Se ti piace il nostro sito votalo adesso con un click sul pulsante Google +1 qui sotto :


relax : Le erbe del relax: melissa, passiflora, tiglio e valeriana

Tutti noi viviamo grandi o piccoli momenti di stress più o meno forte, ansia, scoraggiamento, paure, debolezze e chi più ne ha più ne metta. Spesso si sottovaluta l'importanza di quei momenti di meritato relax che ci dovremmo concedere ogni giorno (io per prima faccio questo errore!) utili alla rigenerazione del nostro organismo e anche alla nostra mente che può tornare a "respirare" dopo il peso di tanti pensieri.

La natura come sempre ci viene in soccorso dolcemente e ci sostiene nel nostro cammino, a volte difficile e faticoso. In questo post conosciamo meglio quelle che possono essere considerate le "erbe del relax", alcune piante dalle doti particolarmente distensive e calmanti. Si tratta di melissa, passiflora, tiglio e valeriana, un elenco non esaustivo dato che se ne potrebbero aggiungere altre come ad esempio la camomilla.

MELISSA

Questa pianta si utilizza in particolare quando c'è ansia che genera somatizzazioni a livello del sistema gastrointestinale. La melissa infatti agisce come antinfiammatorio e antispastico ed è in grado di alleviare disturbi come nausea, indigestione, crampi addominali ma anche dolori legati al ciclo mestruale. Spesso poi le tensioni si accumulano nella testa e si può accusare dolore, ecco allora che anche in questo caso può venirci in aiuto la melissa che, grazie all'olio essenziale presente nelle sue foglie, è in grado di calmare e rilassare il sistema nervoso ma anche i muscoli.

PASSIFLORA

La potenza della passiflora si trova in particolare nelle sue estremità fiorite che in fitoterapia si utilizzano con azione calmante sul sistema nervoso. E' una pianta adatta a chi soffre di stati ansiosi e viene spesso consigliata anche a chi ha problemia di insonnia in quanto favorisce un sonno notturno senza risvegli e inoltre evita quella fastidiosa sensazione di stordimento al mattino. Avendo anche un'azione antispasmo, la passiflora si può utilizzare in tutti i disturbi dovuti appunto ad una contrazione dei muscoli tra cui crampi mestruali, coliti, tosse, ecc. C'è chi la consiglia anche in menopausa per far fronte ai più comuni disturbi.

TIGLIO

In fitoterapia il tiglio è utilizzato per le sue proprietà rilassanti non solo a livello del sistema nervoso ma anche di quello circolatorio. Ottimo rimedio quindi in tutti i casi in cui si deve fronteggiare stress, ansia, insonnia ma anche mal di testa, pressione alta e tachicardia dovute al nervosismo. Al tiglio, di cui si utilizzano sia le foglie che i fiori, si riconoscono anche proprietà antinfiammatorie e mucolitiche ecco perché a volte questo rimedio naturale si consiglia a chi ha problemi all'apparato respiratorio come tosse e catarro.

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
scuola di reiki bologna
REIKI : ARTE DI CURA CON LE MANI
SCUOLA DI REIKI BOLOGNA [ CLICK QUI ]

VALERIANA

Questa è probabilmente la pianta maggiormente conosciuta e utilizzata per i più comuni problemi legati al sistema nervoso dato che appena si entra in farmacia si notano spesso vicino al bancone quelle piccole pilloline a base di valeriana. Anche questa pianta possiede proprietà rilassanti e favorisce il sonno di cui ne migliora anche la qualità. Si utilizza poi contro ansia e crampi intestinali.

Come assumerle

Se il vostro problema non è particolarmente forte e vistoso oppure se avete una costituzione molto reattiva potete semplicemente prepararvi ogni sera o al bisogno una tisana composta da una o più di queste piante. In alternativa in erboristeria troverete le tinture madri o gli estratti secchi di queste erbe sotto forma di compresse o ancora prodotti composti da mix di piante sedative e calmanti. In base al rimedio che preferite e scegliete chiedete alla vostra erboristeria di fiducia di indicarvi la posologia più adatta alla vostra situazione. Importante ricordare che queste erbe, ad eccezione del tiglio, sono sconsigliate durante la gravidanza e l'allattamento. Inoltre è sempre bene accertarsi, prima di assumerle, di non essere allergici.

Alla prossima e buon relax!!!

Francesca

http://www.greenme.it/spazi-verdi/naturomania/970-le-erbe-del-relax-melissa%2C-passiflora-e-tiglio

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php


#spaziosacro

TROVA LA CURA NATURALE

TROVA LA CURA NATURALE CON UN CLICK

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

Valium naturale ? lo produce gia' il cervello

Una proteina naturale prodotta in una zona limitata dal cervello dei mammiferi che ha lo stesso effetto del Valium, il famoso farmaco anti-ansia e calmante commercializzato nel 1965, e può agire un po' come la molecola. Ovvero porre un freno su alcuni tipi di crisi epilettiche, controllare le convulsioni febbrili o anche offrire un supporto nell’astinenza acuta da alcol. A fare la scoperta è un team della Stanford University of Medicine (Usa) che ha pubblicato lo studio sulla rivista 'Neuron'.

 

 

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
scuola di reiki bologna
REIKI : ARTE DI CURA CON LE MANI
SCUOLA DI REIKI BOLOGNA [ CLICK QUI ]

La proteina conosciuta come inibitore che regola l'eccitabilità dei neuroni della diazepina (Dbi), agisce nel circuito chiave del cervello in cui avvengo i processi all'origine delle scariche ad alta frequenza responsabili delle crisi epilettiche. Secondo i ricercatori la proteina 'simil Valium' potrebbe rivelarsi così un prezioso alleato nello sviluppo di nuove terapie con meno effetti collaterali rispetto a quelle più vecchie.

"Questo è uno dei risultati più interessanti che abbiamo avuto in molti anni - afferma John Huguenard, autore dello studio - e per la prima volta dimostra che nel nucleo profondo del cervello viene prodotta una piccola proteina che agisce come un benzodiazepine, una classe di di farmaci che comprende anche il noto, ma ormai superato, ansiolitico Valium".

http://www.adnkronos.com/IGN/Daily_Life/Benessere/Medicina-cervello-produce-valium-naturale-frena-crisi-epilettiche_32249797762.html

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php


#spaziosacro

TROVA LA CURA NATURALE

TROVA LA CURA NATURALE CON UN CLICK

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

Acqua ossigenata: 10 interessanti utilizzi per la casa e la persona

 

L'acqua ossigenata, o perossido di idrogeno, è una sostanza non inquinante e completamente biodegradabile che può risultare utile in diversi ambiti ed in particolar modo per la cura della casa e della persona. Ad esempio, scegliendo acqua ossigenata a basse concentrazioni, è possibile ottenere un collutorio disinfettante ed un dentifricio fai-da-te per sbiancare i denti. L'acqua ossigenata è solitamente acquistabile in farmacia o parafarmacia. Per uso personale e domestico è bene scegliere l'acqua ossigenata a concentrazioni più basse (3%, corrispondente a 10 volumi). Scopriamo insieme alcuni dei suoi possibili utilizzi.

 

 

1) Collutorio

L'acqua ossigenata può essere utilizzata come collutorio per sbiancare i denti, come indicato da parte di WikiHow. L'acqua ossigenata da acquistare a tale scopo deve rappresentare una soluzione al 3%, considerata una concentrazione sicura per il cavo orale. Come collutorio è possibile impiegarne un paio di cucchiai. L'impiego di acqua ossigenata come collutorio viene indicato per essere messo in pratica prima di lavarsi normalmente i denti.

2) Dentifricio sbiancante

Come suggerito ancora una volta da WikiHow, l'acqua ossigenata può essere impiegata per creare un dentifricio sbiancante fai-da-te da utilizzare una volta alla settimana. E' necessario mescolare 2 cucchiaini di acqua ossigenata e 3 cucchiaini di bicarbonato, fino ad ottenere un composto utilizzabile come dentifricio. Si può aggiungere una goccia di olio essenziale di menta un pochino del proprio normale dentifricio.

3) Disinfettare il bucato

Potrebbe esservi la necessità di disinfettare il proprio bucato, ad esempio in caso di macchie di sangue, pannolini o assorbenti lavabili e vestiti dei bambini. E' possibile aggiungere una piccola quantità (un solo cucchiaio) di acqua ossigenata al catino dell'ammollo degli abiti prima di passare al lavaggio in lavatrice per ottenere un effetto disinfettante. Per non rischiare di scolorire il bucato, è bene utilizzare questo rimedio soltanto con i capi bianchi.

4) Disinfettante per la pelle

Per via dell'abitudine di acquistare prodotti disinfettanti pensati appositamente a tale scopo, non tutti sono a conoscenza di uno degli impieghi principali dell'acqua ossigenata, che consiste nel suo utilizzo per disinfettare la pelle in caso di escoriazioni e ferite. E' necessario evitare che l'acqua ossigenata entri a contatto con la pelle sana e con gli occhi.

