Se ti piace il nostro sito votalo adesso con un click sul pulsante Google +1 qui sotto :


Categoria: "Progetti Sociali"

Programma di emergenza in Sud Sudan

PROGRAMMA D'EMERGENZA SOS IN SUD SUDAN

 

Il governo di Khartoum ha dato l’ultimatum al Sud Sudan per il rimpatrio, a partire da marzo, di migliaia di persone fuggite al nord a causa del conflitto scoppiato nel 2011. 2.000 di loro sono bambini privi di cure familiari. Con l’obiettivo di rispondere a questa emergenza, SOS Villaggi dei Bambini Sudan allestirà due rifugi temporanei rispettivamente a Juba e Malakal, dove si prenderà cura di 400 bambini, offrendo loro accoglienza temporanea, accesso all’istruzione e sostegno psicologico, che sarà garantito a molti altri bambini, in collaborazione con le autorità locali e il governo. In parallelo l’Associazione avvierà le procedure di riconoscimento dei piccoli non accompagnati, per poi iniziare le attività di ricongiungimento familiare.

 

 

 

 

 

 

1.500 BAMBINI IN VIETNAM

 

 

L’1 febbraio abbiamo lanciato grazie all’aiuto di La Pina, famosa conduttrice radiofonica e televisiva, la campagna per cambiare il futuro di 1.500 bambini nell’area di Da Lat, in Vietnam. Fino al 18 febbraio con una telefonata o un SMS al numero 45501 si contribuiva, con 2 o 5 euro di donazione, all’acquisto di coperte, materassi, letti e materiale scolastico e ai lavori di ristrutturazione per garantire a questi bambini l’accoglienza, le cure, l’accesso all’istruzione scolastica e ai servizi sanitari. L’iniziativa è nata con l’idea che ognuno di noi può cambiare le cose, anche con un piccolo gesto. Tutti coloro che hanno chiamato e inviato un SMS ci hanno confermato che insieme è possibile cambiare il futuro di questi bambini. Abbiamo ancora bisogno del tuo aiuto. Scopri come aiutare sul sito www.sositalia.it. Grazie di cuore!

 

 

 

 

 

SIRIA: BOMBE VICINO AL VILLAGGIO SOS DI ALEPPO

Venerdì 10 febbraio due edifici governativi nelle immediate vicinanze del Villaggio SOS di Aleppo, in Siria, sono stati colpiti da due bombe. I bambini accolti nel Villaggio SOS e lo staff stanno bene. Le case famiglia e gli edifici non hanno riportato danni, ma l’esplosione ha causato 28 morti e più di 200 feriti, tra questi molti bambini. I bambini continuano a frequentare la scuola, che raggiungono con i mezzi SOS e lo stesso fanno le educatrici per raggiungere il centro città. In seguito al bombardamento dei due principali generatori di elettricità ci sono tagli di 2 o 4 ore, alternati nelle varie zone della città. A Damasco si sentono esplosioni sia durante il giorno, che nella notte.

 

COLGATE PUNTA A 1 MILIONE DI SORRISI, PER SOS

Colgate ha lanciato la campagna solidale “Aiutiamo l’Italia a sorridere” a favore di SOS Villaggi dei Bambini. Si tratta di una raccolta di sorrisi virtuali che, una volta raggiunta quota 1 milione, permetterà a Colgate di donare 100.000 euro a favore delle attività educative, ludiche e ricreative per i bambini e i ragazzi accolti nei Villaggi SOS italiani.
Per partecipare non serve un contributo economico, è sufficiente un sorriso. Basta andare sulla pagina Facebook “Aiutiamo l’Italia a sorridere” o sul sito www.aiutiamolitaliaasorridere.it e pubblicare una “foto sorridente” (vale 50 sorrisi!), condividerla con gli amici, o semplicemente cliccare “Mi Piace” per veder salire il “contatore” e contribuire alla scalata verso il milione. Cosa aspetti? Un sorriso non è mai stato così utile!

 

 

 

ESPLOSIONE IN MONGOLIA: FAMIGLIE ACCOLTE DA SOS

Sabato 21 gennaio, una fuga di gas ha provocato l’esplosione di un edificio di nove piani a Darkhan, in Mongolia, lasciando 36 famiglie senza casa. SOS Villaggi dei Bambini ha risposto all’emergenza ospitando 6 famiglie, che verranno accolte fino a quando non saranno conclusi i lavori di riparazione.
Le temperature a Darkhan si aggirano intorno ai -40/-50 gradi e, se le 15 famiglie più fortunate hanno trovato riparo da amici e parenti, le restanti 21 sono temporaneamente ospitate nelle palestre scolastiche e negli asili, in attesa di poter tornare nelle loro case.


FILIPPINE: TERREMOTO

I bambini e le famiglie accolti nei Villaggi SOS filippini di Cebu, Iloilo, Tacloban e Calbayog, stanno bene. Il terremoto di magnitudo 6.7 che ha colpito il paese, non ha danneggiato le strutture di accoglienza e rafforzamento familiare di SOS Villaggi dei Bambini. Nelle città gli edifici hanno risentito delle scosse violente e la gente è fuggita in preda al panico. È stato anche emesso un allarme tsunami dal governo, poi revocato.


MARSH ITALIA: UN’ASTA PER SOS

Grande successo per l’asta organizzata da Marsh Italia, leader nei servizi assicurativi e di risk management in Italia, a favore di SOS Villaggi dei Bambini. Giovedì 23 febbraio i dipendenti dell’azienda hanno partecipato numerosi e con grande entusiasmo all’iniziativa, con l’obiettivo di sostenere i programmi di accoglienza e rafforzamento familiare dedicati a mamme e bambini che vivono nel Villaggio SOS di Mantova.

 

 

 

Approfondimenti

Progetti di utilita' sociale nel territorio del Nord Milano

LA FONDAZIONE PUBBLICA I BANDI DEL 2012

La Fondazione Nord Milano pubblica 6 nuovi bandi e stanzia 900.000 euro per la realizzazione di progetti di utilità sociale nel territorio del Nord Milano.

 

Bando 2012.1 Maria Paola Svevo - Solidarietà famigliare e inclusione sociale”

Stanziamento: 275.000 euro

Il bando ha l’obiettivo di finanziare progetti che sostengano le famiglie nel proprio ruolo educativo e sociale, anche in termini di presa in carico di famigliari in situazioni di disagio occupazionale – sia all’offerta di servizi diretti ad includere le persone a rischio di marginalità sociale nella Comunità. Il bando prevederà anche il sostegno a progetti diretti a sostenere famiglie in situazioni di particolare fragilità, con particolare attenzione al fenomeno della violenza domestica.

Ammontare contributi e % raccolta donazioni

di copertura dei costi60% (con contributo massimo di 15.000 euro)

% donazioni a raccolta: 25% del contributo stanziato dalla Fondazione

scheda bando 2012.1

regolamento e formulario bando

Bando 2012.2 “Cultura e coesione sociale”

Stanziamento: 250.000 euro

La Fondazione Comunitaria del Nord Milano promuove un bando per la realizzazione di progetti di carattere culturale che dimostrino di rafforzare i legami sociali nel territorio del Nord Milano stimolando la crescita creativa nei giovani, incentivando la diffusione della fruizione e produzione artistica e culturale tra le diverse generazioni e le diverse radici presenti sul territorio.

Ammontare contributi e % raccolta donazioni

di copertura dei costi60% (con contributo massimo di 15.000 euro)

% donazioni a raccolta: 25% del contributo stanziato dalla Fondazione

scheda bando 2012.2

regolamento e formulario bando

 

Bando 2012.3 “Sport e solidarietà sociale”

Stanziamento: 100.000 euro

La Fondazione promuove un bando per iniziative finalizzate allo sviluppo dello sport come risorsa educativa e sociale allo scopo di contribuire al rafforzamento dei legami di solidarietà territoriale e alla valorizzazione delle attività associazionistiche e di volontariato.

Ammontare contributi e % raccolta donazioni

di copertura dei costi60% (con contributo massimo di 15.000 euro)

% donazioni a raccolta: 25% del contributo stanziato dalla Fondazione

scheda bando 2012.3

regolamento e formulario bando

 

Bando 2012.4 “Volontariato”

Stanziamento: 50.000 euro

La Fondazione Comunitaria del Nord Milano promuove un bando per l’individuazione di progetti di utilità e solidarietà sociale per sostenere attività volte a promuovere e rafforzare il volontariato attraverso il sostegno a progetti che puntino sulla formazione dei volontari, sulla costituzione di “reti” di Organizzazioni per la realizzazione di iniziative volte a promuovere la partecipazione di Enti e cittadini e, infine, sulla promozione del volontariato tra i giovani e nelle scuole.

Ammontare contributi e % raccolta donazioni

di copertura dei costi60% (con contributo massimo di 10.000 euro)

% donazioni a raccolta: 15% del contributo stanziato dalla Fondazione

NB: Le Organizzazioni che parteciperanno al bando 2011.4 Volontariato avranno la possibilità di cofinanziare i costi sostenuti per la realizzazione del progetto, valorizzando le prestazioni dei propri volontari fino ad un massimo del 20% del costo del progetto.

scheda bando 2012.4

regolamento e formulario bando

Bando 2012.5 “Oratori in rete”

Stanziamento: 125.000 euro

La Fondazione Comunitaria del Nord Milano promuove un bando per l’individuazione di progetti di utilità e solidarietà sociale per sostenere le attività socio-educative svolte dagli Oratori all’interno delle Parrocchie della diocesi di Milano – operanti nel territorio nel Nord Milano - attraverso l’individuazione di progetti di utilità sociale volti a creare legami costruttivi con le associazioni e le risorse presenti sul territorio.

Ammontare contributi e % raccolta donazioni

% di copertura dei costi60% (con contributo massimo di 15.000 euro)

% donazioni a raccolta: 15% del contributo stanziato dalla Fondazione

 

scheda bando 2012.5

regolamento e formulario bando

 

Bando 2012.6 “Dopo di noi”

Stanziamento: 100.000 euro

La Fondazione Comunitaria del Nord Milano promuove un bando per l’individuazione di progetti di utilità e solidarietà sociale per sostenere attività volte all’accompagnamento alla vita autonoma delle persone con disabilità sin da quando la famiglia è ancora attiva, con l’obiettivo di evitare che la persona con disabilità si trovi poi a sperimentare - improvvisamente e senza un sostegno forte - il ruolo di adulto una volta scomparsi i genitori.

Ammontare contributi e % raccolta donazioni

% di copertura dei costi60% (con contributo massimo di 25.000 euro)

% donazioni a raccolta: 25% del contributo stanziato dalla Fondazione. Le donazioni andranno ad incrementare la parte patrimoniale del Fondo Sirio.

Fondo Sirio: per chi è stato costituito e come donare

scheda bando 2012.6

regolamento e formulario bando

Le domande di partecipazione ai bandi dovranno essere consegnate entro e non oltre le ore 12,00 del giorno 30 marzo 2012, in base alle modalità descritte nei regolamenti dei bandi.

 

 

E’ NATO IL FONDO SIRIO!!

Grazie alla straordinaria partecipazione della comunità garbagnatese.

Tanti donatori per costituire un fondo finalizzato al sostegno dei Progetti di vita delle persone con disabilità.

[Leggi notizia]

 

Nasce l'associazione degli imprenditori ETICI

L'associazione Lega dell’Onestà ha iniziato ad operare.

I tempi devono cambiare ed il cambiamento richiede azione !!

Visita il blog ed associati anche tu

http://legadellonesta.blogspot.com

 

Partecipa alla nostra campagna Mi Piace

http://www.facebook.com/lega.onesta

 

AIUTIAMO IL CENTRO PEREZ DI TRANSIZIONE AL LAVORO PER PERSONE DISABILI a ferrara

CENTRO DI TRANSIZIONE AL LAVORO

Centro Perez Ferrara

OBIETTIVI
  1. Socializzazione e sviluppo abilità relazionali.
  2. Consentire i tempi necessari al raggiungimento di autonomia, conoscenze ed abilità lavorative, laddove non è più necessaria la formazione, consentendo a quest’ultima un proprio ruolo specifico.
  3. Simulazione della realtà produttiva con il rispetto degli ordini, dei tempi di produzione e di consegna, che vengono programmati con l’utente stesso in base alle proprie risorse.
  4. Prevedere distinte modalità di lavoro in relazione alle diversità degli utenti: le diverse disabilità acquisite e le aspirazioni, che tengano conto delle risorse fisiche, cognitive e comportamentali degli utenti.
  5. Aumentare la consapevolezza, migliorare il rapporto con i colleghi e l’autonomia
  6. Partecipare ed intervenire nella gestione del centro stesso.
Prodotti

Il Centro si configura come una vera e propria piccola azienda, dove, sotto il controllo attivo e costante di operatori e volontari qualificati a garanzia sia della qualità di esecuzione del lavoro che del rispetto dei tempi di consegna, vengono svolte attività lavorative per imprese committenti esterne:

  • stampa digitale: biglietti da visita, depliant, locandine, brochure, tesi
  • data entry: scrittura testi, inserimento dati con data base o su internet
  • piegatura ed imbustamento di materiale informativo
  • etichettatura e inscatolamento di prodotti destinati al commercio
  • assemblaggio di oggettistica varia
  • tampografia (stampa su penne e gadget vari)

Centro Perez

L’integrazione sociale e lavorativa delle persone con disabilità acquisita: questa sfida è iniziata presso la Città del Ragazzo con un’attività di formazione, strettamente connessa con la riabilitazione funzionale, finalizzata all’inserimento in azienda di giovani con esiti di trauma cranio-encefalico. Tale inserimento non è automatico ed anzi, in molti casi, risulta problematico: da qui nasce l’idea del “Centro Perez”, Impresa Sociale finalizzata alla transizione verso la vita attiva e l’autonomia. È costituito da laboratori di produzione, stampa digitale e di attività manuali. Vengono svolte attività di palestra, teatro, ludico ricreative, soggiorni vacanza. Alla nascita del Centro Perez nel 1999 hanno contribuito i Servizi Sociali dell’Azienda USL di Ferrara, il Centro Servizi alla Persona del Comune di Ferrara. Il Centro, che ha la formula del laboratorio protetto, a convenzione con il servizio socio-sanitario, mira all’integrazione sociale e lavorativa personalizzata, cioè “cucita addosso” alla persona, senza forzature nei tempi e nei metodi. Il Centro dispone di un ufficio, di un magazzino in uso esclusivo, di un laboratorio informatico attrezzato e di due ampi locali per lo svolgimento delle attività manuali. Abbiamo a disposizione la palestra, un laboratorio teatrale, sala giochi e spazio verde.


Motivazioni

Le persone con disabilità acquisita necessitano di luoghi e opportunità di integrazione in cui recuperare, riallacciare e  costruire rapporti e relazioni. Circa il 90% di persone con esito di trauma cranio-encefalico ha difficoltà nelle interazioni sociali, nelle relazioni interpersonali e quindi fatica a mantenere e/o instaurare rapporti di amicizia e affettivi (Lezak, 1987).
L’azione degli operatori deve dunque considerare sempre la centralità della persona, dei suoi bisogni e della qualità complessiva della sua vita. 
Di conseguenza occorre una rete di servizi piuttosto che una loro somma, in modo che la persona disabile e la sua famiglia percepiscano il progetto individuale di partecipazione sociale come un percorso unitario, funzionale al miglioramento di diversi aspetti della vita.
Dal punto di vista teorico e metodologico ci sono però delle motivazioni ben più profonde del nostro istinto, studiate ed indicate dall’OMS (Organizzazione mondiale della Sanità). Lo studio di queste linee guida ci permette di progettare al meglio e di trovare sempre risorse esterne (finanziamenti) ma anche interne (disponibilità e passione a volte vanno rispolverate).
Tra i concetti chiave che riteniamo importanti ritroviamo la definizione di SALUTE (OMS, 1986) che afferma che siamo in condizione di salute quando l’organismo ha la capacità di provare soddisfazione nel lavoro, nell’amore e nel gioco e riesce a rispondere efficacemente nell’ambito di stress ordinari e straordinari.
La SALUTE pertanto viene vista come una RISORSA e non come obiettivo di vita.

Convenzione

Una modalità di realizzazione di detto centro avviene con finanziamenti a retta, secondo una convenzione stabilita a livello locale fra l’ente attuatore, i sevizi sociali dell’USL e i servizi sociali del territorio: si fa riferimento in particolare alla L. 328 dei piani di zona.

Il gruppo tecnico scientifico
Sempre nella logica del lavoro di rete.
Le parti in convenzione convengono di costituire un Gruppo tecnico scientifico per l’ammissione, la frequenza e la verifica dell’andamento dei singoli progetti d’inserimento.


Tale gruppo è composto dalle seguenti unità:


• un responsabile del Centro
• un professionista individuato dall’Unità Operativa e di Medico-Riabilitativa dell’Azienda Ospedaliera
• un professionista delle Unità Operative Socio-Sanitarie afferenti ai Dipartimenti di Cura primarie dell’ Azienda USL del territorio di competenza.


Il Gruppo Tecnico Scientifico
, per le ammissioni dei casi e gli inserimenti, sarà integrato dal Responsabile dei Servizi sociali o un suo rappresentante e/o il Responsabile del caso del Comune di appartenenza.
Il G.T.S. ha funzioni di monitoraggio della qualità, di garanzia nei confronti della convenzione sull’andamento complessivo del Centro, di proposta e di valutazione di nuovi ingressi, di stesura e verifica degli obiettivi generali e dei risultati raggiunti dagli utenti, dei collegamenti con i servizi sociali del territorio.

 


Contatti

Maria Grazia Aretusi.
Conrad Binder. Anna Perale.
Viale Don Calabria, 13
44100 Ferrara
Tel. 0532-747955 Fax:0532-747921
E-mail:
anna.perale@cittadelragazzo.it

1 2 3 4 ...5 ...6 7 8 10