Se ti piace il nostro sito votalo adesso con un click sul pulsante Google +1 qui sotto :


CANCRO : la Portulaca Oleracea previene il cancro e fa bene alla salute. Ma non conviene,costa poco

La Portulaca Oleracea previene il cancro e fa bene alla salute. Ma non conviene,costa poco

Non cura il cancro ma ci previene da esso,la Portulaca Oleracea è boicottata dalle lobby farmaceutiche perchè se assunta ci si ammala di meno grazie alle sue proprietà,e cosa c’è di meglio di uno “scudo protettivo” ai tempi di oggi,

in quanto aria e terra sono inquinati e siamo maggiormente esposti alla contrazione di tumori?

Portulaca Oleracea è una super pianta anticancerogena che ci fa bene alla salute! Le lobby farmaceutiche lo considerano infestante, naturalmente, visto che fa bene e potrebbe far perdere loro un sacco di quattrini…

Ormai sappiamo che quella che fa bene la considerano infestante oppure la mettono illegale come la canapa…

Sicuramente avrete visto questa pianta spuntare naturalmente nella vostra terra,in quanto I semi di Portulaca sono così potenti , rimangono vitali nel terreno fino a 40 anni, e questa è una coltura naturale non l’OGM.

 

La portulaca è una piantina perenne o annuale, molto abbondante in tutta Italia, sia come pianta ornamentale da fiore, che (in maggior misura) come piantina, ritenuta da molti erroneamente, comune erbaccia infestante.

 

In realtà nel Medioevo veniva considerata una preziosa pianta officinale e medicinale, perchè già ne conoscevano le proprietà ed i benefici.

 

Imparando a riconoscerla nei campi, si può avere un ottimo alimento che aiuta la nostra salute a costo zero,ed è proprio per questo che con l’avvento dei farmaci e delle case farmaceutiche,è stata “distrutto”il ricordo di questa pianta miracolosa.

 

Questa pianta ha molti benefici per il nostro sistema immunitario e per la salute generale.

Per esempio ha più benefici di acidi grassi Omega 3 rispetto a molti oli di pesce, che svolgono un ruolo nella prevenzione delle malattie cardiovascolari!

 

Contiene alti livelli di vitamina A. Tra tutte le verdure a foglia verde 1320 UI/100 g, fornisce il 44% del RDA.

 

Protegge da molti tipi di tumori e aiuta a promuovere la salute degli occhi grazie alle sue doti terapeutiche.

 

Potente antiossidante. E’ completo di due diversi tipi di pigmenti di alcaloide betalain, un rossastro beta-cyanis, e un beta-xanthins giallo, che sono altrettanto anti-mutagene, antiossidanti.

 

Ha della vitamina C e complesso B compresi riboflavina, piridossina, niacina, nonché carotenoidi e ferro, magnesio e calcio.

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
scuola di reiki bologna
REIKI : ARTE DI CURA CON LE MANI
SCUOLA DI REIKI BOLOGNA [ CLICK QUI ]

 

Depurativa, dissetante e diuretica e anti-diabetica. Usata anche per curare diarrea, vomito, enterite acuta, emorroidi ed emorragie post-partum.

 

Un impacco di foglie è usato in caso di foruncoli, punture d’api ed eczema.

 

Si può mangiare come insalata e si può usare a cucinare cibi.

 

Come si mangia la portulaca: Della portulaca si mangia quasi tutto: le foglie, i fiori e i gambi teneri.

 

Data la crescita incredibilmente veloce (può crescere di diversi centimetri al giorno), si possono cimare i rami nuovi, separare le foglie dalla parte più dura del ramo.

 

Le foglioline sono “a goccia”, molto carnose, i fiori possono avere colori diversi, ma le piante più comuni li hanno gialli e piccoli.

 

Sono buonissime nell’insalata verde, nell’insalata di pomodori, friselle pomodorini rucola e portulaca, in insalate fredde, da sole condite con un po’ di maionese!

Sono MOLTO soddisfacenti, data la loro particolare consistenza carnosa, danno un senso di piacevole sazietà e coscienza pulita!

 

Fonti: http://naturalsociety.com/purslane-weed-or-health-boosting-plant/#ixzz36Qyx5v7Q http://www.portaleducatori.it/nw/archives/307386 http://balletqualitycert.com/portulaca-risorsa-medica/

 

- See more at: http://terrarealtime2.blogspot.it/2015/03/la-portulaca-oleracea-previene-il.html#sthash.Ip8hGYNM.dpuf

 

 

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

Calcoli renali: 10 rimedi naturali

I calcoli renali sono causati da aggregazioni di sali minerali nei reni. Possono creare fastidi già quando si trovano nei reni, ma di solito creano più dolore quando iniziano a spostarsi lungo le vie urinarie. Possono essere legati ad una dieta molto ricca di proteine animali e di grassi, ma povera di fibre.

 

Vi avevamo già parlato degli alimenti da preferire o da evitare in caso di calcoli renali e dei cibi adatti a depurare i reni. Ora ci concentriamo sui rimedi naturali per prevenire o contrastare i calcoli renali.

 

Abbiamo raccolto per voi una serie di spunti che potrete utilizzare come punto di partenza per rivolgervi al medico e al vostro erborista di fiducia. I seguenti rimedi naturali per i calcoli renali non sostituiscono in alcun modo il parere del medico, ma vogliono semplicemente offrire una panoramica sui numerosi rimedi alternativi esistenti riguardo a questo problema.

 

1) Equiseto

 

In caso di calcoli renali può essere utile preparare un decotto di equiseto. La guida "Erbe buone per la salute" (Giunti Demetra) suggerisce di utilizzare 30 grammi di equiseto (fusti sterili) per 2,5 litri d'acqua. Si versano i fusti sterili in una pentola insieme all'acqua, si porta a bollore e si prolunga l'ebollizione per una decina di minuti. La dose è di 2 tazze al giorno (una la mattina e una la sera) lontano dai pasti principali. Chiedete maggiori informazioni sull'equiseto al vostro erborista.

 

Leggi anche: Equiseto: proprietà, usi e controindicazioni

 

2) Erba spaccapietre

 

E' conosciuta come erba spaccapietre, ma anche come cetracca o cedracca (Ceterach officinarum) e viene utilizzata per preparare delle tisane da somministrare in caso di calcoli renali. Una tisana per i calcoli renali, ad esempio, viene preparata con erba spaccapietre, tiglio, prezzemolo e equiseto. Qui altre info.

 

3) Acqua di cocco

 

L'acqua di cocco è una bevanda completamente naturale, ricavata estraendo il liquido presente nelle noci di cocco più giovani, ancora verdi. La migliore acqua di cocco è di provenienza biologica e non contiene alcun tipo di coloranti o di conservanti. E' considerata benefica per l'apparato urinario in quanto in grado di purificare la vescica e i canali di eliminazione delle tossine. L'acqua di cocco previene le infezioni del tratto urinario ed allevia i problemi di calcoli ai reni.

 

Leggi anche: Acqua di cocco: 10 benefici per la salute

 

4) Erba mate

 

All'Erba mate, antica bevanda e rimedio naturale secondo la tradizione argentina, viene attribuita la capacità di prevenire i calcoli renali. Inoltre l'Erba mate favorisce la digestione e stimola le funzioni dell'apparato circolatorio, è ricca di antiossidanti, favorisce la concentrazione e stimola la diuresi.

 

Leggi anche: Erba mate: il rimedio argentino contro la stanchezza primaverile

 

5) Tè kombucha

 

Il tè kombucha viene definito come una bevanda viva, dall'azione attiva sul nostro organismo, che avrebbe aiutato più persone a risolvere il problema dei calcoli renali, dell'artrite e del peso in eccesso. Viene inoltre consigliato per la sua attività probiotica all'interno del tratto intestinale e per favorire la digestione.

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
scuola di reiki bologna
REIKI : ARTE DI CURA CON LE MANI
SCUOLA DI REIKI BOLOGNA [ CLICK QUI ]

 

Leggi anche: Te' kombucha: proprietà, preparazione e dove trovarlo

 

6) Limoni e succo di limone

 

I limoni sono considerati benefici per prevenire e contrastare i calcoli renali. I limoni, per via del loro contenuto di acido citrico, contribuiscono a dissolvere i calcoli biliari, i calcoli renali ed i depositi di calcio che possono accumularsi nei reni. Aggiungere succo di limone alla propria dieta contribuirebbe dunque sia nella prevenzione che nella cura della calcolosi urinaria.

 

Leggi anche: Limoni: 15 benefici per la salute

 

7) Ruscus aculeatus

 

In caso di calcoli renali e alle vie urinarie la fitoterapia consiglia l'assunzione della tintura madre di Ruscus aculeatus. Si versano 50 gocce di questa tintura madre in abbondante acqua da bere prima di colazione. Potete chiedere maggiori informazioni in proposito al vostro erborista di fiducia (Cfr. "Rimedi semplici e naturali", Giunti Demetra, 2009).

 

8) Sedano selvatico

 

La fitoterapia suggerisce di preparare un decotto di sedano selvatico in caso di calcoli ai reni o alle vie urinarie. Si utilizzano 20 gr di radici di sedano selvatico da bollire per 4-5 minuti in 1 litro d'acqua. Lasciare riposare per 15 minuti e consumare 2 tazze al giorno, mattina e sera lontano dai pasti (Cfr "Tisane, il gusto della salute". Giunti Demetra, 2010).

 

9) Oli essenziali

 

Gli oli essenziali trovano numerose applicazioni e possono venirci in aiuto anche nel caso dei dolori provocati dai calcoli renali. In questo caso gli oli essenziali possono essere applicati sulla parte da trattare come antidolorifici naturali. Vengono consigliati l'olio essenziale di lavanda, l'olio essenziale di camomilla e l'olio essenziale di maggiorana, con cui strofinare la zona dolente.

 

10) Digiuno terapeutico

 

Tra i rimedi ecologici per favorire l'espulsione di piccoli calcoli renali troviamo il digiuno terapeutico. Si tratta di un digiuno della durata di 1 giorno da praticare ogni 15 assumendo succhi di frutta e verdura a base di carote, limoni, prezzemolo, sedano, anguria e verdura a foglia verde. Qui altre info utili.

 

>Conoscete altri rimedi naturali per i calcoli renali?

 

Marta Albè

 

Fonte foto: mercola.com

http://www.greenme.it/vivere/salute-e-benessere/15834-calcoli-renali-rimedi-naturali

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

Leucemia: Bambino di 6 Anni Malato, Appello per una Donazione di Midollo Osseo

Esistono malattie aggressive, violente ed invalidanti, capaci persino di sbarrare la strada al futuro; vi sono patologie in grado di impedire la normalità rendendo la vita intera difficile e pericolosa; alcune malattie sono mostri temibili che trasformano ogni respiro, ogni minuto ed ogni giorno in una partita contro la fine, la fine di ogni tempo e di ogni speranza.

 

I “fortunati, sani e inconsapevoli del male” non sempre riflettono sul dolore altrui, raramente sanno che vi sono uomini, donne e bambini per cui, a causa di questa o quella malattia, la vita è una battaglia per la sopravvivenza condotta contro il buio più invincibile ovvero contro la morte, la resa o la sconfitta.

 

Vitadamamma oggi vuole raccontare la storia di un giovanissimo guerriero che sta combattendo la sua battaglia contro la leucemia, un male grigio, pesante e imponente:

 

il piccolo combattente, con cui l’Italia intera dovrebbe allearsi, ha 6 anni e già da tre conduce senza sosta la sua battaglia quotidiana per la vita, si chiama Giovanni Andrea ed è un bambino malato di leucemia da quando aveva solo 3 anni.

 

Giovanni Andrea ed è un bambino malato di leucemia da quando aveva solo 3 anni

 

Giovanni Andrea, malato di leucemia. Questo bambino può avere bisogno proprio di te!

 

Giovanni Andrea quotidianamente lotta nella speranza di sconfiggere il suo male per vivere una vita da bimbo, un’esistenza illuminata dalla gioia del futuro e dalla bellezza della normalità. Dopo 3 anni di cure per questo bimbo è scattato un terribile countdown:

 

 

la chemioterapia non basta più a garantire al bambino una possibilità di guarigione, Giovanni Andrea può sperare di sconfiggere la sua malattia solo con un trapianto di midollo osseo o cellule staminali.

 

Da Sassari, dove il bambino vive, è partita una catena di solidarietà che complice la rete, via socialnetwork, si sta estendendo a tutta l’Italia.

 

Cosa serve a Giovanni Andrea?

 

Al bambino, malato da 3 anni, serve un donatore di midollo osseo compatibile. E questa risulta essere una ricerca difficilissima.

 

 

La sezione di Aritzo dell’Admo (Associazione Donatori di Midollo Osseo) lancia per Giovanni Andrea, ma non solo per lui, un appello rivolto a tutte le persone di età compresa tra i 18 e i 45 anni che godono di buona salute e che abbiano un peso superiore ai 50 kg: l’invito è a sottoporsi agli esami del sangue al fine di mettere a disposizione il proprio midollo osseo.

 

Il midollo osseo, previa dichiarazione di compatibilità, può salvare la vita di qualcuno malato e meno fortunato, forse può salvare la vita proprio a questo bambino!

 

Rintracciare un midollo osseo compatibile è cosa non semplice, statisticamente si sa che le possibilità di accertare una compatibilità sono basse:

 

 

si stima che per ogni malato di leucemia in attesa di midollo solo una persona su centomila risulti compatibile.

 

 

 

 

Proprio per questo, considerate le limitate possibilità di rintracciare un donatore compatibile, chiunque, qualunque potenziale donatore, può fare la differenza nella battaglia per salvare la vita di Giovanni Andrea”.

 

Come si determina la compatibilità tra il midollo osseo di un donatore e il soggetto ricevente ovvero il malato?

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
scuola di reiki bologna
REIKI : ARTE DI CURA CON LE MANI
SCUOLA DI REIKI BOLOGNA [ CLICK QUI ]

 

Il test di compatibilità è rivelato dalla tipizzazione un esame di laboratorio che avviene partendo da un semplice prelievo di sangue da effettuare nei centri specializzati.

 

 

Chi chiede la tipizzazione si iscrive in una lista di potenziai donatori, il midollo potrebbe risultare, quindi, compatibile con un paziente diverso da Giovanni Andrea e l’intervento di estrazione per la donazione potrebbe essere chiesto al donatore per salvare un’altra vita.

 

Effettuando la richiesta di tipizzazione, infatti, i dati del potenziale donatore vengono inseriti in un database internazionale.

 

Tale database è capace di incrociare i dati provenienti da tutti i potenziali donatori con quelli di tutti i malati in attesa di trapianto. Inutile precisare che, laddove la donazione è l’unica speranza di vita, più potenziali donatori contiene il database, più probabilità ci saranno di salvare vite umane perché maggiori saranno le possibili compatibilità.

 

Cosa accade quando la tipizzazione ha un esito positivo ovvero rintraccia una compatibilità tra un potenziale donatore ed un malato?

 

Quando il database internazionale individua una possibile compatibilità donatore – malato in attesa di trapianto, il potenziale donatore viene contattato e, previo consenso all’estrazione di midollo osseo, parte l’iter per l’intervento.

 

Il prelievo di midollo osseo avviene in anestesia in una struttura ospedaliera autorizzata, l’intervento consiste nell’aspirazione di sangue midollare dalla cosiddetta cresta iliaca posteriore, un punto specifico del bacino.

 

E’importante sapere che in un soggetto sano (com’è il donatore su cui, prima dell’intervento, vengono compiuti appurati controlli di salute)il sangue midollare prelevato si ricostituisce spontaneamente in 7-10 giorni.

 

Per effettuare la tipizzazione in Italia consultare l’elenco delle sedi Admo regionali: www.admo.it

 

Per effettuare la tipizzazione in Sardegna contattare questi recapiti:

 

 

Sassari e provincia: 3339361772 (Adriano Mangoni) o 3388695295 (Nicolò Spano)

 

Sorso/Sennori 3939311890 (Marco Greco)

 

Ozieri: 3289157004 (Salvatore Pinna)

 

Olbia: 3495772467 (Sabrina Bardanzellu)

 

Nuoro: 0784 34725-240855 (Ospedale San Francesco)

 

Aritzo: 3336784711 (Massimo Argiolas)

 

Oristano: 3382390849 (Pietro Manca)

 

Cagliari: 3473180103 (Marco Melis)

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

Ernie al disco : si curano con l'acqua di mare

Le ernie discali si trattano con una percentuale del 100% di successo attraverso iniezioni sottocutanee di acqua di mare isotonica (praticate a 10-15 cm di distanza dalla colonna vertebrale). (Anche assunta per bocca l'acqua di mare è d'aiuto,

ma le iniezioni sono molto più efficaci). A volte il dolore scompare già dalla prima applicazione, la maggior parte delle volte ne servono 2, con 3 sessioni tutti i casi di dolore si risolvono. Questa è la spiegazione del dr. Epineuze (già in pensione) nei suoi video, in cui si dimostra come inietta 250 cc di acqua di mare isotonica (plasma marino) in ogni sessione.

 

 

Nei suoi video spiega che le le iniezione di acqua di mare servono per reidratare il disco intervertebrale affinché torni al suo volume originale. Le ernie sono una conseguenza della disidratazione del disco che ne produce una diminuzione di spessore e uno spostamento verso l'esterno, causando la compressione del nervo che corrisponde alla vertebra interessata.

 

 

 

Le ernie discali operate non hanno lo stesso margine di recupero.

 

I video si possono trovare in youtube, cercando "Epineuze" (http://www.youtube.com/watch?v=McUfEwSYFNM)

 

In questo sito (http://bibleetdecouvertes.free.fr/textes/un%20salut%20pour%20notre%20dos.html) una persona racconta (in francese) come si curò un'ernia al disco col metodo del dr. Epineuze (esclusivamente con iniezioni di acqua di mare isotonica), con foto molto illustrative.

 

 

 

Il Dr. Epineuze, nelle migliaia di casi che trattò, applicava 10 sessioni per evitare ricadute. Data la semplicità del procedimento, se ne possono fare alcune e, se necessario, altre più avanti. Tra le sessioni è conveniente che trascorrano minimo uno o due giorni.

 

 

 

Come trattarci in casa con iniezioni sottocutanee.

 

Nel libro "Bere acqua di mare & Hamer" c'è un'appendice che spiega come farsi iniezioni sottocutanee. Si tratta di una cosa molto semplice che tutti dovremmo conoscere. Prima di fare un'iniezione ad un'altra persona è meglio praticare su se stessi, per esempio effettuando iniezioni nella gamba.

 

Ci sono molti video esplicativi in youtube , come questo (http://www.youtube.com/watch?v=YNuxPuP8vlo) che lo dimostra nel minuto 4. Ricorda bene che il liquido va iniettato sotto lo strato di pelle e grasso. Se provi a fare l'iniezione nello strato e non al di sotto, a parte entrare con difficoltà, il procedimento è doloroso e pericoloso.

 

Per le iniezioni i medici usano acqua di mare marca Quinton (Quinton.es) perché viene imbottigliata secondo gli standard di qualità farmacologica. Noi possiamo utilizzare altre marche, a seconda delle nostre preferenze e delle circostanze.

 

Invece del catetere a 12 aghi che usano i medici, se lo facciamo in casa possiamo usare una siringa da 20 cc con un ago per le iniezioni sottocutanee (non quelle per i diabetici che sono troppo piccole).

 

Durante l'iniezione non dobbiamo avvertire alcun dolore. Se succede o se il liquido entra con difficoltà, significa che stiamo facendo l'iniezione nella pelle, nello strato adiposo e non nel punto corretto. In corrispondenza di ogni iniezione si forma una bolla sotto la pelle che scompare in poche ore.

 

Nelle immagini seguenti si vedono i punti in cui è stata eseguita l'iniezione, è rimasta una goccia di sangue:

 

In un prossimo articolo spiegheremo come farci un trattamento per l'ernia discale senza iniezioni, attraverso dei bagni di acqua di mare in casa.

 

 

 

Attenzione

 

In questo trattamento, data la quantità di acqua di mare (isotonica) che riceve il corpo, è molto probabile che, oltre a risolvere il problema dell'ernia, l'organismo approfitti per riparare altre “avarie” che si trovavano in sospeso.

 

Bisogna conoscere le leggi di Hamer (a questo proposito c'è un'introduzione nel libro "Bere acqua di mare & Hamer") che ci permettono di interpretare correttamente i sintomi che a volte l'utilizzo di acqua di mare può produrre.

 

Maggiori informazioni nel sito: www.martini13.com

 

http://www.stampalibera.com/

 

La Coscienza

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

DIABETE : Rosmarino e origano, rimedio naturale al diabete

Rosmarino e origano, rimedio naturale al diabete

 

Origano e rosmarino potrebbero rappresentare un rimedio naturale al diabete.

Leggiamo su La Stampa: “Ci sono erbe e piante d’uso comune che spesso rivelano di sé un volto ancora sconosciuto. E’ il caso di origano e rosmarino che, secondo un nuovo studio, potrebbero essere considerati come dei farmaci contro il diabete, in grado di abbassare i livelli di glucosio nel sangue“.

 

La ricerca è stata pubblicata sul Journal of Agricultural and Food Chemistry:

 

Con i milioni di persone che devono lottare contro questa seria malattia, l’aver trovato nuovi modi per migliorare le proprie condizioni – magari senza effetti collaterali – è sempre motivo di ottimismo. E lo studio pubblicato sull’ACS Journal of Agricultural and Food Chemistry va proprio in questa direzione, mostrando che le sostanze attive contenute in queste due piante aromatiche possono agire più o meno allo stesso modo dei farmaci per il controllo del diabete.

A scoprire queste proprietà sono stati i ricercatori dell’Università dell’Illinois, coordinati dalla prof.ssa Elvira Gonzalez de Mejia, che hanno osservato come non tutte le persone possano beneficiare di trattamenti farmacologici e abbracciare stili di vita più sani; per cui trovare un rimedio utile che non comporti grandi spese e difficoltà nell’utilizzo sarebbe l’ideale“.

 

Le varietà di origano migliore sono risultate quello greco e quello messicano:

 

“Tra i diversi tipi, gli estratti commerciali di origano greco, origano messicano e rosmarino si sono dimostrati i migliori inibitori dell’enzima, condizione necessaria per ridurre il rischio di diabete di tipo 2, rispetto alle piante di serra.

Nonostante i promettenti risultati, come sempre i ricercatori ritengono siano necessari ulteriori studi per capire il ruolo di questi composti nel ridurre il rischio di diabete di tipo 2 negli esseri umani.

Nel frattempo, noi possiamo favorire un maggiore consumo di queste erbe utilizzandole più spesso nella nostra cucina, sfruttando le loro proprietà antidiabete“.

 

Fonte:http://www.globochannel.com/2015/02/08/rosmarino-e-origano-rimedio-naturale-al-diabete/

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli