Se ti piace il nostro sito votalo adesso con un click sul pulsante Google +1 qui sotto :


IL MAESTRO GESU' VISTO SOTTO UNA LUCE PIU' VERITIERA : BUON NATALE

SANTO NATALE

POICHE’ SI RICORDA LA NASCITA DI GESU’ VOGLIAMO ONORARLO E AMARLO PARLANDO DI LUI VISTO SOTTO UNA LUCE DIVERSA DA QUELLA CHE CI E’ STATA PRESENTATA QUANDO ERAVAMO PICCOLI,… O PER QUANDO NON CE NE HANNO MAI PARLATO E NOI NON SAPEVAMO COSA PENSARNE….

  Grazie! Buon Natale!

IL MAESTRO GESU’

Poichè le SEGNATURE secondo la tradizione della nostra Terra, riguardano la figura del Maestro GESÙ, vogliamo qui presentarlo a voi con "un altro volto" che non quello spesso stereotipato che ci hanno presentato da piccoli

Conoscendolo meglio, anche la SEGNATURA avrà un NUOVO SENSO spirituale e sarà più potente, perchè saremo più consapevoli.

LO CONOSCEREMO ATTRAVERSO TOMMASO DETTO DIDIMO, IL DISCEPOLO CHE LO HA CONOSCIUTO PERSONALMENTE E CHE HA SCRITTO LE SUE PAROLE.

Il quinto Vangelo di Tommaso apostolo, Vangelo considerato dalla chiesa un apocrifo...in realtà  è il primo!  E TOMMASO E’ L’UNICO VERO APOSTOLO CHE HA SCRITTO SU GESU’ E CHE LO HA REALMENTE CONOSCIUTO ANCHE IN CARNE ED OSSA….mentre i 4 evangelisti erano discepoli di altri discepoli.
 
ma poiché tommaso scriveva parole di GESU’ “scomode” alla chiesa” il concilio di Nicea lo mise al bando DICHIARANDOLO APOCRIFO.
 
***
Il Vangelo di Tommaso apostolo

(col testo copto a fronte) tratto dal Manoscritto del Nilo.

di  Mario Pincherle

Mario Pincherle è nato a Bologna.

Ha fatto studi classici. Si e laureato in ingegneria e si interessava alla "paleotecnologia". Era anche archeologo. A lui si debbono fondamentali scoperte all'interno del "Tempio del Sole", la Grande Piramide d'Egitto. Scriveva libri di Archeologia. E' morto 4 mesi fa e noi lo ringraziamo per quello che ci ha insegnato.

Nel 1945, all'inizio dell'Era dell'Acquario, vicino al villaggio di Nag Hammadi, in Egitto, lungo il corso del Nilo, e stato scoperto un antico manoscritto, assieme ad altri antichi volumi. Era nascosto in una brocca di terracotta profondamente sotterrata.

 

Si tratta del VANGELO SECONDO L'APOSTOLO TOMMASO.

Da questo antico scritto, sicuramente autentico, rimasto per quasi duemila anni completamente inaccessibile, appare la figura di Gesù, cosi come la vide il suo apostolo che gli era tanto vicino da venire da Lui chiamato "DIDIMO" cioe "Gemello spirituale" Un Gesù umano oltre che divino, dolcissimo, spiritoso, amante della gioia. Questo avvenimento è considerato dagli esperti il piu importante fatto spirituale della nostra Era. 

prefazione

È la primavera dell'anno 1945. Il sole sta sorgendo per la prima volta là dove si spengono le stelle dell'Acquario, quella costellazione che gli antichi chiamavano "La Brocca". Da poco tempo tacciono gli ultimi echi della seconda guerra mondiale.

A una sessantina di chilometri da Luxor il Nilo volge bruscamente verso occidente, aggirando il colle di Gebel el Tarif, poi riprende la sua direzione naturale verso nord. Sulla collina appaiono numerose tombe scavate nella roccia. Risalgono a tutte le epoche: VI dinastia egizia, epoca greco-romana ed infine ai tempi dei monaci dell'antico monastero di Pacomio.  Due contadini utilizzano dei ruderi antichi per costruire una cisterna per l'irrigazione. Dallo scavo viene alla luce una grande giara di argilla. Ormai il piccone ne ha infranto la parte superiore e così è facile allargare il foro ed estrarre una "brocca" di dimensioni minori. Aperta, ne viene fuori un rotolo di lino cerato e bitumato. Srotolandolo si spacca. Ne escono molti manoscritti. Sono i codici detti di "Nag Hammadi", dal luogo del ritrovamento.  Alcuni manoscritti vengono distrutti o gettati via. Altri, di apparenza migliore, sono portati al Cairo e venduti, per tre sterline, a un rigattiere che si premura di dividerli e di cederli al migliore offerente. Un rotolo giunge nelle mani di un antiquario. Un altro è comprato dal Museo Copto del Cairo. Lo stesso Museo, negli anni successivi, riesce a raccogliere altri rotoli. Infine l'antiquario vende il suo rotolo all'Istituto Jung di Zurigo.

Gli studiosi possono finalmente tradurre le antichissime scritture vergate in caratteri copti grecizzanti. Le parole dell'Acquario sono venute alla luce del sole.  Si tratta di tredici codici originariamente formati da più di 1350 pagine. Ce ne sono pervenute 1130. Quasi tutti i codici hanno una legatura di cuoio, sono stati scritti verso la fine del primo secolo dopo Cristo. Si tratta di traduzioni in copto di manoscritti più antichi, forse redatti in aramaico.

Tra essi vi è il "Vangelo secondo Tommaso", che è anche conosciuto col nome di "QUINTO VANGELO", e dovrebbe invece essere chiamato IL PRIMO VANGELO, dato che è il più antico e dato che Tommaso fu l'unico apostolo che avendo conosciuto personalmente Gesù ha scritto un vangelo.

Questo testo contiene molte frasi di Gesù fino ad oggi sconosciute. In esse appare un concetto nuovo: il Cristo non vince le forze del mondo servendosi del dolore. Sua arma non è la sofferenza ma la conoscenza che, attraverso Gesù, esce dal tempo e diventa eterna, cosmica.

* * *

Il Vangelo secondo Tommaso, ossia le parole nascoste che Gesù il Vivente rivelò e che Tommaso trascrisse, è il Secondo Codice di quella raccolta di scritti e contiene 114 Detti di Gesù, in forma arcaica. Pertanto vengono ritenuti una fonte anteriore ai cosiddetti "Vangeli sinottici", poi entrati a far parte del Canone della Chiesa Romana.  Questi Detti rientrano in quella congerie di Vangeli (cosiddetti "apocrifi", ma che, nella esatta accezione della parola greca, poi alteratasi, significano "scritti prima") i quali contenevano, oltre alla narrazione della vita di Cristo, anche raccolte dei suoi detti e dei miracoli da lui compiuti.  I quattro "Evangelisti" non fecero che una scelta fra tutto questo materiale esistente, ricavandone la loro propria forma letteraria ed un testo individuale, che poi venne canonizzato, ossia riconosciuto ufficialmente dalla Chiesa, mentre tutti gli altri scritti vennero lasciati cadere nel dimenticatoio, non senza aver loro affibbiato l'etichetta squalificante di "apocrifi" intesa nel senso di "falsi", il che, come si è detto, non corrisponde alla realtà.  A conferma dell'autenticità del Vangelo secondo Tommaso, basterà ricordare che, fin dal 1897, sempre in Egitto, nella località di Ossirinco nel Medio Egitto, erano stati rinvenuti due frammenti di papiro a cui se ne aggiunse un terzo nel 1903, che contengono molte parole, ma tradotte in greco, del testo copto del Vangelo di Tommaso.

Il Papiro n. 654 riporta il titolo e il nome di Tommaso.

La critica moderna e in particolare il glottologo francese Jean Doresse che per primo tradusse questo testo, nel 1959, e il tedesco H.C. Puech che ne curò altre versioni in tedesco, inglese e olandese, ritengono che il Vangelo secondo Tommaso sia uno dei più antichi della tradizione scritta cristiana e lo fanno risalire alla metà del I° secolo dopo Cristo. La lingua copta era poco diffusa in Egitto e conosciuta solo da una stretta cerchia di eruditi, per cui la Biblioteca di Nag.Hammadi doveva appartenere ad una comunità ristretta e di diretta estrazione gnostica. Il messaggio contenuto nei suoi testi è infatti restato del tutto estraneo al mondo ebraico-cristiano posteriore e a tutti i successivi filosofi e teologi che vi appartengono, particolarmente dopo la condanna della eresia ariana, fatta dal concilio di Nicea nel 325 dopo GESU.

* * *

I detti segreti di Gesù, rivelati all'apostolo prediletto, contengono invece un messaggio ben diverso e legato non a quella tradizione, ma alla ricerca interiore e alla prevalenza di tutto ciò che è spirituale ed eterno rispetto alle cose caduche e instabili. La famiglia e gli affetti terreni vengono al secondo posto, rispetto allo Spirito e all'Amore Cosmico.

L'ascesi di cui si parla nel Vangelo di Tommaso, assai si avvicina all'Induismo, al Sufismo e al Buddismo, fino a giungere al non interesse per la preghiera, il digiuno, l'elemosina…non intese come le hanno insegnate tanti anni fa

Gesù è il Vivente in eterno, come il Padre e la Madre (lo Spirito Santo che è amore tra loro che genera UN FIGLIO,e i figli di Dio). I tre, sono UNO.

Il Regno di Dio è già sulla Terra e Gesù lo ha rivelato, ma gli uomini non hanno avuto occhi per vedere ed orecchi per intendere il messaggio della Verità e della Vita e cioè la "RICERCA DELLA PROPRIA DIVINITÀ INTERIORE", attraverso la spiritualizzazione della carne. Perche’ come insegna Gesu’ stesso a Tommaso:

E come si fa Spirito la carne? Non attraverso il digiuno. Chi digiuna si crea un inferno. Non attraverso la tortura e il dolore, maestri di pazzia. La strada è un'altra. Tommaso l'ha capito. E così lo ha capito quel suo ignoto discepolo che prepara la "brocca" e vi nasconde i manoscritti, perché giungano a noi, generazione futura.

Anche il profeta biblico Enoch trenta secoli prima ha fatto la stessa cosa. Le sue scritture sono nell'ombra e attendono la maturazione dell'uomo. È l'epoca della "brocca", oggi. Se al mattino dell'equinozio di primavera saliamo su un monte anche noi, come quei due contadini che hanno scavato il pozzo di Nag Hammadi, vediamo sorgere il sole là dove sbiadiscono e scompaiono a poco a poco le stelle della BROCCA.

È questo l'evento segnalato dalle stelle: la parola di Gesù torna alla luce.

Così Tommaso scandagliò Cristo. Mettendo il dito nella piaga, non si fermò alla superficie. Penetrò al di là dell'epidermide. Il suo occhio si affacciò in spazi siderali sconfinati. Al di là del piccolo uomo sanguinante, apparve il Grande Uomo Cosmico.  Tommaso Didimo gridò le parole di Gesù: "Meraviglia delle meraviglie: la carne si fa Spirito!".  Gemello, in aramaico, si dice TAUMA, cioè Tommaso. Gemello, in greco, si dice DÌDUMOS. Non ci sono dubbi, è una duplice conferma che l'autore del QUINTO VANGELO è il gemello spirituale di GESÙ, e non il suo fratello gemello carnale. TAUMA è dunque il custode delle parole segrete.

Ascoltiamolo

Il Vangelo secondo Tommaso è vicino alla tradizione della prima Chiesa cristiana, ma differisce dai Vangeli sinottici per la sua natura esoterica.

Molte sette, sorte verso la fine del I° secolo in Siria, si trasferirono in Egitto; seguiva principalmente il Vangelo di Tommaso quella dei Naasseni. In tutte le dottrine gnostiche si parla di un salvatore disceso dai cieli, che dona agli uomini di buona volontà la conoscenza di ciò che è necessario per trovare la vita eterna.

La salvezza giunge soltanto ai pochi che vorranno comprendere queste verità nascoste.

Il Vangelo di Tommaso fu conosciuto e studiato anche dai Manichei. I padri della Chiesa lo conoscevano anch'essi; ne parlano: ORIGENE (III° secolo) nell'Omelia a Luca, 1, 5: lo condanna come apocrifo e ricorda che la Chiesa cristiana ha scelto solo 4 fra i molti Vangeli in circolazione ed uno fra quelli scartati fu proprio quello di Tommaso.

