Se ti piace il nostro sito votalo adesso con un click sul pulsante Google +1 qui sotto :


Zenzero, ecco come aiuta intestino e colon a riequilibrarsi

Sei sovrappeso, hai la pancia gonfia, non digerisci bene: la tua salute inizia dall’intestino. Mettiti di impegno e comincia a trattarlo come se tutto derivasse da lì. Perché in realtà è proprio così.


Il nostro intestino contiene un ecosistema di migliaia di miliardi di microbi, chiamato microbiota. Quando si dispone di un buon ecosistema intestinale, si ha solitamente una buona e solida salute.
Quando invece l’ecosistema è alterato, cominciano i guai. Per porvi rimedio, ci sono alcuni alimenti capaci di ristabilire un sano microbiota nel nostro intestino.
Ecco qual è uno dei migliori tra questi.

Zenzero per lo stomaco e l’intestino
Ancora una volta, lo zenzero si rivela un ottimo alleato della nostra salute, una spezia non molto conosciuta qui da noi solo fino a qualche anno fa.

 
Zenzero e apparato digerente sembrano ormai un binomio quasi perfetto. Sapevamo già che lo zenzero aiutasse a calmare il mal di stomaco, a rilassare i muscoli gastrointestinali e a prevenire la formazione di gas e gonfiori; ora un nuovo studio lo collega anche alle funzioni del nostro intestino.

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
scuola di reiki bologna
REIKI : ARTE DI CURA CON LE MANI
SCUOLA DI REIKI BOLOGNA [ CLICK QUI ]

Ma come può lo zenzero migliorare il microbiota intestinale?

Alcune nanoparticelle contenute nella radice di zenzero hanno una composizione simile a quelle che abbiamo nell’intestino, e introducendole nella nostra dieta, una volta arrivati nell’intestino, modulano la composizione del microbiota intestinale e migliorano i sintomi della colite.

In sintesi, nel corso degli esperimenti, le nanoparticelle dello zenzero sono assorbite dal microbiota intestinale attraverso i lipidi  e ne cambiano la sua composizione. La scoperta, anche se condotta per il momento solo sui topi, sarà utile ad alleviare diverse malattie come appunto la colite, che affligge milioni di persone.

https://www.soluzionibio.it/rimedi-naturali/zenzero-per-intestino-e-colon/

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

Mirtillo nero: ecco i 10 benefici a cui non avresti mai pensato!

1. Rewind Power: riavvolgono il tempo
Non hai voglia di invecchiare? Fortunatamente i mirtilli hanno una buona quantità di antiossidanti da rallentare il processo di invecchiamento cellulare: le vitamine A e C presenti nel mirtillo contribuiscono alla salute del collagene, preposto alla rigenerazione cellulare della cute. Insomma, meno rughe con i mirtilli o più tardi, come anche borse sotto gli occhi e altri sgradevoli inestetismi, anche grazie alla capacità del mirtillo di mantenere la nostra pelle idratata.

2. Hanno una quantità straordinaria di antiossidanti
Stai forse pensando: "Dove posso trovare un frutto che è ricco di antocianine, vitamine C, B, E e A, rame, selenio, zinco e ferro?" ovvero "Dove posso trovare l'elisir di lunga vita?". Beh, l'hai trovato: questo piccolo frutto bluastro contiene esattamente tutto questo!

3. Sono eccellenti bruciagrassi
I catechini presenti nei mirtilli attivano i geni bruciagrassi nelle cellule adipose addominali: sono quindi straordinari alleati nella lotta contro il peso.

4. Possono migliorare la memoria
Sei smemorata? Perdi le chiavi di casa troppo spesso? Il mirtillo può essere un tuo grande amico.
Le antocianine, potenti antiossidanti, danno al mirtillo il suo caratteristico colore violaceo e bluastro, ma sono anche alleati della memoria, perché incrementano l'attività mnemonica.
Il consumo quotidiano di succo di mirtillo nero porta a un significativo miglioramento delle nostre facoltà mnemoniche dopo sole 12 settimane.
Quindi, per prima cosa, ricordati dove hai messo i mirtilli!


5. Combattono la cistite
Tutte le donne sanno quanto siano fastidiose le infezioni urinarie: se poi si trovano nel mezzo di una cistite batterica acuta (UTI) lo sanno ancora meglio... Il succo di mirtillo rosso è una vera e propria medicina contro la cistite, ma anche il mirtillo nero può avere i medesimi benefici effetti.

6. Migliorano la circolazione
Se soffri di pesantezza o gonfiore alle gambe pensa al mirtillo nero! La capacità di questa piccola bacca di migliorare la circolazione è conosciute fin dall'Antichità.

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
scuola di reiki bologna
REIKI : ARTE DI CURA CON LE MANI
SCUOLA DI REIKI BOLOGNA [ CLICK QUI ]


7. Sono antinfiammatori
Mangiare mirtilli può alleviare le infiammazioni, tra cui l'artrite reumatoide e infiammazioni cutanee. Oltre ad essere un antidolorifico, il mirtillo nero è quindi un prezioso antinfiammatorio naturale!


8. Migliorano la vista
Il mirtillo nero migliora la visione notturna e la fatica visiva. Favorisce inoltre la rigenerazione dei tessuti della retina ed è utile anche in caso di disturbi vascolari dell'occhio. Per questo viene raccomandato nel prevenire e combattere le malattie degli occhi. Se vuoi vedere meglio e prenderti cura dei tuoi occhi, bevi tanto succo di mirtillo nero!

9. Combattono la diarrea
Il mirtillo nero è ricco di sostanze che impediscono lo sviluppo di batteri: per questo è efficace nel trattare la diarrea e altri disturbi del tratto digerente come le indigestioni o le infiammazioni intestinali. E grazie alla sua azione astringente favorisce la guarigione.

10. Sono un ottimo spuntino
Sono deliziosi, sono piccolini e facili da trasportare: insomma, i mirtilli possono costituire uno spuntino ottimale durante la giornata! Si possono congelare, per poi utilizzarli per impreziosire un'insalata, vanno benissimo anche per la colazione e come dessert. E sono decisamente poco calorici.
Insomma, non ci sono scuse: devi mangiare più mirtilli!

https://www.alfemminile.com/salute-benessere/mirtillo-nero-benefici-s1534311.html

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

Calcoli biliari: otto rimedi naturali per scioglierli ed eliminarli

Disturbo piuttosto diffuso e comune, i calcoli alla colecisti (o alla cistifellea, o detti semplicemente calcoli biliari) interessano circa l'8% della popolazione italiana e si riscontrano più frequentemente dopo i 40 anni d'età. Il problema tende a peggiorare nel tempo e talvolta richiede un intervento di tipo chirurgico, specie se la terapia farmacologica non ha sortito alcun effetto. E' tuttavia possibile provare, dopo aver consultato il medico e nei casi più lievi, dei Rimedi Naturali, frutto di credenze popolari e dell'esperienza diretta di secoli d'impiego.

Talvolta questi rimedi per sciogliere ed eliminare i calcoli dalla colecisti sono persino supportati dalla ricerca scientifica. Ecco gli otto rimedi contro i calcoli biliari più efficaci e conosciuti.
 
Come sbarazzarsi dei calcoli biliari naturalmente
Anche se non ci sono prove certe che questi rimedi funzionino, i seguenti trattamenti sono popolari alternative naturali (e spesso valide) agli interventi medici:

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
scuola di reiki bologna
REIKI : ARTE DI CURA CON LE MANI
SCUOLA DI REIKI BOLOGNA [ CLICK QUI ]

Pulizia della cistifellea: uno dei trattamenti più comuni per i calcoli biliari è la pulizia della cistifellea. Il trattamento tipico consiste nel consumo di una miscela di succo di mela, erbe e olio d'oliva per 2-5 giorni. Le ricette variano e alcune procedure consentono a una persona di mangiare cibo mentre altre no. Attenzione: questa dieta può essere pericolosa per persone con diabete o problemi di iperglicemia specie se non consumano cibo solido durante il periodo richiesto per la pulizia della colecisti;
Aceto di mele con succo di mela: la miscela aceto di mele e succo di mele sarebbe in grado di ammorbidire i calcoli biliari, permettendo loro di essere espulsi dal corpo con facilità. Sebbene questo rimedio sembri apportare un certo beneficio, nessuno studio supporta il suo impiego come trattamento per i calcoli biliari. Inoltre, le persone con diabete, ulcere gastriche e ipoglicemia dovrebbero diffidare dal consumo di grandi quantità di succhi di frutta;
Tarassaco: il dente di leone è usato da secoli per trattare problemi alla colecisti, al fegato e ai dotti biliari. Le radici amare possiedono infatti proprietà coleretiche e colagoghe, ovvero stimolano la produzione di bile nella cistifellea e la sua espulsione. Si utilizza normalmente sotto forma d'infuso, ma è bene consultare il medico prima di un suo impiego;
Cardo mariano: anche il cardo mariano è stato impiegato per secoli in medicina per disintossicare il fegato. Tuttavia mentre è certamente utile per depurare e tonificare fegato e cistifellea, non ci sono studi che confermino i suoi effetti sui calcoli biliari. Il cardo mariano può essere assunto come tintura madre (20 gocce tre volte al giorno, mezz'ora prima dei pasti), in forma di capsule o compresse (leggere le indicazioni in etichetta). Le persone con diabete, allergiche all'ambrosia o con una storia di tumori sensibili agli ormoni dovrebbero discutere l'utilizzo del cardo mariano con il proprio medico;
Lysimachiae: l'erba moneta d'oro è un popolare rimedio tradizionale cinese contro i calcoli biliari. La ricerca (studio cinese del 2015, autori Xiong Y , Wang JW , Deng J) suggerisce che potrebbe essere realmente utile per il trattamento o la prevenzione dei calcoli biliari di colesterolo. Il supplemento è disponibile sotto forma di polvere o liquido;
Carciofo: è stato dimostrato che gli estratti di carciofo stimolino la produzione di bile e aiutino la funzionalità della cistifellea e del fegato. Come per il cardo mariano tuttavia non esiste una ricerca che si concentri specificamente sugli effetti del carciofo sui calcoli biliari. Dato l'effetto stimolante (coleretico e cologago) sulla cistifellea, come per altri rimedi simili, è essenziale parlarne con il medico prima di assumere l'estratto di carciofo. Sempre possibile infatti lo scatenarsi di una colica biliare durante il passaggio del calcolo attraverso un dotto biliare che potrebbe ostruirsi;
Psyllium: lo psyllo è una fibra solubile derivata dai semi di Plantago ovata. La ricerca ha dimostrato i suoi effetti benefici su cuore, pancreas ed altre aree del corpo. Uno studio del 1975 (autori Bergman F, van der Linden W.) ha scoperto che la fibra di psyllium protegge i criceti dalla formazione di calcoli biliari di colesterolo. Anche uno studio più recente, del 1999 (del Department of Surgery, University of Texas Health Science Center at San Antonio), supporta questi risultati;
Impacco di olio di ricino: l'impacco di olio di ricino è un rimedio popolare tra i naturopati e gli appassionati di rimedi naturali [VIDEO], utilizzato contro una vasta gamma di disturbi. Per praticare un impacco di olio di ricino, immergere un panno in olio di ricino caldo e posizionarlo sull'addome. Coprire con un asciugamano. Alcune persone scelgono di posizionare una fonte di calore, come una bottiglia di acqua calda o una piastra elettrica, sopra l'impacco. Lasciate l'impacco sull'addome per un massimo di un'ora. Anche in questo caso non esistono studi scientifici a supporto dell'uso di questo trattamento contro i calcoli biliari.

https://it.blastingnews.com/salute/2018/02/calcoli-biliari-otto-rimedi-naturali-per-scioglierli-ed-eliminarli-002392881.html

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

Ascesso del gatto : rimedi naturali

Curare l’ascesso del gatto con rimedi naturali si può, anche se non tutti scelgono questa terapia alternativa. Ecco i principali farmaci alternativi.


L’ascesso del gatto e i rimedi naturali che possono essere usati per eliminarlo, con  farmaci omeopatici o fitoterapici, non sempre hanno riscontri positivi e, spesso, non sono neanche presi in considerazione dai veterinari. Come per gli esseri umani, infatti, questo ambito della medicina, definita alternativa, ha la peculiarità di basarsi sul credere fermamente nei benefici apportati dalla natura. Non tutti i medici approvano queste cure e pochi le sanno applicare. Vediamo quali sono le possibili alternative della cura dell’ascesso nel gatto

Cos’è un ascesso?
L’ascesso un’infezione batterica della pelle che si forma su ferite e graffi. Ciò accade perché il gatto leccandosi trasferisce con la sua saliva ricettacoli di germi e batteri sulla carne viva. Questi corpi estranei, reagendo con il sistema immunitario dell’animale creano i presupposti di un’infiammazione con pus maleodorante.

Gli ascessi del gatto tendono a formarsi, generalmente, sulle zampe, sui denti, sul muso, sulle guance, al collo e sulla base della coda o anche a seguito di una ferita prodotta da un corpo estraneo che ha lasciato dei residui al suo interno.

Gli esemplari ad alto rischio sono quelli con basse difese immunitarie, tra cui gatti affetti da FeLV, FiV e soggetti diabetici.

Sintomi
L’ascesso nel gatto è facilmente riconoscibile poiché si presenta con un rigonfiamento cutaneo caldo e dolente, ben visibile e percettibile al tatto. Tutt’intorno è possibile che la zona sia interessata da una perdita di pelo. La formazione di pus all’interno della bolla infetta è soggetta a cambiamenti. Nella sua fase matura, infatti, diventa di consistenza più morbida e si prepara ad aprirsi per permettere la fuoriuscita di pus.


Tra altre manifestazioni sintomatiche, a seconda della gravità della situazione e della profondità dell’ascesso stesso, è possibile che il gatto presenti malessere generale, febbre, inappetenza e comportamenti insofferenti provocati dal fastidio ed eventuale dolore.

Come si cura un ascesso?
In presenza di un ascesso è bene portare il gatto al veterinario. Questa formazione infiammatoria è in genere curata con l’incisione della bolla di pus, la pulizia della ferita con acqua ossigenata e una terapia antibiotica. L’incisione, ovviamente, non deve essere praticata fai da te ma affidata alla professionalità del medico.

Tuttavia, se il gatto lecca l’ascesso da solo perché prova fastidio, questo potrebbe scoppiare da solo favorendo la pratica veterinaria. In questi casi è bene subito portare il gatto al controllo del medico, per evitare che l’infezione si aggravi.

Per scegliere la terapia antibiotica adatta a favorire una ripresa rapida, il gatto può essere anche sottoposto ad esami di laboratorio atti a far capire al medico con quali tipi di batteri ha a che fare.

Ascesso del gatto e rimedi naturali
Per ascessi non gravi e poco profondi si può ricorrere a rimedi naturali che prevedono impacchi caldi alla calendula, atti a favorire la fuoriuscita del pus. Una volta che il pus è stato eliminato, infatti, la ferita tenderà a rimarginarsi da sola.


Per quanto riguarda il processo di guarigione dell’infezione, successiva all’eliminazione del pus, in accordo con il veterinario, meglio se specializzato in medicina alternativa, è possibile utilizzare rimedi naturali a supporto delle difese immunitarie del gatto.

In presenza di ascessi suppuranti e purulenti è possibile optare per rimedi omeopatici come Hepar Sulfuris Calcareum, da 5CH per il drenaggio del materiale infetto o da 30CH se si vuole far riassorbire il pus. Mentre per la cura dell’infiammazione, la riduzione del gonfiore, gli stati febbrili e per favorire la cicatrizzazione vi sono i farmaci omeopatici come Apis, Omeogriphi e Silicea.

Per quanto riguarda la fitoterapia, invece, vi sono degli immunostimolanti che possono aiutare a ridurre le manifestazioni sintomatiche di questa patologia. Echinacea, Aloe, Uncaria, Propoli o Argentum Colloidale. Questi rimedi sotto forma di gocce o granuli sono somministrati al gatto per via orale, diluendo il composto in acqua e, eventualmente, usando una siringa senz’ago.

Curare il proprio gatto con rimedi omeopatici o fitoterapici costituisce una scelta alternativa che ha come obiettivo quello di evitare di somministrare al gatto antibiotici. La percentuale di riuscita di queste terapie, tuttavia, non costituisce la certezza del successo e della pronta guarigione. Infatti, il principio cardine dell’omeopatia è quello di curare, con dosi molto diluite, infezioni o altre patologie con lo stesso virus, batterio o causa soggiacente l’avvenuta alterazione medica. Se si opta per queste soluzioni è bene seguire attentamente i consigli e le dosi prescritte dal veterinario.

https://wamiz.it/ascesso-gatto-rimedi-naturali/

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

il sistema neuroendocrino e il sistema immunitario dialogano in continuazione per creare una sinergia indispensabile per la funzionalità di tutto il nostro organismo

Di Claudio Pagliara, medico oncologo

Il sistema nervoso ed il sistema endocrino, il cosiddetto sistema neuroendocrino, è quello preposto alla regolazione ed al coordinamento di tutte le unità funzionali presenti nel nostro organismo. È quindi facile capire che:
il sistema neuroendocrino ed il sistema immunitario dialogano in continuazione, al fine di creare una sinergia indispensabile per la funzionalità di tutto il nostro organismo”.

Questo spiega in buona parte il rapporto tra le nostre emozioni, i nostri stati d’animo e la funzionalità del sistema immunitario, sistema che svolge un ruolo vitale per la salute biologica del nostro corpo. Come meglio vedremo in seguito, si può dire che non esistono parole, pensieri, emozioni ed azioni che non si ripercuotano e non siano correlati con i processi biologici presenti in ogni cellula del nostro corpo. Esistono parole, pensieri, emozioni e comportamenti che guariscono e parole, pensieri, emozioni e comportamenti tossici, cioè causa di malattie.

“Uno stato d’animo felice crea cellule felici”.

Ricordo che, in occasione di un mio viaggio in India, la guida locale che ci accompagnava ci riferì che il Bindi, il segno sulla fronte presente su molti abitanti, indicava simbolicamente il sesto senso, l’occhio che guarda all’interno di ciascuno di noi. Solo che, molte volte, questo sesto senso, di cui tutti siamo dotati, è addormentato, è paralitico, perché non lo usiamo mai. Ciò che non si usa non si sviluppa e si addormenta. È solo con questo terzo occhio o, se si preferisce, con questo sesto senso che possiamo vedere ciò che è invisibile a tutti gli altri sensi; quest’abilità è indispensabile per sviluppare la capacità di controllo del mondo interno.

“Tutti pensano a cambiare il mondo, ma nessuno pensa a cambiare se stesso” . (Lev Nicolaevic Tolstoj)

È attraverso la sensibilizzazione e la sensibilità conseguente verso il mondo interno che possiamo avere informazioni di ritorno su ciò che accade dentro di noi e avere così la possibilità di sviluppare le capacità di controllo di questo meraviglioso pianeta interno; solo percorrendo questa strada, possiamo riuscire ad utilizzare in modo produttivo tutte le immense energie ivi presenti. È attraverso lo sviluppo di questa abilità che gli yogi riescono a controllare volontariamente le loro funzioni viscerali, fino ad entrare in uno stato di trance, a ridurre notevolmente il battito cardiaco, la frequenza respiratoria e perfino, come dimostrato da alcuni ricercatori (Anhand, China e Singh), a ridurre il consumo di ossigeno del loro corpo a livelli incredibili di soli 4,4 litri all’ora.

      Tutto è legato e coordinato in una dinamica di sistema, ogni parte è in rapporto con il tutto. Non devono, quindi, stupire alcuni esperimenti che dimostrano che il sistema immunitario sembra apprendere, come il sistema nervoso, attraverso i riflessi condizionati.

      Il dott. Herbert Spector, del National Institutes of health, ha effettuato un interessante esperimento, ha somministrato, in diverse occasioni, a dei ratti una sostanza che stimola il sistema immunitario aumentando, tra l’altro, anche il numero dei linfociti (cellule deputate alla difesa dell’organismo) e contemporaneamente, ogni volta, diffondeva nell’aria un odore di canfora. Aveva creato nel cervello dei ratti un’associazione tra la somministrazione della sostanza immunostimolante e l’innocuo odore di canfora. Dopo aver costituito questa salda associazione, ha esposto i ratti solo all’odore di canfora e, con grande sorpresa, notò un conseguente aumento del numero dei linfociti. Si era creato un riflesso condizionato positivo, ora bastava il solo odore di canfora, di per sé inattivo, ad aumentare le capacità di difesa dei ratti contro le malattie.

Fu fatto anche l’esperimento inverso da parte di ricercatori dell’Università di Rochester. Si somministrò sempre a dei ratti, ripetutamente, questa volta la ciclofosfamide, che riduce le capacità di difesa immunitaria dell’organismo, diminuendo anche il numero delle cellule immunitarie, insieme a della semplice acqua con saccarina, che di per sé non ha nessun effetto sul sistema immunitario. Una volta che si è costruita una salda associazione tra la somministrazione della ciclofosfamide e l’acqua con saccarina, si è somministrato solo quest’ultima e si è notato ugualmente una riduzione delle cellule del sistema immunitario.

Il sistema immunitario è, quindi, capace di apprendere attraverso i riflessi condizionati.

Per avere una mente sana è importante avere un corpo sano, ciò perché i pensieri, le emozioni ed i comportamenti risentono della funzionalità delle strutture anatomiche del sistema nervoso, che a loro volta risentono della funzionalità degli altri organi del nostro corpo, e tutti questi risentono dell’ambiente di vita e di lavoro.

Questa verità ci indica che bisogna guarire il corpo per guarire la mente. Però è anche vero che, per avere un corpo sano, è importante e strategicamente determinante avere i giusti pensieri, le giuste emozioni ed i giusti comportamenti, ed è quindi essenziale avere una mente sana. Bisogna, in questo caso, guarire la mente per guarire il corpo.

“La persona più felice è quella che ha i pensieri più interessanti”. (Timothy Dwight)

I bravi ammaestratori sanno che devono usare solo i premi e mai le punizioni, se vogliono raggiungere i loro obiettivi. È bene ricordarsi sempre che:
“Il piacere è molto più potente nell’imprimere dei comportamenti che il dolore ad annullarli”. (Edward Lee Thorndike)

È stato ampiamente dimostrato che i premi sono sempre più efficaci delle punizioni nel promuovere i giusti comportamenti; consequenzialmente dobbiamo imparare, sia a livello individuale che sociale, ad usare soprattutto i premi per promuovere i comportamenti funzionali alla realizzazione di un individuo felice e di una società sana.

Molti nostri comportamenti vengono di fatto modellati dal caso, dalle circostanze e, non raramente, da persone sbagliate che, inconsciamente o deliberatamente, pianificano il nostro comportamento, per fini che non sono certamente nostri e che, comunque, non sono assolutamente funzionali alla loro ed alla nostra salute.
Con questa forma di apprendimento è possibile insegnare od imparare anche a controllare, a piacimento, la maggioranza delle nostre funzioni viscerali, dette, in modo in parte improprio (per i motivi che vedremo), involontarie.

Estratti dal libro “La via della guarigione” di Claudio Pagliara

www.claudiopagliara.it 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli