrono due giorni e non ne basta uno ?
g7) E’ vero che il mio reiki può essere meglio del tuo e che il maestro di reiki o un secondo livello è più “bravo” nel curare rispetto ad un primo livello ?
g8) Perchè occorre un Maestro per attivare le persone al Reiki ?
g9) Ho fatto e ricevuto Reiki e ho sentito poco calore. Perchè ?
g10) Con il Reiki si possono “canalizzare energie negative” ?
     

GRAZIE PER QUESTO INCONTRO BUONA VITA E TANTE BENEDIZIONI!  

© 2014, SpazioSacro.it – Testi non riproducibili neppure parzialmente senza autorizzazione -. Tutti i diritti Riservati.

Spazio Sacro : contatti

Ass. Cult. Spazio Sacro

Studio e Sperimentazione Medicine Analogiche

via Vaccaro 5 - 40132 BOLOGNA
TelFax. 051-2984217
Cell. 333-8423018

I Nostri Soci

I nostri soci sono : 7481748174817481 

Diventa socio anche tu

Iscriviti [ click qui ]

Online Adesso :

Spazio Sacro su G+

I nostri Feed

Mappa Sito + Feeds :

calendario medicine alternative italia calendario medicine alternative italia articoli medicine alternative blog blog spazio sacro libri gratuiti sulle medicine alternative corsi seminari eventi spazio sacro

I testi presenti in questo sito non possono essere in alcun modo copiati o utilizzati senza la nostra autorizzazione !