A NOI È CHIARA LA DISTINZIONE: C'era un culto pubblico ed ufficiale e uno segreto e condannato. Ambedue facevano risalire il loro credo alla predicazione di Gesù. Pur usando lo stesso materiale dei vangeli sinottici, Tommaso tratteggia un ben diverso ritratto di Gesù. Non si parla della sua nascita miracolosa, della sua vita in famiglia, della sua tentazione diabolica, di guarigioni e di miracoli che, per gli altri evangelisti, sono la testimonianza migliore della divinità del Cristo. Non vi è l'episodio della cacciata dei mercanti dal tempio, del viaggio trionfale a Gerusalemme, dell'ultima cena, del tradimento di Giuda, della comunione, del peccato e del perdono ed infine della morte sulla croce e resurrezione nel terzo giorno. Non vi é alcun richiamo biblico come avveramento di profezie messianiche. Non si parla di ciò che i seguaci di Gesù sono tenuti a fare. Preghiere, elemosine, digiuni, vengono rigettati. Non si parla nemmeno di buona condotta morale e di opere buone e malvage (da compiere e da evitare).

La vita del popolo ebraico in Palestina in quell'epoca storica è ignorata. Gesù rivolge i suoi detti all'uomo di sempre, a tutta l'umanità del presente e delle generazioni future. Non si occupa di ciò che gli uomini dovrebbero fare, ma di ciò che dovrebbero imparare a conoscere con una ricerca di carattere interiore.

Gli apostoli e i discepoli che predicarono agli Ebrei, distorsero la vera immagine di Gesù ed i suoi insegnamenti spirituali e riferirono i fatti e i detti secondo la loro personale interpretazione che doveva essere per quanto possibile collegata e armonizzata con la loro antica religione.

Solo uno degli Apostoli, Tommaso, comprese la novità e l'unicità del messaggio di Gesù. Era l'unico capace di comprenderlo, il suo gemello spirituale. Non ricorda di aver udito da lui nessun accenno al peccato ed alla redenzione col sacrificio sulla croce per il perdono di quel peccato. Non sono importanti i Suoi miracoli, sono importanti le Sue parole: il Regno di Dio é fuori dalla storia e dal tempo.

L'unica cosa, la sola essenziale, è l'autoconoscenza, la ricerca interiore; e la sola cosa da ricercare per fare la volontà del Padre ed entrare nel suo Regno che è già, nascosto, all'interno dell'Io.

Il Regno è sempre presente, non deve venire in futuro. Non riguarda solo il popolo ebraico, ma ogni uomo che vive e vivrà sulla terra e saprà comprendere il messaggio del Cristo. Il Regno si rivelerà, in tutti gli uomini che, avranno raggiunto la conoscenza, la Verità, la Luce della divina eternità che è in ogni uomo.

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
scuola di reiki bologna
REIKI : ARTE DI CURA CON LE MANI
SCUOLA DI REIKI BOLOGNA [ CLICK QUI ]

Non è difficile comprendere perché il Vangelo di Tommaso non sia stato accettato dalla Chiesa Cristiana Occidentale, che finì per dominare su quella Orientale. Essa non ha mai ammesso l'esistenza di un insegnamento segreto di Gesù…..che Paolo ha fatto chiamare dalla chiesa IL CRISTO- CHE SIGNIFICA L’UNTO del signore,  in realtà il suo nome  significa RE VERO, MELCHISEDECK, IL MESSIA e non l’unto del signore: poichè chi ti unge è l’uomo ma chi ti dichiara re vero è solo il padre…..DIO….quindi GESU’ il messia, il re vero, melchisedek e non cristo.

Gli accenni esoterici contenuti nel Vangelo di Giovanni, sono sempre passati in sottordine ai principi stabiliti dal canone ecclesiastico ortodosso.

Il messaggio di Tommaso non è però andato perduto: per suo mezzo ora sappiamo che Gesù è il Rivelatore di una dottrina segreta che appartiene all'uomo da sempre. Questa dottrina, conosciuta da tutti i grandi iniziati è la VERITÀ unica, eterna, la cui ricerca è il compito dato all'uomo su questa terra.

 

IL VANGELO DI TOMMASO….LE PAROLE DI GESU’

Ecco le parole segrete che Gesù Vivente ha detto e che Didimo, Giuda Tommaso, ha trascritto.

1. E Lui ha detto: "colui che trova il senso segreto di queste parole non assaggerà la morte."

2. Gesù disse: "chi cerca non smetta di cercare finché non trova e quando troverà resterà sconvolto e, così sconvolto, farà cose meravigliose e regnerà sul Tutto".

3. Gesù ha detto: "Se chi vi guida vi dice: sì, il Regno è nei Cieli, allora gli uccelli del cielo saranno in vantaggio, se vi dicono che è nel mare, allora i pesci saranno in vantaggio. Ma il Regno è dentro voi e fuori di voi. Quando voi vi conoscerete, allora sarete consci e saprete che siete voi i figli del Padre Vivente. Ma se vi capita di non conoscere voi stessi, allora restate poveri e siete la povertà stessa!"

4. Gesù ha detto: "l'uomo vecchio non esiti a rendere i suoi giorni come i sette giorni di un neonato all'origine della vita, e continuerà a vivere, perché ciò che è prima diviene ciò che è dopo e tutto si unisce".

5. Gesù ha detto: "Conoscerai il tuo futuro e ciò che è nascosto ti sarà svelato, perché non vi è nulla di nascosto che non apparisca".

6. I suoi discepoli lo interrogarono e gli chiesero: "vuoi tu che digiuniamo, in che modo pregheremo, come faremo l'elemosina e quali regole seguiremo riguardo ai cibi?"

Gesù rispose: "Non dite sciocchezze e ciò che non vi sentite di fare col cuore, non lo fate, perché tutto si svela di fronte al cielo. Non vi è nulla di nascosto che, in verità, non venga alla luce, alla lunga non possa apparire. Se pregate come una litania, se non dite le parole del cuore, se fate l’elemosina per sminuire il povero, se digiunate per punire il vostro corpo allora tutto questo non vi sarà salutare…..

* * *

Leggemmo con scandalizzata sorpresa nel libro di Enoch, il profeta biblico questa frase: "Guarda il demonio da ogni lato e non da un lato solo, come tu fai. Lo vedrai ritornare ad essere Dio!".

Il diavolo, in aramaico, è definito « stra "ahra" » cioé " l'altro punto di vista", la "visione parziale", il paraocchi: ecco CHI E' IL DIAVOLO !.

Voi soffrite perchè dividete tutto e pensate che una parte è buona e l’altra cattiva: la luce è buona e il buio cattivo…in relatà sono entrambe bellissime: la luce tenebrosa e il buio luminoso….Dio ha creato tutto buono perchè  FUNZIONA..  Ε questa la differenza fra l'anima e lo spirito. La prima, fatta di pensiero limitato, provvisorio, mentre lo Spirito è pensiero vittorioso, che ha superato ogni visione parziale.  Il primo atto dell'ingabbiamento dell'uomo è consistito nell'aver spezzato "il frutto dell'albero della Vita", dividendo la Creazione in "buona" e "cattiva". La vita deve pulsare liberamente, spinta dalle due grandi energie cosmiche: quella distruttiva e luminosa e quella costruttiva e tenebrosa.  Sia la luce che la tenebra sono fenomeni positivi, tutti e due creati da Dio. Dobbiamo vederli in questo modo: la tenebra come luce che si spegne, la luce come tenebra che si illumina. La luce è "bene". La tenebra è un altro tipo di "bene". Non avendo capito questa verità, restammo meravigliati, quando leggemmo in Enoch: "Dio creò la luce e vide che essa era buona e creò le tenebre e vide che anch'esse erano buone...".

Le prime sbarre della gabbia che l'uomo si era costruito erano fatte di buio: aveva arbitrariamente stabilito che le tenebre sono malvage. Conseguenze di questo pensiero aberrante sono le frasi che anche oggi sentiamo pronunciare: Dio, abbi pietà di noi, Signore misericordia, Signore non ci indurre in tentazione, liberaci dal male e dalle tenebre! DIO NON INDUCE NESSUNO IN TENTAZIONE--- DIO NON HA PIETA’ DELLE SUE CREATURE MA LE AMA E INDICA A LORO LA STRADA PER RAGGIUNGERE LA SUA PERFEZIONE….VISTO CHE ABBIAMO SCELTO IL LIBERO ARBITRIO…

La chiesa cattolica per scopi unicamente di potere ha insegnato DELLE ABERRAZIONI e le persone si stanno allontanando da quegli assurdi falsi insegnamenti.  Hanno stravolto le parole di Gesù e le hanno utilizzate a loro uso e consumo per piegare le persone con la paura i sensi di colpa e le condanne all’inesistente inferno…l’inferno è sulla terra quando ci facciamo del male e lo procuriamo agli altri e alla terra….

Coloro che conoscono l'Ebraico, sanno che questi imperativi in realtà sono verbi al presente: nella preghiera di Gesù è detto: "... Tu ci liberi dal male, tu non ci induci in tentazione, tu ci rimetti i nostri debiti nell'istante in cui li rimettiamo ai nostri debitori....!!!

Così il piccolo uomo, chiuso nella sua gabbia, si è trovato all'inizio in una posizione di una certa comodità. Se ha sbagliato: è Dio che lo ha indotto in tentazione. Il male lo fa soffrire? È Dio che non è stato misericordioso. Ma la Verità è un'altra. Occorre che l'uccellino impari a pensare nel modo giusto, altrimenti, appena uscito dalla gabbia verrà sbranato dal gatto, cioè divorato dalla paura. Pensare nel modo giusto vuol dire liberarsi dalle opinioni sbagliate dalle false verità rubate in un terreno lavorato dagli altri, cioè da coloro che nel lento trascorrere dei millenni hanno trovato vantaggioso mantenere in gabbia i propri simili.

Occorre Pensiero libero. Puntualissimo, allo scattare dei segnali cosmici, questo Pensiero è venuto all'appuntamento. l'uomo ha aperto gli occhi. Antichi manoscritti sono tornati alla luce. Solo un secolo prima sarebbe stato troppo presto: li avrebbero bruciati a furor di popolo.

* * *

Una di queste voci nuove è quella di colui che fu così vicino a Gesù da respirarlo, di colui che non si è fermato alla superficie del Salvatore ma ha voluto penetrare al di là dell'epidermide, cacciando coraggiosamente il suo dito nel profondo. Più ο meno a partire da Giuda, tutti gli apostoli sono stati interpreti non sempre fedeli ο, come nel caso di Simon Pietro, talvolta rinnegatori di Gesù. Tutti meno uno. Soltanto uno che avesse capito Gesù avrebbe potuto riportare fedelmente il suo messaggio spirituale.

Ma capire Gesù vuol dire "ESSERE GESÙ". Ecco il SEGRETO dell'essenza divina: Gesù è la STRADA, LA VERITÀ, LA VITA. Gesù è l'estremo livello raggiungibile dall'uomo. Chi lo raggiunge si trova ad essere "LUI". Il piccolo, nervoso Giuda detto Tommaso Didimo, è passato al di là del traguardo e da quel momento è stato più che fratello gemello di Gesù, il suo alter ego: Gesù stesso, specchiato.

Ora possono trovare un'eco nella nostra coscienza le parole segrete che egli ha udite. Sono parole vere, eterne. Eccole:

"Ιο mi chiamo Giuda come l'altro apostolo, ma sono detto Τaυma, Tommaso, cioè Didimo, e vi dirò quando e come Gesù mi ha chiamato così. "

* * *

Gesù dettava. Io scrivevo. Ora, attraverso tante sbarre e tante spade, giunge a voi la Sua Voce. Sembrano parole oscure, ma colui che ne scopre il senso segreto si libera per sempre dalle morti.

Come sorrideva Gesù quando gli dicevano che il Regno è su nei cieli. Rispondeva: "Allora gli uccelli chissà come sono in vantaggio su voi." Poi diventava serio e con voce dolcissima aggiungeva: "Il Regno è dovunque: fuori e dentro di voi, sopra e sotto. Il Regno non è altro che il Pensiero Vivente, il Padre Vivente. Se lo riconoscete, siete recipienti colmi di Vita. Ma se non lo riconoscete, siete il vuoto stesso! "

* * *

Quando noi lo chiamavamo: "Signore, vieni con noi a pregare e a digiunare?" Lui ci guardava con occhi pieni di ironia e ci rispondeva: "Ma che male ho fatto?" Ε poi aggiungeva: "Non dite sciocchezze e non perdete tempo a fare ciò che intimamente non vi sentite di fare"..........

* * *

Se volete continuare a leggere e sapere, ci sono tante frasi di Gesù che "scandalizzerebbero" i "benpensanti". Sarebbe appropriato il libro di Mario Pincherle...qui non c'è di più, ve lo consiglieremmo volentieri. Ma tuttavia nel rispetto assoluto della vostra libera scelta.

Che ogni cosa sia fatta a maggior Gloria della Luce

 

Il vangelo secondo Tommaso: altre frasi di Gesù molto significative e diverse da quelle che hanno inculcato….
Ma la cosa migliore è leggerlo!
Ecco alcuni passi che trovo particolarmente edificanti..

Quando noi lo chiamavamo:
"Signore, vieni con noi a pregare e a digiunare?" Lui ci guardava con occhi pieni di ironia e ci rispondeva: "Ma che male ho fatto?" E poi aggiungeva:
"Non dite sciocchezze e non perdete tempo a fare ciò che intimamente non vi sentite di fare".
Un giorno Gesù ci disse:
"Non perdete tempo a digiunare perché, così facendo, fate la vostra rovina spirituale.  Non perdete tempo a pregare perché, così facendo, vi costruite un inferno. Trattenetevi dal fare l'elemosina perché fareste torto al vostro Spirito".
Molti di noi non capivano.  Gesù, quasi ridendo, aggiunse:
"Tu, Matteo, che eri chiamato il grassone, sai bene quale rovina fosse per te l'ingordigia che ti squilibrava: altrettanto squilibrante è il digiuno".

Replicammo:
"Questo lo abbiamo capito, ma perché la preghiera ci danneggia?"
Gesu ci chiese: "Come pregate?"
Diciamo: "Signore, abbi pietà di noi!"
Pensate forse che il Padre sia crudele? E cos'altro dite?
Diciamo: "Signore facci avere questo, concedici quest'altro".
Questa è ingiustizia! non così dovete pregare.
E come, allora?
Tacendo e ascoltando la voce del Silenzio che parla dentro di voi, il Pensiero Vivente, vera preghiera, che crea e non ripete, che entra in voi ed è pura. Ciò che entra non vi contamina, ma ciò che esce vi sporca.

E per l'elemosina?
Ciò che dai a te stesso lo chiami forse elemosina?
E ciò che voi chiamate elemosina non è altro che quel piccolo obolo che una coscienza addormentata paga volentieri per poter continuare tranquillamente a dormire!
- poi Gesù aggiunse:
"Chi ha orecchie per intendere intenda". Molti di noi non avevano capito.
Gesù sorridendo, disse:
Lo Spirito è Perfezione, Pensate sia perfetto un mondo in cui sia necessaria l'elemosina?"  No. E' un mondo ingiusto. L'elemosina stabilizza questa situazione di ingiustizia.
E allora, cosa dobbiamo fare, in questo mondo che purtroppo è ingiusto, quando un povero, affamato, viene da noi?
Fate a lui quello che vorreste fosse fatto a voi stessi. Fate il vostro dovere e fatelo in silenzio. Adesso abbiamo orecchie per intendere.
***
Un giorno chiedemmo a Gesù: "Quale sarà la nostra fine?"
Ed Egli ci rispose:
"Se scoprite il principio non dovrete preoccuparvi della fine, perché dove è la fine, là è il principio. E chi conosce il principio, conosce la fine e si libera dalle morti".
Disse proprio così, "dalle morti", e poi aggiunse:
"volete sapere in che modo un uomo si libera dalle morti? Ve lo dico subito: divenendo consapevole di essere già esistito prima di ogni nascita.
Queste parole sono fondamento di ciò che vi dico.
Allora, pur restando in piedi su questo pianeta, diverrete padroni dei cinque alberi meravigliosi del Paradiso che sono sempre fiorenti, estate e inverno, e non perdono mai le foglie.  Chi conosce questi alberi si libera dalle morti."
E cosa sono questi cinque alberi? - chiedemmo noi.
Gesù rispose, sorridendo:
Sono le cinque strade infinite, che portano a Dio. Son fatte di vita, di spazio,
di tempo. Si percorrono avanti e indietro.
Se cammini su di esse, facendo tanti passi in un senso e in ugual numero di passi nell'altro, muovendoti, sarai fermo, come il Padre.

Un giorno Gesù ci disse:
"Quando voi vi sedete in tre intorno a un tavolo tre siete e tre restate.
Ma se una coppia (marito e moglie, compagno e compagna, padre madre, figlio e madre, figlia e padre et…) si siederà intorno a un tavolo e mi chiamerà, io verrò tra quella donna e quell'uomo e non saranno più due, ma uno solo!"
Una sera Gesù era molto triste e i suoi occhi erano perduti
in un lontano futuro. Disse:
“Mi faranno apparire amante del dolore e della sofferenza.Sento dire dovunque che il mondo è una valle di lacrime e che l’uomo è nato per soffrire.Nulla di più falso. Solo per la sua stupidità e per la sua visione limitata l’uomo si circonda di sofferenza.Il mio giogo è leggero come una ghirlanda di fiori e la mia autorità è dolce. Se seguirete la strada che vi indico, troverete una felicità che è come un albero sempre verde.

La più cara discepola di Gesù, Salomè, gli disse:
—Sazzolòs, mio piccolo Maestro, facciamo anche oggi il gioco degli indovinelli? Non mi hai ancora fatto una delle tue domande.
—Ti accontento subito; Salomè:
“Due amanti si abbracciano sul loro letto: chi dei due vivrà, chi invece morrà?
—Ho capito. Tu sei quello che resta, perché esci da Colui che è Eterno. Ma devo proprio essere io quella che muore? Non sono forse la tua discepola?
—Ascolta, Salomè. Se in te non vi saranno divisioni, sarai piena di Vita e non offrirai materiale alla morte.
—Allora, sul nostro letto, uno vivrà e l’altra vivrà…
—Sei in errore, Salomè. Se in te non vi è divisione non sarai separata da Me. Tu sarai Me.
—E allora, Maestro, sul letto resteranno i nostri corpi vuoti…
—Sei in errore. Non vi saranno corpi, perché ogni granellino della nostra carne sarà trasformato in Spirito.
—Per me è presto, Maestro mio, solo tu sei capace di tanto.
Quindi io sono quella che muore. Ma ti raggiungerò, Sazzolòs, e sarò unita a te.. e torneremo ad abbracciarci, noi due.
—Sei ancora in errore, Salomè. Dovrai dire: noi “uno”.
Salomè sorrise e , accarezzando i capelli di Gesù , rispose , facendolo sorridere a sua volta:
“Si, Salomè
Dunque, un giorno, Simon Pietro disse ai suoi discepoli, con voce forte, perché anche il Maestro udisse:
"Non sarebbe ora che questa Màrizia venisse allontanata dal nostro gruppo? Che ci sta a fare tra noi?
E' inutile che ascolti le parole del Maestro, tanto è una donna e le donne non sono degne della Vita Eterna".
Gesù allora disse:
"Màriza, vieni più vicina e stai qui, dolcissima creatura, stretta a me!
Non dar retta alle parole di quell'uomo. Anche tu entrerai nell'eternità, quando saprai completarti, arricchendoti di quella parte maschile che ti manca.
Allora diventerai Spirito, eternamente vivo.
E voi, discepoli, ascoltatemi, e anche tu, Pietro: la stessa cosa avviene per voi maschi: ognuno di voi è un "ESSERE" tagliato a metà, ma se questa mezza anima sarà capace di completarsi con l'altra metà che le manca, potrà entrare nel Regno, perché nel Regno si entra a due a due, una donna e un uomo, un uomo e una donna.
Per fare l'altalena, due persone non possono stare sedute dalla stessa parte".

 

Leggere il resto nel Vangelo di TOMMASO….nel libro di Pincherle “ il GESU’ PROIBITO”  Ed . Macrolibrarsi

 

BUON NATALE, BUONA RINASCITA !

GRAZIE GESU’, MAESTRO E FIGLIO DI DIO !

CARMEN ED EMMANUEL

www.spaziosacro.it

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php


#spaziosacro

TROVA LA CURA NATURALE

TROVA LA CURA NATURALE CON UN CLICK

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

https://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli