Se ti piace il nostro sito votalo adesso con un click sul pulsante Google +1 qui sotto :


a rischio la foresta Amazzonica : Dighe in Brasile pronte entro il 2021

Dighe in Brasile pronte entro il 2021, a rischio la foresta Amazzonica e interi villaggi

Le persone sono costrette a lasciare le loro case e i villaggi sommersi dall’acqua. Tuttavia, le dighe idroelettriche in costruzione forniranno solamente il 5% del fabbisogno energetico di cui il paese ha bisogno per i prossimi dieci anniScritto da Alessandro Proietti il 13 febbraio 2013 in Ambiente

 

Quando sarà completata nel 2015, la diga idroelettrica Jirau si estenderà per otto chilometri attraverso il fiume Madeira con le turbine più grandi del pianeta. Poi ci saranno le linee elettriche, lungo un percorso di 2.250 chilometri tra boschi e campi, che porteranno energia a uno dei centri nevralgici del Brasile, la città di San Paolo. Tuttavia, ciò non sarà sufficiente. La diga e il complesso urbano di Santo Antonio forniranno solo il 5% del fabbisogno energetico del paese, ciò di cui avrà bisogno il paese nei prossimi dieci anni. Gran parte delle opere architettoniche saranno completate anche nella foresta Amazzonica, la più grande e ricca biodiversità al mondo.

Il Brasile, tra il 2013 e il 2021, ha in programma di costruire 34 dighe nel tentativo di incrementare la capacità di produrre energia più del 50%. Il paese sudamericano, in questo senso, ha ricevuto meno attenzione rispetto alla Cina, che ha anche diversificato investimenti lontano dall’Asia. Il Brasile ha intrapreso uno dei più grandi progetti di opere pubbliche al mondo, che costerà complessivamente 150 miliardi di dollari, sfruttando anche la grande forza dei fiumi. L’obiettivo è far diventare il paese moderno, efficiente, con ampio rifornimento di energia per gli uffici, le catene di montaggio, le raffinerie e le opere pubbliche. “Il paese sta crescendo – ha spiegato Eduardo de Melo Pinto, presidente dell’azienda Santo Antonio Energia, al Guardian – e il potenziale di produzione di energia in Brasile si trova, per la gran parte, in Amazzonia. Ed è per questo che è importante sviluppare tale progetto”.

 

L’International Rivers, un gruppo ambientalista statunitense che ha monitorato le agenzie governative coinvolte nella costruzione delle dighe, ha detto che 168 dighe saranno completate entro il 2021. La gran parte delle quali saranno utilizzate per regolare l’acqua o per dare energia ai silos, agli impianti di estrazione minerari o ai complessi industriali. Le grandi dighe, secondo i piani del governo, inonderanno almeno 6.470 chilometri quadrati di boschi e campi. Le associazioni ambientaliste sostengono che costruire dighe rappresenti un ritorno al passato, non il tipo di progetti che un paese moderno e democratico dovrebbe avere. Il Brasile dovrebbe puntare sullo sviluppo di energia eolica e solare. Alcuni residenti dello stato di Rondonia sono stati costretti, previo basso indennizzo economico, ad abbondare i loro villaggi e paesi. Sono state sradicate intere comunità di agricoltori e pescatori.

 

Nessun leader brasiliano è focalizzato su questi progetti come la presidente Dilma Rousseff, ex guerrigliera e a capo del ministero dell’Energia nel precedente governo. Il Brasile è un paese che ha il “privilegio” di possedere numerosi fiumi ed è logico produrre tanta energia idroelettrica. Il mix energetico (eolico, solare, biomasse e tutte le energie rinnovabili), secondo gli esperti, è tra i più puliti e sostenibili al mondo. “La crescita economica – ha spiegato la Rousseff durante la cerimonia di inaugurazione di una diga nell’ottobre scorso – non è in contrasto con le migliori pratiche ambientali. Stiamo dimostrando che è possibile aumentare la produzione di energia elettrica e allo stesso tempo rispettare l’habitat”.

 

il capo della tribù "Kaya trovi" ha ricevuto la notizia peggiore della sua vita:

Dilma, il presidente del Brasile, ha approvato

per la costruzione di un grande impianto idroelettrico (la terza più grande al mondo).

della diga sommergerà le circa 400 000 ettari di foresta.

>>>>

>>>>

E 'la pena di morte per tutti i popoli che vivono vicino al fiume,

 

Più di 40.000 indiani dovranno trovare nuovi luoghi da vivere.

La distruzione di habitat naturali, la deforestazione e l'estinzione di molte specie sono fatti!

 

Sappiamo >>>> una immagine vale più di mille parole

 

e mostrare il prezzo reale da pagare per "qualità della vita" dei nostri stili di vita dice "moderna"

 

C'è spazio >>>> più nel nostro mondo per coloro che vivono in modo diverso,

 

tutto deve essere livellato, che tutti in nome della globalizzazione,

 

deve perdere la sua identità, stile di vita.

 

Ancora nessun commento ...