5) Disinfettante per le superfici

L'acqua ossigenata può essere utilizzata come disinfettante per le superfici lavabili della casa, con particolare riferimento alle maniglie delle porte e delle finestre ed ai sanitari. Per tale motivo l'acqua ossigenata può essere considerata un rimedio multiuso utile da portare con sé in viaggio, nel caso in cui vi sia la necessità di disinfettare la propria pelle o l'ambiente in cui ci si trova.

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
scuola di reiki bologna
REIKI : ARTE DI CURA CON LE MANI
SCUOLA DI REIKI BOLOGNA [ CLICK QUI ]

6) Sbiancare le unghie

Se il colorito delle unghie non risulta perfetto, ad esempio a causa della nicotina delle sigarette o per via di un utilizzo prolungato di smalti di colore scuro, è possibile ricorrere ad un rimedio a base di acqua ossigenata, che consiste nell'aggiungere un cucchiaio di questa sostanza in un pentolino d'acqua calda e nell'immergere le unghie in questa soluzione per dieci minuti.

7) Schiarire le macchie della pelle

L'acqua ossigenata, in piccole quantità ed alle concentrazioni più basse, può essere utilizzata per schiarire le macchie della pelle, presenti ad esempio sul viso o sulle mani. Deve essere applicata in piccole quantità sulla pelle con l'aiuto di un batuffolo di cotone nelle ore serali e per più giorni, sempre nella quantità di poche gocce, fino ad ottenere l'effetto desiderato. E' necessario fare attenzione in caso di arrossamenti o pelle sensibile.

8) Sbiancare il bucato

L'acqua ossigenata può essere sostituita alla candeggina (un prodotto altamente irritante ed inquinante) non soltanto per disinfettare ma anche per sbiancare il bucato, soprattutto in caso di capi bianchi che si siano ingrigiti con il tempo ed i lavaggi. Può essere versata nel cestello della lavatrice nella quantità di un solo cucchiaio. Se si teme che l'acqua ossigenata possa avere un effetto troppo forte sul bucato, è bene ricorrere ad un'alternativa anch'essa non inquinante, e sicura, alla candeggina. Si tratta del percarbonato di sodio, acquistabile online o nei negozi di prodotti naturali.

9) Pediluvio

L'acqua ossigenata può essere utilizzata da parte di coloro che frequentano spesso palestre e piscine per eliminare il pericolo di incorrere in infezioni da funghi, per via del suo elevato potere battericida. Piccole quantità di acqua ossigenata possono dunque essere aggiunte alla normale acqua impiegata per il pediluvio da effettuare alla sera o dopo lo sport.

10) Disinfettante in cucina

L'utilizzo dell'acqua ossigenata è stato indicato come adatto alla disinfezione degli utensili da cucina, con particolare riferimento a taglieri e coltelli. In particolare l'acqua ossigenata, in combinazione con l'aceto bianco, sarebbe in grado di eliminare in modo totale dalle cucine contaminate da tali batteri sia E.coli che Salmonella.

Conoscete altri utilizzi interessanti per l'acqua ossigenata?

Marta Albè

http://www.greenme.it/consumare/detergenza/10542-acqua-ossigenata-utilizzi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php


#spaziosacro

TROVA LA CURA NATURALE

TROVA LA CURA NATURALE CON UN CLICK

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

Come allontanare i piccioni dal balcone in modo naturale

Come allontanare i piccioni dal balcone o dal terrazzo senza ricorrere a rimedi drastici, pericolosi e dannosi per i volatili?

 

 

In vendita si trovano purtroppo trappole e prodotti chimici utilizzabili per scacciare i piccioni. Se essi rappresentano davvero per voi un motivo di disturbo, preoccupatevi di allontanarli in modo naturale e non violento.

1) Spaventapasseri

 

I piccioni temono la presenza degli uccelli predatori. Pensiamo ad esempio ad aquile e falchi. Data l'assenza in città di predatori, è possibile ricorrere a dagli spaventapasseri che ne riproducano le sembianze e che possano così dissuadere i piccioni dall'avvicinarsi al balcone nel momento in cui scorgano le loro sagome.

2) Gufi

 

Pare proprio che i piccioni abbiano paura dei gufi e che a destare il loro timore sia il brillio dei loro occhi di colore dorato. Provate a dipingere degli occhi di gufo grandi e tondi, di colore giallo o di colore arancio, da applicare alla vostra finestra o al vostro balcone. I piccioni, nel vederli, dovrebbero allontanarsi.

3) Vecchi CD

 

I CD per via della loro superficie riflettente, così come gli specchi o altri oggetti con le medesime caratteristiche, possono essere d'aiuto per allontanare i piccioni, in quanto i riflessi luminosi che essi creano sono ritenuti in grado di impaurire i volatili. E' per questo motivo che i vecchi CD vengono utilizzati talvolta anche come spaventapasseri.

Leggi anche: 14 idee per riciclare vecchi CD e DVD

4) Girandole

 

Se il vostro problema riguarda la necessità di proteggere dall'arrivo dei piccioni i vasi posizionati sul vostro balcone, potrebbe essere utile inserire all'interno di essi delle girandole colorate. I loro colori accesi, i loro movimenti in caso di vento ed i riflessi della luce del sole su di esse potranno contribuire a dissuadere i piccioni dall'avvicinarsi ai vasi o ai balconi.

5) Dispositivi ad ultrasuoni

 

In vendita esistono dei dispositivi ad ultrasuoni adatti ad allontanare i piccioni. Si tratta di un rimedio innocuo sia per l'uomo che per i volatili, a cui ricorrere nel caso in cui non vi sia proprio altra soluzione, anche poiché tali dispositivi pare risultino piuttosto costosi. Gli ultrasuoni dissuaderanno i piccioni dall'avvicinarsi al balcone, senza recare loro alcun danno.

6) Spezie

 

Come può avvenire nel caso di altri volatili o animali, i piccioni non amano il forte odore delle spezie più piccanti ed avvertirlo potrebbe rappresentare per loro un segnale di pericolo ed un motivo per allontanarsi. Tra le spezie ritenute maggiormente efficaci, con cui riempire delle ciotoline da posizionare sul balcone, vi sono il pepe, il peperoncino e la cannella.

7) Eliminare le fonti di cibo

 

Come è ben noto, i piccioni vengono facilmente attirati dalla presenza di cibo, a partire dalle semplici briciole. E' dunque consigliabile non lasciare alcuna traccia di cibo sui balconi o sui davanzali, se si desidera evitare l'arrivo dei piccioni. Anche le ciotole con il cibo per gli animali domestici potrebbero attirare i piccioni.

8) Carta stagnola

 

Uno dei possibili usi alternativi della carta stagnola consiste nello sfruttarla come superficie riflettente ritenuta adatta ad allontanare i piccioni dal balcone. Delle strisce di carta stagnola potrebbero, ad esempio, essere avvolte attorno alla ringhiera del balcone, o essere posizionate sul davanzale.

Leggi anche: Fogli d'alluminio: 10 riutilizzi creativi

9) Nastro riflettente

 

Una alternativa alla carta stagnola reperibile in commercio è costituita da un nastro riflettente dalla superficie cangiante, che a contatto con la luce del sole può risultare in grado di produrre dei bagliori che dissuaderanno i piccioni dall'avvicinarsi.

10) Oli essenziali

 

A coloro che desiderano allontanare i piccioni in modo naturale potrebbe essere utile conoscere l'esistenza in vendita di miscele di oli essenziali in cubi ad azione repulsiva nei confronti dei piccioni, descritte come resistenti all'acqua e adatte ad essere sistemate nelle vicinanze dei tetti, dei terrazzi e dei balconi delle abitazioni.

Marta Albè

http://www.greenme.it/abitare/cani-gatti-e-co/10532-come-allontanare-piccioni

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php


#spaziosacro

TROVA LA CURA NATURALE

TROVA LA CURA NATURALE CON UN CLICK

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

Timo: proprieta', i mille usi e come coltivarlo

Il timo (Thymus vulgaris), conosciuto anche come erbuccia o sermollo, è un arbusto di dimensioni ridotte e dalle foglie di colore verde-grigio e piuttosto piccole, dal profumo intenso ed immediatamente avvertibile, in particolar modo sfregandole tra le dita. .

 

 

La fioritura del timo avviene tra la primavera e l'estate, con la comparsa di fiori di colore rosato. L'impiego del timo è particolarmente indicato per il trattamento delle affezioni che interessano le vie respiratorie. Esistono centinaia di varietà di timo, alcune delle quali sono caratterizzate da un piacevole aroma di limone.

Le proprietà del timo

 

Il timo può vantare un inaspettato contenuto vitaminico, sia in riferimento alla vitamina C che alle vitamine del gruppo B. Contiene inoltre timolo, linaiolo e sali minerali. Si tratta di una pianta officinale ed aromatica, che presenta al proprio interno un olio essenziale e sostanze benefiche grazie alle quali al timo vengono attribuite proprietà balsamiche, anticatarrali ed antisettiche. Tra i sali minerali contenuti nel timo troviamo manganese, ferro, potassio, calcio e magnesio. Il suo contenuto di vitamina C permette di contribuire la resistenza dell'organismo alle infezioni ed all'azione dei radicali liberi.

Il timo è inoltre considerato un tonico ed uno stimolante dell'apparato digerente, dunque utile a favorire una buona digestione. E' inoltre ritenuto da parte della medicina alternativa come un vero e proprio antibiotico naturale. Esso è altresì considerato come un diuretico e risulta quindi utile in caso di ritenzione idrica ed al fine di favorire il buon funzionamento del sistema linfatico.

L'impiego del timo nella propria alimentazione e sotto forma di bevanda ottenuta per infuso può contribuire alla regolarizzazione del flusso mestruale. Uno studio condotto da parte della Leeds Metropolitan University ha indicato il timo come un possibile rimedio benefico nel trattamento dell'acne. Al timo vengono infine attribuite significative proprietà antiossidanti nella protezione delle membrane cellulari.

Gli utilizzi del timo

 

Dal punto di vista della cura naturale della salute, il timo viene utilizzato soprattutto sotto forma di sciroppo e di infuso, da impiegare in caso di malattie delle vie respiratorie, di tosse e di raffreddore. L'olio essenziale di timo può essere impiegato in caso di naso chiuso per effettuare dei suffumigi con acqua bollente, al fine di contribuire a decongestionare e liberare le vie respiratorie.

L'infuso di timo viene particolarmente indicato per risolvere problemi di gonfiori intestinali e di aerofagia dovuta a cattiva digestione. L'infuso di timo trova inoltre impiego nella preparazione di un collutorio naturale adatto all'esecuzione di risciacqui e gargarismi, da effettuare in caso di alito cattivo o di mal di gola. Il timo è un disinfettante ed antibatterico naturale che contribuisce a contrastare i germi che possono provocare tali distrurbi. Altri utilizzi dell'infuso di timo ne prevedono l'impiego nei pediluvi, al fine di alleviare la sensazione di stanchezza e di affaticamento che potrebbe presentarsi a fine giornata a livello degli arti inferiori. L'infuso di timo freddo rappresenta inoltre un ottimo rimedio da utilizzare come ultimo risciacquo in caso di capelli deboli, per rinforzarli.

L'impiego del timo in cucina, come spezia da utilizzare per il condimento delle pietanze e per la preparazione di zuppe e di minestre, permette di proteggere il proprio organismo in maniera naturale dalle malattie da raffreddamento tipiche dell'inverno e può contribuire a stimolare il buon funzionamento del nostro sistema immunitario. Per la preparazione di infusi o di decotti a base di timo si impiegano solitamente 5 grammi dello stesso per ogni 100 grammi d'acqua.

In cucina l'aggiunta di timo durante la cottura o come condimento per i legumi può contribuire a facilitare la digestione degli stessi ed a permettere che non compaiano problemi di gonfiore intestinale. Un vasetto di timo collocato sul davanzale, sul balcone o in cucina permette di allontanare naturalmente gli insetti.

Come coltivare il timo

 

Il timo, che appartiene alla famiglia delle labiate - la stessa della maggiorana - è un arbusto resistente che può essere coltivato come pianta aromatica poliennale. La sua coltivazione può avvenire a partire dai semi o mediante talea. La semina del timo può avvenire in semenzaio dall'inizio della primavera fino al mese di giugno.

Il trapianto del timo dal semenzaio al vaso potrà avvenire a circa due mesi di distanza dalla semina. Durante l'estate la piantina di timo potrebbe richiedere annaffiature piuttosto abbondanti. Subito dopo la semina, ricoprite i semi con un leggero strato di terriccio e procedete alla prima annaffiatura. Si consiglia di effettuare la talea in tarda primavera o nel mese di agosto, a partire da piante resistenti e di età compresa tra i due ed i quattro anni, prelevando porzioni di 7-10 centimetri.

La raccolta del timo avviene dalla primavera alla fine dell'estate, indicativamente da maggio ad agosto. Della pianta si utilizza in modo particolare la parte aerea, con riferimento dunque sia ai fiori che alle foglie. Il timo fresco può essere conservato in frigorifero in un contenitore forato per circa cinque o sei giorni. L'essiccazione del timo deve essere effettuata all'ombra. Il timo essiccato deve essere conservato in un luogo fresco, asciutto ed al riparo dalla luce in barattoli a chiusura ermetica, preferibilmente in vetro. Le sue caratteristiche rimarranno intatte per un periodo compreso tra quattro e sei mesi.

Marta Albè

http://www.greenme.it/abitare/orto-e-giardino/10559-timo-proprieta-usi-come-coltivare

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php


#spaziosacro

TROVA LA CURA NATURALE

TROVA LA CURA NATURALE CON UN CLICK

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli