Se ti piace il nostro sito votalo adesso con un click sul pulsante Google +1 qui sotto :


Trigliceridi alti. Cosa mangiare e quali integratori assumere per abbassarli naturalmente

I trigliceridi sono un tipo di lipidi, o grassi, che vengono prodotti quando le calorie ingerite sono inutilizzate e quindi vengono convertite in trigliceridi e immagazzinati nelle cellule adipose. Quando poi il corpo avrà bisogno di energia, ad esempio tra un pasto e l’altro o durante attività intense, gli ormoni rilasceranno i trigliceridi che verranno consumati per soddisfare il proprio fabbisogno energetico.

 
Come si formano i trigliceridi
I trigliceridi sono importanti per la salute perché:

Forniscono energia al corpo
Permettono un isolamento termico che ci permettono di sopportare il freddo
Infatti sebbene il corpo abbia bisogno di glucosio per funzionare, la quantità che è in circolo si esaurisce abbastanza facilmente, e quindi si attinge energia dai trigliceridi. Senza i trigliceridi non potremmo svolgere le normali funzioni quotidiane.

 
I trigliceridi vengono prodotti in diversi modi:

L’intestino li sintetizza a partire dai grassi presenti nei cibi
Il fegato li sintetizza a partire dagli zuccheri e dalle proteine presenti nei cibi
Quando il corpo ha bisogno di energia, l’insulina permette l’accesso ai trigliceridi che verranno scomposti in glicerolo e acidi grassi attraverso un processo chiamato lipasi, il glicerolo verrà poi trasformato in glucosio dal fegato entrando così nelle cellule dove fornirà energia. Gli acidi grassi possono anche loro essere usati per la produzione di energia della cellula attraverso un processo chiamato beta-ossidazione oppure possono svolgere molte altre funzioni come ad esempio la formazione della membrana cellulare, regolazione degli ormoni, trasporto delle vitamine liposolubili, protezione contro i radicali liberi, formazione delle mielina nel cervello e composizione della pelle (garantendo elasticità e morbidezza).

 
Trigliceridi alti. Un rischio per la salute
Questo ciclo dei trigliceridi diventa un problema solo quando si producono più trigliceridi rispetto a quelli che vengono effettivamente usati causando di conseguenza un aumento dei livelli di trigliceridi, portando a ipertrigliceridemia.

Si stima che il 33% della popolazione in Europa e negli USA ha alti livelli di trigliceridi, un importante fattore di rischio per le malattie cardiovascolari che sono infatti la prima causa di morte al mondo più del cancro. Un’analisi del 2007 su un totale di 3.582 casi di malattia coronarica fatale e non fatale indica che vi è una significativa associazione tra i valori di trigliceridi e il rischio di malattia coronarica (coronaropatia o restringimento delle arterie). Il National Cholesterol Education Program etichetta i livelli di trigliceridi nel modo seguente:

 
Normale – meno di 150 mg/dl
Rischio – 150-199 mg/dl
Alti – 200-499 mg/dl
Molto alti – 500 mg/dl o più
I trigliceridi e il colesterolo sono diversi tipi di lipidi che circolano nel sangue. Mentre i trigliceridi vengono utilizzati  per fornire energia al corpo, il colesterolo è usato per costruire le cellule e produrre alcuni ormoni. Non solo il colesterolo “cattivo” LDL è un importante predittore di malattia coronarica ma l’evidenza medica dimostra che anche un livello di trigliceridi elevati è un fattore di rischio. Infatti, in studi in cui i livelli di colesterolo LDL sono risultati significativamente ridotti con l’uso delle statine, molti pazienti avevano ancora elevati livelli di trigliceridi, mettendoli a rischio continuo di sviluppare malattie cardiovascolari.

Le persone con alti livelli di trigliceridi possono essere a rischio significativo di malattie cardiovascolari, anche se i loro livelli di colesterolo LDL sono normali. Le probabilità di malattia coronarica aumentano di circa il 20% per un aumento di 23 mg/dl dei trigliceridi.

Uno studio del 2011 pubblicato nell’Oman Medical Journal ha dimostrato che esiste una forte relazione tra l’aumento dei trigliceridi nel siero e l’aumento dei livelli di glicemia. I campioni sono stati raccolti da 438 maschi e femmine, sia pazienti con diabete 2 sia non diabetici. Sono stati misurati contemporaneamente i livelli di glucosio, colesterolo e trigliceridi nel siero dei pazienti. I risultati hanno mostrato che l’aumento dei trigliceridi, ma non del colesterolo, ha lo stesso effetto di aumentare i livelli di glicemia nel sangue.

L’ipertrigliceridemia svolge un ruolo sempre più importante nella attuale epidemia di obesità. La ricerca mostra che i livelli di trigliceridi hanno una stretta correlazione con la circonferenza della vita.

Trigliceridi alti inoltre danneggiano il pancreas causando pancreatite, e l’ingrossamento del fegato e della milza.

Una recente ricerca pubblicata sull’American Journal of Clinical Nutrition suggerisce che alti livelli di colesterolo e trigliceridi possono anche trattenere la vitamina E impedendogli di raggiungere i tessuti che ne hanno bisogno. Questo può essere particolarmente problematico perché la vitamina E è importante per il cervello, il fegato, gli occhi, la pelle e le pareti delle arterie.

Cause di trigliceridi alti
Alti livelli di trigliceridi possono essere causati dalle seguenti condizioni:

Dieta errata
Mancanza di esercizio fisico ovvero stile di vita sedentario
Obesità o insulino-resistenza
Diabete di tipo 2
Ipotiroidismo
Malattie renali
Consumo eccessivo di alcol
Fumo
Effetti collaterali dei farmaci
Genetica (0.1% dei casi)
L’insulina infatti svolge un ruolo importante nell’assorbimento dei trigliceridi. Quando il corpo è resistente all’insulina, gli organi sensibili alla regolazione dell’insulina – come il tessuto adiposo, fegato e nel muscolo scheletrico – non sono in grado di funzionare correttamente.

Avere alti livelli di trigliceridi dà anche più probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2. Non è che alti livelli di trigliceridi provochino direttamente  il diabete, ma dimostrano che il corpo non sta trasformando il cibo in energia in modo corretto. Normalmente, il corpo produce insulina, che porta il glucosio nelle cellule dove viene utilizzato per produrre energia. L’insulina permette al corpo di utilizzare trigliceridi per l’energia, ma quando si è insulino-resistenti il glucosio non viene portato nelle cellule, provocandone un accumulo nel sangue insieme ai trigliceridi.

Il trattamento convenzionale per i trigliceridi alti
I due trattamenti convenzionali più comuni per i trigliceridi alti sono statine e fibrati, entrambi hanno pesanti effetti collaterali.

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
scuola di reiki bologna
REIKI : ARTE DI CURA CON LE MANI
SCUOLA DI REIKI BOLOGNA [ CLICK QUI ]

Le statine. Questi farmaci sono più efficaci nell’abbassare il colesterolo LDL elevato e meno nell’abbassare i trigliceridi. Le statine hanno molti effetti collaterali pesanti come dolore muscolare, danni al fegato, diabete, problemi neurologici, incapacità di sintetizzare la vitamina D, sopprimere il coenzima Q10, anemia, cataratta e molto altro.

I fibrati. I fibrati sono la classe di farmaci più usati e quelli considerati più efficaci per trattare l’ipertrigliceridemia. Gli effetti collaterali comprendono nausea, mal di stomaco e diarrea. L’uso prolungato può anche irritare il fegato e causare calcoli biliari. A volte fibrati e statine sono utilizzati insieme in terapia, ma questo solleva preoccupazioni per la sicurezza e devono essere usati con cautela.

Come abbassare i trigliceridi alti naturalmente
Vediamo prima i cambiamenti necessari a livello alimentare e poi tratteremo gli integratori naturali.

1. Cosa mangiare quando si hanno i trigliceridi alti
Cosa NON mangiare. Bisogna evitare assolutamente i cibi ad alto indice glicemico poiché vengono trasformati direttamente in trigliceridi. Semplicemente evitando questi cibi si assiste ad una veloce e consistente diminuzione dei trigliceridi. Essi comprendono:

Bevande zuccherate
Zucchero e tutti i dolcificanti
Prodotti da forno
Tutti i cibi a base di farine come pane, pasta, pizza, snacks (sono concessi in quantità limitata solo i prodotti a base di farine integrali ma l’ideale sarebbe evitare anche questi finché i trigliceridi non tornano alla normalità)
Cereali raffinati come il riso bianco
Frutta dolce e disidratata (banane, albicocche, prugne)
Ogni tipo di alcol (birra, vino, ecc.)
Uno studio pubblicato sull’American Journal of Physiology ha scoperto infatti che quando è stato dato del fruttosio è stato dato a topi, c’è stato un aumento del 20 % della produzione di trigliceridi. I risultati suggeriscono che il fruttosio nella dieta aumenta non solo la produzione di trigliceridi, ma ne compromette anche la rimozione.

Cosa mangiare. A causa della relazione tra aumento del peso e trigliceridi alti, è importante mangiare meno dato che perdere peso ha un grande impatto sui livelli di trigliceridi. In uno studio condotto presso la Facoltà di Medicina e Farmacologia in Australia, rispetto a chi aveva mantenuto il proprio  peso, chi l’aveva diminuito significativamente aveva ridotto anche i livelli di insulina plasmatica, trigliceridi, colesterolo e colesterolo LDL totali. Ecco i migliori alimenti da consumare:

Cereali integrali
Verdure in abbondanza sia crude che cotte
Semi
Aglio
Patate dolci
Proteine
Omega 3 in abbondanza (pesce, semi di lino, semi di chia, uova biologiche)
Curcuma
Zenzero
Aceto di mele
2. Allenarsi regolarmente per abbassare i trigliceridi
Uno studio pubblicato sul Medicina e Scienza in Praticare sport ha valutato 11 donne sane che hanno fatto un singolo allenamento consistente in una camminata a passo veloce per circa due ore. I risultati hanno mostrato che la concentrazione dei trigliceridi è diminuita di circa il 30% dopo l’esercizio rispetto al gruppo di controllo che non ha fatto nessun esercizio. Questi benefici possono derivare da almeno un’ora di camminata, corsa, nuoto. Anche pilates e yoga possono dare dei piccoli benefici.

3. Dimagrire è necessario per abbassare i trigliceridi
In uno studio coloro che hanno cambiato il loro stile di vita perdendo l’8,6% del loro peso iniziale, i livelli di trigliceridi si sono abbassati di oltre il doppio rispetto al gruppo di controllo! Lo studio dimostra che la perdita di peso può portare importanti miglioramenti metabolici e vi è infatti una correlazione con i livelli di trigliceridi.

4. Digiuno intermittente per abbassare i trigliceridi
Uno studio del 2015 pubblicato sulla rivista Nutrition Reviews dimostra che praticare il digiuno intermittente produce enormi miglioramenti a livello di: peso corporeo, massa grassa, colesterolo totale, trigliceridi. Abbiamo descritto come metterlo in pratica nell’articolo Come un digiuno di 24 ore può migliorare drasticamente la tua salute.

5. Integratori naturali per trattare l’ipertrigliceridemia
Omega 3. Secondo i ricercatori del Cardiovascular Health Research Center di South Dakota, gli acidi grassi omega-3 sono efficaci per ridurre i livelli di trigliceridi nel plasma. Alla dose farmaceutica di 3,4 grammi al giorno, essi riducono i trigliceridi di circa il 25 % e fino al 50% dopo un mese di trattamento, a causa soprattutto del calo della produzione di lipoproteine a bassa densità (LDL). L’omega 3 sopprime efficacemente l’infiammazione del tessuto adiposo e controlla le vie metaboliche che regolano il traffico di sostanze nutritive e la riduzione dei trigliceridi plasmatici.

Niacina. La ricerca mostra che la niacina (vitamina B3) abbassa i livelli di trigliceridi dal 30 al 50 %, aumenta i livelli di colesterolo HDL dal 20 al 30 % e abbassa il colesterolo LDL dal 5 al 25 %. Secondo una ricerca pubblicata sull’Archives of Internal Medicine, la terapia con niacina è unica, in quanto migliora tutte le anomalie delle lipoproteine. Si riducono in modo significativo il colesterolo LDL, i livelli di trigliceridi e delle lipoproteine, aumentando invece i livelli di colesterolo HDL. I ricercatori hanno trovato che i cambiamenti indotti dalla niacina a livelli dei lipidi sierici producono significativi miglioramenti negli stati clinici di malattia coronarica. L’uso di  niacina ha un rischio di effetti collaterali, come ad esempio il rialzo dei livelli di enzimi epatici, ma una terapia  a basso dosaggio in combinazione con una statina ha  una riduzione degli eventi cardiovascolari.

Acido alfa-lipoico. I ricercatori hanno scoperto che la supplementazione con acido alfa-lipoico aumenta il tasso di scomparsa dei trigliceridi nel sangue dopo aver mangiato. Uno studio del 2009 pubblicato su Archives of Biochemistry and Biophysics ha testato i livelli di trigliceridi del ratti diabetici alimentati con una dieta a base di acido alfa-lipoico per cinque settimane. I ricercatori hanno scoperto che i fegati di questi ratti  avevano un  contenuto di glicogeno elevato, il che suggerisce che i carboidrati nella dieta sono stati immagazzinati come glicogeno, invece di diventare acidi grassi, riducendo in tal modo i livelli di trigliceridi.

Aglio. Ci sono un certo numero di vantaggi nell’aglio, compresa la sua capacità di prevenire le malattie cardiache. Un’analisi condotta presso l’Università di Oxford ha scoperto che i preparati in polvere di aglio essiccato abbassano in modo significativo i livelli di trigliceridi sierici rispetto al placebo. Questa analisi ha incluso 17 studi e 952 soggetti. I trattamenti con l’aglio non solo hanno abbassato i livelli di trigliceridi, ma anche ridotto i livelli di colesterolo totale. Un altro studio pubblicato sul Journal of Nutrition ha scoperto che quando è stato somministrato aglio crudo ai topi per via orale o per iniezione, c’è stata una riduzione del 38 % dei livelli di trigliceridi.

Oli essenziali. Alcuni oli essenziali sono risultati utili nel trattamento dei trigliceridi:

Lavanda. Uno studio del 2014 ha dimostrato che l’olio di lavanda esercita effetti antiossidanti e ipolipemizzanti sui ratti e può essere una terapia per i pazienti con iperlipidemia. L’olio di lavanda è noto anche per ridurre i livelli di stress, cosa che può aiutare a regolare i rischi cardiovascolari. Si possono ottenere questi benefici diffondendo l’olio in casa o applicandolo sul petto e sui polsi.
Basilico Sacro. L’estratto di basilico sacro ha effetti ipolipemizzanti e antiossidanti che proteggono il cuore contro l’ipercolesterolemia. Ciò è dovuto all’eugenolo presente nell’olio. Il basilico santo è anche in grado di controllare i livelli di glucosio nel sangue, che è associato a livelli elevati di trigliceridi. Per utilizzare l’estratto di basilico santo, aggiungerne una o due gocce in acqua calda o nel tè. E’ disponibile anche in forma di integratore.
Citronella. Una ricerca pubblicata in Food and Chemistry Toxicology ha scoperto che l’olio essenziale di citronella ha effettivamente abbassato i livelli di colesterolo nel sangue quando è stato somministrato per via orale a topi per 21 giorni. Anche se non ci sono studi sugli umani su citronella e trigliceridi, questo condotto su animali suggerisce che la citronella può servire come una terapia naturale e sicura in combinazione con dieta e cambiamento nello stile di vita.
Considerazioni finali sui trigliceridi alti
La ricerca mostra che i livelli di trigliceridi sono predittivi di malattia cardiovascolare, una delle cause principali di mortalità al mondo.
I trigliceridi sono un tipo di grasso nel sangue. Qualsiasi eccesso di calorie quando si mangia viene convertito in trigliceridi e immagazzinato nelle cellule adipose. Per evitare una sovrapproduzione di trigliceridi bisogna evitare i carboidrati e preferire grassi sani omega 3 e proteine. Il digiuno intermittente è una ottima soluzione.
Alcune delle principali cause dei trigliceridi alti includono l’obesità, la mancanza di esercizio fisico, mangiare troppo, il diabete di tipo 2, malattie renali, il consumo eccessivo di alcol e fumo.
Il modo migliore per prevenire o ridurre i livelli di trigliceridi elevati è quello di cambiare lo stile di vita e utilizzare integratori come omega 3, aglio, niacina e acido alfa-lipoico. Gli oli essenziali, come la lavanda,il basilico santo e la citronella, possono anche essere utilizzati per contribuire a trattare l’ipertrigliceridemia.

Riferimenti
– Sarwar N et al. Triglycerides and the risk of coronary heart disease: 10,158 incident cases among 262,525 participants in 29 Western prospective studies. Circulation. 2007 Jan 30;115(4):450-8.
– Connelly PW et al. Prevalence of high plasma triglyceride combined with low HDL-C levels and its association with smoking, hypertension, obesity, diabetes, sedentariness and LDL-C levels in the Canad ian population. Cana dian Heart Health Surveys Research Group. Can J Cardiol. 1999 Apr;15(4):428-33.
– K.E.L Harchaoui et al. Triglycerides and Cardiovascular Risk. Curr Cardiol Rev. 2009 Aug; 5(3): 216–222.
– Carey VJ et al. Contri bution of high plasma triglycerides and low high-density lipoprotein cholesterol to residual risk of coronary heart disease after establishment of low-density lipoprotein cholesterol control. Am J Cardiol. 2010 Sep 15;106(6):757-63.
– Elizabeth J Parks and Marc K Hellerstein. Carbohydrate-induced hypertriacylglycerolemia: historical perspective and review of biological mechanisms. Am J Clin Nutr February 2000 vol. 71 no. 2 412-433
– Tinsley GM, La Bounty PM. Effects of intermittent fasting on body composition and clinical health markers in humans. Nutr Rev. 2015 Oct;73(10):661-74.

Riccardo Lautizi
FONTE : https://www.dionidream.com/trigliceridi-alti-come-abbassare/

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php


#spaziosacro

TROVA LA CURA NATURALE

TROVA LA CURA NATURALE CON UN CLICK

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

Un italiano su cinque ricorre alle medicine non convenzionali

Quasi 13 milioni di italiani (il 21,2% della popolazione) fanno ricorso alle medicine non convenzionali: sono aumentati del 6,7% rispetto al 2012 e più che raddoppiati dal Duemila a oggi, passando da poco più di 6 milioni a quasi 13 milioni (12.861.000).

Sono i dati del Rapporto Italia 2017 di Eurispes, che sottolineano una sensibile crescita della diffusione delle medicine non convenzionali nel nostro Paese.

La più diffusa tra le medicine non convenzionali risulta l'omeopatia (76,1%), seguita da fitoterapia (58,7%), osteopatia (44,8%), agopuntura (29,6%) e, infine, lchiropratica (20,4%).

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
scuola di reiki bologna
REIKI : ARTE DI CURA CON LE MANI
SCUOLA DI REIKI BOLOGNA [ CLICK QUI ]

Dalla ricerca emerge un altro dato interessante, cioè quello che conferma il primato di internet (con il 47,7%) come mezzo di ricerca sui disturbi della salute; più di tutti (col 64,4%) sono i giovani tra i 18 e i 24 anni a consultare la Rete per risolvere i dubbi su questo argomento: soprattutto per capire a che cosa siano dovuti i sintomi e disturbi che si avvertono (91,5%), ma anche sulle buone pratiche e abitudini utili alla salute (79,9%). Il 50,7% usa internet per capire quali esami fare e il 47,4% invece per capire quali farmaci assumere per il proprio disturbo.

http://www.healthdesk.it/scenari/italiano-cinque-ricorre-medicine-non-convenzionali

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php


#spaziosacro

TROVA LA CURA NATURALE

TROVA LA CURA NATURALE CON UN CLICK

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

CELLULITE : eliminare la cellulite da pancia, glutei e cosce in modo naturale e veloce

La cellulite colpisce circa 8 donne su 10 di qualunque età e statura ed è causata da una dieta errata e squilibrio ormonale. Ecco come risolverla facilmente in modo naturale

 
La cellulite è un inestetismo cutaneo che si manifesta su cosce, glutei, ginocchia, caviglie, pancia e braccia e riguarda principalmente le donne anche se può colpire anche gli uomini.

Molte persone cercano di risolvere attraverso la liposuzione ma non è un trattamento definitivo dato che sistematicamente la cellulite si ripresenta dato che non sono state risolte le cause e inoltre può essere dannoso. Quindi cosa si deve fare se si vuole bruciare il grasso corporeo in eccesso, evitando una pericolosa perdita di peso? Di seguito saranno mostrati i modi naturali per ridurre la cellulite che si basano sui meccanismi di riduzione dell’adipogenesi (deposito di grasso), di aumento della termogenesi (bruciare il grasso attraverso il calore del corpo), del miglioramento della microcircolazione e della sintesi di collagene.

 
Che cos’è la cellulite?
E’ l’inestetismo cutaneo più famoso al mondo e spiccatamente femminile, ma quante donne veramente sanno cos’è la cellulite? Come si forma la cellulite?

Il termine cellulite sembra suggerire uno stato di infiammazione delle cellule, ma non è così. La cellulite è l’aspetto della “pelle a ricotta”, grumosa o a fossette, che si sviluppa prevalentemente con l’età sulle gambe, sulla pancia e sulla parte posteriore delle braccia. In sostanza, quando si ha un deposito di grasso sotto la pelle esso spinge contro il tessuto connettivo che cede, e si ha questo aspetto irregolare, a “chiazze”, della pelle. Alcuni dei fattori che contribuiscono a questa condizione sono la mancanza di esercizio fisico, cambiamenti ormonali e – avete indovinato – la dieta.

 
La ragione per cui gli adulti si sviluppano aree di pelle flaccida e cellulite è dovuta alla struttura irregolare di depositi di grasso sotto la pelle. Questa condizione è più comune nelle donne rispetto agli uomini; circa l’80% delle donne hanno un certo grado di cellulite, soprattutto man mano che invecchiano e che la pelle perde la sua elasticità. Tuttavia, chiunque può sviluppare la cellulite, anche gli adolescenti che non hanno problemi di peso ma hanno cambiamenti ormonali. Come condizione della pelle, la cellulite non è grave o dannosa, quindi molti scelgono di non trattarla. Invece altri sono molto infastiditi dagli inestetismi della cellulite, soprattutto in estate.

Le cause principali della cellulite
Diversi fattori principali contribuiscono allo sviluppo della cellulite, tra cui:

 
Dieta carente di nutrienti
La ritenzione di liquidi (che provoca anche gonfiore)
Disidratazione
La mancanza di circolazione
Una struttura del collagene debole
Essere in sovrappeso o un aumento del grasso corporeo
I cambiamenti ormonali
La mancanza di attività fisica (uno stile di vita sedentario)
Alcuni altri fattori che possono causare cambiamenti della pelle come la cellulite, rughe e la formazione di macchie scure sono:

Elevate quantità di stress
Condizioni mediche come malattie autoimmuni o diabete
Fattori genetici
Allergie
Fumo
Mentre la connessione tra lo stress e lo sviluppo di cellulite può sembrare inverosimile, la scienza ha dimostrato che tutti i fattori di cui sopra aumentano l’infiammazione e contribuiscono alla formazione dei segni di invecchiamento. Infatti uno studio pubblicato sul Journal of European Academy of Dermatology ha mostrato che la cellulite può essere causata da un aumento dei livelli di catecolamine a causa di forte stress e dall’aumento dei livelli di cortisolo. Cose come lo stress e una dieta povera possono anche rallentare la produzione di collagene, che è fondamentale per mantenere la pelle giovane.

Considerando tutti i fattori dello stile di vita che influenzano l’aspetto e la salute della pelle, è comprensibile il motivo per cui i trattamenti popolari anti-cellulite come ad esempio il laser o la liposuzione, non sono soluzioni a lungo termine.

Trattamenti naturali per la cellulite
Ecco i primi sei punti naturali per liberare il corpo della cellulite.

1. Assumere questi alimenti per diminuire e prevenire la cellulite
Semi di lino. Il lino è ottimo per la salute della pelle e per perdere peso in quanto modula i livelli di estrogeni e può anche aumentare la produzione di collagene. Si può cospargere di semi di lino la  prima colazione,metterli nei vostri frullati o semplicemente mangiare i semi da soli.
Alimenti idratanti. Poiché la disidratazione può portare a gonfiore e la pelle secca,bisogna provare a mangiare  alimenti idratanti. Questi includono verdure fresche e frutta, soprattutto meloni, frutti di bosco, cetrioli, sedano, agrumi ed erbe fresche. Preparare dei succhi in casa è uno dei modi migliori per consumare un po’ di questi alimenti in una sola volta.
Alimenti ricchi di fibre. Questi includono verdure, noci, semi e frutti di bosco. La fibra aiuta a pulire il colon, a frenare la fame, a sostenere il metabolismo e bilanciare gli ormoni. Alimenti ricchi di fibre che contengono molti antiossidanti, come le verdure a foglia verde o frutti di bosco, sono anche benefici per la loro capacità di diminuire i danni dei radicali liberi (che invecchiano la pelle).
Proteine. Alimenti ricchi di proteine come frutta secca, uova, pesce pescato e proteine in polvere possono aumentare il metabolismo e aiutare  nella riduzione della cellulite.
Alimenti ricchi di potassio. Il potassio permette di eliminare i liquidi in eccesso ed anche le cellule morte può contribuire a ridurre la cellulite. Verdure a foglia verde, avocado, banane, acqua di cocco e yogurt e kefir di latte sono tutti alimenti ad alto contenuto di potassio.
I grassi sani. Olio di cocco, olio di oliva, pesce pescato contengono acidi grassi che promuovono il tessuto sano. Consumarli quotidianamente per ottenere i migliori risultati.
Alghe. Le alghe marine hanno molti vantaggi e sono nutrienti a basso costo. Contengono un composto chiamato “fucoxantina”, che si trova nella clorofilla delle piante verdi. Può aiutare il corpo a bruciare i grassi, riducendo così la comparsa di cellulite. Si possono aggiungere le alghe nella  dieta spruzzandone una piccola quantità sui pasti.
Acqua. Bere molta acqua è davvero così importante per ridurre la cellulite? Sì! L’acqua mantiene la pelle idratata e aiuta a eliminare i composti tossici dal corpo. Questi globuli di grasso sotto la pelle portano tossine e rendono la cellulite più visibile. Si possono pulire bevendo 8-10 bicchieri di acqua fresca al giorno. Una pelle idratata sarà più uniforme, con un aspetto meno grumoso, secco o invecchiato.
2. Evitare o ridurre il più possibile questi alimenti, che possono causare o peggiorare la cellulite
E’ importante eliminare completamente lo zucchero e i dolcificanti, eliminare anche tutti i cibi a base di farine raffinate (pasta, pane, pizza, snack, dolci, ecc…). I cibi ad alto indice glicemico provocano la ritenzione dei liquidi, l’infiammazione e il deposito di grasso corporeo che può aumentare la comparsa di cellulite.
Sale. Il sale è una delle principali cause di ritenzione idrica, che può peggiorare la cellulite e il gonfiore.
Allergeni alimentari. Gli alimenti come il glutine, la caseina presente nei latticini e arachidi possono causare allergie o infiammazioni. Questo ha effetti negativi sulla salute della pelle perché viene potenzialmente diminuita la circolazione, interferendo con il normale assorbimento dei nutrienti.
Grassi idrogenati. I grassi malsani promuovono l’infiammazione e possono provocare un aumento di peso. Leggere bene le etichette.
3. Consumare più collagene per diminuire gli inestetismi
Il tessuto connettivo – compresi gli strati della pelle – comprende il collagene. Così, quando la pelle è forte, l’aspetto della cellulite è diminuito. Il collagene è la proteina più abbondante nel corpo umano e necessaria per l’elasticità e la forza della pelle, e per la consistenza giovanile. Uno dei modi migliori per ottenere più collagene è consumare vitamina C, glucosamina e gelatina. Anche gli aminoacidi prolina e glicina che compongono il collagene possono essere assunti tramite integratori.

4. Gli integratori che eliminano la cellulite
Per il raggiungimento di un peso sano in tutta sicurezza, ma anche per migliorare la salute della pelle e di tutto il corpo, consiglio di consumare i seguenti integratori e sostanze nutrienti anti-cellulite:

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
scuola di reiki bologna
REIKI : ARTE DI CURA CON LE MANI
SCUOLA DI REIKI BOLOGNA [ CLICK QUI ]

Bromelina e enzimi proteolitici. Gli enzimi sistemici sono stati utilizzati con successo per combattere l’infiammazione e per sciogliere gli ammassi di tessuto cellulare. Secondo i risultati pubblicati nel Biotech Research Journal “gli studi dimostrano che la bromelina presenta varie attività tra qui quella fibrinolitica, antiedematosa, antitrombotica, e anti-infiammatoria”. I fibromi uterini, le cisti ovariche,i calcoli biliari e la cellulite possono essere ripartiti con maggiore facilità ed eliminati dal corpo con l’aiuto di enzimi. Consiglio enzimi come bromelina (presente naturalmente nella parte centrale dell’ananas), serrapeptasi e nattochinasi (presente naturalmente nel natto), che hanno la capacità di sciogliere il fibrinogeno (il tessuto che contiene queste formazioni indesiderate).
Centella Asiatica. Questo estratto è stato oggetto di molti studi sulla cellulite, e ha mostrato alcuni risultati positivi. E’ una pianta senza caffeina, che ha proprietà rilassanti e può essere presa prima di coricarsi. Funziona contribuendo a migliorare l’elasticità della pelle, rendendola anche più forte. Contribuirà a ridurre al minimo l’aspetto della cellulite.
5. Attività fisica regolare è fondamentale nel trattamento della cellulite
Insieme a migliorare la dieta e a utilizzare integratori naturali, l’esercizio fisico può essere il migliore alleato a costo zero quando si tratta di diminuire il grasso corporeo in eccesso e sbarazzarsi della cellulite. L’ideale è fare delle lunghe camminate, jogging, corsa leggera, o anche nuoto, insomma tutte le attività aerobiche in cui si usa la parte inferiore del corpo. Moltissime donne mi hanno riferito come facendo anche solo un’ora al giorno di camminata-corsa leggera, la cellulite sia scomparsa completamente insieme ad una dieta corretta. Nel 2011 un rapporto pubblicato nel Journal of Obesity ha dichiarato che l’esercizio aerobico può essere più efficace nel ridurre il grasso corporeo sottocutaneo e addominale rispetto ad altri tipi di esercizio.

6. Oli essenziali indicati per la cellulite
Le creme commerciali per la cellulite possono essere inefficace o costose (o entrambi!),e in più la maggior parte di esse sono piene di sostanze chimiche che possono danneggiare la pelle. Invece, provate a fare una crema naturale di pompelmo anti-cellulite. La ricetta è semplice basta mescolare 5 gocce di olio essenziale di pompelmo con un cucchiaio di olio di cocco (d’inverno l’olio di cocco è solido e quindi va scaldato sul fornello per renderlo liquido). Applicare sulla zona interessata dalla cellulite una volta al giorno. Come funziona l’olio essenziale di pompelmo? Gli studi dimostrano che contiene grandi quantità di enzimi anti-infiammatori, come la bromelina, che aiuta a diminuire la cellulite e a prevenire la formazione di nuove cellule adipose (inibisce l’adipogenesis) sottocutanee. E’ importante non esporsi al sole con l’olio essenziale di pompelmo sulla pelle perché è un olio fotosensibilizzate e quindi con la luce del sole può lasciare delle macchie sulla pelle.

7. Aumentare la temperatura corporea
Stimolare la termogenesi è uno dei modi più efficaci per bruciare il grasso sottocutaneo. L’esercizio fisico è un ottimo modo per raggiungere questo obiettivo. Altri metodi sono:

Fare un bagno caldo di almeno 20 minuti la sera prima di andare al letto un paio di volte a settimana. Chi non ha la vasca da bagno può fare una doccia calda un pò più lunga del solito;
Consumare cibi piccanti come il peperoncino, zenzero e il curry. Peperoncino e spezi piccanti possono essere usate come condimento nei vari piatti; lo zenzero può essere assunto sia come spezia nei cibi sia come tisana di zenzero utilizzando la radice fresca;
Praticare un digiuno intermittente una volta a settimana.
8. Spazzolatura a secco
Secondo molte testimonianze la spazzolatura a secco è uno dei rimedi più efficaci e meno impegnativi da praticare nella rimozione della cellulite. Ho descritto come fare nell’articolo Come fare la Spazzolatura a Secco. Proprietà e Benefici.

Importanza del trattamento della cellulite
In alcuni casi, la cellulite non è nociva ed è perlopiù una preoccupazione estetica. Tuttavia, a volte la cellulite può essere causa di problemi sottostanti come ai vasi sanguigni e ritenzione idrica. Se la cellulite non risponde ai trattamenti di cui sopra e improvvisamente peggiora, è meglio vedere un dermatologo. Può aiutare a escludere problemi come la mancanza di flusso di sangue, che può essere pericolosa per le persone con problemi cardiaci o circolatori.

I pericoli della liposuzione
Molte donne si rivolgono alla liposuzione al fine di migliorare le aree della pelle increspata (cellulite) intorno a focolai di crisi, come le cosce, fianchi, glutei e addome. La liposuzione è un intervento chirurgico e comporta gli stessi rischi come molte altre procedure mediche o cosmetiche. I pazienti devono essere consapevoli della gravità della liposuzione, tra cui le potenziali conseguenze nel caso in cui la procedura andasse male.

Mentre la maggior parte dei pazienti rinvengono solo lividi e gonfiore dopo la liposuzione, che per fortuna guariscono  nel corso del tempo, c’è sempre il rischio che si verifichino effetti collaterali più gravi. Chiunque subisca un’anestesia durante l’intervento chirurgico aumenta il rischio di aritmia cardiaca, reazioni avverse ai farmaci o danni cerebrali, anche in casi estremi. Voglio essere chiaro che per  necessarie procedure mediche per problemi di salute vale la pena di correre il rischio, ma nella maggior parte dei casi di liposuzione non è il caso. Se si sceglie di fare la liposuzione, bisogna prendere in considerazione di farlo dopo aver provato altri mezzi naturali per migliorare la consistenza della pelle.

Recenti ricerche suggeriscono che in pazienti che sono stati sottoposti a liposuzione, la cellulite o grasso corporeo è riapparso entro un anno. Ancora più scioccante? Questo grasso riappare in un luogo diverso da cui è stato rimosso! I ricercatori dell’Università del Colorado hanno studiato 32 pazienti: 14 avevano subito la liposuzione e 18 non l’avevano fatta (in qualità di gruppo di controllo). Nessuno dei pazienti ha cambiato  dieta o l’esercizio di routine, e coloro che hanno fatto la liposuzione hanno rilevato che, mentre il grasso corporeo è diminuito in un primo momento, è tornato in un secondo momento – soprattutto intorno all’addome e nella parte superiore. Non era grasso sottocutaneo (il genere che si trova appena sotto la pelle), ma piuttosto profondo, pericoloso grasso viscerale.  Il tipo di grasso corporeo che è tornato nei pazienti post-liposuzione è associato a molte malattie croniche, tra cui malattie cardiache e morte prematura.

Come può essere? Notando che la liposuzione non ha prodotto risultati duraturi, i ricercatori dello studio hanno spiegato che il grasso è tornato dopo la procedura di liposuzione perché i pazienti non hanno fatto alcuna modifica duratura nello stile di vita. Ad esempio, se rimuove grasso dalla zona dei fianchi, ma si continua a mangiare in un modo da ingrassare di nuovo, il corpo continua a immagazzinare  nuove cellule adipose. “Pensiamo che il cervello sappia in qualche modo la quantità di grasso presente nel corpo e risponde [alla liposuzione] in  modo da regolare quel peso. Ecco perché la prevenzione dell’obesità è così importante”. Qual è la linea di base da seguire sul ricorso alla liposuzione per eliminare la cellulite? Anche se ci si sottopone a questa procedura, bisogna anche apportare modifiche permanenti alla dieta e / o livello di attività fisica. In caso contrario  verranno immagazzinate in altre aree del corpo  più cellule adipose e cellulite.

Considerazioni finali su come liberarsi della cellulite naturalmente
La cellulite è la comparsa di grumi sulla pelle, di solito a causa di cedimenti e un accumulo di grasso sottocutaneo. I fattori che contribuiscono allo sviluppo della cellulite sono: sovrappeso, una dieta povera, ritenzione di liquidi o disidratazione, mancanza di circolazione e struttura debole del collagene della pelle.Perdere il peso corporeo in eccesso aiuta a diminuire la comparsa di cellulite. Mangiare alimenti non trasformati e fare allenamenti aerobici aiuta a raggiungere un peso sano in un modo sano. Altri modi per ridurre la comparsa di cellulite includono: l’applicazione di olio essenziale di pompelmo per la pelle, rimanere idratati, consumare più di collagene e assumere gli integratori naturali descritti.


Riferimenti
– Haze S et al. Grapefruit oil attenuates adipogenesis in cultured subcutaneous adipocytes. Planta Med. 2010 Jul;76(10):950-5.
– Stephen H. Boutcher. High-Intensity Intermittent Exercise and Fat Loss. J Obes. 2011; 2011: 868305.
– Rajendra Pavan et al. Properties and Therapeutic Application of Bromelain: A Review. Biotechnol Res Int. 2012; 2012: 976203.
– Michael Schunck et al. Dietary Supplementation with Specific Collagen Peptides Has a Body Mass Index-Dependent Beneficial Effect on Cellulite Morphology. J Med Food. 2015 Dec 1; 18(12): 1340–1348.
– DO YOU THINK LIPOSUCTION WILL GET RID OF THAT FAT FOREVER? University of Colorado
– Webber J et al. The effects of fasting on the thermogenic, metabolic and cardiovascular responses to infused adrenaline. Br J Nutr. 1995 Oct;74(4):477-90.

FONTE : https://www.dionidream.com/come-eliminare-cellulite/

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php


#spaziosacro

TROVA LA CURA NATURALE

TROVA LA CURA NATURALE CON UN CLICK

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

INTESTINO - gli integratori naturali che depurano profondamente l’intestino

Ecco degli integratori utili per depurare l’intestino, espellere scorie e tossine, migliorare la digestione e l’assimilazione dei nutrienti

 
La salute e la malattia hanno origine dall’intestino, proprio come diceva Ippocrate 2500 anni fa padre della medicina moderna. Oggi gli scienziati hanno validato questa evidenza pratica mostrando infatti che l’intestino:

E’ un vero e proprio secondo cervello responsabile del nostro stato emotivo
E’ responsabile dell’umore grazie al fatto che più del 90% della serotonina è prodotta dai villi intestinali
Racchiude circa il 70% del sistema immunitario e quindi è fondamentale la sua salute per prevenire ogni malattia
Permette l’assimilazione dei nutrienti fondamentali per la vita e l’espulsione delle scorie nocive
Contiene circa 10 trilioni di batteri, più numerosi delle cellule umane, che hanno un ruolo cruciale e poco compreso nell’espressione genetica, nelle reazioni enzimatiche, nei cicli circadiani e quindi nella salute fisica e mentale dell’individuo
E’ evidente quindi che dobbiamo prenderci cura del nostro intestino. L’alimentazione moderna ricca di ingredienti sintetici e cibi processati e raffinati ha davvero danneggiato pesantemente le pareti intestinali, la flora batterica e favorito l’accumulo di batteri e residui tossici. Lo stress e la sedentarietà peggiorano ulteriormente. E’ quindi importate avere uno stile di vita sano e favorire la depurazione intestinale con preparati naturali appositamente studiati.

 
Erbe del metodo Clark per la depurazione dell’intestino
La Dr.ssa Hulda Clark ha sviluppato una combinazione di erbe per la rimozione dei parassiti intestinali e dei batteri e funghi nocivi che possono proliferare nell’intestino e diffondersi nei vari organi causando ogni sorta di problema di salute. Il nostro intestino è ricco di batteri positivi che però sono molto sensibili a quello che mangiamo, ragion per cui una dieta basata su zucchero, farine raffinate, cibi in scatola, e carne e pesce non accuratamente cotti, uso di antibiotici, danneggiano sia la quantità che la bio-diversità dei batteri causando uno squilibrio in favore dei microrganismi patogeni.

Il Mix Bilanciato Clark è un composto officinale di Mallo Verde di Noce, Artemisia-Assenzio e Chiodi di Garofano, potenziato con Bardana, Aloe Ferox e Olivo in foglie, sviluppato appositamente per la depurazione intestinale. Questo integratore favorisce la disintossicazione dell’organismo e una corretta funzionalità digestiva e intestinale.

 

La confezione è sufficiente per un utilizzo di circa 1 mese. Modo d’uso:

 
Assumere 40 gocce due volte al giorno, per 15 giorni.
Sospendere 15 giorni.
Riprendere per altri 15 giorni, assumendo 40 gocce due volte al giorno.
È consigliato eseguire la depurazione due volte l’anno. In caso si voglia eliminare l’alcool è sufficiente lasciare la tintura per circa 20 minuti nel bicchiere, poi allungare con un pò d’acqua e assumere la soluzione. E’ importante bere 2 litri di acqua al giorno lontano dai pasti per smaltire più velocemente le sostanze che il corpo deve espellere con la depurazione.

Altri integratori utili per depurare e rafforzare l’intestino
Sali di Epsom. Chiamati anche sali inglesi, sono un solfato di magnesio utile per svuotare l’intestino eliminando le feci vecchie accumulate fornendo all’organismo anche magnesio e zolfo fondamentali per numerose reazioni enzimatiche. I sali di Epsom permettono anche di pulire i dotti biliari secondo il metodo della dr.ssa Clark che ha il merito di averli riscoperti nel loro potere di depurare l’organismo. Infatti il solfato di magnesio svolge una forte azione disintossicante su fegato, intestino e dotti biliari favorendo l’eliminazione dei microcalcoli che si formano nelle vie epatiche con un profondo effetto depurativo sul sistemo digerente in cui anche il fegato svolge un ruolo di primo piano.

Enzimi digestivi. Il corpo umano sintetizza naturalmente gli enzimi necessari e fondamentali per la digestione principalmente attraverso le ghiandole salivari, fegato e pancreas. Una dieta ricca di cibi processati, farine, zuccheri insieme ad una masticazione disattenta e ad un basso consumo di frutta e verdura crude, sono i fattori che distruggono la capacità del corpo di produrre enzimi e quindi la digestione è molto più difficoltosa e c’è una minore assimilazione dei nutrienti dei cibi, favorendo carenze nutrizionali, insulino-resistenza e obesità. L’assimilazione di enzimi è consigliata quindi in chi ha difficoltà a digerire o soffre di intolleranze alimentari, e permette al pancreas di riposarsi e rigenerarsi insieme ad uno stile di vita sano.

Prebiotici e Probiotici. Sempre più studi scientifici mostrano come i batteri intestinali positivi hanno un ruolo fondamentale nella regolazione del sistema immunitario, nel prevenire la maggior parte delle malattie incluso il cancro, nel favorire il peso forma, migliorare il nostro umore e molto altro. I prebiotici sono sostanze naturali che favoriscono la crescita dei batteri intestinali positivi, mentre i probiotici sono batteri vivi che aiutano a ripopolare ed aumentare il numero dei batteri intestinali benefici.

Ficus carica. E’ un gemmoderivato estratto dalle gemme di Fico, che è ideale per chi soffre di meteorismo e gonfiore intestinale. Inoltre normalizza la secrezione del succo gastrico aiutando chi soffre di bruciore di stomaco.

Alga Carrighenani. Chiamata anche Condrus Criprus, una volta ingerita forma una massa gelatinosa e densa che per effetto meccanico rimuove le impurità del tratto gastrointestinale, soprattutto metalli pesanti, tossine e scorie, trascinandole fino all’eliminazione e fornendo allo stesso tempo un’azione lenitiva sulle mucose intestinali. Ottima per chi soffre di stitichezza, dopo la rimozione di amalgame in sinergia con Alga Clorella e come coadiuvante nell’idrocolonterapia.

Benessere intestinale. E’ un integratore ad effetto idrocolonterapia che assunto quotidianamente in modo costante per un periodo di 2 mesi rende possibile una progressiva eliminazione delle scorie accumulate all’interno del colon nel corso degli anni. Composto da Papaya, Guar, Melissa, Aloe Ferox, Malpighia punicifolia, Ananas ha permesso di risolvere molte situazioni di difficoltà digestive e di far ritornare il senso di leggerezza.

Inulina. Questa fibra alimentare prebiotica contenuta naturalmente in alcuni cibi può essere decomposta solamente dai batteri intestinali benefici aumentandone quindi la proliferazione in modo naturale. E’ stato osservato che è utile anche per normalizzare i livelli di colesterolo oltre che per rafforzare l’intestino.

Clicca qui per scoprire tutti gli integratori studiati per il benessere intestinale
Riferimenti
– Enrica Campanini, Dizionario di fitoterapia e piante medicinali, Tecniche Nuove, 2006.
– Bruno Brigo, L’Uomo, la fitoterapia, la gemmoterapia, Tecniche Nuove, 2003.
– Hulda Regehr Clark. La cura di tutte le malattie. Macro Edizioni, 2000
– Michael D. Gershon. Il Secondo Cervello. Gli straordinari poteri dell’intestino. Utet, 2006

FONTE : https://www.dionidream.com/depurare-intestino/

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php


#spaziosacro

TROVA LA CURA NATURALE

TROVA LA CURA NATURALE CON UN CLICK

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

L'AYURVEDA: VIVERE E AMARE CON LE ERBE

L’AYURVEDA: VIVERE E AMARE CON LE ERBE

di Yogi Harbhajan

  • L'Ayurveda è strettamente associata alla filosofia Samkhya, una delle scuole classiche della cultura induista. La filosofia Samkhya insegna che all'interno della forza creativa che genera la vita (Prakrti) ci sono tre qualità (Guna) :Sattva, Raja e Tamas legati a Vata, Pitta e Kapha
  • Sattva (essenza) è il potenziale creativo. Il termine significa puro, vero, ed equilibrato e rappresenta la contentezza, la gioia, la pace e l'armonia.
  • Rajas è forza vitale attiva
  • e Tamas è l'inerzia.
  • Ogni Guna è necessario ed è parte della vita in un corpo sulla Terra. L'obiettivo dello yoga e dell’Ayurveda è di vivere una vita di grazia e d'amore, a muoversi verso uno stato d’animo sattvico, e di condurre una vita Sattvica quanto più possibile.
  • Il nostro ultimo compito come esseri umani è quello di calmare la mente e di raggiungere l'obiettivo di pura coscienza indifferenziata (nirvana). Il corpo umano esiste come entità fisica a causa del mix di cinque elementi con l'anima, la mente, il ciclo della rinascita e dei sensi.
  • Gestire le energie del corpo è parte del sistema yogico d’illuminazione.

Per ogni Guna c’e’ una dieta appropiata:

  • Dieta Sattvica
  • L’alimentazione sattvica è genuina, pulita e sana; è una dieta che crea vita, forza, energia e coraggio. Essa fornisce il nutrimento sottile di cui abbiamo bisogno per una vitalità e  consapevolezza. Il cibo è visto come un vettore di prana, e gli alimenti sattvici forniscono una buona qualità di energia e lasciano una sensazione di calma, di circospezione, e di rigenerazione. Scritture yogiche descrivano il cibo sattvico come saporito,  omogeneo, solido e facilmente digeribile. 
  • Quando meditiamo, sentiamo gli effetti interiori del cibo che abbiamo mangiato. Come meditatori abbiamo la consapevolezza di due problematiche principali della perdita di coscienza  e della mente vagante.
  • Addormentarsi? Grattugiate cibi tamasici. Mente iperattiva? Evitate i pasti rajasici. Per calmare la mente, mantenete alta l’attenzione ed esplorate la vostra natura sottile, affidatevi alla dieta sattvica.
  • Cibo preparato con amore e con consapevolezza è il migliore. Cibo genuino sattvico dovrebbe essere assaporato per il suo gusto e la qualità intrinseca, piuttosto che per le spezie e per i condimenti aggiunti. L’alimentazione sattvica è leggera, facile da digerire, leggermente fresca, rinfrescante e non disturba la mente. Per vivere e amare al meglio mangiate frutta fresca, prodotti lattiero-casearii, verdura di alta qualità, noci, semi, cereali integrali, legumi e oli genuini. 
  • Il riso è un alimento base ma molto efficace come cibo sattvico. Facilmente digeribile, aumenta l’ojas e l’idratazione dei tessuti. Basmati (letteralmente "la regina della fragranza") è la varietà pimaria. Riso aromatico dal sapore di nocciola, basmati ha un profumo che è stato confrontato con gelsomino misto con noci. Tale riso è utilizzato nell’alimentazione Ayurveda come detergente e come rimedio per specifiche tipologie di persone.
  • Medici ayurvedici promuovano il miele sattvico per ringiovanire il corpo. Il miele è un naturale rimedio per ringiovanire con il suo gusto dolce; è considerato predigerito permettendo così di nutrire tutte le parti del corpo con facilità. Per queste ragioni, il miele è considerato il migliore enhancer, o "veicolo" per tutti i rimedi ayurvedici per il ringiovanimento. Il composto miele grezzo e tea alle erbe permette al miele di agire come veicolo per i principi attivi.
  • Altri alimenti che rinnovano il prana nel corpo sono gli asparagi, broccoli, latte, datteri e mango. (Gli ultimi due sono spesso mescolati con il latte e con il riso o trasformati in budino.)
  • Speziate le cose con il seme ajwain sattvico, il cumino, la curcuma e il cumino nero (kala Jeera).
  • Vivere e Amare con le Erbe
  • Se vuoi vibrare in amore, aggiungete qualche fiore di Ibisco (Hibiscus rosa-sinensis) al vostro nutrimento giornaliero. L’Ayurveda chiama quest’erba di color rosso intenso japa perché rafforza la meditazione devozionale in nome di Dio.
  • Fiori di Hibiscus distruggono ostacoli materiali e spirituali, e ci aiutano a realizzare i nostri obiettivi. Essi sono utilizzati per purificare il cuore fisico e spirituale, e per promuovere la saggezza. L’Hibiscus può essere una bevanda rinfrescante per combattere la calura estiva. Inoltre, favorisce i reni e la riproduzione (disturbi del primo e secondo chakra); questi splendidi fiori possono inoltre nutrire la pelle e i capelli. Potete preparare l’infusione di un delizioso tè e bevanda durante la giornata, come preferite.
  • Petali di rosa, poco conosciuti come medicina alle erbe, sono popolari per guarigioni naturali nell'Asia, dove sono utilizzati per calmare ed elevare la mente. Essi sono particolarmente efficaci per la riduzione di fuoco tattva e a forti emozioni e passioni; sono un buon lassativo per le persone nelle quali predomina l’elemento fuoco. Bevuto come bevanda questo delizioso rimedio lenisce non solo una mente calda, ma anche superfici infiammati come il tratto digestivo.
  • Per regolare le mestruazioni aggiungete qualche petalo di rosa all’alimentazione quotidiana; aumentate la quantità gradualmente fino a quando si nota un effetto positivo.
  • A volte i petali di rosa sono mescolati con il miele o lo zucchero greggio; lasciati macerare per un anno si ottiene una marmellata dolce e invitante; essa può essere utilizzata come una gustosa confettura con effetto rinfrescante lassativo.  Inoltre,  l’infusione di rosa può essere utilizzato come un gustoso tè, mescolato magari  con altre erbe rinfrescanti.
  • L’infusione di rosa con il ghee (burro chiarificato) è una preparazione efficace ayurvedica per attenuare l’energia mentale e corporea iper-attiva.
  • Mentre percorriamo il nostro cammino verso il raggiungimento di una vita di gratitudine, di grazia e di amore universale, non farebbero male alcuni punti di riferimento lungo la strada. Utilizzando alcuni  rimedi a base di erbe ogni giorno è possibile aggiungere una dimensione tale e necessaria durante il viaggio.

-lo stile di vita

-le pratiche per la guarigione spirituale: yoga ,pranayama, meditazione e mantra e cristalloterapia AYURVEDICA

-massaggi e olii  massaggi a secco o con olii o latticello, latte di cocco o decotti di erbe  E OLI ESSENZIALI specifici

 

Dal corso di cristalloterapia ayurvedica che iniziera’ il 3 marzo….

https://www.spaziosacro.it/cristalloterapia/

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php


#spaziosacro

TROVA LA CURA NATURALE

TROVA LA CURA NATURALE CON UN CLICK

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli