Se ti piace il nostro sito votalo adesso con un click sul pulsante Google +1 qui sotto :


DEMENZA E ALZHEIMER : UTILIZZA LA CURCUMA

A lungo considerata impossibile da realizzare, la nuova ricerca rivela come un semplice spezia potrebbe contribuire alla rigenerazione del cervello danneggiato.

La curcuma è senza dubbio una delle, se non la più versatile spezia di guarigione nel mondo, con oltre 600 sperimentazioni confermano i benefici per la salute, e una storia antica ricca di profondo rispetto per la sua apparentemente povertà compassionevole di alleviare la sofferenza umana.

Ma, la maggior parte del fucus negli ultimi dieci anni è stata incentrata su una sola delle sue centinaia di fitocomponenti: vale a dire, il polifenolo primario nella curcuma conosciuta come la curcumina che dà la spezia suo colore ricco d’oro.

Questa attenzione alla curcumina ha portato allo sviluppo di alcuni prodotti molto buoni, come i fosfolipidi legati alla curcumina (ad es Meriva, BCM-95), che contribuisce notevolmente ad aumentare l’assorbimento e la bio-attività della curcumina. Ma, isolare la curcumina si riduce a una parte del potere terapeutico della curcuma – e qui sta il limite e l’arroganza dominante del modello di ‘isolare il principio attivo’.

In effetti, è diventato tipico all’interno della cosiddetta industria nutraceutica di emulare il modello della farmaceutica, che si concentra sull’identificazione di un particolare albero “monochimico” all’interno della foresta di complessità rappresentata da ogni agente botanico, cercando di standardizzare la consegna di ogni presunto ‘ ingrediente attivo’ con ogni servizio, come se fosse una droga farmaceutica.

Questi processi di estrazione e di isolamento genera anche formule di cui si fanno proprietari i ricercatori che le hanno isolate e in questo modo i produttori vogliono differenziare il loro prodotto da tutti gli altri e d’ora in poi catturare una parte maggiore della quota di mercato; una proposta di valore che serve il produttore e non il consumatore / paziente.

A dire il vero, non c’è una singola ‘pallottola magica’ negli alimenti e le erbe responsabili di generare un potere di guarigione di tutta la pianta. Vi sono, infatti, nella maggior parte delle piante curative o centinaia di composti orchestrati dal intelligente ‘mano invisibile’ di Dio o alimenti ‘Naturali’, o qualsiasi altra cosa si desidera chiamare, e che non può mai essere ridotto alla singola attività di un unico Fitocomposto quantificabile o chimico.

Oltre la ‘pallottola magica’ della curcumina

Ora, un eccitante nuovo studio pubblicato sulla rivista Stem Cell Research & Therapy fornisce un ulteriore conferma a sostegno del concetto che la curcumina da sola non è sufficiente a spiegare il potere curativo della curcuma come pianta intera. Lo studio ha trovato che un componente poco noto, liposolubile all’interno curcuma – Ar-tumerone – può fare “un candidato promettente per sostenere la rigenerazione nella malattia neurologica.”

Intitolato “Aromatic-turmerone induce la proliferazione delle cellule staminali neurali in vitro e in vivo”, i ricercatori tedeschi hanno valutato gli effetti di questo composto derivati dalla curcuma sulle cellule staminali neurali (NSC) – il sottogruppo di cellule cerebrali in grado di auto-rinnovamento continuo necessarie per la riparazione del cervello.

Lo studio ha trovato che quando le cellule cerebrali sono state esposte a ar-tumerone, le cellule staminali neurali sono aumentate in numero attraverso una maggiore proliferazione. Inoltre, queste cellule staminali neurali neo-formate hanno anche aumentato il numero di cellule neuronali completamente differenziate, indicando che un effetto curativo era in corso. Questo effetto è stato osservato anche in un modello animale vivo, mostrando che i topi iniettati con ar-tumerone nei loro cervelli si verifica un aumento neurale con una proliferazione delle cellule staminali e la creazione di cellule cerebrali sane di nuova formazione con esperienza.

Questo studio non è passato inosservato ai principali canali di informazione medica. Qui ci sono alcune buone recensioni, se si desidera esplorare le implicazioni in modo più approfondito:

Newsweek: Curry Potenza: Compound curcuma Aumenta crescita di cellule staminali del cervello

Guardiano Liberty Voice: Cure curcuma Evidence Grows

Monthly Prescribing Riferimento: curcuma può aiutare rigenerare le cellule cerebrali

Tempi di Malta: link curcuma Per Cervello cellulare di riparazione

Medical giornaliera: curcuma aiuta il tuo cervello guarire se stesso: rendere il tuo cervello

Database GreenMedInfo.com curcuma conferma di Brain-risparmio energetico!

Come forse già sapete, il nostro database è più esteso con un accesso aperto al database medico naturale a livello mondiale su oltre 1.800 diverse sostanze naturali, con oltre 1600 abstract dello studio sulle proprietà curative di curcuma indicizzati finora.

Se si dà un’occhiata alla lista di oltre 600 malattie che questa spezia (o i suoi componenti, ad esempio la curcumina) è stata in gradi di prevenire e / o curare, l’enorme volume di bibliografia è stupefacente.

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
scuola di reiki bologna
REIKI : ARTE DI CURA CON LE MANI
SCUOLA DI REIKI BOLOGNA [ CLICK QUI ]

Sorprendentemente, abbiamo individuato oltre 180 vie fisiologiche – secondo la loro caratterizzazione farmacologica convenzionale, ad esempio, COX-2 inibitori, Interleuchina 6 down-regolazione – mediante il quale la curcuma o suoi componenti guariscono il corpo umano. Inoltre, troverete più di 100 articoli su proprietà neuroprotettive di curcuma in questa pagina: Turmeric as a Neuroprotective agent.

La ricerca indica chiaramente che la curcuma è un grande pianta di supporto al cervello. Per un maggiori informazioni potete leggere questi articoli:

• How Turmeric Can Save The Aging Brain From Dementia

• Turmeric Produces ‘Remarkable’ Recovery In Alzheimer’s Patients

• The Spice That Prevents Fluoride From Destroying Your Brain

Come ottenere il massimo dal vostro curcuma

Una delle domande in questo campo più frequente è ‘che cosa è il miglior tipo di curcuma o curcumina da usare’?

Ovviamente, data la suddetta ricerca, l’intero impianto sta per effettuare una vasta gamma di composti terapeutici rispetto alla sola curcumina . Eppure, la maggior parte degli studi si sono concentrati su quanta sostanza molecolare (milligrammi in una porzione) di un particolare composto si debba assumere.

E in realtà, non c’è una risposta generica a una domanda generica circa il modo migliore per prendere la curcuma / curcumina. La domanda viene sempre da un individuo con un particolare bisogno, e quindi, le raccomandazioni devono essere individuali a quella specifica persona.

Ad esempio, se si dispone di un’infiammazione del colon o polipi, e si sta tentando di utilizzare la curcuma per ridurre l’infiammazione lì o regredire escrescenze precancerose, quindi utilizzando l’intera pianta è migliore rispetto a una forma altamente biodisponibile di curcumina in forma di capsule (ad es Meriva), per esempio, che sarà probabilmente assorbito dal piccolo intestino e principalmente attraverso il passaggio nel fegato ma senza ottenere quantità sufficienti per l’intestino crasso. Quindi, nel caso che questa persona prenda un cucchiaino è relativamente difficile che riesca ad assorbire la curcuma può provocare al massimo la colorazione delle superfici malate del lume intestinale o del colon di quella persona evidenziando esattamente la forma necessaria per invertire sulla malattia.

Ma cosa succede se si ha qualcuno che vuole sperimentare un effetto sistemico, per esempio per l’artrite o per il cancro al cervello? In questi casi, ottenendo composti della curcuma come la curcumina attraverso la barriera glucuronidazione nel fegato con il pepe nero (piperine) in combinazione potrebbe essere ideale. Vi è certamente un posto per il modello ‘nutraceutico’ se correttamente applicato, soprattutto quando fornito come coadiuvante per il modello farmaceutico all’interno di un ambiente medico integrativo.

In definitiva, l’obiettivo è di non aspettare di avere un problema di salute serio ma che bisogna sforzarsi di prendere una ‘dose di eroica’ di qualsiasi estratto di erbe o cibo.

La cosa migliore è di utilizzare una piccola quantità in dosi alimentari in combinazione con ingredienti che agiscono in sinergia Recentemente abbiamo effettivamente dimostrato che l’assunzione del rosmarino in dosi alimentari può effettivamente migliorare la memoria.

Questo è il motivo per provare l’uso di curcuma in curry, o con l’aggiunta di un pizzico in un frullato, può essere un approccio ideale di supplementazione giornaliera, al posto della assunzione di capsule, la cui efficacia è discutibile e potrebbe aggiungere stress sul fegato si sta cercando di proteggere con questi interventi naturali. Basta ricordare la qualità è di tutto e di meno è più!

Fonte:

 

Fondatore di WorldTruth.Tv and WomansVibe.com Eddie (4121 Posts)Eddie L. è il fondatore e proprietario di WorldTruth.TV.

https://casabenessere.wordpress.com/2015/03/14/ecco-come-la-curcuma-cura-un-cervello-danneggiato-how-whole-turmeric-heals-the-damaged-brain/

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php


#spaziosacro

TROVA LA CURA NATURALE

TROVA LA CURA NATURALE CON UN CLICK

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

STITICHEZZA ? ECCO COSA NON TI LIBERA DALLA STITICHEZZA

 
massaggio-floreale

OTTIMO RIMEDIO PER LA STITICHEZZA :
MASSAGGIO FLOREALE PER EFFLEURAGE SULL'ADDOME : MASSAGGIO DOLCE E PROFONDO CON OLI ESSENZIALI PURISSIMI E FIORI DI BACH PER VARI DISAGI ADDOMINALI, DOLORI MESTRUALI E AIUTO NEL PARTO [ click qui per tutte le informazioni ]

 

La stitichezza è un problema molto comune, ma per fortuna bastano uno stile di vita sano e un’alimentazione corretta per risolverlo.

Uno dei più grandi ostacoli per liberarsi del problema della stitichezza è NON rendersi conto di essere stitico.

La medicina convenzionale dice che si può parlare di stitichezza quando si hanno meno di due o tre movimenti intestinali a settimana. Ma in realtà si dovrebbe avere almeno un movimento intestinale al giorno, preferibilmente due o tre.

La regolarità intestinale è così importante per la tua salute, perché senza di essa, le tossine si accumulano e circolano di nuovo nel sangue.

La stitichezza, infatti, non è solo fastidiosa, ma porta anche altri disturbi, come le emorroidi.

Quali sono le cause della stitichezza?

Una delle cause principali della stitichezza è una dieta povera – che si concentra su prodotti alimentari raffinati e zucchero ed è carente di verdure fresche che sono buone fonti di fibra.

La fibra aiuta a spostare la massa nell’intestino e favorisce i movimenti intestinali.

Altre cause includono:

• 

abuso di lassativi: Se assumi lassativi per un lungo periodo di tempo puoi diventare dipendente. In primo luogo avrai bisogno di dosaggi sempre più elevati per avere un movimento intestinale, e, infine, l’intestino comincerà a non funzionare più bene.

• sindrome da intestino irritabile: può causare spasmi che rallentano la velocità con cui i contenuti del movimento dell’intestino attraversano il tratto digestivo.

• ignorare lo stimolo di liberarsi: se ignori costantemente lo stimolo di liberare l’intestino, per esempio per evitare di utilizzare un bagno pubblico, a lungo andare smetterai di sentire quello stimolo.

Perché i lassativi non sono una soluzione?

Uno dei rischi maggiori di lassativi, specialmente dei lassativi stimolanti, è che il tuo corpo può diventarne dipendente.

Quando smetti di usarli, ci vorrà molto tempo perché l’intestino si riprenda.

Questo vale anche per i cosiddetti lassativi naturali.

 Anche questi lassativi, se usati per settimane o mesi, possono diminuire la capacità naturale del colon di contrarsi, cosa che peggiora la stitichezza.

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
scuola di reiki bologna
REIKI : ARTE DI CURA CON LE MANI
SCUOLA DI REIKI BOLOGNA [ CLICK QUI ]

Inoltre l’abuso di lassativi può danneggiare nervi, muscoli e tessuti dell’intestino crasso.

Quindi, se il tuo caso richiede necessariamente l’utilizzo di un lassativo, assicurati che sia solo per un brevissimo periodo. E ricorda che i lassativi non vanno alla radice del problema della stitichezza.

Rimedi naturali per la stitichezza

Naturalmente puoi fare qualcosa. Ecco alcuni consigli:

1. Mangia cibi ricchi di fibre. Le verdure sono delle eccezionali fonti di fibra, cerca di introdurle quotidianamente seguendo lo schema della tua costituzione. Lo stesso vale per i cereali integrali, che devono essere morbidi e ben cotti.

2. Idratati con l’acqua calda. Bevi almeno un litro e mezzo di acqua a temperatura ambiente e lontano dai pasti al giorno, meglio ancora se calda.

3. Introduci i grassi sani. Consuma almeno 3 cucchiai al giorno di grassi sani come olio di cocco, ghi, olio extravergine d’oliva, burro biologico, distribuiti nei 3 pasti principali.

4. Introduci Erba di grano al mattino prima di mangiare qualunque altra cosa. Un cucchiaino in un bicchiere di acqua tiepida.

5. Fai esercizio fisico regolarmente. L’attività fisica aiuta a stimolare la circolazione e le funzioni intestinali.

6. Se occorre prendi un po’ di probiotici. I probiotici aiutano a bilanciare batteri buoni e cattivi nell’intestino.

7. Prova anche ad assumere un cucchiaio di semi di lino al mattino con la colazione e magnesio supremo la sera. Sono utili per accelerare i movimenti intestinali.

Se segui questi consigli dovresti già essere in grado di eliminare la stitichezza.

Non dimenticare di assecondare lo stimolo. Più a lungo lo ignori, più sarà difficile essere regolare.

Nel coaching mensile di Energy Training, Francesca ti guida a liberarti del problema della stitichezza con rimedi naturali ancora più mirati e adatti alla tua costituzione.

Fonte:

http://www.mercola.com

https://casabenessere.wordpress.com/2015/03/09/ecco-cosa-non-ti-libera-dalla-stitichezza-here-how-to-solve-the-constipation/

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php


#spaziosacro

TROVA LA CURA NATURALE

TROVA LA CURA NATURALE CON UN CLICK

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

MAL DI TESTA ? 5 MINUTI PER FAR PASSARE IL MAL DI TESTA

Questo rimedio è molto semplice e veloce, bastano appena 5 minuti e il mal di testa passa…

Il naso ha una narice destra e una narice sinistra.

Usiamo entrambe per inspirare ed espirare.

In realtà le narici hanno funzioni diverse.

E sarete in grado di sperimentarlo.

Il lato destro rappresenta il sole.

il lato sinistro rappresenta la luna.

Durante il mal di testa, provate a chiudere la narice destra e usare la narice sinistra per respirare.

Fatelo per cinque minuti, e il vostro mal di testa passerà.

Se vi sentite stanchi, basta invertire, e chiudere la narice sinistra e respirate dalla narice destra. Respirate per un certo periodo e sentirete la mente rinfrescata.

La narice sinistra appartiene al “freddo”.

Molte donne respirano con la narice sinistra, e quindi dopo un po’ si sentono “raffreddare” più velocemente.

La maggioranza degli uomini respira invece con la narice destra, e alla fine sono esauriti.

Avete osservato, al momento del risveglio, con quale narice respirate meglio?

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
scuola di reiki bologna
REIKI : ARTE DI CURA CON LE MANI
SCUOLA DI REIKI BOLOGNA [ CLICK QUI ]

destra o sinistra?

Se respirate meglio dalla parte sinistra, vi sentirete stanchi.

Quindi, chiudete la narice sinistra, e usate la narice destra per respirare.

In poco tempo vi sentirete rinvigoriti.

Soffrite spesso di mal di testa?

Provate questa terapia basata sulla respirazione.

Chiudete la narice destra e respirate attraverso la narice sinistra.

il vostro mal di testa scomparirà in poco tempo.

Continuate questo esercizio per un mese.

Perché non provare?… è una terapia naturale senza medicine e senza effetti collaterali.

FONTE: Time 4 learning

https://casabenessere.wordpress.com/2013/08/31/5-minuti-per-far-passare-il-mal-di-testa/#comment-5364

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php


#spaziosacro

TROVA LA CURA NATURALE

TROVA LA CURA NATURALE CON UN CLICK

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

ANTIBIOTICO A LARGO SPETTRO : ARGENTO COLLOIDALE

LA RISCOPERTA DELL’ARGENTO COLLOIDALE.

Prima dell’avvento degli antibiotici nel 1938 l’argento colloidale era considerato come uno dei fondamentali trattamenti per le infezioni. E’ stato provato essere efficace contro più di 650 differenti malattie infettive, a confronto degli antibiotici chimici che FORSE lo sono contro una mezza dozzina.

GLI USI DELL’ ARGENTO COLLOIDALE PRIMA DEL 1938.

 

La seguente è una lista parziale di alcuni usi documentati dell’uso dell’argento, particolarmente nella forma colloidale per il trattamento di varie malattie e agenti patogeni.

 

Acne, artrite, ustioni, avvelenamento del sangue, cancro, candida albicans, colera, congiuntivite, cistite, difterite, diabete, dissenteria, eczema, fibrosi, gastrite, herpes, herpes zoster (fuoco di S.Antonio), impetigine, infiammazione della cistifellea, infezioni da lieviti, infezioni oftalmiche, infezioni dell’orecchio, infezioni alla prostata, infezioni da streptococchi, influenza, problemi intestinali, lebbra, leucorrea, lupus, malaria, meningite, morbo di Lyme (borelliosi), pertosse, piede d’atleta, polmonite, pleurite, reumatismi, riniti, salmonellosi, scarlattina, seborrea, setticemia, tumori della pelle, verruche, sifilide, tubercolosi, tossiemia, tonsillite, tracoma, ulcere.

 

 

 

 

Il ritorno dell’argento in medicina risale ai primi anni ’70. Il dott. Carl Moyer, presidente del Washington Department of Surgery, ricevette un contributo per sviluppare migliori trattamenti per le vittime di ustioni. Il dott. Margraf, biochimico, lavorò con il dott. Moyer e altri chirurghi per trovare un antisettico abbastanza forte ma anche sicuro da usare su ampie parti del corpo. Il risultato dei loro sforzi fu quello di trovare centinaia di nuovi utilizzi medici per l’argento. Quella colloidale è l’unica forma di argento che può essere usata con sicurezza come integratore. E’ assorbito nei tessuti lentamente così da non causare irritazioni, diversamente dal nitrato di argento, che, data la sua azione tossica, reagisce violentemente con i tessuti del corpo. Le particelle colloidali si diffondono gradualmente attraverso il sangue fornendo un’azione terapeutica prolungata nel tempo. Molte forme di batteri, funghi e virus utilizzano un’enzima specifico per il loro metabolismo. L’argento agisce come catalizzatore disabilitando l’enzima. I microrganismi in questo modo soffocano. Per le forme di vita primitive come i microrganismi, l’argento è tossico come i più potenti disinfettanti chimici. Non c’è alcun organismo nocivo che possa vivere in presenza di anche minuscole tracce di semplice argento metallico. Secondo tests di laboratorio, batteri distruttivi, virus e funghi sono eliminati nel giro di pochi minuti di contatto. Il dott. Larry C. Ford del Department of Obstetric and Gynecology, UCLA School of Medicine, USA, in una lettera datata 1 novembre 1988 scrive che le soluzioni di argento hanno proprietà battericida e fungicida per la Candida Albicans e la Candida Globata. Il dott. E.M. Crooks ha dichiarato che l’argento colloidale elimina organismi patogeni in tre o quattro minuti di contatto. Infatti non c’è microbo conosciuto che non sia ucciso dall’argento colloidale in sei minuti o meno e senza produrre effetti secondari. L’argento colloidale è efficace contro parassiti, infezioni, influenza, e fermentazione. E’ senza gusto, senza odore e non tossico. E’ efficace ai pasti come aiuto alla digestione in quanto impedisce la fermentazione dei cibi nell’intestino. Non macchia la pelle, diversamente da alcuni preparati farmaceutici a base di argento che lo fanno in maniera notevole. Il dott. L. Keene (John Hopkins University) ha affermato che dal punto di vista terapeutico, solo i metalli colloidali presentano la necessaria omogeneità, le dimensioni delle particelle, la purezza e la stabilità per un grande risultato terapeutico. Uno degli indicatori critici della qualità dell’argento colloidale è il colore. Come le particelle aumentano di dimensione, il colore della sospensione diventa da giallo a marrone poi da rosso a grigio e quindi a nero. La forma ideale è quella con senza colore oppure un leggera tendenza al giallo. Il suo utilizzo fu interrotto a causa del costo di produzione che nei primi del ‘900 era molto alto. La disponibilità della penicillina e quindi dei moderni e più economici antibiotici ne causarono il temporaneo abbandono. Oggi, con i moderni processi di produzione, il costo è notevolmente sceso e quindi molte persone potranno permettersi questo meraviglioso prodotto. Jim Powel scrisse nella rivista Science Digest (marzo 1978) un articolo intitolato “Il nostro più potente germicida”. ” Grazie a illuminate ricerche, l’argento sta emergendo come una meraviglia della moderna medicina. Un antibiotico può eliminare FORSE una mezza dozzina di organismi nocivi, mentre l’argento ne uccide circa 650. Non si sviluppa resistenza. Inoltre l’argento e praticamente non tossico”. Uno dei pionieri della ricerca sull’argento, il dott. Harry Magat di St. Louis (USA) ha dichiarato: ” L’argento è il miglior germicida di ampio spettro che possediamo.” Prima del 1938 l’argento colloidale era somministrato proprio come oggi lo sono le moderne medicine. Era iniettato sia per via endovena che intramuscolare, usato come gargarismo per malattie della gola, come lavaggi o irrigazioni, preso oralmente e applicato esternamente anche su tessuti sensibili e come gocce per gli occhi.

 

FORNITO DALLA NATURA.

 

 

 

 

L’argento si trova naturalmente nel terreno come minerale-traccia ed è uno degli elementi essenziali richiesti dalle piante, dagli animali e dall’uomo. Una volta lo ottenevamo naturalmente da terreni organici per mezzo della frutta, delle verdure, noci, grano e legumi. Oggi, la maggior parte delle piante cresce su terreni impoveriti e fertilizzati chimicamente, molti dei minerali importanti come ferro, zinco, rame, magnesio e cromo e minerali-traccia come l’argento non sono più disponibili per la nostra alimentazione. Il dott. Gary Smith, un ricercatore, ha indicato che l’argento può essere collegato con l’appropriato funzionamento delle naturali difese del corpo e che le persone con un insufficiente apporto di argento nella dieta possono essere predisposte alle malattie.

 

Tests medici non hanno trovato effetti collaterali dall’uso di argento colloidale prodotto in modo appropriato e non si sono registrate interazioni o interferenze con altri medicinali. Studi di laboratorio hanno stabilito che il vero argento colloidale ha un effetto trascurabile sulla flora batterica, mentre è fortemente efficace contro le infezioni e per eliminare vari microbi, virus, funghi, ecc.

 

USATO DALLA NASA.

 

 

 

 

L’ente aerospaziale americano, NASA, ha ricercato 23 differenti metodi per purificare l’acqua e ha scelto un sistema a base di argento per i suoi space shuttle. Non solo la NASA, ma più di metà delle compagnie aeree mondiali usano filtri all’argento per l’acqua al fine di proteggere i passeggeri da malattie e da dissenteria. Anche i Russi nelle loro stazioni spaziali utilizzano filtri di argento negli impianti idrici. L’argento colloidale è insapore, inodore e non brucia su parti sensibili.

 

Può essere preso per via orale, messo su una garza o cerotto e applicato direttamente su tagli, graffi, ferite aperte, ustioni, porri e verruche o usato su acne, eczema e irritazioni della pelle.

 

Si possono fare gargarismi, mettere gocce negli occhi, per irrigazioni vaginali, anali, atomizzato o inalato dal naso o attraverso i polmoni.

 

LE ESPERIENZE DI ALCUNI MEDICI.

 

 

 

 

Il dottor Robert O. Becker, dalle sue ricerche e sperimentazioni sull’uso dell’argento in medicina, ha dedotto che la deficienza di argento nell’organismo è responsabile dell’improprio funzionamento del sistema immunitario e che l’argento è di beneficio non solo per combattere i microrganismi patogeni. Infatti può anche essere di aiuto nella maggiore stimolazione della ricrescita di tessuti danneggiati, per persone ustionate e persino i pazienti più anziani hanno notato un più rapido ristabilimento. Qualsiasi varietà di germi patogeni resistenti agli antibiotici sono eliminati dall’argento. Il dott. Bjorn Nordstrom, del Karolinska Institute, Svezia, ha utilizzato per molti anni l’argento quale trattamento per il cancro. Ha raccontato di aver guarito pazienti che erano stati abbandonati da altri medici perché considerati ormai incurabili. Il dott. Gary Smith, un medico ricercatore, sostiene che l’argento possa essere collegato al corretto funzionamento delle difese immunitarie del corpo.

 

 

 

 

SICURO ED EFFICACE, TUTTI I BATTERI, FUNGHI E VIRUS DANNOSI SONO DISTRUTTI ENTRO 6 MINUTI DI CONTATTO CON L’ARGENTO E NESSUN ORGANISMO PATOGENO PUÓ SOPRAVVIVERE IN PRESENZA ANCHE DI MINUSCOLE TRACCE DI ARGENTO.

 

 

 

 

Prima del 1938 l’argento colloidale era considerato uno dei fondamenti del trattamento antibiotico. Quando furono scoperti gli antibiotici l’uso dell’argento fu abbandonato

 

LE PIÚ IMPORTANTI QUALITÁ.

 

 

 

 

L’argento è efficace contro 650 fra germi, funghi e virus patogeni. Aiuta a ridurre le infiammazioni e favorisce la stimolazione della ricrescita dei tessuti danneggiati.

 

È un rimedio per le infezioni

 

Favorisce un rapido risanamento.

 

Aiuta a rinforzare le naturali difese del corpo (quando preso giornalmente).

 

Non si conoscono effetti collaterali o tossicità.

 

Può essere preso sia internamente che per uso esterno.

 

Ricavato dall’ elemento minerale purissimo: l’argento (non contiene sostanze chimiche).

 

CARATTERISTICHE DINAMICHE.

 

 

 

 

Uno dei migliori e più sicuri antibatterici generali conosciuti.

 

Sicuro nell’utilizzo, anche su bambini.

 

Non si sono registrate incompatibilità dell’uso con altri farmaci.

 

Senza odore né sapore, sicuro anche per l’uso negli occhi e orecchie.

 

L’organismo non sviluppa dipendenza o intolleranza.

 

UNICO AVVERTIMENTO:

 

 

 

 

Donne in gravidanza o persone allergiche ai minerali-traccia dovrebbero consultare un medico prima di assumere il prodotto.

 

USO SUGGERITO:

 

 

 

 

Per un miglior utilizzo, tenere 20 gocce sotto la lingua per circa un minuto, poi deglutire e quindi bere un bicchiere di acqua o succo di frutta. Ripetere anche 3 volte al giorno se necessario. Non si conoscono reazioni secondarie a somministrazioni notevolmente superiori a quelle consigliate (anche 100ml/giorno) . L’acqua può essere purificata aggiungendo mezzo cucchiaio da cucina ogni 3,5 litri, agitare bene e attendere 6 minuti prima di bere.

 

 

 

 

Tratto da http://www.naturmedica.com/argentocolloidale/intro.html

 

 

 

 

http://www.disinformazione.it/argento.htm

http://terrarealtime.blogspot.it/2015/04/argento-colloidale-il-piu-potente.html?utm_source=feedburner&utm_medium=email&utm_campaign=Feed:+TerraRealTime+(TERRA+REAL+TIME)

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php


#spaziosacro

TROVA LA CURA NATURALE

TROVA LA CURA NATURALE CON UN CLICK

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

Antidolorifico naturale : il peperoncino

Studio scientifico sul potere antidolorifico dei peperoncini

 

Si chiama capsaicinia, ed è uno dei composti chimici responsabili dellapiccantezza delle piante del genereCapsicum, che includono per l’appunto ipeperoncini piccanti. Oltre alla piccantezza, tuttavia, lacapsaicinia è anche in grado di produrre un effetto anti-dolorifico

 

 

e, nonostante venisse già usata in un gran numero dianalgesici, come ad esempio spray nasali e cerotti per attenuare il dolore, fino a oggi gli scienziati sapevano poco o niente su come questo effetto avesse origine. Qualcosa di più oggi lo sappiamo grazie a uno studio, pubblicato su Science Signaling, in cui Istvan Borbiro della Rutgers New Jersey Medical School e colleghi hanno studiato i neuroni coinvolti nella percezione del dolore, situati nel ganglio dorsale, un nodulo contenente corpi cellulari di tipo nervoso sensoriale. Nel ganglio dorsale si trovano due canali ionici meccano-sensibili, chiamati Piezo1 e Piezo2, coinvolti nel funzionamento della capsaicinia come analgesico assieme a un recettore, sensibile a questo composto, chiamato TRPV1, responsabile della misurazione e regolazione della temperatura corporea e per le sensazioni di calore e dolore. Nella ricerca, gli scienziati hanno osservato che la capsaicinia attiva il recettore TRPV1, che a sua volta blocca i canali Piezo1 e Piezo2, inibendo così i neuroni. In questo modo, il composto chimico sarebbe in grado di mitigare la sensibilità e agire quindi da anestetico. I ricercatori hanno anche aggiunto che ulteriori ricerche saranno necessarie per confermare il ruolo giocato dai canali Piezo nell’effetto analgesico e per delinerare con precisione la loro interazione con i lipidi rilasciati dal recettore. Autrice: Claudia De Luca / Fonte: galileonet.it

 

http://terrarealtime.blogspot.it/2015/04/studio-scientifico-sul-potere.html?utm_source=feedburner&utm_medium=email&utm_campaign=Feed:+TerraRealTime+(TERRA+REAL+TIME)

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php


#spaziosacro

TROVA LA CURA NATURALE

TROVA LA CURA NATURALE CON UN CLICK

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli