Se ti piace il nostro sito votalo adesso con un click sul pulsante Google +1 qui sotto :


Apocalisse atmosferica : 11 milioni di persone fuggono da HARBIN in Cina

La città di Harbin, nella Cina nordorientale, ha letteralmente chiuso per inquinamento. Lunedì 21 ottobre, 11 milioni di persone si sono svegliate avvolte da una cappa di nebbia e smog che ha costretto le autorità a chiudere scuole, strade e aeroporti.

Harbin è una città cinese di circa 11 milioni di abitanti che si trova nella provincia nordorientale di Heilongjiang. Una città tranquilla e non troppo nota, se non fosse che da lunedì è apparsa sulle testate di tutto il mondo con il nome di Airpocalypse (dai termini inglesi “air” e “apocalypse”).

Così l’hanno ribattezzata gli stranieri in Cina quando, il 21 ottobre, nonostante le stazioni meteorologiche prevedessero sole e una temperatura gradevole, i cittadini si sono svegliati immersi in una nebbia di inquinamento che ha costretto le autorità a chiudere le scuole e l’aeroporto dato che la visibilità media era inferiore ai 50 metri.

 

La causa di questa apocalisse atmosferica è stata la prima ondata di freddo invernale che ha costretto molti edifici all’accensione degli impianti di riscaldamento, spesso alimentati da centrali a carbone. Un gesto che ha portato la concentrazione di polveri sottili fuori da ogni limite accettabile.

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
scuola di reiki bologna
REIKI : ARTE DI CURA CON LE MANI
SCUOLA DI REIKI BOLOGNA [ CLICK QUI ]

Il livello di pm2,5 ha raggiunto i 1000 microgrammi per metro cubo in alcuni quartieri. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità non si dovrebbero superare i 20 microgrammi e già una concentrazione superiore a 300 viene considerata pericolosa per salute.

Il peggio però non sembra essere ancora arrivato visto che a Pechino i riscaldamenti sono ancora spenti ma i livelli di pm2,5 oscillano già tra 100 e 300 microgrammi per metro cubo. Secondo quanto riportato dal blog “Il cielo sopra Pechino” pochi giorni fa “a Pechino è arrivata Patti Austin, 63 anni, cantante da premio Grammy: doveva tenere un concerto. Le è preso un attacco d’asma appena sbarcata”.

http://www.lifegate.it/it/eco/profit/impatto_zero/news/harbin-apocalisse-atmosferica.html

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php


#spaziosacro

TROVA LA CURA NATURALE

TROVA LA CURA NATURALE CON UN CLICK

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

CANCRO DEL COLON : ESTRATTO DI MELA UCCIDE LE CELLULE DEL CANCRO

Gli oligosaccaridi di mele hanno ucciso fino al 46 per cento delle cellule del cancro del colon umano in vitro e superato il farmaco chemio più comunemente usato. E a differenza di farmaci chemio, gli oligosaccaridi sono naturali e privi di effetti collaterali. Una soluzione naturale per una delle principali cause di morte per cancro?

Il cancro del colon è attualmente la seconda causa di morte per cancro per le donne di tutto il mondo e la terza causa per gli uomini. La cura standard con farmaci chemio, usata per il cancro del colon, ha avuto un successo limitato e può avere effetti collaterali gravi come spasmo coronarico, neurotossicità, anemia, e l’immunosoppressione. Alcuni ricercatori si sono concentrati sulle mele come mezzo naturale per il trattamento e la prevenzione del cancro del colon, perché sono il frutto più consumato in molti paesi e hanno già dimostrato attività contro il cancro al seno, cancro ovarico, tumore al polmone, cancro al fegato, e il cancro del colon.

I ricercatori dedll’ Universitari a Xi’an in Cina, hanno isolato i polisaccaridi (fibre pectina e altri) da mela essiccata e li hanno trattati con pectinasi naturale per abbattere le loro molecole in piccoli oligosaccaridi (che hanno solo 3-10 unità di zucchero per molecola). Gli oligosaccaridi sono stati quindi aggiunti alla coltura del colon umano HT29 cellule tumorali a varie concentrazioni, e confrontati con il farmaco chemio più comunemente usato per il cancro del colon.

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
scuola di reiki bologna
REIKI : ARTE DI CURA CON LE MANI
SCUOLA DI REIKI BOLOGNA [ CLICK QUI ]

Per esempio, a soli 0,9 microgrammi per mL (circa 0,9 PPM), gli oligosaccaridi hanno ucciso il 17,6 per cento delle cellule del cancro dopo 36 ore, mentre il farmaco chemio ha ucciso solo il 10,9 per cento (ad una concentrazione più elevata di 1,3 microgrammi per mL). Ancora più importante è che gli oligosaccaridi delle le mele non sono tossici per le cellule sane e possono essere usati a concentrazioni più elevate possibili. A 9,0 PPM, gli oligosaccaridi hanno ucciso il 46 per cento delle cellule del cancro del colon (il farmaco chemio non è stato testato a questo livello).

 

Leggi dalla fonte originale: www.naturalnews.com

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php


#spaziosacro

TROVA LA CURA NATURALE

TROVA LA CURA NATURALE CON UN CLICK

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

Una nuova Stonehenge italiana scoperta in Umbria

Una nuova “Stonehenge italiana” scoperta in Umbria

Ne parliamo sulla rivista Fenix di ottobre 2013 con un articolo di Emanuele Legumi nella rubrica Luoghi Misteriosi

 

 

 

Una scoperta casuale sembra aver regalato all’Umbria un nuovo sito archeologico e con esso un intricato mistero. Osservando alcune immagini aeree di Verchiano, piccola frazione montana del Comune di Foligno, su una collinetta prospiciente l’abitato, l’appassionato di storia Marcello Betti ha notato un’anomala presenza di tredici cerchi concentrici perfetti. La successiva visita del sito ha portato alla luce una costruzione in pietra a cui nessuno aveva fatto caso, e che nessuno riusciva a spiegarsi. Si tratta di una serie di ampi cerchi di pietre uno dentro l’altro a distanze regolari.

 

Presumibilmente antico, l’idea che fosse un luogo di culto o che venisse usato per le osservazioni astronomiche ci ha condotto lungo una nuova pista, dopotutto le altre stonehenge italiane hanno in comune questa ipotesi. Non a caso anch’esso si trova esattamente in cima ad una collinetta nei pressi di una importante via di comunicazione del III secolo a.C. che univa la Valle Umbra all’Alto Piceno. Costruzioni circolari che riportano alla memoria la civiltà nuragica con la famosa Barumini in Sardegna o Arkaim negli Urali dove, intorno all’età del bronzo, la misteriosa popolazione dei Sintashta costruì un’intera città a geometria circolare. Le pietre disposte in cerchi concentrici costituivano luoghi sacri a ricordare la forma del Disco Solare, che questa popolazione sembra venerasse come un dio. Ma qui siamo di fronte a qualcosa di differente.

 

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
scuola di reiki bologna
REIKI : ARTE DI CURA CON LE MANI
SCUOLA DI REIKI BOLOGNA [ CLICK QUI ]

Il cerchio più esterno, con diametro di circa 50 metri, se pur fabbricato con lo stesso materiale, sembra realizzato da una mano diversa. Se gli altri sono composti da pietre tagliate rozzamente e accatastate in maniera casuale ma comunque secondo una linea precisa e ordinata, quest’ultimo è costituito per circa un terzo di circonferenza (per la parte rimasta oggi ancora intatta) da un vero e proprio muretto a secco alto più di un metro e largo altrettanto, eseguito con impeccabile precisione. Non è presente, come negli altri casi, il relativo solco e non si coglie il reale utilizzo di questo cerchio nell’ottica di un dissodamento di un’area montana. Ci suggerisce quindi essere un recinto per chiudere e chissà, forse proteggere l’area sacra.

 

Dunque i cerchi dovevano essere 12? Un numero non certo casuale. Simbologia numerica ben più antica dei 12 apostoli, essa tocca culti che vanno dall’Egitto al nuragico.

Un disegno che doveva essere visto dall’alto, un’opera finalizzata a qualcosa di ancora sconosciuto, forse di sacro se posto in relazione con gli altri siti. Quando viene rinvenuto qualcosa di enigmatico, è atto scientifico confrontarlo con elementi simili conosciuti, per cercarne le coincidenze. Come ad esempio i labirinti sull’isola di Gotland in Svezia, cerchi che affiorano dal terreno per la presenza di un flusso di energia tellurica che avrebbe un effetto benefico sull’organismo, in quanto se percorso si possono assorbire energie salutari. Non è casuale che occorre seguire le linee dei labirinti pavimentali per trarne beneficio.

L’intenzione, fino a prova contraria, è di proseguire con le ricerche, sia nell’analisi del terreno, nella ricerca di documenti, che nella raccolta delle testimonianze affinchè si riesca a trovare una soluzione all’enigma.

 

Estratto dell’Articolo di Emanuele Legumi associazione Il Bosco di Armenzano in collaborazione con Luoghi Misteriosi sulla rivista Fenix

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php


#spaziosacro

TROVA LA CURA NATURALE

TROVA LA CURA NATURALE CON UN CLICK

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

ORTICARIA : cure naturali

L’orticaria può essere causata da mangiare semplice di cibo come arachidi e fragole e dall’assunzione di alcuni farmaci come la penicillina e l’aspirina.

 

Anche gli integratori vitaminici possono innescare i ponfi tipici. La luce del sole, l’esercizio fisico, il caldo, il freddo, lo stress, possono causare quelle macchie rosse gonfie e pruriginose che sono così dolorose.

 

In realtà non è necessario acquistare un prodotto per avere buoni rimedi per il prurito causato dall’orticaria. Non avete nemmeno bisogno di rischiare gli effetti collaterali delle sostanze chimiche, perché ci sono alternative naturali ai più comuni rimedi da banco contro l’orticaria.

 

Idratante. Alcuni tipi di orticaria potrebbe essere innescati dalla pelle secca. In questo caso, applicare un idratante può essere la soluzione migliore per trattare i ponfi a casa per cancellare il prurito, il dolore, e anche il gonfiore.

Bicarbonato di sodio e farina d’avena. Riempire a metà la vostra vasca da bagno con acqua e mescolare metà scatola di bicarbonato di sodio e una tazza di farina d’avena. Immergere la zona colpita nell’acqua e aspettare che la sensazione si allevi. Se non si ha in casa il bicarbonato di sodio, si può semplicemente utilizzare tre cucchiai di amido di mais (maizena).

Ghiaccio. Basta prendere alcuni pezzi di cubetti di ghiaccio dal freezer. Mettere il ghiaccio in un asciugamano e applicare sulla zona interessata. Questo almeno può alleviare il prurito, se fatto tre o quattro volte ogni giorno.

Latte. Bagnate un pezzo di stoffa con latte fresco o refrigerato. Posate il telo sulla zona interessata per circa 10 o 15 minuti.

Bendaggio. Fate un bendaggio elastico o indossate indumenti in grado di avvolgere la zona interessata. Coprendo questa zona, potete impedire di graffiare la zona colpita dall’orticaria pruriginosa.

Guanti. Si potrebbe graffiare i ponfi senza accorgersene quando si è addormentati. Per essere sicuri, meglio indossare i guanti in modo che le unghie non tocchino la pelle, però le bolle possono causare prurito durante la notte.

Stare in luogo fresco. Accendere il condizionatore d’aria in modo da non sentire il calore. La condizione del calore potrebbe infatti peggiorare le bolle.

Indossate vestiti puliti e di tessuto naturale. Alcuni ponfi sono causati dal sudore ed è per questo che uno dei rimedi dall’orticaria è di indossare vestiti larghi. In questo modo, si evita lo sviluppo e il peggioramento della situazione.

Calamina lozione. Basta applicare una certa quantità di questa lozione sulla zona interessata. Ciò contribuisce ad alleviare alcuni sintomi.

Menta. Alcune persone applicano direttamente l’olio di menta sulla pelle come una modalità di trattamento casalingo dell’orticaria, ma un altro modo di usare questo come rimedio per l’orticaria è facendo alcuni cubetti di ghiaccio alla menta.Se non si ha olio di menta, è possibile invece utilizzare alcune foglie di menta fresca schiacciata. Bollire per circa cinque minuti. Togliere dal fuoco e lasciate raffreddare. Quando è freddo, versare nel vassoio del ghiaccio e mettere nel congelatore. Applicare direttamente i cubetti di menta e di ghiaccio sulla pelle. Questo darà sollievo istantaneo per alveare prurito e arrossamento.

Olio di sandalo. Bagnate un tampone di batuffolo di cotone con olio essenziale di sandalo e applicare telo sulla zona interessata. Il sandalo ha un effetto calmante e di raffreddamento che è ideale come come trattamento casalingo dell’orticaria.

Se nessuno dei rimedi naturali per l’orticaria funziona bene per voi, allora si può sempre andare alla più vicina farmacia e acquistare antistaminici e corticosteroidi. Questi farmaci potrebbero alleviare l’orticaria e i pomfi pruriginosi, ma possono causare effetti collaterali come nausea e sonnolenza.

 

Rimedi per l’orticaria: omeopatia

Parlate dei vostri sintomi individuali con un medico omeopatico che vi potrà dare una cura mirata e personale, in base al vostro problema specifico.

 

Dal punto di vista omeopatico, l’orticaria può essere indicativa di uno squilibrio di fondo, così come l’avversione del corpo ad un agente specifico. Per questo motivo i medici omeopati conducono colloqui inclusivi che coprono tutti gli aspetti dello stato fisico ed emotivo del paziente prima di prescrivere un rimedio.

 

Il rimedio omeopatico sarà scelto sulla base di una moltitudine di fattori, tra cui quale parte del corpo è colpita, se i ponfi bruciano o causano prurito, se i rash sono periodici, se il paziente è irrequieto, se c’è pallore della pelle, le condizioni meteo che inducono l’orticaria, ecc.

 

I rimedi omeopatici specifici per l’orticaria sono:

Arsenicum album,

Bovista,

Dulcamara,

Formica rufa,

Nux vomica,

Pulsatilla,

Rhus toxicodendron

Urtica urens.

Un omeopata esperto sceglierà un recupero progettato per ridurre la portata e la frequenza dei sintomi e per affrontare il disturbo più profondo che sta causando il problema.

 

E ‘fondamentale, dal punto di vista omeopatico, non sopprimere solo i sintomi della pelle, in quanto ciò potrebbe semplicemente guidare il processo di malattia più in profondità nel corpo e finire per influenzare organi vitali.

 

Rimedi non naturali per il prurito da orticaria

Le eruzioni cutanee pruriginose, e in rilievo, versione irregolare di un rash chiamata orticaria, si possono verificare a causa di reazioni allergiche, calore eccessivo, o anche come risposta allo stress in alcuni individui.

 

Eruzioni cutanee di insetti e di piante sono di solito trattate con lozioni e creme di serie disponibile nelle farmacie, e possono risolvere da soli l’orticaria nel giro di ore o giorni, a seconda della causa. Quando rimedi casalinghi e farmaci da banco non riescono a risolvere l’eruzione, i pazienti possono rivolgersi al loro medico di famiglia per adottare soluzioni più forti.

 

Antistaminici

Le reazioni allergiche sono causate da un aumento di istamina nell’organismo. Il rilascio di istamina è la fonte di sintomi come la febbre da fieno, e provoca il rossore, il prurito e l’orticaria, in risposta ai contatti irritante. Se un paziente ha cercato comuni farmaci antistaminici e l’eruzione rimane, può essere necessario farsi prescrivere dei farmaci dal medico.

 

Un esempio di questi farmaci è hydroxyzine (Atarax), che funziona sul sistema nervoso per diminuire la costrizione muscolare e aumentare la sedazione. Inoltre, ha potenti effetti antistaminico e allevia il prurito e l’orticaria. Atarax è assunto per via orale al dosaggio di 25 mg fino a tre volte al giorno per il trattamento a breve termine prurito.

 

Corticosteroidi

I corticosteroidi sono farmaci somministrati per via orale, sulla pelle o sotto la pelle come un’iniezione. Questi farmaci mimano la risposta del corpo per ridurre l’infiammazione (gonfiore). I corticosteroidi applicati direttamente a un rash o sull’area dove ci sono le bolle possono lenire la pelle irritata, ridurre il gonfiore e l’arrossamento e minimizzare la sensazione di prurito. Il beneficio dell’uso topico è che gli effetti collaterali nel corpo sono bassi.

 

Quando le eruzioni cutanee o orticaria non rispondono ai farmaci topici, una dose alta di corticosteroidi per via orale per una settimana o iniettato una volta può fornire abbastanza effetto anti-infiammatorio per guarire completamente il prurito e l’orticaria.

 

Altri rimedi naturali

Bagno con farina d’avena – Per integrare i trattamenti di prescrizione o anche prima che questi farmaci siano necessari, gli operatori sanitari possono raccomandare trattamenti per lenire la pelle e ridurre il rischio di infezione causata da graffi, da un rash o in una zona colpita da orticaria. Anche se gli impacchi freddi sono utili, i bagni con farina d’avena colloidale sono altamente efficaci. L’utilizzo di un pacchetto (circa 2 o 3 tazze di farina d’avena) in una vasca piena di acqua calda disperde la polvere per ottenere una pellicola setosa sulla pelle. Il film calma le irritazioni e copre l’area pruriginosa al fine di idratare la pelle. I bagni di farina d’avena possono essere utilizzati fino a tre volte al giorno per fornire il sollievo massimo.

Orticaria rimedi della nonna

Quando l’orticaria è più grave, si avvertono capogiri, respiro sibilante, senso di oppressione al petto, gonfiore tratti del viso, e si ha difficoltà a respirare, pertanto è caldamente consigliato di rivolgersi ad un medico per questi tipi di sintomi.

 

Per i casi di lieve e media entità, considerare i rimedi casalinghi cosiddetti “della nonna” al fine di accelerare la guarigione e incoraggiare il gonfiore a scomparire:

 

Aloe Vera: Quando viene applicato sulla pelle, il gel di aloe vera riduce l’infiammazione, rinfresca la pelle, allevia il prurito, così come lenisce l’arrossamento e le sensazioni di bruciore e dolore. L’aloe vera gel offre anche un rivestimento protettivo per la pelle afflitta da orticaria.

Ananas: La bromelina trovata nell’ananas si dice abbia proprietà anti-infiammatorie più efficaci di quelle di alcuni farmaci commerciali. La sostanza chimica diminuisce le reazioni allergiche e aiuta ad alleviare l’irritazione. Aumenta la velocità della guarigione anche quando l’ananas viene consumato o applicato direttamente sulla pelle.

Impacchi freddi: Applicare impacchi freddi o un panno umido sulla pelle colpita per godersi un sollievo temporaneo.

Bagno freddo: Immergetevi in un bagno freddo per alleviare il disagio. Evitare di fare bagni caldi, che provocano solo peggioramento del prurito.

Climatizzatore: Accendere il condizionatore d’aria quando si lavora o si dorme per creare un ambiente più confortevole.

Indossare un abbigliamento leggero: Rinunciare alle scelte di abbigliamento pesanti che possono sfiorare la pelle e causare ulteriore irritazione. Scegliere i vestiti leggeri che si adattano liberamente al corpo.

Tisana: Alcune persone sviluppano orticaria associata a stress emotivo. Farsi una tisana è un modo efficace per calmare i nervi. Scegliete camomilla, menta piperita, erba gatta o varietà di fiore della passione, che possiedono proprietà sedative. Un rimedio per l’orticaria può includere un cucchiaio di dragoncello, basilico, camomilla, finocchio e origano. Aggiungere gli ingredienti in un vaso e riempire con cinque tazze di acqua bollente. Coprite il vaso e conservate in frigorifero. Riscaldare una tazza di tè e bere tre volte al giorno.

Tè verde: Curare i casi di orticaria cronica bevendo una tazza di tè verde per due volte al giorno.

Avena: Lenire l’orticaria facendo un bagno di farina d’avena. Riempite un calzino vecchio con farina d’avena. Mentre si riempie la vasca con l’acqua, mettere il calzino nell’di acqua in modo che il contenuto della calza puoi inserire il tuo bagno. Si può anche aggiungere la farina d’avena macinata all’acqua sporca, ma deve essere in polvere in modo da non intasare lo scarico della vasca.

Ginger: Tagliare dello zenzero fresco a pezzetti e aggiungere acqua calda in una grande pentola. Lasciare la miscela sobbollire per circa 10 minuti. Aggiungere il composto alla vostra acqua del bagno e immergere il vostro corpo per almeno 30 minuti.

Curcuma: Il curcurnin trovato nella curcuma lavora per stimolare i naturali anti-infiammatori corticosteroidi che si trovano nel corpo. La spezia è un antistaminico efficace e antiossidante che può aiutare a curare un caso di orticaria.

Prezzemolo: Mangiare prezzemolo crudo o aggiunto a succhi di frutta freschi per rallentare la secrezione di istamina che provoca orticaria.

Lavanda: Calmare e lenire l’orticaria applicando olio essenziale di lavanda direttamente sulla zona della pelle colpita.

Agopuntura: C’è un punto sul muscolo trapezio (che corre tra il collo e la spalla) che si trova a metà strada sul retro che si dice contribuisca ad alleviare il prurito. Alcune persone hanno profondamente massaggiato questo punto e goduto di risultati rapidi.

Ghiaccio: Strofinare un cubetto di ghiaccio sulla pelle colpita. Il freddo restringe i vasi sanguigni e previene il gonfiore e il rilascio di istamina associata con la condizione.

Lozione Calamine: Se avete la calamina lozione nel mobiletto del bagno, siete fortunati. Meglio conosciuto per il trattamento di edera velenosa, la lozione può anche fornire un sollievo temporaneo per il prurito dell’orticaria.

Acqua di amamelide: Le proprietà astringenti dell’amamelide possono mantenere i vasi sanguigni al riparo dalla fuoriuscita di istamina. Usare il liquido freddo per ottenere risultati migliori.

Latte di magnesia: Le sostanze alcaline può aiutare a dare sollievo al prurito. Usare direttamente il latte di magnesia sui ponfi.

Considerazioni finali sui principali rimedi naturali per l’orticaria

Ci sono molti rimedi che ognuno può trovare, sia per un temporaneo sollievo che per un trattamento più profondo e specifico della reazione allergica.

 

Informazione pratiche sui rimedi più efficaci che si possono provare contro l’orticaria.

http://casabenessere.wordpress.com/2013/07/30/orticaria-come-curarla-in-modo-naturale/

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php


#spaziosacro

TROVA LA CURA NATURALE

TROVA LA CURA NATURALE CON UN CLICK

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

DIABETE : un aiuto dalla cannella

I risultati di una recente ricerca condotta in California dimostrano come l’uso della cannella aiuti i soggetti affetti da diabete di tipo 2 nella loro battaglia quotidiana.

 

La cannella, è una spezia buonissima, utile a insaporire tantissime ricette.

 

Delle sue innumerevoli proprietà abbiamo già parlato in un precedente articolo.

 

Abbiamo detto, ad esempio, come abbia un effetto stimolante, utile per mitigare il senso di debolezza in chi soffre di anemia e persino di come abbassi il livello di glicemia del sangue.

 

E proprio dei livelli di glicemia e della prevenzione del diabete vogliamo parlare oggi. In un articolo comparso sull’Huffington post sono stati riportati gli esiti di un interessante studio condotto su alcune persone affette da diabete di tipo 2.

 

Durante lo studio, i ricercatori hanno esaminato i dati raccolti da test effettuati su 543 pazienti affetti da questa particolare forma di diabete, la più comune.

 

Tra i soggetti, alcuni hanno assunto 6 grammi di cannella in forma di integratori, ogni giorno, per un periodo di 18 settimane. La cannella veniva assunta dai soggetti, prima, durante o dopo i pasti.

 

Trascorso questo periodo, i risultati delle analisi effettuate hanno dimostrato come i soggetti che avevano introdotto il consumo di cannella nelle loro abitudini quotidiane avessero fatto registrare un importante calo dei livelli di glucosio plasmatico a digiuno, decisamente superiori rispetto ai soggetti che, nello stesso periodo, non avevano assunto gli stessi integratori.

 

Chi ha fatto la cura di cannella ha beneficiato di risultati importanti per la salute del proprio cuore: una riduzione del colesterolo LDL “cattivo, e dei trigliceridi a fronte di un aumento del colesterolo “buono” HDL, così come affermato dalla ricercatrice Olivia Phung, assistente alla Western University of Health Scienze di California.

 

Lo studio è stato pubblicato online sulla rivista The Annals of Family Medicine ed è consultabile a questo link.

 

Già altri studi hanno dimostrato come inserire il consumo di cannella nelle proprie abitudini alimentari possa produrre importanti risultati sul controllo della glicemia nel sangue.

 

Si legge ancora sull’Huffington Post come studi preliminari abbiano suggerito , ad esempio, che il composto presente nella cannella è responsabile di tutti questi effetti benefici sulla nostra salute sia una sostanza nota come cinnamaldehyde.

 

I ricercatori spiegano che non è ancora chiaro come la cannella riesca a generare un miglioramento dei livelli di zucchero nel sangue. Si sospetta che la cinnamaldehyde operi sul rilascio e sugli effetti dell’insulina.

 

La cosa importante da sottolineare è che, durante le ricerche, si è stabilito che le persone che hanno aggiunto la cannella nella loro dieta hanno fatto registrare una riduzione dei livelli di glucosio a digiuno di quasi 25 milligrammi per decilitro. Decisamente di più, si sottolinea, della riduzione registrata dai pazienti che assumono un particolare tipo di farmaco chiamato sitagliptin.

 

Di sicuro ulteriori ricerche dovranno essere effettuate per comprendere, non solo l’esatta dose di cannella che deve essere assunta dai pazienti che soffrono di diabete di tipo 2, ma anche per quanto tempo e con che frequenza debba essere preso. Di sicuro, però, è un’ottima scoperta per il trattamento alternativo di una malattia che colpisce tantissime persone.

http://casabenessere.wordpress.com/page/23/

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php


#spaziosacro

TROVA LA CURA NATURALE

TROVA LA CURA NATURALE CON UN CLICK

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli