Se ti piace il nostro sito votalo adesso con un click sul pulsante Google +1 qui sotto :


Pediatri. È boom di medicine non convenzionali

Il 23% dei pediatri  dichiara di far uso di terapie non convenzionali, quasi uno su quattro. Una percentuale già decisamente alta, anche se la percezione degli esperti è che ci sia un sommerso che stenta a venir fuori, perché i medici sono restii a dichiarare di credere in questo tipo di medicina. Questo quanto emerge da un’indagine tra i pediatri iscritti alla SIP, condotta dal  Gruppo di Studio sulle medicine complementari costituito all’interno dell’associazione proprio con lo scopo di valutare l’entità della diffusione delle Complementary and Alternative Medicine (Cam) tra i pediatri italiani, di monitorare l’insorgenza di eventuali effetti avversi al loro impiego, di dare ai pediatri e ai genitori informazioni sulle corrette modalità di utilizzo.
“In realtà abbiamo la netta sensazione che i pediatri che usano le complementari siano di più.  C’è ancora molta reticenza nel dichiararlo perché in molti prevale ancora l’incertezza sull’efficacia scientifica”, ha commentato il presidente Sip Alberto Ugazio.

All’indagine hanno risposto 1.233 pediatri,di cui la maggior parte (46,8%) ospedalieri, ma con buone percentuali anche di medici di Asl (35,2%), liberi professionisti (14%) e universitari (7,8%). Chi dichiara di usare le tecniche della medicina alternativa, nella maggior parte dei casi si riferisce alla fitoterapia (82,5%), seguita dall’omeopatia 74,9%, e molto distante dall’agopuntura (5,8%).
È il 77% degli intervistati a dichiarare di non utilizzare affatto le terapie non convenzionali, ma l’l’81% del campione che le utilizza dichiara di farlo associandole ai farmaci allopatici: tra i pediatri prevale quindi l’opinione che le medicine alternative non debbano essere considerate sostitutive ma complementari rispetto alla medicina ufficiale.
Tra  coloro che hanno risposto di non farne uso:  il 63,8% le ritiene inefficaci;   il 33,7% dichiara di non essere interessato all’argomento  il 2,5% le ritiene dannose. 
Talvolta sono direttamente i genitori chiedere di utilizzare le medicine alternative. Prevalentemente ciò avviene per scelta personale (62,7%),  su consiglio di parenti e amici (13,7%), su consiglio di un medico (13,4%) su consigli letti su libri o riviste (5,5%).   Le mamme e i papà inoltre risultano piuttosto convinti della scelta, tanto che alla domanda “ritieni che la qualità della vita percepita sia stata migliore dall’utilizzo delle Cam?”, addirittura  il 74,7% risponde sì e il 24% afferma che nulla è cambiato, mentre solo l’1,3% risponde che è peggiorata.
Quando sono i genitori a fare la richiesta, inoltre, anche i medici che non utilizzano terapie alternative hanno comunque un atteggiamento non oppositivo: alla domanda “se il tuo paziente ti chiede un consiglio sull’uso delle CAM cosa fai?”, il 25% risponde di non opporsi alla scelta e di voler ampliare le proprie conoscenza sulle medicine complementari,  il 30,8% non esprime un parere perché non conosce l’argomento;  solo il 17% cerca di convincere il paziente che sono inefficaci o dannosi mentre il 7,9% cerca di dissuaderlo o di rinviare questa scelta.

In generale, dunque, l’atteggiamento dei pediatri è piuttosto aperto.“Il  pediatra conferma la propria vocazione ad un approccio olistico alla salute del bambino”, ha commentato Ugazio. “Se disponiamo di farmaci, magari di efficacia clinica non provata ma innocui per la salute e capaci di migliorare il “vissuto” della malattia (la qualità di vita percepita), perché non utilizzarli?”.


http://www.quotidianosanita.it/governo-e-parlamento/articolo.php?approfondimento_id=2067

Salute: un pediatra su quattro usa medicine complementari

09 Maggio 2012 - 18:58

 

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
scuola di reiki bologna
REIKI : ARTE DI CURA CON LE MANI
SCUOLA DI REIKI BOLOGNA [ CLICK QUI ]

(ASCA) - Roma, 9 mag - Circa un pediatra su quattro (23%) dichiara di far uso di terapie non convenzionali, mentre il 77% degli intervistati dichiara di non utilizzarle. E' quanto evidenzia una ricerca del Gruppo di Studio sulle medicine complementari in seno alla Societa' Italiana di Pediatria (SIP), i cui risultati vengono presentati a Roma nell'ambito del Congresso Nazionale della SIP dal titolo ''ll futuro in gioco'' All'indagine hanno risposto 1.233 pediatri, fra universitari, ospedalieri, libero professionisti, specialisti ambulatoriali e convenzionati Asl. ''In realta' abbiamo la netta sensazione che i pediatri che usano le complementari siano di piu'. C'e' ancora molta reticenza nel dichiararlo perche' in molti prevale ancora l'incertezza sull'efficacia scientifica'', afferma il Presidente della Societa' Italiana di Pediatria Alberto G.

Ugazio.

I dati dimostrano che l'81% del campione che utilizza le terapie complementari lo fa associandole ai farmaci allopatici. Tra i pediatri prevale quindi l'opinione che le medicine alternative non debbano essere considerate sostitutive ma complementari rispetto alla medicina ufficiale. Per quanto riguarda le specifiche pratiche di medicine alternative la fitoterapia e' la piu' diffusa (82,5%), seguita dall'omeopatia (74,9%), e molto distante dall'agopuntura (5,8%).

I genitori chiedono di utilizzare le medicine alternative prevalentemente per scelta personale (62,7%), su consiglio di parenti e amici (13,7%), su consiglio di un medico (13,4%) su consigli letti su libri o riviste (5,5%). Alla domanda: ritieni che la qualita' della vita percepita sia stata migliora dall'utilizzo delle CAM (Complementary ad Alternative Medicine) il 74,7% risponde si', il 24% afferma che nulla e' cambiato, solo l'1,3% risponde che e' peggiorata.

Tra i pediatri che hanno risposto di non fare uso di medicine complementari, il 63,8% le ritiene inefficaci; il 33,7% dichiara di non essere interessato all'argomento il 2,5% le ritiene dannose. Fra questi specilisti emerge pero' un atteggiamento non oppositivo riguardo ai genitori che richiedono terapie complementari: il 25% dichiara di non opporsi alla scelta e di voler ampliare le proprie conoscenza sulle medicine complementari, il 30,8% non esprime un parere perche' non conosce l'argomento; solo il 17% cerca di convincere il paziente che sono inefficaci o dannosi mentre il 7,9% cerca di dissuaderlo o di rinviare questa scelta.

In generale, conclude Ugazio ''Il pediatra conferma la propria vocazione ad un approccio olistico alla salute del bambino: se disponiamo di farmaci, magari di efficacia clinica non provata ma innocui per la salute e capaci di migliorare il 'vissuto' della malattia (la qualita' di vita percepita), perche' non utilizzarli?''.

http://salute.asca.it/internoCopertina-Salute-Salute__un_pediatra_su_quattro_usa_medicine_complementari-1152703-1.html

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php

TROVA LA CURA NATURALE

TROVA LA CURA NATURALE CON UN CLICK

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli