Se ti piace il nostro sito votalo adesso con un click sul pulsante Google +1 qui sotto :


Mirtillo nero: ecco i 10 benefici a cui non avresti mai pensato!

1. Rewind Power: riavvolgono il tempo
Non hai voglia di invecchiare? Fortunatamente i mirtilli hanno una buona quantità di antiossidanti da rallentare il processo di invecchiamento cellulare: le vitamine A e C presenti nel mirtillo contribuiscono alla salute del collagene, preposto alla rigenerazione cellulare della cute. Insomma, meno rughe con i mirtilli o più tardi, come anche borse sotto gli occhi e altri sgradevoli inestetismi, anche grazie alla capacità del mirtillo di mantenere la nostra pelle idratata.

2. Hanno una quantità straordinaria di antiossidanti
Stai forse pensando: "Dove posso trovare un frutto che è ricco di antocianine, vitamine C, B, E e A, rame, selenio, zinco e ferro?" ovvero "Dove posso trovare l'elisir di lunga vita?". Beh, l'hai trovato: questo piccolo frutto bluastro contiene esattamente tutto questo!

3. Sono eccellenti bruciagrassi
I catechini presenti nei mirtilli attivano i geni bruciagrassi nelle cellule adipose addominali: sono quindi straordinari alleati nella lotta contro il peso.

4. Possono migliorare la memoria
Sei smemorata? Perdi le chiavi di casa troppo spesso? Il mirtillo può essere un tuo grande amico.
Le antocianine, potenti antiossidanti, danno al mirtillo il suo caratteristico colore violaceo e bluastro, ma sono anche alleati della memoria, perché incrementano l'attività mnemonica.
Il consumo quotidiano di succo di mirtillo nero porta a un significativo miglioramento delle nostre facoltà mnemoniche dopo sole 12 settimane.
Quindi, per prima cosa, ricordati dove hai messo i mirtilli!


5. Combattono la cistite
Tutte le donne sanno quanto siano fastidiose le infezioni urinarie: se poi si trovano nel mezzo di una cistite batterica acuta (UTI) lo sanno ancora meglio... Il succo di mirtillo rosso è una vera e propria medicina contro la cistite, ma anche il mirtillo nero può avere i medesimi benefici effetti.

6. Migliorano la circolazione
Se soffri di pesantezza o gonfiore alle gambe pensa al mirtillo nero! La capacità di questa piccola bacca di migliorare la circolazione è conosciute fin dall'Antichità.

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
scuola di reiki bologna
REIKI : ARTE DI CURA CON LE MANI
SCUOLA DI REIKI BOLOGNA [ CLICK QUI ]


7. Sono antinfiammatori
Mangiare mirtilli può alleviare le infiammazioni, tra cui l'artrite reumatoide e infiammazioni cutanee. Oltre ad essere un antidolorifico, il mirtillo nero è quindi un prezioso antinfiammatorio naturale!


8. Migliorano la vista
Il mirtillo nero migliora la visione notturna e la fatica visiva. Favorisce inoltre la rigenerazione dei tessuti della retina ed è utile anche in caso di disturbi vascolari dell'occhio. Per questo viene raccomandato nel prevenire e combattere le malattie degli occhi. Se vuoi vedere meglio e prenderti cura dei tuoi occhi, bevi tanto succo di mirtillo nero!

9. Combattono la diarrea
Il mirtillo nero è ricco di sostanze che impediscono lo sviluppo di batteri: per questo è efficace nel trattare la diarrea e altri disturbi del tratto digerente come le indigestioni o le infiammazioni intestinali. E grazie alla sua azione astringente favorisce la guarigione.

10. Sono un ottimo spuntino
Sono deliziosi, sono piccolini e facili da trasportare: insomma, i mirtilli possono costituire uno spuntino ottimale durante la giornata! Si possono congelare, per poi utilizzarli per impreziosire un'insalata, vanno benissimo anche per la colazione e come dessert. E sono decisamente poco calorici.
Insomma, non ci sono scuse: devi mangiare più mirtilli!

https://www.alfemminile.com/salute-benessere/mirtillo-nero-benefici-s1534311.html

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

Calcoli biliari: otto rimedi naturali per scioglierli ed eliminarli

Disturbo piuttosto diffuso e comune, i calcoli alla colecisti (o alla cistifellea, o detti semplicemente calcoli biliari) interessano circa l'8% della popolazione italiana e si riscontrano più frequentemente dopo i 40 anni d'età. Il problema tende a peggiorare nel tempo e talvolta richiede un intervento di tipo chirurgico, specie se la terapia farmacologica non ha sortito alcun effetto. E' tuttavia possibile provare, dopo aver consultato il medico e nei casi più lievi, dei Rimedi Naturali, frutto di credenze popolari e dell'esperienza diretta di secoli d'impiego.

Talvolta questi rimedi per sciogliere ed eliminare i calcoli dalla colecisti sono persino supportati dalla ricerca scientifica. Ecco gli otto rimedi contro i calcoli biliari più efficaci e conosciuti.
 
Come sbarazzarsi dei calcoli biliari naturalmente
Anche se non ci sono prove certe che questi rimedi funzionino, i seguenti trattamenti sono popolari alternative naturali (e spesso valide) agli interventi medici:

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
scuola di reiki bologna
REIKI : ARTE DI CURA CON LE MANI
SCUOLA DI REIKI BOLOGNA [ CLICK QUI ]

Pulizia della cistifellea: uno dei trattamenti più comuni per i calcoli biliari è la pulizia della cistifellea. Il trattamento tipico consiste nel consumo di una miscela di succo di mela, erbe e olio d'oliva per 2-5 giorni. Le ricette variano e alcune procedure consentono a una persona di mangiare cibo mentre altre no. Attenzione: questa dieta può essere pericolosa per persone con diabete o problemi di iperglicemia specie se non consumano cibo solido durante il periodo richiesto per la pulizia della colecisti;
Aceto di mele con succo di mela: la miscela aceto di mele e succo di mele sarebbe in grado di ammorbidire i calcoli biliari, permettendo loro di essere espulsi dal corpo con facilità. Sebbene questo rimedio sembri apportare un certo beneficio, nessuno studio supporta il suo impiego come trattamento per i calcoli biliari. Inoltre, le persone con diabete, ulcere gastriche e ipoglicemia dovrebbero diffidare dal consumo di grandi quantità di succhi di frutta;
Tarassaco: il dente di leone è usato da secoli per trattare problemi alla colecisti, al fegato e ai dotti biliari. Le radici amare possiedono infatti proprietà coleretiche e colagoghe, ovvero stimolano la produzione di bile nella cistifellea e la sua espulsione. Si utilizza normalmente sotto forma d'infuso, ma è bene consultare il medico prima di un suo impiego;
Cardo mariano: anche il cardo mariano è stato impiegato per secoli in medicina per disintossicare il fegato. Tuttavia mentre è certamente utile per depurare e tonificare fegato e cistifellea, non ci sono studi che confermino i suoi effetti sui calcoli biliari. Il cardo mariano può essere assunto come tintura madre (20 gocce tre volte al giorno, mezz'ora prima dei pasti), in forma di capsule o compresse (leggere le indicazioni in etichetta). Le persone con diabete, allergiche all'ambrosia o con una storia di tumori sensibili agli ormoni dovrebbero discutere l'utilizzo del cardo mariano con il proprio medico;
Lysimachiae: l'erba moneta d'oro è un popolare rimedio tradizionale cinese contro i calcoli biliari. La ricerca (studio cinese del 2015, autori Xiong Y , Wang JW , Deng J) suggerisce che potrebbe essere realmente utile per il trattamento o la prevenzione dei calcoli biliari di colesterolo. Il supplemento è disponibile sotto forma di polvere o liquido;
Carciofo: è stato dimostrato che gli estratti di carciofo stimolino la produzione di bile e aiutino la funzionalità della cistifellea e del fegato. Come per il cardo mariano tuttavia non esiste una ricerca che si concentri specificamente sugli effetti del carciofo sui calcoli biliari. Dato l'effetto stimolante (coleretico e cologago) sulla cistifellea, come per altri rimedi simili, è essenziale parlarne con il medico prima di assumere l'estratto di carciofo. Sempre possibile infatti lo scatenarsi di una colica biliare durante il passaggio del calcolo attraverso un dotto biliare che potrebbe ostruirsi;
Psyllium: lo psyllo è una fibra solubile derivata dai semi di Plantago ovata. La ricerca ha dimostrato i suoi effetti benefici su cuore, pancreas ed altre aree del corpo. Uno studio del 1975 (autori Bergman F, van der Linden W.) ha scoperto che la fibra di psyllium protegge i criceti dalla formazione di calcoli biliari di colesterolo. Anche uno studio più recente, del 1999 (del Department of Surgery, University of Texas Health Science Center at San Antonio), supporta questi risultati;
Impacco di olio di ricino: l'impacco di olio di ricino è un rimedio popolare tra i naturopati e gli appassionati di rimedi naturali [VIDEO], utilizzato contro una vasta gamma di disturbi. Per praticare un impacco di olio di ricino, immergere un panno in olio di ricino caldo e posizionarlo sull'addome. Coprire con un asciugamano. Alcune persone scelgono di posizionare una fonte di calore, come una bottiglia di acqua calda o una piastra elettrica, sopra l'impacco. Lasciate l'impacco sull'addome per un massimo di un'ora. Anche in questo caso non esistono studi scientifici a supporto dell'uso di questo trattamento contro i calcoli biliari.

https://it.blastingnews.com/salute/2018/02/calcoli-biliari-otto-rimedi-naturali-per-scioglierli-ed-eliminarli-002392881.html

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

Ascesso del gatto : rimedi naturali

Curare l’ascesso del gatto con rimedi naturali si può, anche se non tutti scelgono questa terapia alternativa. Ecco i principali farmaci alternativi.


L’ascesso del gatto e i rimedi naturali che possono essere usati per eliminarlo, con  farmaci omeopatici o fitoterapici, non sempre hanno riscontri positivi e, spesso, non sono neanche presi in considerazione dai veterinari. Come per gli esseri umani, infatti, questo ambito della medicina, definita alternativa, ha la peculiarità di basarsi sul credere fermamente nei benefici apportati dalla natura. Non tutti i medici approvano queste cure e pochi le sanno applicare. Vediamo quali sono le possibili alternative della cura dell’ascesso nel gatto

Cos’è un ascesso?
L’ascesso un’infezione batterica della pelle che si forma su ferite e graffi. Ciò accade perché il gatto leccandosi trasferisce con la sua saliva ricettacoli di germi e batteri sulla carne viva. Questi corpi estranei, reagendo con il sistema immunitario dell’animale creano i presupposti di un’infiammazione con pus maleodorante.

Gli ascessi del gatto tendono a formarsi, generalmente, sulle zampe, sui denti, sul muso, sulle guance, al collo e sulla base della coda o anche a seguito di una ferita prodotta da un corpo estraneo che ha lasciato dei residui al suo interno.

Gli esemplari ad alto rischio sono quelli con basse difese immunitarie, tra cui gatti affetti da FeLV, FiV e soggetti diabetici.

Sintomi
L’ascesso nel gatto è facilmente riconoscibile poiché si presenta con un rigonfiamento cutaneo caldo e dolente, ben visibile e percettibile al tatto. Tutt’intorno è possibile che la zona sia interessata da una perdita di pelo. La formazione di pus all’interno della bolla infetta è soggetta a cambiamenti. Nella sua fase matura, infatti, diventa di consistenza più morbida e si prepara ad aprirsi per permettere la fuoriuscita di pus.


Tra altre manifestazioni sintomatiche, a seconda della gravità della situazione e della profondità dell’ascesso stesso, è possibile che il gatto presenti malessere generale, febbre, inappetenza e comportamenti insofferenti provocati dal fastidio ed eventuale dolore.

Come si cura un ascesso?
In presenza di un ascesso è bene portare il gatto al veterinario. Questa formazione infiammatoria è in genere curata con l’incisione della bolla di pus, la pulizia della ferita con acqua ossigenata e una terapia antibiotica. L’incisione, ovviamente, non deve essere praticata fai da te ma affidata alla professionalità del medico.

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
scuola di reiki bologna
REIKI : ARTE DI CURA CON LE MANI
SCUOLA DI REIKI BOLOGNA [ CLICK QUI ]

Tuttavia, se il gatto lecca l’ascesso da solo perché prova fastidio, questo potrebbe scoppiare da solo favorendo la pratica veterinaria. In questi casi è bene subito portare il gatto al controllo del medico, per evitare che l’infezione si aggravi.

Per scegliere la terapia antibiotica adatta a favorire una ripresa rapida, il gatto può essere anche sottoposto ad esami di laboratorio atti a far capire al medico con quali tipi di batteri ha a che fare.

Ascesso del gatto e rimedi naturali
Per ascessi non gravi e poco profondi si può ricorrere a rimedi naturali che prevedono impacchi caldi alla calendula, atti a favorire la fuoriuscita del pus. Una volta che il pus è stato eliminato, infatti, la ferita tenderà a rimarginarsi da sola.


Per quanto riguarda il processo di guarigione dell’infezione, successiva all’eliminazione del pus, in accordo con il veterinario, meglio se specializzato in medicina alternativa, è possibile utilizzare rimedi naturali a supporto delle difese immunitarie del gatto.

In presenza di ascessi suppuranti e purulenti è possibile optare per rimedi omeopatici come Hepar Sulfuris Calcareum, da 5CH per il drenaggio del materiale infetto o da 30CH se si vuole far riassorbire il pus. Mentre per la cura dell’infiammazione, la riduzione del gonfiore, gli stati febbrili e per favorire la cicatrizzazione vi sono i farmaci omeopatici come Apis, Omeogriphi e Silicea.

Per quanto riguarda la fitoterapia, invece, vi sono degli immunostimolanti che possono aiutare a ridurre le manifestazioni sintomatiche di questa patologia. Echinacea, Aloe, Uncaria, Propoli o Argentum Colloidale. Questi rimedi sotto forma di gocce o granuli sono somministrati al gatto per via orale, diluendo il composto in acqua e, eventualmente, usando una siringa senz’ago.

Curare il proprio gatto con rimedi omeopatici o fitoterapici costituisce una scelta alternativa che ha come obiettivo quello di evitare di somministrare al gatto antibiotici. La percentuale di riuscita di queste terapie, tuttavia, non costituisce la certezza del successo e della pronta guarigione. Infatti, il principio cardine dell’omeopatia è quello di curare, con dosi molto diluite, infezioni o altre patologie con lo stesso virus, batterio o causa soggiacente l’avvenuta alterazione medica. Se si opta per queste soluzioni è bene seguire attentamente i consigli e le dosi prescritte dal veterinario.

https://wamiz.it/ascesso-gatto-rimedi-naturali/

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

il sistema neuroendocrino e il sistema immunitario dialogano in continuazione per creare una sinergia indispensabile per la funzionalità di tutto il nostro organismo

Di Claudio Pagliara, medico oncologo

Il sistema nervoso ed il sistema endocrino, il cosiddetto sistema neuroendocrino, è quello preposto alla regolazione ed al coordinamento di tutte le unità funzionali presenti nel nostro organismo. È quindi facile capire che:
il sistema neuroendocrino ed il sistema immunitario dialogano in continuazione, al fine di creare una sinergia indispensabile per la funzionalità di tutto il nostro organismo”.

Questo spiega in buona parte il rapporto tra le nostre emozioni, i nostri stati d’animo e la funzionalità del sistema immunitario, sistema che svolge un ruolo vitale per la salute biologica del nostro corpo. Come meglio vedremo in seguito, si può dire che non esistono parole, pensieri, emozioni ed azioni che non si ripercuotano e non siano correlati con i processi biologici presenti in ogni cellula del nostro corpo. Esistono parole, pensieri, emozioni e comportamenti che guariscono e parole, pensieri, emozioni e comportamenti tossici, cioè causa di malattie.

“Uno stato d’animo felice crea cellule felici”.

Ricordo che, in occasione di un mio viaggio in India, la guida locale che ci accompagnava ci riferì che il Bindi, il segno sulla fronte presente su molti abitanti, indicava simbolicamente il sesto senso, l’occhio che guarda all’interno di ciascuno di noi. Solo che, molte volte, questo sesto senso, di cui tutti siamo dotati, è addormentato, è paralitico, perché non lo usiamo mai. Ciò che non si usa non si sviluppa e si addormenta. È solo con questo terzo occhio o, se si preferisce, con questo sesto senso che possiamo vedere ciò che è invisibile a tutti gli altri sensi; quest’abilità è indispensabile per sviluppare la capacità di controllo del mondo interno.

“Tutti pensano a cambiare il mondo, ma nessuno pensa a cambiare se stesso” . (Lev Nicolaevic Tolstoj)

È attraverso la sensibilizzazione e la sensibilità conseguente verso il mondo interno che possiamo avere informazioni di ritorno su ciò che accade dentro di noi e avere così la possibilità di sviluppare le capacità di controllo di questo meraviglioso pianeta interno; solo percorrendo questa strada, possiamo riuscire ad utilizzare in modo produttivo tutte le immense energie ivi presenti. È attraverso lo sviluppo di questa abilità che gli yogi riescono a controllare volontariamente le loro funzioni viscerali, fino ad entrare in uno stato di trance, a ridurre notevolmente il battito cardiaco, la frequenza respiratoria e perfino, come dimostrato da alcuni ricercatori (Anhand, China e Singh), a ridurre il consumo di ossigeno del loro corpo a livelli incredibili di soli 4,4 litri all’ora.

      Tutto è legato e coordinato in una dinamica di sistema, ogni parte è in rapporto con il tutto. Non devono, quindi, stupire alcuni esperimenti che dimostrano che il sistema immunitario sembra apprendere, come il sistema nervoso, attraverso i riflessi condizionati.

      Il dott. Herbert Spector, del National Institutes of health, ha effettuato un interessante esperimento, ha somministrato, in diverse occasioni, a dei ratti una sostanza che stimola il sistema immunitario aumentando, tra l’altro, anche il numero dei linfociti (cellule deputate alla difesa dell’organismo) e contemporaneamente, ogni volta, diffondeva nell’aria un odore di canfora. Aveva creato nel cervello dei ratti un’associazione tra la somministrazione della sostanza immunostimolante e l’innocuo odore di canfora. Dopo aver costituito questa salda associazione, ha esposto i ratti solo all’odore di canfora e, con grande sorpresa, notò un conseguente aumento del numero dei linfociti. Si era creato un riflesso condizionato positivo, ora bastava il solo odore di canfora, di per sé inattivo, ad aumentare le capacità di difesa dei ratti contro le malattie.

Fu fatto anche l’esperimento inverso da parte di ricercatori dell’Università di Rochester. Si somministrò sempre a dei ratti, ripetutamente, questa volta la ciclofosfamide, che riduce le capacità di difesa immunitaria dell’organismo, diminuendo anche il numero delle cellule immunitarie, insieme a della semplice acqua con saccarina, che di per sé non ha nessun effetto sul sistema immunitario. Una volta che si è costruita una salda associazione tra la somministrazione della ciclofosfamide e l’acqua con saccarina, si è somministrato solo quest’ultima e si è notato ugualmente una riduzione delle cellule del sistema immunitario.

Il sistema immunitario è, quindi, capace di apprendere attraverso i riflessi condizionati.

Per avere una mente sana è importante avere un corpo sano, ciò perché i pensieri, le emozioni ed i comportamenti risentono della funzionalità delle strutture anatomiche del sistema nervoso, che a loro volta risentono della funzionalità degli altri organi del nostro corpo, e tutti questi risentono dell’ambiente di vita e di lavoro.

Questa verità ci indica che bisogna guarire il corpo per guarire la mente. Però è anche vero che, per avere un corpo sano, è importante e strategicamente determinante avere i giusti pensieri, le giuste emozioni ed i giusti comportamenti, ed è quindi essenziale avere una mente sana. Bisogna, in questo caso, guarire la mente per guarire il corpo.

“La persona più felice è quella che ha i pensieri più interessanti”. (Timothy Dwight)

I bravi ammaestratori sanno che devono usare solo i premi e mai le punizioni, se vogliono raggiungere i loro obiettivi. È bene ricordarsi sempre che:
“Il piacere è molto più potente nell’imprimere dei comportamenti che il dolore ad annullarli”. (Edward Lee Thorndike)

È stato ampiamente dimostrato che i premi sono sempre più efficaci delle punizioni nel promuovere i giusti comportamenti; consequenzialmente dobbiamo imparare, sia a livello individuale che sociale, ad usare soprattutto i premi per promuovere i comportamenti funzionali alla realizzazione di un individuo felice e di una società sana.

Molti nostri comportamenti vengono di fatto modellati dal caso, dalle circostanze e, non raramente, da persone sbagliate che, inconsciamente o deliberatamente, pianificano il nostro comportamento, per fini che non sono certamente nostri e che, comunque, non sono assolutamente funzionali alla loro ed alla nostra salute.
Con questa forma di apprendimento è possibile insegnare od imparare anche a controllare, a piacimento, la maggioranza delle nostre funzioni viscerali, dette, in modo in parte improprio (per i motivi che vedremo), involontarie.

Estratti dal libro “La via della guarigione” di Claudio Pagliara

www.claudiopagliara.it 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

I campi magnetici stanno diminuendo, ora, per permetterci un accesso alle nostre cellule,un accesso interiore, per darci la possibilità di cambiare

 

I campi magnetici stanno diminuendo, ora, per permetterci un accesso alle nostre cellule,un accesso interiore, per darci la possibilità di cambiare

 Le nostre pulsazioni elettromagnetiche del cuore rispondono a quelle della terra; paragonando due grafici, uno umano ed uno collegato alle pulsazioni della terra, in un invio di quel sentimento che per noi è l’espressione dell’amore, si nota che ogni volta che si ha un picco nel grafico della terra, lo si ha nel grafico dell’uomo. La terra, gli alberi, la natura risponde all’uomo. 

“….Le cellule del nostro corpo sono sintonizzate con il nostro cervello che è in sintonia con il nostro cuore, che è in sintonia con la terra….” 

Per ogni suono, c’è uno schema prevedibile, ripetibile, invariato. Cambio il suono cambia lo schema. Ripetendo il suono, lo schema si ripete. 

Cosa spinge la nostra galassia, il nostro sistema solare, la rotazione terrestre ?

 

Una vibrazione. Gli antichi dicono che la vibrazione è cambiata, che stiamo vivendo un sogno e che il sogno è cambiato. La terra sta rispondendo ad un’inversione di frequenza.

Ora si producono due nuove frequenze e si produrranno delle oscillazioni, avanti ed indietro, prima dell’immobilità.

 

Di questo cambiamento si parla da migliaia di anni, cambiamento che le scuole misteriche hanno cercato di capire, di sperimentare e che è conosciuto anche come "Punto di svolta epocale". Secondo i Maya, è il punto ove il tempo si ferma e poi inizia di nuovo.

 

Negli ultimi 11000 anni, un avvenimento come questo è sicuramente già successo. Quando il campo magnetico si abbassa, significa che la terra rallenta, sino a fermarsi, immobile al punto zero, per poi riprendere a girare ma nella direzione opposta. Gli Hopi lo hanno registrato come il giorno in cui il sole sorse due volte, da due diverse direzioni nello stesso giorno. Nei testi antichi si trova, nello stesso periodo della storia, una "parte scura" nei testi peruviani ed "una parte luminosa" nei testi biblici. Per gli israeliti c’era stato il giorno più lungo perché il sole non era tramontato per più di 20 ore.

 

Allora, il Polo Nord era un luogo tropicale, con animali tropicali, che in Siberia ed in Canada, si congelarono molto velocemente, I recenti reperti che riaffiorano dai ghiacci confermano questa affermazione.

Nel testo biblico, questo cambiamento rappresenta la resurrezione, la resurrezione planetaria. 

Vibrazione consapevole della materia verso un altro stato di spazio dimensionale. Viene richiesto al nostro corpo di sintonizzarsi con la terra in modo che si possa far parte di questo processo. Il nostro quotidiano è il banco di prova che permette la sintonizzazione.

Le scuole misteriche lo sapevano ed hanno lasciato parecchie indicazioni. I rotoli del Mar Morto coincidono con tutto il Vecchio Testamento e la Bibbia secondo il punto di vista degli Esseni. Nel libro di Enoch viene descritto a Matusalemme ciò che succede ai cicli della luna, del sole, ciò che succede alla terra, con i frutti che non maturano più per tempo finche si arriva ad un punto in cui la volta celeste si ferma, rimane immobile. Dopo di che, il vecchio cielo scompare ed il nuovo cielo compare. 

Testi tibetani raccontano di Isaia, proveniente dalla terra d’Israele, che padroneggiò le tecniche studiate dal Buddha 500 anni prima, nonché la tecnica tibetana ed egiziana e dopo 18 anni , tornando al suo paese d’origine, disse: Ora, io e mio Padre siamo Uno. 

Le scuole misteriche sono ancora oggi situate in luoghi ad alta energia, dove si sperimentava ciò che sta succedendo ora. Si sperimentava cioè il basso magnetismo e l’alta frequenza e la capacità di sintonizzarsi con i vari campi energetici, di conoscere tutto lo spettro vibratorio, rapportandosi con le emozioni ed i sentimenti.

Macchu Piccu in Perù,il Monte Kailesh in Tibet, la Sfinge e le Piramidi d’Egitto, il Monte Sinai, il Canyon Chaco e Pueblo Bonito in America sono ancora oggi testimonianza di queste scuole, nonché luoghi ad alta vibrazione energetica.

 

Nel Tempio di Osiride ( o della Resurrezione) esiste uno dei simboli più potenti e peraltro più antichi, della geometria sacra : il Fiore della Vita.

E’ composto dall’intersecarsi ritmico delle "mandorle mistiche", l’unione della polarità, del maschile e del femminile, dove per maschile si intende l’elettricità e per femminile il magnetismo. E’ uno schema bidimensionale che si comincia a vivere dal momento in cui si compie nel grembo materno. Nello studio comparato di forma e suono, cosa l’umano significhi per la vibrazione è alla base di ogni credo e di ogni religione, dalla giudeo-cristiana, alla indù, tibetana, buddista, musulmana. Anche la genetica del nostro corpo sembra usare il Fiore della vita per matrice.

Il pensiero ed i sentimenti diventano molto importanti in questa esperienza.

Il sentimento è un campo elettrico ; la sua componente magnetica è il collante, che impedisce di percepire immediatamente a cosa si riferiscono i nostri pensieri e le nostre emozioni.

Ci stiamo muovendo in una direzione dove il campo magnetico si allontana e tutto ciò che resta e emozione, pensiero, sentimento. Questo, e l’abbassarsi del campo magnetico, dà un veloce accesso a noi stessi. 

Dentro le nostre cellule c’è tutto : il DNA e gli altri componenti, sistemati in una ragnatela, una griglia, cioè un insieme di informazioni regolarmente spaziali.

Noi siamo legati alla Creazione attraverso insiemi di informazioni regolarmente spaziali. Questa è l’Unità. Ciò che noi facciamo, influenza la Creazione; la Creazione influenza noi attraverso queste griglie, questi schemi.

Le cellule sono sintonizzate con griglie d’informazione e si esprimono come cellule del corpo. Ogni cellula è anche sintonizzata con altri sistemi d’informazione e si esprime nel solo modo che conosce: in quella sintonia più alta che possiamo vedere come espressione dimensionale delle cellule. Questo è il sé superiore della cellula. Forse, l’espressione della quarta dimensione della cellula è la quinta espressione dimensionale.

 

Stiamo vivendo in un insieme di informazioni regolarmente spaziato chiamato terza dimensione. Che cosa definisce la tridimensionalità ? Un certo magnetismo e certe frequenze. Il magnetismo sta cambiando, sta diminuendo. La frequenza sta aumentando. Ci stiamo muovendo verso lo spazio di transizione, dove tutte le realtà sono presenti.

Stiamo vivendo un "Circuito Sacro" e questo circuito sacro sta per trovare una nuova sintonia.

Viviamo in un mondo di griglie, insieme di informazioni regolarmente spaziato, tenuto al suo posto da vibrazioni; viviamo in un mondo di griglia su griglia, che permettono alla materia di formare legami, alle cellule di unirsi, agli atomi di legarsi insieme in forme geometriche che permettono la nostra esperienza.

Il suono tiene le griglie al loro posto. Suono su suono. Il suono sta cambiando, la terra deve cambiare e noi dobbiamo sintonizzarci con il cambiamento.

Le vibrazioni si sintonizzano con schemi di materia, anche in un mezzo non visibile. Quando abbiamo sensazioni su qualcosa, è vibrazione che stiamo percependo. Attraverso le emozioni possiamo scegliere se sintonizzarci o meno al cambiamento, che avviene all’interno di noi stessi, attraverso la risonanza. Quando abbiamo paura viviamo uno schema di interferenza che ci impedisce la completa risonanza nel circuito sacro in cui viviamo. 

A volte, viviamo paure che non ci appartengono, ma siamo sintonizzati con le griglie connesse ad altre persone. Viviamo un condizionamento di risonanza collettiva.

Dobbiamo quindi uscire dalle griglie altrui.

 Studi recenti sui primi momenti della creazione, hanno dimostrato, attraverso equazioni matematiche, che il 90 % del nostro universo sembra essere mancante. Poterono far riferimento solo al 10 % del nostro universo. Nel 1994 il telescopio Hubble diede modo agli studiosi di coniare due parole che non dovrebbero avere senso una assieme all’altra : Luce Scura. Questo in seguito all’analisi di spazi vuoti dell’universo, dove sembra stia succedendo qualcosa, dove sembra ci sia qualcosa, stelle così vecchie che non si riescono a vedere anche se mantengono la loro gravità e la loro massa. Così non si può ancora spiegare appieno quel 90 % di creazione che è vuoto solo secondo i nostri normali parametri. 

I biologi, hanno contemporaneamente scoperto che il 90 % del nostro cervello è inutilizzato.

Quali parametri i biologi e gli astrofisici non hanno considerato ? Le frequenze.

 Poco dopo l’inizio della creazione, può essere che il 90% di questa creazione accellerò così velocemente la sua vibrazione da andare oltre quello che chiamiamo mondo tridimensionale:

è là, solo sta vibrando ad un’altra frequenza. 

Quello che gli scienziati oggi stanno intuendo è che il 90 % del nostro cervello, quello che non usiamo, è sintonizzato alle frequenze del 90 % della Creazione, quella che non vediamo. Usiamo quel 10 % che siamo abituati a considerare, proprio come facciamo con il 10 % della Creazione in cui viviamo, cioè il nostro mondo. Questo è il nostro concetto di tridimensionalità. 

Quando la creazione iniziò, prese a vibrare così velocemente che entrò in sintonia con alcune griglie ma non fu più in sintonia con le griglie della terza dimensione.

Quindi, consapevolezza come frequenza.

Venne analizzato tempo fa il processo di channelling, canalizzazione. 

Le persone in channelling erano collegate a dei macchinari che analizzavano lo stato del loro cervello.

Coloro che canalizzano iniziano a farlo in stato di veglia. Durante le canalizzazioni gli studiosi si accorsero che il cervello era attivo simultaneamente in quella fase che chiamiamo di rilassamento, di sonno profondo, era sveglio in Teta, Alfa, Beta, K complesso e Super Beta Alta. Tutte fasi misurate come onde, in Hertz, così come in rilassamento la fase Delta può misurare da 1,5 a 4 vibrazioni al secondo, la fase Teta misura da 4 a 8 vibrazioni al secondo, la fase Alfa da 8 a 12 vibrazioni al secondo.

La cosiddetta intuizione, che in un attimo ci rende in totale contatto con il resto del creato ,è la fase Super Beta Alta.

Quello che i canalizzatori stanno dimostrando funziona come esempio, come espressione del tipo di consapevolezza in cui ci stiamo muovendo. Si tratta di realtà simultanea di tutti questi stati dimensionali. 

La fase di veglia è misurabile tra 12 e 23 cicli al secondo. Si dice che siamo svegli se vibriamo con questa risonanza. Per definizione, la terra che vibra da 8 a 9,3 è stata addormentata , in profondo rilassamento, in stato di autocura, negli ultimi 200.000 anni. Così, mentre andiamo incontro al cambiamento e ci svegliamo a 13 cicli al secondo, saremo appena in fase di veglia, ci staremo appena svegliando. Possiamo anche dire che, come la terra si sta svegliando, tutte le forme viventi che sono sintonizzate alla terra, partecipano a questo risveglio.

 Consideriamo ora il collegamento cervello-cellule. Tutte le funzioni regolatorie e le cellule, con il passare del tempo, invecchiano e si deteriorano. Perché siamo costretti al deterioramento, mentre invecchiamo ? Siamo di fronte ad una scelta: la morte sta diventando una scelta, il deterioramento è una scelta.

Non c’è nessuna ragione per cui debba succedere, anche se ci è stato detto per anni.

Tutte le risposte sono nei condizionamenti ambientali esterni. Siamo condizionati.

 

Noi diciamo che il cervello regola tutte le funzioni del nostro corpo, ma non è tutto. Non potrebbe mai agire da solo.

Il cervello ha una sua pulsazione; a cosa è sintonizzato il cervello ? Al nostro cuore.

Cervello, cuore, cellule, terra. Il battito del nostro cuore è sintonizzato con la terra. 

C’è sintonizzazione tra noi e il nostro pianeta, tra noi ed il modo in cui ci sentiamo uniti al nostro pianeta madre, chiamato Circuito Sacro. Tutti i giorni, inconsapevolmente, siamo parte di questo circuito, lo viviamo. 

Le cellule del nostro corpo sono sintonizzate con il nostro cervello che è in sintonia con il nostro cuore, che è in sintonia con la terra. 

Qualsiasi cosa viva sulla terra è sempre sintonizzata con essa, in consapevolezza. 

La roccia è sintonizzata alla terra, ma la roccia non ha scelta, non ha libero arbitrio. Noi, con le nostre emozioni e con le relazioni della nostra vita, possiamo generare quegli schemi di interferenza che ci impediscono di avere il circuito sintonizzato automaticamente .

Le nostre pulsazioni elettromagnetiche del cuore rispondono a quelle della terra; paragonando due grafici, uno umano ed uno collegato alle pulsazioni della terra, in un invio di quel sentimento che per noi è l’espressione dell’amore, si nota che ogni volta che si ha un picco nel grafico della terra, lo si ha nel grafico dell’uomo. La terra, gli alberi, la natura risponde all’uomo. 

La differenza è che la terra tiene sino a 8 cicli al secondo, mentre il cuore umano è capace di tenere sino a 16 e 24 cicli al secondo. C’è uno scambio di amore, momento emozionale di scambio elettromagnetico, mentre la terra risponde all’uomo e nello stesso tempo dall’uomo sta imparando ad aumentare le pulsazioni. 

Il circuito sacro in cui siamo immersi, si completa così:

Risonanza – potere della creazione

Centro dell’Universo

Raggio di sincronizzazione galattica – Via Lattea

Centro delle stelle – Sole

Centro del pianeta – Terra

Centro del cuore

Centro del cervello

Centro cellulare

 

Il Sole sta cambiando il suo campo magnetico e la terra sta provando a rispondere. 

Il nostro Sole, la nostra stella, è sintonizzato con qualcosa, con quel Raggio di sincronizzazione proveniente dal centro della nostra galassia, la Via Lattea. Ogni volta che c’è un cambio di vibrazione, la materia deve rispondere; così questa vibrazione varia, ogni componente di questo circuito varia, deve farlo.

Se la terra si sta muovendo attraverso una diversa vibrazione, deve cambiare per rispondervi.

Il solo modo che la terra conosce, per adattarsi al cambiamento, è di cambiare la sua forma, sospendere la sua attività. Ci sono 12 placche multitettoniche che scivolano in continuazione lungo la sua superficie e stanno rispondendo al nuovo tono. 

C’è un nuovo tono nella Creazione, la Terra ha bisogno di cambiare la sua forma per adattarsi.

Ciò che cambia, cambia all’interno di ciascuno di noi, a causa della risonanza.

Noi viviamo il Circuito Sacro. 

Possiamo scegliere se sintonizzarci o meno, attraverso le emozioni. La paura, lo vedevamo prima, è lo schema di interferenza che impedisce la completa risonanza nel Circuito Sacro, tra Terra, Cuore, Cervello, Cellule. Attraverso la paura e le sue maschere, ci siamo allontanati dal nostro pianeta; non c’è relazione tra il nostro cuore e la nostra terra. La nostra civiltà razionale, tecnologica, si basa sulla parte sinistra del cervello. Questo ci ha allontanati dal sentire del cuore. Non amiamo il nostro pianeta, anzi, facciamo di tutto per distruggerlo. 

Le antiche culture e le loro tradizioni stanno prendendo piede, ci dicono che dobbiamo tornare in questo circuito, che dobbiamo avere rispetto e amore per la nostra terra.

Come mai nella nostra cultura imperano sentimenti come rabbia, dolore, controllo e così tanti aspetti di sfiducia ? La paura è proprio l’unico schema che non ci permette di mantenere la nostra vita sintonizzata con il Circuito Sacro. La paura è stata impiantata nelle nostre griglie, e probabilmente non è neanche la nostra paura. Molti degli schemi che viviamo probabilmente non sono nostri. Dobbiamo uscire dagli schemi altrui. 

Quello che succede nella nostra vita è che abbiamo a che fare con problemi di autostima, di difficoltà nel ricevere ed attiriamo relazioni adatte a far fronte alle nostre aspettative. Stiamo vivendo la paura universale di non essere meritevoli. Ci hanno detto che il solo fatto di venire al mondo è peccato e ci comportiamo di conseguenza, ciò è impiantato nelle nostre griglie, come uno schema.

 

E’ attraverso gli schemi della nostra vita, i rapporti della nostra vita ed attirando gli schemi a noi utili e cercando di equilibrarli che noi stiamo sintonizzando il nostro corpo per affrontare l’esperienza del punto zero. I nostri rapporti diventano i nostri Templi. Ci stanno insegnando e preparando al cambiamento. Nell’affrontarlo ci accorgiamo che ciò ci spaventa: quando si nasce, ci si collega a delle griglie, degli schemi preesistenti e non sapendo come affrontarli, si passa tutta la vita nel tentativo di uscirne fuori.

 

Quanti di noi si sono chiesti: ma dove sto andando ? Cosa sto facendo ? Qual è la mia origine? C’è questo sentimento di essere stati abbandonati come specie e di sentirsi persi, come se qualcuno ci avesse portato qui e ci avesse lasciato, restando così separati dal resto della Creazione. C’è la paura di arrendersi, di lasciarsi andare, abbandonarsi al processo della vita . 

Questi sono i problemi che ci accingiamo ad affrontare ora e questo è quello che qualsiasi iniziato del Tibet, o Egitto, o Indiani d’America ha fatto quotidianamente. Loro lavoravano a questi problemi. 

Loro avevano la fortuna di abbandonare tutto, di andare in un tempio e di lavorare sulla loro personalità per anni. Noi non lo possiamo fare. Attraverso i problemi e le relazioni possiamo però muoverci attraverso il circuito sacro, in quel processo che si chiama "lo spostamento". La nostra vita ed i nostri rapporti sono il mezzo con cui noi oggi risolviamo la nostra iniziazione.

Dobbiamo imparare a modificare i nostri punti di vista, non più "guardando il nostro mondo", ma cominciando a "vedere" senza condizionamenti, senza cercare schemi che ci sono familiari, senza cercare di comparare con qualcosa che già si conosce. 

Potremmo avere uno schema vecchio, di 15, 20 anni che potremmo non riconoscere perché molto grande, e dentro questo schema, lo schema di un mese, e dentro questo schema , lo schema di un minuto: tutti questi schemi ci dicono in sostanza la stessa cosa, sotto diverse sfumature, se sappiamo riconoscere ciò nella nostra vita. 

Se invece non sappiamo riconoscere, ci capiterà qualcosa: l’essere potente che noi siamo, attirerà una situazione che non potremo ignorare, sino a quando non risolveremo il nostro schema.

Il test di Manderbrot: rappresentazione grafica e figura del punto in cui ordine e caos si incontrano . L’ordine del nostro mondo, ed il caos del nostro mondo, stanno facendo strada ad un nuovo ordine. La nostra esperienza è olografica. L’esperienza che facciamo a livello più ampio e quella che abbiamo in un minuto, sono lo stesso principio a due livelli differenti. Quello schema si ripeterà sempre. 

Se prendiamo in considerazione il grafico di Manderbrot, vediamo come, per quanto si cerchi di entrare nello schema, si ritorni sempre da dove si è cominciato, come dire che vivremo le nostre esperienze sempre tra ordine e caos, per lo meno cercheremo di vivere in equilibrio. Ogni giorno veniamo messi alla prova per vedere come riusciamo a mantenere l’equilibrio e come ci sentiamo senza carica. Anche quando non riusciremo a vedere lo schema nella sua interezza, non saremo capaci di vivere un rapporto senza significato. Tutte le esperienze hanno significato; nel modo in cui permettiamo agli altri di parlarci, o il modo in cui ci rivolgiamo agli altri, o nel rapporto a due, è il modo di mostrare chi e che cosa crediamo di essere in un dato momento: condividiamo con le consapevolezze, questa è la chiave. 

Vivremo la nostra vita cercando di ritrovare l’equilibrio perfetto, anche se, per innumerevoli volte, ci avvicineremo per poi allontanarci. Arriveremo ad un livello, il Julia-set, in cui nella nostra vita raggiungeremo l’equilibrio, vedremo l’insieme dello schema e immediatamente ripartiremo per nuove esperienze. La prossima volta che si trova quell’equilibrio, è la fine della vita. Così la fine della nostra vita, questa volta, non è la nostra morte, è la nascita di una nuova saggezza, di una nuova vita, quella che viene chiamata "Svolta epocale". Ricominceremo da un punto di equilibrio, che è quello che stiamo cercando di raggiungere adesso. 

Lo stesso messaggio è stato trovato in un campo di grano in Inghilterra, in un "crop circle". E’ la prima equazione, il primo glifo che può essere convalidato matematicamente ed è lo stesso messaggio che arriva a noi da antichi testi . La domanda è: qual’ è il caos e qual è l’ordine? Forse il caos è ordine, è un certo tipo di ordine in se stesso, è l’ordine che fa posto all’ordine più alto. 

Le scuole misteriche ci insegnano la compassione, cioè a sentire senza carica. Il rapporto tra le emozioni che stiamo vivendo e quello che stanno facendo alla nostra espressione genetica, al nostro DNA è uno scollegamento anche se non consapevole.

Togliere la carica dai sentimenti ora non ha più lo stesso significato. Più "carica" mettiamo nei rapporti, più gettiamo il nostro potere, reagendo.

Con "l’indifferenza", non ci toccheranno più, non reagiremo ed alla fine capiremo di avere mantenuto il controllo sulla situazione.

Stiamo cercando il nostro equilibrio nel cambiamento, attraverso la scelta "della compassione degli Esseni". 

Tutti stanno parlando anche a livello scientifico che il DNA sta cambiando, la doppia elica del DNA si sta modificando. 

Una delle due eliche si stacca e contiene tutta l’informazione di cui ha bisogno il nostro corpo per formare un gruppo di composti che si chiamano aminoacidi e da cui derivano le proteine, che ci permettono di essere quello che siamo: occhi, capelli, ossa, denti, funzione metabolica, tutto quanto. I 20 aminoacidi che abbiamo in noi, sono rappresentati da un codice a tre lettere, da uno schema, e rappresentano tutti gli schemi di cui siamo consapevoli sino ad ora.

Lungo le strisce del DNA, questi aminoacidi appaiono e codificano da qualche parte. Come possono sapere dove codificare, lungo le strisce? Gli aminoacidi vengono definite dai biologi catene laterali . Ognuno ha forma diversa ed ognuno è stato codificato diversamente sulla base di come si combina con carbonio, idrogeno, azoto ed ossigeno. Così, per le forme di vita basate sul carbonio, abbiamo una matrice di 64 possibilità che chiamiamo "codice genetico". Come mai di queste 64 possibilità, solo 20 sono disponibili per noi a tutt’oggi ? Coniando il termine "microchakra" per applicarlo agli aminoacidi, si vuole dimostrare come essi abbiano un funzionamento molto simile a quello dei chakras del corpo. I chakras sono organi non ancora fisici, che ruotano molto velocemente e ruotando si sintonizzano sulle griglie che abbiamo visto essere create dalla vibrazione della creazione. Ed è così che ci si sintonizza alla creazione. I chakras del nostro corpo, che sono collegati con le ghiandole endocrine, vibrano e si armonizzano con le griglie della creazione. Ognuna delle forme degli aminoacidi è diversa, ed è una microantenna che si sintonizza geneticamente su un certo insieme di informazioni: è un’antenna a forma di microchakra. 

Abbiamo 64 possibilità di antenne a cui possiamo sintonizzarci, ma di queste ne abbiamo accese solo 20. Cosa succede con tutte le altre informazioni su cui non siamo sintonizzati ? Che cosa determina quello di questi codici che viene attivato ? Negli ultimi anni si è scoperto che c’è un pulsante che accende e spegne i codici del nostro corpo, che permette di avere un sistema immunitario forte o debole, un sistema di rigenerazione cellulare forte o debole. E’ un interruttore che permette di determinare come si risponde ai raggi ultravioletti o al buco dell’ozono. Il pulsante sono le emozioni, il pulsante è il sentire. Come ci si sente determina quale dei 64 codici viene attivato e quali sono le configurazioni dei codici. 

Quando sentiamo un’emozione, una vibrazione, viene espressa in un’onda , che programma il DNA. L’emozione determina in quali luoghi, lungo il DNA, si accende e si spegne. L’onda della paura, lenta e a bassa frequenza , ha tante possibilità di intersecare il DNA, quindi di accendere le antenne lungo la catena . L’onda dell’amore è più corta e ad alta frequenza.  Nell’amore abbiamo accesso a più stazioni, ci sintonizziamo alle griglie che ci hanno allontanato dalle cose che ci avrebbero permesso di essere lì all’inizio. L’onda lunga dell’emozione, programma l’onda corta del DNA. Come ci sentiamo determina il modo in cui codifichiamo geneticamente. 

Ora stiamo cominciando a capire che non è vero che se impariamo a non aver paura impariamo ad amare, ma che quando la paura se ne va, rimane solo lo schema che chiamiamo amore. La paura è la distruzione di quello schema. Non è che dobbiamo imparare a non aver paura per poi imparare ad amare, è vero invece che dobbiamo lasciare all’amore lo spazio d’azione che merita nella nostra vita.

Mentre frequentiamo la "scuola misterica" della nostra vita, ci colleghiamo con le griglie che ci permettono di procedere in modo differente, che ci permettono di raggiungere la risonanza con le informazioni utili a farci comprendere la creazione. Semplicemente sentendo in modo diverso, abbiamo la possibilità di modificare ciò che è a livello molecolare nel nostro corpo. Questo è quello che veniva offerto nelle scuole misteriche, e che da un certo punto in poi non è stato più compreso. Questo è ciò che sta succedendo a noi, oggi, mentre passiamo attraverso i templi dei nostri rapporti. Nel momento in cui li risolviamo, risolviamo la nostra iniziazione ed impariamo ad accedere a codici che non sono stati mai raggiunti prima.

Quello che in vari libri la ricerca scientifica definisce "mutazione genetica spontanea".

Pazienti terminali che non muoiono, perché? Perché hanno una scelta: o arrendersi e morire oppure attingere dalla parte più profonda del loro essere e poi cambiare il loro punto di vista. 

E’ quello che fanno. Mangiare, pensare in modo diverso, pregare, respirare, semplicemente facendo così, accendono quei codici che non avevano acceso prima. Negli ultimi anni prima della "fine del ciclo" stiamo dando vita all’interno della nostra specie ad una nuova specie genetica, con la stessa impronta genetica che non assomiglia all’altra e che sta ancorando la saggezza che permetterà la sintonia con le informazioni delle nuove griglie.

 

In queste griglie, il deteriorarsi non vuol più dire la stessa cosa, la malattia non ha più lo stesso significato, i raggi ultravioletti non vogliono dire la stessa cosa, il controllo della mente non vuol dire la stessa cosa, l’Aids non vuol dire la stessa cosa, il buco nell’ozono non vuol dire la stessa cosa. Non possono avere lo stesso significato perchè non c’è risonanza.

In uno dei glifi dei Crops circles apparso nel 1993 c’è una figura che è stata chiamata Il serpente o anche Il cervello. E’ composto di 10 segmenti , con 9 punti di rottura. Ognuna di queste 9 rotture si sovrappone su qualcosa che la genetica definisce "punti non definiti di lettura". Ciò significa che nel DNA umano ci sono punti che non comprendiamo, a cosa servono e sembrano inutilizzati.

Questi punti di rottura a noi inviati si sovrappongono nel nostro DNA , dove in noi c’è materiale genetico non utilizzato.

Il messaggio potrebbe essere tradotto così : in questo momento di cambiamento, al nostro corpo si chiede di divenire tutto quello che si può divenire: tutto ciò che possiamo essere.

Conoscendo come funzionavano le iniziazioni nei tempi antichi, si possono trovare molti collegamenti con il momento "iniziatico" che viviamo oggi. 

In Egitto, in ogni tempio c’era l’effigie di un essere che simboleggiava quello che succedeva in quel tempio, ma non li adoravano ed i templi non erano dedicati a loro. Il tempio era la possibilità di evidenziare un aspetto della personalità umana, della psiche umana, e viverla, e padroneggiarla, forse in pochi mesi o in una vita intera.

Sekmet è considerata la dea della guerra, felina, con la testa di leone ed il corpo di donna. Dove c’è Sekmet ci si prepara alla guerra, o ci si prepara ad evitare la guerra, si cerca di avere una buona guerra. Ciò che Sekmet rappresenta non è la dea della guerra, ma il guerriero che c’è in ciascuno di noi ed insegna a padroneggiare questo guerriero, quando è giusto fare appello a lui e rompere le barriere della nostra vita, oppure quando non va bene averlo dentro di noi. Gli iniziati potevano spendere anni, a volte sino alla morte, per imparare quella lezione.

C’erano tempi dove imparare a padroneggiare la nostra rabbia, la nostra lussuria, la gelosia, il non giudizio , quando era il momento di far agire il guerriero nelle relazioni oppure no. 

I testi biblici dicono che colui che conosciamo come Gesù Cristo fosse un iniziato, non solo degli Esseni ma anche un Alto Sacerdote dell’Ordine di Melchisedek.

Gesù padroneggiò questi insegnamenti, dovette imparare i vari aspetti di se stesso padroneggiandoli. E così facendo li ha per sempre fermati , radicati , agendo come un ponte vivente cosicchè oggi sono diventati per noi più accessibili.

Credo che questo sia il dono che fu offerto, ed in quell’offrire, siamo diventati diversi da come eravamo. 

Prima o poi, nella nostra vita, vivremo questa iniziazione, anche se in modo diverso dagli iniziati di un tempo. Un tempo, essi conoscevano se stessi nei Templi , in Egitto ad esempio, lungo il Nilo e nelle piramidi, che non erano monumenti funerari ma luoghi di iniziazione. Ad un certo punto della loro vita, essi dopo aver compiuto le loro esperienze, potevano padroneggiarla completamente, padroneggiare gli aspetti della loro personalità dopo aver appreso, tramite le iniziazioni, quello che c’era da apprendere sulla loro rabbia, la loro paura, la loro furia, la gelosia, il non giudizio.

A volte impiegavano una vita solo per imparare un aspetto della personalità, come facciamo noi imparando la paura, la rabbia, l’odio. Ad un certo punto, o cede il nostro cuore o cede il nostro corpo. 

Dopo aver imparato tutti i vari aspetti, cominciavano un processo nel tempio che conosciamo come la Grande Piramide di Giza. Iniziavano a fare la loro esperienza, primariamente, in tre camere, processo che noi stiamo vivendo adesso, facendo della vita il nostro cammino iniziatico.

Ognuna di queste camere offriva loro un aspetto diverso: la stanza inferiore si trova ad 85 metri sotto la superficie, nel buio completo, nel silenzio completo. Questa stanza è geometricamente costruita per immergere gli iniziati in quel campo che chiameremo di "pura Luce Scura". In essa potevano conoscere le loro paure, ed avevano una scelta: o superarle o morire.

 

Noi, oggi, per contro, ad un certo punto della vostra vita attiriamo un avvenimento, una circostanza che per noi è la cosa peggiore che ci sarebbe potuta capitare. Per noi e per nessun altro perché sono le nostre paure, perché possiamo non vedere nessuna via d’uscita. Mentre proviamo questo, stiamo provando ciò che gli antichi chiamavano "la notte oscura dell’anima". Il giorno in cui essa comincerà, dovrebbe essere per noi un giorno di grande festa, perché non potrà mai verificarsi sino a quando non avremo gli strumenti necessari per superarla. Così si tratterà o di cedere a questa esperienza, o di scavare nella parte più profonda del nostro essere per trovare tutti gli strumenti di cui siamo consapevoli e forse, anche , di scoprirne altri. 

Quello che inconsciamente succederà, nel momento in cui attireremo le circostanze della nostra notte oscura, sarà che avremo abbandonato tutto ciò che per noi aveva una carica, dovremo ridefinire noi stessi.

Dopo aver superato la paura, l’iniziato si trasferiva nella stanza "dell’Equilibrio", ed è quello che anche noi stiamo facendo. Quando sentiamo di essere in equilibrio, questo è il segnale dell’esperienza seguente, quando inizia la prova: probabilmente si presenterà di nuovo la circostanza, per vedere se ce la facciamo a superarla. Noi stiamo vivendo i nostri rapporti , per prepararci all’esperienza "del Punto Zero". 

Dobbiamo risolvere gli schemi della nostra vita prima di riuscirci. Passiamo attraverso le notti buie dell’anima per trovare l’equilibrio.

Alla fine di queste esperienze, l’iniziato entrava nella terza stanza, l’unica conosciuta sinora sul pianeta, adatta a stimolare sia un magnetismo basso che una frequenza alta. Questa stanza risale a 11000 anni fa , è stata datata a prima dell’Era Glaciale , ed ha le condizioni ambientali a cui stiamo giungendo adesso. Questo perché gli iniziati dovevano sperimentare, per poter vedere ciò che sarebbe successo, lasciandone la memoria alle generazioni future. La svolta epocale è qualcosa di molto grande, non succede molto spesso. Ci siamo preparati a questo per migliaia e migliaia di anni. In questa stanza si immergevano in quelle che noi oggi chiameremmo le due polarità, "Pura Luce Bianca". Questa volta la prova durava per un periodo di circa tre giorni, o 72 ore. 

L’Essere Universale di riferimento che chiamiamo Cristo ha vissuto una iniziazione , o passione, che è durata circa tre giorni. Quando la terra si fermerà, al punto zero, rimarrà immobile circa tre giorni, 72 ore e quella sarà la sua iniziazione e la nostra. L’iniziazione collettiva della nostra vita. 

E’ per questo che le nostre relazioni stanno diventando così intense, è per questo che vogliamo risolverle ed esserne felici quando si presentano nella nostra vita, perché la paura ed il giudicare diventano allora i nostri migliori alleati per farci capire chi siamo ed aiutarci a farci cambiare il punto di vista. Conosciamo noi stessi mediante la conoscenza dei nostri estremi, estremi che mutano e mutando cambiano anche il nostro equilibrio. Sino ad ora non avevamo possibilità di sfuggire al nostro modo di reagire agli estremi, collegati a quelli degli altri e a quelli prima di noi. Ora, cambiando il nostro punto di vista, non dobbiamo più continuare a farlo: è una scelta. Possiamo scegliere come sentirci riguardo agli estremi.

Nei pochi anni che mancano alla "fine del ciclo" ci viene chiesto di entrare in risonanza con un magnetismo differente che comincia al punto zero ed una frequenza maggiore, Geneticamente siamo stati condizionati ad far crescere antenne nel nostro corpo chiamate aminoacidi e siamo sempre stati collegati a questo. Ci viene offerta la possibilità di risolvere gli schemi emotivi che attiriamo nella nostra vita e le relazioni, mentre stiamo cambiando i modi in cui questi si esprimono. Forse, questo ora diventa quest’altro, come se fosse una nuova antenna , con un nuovo collegamento e cominciamo a guardare le cose in modo diverso. 

Se le cose che ci erano sembrate sempre giuste non sembrano avere più lo stesso significato, se il nostro nuovo modo di essere crea dei problemi nelle nostre famiglie, se ora non possiamo più vivere nello stesso modo, si sta attuando una divisione, una polarizzazione all’interno del nostro corpo. Quello che ci viene richiesto di fare è di esprimere completamente noi stessi. Risolvere noi stessi attraverso le nostre relazioni. Abbiamo 20 antenne attivate e ne stiamo attivando delle nuove per poterci collegare con le informazioni che questo stato dimensionale superiore presenta. 

Le chiameremo "Frequenze Cristiche". Sono le frequenze ottimali per gli esseri umani basati sul carbonio. Da una parte del Cosmo, una frequenza è cambiata. Questo ha un effetto a cascata che si ripercuote su tutti i livelli: stellare, solare e planetario. Questo è un processo che sapevamo sarebbe successo. 200.000 anni fa iniziammo un ciclo che sapevamo sarebbe culminato in questo momento storico e ci viene chiesto di vivere quella saggezza sintonizzandoci e permettendo a noi stessi di partecipare a questa esperienza lasciandoci andare in questo momento della nostra vita. 

Il momento di passaggio alla "fine del ciclo" è molto naturale; come lo vivremo dipenderà dal modo in cui noi ci porremo nei riguardi di questo processo, di cosa sapremo cercare, trovare e risolvere in noi stessi, di come ci sapremo abbandonare allo scorrere della vita . Forse vivremo questo processo come in un sogno, o per meglio dire in quello che per i nativi d’America è un sogno : uno stato alterato di coscienza.

E quando ci sveglieremo, probabilmente diremo: ecco, sono passato attraverso il cambiamento e non me ne sono accorto. 

www.Greggbraden.com

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli