Se ti piace il nostro sito votalo adesso con un click sul pulsante Google +1 qui sotto :


TIROIDE SANA ? Ecco le sostanze giuste

Per una tiroide sana, ecco le sostanze che aiutano la nostra salute

 

 

 

Una tiroide che funziona bene è fondamentale per il buon equilibrio ormonale a tutte le età. Inoltre, in molti casi, è un modo per controllare efficacemente il peso, essendo l’ipotiroidismo spesso sinonimo di difficoltà a perdere chili in eccesso. Qui di seguito le sostanze utili per risvegliare questa ghiandola importantissima per il metabolismo:

•Iodio Ed L-Tirosina: sono indispensabili per la produzione degli ormoni tiroidei; l’organismo produce naturalmente la tirosina a partire dagli altri aminoacidi ma, con l’invecchiamento, questa produzione diventa più rara e diventa indispensabile integrarla.

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
scuola di reiki bologna
REIKI : ARTE DI CURA CON LE MANI
SCUOLA DI REIKI BOLOGNA [ CLICK QUI ]

•Zinco: rinforza il funzionamento della tiroide: sembra che contribuisca alla conversione della T4 (tiroxina) in T3 (triiodotironina), essendo quest’ultima l’ormone tiroideo più attivo.

•Selenio: è più concentrato nella tiroide che in qualsiasi altro organo. La protegge grazie alle sue proprietà antiossidanti e agisce come cofattore facilitando la produzione degli ormoni tiroidei e favorisce la conversione della T4 in T3. E’ uno dei componenti dell’enzima Tiroxina 5-deiodinasi di tipo 1 che interviene in questa conversione. Nelle persone anziane, la diminuzione della conversione di T4 in T3 è spesso dovuta a una carenza di selenio.

•Magnesio: un’integrazione di magnesio previene la diminuzione dell’attività della tiroide alimentata dalla pratica di un’attività sportiva stancante, negli sportivi così come negli uomini sedentari.

•Forskolina: la forskolina, estratta dal Coleus forskohlii, agisce attivando l’enzima adenilato ciclasi, aumentando l’adenosina monosfosfato ciclica (cAMP) nelle cellule; la conseguenza principale è l’aumento della produzione degli ormoni tiroidei e la stimolazione della loro liberazione.

•Guggul: i guggulsteroni, estratti dal Commiphora mukul, stimolano l’attività della ghiandola tiroidea e aumentano la conversione della T4 in T3. E’ a questi effetti che è attribuita la capacità dei guggulsteroni di favorire la perdita di peso. L’assunzione di guggulsteroni si accompagna anche alla diminuzione delle lesioni ossidative a livello del fegato, sito principale di stoccaggio della T4 e della conversione in T3.

http://www.naturopataonline.org/rimedi-naturali/oligoelementi/9986-per-una-tiroide-sana-ecco-le-sostanze-utili.html

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php


#spaziosacro

TROVA LA CURA NATURALE

TROVA LA CURA NATURALE CON UN CLICK

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

Parto orgasmico: mito o realta' ?

“Partorirai con dolore” minacciarono le Sacre Scritture (facendo intendere che fino a quel momento non era così), innescando una maledizione femminile che si è protratta fino ai giorni nostri. E’ certo che chiunque pensi al momento della nascita, non può che immaginare urla strazianti e donne sofferenti, complici la televisione e i film. Ma è davvero inevitabile passare le pene dell’inferno per dare alla luce o esistono esperienze differenti che possano sminuire la paura del dolore che si diffonde nel genere femminile all’idea di partorire?

 

 

 

Eppure di studi e articoli di giornali (come El Mundo, La Stampa e altri) che dimostrano il contrario ce ne sono. Frederick Leboyer, ostetrico e ginecologo francese, propulsore del parto dolce e del massaggio neonatale , fu fra i primi, già negli anni ’70, a considerare le contrazioni dolorose durante il travaglio come sintomi patologici la cui causa si può attribuire alla paura del dolore stesso. Quando una persona si aspetta dolore, si irrigidisce ed effettivamente percepirà dolore. La paura mantiene infatti attivo il sistema simpatico e non permette il rilassamento dei muscoli responsabili dell’ apertura del collo dell’utero, rendendo le contrazioni dei terribili crampi. Invece, quando la partoriente è rilassata, l’ossitocina (uno degli ormoni che si liberano, insieme alla prolactina e alle beta-endorfine, durante il parto e anche durante il coito) fa sì che l’utero si rilassi e si espanda accompagnato da sensazioni piacevoli. L’ossitocina sintetica invece, iniettata in vena bloccando così la produzione di quella naturale, irrigidisce i muscoli uterini provocando forti contrazioni spasmodiche e dolorose.

 

b2ap3_thumbnail_689961_html_m29cc6136.jpg

 

 

 

Altre autorità in materia di parto naturale sono la biologa spagnola Casilda Rodrigañez Bustos e l’ostetrico francese Michel Odent, che nei loro scritti hanno sottolineato l’affinità ormonale (ma non solo) dei processi biologici di accoppiamento e parto e la necessità di ridurre la medicalizzazione di questi ultimi. Entrambi evidenziano l’importanza di recuperare la naturale flessibilità di un utero represso sessualmente fin dall’infanzia, rendendolo rigido a tal punto da vivere processi naturali (come il parto o le mestruazioni) como dolorosi.

 

Per parto orgasmico si intende un parto dove la donna, non necessariamente raggiungendo il climax, entra in uno stato estatico di forte connessione con il bebé, amore profondo e piacere fisico. I fattori determinanti ovviamente sono molti, come durante un incontro amoroso: intimità, sentirsi al sicuro e protetta, fiduciosa e a proprio agio con il proprio corpo e con le persone accompagnanti . Sapere di essere in grado di partorire, in quanto donna, ed avere una relazione sana e positiva con il proprio corpo sono punti chiave del cammino di preparazione fisica, emotiva e spirituale a questo rito di passaggio.

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
scuola di reiki bologna
REIKI : ARTE DI CURA CON LE MANI
SCUOLA DI REIKI BOLOGNA [ CLICK QUI ]

 

b2ap3_thumbnail_images_20150404-150418_1.jpg

 

Benché l’ esperienza del parto estatico non sia comune, per le condizioni in cui avviene la maggior parte di essi e la grande medicalizzazione che inibisce la segregazione naturale dell’ossitocina, vi sono numerosi casi di donne che, pur non raggiungendo l’orgasmo, provano piacere o perlomeno non provano dolore.

 

Uno studio francese (fra i vari realizzati in tutto il mondo) capeggiato dal ricercatore Thierry Postel e pubblicato sulla rivista Sexologies, ha indicato come lo 0,3% dei parti (circa 1.536) si sia rivelato orgasmico. Su 206.000 nascite monitorate, 668 furono indicate tali dalle ostetriche su testimonianza delle madri, mentre altre 868 solo su osservazione delle ostetriche. Curiosamente, solo 9 donne confermarono personalmente di averlo vissuto, il che apre una finestra sul tabù della nostra società a riguardo.

 

Il pluri-premiato documentario Orgasmic Birth (2008) di Debra Pascali-Bonaro raccoglie le testimonianze di 11 madri che hanno avuto la fortuna di vivere quest’esperienza, portando alla luce una tematica alquanto silenziata dai media.

 

Le prove ci sono insomma, schivare la minaccia biblica si può, ora sta a noi percorrere il cammino del cambio e far sì che esso accada, prima di tutto dentro di noi.

 

Christine Michel F.

http://www.greenme.it/spazi-verdi/spirali-di-luna/2263-parto-orgasmico-mito-o-realt%C3%A0

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php


#spaziosacro

TROVA LA CURA NATURALE

TROVA LA CURA NATURALE CON UN CLICK

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

POLMONI SANI E DEPURATI ? UTILIZZA 9 ERBE

L’apparato respiratorio è costantemente al lavoro. Tutto il giorno, tutti i giorni, è il veicolo per l’ossigeno per il tuo corpo. Purtroppo, può anche essere un punto di ingresso per gli inquinanti, sostanze irritanti, polvere, muffe, funghi, organismi nocivi, e altre tossine. A meno che non si viva in una bolla, l’assalto costante di impurità può prendere piede.

Fortunatamente, se si stanno sperimentando gli effetti negativi di tossine per inalazione, o semplicemente si vuole garantire di avere i polmoni al massimo delle prestazioni, la natura ha fornito una serie di erbe e piante che forniscono nutrimento profondo per il sistema respiratorio.

Quali sono le erbe benefiche per il sistema respiratorio?

Le erbe che supportano la salute dei polmoni lo fanno tipicamente offrendo uno o più dei seguenti vantaggi:

• Agendo come espettorante – che aiuta a rompere ed espellere congestione del torace.

• Lenitivo per gli irritati passaggi nasali e le vie respiratorie.

• Rilassa i muscoli in prossimità del sistema respiratorio superiore per sedare la tosse.

• Calmare il rilascio di istamina.

• Combattere gli organismi nocivi che possono produrre problemi alle vie respiratorie superiori.

• Come fonte di antiossidanti, per ridurre il danno ossidativo e l’arrossamento.

Diamo uno sguardo alle nove migliori erbe per la salute dell’apparato respiratorio!

1. Radice di Osha

L’Osha è una pianta originaria della zona delle Montagne Rocciose ed è stata storicamente usata dai nativi americani per il supporto alle vie respiratorie. Le radici della pianta contiene canfora e altri composti che la rendono una dei migliori erbe per i polmone in America. Uno dei principali vantaggi di radice OSHA è che aiuta ad aumentare la circolazione verso i polmoni, che aiuta a rendere più facile prendere respiri profondi. Anche … quando le allergie stagionali divampano i seni nasali, la radice OSHA, che non è un antistaminico reale, fa produrre un effetto simile e può contribuire a calmare l’irritazione delle vie respiratorie!

2. Eucalipto

Nativo in Australia, l’eucalipto non è solo per gli orsi Koala! Gli aborigeni, i tedeschi, gli americani e tutti hanno usato l’aroma rinfrescante di eucalipto per promuovere la salute respiratoria e lenire l’irritazione della gola. L’Eucalipto è un ingrediente comune nelle caramelle a forma di losanga per la tosse e negli sciroppi e la sua efficacia è dovuta ad un composto chiamato cineolo. Il Cineolo ha numerosi vantaggi – è un espettorante, e può facilitare il colpo di tosse, combatte la congestione, e lenisce i passaggi dell’aria nel seno nasale irritato. Come bonus aggiuntivo, l’ eucalipto contiene antiossidanti, e supporta il sistema immunitario durante un raffreddore o altre malattie.

3. Lungwort

Il Lungwort è un lichene che cresce sull’albero che assomiglia in apparenza al tessuto polmonare. Tuttavia, questo rimedio naturale non si limita a salvaguardare la parte. Già nel 1600, il lungwort è stato utilizzato per promuovere la salute del polmone e la salute respiratoria e liberare dalla congestione. Il Lungwort contiene composti che sono potentemente efficaci contro gli organismi nocivi che colpiscono la salute dell’apparato respiratorio.

4. Origano

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
scuola di reiki bologna
REIKI : ARTE DI CURA CON LE MANI
SCUOLA DI REIKI BOLOGNA [ CLICK QUI ]

Sebbene l’origano contenga le vitamine e le sostanze nutritive necessarie per migliorare il sistema immunitario, i suoi benefici principali sono dovuti al suo contenuto di acido rosmarinico e carvacrolo. Entrambi i composti sono decongestionanti naturali e riduttori di istamina che hanno, effetti positivi diretti sul tratto respiratorio e nasale e il passaggio del flusso di aria. L’Origano ha così tanti benefici per la salute che una bottiglia di olio di origano biologico dovrebbe essere sempre presente nell’armadietto dei medicinali di tutti.

5. Foglia di banano

La foglia di banano è stata utilizzata per centinaia di anni per alleviare la tosse e lenire le mucose irritate. Gli studi clinici hanno trovato che ha un effetto favorevole contro la tosse, il raffreddore, e l’ irritazione dei polmoni. Con benefici anti-infiammatori e immunitari, la foglia di piantaggine ha un ulteriore bonus in quanto può contribuire ad alleviare una tosse secca per la deposizione delle uova di produzione di muco nei polmoni. Roba buona!

6. Enula campana

L’enula campana per i greci, i romani, i cinesi, e anche nella medicina ayurvedica indiana è stata citata per il supporto respiratorio e, dal 1800, si producono pasticche e gocce per la tosse dalla radice di enula campana. La ragione? L’enula campana ha un effetto rilassante sulla muscolatura liscia tracheale. Ci sono due composti attivi nella radice di elecampane che forniscono un effetto benefico – inulina, che lenisce il passaggio bronchiale, e alantolactone, espettorante con l’azione antitosse.

7. Lobelia

Lo sapevate che se ai cavalli viene data la Lobelia sono in grado di respirare più profondamente? I suoi benefici non sono limitati ai cavalli. La lobelia, da alcuni racconti, è considerata uno dei rimedi più preziosi tra le erbe esistenti. La Lobelia contiene un alcaloide chiamato lobelina, che riduce il muco, rompe la congestione. Inoltre, la Lobelia stimola le ghiandole surrenali a rilasciare adrenalina, in effetti, questo rilassa le vie aeree e consente una respirazione più facile. Inoltre, perché la lobelia aiuta a rilassare i muscoli lisci, e questo aiuta molto in caso di tosse e di raffreddore. La Lobelia dovrebbe essere parte del protocollo di supporto respiratorio per tutti!

8. Chaparral

La Chaparral, è una pianta originaria del sud-ovest degli Stati Uniti (California, i monti Chaparral) è stata apprezzata dai nativi americani per la disintossicazione del polmone e il supporto respiratorio. La Chaparral contiene potenti antiossidanti che resistono all’irritazione e NDGA che è noto per combattere risposta istaminica. La Chaparral è un’erba che combatte gli organismi nocivi. Per avere il massimo dei vantaggi di chaparral è meglio una tintura madre, ma il tè chaparral può supportare problemi respiratori favorendo un’azione espettorante per eliminare il muco dalle vie respiratorie.

9. Menta piperita

la menta piperita, e olio di menta piperita, contengono mentolo – un ingrediente lenitivo noto per rilassare la muscolatura liscia delle vie respiratorie e promuovere la libera respirazione. Accoppiato con l’effetto antistaminico della menta piperita, il mentolo è un fantastico decongestionante. Molte persone usano balsami da spalmare sul petto come terapia e altri lo inalano in quanto contiene mentolo per contribuire a liberare dalla congestione. Inoltre, la menta piperita è un antiossidante e combatte gli organismi nocivi.

Per finire con le erbe di supporto all’apparato polmonare

Tutte le erbe sopra elencate sono disponibili, in varie forme, come integratori alimentari e in miscele di tè. Inoltre, molte persone coltivano le erbe nel loro giardino e semplicemente le consumano come cibo. Non è una cattiva idea!

Se si coltivano da soli, potete stare tranquilli sapendo l’origine biologica, non contenendo pesticidi, è eticamente raccolto, e avete dato acqua pulita, ecc

Naturalmente, è necessario fare il vostro lavoro per determinare il dosaggio appropriato per voi e la vostra singole circostanze di salute. Questi non sono fattori che consentono una migliore assunzione -è opportuno però saper fare il giusto disagio e la corretta assunzione.

Per rendere le cose più facili, al Global Healing Centre che abbiamo fatto il nostro blend Allertrex, che contiene tutte le erbe di cui sopra – sono prodotti biologici e naturali – così come la buccia d’arancia, cristalli di mentolo, e lo iodio nascente.

https://casabenessere.wordpress.com/2015/03/12/9-erbe-per-polmoni-sani-e-depurati-the-9-best-herbs-for-lung-cleansing-and-respiratory-support/

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php


#spaziosacro

TROVA LA CURA NATURALE

TROVA LA CURA NATURALE CON UN CLICK

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

DEMENZA E ALZHEIMER : UTILIZZA LA CURCUMA

A lungo considerata impossibile da realizzare, la nuova ricerca rivela come un semplice spezia potrebbe contribuire alla rigenerazione del cervello danneggiato.

La curcuma è senza dubbio una delle, se non la più versatile spezia di guarigione nel mondo, con oltre 600 sperimentazioni confermano i benefici per la salute, e una storia antica ricca di profondo rispetto per la sua apparentemente povertà compassionevole di alleviare la sofferenza umana.

Ma, la maggior parte del fucus negli ultimi dieci anni è stata incentrata su una sola delle sue centinaia di fitocomponenti: vale a dire, il polifenolo primario nella curcuma conosciuta come la curcumina che dà la spezia suo colore ricco d’oro.

Questa attenzione alla curcumina ha portato allo sviluppo di alcuni prodotti molto buoni, come i fosfolipidi legati alla curcumina (ad es Meriva, BCM-95), che contribuisce notevolmente ad aumentare l’assorbimento e la bio-attività della curcumina. Ma, isolare la curcumina si riduce a una parte del potere terapeutico della curcuma – e qui sta il limite e l’arroganza dominante del modello di ‘isolare il principio attivo’.

In effetti, è diventato tipico all’interno della cosiddetta industria nutraceutica di emulare il modello della farmaceutica, che si concentra sull’identificazione di un particolare albero “monochimico” all’interno della foresta di complessità rappresentata da ogni agente botanico, cercando di standardizzare la consegna di ogni presunto ‘ ingrediente attivo’ con ogni servizio, come se fosse una droga farmaceutica.

Questi processi di estrazione e di isolamento genera anche formule di cui si fanno proprietari i ricercatori che le hanno isolate e in questo modo i produttori vogliono differenziare il loro prodotto da tutti gli altri e d’ora in poi catturare una parte maggiore della quota di mercato; una proposta di valore che serve il produttore e non il consumatore / paziente.

A dire il vero, non c’è una singola ‘pallottola magica’ negli alimenti e le erbe responsabili di generare un potere di guarigione di tutta la pianta. Vi sono, infatti, nella maggior parte delle piante curative o centinaia di composti orchestrati dal intelligente ‘mano invisibile’ di Dio o alimenti ‘Naturali’, o qualsiasi altra cosa si desidera chiamare, e che non può mai essere ridotto alla singola attività di un unico Fitocomposto quantificabile o chimico.

Oltre la ‘pallottola magica’ della curcumina

Ora, un eccitante nuovo studio pubblicato sulla rivista Stem Cell Research & Therapy fornisce un ulteriore conferma a sostegno del concetto che la curcumina da sola non è sufficiente a spiegare il potere curativo della curcuma come pianta intera. Lo studio ha trovato che un componente poco noto, liposolubile all’interno curcuma – Ar-tumerone – può fare “un candidato promettente per sostenere la rigenerazione nella malattia neurologica.”

Intitolato “Aromatic-turmerone induce la proliferazione delle cellule staminali neurali in vitro e in vivo”, i ricercatori tedeschi hanno valutato gli effetti di questo composto derivati dalla curcuma sulle cellule staminali neurali (NSC) – il sottogruppo di cellule cerebrali in grado di auto-rinnovamento continuo necessarie per la riparazione del cervello.

Lo studio ha trovato che quando le cellule cerebrali sono state esposte a ar-tumerone, le cellule staminali neurali sono aumentate in numero attraverso una maggiore proliferazione. Inoltre, queste cellule staminali neurali neo-formate hanno anche aumentato il numero di cellule neuronali completamente differenziate, indicando che un effetto curativo era in corso. Questo effetto è stato osservato anche in un modello animale vivo, mostrando che i topi iniettati con ar-tumerone nei loro cervelli si verifica un aumento neurale con una proliferazione delle cellule staminali e la creazione di cellule cerebrali sane di nuova formazione con esperienza.

Questo studio non è passato inosservato ai principali canali di informazione medica. Qui ci sono alcune buone recensioni, se si desidera esplorare le implicazioni in modo più approfondito:

Newsweek: Curry Potenza: Compound curcuma Aumenta crescita di cellule staminali del cervello

Guardiano Liberty Voice: Cure curcuma Evidence Grows

Monthly Prescribing Riferimento: curcuma può aiutare rigenerare le cellule cerebrali

Tempi di Malta: link curcuma Per Cervello cellulare di riparazione

Medical giornaliera: curcuma aiuta il tuo cervello guarire se stesso: rendere il tuo cervello

Database GreenMedInfo.com curcuma conferma di Brain-risparmio energetico!

Come forse già sapete, il nostro database è più esteso con un accesso aperto al database medico naturale a livello mondiale su oltre 1.800 diverse sostanze naturali, con oltre 1600 abstract dello studio sulle proprietà curative di curcuma indicizzati finora.

Se si dà un’occhiata alla lista di oltre 600 malattie che questa spezia (o i suoi componenti, ad esempio la curcumina) è stata in gradi di prevenire e / o curare, l’enorme volume di bibliografia è stupefacente.

Sorprendentemente, abbiamo individuato oltre 180 vie fisiologiche – secondo la loro caratterizzazione farmacologica convenzionale, ad esempio, COX-2 inibitori, Interleuchina 6 down-regolazione – mediante il quale la curcuma o suoi componenti guariscono il corpo umano. Inoltre, troverete più di 100 articoli su proprietà neuroprotettive di curcuma in questa pagina: Turmeric as a Neuroprotective agent.

La ricerca indica chiaramente che la curcuma è un grande pianta di supporto al cervello. Per un maggiori informazioni potete leggere questi articoli:

• How Turmeric Can Save The Aging Brain From Dementia

• Turmeric Produces ‘Remarkable’ Recovery In Alzheimer’s Patients

• The Spice That Prevents Fluoride From Destroying Your Brain

Come ottenere il massimo dal vostro curcuma

Una delle domande in questo campo più frequente è ‘che cosa è il miglior tipo di curcuma o curcumina da usare’?

Ovviamente, data la suddetta ricerca, l’intero impianto sta per effettuare una vasta gamma di composti terapeutici rispetto alla sola curcumina . Eppure, la maggior parte degli studi si sono concentrati su quanta sostanza molecolare (milligrammi in una porzione) di un particolare composto si debba assumere.

E in realtà, non c’è una risposta generica a una domanda generica circa il modo migliore per prendere la curcuma / curcumina. La domanda viene sempre da un individuo con un particolare bisogno, e quindi, le raccomandazioni devono essere individuali a quella specifica persona.

Ad esempio, se si dispone di un’infiammazione del colon o polipi, e si sta tentando di utilizzare la curcuma per ridurre l’infiammazione lì o regredire escrescenze precancerose, quindi utilizzando l’intera pianta è migliore rispetto a una forma altamente biodisponibile di curcumina in forma di capsule (ad es Meriva), per esempio, che sarà probabilmente assorbito dal piccolo intestino e principalmente attraverso il passaggio nel fegato ma senza ottenere quantità sufficienti per l’intestino crasso. Quindi, nel caso che questa persona prenda un cucchiaino è relativamente difficile che riesca ad assorbire la curcuma può provocare al massimo la colorazione delle superfici malate del lume intestinale o del colon di quella persona evidenziando esattamente la forma necessaria per invertire sulla malattia.

Ma cosa succede se si ha qualcuno che vuole sperimentare un effetto sistemico, per esempio per l’artrite o per il cancro al cervello? In questi casi, ottenendo composti della curcuma come la curcumina attraverso la barriera glucuronidazione nel fegato con il pepe nero (piperine) in combinazione potrebbe essere ideale. Vi è certamente un posto per il modello ‘nutraceutico’ se correttamente applicato, soprattutto quando fornito come coadiuvante per il modello farmaceutico all’interno di un ambiente medico integrativo.

In definitiva, l’obiettivo è di non aspettare di avere un problema di salute serio ma che bisogna sforzarsi di prendere una ‘dose di eroica’ di qualsiasi estratto di erbe o cibo.

La cosa migliore è di utilizzare una piccola quantità in dosi alimentari in combinazione con ingredienti che agiscono in sinergia Recentemente abbiamo effettivamente dimostrato che l’assunzione del rosmarino in dosi alimentari può effettivamente migliorare la memoria.

Questo è il motivo per provare l’uso di curcuma in curry, o con l’aggiunta di un pizzico in un frullato, può essere un approccio ideale di supplementazione giornaliera, al posto della assunzione di capsule, la cui efficacia è discutibile e potrebbe aggiungere stress sul fegato si sta cercando di proteggere con questi interventi naturali. Basta ricordare la qualità è di tutto e di meno è più!

Fonte:

 

Fondatore di WorldTruth.Tv and WomansVibe.com Eddie (4121 Posts)Eddie L. è il fondatore e proprietario di WorldTruth.TV.

https://casabenessere.wordpress.com/2015/03/14/ecco-come-la-curcuma-cura-un-cervello-danneggiato-how-whole-turmeric-heals-the-damaged-brain/

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php


#spaziosacro

TROVA LA CURA NATURALE

TROVA LA CURA NATURALE CON UN CLICK

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

STITICHEZZA ? ECCO COSA NON TI LIBERA DALLA STITICHEZZA

 
massaggio-floreale

OTTIMO RIMEDIO PER LA STITICHEZZA :
MASSAGGIO FLOREALE PER EFFLEURAGE SULL'ADDOME : MASSAGGIO DOLCE E PROFONDO CON OLI ESSENZIALI PURISSIMI E FIORI DI BACH PER VARI DISAGI ADDOMINALI, DOLORI MESTRUALI E AIUTO NEL PARTO [ click qui per tutte le informazioni ]

 

La stitichezza è un problema molto comune, ma per fortuna bastano uno stile di vita sano e un’alimentazione corretta per risolverlo.

Uno dei più grandi ostacoli per liberarsi del problema della stitichezza è NON rendersi conto di essere stitico.

La medicina convenzionale dice che si può parlare di stitichezza quando si hanno meno di due o tre movimenti intestinali a settimana. Ma in realtà si dovrebbe avere almeno un movimento intestinale al giorno, preferibilmente due o tre.

La regolarità intestinale è così importante per la tua salute, perché senza di essa, le tossine si accumulano e circolano di nuovo nel sangue.

La stitichezza, infatti, non è solo fastidiosa, ma porta anche altri disturbi, come le emorroidi.

Quali sono le cause della stitichezza?

Una delle cause principali della stitichezza è una dieta povera – che si concentra su prodotti alimentari raffinati e zucchero ed è carente di verdure fresche che sono buone fonti di fibra.

La fibra aiuta a spostare la massa nell’intestino e favorisce i movimenti intestinali.

Altre cause includono:

• 

abuso di lassativi: Se assumi lassativi per un lungo periodo di tempo puoi diventare dipendente. In primo luogo avrai bisogno di dosaggi sempre più elevati per avere un movimento intestinale, e, infine, l’intestino comincerà a non funzionare più bene.

• sindrome da intestino irritabile: può causare spasmi che rallentano la velocità con cui i contenuti del movimento dell’intestino attraversano il tratto digestivo.

• ignorare lo stimolo di liberarsi: se ignori costantemente lo stimolo di liberare l’intestino, per esempio per evitare di utilizzare un bagno pubblico, a lungo andare smetterai di sentire quello stimolo.

Perché i lassativi non sono una soluzione?

Uno dei rischi maggiori di lassativi, specialmente dei lassativi stimolanti, è che il tuo corpo può diventarne dipendente.

Quando smetti di usarli, ci vorrà molto tempo perché l’intestino si riprenda.

Questo vale anche per i cosiddetti lassativi naturali.

 Anche questi lassativi, se usati per settimane o mesi, possono diminuire la capacità naturale del colon di contrarsi, cosa che peggiora la stitichezza.

Inoltre l’abuso di lassativi può danneggiare nervi, muscoli e tessuti dell’intestino crasso.

Quindi, se il tuo caso richiede necessariamente l’utilizzo di un lassativo, assicurati che sia solo per un brevissimo periodo. E ricorda che i lassativi non vanno alla radice del problema della stitichezza.

Rimedi naturali per la stitichezza

Naturalmente puoi fare qualcosa. Ecco alcuni consigli:

1. Mangia cibi ricchi di fibre. Le verdure sono delle eccezionali fonti di fibra, cerca di introdurle quotidianamente seguendo lo schema della tua costituzione. Lo stesso vale per i cereali integrali, che devono essere morbidi e ben cotti.

2. Idratati con l’acqua calda. Bevi almeno un litro e mezzo di acqua a temperatura ambiente e lontano dai pasti al giorno, meglio ancora se calda.

3. Introduci i grassi sani. Consuma almeno 3 cucchiai al giorno di grassi sani come olio di cocco, ghi, olio extravergine d’oliva, burro biologico, distribuiti nei 3 pasti principali.

4. Introduci Erba di grano al mattino prima di mangiare qualunque altra cosa. Un cucchiaino in un bicchiere di acqua tiepida.

5. Fai esercizio fisico regolarmente. L’attività fisica aiuta a stimolare la circolazione e le funzioni intestinali.

6. Se occorre prendi un po’ di probiotici. I probiotici aiutano a bilanciare batteri buoni e cattivi nell’intestino.

7. Prova anche ad assumere un cucchiaio di semi di lino al mattino con la colazione e magnesio supremo la sera. Sono utili per accelerare i movimenti intestinali.

Se segui questi consigli dovresti già essere in grado di eliminare la stitichezza.

Non dimenticare di assecondare lo stimolo. Più a lungo lo ignori, più sarà difficile essere regolare.

Nel coaching mensile di Energy Training, Francesca ti guida a liberarti del problema della stitichezza con rimedi naturali ancora più mirati e adatti alla tua costituzione.

Fonte:

http://www.mercola.com

https://casabenessere.wordpress.com/2015/03/09/ecco-cosa-non-ti-libera-dalla-stitichezza-here-how-to-solve-the-constipation/

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php


#spaziosacro

TROVA LA CURA NATURALE

TROVA LA CURA NATURALE CON UN CLICK

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli