SPAZIOSACRO
Tu sei qui:  / Lista Libri Gratuiti sulla Crescita Spirituale e Benessere Olistico
Lista libri

Titolo: 6 YOGA DI NAROPA
Libro intro: Secondo l’insegnamento bKa-‘brgyud-pa, dopo i 4 “preliminari ordinari”1 si praticano i 4 “preliminari speciali” (presa di rifugio e bodhicitta, meditazione di Vajrasattva, offerta del maÐÅala, guru-yoga). Successivamente si pratica æamatha e quindi vipaæyanõ. Poi il discepolo riceve l’iniziazione e quindi pratica la meditazione di un yi-dam - che è costituita dalla “fase di generazione (o sviluppo)” e dalla “fase di perfezionamento (o completamento)”. Vi sono varie tradizioni della “fase di completamento” : una di esse è costituita dai “Sei yoga di Nõropa”2. Si tratta di varie pratiche combinate da Tilopa in una sintesi coerente detta “L’istruzione delle 6 dottrine” (ÙaÅdharmopadeæa), meglio note peraltro con quel titolo dal nome del mahõsiddha Nõropa che le trasmise ai tibetani. Esse consistono negli yoga 1. del calore psico-fisico 2. del corpo illusorio 3. dello stato di sogno 4. della chiara luce 5. dello stato intermedio 6. della trasferenza del principio cosciente. 1. GTUM-MO (il calore psico-fisico o calore mistico interiore)3 Questo yoga produce una tremenda forza psichica che fa raggiungere uno stato di unità e completezza in cui sono concentrate ed integrate tutte le forze dell’essere dello yogi. Il suo scopo immediato e diretto è quello di far entrare, dimorare e dissolvere i rluÒ nell’avadh¾ti attraverso il cakra dell’ombelico, mentre quello principale è di far ottenere la “grande beatitudine simultanea” : in effetti, il successo in questo yoga dà luogo alla Beatitudine-Vacuità (bde-stoÒ) della Mahõmudrõ, che ci fa sperimentare la natura luminosa della mente, aprendoci alla comprensione della Vacuità di tutte le cose. Il procedimento - che si articola in 8 fasi - è il seguente ......
---------------------------------
Titolo: ABBRACCIARE LA RABBIA
Libro intro: Conferenza tenuta il 25 settembre 2001 alla Riverside Church di New York Cari amici, vorrei dirvi come pratico quando mi arrabbio. Durante la guerra in Vietnam, c’erano molte ingiustizie, e furono uccise molte migliaia di persone, fra le quali molti miei amici e discepoli. Ero molto arrabbiato. Una volta venni a sapere che la città di Ben Tre, una città di trecentomila abitanti, era stata bombardata dall’aviazione americana solo perché alcuni guerriglieri erano scesi in città e avevano cercato di abbattere gli aeroplani americani. I guerriglieri non ebbero successo, e dopo quel tentativo se ne andarono. E la città fu distrutta. In seguito il militare che si era reso responsabile di ciò dichiarò che aveva dovuto distruggere la città per salvarla. Ero molto arrabbiato. Ma a quel tempo ero già un praticante, un solido praticante. Non dissi nulla, non feci nulla, perché sapevo che agire o dire cose mentre si è arrabbiati non è saggio. Può creare molta distruzione. Tornai a me stesso, riconoscendo la mia rabbia ......
---------------------------------
Titolo: ACQUA DIAMANTE : UNA COSCIENZA - LIBRO COMPLETO
Libro intro: Joël Ducatillon ed il libro completo sull'acqua Diamante. Buon giorno, vi parlerò dell?acqua diamante. Quali sono le persone qui presenti che hanno già l?acqua diamante, e che già l?utilizzano? Ah, siete numerosi, grazie. In questa conferenza, io comincerò a spiegare la cronistoria, come questa storia mi è arrivata. D?altronde essa non è finita, perché vi saranno altre scoperte, altre cose che arriveranno più tardi, ed io vi mostrerò anche che non è necessario essere usciti dalla Sorbonne o da Oxford per fare delle cose interessanti in questa nuova coscienza. Il mio nome è Joël Ducatillon. Sono Francese. Ho qui al mio fianco Maria, che è Spagnola, e che mi accompagna molto in questo lavoro. E? un sostegno femminile ed una gran collaboratrice, che mi permette di avere un equilibrio in questa ricerca. Una trentina d?anni fa, il mio primo mestiere era di musicista e pianista professionale. Non ero un Chopin, ero un pianista di jazz, di varietà, e quella era la mia professione. Già in quell?epoca non mettevo mai l?accento sulla riuscita sociale, o su uno scenario del tipo: casa, pensione, assicurazione sociale. Ciò non mi ha mai interessato. La principale domanda che mi ha sempre tormentato nella vita e che mi ha condotto verso questo percorso, è: chi sono e perché sono qui? Sono semplicemente una bistecca che passeggia su un ciottolo che passeggia nel Cosmo? Ecco le domande un po? aspre che talvolta mi ponevo, che mi tormentavano e mi rendevano infelice. Più tardi, ho frequentato dei corsi di naturopatia a Parigi, perché proprio sentivo che là, a livello medico, vi erano delle cose incomplete. Poi, come naturopata, mi sono installato nel nord della Francia, nella regione di Lille. In quel luogo ho imparato molto con le persone che venivano a consultarmi. Ho imparato a poco a poco, nel corso di migliaia e migliaia di consultazioni, in 7 anni, che la malattia era qualcosa di straordinario come insegnamento e come dono. In seguito a ciò, e con l?arrivo della maturità, la mia coscienza lentamente progredì. Cominciai ad interessarmi maggiormente dell?energia, del magnetismo, della geobiologia ecc., mentre leggevo moltissimi libri, quelli di Anne e Daniel Meurois Givaudan, i Dialoghi Con l?Angelo, e nel 1990, un bel giorno, un?energia molto speciale cominciò ad attraversarmi. In quel momento, sentendo quest?energia, sentii che ritrovavo la mia famiglia, quella che mi aveva abbandonato sulla terra. Come conseguenza, avvenne che persi la mia famiglia terrestre, persi la mia professione, la mia abitazione, in breve rimasi completamente spogliato, e mi trovai in una specie di terra di nessuno per due o tre anni. Ho vissuto un po? in Svizzera, un po? dappertutto, sempre senza alloggio, senza denaro, e vedete: sono ancora qui, vivo. Questo mi fa pensare ad un detto del re Davide che affermava: ?Non ho mai visto il giusto abbandonato, né la sua posterità mendicare il suo pane?. (Salmo 37: 25). Se ciascuno seguisse la sua via, potreste partire per l?Africa del Sud con il solo spazzolino da denti; non vi sarebbero problemi, avreste alloggio, cibo e abiti adatti, e persino una vasca da bagno per lavarvi. Nel 1994, cominciai ad avere tre sogni che hanno veramente dato un piccolo impulso alla mia ricerca. Sapevo di non poter più curare le persone, come lo facevo con la coscienza di prima. D?altronde ciò non m?interessava più, era per me molto pesante continuare a farlo, ed in ogni modo non vi erano più clienti. Ma il ?nuovo? non era ancora venuto. Ho dunque avuto un periodo un po? angoscioso, difficile dovrei dire, che mi ha profondamente purificato al livello delle mie necessità di comodità, di sicurezza finanziaria, del bisogno di avere una compagna, dei figli, di tutti gli scenari nei quali siamo stati programmati da millenni ? dirò perché tra poco. Ho dunque avuto tre sogni, di cui sto per dirvi il contenuto, e questi tre sogni mi hanno permesso di partire su questo cammino sconosciuto che ha condotto a quest?acqua, e che più tardi condurrà ad altre cose già in corso. Nel primo sogno, nel 94, mi si diceva: tu farai un apparecchio, che si chiamerà DNA 850, e quest?apparecchio aprirà le porte. Circa quindici giorni più tardi, feci un altro sogno, in cui mi si mostrava una porta girevole, come quelle che si trovano agli ingressi dei supermercati. Alcune persone facevano la coda ed introducevano una carta in un apparecchio del tipo distributore di biglietti, la porta girava, lasciava passare una persona, e dietro alla porta vi era uno ski-lift che le faceva salire fino alla cima di una montagna bianca. L?interpretazione di questo sogno, è la carta codificata (la carta della banca è una carta codificata) che permette di sbloccare delle memorie cellulari, affinché le persone siano portate verso la coscienza del loro Sé superiore con molto meno affanno, difficoltà e prove. Nel terzo sogno mi si mostrava un biglietto da visita, con un fondo argentato, sul qua...
---------------------------------
Titolo: ACQUA DIAMANTINA
Libro intro: Buon giorno, vi parlerò dell'acqua diamante. Quali sono le persone qui presenti che hanno già l'acqua diamante, e che già l'utilizzano' Ah, siete numerosi, grazie. In questa conferenza, io comincerò a spiegare la cronistoria, come questa storia mi è arrivata. D'altronde essa non è finita, perché vi saranno altre scoperte, altre cose che arriveranno più tardi, ed io vi mostrerò anche che non è necessario essere usciti dalla Sorbonne o da Oxford per fare delle cose interessanti in questa nuova coscienza. Il mio nome è Joël Ducatillon. Sono Francese. Più tardi, ci saranno certamente dei fisici che su questo faranno delle esperienze per risonanza magnetica, ecc. Il mio ruolo non è di provare ciò che faccio, ma di trasmettere. Non ho alcuna base scientifica, nessuna prova di quello che vi dico, e non ho bisogno di avere ragione; nessuno dunque potrà affermare che ho torto! Una volta fatti questi tubi, non sapevo neppure che sarebbero serviti per fare dell'acqua, ma, nonostante tutto, ho avuto dei messaggi e dei segni. Mi si diceva: 'Sarà forse dell'acqua'.', e nel mese di ottobre 99 è nata la prima 'acqua diamante'. Vi erano già almeno 700 codici nei miei tubi, ma allora essa non era moltiplicabile: occorreva mettere delle gocce in un po' d'acqua, pronunciare un'intenzione, berla. Le cose andavano già abbastanza bene. Sono stato poi invitato, nel mese di novembre, a Parigi, per spiegare questa ricerca ad un gruppo di persone. Erano tutti Ebrei che studiavano la Cabala. Mi sono chiesto perché ero stato invitato, perché la vita mi conduceva in quel luogo, ed ho capito che dovevo mettere i codici della lingua ebraica. L'ho capito quindici giorni dopo, una volta tornato a casa. Ho comprato un libro sulle lettere ebraiche, Il Regno dello splendore di Marie Elia. Dopo la lettura ho cominciato a fare dei calcoli su queste lettere. E' successo che si sono avuti come risultato 144 codici, 12 volte 12, che sono stati aggiunti nei miei apparecchi. Si mette allora un apparecchio in un bicchiere d'acqua, si aspetta per 12 ore, e dopo si ha un bicchiere d'acqua diamante che si può moltiplicare e condividere con tutti. Ecco, all'ingrosso, la cronistoria dell'acqua diamante. Presto vi lascerò porre delle domande, poiché certamente quando io parlo in questo modo dimentico molte cose, e siete voi che me le fate ricordare. E' soltanto nel mese di aprile 2000, dunque, che quest'acqua è diventata moltiplicabile, grazie a quei codici ebraici. Sento ora di dovervi dire il perché di quei codici ebraici. In Atlantide, trenta o quaranta mila anni fa, tutti noi abbiamo subito una manipolazione del DNA. Avete forse sentito dire, perché ora è cosa conosciuta, che a quell'epoca avevamo 12 filamenti di DNA ' alcuni dicono 36. Adesso noi ne abbiamo soltanto più 2. Sembrerebbe che il fatto di non avere più di 2 filamenti di DNA ci abbia fatto affondare in un sistema di coscienza del bene e del male. E per quelli che vogliono giocare un poco con noi, è molto facile manipolarci per mezzo delle redini del bene e del male, come si dirige una carrozza a cavalli. Sembrerebbe che molti di noi, ed io stesso in ogni caso, abbiano innocentemente, ingenuamente, involontariamente o volontariamente contribuito a questa manipolazione, perché in quell'epoca, anche se c'era una tecnologia avanzata, a base di cristalli, a base di scambi interspaziali, ecc., noi eravamo molto ingenui: 'Tutto il mondo era bello e gentile!' E non è per caso che io sia ora guidato in questa ricerca, perché in un certo qual modo ho contribuito anch'io. Sembrerebbe dunque che in questa vita, e dopo non poche vite, io mi sia preparato a fare dei sistemi, dei mezzi affinché gli esseri umani che noi siamo - in ogni caso l'essere umano che tutti noi qui siamo - possa avere un terreno genetico favorevole agli avvenimenti che arriveranno da ora al 2012, e che sono già cominciati. Perché' Perché per diventare Cristo, è la carne che diventa Cristo, è veramente tutta la carne che si trasforma fino alle dita dei piedi. Se la genetica non è pronta, la carne brucia. Per me è chiaro, è la mia visione della realtà, ma non dico che questo sia vero. Mi è stato detto in un sogno che devo riportare in salvo tutti quelli che si erano smarriti nel deserto del Negev, è il ruolo che devo interpretare in quanto trasmettitore. Il deserto del Negev si trova nel sud di Israele. E' là che è stato seppellito Abramo. Il deserto del Negev rappresenta gli esseri in relazione con IS RA EL, il cui nome deriva da ISIDE, scampata da Atlantide, RA, scampato da Atlantide, ed ELOHIM. Si tratta dunque di aiutare tutti quelli che, a causa del virus informatico impiantato nel loro DNA, hanno avuto la loro sessualità femminile completamente bloccata allo stadio di coscienza di mammiferi, al livello del sistema di rettili. Il grosso problema che ha causato che noi restassimo un po' primati - dico un po' per essere gentile ' è che la sessualità f...
---------------------------------
Titolo: AGNI YOGA
Libro intro: Lo Yoga arco supremo verso conquiste cosmiche è sempre esistito, in ogni età. Ogni Insegnamento ha il suo Yoga, adatto a quella fase dell?evoluzione. L?uno non contraddice l?altro. Si allargano come rami di uno stesso albero a gettare ombra e frescura sul viandante esausto. Ripreso forza, questi poi si rimette in marcia. Nulla ricevette che non fosse suo; né deviò dalla meta. Accolse la benevolenza manifestata dallo spazio; liberò le forze preordinate. S?impadronì della sola cosa che gli appartiene. Non ripudiate le forze dello Yoga, ma usatele come una luce nel crepuscolo del lavoro incompiuto. Per il futuro, ci destiamo dal sonno. Per il futuro, ci prepariamo abiti nuovi. Per il futuro, lottiamo con tutte le forze del pensiero. Per il futuro ci irrobustiamo. Applicheremo dapprima i consigli di vita. Poi diremo il nome dello Yoga del tempo che si approssima. Udremo l?incedere del Fuoco, ma saremo pronti a dominare le ondulazioni della fiamma. Salutiamo dunque l?antichissimo Raja Yoga. E affermiamo quello futuro: l?Agni Yoga....
---------------------------------
Titolo: AGNI YOGA - FOGLIE DEL GIARDINO DI MORYA
Libro intro: Al Nuovo Mondo il Mio primo messaggio. Tu che hai dato l’Ashram, Tu che hai dato due vite, Proclama. Costruttori e guerrieri, serrate le file. Lettore, se non hai compreso – rileggi, dopo qualche tempo. Ciò che è predestinato non è accidentale, E le foglie cadono quando è l’ora. Ma l’inverno non è che il messo della primavera. Tutto è rivelato; tutto è raggiungibile. Ti coprirò con lo scudo del lavoro. Ho detto. * * * Io sono – la tua Beatitudine. Io sono – il tuo Sorriso. Io sono – la tua Gioia. Io sono – il tuo Riposo. Io sono – la tua Forza. Io sono – il tuo Valore. Io sono – la tua Saggezza....
---------------------------------
Titolo: AGNI_YOGA_AUM
Libro intro: AUM 1936 Fin dall’inizio del lavoro pensate che la vostra attenzione non abbia a perdere vigore. Per ignoranza si può cedere a pensieri che indeboliscono, bloccando l’espandersi della coscienza. Ricordate la Forza fondamentale. Ricordate i principi di quella che è la Fonte del progresso instancabile. Sovente accade di dimenticare quel Principio che tutto genera: fate dunque appello a tutta la vostra attenzione ed apritevi alla Forza fondamentale. 2 1 - Esaminate l’arcobaleno: non v’è traccia di rosso-sangue, né di nero; fra le radiazioni superiori si osservano solo colori radiosi e raffinati. Certi colori, che ricordano le sfere superiori, riescono a penetrare sino alla superficie della Terra. Alcuni li amano, in quanto echi del Mondo superiore; altri, all’opposto, preferiscono le tinte più scure, e questa è una distinzione in base alla quale classificare gli uomini. Chi non ama i colori sottili non è ancora pronto per comprendere i mondi superiori. Non frequentate uomini siffatti, che sono avvolti in un nube rosso-sangue. Sovente ne muoiono, perché è impossibile rigenerarli, e non ci sono rimedi. 2 - Il medico sa che le medicine agiscono in modo diverso sui vari pazienti. A volte un rimedio eccellente e tonificante ha solo effetti afrodisiaci su certuni. La reazione sulle medicine è una verifica, perché una natura inferiore prende da essa solo l’inferiore, mentre chi sia in contatto con le altissime sfere ne estrae le parti più eccellenti. È questa la legge su cui far conto. Anche i medici sbagliano sovente nel valutare i varie effetti dei loro rimedi. La commensura vale sempre e dovunque. 3 - Ogni medico potrebbe aiutare molto l’ascesa spirituale dell’umanità, a patto di rafforzare il proprio intelletto con cuore. Dovrebbe essere impossibile per un medico essere un negatore ignorante. Dovrebbe sapere anche di psicologia, e conoscere la prodigiosa energia psichica. Non a caso si parla di lui all’inizio di queste pagine dedicate all’AUM. È bene citare coloro che sono responsabili del legame con le energie superiori. 4 - Se le sostanze terrene agiscono in modo diverso su uomini diversi, quanto più variata sarà la reazione indotta dalle energie supreme! Molto tempo fa si sapeva che per accogliere adeguatamente quei raggi bisogna che l’organismo umano sia in stato di armonia. Perciò i Saggi indicavano il potere delle invocazioni sacre. “Aum”, o, foneticamente, “Om”, era la sintesi di tali aneliti risonanti. La preghiera e la concentrazione interiore sono eccellenti per la salute dello spirito. Ciascuno contribuiva a modo suo alla concentrazione spirituale, mediante la musica, il canto, la danza; né mancarono certi metodi grossolani che rendevano frenetici e intossicavano. Molti furono gli errori e le deviazioni, ma in sostanza si cercava di creare uno stato di esaltazione mentale per favorire la ricezione di quelle energie sublimi....
---------------------------------
Titolo: AGOSTINO - LA FELICITA
Libro intro: Le condizioni della vita e la vocazione alla filosofia (1, 1-5) La sventura e la vocazione alla filosofia. 1. 1. O coltissimo ed egregio Teodoro, se il tragitto indicato dalla ragione e la sola scelta conducessero al porto della filosofia, dal quale si può sbarcare nella regione e terraferma della felicità, non saprei se può offendere l’affermazione che in molto minor numero sarebbero gli uomini che lo raggiungono. Adesso ancora, come osserviamo, di rado e pochi assai vi arrivano. Infatti ci ha lanciato in questo mondo come in un mare tempestoso, irrazionalmente e a caso, almeno all’apparenza, o Dio, o la natura, o la necessità ovvero una nostra scelta o alcuni di questi principi congiunti o tutti insieme. Il problema è di difficile soluzione. Tu hai cominciato a chiarirlo. Nessuno potrebbe dunque sapere dove dirigersi o per dove ritornare se talora, contro la nostra scelta e mentre ci affatichiamo in direzione opposta, una qualche tempesta, di cui gli ignoranti possono ritenere che ci allontani dalla meta, non ci gettasse, senza la nostra consapevolezza e malgrado il nostro errore, nella terra tanto desiderata. ...
---------------------------------
Titolo: AGOSTINO : L'IMMORTALITA' DELL'ANIMA
Libro intro: Contro il naturalismo peripatetico: Immortalità e pensiero (1, 1-6, 11). Contro Stratone: Immortalità e puro pensiero. 1. 1. Se la disciplina ha un suo dove essere e può essere soltanto in un soggetto vivente, se inoltre la disciplina è per sempre, ed anche il soggetto, in cui qualche cosa è per sempre, è indefettibile, il soggetto, in cui disciplina esiste, vive per sempre. Egualmente, se siamo noi che formuliamo ragionamenti, cioè il nostro essere pensante, e non può formularli secondo logicità senza la disciplina, se inoltre non si concepisce essere pensante se non mediante la disciplina, considerazione a parte per quello in cui non v'è disciplina, esiste nello spirito dell'uomo la disciplina. Dunque la disciplina ha un suo dove essere. È reale infatti ed è impossibile che un essere reale non abbia un suo dove essere. Allo stesso modo la disciplina può essere soltanto in un soggetto vivente. È assurdo infatti che chi non vive apprenda a conoscere e la disciplina non può essere in chi non apprende a conoscere. Allo stesso modo la disciplina è per sempre. È infatti necessario che un esistente che non soggiace al divenire sia per sempre ed è innegabile che esista la disciplina. Chi ammette appunto l'impossibilità che il diametro non sia la linea più lunga di tutte le altre che non passano per il centro della circonferenza e riconosce che questo enunciato appartiene ad una determinata disciplina, non può negare la non soggezione al divenire della disciplina. Allo stesso modo è impossibile che un soggetto, in cui qualche cosa esiste per sempre, possa cessare. È assurdo infatti che un essere che è per sempre si separi dal soggetto in cui esiste per sempre. Quando noi formuliamo ragionamenti, è il nostro spirito che li formula. E può farlo soltanto l'essere che è capace di pensiero. L'essere sensibile dunque non pensa e non pensa il soggetto pensante per la mediazione del sensibile, poiché quando tende all'atto del pensiero trascende il sensibile. Infatti l'oggetto del pensiero è sempre il medesimo; al contrario non v'è cosa del mondo sensibile che sia sempre la medesima. Quindi non può aiutare lo spirito nel suo muoversi all'atto del pensiero. È già molto che non lo impedisca. Allo stesso modo non si possono formulare ragionamenti secondo logicità se non mediante la disciplina. Il ragionamento è appunto atto del pensiero che da conoscenze oggettive tende all'esame di conoscenze non oggettive. Ora per il soggetto pensante non c'è oggettività del non pensato. Ma il soggetto pensante ha in sé l'oggetto di puro pensiero e il puro pensiero non ha altro oggetto da quello che è di competenza di qualche disciplina. Disciplina è...
---------------------------------
Titolo: AGOSTINO : LA PAZIENZA
Libro intro: La pazienza di Dio. 1. 1. La virtù dell’anima che chiamiamo pazienza è un dono di Dio così grande che noi parliamo di pazienza anche riferendoci a colui che a noi la dona; e vi intendiamo la tolleranza con cui egli aspetta che i cattivi si ravvedano. È vero infatti che il nome “pazienza” deriva da patire, ma pur essendo vero che Dio non può in alcun modo patire, tuttavia noi per fede crediamo, e confessiamo per ottenere la salvezza, che Dio è paziente. Ma questa pazienza di Dio, come essa sia e quanto sia grande, chi potrà descriverlo a parole? Noi possiamo affermare che egli non può patire nulla, eppure non lo diciamo impaziente ma pazientissimo. La sua pazienza è dunque ineffabile, come è ineffabile la sua gelosia, la sua ira e gli altri moti somiglianti, che se noi pensassimo essere uguali ai nostri, dovremmo escluderli tutti. Noi infatti non ne proviamo alcuno che non sia congiunto a turbamento, mentre è assurdo pensare che la natura divina, che è impassibile, provi turbamento. Dio infatti è geloso senza invidia, si adira senza alterarsi, ha compassione senza addolorarsi, si pente senza doversi ravvedere d’un qualsiasi errore. Così è paziente senza patire. Ora dunque, per quanto il Signore me lo concederà e per quanto lo permette la brevità del presente discorso, parlerò sulla natura della pazienza umana, che noi possiamo acquisire e dobbiamo avere. La vera pazienza. 2. 2. È risaputo che la pazienza retta, degna di lode e del nome di virtù, è quella per la quale con animo equo tolleriamo i mali, per non abbandonare con animo iniquo quei beni, per mezzo dei quali possiamo raggiungere beni migliori. Pertanto chi non ha la pazienza, mentre si rifiuta di sopportare i mali, non ottiene d’essere esentato dal male ma finisce col soffrire mali maggiori. I pazienti preferiscono sopportare il male per non commetterlo piuttosto che commetterlo per non sopportarlo; così facendo rendono più leggeri i mali che soffrono con pazienza ed evitano mali peggiori in cui cadrebbero con l’impazienza. Ma soprattutto non perdono i beni eterni e grandi, quando non cedono ai mali temporanei e di breve durata poiché, come dice l’Apostolo, i patimenti del tempo presente non meritano d’essere paragonati con la gloria futura che si rivelerà in noi. Egli dice ancora: La nostra sofferenza, temporanea e leggera, produce per noi in maniera inimmaginabile una ricchezza eterna di gloria. La grande pazienza dei cattivi. 3. 3. Volgiamo ora lo sguardo, o carissimi, alle fatiche, ai dolori e alle asperità che gli uomini sopportano per ciò che amano spinti dai loro vizi, per tutte quelle cose che quanto più si pensa abbiano ad arrecare felicità tanto più si diventa infelici nel desiderarle. Quanti rischi e molestie affrontano con la più grande pazienza per le false ricchezze, i vani onori e le frivole soddisfazioni. Li vediamo avidi di denaro, di gloria e di piaceri lascivi, che per ottenere le cose desiderate e non perderle quando le hanno ottenute, sopportano il calore, la pioggia, il freddo, i flutti e le burrasche più tempestose, le durezze e incertezze delle guerre, i colpi di piaghe crudeli e orribili ferite. E tutto questo sopportano non per una inevitabile necessità, ma per un atto colpevole della loro volontà. La forza del desiderio rende tollerabili le fatiche e i dolori. 4. 4. In realtà la gente ritiene che l’avarizia, l’ambizione, la dissolutezza, le attrattive per i vari divertimenti rientrano nell’ambito d’una condotta irreprensibile, almeno finché per soddisfarle non si commettono azioni riprovevoli o delitti condannati dalle leggi umane. Ci sono infatti persone che si sottopongono a grandi fatiche e dolori per acquistare o aumentare il proprio capitale, per conseguire o conservare posti onorifici, per partecipare a gare agonistiche o venatorie, per ottenere plauso allestendo spettacoli teatrali. Se questo riescono a fare senza ledere i diritti altrui, è poco dire che dalla vacuità del popolo essi non vengono disapprovati e così se ne astengono. Al contrario vengono esaltati ed inneggiati; proprio come dice la Scrittura: Il peccatore è lodato nei desideri del suo cuore. In effetti è la forza dei desideri a farci tollerare fatiche e dolori e nessuno accetta spontaneamente di sopportare ciò che fa soffrire, se non per quello che diletta. Ma, come ho detto, le passioni ora nominate son considerate ......
---------------------------------
Titolo: AGRICOLTURA ECOLOGICA E SALUTE UMANA
Libro intro: Un interessante studio sull'Agricoltura ecologica e la salute umana. (testo in portoghese)...
---------------------------------
Titolo: AL TIMONE DEL DIABETE
Libro intro: Al timone del diabete Appunti di un intruso su un campo–scuola particolare dove s’impara a tenere la rotta del diabete ..... La strana sfida del DM1 In parte il compito del Pediatra e più in generale dei Team diabetologico–pediatrici che seguono i circa 20 mila casi di DM1 in Italia è semplice. Questi bambini e questi ragazzi devono infatti mantenere la loro glicemia entro livelli più possibile vicini a quelli normali. Le ‘leve’ su cui agire sono diverse: l’apporto di carboidrati di ogni pasto (o fuori pasto), l’esercizio fisico, le iniezioni di insulina. In ogni momento è possibile controllare, con un apparecchio portatile che misura la glicemia se i conti tornano. A ogni visita il Medico effettua una “prova del nove”, un test che permette di valutare la qualità del controllo glicemico degli ultimi due–tre mesi. Sotto i 13–14 anni, nella maggior parte dei casi e spesso anche dopo, i valori sono ottimi. Il Pediatra ha infatti un grande alleato: la famiglia. Finché il bambino o ragazzo vive in casa i genitori possono controllare tutto quello che fa: pasti, comportamenti, somministrazioni di insulina. Ma cosa accadrà “dopo”, quando il bambino o il ragazzo crescerà, passerà sempre più tempo fuori dalla famiglia, avrà una vita meno regolare e prevedibile? Ecco che il compito del Team diabetologico pediatrico diventa duplice. Da una parte garantire un buon controllo glicemico in età pediatrica; dall’altra far sì che il piccolo paziente si assuma la responsabilità di quello che fa, acquisisca e “metabolizzi” le informazioni necessarie, sappia gestire situazioni nuove, errori, trasgressioni... e ancora di più: porre le basi di INTRODUZIONE 10 una ‘cultura dell’autocontrollo’. Insomma lavorare per il futuro: curare il bambino di oggi e l’uomo di domani. Rispondere a questo obiettivo non è semplice. Nella loro ansia i genitori divengono impeccabili “guardiani” della glicemia e sollevano spesso i loro figli da ogni problematica. Non è raro vedere ragazzini di 10 anni che non hanno mai fatto una iniezione da soli. Generosamente il genitore intermedia e senza pensarci si frappone fra il Team e il paziente stesso. A tutto questo aggiungiamo che l’Ospedale non è sempre l’ambiente giusto: non c’è tempo, non c’è la serenità necessaria per parlare e per ascoltarsi....
---------------------------------
Titolo: ALCHIMIA E METALLURGIA - LE ORIGINI
Libro intro: di michele pereira - Alchimia e Metallurgia - Le origini...
---------------------------------
Titolo: ALCHIMIA ED ERMETISMO: I FONDAMENTI TEORICI DELLA FILOSOFIA ERMETICA
Libro intro: IL METODO di Paolo Lucarelli (saggista) La storia ed i principi teorici dell’alchimia spiegati e commentati da Paolo Lucarelli, insigne studioso di ermetismo, per molti anni allievo del maestro Eugéne Canseliet. In questo secondo intervento l’autore parla del metodo dell’alchimia e della figura dell’alchimista, evidenziandone caratteristiche fondamentali e presupposti necessari....
---------------------------------
Titolo: ALCHIMIA ED ERMETISMO: I FONDAMENTI TEORICI DELLA FILOSOFIA ERMETICA
Libro intro: di Paolo Lucarelli (saggista) La storia ed i principi teorici dell’alchimia spiegati e commentati da Paolo Lucarelli, insigne studioso di ermetismo, per molti anni allievo del maestro Eugéne Canseliet. In questo secondo intervento l’autore parla del metodo dell’alchimia e della figura dell’alchimista, evidenziandone caratteristiche fondamentali e presupposti necessari...
---------------------------------
Titolo: ALIMENTAZIONE YOGA
Libro intro: PARAMAHANSA YOGANANDA ALIMENTAZIONE YOGA per il benessere di corpo, mente e anima con più di 400 ricette edizioni Vidyananda PREFAZIONE Paramahansa Yogananda fu un grande Yogi apparso su questa terra circa un secolo fa. Cosciente di Sé fin dalla nascita, per avere realizzato Dio già nelle vite passate, fu benedetto da numerosi incontri con grandi santi e Maestri. Infine l'ardente desiderio di conoscere Dio gli fece incontrare il suo Guru, Swami Sri Yukteswarji - un grande discepolo di Yogavatar Lahiri Mahasaya di Benares - che lo iniziò nell'antica scienza spirituale del Kriya Yoga. Sotto la sua guida egli raggiunse la piena realizzazione di Dio e la sua sete spirituale si placò per sempre alla fonte di vita eterna dell'infinito.. In obbedienza al comando del suo Guru e del Divino Babaji Maharaj, nel 1920 Yogananda andò in America per far conoscere in Occidente la sacra scienza dello Yoga e mostrare la perfetta unità esistente tra l'insegnamento di Gesù Cristo e quello di Sri Krishna. Per adempiere meglio la sua missione, Yogananda fondò un'organizzazione religiosa, chiamata prima Yogoda Satsanga e quindi Self-Realization Fellowship. Dopo aver stabilito il suo quartier generale a Los Angeles, verso la metà degli anni venti Paramhansaji diede vita a una rivista spirituale che nel corso degli anni ebbe vari nomi: Inner Culture, East-West, Self-Realization. Dopo aver completato la sua missione, Paramhansa Yogananda entrò in mahasamadhi (la cosciente uscita finale dal corpo da parte di uno yogi) il 7 marzo 1952. Un avvincente resoconto della sua vita si può trovare nella sua Autobiografia di uno Yogi (Ed. Astrolabio). Oltre allo spazio dedicato al commento del Vangelo e della Bhagavad Gita, le riviste pubblicavano spesso articoli di Yogananda e di altri sull'alimentazione, la dieta e la salute in generale, dando preziosi suggerimenti pratici per il benessere fisico, mentale e spirituale. Nelle rubriche 'Diet & Health' e 'Health Recipe' venivano proposte anche delle ricette. La maggior parte di questo materiale venne poi a far parte dei Praecetta (Lezioni originali) dove, insieme alle preghiere, alle poesie e alle storie ispiranti, alle tecniche e ai principi scientifici Yoga, vi era una parte dedicata all'alimentazione (Health Culture) e un'altra dedicata alle ricette. In questo libro abbiamo raccolto tutto questo materiale sparso negli anni, disponendolo in una forma il più possibile compiuta e omogenea, come si trattasse di un'opera organica, cercando nel contempo di mantenere lo spirito e, ove possibile, la successione degli originali. Si sa che alcuni di questi articoli erano curati da discepoli di Yogananda medici ed esperti di alimentazione. I capitoli Metodi di Alimentazione Yoga, Dieta Magnetica e Come Ringiovanire provengono sicuramente da Yogananda in prima persona e vanno quindi considerati e studiati con maggiore attenzione. Sappiamo che la scienza dell'alimentazione ha fatto grandissimi passi in avanti negli ultimi decenni, ampliando ed approfondendo molte intuizioni magari solo accennate in queste pagine, che comunque hanno un valore di grande testimonianza. È straordinario notare la perenne attualità dell'insegnamento di Yogananda (che in questo caso risale agli anni '30) anche alla luce delle più recenti scoperte scientifiche in fatto di alimentazione. Nel corso dell'opera si trovano molte ripetizioni o ricapitolazioni, dovute spesso alla necessità di riproporre in sintesi argomenti che Paramhansaji aveva trattato negli articoli precedenti, apparsi magari qualche anno prima. Inoltre questo è un metodo particolarmente usato dai Maestri indiani, provenienti da una cultura principalmente a trasmissione orale; la ricapitolazione serve a mettere in rilievo un particolare aspetto del discorso, o ad aiutare il lettore a capire o assorbire meglio un concetto per lui nuovo. Spesso abbiamo cambiato il termine "studenti" in "lettori". Per facilitare la consultazione, le ricette sono state raggruppate in Primi, Secondi, Contorni, ecc. Inoltre in esse si trovano alcuni ingredienti - come la bistecca di noci, l'abelmosco, la pastinaca e certi tipi di verdure - che in Italia non sono molto conosciuti. In conclusione, come raccomandava Sri Yukteswarji, trovate la dieta più adatta alle vostre necessità e seguitela. "Il corpo è il tempio di Dio. Dategli quanto gli è dovuto e dimenticatelo. Concentratevi sull'amore di Dio. In natura le virtù in ogni cibo variano come in tutte le cose. Non è il cibo che mangiamo che ci darà quelle qualità, ma il nostro sforzo personale fatto con la grazia di Dio. Cercate Dio e Dio soltanto". L'Editore La Scienza dell'Alimentazione Yoga DIETA E SALUTE Leggi della Salute Dio vuole che i Suoi figli godano di salute e felicità, ma infrangendo le Sue leggi essi creano malattia e dolore. Dio è armonia; quando però l'uomo, fatto a Sua immagine, cerca di condurre una vita disarmonica, si fa del male. Dio ...
---------------------------------
Titolo: ALLA RICERCA DELLA CONSAPEVOLEZZA
Libro intro: L'esperienza di un Essere di Luce, raccontata tramite scrittura telepatica, per consentire agli uomini in cerca dell'Essenza Divina di penetrare nell'animo alla scoperta di loro stessi. Tramite la preghiera e la ricerca interiore, Adam/Amos, spirito di Luce, spiega a chi sa ascoltare ciò che conosce e che può rivelare. (canalizzato da Ornella) ...
---------------------------------
Titolo: ALLERGIE E INTOLLERANZE ALIMENTARI
Libro intro: Allergia e Intolleranza Alimentare A. Perino Servizio di Allergologia Clinica delle Malattie dell’Apparato Respiratorio Dipartimento di Medicina Interna, Università di Torino Azienda Ospedaliera “S. Luigi”, Orbassano, Torino PACINIeditore ---- LIBRO DI 256 PAGINE ---- Presentazione alla II Edizione 9 Presentazione alla I Edizione 15 1. Generalità sulle allergie alimentari 15 1.1. Generalità 18 1.2. Classificazione delle reazioni avverse agli alimenti 23 1.3. Prevalenza delle allergie alimentari 25 1.4. Allergie alimentari più frequenti 30 1.5. Storia naturale dell’ipersensibilità agli alimenti 32 1.6. Terminologia 35 2. Meccanismi di tolleranza e di sensibilizzazione agli allergeni alimentari 35 2.1. Generalità 36 2.2. Aspetti anatomici e funzionali del GALT 39 2.3. Barriera mucosale intestinale 41 2.4. La tolleranza orale 44 2.5. Patogenesi dell’allergia alimentare 49 2.6. Influenze perinatali e ambientali 61 3. Allergeni alimentari I 61 3.1. Considerazioni generali 67 3.2. Allergeni alimentari più importanti 73 3.3. La cross-reattività tra allergeni inalanti ed alimentari 83 4. Allergeni alimentari II 83 4.1. Allergene nascosto 103 4.2. Modificazioni dell’allergenicità degli alimenti 106 4.3. Cibi transgenici 115 5. Sintomi 116 5.1. Sindrome orale allergica 118 5.2. Reazioni cutanee 122 5.3. Reazioni a livello del tratto respiratorio 124 5.4. Allergia gastrointestinale 126 5.5. Anafilassi 139 6. Diagnosi di allergia alimentare 142 6.1. Test cutanei 143 6.2. Dosaggio delle IgE specifiche 144 6.3. I challenge test orali 148 6.4. Le diete di eliminazione/scatenamento 149 6.5. Interpretazione dei test 151 7. Reazioni immunologiche non IgE mediate 151 7.1. La malattia celiachia 160 7.2. Gastroenterite cosinofila 161 7.3. Enteropatia indotta da cibo (Food Sensitive Enteropathy) 161 7.4. Colite indotta da cibo (Food Sensitive Colitis) 162 7.5. Sindrome di Heiner 8. Intolleranze alimentari 165 8.1. Le intolleranze alimentari enzimatiche 168 8.2. Deficit di lattasi 170 8.3. Intolleranza alimentare farmacologica 173 8.4. Clinical ecology syndrome 177 9. Allergia ed intolleranza agli additivi 177 9.1. Contaminanti ambientali ed industriali 178 9.2. Additivi 180 9.3. Classificazione 186 9.4. Additivi responsabili di reazioni avverse 191 9.5. Quadri clinici 192 9.6. Meccanismi patogenetici 194 9.7. Diagnosi di intolleranza agli additivi alimentari 195 9.8. Pericolosità degli addittivi 199 10. Dermatite da contatto endogeno ai metalli di origine alimentare 205 11. Trattamento delle allergie alimentari 205 11.1. Terapia dietetica 208 11.2. Terapia medica 210 11.3. Prevenzione 217 11.4. Prospettive future 221 12. Problemi pratici 222 12.1. La lettura delle etichette 231 12.2. Mangiare fuori casa 235 Appendice: diete...
---------------------------------
Titolo: AMICIZIA SPIRITUALE
Libro intro: L’AMICIZIA SPIRITUALE di AELREDO DI RIEVAULX LIBRO PRIMO La natura e l’origine dell’amicizia e il motivo per cui ho scritto questo libro Quando, ancora ragazzo, frequentavo la scuola, mi dava moltissima gioia la compagnia dei miei coetanei, così, tra le abitudini e le debolezze che solitamente rendono problematica quell’età, mi diedi con tutto me stesso all’affetto e mi consacrai all’amore: niente mi sembrava tanto dolce, tanto gioioso, tanto appagante quanto essere amato e amare. Il mio animo si trovò così a fluttuare fra tanti affetti e amicizie, come fosse trascinato in più direzioni: non sapevo cosa fosse la vera amicizia, e spesso mi lasciavo ingannare da ciò che ne era solo l’apparenza. Finalmente mi capitò un giorno tra le mani il libro di Cicerone sull’amicizia, e subito mi sembrò utile per la profondità delle idee, e gradevole per la dolcezza dello stile. Benché non mi sentissi ancora maturo per l’ideale che proponeva, ero felice di aver trovato un certo modello di amicizia che mi permetteva di porre un certo ordine fra i miei sentimenti così dispersivi. Quando piacque al mio buon Signore rettificare le mie deviazioni, rialzarmi da terra, purificarmi con il suo tocco salutare dai miei errori, lasciai i progetti di carriera mondana ed entrai in monastero. Mi buttai subito nella lettura dei libri sacri: prima infatti i miei occhi infiammati e assuefatti al buio delle cose del mondo non riuscivano neanche a sfiorarne la superficie. Così, mentre il gusto delle sacre Scritture diventava sempre più dolce, e al loro confronto quel poco di scienza che mi era venuto dal mondo andava perdendo valore, mi tornarono alla mente le cose che avevo letto nell’opuscolo sull’amicizia di Cicerone, e mi stupii che non avessero più lo stesso sapore di prima. In effetti, a quel punto della mia vita, se una cosa non mi dava lo stesso gusto di quel miele che è l’amicizia di Cristo, se non era condita con il sale della Scrittura, non riusciva a coinvolgere interamente il mio sentimento. ...
---------------------------------
Titolo: AMMINOACIDI CHE COSA SONO
Libro intro: Gli aminoacidi (o amminoacidi) sono l'unità strutturale primaria delle proteine. Possiamo quindi immaginare gli aminoacidi come mattoncini che, uniti da un collante chiamato legame peptidico, formano una lunga sequenza che dà origine ad una proteina. All'interno dello stomaco e del duodeno questi legami vengono rotti ed i singoli aminoacidi giungono sino all'intestino tenue dove vengono assorbiti come tali ed utilizzati dall'organismo. Dal punto di vista chimico l'aminoacido è un composto organico contenente un gruppo carbossilico (COOH) ed un gruppo aminico (NH2). Oltre a questi due gruppi ogni aminoacido si contraddistingue dagli altri per la presenza di un residuo (R) conosciuto anche con il nome di catena laterale dell'aminoacido....
---------------------------------
Titolo: ANALISI TRANSAZIONALE
Libro intro: “Padre” dell’Analisi Transazionale (A.T.) è Eric Berne, psichiatra e psicoanalista americano, morto nel 1970. Scopo della teorizzazione è la trasposizione in termini di facile comprensione dei concetti psicoanalitici freudiani e la possibilità di applicare una metodologia di analisi, accessibile a tutti, alle situazioni nelle quali quotidianamente veniamo a trovarci. Freud parla di istanze psichiche, di inconscio, di profondo, di rimozione. Berne usa il linguaggio mutato della moderna tecnologia e “traduce” la terminologia psicoanalitica classica con termini come “registrazioni”, “stimolazioni”, “computer”, “banca dati”,; oppure ricorre ad espressioni del lessico familiare e infantile come “giochi”, “raccolta di bollini”, “passatempi”, etc.; oppure a termini socialmente noti come “racket”, “transazioni”, “copione”, etc. ...
---------------------------------
Titolo: ANALISI TRANSAZIONALE
Libro intro: “Padre” dell’Analisi Transazionale (A.T.) è Eric Berne, psichiatra e psicoanalista americano, morto nel 1970. Scopo della teorizzazione è la trasposizione in termini di facile comprensione dei concetti psicoanalitici freudiani e la possibilità di applicare una metodologia di analisi, accessibile a tutti, alle situazioni nelle quali quotidianamente veniamo a trovarci. Freud parla di istanze psichiche, di inconscio, di profondo, di rimozione. Berne usa il linguaggio mutato della moderna tecnologia e “traduce” la terminologia psicoanalitica classica con termini come “registrazioni”, “stimolazioni”, “computer”, “banca dati”,; oppure ricorre ad espressioni del lessico familiare e infantile come “giochi”, “raccolta di bollini”, “passatempi”, etc.; oppure a termini socialmente noti come “racket”, “transazioni”, “copione”, etc. Ovviamente non si tratta solo della banalizzazione lessicale di una teoria così complessa come quella psicoanalitica; alcuni concetti vengono abbandonati, altri rielaborati, altri ancora sono proposti “ex novo”....
---------------------------------
Titolo: ANATOMIA E FISIOLOGIA DELLE TECNICHE YOGA
Libro intro: Gli asana : caratteristiche principali (con foto)...
---------------------------------
Titolo: ANATOMIA E FISIOLOGIA DELLE TECNICHE YOGA
Libro intro: II termine âsana significa, letteralmente, «posizione seduta» o semplicemente «posizione»: esso indica una postura corporea che contribuisce alla stabilità fisica e mentale e ingenera un senso di benessere. Il termine âsana è pure usato ad indicare una stuoia vegetale, o anche una pelle d'antilope ben conciata, che costituiscono un comodo supporto per sedersi sul terreno. Nello hatha-yoga gli âsana occupano il primo posto, mentre costituiscono il terzo passo nell'ottuplice yoga di Patañjali (astânga). Di solito il termine âsana è tradotto con la parola «posizione»: troviamo quindi espressioni come «posizione del cobra», «posizione del coccodrillo», «posizione dell'arco», e così via. È vero che molti âsana consistono in una determinata postura, di cui possiedono le caratteristiche: tuttavia gli âsana differiscono dalle semplici posizioni sotto diversi aspetti, perciò il termine «posizione» non spiega completamente il significato del termine âsana. In una «posizione», anche se questa viene mantenuta in modo economico, senza grande sforzo, non vi è alcuna considerazione dell'atteggiamento mentale: questo può variare, nelle diverse posizioni. Ad esempio, ci rilassiamo comodamente stando seduti in poltrona, eppure, in quella pur confortevole posizione, può capitarci di essere mentalmente turbati a causa di determinate concatenazioni di pensieri. Molte posizioni corporee sono assunte e mantenute ad opera del sistema nervoso, al disotto del livello della coscienza, cioè senza il concorso dell'attenzione. Ciò avviene, ad esempio, quando si assume una posizione seduta per scrivere, oppure una posizione in piedi. Un âsana viene assunto dapprima volontariamente, poi può essere mantenuto, ma l'attività di mantenimento e controllo si svolge al disotto del livello della coscienza......
---------------------------------
Titolo: ANCHE GLI ALBERI HANNO UN NOME - DENDROTERAPIA - CURARASI E GUARIRE CON GLI ALBERI
Libro intro: In questo files troverete alcuni scritti "dettati" direttamente dagli Alberi durante i 10 anni della loro frequentazione. Carmen Cattani ed Emanuel Celano dell'associazione culturale Spazio Sacro di Bologna sono stati appassionati ed amorevoli testimoni di queste storie. Il corso di dendroterapia energetica è presentato sul nostro sito a questa pagina : http://www.spaziosacro.it/corsi/dendroterapia_energetica/...
---------------------------------
Titolo: ANGELI E ARCANGELI : CONOSCERLI, AMARLI E SEGUIRLI
Libro intro: E' logico credere negli Angeli? (2) Milioni di creature spirituali si muovono, non viste, sulla Terra, quando siamo svegli come quando dormiamo. John Milton, Il Paradiso perduto. Se l'universo ha un senso, una razionalità, un'armonia, un fine, allora è chiaro che gli uomini (e con loro, animali e piante), che ne abitano un infinitesimo frammento, non sono necessariamente le uniche creature possibili, le uniche a essere presenti. Anzi, se così fosse, potremmo parlare di stranezza, di anomalia. E' perfettamente logico che, assieme agli uomini, esistano altre creature, con fisionomia e caratteri diversi, magari all'interno di mondi diversi e paralleli, immersi in dimensioni sconosciute, che esulano dalle tradizioni entro le quali siamo relegati a condurre la nostra vita terrena. Il fatto che queste entità possano avere una consistenza eterea e puramente spirituale, o siano prive di quella materialità che, almeno in parte, ci caratterizza, non dovrebbe sorprenderci più di tanto. Soprattutto da quando la fisica contemporanea ci ha insegnato che la materia, così com?era concepita in passato (ovvero solida e indistruttibile), in realtà non esiste, perché, in effetti, non è altro che una parte condensata, parziale e temporanea, di quell'energia che pervade tutto l'universo. Diamo dunque spazio agli Angeli, percepiamoli accanto a noi, riconosciamoli come fratelli, in quanto figli di uno stesso Padre, compagni di strada in questo viaggio affascinante e misterioso che è l'esistenza. Come possiamo definire un Angelo? (2) La giusta definizione è "messaggero" o "ministro" (dall'ebraico mal'akh), con un senso specificamente religioso d?essere sovrumano, intermediario fra il cielo e la terra, fra Dio e gli uomini, di cui Dio si serve per annunciare agli uomini e per fare eseguire sulla terra la Sua volontà (Treccani). Il termine ebraico è stato tradotto in greco con ?anghelos?, da cui deriva il nostro "Angelo". Gli Angeli sono gli abitanti di un regno intermedio tra Dio e l'uomo e come tali colmano un vuoto e, nel loro contatto col mondo umano, possono assumere forme assolutamente imprevedibili. Forse il nome stesso, Angelo, è improprio rispetto alle immense possibilità di questi Esseri. Pur derivando dal greco "anghelos", che significa ?nunzio?, ?messaggero?, vedremo strada facendo, che gli Angeli sono molto più che semplici portatori di notizie. Sono veri e propri esecutori della volontà divina. Troveremo sotto la loro giurisdizione ed il loro controllo, ogni cosa che esista nell'immensità della creazione. Il termine orientale "Deva" con cui le creature Angeliche vengono definite, esprime con grand?efficacia la loro essenza. "Deva", deriva dal sanscrito "risplendente", o più precisamente: "Essere di luce". La sua radice etimologica è: "Dyaus" che, nella nostra lingua, si può tradurre con "piccola divinità". In ..........COME CONTATTARE L'ALLEATO CELESTE? (2) Divina presenza in me, possa la tua saggezza dirigere le mie azione, il tuo amore guidare i miei pensieri, la tua luce 36 illuminare il mio cammino. Avvolgimi nella tua radiosa presenza ora e sempre. Amen. Uomini e Angeli sono divisi ma uniti, vivono in mondi paralleli e complementari: questi esseri di luce, che crediamo tanto lontani, in realtà ci sono molto vicini. Scrisse sant'Agostino, uno dei grandi Dottori della Chiesa, vissuto nel V secolo: "Di ogni cosa visibile in questo mondo si occupa un Angelo. Gli Angeli sono spirito, ma non è il fatto di essere spiriti a renderli Angeli. Divengono Angeli quando vengono mandati. Il nome Angelo, infatti, si riferisce alla loro funzione, non alla loro natura. Se chiedete il nome di questa natura, allora è spirito; se chiedete il loro ruolo, allora è quello di Angelo, che vuol dire messaggero". Ogni individuo - credente o ateo, buono o cattivo che sia - ha accanto un'entità invisibile, di natura spirituale, dotata di eccezionale intelligenza e di straordinari poteri, perché porta in sé una parte dell'energia divina che anima la creazione e che viene messa a disposizione del suo protetto. Gli Angeli possono entrare in contatto con gli uomini sotto svariate forme e diversi modi: generalmente lo fanno fornendo l'idea giusta per la soluzione di un problema, l'ispirazione per un'opera d'arte o la scelta di un comportamento. Assai raramente si presentano sotto le vesti di persone comuni o come figure di luce. Cerchiamo ora di capire qual è la natura e quali sono le caratteristiche del nostro rapporto con l'Angelo custode. Per cominciare, sembra proprio che la sua presenza e la sua assistenza non siano qualcosa in più, qualcosa di cui si possa, volendo, fare anche a meno. Nella sua autobiografia Carl Gustav Jung afferma di aver rilevato, attraverso l'esame di migliaia di pazienti assistiti ne lla sua lunga carriera di psicologo, che oltre il novanta per cento della sofferenza psicologica è imputabile a carenze spirituali. Non ...
---------------------------------
Titolo: ANIMA DEL MONDO
Libro intro: Psicologia, Yoga, Profondità dell'Essere: I tre punti di connessione Ci sono almeno tre diversi aspetti che rendono possibile parlare nello stesso ambito di yoga, della nostra psicoanalisi e psicologia. Il primo punto è il riconoscimento che tutti i pantheon del mondo, le divinità, i cieli e gli inferni, sono proiezioni di immagini psicologiche - vale a dire di quello che noi pensiamo normalmente come metafisica e teologia. !1 Il secondo punto è che le energie e i significati che vengono espressi in queste immagini, diventano poi le energie che determinano la direzione e il corso di una vita. Esse ci affascinano perché ci collegano con i nostri processi dinamici e divengono, in un certo senso, le nostre immagini del destino- esse pertanto sono anche le immagini che determinano la nostra esistenza. Questo è ciò che in India è chiamato Maya. L'immagine di quel mondo di illusioni che ci spingono spesso contro le nostre stesse intenzioni. Il terzo e ultimo punto che ho citato, è che, con il sorgere alla coscienza delle implicazioni di queste immagini, si può riuscire a illuminare la nostra vita e dargli un senso di spontaneità, un adito nel suo divenire, che può essere definito "rilascio". Liberarsi, insomma dalla forza compulsiva del destino, e giungere a uno stato di libera determinazione. La Scala del Loto Rassegna dei Sette Chakra La cosiddetta "scala del loto" è la rappresentazione della disposizione, secondo il sistema tantrico, delle presunte energie spirituali e delle energie della psiche. Esse sono visualizzate o concepite, per così dire, come un sistema organizzato secondo uno schema predefinito, di nervi e canali fatti di materia sottile. Ovviamente da non confondere e non sovrapporre ai nostri nervi grossolani che si riscontrano sul tavolo anatomico, ma bensì di alcuni sottili canali, anche essi fatti di una sostanza sottile che si pensa lascino fluire al loro interno quelle energie stimolate e sviluppate secondo i dettami e le tecniche del tantra, che possono essere pensati come se fossero raccolti e concentrati alla base della spina dorsale e che solitamente si trovano in un stato di non illuminazione. Il primo di questi centri si chiama La base della radice, Muladara, dove le energie della vita sono rappresentate dalla semplice esistenza, concepita senza ardore, senza gloria, senza splendore, ma invece attaccate e chiave della loro esistenza medesima. E’ lo yogin stesso, che, attraverso il suo respiro, la concentrazione ed equilibrio del corpo, cerca di attivare questa spirale che viene pensata e rappresentata come un serpente avvolto su sé stesso, e di destarlo per poi farlo ascendere lungo la spina dorsale attraverso i sei centri superiori Il cosiddetto secondo centro, Svadisthana, La sua meta preferita, è a livello degli organi sessuali. E qui lo zelo e lo scopo di tutta la vita, e tutto il suo senso è quello dell'ordine e del contesto erotico. Si potrebbe dire che a questo livello la psicologia è esattamente freudiana, la cui l'interpretazione e’ basata principalmente sull'energia della sfera sessuale. Al terzo centro poi, a livello dell'ombelico ecco il loto detto Manipura , La città del gioiello splendente. E qui l'energia e’ aggressiva. a questo livello e a questo stadio solitamente si e’ preoccupati di consumare e di conquistare a se’ il mondo. !2 In questi due centri, il secondo e il terzo, i nostri sforzi e i nostri intenti, sono diretti verso l'esterno - le soddisfazioni, lo zelo, le finalità e scopi della vita sono qui orientati al fuori di noi stessi. Quindi si arriva a quel quarto centro splendente detto Anahata, Non colpito, che e’ situato al livello del cuore, dove si avverte il suono, il suono originario che non e’ dato da due cose battute assieme. Il suono, prodotto dal movimento cosmico, il suono del mondo, il Brahman, l’Atman, la forza originaria di cui il mondo e’ una precipitazione. E questo e’ il suono di quella energia che e’ antecedente alle cose, e che qui si avverte. E quindi, la mente e tutti i nostri intenti, sono rivolti verso l'interno. Abbiamo qui una interiorizzazione dell'immaginario, che non e’ più diretto verso l'esterno, ad eccezione del riflesso del mondo esterno su di esso. E questo suono che si sente nel cuore e’ lo stesso suono che si avverte ed e’ sentito in tutto il mondo, ed e’ il suono AUM. Dal momento in cui questo suono viene avvertito, da quell’esatto istante, la nostra finalita’, il nostro scopo, diviene quella di purificare la coscienza dalle interferenze del mondo fenomenicoe giungere a un confronto diretto con quel suono, e con l'immagine che e’ in accordo con esso. Il quinto chakra situato, a livello della laringe, è chiamato Vishuddha, Il purgatorio, il luogo di purificazione di se stessi, esso assolve il suo compito e la sua funzione nello stesso modo in cui potrebbe farla, per così dire, un monaco con vera dedizione e zelo...
---------------------------------
Titolo: ANIMA PLEBEA : KARMA E REINCARNAZIONE IL VIAGGIO DELL'ANIMA
Libro intro: JOLANDA PIETROBELLI - Karma e reincarnazione Introduzione di Mentore Ci credo, non ci credo. E' vero, non è vero. L'uomo spreca il suo tempo ponendosi mille perché e non chiarendone nemmeno uno. Questa scrittura non vuole convincere, vuole solo comunicare. L'A. spiega molte cose che altrimenti lasciano perplessi e le spiega, forte di una conversione che le ha fatto conoscere l'equilibrio dell'anima. Anima plebea è un viaggio esauriente dell'anima nuda che torna a Dio o cade.. . nel nulla. L'ANIMA unisce sapere antico e sapienza moderna, coinvolge questo scritto ed avvolge nella serenità e nell'amore divino. Il mistero è svelato, solo perché in precedenza era celato alla mente umana, da veli di materia. L'evoluzione dell'anima avviene incarnazione dopo incarnazione, con lo smaltimento del karma creato in passato. Il viaggio dopo la morte, il valore della morte, gli incontri con le anime, l'amore e la luce. Apertura di Cristiana Lucchesi “Tutti i problemi dell'umanità non si possono risolvere ricorrendo alla tecnologia ed ai beni materiali. Il fatto che anche una società materialista sia mentalmente irrequieta e frustrata dimostra che, dopo tutto, siamo solo esseri umani ed i nostri corpi si differenziano dai prodotti puramente meccanici. Dobbiamo perciò pensare intensamente alle nostre capacità interiori e a valori più profondi”. Queste sono parole di saggezza del Dalai Lama, il grande maestro spirituale del Buddhismo Tibetano, insignito del premio nobel della pace nel 1989. In questo nuovo lavoro Jolanda Pietrobelli affronta proprio due temi fondamentali della dottrina buddhista : il karma legge universale di causa e di effetto e la rinascita. Giornalista e critico d'arte, è iniziata Reiki e da diversi anni si occupa di scienze olistiche. La sua passione per la conoscenza e la ricerca del sé più profondo l'ha portata a lavorare intorno ad un viaggio antropologico nelle Religioni. Nel suo libro, lungi dal volerci dare lezioni sull'argomento, l'eclettica Pietrobelli parlando un linguaggio semplice e ben articolato, che porta in se parole ricche di un contenuto intrinseco e tanto esplicito allo stesso tempo, si lascia andare sul fiume della vita alla ricerca del mistero stesso della vita : l'eternità. Come la Pietrobelli ci insegna, non si può discutere di reincarnazione senza parlare delle leggi del Karma. Già negli antichi testi Veda, si parlava di Karma - dalla radice " Kri" fare, agire - potere dai giusti intenti tramite il quale i mistici potevano influenzare gli dei, la natura e tutte le cose avverse. Nell'antichità furono in molti a credere alla reincarnazione, come del resto accade ancora oggi : Buddhisti, Induisti, Druidi, Celti, Galli, Bretoni, Platonisti, Pitagoristi, gli Gnostici Cristiani credettero in questa dottrina. Da aggiungere le popolazioni Inca e Maya, gli antichi Egizi, i Pretoriani, Virgilio, Lucrezio, Orazio, gli Stoici. La Kabbala contiene numerosi riferimenti alla reincarnazione, anche la dottrina della prima Chiesa Cristiana conteneva l'insegnamento della reincarnazione. Quando Cristo disse a Niccodemo :- In verità ti dico che se non nascete di nuovo, non sarete ammessi nel regno di Dio- secondo gli studiosi intendeva dire "se non nascete ancora e ancora e ancora..." Fu l'Imperatore Costantino ad ordinare di rimuovere qualunque riferimento alla reincarnazione dai testi cristiani e la Chiesa fu più che disposta a collaborare: era più difficile tenere sotto controllo i credenti, incutendo loro paura con l'inferno e la dannazione, se questi credevano nel concetto di reincarnazione!. Il karma è il principio fondamentale della consapevolezza e della cultura induista, ma in occidente ha sofferto di una cronica associazione alla parola destino. Il fato è un'idea occidentale, sviluppatasi dalle tre religioni ebraiche Giudaismo, Cristianesimo e Islamismo. A grandi linee significa che la vita di ognuno è stata decisa da agenti esterni a noi stessi. Invece il karma è esattamente l'opposto! Recita infatti un proverbio sanscrito : Solo il codardo e il pazzo dicono che questo è destino. Il vero uomo invece dice io farò il mio destino. Il karma non è altro che la legge universale di causa e di effetto. Ci sono molte idee errate su di esso e su come operi. Ciascuno di noi ha libertà di scelta ed è libero di scegliere come crescere : libero arbitrio. La legge del karma non è un sistema di giustizia e di castigo, così chiunque abbia molto sofferto in questa vita non deve considerarsi "vittima" ma deve piuttosto trovare se stesso nelle situazioni difficili che sono il risultato dell'opinione che ognuno di noi ha di se stesso. Non sono solo gli uomini a sentirsi colpevoli, ma anche le loro anime, che soffrendo possono trascinarsi dietro questo peso per molte vite. L'anima si evolve imparando alla scuola della vita terrena e le occorrono molte esperienze di rinascite prima di imparare a "vivere". L'anima s...
---------------------------------
Titolo: ANORESSIA E BULIMIA
Libro intro: Anoressia e bulimia: la clinica lacaniana (tesi di Milena Albani) Università degli Studi di Genova Facoltà di Scienze della Formazione Tesi di Laurea ANORESSIA E BULIMIA: LA CLINICA LACANIANA...
---------------------------------
Titolo: ANTROPOSOFIA
Libro intro: Rudolf Steiner (Donji Kraljevec, 27 febbraio 1861 – Dornach, 30 marzo 1925) è stato un filosofo, esoterista e pedagogista austriaco. È il fondatore dell'antroposofia, di una particolare corrente pedagogica (la pedagogia Waldorf), di un tipo di medicina (la medicina antroposofica...
---------------------------------
Titolo: APERTURA DEI PORTALI : SALTO QUANTICO CORPO DI CRISTALLO PORTALI DIMENSIONALI
Libro intro: SALTO QUANTICO CORPO DI CRISTALLO PORTALI DIMENSIONALI IMMAGINI DELLA SECONDA ERA CRISTALLINA E LORO MESSAGGI MEDITAZIONI, STORIE E VIAGGI SPIRITUALI Jean-Pierre Méroz, Sabine Wolf Arcangeli Michele, Ariel, Gabriel e Metatron KRISTALLMENSCH --- Questo libro è dedicato innanzitutto ai nati prima del 1960: a voi, Maestri cosmici e saggi, Guerrieri e Guaritori spirituali, incarnati nei tempi più oscuri della Terra, per essere Portatori di Luce e Pionieri nella svolta dei tempi, spesso al prezzo di essere scaraventati tra forze oscure e luminose delle ere, tra poteri della esteriore consapevolezza di massa e la vostra voce interiore. Spesso vi siete disperati, perché avevate dimenticato chi siete. Quello che fu doloroso nella vostra infanzia e gioventù, ora si chiarificherà. Otterrete una comprensione nuova per i vostri genitori e per il fardello che portarono per voi e per i vostri figli. Questo libro è un risultato dei nostri Workshop e incontri, una risposta a tutte le domande, sorte durante la nostra cooperazione nell’anno del salto quantico 2007. È un libro per un sonno salutare. Sperimenterete che leggendo vi addormenterete di continuo: in questo modo espande il suo pieno effetto. Il libro viaggia su due binari: le immagini con i loro messaggi e i testi. Tutti fanno riferimento alla nostra “Nuova storia della creazione”, trasmessa nel 2006. Se non la conoscete, molte cose vi rimarranno incomprensibili. Acquisitela gratuitamente da KRISTALLMENSCH.net. Questo libro non è un romanzo da leggere velocemente, ma una raccolta di meditazioni salutari che dovreste godervi in piccole porzioni. Utilizzatele per voi stessi e per altri. Leggete molto lentamente i testi di meditazione. Sono giunti nel rilassamento profondo e sono stati leggermente modificati. Una gran forza spirituale affluisce con loro. Mettete delle pause appropriate tra frasi e capitoli, lasciate fluire liberamente il vostro Spirito e con le parole lasciate scorrere il vostro amore. Questo libro è adatto a lavori di gruppo nell’ambito spirituale e terapeutico, perché è cresciuto in gruppi simili. Il nostro amore affluisce con ogni parola a voi. Noi siamo Ariel, Gabriele, Michele e Metatron Jean-Pierre e Sabine. Spiegazioni del libro di Arcangelo Michele 10 Apertura dei Portali tramite immagini 14 Apertura dei Portali tramite cifre 14 Apertura dei Portali tramite parole 17 Apertura dei Portali tramite il sonno salutare 19 L’anatomia della meditazione Apertura dei Portali nel corpo e nella consapevolezza Prima Serie: IL SALTO QUANTICO 21 Le immagini e i loro messaggi 22 Nascita del fuoco – Apocalisse e processo Corpo di Luce 25 Rivelazione – Seconda nascita sulla Terra 28 Insegnamento – Nelle sale del trapasso 27 Riflesso – Nascita della Terra nuova 34 Vie dimensionali – Portali tra i mondi 37 Fusione terrena – La Terra va dal Cosmo 39 Fusione cosmica – Il Cosmo va dalla Terra 43 L’Ostrica – Settembre 2007 46 Profezia – La vita dopo 51 Testi e Trasmissioni 52 Creazione attraverso la Crocifissione 52 1) Centro creativo Cuore 55 2) Centro creativo Testa 58 3) Centro creativo Pancia 60 4) Cristallizzazione dei centri creativi 63 Resurrezione all’inizio del tempo cristallino 66 Il Portale verso la sicurezza vera 69 Il Portale delle famiglie 5 Seconda Serie: CORPO DI CRISTALLO 73 LE IMMAGINI E I LORO MESSAGGI 74 Conchiglia del cuore – Nascita del nuovo presente 77 Ghiandole surrenali – L’acqua della vita 80 Pancreas - Gorgo di Luce 80 Danza cellulare - Ascensione dell’Oscurità 85 Chakra sacrale – La corona galattica 88 Tinnite – La voce interiore 91 Colonna vertebrale – La danza della vita 94 Epifisi – La Fenice che ascende 97 Cuore-Timo – La danza dei Bambini nuovi 101 Testi e Trasmissioni 102 I Portali, AMORE, COMPASSIONE e GRATITUDINE 105 Il Luogo separato 108 Il Luogo che temo 110 I Portali della morte 110 1) La creazione di tirannia e vittimismo 112 2) Il Portale dei tiranni e delle vittime 115 3) Forza vitale e forza mortale 118 4) Cristallizzazione della forza mortale 120 I Portali delle anime gemelle 120 1) L’Essere femminile - maschile dell’inizio 123 2) Le fiamme delle Anime Gemelle 127 3) L’espansione delle Anime Gemelle 130 La Colonna di Luce cristallina di gruppo...
---------------------------------
Titolo: APPUNTI DI AYURVEDA
Libro intro: L?AYURVEDA rappresenta il dono più prezioso della Civiltà Vedica, fiorita in India molte migliaia di anni or sono. Essa è giunta fino a noi tramandata da innumerevoli generazioni di studiosi e ricercatori che avevano a cuore il benessere collettivo. L?Ayurveda è attualmente oggetto di attenzione e ricerca da parte della comunità medica internazionale. ...
---------------------------------
Titolo: ARCANI DEL POTERE
Libro intro: DI E. ZOLLA Il testimone immaginario «Se il discorso deve oggi rivolgersi a qualcuno, non è già alla cosiddetta massa né al singolo, ma piuttosto a un testimone immaginario, a cui lo lasciamo in eredità perché non scompaia interamente con noi.» Così si chiude graziosamente uno dei paragrafi della Dialettica dell'illuminismo, l'opera maggiore di Max Horkheimer e Theodor Wiesengrund Adorno, edito ora da Einaudi. Dinanzi a questa riflessione di due marxisti «speculativi » un marxista rimasto militante esclamerebbe: «Ecco come ci si riduce quando si esce dai ranghi. Ci si balocca con presenze immaginarie!». Dal canto suo un metafisico (che i due autori con voci esagitate denuncerebbero come un «rudere» e un «reazionario») riderebbe di cuore vedendoli costretti dalla forza immanente del pensiero a «immaginare» di dialogare con un interlocutore dedotto dalla metafisica. H tema del libro è la paranoia in cui è costretta a svolgersi la ragione umana, una volta sciolta da ogni tutela metafisica: con l'èra dei totalitarismi e dell'industria culturale, il sogno di libertà e prosperità degli inizi dell'illuminismo si svela un incubo letale. L'uomo che ha voluto sottomettere la natura diventa schiavo d'un apparato cieco, un atomo sociale votato all'inganno o alla disperazione: la scienza non è liberatoria perché vive dell'accecamento verso tutto ciò che esclude. È una questione assai intricata quanto il marxismo dei coautori si concili con questa prospettiva cui oggigiorno i liquidatori del pensiero non concedono il beneficio di una refutazione (che si teme impossibile) ma soltanto il marchio di essere «reazionaria». Il marxismo è per loro uno strumento di critica, e quel che gli importa davvero è la critica in sé e per sé: in fondo, a leggere una pagina scritta da Gramsci durante la rivoluzione sovietica, si vede come per lui le cose stessero allo stesso modo, gli premeva soprattutto il rivolgimento perpetuo, la sovversione incessante, il flusso magmatico delle cose, e per questo gli serviva il marxismo, ma perfino il futurismo, come egli dimostra, gli poteva venire a taglio. Analogamente Adorno e Horkheimer citano perfino Nietzsche come autore a loro consentaneo. Gramsci però non avrebbe saputo che farsene dell'apparato ideologico rivoluzionario senza un'attività politica, mentre Adorno e Horkheimer, ostili alle «democrazie popolari» in Occidente, hanno rinunciato a ogni azione, sostituendo al proletariato l'idea della pura negatività. Parecchio tempo è passato dal 1947 quando usci l'edizione tedesca, ma il libro non ne risente più di tanto perché le sue idee sull'industria culturale non sono state minimamente assimilate dal pubblico, anche se c'è da dubitare che certe concezioni del mondo arcaico che si affacciano nell'opera potrebbero essere riproposte oggi dopo una lettura di Lévi-Strauss (per non dire di Marius Schneider). E forse ormai i due pensatori sorriderebbero di certe loro illazioni gratuite benché tortuose, come questa: che per il cultore di bobbies «fare ciò che per lui è superfluo è la prova di quanto siano al suo servizio quelli che per vivere permettono a lui di trastullarsi coi suoi hobbies». La tesi principale dell'opera si dirama in alcune subordinate: che l'Odissea è la vicenda del primo illuminista alle prese con le figure della storia primordiale (Ulisse), che il marchese de Sade è il teorico più coerente e schietto della Rivoluzione e della morale antimetafisica...
---------------------------------
Titolo: ARCHIVIO DI STORIA DELLA CULTURA
Libro intro: René Guénon...
---------------------------------
Titolo: ARCOBALENO
Libro intro: Capitolo 1: Chi sono gli Spiriti-Guida. Capitolo 2: La Psicanalisi. Capitolo 3: L?incontro. Capitolo 4: La libertà. Capitolo 5: Il piacere e il dovere. Capitolo 6: La legge, la morale. Capitolo 7: L?Inizio. Capitolo 8: Dall?io al Sé. Capitolo 9: Il corpo e l?Anima. Capitolo10: Elevare la Coscienza. Capitolo11: Il Cristo. Capitolo 12: La sofferenza. Capitolo 13: La Verità Capitolo 14: Il Futuro Capitolo 15: Vivere con il Cuore Capitolo 16: L?incontro col Doppio Capitolo 17: Il Bene e il Male Conclusione INTRODUZIONE Immaginate per un attimo di incontrare un amico, un vero Amico, di quelli insomma a cui affidereste senza troppo esitare le chiavi del vostro cuore ed immaginate che questo vi capiti all?improvviso, senza preavviso, come un lampo di luce nel Cielo che inaspettatamente rischiara l?oscurità in cui vi trovate. Immaginate inoltre che egli vi chieda di seguirlo in un cammino difficile, oscuro e del tutto imprevedibile, un cammino di luce, di cui però soltanto lui conosce le coordinate e le vie transitabili?.! Beh, come reagireste? Pensateci davvero soltanto per un attimo e poi?continuate pure a leggere! Per quanto mi riguarda, fui molto titubante all?inizio e non diedi molto peso alla prima chiamata di questo strano Amico, ma poi, alla seconda ?? La mia amica ?Canale? Fabiana mi riportava fedelmente e con amore, dei preziosi ed incomprensibili messaggi da parte del mio Amico ed io ne prendevo nota sempre con grande considerazione e scrupolo e con l?idea che prima o poi (meglio poi..) avrei risposto e sarei andato da lei per parlare con Lui. Un giorno finalmente, decisi di recarmi da Fabiana e dal suo compagno L. per provare quella che si sarebbe rivelata una sconcertante esperienza! Dopo tutto, mi dicevo, anche Jung parla della ?Scrittura Automatica? e ne sostiene la validità, anche se poi ne attribuisce la reale natura, all?esistenza di figure autocreate presenti nell?Inconscio, con le quali è possibile e talvolta auspicabile colloquiare. In altre parole, secondo lui, nel nostro Inconscio, si creerebbero autonomamente delle personalità appartenenti a noi, ma individualizzate, con le quali appunto, tramite Canali (persone in grado di tramutare in parole, dei messaggi provenienti dall?Inconscio), si potrebbe parlare al fine di recepirne i messaggi e portare alla coscienza dei contenuti che altrimenti rimarrebbero sepolti nell?oscurità. E?uno dei modi, sostiene Jung, per entrare in contatto con l? Inconscio e ?rubargli? spazio a favore della Coscienza. Mitica lotta tra Luce e Tenebre per il predominio dell?Io! ?-Ma certo, si tratta soltanto di Inconscio? mi dicevo; eppure non mi convinceva molto il fatto che queste figure si autocreassero! Che vuol dire autocrearsi? In seguito a quale trauma o evento? E perché anche gli individui ?sani? avrebbero al loro interno figure come queste, pronte a sciogliersi in interminabili colloqui? Mah, non ero uno psicanalista, per cui pensavo che a queste domande qualcun altro, più preparato di me, avrebbe saputo rispondere; a me restava comunque un dubbio non risolto, né mi sembrava del tutto convincente la spiegazione che ne dava Jung. Così decisi di andare dal ?Canale?, se non altro per capire meglio ciò che mi appariva così poco chiaro. Fabiana, mia cara amica e, appunto, persona in grado di praticare questo tipo di scrittura ( Canale), fu molto felice di vedere che avevo risposto alla chiamata; così dopo aver scambiato alcune parole sull?argomento, decidemmo di iniziare la scrittura. Cominciò a parlare e più parlava, più mi sentivo emozionato, anche se rimanevo perplesso di fronte al fatto che di tanto in tanto Fabiana si fermava per fumare una sigaretta, per rilassarsi chiacchierando o per bere un bicchier d?acqua; le luci poi, così forti?, non sarebbe stato meglio un po? di penombra? E l?incenso, dov?era l?incenso? E le immagini sacre, che so, magari un crocefisso o almeno qualche ?santone?, così tanto per dare un tocco di sacro a questa esperienza, che Fabiana sentiva essere molto più che una semplice ?Scrittura Automatica?? Beh, lo confesso, ero scettico, piuttosto scettico, ma il mio scetticismo non mi impediva di ascoltare e domandare a questa Guida Luminosa che parlava attraverso Fabiana, spiegazioni su di me e su argomenti riguardanti?l?Oltre?, l?ignoto, lo sconosciuto..! Mi servii dal principio dell?intelletto, della razionalità, della logica, perfino del noioso ma rassicurante ?buon senso?, per mettere alla prova questa Essenza che parlava e per capire ciò che diceva. Eppure non riuscivo ad intenderne perfettamente i contenuti, qualcosa mi sfuggiva sempre o non era abbastanza chiaro per me; così, dietro consiglio del mio nuovo Amico, decisi di abbandonare un po?, soltanto un po?, la mia testa e di aprire di più il cuore, di cercare di sentire ciò che mi veniva detto. E poco a poco tutto sembrò più chiaro, il Cielo della comprensione cominciava a rischiararsi...
---------------------------------
Titolo: ARMONIZZAZIONE ENERGETICA E FISICA QUANTISTICA
Libro intro: In questi anni, lavorando con l’energia, più portavo attenzione a quello che accadeva a livello energetico, in me prima di tutto, e poi nelle persone trattate con il metodo dell’Armonizzazione Energetica, più mi capitava di sperimentare alcune costanti nel comportamento di questa che non lasciavano adito a dubbi: l’energia ‘funziona’ così, inspiegabilmente per la mente, forse, ma in maniera chiara e ripetibile per chi ne fa esperienza! Mi sono poi trovata immersa in alcune letture in cui si parlava proprio di energia2 e con mia sorpresa ho assistito a descrizioni diverse ma risonanti di fenomeni simili; finché ho cominciato a notare anche, citati affianco ad alcune di queste descrizioni, nomi e definizioni scientifiche: lo stupore iniziale è stato altissimo, ammetto per via di un condizionamento personale (e non solo) che vedeva tutto ciò che è scientifico come assolutamente separato e diverso, se non contrastante, rispetto all’oggetto di osservazione del mio attuale percorso di ricerca! Eppure una sorta di curiosità fervida mi prese, in quel periodo, di saperne di più, e ogni volta era un’espansione di meraviglia nello scoprire come e quanto l’affermazione spesso ripetuta da insegnanti e studiosi secondo la quale “in questo periodo epocale gli scienziati stanno giungendo a conclusioni sulla natura del mondo dentro e fuori di noi che si avvicinano incredibilmente a quello che i mistici di tutti i tempi dicono da sempre” fosse reale, documentata e in qualche modo vera su larga scala! Fu un momento emozionante per me, ricordo che quello che provai fu proprio una sorta di integrazione, di rilassamento e di ampliamento di visione senza uguali, anche se questo non mi proveniva da una vera e propria conoscenza analitica, ma dal solo fatto di veder cadere una barriera fittizia e dolorosa creata, ancora una volta, dalla mia mente nonché da secoli di mente collettiva. In particolare, è la Fisica Quantistica la disciplina scientifica che oggi più rappresenta la possibilità di integrazione fra pensiero ‘occidentale’ e ‘orientale’ e che si pone come ponte fra queste due realtà, portando molti dei suoi studiosi nonché molti lettori alla comprensione e all’avvicinamento a quelle caratteristiche della via spirituale che tanto distante pareva fino a qualche decennio fa. E viceversa: infatti, oggi sempre più persone interessate alla natura delle cose e che si interrogano sulla totalità del reale, trovando finora risposte nella via del tao, vengono affascinate e richiamate dalle proposte sempre in movimento di questa disciplina e affini, e dalle possibilità di fusione fra i diversi punti di vista, che con ogni probabilità concorreranno a dare energia a questo salto ‘quantico’ in fieri, che (nonostante la proporzionale manifestazione dell’opposto) sempre più consapevolmente caratterizza la realtà collettiva. Per questo mi soffermerò sul tema in una breve panoramica. Specialmente, alcune delle conseguenze che questa ‘rivoluzione’ ebbe sul pensiero scientifico sono particolarmente interessanti e rivelatrici se messe in relazione con le teorie e le esperienze con le quali, avvicinandomi al mondo della meditazione e dell’energia, sono venuta a contatto negli ultimi anni: perciò, nei prossimi capitoli, dopo aver dato uno sguardo d’insieme al metodo di riequilibrio energetico analizzerò tre fenomeni considerati dalla fisica quantistica mettendoli in relazione con alcuni comportamenti dell’energia durante un trattamento OPH®, osservati direttamente nella pratica del metodo e supportati quindi soltanto dall’esperienza personale....
---------------------------------
Titolo: AROMATERAPIA USARE GLI OLI ESSENZIALI
Libro intro: Aromaterapia: prendersi cura di se stessi. Creare fragranze in grado di influire sull'umore è facile. Il primo passo è scoprire l'aroma preferito scegliendo tra gli oli essenziali estratti in modo naturale dalle piante. Alcuni profumi hanno il potere di far sentire più scattanti, altri rilassano, alcuni possono attenuare la depressione, altri creare un'atmosfera romantica. Lavanda: ha effetti benefici sui disturbi del sonno,infiammazioni, mal d'orecchie,influenza, indigestione, bronchite e ustioni solari. Svolge un'azione sedativa sull'umore. Ottimo come deodorante personale e degli ambienti. Timo:ha effetti antispasmodici sulle vie respiratorie, contrasta bronchite, sinusite, tosse, asma e aumenta le difese immunitarie. Alcune gocce nell'acqua del bagno contrastano l'affaticamento generale. Menta piperita:combatte mal di testa, punture d'insetti e febbre. Favorisce la digestione e la concentrazione. Indicata in caso di stanchezza mentale e raffreddore. Ginepro:usato nei casi di digestione lenta e nelle affezioni delle vie urinarie. Ha effetti benefici contro artrite, artrosi, cervicale, reumatismi e gotta. Sandalo:promuove calma e serenità. Tonico e afrodisiaco è anche un antisettico urinario e polmonare. Rosmarino:combatte la debolezza generale, le infezioni intestinali, i disturbi cardiaci nervosi e i reumatismi. Ylang-ylang e Rosa:calmanti,antisettici e afrodisiaci. Curano l'ipertensione e le infezioni intestinali. Calmano stati di pena e di depressione I migliori risultati si ottengono adoperando oli essenziali naturali. Confezionati in piccole boccette,quelli di qualità sono venduti nei negozi di alimenti naturali e nelle erboristerie (le fragranze floreali o fruttate presenti in prodotti commerciali,come candele profumate e potpourri, sono spesso artificiali...). Ecco come usarli. Pot-pourri:Creare la propria miscela. Raccogli o recupera fiori e parti verdi, tagliali poco prima che comincino ad appassire o a perdere colore. Distanzia le piante su un foglio di giornale per farle essiccare,oppure lega gli steli e appendile capovolte. Aggiungi alcune gocce di olio essenziale al tuo pot-pourri (3o 4gocce per un sacchetto di 50gr.) e poi sigillalo per tre-quattro giorni:gli oli impregneranno le piante e i fiori secchi. Il profumo del pot-pourri durerà per alcune settimane, ma quando si affievolirà ravvivalo con poche gocce versate direttamente sui fiori. Vapore:Profumare la casa Gli oli essenziali si diffondono velocemente dall'acqua in ebollizione in tutto l'ambiente per circa un'ora o due. Versa da tre a sei gocce di olio essenziale in un pentolino contenente 1/4di litro d'acqua e fallo bollire a fuoco lento. Spegni il fornello dopo circa tre minuti, quando si comincia a sentire il profumo. Se non disponi di oli essenziali, puoi far bollire ......
---------------------------------
Titolo: ARTE DI SOGNARE
Libro intro: Il sogno gioca un ruolo importantissimo nella nostra vita, basti considerare che passiamo circa un terzo della nostra esistenza nei reami della notte, dove visitiamo dimensioni fantastiche di cui ricordiamo ben poco da svegli. Il collegamento tra la vita di veglia e la vita trans-cosciente vissuta durante il sonno è misterioso ed oggetto di studi sia a livello filosofico e psicologico, sia a livello scientifico e medico, sia a livello spirituale, esoterico e magico (ad es. si annovera tra le pratiche divinatorie l’oniromanzia); ci auguriamo che in futuro tutti questi studi potranno ricongiungersi quando l’umanità sarà uscita dallo stato di sconnessione che caratterizza l’epoca attuale (Kali Yuga - Epoca Oscura) e si acquisirà nuovamente una Coscienza di Sintesi, nel frattempo cercheremo in questa sede di sintetizzare gli elementi essenziali per i nostri scopi. A livello scientifico si intende per sogno il fenomeno connesso in particolare alla fase di sonno R.E.M. (acronimo di Rapid Eye Movements: “movimenti rapidi oculari”) caratterizzato da onde cerebrali ad alta frequenza su tutto il territorio cerebrale e dall’apparire di suoni ed immagini mentali che determinano specifiche reazioni emozionali fisiologiche sul corpo. La fase R.E.M. dura circa 15-20 minuti e sopraggiunge subito dopo l'ingresso nella fase IV di sonno profondo, ed è denominata così per la comparsa di movimenti rapidi e apparentemente casuali dei bulbi oculari. In media vi sono quattro R.E.M. per notte e sperimentalmente si è visto che la deprivazione di sonno in queste fasi può condurre addirittura alla morte del soggetto; poiché a livello esoterico sappiamo che in queste fasi si sperimentano stati di coscienza non ordinari, possiamo considerare che la necessità di contattare realtà meta-fisiche (cioè al di là della dimensione fisica ordinaria ed orizzontale) sia una necessità basale per l’essere umano, legata alla sopravvivenza tanto quanto il nutrirsi o il respirare......
---------------------------------
Titolo: ASSOCIAZIONI ALIMENTARI
Libro intro: Una tavola con le associazioni alimentari, la classificazione dei cibi, la loro incompatibilità con altri tipi di alimenti ......
---------------------------------
Titolo: ASTROLOGIA CABALISTICA
Libro intro: L?astrologia cabalistica e i testi astrologici nella Bibbia e nella letteratura religiosa ebraica di Doron Zohar Colgo qui l'occasione per citare Rabi Yehuda Ashlag, uno dei cabalisti più nobili e rispettati scomparso nel 1955. Egli disse, a proposito della dinamica delle religioni e delle credenze, e della loro adattabilità allo spirito dei tempi moderni: "Se le nostre necessità non vengono soddisfatte, saremo spettatori di una società senza morale e così poco spirituale come mai nella storia dell'umanità". In un tempo di anarchia e capitalismo come quello in cui viviamo, dobbiamo prima di tutto trovare il modo di ricollegarci al comandamento - ama il prossimo tuo come te stesso. Questo comandamento è in stretto rapporto con l'Età dell'Acquario, sia nel senso di accettarci l'un l'altro sotto il profilo spirituale pur nelle nostre diversità, sia nel senso cabalistico di condividere ciò che abbiamo per avere di più, che è la legge sulla quale si basa la Cabala. E' motivo di grande emozione per me trovarmi oggi, fra tutti i luoghi del mondo, nella capitale dell'ultimo grande impero di Roma, che ospita questo incontro, lo stesso impero che condannò l'idea della Cabala durante il primo secolo - al tempo in cui Roma occupava la terra d'Israele. Dopo il severo divieto di Roma di studiare la Cabala, il Libro della Creazione fu perduto o, per essere più esatti, nascosto nelle cave cumerane del deserto di Giudea, nella regione del Mar Morto, per essere poi riscoperto soltanto nel 1270. Il più grande mistico e cabalista di tutti i tempi - Rabi Shimon Bar-Yochai - fu condannato a morte dai Romani soltanto perché praticava e insegnava la Cabala e fu obbligato a fuggire e a nascondersi in una cava a Pki'in, nella Galilea a nord d'Israele, per un periodo di 13 anni. Durante il suo isolamento, egli ebbe l'esperienza di un'unione divina con Abramo - il patriarca del giudaismo che scrisse il Libro della Creazione - e con il profeta Eliahu. Dalla meditazione e dagli insegnamenti di Bar-Yochai venne alla luce il libro più profondo e significativo della Cabala - lo "Zohar". Oggi vorrei parlarvi di alcune fra le scritture più antiche a noi conosciute, le cui origini risalgono a più di 4000 anni fa - Il Libro della Creazione, che viene attribuito ad Abramo. Si tratta proprio di quelle scritture che andarono perdute, come si è detto, durante il primo secolo. Il loro ritrovamento diede nuovamente origine alla disputa fra le tendenze progressiste e conservatrici dei rabi - e cioè se esse dovessero essere rivelate a tutti. Questo dibattito continuò ed in un certo senso si può dire che è ancora in corso. Un perfetto esempio di come oggi il potere dei simboli possa contenere l'essenza di così tanti modelli di vita, di vettori di energia e verità nascoste, sta nella famosa formula E=MC2, breve ma densa di significato. Chi di noi usa il linguaggio astrologico conosce già questa specie di dialetto simbolico ed utilizza anche la combinazione di segni, case, angeli, governatori ecc. per creare delle formule esistenziali. Il Libro della Creazione contiene soltanto un centinaio di parole, eppure racchiude al suo interno tutta la saggezza e l'intelligenza che precede l'atto della creazione. La saggezza nella Cabala è quella qualità che "fa vedere le conseguenze delle proprie azioni".......
---------------------------------
Titolo: ATTENZIONE IL CORPO TI PARLA
Libro intro: Viviamo in un'era in cui si pone una grand’attenzione alla salute del corpo fisico. Negli ospedali i medici tendono a prescrivere un numero spesso esagerato d’indagini strumentali per giungere alla diagnosi partendo dal sintomo fisico; la maggior parte delle grandi compagnie industriali provvede a far eseguire un check-up annuale ai propri dipendenti; si moltiplicano le industrie farmaceutiche e anche le "cliniche del benessere", ove si fa il punto dello stato di salute e si somministrano terapie di ogni genere alla ricerca di uno stato di salute perfetta e duratura. Ma qual è il vero significato della malattia? Si tratta veramente, come molti credono, di una sciagura che si abbatte su di noi perché siamo particolarmente sfortunati, o, peggio ancora, di una punizione divina per le nostre manchevolezze? Per rispondere a questa domanda, è forse opportuno ricordare che la nostra totalità non è costituita unicamente dal corpo fisico con cui ci manifestiamo in questa forma terrena. Se così fosse, apparterremmo alla dimensione dei minerali. Riccardo Annibali...
---------------------------------
Titolo: ATTRAVERSO GLI OCCHI DEI MAESTRI
Libro intro: SOMMARIO 4 RITRATTI 5 ATTRAVERSO GLI OCCHI DEI MAESTRI 6 PREFAZIONE ALLA SECONDA EDIZIONE 7 PREFAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE 8 NUOVI METODI PER UN?ERA NUOVA 9 INTRODUZIONE 10 RISCOPERTA DI ANTICHE VERITÀ 10 LA SCIENZA DEL RAJA YOGA 11 PERFETTA COOPERAZIONE TRA I MAESTRI 13 MAESTRI E DISCEPOLI 14 L?AUTORE DEL LIBRO 14 I RITRATTI ED IL TESTO 15 IL RISHI DEI MONTI NILGIRI 17 IL MAESTRO MORYA 20 IL MAESTRO KUT-HUMI 22 IL MAESTRO GESÚ 25 IL MAESTRO HILARION 28 IL MAESTRO VENEZIANO 31 IL MAESTRO SERAPIS 33 IL MAHACHOHAN 36 IL SIGNORE MAITREYA 38 APPENDICE ALLA TERZA EDIZIONE 41 IL CICLO OSCURO DI MARTE 41 INFLUSSO DEI DIVERSI PIANETI 42 J RAMSAY MAC DONALD 43 L?ASPETTO PIÚ RIMARCHEVOLE 43 HITLER E MUSSOLINI 43 SATURNO IN ARIETE 45 SATURNO IN X CASA 45 di DAVID ANRIAS...
---------------------------------
Titolo: AUM - AGNI YOGA
Libro intro: AUM - AGNI YOGA ...
---------------------------------
Titolo: AUM - SEGNI DELL'AGNI YOGA
Libro intro: Segni dell’Agni Yoga Fin dall’inizio del lavoro fate in modo che la vostra azione non perda di vigore. Per ignoranza si può dar spazio a pensieri che indeboliscono e impediscono l’espandersi della coscienza. Ma ricordate la Forza Fondamentale. Ricordate i principi di quella che è la Fonte del progresso instancabile. Sovente accade di dimenticare quel Principio che tutto dà. Fate dunque appello a tutta la vostra attenzione per saturarvi della Forza Fondamentale. AUM...
---------------------------------
Titolo: AVATARA DI ANNIE BESANT
Libro intro: Quattro conferenze tenute al raduno del ventiquattresimo anniversario della Società Teosofica ad Adyar, Madras, dicembre 1899. Contenuti: Cos’è un Avatara La Fonte e la necessità di Avatara Alcuni Avatara Speciali Shri Krishna...
---------------------------------
Titolo: AYURVEDA CONCETTI BASE
Libro intro: Cos'è l'Ayurveda? Oltre 5000 anni fa si sviluppò un sistema curativo meraviglioso e completo chiamato "Ayurveda". Tale termine, che deriva dalla parola ?Ayu? che significa Vita e ?Veda? che significa Conoscenza, ha un contenuto che va oltre a quello di sistema curativo. Infatti racchiude in sè l'Arte e la Scienza del vivere. Questa scienza olistica è unica in quanto, oltre a curare gli squilibri del corpo, si occupa anche degli squilibri relativi alla mente e allo spirito. Seguire in maniera corretta i Principi Ayurvedici può aiutare a mantenere giovane la propria salute. L'Ayurveda affonda le proprie origini nel "Charak Samhita" un trattato che risale a 3.500 anni fa, che, a sua volta, si basava sul "Agnivash Samhita", l'opera più antica di quei tempi che risaliva a migliaia di anni addietro. Di base, l'Ayurveda si propone di diffondere una qualità di vita migliore, agendo non soltanto sul corpo ma anche sulla mente e l'anima. Il Charak Samhita si suddivide in otto branche che comprendono tra l'altro il Ringiovanimento, la Cura delle malattie, la Chirurgia maggiore e minore, la Tossicologia, gli Afrodisiaci, etc. Uno dei rami dell'Ayurveda che si occupa della guarigione delle malattie, chiamato "Kaya-Chikitsa" è strutturato in maniera organica secondo terapie, patologie, anatomia, fisiologia, farmacologia, etc. E' a conoscenza di pochi il fatto che molte recenti scoperte mediche erano già state oggetto di studio nell'Ayurveda più di 5.000 anni fa: per esempio, lo studio di geni e cromosomi era già stato affrontato e spiegato a fondo da questa antica medicina indiana. Secondo l'Ayurveda, l'Universo, il Macrocosmo, il Microcosmo e l'Essere Umano sono parti del Panchmahabhoot, i 5 elementi fondamentali: Terra, Acqua, Fuoco, Aria ed Etere. L'equilibrio di questi 5 elementi assicurano la vita in questo Universo e in ogni essere vivente; così un eccesso di calore (Fuoco) nel pianeta Mercurio, che è il più vicino al sole, o la mancanza di calore (Fuoco) nel pianeta Plutone, che è il più lontano, impedisce qualsiasi forma di vita come, d'altronde, accade sulla Luna per la mancanza di Aria.......
---------------------------------
Titolo: AYURVEDA E IDEOLOGIA DELLA LIBERAZIONE
Libro intro: Le differenti scuole del pensiero indiano hanno quasi tutte un punto in comune: il fine della ricerca. Se le visioni del mondo possono divergere, ed anche di molto, se vi è pluralismo di vedute sull’esistenza di Dio, tuttavia l’obiettivo ultimo dell’indagine è sempre invariabilmente il medesimo: la liberazione. Le vie possono differire, ma puntano tutte verso la stessa destinazione: la dipartita definitiva ed incondizionata dal mondo. E l’Ayurveda non fa eccezione: è un biglietto di sola andata, un metodo scientifico per preparare l’individuo ad uscire nel migliore dei modi dai limiti dell’esistenza terrena. Ernesto Iannaccone...
---------------------------------
Titolo: BASI TEORICHE DEL QIGONG
Libro intro: Il Qigong e sua differenza con altre pratiche fisiche. In un censimento del gennaio 1988 è stato calcolato che circa 20 milioni di cinesi praticassero Qigong, e questo impressionante numero è oggi sicuramente molto maggiore. Sempre secondo censimenti e dati di diversi studiosi, sono presenti in Cina da 3.000 a 40.000 scuole di Qigong, per un totale di almeno 470 metodi differenti. In ogni tipo di Qigong ci sono tre componenti essenziali: postura e movimenti, tecniche respiratorie, visualizzazione e concentrazione. I praticanti di agopuntura che si muovano attorno al corpo del paziente in modo “centrato”, respirino in modo regolare, e visualizzino il percorso dell’energia nei canali e la concentrazione di essa in determinati punti, allora si possono definire dei praticanti di Qigong. Anche alcuni metodi di preghiera si può considerare una forma di giqong, perché li si praticano in una determinata postura, il respiro diventa regolare e calmo, vi è una visualizzazione. La scienza del Qigong è una componente essenziale della Medicina Tradizionale Cinese (MTC) nel suo aspetto di Qigong medico, ne rappresenta in maniera specifica la “medicina psicosomatica”, attraverso lo studio e l’abilità raggiunta (gong) nel muovere l’energia vitale (qi). Il Qigong è una disciplina sperimentale, pratica, non soltanto intellettuale. Lo si deve praticare per apprezzarne realmente gli effetti. Gli esercizi sono introdotti in modo graduale, e l’esperienza dimostra che i migliori risultati si ottengono praticando pochi esercizi, e affiancandone altri solo dopo un periodo di pratica sufficiente per padroneggiare i primi. Il primo passo è quello di raggiungere uno stato di rilassamento profondo, senza però entrare in trance; in altre parole, la coscienza resta perfettamente lucida, ma la mente è focalizzata su un solo punto. Non ci dovrebbero essere distrazioni, pensieri depressivi o preoccupazioni. Attraverso questo stato d’animo si passa ad una sensazione di piacevole tranquillità e benessere. Bisogna aggiungere che in alcune Scuole di Qigong il raggiungimento di uno stato di fatica anche notevole, e il suo superamento, sono usati e finalizzati al raggiungimento di un grado superiore di “volontà” che permette una pratica più assidua....
---------------------------------
Titolo: BIBBIA VERSIONE 2008
Libro intro: BIBBIA VERSIONE 2008...
---------------------------------
Titolo: BIMBI SANI CON CIBI VEGETALI
Libro intro: È possibile crescere dei bimbi sani con una dieta a base di cibi vegetali ? di Stefano ?Fox_Mulder? Esposito L'alimentazione vegana per i bambini è ricca e completa, e compatibile quindi con un normale sviluppo psicofisico. I 5 gruppi alimentari su cui si basa l'alimentazione vegana, e cioè cereali, legumi, verdura, frutta, frutta secca e semi oleaginosi apportano carboidrati complessi, proteine, vitamine e minerali, acidi grasso mono e polinsaturi, oltre a sostanze presenti solo nel regno vegetale come fibre, sostante fitochimiche e antiossidanti [1]. Ogni giorno vengono scoperti nuovi antiossidanti e la quantità di studi scientifici a supporto del loro potente effetto anti-invecchiamento e anti-cancerogeno sta continuamente crescendo [2]. I cibi animali, con il loro apporto di grassi totali, grassi saturi, colesterolo e lo sviluppo durante la cottura di sostanze cancerogene come le amine eterocicliche [3,4,5,6,7] andrebbero limitati e ancor meglio eliminati, al fine di garantire ai neonati una crescita e uno stato di salute ottimale per tutta la vita. I prodotti animali non hanno nulla che non sia presente anche nel regno vegetale, ad eccezione della vitamina B12; per contro, hanno caratteristiche nutrizionali come l'assenza di fibre, carboidrati, antiossidanti e sostanze fitochimiche, la mancanza di importanti vitamine e un'eccessiva quantità di proteine animali e di aminoacidi ricchi di zolfo, che favoriscono lo sviluppo delle più comuni malattie tipiche dei paesi industrializzati: le malattie cardiovascolari, alcuni tipi di tumore, il sovrappeso-obesità, il diabete, l?ipertensione e l?osteoporosi. Vecchi e recenti scoop giornalistici relativi a casi di bambini vegani malnutriti, riportano alla luce il dibattito sull'adeguatezza delle diete vegane per l'intero ciclo vitale, e in particolare per l?infanzia, facendo puntualmente emergere credenze, miti e posizioni errate e obsolete sull'argomento, soprattutto da parte di nutrizionisti e di medici palesemente non aggiornati... scarica il file ......
---------------------------------
Titolo: BLOCCHI PSICOSOMATICI E CHIUSURA DEL CUORE
Libro intro: LE TRE CAUSE E I TRE LIVELLI DEI BLOCCHI PSICOSOMATICI • I blocchi nascono da eventi che stimolano tre principali meccanismi psicosomatici di difesa e reazione: • La prima origina dalla paura fisica (di morire, del dolore, ecc.) che provoca reazioni di difesa istintive ancestrali (attivazione dell’asse dello stress, cervello rettile, produzione di adrenalina, noradrenalina, cortisolo e dopamina). • La seconda origina dalla privazione dell’amore, che provoca reazioni di difesa affettiva-relaionale che (oltre alle reazioni da paura) coinvolgono funzioni neuropsichiche del cervello mammifero (emisfero destro, sistema limbico, dopamina, ossitocina). • La terza origina dal non riconoscimento di Sé che provoca reazioni di difesa cognitive profonde e globali......
---------------------------------
Titolo: BLOCCHI PSICOSOMATICI E LA CHIUSURA DEL CUORE
Libro intro: convegno di Psicosomatica PNEI: il Cervello Emotivo I BLOCCHI PSICOSOMATICI E LA CHIUSURA DEL CUORE Dott. Nitamo Federico Montecucco hiusura del Cuore: gli effetti psicosomatici La “chiusura del cuore” è un termine che in ogni cultura del mondo rappresenta l’esperienza universale del dolore affettivo, legato alla mancanza d’amore o all’amore perduto. La chiusura del cuore si manifesta con tristezza, mancanza di gioia, desiderio e di senso della vita (Ikigai)....
---------------------------------
Titolo: BONSAI - GUIDA
Libro intro: In questa sezione: - Luce e Acqua - Rapporto luce-acqua - Dove posizionare i Bonsai - Luce - Acqua - Potatura - Educazione - Concimazione - Rinvaso e Terra - Malattie - Propagazione...
---------------------------------
Titolo: BREVE INTRODUZIONE ALLA MEDICINA PSICOSOMATICA
Libro intro: La psicosomatica, come settore della medicina teso ad avvicinare l’uomo nella sua unità, è nata da una doppia matrice: quella degli psichiatri e degli psicanalisti che hanno riscoperto il valore integrante del corpo e quella degli internisti che hanno riscoperto la psiche e la sua interferenza con le funzioni del corpo. Questa doppia matrice ha riportato i vari studiosi, a seconda della loro matrice di partenza, a privilegiare o le ripercussioni psicologiche dei disturbi somatici (psicanalisti e psichiatri) o le ripercussioni somatiche dei fenomeni emotivi (neurofisiologici e internisti). Se però partiamo dal presupposto che in natura psiche e soma, spirito e materia, rappresentano due epifenomeni di una identica unità, appare subito evidente come il termine stesso di psicosomatica, mentre da un lato sembra riassumere una visione unificatrice, non fa altro che sottolineare ulteriormente un orientamento dicotomico: “non si può riunire ciò che non è mai stato separato” (Raffaele Morelli – Dove va la medicina psicosomatica). Sostanzialmente esistono due linee di pensiero ben distinte: una che afferma l’unità mente corpo, l’altra che pur affermando questa unità finisce paradossalmente per riconfermare la separazione ed è molto semplice distinguere queste due posizioni, basta vedere se operano una differenziazione tra malattie psicosomatiche e malattie non psicosomatiche. Mi sembra importante in questo contesto la citazione che il Dott. L. O. Speciani fece al terzo congresso mondiale di Medicina a Roma nel 1975 dove, contrastando la nascita di una ulteriore iperspecializzazione nel campo della medicina, cioè quella del Psicosomatologo, affermò che “la Medicina è tutta psicosomatica, oppure non è Medicina”. Secondo alcune scuole “la Medicina Psicosomatica è quell’orientamento di pensiero che si oppone alla frammentazione specialistica in atto nella medicina attuale in nome di una considerazione più unitaria del problema della malattia e dei rapporti mente – corpo in generale”. Le impostazioni metodologiche che considerano separatamente la dinamica dei fattori organici e dei fattori psichici e solo in un secondo momento tentano di porre in relazione le due sfere, ripropongono nella mitologia stessa utilizzata la frammentazione che intendono superare. Ciò significa accentuare ulteriormente la separazione degli aspetti somatici da quelli mentali, mentre soltanto l’approccio unitario del problema ne può permettere l’effettiva comprensione....
---------------------------------
Titolo: BREVI PENSIERI CHE FANNO PENSARE
Libro intro: A chi bussa sarà aperto 4 Tutti saranno ammaestrati da Dio 5 Oltre lo spazio e il tempo, oltre la morte 6 L’amore e l’odio 8 Perdonare è conveniente 10 I sogni non sono pura fantasia 11 Tutto e tutti siamo un sogno di Dio 13 La vita dei sogni, la vita da svegli 15 La scelta onesta 18 La perfetta letizia 20 Tutto è vita 22 L’uomo è cieco 23 L’uomo è sordo 26 Lo spirito vede e sente 29 Il superbo 31 L’umile 33 L’infelicità 34 Il rimedio all’infelicità 35 Il tempo è eterno 37 L’invidioso 39 Il non invidioso 40 Un puro di cuore: Francesco d’Assisi 41 Chi crede in me, ha la vita eterna 43 Omaggio a Immanuel Kant 45 Uno strano pensiero fugace 46 2 La fantasia nella fantasia di una bimba 48 Una stranezza della logica 49 L’inferno esiste, l’inferno non esiste 51 Giuda Iscariota, diavolo o santo? 55 Gloria e miseria del corpo fisico 58 Dalle stelle alle stelle 60 La violenza della morte 63 L’ateismo, negazione delle negazioni di Dio 65 Un buco nero nel cuore di Dio 67 La morte, un camuffamento della vita 70 Oltre il tutto è Dio: i limiti del panteismo 73 Andavano, un dì, Giuseppe Maria e il Bambinello 76 La gratitudine e l’ingratitudine 78 La vita è maestra di vita 80 Tutti saranno ammaestrati da Dio 81 Brevi lampeggiamenti interiori 82 Proverbi, motti, sentenze, aneddoti, curiosità 87 PARTE SECONDA PICCOLI FIORI RACCOLTI LUNGO LA VIA Francesco d’Assisi, il poeta di Dio e delle sue creature 98 Il dolore 99 Dal letto di morte 103 Messaggi dalla tomba 105 Cristo algebrico 107 Non più latino classico, non ancora italiano perfetto 108 La morte incorruttibile 113 La morte ineluttabile 114 Il tempo scandito 115 Il tempo ha i suoi tempi 117 Sigle cristiane, più note e meno note 119 Oltre, sempre oltre 122 Pensieri in rime 123 Son parole di Cristo 125 AUTORE : UMBERTO CINQUEGRANA...
---------------------------------
Titolo: CABALA E VEDANTA - FORME TRADIZIONALI AL CONFRONTO
Libro intro: Introduzione Scopo di questo breve saggio è quello di mettere in evidenza alcune delle relazioni che sussistono tra Cabala ed Advaita Vedanta. Prima di andare oltre è necessario che il lettore tenga a mente un fattore di fondamentale importanza. Molte volte la storia dell?esoterismo ha assistito a tristi battibecchi tra illustri maestri (o supposti tali) in merito a quale fosse la via più ?vera? e che naturalmente risultava sempre la propria. Lungi da noi voler dare adito a simili illazioni. La Tradizione è Una. Ogni sincero ricercatore della Verità deve tenerne sempre conto. Ciò che differenzia una Via dall?altra è solo il metodo o i punti di vista: saranno pertanto questi gli argomenti di questa breve dissertazione. Il Vedanta ?Ma tra mille persone, poche si sforzano di arrivare alla perfezione e di quelle che sforzandosi si avvicinano alla perfezione solo una riesce a conoscermi nell?essenza? (Bhagavad Gita: VII, 3.) Cenni Storici Il Vedanta è uno dei sei sistemi ortodossi (darshana) della filosofia indiana, nonché quello che costituisce la base della maggior parte delle scuole moderne dell'Induismo. Il termine Vedanta significa in Sanscrito "la conclusione " (anta) dei Veda, la letteratura sacra più antica dell'India; si utilizza in riferimento alle Upanisad, che erano elaborazioni dei Veda ed alle scuole nate dallo studio (mimamsa) delle Upanisad. Così per Vedanta si intende anche il Vedanta-Mimamsa (riflessione sul Vedanta), Uttara- Mimamsa (riflessione sulla parte finale dei Veda) e Brahma-Mimamsa (riflessione sul Brahman). I tre testi fondamentali del Vedanta sono: le Upanisad (le più note, ampie e antiche delle quali sono la Brhadaranyaka, la Chandogya, la Taittiriya ed la Katha); il Brahma-sutras (anche denominato Vedanta-sutra), che sono anche delle brevi, persino singole interpretazioni di una sola parola della dottrina del Upanisad; ed il famoso dialogo poetico, la Bhagavadgita (Canzone del Divino), che, per l'immensa popolarità, è considerato realizzato a supporto delle dottrine delle Upanisad. Nessuna interpretazione dei testi è prevalsa sulle altre e parecchie scuole Vedanta si sono sviluppate, differenziate dalla loro concezione della natura, della relazione e del grado di identità fra il Sé individuale (jiva) e l'Assoluto (brahman). Queste spaziano dal non-dualismo (Advaita) VIII secolo del filosofo Samkara, al teismo (Vishistadvaita) XI-XII secolo di Ramanuja, al dualismo (Dvaita) XIII secolo di Madhva. Tutte le scuole Vedanta, tuttavia, mantengono in comune un certo numero di principi: - la trasmigrazione del Sé (samsara) e l' opportunità della liberazione dal ciclo delle rinascite; - l'autorità dei Veda sulle modalità di liberazione; - che il Brahman è sia la causa materiale (upadana ) che quella strumentale (nimitta ) del mondo; - che il Sé (atman) è l' agente dei propri atti (karma) e quindi il destinatario dei frutti o delle conseguenze delle azioni (phala). L' influenza del Vedanta sul pensiero indiano è stata profonda, di modo che si può dire che, in una o in un?altra delle sue forme, la filosofia indù è diventata il Vedanta. A causa della preponderanza di testi Advaita, in Occidente si ha spesso l'errata convinzione che Vedanta significhi Advaita, mentre questa corrente non-dualistica è solo una delle molte scuole vedantine, benché forse la più importante. Il primo maestro che espose la verità upanisadica della non dualità in un'opera pervenuta fino a noi fu Gaudapada. Tuttavia il nome più illustre nella storia della tradizione dell'Advaita è quello di Samkara. Il maestro che portò questo nome, il cui significato è "Dispensatore di Felicità ", fu discepolo di un discepolo di Gaudapada. La sua data della nascita è naturalmente un problema discutibile. È consuetudine fissarla nel 788 d.C. e fissare l?820 d.C. come anno di morte. Ma queste date sono state recentemente messe in discussione da alcuni che posizionano la sua vita molto più addietro (di circa 1500 anni). Samkara scrisse ampi commenti sui testi fondamentali del Vedanta, cioè le Upanisad, la Bhagavadgita e il Brahmasutra. Oltre a commentare la Mandukya-Upanisad spiegò l'opera di Gaudapada. Numerosi suoi manuali furono tradotti dal sanscrito in tamil da Sri Ramana, come Vivekacudamani, Drg-drsya-viveka e Atma-bodha....
---------------------------------
Titolo: CAMMINARE TRA I MONDI - COMPRENDERE LA TECNOLOGIA INTERIORE DELLE EMOZIONI
Libro intro: Uno dei più grandi doni che ci siano stati tramandati dalla tradizione degli antichi Esseni è un codice verbale che ci dà l?opportunità di affrontare con grazia le esperienze di vita che ci feriscono più profondamente. Questo codice relativamente oscuro nei tempi antichi e spesso discusso forse senza essere compreso nei tempi moderni è conosciuto come il DONO DELLA BENEDIZIONE. Attraverso il dono della benedizione ci viene chiesto di ammettere la possibilità che ogni evento che si svolge nel nostro mondo nelle nostre vite e alla nostra presenza abbia preso origine senza eccezioni, da una singola fonte di tutto ciò che esiste. Ci viene chiesto di ammettere la possibilità che esista una fonte di tutto ciò che è conoscibile durante l?esistenza umana e che, in quella prospettiva, qualunque evento accada, sia esso gioioso o doloroso, deve essere visto come parte dell?Uno, come parte del tutto di quella Fonte di tutto ciò che esiste. Nel momento in cui benediciamo un evento che ha ferito, o una persona che ci ha causato dolore o sofferenza affermiamo la natura divina o sacra di ciò che è accaduto, che è divina e sacra proprio perché esiste in virtù dell?Uno e come parte di esso. La benedizione è forse in assoluto uno dei più potenti codici vibratori che ci siano stati tramandati e raramente ci è stato mostrato come applicarlo. Il dono della benedizione rappresenta per noi l?opportunità di sbarazzarci delle cariche contenute nei nostri organismi e di procedere con le nostre vite. Testo di Gregg Braden...
---------------------------------
Titolo: CAMMINO DI SAPIENZA
Libro intro: cammino di sapienza di Nicholas Flamel, immortale alchimista francese. Il sapere ha vari mezzi per aprirsi la via nel cuore di un uomo. Talvolta un profeta si fa avanti e diffonde la sua verità. Talvolta una setta di mistici riceve l'insegnamento di una filosofia, come pioggia in una sera d'estate, la raccoglie e la diffonde attorno con amore. O può anche accadere che, un ciarlatano, realizzi giochi di prestigio o trucchi davanti ad uomini esterrefatti, e produca nell'animo altrui, senza neppure sapere come, un raggio di vera luce dai riflessi magici ed illuminanti. Nel XIV secolo, la verità pura dei maestri era trasmessa tramite un libro. Questo libro cadde nelle mani dell'uomo che era stato precisamente destinato a riceverlo; ed egli, con l'aiuto del testo e dei diagrammi geroglifici che insegnavano la trasmutazione dei metalli in oro, ha compiuto la trasmutazione della sua anima, che è un'operazione estremamente più rara e meravigliosa da raggiungere. Grazie al meraviglioso Libro di Abramo l'Ebreo[i] tutti gli Ermetici dei secoli seguenti hanno avuto l'opportunità di ammirare un esempio di vita perfetta, quello di Nicholas Flamel, l'uomo che ricevette il libro. Dopo la sua morte o scomparsa, molti studenti ed alchimisti che hanno dedicato le loro vite alla ricerca della Pietra Filosofale, disperarono di riuscirvi per non avere in loro possesso lo splendido libro che conteneva i segreti dell'oro e della vita eterna. Ma la loro disperazione era fuori luogo. Il segreto era diventato vivo. La formula magica si era incarnata nelle azioni di un uomo. Nessun lingotto d'oro vergine fuso nel crogiuolo avrebbe potuto, in colore e purezza, eguagliare la bellezza della saggia vita del dotto venditore di libri. Non vi è niente di leggendario riguardo la vita di Nicholas Flamel. La biblioteca Nazionale di Parigi contiene lavori copiati dalle sue stesse mani e originali opere scritte di suo pugno. Tutti i documenti ufficiali relativi alla sua vita sono stati trovati: il suo contratto di matrimonio, le sue donazioni o lasciti, le sue volontà. La sua storia personale riposa solidamente in queste prove materiali e sostanziali di cui normalmente si ha bisogno per credere nelle cose. A questa vicenda storica, indiscutibilmente autentica, la leggenda ha aggiunto qualche dettaglio. Ma in ogni piccolo spazio in cui germogliano i fiori della leggenda, si può trovare, al di sotto, un solido terreno di verità. Se Nicholas Flamel sia nato a Pontoise o in qualche altro luogo, una questione che gli storici hanno a lungo dibattuto ed investigato con estrema attenzione, ci sembra del tutto senza importanza. E' abbastanza sapere che verso la metà del XIV secolo, Flamel portava avanti i suoi affari di venditore di libri e che aveva un banco di vendita sul retro delle colonne di Saint-Jacques la Boucherie a Parigi. Non era un chiosco particolarmente grande, misurando solo due piedi per due e mezzo. Comunque, cresceva. Comprò una casa nella vecchia rue de Marivaux e usò il piano terra per i suoi affari. Copisti e miniaturisti lavoravano con lui. Egli stesso diede qualche lezione dell'arte del bello scrivere ai nobili che potevano a malapena siglare il proprio nome con una croce. Uno dei copisti o miniaturisti che lavoravano al suo laboratorio, svolgeva per lui funzioni di servitore. Nicholas Flamel sposò Perrenella, una vedova intelligente e di bell'aspetto, di qualche anno più grande di lui, e titolare di una piccola proprietà. Ogni uomo incontra una sola volta nella vita la donna con cui vivere in pace ed armonia. Per Nicholas Flamel, Perrenella fu quella donna. Oltre alle sue qualità naturali, ne aveva un'altra ancora più rara. Era una donna capace di tenere un segreto per tutta la sua vita senza rivelarlo ad alcuno, nemmeno in confidenza. Ma la storia di Nicholas Flamel è più che altro la storia di un libro. Il segreto fa la sua comparsa con il libro, e nemmeno la morte del suo possessore, né il passare dei secoli, hanno portato alla sua completa scoperta. Nicholas Flamel aveva acquisito alcune conoscenze di arte Ermetica. L'antica alchimia degli egiziani e dei greci che fioriva presso gli arabi era, grazie a loro, giunta fino ai paesi cristiani. Nicholas Flamel non si interessò all'alchimia come espediente per raggiungere l'oro. Per ogni mente eletta, infatti, la scoperta della Pietra dei Filosofi avrebbe significato il ritrovamento del segreto essenziale della Natura, il segreto della sua unità e delle sue leggi, il possesso della perfetta conoscenza. Il suo ideale era il più alto che un uomo potesse mai raggiungere. Ed egli sapeva che lo avrebbe potuto realizzare attraverso un libro...
---------------------------------
Titolo: CAMPO E WEIL
Libro intro: CRISTINA CAMPO E SIMONE WEIL Trascorsi alcune giornate dell’estate del ’97 nel monastero di Bose, nel biellese – un luogo di così incantevole grazia solo dopo aver visto il quale credo di aver veramente compreso il significato della parola bellezza. Quando, un anno dopo, lessi sui giornali che là si era appena tenuto in convegno su un’oscura (per me) scrittrice amante di fiabe, poesia e mistica – una certa Cristina Campo – ne fui molto incuriosita, e acquistai i suoi pochi libri in commercio. Fu per me l’inizio di una vera e propria éducation sentimentale, oltre che religiosa e letteraria: un intero mondo di perfezioni, aristocrazie, sprezzature, di rigori morali e raffinatezze stilistiche, mi si spalancò innanzi; e anche, e soprattutto, di letture – quelle in cui tra i paludamenti universitari è davvero difficile avere la ventura di imbattersi; prima fra tutte quella di Simone Weil, che seppi essere una delle autrici più amate dalla Campo e che proprio per suo tramite conobbi – una sorta di manna dal cielo in un momento di sbandamenti spirituali e stordimenti intellettuali in cui una dopo l’altra sembravano cadermi di mano le (poche) certezze che avevo. Fu così, quasi per caso, che iniziò la mia frequentazione con le due scrittrici cui questo lavoro, con tutti i suoi limiti, è dedicato. Due scrittrici postume, poco conosciute in vita e scoperte – e “beatificate” – dopo. Simone Weil (1909-1943), nella sua breve ma senz’altro intensa esistenza, fece in tempo a guadagnarsi un po’ di popolarità negli ambienti sindacali francesi, dove militò per diversi anni e per i quali scrisse svariati articoli e saggi di argomento politicosociale, apparsi per lo più su rivista1; ma a decretare la sua fortuna internazionale fu la pubblicazione postuma, ad opera di amici e famigliari, degli scritti filosofico-religiosi2,...
---------------------------------
Titolo: CAPIRE IL KARMA AMARE LA PROVVIDENZA
Libro intro: Il cammino dell?uomo di vita in vita...
---------------------------------
Titolo: CAPIRE IL KARMA, AMARE LA PROVVIDENZA DI RUDOLF STEINER
Libro intro: Indice Pietro Archiati Sul Lago di Como 9 e Quando limpossibile diventa realtà 11 Rudolf Steiner Tre conferenze tenute a Stoccarda e a Berlino I. Reincarnazione e karma: le loro conseguenze per la vita e per i rapporti umani 45 (Stoccarda, 20 febbraio 1912) Ciò che troviamo comprensibile o incomprensibile nella vita: il meritato e il casuale 47 Lesperimento con luomo pensato artificialmente 49 La memoria emotiva della vita precedente 52 Lesperimento col dolore e la gioia: il Saggio dentro di noi 56 Lalternanza di consaguineità e affinità elettiva di vita in vita 60 La scienza dello spirito ottiene risultati mediante la ricerca, non solo mediante la semplice riflessione 65 II. Reincarnazione e karma: i loro effetti sulla civiltà attuale 73 (Stoccarda, 21 febbraio 1912) Specifica del ricercatore spirituale è la convinzione dellesistenza della reincarnazione e del karma 75 La cultura attuale bandisce queste verità e per questo ne ha un enorme bisogno 78 Lordine vigente e linsoddisfazione ad esso connessa fa anchesso parte delle necessità karmiche 81 Il copernicanesimo e la cultura della superficialità vanno di pari passo come pure i concetti di reincarnazione e karma e uninteriorizzazione della vita 85 Non cè scienza senza fede e non cè fede senza scienza 90 Il senso della vita nellalternanza e nella reciproca integrazione di autorealizzazione e dedizione agli altri 95 Nelle ultime incarnazioni le anime sono diventate sempre più vuote e deboli 98 Dare unanima alla vita col movimento culturale della scienza dello spirito 100 III. Reincarnazione e karma: un maggior senso di responsabilità nei confronti della Terra e delluomo 107 (Berlino, 5 marzo 1912) La scienza dello spirito non ha bisogno né di istituzioni né di società sono gli uomini ad averne bisogno 109 Lidea di reincarnazione e karma è la più importante perché è del tutto nuova 115 Il maggior senso di responsabilità nei confronti della Terra e delluomo 119 Inizio e parte centrale della vita: i consanguinei di una volta diventano amici liberamente scelti 122 Tutto nella vita viene visto alla luce della reincarnazione e del karma 127 7 Ciò che è interiore diventa esteriore. La natura pacifistica della scienza dello spirito 132 A proposito di Rudolf Steiner 137...
---------------------------------
Titolo: CAPIRE LA DUALITA'
Libro intro: Salve miei cari, Io sono Kryon del Servizio Magnetico. C?è chi direbbe impossibile e difficile questo tipo di comunicazione. ?Qual è il processo ? essi chiedono ? che permetterebbe a un Essere Umano di parlare come se l?Umano fosse il tramite?? Vi dirò che questo processo è facile da spiegare, perché l?Umano è un angelo sulla Terra. C?è un canale diretto con lo Spirito e voi lo avete chiamato Sé Superiore. Questa parte spirituale dell?Umano è come un?antenna che ondeggia nella brezza per tutta la vostra vita. Qualcuno di voi sa come utilizzarla e collegarla a questo sacro canale. La maggioranza non lo sa fare. Voi lo fate nelle vostre meditazioni più profonde. Questa energia vi invita a imparare a sviluppare quel canale e a sintonizzarsi a quella energia. Molti stanno iniziando a sintonizzarsi con l?energia del Sé Superiore, e sono coloro che stanno scoprendo per la prima volta nella loro vita che riguardo a Dio c?è più di quanto pensavano. Per 18 anni vi ho detto che la Terra stava iniziando a vibrare più alto. Ciò che voi vedete oggi nei vostri notiziari è questo movimento in azione, e aumenterà in futuro. Questo per dire che molti stanno staccandosi dalla loro mitologia e si domandano: ?Cos?è vero, cosa non lo è?? Stanno chiedendo: ?Perché sento nel mio cuore, nella mia anima, che Dio è più grande di quanto mi è stato detto?? Così alcuni saranno portati a leggere le parole che ho dato in questi ultimi 18 anni, si sentiranno travolgere da questi insegnamenti e diranno: ?Da dove partire?? ? oppure ? ?Cosa dovrei fare dopo? Dove trovo un manuale di base così da non dover passare faticosamente attraverso tutte le informazioni avanzate per trovare le nozioni di base?? La risposta è in quello che state leggendo o ascoltando; ho commissionato al mio partner una serie di canalizzazioni intitolate: ?Il Manuale dell?Operatore di Luce ? Un Punto di Partenza?. Gli ho espressamente detto di metterlo a disposizione e di farlo conoscere il più possibile, così che molti lo potessero vedere e liberamente scegliere di prenderlo in esame o meno. Ci sono alcune persone che hanno appena incominciato questo viaggio e che sono appena arrivate, sono qui sedute e si stanno chiedendo: ?Cos?è che sto provando? E? mai possibile che un Essere Umano faccia quello che costui sembra fare [canalizzare]? E qualora non fosse così, perché sento come se fosse così?? Queste sono delle belle domande e la risposta è che la Terra, infatti, sta vibrando più alto, sta permettendo alla coscienza di aprirsi. Ciascuno di voi ha delle caratteristiche Lemuriane ? se non per via diretta, per via indiretta. Questo per dire che voi siete del lignaggio della razza Lemuriana, siete quelli che hanno avuto una visione quantica dell?Universo, coloro che si sono risvegliati per primi all?informazione di chi fossero veramente. Voi siete qui, in questi tempi moderni, mentre sta avvenendo un altro risveglio, e siete in prima linea? perché le prime a risvegliarsi sono le vecchie anime. Ve lo abbiamo già detto in passato. Quindi, vecchie anime, voi avete tutta questa esperienza ma avete anche tutte le regole terrestri e tri-dimensionali che premono su di voi, e una mitologia culturale su chi voi siete e su chi Dio sia. Le cose che seguono possono andare contro ciò che vi è stato insegnato e, se questo è il caso, fermatevi e soppesate l?energia della verità. Non presupponete che tutto quello che state leggendo o ascoltando sia assolutamente così, perché noi vogliamo che voi usiate il vostro discernimento personale. Usate l?intelletto unito al cuore e chiedete allo Spirito: ?E? possibile? E? giusto?? Perché alcune di queste cose sfidano il vostro sistema di credo più profondo, tutto ciò che vi è stato insegnato. Ecco cosa facciamo oggi? mettiamo sul tavolo tutte queste cose oscure. Da www.stazioneceleste.it...
---------------------------------
Titolo: CERCHI NEL GRANO : UNA SCIENZA SENZA TEMPO DONATA ALL'UMANITA'
Libro intro: Quando mi fu chiesto?ufficialmente? di scrivere di Cerchi non nascondo come la titubanza immediatamente pervase ogni mia decisione. Lungimirante fu l?insistenza di chi, conoscendomi,mi convinse ad accettare un compito molto delicato in cui è estremamente facile, semplice, quasi ovvio, cadere nell?errore conoscitivo. Molto modestamente oggi, però, attraverso i miei studi per primo ho potuto creare un unico filo conduttore in grado di attribuire a tale fenomeno una ?STORIA MILLENARIA?,cosa peraltro, che non ha estinto l?insistente bisogno di interpretare ?tutti? i segni che ormai da anni compaiono, a centinaia, a tutte le latitudini. Un bisogno collegato all'idea,semplicistica se vogliamo, secondo la quale più ?Simboli? interpretiamo e più chiaro sarà il significato complessivo del TUTTO. E? quindi consuetudine, piuttosto difficile da scardinare, quella che vede compresi Cerchi, da chi se ne occupa e non, anni dopo la loro comparsa a causa della loro inizialmente ?certa? complessità. Soprattutto si rivela essenziale la? lotta? all?interpretazione affinché si possa finalmente accreditare il ?fenomeno? di quell?attendibilità, secondo me scientifica, in grado di svincolare i Cerchi nel Grano da quel pantano nauseabondo fatto da? imitatori? senza giudizio, a cui troppo spesso si sono accostati organi di stampa e televisivi troppo superficiali, permeati soprattutto dall?esigenza imposta, dall?ALTO, di ridicolizzare ciò che secondo me è stato fondamento conoscitivo delle civiltà del passato come della ?nostra? deragliante e colpevole evoluzione . Ma veniamo al sodo, come è giusto aspettarsi da una simile premessa e come amo fare solitamente quando di mezzo c?è la verità di un pseudo mistero,veniamo alla presunta consistenza del mio argomentare attraverso, come potremmo fare altrimenti, un Cerchio apparso nel 2006 nei campi inglesi, in grado di essere cerniera fra i miei iniziali studi e la loro attuale evoluzione ... di Michele Proclamato )*(Stazione Celeste)...
---------------------------------
Titolo: CERVELLO MENTE ANIMA
Libro intro: Si obbligano i giovani a frequentare le università nelle quali si fanno sì esperimenti conoscitivi, ma si rende del tutto illogico il loro pensare, la base della loro vita dell’anima. R.Steiner Che cosa è più difficile di tutto? Ciò che a te sembra più facile: vedere coi tuoi occhi quel che hai sotto il naso. J.W.Goethe Il cervello, la mente e l'anima Come si sa, una cosa sono i fatti, altra le teorie che li imbastiscono. Orbene, Steiner ha fatto più volte osservare che quanto insegna la scienza dello spirito (o l’antroposofia) può essere in contrasto con alcune delle moderne teorie scientifiche, ma non coi fatti sperimentalmente accertati. Come mai accade questo? Accade perché il pensiero moderno quanto più si è reso "ingegnoso", vale a dire abile a gestire gli oggetti e le cose, tanto più si è reso inabile a gestire sé stesso e le idee. Il che altera, ovviamente, quell’equilibrio tra l’osservazione e il pensiero che dovrebbe costantemente garantire la scientificità del conoscere (non a caso, Steiner sottolinea che, in Goethe, è stato appunto uno "spirito profondissimamente filosofico" a unirsi a una capacità di "immersione piena d’amore nell’oggetto dato dalla ricerca sperimentale-sensibile") (1). Tenteremo qui di dimostrarlo, estrapolando e discutendo (brevemente) alcuni passi del libro di Edoardo Boncinelli: Il cervello, la mente e l’anima (2). Perché abbiamo scelto questo testo? Perché "alcuni libri – come dice John Searle – sono importanti non perché risolvono un problema o lo affrontano indicandone una soluzione, ma perché sono sintomatici della confusione del loro tempo" (3). Scrive Boncinelli: "Il mio io, qualunque cosa esso sia, non può entrare in comunicazione diretta con le cose del mondo, ma ne percepisce una parte e se la rappresenta" (4). Ma chi ha detto che l’io "non può entrare in comunicazione diretta con le cose del mondo"? Lo ha detto Kant. Boncinelli, infatti, non solo non nasconde in questo lavoro la propria ammirazione per il filosofo di Konigsberg, ma in altra sede così confessa: "Tra i miei progetti editoriali c’è un libro che vorrei intitolare: Kant che ti passa. O, per esteso: Se ti viene un dubbio metafisico, Kant che ti passa (… ) Che cosa vorrei scrivere? Che Kant era un biologo eccezionale. Ha risolto nel Settecento due problemi fondamentali, il problema della conoscenza da un lato, e il problema della morale dall’altro. La biologia moderna ha rivendicato totalmente queste conquiste di Kant" (5). Abbiamo dunque a che fare con un testo di divulgazione "scientifica" (Le straordinarie scoperte sull’intelligenza umana: ne è questo il sottotitolo) chiaramente ipotecato da un "pregiudizio" filosofico. Ove poi considerassimo che anche Einstein non ha fatto mai mistero della propria ammirazione per Schopenhauer (ammirazione che lo spinge buddisticamente a dire, ad esempio: "Il vero valore di un uomo si determina esaminando in quale misura e in che senso egli è giunto a liberarsi dall’io") (6), potremmo allora affermare, parafrasando un vecchio adagio: "Scienziato che vai, filosofo che trovi". Non tanto è Kant, comunque, a essere un "biologo eccezionale", quanto piuttosto è Boncinelli a essere un "kantiano eccezionale". Non siamo sicuri, tuttavia, che Kant avrebbe apprezzato una simile "eccezionalità": che sarebbe stato lieto, cioè, di trovarsi cooptato dai "biologi" e di vedere perciò riportati nel ristretto ambito della loro specializzazione tanto il problema della "ragion pura" quanto quello della "ragion pratica". È a dir poco singolare, in ogni caso, ammettere prima che non si sa bene cosa sia l’io e sostenere poi che, "qualunque cosa esso sia", mai potrà entrare "in comunicazione diretta" con le cose. Non sarà che la medicina kantiana, se è capace (come dice Boncinelli) di "far passare" i dubbi metafisici, è incapace però di "far passare" le certezze metafisiche (vale a dire, i dogmi o i pregiudizi)? Anche il sostenere che l’io, delle cose, "percepisce una parte e se la rappresenta" deriva da Kant (dalla sua distinzione tra il "noumeno" e il "fenomeno"), e quindi dal fatto che il fondatore dell’idealismo critico, distinguendo il contenuto oggettivo della percezione dalla sua immagine soggettiva (dall’immagine percettiva) e giudicando inconoscibile il primo (la Ding an sich o cosa in sé), si è lasciato del tutto sfuggire il ruolo svolto dal "concetto" nel sottile processo che presiede alla formazione della "rappresentazione" e della "immagine percettiva". Ma perché tanta ammirazione per Kant? Perché Kant sembra avallare alcune conclusioni della scienza attuale e conferire perciò, alle stesse, una qualche dignità o nobiltà critica. Una di queste, ad esempio, è che ogni verità sarebbe "relativa" poiché l’atto conoscitivo non è che il risultato di un’interazione tra il soggetto (l’osservatore) e l’oggetto (l’osservato). Già, ma chi ...
---------------------------------
Titolo: CHAKRA OSHO
Libro intro: OSHO ...
---------------------------------
Titolo: CHE COS'E' LA SPIRITUALITA'
Libro intro: (Liberamente tratto dall?omonimo libro - ed. Centro dell?Uomo - Lucca - a cura di Maurizio Sabbadini) ARGOMENTI : L'ORIGINE DELLA RELIGIONE 4 LA RICERCA4 TESTI SACRI E SCRITTURE4 LA RELIGIONE DELL?ANIMA5 INUTILITÀ DEL MONDO ESTERIORE5 RIVELAZIONE DELLA REALTÀ6 LA SPIRITUALITÀ NON SI PUÒ NÉ COMPRARE, NÉ INSEGNARE7 DIO È LUCE7 DIO È IL VERBO8 LA VERA RELIGIONE8 LA DIVINITÀ ALBERGA GIÀ NELL?UOMO9 L?ANIMA9 LA VERA RELIGIONE E IL SUO VERO TEMPIO10 RELIGIONE ESTERIORE E RELIGIONE INTERIORE11 IL SAPERE DEL MONDO È UNA COSA MOLTO DIVERSA DA QUELLO DI DIO11 PER CONOSCERE DIO OCCORRE INNANZITUTTO CONOSCERE SE STESSI12 NON NECESSITA RINUNCIARE ALLA NOSTRA VITA SOCIALE, ANZI 12 LA SPIRITUALITÀ PUÒ SOSTENERE LA SOCIETÀ13 I MAESTRI NON VENGONO PER DISTRUGGERE LE RELIGIONI ESISTENTI 14 COME CI SI PONE SULLA VIA? 15 GLI INSEGNAMENTI SPIRITUALI SONO GLI STESSI 15 SCIENZA E SPIRITUALITÀ16 L'UNICA REALTÀ È LO SPIRITO16 LO STRETTO LEGAME TRA SCIENZA E SPIRITO16 L?UOMO HA DUE STRADE PER LA RICERCA DELLE CERTEZZE17 LA STRADA INTERIORE17 LA STRADA DELLA È COSPARSA DI NUMEROSI OSTACOLI 18 ANCHE LA SPIRITUALITÀ È GOVERNATA DA LEGGI PRECISE18 IDOLATRIA E ADORAZIONE DI DIO20 UNA BELLA CASA NON GIOVA A UN PADRONE CHE STA MORENDO20 NECESSITÀ DI UNA GUIDA COMPETENTE21 COS'È LA RELIGIONE E COS'È DIVENTATA 23 LA CONFUSIONE REGNA NELLE RELIGIONI! 23 PRATICA E TEORIA 24 LA VOCE DEL SILENZIO24 II SETTARISMO DELLE RELIGIONI26 RELIGIONI = ORDINI SOCIALI26 IL NUCLEO CENTRALE DI TUTTE LE RELIGIONI27 LE RELIGIONI DISATTENDONO LE INTENZIONI DEI LORO INIZIATORI 27 L'UOMO IDEALE 29 L'UOMO È L'APICE DELL'INTERA CREAZIONE29 SE L'UOMO AVESSE CURA DELLA SUA DIVINITÀ?30 L?UOMO HA LE RADICI NELLA DIVINITÀ31 NECESSITÀ DELLA SPIRITUALITÀ33 L'UOMO HA DIMENTICATO LA GRANDE VERITÀ FONDAMENTALE33 I MAESTRI CERCANO DI RIORIENTARE TUTTE LE RELIGIONI35 SIGNIFICATO DEL TERMINE RELIGIONE35 LA SPIRITUALITÀ 37 LA VERA RELIGIONE È AMORE UNIVERSALE E RIMEMBRANZA DI DIO38 DIO È AMORE38 C?È UNA SOLA RELIGIONE40 IL CORPO È IL TEMPIO DELLO SPIRITO SANTO 41 1 TUTTI GLI UOMINI HANNO RICEVUTO DA DIO UGUALI PRIVILEGI 42 2 DIFFERENZE RELIGIOSE 43 NON C'È CHE UN'UNICA RELIGIONE43 CIASCUNO È ILLUMINATO DALLA STESSA LUCE45 3 RIMEMBRANZA DI DIO45 IL VERO TEMPIO È IL NOSTRO CORPO46 EGLI È PROPRIO DENTRO DI NOI 48 LE SCRITTURE SONO IL MEZZO E NON IL FINE50 L?ORSO-COPERTA50 I VERI AMANTI DI DIO SI TENGONO LONTANI DALLE RELIGIONI51 I PORTAVOCE DEL MAESTRO51 4 LE VERITÀ FONDAMENTALI SONO COMUNI A TUTTE LE RELIGIONI E INDICANO LA STESSA VIA52 LE ANIME MAESTRE 53 I MAESTRI AMANO TUTTI I SANTI DEL PASSATO54 5 I DIVERSI ASPETTI E VALORI DEI LUOGHI DI CULTO E DEI RITUALI NELLE RELIGIONI54 SORGE SPONTANEA UNA DOMANDA 55...
---------------------------------
Titolo: CHIAVE DELLA TEOSOFIA
Libro intro: CHIAVE DELLA TEOSOFIA - BLAVATSKY...
---------------------------------
Titolo: CHIAVI MISTICHE YOGA
Libro intro: LE CHIAVI MISTICHE DELLO YOGA (di Guido Da Todi) A ben pensarci, un testo come quello che presentiamo viene a colmare, oggi, una evidente carenza di argomenti specifici, in un ambiente spirituale, che continua, da lustri, a portare la sua attenzione e le sue ricerche interiori sulle astratte teorie metafisiche, riguardanti un assoluto, fuori dalla portata del vivere pratico e quotidiano. Giunge, alla fine, il momento, in cui la scapigliata e fremente foga interiore di avventura, che spinse l’entronauta a voler imbrigliare l’infinito, in un semplice secchiello di latta, ai bordi dell’oceano delle sue lancinanti intuizioni sovrumane, si ferma perplessa e si guarda attorno, melanconica. Dov’è, insomma, Dio?! Dov’è la pace, infine?! Dov’è, la soluzione alle dirompenti frustrazioni di un piccolo uomo e di una minuscola donna, mentre la chiave dell’Aureo Portone dell’ultima felicità s’ostina a frantumarsi, come un debole coccio, tra le loro dita? Maestri e Guru, carezzando le loro ricamate tuniche orientali, celano, negli animi profumati, l’aureo cesello della verità ultima; che porgono ad entusiasti discepolo e discepole, assieme a nenie misteriose ed a mantrams onnipotenti. Hanno, loro, quel Dio? Posseggono, essi, la pace ultima, che il mistero cosmico promette, in cambio di ogni sofferenza e di ogni delusione? Sono in grado, questi Guru orientali, o americani, di offrire la chiave di rubino, che sappia scardinare l’uscio della gelida gabbia esistenziale, in cui, da millenni, si tormenta l’umanità? Ed ecco, allora, la necessità di qualcuno, simile a noi, che ci venga a descrivere gli sprazzi di luce che pulsano fuori dai turgidi spiragli infiammati – conchiglie preziose, ancorate sulla chiglia del suo assoluto – e che egli riesce a strappar via, per sé e per noi. Non si puntella l’infinita natura del proprio io, solo con i metodi superbi della ragion pura. Non ci si immerge nel torrente sotterraneo dell’immensità cosmica, che circola e mugghia all’interno delle cose tutte – straziante canto di sirene mai dimenticate – mentre ci si vuole coprire l’anima, con il mascherone sapido delle parole e dell’aulica cultura. Ed è solo quando noi riusciremo a riconoscere la voce di quel Dio dei millenari Veda, nel tenero lucore di una lucciola notturna – senza più riserve, e con la gioia dello yoga assoluto, che potremo, finalmente, iniziare il cammino dell’amore e della libertà. 2 Le monografie che vi presentiamo sono le scaglie di questa verità assoluta orientale, che l’autore ha insegnato, durante la sua intera vita, ad allievi occidentali. Lo Yoga millenario è stato, così, da lui, tradotto e sminuzzato, in semplici ed essenziali esperienze interiori, che, nel libro, vengono presentate, quasi senza che ci si accorga dell’estrema aristocrazia di tanto argomento. E karma, reincarnazione, assoluto, dharma, yoga; monismo e dualismo, magia della mente, distacco buddista, Via Diretta, unità con il tutto, poteri (siddhi) dell’uomo, Guru orientali ed occidentali, Reale ed irreale, assieme alla Dottrina di ogni Yoga – ciò, viene proposto, con parole e concetti familiari a tutti e, pertanto, attraenti. Il libro appartiene, dunque, a quei classici che si tengono sul comodino, assieme ai propri occhiali ed alla bottiglia d’acqua. Ma, non disdegna, neppure, di fare compagnia in treno; o, di venire spiluccato,. durante una passeggiata, in un ombroso parco pomeridiano.. Quanto esso contiene ha dato felicità e illuminazione all’autore – dopo una vita, trascorsa ai piedi della più pura Scuola spirituale indù. Non sottovalutate, quindi, i contenuti di quanto siete in procinto di leggere. Senza che ve ne possiate accorgere, state per assimilare la più pura e diretta essenza millenaria dei Veda. - LA NATURA DEI NOSTRI POTERI MENTALI - Una delle verità espresse da Gotamo, il Buddha, fu che l’uomo è l’unico responsabile delle sue catene. Egli intendeva parlare della natura mentale di ognuno di noi. Per riuscire a cogliere realisticamente ed obiettivamente l’essenza ed i significati del concetto occorre sintetizzarne alcuni altri, che ne sono connessi. Il primo riguarda la natura elastica dell’esistenza. Ossia, lo scambio costante che appare tra la modalità energetica dell’essere e quella sostanziale. In effetti, si tratta di un nodo puramente teorico. Difatti, non esistono due aspetti della realtà, bensì un costante avvicendarsi formale di suoi differenti punti di manifestazione. Nel volume "Il Tao della Fisica", di Fritjof Capra, l’autore – descrivendo la fisica delle particelle – afferma che l’apparente solidità della materia è dovuta all’estrema velocità con cui si manifesta il muro delle strutture atomiche soggiacente ad essa. Velocità che dà la sensazione del contrasto, e della materia, qual è da noi intesa. Fino a quando, tuttavia, un certo tipo di conoscenza non...
---------------------------------
Titolo: CODICE DA VINCI
Libro intro: Codice Da Vinci... né falso, né verità, piuttosto un’opportunità. Il libro “Il Codice Da Vinci” di Dan Brown e il film ad esso ispirato stanno dividendo e appassionando il mondo. Ma è erroneo pensare di doversi schierare a favore o contro, questo è il gioco dei mass media e dei “poteri forti” che al più ci vogliono manipolare, il nostro gioco, come sempre, deve essere solo quello di comprendere… Il libro, oltre ad essere un romanzo particolarmente avvincente e gradevole da leggere (attività che non dovrebbe sottostare ad alcun senso di colpa o giudizio storico-veridico, per essere considerata piacevole e ludica), è una grande chance per approfondire temi che diamo troppo per scontati, e che i più ci indicano come patrimonio esclusivo di un elite religiosa-istituzionale (patrimonio ottenuto per meriti insondabili e non comprensibili ai comuni mortali), come se solo di chi è “preposto” sia il depositario della verità. Peccato che tale verità rivelata sottostia da secoli a pesantissimi interessi di potere. Usare la propria testa e approfondire, questa una delle più significative istanze indotte dal romanzo nei lettori. Questo il suo pregio e forse anche il motivo per cui è stato attaccato così pervicacemente dalle religioni istituzionali. Devo dire anche che in parecchie interviste trasmesse in televisione ho notato che il Gesù più umano, sposato, padre di famiglia, che ne scaturisce, è un Gesù più gradito ai giovani e in generale a chi vorrebbe sentirlo più vicino. Avvicinare a sé il divino, un “divino” che è stato da secoli fatto ritenere lontano e irraggiungibile, simbolo e anatema associato a sensi di colpa e gravi moniti di perdizione, è ciò di cui l’uomo sente il bisogno. L’umanità, piuttosto che di vendicatori infallibili ha bisogno di consigliere benevoli e guide amichevoli. Inoltre la visione più consona e paritetica della donna che esce dalle tesi propugnate nel libro è molto convincente ed ha poco a che fare con una chiesa che discrimina la donna nei fatti e al di là di tutti i proclami di uguaglianza che sono solo di facciata. Ecco quindi che -“stranamente”-le gerarchie ecclesiastiche, le quali sono avvezze a gestire scandali molto gravi in modo piuttosto soft, reagisce invece in modo massiccio contro chi – forse, e solo forse- mette in dubbio la sua versione della verità. Perché? E’ possibile che solo sulla inamovibilità delle sue tesi (che in estrema sintesi vedono la chiesa come unica mediazione tra Dio e l’uomo) e sul fatto che l’uomo non pensi con la sua testa, fondi il suo ascendente? Perché non ritenere che i profondi messaggi di Cristo, sull’amore, sulla pace o sul servizio, non possano certo essere messi in discussione da una sua possibile relazione matrimoniale o dal fatto che il Cristo sia risorto nella carne o meno? Sono le domande a cui cercheremo di dare una risposta. “Extra ecclesia nulla salus” scriveva Sant’Agostino. Un motto che la chiesa lo prende a tutt’oggi molto sul serio. Personalmente ritengo che ogni uomo sia chiamato a trovare da solo, con il suo ragionamento, con la sua ricerca strenua e personale, la Via verso lo Spirito. Non la via degli ignavi che si accodano pedissequamente ai dogmi e ai precetti, ma la Via che porta, con il suffragio dell’esperienza personale, alla scoperta di Dio e del suo Piano meraviglioso. Maurizio Sabbadini...
---------------------------------
Titolo: CODICE DELLE LEGGI MORALI
Libro intro: CAP. I Le basi di una nuova educazione civica 1. L'educazione alla consapevolezza della realtà interiore 2. Una nuova visione scientifica della realtà esteriore 3. La responsabilità nell'uso delle risorse: ambiente interiore ed esteriore 4. Riflessione conclusiva Appendice: Le radici della questione morale secondo la prospettiva olistica CAP. II Le Leggi: fisiche, giuridiche e Morali 1. La nozione di Legge 2. Legge giuridica e legge fisica 3. Legge morale e legge giuridica 4. La legge della Provvidenza 5. Riepilogo CAP. III La rilevanza degli stati interiori: le intenzioni 1. La rilevanza degli stati interiori nelle leggi giuridiche 2. La rilevanza degli stati interiori nelle leggi Morali: le intenzioni 3. La rilevanza delle intenzioni nelle filosofie spirituali 4. La rilevanza delle intenzioni nella cultura emergente CAP. IV Le leggi disciplinanti le relazioni tra mondo interiore ed esteriore: le leggi Morali 1. Alla ricerca delle Leggi Morali 2. Le leggi disciplinanti le relazioni tra vita interiore e vita esteriore: le Leggi Morali 2.1. Legge della creatività 2.2. Legge di causa ed effetto 2.2.1. Relazioni tra legge di causa - effetto e Legge della Provvidenza 2.2.2. Relazioni tra legge di causa – effetto e legge della polarità 2.3. Legge di affinità o di attrazione 2.4. Legge di registrazione 2.5. Legge della selezione 2.6. Legge di Giustizia CAP. V Partecipare al cambiamento 1. Vecchi e nuovi paradigmi 2. Approccio olistico al diritto. La ricerca della Giustizia inizia da se stessi 3. L'evoluzione in termini cooperativi e fraterni 4. La partecipazione individuale e collettiva al cambiamento 5. Risorse per il cambiamento dal sito http://www.boorp.com/libri_gratis_pdf/libro_Il_Codice_delle_Leggi_Morali_in_pdf_gratis.php...
---------------------------------
Titolo: COMBATTIMENTO SPIRITUALE
Libro intro: COMBATTIMENTO SPIRITUALE Non riceve la corona se non chi ha combattuto secondo le regole (2Tm 2,5). AL SUPREMO CAPITANO E GLORIOSISSIMO TRIONFATORE GESÙ CRISTO FIGLIUOLO DI MARIA Poiché sempre piacquero e piacciono tuttora a vostra Maestà i sacrifici e le offerte di noi mortali quando da puro cuore vengono offerti a gloria vostra, io presento questo trattatello del Combattimento spirituale dedicandolo alla divina vostra Maestà. Né mi tiro indietro perché questo trattato è piccolo: infatti ben si sa che voi solo siete quell’alto Signore che si diletta delle cose umili e disprezza le vanità e le pretese del mondo. E come potevo io senza biasimo e senza danno dedicarlo ad altra persona che alla vostra Maestà, Re del cielo e della terra? Quanto insegna questo trattatello tutto è dottrina vostra, avendoci voi insegnato che, non confidando più in noi stessi, confidiamo in voi, combattiamo e preghiamo. Inoltre se ogni combattimento ha bisogno di un capo esperto che guidi la battaglia e animi i soldati, i quali tanto più generosamente combattono quanto più militano sotto un invincibile capitano, non ne avrà forse bisogno questo Combattimento spirituale? Voi dunque eleggemmo, Gesù Cristo (noi tutti che già siamo risoluti a combattere e a vincere qualunque nemico), per nostro Capitano: voi che avete vinto il mondo, il principe delle tenebre, e con le piaghe e la morte della vostra sacratissima carne avete vinto la carne di tutti quelli che hanno combattuto e combatteranno generosamente. Quando io, Signore, ordinavo questo Combattimento, avevo sempre nella mente quel detto: Non siamo nemmeno capaci di pensare qualcosa come proveniente da noi (2Cor 3,5). Se senza di voi e senza il vostro aiuto non possiamo avere pensieri che siano buoni, come potremo da soli combattere contro tanti potentissimi nemici ed evitare tante innumerevoli e nascoste insidie? Vostro è, Signore, da tutte le parti questo Combattimento, perché, come ho detto, vostra è la dottrina e vostri sono tutti i soldati spirituali, tra i quali siamo noi Chierici Regolatori Teatini: perciò, tutti chini ai piedi della vostra altissima Maestà, vi preghiamo di accettare questo Combattimento muovendoci e animandoci sempre con la vostra grazia attuale a combattere molto più generosamente: perché noi non dubitiamo affatto che, combattendo voi in noi, vinceremo a gloria vostra e della vostra santissima Madre Maria Vergine. Umilissimo servo comprato con il vostro Sangue DON LORENZO SCUPOLI Chierico Regolare ...
---------------------------------
Titolo: COME COOPERARE CON I PROCESSI NATURALI DEL RISVEGLIO SPIRITUALE DI ROY EUGENE DAVIS
Libro intro: Il risveglio spirituale è ordinato e progressivo quando viviamo in armonia con le leggi della natura, e la nostra aspirazione ad essere pienamente risvegliati è costante. La crescita è solitamente irregolare e inconsistente per le persone che non vivono in armonia con le leggi della natura, e che non aspirano al pieno risveglio. Il risveglio spirituale procede attraverso sette stadi, ognuno dei quali è rapportato ai chakra nella spina dorsale e nel cervello. Si possono conoscere le caratteristiche di ogni stadio osservando stati psicologici, comportamenti, capacità intellettuali, gradi di prontezza, capacità di percezione, e abilità funzionali determinati dai propri atteggiamenti mentali e stati di coscienza abituali. In ciascuno dei primi sei stadi, alcune delle caratteristiche evidenti nei livelli inferiori possono anche essere presenti in quelli superiori, poiché man mano che la propria coscienza si chiarisce possono ancora essere influenti i condizionamenti subcoscienti problematici e le errate percezioni. Le vecchie abitudini di pensare e comportarsi, inoltre, devono ancora essere modificate. Nei primi stadi, quando la consapevolezza è annebbiata e frammentata, si possono avere intuizioni occasionali e aspirare alla conoscenza del Sé e di Dio. Negli stati avanzati, fino a che non si è trasceso (completamente N.d.T.) il senso illusorio del sé, le percezioni possono (ancora N.d.T.) essere errate. Mentre leggi le descrizioni dei sette stadi, valuta a che punto ti trovi sul percorso del risveglio. Aspira a risvegliarti, ad essere libero, e a discernere intellettualmente e intuitivamente le realtà più elevate. Il tuo scopo più importante nella vita dovrebbe essere la realizzazione del Sé e di Dio. Puoi raggiungerle facendo ciò che è necessario affinché queste condizioni si manifestino....
---------------------------------
Titolo: COME LEGGERE L'ETICHETTA DELLE ACQUE MINERALI
Libro intro: Le etichette delle acque minerali contengono un concentrato di informazioni frutto di accurate analisi chimiche e microbiologiche; per nessun altro alimento in commercio sono forniti dati così approfonditi. L?analisi di un?acqua minerale prevede la determinazione di oltre 40 parametri chimici; la lettura di un?etichetta e la sua interpretazione presuppongono quindi una base di conoscenze di chimica delle soluzioni acquose ed una conoscenza della normativa che regola i controlli da eseguire sulla qualità delle acque. In questo capitolo saranno quindi presentati inizialmente i diversi metodi per la classificazione ed il confronto delle acque minerali poi attraverso una panoramica della Normativa in materia si passerà ad analizzare i dati di un?etichetta. A cura di Giampiero Brozzo....
---------------------------------
Titolo: COME MANTENERE SANI I NOSTRI FIGLI CON LA BUONA ALIMENTAZIONE
Libro intro: Come mantenere sani i nostri figli con la buona alimentazione a cura del dott. Michele Acanfora. "Qualche altra noiosa teoria alimentare!" vi sento già dire. Lo so, ad ogni stagione esce fuori una nuova teoria sul mangiar sano; le scuole di pensiero in materia abbondano, ed ognuna ha argomenti a suo favore abbastanza convincenti, l'una smentendo l'altra. E in genere sono così assolutistiche e dogmatiche, e così difficili da seguire, che alla fine, nella confusione generale, ci si arrende alla più facile, a quella che grida più forte e più ripetutamente, ovvero a quella dell'industria chimico-alimentare. La quale ha in mano strumenti potenti per convincerci che quello che vende è la cosa più sana e nutriente di questo mondo. So ormai che quello alimentare è un campo minato, pieno di tabù, di pregiudizi, di certezze incrollabili. E dove l'errore educativo può dar luogo alle più ampie ripercussioni sulla salute dei piccoli. Questo articolo non vuole essere il solito diktat dell'esperto di turno: è una proposta, un invito a rivedere qualche amata certezza e a sviluppare maggiore consapevolezza su questo aspetto così importante dello sviluppo psicofisico dei nostri bambini. Ben conscio della sottile linea di confine che separa l'informazione dall'allarmismo, proverò ad offrirvi un punto di vista in più su una materia che si fa sempre più complessa e irta di contraddizioni. L'educazione alimentare dei nostri figli è fin troppo importante per poterla delegare agli spot pubblicitari di snacks. Coinvolge infatti la capacità del bambino di sviluppare un organismo armonico, con un sistema immunitario sano e robusto. Qualcuno starà pensando "ma cosa c'entra il cibo con la salute?". Ci hanno insegnato infatti a pensare che l'essere umano può mangiare virtualmente di tutto senza risentirne, e che debba invece stare attento solo quando è indisposto (vedi "mangiare in bianco", "il brodino", ecc.). Il binomio cibo-salute va ben oltre questa visione ristretta. Medici, insegnanti e genitori cominciano per fortuna a rendersene conto, e molto si sta facendo ultimamente per aiutare i bambini a sviluppare un atteggiamento più sano verso ciò che mangiano, prima che si ammalino. E in questo ha un ruolo chiave la famiglia. Sentiamo cosa dice a questo proposito il pediatra dott. Gianfranco Trapani, nel suo ottimo "Il Manuale dell'alimentazione infantile", Giunti: "Non si può abituare un bambino a mangiare merendine e patatine fritte, a bere bevande gassate e zuccherate, riducendo poi il pranzo e la cena ad una vera e propria battaglia, con strategie di comportamento, ricatti e forzature, e poi aspettarsi un ragazzino che ami la frutta, le verdure e i cereali integrali, che non soffra di stitichezza e difficoltà digestive. Solo un bambino iniziato da piccolo ai gusti naturali, al poco dolce e al poco salato, ai cibi non sofisticati, alla cucina semplice, da adulto avrà un bagaglio di ricordi gustativi che gli permetteranno di apprezzare gli alimenti che non comprometteranno il suo stato di salute. ...In definitiva, perché il bambino mangi bene e senza troppe proteste occorre che tutta la famiglia si alimenti in modo sano ed equilibrato." Ahi, qui casca l'asino! Quante volte vogliamo far mangiare ai nostri figli le cose che noi stessi non mangiamo? I bambini, che sono esseri molto più svegli e intelligenti di quanto pensiamo, avvertono istintivamente l'incongruenza e rifiutano quel cibo, anche se insistiamo con la convinzione che faccia loro bene. Alla lunga, non funzionano le minacce, non funzionano le promesse: funziona l'esempio. E questo, ahimé, rimette come al solito in discussione noi genitori: quanta importanza diamo innanzitutto alla nostra alimentazione? Nasce un bimbo: siamo quindi disposti a cambiare le nostre abitudini alimentari? Forse è l'ultima cosa a cui pensiamo in quel frangente, ci preoccupiamo della sua pappa, non certo della nostra. Ma il momento in cui il bambino comincerà a guardare cosa abbiamo nel piatto non è molto lontano. Sapete che poi più in là non sarà facile convincerlo che certe cose vanno bene per papà e mamma e non per lui. Sento spesso questo ragionamento: "Per nostro figlio, il meglio. Non badiamo a spese: cibo biologico, alimenti puri, ecc. Noi genitori invece possiamo andare avanti come abbiamo fatto finora, non è poi così importante e comunque non potremmo permettercelo." Innanzitutto, non funziona ciò che diciamo, funziona ciò che facciamo. Per cui l'esempio resta comunque il più efficace sistema educativo, che funziona anche quando noi genitori non vogliamo. Veniamo ora alla spesa: si pensa di solito che i prezzi degli alimenti senza pesticidi sia straordinariamente elevato, decisamente al di là delle possibilità di una famiglia italiana media. In questi tempi di discount, sembra che acquistare biologico sia roba da snob, quasi come fare la spesa in una boutique. Diciamoci la verità: ci sembra un ex...
---------------------------------
Titolo: COME RICONOSCERE L'AMORE DEL CUORE - QUARTO CHAKRA
Libro intro: Alcuni consigli e suggerimenti per riconoscere l'amore del cuore ... ...
---------------------------------
Titolo: COME UTILIZZARE LA TUA IMMAGINAZIONE CREATIVA
Libro intro: Testo di Roy Eugene Davis. Per soddisfare i desideri che possono migliorare la tua vita, raggiungere scopi che abbiano un reale valore e sperimentare un?autentica, rapida e soddisfacente crescita spirituale. CONTENUTI: ? Parole da conoscere ? Tu puoi rimuovere o superare ogni ostacolo, per vivere in modo efficace ed esprimerti liberamente ? Come utilizzare efficacemente l?immaginazione creativa ? Risposta alle domande sul processo creativo ...
---------------------------------
Titolo: COME VIVERE A LUNGO E SENTIRSI MEGLIO
Libro intro: Introduzione PARTE PRIMA - Il regime 1. Cibi sani per una vita sana 2. Un regime migliore per una salute migliore 3. La vecchia e la nuova alimentazione 4. Proteine, grassi, carboidrati e acqua 5. Gli alimenti, fonte di calore ed energia 6. Due problemi di origine alimentare PARTE SECONDA - La nuova alimentazione 7. La scoperta delle vitamine 8. Le vitamine e l'evoluzione 9. Le vitamine nel corpo 10. L'individualità biochimica PARTE TERZA - La medicina ortomolecolare 11. Che cos'è la medicina ortomolecolare 12. Il sistema immunitario 13. Il raffreddore comune 14. L'influenza 15. Le ferite e la loro cicatrizzazione 16. L'attività muscolare 17. Il cuore 18. I disturbi cardiovascolari 19. Il cancro 20. Il cervello 21. Le allergie 22. Artrite e reumatismi 23. L'occhio, l'orecchio e la bocca 24. L'invecchiamento: come rallentarlo e attenuarne le conseguenze PARTE QUARTA - Vitamine e farmaci 25. La medicina istituzionale e le vitamine 26. Il confronto tra farmaci e vitamine 27. La bassa tossicità delle vitamine 28. Gli effetti collaterali delle vitamine PARTE QUINTA - Come vivere più a lungo e sentirsi meglio 29. Una vita felice e un mondo migliore Sull'autore Bibliografia Indice analiticoe altre malattie LINUS PAULING PREMIO NOBEL PER LA CHIMICA PREMIO NOBEL PER LA PACEinfettive...
---------------------------------
Titolo: COME VIVERE SENZA MALATTIE E SENZA MEDICINE - LIBRO SULLE VITAMINE
Libro intro: Manuale pratico di Alberto R. Mondini per vivere a lungo, attivi e in salute fino a tarda età, senza medici, senza medicine, senza sacrifici alimentari o di altro tipo e senza chiedere il ?permesso? a nessuno... INDICE Introduzione pag. 3 Le scoperte fondamentali pag. 4 Le sostanze pag. 5 Quanto?... pag. 15 Domande e risposte pag. 19 Alleanza Italiana per la Salute pag. 28 La medicina ideale Cosa potremmo ragionevolmente chiedere alla medicina? Quali risultati potremmo sperare che le tecniche mediche ci potrebbero regalare in un futuro più o meno lontano? 1) La guarigione o la prevenzione delle due malattie che costituiscono la maggior causa di morte: infarto e cancro. 2) La guarigione o la prevenzione delle malattie invalidanti della ?tarda età?, come arteriosclerosi e artrosi. 3) La guarigione o la prevenzione delle malattie croniche gravi quali: diabete, Alzheimer, sclerosi multipla, ecc... 4) Allungamento della vita media e innalzamento del limite medio della salute, ormai fermo da decenni a 58 anni; in altre parole una lunga vecchiaia attiva e senza acciacchi. 5) Trattamenti terapeutici o, ancora meglio, preventivi, rapidi, indolori, poco costosi, non invasivi, senza ?effetti collaterali?. Più o meno questo è ciò che quasi tutti ragionevolmente si aspettano, a prezzo di lunghe, costosissime ricerche e di grandi finanziamenti, dai grandi e misteriosi laboratori e dalle grandi menti della medicina. In un futuro, ahimè, non troppo vicino...Ebbene, OGGI questi cinque punti sono una REALTÀ alla portata di tutti. In questo opuscolo spigherò le basi storiche e scientifiche di alcune recenti, fondamentali scoperte della medicina moderna; come mai esse non siano ancora applicate universalmente e, cosa più importante, come utilizzarle per rendere reali nella nostra vita questi cinque punti; e senza chiedere il permesso al ministro della salute......
---------------------------------
Titolo: COMPRENDERE LA MENTE
Libro intro: SOMMARIO: PRESENTAZIONE E' POSSIBILE COMPRENDERE LA MENTE? CHI DICE "IO" DENTRO DI NOI? La risposta dei Kahunas La risposta della psicanalisi La risposta di Emil Couè La risposta di San Paolo La risposta dell'esoterismo La personalità Noi non siamo il nostro corpo Il corpo e l'uomo... (5) Conclusione RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI Coordinatore: Dr. Mario Rizzi E' POSSIBILE COMPRENDERE LA MENTE? "Per qualunque uomo o donna che abbia il dono, o la sventura, di possedere una mente avida di sapere, è della più grande importanza ottenere tutte le informazioni che desidera, affinché, quando le esigenze dell'intelletto sono soddisfatte, il cuore possa parlare." Max Heindel Analizzare il comportamento della mente umana è certamente uno dei compiti più complessi che l'uomo possa affrontare. Diversamente dall'indagine scientifica, fatta su un oggetto esterno, che può essere sempre condotta con un certo rigore, l'analisi della mente, portata avanti con l'ausilio della stessa mente, crea una serie di problematiche. L'osservatore e l'osservato non occupano più due posizioni spazialmente separate ma coesistono sia nel tempo che nello spazio, ciò, ovviamente, non permette quella obiettività di osservazione che sarebbe altamente auspicabile. Per questi motivi, da millenni vi sono stati uomini che hanno pensato, parlato e scritto sul modo in cui essi interpretavano i processi mentali. Di certo il più antico trattato sull'argomento è la Bhagavad Gita ......
---------------------------------
Titolo: CONFLITTO
Libro intro: Jiddu Krishnamurti è nato in India nel 1895 e, all’età di tredici an¬ni, venne accolto nella Theosophical Society, che lo considerò il vei¬colo di quel “maestro del mondo” del quale essa stava annunciando l’avvento. Ben presto Krishnamurti doveva dimostrarsi un maestro efficace, senza compromessi e difficilmente classificabile; i suoi discorsi e i suoi scritti non erano collegati a nessuna religione in particolare e non appartenevano né all’Oriente né all’Occidente, ma erano rivolti al mondo intero. Rifiutandosi fermamente di apparire come un messia, nel 1929 Krishnamurti sciolse con una decisione sof¬ferta la grande e ricca organizzazione che gli avevano costruito attor¬no e dichiarò che la verità è “una terra senza sentieri” che non può essere raggiunta attraverso una religione istituzionalizzata, una filo¬sofia o una setta. Per il resto della vita rifiutò insistentemente l’immagine del guru che gli altri cercavano di attribuirgli. Continuò ad attrarre grandi fol¬le in tutto il mondo, ma non reclamò alcuna autorità, non volle di¬scepoli e parlò sempre da individuo a individuo. Al cuore del suo in-segnamento sta l’aver compreso che i cambiamenti fondamentali nella società possono derivare soltanto dalla trasformazione della coscienza individuale. Ciò che è messo costantemente in rilievo è la ne¬cessità di conoscere se stessi e la comprensione degli influssi limitan¬ti e settari dei condizionamenti religiosi e nazionalistici. Krishnamur¬ti indicò sempre l’urgente bisogno di rimanere aperti a quel “vasto spazio mentale in cui c’è un’energia inimmaginabile”. Questa sembra esser stata la fonte della sua creatività e la chiave di volta della sua capacità di attrarre un gran numero di persone tanto diverse tra loro. Krishnamurti continuò a parlare in tutto il mondo fino alla morte, avvenuta nel 1986 all’età di novant’anni. I suoi discorsi e dialoghi, i diari e le lettere, sono stati raccolti in più di sessanta volumi. Questa collana di libri dedicati ciascuno a un singolo tema è stata tratta da questo vasto corpus di insegnamenti. Ogni libro della collana tratta un argomento particolarmente significativo per la nostra vita quotidiana. Ojai, 27 maggio 1945 Domanda: Sicuramente la maggior parte di noi ha visto al cinema o sui giornali le immagini degli orrori e delle barbarie dei campi di concentramento. Che cosa bisognerebbe fare, secondo lei, a coloro che hanno perpetrato tali mostruose atrocità? Non dovrebbero venire puniti? Krishnamurti: Chi li punirà? Il giudice non è spesso colpevole come l’accusato? Ciascuno di noi ha creato questa civiltà, ha contribui¬to alla sua infelicità, è responsabile delle sue azioni. Noi siamo il ri¬sultato delle azioni e reazioni reciproche, questa civiltà è un prodot¬to collettivo. Nessun paese e nessun popolo è separato da un altro, siamo tutti interrelati, siamo tutti uno. Che lo riconosciamo o no, partecipiamo alla sfortuna di un popolo come partecipiamo alla sua fortuna. Non potete prendere le distanze per condannare o elogiare. Il potere che opprime è male, e qualunque gruppo abbastanza grande e organizzato diventa una fonte potenziale del male. Strillan¬do sulle crudeltà di un altro paese, pensate di poter trascurare quelle del vostro. Non solo la nazione vinta, ma tutte le nazioni sono re¬sponsabili degli orrori della guerra. La guerra è una delle massime catastrofi; il male più grande è uccidere un’altra persona. Se lasciate entrare questo male nel vostro cuore, spianerete la strada a un numero infinito di atrocità più piccole. Non condannerete la guerra in se stessa, ma colui che in guerra commette atrocità. Voi siete i responsabili della guerra, voi l’avete provocata con le vostre azioni quotidiane segnate dall’avidità, dalla cattiveria, dalla passione. Ognuno di noi ha costruito questa civiltà spietata e compe¬titiva in cui l’uomo è contro l’uomo. Volete sradicare le cause della guerra e della barbarie negli altri, mentre dentro di voi continuate ad alimentarle. Ciò conduce all’ipocrisia e ad altre guerre. Dovete sradi¬care le cause della guerra, della violenza, dentro di voi, il che richie¬de pazienza e gentilezza, non questa maledetta condanna degli altri. L’umanità non ha bisogno di altra sofferenza per poter capire, ma ciò che occorre è che voi siate consapevoli delle vostre azioni, che vi risvegliate alla vostra ignoranza e al vostro dolore, per far nascere in voi stessi la compassione e la tolleranza. Non dovete preoccuparvi di punizioni e ricompense, ma di sradicare in voi stessi quelle cause che si manifestano nella violenza e nell’odio, nella rivalità e nell’ostilità. Uccidendo l’uccisore diventate come lui, diventate voi i criminali. Ciò che è sbagliato non viene raddrizzato con mezzi sbagliati, solo con giusti mezzi si può raggiungere un giusto fine. Se volete la pace, dovete usare mezzi pacifici; mentre lo sterminio di ma...
---------------------------------
Titolo: CONOSCERE LA ASCENSIONE GLOBALE
Libro intro: SOMMARIO INVOCAZIONE PER L'ASCENSIONE 7 AIUTARE LA FORMA UMANA NELL'ASCENSIONE 11 OLTRE LA LIBERAZIONE (TRASCENDERE IL MODELLO DEI BLOCCHI ) 20 INIZIAZIONI 1024-2500: TRASCENDERE IL PIANO BUDDICO 24 CONSEGUIRE UNA CONSAPEVOLEZZA DI 25.MA DIMENSIONE (TRASCENDERE I LEGAMI DELL'ANIMA) 29 CONSEGUIRE LO STATO DI UN BODHISATTVA 39 AGGIORNAMENTO ASCENSIONE 50 PADRONEGGIARE L'INNOCUITA': PARTE PRIMA (TRASCENDERE LA PERSONALITÀ, L'EGO E L'EGO NEGATIVO ) 51 PADRONEGGIARE L'INNOCUITÀ: PARTE SECONDA 58 TRASCENDERE L'INDEGNITÀ E LA VERGOGNA, ED I 18 PIANI DI REALTÀ COLLEGATI 58 PADRONEGGIARE L'INNOCUITA': PARTE TERZA (TRASCENDERE I MODELLI DI MUTILAZIONE E DISTRUZIONE) 67 PADRONEGGIARE L?INNOCUITA?: PARTE QUARTA 78 TRASCENDERE LA BRAMOSIA ED IL DESIDERIO PER LA FAMA E LA FORTUNA 78 PADRONEGGIARE L?INNOCUITÀ: PARTE QUINTA 83 TRASCENDERE IL MODELLO DELL?ASCENSIONE INCOMPLETA, O COMBUSTIONE SPONTANEA 83 PADRONEGGIARE L'INNOCUITA': PARTE SESTA 89 SCISMI E RIMODELLAMENTI DELL'ANIMA NELL'ASCENSIONE 89 I SETTE SENTIERI DEL COMANDO DEL MAHAVISHNU 105 SINTOMI DELL'ASCENSIONE 111 CAMBIAMENTO 114 IL VIAGGIO DEL RISVEGLIO E LA NASCITA DELLA DIVINITA' 115 UNA CHIAMATA PER TUTTI GLI UOMINI: 118 UN MESSAGIO DA LADY GAIA 118 PENSIERI RIGUARDO L'ASCENSIONE E I MAESTRI ASCESI 120 COSCIENZA COSMICA: 125 ALLINEAMENTO PIANETARIO DEL 4 MAGGIO 2000 125 AGGIORNAMENTO DEL CONCILIO 9D DI NIBIRU SUL 5 MAGGIO 2000 131 COMUNICAZIONE DALLA COSCIENZA COSMICA, DEL 21 MARZO PER L'ALLINEAMENTO DEL 5 MAGGIO 2000 133 AURORA BOREALE - DIARIO DELL'AMMIRAGLIO BYRD SUL VIAGGIO NELLA TERRA CAVA 133 COMPRENSIONE GENETICA: CANALI DI COMUNICAZIONE 137 CHE COSA È L'ASCENSIONE 142 TERRA CAVA - MESSAGGI DI VARNA, DELLA COLONIA DI VENERE, 147 ILLUSTRA BREVEMENTE SULLA ORGANIZZAZIONE SOCIALE DELLA CIVILTÀ DI AGARTHA. 147 LA FORMA CRISTALLINA 151 COMUNICAZIONI DAI REAMI PIÙ ALTI DELLA COSCIENZA COSMICA DELLA CREAZIONE 163 LA STELLA ALTIERYN 164 MADRE TERRA ACCOGLIE UNA NUOVA ALBA 167 LADY GAIA PORTA A COMPIMENTO L'INIZIAZIONE 250 NELLA SUA GLOBALE ASCENSIONE 168 ENTRANDO NELLA QUARTA DIMENSIONE 172 CAMBIAMENTO DELLA SORGENTE ENERGETICA PER MADRE TERRA 175 ASCENSIONE GLOBALE 179 MADRE TERRA COMPLETERÀ L'INIZIAZIONE GLOBALE 1024 NEL SETTEMBRE DEL 2000 179 DALLA TERRA CAVA - TELOS 181 IL DIO FUMOSO - VIAGGIO NELLA TERRA CAVA 185 I SIMBOLI DEL LINGUAGGIO DELLA LUCE 208 INTEGRARE LA LUCE E IL BUIO 222 INTEGRAZIONE DI FRAMMENTI DI ANIMA 227 LIBERAZIONE DELL''ANIMA E ALLINEAMENTO CON L'ASCENSIONE 227 CONSEGUIRE LA LIBERAZIONE: INTEGRAZ. DEI SEDICI PIANI DI REALTÀ 232 INTERVISTA CON UNA WALK-IN: KELEMERIA MYAREA ELOHIM 242 PRESENTAZIONE DELL'ORDINE DI RIZE (GLI SCOPI DELL'ORDINE DI RIZE) 253 AGGIORNAMENTO ASCENSIONE 261 KARMA E DESTINO 262 (CONFERENZA TENUTASI ALLA SORBONNE) 262 LAVARE E CARICARE I CRISTALLI 269 LA FRATERNITÀ GALATTICA 271 LE QUATTRO PURUSHARTHAS 281 LETTERA DI JELAILA STARR SULL'ASCENSIONE 283 LIBRERIA DI SHANGA - IL MONDO SOTTERRANEO DI AGARTHA 294 LO SVILUPPO DELL'AMORE E DELLA COMPASSIONE UNIVERSALE 298 MITI DEL PERCORSO SPIRITUALE (ESPLICITAMENTE SCRITTO PER QUELLI CHE SONO SUL PERCORSO DI ASCENSIONE) 303 CIASCUNO CREA LA PROPRIA REALTA'. 304 NIBIRU, NAVE AMMIRAGLIA E PIANETA/BATTAGLIA DELLA FEDERAZIONE GALATTICA 307 NUOVE INIZIAZIONI DALL?ANTICO EDITTO(LA GERARCHIA COSMICA TRAMITE KAREN DANRICH) 315 LE DIECI OTTAVE DELL'AMORE 324 PENSIERI SULLE MALATTIE E SULL'ASCENSIONE 331 PENSIERI SULL'INTERVENTO CELESTE DI DIO/DEA TUTTO QUELLO CHE E' 339 CINTURA FOTONICA: 359 RAGGIUNGERE LO STATO CRISTICO (INIZIAZIONI 1-12) KAREN DANRICH, MILA SINOSKI, TOM WEBER RAMA 364 RETICOLI (GRIGLIE) ETERICI 367 L?ESPOSIZIONE DI UNA RICERCA DI FRONTIERA 372 NOTIZIE DA SIRIO LA CINTURA FOTONICA (ULTIME INFORMAZIONI DI SHELDAN NIDLE) 374 CAPITOLO PRIMO (ULTIMO AGGIORNAMENTO SULLA MISSIONE) 379 CAPITOLO SECONDO (INDIZI IN CIELO E SULLA TERRA) 385 CAPITOLO 3 (VERSO UNA NUOVA REALTÀ) 392 SUBENTRARE IN UN CORPO FISICO PER UNA MISSIONE SPECIALE 397 SUGGERIMENTI UTILI SUL PERCORSO DI ASCENSIONE 400 LAVORARE CON I COMPUTER 401 TERRA DL SMERALDO - STRANI MARCHINGEGNI NEL CUORE D'UNA GROTTA AZZURRA 403 UNA SANTA PASQUA DA LADY GAIA 409 VERSO LA TERRA CAVA 413 VERSO UNA CIVILTÀ GALATTICA, DALLA CINTURA FOTONICA ALLA INIZIAZIONE PLANETARIA 421 VERSO UNA CIVILTÀ GALATTICA 438 1 CHAKRA 449 2 CHAKRA 451 3 CHAKRA 452 4 CHAKRA 454 5 CHAKRA 456 6 CHAKRA 457 7 CHAKRA 459 7 MEDITAZIONE 461 IL SISTEMA DEI CHAKRA DELLA 5° DIMENS. DELLA TERRA E DEL GOVERNO 463 PANORAMICA DELLE INIZIAZIONI (RAGGIUNGERE LO STATO CRISTICO) 465 PANORAMICA DELLE INIZIAZIONI (CONSEGUIRE IL NON ATTACCAMENTO) 466 PANORAMICA DELLE INIZIAZIONI (ACQUISIZIONE DELLA LIBERTÀ) 467 PANORAMICA DELLE INIZIAZIONI (RAGGIUNGERE LO STATO DEL BODHISATTVA) 468 IL NUOVO SISTEMA DI CHARKA DELLA TERRA 470 I 12 CENTRI DEI MAGGIORI CHAKRA DELLA TERRA 472 CHAKRAS ARE WHEELS THAT SPIN 475 IL KUNDALINI YOGA 477 A NEW WORLD CONSCI...
---------------------------------
Titolo: CONTATTO TRASCENDENTE : COME REALIZZARE IL CONTATTO TRASCENDENTE
Libro intro: L’essere umano è calato in un corpo che - per lo più - sappiamo essere destinato a morire in meno di un secolo (un tempo insignificante di fronte alla scala temporale dell’Universo), eppure vive e spreca ciascun istante senza mai riflettere sul fatto che tempus fugit (il tempo fugge) o almeno non ci porta la dovuta attenzione fino a quando non è troppo tardi. Scrive Seneca nella I Lettera a Lucilio: “Se badi bene, una gran parte della vita ci sfugge nel fare il male, la maggior parte nel non fare nulla; tutte quante nel fare altro da quello che dovremmo. Puoi indicarmi qualcuno che dia un giusto valore al suo tempo e alla sua giornata e che si renda conto com’egli muoia giorno per giorno?”. Partendo da una siffatta considerazione dovremmo chiederci: “Cos’è veramente essenziale nella nostra vita?” (ved. anche l’incontro n° 238). Certamente non può essere essenziale ciò che è inesorabilmente destinato a perire, mentre potrà esserlo ciò che non lo è… e se è vero che tutto ciò che nasce ha anche una fine allora dovremmo ricercare l’essenziale in ciò che non ha nascita e non ha fine: lo Spirito o Atman. Il piano materiale-immanente è transitorio, l’Universo stesso è destinato a perire con tutte le sue innumerevoli galassie, solo il piano spirituale-trascendente è imperituro e, dal nostro punto di vista, meritevole di vera attenzione. Nell’arco della nostra vita terrena abbiamo l’opportunità (ma solo se lo vogliamo) di ricreare un contatto preciso e telepatico con i piani superiori dell’esistenza; questo contatto trascendente è in grado di guidarci istante per istante verso la massima realizzazione del nostro essere in questa vita. Come già detto in altri incontri esistono delle condizioni precise per rendere possibile un contatto superiore e svilupparlo nel tempo, di seguito andiamo a precisarne le principali: 1) Decisione interiore personale di creare questo contatto. 2) Aver lavorato sul grounding - radicamento - per evitare di “decollare” (ad es. per mezzo del lavoro sul chakra delle radici e mediante esercizi fisici ed energetici per caricare l’hara - un esercizio straordinario è quello “dell’albero” del Qi Gong). 3) Buon equilibrio psichico ed emozionale per gestire le informazioni che possiamo ricevere ed i cambiamenti che conseguiranno al contatto. 4) Mantenere elevato il proprio livello vibratorio mediante una adeguata purificazione fisica e la precisazione continua delle relazioni e degli ambienti che frequentiamo. 5) Sempre al fine di purificarsi e rendere l’organismo più ricettivo e cristallino, consigliamo di assumere regolarmente acqua diamante bevuta in un bicchiere di cristallo, affermando mentalmente: “Purifico il mio corpo e la mia mente - la mia anima diventa trasparente come un cristallo”. 6) Dedicarsi periodicamente a delle pratiche defusive (di allentamento delle tensioni) in modo da non cristallizzarsi troppo. 7) Affinamento progressivo della sensibilità psichica e dell’intelligenza creativa per mezzo di un’attenzione continua al significato interno di ogni avvenimento quotidiano. 8) Esercitarsi a percepire i vari piani vibratori copresenti ovunque. 9) Tenere la mente chiara e pulita attraverso la meditazione. 10) Documentarsi mediante letture spirituali di tutte le esperienze di maestri e ricercatori che hanno già realizzato questo contatto in passato, in modo da aiutare il mentale concreto a comprendere che tutto ciò è possibile e reale, non è una mera fantasia. 11) Fare attenzione a tutti gli eventi sincronici che vi accadono (coincidenze significative) in quanto sono indicativi di una correlazione tra dimensioni differenti! 12) Coltivare uno slancio d’amore e di devozione verso il Superiore. 13) Accettare gli insuccessi apparenti - “Non esistono fallimenti, esistono solo feed-back!” - e cercare di elevarsi rispettando i propri limiti momentanei. 14) Inserirsi in un lavoro di gruppo finalizzato al medesimo obiettivo spirituale. 15) Percepite personalmente tutto ciò che ritenete possa aiutarvi e mettetelo in pratica......
---------------------------------
Titolo: CORAGGIO DELLA LIBERTA'
Libro intro: Il coraggio della libertà nella vita sociale Conferenza tenuta agli operai della Daimler il 25 aprile 1919 a Stoccarda col titolo: «La solidarietà nel sociale: come e cosa fare» Gentili ascoltatori! Dall’appello consegnato a ognuno di voi avrete potuto capire in che modo ho intenzione di trattare il tema di oggi. Si tratterà di affrontare da un punto di vista più ampio del solito quella che al giorno d’oggi viene chiamata socializzazione e che risuona come un possente appello di portata mondiale da un lato e generalmente umano dall’altro. E non certo per una mia preferenza rispetto a questo tema, ma perché la grande, potente sfida del nostro tempo può essere capita nel modo giusto solo affrontando con la maggiore apertura e spregiudicatezza possibili ciò di cui si tratta. Se cinque o sei anni fa avessi parlato ad un’assemblea di lavoratori nello stesso modo in cui intendo parlare a voi oggi, le condizioni per una reciproca comprensione fra l’oratore e i suoi ascoltatori sarebbero state completamente diverse da oggi. È così, solo che ciò non viene ancora capito come si deve dalla maggior parte della gente. Vedete, cinque o sei anni fa un’assemblea come questa mi avrebbe ascoltato, in base alle sue opinioni sociali sarebbe stata in grado di giudicare se l’una o l’altra cosa espressa dall’oratore differiva in un modo o nell’altro dalle sue assodate convinzioni, e se costui avesse fatto anche solo una affermazione poco conforme ai loro punti di vista l’avrebbe rifiutata. Oggi occorre concentrarsi su qualcosa di completamente diverso, perché questi cinque o sei anni sono passati sull’umanità portando in sé degli avvenimenti decisivi e incisivi, e oggi è proprio necessario che la fiducia in qualcuno che vuole dire qualcosa sulla questione sociale non s’instauri solo se costui vuole le stesse identiche cose che vogliamo noi, ma se dimostra di possedere una sincera sensibilità e un’onesta volontà di soddisfare le giuste aspirazioni del nostro tempo, quelle che si esprimono nel movimento proletario in costante crescita. Oggi ci troviamo di fronte a realtà assolutamente diverse da quelle di cinque o sei anni fa – i tempi hanno...
---------------------------------
Titolo: CORSO DI ERBORISTERIA
Libro intro: INTRODUZIONE In Europa i cittadini spesso non si rendono conto del fatto che possiamo essere curati e assistiti al meglio senza distinzione di razza o reddito. Possiamo affrontare operazioni al cuore, trapianti e molte cure anche costose sia in ospedale che a casa anche se siamo poveri. Questo non significa che sia un mondo perfetto, Spesso si tende a contrapporre la medicina ufficiale che viene definita “Allopatica” con le medicine Naturali. Il fatto è che al centro di ogni decisione dovrebbe esserci sempre e solo la persona. Non esiste la medicina perfetta o il farmaco miracoloso. La medicina Allopatica come un Dittatore ha deciso che è l’unica medicina valida per tutti i problemi dell’umanità. Il fatto reale e che se non facciamo distinzioni accurate non riusciamo noi poveri persone comuni a capire e scegliere. La prima cosa che dobbiamo capire che la medicina Allopatica si divide in diverse “Categorie” • I medici di famiglia a cui ci rivolgiamo normalmente (la medicina di base) • Gli ospedali • Il Pronto soccorso (o cure di emergenza) • Le cure specialistiche Le medicine Naturali sono normalmente preventive, si possono utilizzare nella medicina di base o in alcune cure specialistiche, normalmente si usano in alcune malattie croniche dove possono a volte sostituire i farmaci o affiancarli. Sono numerosi i farmaci che non possono essere sostituiti da prodotti fitoterapici come l’insulina, antibiotici etc. ma per “disturbi” come l’ansia, gastrite, colite, stipsi, problemi venosi o di circolazione lievi e tanti altri la fitoterapia è efficace e non dannosa. E’ FONDAMENTALE rivolgersi sempre ad un vero esperto prima di utilizzare la fitoterapia in qualsiasi forma e soprattutto avere una diagnosi medica precisa. La fitoterapia può fare molto per la vostra salute ma solo se applicata correttamente e per le situazioni in cui è efficace. La domanda regina che tutti ci poniamo e la seguente: Oggi, con una medicina Moderna sofisticata, con ricerche farmacologiche avanzate, con sistemi diagnostici in evoluzione costante, con la genetica, con tutte le più importanti case farmaceutiche e istituti di ricerca impegnate nello sviluppo di farmaci non è un po' Anacronistico e illogico affidarsi alle piante o sistemi naturali per curare le malattie? Il sistema medico moderno e la stessa industria farmaceutica moderna non ha più di cento anni. Perché è nata l’industria dei farmaci? Le cose che noi oggi diamo per facili e scontate una volta non lò erano. Io sono nato nel 1958 e molte cose erano già molto cambiate da quando mia nonna era piccola. Nella camera da letto di mia nonna sul comodino c’era una cornice con una foto. Nella foto un signore vestito come gli attori che si vedono nei film Western, aveva sulle spalle una piccola botticella di legno. Era in posa, ben diritto. Sapevo che era il padre di mia nonna ma non gli ho mai chiesto che lavoro facesse. Ho presupposto visto che aveva sulle spalle una botticella di legno che vendesse Vino! Il fatto è che dopo diversi anni ho chiesto a mia nonna perché era vestito cos’ì, la risposta mi ha scioccato, il padre non vendeva vino, lavorava per un “nobile” e sapete quale era il suo lavoro? Si alzava presto la mattina, andava a piedi al ruscello distante diversi chilometri (ci si arrivava solo a piedi) riempiva la botticella di acqua da bere e tornava alla villa, quindi ripartiva per una altro viaggio! Oggi non diamo peso all’acqua, apriamo un rubinetto e via. Così era per le erbe e i preparati derivati dalle piante, solo poche persone potevano permettersele. Di roberto pedaletti...
---------------------------------
Titolo: CORSO VITAMINE E MINERALI
Libro intro: Tutti i medici e i professionisti della salute nei primi anni della loro formazione studiano le fondamenta della salute umana. Per quanto sia complesso il corpo umano di una cosa siamo certi, per vivere dobbiamo mangiare. Per fare un esempio “automobilistico” possiamo possedere un’ auto economica da poche migliaia di euro ho una Ferrari da 300.000 euro ma entrambe usano la stessa benzina. Se vogliono muoversi devono fermarsi al medesimo distributore. Adesso non importa se possiedi una o l’altra se non inserisci il giusto carburante, non controlli l’olio ho il liquido refrigerante, sicuramente il motore si guasterà. I medici sanno bene che la base della salute e fondata su una alimentazione corretta, il che significa fornire TUTTI I NUTRIENTI che servono al corpo per realizzare le migliaia di sintesi chimiche ed organiche. Ma quando è stata l’ultima volta che un medico ha valutato se vi state alimentando correttamente? Se state assumendo con l’alimentazione tutte le vitamine, proteine e Sali minerali necessari? Non ve lo ricordate? Be non affaticate la vostra mente, non lo fanno mai. Il vero problema che in tutti i gradi di insegnamento scolastico non esiste una sola voce che impari la cosa più importane alle future generazioni: Come ci si deve alimentare e gestire in maniera corretta il nostro corpo. Vedete miei cari lettori e come se domani vi recaste in un negozio per comprate un sofisticato telefono, con decine di funzioni, ve lo consegnano in una bella scatola, ma…. Non ci sono istruzioni, niente neanche una riga, neanche su come si accende. Come farete a conoscere cosa fà e come farlo nella maniera giusta? Quasi sicuramente lo usereste utilizzando solo le funzioni che riuscite a trovare più facilmente, quindi avrete speso una somma di denaro per avere il meglio e usarlo come un telefono economico. Ecco questo vi sembrerà illogico ma non è quello che avviene con il nostro corpo? Nessun libretto di istruzioni, nessuno che ci spieghi come usarlo! Ma torniamo al soggetto di questo breve libro Le vitamine sono delle sostanze fondamentali per il nostro benessere che, come avviene per i sali minerali, vanno assunte attraverso l’alimentazione dato che il nostro corpo non è in grado di sintetizzarle. Spesso però a causa di un’alimentazione sregolata ne siamo carenti e tendiamo a sottovalutare questo fatto non considerando che ciò può comportare invece a lungo andare, seri problemi di salute. Scopriamo allora meglio le vitamine e soprattutto impariamo quali sono gli alimenti che ne contengono di più. La prima grande classificazione a proposito di vitamine è quella che vede da una parte le vitamine liposolubili e dall’altra quelle idrosolubili. Le prime (vitamine A, D, E, K) sono solubili...
---------------------------------
Titolo: COSA SIGNIFICA ESSERE UN INSEGNANTE
Libro intro: Conoscete il giuramento degli insegnanti di Kundalini Yoga? Si? Facciamolo! Non sono una donna, non sono un uomo, non sono una persona, non sono me stesso. Sono un insegnante. Questo è il concetto che purifica il canale e porta i cieli attraverso di voi. Poi chiudete gli occhi, vi concentrate all?ajna chakra, o terzo occhio e cantate tre volte Ong Namo Guru Dev Namo. È il Nadhi Sadhani Kriya, l?Azione, kriya, che perfeziona, sadhani, tutti i canali, nadhi. Ogni cosa vi è stata data totalmente pura. Niente è stato aggiunto o sottratto o modificato. Lo scopo è molto semplice: dare onestamente alla gente ciò che abbiamo. Non promuovetevi e non promuovete qualsiasi cosa piace alla gente, ma datele ciò che le serve, ciò che può elevarla: energia! Condividete tecnologia, non emozioni! Se è una pillola amara, lasciate che sia amara. Non zuccheratela! È molto falso dare insegnamenti per far piacere alla gente, insegnate invece per costruire le persone, per nutrirle, per portare fuori la loro realtà, far emergere la loro personalità, togliere le loro cavità e rovine, i loro punti abissali, stimolare la vera forza di una persona. Voi avete questa capacità, attraverso l?insegnamento voi avete questa qualità perfetta. Non cercate popolarità o personalità. Nel Kundalini Yoga noi non iniziamo nessuno: se una persona è abbastanza pazza o non è abbastanza preparata per iniziare se stessa, non sarà la nostra iniziazione a fare differenza! È la qualità delle persone, la qualità dei loro pensieri, la qualità della loro percezione, la qualità della loro proiezione, la qualità del loro comportamento e la qualità della loro vita ciò che importa. Non la quantità! Tratto da Yogi Bhajan...
---------------------------------
Titolo: COSCIENZA DELL'ATOMO
Libro intro: I - Il campo dell’evoluzione Pag. 11 II - L’evoluzione della sostanza 31 III - L’evoluzione della forma, o evoluzione di gruppo 53 IV - L’evoluzione dell’Uomo, il Pensatore 77 V - L’evoluzione della coscienza 97 VI - La meta dell’evoluzione 119 VII - L’evoluzione cosmica 143 Queste conferenze furono tenute a New York l’inverno scorso per esporre le risultanze scientifiche circa il rapporto tra materia e coscienza, far notare che esso si ripresenta identico, con certe leggi fondamentali, in stati successivi e sempre più elevati dell’essere e far comprendere l’universalità del processo evolutivo e la sua realtà. Esse si proponevano anche di trattare l’espandersi della coscienza e la natura della vita maggiore verso la quale l’umanità progredisce. Avevano insomma lo scopo di introdurre allo studio più profondo e all’applicazione pratica di quelle leggi della vita e dello sviluppo umano cui si dà il nome generico di “occultismo”. Poiché ad ogni conferenza una parte del pubblico assisteva per la prima volta, fui costretta di volta in volta a riassumere rapidamente gli argomenti già trattati e le ragioni delle conclusioni raggiunte. Perciò, nel testo, le ripetizioni sono numerose. Fu del resto utile fissare in tal modo nella mente degli ascoltatori concetti fondamentali che per molti erano inconsueti: ciò consentì loro di comprendere meglio e di accogliere più facilmente gli svolgimenti successivi. Ho ritenuto bene conservare il testo originale. Chi conosce un poco la Saggezza eterna non avrà difficoltà a seguire i vari argomenti. Per coloro che invece vi si accostano per la prima volta non sarà inutile la ripetizione dei punti fondamentali, che gioverà loro per comprenderli meglio: ed è soprattutto a questi ultimi che il libro si rivolge. ALICE A. BAILEY Settembre 1922....
---------------------------------
Titolo: COSMI DIVINI
Libro intro: Una Nuova e Sconvolgente Visione della Realtà ~ di David Wilcock ~ Introduzione Prologo Il Mistero viene rivelato Capitolo Uno Le conquiste del dott. N. A. Kozyrev Capitolo Due Luce sulla Fisica Quantica Capitolo Tre Geometria Sacra nel Regno dei Quanti Capitolo Quattro La Prospettiva Sequenziale Capitolo Cinque Forme di energia geometrica su ampia scala Capitolo Sei Il Battito Universale Capitolo Sette Strutture di Energia Sferica nel Cosmo Capitolo Otto La Trasformazione Energetica del Sistema Solare Capitolo Nove Collegamento fra Onde di Torsione e Coscienza ########## TRATTO DA WWW.STAZIONECELESTE.IT...
---------------------------------
Titolo: CROP CIRCLES: MESSAGGI MULTIMEDIALI
Libro intro: I Crop circles sono strani glifi, pittogrammi, disegni insomma, che vengono scolpiti nei campi di grano di tutto il mondo in modo assolutamente sconosciuto, non si sa da chi e perché. In realtà il fenomeno, che è noto essere operante dalla metà del 1500 d.C., è comparso alla ribalta dei mass-media non più tardi della metà degli anni ottanta. Infatti solo pochi anni prima alcuni curiosi avevano soffermato la loro attenzione su questo fenomeno in modo più attento. Così furono pubblicati alcuni libri con le splendide immagini di quei disegni, il più delle volte scolpiti nei campi di grano inglesi, e nacquero veri e propri centri di ricerca su questo strano fenomeno, a cui nessuno sapeva dare una convincente spiegazione. Il fenomeno mi fornisce oggi lo spunto per tentare di capire come la scienza, davanti al non comprensibile, non solo eviti di affrontare il problema della comprensione, ma si rifiuti, di fatto, di prendere atto dell?esistenza di questa interessante nuova fenomenologia. Quando il fenomeno dei crop venne alla ribalta del grande pubblico la scienza ufficiale si trovò, e lo è ancora, totalmente impreparata all?impatto con una fenomenologia intelligente e sconosciuta. Sì, perché una cosa era evidente: i crop non erano un fenomeno naturale e non erano nemmeno un fenomeno realizzabile dall?uomo! Di fronte a questo sospetto, che nel mondo delle persone intelligenti diventò presto realtà, la scienza ufficiale si trovò completamente spiazzata, poiché, se non erano la natura o l?uomo a fare queste cose intelligenti, rimanevano poche alternative? doveva trattarsi di intelligenze a noi sconosciute! Ma questo la scienza ufficiale non poteva dirlo, poiché il castello di carte, già da tempo barcollante, degli antiufologi - scienziati di corte - minacciava di cadere sotto i colpi dell?evidenza più spudorata. Così assistemmo a pochi ed inutili tentativi della scienza di mascherare il problema. "I crop li fanno particolari tipi di vento?" ... testo di Corrado Malanga...
---------------------------------
Titolo: CUORE
Libro intro: VEDERE CON GLI OCCHI DEL CUORE ...
---------------------------------
Titolo: CUORE - AGNI YOGA
Libro intro: CUORE - AGNI YOGA...
---------------------------------
Titolo: CUORE AGNI YOGA
Libro intro: L'Alchimia è lo studio dell'Energia della materia. L'Alchimia Spirituale è lo studio dell'Energia nella Forma. L'alchimista è colui che libera l'energia dalla materia. L'alchimista Spirituale è colui che libera l'Energia dalla Forma. D. O. M. A. (Deo optimo maximo Artista). "Nel nostro cielo si vedono due bei luminari. Essi ci indicano, come ti dico, le due luci del grande cielo: Unisci questi due come una donna viene condotta al suo uomo, affinché felicemente in te possa prodursi lo stato matrimoniale. Il mutamento degli elementi avviene dopo di ciò, con misura e rapidamente, di modo che la forma e la natura del rotondo metta in evidenza, dolcemente, le sue forze." GLOSSARIO dei principali termini alchemici....
---------------------------------
Titolo: CURARSI CON LE MEDICINE NON CONVENZIONALI
Libro intro: Curarsi con le medicine non convenzionali INTRODUZIONE Ogni individuo dovrebbe avere il diritto di curare il proprio stato di malattia come preferisce: la questione è avere una reale coscienza se la medicina che appartiene alla sua cultura sia quella per cui optare per provvedere al proprio benessere. I princìpi culturali della società in cui si nasce sono portatori di una serie di valori, di idee, di correnti di pensiero, che appartengono esclusivamente ad essa e solitamente questi aspetti vengono dati per scontati. Ogni disciplina umana possiede caratteristiche comunemente accettate dalla cultura di appartenenza: ciò che si diversifica spesso viene guardato con diffidenza, se non con sospetto. Questo è particolarmente riscontrabile nella sfera della medicina che, affondando le sue radici nella filosofia, spesso sperimenta terapie di cura che, in base al paese in cui sono nate, si distinguono nettamente dalla medicina standard a cui la maggior parte delle persone appartenenti al mondo occidentale sono abituate. Tutto ruota attorno alla concezione di salute e malattia, forse non del tutto esaustiva nel corso dei tempi. L’Oms ha definito lo stato di salute: «stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplice assenza di malattia»1. È però anche assodato che, nonostante tutto, come definizione sia abbastanza restrittiva se si fa riferimento all’idea che una determinata cultura ha del benessere fisico, psichico, etc. E da qui sorgono le principali discrepanze tra le diverse pratiche terapeutiche, in quanto ogni cultura possiede una propria concezione di tali questioni. Partendo da questo presupposto appare evidente quanto sia complesso giungere ad una risoluzione definitiva; piuttosto bisogna porsi nell’ordine di idee che queste pratiche alternative, nel corso della storia, si sono rivelate efficaci nella loro cultura di appartenenza: pertanto appare chiaro che non esiste una tipologia di medicina giusta e una sbagliata nel senso generale, ma che ciascuna può apportare un contributo in termini di guarigione ......
---------------------------------
Titolo: DAL DOLORE ALLA PACE
Libro intro: ILARIO ASSAGIOLI DAL DOLORE ALLA PACE A tutti coloro che soffrono, affinché dalla loro notte spunti l’alba dell’accettazione e del superamento, l’autore offre questa raccolta — frutto di dolore — con l’augurio che ognuno sappia trovarvi dei semi di gioia. Quando, durante lunghi anni di malattia (1), andavo trovando nelle mie numerose letture qualche massima, aforisma o pensiero e li trascrivevo per formarne una raccolta (questa raccolta, le cui rubriche nascevano una dopo l’altra quasi spontaneamente), non pensavo che sarebbe venuto il momento in cui verrebbe pubblicata in volume. Era mio vivo desiderio di farla conoscere, poiché sapevo per esperienza personale quanto possono sollevare ed aiutare certe affermazioni sulla gioia, sull’ottimismo, sulla speranza, nei momenti più oscuri della vita. Il valore umano di questo volume è dato, oltre che dal contenuto, dal fatto che esso è frutto di sofferenza reale e che il primo ad aver attinto aiuto dalle sue pagine è il compilatore stesso. Suo scopo immediato è, come ho detto nella dedica, quello di aiutare ad accettare e vincere il dolore, riconoscendone la funzione purificatrice ed elevatrice. Però esso si rivolge — non meno che a chi soffre fisicamente o moralmente — ad un’altra ed ampia categoria di persone: agli insoddisfatti, a coloro che si sentono a disagio nella vita comune, piena di cose piacevoli ma vuote, e che cercano qualcosa di meno effimero e di più profondo, qualche base salda e duratura su cui fondare la propria dimora interna. Ed oggi che i disorientati e gli insoddisfatti sono più numerosi che mai, il riflettere su certe verità eterne, presentate in forma varia dai grandi spiriti di ogni tempo e nazione, può far apparire meno lontana la prima mèta di ogni realizzazione spirituale, la rivelazione del Sé interiore, del proprio Centro spirituale. Affinché ciò avvenga, bisogna che alla lettura dei precetti segua la loro attuazione; infatti, per dirla con i cinesi, “l’insegnamento che entra solo nell’orecchio è come un pasto consumato in sogno”. E i pasti sognati non sono molto nutrienti! Tuttavia occorre ricordare che l’insoddisfazione prelude alla ricerca e che la ricerca è già in parte possesso. Con chi è insoddisfatto vi è sempre speranza e chi è disorientato può esser condotto a trovare la sua via, mentre è molto difficile, direi quasi impossibile, smuovere e interessare a cose superiori chi è tutto immerso nei propri interessi materiali ed egoistici o chi è soddisfatto di sé. Ad ognuna delle tre parti in cui è divisa la raccolta è premessa una breve introduzione, scritta da mio padre Roberto Assagioli, al quale devo già tanta gratitudine per tutto quello che ha fatto, umanamente e spiritualmente, per me. Vi sono anche qua e là alcuni pensieri tratti dai suoi scritti inediti, mentre non ho voluto di proposito includere pensieri miei personali, salvo alcuni pochi che ho messo tra quelli anonimi. La cernita accurata dei pensieri più significativi e meno conosciuti, fra le molte migliaia che avevo raccolti, è stata fatta in modo da dare un panorama universale: così, accanto a quelli di pensatori e scrittori occidentali, ve ne sono non pochi di autori indiani o orientali in genere. Ciò che ho cercato di fare durante la selezione è stato di scartare le massime più note e quelle più ovvie e di preferire i pensieri che avessero insieme a un significato profondo anche una forma viva ed originale, sforzandomi di evitare il pericolo indicato dallo Chamfort quando afferma che “La maggioranza dei raccoglitori di versi o di motti di spirito somiglia a coloro che mangiano ciliege oppure ostriche: scelgono dapprima le migliori e finiscono per mangiarle tutte!”. Un altro punto su cui vorrei richiamare l’attenzione del lettore è il valore intrinseco della “massima” quale modo e mezzo di espressione; lo farò con le parole che Michel Epuy premette alla sua raccolta di pensieri Comment être heureux (Paris, Payot): “Una frase breve ha spesso un’efficacia maggiore di un intero libro. Per la brevità stessa, la verità che esprime ha più forza e il suo significato sembra più essenziale, più alto, più ricco. Essa s’incide meglio nella mente e per poco che abbia qualche riferimento nascosto alla nostra preoccupazione o al nostro stato d’animo del momento, ci colpisce, rimane in noi; la possiamo così ripetere nelle ore in cui più abbiamo bisogno di credervi e di metterla in pratica; così può avere un notevole influsso sulla nostra volontà e quindi sul nostro destino”....
---------------------------------
Titolo: DAL DOLORE ALLA PACE
Libro intro: assagioli - A tutti coloro che soffrono, affinché dalla loro notte spunti l’alba dell’accettazione e del superamento, l’autore offre questa raccolta — frutto di dolore — con l’augurio che ognuno sappia trovarvi dei semi di gioia ..PREFAZIONE Quando, durante lunghi anni di malattia (1), andavo trovando nelle mie numerose letture qualche massima, aforisma o pensiero e li trascrivevo per formarne una raccolta (questa raccolta, le cui rubriche nascevano una dopo l’altra quasi spontaneamente), non pensavo che sarebbe venuto il momento in cui verrebbe pubblicata in volume. Era mio vivo desiderio di farla conoscere, poiché sapevo per esperienza personale quanto possono sollevare ed aiutare certe affermazioni sulla gioia, sull’ottimismo, sulla speranza, nei momenti più oscuri della vita. Il valore umano di questo volume è dato, oltre che dal contenuto, dal fatto che esso è frutto di sofferenza reale e che il primo ad aver attinto aiuto dalle sue pagine è il compilatore stesso. Suo scopo immediato è, come ho detto nella dedica, quello di aiutare ad accettare e vincere il dolore, riconoscendone la funzione purificatrice ed elevatrice. Però esso si rivolge — non meno che a chi soffre fisicamente o moralmente — ad un’altra ed ampia categoria di persone: agli insoddisfatti, a coloro che si sentono a disagio nella vita comune, piena di cose piacevoli ma vuote, e che cercano qualcosa di meno effimero e di più profondo, qualche base salda e duratura su cui fondare la propria dimora interna. Ed oggi che i disorientati e gli insoddisfatti sono più numerosi che mai, il riflettere su certe verità eterne, presentate in forma varia dai grandi spiriti di ogni tempo e nazione, può far apparire meno lontana la prima mèta di ogni realizzazione spirituale, la rivelazione del Sé interiore, del proprio Centro spirituale. Affinché ciò avvenga, bisogna che alla lettura dei precetti segua la loro attuazione; infatti, per dirla con i cinesi, “l’insegnamento che entra solo nell’orecchio è come un pasto consumato in sogno”. E i pasti sognati non sono molto nutrienti! Tuttavia occorre ricordare che l’insoddisfazione prelude alla ricerca e che la ricerca è già in parte possesso. Con chi è insoddisfatto vi è sempre speranza e chi è disorientato può esser condotto a trovare la sua via, mentre è molto difficile, direi quasi impossibile, smuovere e interessare a cose superiori chi è tutto immerso nei propri interessi materiali ed egoistici o chi è soddisfatto di sé. Ad ognuna delle tre parti in cui è divisa la raccolta è premessa una breve introduzione, scritta da mio padre Roberto Assagioli, al quale devo già tanta gratitudine per tutto quello che ha fatto, umanamente e spiritualmente, per me. Vi sono anche qua e là alcuni pensieri tratti dai suoi scritti inediti, mentre non ho voluto di proposito includere pensieri miei personali, salvo alcuni pochi che ho messo tra quelli anonimi. La cernita accurata dei pensieri più significativi e meno conosciuti, fra le molte migliaia che avevo raccolti, è stata fatta in modo da dare un panorama universale: così, accanto a quelli di pensatori e scrittori occidentali, ve ne sono non pochi di autori indiani o orientali in genere. Ciò che ho cercato di fare durante la selezione è stato di scartare le massime più note e quelle più ovvie e di preferire i pensieri che avessero insieme a un significato profondo anche una forma viva ed originale, sforzandomi di evitare il pericolo indicato dallo Chamfort quando afferma che “La maggioranza dei raccoglitori di versi o di motti di spirito somiglia a coloro che mangiano ciliege oppure ostriche: scelgono dapprima le migliori e finiscono per mangiarle tutte!”....
---------------------------------
Titolo: DAL TUFFO AL DECOLLO - LA PAURA DI ESSERE PIENAMENTE VIVI
Libro intro: La maggior parte degli esseri umani vivono nella paura di essere pienamente vivi. Eppure tutti esprimono chiaramente i numerosi desideri e rivendicano con ardore il diritto alla felicità ed alla libertà. Ancora troppe persone però rimangono prigioniere di diverse trappole personali ed interpersonali. Troppe persone reagiscono, senza essere consapevoli che in realtà lottano contro se stesse. I problemi psicologici, affettivi, energetici e somatici si moltiplicano. Le sensazioni di vuoto interiore e di mancanza di senso della vita, la mancanza di fiducia in sé e nel futuro, le eterne frustrazioni, la stanchezza, le tensioni croniche nel corpo e i disagi fisici ed energetici solo solamente alcuni dei sintomi che praticamente e sfortunatamente sono considerati facenti parte della vita quotidiana cosiddetta normale. Eppure l'essere umano investe moltissimo tempo, energia e danaro nella speranza di migliorare la propria vita, trascurando però la cosa più importante: l'apertura al suo vero essere ed ai propri bisogni reali. Nel corso della propria vita, la persona seguirà poco a poco le direzioni proposte dalle diverse strutture esteriori famigliari, sociali, culturali, religiose e politiche. Sono cammini cosparsi, anzi pieni di modelli e di messaggi che incitano ad andare incontro al Sé, piuttosto che al proprio incontro. Identificandosi con queste proposte esteriori, la persona si attacca e s'incatena ai propri desideri, alle proprie paure, credenze ed illusioni, alimentando cosí numerose insicurezze. In questo modo abbandona il suo cammino creando una chiusura su più livelli di coscienza e di modi di essere, si distacca dalla propria identità reale, giudica i propri pensieri, blocca le emozioni e le sensazioni corporee ed energetiche, adotta atteggiamenti che riducono considerevolmente le potenzialità di espressione, di comunicazione, guarigione e creazione. Si abbandona. Questo abbandono di sé segna l'inizio della lotta contro se stessa, una lotta che genera cosí tanta sofferenza. In effetti, la persona non centrata in se stessa soffre, anche se è consapevole o no dei propri squilibri. E da quel momento, molto spesso cerca nell'esteriore la Via della Guarigione, che porta alla felicità, sempre secondo la persona. Da circa 15 anni, sia nel mio percorso personale che nella mia professione osservo che un fenomeno molto semplice si rivela essere sia la causa che la conseguenza di squilibri psichici, affettivi ed energetici e di difficoltá di adattamento, cosí presenti e frequenti ai giorni nostri. Questo fenomeno si chiama chiusura e si esprime in concreto con un rifiuto più o meno consapevole di uno o più aspetti della realtà. In effetti, la chiusura si trova in moltissime dinamiche personali e relazionali, e si esprime attraverso diverse ricerche della felicità, durante le quali numerosi tentativi di sottrarsi alla realtà, sia interiore che esteriore, sono non solo vani, ma devastanti. DI VIRGINIE DUCHAINE il ritorno ad un equilibrio personale e relazionale...
---------------------------------
Titolo: DALL'INTELLETTO ALL'INTUIZIONE DI ALICE BAILEY
Libro intro: DALL'INTELLETTO ALL'INTUIZIONE DI ALICE BAILEY...
---------------------------------
Titolo: DEDICATO A TE
Libro intro: Dedicato a Te che non riesci a parlarne…Dedicato a Te che hai patito nel dire queste parole…Dedicato a Te che semplicemente hai detto ch i sei e tutti ma proprio tutti hanno accettato il tuo essere così…Dedicato a Te che ancora oggi soffri per quelle poche parole dette in un momento sbagliato…Dedicato a Te che mai lo dirai ma sempre ci sarai…Dedicato a Te,ke sei Te,senza paura…Dedicato a TE … E a te…Grazie di tutto. Le giornate a litigare con te mi sono servite ancora di più a sprigionare il lato sentimentale che ho in me e a fare di questo libro memoria di ciò che penso...
---------------------------------
Titolo: DETERSIVI BIOALLEGRI : IMPARIAMO A CONOSCERLI E AD USARLI
Libro intro: DETERSIVI TRADIZIONALI, ECOLOGICI & FAI DA TE Impariamo a conoscerli e ad usarli A cura del gruppo ?MondoNuovo? Mondo Nuovo, gennaio 2007 Lavorando in teoria e pratica su un nuovo modello di vita, ci siamo accorti di quanti detersivi usiamo e SPRECHIAMO. Spesso usiamo in abbinamento detersivi che si annullano a vicenda, oppure usiamo detersivi sbagliati per un'operazione che necessiterebbe di altri detergenti. Tutti noi usiamo detersivi. Pochissimi di noi ne conoscono le caratteristiche chimiche, le dosi indicate, i consigli d'uso. Quasi nessuno si rende conto di quanto tossiche siano le sostanze che adopriamo e della necessità di sceglierle ed usarle con rispetto e intelligenza. Contribuiamo in ogni momento della giornata ad inquinare l'ambiente e noi stessi perchè non abbiamo mai imparato cosa sono veramente i detersivi. Le seduzioni televisive operano costantemente affinché ci si affidi totalmente alla pubblicità, dimenticando il buonsenso. Noi di Mondo Nuovo abbiamo deciso che il nostro pessimo modello d'uso e abuso dei detersivi era un ottimo punto di partenza per ricominciare da capo. Cambiare in meglio ci è parsa una sfida meravigliosa... ? e così abbiamo fatto! Questo manuale è il risultato dei nostri studi, del nostro lavoro, dei nostri esperimenti, delle nostre ricerche, della nostra voglia di costruire, insieme ad altri, un Mondo Nuovo. Speriamo che altri vogliano profittare di queste informazioni, di questo "Mo(n)do Nuovo chiavi in mano", ed unirsi nell'avventura di cominciare a vivere e pulire con un modello nuovo, divertendosi, usando Testa e Cuore. INDICE Un canto d?amore alla terra 4 Consigli bioallegri 6 Caratteristiche ed uso dei detersivi 8 Come Lavare Cosa 18 Attenzione ai veleni! 22 Ricette per detersivi bioallegri 23 A scuola di pozioni 27 Salute ed igiene 31 Ricapitolando allegramente 32 Bioaccarezza il tuo corpo 35 Chiara fresca e dolce acqua 39 Profumi e olfatto 40 La confezione 42 Verso una sobrietà felice 44 Collegamenti utili in rete 47...
---------------------------------
Titolo: DHAMMAPADA IL LIBRO PIU' AMATO DAL CANONE BUDDISTA
Libro intro: Tra storia e leggenda Gautama Buddha visse nel VI secolo a.C., un'epoca di straordinario fermento intellettuale e spirituale in tutto il mondo antico. All'incirca negli stessi anni in cui in Cina, due giganti del pensiero e della coscienza, Lao-Tze e Confucio, danno forma a quelle che resteranno nel corso dei millenni le caratteristiche fondamentali della riflessione filosofica, della cultura, dell'arte e della religione cinese. In Grecia i filosofi presocratici gettano le basi del pensiero filosofico e scientifico di tutto l'Occidente. In India ferve una ricerca filosofica e spirituale intensa, con grandi centri di sapere, innumerevoli scuole e accesi dibattiti, e nascono più o meno contemporaneamente in questi anni il buddismo e il jainismo, le altre due grandi religioni indiane oltre all'induismo, che vanta già una storia millenaria. Nel vasto alveo di quest'ultima religione, a partire più o meno dal 1000 a.C., accanto alla tradizione vedica e braminica, si è andata sviluppando un'importante corrente mistica, che trova espressione nei testi delle Upanishad. Ed è a questo mondo culturale, in particolare al mondo dei 'saggi della foresta' upanishadici, che appartengono i concetti fondamentali di cui Buddha si serve nel suo insegnamento. In questo senso si può dire che egli sia stato non tanto portatore di una nuova visione, quanto di un approccio esperienziale dotato di una nuova freschezza e universalità, un approccio rivolto a tutti coloro che erano disposti a metterlo in pratica anziché a una ristretta cerchia di asceti e di mistici. Con il tempo questo seme si svilupperà in un immenso albero dai rami ampiamente diversificati (che vanno, per esempio, dal tantrismo tibetano allo Zen giapponese) e tuttora vitali. Non solo all'ombra di esso vive la propria vita religiosa gran parte dell'Oriente, ma negli ultimi decenni, esso ha incominciato a esercitare un'influenza importante anche su certe frange d'avanguardia della cultura occidentale. Che cosa sappiamo della vita di Buddha? Come quella di tutti i fondatori di grandi religioni, essa è ampiamente circondata di leggende. Ma abbiamo ragione di ritenere che queste leggende contengano un nocciolo di verità e alludano ad una personalità storica relativamente ben individuata. 2 La figura storica è quella del principe Siddhartha Gautama, nato nel 563 a.C., figlio del sovrano del piccolo regno del clan Shakya, ai piedi dell'Himalaya, nella regione che è oggi al confine fra l'India e il Nepal. Era a quei tempi una regione prospera, a cavallo delle vie commerciali d’accesso alla valle del Gange, che doveva quindi conoscere un notevole sviluppo urbano. Buddha perciò crebbe in un ambiente ricco e raffinato, a contatto con quanto di meglio la cultura dei suoi tempi poteva offrire. Da questo mondo si staccò per diventare un 'monaco mendicante' (bhikkhu) e trascorse la seconda parte della propria vita in estrema semplicità, viaggiando per l’India e insegnando il cammino del risveglio (Buddha è un appellativo che significa appunto 'risvegliato') a tutti coloro che si raccoglievano intorno a lui. Morì verso il 483 a.C. Questo, a grandi linee, il nocciolo storico. Il resto di ciò che ci è stato tramandato di lui, appartiene piuttosto alla sfera del mito e della leggenda, e va in gran parte letto in chiave simbolica piuttosto che fattuale. Alcune leggende sono tuttavia significative e costituiscono suggestive illustrazioni del suo insegnamento. Una di queste, è la storia secondo cui il giovane principe sarebbe stato tenuto accuratamente al riparo da ogni contatto con tutto ciò che nella vita umana costituisce debolezza, infermità, bruttezza, sofferenza. Per anni fu tenuto lontano da ogni esperienza riguardante la malattia o la morte. Ma un giorno egli convinse il suo auriga a portarlo a fare un giro fuori dalle mura del palazzo. In questa gita s’imbatté prima in un malato, poi in una vecchia, poi in un cadavere. Questi incontri furono per lui una specie di rivelazione. Questa era dunque la realtà sottostante alle dorate apparenze della sua vita di svaghi e di piaceri. Il quarto incontro fu con un bhikkhu immerso in meditazione. L’immagine di quell'uomo, restò impressa nella memoria del principe Siddhartha e fu come un presentimento del cammino che lui stesso avrebbe più tardi intrapreso....
---------------------------------
Titolo: DHAMMAPADA PER LA CONTEMPLAZIONE
Libro intro: Una versione di Ajahn Munindo ----- Il libro che avete tra le mani è uno scintillante paniere di luce, che illumina la vicenda umana. E? una versione del Dhammapada, un testo classico del Buddhismo; non è una traduzione letterale, ma una libera interpretazione che mira a trasmettere la vitalità del testo, sgombra dalla rigida aderenza all?esattezza formale. L?intenzione dell?autore, Ajahn Munindo, è di offrire una versione contemporanea del testo che possa essere d?aiuto ai lettori nella loro investigazione della Via. Per questo il titolo è Dhammapada per la contemplazione, perché il testo non va considerato una versione definitiva, ma un invito a incontrare e contemplare la saggezza del Buddha. E? una vita di contemplazione che fa da contesto a questa versione. Ajahn Munindo, nato in Nuova Zelanda, è stato ordinato bhikkhu, o monaco della tradizione Theravadin, venticinque anni fa in Tailandia. Ora risiede in una piccola comunità spirituale nel Northumberland, Inghilterra, dove vive secondo i codici di 6 una disciplina che risale al Buddha e che incoraggia la semplicità e la retta attenzione. Trapiantare lo stile di vita monastico buddhista dall?oriente, dove il Buddhismo si è da tempo stabilizzato, in occidente, è stato un processo di traduzione che ha coinvolto il linguaggio, le pratiche, i rituali, e ora la tradizione Theravada, come altre tradizioni, ha trovato una sua stabilità entro il contesto culturale occidentale. Il Dhammapada per la contemplazione, benché sia una versione libera rispetto agli standard classici, mira a una precisa trasmissione di valori, i valori spirituali della viva tradizione buddhista. Thomas Jones Ph.D....
---------------------------------
Titolo: DHAMMAPADA PER LA CONTEMPLAZIONE
Libro intro: Ci sono esseri che percorrono l’arduo sentiero che passa per la rischiosa palude delle passioni corrosive attraversano l’oceano dell’illusione l’oscurità dell’ignoranza e vanno oltre. Hanno come sostegno la saggia contemplazione come rifugio la libertà dal dubbio sono liberati: questi sono per me esseri grandi. Dhammapada verso 414...
---------------------------------
Titolo: DHARMA: DOVERE DI PARTECIPARE AL PIANO DIVINO
Libro intro: Dharma: Dovere di partecipare al piano divino per l’alta evoluzione dell’uomo Sri Dharma Mittra ha passato la maggior parte della sua vita dedicandola al servizio dell’umanità e disseminando la conoscenza antica di raggiungere salute raggiante e sviluppo spirituale. Dharma è nato negli ultimi anni del 1930 e ha studiato lo Yoga dal 1958. Dopo aver incontrato il suo insegnante guru, Sri Swami Kailashananda, s’immergeva nello studio intensivo e nella pratica dei otto stadi dello Yoga. Ha dedicato, inoltre, nove anni alla pratica di Karma Yoga. Era accettato e iniziato come un sannyasi (uno che rinuncia il mondo materiale per realizzare Dio). Durante questi anni Dharma aveva l’onore stimato d’essere l’assistente personale del Guru, prendendosi cura di tutti suoi bisogni. Sri Swami Kailashananda è riconosciuto come il primo Guru che portava la pratica del Hatha Yoga all’occidente negli primi anni ‘50. Dopo anni di servizio come uno yogi a tempo pieno e come un bramachari, uno studente religioso e celibato che vive insieme col suo insegnante e dedica se stesso alla pratica delle discipline spirituali, Dharma ha cominciato ad insegnare per il suo Guru senza aspettative personali. È stato la persona principale per dimostrare gli asanas yoghici durante le lezioni che il Guru ha dato al pubblico negli anni sessanta e settanta. Dopo aver servito come insegnante celebrato all’Ashram del Guru, è partito nel 1974 e ha fondato il Yoga Asana Center (il Centro dello Yoga Asana) che è diventato Dharma Mittra Yoga New York Center. Dharma è il primo insegnante indipendente dello Yoga sulla East Coast, iniziando centimila al percorso yoghico sulla pratica e sull’insegnamento. Dharma ha cominciato diffondendo la sua conoscenza prima che i diversi “stili” dello Yoga siano diventati popolari. È rimasto sempre fedele alla pratica classica. Gli studenti che praticano tutti gli stili dello Yoga vengono per i suoi insegnamenti. A partire dall’anno ‘67 Dharma impartisce lezioni ogni giorno. Ad oggi è regolarmente disponibile a chiunque che entra le porte di Dharma Mittra Yoga chiedendo aiuto e guida. Per la sua dedicazione e fortitudine è chiamato “the Rock of Yoga” (la Roccia dello Yoga), e per la sua esperienza e conoscenza “Teacher’s teacher” (l’insegnante degli insegnanti). Sri Dharma continua ad ispirare, illuminare, e rivelare agli insegnanti e praticanti il vero significato dello Yoga. “è il mio massimo piacere di condividere con gli studenti questa conoscenza che ho acquisito nei cinquant’anni della mia pratica e studio. La pratica dello Yoga darà al corpo il potere e la forza di resistere diverse malattie. Con l’incoraggiamento giusto e fiducia aumentata nel Guru, si riesce a migliorare il corpo fisico e l’assetto mentale rapidamente così risvegliando le intenzioni elevate per servire se stesso e l’umanità.”...
---------------------------------
Titolo: DIALOGO CON L'UOMO LUCE
Libro intro: Questo è un libro in cui una presentazione è tanto utile quanto necessaria. Perché? Perché ciò che viene descritto è qualcosa al di fuori dell'esperienza comune, e rischia di essere considerato come una favola, mentre si tratta di una realtà vissuta e sperimentata. Viene qui raccontata l'esperienza vissuta dal Maestro Sergio Gonzales De La Garza che, in seguito ad un infarto che lo ha colpito il 9 novembre 1991, ha trascorso in piena coscienza ciò che avviene nei primi giorni del viaggio nell'aldilà; viaggio che inizia dopo la morte del corpo fisico. Esistono vari libri in cui sono narrate le esperienze di persone che hanno vissuto un periodo in coma ed al risveglio hanno raccontato i loro ricordi, ma questo è l'unico in cui viene tracciato il percorso che la nostra anima, prima o poi, si troverà ad affrontare. Questa unicità deriva dal fatto che Sergio era da tempo in contatto con un Maestro di Saggezza (il Maestro Numo), il quale gli ha intenzionalmente consentito di fare questo tipo di esperienza, e di ricordarla nei minimi dettagli. Gli disse, infatti, il Maestro: "Quarantadue ore fa morì il tuo corpo fisico. Era trascorso il tempo che tu stesso avevi deciso di vivere in esso. Fosti scelto fra molte altre persone per venire a questi piani per poi ritornare al tuo corpo fisico. La tua missione sarà quella di raccontare agli altri ciò che avrai visto qui. Non ti dovrai preoccupare se gli altri ti crederanno o no, dato che tu farai solamente la tua parte senza che nulla ti possa alterare. Se vi riuscirai, avrai compiuto la tua missione ma non per questo potrai sentire di avere realizzato una grande opera. Se fallisci (secondo il tuo proprio giudizio), dovrai sapere, che non si può chiamare fallimento il fatto di avere tentato di parlare e di non essere stato ascoltato. Forse non ci saranno grandi realizzazioni, però avrai seminato la tua semente e, con questo, io sarò in pace". Due giorni prima Sergio si era posto in una condizione di meditazione per avere un colloquio con il Maestro, ma all'improvviso sentì un dolore nella regione del cuore e poi perse conoscenza. Alcune persone lo trovarono steso sul tappeto, il suo cuore non batteva più e gli parve di sentire qualcuno che diceva che era morto. Un paio di giorni dopo aprì gli occhi lentamente. Il silenzio era totale. Pian piano riprese coscienza di ciò che gli era successo: aveva avuto un infarto. Adesso, sentiva solo poca sofferenza nella regione del cuore, ma tutto il corpo lamentava qualche dolore, per essere rimasto a letto tanto tempo. Nella sua mente si accavallavano i ricordi che confusamente tentavano di affiorare, e dovette fare un grande sforzo per ordinare tutto ciò che gli era accaduto. Che cosa era successo?... Forse aveva immaginato di viaggiare in un sogno e forse il sogno stava continuando, oppure era veramente morto? Seppur lentamente i ricordi stavano riordinandosi, e nella sua mente ritornarono alcune parole del Maestro che gli diceva: "Quando uscirai di qui, ricorderai nuovamente tutto quello che hai vissuto. Troverai il tuo Maestro Guida, che ti condurrà lungo i cammini dell'Alto Astrale e conoscerai mondi meravigliosi, al di fuori della tua immaginazione, ma che però non sono ancora i mondi superiori....
---------------------------------
Titolo: DIGIUNO CONTRO IL CANCRO
Libro intro: Cap.1: Il digiuno nella Bibbia, p.6 Cap.2: Il digiuno sperimentale, p.8 Cap.3: Il digiuno terapeutico: dubbi e quesiti, p.10 Quesito n°1: Com’è possibile che senza mangiare si possa sopravvivere? Chi ci offre la garanzia della non pericolosità del digiuno? p. Quesito n°2: Ci si indebolisce nel corso del digiuno? p. Quesito n°3: Il dolore aumenta durante il digiuno? p. Quesito n°4: Si soffre la fame nel corso del digiuno? p. Quesito n°5: Quando il digiuno deve essere interrotto? p. Quesito n°6: Si può digiunare da soli, senza l’assistenza di un esperto? p. Cap.4: Il digiuno e i tumori, p.20 Come nasce un tumore: una ipotesi, p. Auto lisi delle masse tumorali, p. Cap.5: Digiuni, tumori e cancri secondo gli igienisti, p.35 Cap.6: Digiuno e cancro secondo Breuss, p.27 A mali estremi, estremi rimedi, p. Mors tua, vita mea: la legge del più forte, p. Rudolf Breuss, oncologo empirico, p. La miscela di succhi centrifugati, p. Autolisi e albumina, p. Le tisane, p. Una scheda tecnico-operativa,p. Camere a gas: naftalina e affini,p. Non solo il Cancro,p. La leucemia: anche senza il digiuno, p. Breuss e le cliniche del digiuno: quale exitus? p. Prove testimoniali d’Oltralpe, p. Cap.7: Prima, Durante, e dopo il digiuno, p. Prima del digiuno, p. Durante il digiuno, p. Dopo il digiuno, p. L’atmosfera psico-familiare, p. 3 Cap.8: In alternativa al digiuno: piante medicinali che uccidono i tumori?, p. Introduzione, p. Alcuni dei protagonisti: l’amaro svedese, l’equiseto al vapore, la calendula, l’epilobio, l’olio di maggiorana, la piantaggine, p. Tumori di vescica e prostata, p. Tumori del fegato. La cirrosi epatica, p. Tumori della faringe, p. Tumori dei testicoli, p. Carcinoma polmonare, p. Tumori della pelle, p. Tumori della mammella, p. Tumori della lingua, p. Tumori dell’ intestino, p. Carcinoma pancreatico, p. Tumori delle linfoghiandole, p. Una terapia generale, p. Il vischio, pianta antitumorale, p. Uno schema riassuntivo, p. Cap.9: Medicina naturale: Consigli pratici e schematici per la terapia di particolari problemi di salute, p. TESTO DI UMBERTO CINQUEGRANA...
---------------------------------
Titolo: DISCEPOLATO NELLA NUOVA ERA
Libro intro: SEZIONE Prima Colloqui con i Discepoli » 3 SEZIONE SECONDA Insegnamenti sulla meditazione » 113 SEZIONE TERZA Insegnamenti sull’Iniziazione » 243 SEZIONE QUARTA Istruzioni personali ai Discepoli dal Tibetano » 443 I MISTERI » 767 I...
---------------------------------
Titolo: DISCERNIMENTO SPIRITUALE E MEDITAZIONE
Libro intro: L’intento del presente intervento è affrontare la questione relativa al discernimento spirituale offrendo un’esemplificazione concreta. Proveremo a riflettere insieme sulla proposta di preghiera, detta “meditazione profonda”, offerta dal movimento “I ricostruttori nella preghiera”, fondato dal padre gesuita Gian Vittorio Cappelletto. Per offrire un tentativo di discernimento spirituale, in relazione al metodo di preghiera oggetto della nostra riflessione, occorre premettere alcune considerazioni sulla meditazione cristiana. A tal fine occorre tenere presente la Lettera della Congregazione per la Dottrina della Fede ai Vescovi della Chiesa Cattolica: “Alcuni aspetti della meditazione cristiana” (Elle Di Ci, Torino 1990). Quando si parla di tecniche meditative occorre primariamente risolvere un’ambiguità terminologica, distinguendo tra “meditazione” e “meditatio” e tra “meditatio” e “contemplatio”. Si preferisce mantenere i termini latini per facilitare il discernimento e la comprensione. Schematizzando e semplificando, per “meditatio” vogliano indicare un processo essenzialmente deduttivo. Allora la “meditatio” può essere intesa come il ripercorrere il cammino, tracciato dalla Rivelazione, che conduce dal Creatore alla creatura. Attraverso la “meditatio”, l’orante si fa discepolo del Maestro, Parola eterna incarnata nello spazio e nel tempo, in cui si autorivela il Padre, per poter leggere la propria esistenza alla luce della Rivelazione. In altre parole, la “meditatio” cerca di cogliere nelle opere salvifiche di Dio in Cristo, Verbo incarnato, e nel dono dello Spirito Santo la profondità divina che vi si rivela sempre attraverso la dimensione umano-terrena. Quando, invece, si parla di “contemplatio”, possiamo intendere essenzialmente un movimento induttivo; esemplificando, si parte dall’osservazione della creazione per giungere al Creatore. In altre parole, il particolare conduce al generale, la parte rivela il Tutto. La lex naturalis, inscritta in ogni elemento del creato, rivela la volontà del Legislatore. Entrambi i cammini rappresentano un incontro tra persone, tra libertà che cooperano per una “rivelazione reciproca”.... Dott. Alessandro Bianco...
---------------------------------
Titolo: DISPENSE INTRODUTTIVE ALLA PRATICA DELLO YOGA
Libro intro: La parola Yoga deriva dalla radice sanscrita yug che significa ‘unire’, aggiogare. Essa perciò significa congiungere tutte le dimensioni dell’uomo (la mente, il corpo, la coscienza profonda) in un'unica dimensione che le trascenda. Significa anche disciplinare il corpo, la mente, le emozioni, la volontà, ed indirizzare questi strumenti verso un unico fine. Il fine è la scoperta di una dimensione universale della coscienza che va oltre ed è più profonda della ristretta identificazione dell’ego-persona. A questa dimensione si da il nome di Kaivalya, Moksha o liberazione. Lo Yoga rappresenta la rinascita ad una nuova consapevolezza; da una vita abitudinaria, automatica, che attribuisce grande peso agli schemi mentali utilizzati per tradurre il mondo, verso una coscienza più alta ed una esistenza piena e divina....
---------------------------------
Titolo: DISSERTAZIONI SULLA DOTTRINA SEGRETA
Libro intro: Queste Dissertazioni furono compilate da note stenografate prese durante gli incontri alla Blavatsky Lodge della Società Teosofica, a Londra, nel periodo che va dal 10 gennaio al 20 giugno del 1889, e sono un estratto delle discussioni originali. Essendo “La Dottrina Segreta” basata sulle Stanze Arcaiche del “Libro di Dzyan”, ed essendo queste troppo astruse per la maggior parte degli studenti che si avvicinavano alla filosofia esoterica, i membri della Blavatstky Lodge decisero di dedicare i dibattiti degli incontri settimanali a ciascuna Stanza, e a diversi altri argomenti metafisici. Le domande venivano rivolte dagli studenti che, per la maggior parte, supportavano le loro obiezioni sulle scoperte della scienza moderna, e quindi assumevano deduzioni logiche basate su di essa. Poiché tali obiezioni sono generalmente di comune proprietà degli studenti de “La Dottrina Segreta”, non è stato ritenuto necessario trascriverle completamente, in modo che venga mantenuta solo la loro essenza. Le risposte, in tutti i casi, sono basate sui rapporti stenografati, e sono quelle della Filosofia Esoterica come’è stata esposta dalla stessa H.P.B....
---------------------------------
Titolo: DISSERTAZIONI SULLA DOTTRINA SEGRETA
Libro intro: ALLA BLAVATSKY LODGE DELLA SOCIETÀ TEOSOFICA DI LONDRA Discussioni sulle Stanze del Primo Volume de LA DOTTRINA SEGRETA Queste Dissertazioni furono compilate da note stenografate prese durante gli incontri alla Blavatsky Lodge della Società Teosofica, a Londra, nel periodo che va dal 10 gennaio al 20 giugno del 1889, e sono un estratto delle discussioni originali. Essendo “La Dottrina Segreta” basata sulle Stanze Arcaiche del “Libro di Dzyan”, ed essendo queste troppo astruse per la maggior parte degli studenti che si avvicinavano alla filosofia esoterica, i membri della Blavatstky Lodge decisero di dedicare i dibattiti degli incontri settimanali a ciascuna Stanza, e a diversi altri argomenti metafisici. Le domande venivano rivolte dagli studenti che, per la maggior parte, supportavano le loro obiezioni sulle scoperte della scienza moderna, e quindi assumevano deduzioni logiche basate su di essa. Poiché tali obiezioni sono generalmente di comune proprietà degli studenti de “La Dottrina Segreta”, non è stato ritenuto necessario trascriverle completamente, in modo che venga mantenuta solo la loro essenza. Le risposte, in tutti i casi, sono basate sui rapporti stenografati, e sono quelle della Filosofia Esoterica come’è stata esposta dalla stessa H.P.B....
---------------------------------
Titolo: DIVENIRE VEDANDA
Libro intro: L’UOMO E IL SUO DIVENIRE SECONDO IL VEDANTA Indice I. GENERALITÀ SUL VEDANTA II. DISTINZIONE FONDAMENTALE FRA IL SÉ E L’IO III. IL CENTRO VITALE DELL’ESSERE UMANO, DIMORA DI BRAHMA IV. PURUSHA E PRAKRITI V. PURUSHA INALTERATO DALLE MODIFICAZIONI INDIVIDUALI VI. I GRADI DELLA MANIFESTAZIONE INDIVIDUALE VII. BUDDHI O L’INTELLETTO SUPERIORE VIII. MANAS O IL SENSO INTERNO, LE DIECI FACOLTÀ ESTERNE DI SENSAZIONE E D’AZIONE IX. GLI INVOLUCRI DEL SÉ , I CINQUE VAYU O FUNZIONI VITALI X. UNITÀ E IDENTITÀ ESSENZIALI DEL SÉ IN TUTTI GLI STATI DELL’ESSERE XI. LE DIFFERENTI CONDIZIONI D’ATMA NELL’ESSERE UMANO XII. LO STATO DI VEGLIA O LA CONDIZIONE DI VAISHWANARA XIII. LO STATO DI SOGNO O LA CONDIZIONE DI TAIJASA XIV. LO STATO DI SONNO PROFONDO O LA CONDIZIONE DI PRAJNA XV. LO STATO INCONDIZIONATO D’ATMA XVI, RAPPRESENTAZIONE SIMBOLICA D’ATMA E DELLE SUE CONDIZIONI FIGURATA DAL MONOSILLABO SACRO OM XVII. L’EVOLUZIONE POSTUMA DELL’ESSERE UMANO XVIII. IL RIASSORBIMENTO DELLE FACOLTÀ INDIVIDUALI XIX. DIFFERENZA DELLE CONDIZIONI POSTUME SECONDO I GRADI DELLA CONOSCENZA XX. L’ARTERIA CORONALE E IL RAGGIO SOLARE XXI. IL VIAGGIO DIVINO DELL’ESSERE VERSO LA LIBERAZIONE XXII. LA LIBERAZIONE FINALE XXIII. VIDEHA MUKT1 E JIVAN MUKTI XXIV. LO STATO SPIRITUALE DELLO YOGI: L’IDENTITÀ SUPREMA...
---------------------------------
Titolo: DIZIONARIO ESOTERICO
Libro intro: DIZIONARIO ESOTERICO COMPLETO...
---------------------------------
Titolo: EGITTO MISTERICO - LA GRANDE PIRAMIDE CASA DELLA CONOSCENZA NASCOSTA
Libro intro: DI VINCENZO PISCIUNERI ---- L'ENIGMA DI PIETRA4 CRONACHE PREDILUVIANE6 DISTRUZIONE DALLO SPAZIO6 PARTE PRIMA10 SCIENZA DELLA FORMA E SCIENZA DELLO SPIRITO10 LA COSMOGONIA DI ELIOPOLIS11 LA GRANDE ENNEADE, LE NOVE ENERGIE11 LA COLLINA-PIRAMIDE PRIMORDIALE12 PER-AA-SA-RA 16 SAPIENZA MISTERICA18 ERODOTO NARRA UNA STORIA VELATA20 IL NUMERO ƒÎ DALLfIDEA ALLA FORMA23 SIMBOLISMO DEL TRIANGOLO CHE CADE NEL QUADRATO25 LA TETRADE IL MODELLO CELESTE25 LA TETRADE CELA LfARMONIA27 LA TETRADE CELA LA LEGGE DEL CICLO29 LA TETRADE CELA LA SCALA PLANETARIA 30 LA SUPREMA TETRADE DELLO GNOSTICO MARCO 31 LA TOMBA DI THOTH 32 I POTERI CREATORI33 LA DIVINA MISURA36 RITUALE DELLA FONDAZIONE DEL TEMPIO 38 LA SCELTA DELLfINCLINAZIONE 39 LA GEOMETRIA ARCHITETTONICA40 PIRAMIDI, STRUTTURE MATEMATICHE42 I SEGMENTI INCOMMENSURABILI42 DISPOSIZIONE DELLE TRE PIRAMIDI DI GIZA44 I SEGRETI DEL PENTAGONO REGOLARE45 IL PASSAGGIO ATTRAVERSO LA PORTA47 RELAZIONI FRA IL ƒÎ E IL 47 PARTE SECONDA 49 IL SENTIERO DEI MORTI E LE CAMERE DI RESURREZIONE49 IL CAMMINO NELLE VISCERE DELLA MATERIA50 I PASSAGGI DEI SERPENTI50 IL PASSAGGIO DISCENDENTE 52 LA CAMERA SOTTERRANEA53 LA DISCESA NELLA CRIPTA53 LA DISCESA NEL POZZO 54 IL PASSAGGIO NELLA PELLE56 IL SENTIERO DELLfINIZIATO58 IL PASSAGGIO ASCENDENTE 58 IL POZZO ASCENDENTE58 IL PASSAGGIO ORIZZONTALE, LA VIA DELLfAVANZAMENTO59 LA CAMERA DELLA REGINA 60 GEOMETRIA ARCHITETTONICA 60 RITO DELLfAPERTURA DELLA BOCCA61 LA GRANDE GALLERIA64 LA STANZA DEL TEMPO 64 IL TEMPO DI OSIRIDE66 IL NUMERO DELLA TRAVERSATA 68 IL PASSAGGIO VERSO LA CAMERA DEL RE 69 LA CAMERA DEL RE70 IL TRIANGOLO SACRO EGIZIO71 IL PAVIMENTO73 SUPERFICIE LATERALE MINORE75 SUPERFICIE LATERALE MAGGIORE 76 LfARCA (BARA) DI OSIRIDE 77 3 RITI DI MORTE E DI RESURREZIONE 79 IL DJED NASCOSTO 81 IL SOSPETTO DI FALSIFICAZIONE83 APPENDICE85 I NUMERI DEL MITO DI OSIRIDE85...
---------------------------------
Titolo: ELEMENTI DI PSICOLOGIA PRENATALE
Libro intro: INTRODUZIONE La vita prenatale è un periodo fondamentale per lo sviluppo fisico e psichico del bambino.Durante questo periodo egli stabilisce le fasi della sua vita e il comportamento futuro come essere pienamente integrato all’unisono con l’umanità. M.A. Bertin Fin dai suoi esordi, che risalgono agli anni settanta, la psicologia prenatale si è posta il problema, annunciato dallo stesso Freud in più occasioni, di andare oltre l’evento della nascita con i suoi traumi e implicazioni, per scoprire i misteri racchiusi nei nove mesi della gestazione, considerati per molto tempo come una sorta di condizione paradisiaca che consentiva al bambino di vivere in uno stato di beatitudine; beatitudine che avrebbe perso con la venuta al mondo e che avrebbe poi disperatamente ricercato, senza riuscire facilmente a ritrovare e rivivere nel corso della vita. Le continue conquiste effettuate nel campo della vita prenatale, grazie anche ad una tecnologia biomedica sempre più perfezionata e ad una metodologia della ricerca sempre più precisa, hanno consentito di indagare nel mondo intra-uterino e di scoprire che esso, come dice David Chamberlain, è un mondo complesso, variabile e imprevedibile, e paragonabile, anche se in termini diversi, a quello dell’adulto. Si è osservato che il nascituro manifesta delle reazioni e dei comportamenti altamente individuali con tratti della personalità che continuano dopo la nascita; che esso stabilisce delle relazioni assai complesse con l’ambiente intra- ed extrauterino; che comunica con il fratello gemello, con la madre, con il padre e con altre persone e che è in grado di ascoltare, apprendere e memorizzare con grande sensibilità e competenza. Di Montini...
---------------------------------
Titolo: ENERGIA DELLE ACQUE
Libro intro: Tutti sappiamo come l’acqua sia indispensabile alla vita: il 95% dell’uovo umano fecondato è composto di acqua, il 70% del corpo è anch’esso composto di acqua, la stessa percentuale che compone il pianeta Terra. Ciò che rende l’acqua speciale sono le sue caratteristiche fisicochimiche ed energetico-spirituali; vediamo innanzitutto le prime. La molecola dell’acqua è costituita da due atomi di idrogeno ed uno di ossigeno (H2O) e le sue proprietà sono inusuali se confrontate a con quelle di molecole simili per struttura o dimensione (come ad es. H2S - NH3), possiede un punto di ebollizione più alto, un punto di fusione più alto, una tensione superficiale più elevata, un più alto calore di vaporizzazione; è quasi l'unico elemento il cui stato solido - il ghiaccio - abbia una densità minore del corrispettivo stato liquido (0,92 g/cm contro 1 g/Cm3); se così non fosse il ghiaccio dei laghi e dei mari andrebbe a fondo, e venendo meno la possibilità di essere fuso dal calore del Sole, i mari ed i laghi ghiaccerebbero rendendo impossibile l'esistenza della vita. L’acqua ha la conducibilità termica e la tensione superficiale più elevate rispetto a tutti gli altri liquidi, elementi molto importanti per la fisiologia cellulare, inoltre ha la capacità di dissolvere un numero di sostanze maggiore di qualsiasi altro liquido e in quantitativi maggiori! L’acqua assume la forma del recipiente che la contiene, ma conserva il suo volume, inoltre non è comprimibile; questo vuol dire che pur adattandosi abilmente a qualunque cosa possa incontrare, resta sempre sé stessa! L’acqua è simbolo della grande forza che nasce dall’estrema flessibilità, ad essa si sono ispirati molti grandi maestri di arti marziali orientali affermando che “Le arti marziali sono come l'acqua. L'acqua si adatta al recipiente che la contiene: può essere impetuosa e devastante nel mare in tempesta o in un fiume in piena; può essere vivace e briosa in ruscello di montagna, può essere placida e immobile in un lago; può essere avvolgente e impercettibile nella nebbia mattutina....” Sul piano delle peculiari caratteristiche energetiche dell’acqua, il dott. Masaru Emoto ha fatto una scoperta sensazionale: attraverso un'innovativa tecnica di refrigeramento e di successiva fotografia dei cristalli ghiacciati, Emoto ha potuto verificato che l’acqua mantiene una sorta di traccia magnetica delle vibrazioni che hanno agito su di essa. Sorgenti pure o sacre, acque esposte a musiche e pensieri positivi formano dei cristalli bellissimi, mentre le acque di quasi tutti gli acquedotti cittadini, e quelle esposte a parole, musiche e pensieri negativi determinano cristallizzazioni brutte ed amorfe. In quattro anni e mezzo, Masaru Emoto ha fotografato ed archiviato circa 10.000 fotografie, di queste 200 tra le più significative sono presentate nel suo libro “I messaggi dall’acqua”- Ed. Hado Publishing ......
---------------------------------
Titolo: ENERGIA PER GUARIRE IL CORPO DI PAOLA DIANETTI
Libro intro: Secondo gli Sciamani hawaiani viviamo in una condizione di salute quando il nostro corpo e la nostra mente sono in armonia, mentre insorge la malattia quando tra corpo e mente, oppure tra individuo e ambiente, si crea un conflitto. In molte tradizioni spirituali l?idea della malattia è associata ad una punizione che dobbiamo sopportare per qualcosa di negativo che abbiamo commesso; tanto è vero che il malato viene chiamato ?paziente?. Questo risulta maggiormente evidente in caso di malattie croniche o congenite. Si crede che per espiare i peccati bisogna soffrire, oppure che quello che succede oggi è la conseguenza del Karma negativo accumulato nel passato. Ci sono delle situazioni in cui questo tipo di approccio è utile per comprendere l?instaurarsi e il perdurare di un determinato sintomo, che sembra sfuggire a qualsiasi trattamento. Gli Sciamani hawaiani si rivolgono alla malattia considerandola sotto il profilo puramente mentale. Ogni tipo di malattia, dall?influenza all?insufficienza cardiaca, deriva da un conflitto interiore e dal conseguente stress che si crea nel corpo per la resistenza a tale conflitto. Il punto in cui si manifesta il sintomo è il punto in cui si è localizzato lo stress. In questa visione delle cose i virus e i batteri esistono, ma non sono la causa delle malattie, più che altro approfittano del calo energetico del corpo. L?energia è la fonte di tutto quello che esiste, ciò che tiene insieme atomi e molecole facendoli vibrare, producendo così luce e calore. E? l?unica vera essenza dell?universo, che si cela sotto l?apparenza delle forme materiali. Qualsiasi componente del cosmo può essere suddiviso in parti sempre più piccole che conservano ancora l?identità originaria; ma andando oltre, nell?infinitamente piccolo, si raggiunge un livello di radiazione sottile che è pura energia indifferenziata, cioè la sostanza base dalla quale hanno origine le varie forme di aggregazione. Questo viene insegnato da secoli dai saggi di tutte le tradizioni e oggi è stato dimostrato anche dai fisici della meccanica quantistica. Le diversità osservabili in tutte le cose che vediamo, e delle quali facciamo esperienza, nascono dalla quantità di particelle aggregate e dalla particolare frequenza della loro vibrazione energetica. Le vibrazioni a bassa frequenza creano corpi solidi e lenti, come gli oggetti, le persone, gli animali, che siamo abituati a vedere. Più la frequenza si fa alta, più l?aggregazione risulta veloce e rarefatta e sfugge alla capacità dei nostri sensi. Aumentando la velocità delle particelle tramite il calore, possiamo trasformare il ghiaccio (che è un solido) in acqua (che è un liquido) e poi ottenere il vapore (che è un gas). In questa trasformazione da solido a gas, lo stesso tipo di sostanza passa da uno stato visibile ad uno invisibile. I raggi X e gamma, ad esempio, attraversano indisturbati i nostri corpi e le nostre case senza che nessuno possa vederli. L?energia viene detta sottile proprio perché non viene osservata direttamente, ma ogni volta che entriamo in contatto con essa sperimentiamo la sua presenza sotto forma di calore, leggera vibrazione, pizzicore, ecc. I sensitivi che sviluppano una capacità visiva fuori della norma, riescono a percepire il campo di energia che circonda ogni cosa o persona sotto forma di luce colorata; questo campo viene chiamato aura. ......
---------------------------------
Titolo: ERACLITO - SRI AUROBINDO
Libro intro: Nota dell'Editore nel testo originale inglese Il testo di "Eraclito" venne pubblicato per la prima volta sulla rivista mensile Arya dal dicembre 1916 al giugno 1917. Nel 1941 i sette capitoli vennero riuniti in un libro pubblicato da Arya Publishing House (Calcutta). Una seconda edizione a cura dello stesso editore è del 1947. Sri Aurobindo visionò personalmente le bozze di tali edizioni. Una terza edizione fu pubblicata dal Sri Aurobindo Ashram Trust, Pondicherry, nel 1968. Nel 1972 "Eraclito" venne stampato come parte del sedicesimo volume del Sri Aurobindo Birth Centenary Library. Il testo di questa edizione (la quarta) è stato controllato partendo dalla pubblicazione su Arya e dalle edizioni del 1941 e del 1947 e sono stati corretti alcuni errori tipografici. A cura di Paola Bertoldi...
---------------------------------
Titolo: EROS COSMICO
Libro intro: DAL SESSO ALL'EROS COSMICO DI OSHO La genesi dell'amore Amore. Cos'è l'amore? Sentirlo è facile, ma definire l'amore è molto difficile. Se chiedi ad un pesce che cos'è il mare, il pesce dirà: "Questo è il mare. Il mare è tutt'intorno. Non c'è altro". Ma se insisti: "Ti prego di definire il mare", allora il problema si complica, diventa difficile. Le cose più nobili e più belle della vita si possono vivere, si possono conoscere, ma sono difficili da definire, difficili da descrivere. E questa è l'infelicità dell'uomo: negli ultimi 4-5000 anni non ha fatto altro che parlare e parlare di un fenomeno che avrebbe dovuto vivere con tutto se stesso, di un fenomeno che deve essere realizzato dall'interno: l'amore. Vi sono stati grandi discorsi sull'amore, si sono cantate innumerevoli canzoni d'amore e s'intonano continuamente inni di devozione nei templi e nelle chiese – cosa non si fa in nome dell'amore? – eppure non vi è posto per l'amore nella vita dell'uomo. Se scaviamo in profondità nei linguaggi dell'umanità, non troveremo una parola meno vera di "amore". Tutte le religioni predicano l'amore, ma il genere di amore che si trova ovunque, il genere di amore che avvolge l'uomo come una disgrazia ereditaria, non ha fatto altro che chiudere ogni spiraglio di amore nella vita dell'uomo. Ma le masse adorano i capi religiosi come creatori d'amore. Essi hanno falsificato l'amore, hanno bloccato tutte le correnti dell'amore. Su questo piano non esiste nessuna differenza fondamentale tra Oriente e Occidente, tra l'India e l'America. Il fiume dell'amore ancora non è venuto alla luce nella vita dell'uomo. E noi diamo la colpa all'uomo stesso. Diciamo che l'amore non fiorisce perché l'uomo è viziato, di conseguenza nella nostra vita non vi è nessuna corrente d'amore. Diamo la colpa alla mente: la incolpiamo di essere velenosa. Ma la mente non è veleno. Coloro che disprezzando la mente hanno avvelenato l'amore, proprio loro non hanno permesso all'amore di crescere. Nulla di ciò che esiste in questo mondo è veleno, non vi è 7 niente di cattivo nell'intera creazione di Dio: tutto è nettare. È stato l'uomo a trasformare questo calice traboccante di nettare in veleno. E i principali colpevoli sono i cosiddetti insegnanti, i cosiddetti asceti, i santi e gli uomini politici. Riflettete attentamente su questi fatti. Se questa malattia verrà compresa, se non viene corretta immediatamente, non esiste nessuna possibilità di amore, né ora né mai, nella vita dell'uomo. L'ironia è che abbiamo accettato ciecamente proprio quel principio che non ha permesso all'amore di levarsi sull'orizzonte della vita dell'uomo. Se principi fallaci vengono ripetuti e ribaditi attraverso i secoli, non si riuscirà più a riconoscerne la falsità di fondo. Ed è così che si crea il caos, perché l'uomo è intrinsecamente incapace di diventare ciò che secondo queste regole innaturali egli dovrebbe diventare, e noi diamo per scontato che sia l'uomo a sbagliare. Mi hanno raccontato: nell'antichità un venditore ambulante di ventagli passava ogni giorno davanti al palazzo del re. Si vantava sempre dei suoi ventagli, unici e meravigliosi! Nessuno, secondo lui, aveva mai visto prima ventagli simili. Il re aveva una collezione di ventagli provenienti da ogni parte del mondo ed era molto incuriosito. Un giorno si sporse al balcone per vedere questo venditore di ventagli unici e meravigliosi. Ma gli sembrarono oggetti dozzinali, scadenti, di scarsissimo valore; tuttavia volle ricevere quell'uomo, e gli chiese: "Dove sta l'unicità di questi ventagli? e quanto costano?" Il venditore rispose: "Maestà, i ventagli non costano molto. Se confrontato alla qualità, il prezzo è bassissimo: cento rupie l'uno!" Il re rimase sbalordito. "Cento rupie! Questo ventaglio da un paisà, da una lira, si trova in vendita ovunque. E tu chiedi cento rupie! Cos'hanno di così speciale questi ventagli?" L'uomo rispose: "La qualità! Ogni ventaglio è garantito cento anni". "A vederlo, sembra impossibile che duri una sola settimana. Stai cercando di ingannarmi? È una vera e propria truffa! E per di più fatta al tuo re!" Il venditore rispose: "Mio signore, come potrei osare tanto? Sapete benissimo, Maestà, che passo sotto il vostro balcone ogni giorno. Il prezzo è di cento rupie l'uno: vi garantisco sulla mia vita che durerà 8 cent'anni. Ogni giorno mi trovate sulla strada. E soprattutto, voi siete il sovrano di questo paese. Dove potrei nascondermi se vi imbrogliassi?" Il ventaglio venne comperato al prezzo richiesto. Sebbene non si fidasse dell'ambulante, il re moriva dalla curiosità di sapere su quali basi l'uomo aveva fatto un'affermazione simile. E al venditore venne ordinato di ripresentarsi a corte sette giorni dopo. In tre giorni le stecche cominciarono a spezzarsi, e il ventaglio si disintegrò prima ancora dello scadere della settimana. Il re era certo che i...
---------------------------------
Titolo: ESERCIZI PER VIAGGI FUORI DAL CORPO
Libro intro: ESERCIZI PER VIAGGI FUORI DAL CORPO Gli esercizi descritti nel capitolo 5 vi aiuteranno ad andare avanti con decisione e a sviluppare tecniche e prospettive più intricate sull'esplorazione della conoscenza. Questo capitolo si focalizza più in specifico su una di queste tecniche, esperienze fuori dal corpo (out of body experience OBE) o proiezione astrale. OBE è una tecnica avanzata che consente di intuire e controllare la seconda attenzione. Spesso la gente definisce le OBE come un sogno, un volo mentale di consapevolezza, o altri fenomeni psichici. Comunque, d'accordo con la definizione trovata in letteratura di \una classica OBE, vedo i sogni o le proiezioni mentali come esperienze non correlate con il corpo fisico. OBE è un'ulteriore categoria di esperienze non correlate con il corpo fisico e ha tre caratteristiche principali. Primo: la consapevolezza è portata fuori dal corpo fisico. Una volta sperimentato non hai più dubbi che la consapevolezza possa esistere al di fuori del corpo fisico. Mediante una OBE puoi vedere il tuo corpo fisico dal soffitto di camera tua o dall'altro lato della stanza. Secondo: questa prospettiva non fisica ha una qualche forma. Questa forma è il corpo del sogno. Può assomigliare al tuo corpo fisico dove riconosci braccia, gambe, spalle ecc. O può essere una sfera luminosa o qualche altra forma quale un animale. Se vuoi puoi anche riprodurre i tuoi sensi. Puoi vedere, sentire, odorare, toccare e gustare. Terzo: la forma è animata e ha emozioni. La OBE non è arida nel senso che consiste solo nell'essere consapevoli. Comprende la capacità di compiere alcuni movimenti, di provare sensazioni ed emozioni. di Ken Eagle Father...
---------------------------------
Titolo: ESERCIZI SPIRITUALI
Libro intro: ESERCIZI SPIRITUALI PER VINCERE SE STESSO E PER METTERE ORDINE NELLA PROPRIA VITA...
---------------------------------
Titolo: ESORCISMO DI LEONE XIII
Libro intro: Due specie di esorcismi: 1) L'esorcismo solenne e pubblico fatto dal sacerdote col consenso del vescovo 2) L'esorcismo privato che tutti i fedeli possono fare con frutto, da soli o in comune, in chiesa o fuori....
---------------------------------
Titolo: ESOTERISMO DEL PATER NOSTER
Libro intro: Uno degli aiuti spirituali per il progresso umano è la Preghiera del Signore, che può essere considerata una formula astratta, algebrica, per lo sviluppo e la purificazione di tutti i veicoli dell’uomo. L’idea di prendersi conveniente cura del corpo fisico è espressa nelle parole:”Dacci il nostro pane quotidiano”. Mentre l’orazione che si riferisce ai bisogni del corpo vitale è: “ Rimetti a noi i nostri debiti, come noi li rimettiamo ai nostri debitori”. Il corpo vitale è la sede della memoria. Esso contiene le immagini subconscie di tutti gli avvenimenti passati della nostra vita. Siano essi buoni o cattivi, con tutti i danni arrecati o quelli subiti, i benefici ricevuti o quelli dispensati. Ora, noi sappiamo che gli annali della vita, sono formati da queste immagini trascritte sul corpo del desiderio, immediatamente dopo aver lasciato il corpo fisico, al momento della sua morte. E che tutte le sofferenze dell’esistenza post-mortem, sono il risultato degli eventi che queste immagini riproducono....
---------------------------------
Titolo: ESPERIMENTI ED ESERCIZI DI PERCEZIONE
Libro intro: Esperimenti ed esercizi di percezione...
---------------------------------
Titolo: ESPOSIZIONE PROFESSIONALE A CHEMIOTERAPICI ANTIBLASTICI
Libro intro: ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Esposizione professionale a chemioterapici antiblastici: rischi per la riproduzione e strategie per la prevenzione Rapporti ISTISAN 02/16...
---------------------------------
Titolo: ETERNO FEMMINILE
Libro intro: Steiner, chi è costui? Prefazione di Pietro Archiati 7 Rudolf Steiner Tre conferenze tenute a Berlino e Dornach I. L’Iside egizia e la Madonna cristiana (Berlino, 29 aprile 1909) 33 II. Dante, Beatrice e la Filosofia (Berlino, 3 febbraio 1913) 58 III. La Sofia dell’Apocalisse vestita di Sole (Dornach/Svizzera, 16 settembre 1924) 77...
---------------------------------
Titolo: EVOLUZIONE SPIRITUALE E CAMBIO DI DIMENSIONE
Libro intro: Il testo che segue ci e' stato consigliato dalle Entita' Superiori conosciute come Kryon canalizzate da Lee Carrol nei libri i TEMPI FINALI, UN NUOVO DONO e IL RITORNO A CASA. POICHE' QUESTO E' IL TEMPO PER CAMBIARE LA NS. VIBRAZIONE ENERGETICA , FACCIAMO QUESTE RICHIESTE ALL'ENERGIA DIVINA DI CREAZIONE PER ADEGUARCI ALLA NUOVA DIMENSIONE A CUI DOVREMMO ACCEDERE. ...
---------------------------------
Titolo: FACILE GUIDA ALLA MEDITAZIONE
Libro intro: Testo di ROY EUGENE DAVIS. Indice: Meditazione come pratica fondamentale per il beneficio personale e l?autentica crescita spirituale. Sperimentazione del processo naturale: Come meditare efficacemente. Tecniche e pratiche di meditazione da utilizzare per risultati soddisfacenti. Risvegli attraverso stadi progressivi di crescita spirituale Indicazioni sullo stile di vita da seguire per supportare i nostri scopi e progetti ...
---------------------------------
Titolo: FAQ_SUL_VEGETARIANESIMO
Libro intro: È vero che i vegetariani hanno una salute migliore rispetto agli onnivori? I dati scientifici ottenuti da una moltitudine di studi epidemiologici mostrano che i vegetariani [Barnard_1995, Burr_1988, Carlson_1985, Chang-Claude_1992, Ellis_1970, Ellis_1971, Ellis_1976, Kahn_1984, Lockie_1985, McMichael_1992, Messina_1997, Sanders_1978a, Sanders_1983, Thorogood_1994] e soprattutto i vegani [Carlson_1985, Ellis_1970, Ellis_1971, Ellis_1976, Lockie_1985, Sanders_1978a, Sanders_1983] godono di salute migliore rispetto agli onnivori. In particolare una dieta che minimizzi (latto-ovo-vegetariana) o elimini completamente (vegana) i cibi animali è in grado di ridurre considerevolmente l'incidenza di gravi patologie quali tumori, ipertensione, arteriosclerosi, infarto, ictus, diabete, obesità, osteoporosi, calcoli e altre patologie che costutuiscono le principali cause di morbilità e mortalità nei paesi industrializzati [Barnard_1995, Burr_1988, Chang-Claude_1992, Ellis_1970, Ellis_1971, Ellis_1976, Kahn_1984, Lockie_1985, McMichael_1992, Messina_1997, Sanders_1978a, Sanders_1983, Thorogood_1994]. Anche l'American Dietetic Association ed i Dietitians del Canada hanno recentemente ribadito che le diete vegetariane correttamente bilanciate comportano benefici per la salute nella prevenzione e nel trattamento di alcune patologie, in quanto offrono molteplici vantaggi sul piano nutrizionale, compresi ridotti contenuti di acidi grassi saturi, colesterolo e proteine animali, a fronte di più elevati contenuti di carboidrati, fibre, magnesio, potassio, acido folico ed antiossidanti, quali ad esempio le vitamine C ed E e le sostanze fitochimiche [AdA_2003]. ...
---------------------------------
Titolo: FATTI INCREDIBILI MA VERI
Libro intro: Il fascino che il mistero esercita sulla mente umana è stato il motivo dell'estensione della nostra conoscenza del mondo che ci circonda e dello sviluppo della scienza moderna. Il nostro incessante desiderio di risolvere i misteri dello spazio ci ha spinto verso l'esplorazione del nostro sistema solare, delle stelle e dei pianeti del nostro e poi degli altri universi. Nel corso degli ultimi cinquecento anni abbiamo pressoché esaurito la nostra esplorazione geografica del mondo. Abbiamo cartografato o fotografato la maggior parte della superficie della terra e, a partire dagli anni quaranta, siamo stati in grado di registrare la posizione approssimativa delle montagne, dei golfi, delle pianure e degli abissi del fondo marino. Cacciatori e zoologi hanno alternativamente sterminato o catalogato la maggior parte della vita animale terrestre, anche se le profondità del mare possono avere in serbo per noi ancora qualche sorpresa. L'uomo moderno e quello antico sono stati studiati e classificati in modo esauriente. Perfino popolazioni remote e non civilizzate sono diventate familiari a chiunque per mezzo della televisione che, soltanto tre secoli fa, sarebbe stata considerata una sconvolgente manifestazione di magia. In un mondo di computer, robot, missili, viaggi spaziali, ingegneria genetica e di primi passi verso la creazione artificiale della vita, ci si chiede se rimangano ancora molti misteri da chiarire, oppure se, considerando i pericoli dell'era atomica e lo sviluppo della guerra su basi scientifiche, ci rimarrà tempo per scoprire nuovi segreti dell'universo... prima che l'umanità rimanga distrutta. Ma certamente molti dubbi rimangono avvolti dal mistero. Ancora oggi i misteri dello spazio, del tempo, della coincidenza, delle manifestazioni paranormali e delle eccezioni alle leggi naturali rimangono elusivi. A mano a mano che le nostre ricerche sull'ignoto sono progredite, la scienza e il Paranormale, in precedenza separati, hanno cominciato a fondersi. Attualmente noi classifichiamo un intero spettro di potenzialità paranormali. Il potere della mente umana, innanzi tutto, si sta dimostrando molto più grande di quanto si pensasse in passato....
---------------------------------
Titolo: FIGURA EDUCATIVA DEL GURU
Libro intro: SULLA FIGURA EDUCATIVA DEL GURU Carlo Pancera...
---------------------------------
Titolo: FINALMENTE SCONFITTA L'ARTRITE
Libro intro: Introduzione. Informazioni fondamentali per la comprensione di questo libro ................................... 10 Capitolo Uno. Informazioni sul processo artritico .................................... 16 Capitolo Due. CMO™, moderno miracolo contro l’artrite? .......................... 22 Capitolo Tre. Cosa rende il CMO™ così diverso da tutti gli altri rimedi che hai già provato? .......................... 30 Capitolo Quattro. Risposte alle domande più frequenti. ................................. 38 Capitolo Cinque. Una storia molto personale. ............................................ 52 Capitolo Sei. Chi dice che c’è una cura per l’artrite? ................................. 64 Capitolo Sette. Prove cliniche: un riassunto degli studi clinici. ...................... 84 Capitolo Otto. Gli impostori del CMO™: falso e inefficace. .......................... 94 Capitolo Nove. Per favore, potete fornirmi il vero CMO™? ......................... 100 Capitolo Dieci. Attenti ai nuovi farmaci! .............................................. 106 Capitolo Undici. Il CMO e le altre malattie. ............................................ 112 Capitolo Dodici. Il CMO come prevenzione. ........................................... 138 Indice. ................................................................... 155 Premessa Quando qualcuno ha tentato così tanti rimedi per l’artrite rivelatisi inefficaci, qualsiasi novità che si presenta è destinata ad essere affrontata con scetticismo. Ho visto l’artrite di mio padre aumentare fino a un livello penoso. Egli aveva già raggiunto un punto dove camminare era un’attività dolorosa, entrambi avevamo paura del futuro progressivamente invalidante che lo attendeva. Come medico ciò era doppiamente frustrante per me. Perfino quando il mio altamente stimato collega, il dottor Sands, mi raccontò dei fenomenali risultati che stava ottenendo con il suo nuovo progetto con pazienti artritici, io fui un pò scettico. Dopo tutto, quando qualcosa sembra troppo bella per essere vera, generalmente è così . Per i suoi ricercatori l’aver trovato una sostanza che inverte il processo artritico solamente con un flacone di capsule fu praticamente incredibile. Sembrava pure che fosse chiedere troppo che quella sostanza risultasse totalmente priva di dannosi effetti collaterali. Tuttavia, in appena pochi giorni, ho visto scomparire tutti i sintomi dell’ artrite di mio padre. Ora egli è attivo come era prima che l’artrite lo colpisse. Credetemi, ora è un uomo con molta energia e sembra un miracolo vederlo di nuovo camminare speditamente come faceva molti anni prima. Ora egli è totalmente libero dall’artrite già da sei mesi senza il bisogno di altri trattamenti di qualsiasi tipo. Il dottor Sands mi ha detto che il più grande ostacolo nel presentare al mondo questa sostanza, il CMO, sta nel superare lo scetticismo del pubblico e anche dei medici. Io posso capire, perché anch’io inizialmente ho avuto i miei dubbi. Ma, grazie a Dio, ho avuto la sensazione che valesse la pena tentare così ora mio padre è nuovamente un uomo attivo ed energico. Dott. F.A. Muñoz...
---------------------------------
Titolo: FINIS GLORIAE MUNDI
Libro intro: FINIS GLORIAE MUNDI - FULCANELLI...
---------------------------------
Titolo: FIORI DI BACH - CURARSI CON LE ESSENZE FLOREALI
Libro intro: INDICE DEI RIMEDI IN LINGUA ITALIANA 4 PRESENTAZIONE 5 INTRODUZIONE ALL?OPERA DEL DOTT BACH 7 DIAGNOSI E PRESCRIZIONE 8 CARATTERISTICHE DEI 38 RIMEDI 9 1 Agrimony - Agrimonia 9 2 Aspen - Pioppo 9 3 Beech - Faggio 10 4 Centaury - Centaurea 10 5 Cerato - Piombaggine 11 6 Cherry Plum - Prunus cerasifera, Visciola 11 7 Chestnut Bud - Gemma di castagno 12 8 Chicory - Cicoria 12 9 Clematis - Clematide 13 10 Crab Apple - Melo selvatico 13 11 Elm - Olmo 14 12 Gentian - Genziana 14 13 Gorse - Ginestra 15 14 Heather - Erica 15 15 Holly - Agrifoglio 16 16 Honeysuckle - Caprifoglio 16 17 Hornbeam - Carpinus betulus 17 18 Impatiens - Erba Balsamina 17 19 Larch - Larice 18 20 Mimulus - Mimmolo 18 21 Mustard - Senape 19 22 Oak - Quercia 20 23 Olive - Olivo 20 24 Pine - Pino silvestre 21 25 Red Chestnut - Castagno rosso 21 26 Rock Rose - Eliantemo 22 27 Rock Water - Acqua di roccia - Aqua rupestris 22 28 Scleranthus - Scleranto 23 29 Star of Bethlehem - Stella di Betlemme 23 30 Sweet Chestnut - Castagno dolce 24 31 Vervain - Verbena 24 32 Vine - Vite 25 33 Walnut - Noce 26 34 Water Violet - Violetta acquatica 26 35 White Chestnut - Castagno bianco 27 36 Wild Oat - Avena selvatica 27 37 Wild Rose - Rosa canina 28 38 Willow - Salice giallo 28 LA CLASSIFICAZIONE PER TIPO DI INTERVENTO 29 IL RESCUE REMEDY 29 CORRELAZIONE TRA ESSENZE FLOREALI ED EMOZIONI 31 LE ESSENZE FLOREALI DEL DOTT BACH CENTER 32 COMBINAZIONE DELLE ESSENZE FLOREALI 33 I RIMEDI FLOREALI DEL LABORATORIO OMEOPATICO IRIDE 2000 34 3 ELEMENTI DI OMEOPATIA 37 BIBLIOGRAFIA 39 ...
---------------------------------
Titolo: FIORI DI BACH MALATTIA E BENESSERE
Libro intro: Scoprii sulla mia pelle i Fiori di Bach, circa quindici anni fa, perché la mamma vedendomi un po' stressata (così lei diceva...e la mamma ha sempre ragione!) si fece dare dal farmacista di fiducia qualcosa che andasse bene per questa sua figlia vegetariana e strana...perché stava molto lontana da medici e medicine. Lei era dell'avviso che era meglio consultare il medico...prima che fosse necessario! Mi portò il mitico Rescue. Da quel boccettino preso con fiducia, perché me lo aveva portato..la mamma, il mio interessamento a questi Fiori d Bach, fu immediato. E da quel momento io e la mamma usammo abitualmente i Fiori di Bach. Il caso volle che quando il nostro micio Pluto ebbe necessità di un veterinario serio (così disse la mamma), questi scovando nella mia biblioteca alcuni libri del dott. Bach, propose di somministare a Pluto niente meno che i Fiori di Bach. E così il nostro rapporto con questo bellissimo prodotto della natura, diventò particolarmente intenso. Ecco spiegato il motivo del mio lavoro sui Fiori di Bach, la malattia, il benessere. Con la mia apertura di amore Edward Luce, amore, significato: io dono quel che ho. Questo è il vero...sui fiori di Bach. I mei fiori sono amore, volontà di luce, racchiudono la divinità del racchiudono l'energia guaritrice per l'anima. Non ha senso parlare dei fiori guaritori, facendo di essi una moda, o peggio ancora, un mercato dell'anima. L'anima vuole amore, luce e pace, per guarire stare bene in salute con il corpo e con la psiche. L' anima è fondamentale per la guarigione fisica e se lei è malata, il corpo si ammala. E se lei soffre il vuoto, la psiche crea brutti giochi. E se lei è in prigione crea sofferenza al suo involucro. I fiori, i rimedi, tutti, non si possono adoperare con scetticismo, con negligenza, come ultima spiaggia. I fiori parlano il loro linguaggio, un linguaggio di alte vibrazioni, un linguaggio di luce, un linguaggio divino. " Amore, di amore parlano i fiori, anche all'uomo sordo al richiamo della luce. Perché la luce ha un suono. Amore, di amore parla il loro profumo anche all'uomo sordo al richiamo della purezza. Perché la purezza ha un suono. Amore, di eternità parla la natura. E se l'uomo disprezza la natura, questo non è amore". Classificazione dei Fiori divisi per gruppi come Bach li ha ideati I primi fiori scoperti da Bach furono quelli che lui chiamò "12 Guaritori" e che iniziò a sperimentare prima su se stesso e poi sui suoi pazienti. Gli altri 26 vennero individuati poco tempo dopo. Bach consigliava di cogliere i fiori al massimo della fioritura e nelle prime ore del mattino di un giorno assolato, il fiore, che non doveva essere intaccato da niente, veniva deposto in una ciotola d'acqua pura e veniva trattato secondo uno dei due metodi riportati nelle opere del medico gallese. Le spiegazioni che riportiamo sono una sintesi del significato completo del fiore, secondo le teorie di Bach. La classificazione comprende: I "12 guaritori": · Agrimony (Agrimonia), per chi nasconde ansia e tormento dietro gaiezza e cortesia · Centaury (Centaurea minore), per chi, debole e privo di forza di volontà, viene sfruttato dagli altri · Chicory (Cicoria comune), per chi è possessivo e ricatta gli altri perché stiano con lui · Rock Rose (Eliantemo), per chi è preso da grande paura e panico · Gentian (Genzianella autunnale), per chi si abbandona al pessimismo, si scoraggia e si deprime · Mimulus (Mimolo giallo), per chi manifesta paura · Impatiens (Balsamina dell'Himalaya), per chi è impaziente e manifesta intolleranza · Cerato (Piombaggine), per chi non ha fiducia in sé · Scleranthus (Fiorsecco, Scleranto o Centigrani), per chi è indeciso · Vervain (Verbena), per chi si lascia trasportare troppo dall'entusiasmo · Water Violet (Violetta d'acqua), per chi ha un ego troppo evidente e gli piace la solitudine · Clematis (Clematide), per chi sogna fuggendo dalla realtà I "7 aiuti": · Rock Water (acqua di fonte), per chi vuole essere sempre d'esempio · Wild Oat (Forasacco maggiore), per chi è scontento, insicuro e confuso sul ruolo da svolgere nella vita · Heather (Brugo), per chi non sopporta la solitudine e diventa invadente · Gorse (Ginestrone), per chi si dispera e non ha speranze... · Olive (Olivo), per chi è stanco, stressato sia dalla fatica fisica che mentale · Oak (Quercia), per chi da fatto del suo lavoro l'unica ragione della sua vita · Vine (Vite), per chi si sente dittatore... I "19 assistenti": · Holly (Agrifoglio), per chi prova rabbia, invidia e odio · Honeysuckle (Caprifoglio comune), per chi tende a rifugiarsi nel passato, ricordando solo le cose belle; · Hornbeam (Carpino bianco), per chi non affronta la giornata con la giusta energia · White Chestnut (Ippocastano bianco), per chi si lascia sopraffare da pensieri e preoccupazioni · Sweet Chestnut (Castagno dolce), per chi è facile all'angoscia ...
---------------------------------
Titolo: FIORI DI BACH RIMEDI
Libro intro: Cosa sono i fiori di Bach Il campo su cui maggiormente agiscono i Fiori di Bach è quello dell'emotività e degli stati d'animo, ma certamente come la medicina psicosomatica insegna, la mente non è staccata dal corpo, e ciò che si mostra a livello mentale, ha un significato ed un'influenza anche sul piano fisico. I segnali che le emozioni danno, sono solo dei segnali precedenti a quelli del corpo, vale a dire i sintomi fisici, perciò osservando e conoscendo l'aspetto emotivo e mentale si può correggere anche ciò che succede nel fisico. La floriterapia non cura la malattia, ma gli stati d'animo e le reazioni agli eventi delle persone. Esempio: come possiamo reagire ad un determinato avvenimento: rabbia, paura, indifferenza, scoraggiamento. Ecc. La floriterapia e' nata dall' osservazione di Bach dei diversi comportamenti e dalle diverse reazioni degli individui. I fiori di Bach sono delle gocce derivanti dall’infusione di specifici fiori in acqua ed esposti al sole o bolliti. I diversi rimedi sono la somma dell’azione congiunta dell’acqua e del fuoco, visto che gli elementi terra ed aria sono già presenti nel fiore, la pianta che li ha generati è difatti cresciuta fra la terra e l’aria del cielo. Lo spirito con il quale Bach iniziò la ricerca che lo portò a trovare i 38 rimedi oggi conosciuti, era di avere un metodo semplice e naturale sia nella lavorazione sia nell'uso. Il metodo per ottenere i rimedi di Bach, prevede difatti il semplice utilizzo dell'acqua, dell'energia solare o del fuoco ed ovviamente dei Fiori. Sono raccolti in una giornata di sole, messi in acqua ed esposti per tre o quattro ore al sole, oppure quando questo per motivi stagionali non sia possibile, si mettono a bollire. Una volta che l'informazione trasformatrice del fiore si trasferisce nell'acqua, a questa è aggiunto del brandy (come conservante)... e I Fiori di Bach sono pronti. Perché proprio questa parte della pianta, cioè i fiori? In questa parte della pianta è racchiuso tutto il potenziale della pianta stessa. Mentre le radici, il fusto e le foglie racchiudono la parte più materiale e già manifesta, e mentre il seme, ancora non manifestato, riassumere in esso tutte le caratteristiche peculiari di quella pianta, permettendo una sua riproduzione; il fiore è il ponte, il legame che simbolicamente e materialmente collega queste due parti. D'altra parte spesso, e in tante culture si è usato il fiore come simbolo d'avvenimenti ed emozioni e portatore di messaggi. I Fiori di Bach, terapia vibrazionale Per informazione s'intende un messaggio vibrazionale positivo. Non è un concetto di principi attivi presenti nel fiore da un punto di vista chimico - fisico, ma piuttosto di principi energetici che ogni pianta possiede. I "semplici", vecchi erboristi dei secoli passati, si basavano proprio sulla forma, sul colore e sulle particolarità di ogni pianta per capire il campo di utilizzo. All'epoca non esistevano laboratori per la ricerca di elementi e sostanze presenti nella pianta, allora l'intuito e la capacità di entrare in contatto con la natura stessa della pianta permettevano di capire a cosa poteva essere utile. Le proprietà delle erbe tramandate dai "semplici" sono poi state confermate dagli attuali studi scientifici. Il metodo per scegliere i rimedi richiede semplicemente di conoscere gli stati d'animo corrispondenti ad ogni fiore, e quali emozioni bloccate di conseguenza si possono riequilibrare. Non è indispensabile avere delle conoscenze medico-scientifiche o psicologiche, non era questo...
---------------------------------
Titolo: FISICA C3
Libro intro: Elettromagnetismo, relatività e quanti...
---------------------------------
Titolo: FLUSSO ENERGETICO DELL'ORGANISMO RAPPORTI FRA MAPPA ENERGETICA INDIANA E MEDICINA TRADIZIONALE CINES
Libro intro: EQUILIBRIO ENERGETICO DELL’ORGANISMO – CONCETTO DI CHAKRA – YIN E YANG Nel corpo umano circola una energia che viene chiamata “ energia vitale, prana, qi,ecc.” Sono tutti termini che vengono usati per indicare la nostra energia primaria che ci permette di vivere. Nel mondo odierno ci sono molte filosofie che usano varie mappe per cercare di analizzare o approfondire la conoscenza di questa energia. Quella che con l’armonizzazione energetica viene presa in esame è la mappa indiana dei sette chakra. Col termine chakra si vuole indicare dei vortici o centri che sono distribuiti in varie parti del corpo e servono per le attività di ricezione, assimilazione e trasmissione dell’energia vitale. Secondo la mappa indiana ci sono sette chakra primari che si trovano nel corpo fisico e ad ogni chakra corrisponde un corpo sottile (per corpo sottile si intende il campo energetico che avvolge il corpo fisico e viene anche chiamato aura ,corpo psichico o bioplasmatico) Quindi questi corpi sottili sono sette ed ogni corpo a sua volta possiede sette chakra. Nella filosofia cinese si trova un libro chiamato Libro dei Mutamenti o Ching. I Ching è un sistema di saggezza e divinazione basato sul concetto del mutamento come risultato di due forze opposte yin e yang. Esse rappresentano rispettivamente il femminile ed il maschile, la terra ed il cielo, il ricettivo ed il creativo. Il mutamento è prodotto dalla costante interazione di queste forze che fluttuano intorno ad uno stato d’equilibrio. Allo stesso modo, secondo la filosofia e le mappe energetiche indiane, i chakra inferiori sono stimolati dalla danza della polarità (1-4) , mentre i chakra superiori raggiungono livelli di coscienza che trascendono la dualità. I chakra sono connessi da un canale non fisico che risale lungo il centro del corpo detto sushumna. Due canali alternati che controllano le energie ying e yang, ida e pingala si intrecciano a forma di 8 intorno a ciascun chakra e scorrono lungo la sushumna. Questi canali fanno parte delle migliaia di canali psichici detti nadi che in sanscrito significa acqua che scorre. Ida e Pingala rappresentano rispettivamente gli aspetti lunari e solari. Questi centri permettono il passaggio dell’energia a diverse dimensioni, come ad esempio l’energia pensiero od emozioni, si connette con la dimensione del corpo fisico e materiale , che a sua volta si manifesta sul mondo esterno e il relazionarsi con le altre persone. Possiamo anche dire che a causa di vari modi comportamentali e di pensiero questi chakra avranno una determinata vibrazione ed emanazione energetica che creerà in un certo senso il nostro karma ( il nostro modo di muoversi e valutare il mondo che ci circonda). Lo schema che verrà fatto servirà per comprendere meglio le qualità dei sette chakra, e la relazione che esiste fra i corpi sottili, organi, vibrazioni energetiche dei colori, delle emozioni, dei suoni, ecc. MOVIMENTO DELL’ENERGIA VITALE L’energia vitale nasce da un punto che si trova circa 2 o tre cm. sotto l’ombelico, secondo la tradizione cinese si chiama HARA. Questo centro inizia a vibrare e pulsare dall’attimo del nostro concepimento fino al momento in cui il corpo muore. L’Hara può essere paragonata ad un pozzo senza fondo dove l’energia fluisce continuamente, da qui viene distribuita nei chakras ed anche al corpo fisico. L’energia che fuoriesce dall’Hara, per andare a nutrire i chakras, e formare i corpi sottili, “a causa” di abitudini, insegnamenti, regole che ci sono imposte fin dalla nascita e dei condizionamenti religiosi, dei vari periodi storici e sociali, subisce delle distorsioni che creano uno squilibrio energetico quindi disturbi, e malfunzionamento dei chakra creando “malattie”. Quello che con la Armonizzazione Energetica viene fatto è di riportare equilibrio attraverso il prana e contemporaneamente creare, nella persona, una consapevolezza e chiarezza delle cause di distorsione dell’energia vitale. FUNZIONAMENTO DEI CHAKRAS Dualità, colori, nascita dei corpi sottili. Concetto di malattia e guarigione. Prana PRIMO CHAKRA Il primo chakr. è situato alla base della spina dorsale, localizzato nel perineo a metà strada fra l’ano ed i genitali. Corrisponde al coccige della spina dorsale oltre al ganglio spinale coccigeo e alle ultime vertebre lombari. Questo chakra è connesso con l’elemento terra e tutte le cose solide terrestri come il corpo fisico, la salute e la sopravvivenza, l’esistenza materiale e monetaria, la capacità di manifestare e focalizzare le nostre necessità. Per mantenere la correlazione con la materia ... DI Luigi Vikranta Urbini...
---------------------------------
Titolo: FONEMI PER OGNI SETTIMANA DELL'ANNO
Libro intro: Breviario Personale di guida alla variazione della vibrazione della Terra affinchè tu possa trovare il tuo accordo armonico 2005-2006-2007-2008-2009-2010-2011- 2012...
---------------------------------
Titolo: GAYATRI MANTRA
Libro intro: Un Mantra è una breve formula spirituale che ha la capacità di elevare la coscienza. Ogni mantra ha una vibrazione unica. In un suo libro, Swami Sivananda scrisse che, tra tutti i mantra, Il Gayatri era il più potente e glorioso....
---------------------------------
Titolo: GAYATRI MANTRA RECITATO DA SAI BABA
Libro intro: Gayatri Mantra recitato da Sai Baba...
---------------------------------
Titolo: GEMME D'ORIENTE
Libro intro: Un libro di Precetti, Aforismi ed Assiomi per ogni data di Compleanno compilato da H. P. Blavatsky. London 1890...
---------------------------------
Titolo: GIOCO DELLE MOTIVAZIONI
Libro intro: STUDIO SULLA PSICOLOGIA DI TUTTI I GIORNI L’E G O I S M O BENESSERE FISICO VALORE PIACERE FASTIDIO F U O R I D A L L’ E G O I S M O ALTRUISMO SOCIALITA’ (ONESTÀ E GIUSTIZIA) IL GIOCO DELLE MOTIVAZIONI...
---------------------------------
Titolo: GLI ANGELI, CONOSCERLI, AMARLI E SEGUIRLI
Libro intro: Gli Angeli, conoscerli, amarli e seguirli Brani scelti sull'argomento. Con tutto il rispetto verso la Chiesa Cattolica, a cui apparteniamo in quanto battezzati in Cristo, non essendo legati a voti di obbedienza, ci sentiamo liberi in tutta coscienza e serenità di spirito, di esaminare conoscenze diverse. Pur ritenendo fondamentali le antiche tradizioni e le nostre Sacre Scritture, con la massima apertura mentale, e sostenuti dal credo che Dio Padre è padre per tutti, non disdegnamo di esaminare con rispetto le Sacre Scritture di altri popoli, le conoscenze astrologiche e teosofiche, i recenti movimenti acquariani nati da un profondo bisogno di rinnovamento spirituale. Abbiamo confrontato conoscenze, religioni e culti diversi da quello cristiano, e in tutti, siatene pur certi, si affacciano i medesimi Angeli, spinti dalla medesima amorevole fratellanza verso il genere umano. Gli Angeli sono gli stessi, sono diversi solo i nomi che l'uomo gli attribuisce. Cambiano soltanto i nomi! L'UOMO CREATORE (10)11 GLI ARCANGELI 13 Gli Arcangeli filtrano la luce divina (1) (10)13 Gli Arcangeli ed i colori (10)13 I NOMI DEGLI ARCANGELI (8)14 PROFILO DEGLI ARCANGELI14 ARCANGELI E ASTRI 19 Una lunga disputa (1)19 GLI ANGELI 20 Il risveglio dell'interesse verso gli Angeli (8)20 L'IMPORTANZA DEGLI ANGELI20 Gli Angeli sono necessari? (11) 20 Gli Angeli sono messaggeri di un potere superiore (12)21 Quanti sono gli Angeli? (2)21 L'evoluzione degli Angeli (10)21 IL COMPITO DEGLI ANGELI (2)22 Noi viviamo in un campo di battaglia (13)22 Gli Angeli ci proteggono e ci liberano (13) 22 La sorveglianza divina (13)23 A volte gli Angeli non rispondono (13)24 Messaggio di tenerezza24 LA FRATELLANZA DI ANGELI E DI UOMINI 25 Geoffrey Hodson (1) 25 Lo scopo della fratellanza (3) 25 CONOSCERE GLI ANGELI 26 Angeli dell'energia (3)26 Angeli guaritori (3)26 56 Angeli custodi della casa (3) 26 Angeli costruttori (3)26 Angeli di natura (3) 27 Angeli della musica (3)27 Angeli della bellezza e dell'arte (3) 27 LA COLLABORAZIONE ATTIVA (1) 28 L'istruzione notturna (1) 28 No alla medianità (1)29 Scrittura ispirata e scrittura automatica (14) 29 Il miglior rapporto con gli Angeli (1) 29 COME CONTATTARE L'ALLEATO CELESTE? (2)30 Alcune utili indicazioni (2)30 L'utilità di un gruppo di preghiera (2) 31 Perché non approntare un piccolo altare? (2) 32 La "disidentificazione" (2)32 GUARIRE CON GLI ANGELI (20) 33 Imparate l'arte di amare (20) 34 Prego, prego, ma il cielo non mi ascolta (16) 36 Preghiera semplice attribuita a S Francesco 38 GLI ANGELI E I BAMBINI 39 Come istruire i bambini (1)39 L'esempio è assai importante (20)39 Un magnifico esperimento (18) 39 CONCLUSIONE (1) 42 APPENDICI 43 DUE PAROLE SUI REGNI INFERIORI (17)43 I piccoli Deva della natura (18) 44 Due parole per gli scettici (23)44 Viviamo immersi in un mare di vita (18)45 E' necessario molto rispetto (18)45 Un interessante esperimento (18)45 COME CONTATTARE ANGELI ED ARCANGELI; 46 Come scrivere una lettera all'Angelo o all'Arcangelo46 PREGHIERE TRADIZIONALI 47 Angelo di Dio47 Implorazione all'Angelo Custode (21)47 Un consiglio di papa Giovanni XXIII48 Ringraziamento all'Angelo Custode (22)48 Preghiera medievale (2); (per proteggere noi stessi dalle forze oscure) 48 Preghiera medievale (2); (per proteggere una persona dalle forze oscure) 48 Preghiera per la notte48 PREGHIERE LAICHE 49 Al nostro Angelo custode (1) 49 Agli Angeli consolatori (1)49 Benedizioni per la Terra (2) 49 Lode al Creatore (3) 50 All'Angelo di gruppo (1) 50 Preghiera di chiusura (1)50 PREGHIERE DETTATE DEGLI ANGELI50 Per gli Angeli della musica (3)50 Per gli Angeli custodi della casa (3)51 Per gli Angeli Costruttori (3) 51 Per gli Angeli della natura (3)51 Per gli Angeli Guaritori (3) 52 Per gli Angeli della Bellezza e dell'Arte (3) 52 Ringraziamento serale (3)53 Preghiera serale (3)53 57 LETTURE CONSIGLIATE 53 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI 54 ...
---------------------------------
Titolo: GLI ANIMALI HANNO UN ANIMA ?
Libro intro: I complessi problemi legati alla nuova cultura del loro rapporto con l?uomo. La domesticazione è un fenomeno iniziato nella preistoria...Con l?uomo un? intesa antica Chi sa resistere al pianto di un bambino, al guaire di un cucciolo, all?insistente miagolare di un micio o al becco aperto di un nidiaceo che disperatamente richiamano attenzione per la loro fame? Dare loro da mangiare è stato, e continua ad essere, quel patto culturale che dette inizio alla ?domesticazione?. La domesticazione ?per la via del cibo? comparve e si sviluppò in tempi preistorici ed è ben stabilita nei primi periodi storici ad iniziare da quello omerico, anche se non è facile trovarne i segni, soprattutto nelle prime fasi, da quella inconsapevole o involontaria degli animali che si sono spontaneamente avvicinati all?uomo accompagnandone le attività sino a raccoglierne i rifiuti attorno ai primi insediamenti. Quando gli uomini, ma più probabilmente le donne (grazie alla padronanza di un linguaggio non verbale innato nelle inclinazione femminile e materna di comunicare con bambini in tenera età) iniziarono a dar da mangiare agli animali, hanno creato, intessuto e sviluppato un processo tuttora in corso e sempre in evoluzione, che dall?animale domestico si è allargato all?allevamento controllato sia estensivo che intensivo, oggi tecnologico e biotecnologico e prossimamente bioinformatico. Per millenni gli animali domestici e l?uomo hanno convissuto, prima vicini di branco e poi nella stessa capanna senza una precisa distinzione tra animali d?affezione o da reddito, sicchè il cane, la pecora, il bovino, il pollame, il cavallo e comunque tutti quelli addomesticati, solo successivamente sono stati caratterizzati per il lavoro, per fornire alimenti o altri beni materiali. Nel secolo testè trascorso il fenomeno dell?urbanizzazione e poi l?industrializzazione agro-zootecnica hanno favorito, salvo i pochi casi riservati ai ceti abbienti, la grande suddivisione tra animali da reddito e animali d?affezione. Il cavallo, animale prevalentemente da reddito è oggi prevalentemente da affezione. In modo analogo tale passaggio è avvenuto poi i cani da utilità o reddito, come quelli da gregge, combattimento, difesa e guardia che, si sono progressivamente trasformati in animali d?affezione con annessi rischi e pericoli. Altro esempio è quello del coniglio, sempre più considerato, soprattutto nel mondo anglosassone e fuori dall?area del suo sviluppo europeo romano-medioevale, un animale d?affezione. All?opposto, con la domesticazione, lo struzzo è considerato un animale da reddito....
---------------------------------
Titolo: GLI STATI MOLTEPLICI DELL ESSERE
Libro intro: Introduzione I. L'INFINITO E LA POSSIBILITÀ II. POSSIBILI E COMPOSSIBILI III. L'ESSERE E IL NON-ESSERE IV. FONDAMENTO DELLA TEORIA DEGLI STATI MOLTEPLICI V. RAPPORTI TRA L'UNITÀ E LA MOLTEPLICITÀ VI. CONSIDERAZIONI ANALOGICHE TRATTE DALLO STUDIO DELLO STATO DI SOGNO VII. LE POSSIBILITÀ DELLA COSCIENZA INDIVIDUALE VIII. IL MENTALE, ELEMENTO CARATTERISTICO DELL'INDIVIDUALITÀ UMANA IX. LA GERARCHIA DELLE FACOLTÀ INDIVIDUALI X. I CONFINI DELL'INDEFINITO XI. PRINCIPI DI DISTINZIONE TRA GLI STATI DELL'ESSERE XII. I DUE CAOS XIII. LE GERARCHIE SPIRITUALI XIV. RISPOSTA ALLE OBBIEZIONI RIGUARDANTI LA PLURALITÀ DEGLI ESSERI XV. LA REALIZZAZIONE DELL'ESSERE PER MEZZO DELLA COSCIENZA XVI. CONOSCENZA E COSCIENZA XVII. NECESSITÀ E CONTINGENZA XVIII. NOZIONE METAFISICA DELLA LIBERTÀ Traduzione di Giampiero Dagradi Traduzione ricavata dal testo originale “Les états multiples de l'être” Editions Véga - Paris © 1965 - Edizioni Studi Tradizionali Viale XXV Aprile, Torino In copertina, bronzo indiano (Dekkan) del XVI sec. I – L’INFINITO E LA POSSIBILITÀ Per capire la dottrina della molteplicità degli stati dell’essere, è necessario risalire, prima di ogni altra considerazione, alla più primordiale delle nozioni, quella dell’Infinito metafisico, considerato in rapporto alla Possibilità universale. L’Infinito, secondo il significato etimologico del termine, è ciò che non ha limiti: e per conservare il suo reale significato bisogna riservarne rigorosamente l’impiego a tutto ciò che non ha assolutamente alcun limite, escludendo quanto può sottrarsi a certi limiti particolari, pur essendo soggetto ad altri, essenzialmente inerenti alla sua stessa natura, come ad esempio è il caso, da un punto di vista logico (che in fondo è il riflesso di quello che potremmo chiamare un punto di vista «ontologico»), di quegli elementi che intervengono nella definizione stessa di ciò di cui si tratta. Quest’ultimo caso, che già altre volte abbiamo preso in considerazione, è in particolare quello del numero, dello spazio e del tempo, e vale anche quando questi elementi vengono concepiti nel modo più generale ed esteso, cosa del resto assai rara [È importante osservare che diciamo «generali», e non «universali», trattandosi di condizioni speciali di certi stati di esistenza; ciò è sufficiente a far comprendere che in tal caso non si può parlare di infinità, essendo queste condizioni evidentemente limitate, come gli stati a cui si applicano e che concorrono a definire]; esso non sfugge, in realtà, al dominio dell’indefinito. È a questo indefinito che taluni, quando è di ordine quantitativo come negli esempi citati, danno abusivamente il nome di «infinito matematico», come se l’aggiunta di un epiteto o di una qualificazione determinativa al termine «infinito» non implicasse già di per sé una contraddizione [Se talvolta può accaderci di parlare di «Infinito metafisico», proprio per mettere in risalto in modo esplicito che non si tratta del cosiddetto «infinito matematico» o di altre «contraffazioni» dell’Infinito, se così è lecito esprimerci, desideriamo tuttavia far notare che questa espressione non è soggetta all’obiezione testé formulata, essendo l’ordine metafisico realmente illimitato, e quindi privo di ogni determinazione, e contenendo anzi in sé l’affermazione di ciò che va al di là di ogni determinazione; mentre il termine «matematico» restringe invece il concetto ad un dominio particolare e limitato, quello della quantità]. In realtà quest’indefinito, procedendo dal finito di cui non è che un’estensione o uno sviluppo, è sempre riducibile al finito, e non è commensurabile al vero Infinito: proprio come l’individualità, umana o non umana, anche considerata nell’integralità dei prolungamenti indefiniti di cui è suscettibile, non è commensurabile all’essere totale [v. «Il Simbolismo della Croce», capp. XXVI e XXX]. La formazione dell’indefinito dal finito, di cui abbiamo dato ora un esempio, è di fatto possibile solo a condizione che il finito contenga già in potenza l’indefinito; quand’anche i limiti si allontanassero fino ad essere persi di vista (e cioè fino a sfuggire ai nostri normali mezzi di misura), non per questo verrebbero soppressi: è più che evidente, per la natura stessa della relazione causale, che il «più» non può provenire dal «meno», né l’Infinito dal finito. ...
---------------------------------
Titolo: GLOSSARIO SANSCRITO
Libro intro: NOTA DEL CURATORE L’esigenza di comprendere e trascrivere correttamente i termini sanscriti che ricorrono nelle nostre traduzioni yogiche ci ha condotto, senza che l’avessimo premeditato, alla compilazione di un «Glossario Sanscrito» che va via via arricchendosi di nuovi vocaboli. Scusandoci per le imperfezioni che il testo può contenere rispetto alla comprensione dello yoga maturata da Svami Kripalvananda, lo rendiamo disponibile ai lettori. Sergio Cipollaro ...
---------------------------------
Titolo: GRAFOLOGIA
Libro intro: Dalla genesi di un segno ad una “NUOVA GRAFOLOGIA”, secondo il simbolo della vita. www.filografia.it Guido Angeloni --- Sommario Premesse 6 L’ambito del lavoro 6 Ulteriori precisazioni 9 Il punto sulla “grafologia tradizionale”, secondo la “nuova grafologia” 9 “Nuova grafologia” – “Grafologia tradizionale”: rapporti 10 Per una prima valutazione critica del metodo morettiano 13 Il metodo di indagine di Moretti: dall’atto della scrittura al segno grafologico 13 L’insufficienza del criterio analogico adottato ed il simbolismo insito in Moretti 16 Dopo Moretti, Palaferri: abbandono del criterio analogico di Moretti, introduzione dei simbolismi e dell’interdisciplinarietà 19 Grafologia “nuova” e “tradizionale”: un primo bilancio comparativo 23 Strumenti per l’autonomia disciplinare Dai simbolismi, oggettivo e soggettivo, secondo un simbolo grafico (l’ovale), ad analoghi simbolismi, secondo la vita 26 “Nuova grafologia” e lo studio della grafia 27 Definizione del simbolismo oggettivo e del suo opposto (simbolismo soggettivo) 28 Un primo esempio concreto dell’osservazione e del ragionamento oggettivo (secondo l’oggetto) 31 Prima formulazione della teoria degli opposti 35 La grafia come atto comunicativo 37 Il contenuto verbale e non verbale della scrittura nell’ottica grafologica 38 Simbolismi oggettivo e soggettivo: riepilogo e prime implicazioni 40 Gli elementi base della scrittura, secondo il simbolismo oggettivo 44 La fisionomia 46 La geometria, la lettera e la centralità del tratto rettilineo 51 Il movimento 55 Simbolismo oggettivo e carattere logico della grafia 59 L’addossamento letterale (discussione su base oggettiva e soggettiva) 61 Le non chiusure degli ovali (discussione su base oggettiva e soggettiva) 68 Gli elementi base della scrittura, secondo il simbolismo soggettivo 86 Una doverosa precisazione introduttiva 87 La formulazione e la verifica di ipotesi di ricerca, attraverso la mia esperienza professionale 88 Gli indici e le combinazioni grafiche - grafologiche 93 Campo, punto di vista e prima riflessione critica nel merito di Curva e di Angolosa 104 I segni grafologici, le combinazioni, le categorie grafologiche ed il contesto grafico 110 Breve valutazione di riepilogo 120...
---------------------------------
Titolo: GUARIGIONE KARMICA
Libro intro: Questo processo di cura è stato trasmesso ad una veggente direttamente dal suo Angelo Guida. È un processo potente, da non sottovalutare. L?intenzione deve essere sincera, anche se poi saranno le ?guide? ad aiutarci nel vero perdono, poichè è un processo non facile per gli umani che magari hanno subito dei torti innumerevoli e pesanti. Questa cura si svolge in un ciclo di pulizia e si ripete una volta ogni 21 giorni per sette volte. Essa aprirà la tua vita in molte forme ed essa cambierà in meglio....
---------------------------------
Titolo: GUARIGIONE SPIRITUALE : ANDATE E GUARITE
Libro intro: Quattordici conferenze per conoscere come l'Amore del Padre desideri che i suoi figli siano sani e felici, e comprendere l'aiuto che offre loro per riconquistare una buona salute e la serenità....
---------------------------------
Titolo: GUARIRE IL CUORE
Libro intro: Da quasi venti anni, se non di più, è stato dimostrato che la malattia cardiaca che porta all?infarto può essere non solo prevenuta, non solo fermata, ma invertita. Avete letto bene: il cuore può guarire. Che sia semplicissimo o complicatissimo, realizzabile o impossibile, dipende anche da voi. Ma se non lo sapete, siete indifesi; è una scelta che non vi viene offerta. La scienza ha un lato buio,fatto di imperdonabili calcoli e ingenue superficialità che danno luogo a conseguenze orfane di responsabili. Se le cose spiegate di seguito vi sembreranno nuove e incredibili, se vi renderete conto che non ne avevate mai sentito parlare, è solo perché saperle sarebbe convenuto solo a voi. Decidere di ignorarle è una legittima scelta, mentre non esserne a conoscenza perché ?tanto la gente non capisce? è il frutto di quegli imperdonabili calcoli e ingenue superficialità di cui parlavo prima. Ammalarsi, vivere male, essere infelici, depressi, diventare via via più invalidi, fanno crescere il PIL (Prodotto Interno Lordo), fanno ?crescere? il Paese. La nostra società ha bisogno di essere ridefinita totalmente, o quasi. Viviamo incastrati, soli, in decine e decine di trappole e gabbie dalle sbarre invisibili. Ogni aspetto della vita può essere una porta di accesso a questo ingarbugliato sistema. In questo documento proverò ad aprirne una partendo dal cuore. Il cuore non può non ammalarsi se la nostra vita non è sana. Spero che le informazioni raccolte qui vi possano risultare utili. Testo di luca vannatiello...
---------------------------------
Titolo: GUARIRE IL SISTEMA ENERGETICO BIOLOGICO
Libro intro: A CURA DI LORENZO DELLABETE --------- INDICE Prefazione – pag. 13 - l’importanza dell’intuito - Energia e salute Introduzione – pag. 17 - Lo spostamento di paradigma - l’olismo Avvertenza – pag. 20 - Responsabilità - Di cosa ci occupiamo Prologo – pag. 22 - La verità non ha tempo - Il pioniere con un’idea “in anticipo sui tempi” PRIMA PARTE: LE BASI TEORICHE 1) le interazioni energetiche dell’essere umano – pag.27 - Fonti di energia vitale - Il corpo bioenergetico umano - Il corpo umano come batteria cosmica - Le funzioni del sistema bioenergetico - Frequenza di vibrazione del corpo bioenergetico - Organi bioenergetici o chakra - Metodi di guarigione - Indicazioni per una seduta - Alterazioni trattate - Principio dell’intervallo di tempo - Quanto tempo occorre per curare completamente un paziente? - Metodi per accumulare energia dall’ambiente - Bagno di acqua e sale - Materia vivente e non vivente 2) Il sovvertimento della medicina – pag. 45 - Introduzione - Ippocrate - Galeno - Epoca Augustea - Il sacerdozio scientifico - Perché i geni sono sopravvalutati - Il Rapporto Flexner - Farmaci - La situazione attuale - Scienza 3) Energia – un’entit{ misconosciuta – pag. 62 - Introduzione - Il principio vibratorio - Le forme di energia - Spettro delle energie - L’irraggiamento - Energia elettrica e atomo - Le radiazioni del nostro pianeta - Cristalli di luce - Proprietà del vetro - L’approccio umano alla conoscenza - Energia – un concetto incompreso - Fisiologia energetica - Corpo energetico e corpo fisico - Condizioni energetiche del corpo - Energia prima – Campo Tachionico 4) Campi elettromagnetici – dal micro al macro – pag. 94 - Tradizioni antiche in medicina - Relazioni Cosmiche - La Risonanza di Schumann - Adattamento del SEB in relazione alla Risonanza di Schumann - Un collegamento tra Terra e Cielo - Campo geomagnetico - Relazioni tra campi magnetici - Il sistema di informazione a spirale - Gli otto Hertz – una frequenza speciale - 432 Hertz – il “natural tuning” - Ritmi fisiologici e ambiente - Ritmi cosmici e vita terrestre - Cooperatività tra esseri biologici e ambiente - Forme di energia - Le energie della Terra – Fondamento della Vita 5) L’etere nella storia moderna – pag. 120 - Introduzione - Etere – un universo di energie - La radiazione di fondo e l’etere - I concetti di spazio pieno e spazio vuoto - La curvatura dello spazio - Più veloce della luce - Il fenomeno della risonanza - Risonanza del corpo umano - L’etere nella gravitazione di Newton - L’etere di Leibniz - Karl Ludwig Freiherr von Reichenbach - Michael Faraday - Nikola Tesla e l’etere - La spirale di Viktor Schauenberger - Gli studi di Edward Leedskalnin - Willhelm Reich - Marco Todeschini - John Hutchison 6) Cenni storici di medicina energetica – pag. 143 - Introduzione - Agopuntura - Omeopatia - Franz Anton Mesmer - Diffusione delle terapie energetiche 7) Il Campo tachionico e a punto zero – pag. 156 - Introduzione - Campo: definizione - L’etere e la sua esistenza - Il Campo Energetico Universale - Onde scalari - Etere e gravità - Vortici e etere - Manifestazioni dell’etere – vortici o spirali - Etere – livelli di densità - Etere e pressione - Manifestazione bipolare dell’etere - Riassumendo le propriet{ dell’etere - L’unit{ del rapporto armonico 34560 - Geometria degli elementi - I microcluster - Anatomia e fisiologia del Campo 8) Il Sistema Energetico Biologico (SEB) – pag. 190 - Introduzione - Un po’ di storia nella ricerca sul sistema bioenergetico - Campi elettromagnetici e risonanza in terapia - Georges Lakhovsky: studio sull’uso delle frequenze in terapia - Anatomia e fisiologia del sistema bioenergetico - Chakra - Distribuzione dell’energia - Percorsi dell’energia - Il SEB e la fascia - Alcune scoperte interessanti - Interrelazioni energetiche tra SEB e ambiente - Il SEB – matrice del corpo - Il SEB e la chimica del corpo umano - Alterazioni del SEB - Allergie e campi elettromagnetici - Traumi fisici e SEB - L’arto fantasma - Cicatrici - Relazioni tra SEB e corpo - Compatibilità tra fibre tessili e SEB - Salute - vestiario e nudità - Termoregolazione del corpo e nudità - La funzione dei tessuti e della pelle - Influenze energetiche ambientali - Effetti sul corpo di un SEB sano - Forma e informazione 9) La fascia o matrice extracellulare – pag. 243 - Introduzione - L’origine della fascia - Anatomia e fisiologia della fascia - Patologia e salute tramite l’onnipresente matrice fasciale - L’oscillazione armonica e la risonanza - Conduzione elettromagnetica della fascia - Frequenza e foglietti embrionali - Proprietà fondamentali della fascia - Cristalli liquidi e fascia 10) Il potere dell’acqua – pag. 272 - Introduzione - Caratteristiche dell’acqua - Co...
---------------------------------
Titolo: GUARIRE LA MENTE
Libro intro: Lo stato d'animo, l'umore, il ridere o la depressione influenzano la salute determinando la secrezione di determinate sostanze. Ormai tutti i ricercatori sono d'accordo su questo. È ancora in discussione soltanto un punto: quanto è importante l'elemento psicologico? Io credo che il nostro atteggiamento verso la vita, verso noi stessi, sia molto più essenziale di quanto comunemente si pensi. L'idea che noi abbiamo di noi stessi e del mondo nel quale viviamo determina tutta la nostra esistenza, minuto per minuto....di Jacopo Fo...
---------------------------------
Titolo: GUARISCI IL PIANETA GUARENDO TE STESSO
Libro intro: Quando mi è venuta l'idea per questo libro stavo cercando di mettere insieme qualcosa di semplice che arrivasse direttamente al cuore, qualcosa che esponesse il messaggio che desideravo trasmettere riguardo a questo momento straordinario e la nostra capacità di evolvere cambiando semplicemente il nostro modo di guardare il mondo, aprendoci alla vita da una prospettiva più ampia ed illuminata. Questo libro parla di guarigione, ma non in senso strettamente fisico, parliamo di guarigione nel senso più ampio del termine. Credo fermamente che il destino dell'umanità quale specie sia strettamente connesso alla sua capacità di interiorizzare la profonda connessione che c'è tra il suo interiore e ciò che si manifesta all'esterno e di come soltanto guarendo noi stessi ed entrando in un'ottica di piena responsabilità possiamo trasformare noi stessi, la nostra società ed il nostro mondo. Viviamo tempi straordinari, non mi stancherò mai di ripetere che il cambiamento sorge dai nostri cuori e siamo noi i soli a poter svolgere questo meraviglioso lavoro di luce, insieme. Capitolo uno Frequenza e vibrazione DI Sennar Karu...
---------------------------------
Titolo: GUIDA AL CONSUMO CONSAPEVOLE DEI COSMETICI E BIO-DIZIONARIO
Libro intro: PROMISELAND propone la GUIDA AL CONSUMO CONSAPEVOLE DEI COSMETICI o più semplicemente BIO-DIZIONARIO. E' stato un lavoro poderoso, ma essendo l'unico supporto di questo tipo esistente in Italia, potrà essere utile a quanti non vogliano più farsi "fregare" da multinazionali senza scrupoli o da produttori senza la necessaria coscienza o professionalità. ...
---------------------------------
Titolo: GUIDA ALLA MEDITAZIONE
Libro intro: A. Motivazione 1) Rinuncia. 2) Compassione/ Bodhicitta. 3) Saggezza. B. Requisiti indispensabili 1) Ambiente appropriato e favorevole. 2) Limitare i desideri. 3) Accontentarsi. 4) Mantenere un?etica pura. 5) Eliminare tutti gli altri tipi di pensieri discorsivi. C. Posture di meditazione 1) Sedersi nella posizione del loto o del semi-loto, su un cuscino confortevole. 2) Il corpo non deve essere curvato né in avanti né all?indietro. Mettersi dritti e volgere l?attenzione all?interno. 3) Le spalle devono restare nella loro posizione naturale. 4) La testa non dove inclinarsi indietro, avanti, o verso uno dei due lati. Il naso deve essere perpendicolare all?ombelico. 5) I denti e le labbra devono restare nella loro posizione naturale con la lingua che tocca il palato superiore. 6) La mano sinistra tocca con il palmo la mano destra e i pollici si toccano all?altezza dell?ombelico. D. Pratica del respiro 1) Equilibrare la lunghezza del respiro durante l?inspirazione e l?espirazione. 2) Concentrare la mente sul processo di respirazione. 3) Continuare a inspirare ed espirare mentalmente dalla narice sinistra a quella destra per 7 volte, e poi farlo nel verso contrario, per un totale di 21 volte. E. Stabilire un?intenzione adatta 1) Prendere rifugio nei Tri-ratna. 2) Generare Bodhicitta. 1) Compassione incommensurabile. 2) Amore incommensurabile. 3) Gioia incommensurabile. 4) Equanimità incommensurabile. 1) Preziosa rinascita umana. 2) Impermanenza e morte. 3) Karma di causa ed effetto. 4) Dukkha delle cose samsariche. 1 F. Puja in sette rami / pratiche di purificazione 1) Sistemare l?altare e rendere omaggio. 2) Fare le offerte. 3) Sviluppare pentimento per le azioni negative commesse. 4) Ammirare le azioni positive degli altri e di se stesso. 5) Chiedere al Buddha di mostrare il Dharma. 6) Pregare il Buddha di non far scomparire la sua presenza. 7) Dedica. G. Offerta del mandala Offrire l?intero corpo, ciò che ci appartiene e la virtù in tre volte agli oggetti di rifugio e dedicarli per il beneficio di tutti gli esseri senzienti. H. Invocare le benedizioni Possano i Buddha e i Boddhisattva benedirmi per trasformare tutti i miei desideri mondani in intenzioni Dharmiche....
---------------------------------
Titolo: GUIDA ALLO YOGA
Libro intro: Dopo un'intensa attività politica come uno dei capi più ascoltati del moto nazionalista indiano dei primi anni del secolo, Sri Aurobindo si ritira a Pondicherry dove fissa le basi dello Yoga Integrale e crea l'Ashram. La prima formazione in mezzo a un mondo in lotta doveva segnare il suo destino. Egli infatti non dissocia mai la vita spirituale da quella quotidiana e dagli incalzanti problemi politici e sociali. Sri Aurobindo annuncia la certezza della prossima apparizione di un nuovo potere di coscienza che egli chiama semplicemente Supermente . Séguito logico della vita e della mente, la cui emersione fuori dalla materia si è compiuta nel corso di una lunga evoluzione terrestre, la Supermente segnerà una nuova tappa di questa evoluzione. Sri Aurobindo è uno dei più grandi maestri spirituali della nostra epoca. Il suo scopo, infatti, è stato quello di indicare a tutti la via della liberazione. Acquistando la coscienza di sé, l'individuo compie il primo passo della propria evoluzione. Il segreto dello yoga di Aurobindo sta proprio in questa trasformazione, che non è un abbandono o un annullamento della natura ordinaria, ma un cambiamento di coscienza, e quindi di stato. La coscienza di sé comporta un più rapido procedimento di evoluzione, che si attua, appunto, per mezzo dello yoga. Il fine superiore che ispira questa concezione è quello di portare l'umanità ad una più alta e diversa coscienza di sé, poiché il tempo per questa maturazione è finalmente giunto. Quest'opera, pertanto, ha un carattere illuminante circa la missione di Aurobindo, che è quella di trovare ed esprimere il divino nell'uomo. Non si tratta di un miglioramento, ma di una radicale e completa trasformazione. Il presente volume è composto di quattro parti, che si integrano e si completano vicendevolmente, offrendo un quadro esatto dello yoga di Aurobindo, e rappresentano nel contempo una valida e preziosa guida per la pratica dello yoga. Il fatto che una grande parte del testo si basi su risposte del Maestro alle domande dei suoi discepoli, coordinate in modo organico e logico, accresce ulteriormente il valore e l'utilità dell'opera, dando modo di comprendere a fondo e con chiarezza gli enunciati relativi allo yoga di Aurobindo....
---------------------------------
Titolo: GUIDA ALLO YOGA SRI AUROBINDO
Libro intro: Sri Aurobindo Guida allo Yoga. Copyright 1975 by Edizioni Mediterranee, Roma. Ristampa 1989. Dopo un'intensa attività politica come uno dei capi più ascoltati del moto nazionalista indiano dei primi anni del secolo, Sri Aurobindo si ritira a Pondicherry dove fissa le basi dello Yoga Integrale e crea l'Ashram. La prima formazione in mezzo a un mondo in lotta doveva segnare il suo destino. Egli infatti non dissocia mai la vita spirituale da quella quotidiana e dagli incalzanti problemi politici e sociali. Sri Aurobindo annuncia la certezza della prossima apparizione di un nuovo potere di coscienza che egli chiama semplicemente Supermente . Séguito logico della vita e della mente, la cui emersione fuori dalla materia si è compiuta nel corso di una lunga evoluzione terrestre, la Supermente segnerà una nuova tappa di questa evoluzione. Sri Aurobindo è uno dei più grandi maestri spirituali della nostra epoca. Il suo scopo, infatti, è stato quello di indicare a tutti la via della liberazione. Acquistando la coscienza di sé, l'individuo compie il primo passo della propria evoluzione. Il segreto dello yoga di Aurobindo sta proprio in questa trasformazione, che non è un abbandono o un annullamento della natura ordinaria, ma un cambiamento di coscienza, e quindi di stato. La coscienza di sé comporta un più rapido procedimento di evoluzione, che si attua, appunto, per mezzo dello yoga. Il fine superiore che ispira questa concezione è quello di portare l'umanità ad una più alta e diversa coscienza di sé, poiché il tempo per questa maturazione è finalmente giunto. Quest'opera, pertanto, ha un carattere illuminante circa la missione di Aurobindo, che è quella di trovare ed esprimere il divino nell'uomo. Non si tratta di un miglioramento, ma di una radicale e completa trasformazione. Il presente volume è composto di quattro parti, che si integrano e si completano vicendevolmente, offrendo un quadro esatto dello yoga di Aurobindo, e rappresentano nel contempo una valida e preziosa guida per la pratica dello yoga. Il fatto che una grande parte del testo si basi su risposte del Maestro alle domande dei suoi discepoli, coordinate in modo organico e logico, accresce ulteriormente il valore e l'utilità dell'opera, dando modo di comprendere a fondo e con chiarezza gli enunciati relativi allo yoga di Aurobindo. Prefazione: Studio sullo Yoga di Sri Aurobindo (di Nolini Kanta Gupta) I Si parla spesso della conquista della Natura. Si dice anche che la vera ragion d'essere degli uomini sia proprio questa conquista. Che cosa vuole realmente esprimere l'idea? La scienza moderna ha un suo modo particolare di conquista. Ha raggiunto una certa capacità di controllo e di conquista ed anche un notevole dominio su certi settori; ma per quanto grande e sorprendente possa sembrare sul proprio terreno, non arriva a scalfire l'uomo nella sua profonda realtà e non cambia in nulla il suo destino e il suo essere, in quanto la parte più vitale della natura è la regione delle forze di vita, dei poteri, della malattia, dell'età e della morte, della lotta, dell'avidità, della cupidigia e di tutti gli istinti animali nell'uomo e di tutte le forze oscure e primitive, le forze dell'ignoranza, che rappresentano la parte vera e fondamentale della natura e del mondo in cui l'uomo si dibatte. Elevandoci nel mondo della mente, troviamo una regione chiaroscura in cui la menzogna si riveste di verità, i pregiudizi circolano come verità e le semplici nozioni governano come se fossero veri e propri ideali. Questa è la natura attuale dell'uomo con i suoi centri mentale, vitale e fisico, la natura inferiore di cui parlano gli antichi saggi, quella che lo vincola inesorabilmente alle basse regioni, inesorabilmente in un dharma inferiore, in un modo di vita imperfetto. Nessuna azione umana, sia questa perfetta o imperfetta, ha il potere di cambiare, neppure dello spessore di un capello, la rotta che la natura si è da tempo tracciata. La natura e la società umana sono sorte e vengono dirette dalle forze di questa natura inferiore e, quali che siano i ritocchi e le variazioni che apportiamo a questi elementi di apparenza, lo schema generale e la forma fondamentale di vita non cambiano. Per spostare la terra e darle un'altra orbita si deve trovare un punto d'appoggio fuori della terra stessa. Conquistare la natura non significa altro che questo. Sri Aurobindo non predica l'abbandono della vita ed un ritiro nell'infinito passivo e silenzioso; lo scopo della vita, secondo lui, non è l'estinzione della vita. La sua sadhana parte dalla percezione di un potere situato al di là della natura ordinaria: il punto d'appoggio, come abbiamo detto, fuori della terra. Il primo passo è la scoperta e la manifestazione di una nuova coscienza che, mediante la propria pressione ed il compimento della sua legge produrrà un rovesciamento assoluto della natura dell'uomo. L'umanità è in mano agli asura che creano l...
---------------------------------
Titolo: GUIDA GENITORI E SESSUALITA'
Libro intro: Adolescenti e sessualità: come costruire il dialogo - Quando un ragazzo raggiunge l’adolescenza, cambia a tal punto che il suo nuovo atteggiamento influenza non solo lui stesso ma tutta la famiglia. Mamma, papà, fratelli e sorelle vengono inevitabilmente coinvolti in un percorso di crescita certamente complesso, ricco di potenziali crisi, ma anche di opportunità. Uno dei passaggi più delicati riguarda la scoperta della sessualità, non sempre vissuta serenamente. A volte questa nuova consapevolezza crea inquietudine e sensi di colpa: dialogare con i genitori sull’amore e sul sesso non è facile, soprattutto se questa abitudine non è iniziata già da prima, fin dall’infanzia, con domande/risposte sui temi che riguardano il corpo e la riproduzione. E spesso sono proprio gli adulti i più imbarazzati nell’affrontare argomenti come masturbazione, rapporti sessuali, contraccezione. Il pudore e la necessità di mantenere la propria privacy spingono ragazze e ragazzi a cercare molto spesso al di fuori della famiglia le risposte ai dubbi e alle curiosità su questi temi. La scuola raramente riesce ad offrire riscontri di qualità e quindi sono in genere gli amici, il partner, internet e la TV le fonti di informazione privilegiate. I dati che gli adolescenti ne ricavano sono però, nel migliore dei casi, parziali, molto più di frequente sbagliati e fuorvianti. Basti pensare a quante sono le “bufale” che ancora circolano su internet. Il primo consiglio è iniziare a parlare di sessualità con i propri figli fin dalla fase della scuola primaria e poi nella preadolescenza. Se però non c’è mai stato un dialogo, che fare? Se proprio non si riesce ad aprire un filo diretto, può essere molto utile fornire informazioni chiave in modo quasi “casuale”, nel commentare la scena di un film, un articolo letto, un fatto accaduto a qualche conoscente. Si possono inoltre raccomandare siti internet di ......
---------------------------------
Titolo: GUIDA PER MEDITAZIONE
Libro intro: A. Motivazione 1) Rinuncia. 2) Compassione/ Bodhicitta. 3) Saggezza. B. Requisiti indispensabili 1) Ambiente appropriato e favorevole. 2) Limitare i desideri. 3) Accontentarsi. 4) Mantenere un’etica pura. 5) Eliminare tutti gli altri tipi di pensieri discorsivi. C. Posture di meditazione 1) Sedersi nella posizione del loto o del semi-loto, su un cuscino confortevole. 2) Il corpo non deve essere curvato né in avanti né all’indietro. Mettersi dritti e volgere l’attenzione all’interno. 3) Le spalle devono restare nella loro posizione naturale. 4) La testa non dove inclinarsi indietro, avanti, o verso uno dei due lati. Il naso deve essere perpendicolare all’ombelico. 5) I denti e le labbra devono restare nella loro posizione naturale con la lingua che tocca il palato superiore. 6) La mano sinistra tocca con il palmo la mano destra e i pollici si toccano all’altezza dell’ombelico. D. Pratica del respiro 1) Equilibrare la lunghezza del respiro durante l’inspirazione e l’espirazione. 2) Concentrare la mente sul processo di respirazione. 3) Continuare a inspirare ed espirare mentalmente dalla narice sinistra a quella destra per 7 volte, e poi farlo nel verso contrario, per un totale di 21 volte. E. Stabilire un’intenzione adatta 1) Prendere rifugio nei Tri-ratna. 2) Generare Bodhicitta. 1) Compassione incommensurabile. 2) Amore incommensurabile. 3) Gioia incommensurabile. 4) Equanimità incommensurabile. 1) Preziosa rinascita umana. 2) Impermanenza e morte. 3) Karma di causa ed effetto. 4) Dukkha delle cose samsariche. 1 F. Puja in sette rami / pratiche di purificazione 1) Sistemare l’altare e rendere omaggio. 2) Fare le offerte. 3) Sviluppare pentimento per le azioni negative commesse. 4) Ammirare le azioni positive degli altri e di se stesso. 5) Chiedere al Buddha di mostrare il Dharma. 6) Pregare il Buddha di non far scomparire la sua presenza. 7) Dedica. G. Offerta del mandala Offrire l’intero corpo, ciò che ci appartiene e la virtù in tre volte agli oggetti di rifugio e dedicarli per il beneficio di tutti gli esseri senzienti. H. Invocare le benedizioni Possano i Buddha e i Boddhisattva benedirmi per trasformare tutti i miei desideri mondani in intenzioni Dharmiche. testo di Geshe Gedun Tharchin...
---------------------------------
Titolo: GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA
Libro intro: 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo pag. 10 2. Più cereali, legumi, ortaggi e frutta pag. 20 3. Grassi: scegli la qualità e limita la quantità pag. 28 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti pag. 34 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza pag. 40 6. Il sale? Meglio poco pag. 48 7. Bevande alcoliche: se sì, solo in quantità controllata pag. 56 8. Varia spesso le tue scelte a tavola pag. 68 9. Consigli speciali per persone speciali pag. 74 10. La sicurezza dei tuoi cibi dipende anche da te pag. 88 LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA revisione 2003 Prefazione La 3a edizione delle Linee Guida per una sana alimentazione italiana desidera testimoniare l’attenzione e la partecipazione con cui il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali vuole essere accanto al cittadino, fornendo, attraverso le conoscenze scientifiche, una maggiore consapevolezza nelle scelte alimentari. La sana alimentazione è uno degli elementi fondamentali per il mantenimento e la tutela della qualità della vita dei cittadini che rappresenta un fattore immateriale di grandissima importanza, radicato, però, nella concretezza della vita quotidiana, alla quale, ovviamente, appartiene anche il cibo. La qualità della vita costituisce uno dei parametri essenziali e irrinunciabili che identificano il livello di civiltà di un popolo e il suo valore non è inferiore a quello dei parametri economici spesso riportati, in modo esclusivo, per caratterizzare il “peso” delle Nazioni. È quindi una funzione imprescindibile delle Istituzioni avere cura di tutti i fattori, nessuno escluso, che partecipano alla tessitura di quella grande rete di rapporti strettamente interconnessi che costituisce una comunità di popolo. In quest’ottica risulta di massima importanza fare chiarezza. Troppe volte le famiglie si sono trovate disorientate di fronte all’enorme mole di informazioni, spesso discordanti, sulle scelte alimentari. In una tale situazione occorre che le Istituzioni intervengano con l’autorevolezza che deriva dalla scienza e svolgano il loro imprescindibile compito informativo e formativo. Da qui la necessità di uno strumento “super partes”, in grado di fornire indicazioni precise e credibili ai cittadini, e di incidere davvero sui comportamenti quotidiani in campo alimentare. Questa è la base essenziale per migliorare il benessere inteso in senso globale, e quindi la qualità della vita a cui abbiamo fatto riferimento, prevenendo così anche l’insorgere di patologie. Agricoltura e cibo nelle Nazioni di antica storia sono legati da un rapporto inscindibile, che contribuisce a delinearne il volto identitario, cioè la loro specificità: il mondo rurale è strettamente legato alle tradizioni alimentari, e quindi culturali. La vocazione agricola dell’Italia rende tale vincolo ancora più importante e profondo che in molte altre Nazioni. Questo è solo il primo passo in un percorso coerente che il nostro Ministero intende portare avanti, affinché si diffonda sempre più una cultura della sana alimentazione nella nostra comunità nazionale. Gianni Alemanno Ministro delle Politiche Agricole e Forestali...
---------------------------------
Titolo: GURU - MANLY PALMER HALL
Libro intro: Questa è una testimonianza di un modo di vita orientale. È stato mio privilegio conoscere personalmente quel meraviglioso vecchio maestro indiano che chiamo il Guru. Certi insegnamenti qui riportati mi sono stati comunicati personalmente. Anche il personaggio al quale ho attribuito il nome di Nadu è reale, ed è stato suo tramite che ho conosciuto il Guru. Egli mi raccontò la sua vita e come divenne discepolo del venerabile maestro. Alcune parti di questa vicenda, sono tratte da episodi di vita di allievi più anziani che ho unito in modo tale da creare un quadro tipico del discepolato orientale. I nomi delle persone e dei luoghi sono stati cambiati in conformità al misticismo orientale che non vi annette importanza. Chi intraprende una vita di santità sceglie la via della semplicità e dell’umiltà, operando il bene senza desiderare riconoscimenti o meriti. Anche il Signore dei Signori è reale. Forse è descritto nel modo migliore dalle parole dello stesso Guru, che mi disse, seduto sul suo quadrato di stoffa bianca, nella casa di Nadu a Calcutta. “Per noi è difficile capire perché i popoli dell’Occidente dubitano dell’esistenza dei grandi Fratelli delle Montagne Nevose. Noi li conosciamo, li conobbero i nostri padri, e fin dall’origine essi sono stati parte della vita del nostro popolo”. Nel proseguire la ricerca interiore in occidente, alcuni coltivano la segreta speranza che anche qui, un giorno, uomini saggi avranno discepoli a cui insegnare le grandi verità nello stesso modo semplice, eppure mirabile, con cui le si insegna in India, quella lontana e strana terra dove gli Dei camminano ancora a fianco degli uomini....
---------------------------------
Titolo: HO'OPONOPONO
Libro intro: HO'OPONOPONO TI AMO MI DISPIACE TI PREGO PERDONAMI GRAZIE Ho avvicinato Ho'oponopono, leggendo con entusiasmo Zero Limits di Joe Vitale, scrittore individuato su The Secret. Il metodo mi è piaciuto subito, semplice in sé, che non richiede grande perspicacia, ma volontà e onestà, l'ho sentito immediatamente mio e dato che alla fine, di energia si tratta, energia di amore, ho pensato di approfondirlo studiando gli scritti del Dott. Hew Len, medico hawaiano che pratica ho'oponopono dal 1983. Lui apprese il metodo dalla Maestra Superiore, Tesoro vivente delle Hawai, Morrnah Nalamaku Simeona. Lei è la creatrice della moderna versione Ho’oponopono, sulla base della propria esperienza di Kahuna ha messo a punto questo metodo nel quale ha unito quello tradizionale adattandolo alle esigenze di un vivere moderno, chiamandolo: Ho’oponopono dell’identità del sè e va letto come messaggio di liberazione e gioia che entra nella nostra profondità per modificare in meglio la nostra esistenza. Ho'oponopono ci insegnaa cancellare, a eliminare le inutlità dentro di noi. Esso è un processo di perdono, pentimento e trasformazione. Ognuno di noi ha una propria "gomma interiore" per cancellare le nostre inutilità,che affollano la nostra vita, rendendola pesante, ma non sappiamo usarla questa gomma, Ho'oponopono viene in nostrto soccorso e ci aiuta nell'eliminazione dei pensieri, ricordi, inutilità con cui ci creiamo i nostri problemi. Ho'oponopono, è oggi conosciuto anche in Italia e assieme al Reiki, al Theta Healing, si pone a noi con amore ed efficacia. Vogliamo provare? DI JOLANDA PIETROBELLI...
---------------------------------
Titolo: HO'OPONOPONO : MI PERDONO - MI AMO : LA GUARIGIONE INIZIA DA TE
Libro intro: La metodologia ho?oponopono in sintesi consiste nell'operare nella propria vita e nel gestire le proprie relazioni in accordo coi seguenti punti: 1. L'universo fisico è una realizzazione dei miei pensieri. 2. Se i miei pensieri sono negativi, essi creano una realtà fisica negativa. 3. Se i miei pensieri sono perfetti, essi creano una realtà fisica di perfetto Amore. 4. Io sono al 100% responsabile nel creare il mio universo fisico come è. 5. Io sono al 100% responsabile di correggere i pensieri negativi che creano una realtà indesiderata 6. Niente esiste al di fuori di me. Tutto esiste qui dentro me come pensiero nella mia mente. Come dice il Dr. Len: "Questo è uno dei maggiori problemi dei terapeuti, essi sono convinti che il loro ruolo sia quello di salvare le persone, ma in realtà loro sono lì per ripulire se stessi." Con l? Ho'oponopono ci assumiamo la responsabilità di tutte le memorie che condividiamo con altre persone. L'intelletto non ha la capacità di assimilare e stimare tutte le informazioni che gli si presentano in relazione a qualunque problema, pertanto non sappiamo quello che realmente sta succedendo in ogni momento . Quando diciamo alla Divinità "Sta succedendo qualcosa in me che sta facendo vivere certe persone in un determinato modo, io voglio cancellare le memorie che lo provocano ", sciogliendo certe credenza, noi cambiamo il nostro mondo interno, e questo fa in modo che il mondo Questo report è liberamente distribuibile a condizione di non modificare in nessuna parte il contenuto e citando sempre la fonte. © http://giopop.blogspot.com 36 intero cambi. Il Dr. Len afferma: "Accettare di essere responsabili al 100% è una strada difficile da percorrere, perché l'intelletto fa fatica ad adeguarsi. Quando un problema ci appare, l'intelletto cerca sempre qualcuno o qualcosa su cui scaricare la colpa. Così continuiamo a cercare fuori di noi, l'origine dei nostri problemi......
---------------------------------
Titolo: HUMAN DESIGN SYSTEM
Libro intro: Human Design è uno strumento relativamente nuovo, un originale e potente sistema di conoscenza, che combina saggezza antica e scienza moderna. Questo sistema fornisce non solo una chiave per capire la vita umana in se stessa, ma soprattutto una specifica conoscenza rispetto alla meccanica di ogni singolo individuo, riguardo la sua salute, la psicologia personale, i suoi talenti, le vulnerabilità ed i doni particolari che lo contraddistinguono. Riconoscere chiaramente questo schema nella nostra vita significa celebrare la nostra unicità senza paura. Il risultato è che la vita sarà molto più facile di quanto abbiamo mai immaginato fosse possibile. Le origini del sistema di Human Design risalgono al gennaio del 1987 quando la morte di una stella, una Supernova conosciuta dagli scienziati come SN1987A, ha bombardato, con il suo respiro morente il pianeta con una massa enorme di informazioni subatomiche. Nello stesso periodo ad Ibiza, un uomo ha avuto un'esperienza così shockante che lo ha scosso fino alle radici del proprio essere. Ra Uru Hu, questo è il nome con cui è conosciuto da allora, con un passato da docente di fisica in Canada e molto scettico rispetto a tutto ciò che è mistico, dopo un periodo di investigazione empirica si decise a rendere pubblico il Sistema nel 1992. Con l'evolversi dell'espansione di Human Design nel mondo, questa conoscenza si è sviluppata fino a divenire un logico e completo strumento operativo con svariate applicazioni pratiche. Nel settore pubblico, terapeuti, psicologi e counsellor della medicina ufficiale e di quella alternativa lo stanno già utilizzando con successo. Inoltre, si inizia ad applicarlo nel campo delle consulenze finanziarie per grandi aziende. A dispetto delle sue origini mistiche, Disegno Umano, ha basi profondamente radicate nelle ultime teorie della fisica quantica. A livello sub-atomico, tutti noi siamo connessi come cellule all'interno di un corpo gigante, che è l'Universo stesso. L’Universo è immerso in un vasto campo di informazioni che consiste in infinite particelle conosciute come Neutrini. La scienza ha provato che i Neutrini hanno una massa e che essi ci attraversano alla velocità di circa tre milioni al secondo per centimetro quadrato. I Neutrini vengono formati dalle stelle, come il nostro Sole, e potrebbero essere visti come l'equivalente nell'era moderna di quello che gli antichi usavano chiamare prana, chi, tao. Essi sono il respiro delle stelle, e noi siamo immersi continuamente in essi. Ogni Neutrino che ci attraversa, ci lascia delle informazioni e manda qualcosa di quello che siamo nello spazio cosmico. Come nell'essere umano ogni cellula è interdipendente dalle altre cellule e comunica la sua presenza a tutto il corpo, così avviene a livello cosmico. Il Sistema di Disegno Umano è una sintesi fra l'età antica e l'età moderna: Da un lato abbiamo la Fisica quantica, la Biochimica, la Genetica, l'Astronomia; e dall'altro abbiamo i quattro grandi sistemi esoterici nati dalla saggezza e profondità del mondo antico: l'Astrologia, il sistema Hindù dei Chakra, la Kabbalah Ebraica e gli I-Ching cinesi. E' il sogno degli alchimisti che si avvera. Una delle chiavi di Disegno Umano è l'uso degli I-Ching, l'antico libro Cinese dei Mutamenti, scoperto ed usato più di 5000 anni fa. Questo antico sistema che traccia i cicli e le stagioni della vita, reca una straordinaria somiglianza con il profilo del DNA umano, esiste cioè una esatta correlazione tra le due discipline. Il DNA umano formato da due fasce di nucleotidi, una fascia è lo specchio perfetto dell'altra. Questo è il binario di base ed è la struttura portante della teoria dello Ying e dello Yang cinese. Il nostro codice genetico è inoltre formato da quattro basi che sono strutturate in gruppi di tre. Ognuno di questi raggruppamenti chimici si relaziona ad un aminoacido e forma quello che conosciamo come un codone. Nel nostro codice genetico ci sono 64 codoni. Come 64 sono i codoni del nostro DNA, 64 sono anche gli esagrammi degli I-Ching. Tutti gli esseri umani condividono questo stesso codice genetico ed allo stesso tempo ognuno di noi è unico. Disegno Umano si affida anche al calcolo astrologico per configurare due momenti distinti durante i quali la pioggia di neutrini impressiona indelebilmente la nostra matrice genetica. Da questo calcolo effettuato sulla base dell’ora e del luogo di nascita, scaturisce una Carta Individuale (conosciuta come Carta del Grafico del Corpo). La Carta è una mappa estremamente precisa e dettagliata delle dinamiche di espressione e di interazione dei flussi energetici che contraddistinguono ogni essere umano....
---------------------------------
Titolo: I 12 STRATI DEL DNA
Libro intro: I Dodici Strati del DNA ? Negli ultimi anni Kryon ha dato un nome a tutti gli strati della matrice di 12 strati del DNA-interdimensionale. Questi sono stati registrati in diverse canalizzazioni cui facciamo riferimento nella pagina dedicata ad ogni strato. Molti avevano chiesto un riepilogo di questo studio e, quindi, eccolo qui! Pronuncia in Ebraico e Significato dei Nomi degli Strati del DNA Ilan Dubro-Cohen & Levia Valero Dal Libro 10 di Kryon (?Un Nuovo Dono?) Secondo Kryon, il significato letterale dei nomi in Ebraico non è fondamentale per comprendere i nomi degli strati del DNA e, in alcuni casi, il significato in ebraico è differente. Kryon presenta queste parole ebraiche come ?nomi sacri? degli strati del DNA e spiega il loro significato in un contesto di sacralità. Kryon considera la lingua ebraica come ?? attualmente il linguaggio della Terra dal nucleo spirituale? e che ?per comprendere il pieno significato in ebraico, ogni nome deve essere ascoltato unito come un?unica frase?. Secondo Kryon, il significato della parola ebraica parlata contiene una sua energia, e quindi questi nomi in ebraico dovrebbero essere pronunciati o ascoltati come lo si fa in ebraico. [All?interno di ogni pagina degli strati è inclusa la pronuncia ed il file sonoro 1 ] Guidati da questo approccio, la grafia scelta per i nomi in ebraico è la più vicina possibile alla fonetica della pronuncia delle parole ebraiche, con l?intento di mantenere l?energia che queste parole contengono quando pronunciate a viva voce. Ci sono molti modi per tradurre vocali e consonanti ebraiche in lettere latine. Dato che gli Ebrei vivono in tutto il mondo, la lingua d?origine personale esercita una notevole influenza sulla grafia e sulla pronuncia delle parole ebraiche. Nella traslitterazione delle parole ebraiche in alfabeto inglese, è stato necessario giungere ad una forma di compromesso. Continua ......
---------------------------------
Titolo: I CHAKRA E LE ENERGIE SOTTILI DEL CORPO UMANO
Libro intro: La filosofia dei chakra ha origine dagli antichi testi yoga, in particolare dai testi tantrici, e il termine CHAKRA, che deriva dal sanscrito, significa "ruota" o "disco". I chakra sono vortici di energia all'interno della nostra aura, lungo la spina dorsale, sotto forma di colori dell'arcobaleno. Essi sono visibili da occhi "psichicamente risvegliati" o da chi ha imparato a percepire le energie in altri modi. Per inciso, l’aura è un "guscio vibrazionale", ossia un campo di energia elettromagnetica che circonda ogni cosa e il suo scopo è regolare lo scambio di energia tra noi, i nostri corpi sottili ed il cosmo. I Chakra sono connessi ad alcune ghiandole (endocrine) del corpo umano e, oltre ad indicare lo stato di salute (fisica, emotiva, mentale e spirituale) di una persona, rispecchiano anche il suo stato evolutivo con una certa accuratezza. E` possibile evolvere, purificare e modificare lo stato di questi centri di energia con visualizzazioni e con la forza del pensiero, ma non solo. Approfondendo la nostra consapevolezza e la conoscenza di noi stessi, evolveremo automaticamente anche i nostri chakra. La quantità di energia che scorre nei chakra influenza la salute degli organi fisici vicini a questi centri e riflette la co-operazione di corpo, mente e spirito. Secondo alcuni insegnamenti saggi, quando la nostra vita quotidiana non esprime anche il nostro potenziale spirituale, si crea una dualità che viene avvertita sotto forma di paura, insicurezza, solitudine ed altre emozioni improduttive. Reprimere o ignorare la propria natura cosmica consente solo un uso parziale dei chakra e ciò implica che il potenziale fisico, psicologico e spirituale dell'essere umano rimane irrealizzato. Ne consegue che prendersi cura delle proprie dimensioni energetiche sia molto importante anche per la salute fisica e per il raggiungimento di una vita piena. Spesso i chakra vengono visualizzati come fiori che si aprono e si chiudono. Quando un chakra è parzialmente bloccato, l'energia vitale non scorre bene nella parte del corpo associata al chakra in questione, manifestando talvolta disturbi fisici. Con un quinto chakra semi-bloccato, ad esempio, molto spesso si manifesteranno problemi di comunicazione, mal di gola o problemi al collo. Anche un chakra troppo attivo può causare problemi, soprattutto ai chakra adiacenti. Come accennato sopra, con la mente e l'intenzione possiamo influenzare lo stato dei nostri centri energetici, ma prima di tentare di svilupparli o modificarli e di concentrare l'attenzione su un chakra in particolare, è bene capire bene le funzioni di tutti i chakra e come esse siano collegate ed interdipendenti. Ad ognuno di questi vortici energetici corrispondono attività e stadi evolutivi diversi, i quali ci conducono all'illuminazione e allo sviluppo del nostro vero sé, più completo e più libero da condizionamenti sociali e ristrettezze psicologiche e mentali. Sviluppando i nostri chakra, diventeremo esseri più consapevoli e decisamente più vitali. Le tecniche usate a questo scopo includono esercizi fisici, visualizzazioni e meditazione, l'uso di erbe e cristalli, rituali personalizzati, prestare attenzione a ciò che ci accade ogni giorno (e quindi vivere consapevolmente) e, all'occorrenza, eliminare e guarire vecchi traumi attraverso terapie specifiche, compresa la psicanalisi. Tornando all’astrologia, ad ogni chakra è associato uno o più pianeti con varie funzioni psicologiche. Esistono diverse associazioni chakra-pianeta - in questo articolo proporrò una lista che in questo momento ritengo la più logica, esortando però il lettore a sperimentare e a creare le sue personali associazioni....
---------------------------------
Titolo: I CINQUE TIBETANI
Libro intro: L'elisir di lunga vita, la chiave per ottenere la giovinezza, salute e vitalità durature I Cinque Tibetani non sono per tutti. Intraprendete questo percorso solo se riuscite a credere nella ?Fonte della Giovinezza? e che si può rallentare l?invecchiamento. Se accettate l?idea che l?impossibile è raggiungibile, otterrete un gran numero di benefici. Con i Cinque Tibetani si può raggiungere il benessere del corpo, della mente, dello spirito e il risveglio della forza vitale. Tutto ciò è raggiungibile solo però se sarete gentili con voi stessi e se vi concederete il giusto spazio e tempo. E? una promessa che fate a voi stessi, i progressi non devono essere forzati, gioite di ogni piccolo miglioramento, solo così i risultati dureranno nel tempo. I Cinque Tibetani funzionano, non vi toglieranno quarant?anni ma possono aiutarvi a sembrare più giovani, a sentirsi molti anni in meno e a conquistare un maggior senso di benessere. Se li farete tutti i giorni si vedranno già i risultati in trenta giorni e i vostri amici cominceranno a farvi domande sul vostro aspetto più giovane e sano. I Cinque Tibetani sono anche una forma di meditazione fisica attiva, molto efficace per prendere coscienza di se stessi, del proprio corpo fino alla più piccola cellula, in modo particolarmente vivo. Eppure chi resta troppo condizionato dallo scopo finale rischia di perdere l?occasione di un?esperienza meditativa davvero profonda del Sé, all?interno del proprio corpo; infatti, mentre si affanna con sempre maggiore accanimento a inseguire la ricompensa che gli spetta una volta raggiunta la meta, si lascia sfuggire quel momento di piena libertà in cui ogni scopo appare privo di importanza. PERCHÉ FUNZIONANO Nel corpo ci sono sette centri energetici principali che corrispondono alle sette ghiandole endocrine. Le funzioni corporee sono regolate dagli ormoni secreti proprio dalle ghiandole endocrine. Di recente si è scoperto che anche l?invecchiamento è regolato dall?ormone della morte che viene prodotto dalla ghiandola pituitaria all?inizio della pubertà. Sembra che l?ormone della morte interferisca con l?abilità delle cellule di utilizzare ormoni benefici come quello della crescita, quindi cellule e organi a poco a poco si deteriorano e muoiono. In realtà i sette centri energetici che chiamiamo chakra possono essere considerati come campi elettrici invisibili a occhio nudo. Ogni chakra ha il centro in una delle sette ghiandole endocrine (a secrezione interna) che hanno la funzione di stimolare la produzione di ormoni. Gli ormoni regolano le funzioni del corpo incluso il processo di 2 invecchiamento. I sette chakra sono così localizzati : 1) le ghiandole della riproduzione 2) il pancreas 3) le ghiandole surrenali 4) il timo 5) la tiroide 6) la ghiandola pineale 7) la ghiandola pituitaria. Equilibrando i sette Centri Energetici probabilmente viene normalizzato anche lo squilibrio ormonale, perciò le cellule possono replicarsi e prosperare come quando eravamo giovani. Stimolando tutti i sistemi di regolazione del corpo, le ghiandole endocrine, il sistema circolatorio, i meridiani e così via si agisce sul livello biochimico degli enzimi e degli ormoni, influenzando fortemente la nostra sensazione di benessere e la nostra sfera emozionale. In una persona sana ogni centro energetico ruota a grande velocità, facendo in modo che l?energia vitale detta anche ?prana? scorra verso l?alto attraverso il sistema endocrino. Se uno di questi centri rallenta, si blocca il flusso di energia vitale influendo così sullo stato di salute. Il modo più rapido per riattivare il normale movimento rotatorio dei centri energetici è fare regolarmente i Cinque Tibetani. Dato che questi esercizi stimolano in modo tanto efficace i diversi sistemi energetici, i risultati saranno subito percepibili a chi li pratica. Gli esercizi sono abbastanza dolci da poter essere eseguiti da chiunque e a qualunque età. Per vedere se funzionano provateli, offrite loro una possibilità di riuscita, investite un po? di tempo e di energia e se perdete interesse verso di loro non aspettatevi di ottenere risultati straordinari. Siate consapevoli di essere una persona speciale che vede oltre le convenzioni e i preconcetti degli altri, in fin dei conti state solo amando voi stessi e quindi ogni cosa è possibile ... BENEFICI PER LA SALUTE...
---------------------------------
Titolo: I DISCORSI DI GOENKA - MEDITAZIONE VIPASSANA
Libro intro: Questi discorsi, tenuti da S.N. Goenka durante un corso di meditazione Vipassana, sono stati riassunti e curati da William Hart. "La liberazione si raggiunge con la pratica, mai semplicemente discutendone", dice S.N. Goenka. Un corso di meditazione Vipassana offre l?opportunità di fare passi concreti verso la liberazione. In esso il partecipante impara come liberare la propria mente dalle tensioni e dai pregiudizi che disturbano la vita quotidiana. Ciò porta a scoprire come si possa vivere ogni momento nella pace e nella gioia, e ad essere attivi e produttivi. Nello stesso tempo, si inizia il cammino verso le mete più alte alle quali l'umanità possa aspirare: purezza mentale, liberazione dalla sofferenza, piena illuminazione. Per giungere a questi traguardi, non basta pensarci su o semplicemente desiderarli, bisogna incamminarsi verso di essi. Per questo, in un corso di Vipassana, si insiste sempre sulla pratica effettiva. Non sono ammesse discussioni filosofiche, né dibattiti teorici, né questioni estranee all'esperienza personale di ciascuno. Si incoraggiano i meditatori a trovare le risposte ai loro problemi, per quanto possibile, all'interno di loro stessi. L'insegnante fornisce tutte le istruzioni necessarie alla pratica, ma spetta poi ad ognuno applicarle concretamente; ciascuno deve combattere la propria battaglia personale, conquistare la salvezza con le proprie forze. Pur sottolineando la necessità della pratica, è tuttavia necessario offrire il contesto di riferimento. Per questo, ogni sera del corso, il maestro Goenka tiene un "discorso sul Dhamma" che esamina gli aspetti della pratica della giornata e ne chiarisce la tecnica. Egli avverte che questi discorsi non intendono gratificare l'intelletto o le emozioni, ma vogliono semplicemente aiutare i meditatori a capire ciò che devono fare, spiegandone i motivi; sarà 4 così possibile lavorare in modo corretto e raggiungere risultati adeguati. Questi discorsi, undici in tutto, sono qui presentati in forma concentrata. Essi forniscono una visione d'insieme dell'insegnamento del Buddha. L'approccio a questo argomento non è però né accademico né analitico; l'insegnamento viene infatti presentato nel modo in cui esso si svela progressivamente al meditatore e cioè come un insieme dinamico e coerente. Attraverso le sue diverse sfaccettature, si intravede una fondamentale unità, quella data dall'esperienza meditativa. Quest?esperienza è il fuoco interno che conferisce vita e splendore al gioiello del Dhamma. Senza di essa è impossibile afferrare appieno il significato di questi discorsi e, in ultima analisi, dell'insegnamento del Buddha. Questo vuol dire che c'è anche spazio per la comprensione intellettuale dell'insegnamento stesso; essa serve di sostegno per la pratica meditativa, anche se la meditazione è un processo che oltrepassa i limiti dell'intelletto. La finalità di questi riassunti è quella di fissare i punti essenziali di ogni conversazione. Essi vogliono soprattutto illuminare e guidare coloro che praticano la meditazione Vipassana insegnata da S.N. Goenka....
---------------------------------
Titolo: I GRADI DELLA CONOSCENZA SUPERIORE
Libro intro: I GRADI DELLA CONOSCENZA SUPERIORE: IMMAGINAZIONE - ISPIRAZIONE -INTUIZIONE --- PREFAZIONE La rivista Luzifer, che Rudolf.Steiner fondò per la divulgazione della scienza dello spirito, fu ampliata nel 1904 con l'aggiunta di un'altra rivista edita in Austria sotto il titolo di Gnosis. Col doppio nome di Luzifer-Gnosis, la nuova rivista stampò in seguito quei saggi dello Steiner, i quali poi, raccolti, costituirono il libro che, insieme con Teosofia e La Scienza occulta nelle sue linee generali, è tra le opere fondamentali per chi voglia accostarsi alla scienza dello spirito antroposofica. Una continuazione di quei saggi apparve sotto il titolo di Gradi della conoscenza superiore e doveva costituire più tardi un altro volume a sviluppo e complemento dell'Iniziazione. Ma il sovraccarico di lavoro che la sua attività di conferenziere aveva portato a Rudolf Steiner, rese via via impossibile il lavoro necessario alla rivista, benché questa si andasse diffondendo sempre più. Per mancanza di tempo, bisognò sospenderla: perciò anche la serie dei Gradi della conoscenza superiore rimase interrotta. Pregati da più parti di ripubblicare quei saggi già esistenti, rendendoli così di nuovo accessibili a tutti, abbiamo voluto appagare tale desiderio, sebbene il testo, così improvvisamente interrotto, non possa pretendere d'offrire qualcosa di organico e in sé concluso. Era lecito chiedere se non fosse stato più opportuno rinunciare addirittura a questa pubblicazione, dato che il suo contenuto fu anche pubblicato in altra forma e con altri titoli. Tuttavia, per chi cerca lo spirito, la conquista della realtà spirituale è possibile e non illusoria, solo se egli torna sempre a rielaborare il contenuto spirituale già appreso e mai abbastanza assimilato, e se cerca di percorrere con l'esperienza sempre da capo la via che lo ha diretto verso i mondi dello spirito. La vita animica di colui che lavora meditativamente dev?essere conservata tanto mobile che le vedute acquistate da un lato lo rendano più aperto alle prospettive lontane che altri punti di vista gli offrono. I saggi qui pubblicati hanno anche un valore storico, poiché ci indicano il punto di partenza che i consigli esoterici di Rudolf Steiner hanno dovuto prendere, e ci mostrano come egli sia diventato la guida, il pioniere, anche in questo campo, nel quale, grazie a lui, per la prima volta l'uomo poté essere lasciato libero. A questo scopo, con una veggenza vasta come il mondo e col massimo senso di responsabilità, egli dovette porre anzi tutto una base, un atteggiamento spirituale che rendesse possibile all'uomo di trovare in sé un sicuro punto di appoggio morale, idoneo a resistere, in libertà, alle tentazioni e alle deviazioni. Per poter compiere una simile azione, al punto di svolta decisivo di gravi rivolgimenti storici, in mezzo a forze avversarie e nemiche, poggiando unicamente su sé stesso,occorreva l'immenso ethos che pervade tutta la vita e l'opera di Rudolf Steiner e che lo indusse a trascurare qualunque altro pensiero che non fosse quello del bene dell'umanità e della salvazione del mondo occidentale dalla minacciosa rovina. Occorreva perciò lavorare partendo dalle fondamenta, in modo corrispondente alle necessità dei tempi, e quindi possedere una sintesi di tutto il sapere. Se si guarda a questi saggi, ci viene fatto di chiedere: com'è da intendersi il fatto che Rudolf Steiner, che ci ha condotti alla libertà nel campo dell'esoterismo, facendoci anche qui poggiare su noi stessi, e promettere solo al nostro Io superiore ciò che di solito il discepolo doveva promettere al maestro, parla ancora della necessità di un'unione strettissima del discepolo col maestro, mettendolo in certo modo alla dipendenza di, questo? AUTORE : STEINER...
---------------------------------
Titolo: I GRADI DELLA COSCENZA SUPERIORE
Libro intro: La rivista Luzifer, che Rudolf.Steiner fondò per la divulgazione della scienza dello spirito, fu ampliata nel 1904 con l'aggiunta di un'altra rivista edita in Austria sotto il titolo di Gnosis. Col doppio nome di Luzifer-Gnosis, la nuova rivista stampò in seguito quei saggi dello Steiner, i quali poi, raccolti, costituirono il libro che, insieme con Teosofia e La Scienza occulta nelle sue linee generali, è tra le opere fondamentali per chi voglia accostarsi alla scienza dello spirito antroposofica. Una continuazione di quei saggi apparve sotto il titolo di Gradi della conoscenza superiore e doveva costituire più tardi un altro volume a sviluppo e complemento dell'Iniziazione. Ma il sovraccarico di lavoro che la sua attività di conferenziere aveva portato a Rudolf Steiner, rese via via impossibile il lavoro necessario alla rivista, benché questa si andasse diffondendo sempre più. Per mancanza di tempo, bisognò sospenderla: perciò anche la serie dei Gradi della conoscenza superiore rimase interrotta. Pregati da più parti di ripubblicare quei saggi già esistenti, rendendoli così di nuovo accessibili a tutti, abbiamo voluto appagare tale desiderio, sebbene il testo, così improvvisamente interrotto, non possa pretendere d'offrire qualcosa di organico e in sé concluso. Era lecito chiedere se non fosse stato più opportuno rinunciare addirittura a questa pubblicazione, dato che il suo contenuto fu anche pubblicato in altra forma e con altri titoli. Tuttavia, per chi cerca lo spirito, la conquista della realtà spirituale è possibile e non illusoria, solo se egli torna sempre a rielaborare il contenuto spirituale già appreso e mai abbastanza assimilato, e se cerca di percorrere con l'esperienza sempre da capo la via che lo ha diretto verso i mondi dello spirito....
---------------------------------
Titolo: I LEGAMI TRA I VIVI E I MORTI DI STEINER
Libro intro: Parleremo oggi della vita dell'essere umano nel mondo spirituale (in sanscrito Devachan) fra due incarnazioni. Prima di tutto ricordiamoci che essa non si svolge in un luogo diverso da quello in cui ci troviamo ora. Il.mondo spirituale, il mondo astrale, il mondo fisico sono tre sfere che si interpenetrano a vicenda. Per capire, con un paragone, come ci viene nascosta la vista del Devachan pensiamo a quel che erano le forze elettriche nell'universo prima che l'uomo scoprisse l'elettricità. Esse esistevano nell'universo, che le conteneva, ma erano ancora di natura occulta. Quel che distingue il mondo spirituale dal mondo fisico è che al suo attuale grado di evoluzione l'uomo è provvisto di organi che percepiscono il fisico ma non di organi in grado di percepire lo spirituale. Immergiamoci nell' anima di un essere umano che si trovi tra due incarnazioni. Egli ha restituito il suo corpo fisico alle forze universali; allo stesso modo il corpo eterico è ritornato alle forze della vita; infine le parti del corpo astrale sulle quali non ha ancora personalmente lavorato sono state rese alloro ambiente originario. Egli si trova nello stato spirituale. Non dispone più di ciò che le entità spirituali avevano elaborato nel suo corpo eterico e nel suo corpo astrale. Ciò che egli stesso, invece, ha forgiato in sé, nel corso di numerose esistenze, è ora un suo bene personale. Rimane suo, anche nel mondo spirituale. Perché il risultato del lavoro che noi realizziamo nel mondo fisico è quello di aumentare sempre più la nostra parte di coscienza nel mondo spirituale. Il legame di due persone può essere il risultato di condizioni naturali, come tra fratelli e sorelle. Ma un legame morale, spirituale, si aggiunge sempre a quello naturale. Grazie al karma, noi siamo membri di una stessa famiglia. Ma non tutto è regolato dal karma. Un rapporto puramente naturale, senza che vi si mescoli un altro elemento, si trova, in fondo, solo tra gli animali. Gli uomini possono legarsi attraverso il karma, ma per ragioni di natura morale. Due esseri che non erano uniti da niente e che erano separati perfino da ostacoli esterni possono, per esempio, diventare amici intimi. Possiamo perfino figurarci che in un primo tempo si fossero reciprocamente antipatici e che si siano scoperti solo a poco a poco grazie a un contatto puramente spirituale e morale. Questo legame, paragonato a quello tra fratelli e sorelle, sarà un potente mezzo per sviluppare organi spirituali. Esso prende forza nella nostra epoca, anche se inconsciamente esso deriva già dal Devachan. Le facoltà che l'uomo sviluppa attualmente grazie a questi legami puramente interiori dell' amicizia gli danno la possibilità di sperimentare effettivamente qualcosa di spirituale, di prepararsi per il Devachan. Se gli mancano questi rapporti da anima a anima egli viene privato dell' elemento animico nel Devachan, come qui sulla Terra un cieco è privato del colore. Colui che acquisisce sulla Terra la pratica della vita spirituale percepirà lo spirito nell' aldilà, nella misura in cui la sua attività interiore qui glielo farà comprendere. Da qui il valore inestimabile dell' esistenza sul piano fisico. Per gli uomini non c'è altro modo di acquisire organi in grado di percepire lo spirituale se non avendo un' attività spirituale sul piano fisico: è attraverso questa che si aprono i nostri organi di percezione spirituale. E nessuna preparazione può essere migliore dei legami dell'anima che uniscono esseri che nessuna ragione istintiva univa in un primo tempo. Da questo punto di vista, è bene che uomini si raggruppino, uniti in un'opera spirituale. Le guide dell'umanità possono riversare forze di vita attraverso di essa. Quel che ci si scambia attraverso un lavoro in comune di questo tipo, quando viene svolto in modo sano, prepara lo sguardo a sperimentare le realtà spirituali....
---------------------------------
Titolo: I LUOGHI DI POTERE
Libro intro: I LUOGHI DI POTERE - IL CONCETTO DI LUOGO DI POTERE - UN ELENCO DEI LUOGHI DI POTERE NEL MONDO - LA VISITA AI LUOGHI DI POTERE - LE MEDITAZIONI DA FARE NEI LUOGHI DI POTERE - COMUNICAZIONE A DISTANZA CON I LUOGHI DI POTERE #### Capitolo tratto dal libro Il Conscio Maturo di Zoran e Milica Grui?i? Andrea Pangos Editore #########...
---------------------------------
Titolo: I MAESTRI DI SAGGEZZA
Libro intro: La storia classica colloca nel 3000 circa a.C. l'avvento dell'età del bronzo e dal 2600 al 2480 a.C., la costruzione delle più grandi e famose piramidi, quelle di Giza (fatte costruire dai faraoni Cheope, Chefren e Micerino della IV dinastia). Perciò, secondo la storia, nei 4 - 5 secoli dopo la fine del Neolitico l'uomo, da selvaggio che era, avrebbe raggiunto la capacità di erigere dei monumenti la cui progettazione e costruzione richiede delle avanzatissime conoscenze matematiche, fisiche ed astronomiche. Questa assunzione non regge e, a rigor di logica, dobbiamo invece concludere che l'elaborazione della prima religione, così come la progettazione di queste grandi piramidi, sia stata opera di personaggi con una capacità e cultura molto al di sopra di quella della comune umanità. Possiamo pertanto arguire che questi "personaggi" altro non fossero che i Sacerdoti di Atlantide. Gli stessi Antichi riconoscevano che da questa razza, "civile, guerriera e dotta", provenivano la scienza degli astri e le leggi del governo degli uomini. Questa nostra ipotesi viene confermata dal brano seguente, tratto dal volume Il sistema solare, di E. Powell (Edizioni Adyar): "All'incirca 400.000 anni fa, essendo l'Egitto isolato e scarsamente popolato, una Loggia di Iniziati (esseri altamente evoluti, N.d.R.), a causa del diffondersi delle 'arti nere' nel suo paese (Atlantide, N.d.R.), era emigrata in Egitto, dove poi proseguì il suo lavoro per circa 200.000 anni." "Circa 210.000 anni fa, la Loggia Occulta fondò la prima dinastia divina in Egitto e un impero, facendo venire a questo scopo il primo gruppo di coloni." "Da questo tempo a 200.000 anni fa, furono costruite le due grandi Piramidi di Giza, per servire da un lato come Templi permanenti di Iniziazione, e dall'altro come santuari per la custodia di alcuni potenti talismani, in previsione della sommersione che gli Iniziati sapevano imminente." "E' lecito supporre che i poteri occulti furono impiegati per facilitare il trasporto ed il sollevamento dei grandi blocchi di pietra usati nella Grande Piramide. Molte migliaia di anni dopo, Cheope diede il suo nome a una delle Piramidi." Possiamo perciò dedurre che, nel lungo corso dell'evoluzione dell'umanità, vi siano sempre stati dei Grandi Esseri che hanno prestato la loro opera affinché le cose procedessero secondo un piano prestabilito moltissimo tempo fa. Anche oggi vi sono Grandi Esseri che guidano l'evoluzione dell'umanità. L'insieme di questi Esseri illuminati viene chiamato con vari nomi, tra cui: "Gerarchia Planetaria", "Centro dei Maestri di Saggezza" e "La grande Loggia bianca"....
---------------------------------
Titolo: I MAESTRI E IL SENTIERO
Libro intro: L’esistenza di Uomini Perfetti è uno dei fatti più importanti delle molte novità che la Teosofia ci mostra. È una logica conseguenza degli altri grandi insegnamenti teosofici del karma, e dell’evoluzione attraverso la reincarnazione. Guardandoci intorno, vediamo ovviamente uomini ad ogni stadio di evoluzione -alcuni che, in un modo o nell’altro- sono più avanti degli altri. Dal momento che è così, ce ne posso benissimo essere alcuni che sono molto più avanti; in realtà, se gli uomini si evolvono attraverso una serie di vite successive, tendendo verso un obiettivo definito, ci deve essere certamente qualcuno che quell’obiettivo l’ha già raggiunto. Alcuni di noi, in questo processo evolutivo, sono già riusciti a sviluppare alcuni dei sensi più alti, che sono latenti in ognuno, e che saranno ereditari in futuro; e per mezzo di questi sensi siamo capaci di vedere la scala evolutiva che si estende sopra di noi così come anche sotto di noi, e possiamo inoltre vedere uomini che stanno su ogni gradino di quella scala. C’è una massa considerevole di testimonianze dell’esistenza di quegli Uomini Perfetti che chiamiamo Maestri, ma penso che il primo passo che ognuno di noi dovrebbe fare è riconoscere che devono esistere tali uomini; solo successivamente seguirà che coloro coi quali siamo venuti in contatto appartengono a tale classe. La storia di ogni nazione è piena delle opere di uomini di genio in tutti i settori dell’attività umana, uomini che nei loro campi si sono distinti – in realtà così tanto che a volte (e forse più spesso di quello che crediamo) i loro ideali erano al di là della comprensione della gente, cosicché non solo il loro lavoro può essere andato perso, ma anche i loro nomi dimenticati. E’ stato detto che la storia di ogni nazione avrebbe potuto essere scritta nelle biografie di pochi individui, e che sono solo i pochi (che si elevano sul resto del popolo) che iniziano i grandi passi in arte, musica, letteratura, scienza, filosofia, filantropia, politica e religione. Sono i grandi santi e i filantropi, i grandi filosofi, saggi e scienziati, i grandi liberatori e riformatori. Guardando questi uomini, e capendo quanto lontano siano andati nell’evoluzione umana, non è logico poter dire che ci potrebbero essere uomini ancora più evoluti di loro, uomini grandi in spiritualità e conoscenza o poteri artistici, uomini 5 completi rispetto alla perfezione umana – uomini, in particolare, come gli Adepti, che alcuni di noi hanno avuto l’inestimabile privilegio di incontrare? Questa galassia di geni umani che arricchisce le pagine della storia è allo stesso tempo la gloria e la speranza dell’umanità, poiché sappiamo che questi Grandi sono coloro che precedono gli altri, come tedofori che ci mostrano il sentiero che dobbiamo seguire se vogliamo raggiungere la gloria che ci sarà rivelata. Abbiamo da lungo tempo accettato le teorie dell’evoluzione delle forme in cui si manifesta la Vita Divina; ecco qua l’idea complementare e più vasta dell’evoluzione di quella Vita stessa, che mostra che la reale ragione per quel meraviglioso sviluppo di innumerevoli forme sempre più evolute è il costante bisogno della Vita di esprimere se stessa. Forme nascono e muoiono, crescono, decadono e si frantumano; ma lo Spirito cresce in eterno, sviluppandosi per mezzo dell’esperienza raggiunta attraverso queste forme; e via via che ogni forma ha reso il suo servizio, viene sostituita da una forma migliore che prende il suo posto. Oltre le forme in continua evoluzione traspare la Vita Eterna, la Vita Divina. Quella vita di Dio permea l’intera Natura, la varietà multiforme che ci ha donato; è lui che vive nella bellezza del fiore, nella forza dell’albero, nella dolcezza e grazia dell’animale, così come nel cuore e nell’anima dell’uomo. E’ poiché la sua volontà è l’evoluzione, che questa, ovunque e per tutta la vita, preme in ogni direzione; ed è per questo che l’esistenza degli Uomini Perfetti, alla fine di questa lunga linea evolutiva di potere e saggezza e amore è la cosa più naturale al mondo. Anche oltre essi – al di là della nostra vista e comprensione – si apre una vista di gloria ancora maggiore; qualche cenno di ciò lo daremo più avanti, ora sarebbe inutile. La conseguenza logica di tutto questo è che ci devono essere Uomini Perfetti, e che ci sono in tutte le epoche involontari segni dell’esistenza di simili Uomini, che, invece di lasciare il mondo per proseguire la loro vita nei regni sopraumani e divini, sono rimasti in contatto con l’umanità, per assistere la sua evoluzione nella bellezza nell’amore e nella verità, per aiutarla a coltivare l’Uomo Perfetto, come se qui e là trovassimo un botanico che ha un amore speciale per le piante, e trova la sua gloria nella produzione di un perfetto arancio o di una rosa perfetta....
---------------------------------
Titolo: I PRINCIPALI MANTRA
Libro intro: I principali MANTRA ...
---------------------------------
Titolo: I PROBLEMI DELL'UMANITA'
Libro intro: La riabilitazione psicologica delle nazioni Pag. 8 Il problema dei fanciulli 32 Il problema del capitale, del lavoro e dell’occupazione 66 Le minoranze razziali 85 Le Chiese 122 L’unità internazionale 167 di ALICE A. BAILEY...
---------------------------------
Titolo: I SETTE RAGGI
Libro intro: La concezione dei 7 Raggi è basata sul principio della creazione e manifestazione cosmica, per mezzo del successivo differenziarsi della sostanza primordiale. L’Uno diventa i Tre, i Tre divengono i Sette ed i Sette, attraverso ulteriori differenziazioni, danno l’immensa molteplicità,la meravigliosa ricchezza e varietà della vita manifestata nei mondi visibili ed in quelli invisibili. Nel primo volume della “Dottrina Segreta Vol. I° terza edizione inglese ” è detto : “L’Unico Raggio contiene in se stesso i 7 Raggi creativi.” (pag. 108) “Esistono 7 gruppi distinti, con le loro suddivisioni: fisica, mentale e spirituale.” (pag. 626) “Tutti questi gruppi presiedono alle vicende umane. Essi imprimono la loro immagine sulle nostre anime. Essi sono presenti nei nostri nervi, nelle nostre vene, nelle nostre arterie, e nella nostra sostanza cerebrale.” (pag. 313) “Questo costituisce la prima grande fase del dramma cosmico: l’involuzione che procede dall’Unità alla Molteplicità, dalla omogeneità alla differenziazione, dallo Spirito alla Materia. Ma quando questo processo è giunto al grado più basso, al Regno minerale, comincia la fase inversa: la corrente evolutiva che sale, dapprima ciecamente e lentamente, attraverso i Regni vegetale ed animale, poi, via via più rapidamente e consapevolmente, negli stati più progrediti del Regno umano e nei Regni superumani verso le 7 grandi differenziazioni primordiali dell’Unica Realtà. Come è detto nella “Dottrina Segreta”: “I 7 Raggi (Raggi di saggezza) modellano i 7 Sentieri, ad uno dei quali l’angosciato mortale può giungere.” (pag. 201) I 7 Raggi del nostro Sistema sono Sette correnti di energia, emanate dal Logos Solare, ciascuna delle quali è dotata di una specifica qualità psichica, di una particolare nota, ed ha una speciale funzione nel dramma evolutivo. Questi Raggi si dividono in due gruppi principali: Tre Raggi Maggiori, fondamentali e originari, e Quattro Raggi Minori derivati. I primi Tre sono: Il Raggio della Volontà o Potenza Il Raggio dell’Amore-Saggezza Il Raggio dell’Attività Intelligente I Quattro Raggi derivati sono: Il Raggio dell’Armonia e della Bellezza Il Raggio della Conoscenza Concreta Il Raggio dell’Idealismo e della Devozione Il Raggio dell’Ordine, dell’Organizzazione e della Magia Nel loro insieme essi formano, si può dire, la somma delle qualità psicologiche del Logos, della Sua Anima e della Sua Personalità. 2 Ciascuno di questi 7 Raggi forma poi la qualità predominante, e nota fondamentale di uno dei Sette Spiriti o Logoi Planetari. Però in ognuno di questi, e quindi in ognuno dei pianeti in cui si manifesta e nella gerarchia di esseri minori di cui è composto, si ritrovano tutti e Sette i Raggi, le note e gli attributi, in varia misura, fra i diversi Piani, Regni, Gruppi ed Individui. Venendo alla Gerarchia di Esseri che più ci interessa, a quella umana, troviamo che ogni uomo è sotto il dominio di 6 Raggi, è in altre parole composto di varie linee di forza, di varie note qualitative. Tre principali: il Raggio della Monade, il Raggio Egoico, il Raggio della Personalità. Tre secondari: il Raggio della Mente, delle Emozioni, e del Corpo. Il primo, il Raggio della Monade, è il più importante e fondamentale; ma poiché si rivela solo a livelli elevatissimi di sviluppo spirituale, ad uno stadio che è in realtà superumano, ce ne occuperemo successivamente. I Raggi del Corpo, delle Emozioni, e della Mente determinano la nostra costituzione psicofisica, il nostro temperamento, i nostri modi impulsivi di reazione, la mentalità di cui siamo dotati. Negli uomini primitivi predomina il Raggio del Corpo fisico, poiché la loro coscienza funziona quasi soltanto nel mondo delle sensazioni e degli istinti. Negli uomini di sviluppo medio, che costituiscono la maggioranza dell’umanità, predomina il Raggio delle Emozioni; per essi il sentire, il vibrare continuamente, il desiderare costituiscono la vita, la realtà. Nella parte più progredita dell’umanità il Raggio della Mente si va affermando in modo crescente e spesso in contrasto con quello delle Emozioni. Anche il Raggio della Personalità comincia a manifestarsi. Il Raggio della Personalità è diverso dagli altri perché essa non è la semplice somma aritmetica degli elementi fisici, emotivi e mentali. La personalità è anzitutto un centro di autocoscienza, un io individuale che tende a disciplinare, a dominare tutti questi elementi, ad organizzarli in una coerenza ordinata, in altre parole, a compiere la Psicosintesi Personale. Il Raggio Egoico, o Raggio dell’Anima, dell’Io spirituale, è il più importante per coloro che si sono accinti risolutamente a percorrere la Via Spirituale, per coloro che hanno cominciato a lavorare al proprio sviluppo interiore, ed alla elevazione morale e spirituale dell’umanità, collaborando ai Piani del Logos, unifi...
---------------------------------
Titolo: I SETTE STADI DI SVILUPPO E I SETTE CENTRI VITALI
Libro intro: Le creature e gli esseri umani hanno centri vitali sottili, attraverso i quali le forze vitali o il prana fluiscono per nutrire e dare vita ai loro corpi. Negli esseri umani questi centri sono più sviluppati e organizzati e permettono, insieme al cervello, di esprimere stati di coscienza progressivamente più elevati. Una parola comune per questi centri è ?Chakra?, che significa ?Ruota?. I raggi delle ruote sono le frequenze della forza vitale che operano attraverso di esse. La forza dell?anima entra nel corpo nel midollo allungato alla base del cranio, quindi fluisce nei centri superiori del cervello e verso il basso, nel corpo. I centri vitali sono manifestazioni astrali della forza della vita ed essa fluisce attraverso di loro per regolare i processi interni. I livelli di consapevolezza sono determinati dall?identificazione dell?anima con i centri vitali. Questa stessa identificazione influenza i poteri di percezione e funzionalità....
---------------------------------
Titolo: I TRE DOSHA E I SEI SAPORI
Libro intro: I tre Dosha e i sei sapori: Ciascuno di noi è un’entità separata dal resto degli esseri viventi. Lo spazio fisico personale che la Natura ci elargisce è quello delimitato dalla cute e dall’apparato digerente. Ogni cosa esterna alla superficie cutanea appartiene all’ambiente, mentre la Natura è costituita dalla somma totale degli individui e dei loro ambienti. All’interno dell’apparato digerente c’è del materiale che aveva in origine un’esistenza separata, una propria individualità: ora è sottoposto all’esame del nostro metabolismo, e attende di superare la prova della digestione per poter diventare parte di noi. Se l’apparato gastrointestinale si lacerasse, parte del materiale invaderebbe lo spazio corporeo, e dopo esser stato identificato come alieno scatenerebbe una reazione tremenda che, se incontrollata, ci condurrebbe alla morte in breve tempo. Allorché la cute non riuscisse a svolgere il proprio lavoro, come potrebbe avvenire in seguito a gravi ustioni, l’organismo verrebbe invaso da predatori alieni capaci di ridurlo in fin di vita ... [ ... ] I cinque grandi elementi Proprio come i nostri corpi sono costituiti da miliardi di cellule indipendenti, noi stessi siamo minuscole cellule all’interno di un organismo universale. Al pari delle nostre cellule, ognuno di noi dispone di un esistenza individuale, ma nessuno è abbastanza “libero” da poter vivere in totale indipendenza dal tutto. Di fatto ogni cosa che esiste nell’universo esterno ha la sua controparte nel particolare universo interno di un essere vivente. In forma diversa, tutte le forze cosmiche vi sono rappresentate; il flusso costante degli elementi nutritivi e delle sostanze di rifiuto, che coinvolge le cellule corporee, caratterizza in modo analogo anche le piante, gli animali e gli esseri umani. Non v’è dunque sostanziale differenza, per esempio, tra cucinare del cibo su un fornello o “cuocerlo” nel nostro stomaco, al calore del fuoco digestivo (agni). Tanto il fornello che lo stomaco utilizzano il calore per predisporre il cibo all’assimilazione. Il fornello esterno si avvale delle fiamme, quello interno degli acidi e degli enzimi, ma il principio della cottura è lo stesso per entrambi. I rishi formularono la teoria dei cinque grandi elementi (più correttamente, i “cinque grandi stati di esistenza materiale”) per spiegare il legame reciproco tra forze interne ed esterne. I cinque grandi elementi sono: Terra, lo stato solido della materia, i cui attributi caratteristici sono la stabilità e la fissità o la rigidità. La terra è sostanza stabile. Acqua, lo stato liquido della materia, il cui attributo caratteristico è la mutevolezza. L’acqua è sostanza instabile. Fuoco, il potere di trasformare una sostanza da solida in liquida e da liquida in gassosa e viceversa, provocando il passaggio da uno stato all’altro della materia. L’attributo caratteristico è dunque la trasformazione. Il fuoco è forma priva di sostanza. Aria, lo stato gassoso della materia, il cui attributo caratteristico è la mobilità o il dinamismo. L’aria è esistenza priva di forma. Etere, il campo al partire dal quale ogni cosa si manifesta, e al quale ritorna; lo spazio che ospita il verificarsi degli eventi. L’etere non possiede una realtà fisica; esiste solo in qualità di intervallo che separa le frazioni di materia. I tre dosha I cinque elementi si compendiano nei tre dosha: vata, pitta e kapha, rispettivamente in aria, foco e acqua. Vata è il fattore dell’energia cinetica: interessa soprattutto il sistema nervoso, e controlla i movimenti del corpo. Kapha è il fattore dell’energia potenziale, che controlla la stabilità e la lubrificazione. I tessuti e le sostanze di rifiuto che vata mobilita e sposta sono di competenza del fattore kapha. Pitta si occupa dell’equilibrio fra l’energia cinetica e quella potenziale; tutti i processi che lo riguardano comportano una digestione o una “cottura” anche nel caso in cui il cibo sono i pensieri, “cotti” nella mente affinché diventino teoria. Il principale campo d’azione di pitta è dato dal sistema enzimatico e da quello endocrino. A livello cellulare vata gestisce l’assorbimento degli elementi nutritivi e l’espulsione delle sostanze di rifiuto; pitta provvede alla digestione che fornisce energia per il funzionamento cellulare; kapha infine gestisce la struttura delle cellule. Nell’apparato digerente vata mastica e ingoia il cibo, pitta lo digerisce, vata assimila le sostanze nutritive ed espelle quelle di rifiuto, e kapha regole le secrezioni che lubrificano e proteggono l’organi preposti alla digestione. Nella mente è vata a recuperare vecchie informazioni perché siano confrontate con le nuove. Pitta elabora i nuovi dati e tra le conclusioni che vata inserisce poi nella memoria, aggiornandola. Kapha provvede alla stabilità necessaria a che la mente possa afferrare un concett...
---------------------------------
Titolo: I VARI LIVELLI DELL'ESSERE UMANO
Libro intro: L’essere umano è composto da vari livelli dimensionali differenti, ad ognuno dei quali corrisponde un ”corpo energetico” (o “sottile”). I vari corpi si intersecano l’un l’altro (non sono semplicemente stratificati “a buccia di cipolla”) ed il loro insieme costituisce la totalità dell’essere. Ogni nostro corpo risuona con un piano vibratorio della realtà esteriore, dal più grossolano al più sottile. I nostri livelli interni hanno un’esatta equivalenza con i piani esteriori di cui è composta la Realtà. Da qui il detto “nosce te ipsum” (conosci te stesso - in greco ????? ??????? “gnothi seauton”) per indicare che la conoscenza totale di se stessi (microcosmo) è la via per arrivare alla totale conoscenza dell’Universo (macrocosmo) e dunque, in ultima analisi, a quella di Dio. Per una crescita interiore consapevole è bene sapere con quale piano siamo maggiormente in risonanza, senza dimenticare, però, che questi piani coesistono fra loro e che tutti debbono essere sviluppati in parallelo. Un possibile schema basato su 12 livelli archetipali (schema indicativo e non certamente definitivo) può essere: 1. PIANO TENEBRICO-GRAVITAZIONALE: CORPO DI POTENZA (fisso) Piano gravitazionale degli universi formalizzati e delle potenze tenebriche condensate nella materia - SATURNO 2. PIANO TELLURICO-TITANICO: CORPO DI POTENZA (mobile) Piano dei condensati magnetici centrali, piano delle energie magmatiche, delle energie potenziali primordiali - MARTE 3. PIANO INFERO-ISTINTUALE: CORPO DI POTENZA (mutante) Piano delle forze demoniache e delle energie istintuali ed esplosive animalo-umane - PLUTONE 4. PIANO MATERIALE: CORPO FISICO - Piano delle forme fisiche - LUNA (in alcune tradizioni il corpo fisico è detto veicolo lunare) 5. PIANO VITALE: CORPO ETERICO - Piano delle trame energetiche delle correnti vitali - GIOVE 6. PIANO PSICHICO: CORPO EMOZIONALE e MENTALE INFERIORE - Piano delle emozioni e del mentale concreto - TERRA 7. PIANO ANIMICO: CORPO ASTRALE - Piano del flusso dei sentimenti dell’anima - VENERE 8. PIANO COSCIENZIALE: CORPO SOLARE - Piano della Luce della Coscienza e dell'identità spirituale dell'individuo - SOLE 9. PIANO CAUSALE: CORPO MENTALE (SUPERIORE) - Piano dell’Intelligenza Pura - MERCURIO LUNARE 10. PIANO COSMICO: CORPO BUDDHICO - Piano di comunicazione con l’intero universo creato - MERCURIO SOLARE 11. PIANO ESTATICO: CORPO NIRVANICO - Piano della fusione oceanica col Tutto e dell’Estasi spirituale, piano della Coscienza archetipale trascendente - NETTUNO 12. PIANO MONADICO: CORPO ATMICO - Piano monadico del Sé, piano sublimico della Coscienza spirituale superiore - URANO Utilizzando uno schema più semplificato possiamo affermare che il piano più denso e pesante è quello della “materia”, corrispondente al corpo di potenza (cioè al corpo composto dalle energie dense che risiedono al di sotto del piano fisico) e ad una vita basata sulla conquista materiale, di soldi e beni personali. Esiste poi il piano della “sostanza biologica”, che corrisponde al corpo fisico e ad una vita basata sulla soddisfazione degli istinti e delle pulsioni, è il piano dei desideri fisici (in particolare di cibo e sesso). Il terzo piano è quello delle “emozioni” e l’esistenza corrispondente è basata sul piacere del percepire emozioni e sentimenti (piacere negli scambi sociali, nelle amicizie, negli affetti ma anche nel godere delle sensazioni rilasciate dalla Natura). Il quarto piano può essere definito il regno della “mente” ed è un piano di ricerca del piacere intellettuale, dello studio della conoscenza. Infine l’ultimo piano esperibile dall’essere umano incarnato è quello dello “spirito”, dove la dimensione personale lascia definitivamente il posto alle dimensioni transpersonali e sovrapersonali e dove possiamo c al piano del Creatore e dell’Unità......
---------------------------------
Titolo: IDEE POPOLARI SULLA REINCARNAZIONE
Libro intro: Sri Aurobindo Idee popolari sulla reincarnazione. Si deve evitare un diffuso equivoco riguardante la reincarnazione. L?opinione popolare è che Titus Balbus sia rinato come John Smith, una persona cioè con la medesima personalità e carattere, le stesse cognizione che aveva nella vita precedente, con l?unica differenza che indossa ora cappotto e pantaloni invece che una toga, e parla inglese dialettale e non latino popolare. Non è così. Quale sarebbe l?utilità terrestre nel ripetere la stessa identica personalità o carattere un milione di volte dagli inizi del tempo fino alla fine? L?anima nasce per far esperienze, crescere, evolvere fino a che possa portare il Divino nella Materia. E? l?essere centrale che d?incarna, non la personalità esteriore ? la personalità è semplicemente una forma che esso crea per le rappresentazioni della propria esperienza in una determinata vita.........
---------------------------------
Titolo: IDEE POPOLARI SULLA REINCARNAZIONE
Libro intro: Sri Aurobindo : Idee popolari sulla reincarnazione...
---------------------------------
Titolo: IL BAMBINO CRISTALLO
Libro intro: UN RACCONTO sui bambini cristallo DI BARBARA ZILETTI WWW.STATIONECELESTE.IT...
---------------------------------
Titolo: IL CODICE DEGLI DEI
Libro intro: Scrive l'Autore Giorgio Terzoli : "Il codice da noi scoperto, apre le porte delle antiche conoscenze e i monumenti del sito di Giza, decodificati alla luce del codice, segnalano un messaggio millenario partito da una civiltà, non storicamente riconosciuta dalla scienza ufficiale, vissuta la bellezza di 13 millenni or sono. Sicuramente parlare di un messaggio partito la bellezza di 13000 anni fa e indirizzato agli esseri umani del 2000 d.c. ,può far sorridere più di uno studioso, ma le riprove che abbiamo trovato sono al di sopra di qualsiasi sospetto. Una volta padroni del codice, ci si accorge che il messaggio millenario è stato inserito nel d.n.a della nostra civiltà: si trova in tutte le mitologie antiche, in tutte le forme religiose e in tutte le tradizioni tramandate dal passato. In " Intervista con gli dei " scritto da Terzoli Giorgio e curato dal giornalista Pier Luigi Trombetta, edito dalla Press Club, il contenuto è stato leggermente "romanzato". "Il codice degli dei" si prefigge lo scopo di dimostrare senza tema di smentite che la lingua unica prima della famosa torre di Babele era astronomica e che la comprensione di questo "linguaggio" ci porterà a risolvere il più grande segreto celato alla nostra civiltà, la sua vera origine." Il libro si scarica gratuitamente...
---------------------------------
Titolo: IL CODICE DEL BENESSERE - EFT : TECNICHE ENERGETICHE DEI MERIDIANI
Libro intro: Alla scoperta di EFT Emotional Freedom Techniques: Un rivoluzionario Metodo di Auto-guarigione. Testo di ANDREA FREDI. Questo libro è nato con uno scopo preciso: essere un ponte tra chi lo legge ed il mondo in gran parte inesplorato e sconosciuto delle nuove Tecniche Energetiche. Mi rendo conto di quanto sia importante ricevere un?informazione chiara e coinvolgente in modo da poter comprendere o quantomeno intuire le numerose potenzialità ed applicazioni di EFT. Il compito che mi sono dato è di fare del mio meglio per diffondere in Italia questo straordinario strumento di auto-guarigione ed offrire quindi la caratteristica principale della libertà: la possibilità di effettuare scelte basate sulla consapevolezza. Da qui in poi il resto è, per fortuna, nelle vostre mani: a voi la scelta. Questo libro è inteso come percorso introduttivo alla teoria ed alla pratica della punta di diamante delle nuove Tecniche Energetiche dei meridiani : EFT....
---------------------------------
Titolo: IL CODICE DELLE LEGGI MORALI
Libro intro: Approccio olistico al cambiamento! Indice CAP. I Le basi di una nuova educazione civica 1. L'educazione alla consapevolezza della realtà interiore 2. Una nuova visione scientifica della realtà esteriore 3. La responsabilità nell'uso delle risorse: ambiente interiore ed esteriore CAP. II Le Leggi: fisiche, giuridiche e Morali 1. La nozione di Legge 2. Legge giuridica e legge fisica 3. Legge morale e legge giuridica 4. La legge della Provvidenza 5. Riepilogo CAP. III Il ruolo dell'intenzione 1. La rilevanza degli stati interiori nelle leggi giuridiche 2. La rilevanza degli stati interiori nelle leggi Morali: le intenzioni 3. Le intenzioni nelle filosofie spirituali e nella cultura emergente CAPITOLO IV Le leggi disciplinanti le relazioni tra mondo interiore ed esteriore (le leggi morali) 1. Alla ricerca delle Leggi Morali 2. Le leggi disciplinanti le relazioni tra vita interiore e vita esteriore: le leggi morali 2.1. Legge della creatività 2.2. Legge di causa ed effetto 2.2.1. Relazioni tra legge di causa - effetto e Legge della Provvidenza 2.2.2. Relazioni tra legge di causa – effetto, legge della polarità e legge della Provvidenza 2.3. La legge di affinità o di attrazione 2.4. La legge di registrazione 2.5. La legge della selezione 2.6. La legge di Giustizia CAPITOLO V Partecipare al cambiamento 1. Vecchi e nuovi paradigmi 2. Verso un diritto olistico 3. L'evoluzione in termini cooperativi e fraterni 4. La partecipazione individuale e collettiva al cambiamento 5. Risorse per il cambiamento AUTORE Approccio olistico al cambiamento! Indice CAP. I Le basi di una nuova educazione civica 1. L'educazione alla consapevolezza della realtà interiore 2. Una nuova visione scientifica della realtà esteriore 3. La responsabilità nell'uso delle risorse: ambiente interiore ed esteriore CAP. II Le Leggi: fisiche, giuridiche e Morali 1. La nozione di Legge 2. Legge giuridica e legge fisica 3. Legge morale e legge giuridica 4. La legge della Provvidenza 5. Riepilogo CAP. III Il ruolo dell'intenzione 1. La rilevanza degli stati interiori nelle leggi giuridiche 2. La rilevanza degli stati interiori nelle leggi Morali: le intenzioni 3. Le intenzioni nelle filosofie spirituali e nella cultura emergente CAPITOLO IV Le leggi disciplinanti le relazioni tra mondo interiore ed esteriore (le leggi morali) 1. Alla ricerca delle Leggi Morali 2. Le leggi disciplinanti le relazioni tra vita interiore e vita esteriore: le leggi morali 2.1. Legge della creatività 2.2. Legge di causa ed effetto 2.2.1. Relazioni tra legge di causa - effetto e Legge della Provvidenza 2.2.2. Relazioni tra legge di causa – effetto, legge della polarità e legge della Provvidenza 2.3. La legge di affinità o di attrazione 2.4. La legge di registrazione 2.5. La legge della selezione 2.6. La legge di Giustizia CAPITOLO V Partecipare al cambiamento 1. Vecchi e nuovi paradigmi 2. Verso un diritto olistico 3. L'evoluzione in termini cooperativi e fraterni 4. La partecipazione individuale e collettiva al cambiamento 5. Risorse per il cambiamento AUTORE G. FUOCO...
---------------------------------
Titolo: IL CORPO ALCHEMICO
Libro intro: INDAGINE SCIENTIFICA...
---------------------------------
Titolo: IL DIGIUNO PUO' SALVARTI LA VITA
Libro intro: Il digiuno deve essere riconosciuto come un processo fondamentale e radicale ed `e il modo di assistenza pi`u remoto perch`e impiegato sul piano dell’istinto e usato sin da quando la vita apparve sulla terra. Il digiuno `e il metodo attraverso il quale la natura si libera dei “tessuti malati”, degli eccessi nutritivi, degli accumuli dei prodotti di scarto e delle tossine. Nessun’altra cosa riesce ad eliminare tutto questo tanto bene quanto fa il digiuno. Esso permette il processo di rinnovamento ed allontana i processi degenerativi dando come risultato uno standard di salute veramente alto. Ci sono poche condizioni patologiche che un digiuno prolungato non possa aiutare; in molte condizioni disperate esso rappresenta l’unica speranza. Qualsiasi condizione reversibile, e anche molte altre ritenute irreversibili, puo’ essere vinta. Il digiuno `e un processo naturale, non difficile o misterioso e non provoca veri problemi o pericoli. Quando viene paragonato all’uso di medicinali potenti e procedure chirurgiche, che sono entrambi trattamenti di vita e sempre pericolosi, il digiuno `e veramente una procedura moderata. `E importante che i digiuni prolungati vengano condotti correttamente sotto un’assistenza appropriata. Anche digiuni molto brevi provocano risultati migliori se condotti sotto condizioni ideali, incluso l’interruzione ed il seguito. Il dott. Shelton, che ha assistito circa 100.000 digiuni di persone di tutte le et`a, gruppi e condizioni rappresenta senz’altro un’autorit`a in questo campo ed `e certamente l’uomo pi`u adatto a poter scrivere un volume di questo genere. ? ? Notizie sull’autore Nessuno `e pi`u qualificato di Herbert M. Shelton per scrivere un libro sul digiuno. Ha condotto pi`u digiuni di ogni altro uomo sulla terra, `e stato l’autorit`a principale nel campo. Per oltre cinquanta anni ha diretto una propria istituzione, dove gente di ogni parte del mondo e in ogni condizione di salute, si `e recata per digiunare e per imparare a mantenersi in salute. Nato nel 1895, Herbert M. Shelton ha studiato l’Igienistica Naturale fin dagli anni del liceo. Nonostante abbia conseguito una laurea nelle discipline igienistiche, pu`o essere considerato un autodidatta. Scopr`? molto presto gli errori e l’inconsistenza dei sistemi terapeutici e cominci`o a studiare per conto proprio le ramificazioni dell’idea che la salute pu`o essere mantenuta solo con un modo di vivere sano. Fu uno scrittore instancabile, autore di numerosi articoli e di oltre tre dozzine di libri. Fu curatore e articolista dell’Hygienic Review, fondata nel 1939 con lo scopo di eliminare quella paura e quell’ignoranza verso le malattie che hanno profonde radici nella mentalit`a della gente e di insegnare loro la via della salute....
---------------------------------
Titolo: IL DISCEPOLATO NELLA NUOVA ERA
Libro intro: INTRODUZIONE Pag. XI SEZIONE Prima Colloqui con i Discepoli » 3 SEZIONE SECONDA Insegnamenti sulla meditazione » 113 SEZIONE TERZA Insegnamenti sull’Iniziazione » 243 SEZIONE QUARTA Istruzioni personali ai Discepoli dal Tibetano » 443 I MISTERI » 767 La Signora Bailey mi ha chiesto di scrivere un’introduzione al secondo volume del “Discepolato nella Nuova Era” e accondiscendo con piacere. L’introduzione scritta da lei nel primo volume può essere riletta con profitto per entrambi i volumi. Il Maestro Djwhal Khul, noto anche come “Il Tibetano”, si valse della disponibilità di A.A.B. valida collaboratrice, e iniziò un esperimento unico e pionieristico nella preparazione per l’iniziazione di gruppo nella Nuova Era. Questo fatto implicò l’ingresso di coloro che si qualificarono idonei nel Suo Ashram per rimanervi e accelerare il proprio progresso o trasferirsi in altri Ashram, a seconda del caso. A questo scopo il Maestro selezionò circa cinquanta persone, di cui la maggior parte, anche se non tutte, erano conosciute da A.A.B., alle quali offrì questa eccezionale e trascendente opportunità. Quasi tutti accettarono, ma alcuni non rimasero molto a lungo. Non era facile. Era inevitabile e umano che col passare del tempo alcuni rispondessero bene e altri no. È difficile mantenere il giusto equilibrio tra anima e personalità quando lo stimolante spirituale è implacabilmente elevato. La precipitazione dell’energia dell’anima nella personalità è come la luce del Sole in un giardino. Appaiono le buone e le male erbe. Si trattava di un processo di sviluppo di gruppo della Nuova Era, messo praticamente alla prova per mezzo di questo gruppo di chela, con la loro accettazione volontaria e la libertà di ritirarsi in qualsiasi momento, senza essere biasimati. I conseguimenti raggiunti furono molto maggiori di quanto possa dire qualsiasi commento. Gran parte dei conseguimenti più profondi sono molto sottili ed emergono lentamente. Il beneficio individuale fu grande. La realizzazione di gruppo non fu un successo, come dimostrano chiaramente queste pagine, ma il gruppo è un’entità vivente sui piani interiori e potrà essere utile in futuro. XII La Signora Bailey ha generosamente dedicato la sua vita e le sue forze a questo lavoro, pur essendo per lei un lavoro in più e molto gravoso. Le era particolarmente poco gradito ricevere le istruzioni personali. Infatti, alle volte, alcuni non gradivano ciò che il Tibetano mandava a dire sul loro conto e riversavano la colpa su di lei. Le istruzioni date a questo gruppo non facevano parte del sistema di formazione della Signora Bailey nella Scuola Arcana, poiché quest’ultima non è una scuola di preparazione per l’iniziazione, e tanto meno ha per obiettivo quello di aiutare lo studente a entrare in un Ashram o a prendere contatto con un Maestro. Il fine della Scuola Arcana è, ed è sempre stato, quello di aiutare lo studente a progredire il più rapidamente possibile sul Sentiero del Discepolato. Non si occupa dei problemi inerenti al Sentiero Probatorio, né di quelli inerenti al Sentiero dell’Iniziazione. Il Maestro Djwhal Khul ha detto che nella Nuova Era il campo di formazione per il discepolo si trova nel Nuovo Gruppo di Servitori del Mondo. La decisione di pubblicare la documentazione (o gran parte di essa), fu per il Tibetano qualcosa di inaspettato, ma comunque gradito. Egli affermò che questo fatto aveva richiamato l’attenzione di altri membri della Gerarchia. La pubblicazione del primo volume ha già dato un prezioso contributo all’intero campo esoterico, in special modo ha reso noto ciò che realmente è il discepolato moderno e l’atteggiamento effettivo e realistico del Maestro nei confronti del suo chela. Questo secondo volume fornisce un ulteriore insegnamento, sia nel contenuto generale, che nelle rimanenti istruzioni personali, franche e dirette, in modo sorprendente. Alcune meditazioni assegnate individualmente sono incluse nell’insegnamento per mostrare la tecnica di formazione individuale, ma tale formazione è sempre subordinata a una programmata e speciale realizzazione di gruppo. Occorre ricordare che queste meditazioni sono pericolose, se non vengono eseguite secondo la prescrizione di un Maestro e sotto la sua vigilanza, proprio come sono pericolosi molti medicamenti messi a disposizione del pubblico senza la sorveglianza diretta di un medico. 6 Un esame del testo rivelerà molti fattori conoscibili soltanto da un Maestro, che resero sicure queste meditazioni e utili gli esercizi di respirazione, sorvegliandone Egli stesso gli effetti. XIII Per esempio, Egli non conosceva solamente le qualità di raggio di tutti i veicoli del discepolo, ma anche in quale misura un determinato veicolo avrebbe risposto allo stimolo di raggio, in relazione al totale progresso equilibrato. Egli conosceva anche i raggi che condizionavano la precedente incarnazi...
---------------------------------
Titolo: IL DOLORE E LO STRESS METEOROPATICO
Libro intro: Lo studio del dolore ha fatto molti passi in avanti negli ultimi anni, ma una vera terapia antidolorifica sicura, cioè senza effetti collaterali, non è ancora a disposizione della classe medica. In questo contesto fioriscono pertanto molte terapie alternative che possono essere veramente efficaci solo nel caso che l?operatore sanitario, in modo quasi esclusivo il medico, sia preparato a tutto questo. Presso il Centro di Ricerche di Bioclimatologia Medica, Biotecnologie e Medicine Naturali dell?Università di Milano già da qualche anno è stato istituito il Corso di Perfezionamento in Agopuntura che si ripromette di preparare i Medici anche nel grande campo della Medicina Non Convenzionale. L?agopuntura poi è sempre stata, nel corso dei millenni, un cardine nel trattamento e nella terapia del dolore, in modo particolare il dolore cronico maligno, soprattutto se non oncologico, specie nel corso di reumoatropatie di vecchia data, le quali, come ben si conosceva in Cina già da qualche millennio, dipendono in modo particolare dagli ?eccessi climatici?, di qualsiasi tipo essi siano. In questo modo si è articolato, nel corso dei secoli, un trattamento di grande efficacia terapeutica che in più, se ben condotto da personale esperto, non offre nessun tipo di controindicazione, come invece accade ancora per molti preparati farmacologici. Il campo del dolore è molto vasto e sotto molti aspetti ancora offre motivi di discussione, sia per l?interpretazione, sia per terapia. Se infatti prendiamo in considerazione i recettori del dolore, non esiste ancora unanimità di intenti nell?interpretazione del loro ruolo. Secondo la teoria della ?specificità?, che fa capo alla scuola di Perl, esistono recettori specifici del dolore in molti organi, ma in modo particolare nella cute. Questi veri e propri ?nocicettori?, secondo Perl, devono sottostare a due principali requisiti: 1). essere completamente silenti, quando il soggetto non avverte nessun tipo di dolore; 2). possedere una soglia di stimolazione elevata, per essere eccitati in modo molto specifico, solamente o quasi da stimoli dolorosi. I nocicettori cutanei possono essere meccanici, se eccitati da stimoli di tipo meccanico e sono connessi con fibre afferenti mieliniche del gruppo A, sottogruppo d, oppure nocicettori cosiddetti plurivalenti o multimodali, eccitati invece da varie categorie di stimoli: fisici, termici, meccanici, pressori, ecc. che utilizzano invece le fibre amieliniche afferenti del gruppo C....
---------------------------------
Titolo: IL DONO DELL'AQUILA
Libro intro: Carlos Castaneda Prologo 5 PARTE PRIMA Il proprio altro 9 1. La seconda attenzione 11 2. Vedere insieme 31 3. Quasi memorie del proprio altro 51 4. Oltre i confini dell’affetto 68 5. Un’orda di stregoni inferociti 89 PARTE SECONDA L’arte di sognare 111 6. La perdita della forma umana 113 7. Sognare insieme 130 8. La consapevolezza del lato sinistro e del lato destro 153 PARTE TERZA Il dono dell’Aquila 171 9. La regola del Nagual 173 10. I guerrieri al seguito del Nagual 189 11. La donna Nagual 213 12. I non-fare di Silvio Manuel 231 13. Le complessità del sognare 248 14. Florinda 267 15. Il serpente piumato 298 PARTE QUARTA Appendice 316 Le sei proposizioni esplicative 317 PROLOGO Benché io sia un antropologo, questa non è a rigor di termini, un’opera di antropologia; ciononostante essa ha le sue origini nell’antropologia culturale in quanto ebbe inizio, anni fa, come una ricerca sul campo nell’ambito di questa disciplina. A quell’epoca m’interessava lo studio dell’uso delle piante medicinali fra gli indios del Messico del sudovest e del nord. Con gli anni la mia ricerca mutò direzione per effetto sia del suo stesso impulso sia della mia evoluzione personale. Lo studio delle piante fu sostituito da quello di un sistema di credenze che mi sembrava facesse da ponte fra almeno due culture diverse. Il responsabile di questo cambiamento d’interessi fu un indio yaqui del Messico settentrionale, don Juan Matus, che più tardi mi presentò a don Genaro Flores, un indio mazateco del Messico centrale. Entrambi esercitavano un’arte ancestrale, nota ai nostri giorni come stregoneria, che si ritiene sia una forma primitiva di scienza medica e psicologica ma che di fatto è una tradizione di praticanti estremamente autodisciplinati e di pratiche estremamente raffinate. I due uomini diventarono per me maestri più che informatori, ma io continuavo, procedendo a tentoni, a considerare il mio un compito da antropologo; passai anni a cercare di ricostruire la matrice culturale di questo sistema, perfezionando una tassonomia, uno schema di classificazioni, una ipotesi sulla sua origine e sulla sua espansione. Furono tutti sforzi inutili, poiché alla fine le pressanti forze immanenti in questo sistema sviarono i miei sforzi intellettuali e mi costrinsero a diventare un adepto....
---------------------------------
Titolo: IL FILO D'ORO : LA CONTINUITA' DELL'INSEGNAMENTO ESOTERICO
Libro intro: IL FILO D’ORO 1. La Continuità dell’Insegnamento Esoterico Pag. 9 2. Alcuni tipi d’informazione 11 3. L’Insegnamento: Il Tutto: Tema sottostante 13 4. La Fondazione sulla Terra della Grande Fratellanza Bianca 15 CAPITOLO II DA ORIENTE AD OCCIDENTE 1. L’Egitto e gli antichi Misteri 19 2. “L’Idea del Dio Unico”: Akhenaton e Mosè 23 5. Preparazione per i secoli oscuri 25 6. L’Età Oscura 27 7. La Grande Decisione 31 CAPITOLO III IL DISEGNO EMERGENTE 1. Il Rinascimento 34 2. Diciannovesimo secolo - Fermento 38 3. Ventesimo Secolo - Risveglio 40 4. Ventunesimo Secolo 44 CAPITOLO IV TRANSIZIONE 1. Da Pesci ad Acquario 49 2. Gruppi Esoterici nel periodo di Transizione 54 3. L’Insegnamento Esoterico per la Nuova Era 59 a. L’Idea di “Energia” Pag. 59 b. La Gerarchia ed il Grande Piano 61 c. I Sette Raggi della Manifestazione 62 d. L’Ashram 64 e. “L’Antahkarana” – Il Ponte 66 f. Il Sentiero del Discepolato 67 CAPITOLO V LE NUOVE FORME DEI MISTERI 1. Un Impatto di Energie Combinate 70 2. I Tre Canali Principali dei Misteri 73 a. La Massoneria 76 b. La Religione 78 c. Il Gruppo Esoterico 82 3. Un Mistero Centrale 84 4. La Riapparizione del Cristo 91 di NATALIE N. BANKS...
---------------------------------
Titolo: IL FILO D'ORO : LA CONTINUITA' DELL'INSEGNAMENTO ESOTERICO
Libro intro: IL FILO D’ORO LA CONTINUITÀ DELL’INSEGNAMENTO ESOTERICO di NATALIE N. BANKS Prima edizione inglese 1963 Prima edizione italiana 2004 INDICE CAPITOLO I IL FILO D’ORO 1. La Continuità dell’Insegnamento Esoterico Pag. 9 2. Alcuni tipi d’informazione 11 3. L’Insegnamento: Il Tutto: Tema sottostante 13 4. La Fondazione sulla Terra della CAPITOLO II DA ORIENTE AD OCCIDENTE 1. L’Egitto e gli antichi Misteri 19 2. “L’Idea del Dio Unico”: Akhenaton e Mosè 23 5. Preparazione per i secoli oscuri 25 6. L’Età Oscura 27 7. La Grande Decisione 31 CAPITOLO III IL DISEGNO EMERGENTE 1. Il Rinascimento 34 2. Diciannovesimo secolo - Fermento 38 3. Ventesimo Secolo - Risveglio 40 4. Ventunesimo Secolo 44 CAPITOLO IV TRANSIZIONE 1. Da Pesci ad Acquario 49 2. Gruppi Esoterici nel periodo di Transizione 54 3. L’Insegnamento Esoterico per la Nuova Era 59Grande Fratellanza Bianca 15 b. La Gerarchia ed il Grande Piano 61 c. I Sette Raggi della Manifestazione 62 d. L’Ashram 64 e. “L’Antahkarana” – Il Ponte 66 f. Il Sentiero del Discepolato 67 CAPITOLO V LE NUOVE FORME DEI MISTERI 1. Un Impatto di Energie Combinate 70 2. I Tre Canali Principali dei Misteri 73 a. La Massoneria 76 b. La Religione 78 c. Il Gruppo Esoterico 82 3. Un Mistero Centrale 84 4. La Riapparizione del Cristo 91...
---------------------------------
Titolo: IL FUOCO DAL PROFONDO
Libro intro: I TRE STADI DELLA SAPIENZA DELLO SCIAMANO DI Carlos Castaneda...
---------------------------------
Titolo: IL GIARDINO DEL TAO
Libro intro: Collana Gli insegnamenti diretta da Gian Marco Bragadin Huang -Ti Mo ?Tzu Il Giardino del Tao dialoghi di straordinaria saggezza Gian Marco. Prologo Di Carlo Biagi L'uomo nella sua ricerca di spiritualità, spesso incontra scritti o insegnamenti di Maestri cinesi che insegnano una filosofia diversa dalla nostra e che ci parlano di stagioni, del tempo, di dualità e di energie celate in noi. La Natura per questi Maestri è maestra di vita e solo seguendo i suoi ritmi possiamo entrare nel mondo dello spirito. Secondo queste filosofie tutto deve essere armonico e sembrare naturalmente bello. La vita, la morte, la sconfitta, il dolore, la gioia e l'esistenza, altri non sono che energie della Natura che materializzandosi ci fanno vivere ed evolvere. Il saggio cinese è colui che andando a piedi per le strade della sua città incontra verità che insegnano cosa sia il Tao. E' colui che sorridendo riesce a parlare al cuore degli uomini, ma è anche chi, estraendo la spada, uccide chi gli sta di fronte. Ognuno di noi ha incontrato nelle sue esperienze passate un saggio cinese che gli ha insegnato come vivere e cosa sia il Tao, e di cui ha dimenticato l'esistenza. Dentro di noi vi è un orientale, forse un cinese, che esiste per insegnarci che in noi coesistono esperienze che provengono da ogni latitudine della terra. I messaggi che questo libro propone sono giunti medianicamente e contengono, se meditati, la forza di risvegliare in noi la spiritualità, spesso nascosta o sepolta da mille problemi terreni. Spesso per interpretare la nostra vita, o prendere decisioni importanti, dobbiamo riferirci al nostro passato, che ci insegna come capire e decidere come sarà il nostro futuro. La scienza scopre ogni giorno tecniche o terapie nuove che servono per vincere i mali del nostro secolo. Ma questo non ci basta perché sentiamo che ci manca qualcosa. L'Oriente, cambia il nostro modo di vivere o di considerare il mondo, ci porta una realtà nuova che non sempre noi occidentali abbiamo saputo vivere, ma che ci spiega come affrontare la vita giorno dopo giorno. Ad alcuni l'Oriente sembrerà un'utopia irrealizzabile mentre se riusciremo a vivere le filosofie orientali scopriremo che in esse vi è una modernità che noi non abbiamo ancora trovato. La qualità della nostra vita cambierebbe se noi sapessimo attuare ogni giorno pochi esercizi yoga di meditazione e respirazione. Ma tutto questo ci sembra difficile da vivere. La nostra giornata si tinge spesso di emozioni, sogni, affetti, ideali e speranze, che nel tempo si trasformano in pesi quasi insopportabili da portare. Tutto questo si somatizza nel corpo e crea malanni, stress e tensioni che ci portano a non considerare il grande dono che il Tao ci ha dato: la vita. Per vivere più armoniosamente dovremmo considerare gli insegnamenti che solo lo yoga, lo zen, il taoismo e le filosofie orientali ci portano, mettendoci in contatto con la scintilla divina che è in noi. L'Oriente ci insegna a vivere naturalmente, a sederci sulla riva di un fiume ed aspettare che il cadavere del nostro nemico passi. Ci insegna la non azione e ci spinge ad essere ciò che siamo. Questo libro è dedicato alla saggezza orientale, ai saggi cinesi, che con la loro vita e i loro insegnamenti hanno cercato di accendere la luce sulla nostra strada e ci insegnano come vivere in armonia con il tutto. Quando riusciremo a svegliarci da questo sogno chiamato vita, scopriremo che i saggi orientali avevano, molti secoli fa', capito, cosa significa vivere e soprattutto morire. Dice il Saggio: "Figliolo vivere significa sciogliere il proprio Karma sino ad annullarsi nell'Universo. Vivere non è accumulare tensioni, amori, speranze, accettazioni, rifiuti o altro, ma è lasciarsi andare alla vita incontrando ciò che viene con amore. Figliolo saper vivere non vuol dire viaggiare per il mondo, ma fermarsi ad aspettare che il mondo giunga sino a te. Sappi vivere, sappi perdere e sappi vincere perché solo così scoprirai dentro di te la scintilla della tua anima e il grande fuoco della vita". Introduzione Di Gian Marco Bragadin I testi di questo libro hanno un aspetto che li rende "straordinari". Infatti non sono stati scoperti su antichi manoscritti o tramandati come altri libri della letteratura e della storia dell'antica Cina. Ma sono stati "trascritti" durante moltissime sedute medianiche, tenutesi a casa di un medium incognito, in quasi quindici anni di tempo. E poi selezionati da Carlo Biagi e Gian Marco Bragadin. Le grandi Entità che hanno "dettato" questi bellissimi testi, pieni di saggezza e poesia, dovrebbero essere l'antico imperatore cinese Shi Huang Ti, vissuto due secoli prima di Cristo, il primo grande imperatore ad unificare l'immenso stato cinese. E l'antico filosofo Mo-Tzu (del filosofo Mo-Tzu la nostra casa editrice ha pubblicato "Il libro del sublime Mo-Tzu"), vissuto quattro secoli prima di Cristo, antagonista di Confucio, ed...
---------------------------------
Titolo: IL GRANDE LIBRO DEGLI ESORCISMI
Libro intro: Una raccolta completa di esorcismi e preghiere per benedire persone e luoghi di lavoro...
---------------------------------
Titolo: IL GRANDE POTENZIALE DELLA VITA
Libro intro: Il grande potenziale della vita di Tulku Thondup Estratto da “Peaceful Death, Joyful Rebirth” Ed. Shambhala. IL GRANDE POTENZIALE DELLA VITA Molte persone sono, per loro indole, pacifiche, gioiose e sagge. La loro semplice presenza può indurre pace e felicità in coloro che gli sono vicino. Non c’è nessuno tra noi che non possa risvegliare tali qualità nel proprio cuore, se solo provassimo ad aprirci a questa possibilità e fare uno sforzo. Ognuno di noi possiede una natura illuminata. Le nostre vere qualità sono essere amanti della pace, essere festosi e saggi. Le nostre emozioni negative e le nostre espressioni insane sono semplicemente tormenti - una specie di contaminazione - non la nostra vera natura. Per questo motivo, il Buddhismo insegna che la nostra vita è meravigliosamente preziosa, che possiamo usare l’impermanenza per migliorare le nostre vite, che possiamo utilizzare la legge del karma per assicurarci una morte pacifica e una rinascita gioiosa e che, tutti noi possiamo diventare pienamente illuminati, perciò è fondato realizzare la nostra natura intrinseca. Possiamo meritarci l’illuminazione non solo in questa vita ma anche nelle vite future, e non solo per noi stessi ma anche per molti altri. La scelta spetta solo a noi. Se coltiviamo la consapevolezza della pace e della gioia, avremo percezioni positive e rafforzando queste buone abitudini nel nostro flusso-mentale, questa consapevolezza trasformerà la nostra vita e il carattere della nostra mente. Situazioni infelici avranno poco effetto su noi e la forza della pace e della gioia prevarranno. Ma se non approfittiamo proprio ora dei vantaggi di questa vita, nel futuro potremmo cadere nella miseria della confusione, della paura e del dolore. Per ottenere la meta dobbiamo perseguire una via spirituale; essa può essere qualsiasi via che generi consapevolezza nella pace e nella gioia, che allenti la presa del nostro attaccamento mentale, purifichi le turbolenze emozionali e le nostre parole ed azioni. Questo è l’unico modo di cambiare le nostre abitudini negative in un karma ricco di meriti e realizzare la saggezza interiore....
---------------------------------
Titolo: IL GURU
Libro intro: Questa è una testimonianza di un modo di vita orientale. È stato mio privilegio conoscere personalmente quel meraviglioso vecchio maestro indiano che chiamo il Guru. Certi insegnamenti qui riportati mi sono stati comunicati personalmente. Anche il personaggio al quale ho attribuito il nome di Nadu è reale, ed è stato suo tramite che ho conosciuto il Guru. Egli mi raccontò la sua vita e come divenne discepolo del venerabile maestro. Alcune parti di questa vicenda, sono tratte da episodi di vita di allievi più anziani che ho unito in modo tale da creare un quadro tipico del discepolato orientale. I nomi delle persone e dei luoghi sono stati cambiati in conformità al misticismo orientale che non vi annette importanza. Chi intraprende una vita di santità sceglie la via della semplicità e dell?umiltà, operando il bene senza desiderare riconoscimenti o meriti. Anche il Signore dei Signori è reale. Forse è descritto nel modo migliore dalle parole dello stesso Guru, che mi disse, seduto sul suo quadrato di stoffa bianca, nella casa di Nadu a Calcutta. ?Per noi è difficile capire perché i popoli dell?Occidente dubitano dell?esistenza dei grandi Fratelli delle Montagne Nevose. Noi li conosciamo, li conobbero i nostri padri, e fin dall?origine essi sono stati parte della vita del nostro popolo?. Nel proseguire la ricerca interiore in occidente, alcuni coltivano la segreta speranza che anche qui, un giorno, uomini saggi avranno discepoli a cui insegnare le grandi verità nello stesso modo semplice, eppure mirabile, con cui le si insegna in India, quella lontana e strana terra dove gli Dei camminano ancora a fianco degli uomini. MANLY P. HALL...
---------------------------------
Titolo: IL GURU
Libro intro: I L G U R U la sua vita narrata da un suo discepolo a MANLY PALMER HALL. Questa è una testimonianza di un modo di vita orientale. È stato mio privilegio conoscere personalmente quel meraviglioso vecchio maestro indiano che chiamo il Guru. Certi insegnamenti qui riportati mi sono stati comunicati personalmente. Anche il personaggio al quale ho attribuito il nome di Nadu è reale, ed è stato suo tramite che ho conosciuto il Guru. Egli mi raccontò la sua vita e come divenne discepolo del venerabile maestro. Alcune parti di questa vicenda, sono tratte da episodi di vita di allievi più anziani che ho unito in modo tale da creare un quadro tipico del discepolato orientale. I nomi delle persone e dei luoghi sono stati cambiati in conformità al misticismo orientale che non vi annette importanza. Chi intraprende una vita di santità sceglie la via della semplicità e dell’umiltà, operando il bene senza desiderare riconoscimenti o meriti. Anche il Signore dei Signori è reale. Forse è descritto nel modo migliore dalle parole dello stesso Guru, che mi disse, seduto sul suo quadrato di stoffa bianca, nella casa di Nadu a Calcutta. “Per noi è difficile capire perché i popoli dell’Occidente dubitano dell’esistenza dei grandi Fratelli delle Montagne Nevose. Noi li conosciamo, li conobbero i nostri padri, e fin dall’origine essi sono stati parte della vita del nostro popolo”. Nel proseguire la ricerca interiore in occidente, alcuni coltivano la segreta speranza che anche qui, un giorno, uomini saggi avranno discepoli a cui insegnare le grandi verità nello stesso modo semplice, eppure mirabile, con cui le si insegna in India, quella lontana e strana terra dove gli Dei camminano ancora a fianco degli uomini. MANLY...
---------------------------------
Titolo: IL KARMA
Libro intro: ?Karma? è una parola sanscrita che significa ?azione, attività?, attività in tutti i suoi sviluppi e in tutte le sue conseguenze : attività fisica (ad es. picchiare), verbale (ad es. consolare), mentale (ad es. desiderare). La fisica ci dice che ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria. La legge del karma è appunto la legge di causa ed effetto : dall?azione è inevitabilmente provocata una reazione, che è strettamente proporzionata alla prima. Le azioni (compiute col corpo, con la parola o con la mente) possono essere buone o cattive. Dalle buone derivano conseguenze felici, da quelle cattive provengono reazioni dolorose.1 Queste conseguenze si verificano in questa stessa vita o in vite future : in questo secondo caso il karma è causa di successiva rinascita in stati di esistenza sempre diversi a seconda dei meriti o dei demeriti acquisiti (cioè, in qualità di uomini, di animali, deva, asura, esseri infernali o preta). In altre parole, la legge della causa e dell?effetto - che è valida sia in questa vita che da una vita a quella successiva - consiste nel fatto che ogni gioia o sofferenza sia mentale che fisica è il risultato di una causa. In particolare, la virtù porta alla gioia e la non-virtù al dolore, cioè da un?azione positiva scaturisce felicità mentre da una negativa deriverà sofferenza. Ogni effetto poi è un frutto che - maturando quando giunge la sua stagione - è destinato a diventare causa, che contiene a sua volta il seme di un ulteriore divenire : così, la nostra attuale forma umana è un effetto del karma, effetto che ci permette di seguire una condotta virtuosa o non-virtuosa, cosicchè ogni individuo a sua volta crea di continuo il proprio karma buono o cattivo. Gli stessi esseri dunque non sono altro che anelli temporanei in una lunga concatenazione di cause ed effetti, nella quale nessun anello è indipendente dagli altri. In rapporto ad un determinato essere, karma è il ?destino?2 che quell?essere ha ereditato da cause passate e che determinano la natura della sua futura rinascita. Il karma è quindi come una potenzialità che viene accumulata con azioni, parole e pensieri. Esso è paragonabile ad una ripresa cinematografica, in cui all?atto del fotografare non sappiamo ancora se i fotogrammi sono venuti bene o male, cosa che vedremo soltanto quando li proietteremo sullo schermo. Così, non sappiamo ancora come ci comportiamo oggi nelle nostre azioni e nei nostri pensieri e non sappiamo se abbiamo seminato buono o cattivo karma : e tutto risulterà chiaro nella prossima vita.3 Sta di fatto comunque che noi ogni giorno facciamo tante cose che sono causa di una nuova rinascita come uno dei 6 tipi di esseri samsarici. Solo un buon karma ci può procurare felicità e fortuna in questa vita : ad es., quando fa molto caldo d?estate, se proviamo il sollievo dell?aria fresca in una giornata afosa è il risultato d?un buon karma. Invece, il dolore, il male, la disgrazia - perfino i brutti sogni che ci dànno sofferenza e spavento - sono il risultato di un cattivo karma. Anche chi è nato nell?inferno e soffre e brucia nel fuoco e vorrebbe aria fresca ed acqua, non le può trovare perché non ha seminato prima un buon karma per ottenerle dopo. La legge karmica è così la giustizia immanente nell?universo : essa spiega perché, ad es., bambini innocenti muoiono in un terremoto o sotto un bombardamento.1 Infatti, tutto ciò che facciamo, diciamo, pensiamo forma dei semi, che maturano da una vita all?altra, e noi ne raccogliamo i frutti. Da semi velenosi maturano frutti velenosi, da semi salutari frutti sani. Ogni atto fisico, verbale o mentale produce infatti un effetto di ritorno su colui che agisce. Dapprima l'effetto è invisibile e impercettibile, simile ad un'impronta o a un seme che si annida nelle pieghe più sottili della coscienza, addirittura aldilà dell'inconscio, nell'õlayavijñõna (che è il serbatoio o piuttosto il potenziale della coscienza). Partendo da questo stato latente s'instaura un processo di maturazione che si estende su parecchie vite, alla fine del quale il seme karmico si manifesta determinando sia le circostanze generali di una vita (sesso, nazionalità, ricchezza, possibilità fisiche, intellettuali, affettive, ecc.) sia le condizioni momentanee (una malattia, un incontro, un successo, un fallimento, ecc.).2 I dati sono numerosissimi, interagiscono e il flusso costante di nuovi elementi alimenta il potenziale karmico, mentre una continua maturazione ne elimina antiche impronte. Si tratta di un processo che nel suo insieme non è affatto statico, ma anzi continuamente in moto, modificando più o meno i risultati ottenuti. Il karma è una legge naturale che - come ad es. quella di gravitazione - non mostra riguardi per nessuno e nella quale si manifesta la giustizia assoluta, rimanendo esclusa ogni idea di premio o di castigo : analogamente al fatto per cui - se mettiamo la...
---------------------------------
Titolo: IL LIBRO DEI SEGRETI DI ENOCH
Libro intro: [1] In quel tempo, disse Enoc, quando ebbi compiuto 365 anni, [2] nel primo mese, nel giorno solenne del primo mese, ero solo nella mia casa: [3] piangevo e mi affliggevo con i miei occhi. Mentre riposavo nel mio letto dormendo, [4] mi apparvero due uomini grandissimi come mai ne avevo visti sulla terra. [5] Il loro viso (era) come sole che luce, i loro occhi come lampade ardenti, dalle loro bocche usciva un fuoco, i loro vestiti una diffusione di piume, e le loro braccia come ali d'oro, al capezzale del mio letto. Mi chiamarono col mio nome. [6] Io mi levai dal mio sonno e gli uomini stavano presso di me realmente. [7] Io mi affrettai, mi alzai e mi inchinai loro ; il mio viso si coprì di brina per il terrore. [8] Gli uomini mi dissero: "Coraggio, Enoc, non avere paura. Il Signore eterno ci ha mandati da te ed ecco, tu oggi sali con noi al cielo.......
---------------------------------
Titolo: IL LIBRO DEL NULLA
Libro intro: OSHO...
---------------------------------
Titolo: IL LIBRO DELLA VITA MEDITAZIONI QUOTIDIANE CON KRISHNAMURTI
Libro intro: Titolo originale dell’opera: THE BOOK OF LIFE – DAILY MEDITATIONS WITH KRISHNAMURTI La traduzione italiana è di Giovanni Turchi (c) 1997 Krishnamurti Foundation of America, Ojai, CA, U.S.A. Krishnamurti Foundation of America P.O. Box 1560, Ojai, California, 93024 U.S.A. (c) 1997 AEQUILIBRIUM Ing. Giovanni Turchi Via Ciceri Visconti, 10 20187 MILANO Indice IL LIBRO DELLA VITA 1 GENNAIO 5 FEBBRAIO 20 MARZO 35 APRILE 51 MAGGIO 66 GIUGNO 83 LUGLIO 99 AGOSTO 116 SETTEMBRE 131 OTTOBRE 147 NOVEMBRE 164 DICEMBRE 181 Introduzione Nel 1934 Krishnamurti disse: “Perché volete studiare sui libri invece di studiare la vita? Scoprite che cos’è vero e che cos’è falso nell’ambiente in cui vivete, che è opprimente e crudele. Solo così scoprirete la verità”. Non si stancava di ripetere che l’unico libro che valga la pena di leggere è il “libro della vita”, che cambia ininterrottamente e possiede una vitalità che sfugge al pensiero. Tutti gli altri libri possono contenere soltanto informazioni di seconda mano. “La storia dell’umanità è dentro di voi: è un immenso carico di esperienza, di paure profondamente radicate, di angosce, piaceri, dolori e fedi di ogni genere, a cui gli esseri umani hanno creduto attraverso i millenni. Voi siete quel libro”. “Il Libro della Vita: Meditazioni quotidiane con Krishnamurti” ripropone il modo in cui Krishnamurti sviluppava i suoi discorsi. Egli cominciava parlando dell’ascolto e della relazione esistente tra lui e il pubblico, per terminare poi affrontando temi che affiorano spontaneamente quando la vita accoglie in sé l’ordine, e la coscienza rivela la sua straordinaria profondità. Negli ultimi mesi della sua vita, verso la fine del 1985 e l’inizio del 1986, un tema fondamentale fu quello della creatività e della possibilità di vivere in un modo completamente nuovo. Vari brani di questo libro si riferiscono a questi temi. Il suo insegnamento tocca un’infinità di argomenti. La sua era una osservazione continua della condizione umana, nella quale tutti gli aspetti della vita sono strettamente connessi tra loro. I brani raccolti in questo libro trattano un argomento specifico per ogni settimana dell’anno e ogni argomento viene sviluppato per sette giorni. È stato compilato un indice di riferimento, che riporta da dove sono stati tratti i vari brani, e quindi consente di risalire ai testi integrali di cui essi fanno parte. Questi brani sono stati tratti da discorsi, dialoghi e scritti, cronologicamente compresi tra il 1933 e il 1968. Alcuni tra questi non erano mai stati pubblicati prima d’ora. Krishnamurti cominciò a parlare indipendentemente da qualsiasi organizzazione nel 1929. I suoi discorsi rivelavano un’autorevole originalità, come ebbe modo di sottolineare Aldous Huxley. La sua esplorazione della natura della verità e della libertà, portata instancabilmente avanti nei suoi discorsi e nei suoi dialoghi, avrebbe raggiunto milioni di persone. I suoi discorsi sono stati tradotti in più di quaranta lingue diverse. Krishnamurti, pur essendo timido e riservato, tenne migliaia di discorsi senza mai aver bisogno di ricorrere ad appunti o a note di qualsiasi tipo. Fondamentalmente, ha sempre sviluppato un unico tema: la verità può essere scoperta da ognuno di noi, senza l’intermediazione di alcuna autorità. E questa scoperta può essere fatta istantaneamente, perché la vita è in ogni istante. I suoi discorsi hanno costantemente affrontato il conflitto, sia a livello personale che a livello sociale. Osservando i nostri comportamenti conflittuali, tanto nell’ambito personale che in quello sociale, si impone come necessaria un’azione che sia in grado di trasformare noi stessi e la società in cui viviamo. Durante uno dei suoi discorsi, gli fu chiesto perché egli parlasse e che cosa si proponeva di ottenere. Ed egli rispose: “Ho qualcosa da dirvi. Forse posso indicarvi Il modo di scoprire la realtà. Ma non intendo proporvi un metodo, un sistema. Se voi poteste scoprirla per conto vostro, non ci sarebbe bisogno di qualcuno che venisse aparlarvi, ma tutti insieme ne discuteremmo ed esprimeremmo la realtà nella vita che viviamo... La verità non si può accumulare da qualche parte. Qualunque cosa si accumuli, andrà inevitabilmente distrutta, dovrà scomparire. E la verità non potrà mai andare distrutta; la si può scoprire, momento per momento, in ogni pensiero, in ogni relazione, in ogni parola, in ogni gesto, nel sorriso o nel pianto. Se voi ed io potessimo scoprirla e viverla – e la vera vita consiste proprio nella scoperta della verità – non diventeremmo certo dei propagandisti, ma saremmo degli esseri umani creativi; non esseri umani perfetti, ma esseri umani creativi, che è una cosa completamente diversa. Credo sia per questo che parlo e forse e per questo che voi siete qui ad ascoltare. C’è un solo problema: non esiste alcuna risposta, perché un problema pu...
---------------------------------
Titolo: IL MAESTRO SPIRITUALE
Libro intro: La pratica della Devozione al Guru Di Lama Zopa Rimpoche. I nove atteggiamenti della devozione al guru....
---------------------------------
Titolo: IL MAESTRO SPIRITUALE E LA SUA GRAZIA
Libro intro: Contenuto Prefazione Introduzione Capitolo 1 - Abbandonarsi a Sri Guru Capitolo 2 - Iniziazione alla scienza trascendentale Capitolo 3 - La trasmissione della Veritá Rivelata Capitolo 4 - Il Guru Originale Capitolo 5 - La Coscienza di Dio e la Coscienza della Società Capitolo 6 - Vi Ordino di Diventare Guru Capitolo 7 - Il Maestro Spirituale Iniziatore Capitolo 8 - Separazione da Sri Guru Capitolo 9 - Nama Guru e Mantra Guru Capitolo 10 - Il Maestro Spirituale Istruttore Capitolo 11 - La Terra dei Guru Capitolo 12 - Servitore del Servitore Capitolo 13 - La Vita dei Santi Capitolo 14 - La Linea di Sri Rupa Prefazione di Sua Divina Grazia A.C. Bhaktivedanta Swami Prabhupada...
---------------------------------
Titolo: IL MATRIMONIO SPIRITUALE
Libro intro: Spiritual Marriage un’insegnamento di Chagdud Tulku Rinpoche Scelto, adattato e tradotto da Raffaele Phuntsog Wangdu e Salvatore Tondrup Wangchuk ... I voti del matrimonio non sono unicamente parte di una cerimonia esterna. Di gran lunga più importanti, essi rappresentano un impegno interno, mentale. Per saper come supportare questo impegno durante la vita, abbiamo bisogno di conoscere la struttura più ampia di questi voti. Fra i molteplici esseri nell’universo noi, come umani abbiamo ottenuto una condizione rara e fortunata, una condizione di base unica per lo sviluppo spirituale. Tuttavia se non riconosciamo la preziosità della vita umana, possiamo sciuparla, come chi trova una pepita d’oro ma non ne riconosce il suo valore e ne fa un uso improprio, forse come fermaporta. In questo momento noi siamo come minerale d’oro non raffinato, non riconoscendo che la nostra vera natura è come l’oro. Usando bene questa opportunità, possiamo raffinare la polvere d’oro per rivelarne la sua intrinseca purezza, la natura simile all’oro. Nel vostro matrimonio, entrambi potete sostenervi l’un l’altro sul sentiero spirituale e aiutarvi a garantire che il potenziale della vostra vita umana non vada disperso. Ciò è importante, poiché l’opportunità che abbiamo come esseri umani è molto breve. E’ naturale che si aspiri a essere insieme per un lungo periodo di tempo, ma non sappiamo quanto dureranno le nostre vite o quanto durerà questa relazione. Tutto è impermanente. L’universo che abitiamo non era qui un tempo, e un giorno si ridurrà nel nulla. Una volta, il nostro corpo fisico non era qui, e un giorno nuovamente non ci sarà più. Delle innumerevoli persone che vivevano su questa terra cento anni fa, quanti di loro sono ancora qui? E di questi, quanti ce ne saranno nei prossimi cento anni? Se comprenderete l’impermanenza, comprenderete l’importanza di usare bene il vostro tempo insieme. Sin dall’inizio del tuo matrimonio, hai bisogno di pensare chiaramente circa la direzione che vuoi che prenda. La cosa più importante non è tanto essere insieme, quanto come impiegare insieme il vostro tempo. Matrimonio significa crearsi un impegno da questo momento in poi per il resto della vita, per vivere insieme in armonia, con gioia, amore, affetto e con l’intenzione di essere di reciproco beneficio quanto più possibile. Ciò significa aspirare, giorno dopo giorno, ad anteporre la felicità della tua partner alla tua. Su entrambi i livelli - mondano e spirituale - decidiamo di andare incontro ai bisogni dell’altro e contribuiamo alla reciproca crescita spirituale. L’amore genuino e altruistico che tu esprimi per l’altro creerà virtù, la quale porterà felicità in questa vita e spargerà i semi della felicità futura. Ognuno di voi ha scelto l’altro tra tutti i fiori di questo giardino terrestre. Quindi, è importante che affronti il matrimonio con un senso di altruismo, di beneficio reciproco quanto più possibile, nella gioia e nella difficoltà, felicità e infelicità...
---------------------------------
Titolo: IL MEDICO DI TE STESSO : MANUALE PRATICO DI MEDICINA ORIENTALE
Libro intro: il medico di te stesso : manuale pratico di medicina orientale - manuale di 240 pagine...
---------------------------------
Titolo: IL MESSAGGERO DEL BENE CHE VERRA'
Libro intro: Primo appello all’Umanità Contemporanea - Ispirato come sono da una profonda convinzione, nata dopo un lungo periodo di chiarimenti e deduzioni sperimentali, le quali indicano la conclusione che, se un uomo desidera sinceramente e seriamente - al di là di ogni mera curiosità - di ottenere la conoscenza della via verso l’Essere Reale, e se egli compie a questo fine tutto ciò, che é richiesto da lui e comincia, di fatto, tra, le altre cose a contribuire indirettamente, e da questo primo vero passo, al raggiungimento di questo scopo, insieme ad altri, egli può, con questo solo atto, diventare per così dire il terreno di formazione per le reali premesse che contribuiscono alla manifestazione dell'obiettivo, e del Bene attuale; e animato come sono dall'intenzione globale di arrivare finalmente, per mezzo dei miei argomenti letterari e le mie pubbliche dimostrazioni di chiarimenti sperimentali, proposti per il prossimo futuro, ad instillare nella coscienza dei miei compagni diversi fattori "psichico-iniziatici" tali che, secondo me come pure, secondo ogni uomo capace di una minima meditazione imparziale - dovrebbero comportarsi come principi che guidano alla consapevolezza di tali fattori " iniziatici ”, tutte le creature che presumono di chiamare se stesse " a somiglianza di Dio ", vale a dire, che potrebbero certamente far nascere il fattore che induce l’uomo a reagire sia istintivamente, e sia con la riflessione, per realizzare chiaramente l'obbligo morale di aiutare il prossimo.- Ho deciso ora riguardo il solo atto di vendere e di diffondere dappertutto il contenuto di questo mio primo scritto, perché é la prima delle mie pubblicazioni, e che ha la funzione -dopo il compimento del lavoro originariamente imposto a me stesso - ad instillare da se stesso nella coscienza dell'uomo e per la vita pubblica della gente, la formazione del suddetto importante fattore “ psichico." Di conseguenza, siccome ho l'intenzione, da una parte, di dare a tutte le creature del Nostro Padre Comune, che testimoniano la sua somiglianza, ma che i loro mezzi sono per qualche ragione limitati, la possibilità di acquistare, liberi da responsabilità, questo mio prímo libricino, e siccome dall'altro lato ho fatto dei progetti sicuri che confermano la prossima pubblicazione dei miei scritti, ho deliberatamente deciso di non fissare un prezzo definito per questo questo libricino, lasciando ciò al libero volere dell'acquirente, che può pagare dagli otto ai 108 franchi francesi. Farò nello stesso tempo, e senza entrare nelle usuali discussioni contemporanee sulla vita, espressamente richiesta affinché tutti quelli cui capiti di acquistare questo mio primo libretto, rispondano a tre domande, che saranno raccolte dal negoziante così che gli permettano di riempire i paragrafi corrispondenti del "Modulo di Registrazione" qui accluso. 1 L'AUTORE IL MESSAGGERO DEL BENE CHE VERRA'...
---------------------------------
Titolo: IL MIRACOLO DELLA NASCITA
Libro intro: Studio della vita prenatale mediante la chiaroveggenza : 1 Teorie concernenti la funzione creatrice2 La costruzione dei corpi 3 I corpi eterico e denso al quinto mese di gravidanza 4 Il sesto mese di gravidanza 5 Il settimo mese di gravidanza e L?ottavo mese di gravidanza 6 Il Principio Femminile Un?ora prima della nascita. Il presente resoconto delle ricerche fatte mediante la chiaroveggenza sul mistero della nascita viene pubblicato nella speranza di accrescere le conoscenze generali su questo argomento anche dal punto di vista esoterico Joeffrey Hodson 1929...
---------------------------------
Titolo: IL MISTERO DELL'UOMO
Libro intro: IL MISTERO DELL'UOMO Compendio sulla costituzione dell'essere umano Tratto da: ?La via della luce? di G. Filipponio edizioni fuori commercio Sommario: La nascita dell'uomo I costruttori di forme La costruzione dell?uomo La morte La vita dopo la morte La legge del karma Il karma e il dolore La rincarnazione La rinascita e le leggi di causa effetto Il determinismo e il libero arbitrio La trasmutazione delle energie Coordinamento dei centri...
---------------------------------
Titolo: IL MISTERO DELL'UOMO
Libro intro: costituzione dell'essere umano Tratto da: “La via della luce” di G. Filipponio edizioni fuori commercio Sommario: La nascita dell'uomo I costruttori di forme La costruzione dell’uomo La morte La vita dopo la morte La legge del karma Il karma e il dolore La rincarnazione La rinascita e le leggi di causa effetto Il determinismo e il libero arbitrio La trasmutazione delle energie Coordinamento dei centri La nascita dell'uomo La nascita, più che un inizio di vita, è un punto focale del ciclo senza fine della vita: il bimbo porta in sè una scintilla della Vita Divina che in lui vibra in forza di un potere raccolto in un lontano passato, quando, staccandosi dall'anima gruppo animale, ricevette la individualizzazione. All'atto della nascita fisica alcuni elementi sono invisibili, altri si trovano allo stato latente e si svilupperanno in tempi successivi. Questi elementi sono: la Monade o Spirito, l'Anima o Ego, la Personalità. La Monade è un frammento divino che resta sul suo piano, mentre l'Anima è un frammento della Monade, essa ha per veicolo il corpo causale e opera attraverso la personalità, la quale è composta dal corpo fisico-eterico, dall'astrale e dal mentale concreto o mente inferiore. I corpi della personalità durano soltanto una sola vita terrena, mentre il corpo causale persiste per tutto il periodo di evoluzione di ciascun essere e si dissolve alla 4a Iniziazione. Il Corpo Causale contiene la unità mentale e gli atomi permanenti astrale e fisico, i quali racchiudono la sintesi delle esperienze fatte in ciascuna vita terrena, riportandole da una incarnazione all'altra; esperienze che verranno poi manifestate dalla personalità come idee innate, facoltà, attitudini, tendenze. Questi atomi permanenti sono punti focali di energia, capaci di attirare altra materia similare occorrente all'Anima per creare forme similari. Seguendo la legge di attrazione e repulsione l'Anima quando è spinta dal desiderio di riprendere l'esperimento terreno, emette una vibrazione di vita che risveglia l'unità mentale. Dal tono e dalla quantità della voce dell'Ego dipende la natura degli agenti che rispondono, mentre dalla profondità o elevatezza della nota egoica dipende la statura o il grado del Deva che pronuncia la parola o frase mantrica che dà avvio al lavoro costruttivo dei veicoli della personalità, allora la trama della nuova vita ricomincia a svolgersi. Questa trama è formata dal filo della vita che è un allungamento del sutratma il quale parte dalla Monade. Allora gli atomi permanenti vengono risvegliati e, sospinti dal sutratma, si mettono in vibrazione attirando a sè,dai loro piani, la materia mentale e astrale del medesimo tipo di quello che l'Anima aveva rivestito alla fine della sua ultima incarnazione. Tutto il lavoro viene eseguito dai Deva Costruttori....
---------------------------------
Titolo: IL MISTERO DELLA SECONDA NASCITA
Libro intro: ?Coloro che dicono che prima si muore poi si risorge, si sbagliano Se non si riceve prima la resurrezione mentre si è vivi, quando si muore non si riceverà, nulla? - Il Vangelo di Filippo - IL MISTERO DELLA SECONDA NASCITA3 L?ISTITUZIONE DEI MISTERI3 Figura 1 Simbolismo di Bes-pesce, l?Iniziatore5 SETTE GIORNI DI MISTERO5 INSEGNAMENTO ORFICO 7 Figura 2 L?Uccello Nero dell?Eternità 7 Figura 3 Trittolemo 9 LA NASCITA ED ESPIAZIONE PER L?UOMO COMUNE10 LE DUE VIE12 Figura 4 Lamina d?oro di Turi 12 Figura 5 Le Due Vie del Sole14 Figura 6 Le due Vie Sarcofago del Medio Regno 15 IL GUARDIANO DI JUANA COELI15 Figura 7 Capricorno 15 Figura 8 Makara, il drago16 Figura 9 Bes armato di fronte al candidato 16 L?ALLEGORIA DI GIOBBE16 Figura 10 Portatore di agnello (Moscoforo 570 aC) 17 LA SECONDA NASCITA DI LAZZARO 17 Figura 11 Giotto ? resurezzione di Lazzaro19 LA DISCESA NELLA CRIPTA 19 Figura 12 Vishvakarman - Museo di Kyoto21 Figura 13 Sigillo raffigurante Orfeo in Croce21 Figura 14 Pozzo di S Cristina 22 Figura 15 L?ingresso nel mondo capovolto 23 Figura 16 Sobek dalla testa di coccodrillo 23 LE PORTE DELLA MORTE23 Figura 17 Papiro di Huberen, I Due Leoni25 Figura 18 Sacerdote di Osiride, rivestito con pelle di pantera 26 IL GIUDIZIO, LA PSICOSTASIA 27 Figura 19 Osiride sul trono a forma di cubito27 Figura 20 Pesatura del cuore del Defunto27 Figura 21 Leviatan e Ippopotamo di William Blake28 DI Vincenzo PISCIUNERI...
---------------------------------
Titolo: IL MISTERO DELLA VOLONTA'
Libro intro: RUDOLF STEINER ....Dalle considerazioni che facciamo qui ormai da tempo ma anche dalle considerazioni di questi giorni dovrebbe risultare con evidenza quanto sia necessario per l?evoluzione dell?umanità che nello sviluppo della cultura umana si pervenga a quanto si può definire ?scienza dell?iniziazione?. Va detto già oggi, senza alcuna riserva, che la salvezza dell?umanità per uscire da una evoluzione in regresso risiede unicamente in ciò: che l?umanità si rivolga ad una rivelazione offerta da quanto può essere compreso soltanto attraverso la conoscenza spirituale. Si facciano pure obiezioni emotive o logiche d?ogni genere; si dica pure che sarà oggi difficile che cerchie più ampie di persone acquisiscano conoscenze che in un primo tempo possono invero provenire solo da alcuni, i quali riescano ad elevarsi alla facoltà di guardare nel mondo spirituale: tutte le obiezioni che si possono porre e che possono essere in apparenza persino giustificate, non significano proprio nulla di fronte al fatto che, senza recepire quanto viene qui definito scienza dello spirito antroposofica la cultura dell?umanità dovrà cadere in rovina, mentre sulla terra opereranno potenze che non congiungono all?umanità la loro evoluzione nel cosmo....
---------------------------------
Titolo: IL MISTERO DELLA VOLONTA' - STEINER
Libro intro: Dalle considerazioni che facciamo qui ormai da tempo ma anche dalle considerazioni di questi giorni dovrebbe risultare con evidenza quanto sia necessario per l’evoluzione dell’umanità che nello sviluppo della cultura umana si pervenga a quanto si può definire “scienza dell’iniziazione”. Va detto già oggi, senza alcuna riserva, che la salvezza dell’umanità per uscire da una evoluzione in regresso risiede unicamente in ciò: che l’umanità si rivolga ad una rivelazione offerta da quanto può essere compreso soltanto attraverso la conoscenza spirituale. Si facciano pure obiezioni emotive o logiche d’ogni genere; si dica pure che sarà oggi difficile che cerchie più ampie di persone acquisiscano conoscenze che in un primo tempo possono invero provenire solo da alcuni, i quali riescano ad elevarsi alla facoltà di guardare nel mondo spirituale: tutte le obiezioni che si possono porre e che possono essere in apparenza persino giustificate, non significano proprio nulla di fronte al fatto che, senza recepire quanto viene qui definito scienza dello spirito antroposofica la cultura dell’umanità dovrà cadere in rovina, mentre sulla terra opereranno potenze che non congiungono all’umanità la loro evoluzione nel cosmo. Le cose si svolgeranno così. Se l’umanità dovesse conseguire la salvezza in quella direzione, un numero sufficiente di persone dovrà compenetrarsi con quanto si è appena cercato di dire. Infatti soltanto chi non vuole assolutamente prestare attenzione a quanto sta accadendo oggi in tutto il mondo, come risultato degli ultimi catastrofici anni, può chiudere gli occhi di fronte al fatto che ci troviamo all’inizio del processo distruttivo dal quale può farci uscire soltanto qualcosa di nuovo. Qualsiasi cosa si cerchi all’interno del processo distruttivo stesso, non potrà che essere se non un’altra forza di distruzione. Soltanto quanto attingerà veramente a fonti che non appartengono all’evoluzione terrestre compiuta sino ad ora, potrà divenire forza di ricostruzione. Si presentano difficoltà molto grandi all’ingresso dei risultati di quelle fonti. Si dice sovente che la scienza dell’iniziazione non potrebbe essere presentata all’umanità incondizionatamente, poiché è necessario che essa venga accolta in un certo modo. Se ne parla ogni volta; ma proprio in ciò si continua a peccare. Facciamo un solo esempio, molto semplice: una tra le primissime e più elementari attenzioni che devono essere osservate per recepire la scienza dell’iniziazione, consiste nel cercare di eliminare da sé ciò che si suole indicare come ambizione, soprattutto quando essa si esprime sotto forma di un giudizio sulla propria personalità in confronto ad altre. Si può facilmente constatare che proprio in quella che chiamiamo Società Antroposofica (a che gioverebbe tacere?) si continua ad ammettere che “una cosa del genere è giusta”, mentre proprio all’interno di un movimento come quello antroposofico si verificano le cose più spiacevoli, perché proprio nel suo seno si sviluppano rancori ed invidie reciproche. Voglio soltanto accennare a fenomeni del genere, poiché oggi devo parlare delle più grandi difficoltà che sono poste all’ingresso della scienza iniziatica nella cultura terrena. Vedete: tra le prime cose che dovranno venire ampiamente mostrate all’umanità vi è quanto si potrebbe chiamare il mistero delle volontà umana. Tale mistero si è nascosto, a partire dalla metà del XV secolo, dall’inizio cioè della quinta epoca postatlantica, alla più recente civiltà umana. Si può dire che la nuova concezione che l’umanità ha del mondo non abbia la benché minima nozione della volontà....
---------------------------------
Titolo: IL MISTERO DELLE CATTEDRALI
Libro intro: l'interpretazione esoterica dei simboli ermetici della Grande Opera FULCANELLI IL MISTERO DELLE CATTEDRALI e l'interpretazione esoterica dei simboli ermetici della Grande Opera...
---------------------------------
Titolo: IL NUOVO CODICE DEL BENESSERE
Libro intro: Per conoscere e approfondire EFT (Tecniche di Libertà Emotiva) il rivoluzionario metodo di auto-aiuto diffuso in tutto il mondo. di ANDREA FREDI...
---------------------------------
Titolo: IL PARADIGMA DELL'UNIVERSO OLOGRAFICO
Libro intro: *** TEORIA DELL?UNIVERSO OLOGRAFICO *** Nel 1982 un'équipe di ricerca dell'Università di Parigi, diretta dal fisico Alain Aspect, ha condotto quello che potrebbe rivelarsi il più importante esperimento del XX secolo. Aspect ed il suo team hanno, infatti, scoperto che alcune particelle subatomiche, come gli elettroni, in determinate condizioni sono capaci di comunicare istantaneamente una con l'altra indipendentemente dalla distanza che le separa, sia che si tratti di 10 metri o di 10 miliardi di chilometri. È come se ogni singola particella sapesse esattamente cosa stiano facendo tutte le altre. Questo fenomeno può essere spiegato solo in due modi: o la teoria di Einstein che esclude la possibilità di comunicazioni più veloci della luce è da considerarsi errata, oppure le particelle subatomiche sono connesse non-localmente. Poiché la maggior parte dei fisici nega la possibilità di fenomeni che oltrepassino la velocità della luce, l'ipotesi più accreditata è che l'esperimento di Aspect sia la prova che il legame tra le particelle subatomiche sia effettivamente di tipo non-locale. CHE COS'È L'OLOGRAMMA David Bohm, noto fisico dell'Università di Londra, recentemente scomparso, sosteneva che le scoperte di Aspect implicavano che la realtà oggettiva non esiste. Nonostante la sua apparente solidità, l'universo è in realtà un fantasma, un ologramma gigantesco e splendidamente dettagliato. Ologrammi, la parte e il tutto in una sola immagine. Per capire come mai il Prof. Bohm abbia fatto questa sbalorditiva affermazione, dobbiamo prima comprendere la natura degli ologrammi. Un ologramma è una fotografia tridimensionale prodotta con l'aiuto di un laser: per creare un ologramma l'oggetto da fotografare è prima immerso nella luce di un raggio laser, poi un secondo raggio laser viene fatto rimbalzare sulla luce riflessa del primo e lo schema risultante dalla zona di interferenza dove i due raggi si incontrano viene impresso sulla pellicola fotografica. Quando la pellicola viene sviluppata risulta visibile solo un intrico di linee chiare e scure ma, illuminata da un altro raggio laser, ecco apparire il soggetto originale. La tridimensionalità di tali immagini non è l'unica caratteristica interessante degli ologrammi, difatti se l'ologramma di una rosa viene tagliato a metà e poi illuminato da un laser, si scoprirà che ciascuna metà contiene ancora l'intera immagine della rosa. Anche continuando a dividere le due metà, vedremo che ogni minuscolo frammento di pellicola conterrà sempre una versione più piccola, ma intatta, della stessa immagine. Diversamente dalle normali fotografie, ogni parte di un ologramma contiene tutte le informazioni possedute dall'ologramma integro. Questa caratteristica degli ologrammi ci fornisce una maniera totalmente nuova di comprendere i concetti di organizzazione e di ordine. ...
---------------------------------
Titolo: IL PERCORSO DELLA LIBERAZIONE ANIMA
Libro intro: Io saluto il maestro supremo, la verità. La sua natura è beatitudine e dona la felicità più elevata. E’ pura saggezza, oltre ogni qualità e infinita come il cielo. E’ oltre le parole, una ed eterna, pura e immutabile. Oltre ogni cambiamento e fenomeno, è la silente testimone di tutti i nostri pensieri ed emozioni. Io saluto la verità, il maestro supremo. Antico inno vedico Prefazione La raccolta di versi offerti in questo libro riguarda l’opera del rinomato saggio/filosofo Shankaracharya (Shankara). Il titolo originale del suo lavoro è Atmabodha, che significa “conoscenza del Sé”. Quest’opera è considerata una delle esposizioni più chiare mai esistite riguardo alla filosofia della “non dualità”, ossia l’insegnamento secondo il quale un’unica Essenza si manifesta come processo totale del mondo1. Queste note iniziali sono volontariamente brevi, in modo che il lettore possa iniziare immediatamente lo studio sistematico del testo. Si incoraggia lo studente ad avvicinarsi a questo lavoro con mente calma ed aperta, a studiarlo, ad analizzare il suo significato e a contemplarlo. In sanscrito si definisce la filosofia con il termine “darshana”; tale espressione deriva a sua volta da una parola radice che significa “vedere”. Lo scopo della filosofia è, quindi, di permettere allo studente di vedere direttamente la verità. La speculazione è naturale nel processo, ma il risultato della stessa dovrebbe essere un’effettiva realizzazione o conoscenza. In questo testo non ci si riferisce al Sé come alla personalità, ma si intende l’aspetto della Pura Coscienza che si è identificato con la mente e che si riconosce pertanto come anima2. La conoscenza del Sé è la realizzazione della propria vera natura e con essa si manifesta la comprensione automatica dei processi cosmici. Ho parafrasato i versi utilizzando l’equivalente inglese3 al posto dei termini sanscriti, senza prendermi delle libertà nei confronti del testo originale, senza comprometterne il significato e, spero, mantenendo bellezza e potere originali...Di Roy Eugene Davis...
---------------------------------
Titolo: IL PERDUTO MODO DI PREGARE
Libro intro: Il testo di Gregg Braden "L'effetto Isaia" ipotizza l'esistenza di una scienza perduta, di una tecnologia capace di produrre il potere di dirigere gli avvenimenti. L'autore arriva a questa conclusione esaminando i testi antichi, soprattutto quelli profetici. La profezia è per Braden una scienza "che ci permette di accedere alle future conseguenze di scelte che facciamo nel presente". Accanto alla profezia si pone però un'altra scienza perduta, la tecnologia della preghiera, "che ci consente di scegliere quale profezia futura vivremo". Secondo il nostro autore, questa seconda tecnologia in uso in tempi remoti, poi dispersa nel IV secolo a causa della sparizione e distruzione di testi rari e relegata in scuole misteriche, sta oggi ricomparendo dopo il ritrovamento dei rotoli del Mar Morto. Sono soprattutto il manoscritto di Isaia ed i testi Esseni, che ci fanno comprendere come nelle mani dell'umanità sia racchiuso un enorme potere, che aspetta di essere utilizzato. Anche qui bisogna risalire, per comprendere meglio, ad una concezione diversa del concetto di tempo. Braden ci dice che gli antichi consideravano il tempo "come un sentiero che può essere percorso in due direzioni, all'indietro e in avanti"; essi inoltre percepivano le loro visioni come possibilità che si sarebbero attuate se le circostanze presenti non fossero state cambiate. Le profezie non erano, quindi, condanne a breve o a lunga scadenza, ma avvertimenti che avevano lo scopo, quando riguardavano fatti negativi, di indicare che bisognava cambiare rotta proprio per evitarli. La concezione antica del tempo viene ora suffragata dalla scienza quantistica che ammette la possibilità di eventi diversi nello stesso momento. La teoria quantistica postula una realtà tutta costituita da "quanti", ossia da "quantità discrete di radiazioni elettromagnetiche". In sintesi, brevissime e rapidissime esplosioni di luce, pulsazioni luminose, onde radianti, mosse da forze non fisiche. Nella fisica dei quanti è possibile che due atomi occupino lo stesso spazio nel medesimo momento: questo fenomeno viene denominato "condensato di Bose - Einstein". Altri scienziati come Statinover hanno effettuato altri studi sull'atomo giungendo alla conclusione che esistono condensati più grandi comprendenti molti più atomi. Scienziati come Wolf e Feynman hanno relazionato quest'aspetto della quantistica con la vita quotidiana, ipotizzando l'esistenza di molteplici risultati possibili per ogni singolo evento. Questa ipotesi implica che "ogni possibilità sia già stata creata ed è presente nel nostro mondo". Braden sospetta che queste possibilità siano collegate al concetto di multidimensionalità: il nostro mondo è fatto della stessa sostanza, cioè di pacchetti di luce che vibrano a velocità differenti e che sul nostro piano tridimensionale si muovono lentamente dando forma, secondo vibrazioni diverse, ma sempre tendenzialmente lente, alla vita minerale, vegetale, animale, umana. Il resto dell'universo, che vibra a velocità sempre più elevate, sfugge alla nostra percezione e dà forma a piani dimensionali diversi, in cui forse, per Braden, potrebbero esistere le possibilità multiple. Riprendendo la teoria per cui nel piano divino tutta la realtà è già in essere, la tecnologia interiore della preghiera, che corrisponde a grandi linee con le aspettative e la forza-preghiera di cui parla Redfield, attira e mette a fuoco nel presente dei risultati finali che sono già previsti. Per quanto detto, il futuro non è deterministicamente stabilito, ma può essere cambiato; ciò può avvenire se si attiva una forza sufficiente a far spostare la scelta su eventi paralleli nei momenti in cui ci sono collegamenti nella rete degli avvenimenti stessi. Hugh Everett III, fisico dell'università di Princeton, studiò l'ipotesi di universi paralleli e chiamò "punto di scelta" il momento in cui si poteva sovrapporre un effetto all'altro nel corso di un evento. ...
---------------------------------
Titolo: IL PIANO DIVINO PER LA TERRA
Libro intro: "Guardate, il grande guardiano dell'era ha girato la chiave; le grandi porte si spalancano e tutti coloro di buona volontà possono accogliere il Re. Benedetti i puri di cuore, perché essi vedranno il Re. Udite! Siate forti di mente; siate puri di cuore; siate vigili nel servizio; il regno è vicino." Gesù, il Maestro dell'era dei Pesci Una nuova realtà si nasconde dietro la facciata di questo mondo e della sua umanità, una realtà di incontaminata bellezza e luce. Le sono stati attribuiti molti nomi ma è riconosciuta allo stesso modo da tutti coloro che sentono e riconoscono la sua purezza. E' la Terra Promessa discesa dal regno dei cieli, il ritorno, da lungo promesso, del Regno delle anime sulla terra....
---------------------------------
Titolo: IL POTERE DEL KARMA POSITIVO
Libro intro: Gettare le basi della nostra Illuminazione: il potere del karma positivo di Tulku Thondup Rinpoche Scelto, adattato e tradotto da Raffaele Phuntsog Wangdu e Salvatore Tondrup Wangchuk ... GETTARE LE BASI DELLA NOSTRA ILLUMINAZIONE: IL POTERE DEL KARMA POSITIVO di Tulku Thondup Rinpoche (The Buddhayana Foundation) Gli Esseri evolvono tramite il karma, prendono nascita a causa del karma, si godono la vita, i frutti del karma, e funzionano per il meccanismo del karma. (Karmavibangha Sutra) Il Buddhismo insegna che nella nostra vera natura siamo illuminati, totalmente aperti, pacificati, gioiosi, compassionevoli e onniscienti. Vediamo tutti i fenomeni simultaneamente, come essi sono, senza limitazioni da emozioni e concezioni dualistiche. Il Buddha dichiarò: “Profonda, pacifica e libera da concetti. Luminosa e semplice. Una natura simile al nettare. Questo io ho realizzato!” Questo aspetto della nostra mente è “la vera natura della mente”. Quando ne diventiamo consapevoli e la perfezioniamo, siamo dei Buddha realizzati. Noi tutti siamo attratti da queste visioni molto alte. Ma alcuni studenti vogliono soltanto meditare sulla natura della mente, vacuità-saggezza libera da concetti, senza aprire il loro cuore alle pratiche concettuali che creano meriti, le quali sono indispensabili per la liberazione. Ci sono molti modi per creare merito, o karma positivo. Le più esaurienti sono le Sei Perfezioni (Paramita) che il Buddhismo Mahayana prescrive come la via dell’Illuminazione. Esse sono: l’offrire (generosità), la disciplina (moralità), la pazienza (coraggio), la diligenza (entusiasmo), tranquillità (contemplazione) e saggezza (la vera natura come essa è). Le prime cinque Perfezioni sono relative ai mezzi abili e servono specialmente per accumulare meriti. Esse includono ogni azione o pensiero positivo, come generare devozione e compassione e sono generalmente concettuali (tib.: dMigs bchas bsod nams kyi tshogs). La sesta Perfezione, la saggezza, riguarda la realizzazione della vera natura della mente, l’unione di consapevolezza e vacuità. Essa include ogni meditazione sulla verità assoluta ed è libera da concetti...
---------------------------------
Titolo: IL POTERE DEL SILENZIO
Libro intro: Carlos Castaneda...
---------------------------------
Titolo: IL POTERE DELLA KABBALAH : UNA TECNOLOGIA PER L'ANIMA
Libro intro: Ringraziamenti 11 Introduzione 13 Parte Prima Chi siamo? 25 Parte Seconda La Creazione, il Big Bang e la natura di Dio 65 Parte Terza Il puzzle della Creazione e la Teoria della Reattività 103 Parte Quarta Il gioco, il nostro avversario e l'arte della trasformazione spirituale 145 Parte Quinta Come vincere il gioco della vita 245...
---------------------------------
Titolo: IL POTERE DELLA MEDITAZIONE
Libro intro: Un testo che vi parla della meditazione e delle sue forme. Sommario: Introduzione alla meditazione Suggerimenti Elevare il fuoco della mente La meditazione occulta La suprema scienza del contatto La meditazione riflessiva e volontà La meditazione ricettiva La meditazione creativa La meditazione in un gruppo esoterico La purificazione Esercizio di disidentificazione di sé Il potere trasmutante della preghiera...
---------------------------------
Titolo: IL POTERE DELLA MOTIVAZIONE
Libro intro: Per avere successo sul sentiero spirituale, bisogna essere motivati Di Furio Sclano La motivazione è come cibo per il cervello. Non puoi averne abbastanza in una volta sola, poiché il cervello stesso ha bisogno di rifornimenti continui e regolari. (Peter Davies) Esistono tante ragioni per cui le persone si avvicinano ad un sentiero di crescita personale e spirituale: curiosità, senso di insoddisfazione, spinta interiore, emulazione e così via. Le motivazioni interiori sono le più forti e, nel lungo termine, sono le uniche a superare la prova del tempo. Nonostante ciò, in ogni caso, anche la motivazione interiore deve essere rinnovata e “ricaricata” con qualcosa in grado di darle nuova linfa. La mente della maggior parte delle persone è infatti identificata con le circostanze esterne in continuo cambiamento e con problemi, preoccupazioni, relazioni, interazioni, interessi che cambiano, ecc. Preda di quest’identificazione (tendenzialmente normale), la mente tende a dirigersi sempre verso cose nuove, allontanandosi dalle giuste risoluzioni prese in precedenza. Esistono quattro importanti accorgimenti che possono aiutare una persona a mantenere alta la propria risoluzione: 1 - Leggere materiale ispirante a cadenza regolare. Questo modo di fare è migliore del leggere libri da pagina a pagina una volta ogni tanto. E’ utile selezionare con oculatezza le cose che si leggono, poiché le letture che si assimilano hanno un forte impatto sulla mente e sul modo di pensare che si forma (o si mantiene in essere). Chi legge troppo e indiscriminatamente, a volte finisce per non distinguere più tra le informazioni attendibili e le fantasie. E’ utile rileggere gli stessi scritti più volte a distanza di tempo, poiché sovente ci si accorge che, facendolo, la propria comprensione “cambia” di volta in volta. 2 - Incontrarsi di tanto in tanto con altre persone sul sentiero. Paramahansa Yogananda dava molta importanza alla meditazione di gruppo. L’incontro con altre persone non deve diventare una forma di dipendenza, ma è sempre utile e, in determinati momenti della vita, può essere fondamentale. Se conoscete persone sul sentiero che abitano vicino a voi, approfittatene per vedervi con regolarità. Non esagerate con la socializzazione e non andate a meditare con un gruppo qualsiasi vicino casa, tanto per farlo. Pratiche differenti vi porteranno confusione e annacqueranno la vostra sintonia con i maestri della nostra tradizione. E’ un discorso – ripeto il concetto - di sintonia e non di fanatismo. 3 - Avere un atteggiamento maturo. Ciò che succede nella vita (le nostre “circostanze”) è creato da noi stessi e non da Dio. E’ importante evitare il meccanismo mentale “faccio per ricevere immediatamente”. L’evoluzione delle persone normalmente è progressiva e il sentiero spirituale, almeno all’inizio, non impedisce a situazioni di difficoltà di manifestarsi, poiché queste ultime sono create (a livello sottile) da noi, per opera della legge di causa ed effetto. Cambiando lo stato interiore, si cambiano anche le circostanze esteriori. 4 - Selezionare le persone che si frequentano abitualmente. L’influenza delle compagnie, affermava Paramahansa Yogananda, è spesso più forte dei buoni propositi. Non si sta consigliando di avere una vocazione eremitica, ma di limitare al necessario le interazioni con persone che non condividono i propri giusti principi. Le opinioni altrui (sovente non richieste) possono far sorgere dubbi. Di Furio Sclano...
---------------------------------
Titolo: IL POTERE DELLE PAROLE : INTRODUZIONE ALLA LOGOSINTESI
Libro intro: Logosintesi ed Immaginazione 4 Cleo deve incontrare il capo 4 Cosa è accaduto? 6 Il Ruolo delle Rappresentazioni 7 La Meraviglia delle Parole 7 Energia ed Essenza 8 Siamo un corpo 8 Siamo una mente 9 Siamo oltre 9 Essenza e Flusso 9 Disturbi nel Flusso conducono alla Sofferenza 9 Strutture di Energia 10 Strutture nello Spazio 10 Come agisce Logosintesi? 11 2 Logosintesi e Memorie 12 Antonio relaziona al Management Team 12 Cosa è accaduto? 16 3 La procedura 16 Preparazione 16 Identificazione di tematiche e aspetti 17 Valutazione 17 Meta-Domanda A: l'Esperienza 18 Meta-Domanda B: l'Attivatore 18 Le Frasi 19 Frase 120 Frase 220 Frase 320 Valutazione e Chiusura 21 Frase 421 4 Il Mondo di Logosintesi 22 Il Nome 22 Il Fondatore 22 Il Co-Autore di questo E-Book 23 L'Istituto di Logosintesi® 23 Formazione 23 I Libri 24 Contatti 25 DR. WILLEM LAMMERS & ANDREA FREDI...
---------------------------------
Titolo: IL POTERE DI ADESSO
Libro intro: Eckhart Tolle IL POTERE DI ADESSO Traduzione di Roberto Sorgo Per intraprendere il viaggio nel potere di Adesso abbiamo bisogno di lasciare da parte la nostra mente ed il falso sé che questa ha creato: l'ego. Sebbene il viaggio sia pieno di sfide, Eckhart Tolle ci guida con un linguaggio semplice. Per molti di noi, lungo la via, vi sono nuove scoperte da fare: noi non siamo la nostra mente. Possiamo trovare l'uscita dal dolore psicologico. L'autentico potere umano si trova arrendendosi all'Adesso. Scopriamo anche che il corpo è in effetti una delle chiavi per entrare in uno stato di pace interiore, così come lo sono il silenzio e lo spazio intorno a noi. Infatti l'accesso è disponibile ovunque. I punti di accesso, o portali, possono tutti essere usati per portarci nell'Adesso dove i problemi non esistono. Introduzione 14 1 Voi non siete la vostra mente 20 2 Consapevolezza: la via d'uscita dal dolore 37 3 Entrare in profondità nell'Adesso 49 4 Strategie mentali per evitare l'Adesso 68 5 Lo stato di presenza 85 6 Il corpo interiore 96 7 Portali al Non Manifestato 113 8 Relazioni illuminate 125 9 Oltre la felicità e l'infelicità vi è la pace 149 10 Il significato dell'arrendersi...
---------------------------------
Titolo: IL POTERE TERAPEUTICO DEL RESPIRO
Libro intro: Il medico e psicoterapeuta R.Dahlke, autore di molti libri, tra cui La straordinaria forza terapeutica del respiro (Tecniche Nuove, 2003), definisce il respiro “il terapeuta perfetto” che “collega tutte le istanze del nostro essere, consentendo il contatto nei punti in cui lo scambio e la comunicazione risultano bloccati, ripristina il flusso delle energie vitali, laddove queste ristagnano”. Nel respiro sono presenti sia il sistema di regolazione automatica (come per la circolazione sanguigna) sia quello del controllo volontario delle funzioni (come per i muscoli scheletrici). “Possiamo respirare consapevolmente, ossia modificare volontariamente la profondità dell’inspirazione e dell’espirazione, ma il respiro continua a fluire anche di notte, durante il sonno, quando la coscienza vigile viene disattivata. Il respiro rappresenta dunque una connessione tra le attività esteriori, consapevoli, e la vita interiore inconscia del corpo [e della psiche]; e non collega solo conscio e inconscio, giorno e notte, bensì, attraverso i lobi polmonari, anche sinistra e destra, quindi polo maschile e femminile. Anche il sopra e sotto vengono messi in contatto, perché ogni respiro viene percepito anche nel basso ventre e, attraverso il diaframma, principale muscolo dell’apparato respiratorio, raggiunge anche l’intestino.” Il respiro libera l’energia vitale che ristagna nei blocchi emotivi, nelle difese e resistenze, nel bisogno di controllo, nei modelli di comportamento condizionati e cristallizzati, negli schemi e visioni rigidi di noi stessi e della vita, nella corazza di tensioni (quella che W. Reich chiamava la corazza caratteriale) che è diventata la nostra seconda pelle. Ci “rieduca” a fluire con la vita, a rilassarci, riacquistando fiducia nelle nostre risorse e nella bontà dell’esistenza, riduce fino ad eliminare la paura di vivere e di soffrire, ci rende più aperti e sicuri, riparando le ferite e i traumi più o meno gravi non elaborati emotivamente che distorcono il nostro sguardo sulla realtà, impedendoci di essere più creativi e flessibili nell’affrontare giorno per giorno la nostra vita. Ho iniziato il mio percorso personale e professionale con il Rebirthing in Cile nel 1990. Quello che ho vissuto seduta dopo seduta sul lettino dello studio della mia amata guida cilena , psicologa e rebirther, mi ha fatto scoprire il potere di trasformazione interiore della respirazione circolare che si pratica nel Rebirthing. Come le tantissime persone che in seguito hanno respirato con me, posso dire anch’io che il Rebirthing mi ha cambiato la vita. Lavoravo all’epoca per l’Unicef, un lavoro entusiasmante e pieno di gratificazioni. Molti anni passati in Africa e in America Latina, la conoscenza di molti paesi, lingue e culture diverse, l’importanza di un’attività che contribuiva a salvare la vita di tanti bambini e di tante donne, esperienze arricchenti dal punto di vista umano e professionale. Tuttavia, come spesso accade a un certo punto della nostra vita, iniziai a sentire crescere in me il bisogno di operare dei cambiamenti. Provavo una profonda inquietudine, la spinta a cercare un senso più profondo da dare alla mia vita. Cominciò una ricerca che mi portò a studiare le filosofie e le tradizioni spirituali orientali, andando varie volte in India, a praticare la meditazione, a riprendere lo studio delle psicologie occidentali, a lavorare su di me utilizzando diversi metodi e approcci terapeutici. Dobbiamo a C.G. Jung il termine “individuazione” per indicare la meta di questa tensione interiore, questo bisogno di diventare più compiutamente se stessi, armonizzando la personalità intorno a un centro che è il Sé. Anche la Psicosintesi si applica al raggiungimento di questo obiettivo (vedi il 1 mio saggio Il Rebirthing come percorso di crescita, su questo sito). Allora, nel 1990, cercavo un metodo che mi mettesse in contatto con le dimensioni più profonde di me, non solo quelle dell’inconscio biografico ma anche quelle dell’inconscio superiore transpersonale. Incontrai il Rebirthing e mi conquistò per la sua potente efficacia, per il fatto che fosse basato sulla respirazione, un metodo naturale, da sempre conosciuto dalle antiche tradizioni soprattutto orientali, eppure capace di risolvere disturbi e disagi, di sciogliere antichi nodi e di operare un profondo rinnovamento interiore.... di Giovanna Visini...
---------------------------------
Titolo: IL PRIMO LIBRO SUGLI ANGELI
Libro intro: L'INCONTRO CON GLI ANGELI di nicola mattera versione gratuita...
---------------------------------
Titolo: IL PRINCIPIO DEL GURU
Libro intro: Il principio del Guru di Sogyal Rinpoche Tratto da “Dzogchen and Padmasambhava” Rigpa Publications - Santa Cruz, California, 1990 Scelto, adattato e tradotto da Raffaele Phuntsog Wangdu e Salvatore Tondrup Wangchuk. IL PRINCIPIO DEL GURU Quando parliamo del Lama, del Maestro o del principio del Guru, è importante ricordare che il Guru non è solo una persona. Il Guru rappresenta l’ispirazione alla verità, personifica la cristallizzazione delle benedizioni e la saggezza di tutti i Buddha e di tutti i Maestri. Forse la più toccante e accurata descrizione della vera natura del Maestro che io abbia mai udito proviene dal mio Maestro Jamyang Khyentse Chokyi Lodro. Egli disse che, sebbene la nostra vera natura sia Buddha, essa rimane oscurata da un tempo senza inizio dalle nubi dell’ignoranza e della confusione. Questa vera natura, la nostra natura di Buddha, tuttavia non si è mai completamente arresa alla tirannia dell’ignoranza; in qualche modo, si è sempre ribellata a questo dominio. La nostra natura di Buddha, quindi, ha un aspetto attivo, che è il nostro “insegnante interiore”. Sin dal primo istante in cui siamo stati oscurati, l’ “insegnante interiore” ha sempre lavorato instancabilmente per noi, cercando instancabilmente di portarci nuovamente alla radiosità e alla spaziosità del nostro vero essere. Nemmeno per un secondo, il nostro “insegnante interiore” ci ha abbandonato. Nella sua infinita compassione, unitamente all’infinita compassione di tutti i Buddha e di tutti gli esseri illuminati, ha sempre lavorato incessantemente alla nostra evoluzione - non solo in questa vita ma anche in tutte le nostre vite passate - utilizzando tutti i tipi di mezzi abili e tutte le varie situazioni per insegnarci a risvegliarci e riportarci alla verità. Quotidianamente possiamo capire quanto la nostra vita ci stia insegnando. E molto spesso è un insegnamento che possiamo non accettare, ma a cui non possiamo sfuggire poiché la vita va avanti e, di continuo, ci insegna. Quando abbiamo pregato e aspirato a questa verità per tanto tempo - diceva il mio Maestro - e quando il nostro karma è diventato sufficientemente puro, questo “insegnante interiore” davvero comincia a manifestarsi sempre più chiaramente e prende forma nell’insegnante esterno che noi realmente incontriamo. Questo incontro è il più importante della nostra vita. Chi è l’insegnante esterno? Null’altro che la personificazione, la voce e la rappresentazione del nostro “insegnante interiore”. Egli ci insegna come ascoltare il messaggio del nostro “insegnante interiore”, riportando credito e fiducia in noi stessi e liberandoci dalla sofferenza che proviene dalla non conoscenza della nostra vera natura. L’insegnante esterno è un messaggero, l’ “insegnante interiore” la verità. Se qualcuno vuole raggiungervi al telefono, ad esempio, chiamerà il vostro numero. Allo stesso modo, i Buddha ci chiamano attraverso la nostra natura di Buddha, il nostro “insegnante interiore”. E’ la tua linea diretta, ma a meno che tu non sappia come ascoltarlo e parlargli, è il tuo insegnante esterno che risponde al telefono. Essi [N.d.T.: i Buddha] operano attraverso di lui, per voi. E’ importante non perdere il senso di questa connessione tra l’insegnante esterno ed interno. L’insegnante esterno ti sta insegnando come ritrovare te stesso, come ritrovare il Buddha che è in te. Egli ti introduce a te stesso e, fino a che non trovi il Buddha che è in te, egli è questo sostituto......
---------------------------------
Titolo: IL PROCESSO CREATIVO - LA LEGGE DELL'ATTRAZIONE
Libro intro: TESTO DI ANDREA DORIA. La Legge dell?Attrazione è il potere supremo dell?Universo che regola il tuo potenziale creativo, la tua immaginazione, attraverso i quali potrai avere tutto ciò che vuoi: Felicità, Salute e Benessere; potrai essere o diventare tutto 13 ciò che desideri sperimentare; avere qualsiasi cosa tu chiedi, non importa quanto grande o irraggiungibile essa possa sembrarti; per mezzo della Legge dell?Attrazione, e con la dovuta autostima e disciplina, l?otterrai, e rimarrai sconcertato/a non solo dalla perfetta riuscita del tuo intento, ogni qualvolta ti pronuncerai per attivarne uno nuovo, ma persino dalla sua precisione che oserei definire assolutamente ?matematica?. La Legge dell?Attrazione insegna che nella vita Attrai a te e Sperimenti tutte le cose a cui pensi di più. La Legge dell?Attrazione gestisce la manifestazione nel mondo fisico di tutti i tuoi desideri. PREMESSA La strada che mi ha condotto alla scrittura di questo manuale è la conferma stessa del rispetto che ho nei confronti della Legge dell?Attrazione. Fin dal giorno in cui ne ho avuto coscienza, ho sempre cercato una via per aiutare qualsiasi persona avesse avuto bisogno di un minimo di conforto, o di un sostegno morale che andasse oltre il semplice ascoltare. Quando alcuni amici mi introdussero a questa pratica, nel 1998 o giù di lì, non gli diedi molto credito poiché di ?default? molti di noi sono portati a rifiutare quelle che possono apparire come strane pratiche ?magiche?, e in più la società in cui viviamo oggi non aiuta di certo ad aprirsi all?ignoto. Successivamente però mi accorsi che la Legge dell?Attrazione non aveva nulla a che fare con la magia, calderoni, trogoli e stregonerie varie, ma si trattava in una Legge naturale vera e propria, reale tanto quanto la Legge di Gravità. Basandomi semplicemente sulle mie esperienze, capii che la Legge dell?Attrazione esisteva per davvero. Solo recentemente una carissima amica inglese, di Birmingham, con la quale condivido le stesse esperienze di ?abduction? (rapimento da parte di una razza aliena), mi invitò a scrivere questo manuale che avrebbe potuto aiutare molte persone a capire di più su chi siamo, perché siamo qui, dove stiamo andando e sul 7 perché nonostante tutte le cose che possediamo ci sentiamo sempre così eternamente infelici e incontentabili. Ovviamente questo manuale non ha assolutamente la pretesa di rispondere oltremodo a tutti quegli enigmi che tormentano la razza umana fin dall?avvento della saggezza, per questo ci sono i ricercatori, gli studiosi, i filosofi, ma vuole rappresentare una via di confronto tra quelle che sono state le mie esperienze personali e gli insegnamenti di alcune persone che la sanno davvero lunga su come nella vita si diventa felici e vincenti. Vorrei infine aggiungere, che il mio intento, scrivendo questo manuale, non era quello di ricercare una perfetta dialettica per illustrare la Legge dell?Attrazione, tipo quella adatta agli studenti universitari tanto per intenderci, ma bensì di utilizzare la solita semplicità di linguaggio e di espressione a cui sono abituato quando espongo queste cose durante le sessioni di training che organizzo di tanto in tanto nell?area di Ravenna. Tutti devono capire di cosa sto parlando e non soltanto una ristretta cerchia di persone. Premesso questo, spero che questo manuale possa portarti tutta la felicità che meriti, la dove senti che i metodi tradizionali hanno fallito. Andrea Doria. Una volta capito quindi il concetto di Legge d?Attrazione, credimi la parola fortuna viene definitivamente rimossa dal tuo vocabolario. Persino la parola destino assume un significato totalmente inutile....
---------------------------------
Titolo: IL PROFETA DI GIBRAN KAHLIL GIBRAN
Libro intro: Il Profeta di Gibran Kahlil Gibran Indice Prologo L?amore Il Matrimonio I Figli Il Donare Il Mangiare e il Bere Lavoro Gioia e Dolore Le Case Gli Abiti Il Comprare e il Vendere La Colpa e il Castigo Le Leggi La Libertà La Ragione e la Passione Il Dolore La Conoscenza di Se L?insegnamento L?amicizia Il Conversare Il Tempo Il Bene e il Male La Preghiera Il Piacere La Bellezza La Religione La Morte Epilogo...
---------------------------------
Titolo: IL REBIRTHING COME PERCORSO DI CRESCITA
Libro intro: Nel corso della sua storia il Rebirthing e la respirazione che ne costituisce la tecnica fondamentale, sono stati associati soprattutto alla possibilità di rivivere la propria nascita o al raggiungimento di stati ampliati di coscienza. Questi ultimi potevano riferirsi, senza precise distinzioni, sia alle dimensioni ?prepersonali? dell?inconscio collettivo, cioè ai contenuti attinenti alla storia psichica dell?umanità, sia all?inconscio superiore, più propriamente transpersonale o spirituale. Nessuna delle due visioni permette di comprendere in modo adeguato la complessità, la profondità e l?efficacia terapeutica di quel viaggio di integrazione della personalità e di autoconoscenza che il Rebirthing Transpersonale permette di intraprendere. Propongo quindi di utilizzare, come referente teorico, la metafora del ?percorso di crescita? che permette di includere in una visione dinamica ed evolutiva le molteplici esperienze che emergono nelle sedute. Il cammino, il percorso, parte dal luogo e dal momento in cui la persona si trova e si inoltra per territori non prestabiliti che si rivelano nel corso delle sedute, secondo tempi e modi spontanei e adeguati alle esigenze di chi si rivolge a questo metodo. Il termine crescita si riferisce al potenziale evolutivo di ciascuno di noi, alle intrinseche capacità e risorse che ogni essere umano ha in se stesso e che tendono sempre a un?espressione più completa, creativa, autonoma delle proprie potenzialità, di chi si è veramente, aldilà dei condizionamenti e delle risposte difensive ai vari eventi e sofferenze della vita. Si tratta, dunque, di un contesto interpretativo molto flessibile e che si adatta facilmente sia ai bisogni di chi è alla ricerca di soluzione e sollievo per i propri disturbi psicosomatici ed esistenziali, sia ai vissuti che emergono nelle sedute e che possono provenire da diverse ?aree? dell?organismo bio-psico-spirituale, senza la rigidità di voler imbrigliare le esperienze perché si adattino a uno schema precostituito. Il percorso di crescita è un cammino di trasformazione, un viaggio che ci porta in contatto con il nucleo più profondo di noi stessi. Il tema del viaggio è un archetipo che accompagna da sempre l?umanità, da Ulisse a Dante, dalla ricerca del Graal al viaggio sciamanico e iniziatico di morte e rinascita, dal simbolismo alchemico alle fiabe e alla letteratura. Durante qualsiasi viaggio una mappa è necessaria per orientarsi. Sappiamo che le mappe non sono il territorio, per questo devono essere flessibili, devono essere spesso ridefinite, aggiornate, ridisegnate, man mano che il territorio reale si rivela e si dispiega davanti ai nostri occhi. Man mano che diventiamo più capaci di percorrerlo e di decifrarlo. Nell?utilizzare questo schema di riferimento (il percorso, il viaggio, il cammino) possiamo avvalerci di validi modelli di evoluzione della coscienza che ci consentono di precisare meglio i contorni di quello che incontriamo e d?inquadrare (e quindi integrare) le esperienze molteplici che si schiudono quando la respirazione, praticata nel Rebirthing, apre l?accesso alle varie dimensioni della coscienza. Mi riferisco in particolare ai modelli (simili) elaborati da Ken Wilber e dalla Psicosintesi di Roberto Assagioli. K. Wilber parla di uno sviluppo dalla dimensione prepersonale (che include in gran parte l?inconscio collettivo archetipico studiato da C.G. Jung), alla dimensione personale e al transpersonale. R. Assagioli, suddivide il suo modello della psiche (l?ovoide assagioliano; vedi sotto la figura) in inconscio inferiore, inconscio medio e inconscio superiore con l?inconscio collettivo (inteso come la psiche di massa, in un senso che lo differenzia parzialmente da Jung) che circonda l?ovoide con cui è in continua osmosi. Inoltre, quest?approccio considera fondamentale dare attenzione ai temi psicodinamici e alla realizzazione di una psicosintesi personale intorno al centro dell?Io, pur mantenendo costantemente la visione dell?essere umano come un Sé spirituale (la sorgente dell?Io). Questa visione è la bussola che guida, come la stella cometa dei Magi, verso il dischiudersi della dimensione superconscia e verso una psicosintesi transpersonale. Anche Wilber insiste nel vedere il livello dell?io e il senso di identità e di consapevolezza individuale come tappe essenziali dell?evoluzione della coscienza: dalla unione Io/Universo inconscia e prepersonale, all?identità personale separata, all?unione conscia Io/Universo transpersonale. TESTO DI Giovanna Visini...
---------------------------------
Titolo: IL REIKI NELL'ASSISTENZAINFERMIERISTICA AL PAZIENTE
Libro intro: RiassuntoReiki è un antico e semplice metodo di cura tramite il tocco delle mani.Si tratta di una tecnica di rilassamento,efficace anche nel malatooncologico,durante i trattamenti chemio e radioterapici,sia nella fase avanzata e terminale sia come adiuvante nella terapia del dolore.Scopo del presente studio è valutare se Reiki,in supporto alle terapie convenzionali,possa contribuire ad alleviare i sintomi correlati allapatologia neoplastica nel paziente oncologico anziano.In uno studio pilota,prospettico,sono stati arruolati 25 pazienti (16 donne),etàmedia 71 anni,affetti da neoplasia in stadio avanzato e con performance status secondo Karnofsky tra 50 e 10.Sei pazienti sono statiaccompagnati alla morte.Sono stati eseguiti 6 (range 2-9) trattamenti Reiki per paziente,a cadenza bi-trisettimanale.Il rilassamento èrisultato medio-profondo nel 90% dei pazienti,il riscontro soggettivo di ?sentirsi meglio?nel 94%,l?indice di gradimento da parte deipazienti 9,5 (score 0-10).Per quanto riguarda i parametri clinici,si è registrato un miglior controllo del dolore,dell?agitazione,della nauseae del vomito.I pazienti terminali sono stati accompagnati alla morte nell?accettazione e in serenità.Nel paziente anziano affetto datumore in fase avanzata,Reiki sembra contribuire ad alleviare i sintomi della malattia e degli effetti collaterali delle terapie,e migliora laqualità di vita.Nell?infermiere che tratta,Reiki sostiene la relazione,riduce l?ansia nella cura,aumenta l?empatia,sviluppa amore ecompassione. Scopo del presente studio è valutare se Reiki, in supportoalle terapie convenzionali, possa contribuire ad alleviare isintomi correlati alla patologia neoplastica nel pazienteoncologico anziano, in stadio avanzato o terminale, emigliorare la qualità dell?assistenza da parte del personaleinfermieristico (progetto ?Ospedale senza Dolore?)....
---------------------------------
Titolo: IL RITO - ENCICLOPEDIA DELLE RELIGIONI
Libro intro: IL RITO, OGGETTI, ATTI E CERIMONIE...
---------------------------------
Titolo: IL RITORNO DEL CRISTO
Libro intro: CAPITOLO I La Dottrina di Colui che viene Pag. 5 CAPITOLO II L’eccezionale opportunità del Cristo “ 15 CAPITOLO III La riapparizione del Cristo “ 36 CAPITOLO IV L’Opera del Cristo oggi e nel futuro “ 61 CAPITOLO V Gli Insegnamenti del Cristo “ 102 CAPITOLO VI La Nuova Religione Mondiale “ 137 CAPITOLO VII Preparazione per la riapparizione del Cristo “ 160 Conclusione “ 187 Indice analitico “ 193 di ALICE A. BAILEY...
---------------------------------
Titolo: IL ROSARIO DI GIOIELLI DI UN BODHISATTVA
Libro intro: Testo composto dal grande pandita indiano Atisha (Dipamkara Shrijinana). Possa l’energia positiva generata dalla lettura di questo prezioso testo essere dedicata per il beneficio di tutti gli esseri senzienti, per una diffusione sempre maggiore del Dharma e per una lunga vita di tutti i Maestri....
---------------------------------
Titolo: IL SENSO DELLA PRATICA
Libro intro: Un discepolo chiese al maestro: "Dove posso cercare l'illuminazione?". Il maestro rispose: "Qui". "E quando accadrà?". "Sta accadendo proprio ora". "Allora, perché non la percepisco?". "Perché non guardi". "Per cercare cosa?". "Niente. Guarda e basta". "Che cosa?". "Qualunque cosa su cui si posano i tuoi occhi". "Devo guardare in modo speciale?". "No, il modo solito va bene". "Ma non guardo sempre nel solito modo?". "No". "E perché mai?". "Perché per guardare devi essere qui, e tu il più delle volte sei altrove". Questo passo del libro Un minuto di saggezza, di Anthony De Mello, descrive un po' la nostra situazione. Pensiamo che l'illuminazione sia molto lontana, pensiamo che la pace e la felicità che stiamo cercando, anche se in modo confuso, siano irraggiungibili. Invece, si tratta soltanto di aprire gli occhi. è difficile aprirli perché sono ben serrati, e la tensione che ci portiamo appresso come accumulo di reazioni emotive non ci permette di apprezzare il momento presente. Quando siamo in grado di apprezzare il momento presente ci rendiamo conto di determinate verità, e questa comprensione porta un'apertura del cuore, un senso di gratitudine per la ricchezza della vita. Ricordo che una delle cose più difficili da apprezzare nella mia infanzia era la bontà dei miei genitori, il loro impegno nel farmi crescere, nell'educarmi, nell'incoraggiarmi a fare il bene. Purtroppo, come in molti rapporti, il conflitto nasceva nel momento in cui il loro concetto di bene, e quindi le loro aspettative, venivano a cozzare con le mie idee. Oggi invece so che, prescindendo dalle opinioni personali, possiamo aprire sempre il cuore all'altro, apprezzarne le qualità e le virtù, condividere con lui la nostra gioia, renderlo partecipe della nostra vita comunicando, e questo è vero e importante soprattutto nel rapporto tra genitori e figli. Credo che tutti abbiamo sofferto, in un modo o nell'altro, per la mancanza di un rapporto profondo con i genitori e, con il passare degli anni, la possibilità di recuperare questo rapporto ci sembra sempre più difficile. Forse i nostri genitori sono morti, forse ci siamo allontanati, ma senza dubbio quel rapporto ha condizionato sin dall'inizio la nostra vita, ma quando incominciamo a fare chiarezza sul nostro mondo emotivo incominciamo a fare chiarezza anche sul passato, e comprendiamo come il passato influisca sul presente. Potremmo dire che il passato è morto, e di fatto lo è, ma spesso ce lo trasciniamo dietro, lo teniamo stretto, così che il più delle volte diventa un cadavere puzzolente. Nonostante costituisca le nostre fondamenta, sarebbe bene prendere le distanze dal passato mediante un cambiamento dei rapporti che si sono formati come effetto del nostro passato. Attuare un cambiamento significa trasformare un peso in un trampolino, prendere lo slancio per orientarci in modo nuovo e fiducioso nei confronti della vita. Osservando la mente vediamo come i ricordi rivestano un ruolo molto importante nel paesaggio interiore, sono come i monti e le colline che ci impediscono la vista del sole che sorge. Forse non abbiamo ancora fiducia e speranza nei frutti della pratica, perché i raggi del sole appena spuntato non ci scaldano ancora. Forse ci chiediamo: "A cosa serve tutto questo? Se la mia pratica è solo una scalata, una salita, se è solo fatica senza ricompensa, senza un momento di serenità, a che serve?". Con che finalità pratichiamo? Potremmo cercare la risposta nei libri, nella dottrina, e a questo proposito ricordo il momento in cui decisi di seguire una dieta esclusivamente vegetariana. Le difficoltà nacquero quando mi chiesero le ragioni della mia decisione e io, non avendo le basi concettuali per formulare una risposta, dovetti ricorrere ai testi che illustrano le molteplici ragioni di quella scelta. Potremmo fare così, potremmo usare i testi dottrinali per spiegare agli altri le ragioni della nostra pratica, ma se facessimo così dimenticheremmo l'impulso spontaneo, il desiderio che nasce naturalmente dal cuore e che è stato la scintilla che ci ha portati a una prima apertura, a un primo momento di chiarezza, alla ricerca di un cambiamento. La nostra pratica, e il nostro impegno verso la pratica, non hanno bisogno di essere giustificati o razionalizzati, ma di tanta perseveranza e soprattutto di tanta pazienza, perché il lavoro, pur non essendo né facile né difficile, richiede un impegno costante. Per coloro che si sono avvicinati alla meditazione è importante aver chiaro, anche se a grandi linee, che cosa stiamo facendo, in che direzione stiamo camminando. La nostra mente è agitata. Questa agitazione è fatta di desiderio: desiderio di avere, di afferrare un oggetto e tenerlo stretto, come pure il desiderio di liberarci, di allontanare un oggetto mentale che non ci è gradito. Oppure, invece di essere agitata, la mente può trovarsi in uno stato di torpore, di sonnolenza, più o meno duraturo e indotto da una molteplicità di cause....
---------------------------------
Titolo: IL SENTIERO DEL DISCEPOLO
Libro intro: Quattro discorsi tenuti ad Adyar nel 1895. ANNIE BESANT. I. I Primi Passi Karma Yoga - Purificazione Pag. 3 II. I Requisiti del Discepolo - Dominio della Mente - Meditazione Pag. 15 Formazione del Carattere III. La Vita del Discepolo - Il Sentiero Probatorio - Le quattro iniziazioni Pag. 25 IV. Il Futuro Progresso dell’Umanità Pag. 37...
---------------------------------
Titolo: IL SENTIERO DEL SILENZIO
Libro intro: IL SENTIERO DEL SILENZIO compendio sulla meditazione Tratto da: ?La via della luce? di G. Filipponio edizioni fuori commercio Sommario: Introduzione alla meditazione Suggerimenti Elevare il fuoco della mente La meditazione occulta La suprema scienza del contatto La meditazione riflessiva e volontà La meditazione ricettiva La meditazione creativa La meditazione in un gruppo esoterico La purificazione Esercizio di disidentificazione di sé Il potere trasmutante della preghiera Introduzione alla meditazione Esiste in noi un misterioso impulso che ci sospinge sulla lunga via evolutiva. Questa spinta ci ha sicuramente portati dalle primordiali foreste di tanti millenni passati alla nostra presente vetta della tecnologia e continua, senza tregua, a indirizzarci verso l'esplorazione della coscienza, verso nuove dimensioni. E' questo eterno propulsore, questo Principio Divino, che ci muove, ci spinge a meditare, che rende possibile il nostro progresso e che, alla fine porrà nelle nostre mani nuovi domini, nuove conquiste. Chi si affaccia alla meditazione non deve lasciarsi confondere se trova che essa significa cose diverse per persone diverse. Molti sono i nodi che possono essere seguiti e ciascuno trova il proprio quando è giunto a giusto punto di preparazione, in base ai requisiti fondamentali.L'intero campo della meditazione si è esteso attraverso i secoli e le civiltà della storia umana e comprende accostamenti specializzati, ognuno dei quali richiede una o più vite per la sua completa esplorazione, e soprattutto pone in evidenza il mondo della realtà e dà una indicazione generale di direzione del sentiero segreto che ci conduce da mondo a mondo, e che è simile ad una scorciatoia che attende di essere trovata. Questa via, che da noi stessi dobbiamo scoprire, può talvolta apparire solitaria e richiede una disciplina che può sembrare in utile; ma non è così.Ogni volta che tentiamo di trascendere l'immediato con intelligenza, ci protendiamo verso il nostro alto potenziale e questa è la nostra fonte di gioia. Così quando cominciamo a meditare ci lanciamo in una grande avventura, in cui non siamo soli, come potrebbe sembrare. Sul silente sentiero abbiamo innumerevoli amici ed apparteniamo ad una onorata schiera, questa via è stata calcata non soltanto dai Grandi fra Coloro che hanno vissuto sulla Terra, ma sappiamo anche che il Budda, riguardo ad essa, ha detto: E' meglio vivere un sol giorno nella ricerca della comprensione e della meditazione, anziché vivere cento anni nell'ignoranza e nella dissolutezza....
---------------------------------
Titolo: IL SENTIERO DEL SILENZIO
Libro intro: compendio sulla meditazione Tratto da: “La via della luce” di G. Filipponio edizioni fuori commercio Sommario: Introduzione alla meditazione Suggerimenti Elevare il fuoco della mente La meditazione occulta La suprema scienza del contatto La meditazione riflessiva e volontà La meditazione ricettiva La meditazione creativa La meditazione in un gruppo esoterico La purificazione Esercizio di disidentificazione di sé Il potere trasmutante della preghiera Introduzione alla meditazione Esiste in noi un misterioso impulso che ci sospinge sulla lunga via evolutiva. Questa spinta ci ha sicuramente portati dalle primordiali foreste di tanti millenni passati alla nostra presente vetta della tecnologia e continua, senza tregua, a indirizzarci verso l'esplorazione della coscienza, verso nuove dimensioni. E' questo eterno propulsore, questo Principio Divino, che ci muove, ci spinge a meditare, che rende possibile il nostro progresso e che, alla fine porrà nelle nostre mani nuovi domini, nuove conquiste. Chi si affaccia alla meditazione non deve lasciarsi confondere se trova che essa significa cose diverse per persone diverse. Molti sono i nodi che possono essere seguiti e ciascuno trova il proprio quando è giunto a giusto punto di preparazione, in base ai requisiti fondamentali.L'intero campo della meditazione si è esteso attraverso i secoli e le civiltà della storia umana e comprende accostamenti specializzati, ognuno dei quali richiede una o più vite per la sua completa esplorazione, e soprattutto pone in evidenza il mondo della realtà e dà una indicazione generale di direzione del sentiero segreto che ci conduce da mondo a mondo, e che è simile ad una scorciatoia che attende di essere trovata. Questa via, che da noi stessi dobbiamo scoprire, può talvolta apparire solitaria e richiede una disciplina che può sembrare in utile; ma non è così.Ogni volta che tentiamo di trascendere l'immediato con intelligenza, ci protendiamo verso il nostro alto potenziale e questa è la nostra fonte di gioia. Così quando cominciamo a meditare ci lanciamo in una grande avventura, in cui non siamo soli, come potrebbe sembrare. Sul silente sentiero abbiamo innumerevoli amici ed apparteniamo ad una onorata schiera, questa via è stata calcata non soltanto dai Grandi fra Coloro che hanno vissuto sulla Terra, ma sappiamo anche che il Budda, riguardo ad essa, ha detto: E' meglio vivere un sol giorno nella ricerca della comprensione e della meditazione, anziché vivere cento anni nell'ignoranza e nella dissolutezza....
---------------------------------
Titolo: IL SERVIZIO DI KRYON
Libro intro: IL SERVIZIO DI KRYON Una raccolta di messaggi canalizzati da Lee Carroll A cura di Agama A tutti gli Operatori di Luce, Amore e Libertà Ottobre 2010 - Il Servizio di Kryon – Una raccolta di messaggi canalizzati da Lee Carroll www.stazioneceleste.it ----- INDICE ? Introduzione ? 1 - Chi sono Io ? 2 - Status di Laureato ? 3 - L'aggiustamento e l'aiuto per il nuovo cammino ? 4 - Il vostro nuovo cammino ? 5 - Esercizio di meditazione ? 6 - Fari di Luce ? 7 - Attivare lo strato " 8 " ? 8 - L'energia dell' Amore ? 9 - L'interdimensionalità ? 10 - Gli Ebrei ? 11 - Previsioni sulla Palestina ? 12 - Sinfonia dell' Universo ? 13 - I due gemelli intelligenti ? 14 - Il Big Bang è ancora in corso ? 15 - Il vostro futuro ? 16 - Co-create coscientemente ? 17 - Gli Operatori di Luce ? 18 - Siete immensamente amati ? 19 - Su Gesù Cristo ? 20 - Lo scopo finale ? 21 - Restate consapevoli ? 22 - Tu hai dato il permesso ? 23 - Attenzione al treno in arrivo ? 24 - Venir fuori dal dolore e della sofferenza ? 25 - Gli ET ? 26 - Ascoltare meglio ? 27 - L' Anima Gemella ? 28 - Semplicemente Essere ? 29 - Credere nell'intuizione divina ? 30 - La Caverna della Creazione o Registro Akashico ? 31 - Il mini Big-Bang ? 32 - Lo zero ? 33 - Preghiera e Meditazione ? 34 - L' Abbondanza ? 35 - Diventare l' auto ? 36 - Una Stazione Radio Angelica ? 37 - Il Velo ? 38 - Il Coro canta Insieme ? 39 - Ti perdono ? 40 - Rispondete alla sensazione di cambiamento ? 41 - Un canale diretto con lo Spirito ? 42 - Dio non partecipa alla vostra esperienza 3D ? 43 - Percezione non è uguale a realtà ? 44 - La Guarigione Quantica ? 45 - Guardatevi dal Profeti di sventura ? 46 - La Verità ? 47 - La Nuova Energia e la Convergenza Armonica ? 48 - Il cambiamento del Sistema Karma ? 49 - Tre compiti impossibili ? 50 - Libertà dal Tempo...
---------------------------------
Titolo: IL SIGNIFICATO DEL PERDONARE
Libro intro: Indice 1. Introduzione 2. I due passaggi del perdono: verz-eihen e ver-geben. Superamento di sé e rispondere col bene al male ricevuto. 3. Perdono: è il secondo dei quattro passi evolutivi per la via al Cristo. 4. Debito karmico e compensazione cosmica. 5. Il significato del perdono per la vita oltre la soglia della morte. 6. Perdonare: via verso l’accettazione dei colpi più ardui del proprio destino. 7. Perdonare: forza risanatrice del contesto sociale. 8. Altri apporti – diversi dall’antroposofia – sul tema del perdono. 9. Conclusione Sergej Prokofieff Il significato occulto del perdonare, Edizione Il capitello del sole....
---------------------------------
Titolo: IL SIMBOLISMO E IL LINGUAGGIO SEGRETO DEI TANTRA
Libro intro: Nel Vajrayõna il simbolismo è fortemente accentuato : basti pensare alle varie divinità e agli oggetti di cui esse sono dotate nelle varie raffigurazioni, che le presentano sedute in una certa postura o atteggiate con certi gesti delle mani. Tra gli aspetti simbolici più comuni vanno ricordati innanzitutto il vajra, la campanella, lo st¾pa, le mudrõ e le õsana ; successivamente verrà esaminato il particolare linguaggio tantrico. 1. IL VAJRA (rdo-rje) Si tratta di uno strumento liturgico tantrico1, per lo più di metallo, lungo 5 dita : dal suo nucleo centrale sferico (thig-le) si irradiano - una a destra e una a sinistra - due sezioni simmetriche di 5 (o anche 9) raggi ricurvi, che subito si allargano per poi riavvicinarsi sino a toccarsi con le punte. Il thig-le simboleggia la potenzialità illimitata della manifestazione del nostro stato primordiale e della nostra natura assoluta. Le due sezioni rappresentano i due principali aspetti in cui avviene la manifestazione : la visione pura (nirvõÐa) e quella impura (saËsõra). Questa seconda visione è basata sui 5 skandha e sui 5 kleæa (avversione, attaccamento, ignoranza, orgoglio, gelosia), loro funzioni. La visione pura è la manifestazione dell’aspetto puro o essenziale dei 5 skandha e dei 5 kleæa nella dimensione dei 5 Tathõgata2 e delle loro saggezze corrispondenti3. Quindi, le due sezioni di 5 raggi del vajra simboleggiano rispettivamente i 5 skandha e i 5 kleæa, ed i 5 Tathõgata e le 5 saggezze onniscienti. Numerose leggende parlano di vajra che volano, attraversano mari e oceani, indicando luoghi dove fondare templi e simili (v. ad es. Se-ra). In certi riti si visualizzano muri (o padiglioni) fatti da moltissimi vajra, così fittamente affiancati da renderli impenetrabili e duri, a protezione del meditante. Introdotto in Tibet da Padmasambhava, originariamente il vajra simboleggiava nei Veda la folgore, il fulmine, che - stretto in pugno come uno scettro - era la magica arma di Indra (il dio del cielo e delle nuvole e sovrano degli dèi) che egli scagliava dai cieli per far breccia nelle fortezze nemiche, quale simbolo primordiale del potere supremo dell’universo: secondo una tradizione, il Buddha si appropriò delle folgori dalla mano di questa divinità. Successivamente, il termine “vajra” fu reso in tibetano con l’epiteto “rdo-rje” (‘signore delle pietre’) con riferimento al diamante, una delle sostanze più dure e...
---------------------------------
Titolo: IL SUONO CHE TRASFORMA - TECNICHE VOCALI DI CANTO ARMONICO
Libro intro: Che cos'è il canto armonico II canto armonico consiste in un corpus di tecniche vocali che rendono percepibili all'ascolto gli armonici di un suono fondamentale, che di solito, ma non necessariamente, viene tenuto fisso. A volte, come nelle varie forme di xöömij (canto mongolo), gli armonici si percepiscono come una melodia acuta e leggera, tuttavia assai penetrante. Nel canto tantrico tibetano quello che giunge all'orecchio è un suono complesso, ricco di componenti che nel suono della voce lasciano sentire echi degli strumenti usati nei rituali: piatti, cembali, e quelle specie di tozzi oboi e di lunghe trombe che caratterizzano il paesaggio sonoro del Tibet. Mi rendo conto che la descrizione precedente evidenzia i ben noti limiti della descrizione stessa, lo stesso ricordo di essermi imbattuto in una descrizione dello xöömij da parte di un antropologo russo risalente al 1931 e di averla compresa soltanto in modo assai parziale. Mai forse come per la musica e il suono le descrizioni sono inadeguate, e conta piuttosto l'esperienza sonora. Coloro che questa esperienza hanno fatto, sia come ascoltatori sia come praticanti, sono invece concordi nel ritenerla indimenticabile e fondamentale. Per cui sicuramente l'ascolto di una delle tante buone registrazioni in commercio (di musica etnica come di musicisti contemporanei) potrebbe essere di grande aiuto alla comprensione di quest'articolo, oltre che naturalmente provare a praticare spontaneamente seguendo le indicazioni date... DI Roberto Laneri...
---------------------------------
Titolo: IL TANTRA IL TANTRISMO I CHAKRA
Libro intro: I Tantra o Agama sono i testi e i manuali di occultismo del sistema di culto hinduista yogico, originario dell’India arcaica come: il Kularnava tantra, Shaktisangama tantra, Kaulavali tantra, Yoni tantra, ecc Il Tantrismo, (secondo quanto viene descritto nel secondo capitolo del Ghandarva Tantra) e’ la disciplina applicata del Kundali Yoga il cui fine e’giungere al di la’ di tutti i mondi celesti. Esso mira, attraverso un percorso spirituale e una dura disciplina del corpo, ad ottenere la purificazione e quindi alla trascendenza del proprio essere fisico e spirituale, portandolo all’unione con cio’ che e’ la sorgente di tutti i mondi. I suoi adepti devono possedere le seguenti qualita’ per essere qualificati per questa scrittura: Dhaksa = intelligenza, Jitendryah = avere controllo sui propri sensi, Sarvahimsavinirmukta = astenersi dal recare offesa a qualunque essere vivente, Sarvapranihite ratah = far del bene a tutti, Shuchi = mantenersi puro Astika = credere nei veda, Brahmishthah, Brahmavadi, Brami = aver fede nel Brahaman, Dvaitina = essere un non dualista. I Chakra (principali), sono sette centri spirituali e non fisici, detti anche ruote o loti, sono situati in modo sovrapposto in diverse parti del corpo e sono nominati, partendo dal piu basso: Muladhara = La base della radice; situato fra l’ano e l’organo sessuale. Svadhistana= Il suo luogo preferito; situato in prossimita’ dell’organo sessuale. Manipura = La citta’ del gioiello splendente, situato in corrispondenza dell’ombelico. Anahata = Non colpito, posto al centro del plesso solare, altezza del cuore Vishudda= Purificazione, situato in prossimita’ della gola. Ajina = Autorita’, Potere, n corrispondenza del terzo occhio. Sahasrara = Dai mille petali, alla sommita’ del cranio. I chakra non sono parti del corpo grossolano, ma stazioni o punti di arrivo di un percorso spirituale, centri di focalizzazione del pensiero, concetti puramente spirituali e non centri che posseggono una loro propria energia . Se si pensa o si attribuisce ai chakra poteri o energie latenti o insite, si fraintende completamente la loro natura e ci si adegua a una mistificazione che non trova riscontro nel tantrismo e nei suoi insegnamenti e ci si adegua a una concezione primitiva, utilitaristica e elementare di questi concezioni proprie dell’adepto e non modificabili o influenzabile dall’esterno in nessuna maniera e con nessuna disciplina. La modificazione o meglio la progressiva sublimazione di questi centri puo’ avvienire e avere origine solo dall’adepto che, con una dura disciplina, riesce a comprendere e sperimentare su di se’ le proprieta’ che I Chakra rappresentano ma che non posseggono se non comprese e attivate direttamente su di se’. Nessuno puo’ modificare i chakra di un altro! I chakra hanno un ordine progressivo ascendente come il percorso mistico/spirituale che viene intrapreso dallo yogin e che e’ teso a sublimare la materialita’ trasformandola in spiritualita’, per far si’ che essa, dopo un percorso conoscitivo mistico, yogico, direttamente sperimentato su se stessi, si congiunga alla fine con l’unicita’, la sorgente di tutte le cose. L’adepto in questo processo e’ perfettamente conscio che sta utilizzando il suo corpo e le sue capacita’ per migliorare se stesso e divenire piu’ simile alla divinita’ di riferimento al fine di meglio adorarla. Pertanto qualunque interpretazione che intenda associare i chakra o il tantrismo in genere con la materialita’, la fisicita’ o etereita’ del nostro corpo, diviene quindi errata e riduttiva. Questa errata concezione tende a far si’ che vengano trasposte su di essi, energie, poteri psichici, interrelazioni con il corpo fisico, poteri di guarigione o di puro fine utilitaristico, ed e’ frutto di una scarsa conoscenza dei medesimi e di una interpretazione infantile o insufficiente di un concetto puramente spirituale. Cosi’ come la loro associazione a pietre, profumi, colori, auree astrali, non meglio identificate energie cosmiche, ecc. diviene talvolta risibile, visto che, agli occhi di un adepto o yogin tantrico, essi (i chakra) non sono utilizzati per modificare o condizionare la materia, ma semplicemente per trascenderla.......
---------------------------------
Titolo: IL TRADIMENTO DELLA MEDICINA
Libro intro: Ringraziamenti p. Morte per medicina p. Guarigione per medicina? p. Le persecuzioni p. Un po' di storia p. Le soluzioni – 1 Vivere senza malattie e senza medicine p. Le soluzioni – 2 Un movimento popolare p. Le soluzioni – 3 Un movimento culturale p. Appendice p. Le persecuzioni p. Federazione Italiana per la Libertà di Scelta Terapeutica p. Il cancro è un fungo: la fine di un'epoca p. (dell'oncologo dott. Tullio Simoncini) Bibliografia - testo di Alberto R. Mondini con un articolo dell'oncologo dott. Tullio Simoncini...
---------------------------------
Titolo: IL VALORE DELLA CONSAPEVOLEZZA NEL PERCORSO YOGICO
Libro intro: INTRODUZIONE pg. 3 Le radici della sofferenza: i klesha pg. 5 Una differente prospettiva sulla libertà pg. 8 2. IL VALORE DELLA PRATICA pg.10 Rapporto tra Hatha Yoga e Raja Yoga pg.16 3. LE QUALITÀ DELLA CONSAPEVOLEZZA pg.17 La seconda freccia pg.21 Consapevolezza ed emozioni pg.23 4. UN ESEMPIO DI PRATICA ORIENTATA...
---------------------------------
Titolo: IL VANGELO DI TOMMASO - IL QUINTO VANGELO
Libro intro: L'AVVENTURA DELL'UOMO: in questa collana i grandi ed inquietanti problemi di sempre, i drammi dell'uomo, i suoi immensi poteri latenti extrasensoriali e paranormali e le vestigia di un passato favoloso, in un panorama affascinante, sotto l'insegna del mistero. IL QUINTO VANGELO - IL VANGELO DI TOMMASO APOSTOLO COL TESTO COPTO A FRONTE, TRATTO DAL MANOSCRITTO DEL NILO. Nel 1945, all'inizio dell'Era dell'Acquario, vicino al villaggio di Nag Hammadi, in Egitto, lungo il corso del Nilo, è stato scoperto un antico manoscritto, assieme ad altri antichi volumi. Era nascosto in una brocca di terracotta profondamente sotterrata. Si tratta del VANGELO SECONDO L'APOSTOLO TOMMASO. Da questo antico scritto, sicuramente autentico, rimasto per quasi duemila anni completamente inaccessibile, appare la figura di Gesù, così come la vide il suo apostolo che gli era tanto vicino da venire da Lui chiamato "DIDIMO" cioè "Gemello spirituale—. Un Gesù umano oltre che divino, dolcissimo, spiritoso, amante della gioia. Questo avvenimento è considerato dagli esperti il più importante fatto spirituale della nostra Era. MARIO PINCHERLE. È nato a Bologna. Ha fatto studi classici. Si è laureato in ingegneria e si interessa alla "paleotecnologia". A lui si debbono fondamentali scoperte all'interno del "Tempio del Sole", la Grande Piramide d'Egitto. Scrive libri di Archeologia. Collabora a riviste di archeologia italiane e straniere, scrive sui Rendiconti dell'Accademia dei Lincei. IL QUINTO VANGELO TRADUZIONE E COMMENTO DI MARIO PINCHERLE il vangelo di Tommaso, col testo copto a fronte tratto dal manoscritto del Nilo è rimasto per diciannove secoli sotterrato e inaccessibile il più straordinario documento spirituale della nostra Era RICERCHE E NOTE BIBLIOGRAFICHE DI LUIGI PALAZZINI FINETTI 3ª EDIZIONE PER L'AZIONE FRAUDOLENTA DI MALVAGI NON SI POSSONO EVITARE LE GUERRE FILELFO PREMESSA Perché riporto il testo copto? È una lingua così antica, sconosciuta ai lettori...La ragione c'è: nei miei libri mi occupo di fatti remoti ed incredibili. Sembrano inventati: " ... la torre Zed, costruita col laser, la Grande Piramide che non è mai stata una tomba... i monoliti da cento tonnellate che salivano da soli... " Tutte cose che hanno un aspetto fantascientifico, ma sono realtà. E allora? È necessario documentare, frase per frase, parola per parola! Così, anche lo scienziato più diffidente, e al lettore più prevenuto, si accorgeranno che è esistito, sul pianeta, un periodo, al sorgere della civiltà, in cui il Cielo e la Terra si toccavano, e gli uomini pronunciavano parole vere. La babele e il massacro vennero dopo. E la realtà fu creduta favola. Ma io non scrivo di fantateologia, di fantascienza o di finta-archeologia. Non mi piace favoleggiare. Cammino sulla roccia. Mi piacerebbe camminare, in compagnia....
---------------------------------
Titolo: IL VIAGGIO ASTRALE
Libro intro: Penso vi sia capitato tante volte di sognare di volare o di cadere dal letto, o di svegliarvi la mattina con la netta sensazione di aver toccato con mano i vostri sogni, di averli vissuti come reali... Esiste una spiegazione a tutto questo, esiste qualcosa che va oltre alla normale comprensione di tutti i giorni, qualcosa che va oltre al solito materialismo: esistono i VIAGGI ASTRALI. Ma cosa e' un Viaggio Astrale per l'esattezza e cos'e' che spinge sempre più persone ad avvicinarsi a queste esperienze? Il Viaggio Astrale o come viene spesso definito Esperienza Extracorporea o nella famosissima sigla inglese OOBE (Out of body experience - esperienze fuori dal corpo) non e' altro che la possibilità per noi stessi di uscire dal nostro corpo ed agire consapevolmente nell'altro lato della realtà la quale ai nostri sensi ed occhi fisici appare impercettibile ed invisibile, ma non e' altro, a seconda del proprio grado di evoluzione che il primo stadio dopo la morte, sovrastante il mondo come lo vediamo tutti i giorni ma regolato da leggi diverse... prima tra tutte il dominio da parte delle nostre emozioni, l'assenza di peso e la straordinaria possibilità di passare attraverso le cose.... Tutte le notti l'uomo viaggia in astrale e sarebbe una cosa normalissima se solo ne fosse cosciente quando vive l'esperienza, ma a pensarci da svegli razionalizzando le idee appare impossibile, e proprio per questo che lo scopo di imparare ad uscire volontariamente dal proprio corpo e quello di diventare coscienti di quello che facciamo e non di farlo trasformare dal nostro io in forma di sogno......
---------------------------------
Titolo: IL VIAGGIO DELLA COSCIENZA UNIVERSALE
Libro intro: INDICE Dedica Introduzione Capitolo primo Il concetto di Exoconsciousness Capitolo secondo La meditazione è la chiave per il primo contatto Capitolo tre Tradizioni spirituali-Importanti contattati Capitolo quarto La civiltà di Agartha Capitolo cinque La Federazione Galattica di Luce e la verità sugli Ufo Capitolo sei Shamballa: uno stato di coscienza Capitolo Sette Il futuro della Terra: Il Grande Risveglio dell’Umanità e lo stato di super-coscienza Capitolo otto L’operazione ‘First Contact‘ e La Fratellanza Universale della Pace Capitolo Nove La liberazione dell'umanità. INTRODUZIONE Nel 1993, all'età di diciassette anni, iniziai a studiare il fenomeno delle possibili forme di vita cosciente in altre parti del cosmo e, allo stesso tempo iniziai anche a studiare il Misticismo ed a praticare le tecniche mistiche orientali. Iniziai a leggere libri come ‘Viaggio a Shamballa’ e ‘Angeli in astronave”, a studiare le filosofie Buddista e Indùista ed a praticare la meditazione ed il mantra. Già allora subito intuii la connessione fra i due campi: l'esperienza mistica e la vita extraterrestre. Trovai alcune sorprendenti conferme delle mie intuizioni in quei libri che stavo leggendo. Ad esempio, in ‘Viaggio a Shamballa’ si dice che alcune delle entità che noi chiamiamo extraterrestri sono mistici provenienti da altri pianeti che vengono sul pianeta Terra senza bisogno di alcuna tecnologia, utilizzando semplicemente i loro stessi corpi astrali, la loro coscienza. In tutti questi anni ho continuato i miei studi esoterici e filosofici a cui ho aggiunto due lauree: mi laureai nel 2002 in 'Lingue e Civiltà Orientali' e 'Scienze Comparate delle Religioni e delle Culture '. Sin da ragazzo sono stato anche a conoscenza delle esperienze dei grandi contattati come Giorgio Bongiovanni e canalizzatori come Ramtha ed ho praticato Sadhana (disciplina yogica) dal 1993 con un maestro Siddha completamente Realizzato. Essendo stato sempre affascinato dal misticismo trovai la mia strada nel Siddha Yoga, un percorso spirituale molto antico e sacro che risale ai grandi maestri mistici cosmici del passato come il Mahavatar Babaji, Babaji è parte della famiglia di Shamballa, e quindi egli collega i due campi: la Mistica e la vita extraterrestre (essendo Shamballa una famiglia di Maestri mistici Realizzati provenienti da questo ma anche da altri pianeti). In questo libro ho intenzione di illustrare ampiamente e chiaramente il vasto collegamento tra la mistica e la vita extraterrestre, dimostrando che la chiave per comprendere la vita extraterrestre è lo stato di supercoscienza chiamato in oriente lo stato ‘Turiya’ (Induismo) oppure il ‘Quarto’ (Buddismo) e che la chiave per vivere il primo contatto è il misticismo. Innanzitutto, nel primo capitolo, introdurrò il lettore al concetto di ‘Exoconsciousness’. Poi, nel secondo capitolo, spieghero’ l'importanza del misticismo affinchè l'umanità possa comprendere la vita extraterrestre e le esperienze di primo contatto con forme di vita intelligenti nell'universo. Nel terzo capitolo illustrerò uno studio comparativo dei testi religiosi di diverse tradizioni spirituali sulla Terra riguardo alla presenza extraterrestre. A questo aggiungerò i contattati più importanti sul nostro pianeta oggi. Nel quarto capitolo mi dedichero’ a descrivere la realtà dell’ Agartha. Nel quinto capitolo introdurrò il lettore alla realtà della Federazione Galattica di Luce e collegherò il fenomeno degli Ufo con il fenomeno dei nostri stati di coscienza. Nel sesto capitolo mi dedichero’ a descrivere la realtà di Shamballa. Nel settimo capitolo cercherò di illustrare il futuro dell'umanità nella mia personale comprensione. Nel capitolo otto presenterò la 'Fratellanza Universale della Pace', ambasciata della Terra nella Federazione Galattica di 4 Luce. Infine, nel nono capitolo concludo descrivendo le chiavi per arrivare alla liberazione dell'umanità sul nostro pianeta. L'importanza di questo libro per l'umanità è che esso mostra chiaramente il legame tra misticismo e vita extraterrestre: il fatto che mentre alcune delle entità che noi chiamiamo extraterrestri utilizzano la tecnologia materiale al fine di venire a visitare il pianeta Terra, ci sono invece altri che non ne hanno bisogno perché sono mistici da ogni parte del Cosmo che hanno trasceso il tempo e lo spazio, realizzando la loro vera natura: Infinita Coscienza Eterna. Pertanto le due realtà del misticismo e della vita extraterrestre si fondono. Questa comprensione libererà l'umanità del pianeta Terra dall' illusione dell’ identificazione con il tempo e lo spazio fisico. L'importanza di questo libro per l'umanità è, inoltre, che servirà come base filosofica e struttura per la nascita della 'Fratellanza Universale della Pace', quindi, avrà un impatto incredibile sulla nostra civiltà in questo passaggio alla nuova er...
---------------------------------
Titolo: IL VIAGGIO DI CASTANEDA
Libro intro: Carlos Castaneda è un antropologo peruviano scomparso di recente che negli anni 60, interessato allo studio dell'uso delle piante medicinali fra gli indios del Messico, si recò in questo paese e lì conobbe un indio yaqui del Messico settentrionale, don Juan Matus. Questi esercitava un'arte ancestrale, nota ai nostri giorni come stregoneria, che si ritiene sia una forma primitiva di scienza medica e psicologica, ma che di fatto è una tradizione di praticanti estremamente autodisciplinati e di pratiche estremamente raffinate. Mentre i primi due libri scritti da Castaneda descrivano prevalentemente le sue esperienze "diverse" con l'uso delle cosiddette "piante di potere", cioè la Datura inoxia, nota anche come l'erba del diavolo, la Lophophora williamsii nota come peyote, e un fungo allucinogeno del genere Psilocybe, nel terzo volume si trascende quel tipo di esperienza, dalla quale Castaneda decide risolutamente di distaccarsi, e l'autore descrive minuziosamente il suo lungo e affascinante tirocinio di apprendista stregone. Infatti Castaneda, che all'inizio pensava di utilizzare Juan Matus come informatore della matrice culturale della stregoneria, continuando a lungo a considerarsi solo un antropologo, alla fine, sotto l'influenza della potente personalità dell'indio, si sentì irrimediabilmente costretto a diventarne un adepto. Il suo lavoro di antropologo si trasformò in quello di un autobiografo, in quanto, dal momento in cui sentì operare in se' questo cambiamento come risultato dell'adozione di un insieme concatenato di idee e di pratiche aliene, si sentì anche spinto a riferire tutto quanto gli stava accadendo. In altre parole il sistema di credenze che voleva studiare lo fagocitò. Da quel momento divenne allievo di don Juan e di un altro indio mazateco del Messico centrale, don Genaro Flores, che lo iniziarono ai loro segreti. I libri di Castaneda non contengono conoscenza, ne parlano, ma non lo sono in se stessi. Per raggiungere la conoscenza bisogna mettere in pratica ciò che essi suggeriscono. La "stregoneria" qui descritta non è ciò che noi crediamo nel contesto del nostro mondo quotidiano, cioè l'uso sull'uomo di poteri che travalicano l'umano, o l'evocazione degli spiriti con incantesimi, amuleti o rituali che creino effetti soprannaturali. Per don Juan la stregoneria era l'atto di incarnare alcune speciali premesse teoriche e pratiche sulla natura, e il ruolo della percezione nel plasmare l'universo intorno a noi. Si avvicina per un certo verso allo sciamanesimo, anche se ha una caratteristica unica e inconfondibile. In "Viaggio a Ixtland", Castaneda riferisce le lezioni, i presagi, gli esercizi per il corpo e per la mente, le ardue prove, le semplici e tuttavia misteriose dimostrazioni, le straordinarie visioni ed esperienze con cui i suoi maestri lo prepararono al compito di percepire le cose come sono, invece di descriverle con le parole, le convenzioni e gli standard dei luoghi comuni e del linguaggio stereotipato. Questo è il primo presupposto della stregoneria. Per don Juan Matus il mondo non è fatto di oggetti, ma è fatto di campi di energia che egli chiama "le emanazioni dell'aquila". Tali emanazioni sono raggruppate in grandi grappoli o fasce(48) nelle quali formano mondi indipendenti tra loro. All'interno di una di queste bande c'è una fascia particolare, la banda dell'uomo, che determina gli stretti limiti delle percezioni conosciute come la coscienza normale, il "tonal", il lato destro. Le emanazioni che si trovano al di là della banda dell'umanità costituiscono l'ignoto propriamente detto e non vengono mai allineate dalla gente comune. Sono chiamate il "nagual", la realtà separata, il lato sinistro. Il fattore che determina quali emanazioni saranno selezionate o allineate è chiamato "punto di unione" , che è una proprietà della consapevolezza di selezionare le emanazioni atte a produrre la percezione simultanea di tutti gli elementi che costituiscono il mondo oggetto della percezione. Il tipo di allineamento, quindi di percezioni, è dato dalla "posizione del punto di unione". Per uno stregone il mondo della vita quotidiana non è quindi reale come lo crediamo, ma è solo una descrizione che ci è stata inculcata fin dal momento della nostra nascita. Infatti chiunque venga in contatto con un bambino è un maestro che gli descrive incessantemente il mondo, fino al momento in cui il bambino è capace di percepire il mondo come gli è stato descritto. Da quel momento il bambino è un membro del mondo, e conosce la descrizione del mondo, descrizione che si convalida quando, conformandosi a quella descrizione, diventa capace di trarre tutte le appropriate interpretazioni percettive. Da quel momento, la realtà della sua vita consiste in un interminabile flusso di interpretazioni percettive. La premessa di base della stregoneria e la affermazione che don Juan faceva di continuo al suo riluttante novizio, era ch...
---------------------------------
Titolo: ILLUMINAZIONE
Libro intro: L’illuminazione è coscienza dello stato di conoscenza diretta di te stesso, così come tu veramente sei 2 Che cos’è lo stato di conoscenza diretta Quando pensiamo al processo attraverso cui conosciamo qualcosa, immaginiamo il nostro cervello che elabora informazioni ricevute coscientemente attraverso i sensi. La conoscenza diretta invece, non coinvolge la coscienza, i sensi e il cervello. Si avvicina molto a come il dizionario definisce la parola intuizione: «il potere della mente attraverso il quale è immediatamente percepita la verità delle cose senza ricorrere al ragionamento e all’analisi; conoscenza immediata opposta a conoscenza mediata (indiretta, dipendente da qualche processo)». La differenza tra conoscenza diretta (così come l’espressione è usata in questo Manuale) e intuizione sta nel fatto che l’intuizione è un potere della mente di conoscere le cose del mondo, mentre la conoscenza diretta è un potere del vero individuo di conoscere veri individui. La conoscenza diretta è semplicemente conoscere, così come potete conoscere qualsiasi altra cosa che non richiede processi di pensiero — per esempio il vostro nome, dove si trova la cucina a casa vostra o come andare in bicicletta. La conoscenza diretta però differisce da questi esempi in quanto ognuno di essi ha richiesto un apprendimento precedente prima di entrare nel reame della conoscenza intuitiva, mentre l’abilità fondamentale, di ognuno di noi, di conoscere direttamente è atemporale e si esprime nell’eterno reame del vero individuo....
---------------------------------
Titolo: ILLUMINAZIONE : INTERVISTA A SATI DI SERGIO CIPOLLARO
Libro intro: PREMESSA Lo stato di unione; lo stato di non-dualità; lo stato in cui il soggetto percipiente, l?oggetto percepito e i processi di percezione svaniscono; lo stato in cui si conosce attraverso se stessi, per identità, e non attraverso i sensi e la mente; lo stato in cui le categorie dell?esistenza duale: tempo spazio, materia, energia, scompaiono; lo stato in cui uno non pensa: «Oh, sto avendo un?esperienza diretta», perché nessun io e nessun altro esiste su quel piano, infatti pensieri del genere compaiono solo dopo che uno è uscito dallo stato di unione, anche chiamato samadhi, satori, illuminazione, esperienza diretta, conoscenza diretta ecc. Ho avuto la fortuna, o la grazia, di avere diverse esperienze di questo tipo negli Intensivi di Illuminazione. Poiché nello stato non-duale si è uno con tutto - anzi non c?è nessuno tutto, ma solo Uno ? giunsi alla conclusione che anche l?atman (anima, individuo) fosse parte dell?illusione. La mia interpretazione dell?esperienza non-duale era d?altra parte supportata da una nutrita letteratura spirituale; sentenze e metafore come: «Atman e Brahman sono uno!», «La goccia che si fonde all?oceano divenendo oceano essa stessa» ecc. sembravano confermarmela. Poi lessi su Revealing the secret (La rivelazione del segreto) una nota di Yogeshwar (Charles Berner) sul samadhi (1a sezione, verso 2): «Essere uniti a Dio non significa che uno si estingua in qualche altruità divina chiamata Dio, e che quindi cessa di esistere, o che uno diventa Dio e che tutti gli altri cessano di esistere. Vuol dire accettare pienamente se stessi come veramente si è e tutti gi altri come loro veramente sono. L?individuo ha una sua identità, la cui vera natura divina è uguale a quella di tutti gli altri individui. Cosa ognuno di noi veramente è, è un individuo divino. Ecco perché quando accettiamo tutti gli altri individui, questo è chiamato unione divina o yoga. Lo yoga non è un stato mentale. Ogni nostra accettazione evolve realmente il mondo, compreso il nostro corpo e la nostra mente. Ciò è perché il mondo in effetti non è altro che la manifestazione del grado di accettazione e/o non-accettazione di ogni individuo divino verso se stesso e gli altri; perciò l?accettazione di tutti gli individuo divini o la non-accettazione di alcuni individui divini influenza la manifestazione. Nel processo yogico, il proprio corpo diventa divino, e quando questo processo si completa, ci veniamo a trovare nel nostro stato naturale di completa onniscienza e completo amore divino». Non mi erano per nulla chiare le parole di Yogeshwar, sembravano non rispondere alla mia personale esperienza di sadhaka (chi segue una pratica spirituale). Inoltre lo stesso Kripalvananda in quel libro scrive che l?esperienza del Nulla o Vuoto come realtà ultima è un?esperienza parziale. Finalmente ebbi la grazia di essere accettato come allievo da Mona Sosna, il cui nome spirituale è Sati. Sati è essa stessa allieva di Yogeshwar e praticante la Meditazione Naturale (o Sahaja Yoga) da più di trant?anni. Ella mi spiegò che quella nota derivava dalla comprensione sull?Illuminazione maturata da Yogeshwar, da lui trattata in un suo lavoro non ancora pubblicato dal titolo: Lila (gioco). In questo scritto, Yogeshwar, che è Dott. in fisica, si avvale della meccanica quantistica per spiegare la sua metafisica. Gli individui, anzi noi, siamo esistenze non-fisiche, oltre il tempo e lo spazio, oltre l?energia e la materia; unici, indivisibili, imperituri ed eterni. Siamo identici nella 2 nostra essenza, ma diversi nelle nostre identità; possiamo infatti scegliere diversamente. «La libertà di scelta» è connaturata alla nostra stessa essenza divina, e non è condizionabile, in ultima analisi, da nessuno e da alcunché. Noi abbiamo la facoltà di conoscere direttamente o di non conoscere direttamente noi stessi e tutti gli altri. Quando siamo nello stato diretto, o samadhi, noi siamo in completa relazione con tutti gli altri individui. Lo stato diretto è infatti uno stato di assoluta relazione che si rende possibile grazie a una grande apertura-accettazione-abbandono alla verità. In questo stato ogni distanza è vanificata e noi sperimentiamo l?unicità; ma Yogeshwar non ama usare la parola «unicità» (oneness in inglese), perché ritiene sia fuorviante, in quanto la verità è che noi siamo molti, ed abbiamo la facoltà di entrare in assoluta relazione, o stato diretto, o samadhi, scegliendo di conoscere direttamente. Ovviamente perché ciò avvenga stabilmente è necessario un percorso, ma la base di questo percorso è la completa accettazione dell?altro e di noi stessi così come veramente siamo. Riflettendo su quanto Sati mi disse considerai che il dharma (l?etica universale) non avrebbe alcun senso se gli altri fossero illusori. Sati mi fece ancora notare che quando Kripalvananda usa l?espressione «Grande Dio», stante alla visione di Yogeshwar, si...
---------------------------------
Titolo: ILLUMINAZIONE E SIGNIFICATO
Libro intro: Che cos'è l'Illuminazione? Intervista ad Avasa Siddhi Dafna Moscati È difficile spiegare la sensazione, era come se il mio normale modo di ragionare si fosse spostato e fosse diventato più globale. Vedevo le cose da un punto molto più globale. Sapevo che qualcosa stava per accadere. Lo potevo sentire. Tutto quanto fuori era in sincronicità con ciò che sentivo dentro.... Tratto da "Che cos'è l'illuminazione, Le interviste integrali a 10 maestri Illuminati Viventi" di Siddhi Dafna Moscati - Macro Edizioni. Intervista ad Avasa (Amarti, Toscana, 2005) Che cos’è l’Illuminazione? È svegliarsi finalmente alla realizzazione che “non c’è nessuno nel corpo”, e che quella cosa a cui ti riferivi come “me” o “io” non c’è, non è ciò che credevi fosse. È risvegliarsi all’improvviso al fatto che, quando usi la parola “me” o “io”, il “tu” che la sta usando è in realtà la Sorgente dell’Universo stesso che si riferisce a se stessa. Questo è il perché “Me”, “Io”, sono il sacro nome, la parola sacra. In tutte le scritture è detto che solo Dio può nominare il sacro nome di Dio. L’uso della parola “Me”, “Io”, si riferisce al vuoto che è il corpo e in cui vive, il vuoto della mente che appare. L’illusione è che ci sia qualcuno all’interno del corpo-mente che si riferisca a stesso con queste parole. Ma noi non siamo qualcuno, noi siamo nessuno che vive attraverso i “qualcuno”, che gioca con loro, danza con loro... Quindi, la risposta alla tua domanda è che l’Illuminazione è quel momento in cui la Consapevolezza si risveglia al fatto che c’è solo la Consapevolezza che vive attraverso la forma umana, e che la Consapevolezza stessa originariamente credeva di essere qualcuno, qualcosa all’interno di questa forma. Questi sono dei tubi sacri (toccando il suo corpo e il mio N.d.A.), questi sono tubi sacri! Il respiro del Divino scorre attraverso essi tutto il tempo... Esiste solo il Divino qui, che vive la vita attraverso la forma umana, per il divertimento della vita. Non so nulla di te: com’era la tua vita prima dell’Illuminazione? Questo incuriosisce molte persone, perché nella mente di molti c’è l’idea che ci sia una certa strada da percorrere per arrivare “là”, ed essere consapevoli che naturalmente ognuno può arrivare “là” in un modo molto diverso. Questo è il problema con la parola “Là”, non è vero? “Là” è sempre “qua”! Penso che molte persone abbiano avuto un’infanzia molto difficile, ciò confonde molto... E c’è stata molta sofferenza là... Penso che questo sia vero per la maggior parte delle persone. Io ho dovuto veramente mettere in discussione molto fin dall’infanzia, molte cose... E questo è vero per molte persone che arrivano al Satsang, o che partecipano a dei ritiri... Questo investigare è già l’inizio del cammino spirituale, non è un cammino che scegli. È già predisposto......
---------------------------------
Titolo: IMPARARE A MORIRE PER IMPARARE A VIVERE
Libro intro: VEETMAN Masshoefer è discepolo di Osho dal 1978, è direttore dell' Institute for Living and Dying. Ha lavorato in tutto il mondo con processi sulla morte e il morire, trasformazione e meditazione. Ha creato la meditazione "BARDO- Il risveglio dal sogno". Tutte le paure si radicano nella paura di morire. Aiutare il processo del morire con serena consapevolezza diventa terapia di vita e sostegno a chi deve effettivamente affrontare l'esperienza della morte. Il processo di cura proposto dal dott. Masshoefer comprende tecniche di ipnosi ed esperienze di meditazione, l'obbiettivo è aiutare a riconoscere il proprio sé profondo che trascende la morte e distaccarci dall'identificazione con il corpo e la mente che tra breve o tra lungo tempo si dissolveranno. 2 Inoltre il gruppo di ricerca diretto dal dott. Masshoefer utilizza e sta rielaborando l'antica conoscenza tibetana del Bardo, riconoscendole valore universale comprovato dalle esperienze contemporanee riportate da persone vicine alla morte che hanno fatto ritorno alla vita. Masshoefer ha una formazione in psicologia e sociologia. E' da molti anni discepolo di Osho Rajneesh ed ha approfondito la propria formazione psicologica attraverso l'ipnosi e molte tecniche corporee. Pratica da molti anni in Germania e altrove, per dare aiuto nel processo del morire con gruppi e individualmente, sta organizzando un centro rivolto a persone vicine alla morte e che vogliano essere condotte in quest'esperienza con serena consapevolezza e rispetto. Masshoefer svolge anche un lavoro di formazione professionale per persone interessate a sostenere ed aiutare chi sta per morire. Domanda: Quali studi hai compiuto? Masshoefer: Ho studiato In Germania psicologia e sociologia, poi sono diventato musicista! Domanda: Quindi all'inizio non lavoravi come psicologo? Masshoefer: No, ho preso la laurea e poi mi sono fermato per fare altre esperienze. Sono diventato discepolo di Osho Rajneesh e per alcuni anni la terapia l'ho fatta su me stesso... molto intensamente. Domanda: E poi in che direzione hai cominciato a lavorare? Masshoefer: Prima lavoravo con le terapie corporee: massaggi, shatstu, T'ai Chi, insegnavo T'ai Chi. Diciamo che avevo un indirizzo Zen. In Germania verso il 1980 questo tipo di lavoro terapeutico era ancora abbastanza nuovo. Conducevo anche gruppi di "encounter", poi per otto anni ho fatto gruppi e sessioni di de?ipnosi. Alcuni anni fa ho partecipato a un training professionale di ipnosi con Elisabeth Michaels di Seattle (Washington, Usa). Meditare è un po' morire Domanda: Come ti sei orientato verso la morte e il processo del morire? Masshoefer: Sono sempre stato molto toccato dalla morte perché già molto presto sono morte persone che mi erano vicine, e più tardi quando facevo il musicista anche alcuni miei cari amici sono morti. Mi sono sempre confrontato con la morte e quando ho iniziato ad sperimentare il processo di meditazione ho scoperto che è un esperienza simile alla morte. Una vecchia parte di me doveva morire, era piuttosto doloroso, ogni persona che medita conosce quest'esperienza. Non sapevo veramente cosa fare! Ho iniziato in qualche modo e subito tutto accadeva in modo molto naturale. E' come lavorare con l'ipnosi quando emergono molte cose dal tuo inconscio e scopri la profondità della mente inconscia. Sentivo che esisteva un legame molto forte fra il lavoro sull'inconscio e la morte. Una volta un bravo astrologo ha studiato il mio tema natale e mi ha detto che questo era il mio lavoro, che dovevo lavorare con l'inconscio, con la morte e con persone che stanno morendo. Mi disse che questo lo sapevo già e che era il mio lavoro in questa vita.......
---------------------------------
Titolo: IMPORTANZA E IMPIEGO DELLA PREGHIERA NELLA PRATICA MEDICA
Libro intro: La Scienza e l’Arte della Preghiera o come rendere la Preghiera conscia, viva ed efficace Peter Roche de Coppens, Ph.D. I. INTRODUZIONE Nel 21° secolo la vita certo non diventa più facile nè piacevole! Invece, tutto sembra diventare sempre più complicato, iperazionalizzato e iperburocratizzato, in particolare la medicina e la sanità. Negli Stati Uniti quando una persona si reca ad una visita medica, soprattutto per la prima volta impiega più tempo per rispondere a domande sempre crescenti e a riempire vari formulari burocratici che non per la visita medica stessa.... Nel mondo, la sovra-scelta così come la crisi di fiducia non fanno altro che aumentare. Questo porta con sè un inevitabile incremento di angoscia e di stress che abbassa la nostra Vis Medicatrix Naturae (ossia il nostro sistema immunitario, ormonale, nervoso e circolatorio, i nostri veri “agenti di guarigione” che lavorano senza tregua per ristabilire l’armonia e quindi la salute nel nostro corpo e nella nostra psiche) rendendoci più fragili e vulnerabili ai vari pericoli ed attacchi, sempre più numerosi nel nostro ambiente. Una volta, quando ero bambino e particolarmente in Europa dove la medicina era più una vocazione che una professione, quando andavo dal medico o il medico veniva a casa nostra, tutti erano più tranquilli e fiduciosi, io in particolare. Pensavo: se esiste un problema, il bravo medico lo troverà e lo risolverà. E credo che la maggioranza delle pensava e reagiva così. Oggi, invece, ed in particolare negli Stati Uniti, dove si spendono più soldi pro capite per la salute che altrove, ma dove la longevità e la qualità della salute sono ad un livello inferiore rispetto ad altri paesi meno professionalizzati e tecnologicizzati, è il contrario. Andare dal medico significa accrescere notevolmente l’ansietà, lo stress, e l’insicurezza di una persona con risultati immediati sulla Vis Medicatrix Naturae che, tuttavia raramente sono riconosciuti come tali! Cosa ho? Che cosa troverà il medico? Che test mi farà fare? Quanto mi costerà tutto questo in tempo, stato emotivo e danaro? Cosa mi faranno e questo sarà pericoloso e doloroso? Infine e più importante, mi posso veramente fidare del medico, dei suoi test, rimedi e terapie? Ecco le tipiche domande che sempre di più la gente si pone e che non esita a trasmettere agli altri, in particolare a me. In poche parole, penso che viviamo in un' epoca molto particolare, assolutamente non normale, fatta di grandi cambiamenti e passaggi che richiedono veramente il meglio delle persone non solo per vivere bene ma anche soltanto per sopravvivere! Che ne siamo consci o no e che lo vogliamo o meno, dobbiamo tutti fare fronte a tre grandi problemi caratteristici della nostra epoca: 1. La sovra-scelta: In tutti i campi senza eccezioni e quindi anche in quelli della salute esistono sempre maggiori opzioni e scelte possibili. Come discernere quello che è veramente meglio o anche buono per noi da quello che lo è meno? La nostra ragione da sola non può darci una risposta soddisfacente! 2. La crisi di fiducia o quello che chiamo la “corruzione degli esperti”: in chi possiamo avere fiducia e a che livello? Le persone che possiedono diplomi e lauree accademiche non sono necessariamente competenti, buone, o affidabili e possono commettere grossi sbagli. 3. L’iper-razionalizzazione di tutte le attività umane: La mente prende sempre più spazio ed energia e sostituisce pensieri e teorie alla realtà che, invece, è molto più grande e complessa. Sarebbe come pretendere che la fotografia di qualcuno sia la persona stessa in carne ed ossa!......
---------------------------------
Titolo: INCONTRI CON UOMINI STRAORDINARI
Libro intro: Indice RISVOLTI PREMESSA ALL’EDIZIONE FRANCESE NOTA HYPERLINK REFHEADING__5120_1393844787" DI JEANNE DE SALZMANN E HENRI TRACOL INTRODUZIONE MIO PADRE IL MIO PRIMO MAESTRO BOGA?EVSKY IL SIGNOR X... OSSIA IL CAPITANO POGOSSIAN ABRAM YELOV IL PRINCIPE YURI LUBOVEDSKY EKIM BEY PIOTR KARPENKO IL PROFESSOR SKRIDLOV IL PROBLEMA ECONOMICO Gurdjieff è una delle più enigmatiche e soggioganti figure che abbiano traversato questo secolo. Per molti, incontrarlo volle dire « cambiare la vita», imparare a essere : fra questi René Daumal, Katherine Mansfield, il filosofo Ouspenskij. E molti furono anche i suoi nemici e denigratori, che videro in lui soltanto un mistificatore dai pericolosi poteri. Quando Gurdjieff arrivò in Francia, nel 1922, accompagnato da un piccolo gruppo di seguaci, già lo precedevano disparate leggende. A Parigi, in breve tempo, dopo che egli ebbe costituito la comunità del Prieuré, presso Fontainebleau, si cominciò a parlare di lui come di un maestro inaudito e sconcertante, che insegnava innanzitutto - con l'ausilio di tecniche che sembravano collegate ad antichissime dottrine orientali — a risvegliarsi da una vita di automi addormentati. Tale, infatti, egli giudicava la vita normale degli occidentali. Da quel momento fino alla morte, avvenuta a Parigi nel 1949, l'insegnamento di Gurdjieff si diffuse capillarmente, toccando le persone più diverse: e tutt'oggi i suoi seguaci sono sparsi in ogni parte del mondo. Con Incontri con uomini straordinari, pubblicato postumo nel 1960, Gurdjieff non ci introduce soltanto al suo insegnamento, ma solleva il velo sulla sua vita precedente all'arrivo in Francia. Per lui, comunque, come per i sapienti antichi, velare e svelare sono lo stesso gesto, sicché tutto si troverà in queste memorie salvo un taglio di esattezza documentaria: questi ricordi, strabilianti come un sontuoso romanzo d'avventure, animati in ogni riga da una sapiente buffoneria e da un'ispida bruschezza, raccontati nella stessa maniera che usava nella vita, « con una semplicità orientale che sconcertava per la sua apparenza di ingenuità», sono per Gurdjieff innanzitutto uno strumento per iniziare il lettore alle sue dottrine, per sottoporlo a una serie di chocs e di paradossi che possono orientarlo verso il risveglio. Dal padre di Gurdjieff, splendida figura di cantore mediorientale, ai suoi imprevedibili amici e compagni in spedizioni nel cuore dell'Asia, alla ricerca della Conoscenza nascosta, vediamo sfilare davanti ai nostri occhi una serie di persone che hanno come una dimensione in più del reale, un po' come la coscienza nel senso di Gurdjieff ha tutt'altra dimensione rispetto alla coscienza nel senso comune. Ognuna di queste figure si impone con la concretezza dei più felici personaggi romanzeschi, ognuna contribuisce per la sua parte a illuminare in una certa prospettiva un insegnamento che mette tutto in causa, ognuna infine rispecchia, in una moltitudine di sfaccettature, il personaggio che sta al centro e parla — e indubbiamente è il più straordinario di tutti: Gurdjieff stesso, l'inconoscibile Gurdjieff. ...
---------------------------------
Titolo: INCONTRO CON L'ANDROGINO - ESPERIENZA DI COMPLETEZZA SESSUALE
Libro intro: DI E. ZOLLA L’archetipo dell’androgino si aggira per le terre. Gli uomini, toccati dalla sua ombra, si addolciscono e allentano la presa sui loro rudi e contratti ruoli e convincimenti maschili. Le donne si risvegliano a nuovi spazi, nitidi e glaciali, a piani di precisa coordinazione in cui cominciano a tracciare con calma il proprio cammino. In una prospettiva metafisica, l’incontro con l’androgino è sempre stato inevitabile. Quando la mente s’innalza al di sopra dei nomi e delle forme, non può che toccare il punto in cui anche le divisioni sessuali vengono superate. Sulla via verso la trascendenza totale, i mistici incontrano l’esperienza visionaria dell’amore e del matrimonio divino, in cui essi divengono le estatiche spose della divinità. Nella maggior parte dei sistemi religiosi l’androgino è simbolo dell’identità suprema e rappresenta il livello dell’essere non-manifesto, la sorgente di ogni manifestazione, che corrisponde numericamente allo zero, il più dinamico ed enigmatico dei numeri, somma dei due aspetti dell’Unità: + 1 - 1 = O. Lo zero simboleggia l’androgino in quanto origine della numerazione, della divisibilità e della moltiplicabilità. Nella metafisica dell’induismo la polarità dell’essere, rappresentata da Siva e Sakti, diviene, a un livello più alto, pura unità e si fonde nell’androgino Ardhanàrisvara. Nello Satapatha Brahmano, gli dei e i demoni gareggiano fra di loro. Il dio Indra dice «Uno» nella forma maschile (eiea) e i demoni rispondono «Una», al femminile (ekà). Indra dice 11 «Due», duale maschile (dvau), ed essi rispondono con il duale femminile (Ave). Ma, quando si arriva al cinque (panca), i demoni sono ridotti al silenzio. Il cinque è al di sopra dei generi: contiene sia il dispari sia il pari (3 + 2), la divisione e il contrasto; con il cinque i quattro quadranti si riuniscono al centro (4 + 1 ) nel cuore. Il cinque simboleggia l’androgino come punto di arrivo, come ritorno dalla polarità all’unità. Calato dalla sfera delle premesse metafisiche al fluttuante livello dell’esistenza psichica, e al nostro presente contesto, l’archetipo suggerisce qualcosa come il mondo di elfi degli assistenti di Belinda in II ricciolo rapito di Alexander Pope. For spirits, freed from mortal laws, with ease Assume what sexes and what shapes they please. (Perché gli spiriti, liberi dalle leggi mortali, / assumono facilmente il sesso e la forma che desiderano.) E la fluida bisessuale sensibilità di Orlando, il personaggio di Virginia Woolf, sembra appunto realizzare questo programma. Oggi, mentre declinano i legami familiari e l’etica del lavoro, ad essi si va sostituendo un ideale di vita più nomade, fatto di legami fluttuanti, della ricerca di esperienze religiose e di insegnamenti metafisici. L’eroe dei nostri tempi non s’identifica con alcun ruolo ed è sempre pronto a entrare in trance e a esplorare livelli inconsueti dell’essere. E in grado di disattivare le strutture di pensiero concettuali, binarie, ed è perciò capace di reggere le situazioni di non-dualità, di massima simmetria, che dominano l’immaginazione letteraria ‘post-moderna’. Non prova ansia di fronte agli ibridi, e accoglie serenamente l’insegnamento metafisico del Brahma di Ralph Waldo Emerson secondo cui:...
---------------------------------
Titolo: INDACO – L'EVOLUZIONE DEL PENSIERO
Libro intro: La mente è uno dei nostri più potenti strumenti. Le strabilianti capacità della mente hanno assicurato a molti della nostra specie un livello straordinariamente elevato di sfarzo e sicurezza. Ultimamente giungono, però, segnali sempre più forti che queste applicazioni del pensiero hanno raggiunto un limite. L’abilità della nostra mente di preservarci dal pericolo, sostenerci nella ricerca di cibo, riparo e calore ha perso significato. È passato molto tempo da quando solo alcune specie si trovavano in pericolo per le nostre strategie di sopravvivenza vincenti. Ora, queste minacciano l’intero pianeta, e con esso la nostra stessa esistenza. Molti di noi lo vedono chiaramente, eppure si sentono impotenti. La nostra brama di sicurezza e lusso è troppo forte. Gli sforzi necessari per promuovere un cambiamento sembrano senza speranza; le cause e le concause che hanno prodotto questa situazione sembrano essere troppo complesse. Contemporaneamente, sempre più persone divengono consapevoli della propria realtà interiore e comprendono che è necessaria una trasformazione in ciascuno di noi perché un cambiamento sia possibile. Ascoltiamo noi stessi e ci rendiamo conto di come il caos del nostro pianeta si riflette in un analogo caos interiore: autostrade per il pensiero, fiumi tossici di sentimenti, sistemi anti-missile per le emozioni. La mente, servo fedele e nostro più importante strumento, è diventata un tiranno; i suoi mutevoli umori, insistenze, paure ed idee ridicole ci tengono saldamente in scacco. Il paradiso in terra, che abbiamo desiderato costruire con l’ausilio della nostra mente, sembra un miraggio, sempre sospeso sopra l’orizzonte, a dispetto di quanto corriamo veloce e di quanto andiamo lontano. Sempre più persone percepiscono che questo stato di cose non è sano. Quando chiudono gli occhi in cerca di pace, tutto ciò che trovano è una mente nervosa e senza riposo, occupata con cose di poco conto. Al più, imparano una tecnica di meditazione che consente loro alcuni momenti di pace; una breve pausa prima che il carosello cominci nuovamente. Conoscenza = Razionalità? Il rapido sviluppo delle nostre capacità cognitive ha drammaticamente mutato la nostra percezione del mondo, della realtà. Diciamo che sapere è potere; la nostra conoscenza ci ha in effetti resi progressivamente più potenti. Abbiamo sviluppato un sempre maggior potere di vita e di morte e soggiogato la natura; questo è il genere di potere che la conoscenza ci ha portato. Cosa intendiamo, quindi, quando parliamo di conoscenza? Ogni applicazione della mente, ogni bit di conoscenza, conducono necessariamente a questo genere di potere? Nella nostra cultura, conoscenza è quasi divenuto sinonimo di razionalità – fatti, argomenti logici, prove e scoperte scientifiche. Più la nostra civiltà ha accumulato questa forma di conoscenza e l’ha resa disponibile al vasto pubblico, più la conoscenza irrazionale è stata repressa. Le forme di conoscenza irrazionale sono comprensioni che possono essere colte solo nella loro esistenza nel momento presente; “è”, quindi “è vero”, potrebbe essere un modo di esprimere il principio della conoscenza irrazionale. di Amana Virani...
---------------------------------
Titolo: INFLUENZA DELLA BIOSFERA SULLA SALUTE
Libro intro: L’OMS (organizzazione mondiale per la salute) ci avverte del fatto che il 90% dei fattori che nuocciono alla salute sono d’origine esogena. Ci viene allora da pensare a fatti come l’inquinamento chimico, il fumo etc…, ma raramente prendiamo in considerazione i campi elettro-magnetici presenti in casa o nella Biosfera. Noi siamo maggiormente esposti all’influenza della Biosfera, in senso positivo quanto negativo, di notte, quando dormiamo. Una Biosfera sana è fondamentale per sentirsi in buona salute. Le influenze negative ci possono fare ammalare e molto gravemente, fino a provocare la nostra morte. Esse rappresentano un ostacolo alla guarigione e provocano ciò che i medici definiscono “resistenza alla terapia” e dolori “con cui bisogna imparare a vivere”. Non si tratta di misteriose onde telluriche ma d’influenze elettromagnetiche il cui effetto sui nostri organi e le nostre cellule è misurabile. Le onde cosmiche che giungono fino a noi nelle nostre case sono eccessivamente indebolite da molti materiali da costruzione, mentre bisogna lasciarle “filtrare”. Le radiazioni negative e patogene invece, non si eliminano con la magia, ma la loro risonanza nociva con il nostro corpo può essere eliminata, e questo è estremamente importante. Per comprendere questo è allora opportuno sapere come funziona il magnetismo cellulare....Walter Kunnen...
---------------------------------
Titolo: INIZIAZIONE - DI STEINER
Libro intro: COME SI CONSEGUE LA CONOSCENZA DEI MONDI SUPERIORI - r. steiner...
---------------------------------
Titolo: INIZIAZIONE E REALIZZAZIONE
Libro intro: René Guénon I. Contro la volgarizzazione II. Metafisica e dialettica III. La malattia dell’angoscia IV. La consuetudine contro la tradizione. V. A proposito del ricollegamento iniziatico. VI. Influenza spirituale ed eggregori. VII. Necessità dell’exoterismo tradizionale VIII. Salvezza e liberazione IX Punto di vista rituale e punto di vista morale X. Sulla “glorificazione del lavoro” XI. Il sacro e il profano XII. A proposito di conversioni XIII. Cerimonialismo ed estetismo XIV. Nuove confusioni XV. Sul preteso “orgoglio intellettuale” XVI. Contemplazione diretta e contemplazione per riflesso XVII. Dottrina e metodo XVIII. Le tre vie e le forme iniziatiche. XIX. Ascesi e ascetismo. XX. Guru ed upaguru XXI Veri e falsi istruttori spirituali XXII. Saggezza innata e saggezza acquisita XXIII. Lavoro iniziatico collettivo e “presenza spirituale” XXIV. Sulla funzione del guru XXV. Sui gradi iniziatici XXVI. Contro il quietismo XXVII. Follia apparente e saggezza nascosta XXVIII. Il travestimento “popolare” XXIX. La congiunzione degli estremi XXX. Spirito nel corpo o corpo nello spirito? XXXI. Le due notti XXXII. Realizzazione ascendente e realizzazione discendente...
---------------------------------
Titolo: INIZIAZIONE UMANA E SOLARE : I SEGRETI DELLA INIZIAZIONE
Libro intro: INDICE DEI CAPITOLI I Note introduttive. Pag. 1 II Cos?è l?iniziazione 9 III L?opera della Gerarchia 20 IV La fondazione della Gerarchia 28 V I tre dipartimenti della Gerarchia 37 VI La loggia dei Maestri 50 VII I Il sentiero della prova 63 VIII Il Discepolato 71 IX Il sentiero dell?iniziazione. 82 X Universalità dell?iniziazione 94 XI I partecipanti ai misteri 100 XII Le due rivelazioni 112 XIII Le verghe d?iniziazione 126 XIV La cerimonia del giuramento 142 XV La trasmissione della parola 150 XVI La rivelazione dei segreti 163 XVII Diversi tipi d?iniziazione 176 XVIII I sette sentieri 185 XIX Regole per i candidati 192 Catechismo Esoterico 209 Glossario 214 di ALICE A. BAILEY...
---------------------------------
Titolo: INIZIAZIONI
Libro intro: I Quaderni di Sarmoung n° 11 L'INIZIAZIONE Questa straordinaria conferenza "spirituale", tenuta da Ghislaine Gualdi il 30/11/85, viene proposta dal Gruppo Teosofico Sarmoung ed è dedicata a tutti coloro che si sentono attratti, anche solo per curiosità, a migliorare ed espandere la propria coscienza. SOMMARIO Quali sono le iniziazioni accessibili? 3 Cosa significa la parola iniziazione? 3 I Maestri ci insegnano come essere discepoli 4 Quello che conta è sentirsi parte della realtà cosmica 5 Il segreto per la nostra realizzazione sta dentro di noi 6 La realtà creata da Dio non può essere malvagia 6 Il male e la morte sono creazioni dell'uomo 7 L'iniziazione è un ritorno all'armonia cosmica 7 Le iniziazioni maggiori sono difficili da conquistare 8 I chakras e le iniziazioni 9 Ogni giorno potete avere delle piccole inizizioni 9 LE MANIFESTAZIONI DI SOLIDARIETA' 10 L'uomo sana i disastri causati da altri uomini 11 Date aiuto alle associazioni, ma non è tutto 11 Considerate sempre il lato occulto delle cose 12 LE INVERSIONI DELL'ASSE DELLA TERRA 12 Per quale motivo accadono questi eventi? 12 L'importanza della cintura magnetica di un pianeta 13 LA PSICANALISI 13 Bisogna disfarsi delle vecchie forme pensiero 13 I problemi della coscienza collettiva 14 Le cose brutte del mondo hanno sempre uno scopo 14 Ogni evento ha le sue spiegazioni 14 Sono i Maestri a creare i Raggi di energia 15 LA VEGGENZA 15 Non esistono poteri, ma solo energie 15 Come funziona la veggenza 15 Per chi non funziona la veggenza? 16 Come dovrebbe comportarsi un veggente 17 Tutti hanno diritto di esprimersi, anche i malintenzionati 18 L'UTILIZZO DELL'IPNOSI 18 La pratica dell'ipnosi ha più lati negativi che positivi 18 L'ipnosi toglie all'uomo il suo libero arbitrio 18 È sempre meglio evitare la sospensione della coscienza 19 IL RAPPORTO COL MONDO TECNOLOGICO 19 L'uomo ha scelto di vivere solo per quelle materiali 19 Si può lavorare nella materia e vivere spiritualmente 20 Non fermativi alle scoperte tecnologiche 20 Perché oggi cresce il bisogno di spiritualità? 21 Il futuro vedrà una fusione tra spiritualità e materialità 21 CONCLUSIONI 22 Esercitate la vostra intelligenza tramite il discernimento 22 ...
---------------------------------
Titolo: INSEGNAMENTI DEL TANTRA
Libro intro: Cos'è il Tantra "Quando l'amore ci inonda l'essere e diventa amore illimitato, ci espandiamo in modo euforico dal finito all'infinito" G. Bivolaru In lingua sanscrita, Tantra significa "rete, intreccio" la parola è composta dalla radice "tan" che significa espansione e da "tanto" che significa corda, filo. L'etimologia del termine sesso viene, invece, dal latino sexus, radice sectus = separazione, distinzione. Nella visione tantrica, l'intero universo fisico e mentale è percepito come essendo simile al tessuto in cui le parti si uniscono nell'intero (tutto), e in cui l'intero (il tutto) si riflette in tutte le sue parti. "Tutto quello che è qui è altrove, tutto quello che non è qui non è da nessuna parte". Così, come parte di un Tutto, io partecipo al Tutto. Per il Tantra l'Universo è Coscienza associato ad Energia in modo indissolubile, perciò vi è il rispetto totale di tutta la vita, animale, vegetale o batterica, perciò il corpo diventa un tempio vivente, il nostro essere un microcosmo ovvero, un piccolo universo in miniatura. "Il fine del Tantra è rendere sacra la vita quotidiana, trasformare la coscienza, partendo dal corpo, suo veicolo, per immergerla nello Spirito. Trascendere Maya, per padroneggiare tutti gli aspetti della nostra totalità, quelli materiali come quelli più sottili, significa andare oltre gli istinti e l'Ego, senza condannarli né abbandonarli ma sublimandoli, incanalandoli e dirigendoli verso l'alto, usandoli come mezzi per arrivare a comprendere lo Spirito. Poiché sono anch'essi una sua manifestazione." (Il villaggio del Tantra - Stefano Fusi). Mentre in Occidente l'unione sessuale viene spesso considerata ancora qualcosa di "sporco" o di "proibito", una merce da vendere od una perdizione da evitare, in Oriente è stato trattato per secoli come uno strumento che, attraverso l'unione mistica delle energie maschili e femminili (lo Yin e lo Yang), consente l'elevazione spirituale dell'individuo, in base al presupposto che l'energia sessuale può essere trasformata in energia affettiva, mentale, spirituale. In questo senso, il rapporto sessuale, attraverso l'estasi che consente di raggiungere, diventa un vero e proprio rito alchemico per la trasformazione interiore. Nel Tantra Yoga, l'energia sessuale viene scoperta, trasmutata e sublimata per permettere all'individuo di raggiungere stati elevati di coscienza fino alla perfetta comunione con la Coscienza Universale. È l'unione dei due aspetti Yin e Yang, femminile e maschile, lunare e solare, che porta alla creazione, a tutta la manifestazione. L'unione amorosa "Non gettare questo nettare indifferentemente. È da questa sostanza che lo yogi ha la propria origine. La sua natura è l'estasi più elevata. È indistruttibile e splendido ed è penetrante come il Paradiso" Hevaraja Tantra Esistono due scuole fondamentali in cui si suddivide il Tantra. Nel Tantra della Mano Destra, vi è il desiderio intenso e permanente di unione con un essere Divino. Un esempio può essere dato da ciò che chiamiamo sesso astrale ovvero le esperienze erotiche che appaiono in sogno oppure l'adorazione delle Grandi Forze Cosmiche che si pratica in alcune scuole tantriche. È la pratica dell'astinenza ma anche della permanente trasmutazione e sublimazione del proprio potenziale erotico in energie più elevate, raffinate. Il Tantra della Mano Sinistra controlla il potenziale erotico attraverso la continenza e quindi pratica l'unione sessuale con il perfetto controllo delle proprie energie che vengono sublimate dai livelli - Chakra (dal sanscrito, ruota) - inferiori a quelli superiori dell'essere umano......
---------------------------------
Titolo: INTENTI PER L'ATTIVAZIONE DEL DNA MULTIDIMENSIONALE
Libro intro: Il DNA multidimensionale p3 - Siamo esseri multidimensionali p3 - Il dito nello scatolonep4 - Cos'ha a che fare tutto questo con il DNA? P6 - Come funziona la comunicazione all?interno del DNA P8 - Un intento per attivare l?intero DNA p9 - Consigli e avvertenze prima dell?attivazionep10 - Gli effetti p11 - Con il DNA attivato p13 - L?attivazionep13 - Testare l?attivazione p15 - Invito alla condivisione p19 - Ringraziamenti p19 Autore : Diego Cozzuol...
---------------------------------
Titolo: INTERPRETAZIONI DEI CROP CIRCLES
Libro intro: 44. L?INTENZIONE OLOGRAFICA L?intenzione olografica è un flusso d?energia che consente all?atto consapevole d?intendere il proprio sogno per il corpo e per la vita di adempiersi in relazione alla tessitura olografica del sogno. Al loro interno, i piani del sogno olografico-Solari ospitano tutte le possibilità di sogni che gli umani potrebbero sperimentare, e come l?intenzione viene rilasciata attraverso le dinamiche energetiche del campo, il sogno viene attirato nei piani della manifestazione per realizzarsi nella danza di vita. 45. LA CHIAVE DEL LINGUAGGIO OLOGRAFICO I piani olografici hanno un loro linguaggio conosciuto come il Linguaggio dell?UNO. Ciascun simbolo del Linguaggio dell?UNO ha una chiave che consente di accedere all?associata conoscenza. I linguaggi danno asilo alla conoscenza che fa da supporto e sostegno alle vibrazioni, consentendo l?ascensione. La storia è registrata nel linguaggio e non è raro che un karma sperduto proveniente dal proprio lignaggio emerga quando si ha accesso al linguaggio olografico nel corso della propria ascensione. Per accedere ai linguaggi olografici, occorre la padronanza di una particolare tonalità vibratoria e rotazione del campo in grado di aprire le porte della biblioteca del linguaggio. 46. LA NAVIGAZIONE OLOGRAFICA La navigazione olografica ha a che fare con il navigare attraverso le biblioteche olografiche, una volta ottenutone l?accesso. Per quanti stanno padroneggiando i movimenti del Linguaggio dell?UNO, esistono biblioteche che si possono visitare per avere accesso alle memorie ed alle informazioni necessarie per ascendere. La maggior parte di voi visita queste biblioteche nel corso del sogno. Inoltre, attraverso il suo intervento, il Tao ha messo a disposizione anche le sue biblioteche per garantirsi il buon esito dell?ascensione. Dovete imparare a navigare fra gli archivi, per evitare che vadano perduti e tale è lo scopo di questo movimento. 3 47. I PIANI OLOGRAFICI I piani olografici sono stati oggetti di una massiccia ristrutturazione e rifusione nel corso dei recenti mesi, portando ad un nuovo modo di sostenere l?informazione correlata ad ogni ologramma di ciascuna specie, o di ciascun ologramma in seno alla specie umana. Gli ologrammi hanno subìto grosse manipolazioni nei tempi passati ed hanno perduto molta della loro originale conoscenza non soltanto quella che fa riferimento alla semina originale della specie umana sulla terra, ma anche quella che proviene dalle altre dimensioni. Tutta la conoscenza olografica è nel processo di essere ristrutturata, cosicché abbia ad essere presente nel futuro per la continua ascesa della Madre Terra. I nuovi modelli olografici emulano la natura olografica del Tao, natura che poi consentirà di accedere alle biblioteche del Tao in supporto dell?evoluzione verso casa. 48. ENTRARE NEL NUOVO SOGNO Il nuovo sogno del Grande Sole Centrale è munito di confini ed occorre passare attraverso un muro di specchi per entrarvi. Per accedervi, serve equilibrio e l?equilibrio si ottiene quando il movimento del sogno si armonizza a quello del campo, come anche all?amalgamazione dei toni. Ove si tentasse di entrare comunque, la mancanza di equilibrio porterebbe unicamente alla combustione, e molte sono state le creazioni che nel passato hanno preso fuoco per la loro fretta di tornare a ?casa? La Terra ha imparato come bilanciare i toni per accedervi agevolmente; e così ciascun umano in ascensione deve imparare a fare lo stesso. 4 49. I SOGNI DELL?UNIONE DIVINA I sogni dell?Unione Divina consentono ai sogni condivisi fra innamorati o fra specie o fra realtà di consenso di sovrapporsi. Questo è un nuovo modello con il quale molti innamorati in ascensione, incluso Mila ed Oa, hanno avuto a che fare. I sogni soprapposti, una volta allineati fra loro, consentono una danza che risuona coesa. Mila ed Oa hanno notato quanto più facili scorrono i loro giorni insieme grazie a questo nuovo schema di sogno, un sogno che apporta più armonia alla loro danza di coppia. 50. IL MAGNETISMO DELLA LIBERA ENERGIA Il magnetismo della libera energia è una forma-pensiero associata al Tao. L?energia libera è una rotazione a moto infinito del campo che fornisce tutto il CHI necessario ad ascendere. Esistono così tanti modelli e danze nel non fisico che vampirizzano il CHI della Terra, che si è reso necessario trovare un?alternativa in grado di dare un?abbondanza di CHI per assicurare l?ascensione futura. Il movimento della libera energia consente questo mutamento. Mila ed Oa hanno inoltre scoperto che nei movimenti della libera energia, c?è meno probabilità di arretrare nella loro padronanza e che c?è CHI a sufficienza per aiutare la Terra nella sua ascesa, come anche per sostenere il sogno della loro scuola. Copyright © 2007 Karen Danrich...
---------------------------------
Titolo: INTERVISTA CON IL DR. MATTHIAS RATH : LA MEDICINA CELLULARE
Libro intro: Lei è il fondatore di un nuovo concetto di medicina: la "medicina cellulare". Può spiegare cos'è la medicina cellulare e quali sono i vantaggi della sua implementazione? Oggi la medicina è divisa in discipline diverse in base agli organi del corpo. La cardiologia si occupa del cuore, la gastroenterologia dell'intestino, l'ortopedia delle ossa. Questo approccio mirato agli organi non tiene conto del fatto che la salute e la malattia non sono determinate a livello di organi, ma a livello dei milioni di cellule che costituiscono gli organi e il corpo umano. La causa più importante del malfunzionamento delle cellule e infine della malattia è la mancanza di bioenergia a livello cellulare. Le più importanti molecole bioenergetiche necessarie per il funzionamento ottimale delle cellule sono quelle biocatalizzatrici, piccole molecole che accelerano le reazioni chimiche di queste cellule. Le più importanti fra queste molecole naturali sono le vitamine, i minerali, gli elementi traccia e taluni aminoacidi. La medicina cellulare è una nuova branca della medicina che applica questo sapere alla prevenzione e alla cura delle più comuni malattie di oggi. Nel nostro istituto di ricerca di medicina cellulare continuiamo a investigare sulle specifiche necessità di questi micronutrienti per prevenire e correggere malattie specifiche, come le cardiopatie, il tumore e le malattie infettive. Appare chiaro che la medicina del ventunesimo secolo sfrutterà il sapere su scala globale, permettendo all'umanità di liberarsi dalle più diffuse malattie di oggi, tra cui le cardiopatie e il cancro. Non c'è tempo da perdere: chiunque comprende questo principio anche senza una laurea in medicina. Ogni professionista del settore sanitario, ogni politico responsabile della salute del suo popolo dovrebbe approfondire immediatamente la conoscenza di questi fatti e sviluppare programmi sanitari nazionali a partire da questa consapevolezza. Perché ritiene che la cura e il controllo naturale siano migliori e più efficaci del tradizionale trattamento farmaceutico? L'industria farmaceutica è un'industria per investimenti. Per sua natura non può e non vuole produrre medicine che possano prevenire debellare le malattie, perché ciò eliminerebbe le malattie in quanto mercato per l'uso continuato di queste medicine. Questo fatto è difficile da comprendere e ancora più duro da accettare. Ma è la verità e tutti dovrebbero saperlo. Di conseguenza, l'80% dei prodotti farmaceutici attualmente sul mercato non è di provata efficacia, ma si limita a nascondere i sintomi. Come diretta conseguenza di ciò, le più diffuse malattie di oggi come le cardiopatie, il cancro, l'AIDS e molte altre non vengono contenute, ma piuttosto continuano a diffondersi benché siano disponibili alternative efficaci, non brevettabili. Gli studenti di biologia e biochimica di tutto il mondo studiano il ruolo dei micronutrienti per il funzionamento ottimale delle cellule. Purtroppo, l'industria farmaceutica ha un tale controllo sulla formazione medica di tutto il mondo che fino ad ora questi risultati scientifici non sono stati applicati alla risoluzione di problemi clinici. Le precondizioni affinché il mondo possa godere dei vantaggi delle cure naturali sono l'accettazione dei nuovi risultati e la rimozione delle barriere artificiali nel campo medico, economicamente motivate dal business degli investimenti farmaceutici nella malattia....
---------------------------------
Titolo: INTERVISTE SUI CROP CIRCLE
Libro intro: Cropfiles.it ha intervistato alcune organizzazioni e personalità tra le più qualificate in Italia, ponendo loro alcuni quesiti sul tema “cerchi nel grano”, allo scopo di migliorare la qualità delle informazioni a beneficio degli utenti. Quella che segue è una brevissima presentazione degli intervistati, cui fanno seguito le risposte incrociate....
---------------------------------
Titolo: INTRODUZIONE AL BUDDISMO THERAVADA
Libro intro: “ Introduzione al Buddismo Theravada” Introduzione ai Dialoghi 00,01 - L'abate buddista del monastero Santacittarama, di Rieti (00,30) - Il suo parere sul buddismo - Buddha, il primo Uomo che risolse il problema della sofferenza e ne divenne medico universale (02.00) - "Analizzate la mia Verità, come l'orafo analizza l'oro" (02,29) - L'unica cosa che interessò Buddha fu di eliminare la spina della sofferenza nell'uomo (03,35)- Il Suo Insegnamento iniziò 2600 anni fa (06,00) – Qual è la fisionomia del dolore che Buddha venne a guarire (Dukkha) (06,10)? -Oggi esistono circa 300 milioni di buddisti sulla terra (07,85) - Cosa è il sangha? (08,15) - "Stiamo parlando di te, dei tuoi problemi, del tuo dolore, del tuo gruppo famigliare..."(09,45) - Le tue prossime rinascite (10,10) - Chi giunge alla rivelazione di Buddha, "era scritto dovesse giungerci" (11,35) - I due più grandi yoghi del tempo di Buddha, ai quali il Risvegliato negò la validità del loro insegnamento (14,00) - Buddha soddisfa il senso di incompletezza che ogni altra verità propone ai ricercatori (15,00) - Chi sperimenta la Dottrina di Buddha, può sperare di giungere alla libertà in questa sua stessa vita (16,25) - Cosa vuol significare e cosa porta la libertà di Buddha? (17,40) - Riscontrare la verità delle cose, da solo ed in maniera autonoma (19,00)- Non si abbandona nulla della yoga studiata, prima di conoscere Buddha; solo che Egli offre il tassello mancante a tutte le rivelazioni che lo precedettero - "Che il vostro cuore si riempia, quindi, di gioia!" - (21,00) - Studieremo, qui, la meditazione vipassana, che riesce a dare quanto non offre alcun altro metodo interiore (23,40)- La rovente "trappola di sofferenza", in cui l'umanità è serrata, da millenni (24,00) - La tartaruga in mare, l'anello di gomma e l'incredibile dharma, che possiede l'umanità ad essersi incarnata tale (24,15) - La grande e gelosa occasione che essa ha, oggi, di trovarsi "sul Terreno di Buddha" (25,45) - Un Buddha non nasce per caso. Le sue centinaia e centinaia di rinascite preparatorie a quella finale (26,15) - Suddhodana, il padre di Buddha ed il suo regno - La madre di Buddha, Maya Devi [bella, come un giglio d'acqua] (28,00) - La miracolosa nascita di Buddha, a Lumbini, tra gli Angeli (30,20) - I ciechi videro, i sordomuti udirono, la luce invase il mondo, gli zoppi camminarono, i fuochi degli inferni si estinsero...(31,00) - La profezia del Grande Veggente (34,00) - Siddharta significa" colui che ha realizzato il suo scopo" (35,30) - Le fonti tradizionali a cui ci si riferisce in questi dialoghi (37,30) - Il monastero buddista Santacittarama, in Italia, a Rieti, di tradizione Theravada - Cos'è la tradizione Theravada? (38,30) - I monaci buddisti di questo monastero (39,30) – Riferimenti storico-culturali della vita di Buddha (40,20) - I primi concili degli appartenenti alle comunità buddiste, dopo la morte di Buddha, per la stesura e la protezione del Suo Insegnamento (41,50) - Il "sentiero antico, già percorso dai completamente illuminati del passato", che Buddha rivela di avere riscoperto ed offerto all'uomo (43,00) - Questo è il "solo sentiero che offra completamente la libertà" (43,30) - I "sei Buddha precedenti" a Gotamo e Quello che Egli indica, come Suo successore:"Maitreya" (39,90) - Questi dialoghi attingono alla più pura tradizione della Dottrina Buddista (44,20) - La natura ascetica ed austera della Tradizione Theravada [il Piccolo Veicolo], uno dei due rami del buddismo (47,10) - Il ricco contenuto, invece, del Grande Veicolo (Mahayana), il secondo ramo, presieduto dal Dalai Lama (49,00) - Caratteristiche formali delle due "scuole" (50,00) - Il buddismo tantrico (50,40) - I "tre canestri" della tradizione scritta buddista (52,40) - La trasmissione orale della Dottrina (54,00) - I monumenti di pietra, con i primi frammenti scritti della Dottrina, innalzati, 250 anni a.C., dal re hindu Asoka (54,00) - Il Canone originario, redatto in lingua pali (dialetto del sanscrito), nel primo secolo a.C. (55,00) - Perchè "canestri"? (55.40) - In cosa consistono queste tre raccolte dei Canoni buddisti? (56,15) – Spiegazione dettagliata delle raccolte (57,00) - L'ambiente protettivo, artificiosamente creato dal padre di Buddha, per proteggerlo, nella sua prima giovinezza, dai mali della vita (1,00) - Le parole che si riporta avesse detto Buddha, descrivendo questa sua esistenza dorata e lussuosa (1,01) - I preparativi per le nozze di Buddha (1,03) - I tornei fisici, le prove di intelligenza e di cultura a cui Egli venne sottoposto dai genitori delle potenziali spose, e nei quali sbaragliò guerrieri e guru famosi (1,04) - La moglie di Buddha, Yadosara e suo figlio (1,03) - 2 L'Iluminato chiede al padre di uscire fuori dal palazzo dorato e di conoscere la vita che esiste, là, nelle strade, oltre ogni cinta protettiva (1,06) - L'apparizione dei 3 Messaggeri simbolici: la Vecchiaia, la Ma...
---------------------------------
Titolo: INTRODUZIONE AL CORPO SOTTILE
Libro intro: Secondo l’anatomia occulta, il corpo umano, non può essere ricondotto semplicemente al corpo fisico (o grossolano), soggetto a nascita e morta, percepito dai 5 sensi, e costituito da parti solide, liquide e gassose. Ad uno studioso di occultismo è noto che l’uomo possiede due corpi: il Corpo fisico e il Corpo Sottile. Quest’ultimo è a sua volta suddivisibile in: - Corpo Eterico (o doppio eterico) -Corpo Astrale -Corpo Mentale -Corpo Questo testo è stato stilato con la finalità di fornire un quadro chiaro e sintetico di tutti gli elementi sopra citati e la relazione tra loro con l’obiettivo di rendere consapevoli tutti coloro i quali si affacciano per la prima volta a tale studio, con la speranza di indurli a più approfonditi studi, non solo teorici, ma anche empirici. La semplice consapevolezza dell’esistenza di qualcosa è già un passo avanti nell’evoluzione, in questo caso spirituale. Da quando l’uomo è consapevole dell’esistenza dei batteri, malgrado non abbia apparecchiature idonee per osservarli, è capace di prendere i giusti provvedimenti al fine di evitare infiammazioni e malattie. Allo stesso modo, essere consapevoli che oltre la nostra pelle e i nostri muscoli esista un corpo che si nutra di prana e che deve essere alimentato e curato ci permette di vivere con maggiore pienezza la nostra vita, di comprendere la natura di alcuni disagi, malattie e fenomeni, sia fisici che psichici, e indurci a scegliere i metodi migliori per vivere con pienezza la on pienezza la nostra vita terrena e spirituale. Vi lascamo alla lettura di questo saggio, ringraziandovi per il coraggioso “salto nel vuoto” a cui ci accingiamo tutti a fare ogni volta che decidiamo di intraprendere e portarci avanti nella “tortuosa” strada della riscoperta all'interno di un mondo che troppo spesso induce, anche se in maniera a volte indiretta, all’allontanamento dalla nostra natura, pretendendo di cambiarci e farci adattare a condizioni inverosimili. La sola capacità critica di capire che “non può essere tutto qui” ci permetterà di scoprire nuovi mondi e meraviglie, ricordando di non “attaccarci” mai troppo, in maniera cieca, ad una fede senza mantenere vivo il “Lume della Ragione” ma, allo stesso tempo, senza basare esclusivamente tutto sui nostri 5 sensi, ancora troppo limitati nell’uomo medio. Qui di seguito un passo de “I Quattro Pilastri della Saggezza” del Buddha, di cui riteniamo significativo il senso in questa sede. Buona vita e che la Luce...
---------------------------------
Titolo: INTRODUZIONE AL KRIYA YOGA
Libro intro: Il presente volume fa seguito a quello intitolato “La Via Iniziatica dell’Anima” - dello stesso autore - e pubblicato dall’editore Marco Valerio, di Torino. Il testo della “Via Iniziatica dell’Anima” è proposto assieme a quattro DVD, in tracce sonore, o con un compact disk, in versione MP3. Sia i quattro DVD, che il dischetto racchiudono circa ventiquattro ore di lezioni orali, tenute dall’autore, durante un intero anno accademico, nella sede della Società di Studi Metafisici “Aryasanga”, a Roma. Si tratta, in realtà, di un’enciclopedia integrale e sonora sulle Verità Tradizionali, che formano il fondamento dei Misteri dell’Essere e delle Iniziazioni orientali ed occidentali. “Chi siamo, da dove veniamo e dove andiamo?” è il nodo gordiano che viene dipanato nelle lezioni, e trascritto fedelmente nel libro che le accompagna Nessuna interferenza personale – salvo il calore e la partecipazione dell’insegnante – viene a distorcere i contenuti delle Antiche Tradizioni, nell’enciclopedia; e il complesso mosaico – altrove strettamente imprigionato nei simbolismi di tutte le iniziazioni orientali e occidentali – è ricomposto, in modo graduale e semplice, davanti all’animo dell’ascoltatore, sino a che egli si ritrova a contemplare l’essenza finale della Vita e della Morte. La “Via Iniziatica dell’Anima” guida alla salda e millenaria pietra angolare delle ultime verità della natura e del cosmo, come nascono dalla secolare conoscenza dei Veda hindu e dalla Scuola Esoterica occidentale, accompagnando l’ascoltatore - e, assieme, lettore - alla scoperta delle origini dell’uomo e degli immensi poteri della sua mente. Per la prima volta, in una sola opera letteraria, l’intero e segreto viaggio iniziatico dell’io, attraverso il ciclo reincarnativo, è stato seguito, nella sua completezza, e commentato, in ogni dettaglio, come mai era stato fatto prima. Queste, le ragioni per cui le ventiquattro ore circa di lezioni orali d’Esoterismo tradizionale - racchiuse nei DVD, con tracce sonore, e nel compact disk, in MP3 - costituirono, per lunghi anni, la base essenziale alla crescita interiore ed all’iniziazione di un immenso numero di persone, con un successo imprevisto, nella loro diffusione via web. Fino a che vennero stampate dall’Editore Marco Valerio, di Torino, in un elegante volume, e accompagnate, nelle librerie, dai sofisticati supporti sonori di cui abbiamo parlato. I riferimenti che troverete, qui e là, nel presente libro, ad un corso orale del Centro Studi Kriya riguardano proprio “La Via Iniziatica dell’Anima”, considerato che questa ultima era dedicata ai molti studiosi, prima che si decidesse di darla alle stampe, per una più larga diffusione editoriale. Non è necessario approfondire i contenuti di tale opera, per avanzare oltre, nella lettura del presente manuale, i cui contenuti sono, indubbiamente, circoscritti, fini a se stessi ed originali. Tuttavia, lo studioso sarebbe di molto aiutato, se lo facesse, prima di affrontare le sottili rivelazioni che propone uno studio, come quello che egli sta per iniziare; il quale presenta l’analisi accurata 2 dell’uomo radiante – visto nell’attenta rivelazione dei suoi centri energetici - in un cosmo intessuto di energie. Un testo che oseremmo chiamare di rottura e, assieme, di stretta aderenza ai sentieri classici della regale metafisica e che l’autore ha voluto dedicare agli studiosi ed ai praticanti del più antico e rarefatto metodo Yoga: il Kriya Yoga – la cui natura ed origini verranno ampiamente esposte nel prossimo capitolo. La pratica del Kriya Yoga – oggi seguita da decine di migliaia di raffinati spiritualisti e diffusa in occidente da Paramahansa Yogananda (leggine la “Autobiografia di uno Yoghi” – Astrolabio Editore) - può venire appresa presso gli indirizzi di riferimento, che daremo più avanti, nel presente trattato. Essa si occupa, in maniera regale, del risveglio dell’occulto Serpente infuocato, o kundalini, radiante nella colonna vertebrale di ogni uomo e di ogni donna, e risuonante nei loro centri eterici. L’autore – iniziato ai quattro gradi del Kriya Yoga, da oltre 35 anni – è legato al giuramento rituale, che obbliga ogni kriyaban (praticante di questa Scienza) a non rivelarne il Metodo pubblicamente. Ma, egli indicherà, qui – a chi desideri conoscere questo Yoga più potente e remoto - le via ufficiali per farlo. Partendo dai sommi principi dei Veda hindu, lo sviluppo di quanto vi sarà esposto, con linguaggio semplice e realista, proseguirà e si addenserà nel ciclo esistenziale vissuto da ognuno di voi, riuscendo a proporvi, con semplicità ed immediatezza, la percezione dei contenuti della filosofia cinese (Yinn-Yang-Tao); dello Spazio Uno, dell’unità percepibile delle cose, del rapporto del macrocosmo con il microcosmo, della misteriosa musica delle sfere, della tetrakis ma...
---------------------------------
Titolo: INTRODUZIONE AL TANTRA
Libro intro: Innanzitutto è molto importante la motivazione iniziale, un pensiero positivo. Questa motivazione positiva, questa attitudine di benevolenza non è qualcosa di indispensabile solo quando si fa la pratica spirituale o si ascoltano insegnamenti e non nella vita comune. Non è così, non è da relegare all'ambito sacro. La mente positiva è qualcosa di necessario in ogni momento. Questo perché è la mente che imposta ciò che viviamo. Provare sofferenza o esserne liberi dipende dalla nostra impostazione mentale. Quando riusciamo ad avere un atteggiamento interiore positivo allora riusciamo a ridimensionare molte situazioni in cui saremmo costretti a soffrire. Riusciamo a risparmiarci tanta sofferenza grazie all'atteggiamento positivo. Questo discorso dell'impostare la motivazione positiva progressivamente è sempre opportuno. Il contenuto di questo discorso è il tantra che si pratica a partire dal desiderio di ottenere la liberazione personale ma soprattutto l'illuminazione. Nella visione della evoluzione dell'essere in cui possiamo ottenere la liberazione o l'onniscienza. Dobbiamo osservare i tipi di stati mentali. Ci sono menti grossolane, sottili e sottilissime. La mente attiva in questo momento è un livello di mente molto grossolano. È una mente che è dominata dal pullulare delle afflizioni mentali. Questo dominio fa sì che la mente attiva comunemente è una mente estremamente grossolana. La mente nello stato ordinario di turbamento è molto tumultuosa, quando si ottiene uno stato di stabilizzazione mentale, di concentrazione univoca, la mente diventa più sottile. La mente grossolana viene placata e si ottiene uno stato mentale più quieto. La persona che ha questi diversi stati mentali, quello grossolano in cui c'è afflizione e patimenti vari, man mano che acquieta la propria mente, ha sempre più padronanza della propria mente e trova stati di benessere crescenti. La mente sottilissima l'abbiamo oppure no? C'è da sempre, ma non è attivata perché eclissata dalla mente grossolana. Come accedere a questa mente sottilissima, come usufruirne? Dandole spazio, placando gli stati tumultuosi delle afflizioni mentale. Le afflizioni vanno placate prima con la concentrazione, ottenendo stati sempre più profondi di pace e felicità si accede alla mente sottilissima e la si fa funzionare. In termini di potenza della mente, la mente grossolana anche se impostata verso la virtù e le cause della felicità, ha un potere molto inferiore rispetto alla mente concentrata. Perciò anche la virtù della mente concentrata è più potente. Quando si accede alla mente sottilissima la capacità di attivare la virtù è al massimo grado di potenzialità. Questo ci permette di rendere efficaci le pratiche di meditazione. Perché la mente grossolana non ha potere anche se indirizzata verso la virtù? Perché la mente grossolana è sempre distratta, non si riesce a stare focalizzati neppure per un minuto. Man mano che attualizziamo una mente stabile, concentrata, qualunque pratica benefica diventa assai forte. Il terzo livello, la mente sottilissima, è estremamente potente ed è quella che viene utilizzata come base nella pratica effettiva del tantra. Viene utilizzata per meditarsi come le diversi divinità di meditazione, Vajrayoghini, Guyasamaja, ecc. con i loro mandala. Questa mente rende estremamente potenti nella propria energia positiva. Questi sono strumenti potenti per ottenere le divinità del tantra. La possibilità di manifestare questi stati evoluti della mente sono possibili solo quando si ha la comprensione effettiva della vacuità. Per raffigurarci la capacità di questa mente estremamente sottile che si usa nel tantra. Quando si visualizza il mandala con le divinità che lo abitano, si parla di spazi sconfinati di esseri illuminati che appartengono a questa dimensione, tutti questi vengono visualizzati all'interno di un seme di senape. Reciungpa, il principale discepolo di Milarepa, voleva mettere in atto la pratica dei bodhisattva. Nel 2 senso che lasciava il luogo dove si trova il maestro e vado fuori. Milarepa gli disse che andava bene, ma che se potesse fare pratiche con poteri miracolosi allora potresti manifestarti all'interno di un corno di yak e fare la pratica del ciod. Milarepa invitò Recgiun a fare questa pratica. Non è che io divento piccolo o il corno di yak diventa grande. Se riesci a fare questa cosa allora puoi andare. A quel tempo Reciungpa non era ancora in grado di farlo. Quanto è grosso il corno di yak? Pochi centimetri. In quel periodo storico il corpo degli umani era un pochino più grande dei nostri. Milarepa era poco meno di due metri, come poteva stare in un corno di pochi centimetri? Questo ci dovrebbe fare capire che per fare una pratica effettiva del mantra segreto, il tantra, si deve avere una comprensione effettiva della vacuità. Ci sono due categorie di praticanti che accedono ai monasteri tantrici. Un tipo i...
---------------------------------
Titolo: INTRODUZIONE ALLA CABALA
Libro intro: L'Albero della Vita costituisce la sintesi dei più noti e importanti insegnamenti della Cabalà. È un diagramma, astratto e simbolico, costituito da dieci entità, chiamate SEFIROT, disposte lungo tre pilastri verticali paralleli: tre a sinistra, tre a destra e quattro nel centro (vedi disegno). Il pilastro centrale si estende al di sopra e al di sotto degli altri due. Le Sefirot corrispondono ad importanti concetti metafisici, a veri e propri livelli all?Interno della Divinità. Inoltre, esse sono anche associate alle situazioni pratiche ed emotive attraversate da ognuno di noi, nella vita quotidiana. Le Sefirot sono dieci principi basilari, riconoscibili nella molteplicità disordinata e complessa della vita umana, capaci di unificarla e darle senso e pienezza. Osservando la figura, noterete che le dieci Sefirot sono collegate da ventidue canali, tre orizzontali, sette verticali e dodici diagonali. Ogni canale corrisponde ad una delle ventidue lettere dell?Alef Beit ebraico. L'Albero della Vita è il programma secondo il quale si è svolta la creazione dei mondi; è il cammino di discesa lungo la quale le anime e le creature hanno raggiunto la loro forma attuale. Esso è anche il sentiero di risalita, attraverso cui l'intero creato può ritornare al traguardo cui tutto anela: l'unità del "grembo del Creatore", secondo una famosa espressione cabalistica. L"'Albero della Vita" è la "scala di Giacobbe" (vedi Genesi 28), la cui base è appoggiata sulla terra, e la cui cima tocca il cielo. Lungo di essa gli angeli, cio è le molteplici forme di consapevolezza che animano la creazione, salgono e scendono in continuazione. Lungo di essa sale e scende anche la consapevolezza degli esseri umani. Tramite l ?Albero della Vita ci arriva il nutrimento energetico presente nei campi di Luce divina che circondano la creazione. Tale nutrimento scorre e discende lungo la serie dei canali e delle Sefirot, assottigliandosi e suddividendosi, fino a raggiungere le creature, che ne hanno bisogno per sostenersi in vita. Lungo l'Albero della Vita salgono infine le preghiere e i pensieri di coloro che cercano Dio, e che desiderano esplorare reami sempre più vasti e perfetti dell'Essere. I tre pilastri dell'Albero della Vita corrispondono alle tre vie che ogni essere umano ha davanti: l?Amore (destra), la Forza (sinistra), e la Compassione (centro). Solo la via mediana, chiamata anche "via regale", ha in sé la capacit à di unificare gli opposti. Senza il pilastro centrale, l?Albero della Vita diventa quello della conoscenza del bene e del male. I pilastri a destra e a sinistra rappresentano inoltre le due polarità basilari di tutta la realtà: il maschile a destra e il femminile a sinistra, dai quali sgorgano tutte le altre coppie d?opposti presenti nella creazione. L'insegnamento principale contenuto nella dottrina cabalistica dell'Albero della Vita è quello dell'integrazione delle componenti maschile e femminile, da effettuarsi sia all'interno della consapevolezza umana che nelle relazioni di coppia. Spiegano i cabalisti che il motivo principale per cui Adamo ed Eva si lasciarono ingannare dal serpente fu il fatto che il loro rapporto non era ancora perfetto. Il peccato d?Adamo consisté nell'aver voluto conoscere in profondità la dualità senza aver prima fatto esperienza sufficiente dello stato d?unità Divina, e senza aver portato tale unità all'interno della sua relazione con Eva. Il serpente s?insinuò nella frattura tra i due primi compagni della storia umana, e vi pose il suo veleno mortale....
---------------------------------
Titolo: INTRODUZIONE ALLA KABBALAH
Libro intro: Introduzione alla Kabbalah Il significato della parola Kabbalah è Tradizione, o più precisamente: trasmissione orale per Tradizione. Le origini si perdono nei tempi: di derivazione culturale ebraica con influssi neo-platonici,neo-pitagorici, gnostici, del Parsismo, come la conosciamo oggi è una teoria di sintesi. Testi sacri: lo Zohar, il Libro dello Splendore, un commento tutto interiorizzato del Pentateuco (Genesi, Esodo, Levitico, Numeri, Deuteronomio) più appendici varie ed il Sepher Yetzirah, il Libro della Formazione, in cui viene descritta la formazione del mondo con numeri e lettere. Noi prendiamo lo schema cabalistico, o Albero della Vita, o Glifo Otz Chiim e con esso interpretiamo i Testi Sacri che consideriamo guide dateci dai Maestri dell’Antichità per giungere alla reintegrazione, alla riunione con l’Assoluto, scopo della vita. Passiamo ora ad esaminare i suoi simboli:...
---------------------------------
Titolo: INTRODUZIONE ALLA PNL
Libro intro: come creare una comunicazione efficace con le persone in qualsiasi situazione di jerry richardson...
---------------------------------
Titolo: INTRODUZIONE ALLA SCIENZA DELLO SPIRITO
Libro intro: Indice Pietro Archiati La scienza dello spirito di Rudolf Steiner nella mia vita 7 Rudolf Steiner Tre conferenze tenute a Basilea I. La scienza dello spirituale in rapporto allo spirito e al controspirito del nostro tempo (Basilea, 4 maggio 1920) 33 II. L’anima e il valore morale dell’uomo alla luce della scienza dello spirito (Basilea, 5 maggio 1920) 73 III. Le energie spirituali e morali dei popoli contemporanei alla luce della scienza dello spirito (Basilea, 6 maggio 1920) 107...
---------------------------------
Titolo: INTRODUZIONE GENERALE ALLA MEDITAZIONE
Libro intro: LA MEDITAZIONE Consigli ai principianti di BOKAR RIMPOCHE. PERCHÉ' MEDITARE? Gli uomini sono afflitti dalle sofferenze, da angoscia e da innumerevoli paure che non sono in grado di evitare. La meditazione ha la funzione di eliminare queste sofferenze e questa angoscia. Noi pensiamo comunemente che felicità e sofferenze derivino da circostanze esterne. Continuamente indaffarati, in un modo o nell'altro, a riorganizzare il mondo, noi tentiamo di evitare un po' di sofferenza di qua, di racimolare un po' di felicità di là, senza mai raggiungere il risultato auspicato. Il punto di vista buddista, che é pure il punto di vista della meditazione, considera al contrario che felicità e sofferenza non dipendono fondamentalmente da circostanze esterne, bensì dalla mente stessa . Un'attitudine di spirito positiva, genera la felicità, un'attitudine negativa, la sofferenza. Come comprendere questo equivoco che ci induce a cercare all'esterno ciò che noi non possiamo trovare che all'interno? Una persona dal viso pulito e limpido, guardandosi allo specchio, vede un viso pulito e limpido. Colui il cui viso é sporco e macchiato di fango, vede nello specchio un viso sporco e macchiato. Il riflesso, non ha, in verità, esistenza; solo il viso esiste. Dimenticando il viso, noi prendiamo come reale il suo riflesso. La natura positiva o negativa della nostra mente si riflette sulle apparenze esterne che ci rinviano la nostra propria immagine. La manifestazione esteriore, é una risposta allo stato del nostro mondo interiore. La felicità che noi desideriamo, non ci deriverà dalla ristrutturazione del mondo che ci attornia, ma dalla riforma del nostro mondo interiore. L'indesiderabile sofferenza, non se ne andrà che nella misura in cui eviteremo di offuscare il nostro spirito con ogni tipo di negatività. Fin tanto che non saremo consapevoli che la felicità e la sofferenza hanno la loro origine nella nostra stessa mente, finché non sappiamo distinguere ciò che, per il nostro spirito é salutare o nocivo e che lo lasciamo nel suo ordinario stato di insalubrità, rimaniamo impotenti a stabilire uno stato di benessere autentico, impossibilitati a evitare i continui ritorni della sofferenza. Qualsiasi sia la nostra speranza, viene sempre delusa. Se, scoprendo nello specchio la sporcizia del nostro viso noi ci accingiamo a lavare lo specchio, per quanto sfreghiamo per anni con energia, sapone e acqua in abbondanza, dal riflesso non spariranno minimamente né la sporcizia né le macchie. A meno che orientiamo i nostri sforzi verso l'oggetto giusto, essi rimangono perfettamente vani. E' per questo motivo che il buddismo e la meditazione considerano come aspetto prioritario il fatto di comprendere che felicità e sofferenze non dipendono sostanzialmente dal mondo esterno quanto dalla nostra propria mente. In assenza di questa comprensione, non ci volgeremo mai verso l'interno e continueremo ad investire le nostre energie e le nostre speranze in una vana ricerca esteriore. Una volta acquisita questa comprensione, possiamo lavare il nostro viso: il riflesso stesso, apparirà limpido nello specchio....
---------------------------------
Titolo: INTUIZIONE SCIAMANICA
Libro intro: Intuizione Sciamanica di Francesco De Santis. Temi affontati nella guida: 1)La figura dello sciamano ed il suo rapporto con l'intuizione. 2) Impariamo ad usare la nostra energia vitale 3) Armonizziamoci per raggiungere la serenità interiore 4) tecnica di armonizzazione quantistica 5) Esercitiamo il nostro riscoperto dono dell'intuizione 6) La realtà comincia ad apparire diversa grazie all'osservazione intuitiva 7) Tecniche per l'interrogazione intuitiva ###################### Introduzione: ###################### Lo sciamano è inteso non solo come l'operatore di medicina e di magia quale figura quasi grottesca conosciuta da chi non ha mai approfondito l'argomento e si è fermato solo al ?per sentito dire?, ma soprattutto come colui che ha la capacità di mettersi in comunicazione con dei canali (spiriti?, mondi paralleli? Angeli? Ecc.) per noi irraggiungibili. Egli ripercorre e fa ripercorrere coi suoi insegnamenti il cammino dell'annullamento del sé attraverso un percorso di autoconoscenza profonda nel quale il potere dell'intenzione diventa fondamentale. Egli attraverso la ?destrutturazione? pone se stesso davanti al ?baratro? della perdita di tutte le sue sicurezze fino alla destabilizzazione estrema quale l'incontro con la morte, esperienza che fatta da ?vivo? gli dà una notevole formazione e maturità! Porta così alla trasmutazione del proprio sé fino all'abbandono di tutto ciò che non serve alla propria essenza per rinascere a ?nuova? vita. Tutto ciò è denotato da una ?colonna sonora? di fondo che è l'intuizione quale segno di spicco del cambiamento stesso (conversione) che è avvenuto nel profondo per cui la stessa ha un grande valore intrinseco rispetto al valore apparente della preveggenza relativa. L'eredità che lo sciamano raccoglie quale capacità istintiva-intuitiva è da vedere proprio quale elemento che denota la sua ricchezza spirituale acquisita attraverso una profonda trasformazione che è successiva solo all'effettiva morte del sè! La sua impeccabilità poi mostra come la purezza e l'umiltà, appare come stato di grazia e quindi cammino di perfezione. In esso egli vede il quel che è della realtà e non la sua illusoria apparenza. L'eredità è l'insegnamento ma è rappresentata anche da una sensibilità interiore curata nel tempo. L'intuizione nello sciamano come deve essere in ognuno di noi non è la pur interessante fenomenologia di tanti pensieri ultrasensoriali che ben anticipano e concretizzano la soluzione di tanti momenti che esigono una nostra risposta ma qualcosa di molto più importante. Oggi interessa poco all'uomo della strada (colui che non è molto ferrato nelle conoscenze di cui parliamo) aver qualche intuizione risolutiva di alcuni momenti di indecisione o di saper leggere nelle persone che incontra le loro verità nascoste perché non comprendendone l'importanza crede di poterne fare a meno. Ma se gli proponiamo un modus vivendi totalmente diverso dal suo che gli fa ?veder la vita? con occhi diversi fino a trasformarla del tutto (in modo migliore) non credo che possa continuare ad esser insensibile e senza interesse al riguardo. Dopo un lungo periodo di stasi chi è che non ha bisogno di rinnovarsi? L'intuizione rappresenta il segno che iniziamo a rinnovarci mostrandoci già da subito il panorama che ci aspetta dietro la soglia della porta che ci ?separa? dal mondo ultrasensibile! Lo sciamano vero entra in contatto col profondo nagual (tutto ciò che è al di fuori del pensiero) attraverso l'intuizione. Questa sola ci mostra, pur se a volta con rapidi flash, la realtà quella cioè non costruita dalla mente, quella al di fuori della sua trappola (il calcolo razionale), essa al suo interno è priva di opposti perchè priva di parole ma fatta di segni che sono ?percezioni? dell'anima. Questa è in comunicazione col tutto, con DIO. La mente, il tonal mostra la sua ?conoscenza? attraverso le parole che la vincolano limitandola, in essa vi è senso di incompletezza, di inappagamento che ci proviene dalla mancanza dello stato di grazia che limita l'incontro con l'intuizione. Questo accade perchè se si rimane solo nel tonal (mente) non vi è posto per l'amore e questo è forza fondamentale per trasformarsi e crescere. Quando il pensiero (tonal) e l'azione (nagual) si fondono attraverso una maggior attenzione sensoriale e psicoemotiva noi percepiamo l'intuizione perchè l'ignoto arriva alla consapevolezza senza passare attraverso la rimuginazione della mente. Questa intuizione è possibile solo quando l'io (il sé) è da noi ?lavorato? dall'annullamento continuo nel cammino dell'autoconoscenza (maggior attenzione agli altri = più amore) ...
---------------------------------
Titolo: INVOCAZIONE PER SCIOGLIERE ANTICHI VOTI
Libro intro: Quando gli operatori di luce si incarnarono inserirono parecchi blocchi nella loro personalità e nei loro campi energetici, blocchi che dovevano impedire loro, come incarnati, di recepire anzitempo chi sono in realtà. Questi blocchi possono ora essere sciolti con il consenso di tutti gli alti consigli planetari, galattici e cosmici. Ciò vale per gli operatori/operatrici di luce e si estende a tutta la loro linea genetica-genealogica, risalendo fino agli inizi dei tempi. Sta però ad ogni anima valutare se il momento appropriato è proprio adesso. Questo è generalmente il caso per gli operatori di luce. Per questo scopo lâ??Arcangelo Ariel ha dato allâ??umanità la seguente invocazione. Quando sentite che va bene per voi, pronunciate da soli o in un gruppo (il lavoro di gruppo è più efficace) con intensità e ferma intenzione la seguente invocazione: Quando gli operatori di luce si incarnarono inserirono parecchi blocchi nella loro personalità e nei loro campi energetici, blocchi che dovevano impedire loro, come incarnati, di recepire anzitempo chi sono in realtà. Questi blocchi possono ora essere sciolti con il consenso di tutti gli alti consigli planetari, galattici e cosmici. Ciò vale per gli operatori/operatrici di luce e si estende a tutta la loro linea genetica-genealogica, risalendo fino agli inizi dei tempi. Sta però ad ogni anima valutare se il momento appropriato è proprio adesso. Questo è generalmente il caso per gli operatori di luce. Per questo scopo lâ??Arcangelo Ariel ha dato allâ??umanità la seguente invocazione. Quando sentite che va bene per voi, pronunciate da soli o in un gruppo (il lavoro di gruppo è più efficace) con intensità e ferma intenzione la seguente invocazione: Quando gli operatori di luce si incarnarono inserirono parecchi blocchi nella loro personalità e nei loro campi energetici, blocchi che dovevano impedire loro, come incarnati, di recepire anzitempo chi sono in realtà. Questi blocchi possono ora essere sciolti con il consenso di tutti gli alti consigli planetari, galattici e cosmici. Ciò vale per gli operatori/operatrici di luce e si estende a tutta la loro linea genetica-genealogica, risalendo fino agli inizi dei tempi. Sta però ad ogni anima valutare se il momento appropriato è proprio adesso. Questo è generalmente il caso per gli operatori di luce. Per questo scopo lâ??Arcangelo Ariel ha dato allâ??umanità la seguente invocazione. Quando sentite che va bene per voi, pronunciate da soli o in un gruppo (il lavoro di gruppo è più efficace) con intensità e ferma intenzione la seguente invocazione: Quando gli operatori di luce si incarnarono inserirono parecchi blocchi nella loro personalità e nei loro campi energetici, blocchi che dovevano impedire loro, come incarnati, di recepire anzitempo chi sono in realta'. Questi blocchi possono ora essere sciolti con il consenso di tutti gli alti consigli planetari, galattici e cosmici. Ciò vale per gli operatori/operatrici di luce e si estende a tutta la loro linea genetica-genealogica, risalendo fino agli inizi dei tempi. Sta però ad ogni anima valutare se il momento appropriato è proprio adesso. Questo è generalmente il caso per gli operatori di luce....
---------------------------------
Titolo: INVOCAZIONI RACCOLTA
Libro intro: Una raccolta di invocazioni - PER L'ASCENSIONE - PER SCIOGLIERE ANTICHI VOTI - DI PROTEZIONE - INVOCAZIONE MAGGIORE - LA GRANDE INVOCAZIONE - Schermatura e protezione energetica tramite la triplice griglia - invocazione per la madre terra...
---------------------------------
Titolo: KABBALAH ED ALCHIMIA
Libro intro: Il soggetto di questa pubblicazione è di mostrare come nella Torà, nella Bibbia Ebraica, ci siano le basi e le indicazioni in codice riguardanti il lavoro dell?alchimista, di che cosa si tratta, e come la Torà ci consiglia di effettuarlo. Non si pensi ad indicazioni dettagliate e pratiche, cioè come va fatto l?alambicco, che cosa metterci dentro, e così via, perché non è il compito della Torà di entrare in quei dettagli. In essa si trova però la radice basilare del lavoro da fare, l?atteggiamento richiesto, i concetti, le parole, il significato esoterico dei metalli, ecc. Il concetto ebraico che esprime il lavoro dell?alchimista è il verbo letzaref che vuol dire purificare. Lo Tzoref è l?orefice, colui che lavora e purifica i metalli. Ora, nella Cabalà c?è l?idea basilare secondo la quale le lettere di una parola sono la formula segreta del concetto che sta dietro alla parola stessa. Tale posizione ha preceduto di secoli il modo di procedere della chimica, per la quale ogni sostanza è il composto di tutta una serie di elementi basilari, combinati in modo diverso, la cui sommatoria dona alla sostanza in questione le sue caratteristiche specifiche. Ciò è molto diverso dallo studiare un concetto in modo filosofico, come succede nella filosofia greca o in altre culture, nelle quali i nomi sono convenzioni che servono unicamente per indicare e per definire certi concetti, ma non hanno nessuna relazione diretta con essi. L?atteggiamento ebraico è diverso: ?parola? si dice davar, identico a davar = ?cosa?. Ciò sottolinea come la parola abbia delle proprietà fisiche, sia simile ad un oggetto vero e proprio. In tal modo, osservando le lettere di una parola è possibile capire che cosa ci sia dentro....
---------------------------------
Titolo: KARMA COME AZIONE
Libro intro: ?Karma? è una parola sanscrita che significa ?azione, attività?, attività in tutti i suoi sviluppi e in tutte le sue conseguenze : attività fisica (ad es. picchiare), verbale (ad es. consolare), mentale (ad es. desiderare). La fisica ci dice che ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria. La legge del karma è appunto la legge di causa ed effetto : dall?azione è inevitabilmente provocata una reazione, che è strettamente proporzionata alla prima. Le azioni (compiute col corpo, con la parola o con la mente) possono essere buone o cattive. Dalle buone derivano conseguenze felici, da quelle cattive provengono reazioni dolorose.1 Queste conseguenze si verificano in questa stessa vita o in vite future : in questo secondo caso il karma è causa di successiva rinascita in stati di esistenza sempre diversi a seconda dei meriti o dei demeriti acquisiti (cioè, in qualità di uomini, di animali, deva, asura, esseri infernali o preta)....
---------------------------------
Titolo: KARMA YOGA
Libro intro: Karma Yoga di Swami Vivekananda...
---------------------------------
Titolo: KRIPALUPANISHAD - YOGA - RISVEGLIO DELLA KUNDALINI
Libro intro: In Kpalupaniad Svami Kripalvananda ci offre le conoscenze di base per la pratica dello yoga. Kripalu vuol dire «grazia» e upanishad «sedere accanto»; dunque Kpalupaniad significa «stare seduti accanto alla Grazia». Da questo scritto, infatti, riceviamo la grazia della profonda saggezza dellautore; saggezza che affonda le proprie radici negli oltre venticinque anni della sua intensa pratica di meditazione e nel suo studio delle scritture yogiche. È questo connubio a rendere preziosa per i ricercatori della Verità lopera di Kripalu (abbreviazione affettuosa di Kripalvananda). È raro infatti trovare nella letteratura yogica un maestro che ha sperimentato su se stesso le verità descritte dai sacri testi. Nativo del Gujarat, Svami Kripalvananda praticò la meditazione del Sahaja Yoga (yoga spontaneo o naturale) tutti i giorni, per dieci ore al giorno negli ultimi venti anni. In questi stessi anni, egli trovò anche il tempo di promuovere progetti umanitari, insegnare e scrivere diverse opere. Con la benedizione del proprio Guru, Bhagavan Lakulisa, Kripalu ricostruì lantico centro spirituale di Kayavarohana, vicino a Baroda, nel Gujarat 1. Yogesvara Muni, discepolo di Kripalvananda e promotore della Fondazione per il Sanatana Dharma, ha curato la pubblicazione delledizione inglese di questo libro e ne ha rivisto la traduzione. Abbiamo tentato una traduzione il più letterale possibile per mantenerci aderenti al testo originale che contiene significati sottili ed esatti; linglese tuttavia non risulta spesso adatto a questo scopo. Chiedo perdono a Dio per gli eventuali errori che posso aver commesso in questa traduzione. Kpalupani ad fu originariamente tradotta dallhindi allinglese da Gauri Modi. Bharat Gupt e Harihar Pandey hanno collaborato alla revisione finale della traduzione, e Isvara (Robert Hartley) della Gestalt Community Church ne ha finanziato la pubblicazione. A tutti loro vanno i miei sentiti ringraziamenti. Possa questa sacra scrittura dare chiarezza e coraggio a tutti coloro che ricercano lAssoluto! Narada Muni. Le sacre scritture derivano da due fonti: la Verità Assoluta Universale e la saggezza realizzata da un i (saggio, veggente). Quando uno yogi entra nel samadhi (lunione divina con lAssoluto), diventa un canale attraverso il quale può rivelarsi la Verità Universale. La conoscenza che deriva dal samadhi è detta sruti, ossia conoscenza rivelata o «udita»1. Sti (memoria) è invece la scrittura che deriva dallesperienza e dalle riflessioni di uni, il cui insegnamento viene tramandato di generazione in generazione. Le Upani ad più importanti derivano da entrambe queste fonti, e così pure Kpalupani ad. In essa Sruti proviene dal samadhi di Svami Kripalvananda, mentre sti deriva dalla saggezza tramandata a Kripalu dal proprio Guru e dalle stesse riflessioni sulla Verità di Svami Kripalu. Unaltra caratteristica di questa scrittura è il suo potere di produrre Verità indipendentemente dal punto di vista dello studente e dalle sue personali condizioni di esperienza e conoscenza. Egli potrà quindi ricevere la Verità in armonia col proprio livello evolutivo. Avendo Kpalupani ad il potere di rivelare Verità essoteriche alle persone che vivono nel mondo e Verità esoteriche al rinunciante, può a pieno titolo essere annoverata tra le Upani ad dellantica India. A causa della struttura dellidioma hindi, nel testo è prevalente il genere maschile 2. Tuttavia le tecniche e i principi yogici descritti sono ugualmente validi sia per gli uomini che per le donne. Il testo, che a prima vista può sembrare rivolto alla sola tecnica, tratta dei principi yogici e delle espressioni devozionali più importanti. Per cominciare a recepire il nettare di Verità contenuto nellessenza di questo libro, laspirante dovrà impegnarsi in numerose riletture e riflessioni. I ricercatori che già praticano lo yoga devono confrontare continuamente le esperienze della loro sadhana con quelle descritte nel testo. Non trovandole descritte, dovrebbero rivedere la loro pratica. Trovandovi invece corrispondenza avranno la conferma di stare praticando correttamente e ne trarranno enorme incoraggiamento. ----- Titolo originale: KRPALUPANISHAD Traduzione dallinglese di Stefano (Atmarama) e Piero Leone Curatore delledizione italiana: Sergio Cipollaro.------------INDICE Prefazione . pag. 4 Introduzione .. pag. 5 Definizione di Yoga .. pag. 6 Lo scopo dello Yoga . pag. 8 Tipi di Yoga .. pag. 9 KuGHalini è la base di tutto lo Yoga pag. 12 I metodi per risvegliare kuGHalini ..... pag. 16 KuGHalini Sakti può essere risvegliata attraverso la pratica costante di siddhasana .. pag. 18 KuGHalini Sakti può anche essere risvegliata attraverso la pratica di una, o più, delle dieci principali mudra dello yoga .. pag. 19 Il praGayama è la chiave per lo yoga ... pag. 24 Anche la sola pratica di pratyahara può risvegliare kuGHalini ... pag. 25 KuGHalini Sakti ...
---------------------------------
Titolo: KRISHNAMURTI - IL CUORE DEL SUO INSEGNAMENTO
Libro intro: KRISHNAMURTI - Il cuore del suo insegnamento...
---------------------------------
Titolo: KRISHNAMURTI - LA FINE DEL DOLORE
Libro intro: LA FINE DEL DOLORE Discorsi a Saanen – 1980 Questo libro nasce dall’ascolto diretto dei discorsi di Krishnamurti a Saanen. Primo discorso: Qual è la causa del dolore? Secondo discorso: Che cosa ci separa dalla realtà. Terzo discorso: Qual è l’azione giusta? Quarto discorso: La libertà di osservare la realtà. Quinto discorso: Può avvenire nel tempo un cambiamento psicologico? Sesto discorso: La fine di quello che siamo. Settimo discorso: Quello che è sacro....
---------------------------------
Titolo: KRIYA YOGA : SINTESI DI UN'ESPERIENZA PERSONALE
Libro intro: PARTE I LA MIA RICERCA DEL KRIYA YOGA ORIGINALE 1. Yoga da autodidatta 2. Kriya Yoga appreso dalle organizzazioni 3. Il valore inestimabile del Japa 4. Incontro con alcuni insegnanti al di fuori dell'organizzazione 5. Una decisione sofferta PARTE II DEFINIZIONE DELLE TECNICHE DEL KRIYA YOGA 6. Tecniche base del Kriya Yoga 7. Tecniche dei Kriya Superiori 8. Visione teorica del Kriya Yoga. Introduzione alle sue principali varianti PARTE III KRIYA YOGA IN PRATICA 9. Come guidare una persona a porre salde basi per la pratica del Kriya Yoga 10. Preghiera [Japa]: lo strumento più importante per realizzare lo stato di assenza di respiro 11. Come raggiungere lo stato di assenza di respiro 12. Due modi di concepire la perfezione del sentiero Kriya Appendice 1: Esiste il risveglio prematuro di Kundalini? Appendice 2: Il Kriya Yoga non va mescolato con pratiche esoterico magiche Appendice 3: Importanza di studiare il movimento Radhasoami Appendice 4: Ricchezze nascoste nel Kriya Yoga di P.Y. Appendice 5: Istruzione pratica su come avvicinarsi alla Preghiera del cuore Glossario...
---------------------------------
Titolo: KRIYA YOGA : TECNICHE BASE
Libro intro: TECNICHE BASE DEL KRIYA YOGA Importante Le tecniche qui descritte sono esposte solamente per motivi di studio, per servire come raffronto col lavoro di altri ricercatori. Da questa condivisione spero derivi un feedback intelligente. Osservazioni, critiche, correzioni e aggiunte saranno ben ricevute. Prima di cominciare a porvi tutte le domande più strane possibili e immaginabili, leggete completamente la Parte II e III di questo libro in modo da avere una completa visione della materia. Scoprirete che molte domande trovano risposta man mano che proseguite con la lettura. Tengo a precisare che questo libro non è un manuale di Kriya Yoga! Forse in futuro ne scriverò uno e allora affronterò il problema di come dividere l'intero argomento in diverse lezioni cercando, per ciascuna fase d’apprendimento, di fornire tutti i consigli necessari. In ogni caso, certe tecniche non possono essere apprese leggendo un manuale. Ci sono tecniche delicate come per esempio il Maha Mudra, il Kriya Pranayama, il Thokar, lo Yoni Mudra che è impensabile apprendere senza l'aiuto di un esperto che controlli la loro esecuzione. Ogni persona è diversa e nessuno può dire a priori quali saranno gli effetti di una determinata tecnica, soprattutto se praticata in dosi consistenti. L'autore non si assume alcuna responsabilità nel caso di risultati negativi, particolarmente nel caso in cui uno decida di praticare le tecniche senza aver cercato la supervisione di un esperto. Coloro che intendono portare avanti questa pratica dovrebbero farlo con il dovuto senso del sacro e la consapevolezza della ricchezza che essa potrà portare nella loro vita. Sebbene ognuno ha il diritto e il dovere di controllare il suo destino, garantirsi il consiglio o la guida di un esperto è indispensabile. N.B. Quando ci si reca da un esperto, è necessario comunicargli l’esistenza di ogni eventuale problema fisico, come ipertensione, problemi ai polmoni, segni di iperventilazione… Se avete particolari problemi fisici, un esperto potrà raccomandarvi una forma delicata di Kriya Pranayama e dei Mudra ad esso collegati – e se necessario potrebbe raccomandare di praticarli solo mentalmente. I Chakra sono sottili organi astrali entro la spina dorsale; gradini ideali di una scala mistica che conduce una persona, senza alcun pericolo, alla più elevata esperienza estatica. Molti credono di poter applicare automaticamente al Kriya quello che è scritto sui libri di Yoga, ma questo non funziona. Tali testi sono riempiti di inutili, devianti raffigurazioni. Perdendo tempo a visualizzare tutto quel materiale, un kriyaban potrebbe correre il rischio di perdere l’autentico significato delle tecniche del Kriya, o parte delle loro ricchezze. Il Kriya è un processo naturale che porta a dei risultati benefici e non dovrebbe essere distorto dal potere della cosiddetta visualizzazione "creativa", specie se essa si pone in contrasto con la fisiologia del corpo -- il Kriya non si propone di creare una condizione artificiale in esso. Quando certe condizioni naturali si stabiliscono - silenzio mentale, rilassamento del corpo, intensa aspirazione dell’anima - la Realtà Spirituale si manifesta, assorbendo l'attenzione. In tal caso, dei movimenti sottili di energia nel corpo – o un particolare raccogliersi dell'energia in qualche parte del corpo – rivelano l'essenza dei Chakra. Coloro che praticano il Kriya Yoga (useremo il termine kriyaban) incominciano la loro pratica della tecnica base del Kriya Pranayama visualizzando la spina dorsale come un tubo vuoto che si estende dalla base di essa fino al cervello. Con ulteriore pratica, essi cercano di localizzare i sette Chakra. II primo Chakra, Muladhara è localizzato alla base della colonna spinale proprio sopra la regione del coccige; il secondo Chakra, Swadhisthana, si trova nella regione sacrale a metà strada tra Muladhara e Manipura; il terzo Chakra, Manipura, è nella regione lombare all'altezza dell'ombelico. Il quarto Chakra, Anahata, è nella regione dorsale; la sua sede può essere individuata avvicinando le scapole e concentrandosi sui muscoli tesi tra di esse. Il quinto Chakra, Vishuddha, si trova dove il collo si unisce alle spalle, all'altezza delle clavicole. La sede del quinto Chakra può essere individuata oscillando la testa lateralmente, mantenendo il busto ben fermo, concentrandoci sul punto dove si percepisce un particolare suono come di un qualcosa che scricchiola, o che viene macinato. Il percorso del Kriya è diviso in quattro fasi: Prima fase: Jihuah (Jiwha) Granthi Ved -- Sollevare la lingua. Seconda fase: Hridaya Granthi Ved -- Attraversare il nodo del cuore. Terza fase: Navi Granthi Ved -- Attraversare il nodo dell'ombelico. Quarta fase: Muladhara Granthi Ved -- Attraversare l'ultima ostruzione che blocca la piena immersione nell' "occhio spirituale....
---------------------------------
Titolo: KRIYA YOGA : TEORIA E PRATICA
Libro intro: TEORIA E PRATICA DEL - 1 KRIYA YOGA - 1 TEORIA- 3 Essenza della Gita (Ch. II : 55-72) 3 Essenza SVETASVATARA UPANISAD 8 Vita lunga alla tradizione di Lahiri 14 PRATICA - 15 AVVERTENZA AL SAGGIO - 15 INTRODUZIONE AL KRIYA YOGA 15 LA TECNICA DELL?OM- 16 LA TECNICA DELL'HONG SO 18 TECNICA DEL PRIMO KRIYA - (prima parte) 18 PREPARAZIONE AL KRIYA- 19 LA TECNICA VERA E PROPRIA - 20 TECNICA DEL PRIMO KRIYA - seconda parte - 21 PUNTI CHIAVE- 21 NUMERO DI KRIYA CHE POTETE ESEGUIRE 22 LA TECNICA DEL SECONDO KRIYA 23 TECNICA DEL TERZO KRIYA 24 TECNICA DEL QUARTO KRIYA 25...
---------------------------------
Titolo: KRIYA YOGA: SINTESI DI UN'ESPERIENZA PERSONALE
Libro intro: PARTE I STORIA DELLA MIA PASSIONE PER IL KRIYA YOGA 1. Yoga da Autodidatta 6 2. Imparo il Kriya Yoga 18 3. Lo Stato di Assenza di Respiro 34 4. Ricerca del Kriya Originale 51 5. Un Sentiero Mistico Pulito 72 PARTE II CONDIVISIONE DELLE TECNICHE DEL KRIYA YOGA 6. Tecniche Base del Kriya Yoga 92 Appendice al capitolo 6: alcune varianti del Navi Kriya e del Maha Mudra 109 7. Completamento del Primo Kriya e Studio Teorico del Kriya Yoga 112 8. Kriya Superiori 127 Appendice al cap. 8: una importante variante del Thokar basata sul movimento interiore Tribhangamurari 141 PARTE III GRADUALE APPRENDIMENTO DEL KRIYA YOGA 9. Premessa sui Potenziali Pericoli della Meditazione e del Kriya Yoga 153 10. Primi passi sul sentiero del Kriya Yoga 165 11. Padroneggiare lo stato di Assenza di Respiro 183 Appendice ai cap. 10 e 11: osservazioni sul Kriya insegnato dalle organizzazioni 196 12. Kriya delle cellule 211 Autore: Ennio Nimis...
---------------------------------
Titolo: KRYON : CANALIZZAZIONI
Libro intro: kryon : canalizzazioni...
---------------------------------
Titolo: KRYON COLLECTION
Libro intro: IN QUESTO TESTO SONO RACCOLTE TANTISSIME CANALIZZAZIONI DI KRYON (600 PAGINE) - di Lee Carroll (canalizzatore di Kryon) - TRATTE DAL SITO WWW.STAZIONECELESTE.IT Voglio cogliere questa occasione per parlare della canalizzazione in generale. E spesso fraintesa come qualcosa di sinistro e bizzarro e scommetto che avete degli amici a cui non direste mai che state guardando queste pagine sul web! Alcuni pensano che sia male, e molti non vogliono averci niente a che fare. Si aggrapperebbero piuttosto a una qualsiasi altra informazione che (pensano) non sia canalizzata. Definizione di Canalizzazione: Parole (o energia) divine ed ispirate di Dio impartite agli Umani da Umani. La definizione di cui sopra è ciò che la canalizzazione attualmente E. Ciò significa non solo che la maggior parte della sacre scritture (tutte le religioni) del pianeta furono originariamente canalizzate, ma anche molte opere darte e musiche! E assolutamente un luogo comune, ma, così come molti altri processi che ri-emergono nella Nuova Era, ha su di sé un particolare marchio negativo. Dio non ha scritto la Bibbia... è stato fatto dagli Umani, ispirati dal divino. Ci hanno abituato ad avere uomini e donne di Dio autorizzati ed approvati a passarci le informazioni... non gente comune. Quindi in questa Nuova Era, in cui sta cominciando ad emergere la reale e fondamentale intenzione del Maestro dAmore della Nuova Era (cioè lauto-autorizzazione per coloro che non sono sacerdoti della terra), stiamo vedendo sempre più gente comune trasmettere informazioni di Dio. Anche nella nostra cultura accettiamo le lettere inviate da un uomo comune ai suoi amici in molte città della Terra Santa... come la sacre parole di Dio! (Questo è quanto è stato scritto del Nuovo Testamento della Bibbia). Pensateci. Questa è canalizzazione! Noi crediamo che Dio non abbia smesso di parlare agli umani 2000 anni fa. Pensare che Dio abbia smesso di comunicare è negare la vostra propria divinità, o assegnare una qualche speciale sacralità al passato, non sentendosi degni di considerare se stessi una parte del continuo piano di Dio per una Terra illuminata. Voi siete degni di una continua comunicazione con Dio... quello che io insegno è realmente una parte di VOI! Ma ci sono alcune cose da considerare nella canalizzazione ... Responsabilità! Chiunque può canalizzare e, in questo contesto, lo Spirito non è una proprietà. E per tutti gli Umani, non solo per pochi. Perciò la capacità ed il potenziale di questo attributo esiste per tutti noi. Così come molte altre cose, lINTENZIONE dellumano significa tutto. Non tutte le canalizzazioni sono date con INTENZIONE PURA. Perciò, alcune cose sono vere, alcune no... e VOI dovreste essere in grado di riconoscere la differenza quando la ASCOLTATE o la LEGGETE. Viene davvero dallo Spirito Molti uomini e donne di questi tempi dicono prolissità a getto continuo, chiamandole ispirazioni alcuni su pagine del web proprio come questa. Come potete riconoscere se è vero o no, visto che non cè unorganizzazione che vi dice chi è OK e chi non lo è (Non ne siete contenti) La responsabilità di un VERO canale è TERRIBILE. Le informazioni sacre, consacrate, possono cambiare la vita! Informazioni egocentriche e piene di paura possono confondere e veramente fermare la crescita spirituale di una persona. Come potete conoscere la differenza Kryon ci dice che abbiamo il potere del discernimento per saperlo, e che potremo anche percepire la differenza. Per chi di voi sta ancora imparando ciò che è il percepire, ho alcune informazioni che possono essere utili. Furono pubblicate in origine sulla rivista New Realities, nel luglio 1987... due anni prima che io iniziassi a canalizzare (che appropriatezza). Larticolo era intitolato Linee Guida per il Discernimento Spirituale. Nellarticolo venivano portate allattenzione del lettore dodici -12 - linee guida, sia negative che positive. Credo che queste informazioni siano precise, sviluppate da Umani illuminati per insegnare ad altri Umani. Qui sotto ne presento sette -7- delle dodici (come sono state anche presentate nel Libro VI di Kryon - "Partnering with God). Quando la prossima volta sarete seduti davanti ad un canale o leggerete una trascrizione, tenete in considerazione questi sette punti. Quando sentite o leggete le parole di un canalizzatore, cercate anche di chiedervi qual è lintenzione dellumano che sta parlando. Cè un ego o un secondo fine umano Se lo trovate... allora fermatevi. Perché siano precise e vere non può esserci dellego umano nelle informazioni. Lo richiede lo Spirito al canalizzatore... io lo so. So anche che, per oltre dodici anni di esperienza di canalizzazione, il messaggio sarà SEMPRE colmo damore, e non di paura. Fate attenzione a questo! Riconoscete lenergia come familiare e la sentite come di casa Questa è unaltra chiave. Se invece no, e ...
---------------------------------
Titolo: L' ABC DELLE MEDICINE ALTERNATIVE IN ONCOLOGIA
Libro intro: L' ABC delle MEDICINE ALTERNATIVE E COMPLEMENTARI IN ONCOLOGIA UNA GUIDA PER IL MALATO E LA SUA FAMIGLIA a cura di F. Firenzuoli e L. Gori. INTRODUZIONE 4 DEFINIZIONI 5 IMPARIAMO A CONOSCERLE 6 ? LE MEDICINE DELLA MENTE 7 ? GLI ALIMENTI COME MEDICINA 8 ? PRATICHE MANIPOLATIVE 10 ? MEDICINA ENERGETICA 11 ? SISTEMI MEDICO TERAPEUTICI 12 ? AURICOLOTERAPIA 14 ? FITOTERAPIA 15 LE EVIDENZE SCIENTIFICHE 16 ISTRUZIONI PER L'USO 17 COME SCEGLIERE IL MEDICO ESPERTO 18 LIBRI 19 ARTICOLI DI STAMPA 20 INTERNET 21 CONCLUSIONI 22 CHI SIAMO 23 SITI WEB ACCOMANDATI 24 BIBLIOGRAFIA 26...
---------------------------------
Titolo: L' EDUCAZIONE NELLA NUOVA ERA
Libro intro: SCOPI DELLA NUOVA EDUCAZIONE Precisazioni introduttive Pagina 1 Risposte ad alcuni quesiti 7 Teoria, Metodi e Mete 14 Coordinazione ed integrazione 19 CAPITOLO II LO SVILUPPO CULTURALE DELL’UMANITÀ Civiltà e cultura 38 Il processo di sviluppo 52 La natura dell’esoterismo 59 CAPITOLO III IL PROSSIMO STADIO NELLO SVILUPPO MENTALE UMANO L’attuale periodo di transizione 69 L’era dell’Acquario 94 CAPITOLO IV LA CULTURA DELL’INDIVIDUO La questione della cittadinanza 100 La situazione e le ideologie del mondo 108 Le cause del fermento attuale 116 La famiglia 125 Tendenze indicatrici di sviluppi futuri 133 Il controllo della personalità 140 CAPITOLO V LA SCIENZA DELL’ANTAHKARANA 143 SINOSSI 151 INDICE ANALITICO 155 di ALICE A. BAILEY...
---------------------------------
Titolo: L'ANIMA E IL SUO MECCANISMO
Libro intro: Capitolo I - Il problema della psicologia pag. 13 Capitolo II - Le ghiandole e il comportamento umano pag. 30 Capitolo III - Teoria del corpo eterico pag. 54 Capitolo IV - Natura dell’Anima e sua sede pag. 72 Capitolo V - L’insegnamento orientale sull’Anima, l’Etere e l’Energia pag. 92 Capitolo VI - I sette Centri di forza pag.109 Capitolo VII - Conclusione pag.128 LA GRANDE INVOCAZIONE Dal punto di Luce entro la Mente di Dio Affluisca luce nelle menti degli uomini, Scenda Luce sulla Terra. Dal punto di Amore entro il Cuore di Dio Affluisca amore nei cuori degli uomini. Possa Cristo tornare sulla Terra. Dal centro ove il Volere di Dio è conosciuto Il proposito guidi i piccoli voleri degli uomini; Il proposito che i Maestri conoscono e servono. Dal centro che vien detto il genere umano Si svolga il Piano di Amore e di Luce, E possa sbarrare la porta dietro cui il male risiede. Che Luce, Amore e Potere ristabiliscano il Piano sulla Terra. Questa Invocazione o Preghiera non appartiene ad alcuno, né ad alcun gruppo, ma a tutta l’Umanità. La bellezza e la forza di essa stanno nella sua semplicità, e nel suo esprimere certe verità centrali che tutti gli uomini accettano, in modo innato e normale - la verità che esiste un’Intelligenza fondamentale cui, vagamente, diamo il nome di Dio; la verità che, dietro ogni apparenza esterna, il potere motivante dell’Universo è Amore; la verità che una grande Individualità, dai Cristiani chiamata il Cristo, venne sulla terra, e incorporò quell’amore perché potessimo comprendere; la verità che sia amore che intelligenza sono effetti di quel che vien detto il Volere di Dio; e infine l’evidente verità che solo per mezzo dell’umanità stessa il Piano divino troverà attuazione. ALICE A. BAILEY...
---------------------------------
Titolo: L'ANIMA ED IL SUO MECCANISMO
Libro intro: LA GRANDE INVOCAZIONE Dal punto di Luce entro la Mente di Dio Affluisca luce nelle menti degli uomini, Scenda Luce sulla Terra. Dal punto di Amore entro il Cuore di Dio Affluisca amore nei cuori degli uomini. Possa Cristo tornare sulla Terra. Dal centro ove il Volere di Dio è conosciuto Il proposito guidi i piccoli voleri degli uomini; Il proposito che i Maestri conoscono e servono. Dal centro che vien detto il genere umano Si svolga il Piano di Amore e di Luce, E possa sbarrare la porta dietro cui il male risiede. Che Luce, Amore e Potere ristabiliscano il Piano sulla Terra. INDICE PREFAZIONE pag. 9 Capitolo I - Il problema della psicologia pag. 13 Capitolo II - Le ghiandole e il comportamento umano pag. 30 Capitolo III - Teoria del corpo eterico pag. 54 Capitolo IV - Natura dell?Anima e sua sede pag. 72 Capitolo V - L?insegnamento orientale sull?Anima, l?Etere e l?Energia pag. 92 Capitolo VI - I sette Centri di forza pag.109 Capitolo VII - Conclusione pag.128 APPENDICE pag.154 di ALICE A. BAILEY...
---------------------------------
Titolo: L'ARTE DI RICARICARE IL CORPO DI ENERGIA
Libro intro: di Paramahansa Yogananda. Padre Celeste, fammi comprendere che sei Tu a far lavorare le mie mani e a camminare con i miei piedi. Divino Spirito, fammi percepire che sei Tu il potere di assimilazione del corpo e il potere di eliminazione di tutti i veleni che contiene. Tu sei la vita che scorre nelle vene e nelle arterie e che palpita nel mio cuore. Possa la Tua saggezza agire attraverso la mia mente. Possa la Tua ragione guidare la mia ragione. Possa la Tua volontà indirizzare giustamente la mia volontà ostinata. Possano i Tuoi sentimenti guidare delicatamente i miei sentimenti. Possano i Tuoi desideri suscitare le mie ambizioni. Possa la Tua misericordia ispirare la mia gentilezza. Possa la Tua compassione manifestarsi nella mia compassione. Possano i Tuoi pensieri sussurrare attraverso il filo dei miei pensieri. Possa la Tua onniscienza permeare la mia intuizione e renderla infallibile. Possano le Tue decisioni indicare la via alle mie decisioni. Possa la Tua onnipresenza vibrare nel mio essere. Possa la Tua gioia essere la mia gioia e la Tua felicità la mia felicità. Possa la Tua beatitudine sempre nuova essere la mia beatitudine. Possa il Tuo amore indurre il mio amore ad amare tutti con il Tuo amore. L'arte di ricaricare il corpo di energia Esercizi di ricarica: Una tecnica base della Self-Realization Fellowship IL CORPO FISICO E? POTENZIALMENTE ILLIMITATO E ONNIPRESENTE I miliardi di minuscole cellule che costituiscono il nostro corpo fisico sono pieni di vita e di attività. Il corpo umano, che appare così solido e compatto, in realtà è soltanto un insieme di forze in movimento che girano vorticosamente a velocità ultrarapida. Il corpo fisico è una combinazione di cellule formate di molecole in movimento che, a loro volta, sono costituite da atomi in continua rotazione. Queste minuscole forme semi-intelligenti sono composte di elettroni, protoni e neutroni, manifestazioni delle forze vitali vibratorie. Le forze vitali sono scintille dei pensieri creativi dell'Intelligenza Infinita, o Dio. Il movimento chimico delle cellule agita la superficie del 'mare' dell'attività corporea; sotto la superficie danzano le onde del movimento molecolare, sotto il quale si muovono le onde del moto atomico. Si succedono rispettivamente le onde del moto elettro-protonico e le onde di scintille danzanti: le energie vitali. Seguono le onde dei vari livelli di coscienza; le onde delle sensazioni e, ancora più in profondità, le onde del pensiero, del sentimento e della volontà. Alla base di tutti questi strati, costituiti dai diversi moti ondulatori di vita, si nasconde l'io o ego. Perciò, sebbene il corpo sembri una massa solida di proporzioni limitate che occupa soltanto un piccolo spazio, le cellule di cui si compone sono in realtà la manifestazione di un vasto mare di onde molecolari che, a loro volta, sono la manifestazione di un mare più grande di onde atomiche. Le onde atomiche sono la manifestazione dell'immenso mare formato dalle onde elettro-protoniche che emergono dall'oceano cosmico dell'energia vitale. L'energia vitale è una manifestazione del potere inesauribile della coscienza in tutte le sue forme: coscienza dello stato di veglia, subcoscienza, supercoscienza, Coscienza Cristica e Coscienza Cosmica. Nell'uomo, come è stato già accennato, la coscienza si manifesta anche come sensazione, pensiero, sentimento, volontà ed ego. Il corpo, in quanto manifestazione del movimento chimico, sembra piccolo; ma, poiché i mutamenti chimici delle cellule sono in realtà onde 'rnaterializzate' di Coscienza Cosmica, potenzialmente è illimitato e onnipresente. Gli insegnamenti della Self-Realization Fellowship consentono allo studente di comprendere sia la vera natura del corpo fisico - di percepirlo cioè come un riflesso dello Spirito - sia di raggiungere la consapevolezza di essere la coscienza e la divina energia vitale che sostengono il corpo, e non il corpo stesso il quale è solo un veicolo fisico fatto di muscoli e ossa, contraddistinto da un volume e un peso specifico. Fate sempre precedere l'esecuzione degli Esercizi da una preghiera rivolta a Dio per ricaricare il corpo, la mente e l'anima, come ad esempio: "Padre Celeste, sei Tu che sostieni direttamente il mio corpo. Risveglia in me volontà cosciente, salute cosciente, vitalità cosciente, realizzazione cosciente. Eterna giovinezza dei corpo e della mente, dimora in me sempre e per sempre". 1. Esercizio di doppia respirazione (con contrazione) (ripetere da 3 a 5 volte) In posizione eretta, alzare le braccia lateralmente finché non si trovino in posizione orizzontale, parallele al suolo. Mantenendo le braccia distese all'altezza delle spalle, portarle in avanti, finché le palme delle mani non si tocchino di fronte a voi. Mentre si portano le braccia in avanti, espirare in due tempi dalla bocca ('ha-haa') in modo lento e rilassato, flettendo leggermente le ginocchia. Il corpo deve essere...
---------------------------------
Titolo: L'ATTESA MESSIANICA UNIVERSALE
Libro intro: Uno dei caratteri della vita contemporanea che più la differenzia dalla vita del passato è l’ampiezza e la rapidità delle comunicazioni. Quello che avviene in ogni parte del mondo è portato immediatamente a conoscenza degli uomini a mezzo della radio, della televisione, dei giornali e periodici ad ampia tiratura. Ma che cosa trasmettono? Anzitutto le più importanti notizie politiche, sociali, economiche; poi (e spesso con maggiore ampiezza!) i delitti, gli scandali le avventure amorose delle persone in vista. Recentemente, anche informazioni riguardanti il campo religioso vengono date con crescente ampiezza dai mezzi di comunicazione di massa. Però vengono date soprattutto notizie riguardanti le ripercussioni politiche e sociali dell’azione delle Chiese e le loro cerimonie spettacolari — oppure usanze e fatti curiosi (ad esempio, quello che una setta mussulmana offre al suo capo Aga Khan una quantità d’oro corrispondente al peso del suo corpo!). Ciò spiega come il pubblico, compresi gli intellettuali, non si renda abbastanza conto del crescente anelito diffuso verso un rinnovamento religioso. Spesso questo anelito è collegato con la invocazione e l’atteso avvento di un Messaggero divino, di un Profeta, di un Istruttore, di un Salvatore, o addirittura di una incarnazione divina. Tale attesa “messianica” non è nuova; ma attualmente ha assunto una ampiezza mondiale, essendo presente in varie parti del mondo e ha portato ad una vasta opera di attiva preparazione, di invocazione specifica, che si sta estendendo in modo sorprendente. L’attesa si basa sopra dati storici indiscutibili. In ogni epoca e presso ogni popolo sono comparsi Esseri d’una altezza spirituale eccezionale: Fondatori di religioni, Saggi, Istruttori, Profeti. Basti ricordare (omettendo i personaggi più o meno mitici) Confucio e Lao-Tse in Cina — il Buddha in India — Zoroastro in Persia — Solone, Platone e Pitagora in Grecia — Mosé, Isaia, Maometto — e, fra i moderni, Baha Ullah — Ramakrisna — Vivekananda — Gandhi — Inayat Khan — Aurobindo. Secondo le tradizioni esoteriche ed iniziatiche, oltre a questi Esseri che si presentano pubblicamente, esiste un Ordine, una Gerarchia, una Fratellanza di iniziati, chiamati variamente Rishi, Mahatma, Maestri, i quali vivono ritirati ed ignorati “dietro le scene del mondo”, ma che accolgono ed allenano discepoli ed intervengono, in incognito, nelle vicende umane con intenti benefici. A questi si riferisce, fra le altre, la Leggenda del Graal, dalla quale Riccardo Wagner ha tratto il soggetto delle sue opere Lohengrin e Parsifal. In esse gli iniziati sono raffigurati quali Cavalieri dell’Ordine del Graal che vivono appartati in un castello costruito sopra un monte, ma che, in risposta agli appelli umani, scendono a proteggere i deboli ed a debellare gli ingiusti ed i prepotenti. Vi sono numerose tradizioni riguardanti questi Esseri, come quelle su Cristiano Rosenkreutz, il presunto fondatore dell’Ordine dei Rosa-Croce; sul Conte di Saint-Germain, che avrebbe svolto una parte storica in Francia, prima della Rivoluzione; sui “Maestri di Saggezza e Compassione” viventi nell’Himalaya, dei quali hanno dato testimonianza e notizia H. P. Blavatsky (che avrebbe dimorato per qualche anno presso di Essi), il Colonnello Olcott, Alice A. Bailey, Nicholas Roerich, ed altri. 3 Questi Messaggeri spirituali sono stati molto diversi fra loro e pure diversi sono stati i modi nei quali si sono presentati e sono stati considerati dai popoli fra cui hanno svolto le loro missioni. Si può dire che tali modi siano stati principalmente tre: Il primo è rappresentato soprattutto dal Buddha, il quale nella sua vita e nel suo messaggio ha detto di aver conquistato da sé, senza aiuti superiori e dopo lunghe ricerche, errori e travagli, la verità e l’illuminazione. Egli, pur svolgendo attiva opera di insegnamento, accogliendo discepoli e fondando un ordine di tipo monastico, più che dare una dottrina, ha aperto una via (il “nobile ottuplice sentiero”), ed ha incitato a percorrere quella via da sé. Un secondo, da un gruppo d’Istruttori che si sono annunciati, e sono stati riconosciuti, quali messaggeri, annunziatori, profeti, inviati da Dio per insegnare le Sue leggi, recare la Sua parola, i Suoi moniti, annunciare i Suoi voleri. Un terzo tipo invece è stato ritenuto una diretta manifestazione di Dio, una Sua reale incarnazione. Ciò è avvenuto nell’Induismo, che crede nei varii “Avatara” di Vishnu, e nel Cristianesimo. Non è nostro proposito esaminare ora la validità di queste rispettive posizioni, bensì, di mettere in evidenza i caratteri comuni che presentano. Quegli Esseri sono spesso comparsi per promuovere un nuovo ciclo di civiltà e di cultura: hanno istruito ed illuminato; hanno fatto opera di conciliazione e di sintesi fra uomini e gruppi sparsi o contrastanti; sono stati testi...
---------------------------------
Titolo: L'ATTUAZIONE DEL PIANO DI DIO
Libro intro: FOSTER BAILEY Prefazione 3 La Gerarchia Spirituale 7 Esoterismo 18 Il Discepolato nella Nuova Era 22 Civiltà Antiche e Nuove 28 Civiltà Controllate dalla Legge 32 Servizio Mondiale negli Anni 70 37 Cristianesimo e Clericalismo 40 Gli Affari nella Nuova Era 47 Le Nazioni Unite 53 Il Problema dell’Educazione 59 Meditazione di Gruppo 65 La Gioventù Oggi 69 Idea, Ideale, Idolo 72 La Morte e Dopo 75 Il Governo Mondiale 79 La Psicologia Esoterica 81 La Nuova Filosofia di Transizione 84 Buddismo Esoterico nel Tibet 88 La Nuova Cina e la Nuova Russia 92 L’Aumento dello Psichismo 95 Amore per l’Umanità 98 Gioia, Risorsa Spirituale 102 Epilogo 104 4 PREFAZIONE Questo libro rappresenta il tentativo di raccontare alcuni aspetti di una lunga e strenua vita di discepolato votata a due scopi principali Primo: la responsabilità che mi sono assunto di rendere un successo l’opera di Alice A Bailey Secondo: l’impegno che ho preso con D K di pubblicare e distribuire i suoi insegnamenti a livello mondiale, oltre alla responsabilità economica di pubblicarli Spero che altri discepoli ed aspiranti al discepolato ne trarranno il beneficio di ottenere una maggiore comprensione di alcuni aspetti insiti nell’opera di discepolato in rapporto all’opera della Gerarchia e agli elementi fondamentali della coscienza di gruppo della Nuova Era A questo scopo ho offerto i miei punti di vista su molti argomenti, ma l’ho fatto anche nel tentativo di incoraggiare gli atteggiamenti giusti nei confronti degli attuali problemi mondiali...
---------------------------------
Titolo: L'AURA
Libro intro: COS'E' L'AURA ? E' un campo energetico pieno di colori che circonda il corpo fisico. Si suddivide in quattro campi energetici principali detti corpi sottili e cioè: ? corpo eterico ? corpo emozionale ? corpo mentale ? corpo spirituale ...
---------------------------------
Titolo: L'ESTERIORIZZAZIONE DELLA GERARCHIA
Libro intro: OSSERVAZIONI INTRODUTTIVE Il periodo di transizione . . . . . . Pag. 3 L’urgente necessità attuale. . . . . . 20 Un’opportunità stimolante. . . . . . 24 Gruppi seme nella Nuova Era . . . . 26 L’opera dei gruppi seme. . . . . . 46 Il compito immediato . . . . . . 61 PARTE SECONDA IL QUADRO GENERALE DEL MONDO Le cause delle difficoltà mondiali . . . . . . . . . . . . . 69 La fonte nascosta dell’agitazione esteriore 71 La tendenza spirituale del destino umano. 79 Conflitto tra forze di antica origine . . . . 83 La crisi mondiale . . . . . . . . 105 La Grande Invocazione - Prima Stanza . . 144 Appello all’unità nel servizio . . . . . 171 Il futuro ordine mondiale . . . . . . . 174 La crisi mondiale dal punto di vista Gerarchico 211 La crisi mondiale odierna . . . . . . . 229 La Grande Invocazione - Seconda Stanza . . 251 PARTE TERZA LE FORZE CHE SOSTENGONO IL PROGRESSO EVOLUTIVO DELLA RAZZA La dottrina degli Avatar . . . . . . . . . . . . . . . . 285 L’opera di ricostruzione . . . . . 313 Misure pratiche per l’opera di ricostruzione . 320 Preparazione per l’attività e l’opera future . . 332 Un’imminente decisione cruciale . . . . 337 L’unica via della vittoria . . . . . . 338 Il significato della festa del Wesak . . . . 347 La causa della catastrofe mondiale . . . . 354 L’intervallo tra guerra e pace . . . . . 364 Un evento spirituale imminente . . . . 387 Messaggio speciale per la festa del Wesak 389 La nuova religione mondiale . . . . . . 402 Alcuni fattori della situazione mondiale . 423 Il compito di promuovere la volontà di bene . . 431 Il ciclo di congressi . . . . . . . . 445 Un messaggio pasquale . . . . . . 468 La Grande Invocazione – Terza Stanza . 488 La liberazione dell’energia atomica . . . 491 QUARTA PARTE 7 STADI DELL’ESTERIORIZZAZIONE DELLA GERARCHIA Basi soggettive della nuova religione mondiale . . . . . . . . . .Pag. 502 L’esteriorizzazione degli Ashram . . . . . 519 Preparazione gerarchica per la festa del Wesak . 541 Il ritorno del Cristo . . . . . . . . 591 Preparazione per la riapparizione del Cristo . . 612 Lavoro dei prossimi decenni . . . . . . . 631 Gli Ashram interessati all’avvento . . . . 642 Organizzazione della forma degli Ashram sulla Terra 652 Effetti dell’esteriorizzazione . . . . . . . . . . . . . . . 673 Adattamento Ashramico alla vita exoterica 682 OSSERVAZIONI INTRODUTTIVE Il periodo di transizione . . . . . . Pag. 3 L’urgente necessità attuale. . . . . . 20 Un’opportunità stimolante. . . . . . 24 Gruppi seme nella Nuova Era . . . . 26 L’opera dei gruppi seme. . . . . . 46 Il compito immediato . . . . . . 61 PARTE SECONDA IL QUADRO GENERALE DEL MONDO Le cause delle difficoltà mondiali . . . . . . . . . . . . . 69 La fonte nascosta dell’agitazione esteriore 71 La tendenza spirituale del destino umano. 79 Conflitto tra forze di antica origine . . . . 83 La crisi mondiale . . . . . . . . 105 La Grande Invocazione - Prima Stanza . . 144 Appello all’unità nel servizio . . . . . 171 Il futuro ordine mondiale . . . . . . . 174 La crisi mondiale dal punto di vista Gerarchico 211 La crisi mondiale odierna . . . . . . . 229 La Grande Invocazione - Seconda Stanza . . 251 PARTE TERZA LE FORZE CHE SOSTENGONO IL PROGRESSO EVOLUTIVO DELLA RAZZA La dottrina degli Avatar . . . . . . . . . . . . . . . . 285 L’opera di ricostruzione . . . . . 313 Misure pratiche per l’opera di ricostruzione . 320 Preparazione per l’attività e l’opera future . . 332 Un’imminente decisione cruciale . . . . 337 L’unica via della vittoria . . . . . . 338 Il significato della festa del Wesak . . . . 347 La causa della catastrofe mondiale . . . . 354 L’intervallo tra guerra e pace . . . . . 364 Un evento spirituale imminente . . . . 387 Messaggio speciale per la festa del Wesak 389 La nuova religione mondiale . . . . . . 402 Alcuni fattori della situazione mondiale . 423 Il compito di promuovere la volontà di bene . . 431 Il ciclo di congressi . . . . . . . . 445 Un messaggio pasquale . . . . . . 468 La Grande Invocazione – Terza Stanza . 488 La liberazione dell’energia atomica . . . 491 QUARTA PARTE 7 STADI DELL’ESTERIORIZZAZIONE DELLA GERARCHIA Basi soggettive della nuova religione mondiale . . . . . . . . . .Pag. 502 L’esteriorizzazione degli Ashram . . . . . 519 Preparazione gerarchica per la festa del Wesak . 541 Il ritorno del Cristo . . . . . . . . 591 Preparazione per la riapparizione del Cristo . . 612 Lavoro dei prossimi decenni . . . . . . . 631 Gli Ashram interessati all’avvento . . . . 642 Organizzazione della forma degli Ashram sulla Terra 652 Effetti dell’esteriorizzazione . . . . . . . . . . . . . . . 673 Adattamento Ashramico alla vita exoterica 682...
---------------------------------
Titolo: L'EVENTO PSICOSOMATICO:UN PROBLEMA APERTO
Libro intro: L'EVENTO PSICOSOMATICO:UN PROBLEMA APERTO Si propone una riflessione critica nei confronti dei disturbi psicosomatici: soprattutto il significato - se logico o ontologico - del dualismo psiche-soma e la possibile applicazione del concetto di conversione anche a tali disturbi. Si ritiene che i due modelli più rappresentativi - quello psicobiologico e quello psicodinamico - sono parziali perchè riducono la complessità del dualismo ad un monismo anche se mascherato, e non sono correlabili per la diversa concettualizzazione e per il diverso significato attribuito al sintomo. Tali divergenze sono dovute anche ad una diversa modalità relazionale di approccio e di osservazione. Si auspica pertanto un modello diverso di osservazione e di relazione che possa rendere possibile un approfondimento dell'evento psicosomatico per giungere ad una formulazione unitarie del fenomeno stesso. Esamineremo nell'ordine: A) l'origine del termine B) il dualismo psiche-soma C) l'eziologia: un problema aperto D) i modelli interpretativi: modello psicodinamico, modello psicobiologico E) una possibile sintesi La natura profonda delle cose, ama nascondersi (Eraclito - Framm.123) autore Nicola Lalli...
---------------------------------
Titolo: L'INCARNAZIONE
Libro intro: L’INCARNAZIONE L’incarnazione ha due aspetti: - l’incarnazione collettiva e - l’incarnazione individuale. Il soggetto che si incarna è sempre la Reale Identità e si incarna sempre attraverso la Coscienza e la mente. Attraverso l’incarnazione, la Coscienza Infinita si autoriconosce, mentre la Reale Identità non si autoriconosce. La Reale Identità È “di là” del conoscere, “di là” della Coscienza e “di là” dell’autoriconoscersi. La Reale Identità non ha “bisogno” di autoriconoscersi. La Reale Identità (di ogni essere umano) È “semplicemente” la Realtà (Sé, Dio, Assoluto) di per Sé. L’INCARNAZIONE COLLETTIVA articolo di Andrea Pangos...
---------------------------------
Titolo: L'INIZIAZIONE : MIGLIORARE ED ESPANDERE LA PROPRIA COSCIENZA.
Libro intro: Questa straordinaria conferenza "spirituale", tenuta da Ghislaine Gualdi il 30/11/85, viene proposta dal Gruppo Teosofico Sarmoung ed è dedicata a tutti coloro che si sentono attratti, anche solo per curiosità, a migliorare ed espandere la propria coscienza. SOMMARIO Quali sono le iniziazioni accessibili? 3 Cosa significa la parola iniziazione? 3 I Maestri ci insegnano come essere discepoli 4 Quello che conta è sentirsi parte della realtà cosmica 5 Il segreto per la nostra realizzazione sta dentro di noi 6 La realtà creata da Dio non può essere malvagia 6 Il male e la morte sono creazioni dell'uomo 7 L'iniziazione è un ritorno all'armonia cosmica 7 Le iniziazioni maggiori sono difficili da conquistare 8 I chakras e le iniziazioni 9 Ogni giorno potete avere delle piccole inizizioni 9 LE MANIFESTAZIONI DI SOLIDARIETA' 10 L'uomo sana i disastri causati da altri uomini 11 Date aiuto alle associazioni, ma non è tutto 11 Considerate sempre il lato occulto delle cose 12 LE INVERSIONI DELL'ASSE DELLA TERRA 12 Per quale motivo accadono questi eventi? 12 L'importanza della cintura magnetica di un pianeta 13 LA PSICANALISI 13 Bisogna disfarsi delle vecchie forme pensiero 13 I problemi della coscienza collettiva 14 Le cose brutte del mondo hanno sempre uno scopo 14 Ogni evento ha le sue spiegazioni 14 Sono i Maestri a creare i Raggi di energia 15 LA VEGGENZA 15 Non esistono poteri, ma solo energie 15 Come funziona la veggenza 15 Per chi non funziona la veggenza? 16 Come dovrebbe comportarsi un veggente 17 Tutti hanno diritto di esprimersi, anche i malintenzionati 18 L'UTILIZZO DELL'IPNOSI 18 La pratica dell'ipnosi ha più lati negativi che positivi 18 L'ipnosi toglie all'uomo il suo libero arbitrio 18 È sempre meglio evitare la sospensione della coscienza 19 IL RAPPORTO COL MONDO TECNOLOGICO 19 L'uomo ha scelto di vivere solo per quelle materiali 19 Si può lavorare nella materia e vivere spiritualmente 20 Non fermativi alle scoperte tecnologiche 20 Perché oggi cresce il bisogno di spiritualità? 21 Il futuro vedrà una fusione tra spiritualità e materialità 21 CONCLUSIONI 22 Esercitate la vostra intelligenza tramite il discernimento 22 I Quaderni di Sarmoung n° 11 GRUPPO TEOSOFICO SARMOUNG...
---------------------------------
Titolo: L'ORA DI DIO DI AUROBINDO
Libro intro: I brani raccolti in questo libro furono scritti da Sri Aurobindo tra il 1910 ed il 1940. Nessuno di essi venne pubblicato mentre egli era ancora in vita e nessuno subì la revisione finale a cui sottopose le sue opere maggiori. La maggior parte dei brani vennero inizialmente stampati su diverse pubblicazioni dell' Ashram ed in seguito nelle diverse edizioni di The Hour of God, la prima delle quali risale al 1959. I brani qui riuniti non sono mai stati considerati da Sri Aurobindo parti di un'unica opera. Alcuni furono scritti a gruppi di due, tre o quattro ma molti sono brani separati senza alcuna relazione tra loro....
---------------------------------
Titolo: L'UOMO E IL SUO DIVENIRE SECONDO IL VEDANTA
Libro intro: I. GENERALITÀ SUL VEDANTA II. DISTINZIONE FONDAMENTALE FRA IL SÉ E L’IO III. IL CENTRO VITALE DELL’ESSERE UMANO, DIMORA DI BRAHMA IV. PURUSHA E PRAKRITI V. PURUSHA INALTERATO DALLE MODIFICAZIONI INDIVIDUALI VI. I GRADI DELLA MANIFESTAZIONE INDIVIDUALE VII. BUDDHI O L’INTELLETTO SUPERIORE VIII. MANAS O IL SENSO INTERNO, LE DIECI FACOLTÀ ESTERNE DI SENSAZIONE E D’AZIONE IX. GLI INVOLUCRI DEL SÉ , I CINQUE VAYU O FUNZIONI VITALI X. UNITÀ E IDENTITÀ ESSENZIALI DEL SÉ IN TUTTI GLI STATI DELL’ESSERE XI. LE DIFFERENTI CONDIZIONI D’ATMA NELL’ESSERE UMANO XII. LO STATO DI VEGLIA O LA CONDIZIONE DI VAISHWANARA XIII. LO STATO DI SOGNO O LA CONDIZIONE DI TAIJASA XIV. LO STATO DI SONNO PROFONDO O LA CONDIZIONE DI PRAJNA XV. LO STATO INCONDIZIONATO D’ATMA XVI, RAPPRESENTAZIONE SIMBOLICA D’ATMA E DELLE SUE CONDIZIONI FIGURATA DAL MONOSILLABO SACRO OM XVII. L’EVOLUZIONE POSTUMA DELL’ESSERE UMANO XVIII. IL RIASSORBIMENTO DELLE FACOLTÀ INDIVIDUALI XIX. DIFFERENZA DELLE CONDIZIONI POSTUME SECONDO I GRADI DELLA CONOSCENZA XX. L’ARTERIA CORONALE E IL RAGGIO SOLARE XXI. IL VIAGGIO DIVINO DELL’ESSERE VERSO LA LIBERAZIONE XXII. LA LIBERAZIONE FINALE XXIII. VIDEHA MUKT1 E JIVAN MUKTI XXIV. LO STATO SPIRITUALE DELLO YOGI: L’«IDENTITÀ SUPREMA» ...
---------------------------------
Titolo: L'UOMO GLOBALE IERI E OGGI - MEDICINA ALTERNATIVA
Libro intro: RELATORE CANDIDATO Prof. Michele VALSESIA Mirella NONIS ANNO ACCADEMICO 2008-2009 2 INDICE INTRODUZIONE Pag. 6 CAPITOLO I GLOBALIZZAZIONE Pag. 9 CAPITOLO II MIGRAZIONE Pag. 11 CAPITOLO III MEDICINA ALTERNATIVA Pag. 13 3.1 Perché si sceglie la medicina alternativa? Pag 14 CAPITOLO IV CARATTERISTICHE MEDICINA ORIENTALE Pag. 16 3 CAPITOLO V ASPETTO GIURIDICO Pag 17 CAPITOLO VI AYURVEDICA «CONOSCENZA DELLA VITA O LONGEVITA’» Pag 19 6.1 Caratteristiche Pag 19 6.2 Diagnosi Pag 20 6.3 Efficacia Pag 21 6.4 Limiti e controindicazioni Pag 21 6.5 Alimentazione Pag 22 6.6 Integrazione con medicina tradizionale Pag 23 6.7 Ginnastica medica yoga Pag 23 6.8. Conclusioni Pag 25 CAPITOLO VII AGOPUNTURA Pag 27 7.1 Caratteristiche Pag 27 7.2 Diagnosi Pag 29 7.3 Efficacia Pag 30 7.4 Limiti e controindicazioni Pag 30 7.5 Costi Pag 31 4 7.6 Integrazione con medicina tradizionale Pag 31 7.7 Ginnastica medica. Tai chi chuan Pag 32 7.8 Auricoloterapia: non agopuntura Pag 33 7.9 Conclusioni Pag 35 CAPITOLO VIII VECCHIE E NUOVE SCIENZE: MEDICINE ALTERNATIVE Pag. 36 8.1 Metereopatia Pag 36 8.2 Placebo Pag 37 CAPITOLO IX BIOETICA E GLOBALIZZAZIONE Pag. 40 9.1 Formazione del personale Pag 40 9.2 Comunicazione al pubblico Pag 41 9.3 Insegnamento della bioetica Pag 42 9.4 La medicina oggi Pag 44 9.5 Conclusioni Pag. 45 BIBLIOGRAFIA Pag. 47...
---------------------------------
Titolo: L'UOMO GLOBALE IERI E OGGI MEDICINA ALTERNATIVA
Libro intro: Tesi di laurea di Mirella NONIS - 2 INDICE INTRODUZIONE Pag. 6 CAPITOLO I GLOBALIZZAZIONE Pag. 9 CAPITOLO II MIGRAZIONE Pag. 11 CAPITOLO III MEDICINA ALTERNATIVA Pag. 13 3.1 Perché si sceglie la medicina alternativa? Pag 14 CAPITOLO IV CARATTERISTICHE MEDICINA ORIENTALE Pag. 16 3 CAPITOLO V ASPETTO GIURIDICO Pag 17 CAPITOLO VI AYURVEDICA «CONOSCENZA DELLA VITA O LONGEVITA?» Pag 19 6.1 Caratteristiche Pag 19 6.2 Diagnosi Pag 20 6.3 Efficacia Pag 21 6.4 Limiti e controindicazioni Pag 21 6.5 Alimentazione Pag 22 6.6 Integrazione con medicina tradizionale Pag 23 6.7 Ginnastica medica yoga Pag 23 6.8. Conclusioni Pag 25 CAPITOLO VII AGOPUNTURA Pag 27 7.1 Caratteristiche Pag 27 7.2 Diagnosi Pag 29 7.3 Efficacia Pag 30 7.4 Limiti e controindicazioni Pag 30 7.5 Costi Pag 31 4 7.6 Integrazione con medicina tradizionale Pag 31 7.7 Ginnastica medica. Tai chi chuan Pag 32 7.8 Auricoloterapia: non agopuntura Pag 33 7.9 Conclusioni Pag 35 CAPITOLO VIII VECCHIE E NUOVE SCIENZE: MEDICINE ALTERNATIVE Pag. 36 8.1 Metereopatia Pag 36 8.2 Placebo Pag 37 CAPITOLO IX BIOETICA E GLOBALIZZAZIONE Pag. 40 9.1 Formazione del personale Pag 40 9.2 Comunicazione al pubblico Pag 41 9.3 Insegnamento della bioetica Pag 42 9.4 La medicina oggi Pag 44 9.5 Conclusioni...
---------------------------------
Titolo: L'UOMO LA SUA EVOLUZIONE ED IL SUO DESTINO
Libro intro: POCHI SI CHIEDONO IL PERCHÉ DELLA VITA (1) 3 Alla riscoperta di antiche verità (2) 5 Chi sono gli autori degli argomenti esoterici? 6 La Chiaroveggenza 6 La Telepatia superiore 7 TAPPA N. 1 9 L'INVOLUZIONE E L'EVOLUZIONE 9 L'INVOLUZIONE (1) 9 L'EVOLUZIONE (1) 10 La comparsa dell'uomo (1) 10 La costituzione dell'uomo (1) 10 La personalità (2) 11 TAPPA N. 2 12 LE GUIDE SPIRITUALI (1) 12 La necessità di più vite 12 La resurrezione dalla carne 13 Come formare il nostro corpo spirituale (3) 13 La Legge del Karma 15 I pionieri 15 Come lavorano i Maestri 16 La vostra vita è nelle vostre mani (4) 16 TAPPA N. 3 18 IL FENOMENO CHIAMATO "MORTE" (1) 18 La morte del corpo fisico (2) 21 Non si muore soli... (3) 22 Il Purgatorio e il Paradiso (4) 23 Il desiderio di rinascere (4) 23 TAPPA N. 4 25 LA DOTTRINA DELLA RINASCITA 25 Non basta una vita per realizzarsi (1) 25 La rinascita e il cristianesimo delle origini 26 La rinascita e le religioni del mondo 26 Origene (185-253 d.C.) 27 Giustiniano (482-565 d.C.) 28 PERCHE' NON RICORDIAMO LE VITE PASSATE? (6) 30 L'offuscamento dei ricordi (7) 30 E' meglio non ricordare le vite passate (8) 31 TAPPA N. 5 33 IL KARMA O LEGGE DI CAUSA ED EFFETTO 33 L'atteggiamento è assai importante 33 Come non aggravare il nostro Karma (1) 34 Nessuno può farvi alcun male (2) 34 Come superare il Karma negativo (3) 35 L'uomo può cambiare il suo destino (4) 35 Le tre parti del karma futuro 36 TAPPA N. 6 38 DEFINIZIONE DELLA SPIRITUALITA' (1) 38 La vita spirituale non consiste... (2) 38 Lo scopo finale (3) 39 Lo spiritualista può essere ricco quanto il Signore (4) 40 Se amate la vita spirituale... (5) 40 TAPPA N. 7 42 L'IMPORTANZA DI UNA PROSPETTIVA SPIRITUALE 42 Ognuno di noi è perfetto nella mente di Dio (1) 42 Noi non siamo il nostro corpo (2) 44 Il dramma dell'Anima in esilio (3) 44 La necessità di mutare atteggiamento (4) 45 Tutti i nostri problemi nascono dal fatto che... (1) 47 Lo spirito ha bisogno di un buon strumento (5) 48 Considera il tuo corpo come un grande amico (6) 48 L'importanza del discernimento (7) 49 TAPPA N. 8 52 CONOSCERE IL CRISTO E LA SUA OPERA 52 Gesù di Nazareth e il Signore Cristo (1) 52 Da quel giorno lontano il Cristo lavora per noi (2) 55 TAPPA N. 9 61 CONCLUSIONE 61 L'importanza di essere indipendenti Compilato a cura del Dr. Mario Rizzi ...
---------------------------------
Titolo: LA LUCE DELLA NOSTRA ANIMA - CORSO PER CONOSCERE OGNI UOMO ED IL SUO DESTINO
Libro intro: Un corso per corrispondenza proposto da www.viveremeglio.org - 4 COMPOSIZIONI - Realizzazione: Dr. Mario Rizzi - ################ SOMMARIO 1° LIBRO ################ NOTE PER IL LETTORE 1 Avvertimento al saggio (1) 4 La vostra vita è nelle vostre mani (2) 5 ALCUNI PRESUPPOSTI DI BASE 6 Alla riscoperta di antiche verità (3) 6 La Verità è unica (4) 6 Definizione della "spiritualità" (5) 6 La vita spirituale non consiste... (6) 7 Lo scopo finale (7) 7 Lo spiritualista può essere ricco quanto il Signore (8) 8 Se amate la vita spirituale... (6) 8 CHI SONO GLI AUTORI DEGLI ARGOMENTI ESOTERICI? 9 La Chiaroveggenza 9 La Telepatia superiore 9 I CONTINENTI PERDUTI 10 MU, LA MADRE TERRA DELL'UOMO (4) 10 L'ATLANTIDE 11 Il popolo di Atlantide (5) 11 La civiltà atlantiana (6) 12 Cosa rimane dei popoli atlantidei? (7) 15 L'inizio della Legge di causa ed effetto (8) 15 Una testimonianza della geologia (9) 15 Le testimonianze della paleontologia (10) 15 ALLA RICERCA DELLA PRIMA RELIGIONE 17 Il linguaggio simbolico (2) 17 Il Cerchio (2) 18 Il Triangolo (2) 18 Il Quadrato (2) 18 La Croce (2) 18 La piramide, il simbolo dei simboli (3) 19 Il punto comune di tutte le culture (4) 19 LA PRIMA RELIGIONE, LA PIU' SEMPLICE E PURA (2) 20 La religione del Sole (5) 20 Appunti storici (6) 21 Conclusione 22 Il mito di Atlante 22 LA GERARCHIA PLANETARIA (PRIMA PARTE) 24 I componenti della Gerarchia 24 L'opera della Gerarchia (1) 24 L'influenza dei Maestri sulle Scuole di esoterismo (2) 25 La Gerarchia vista dal Maestro Djwal Khul (il Tibetano) (3) 25 I Maestri visti da Giuseppe Filipponio (4) 25 I Maestri visti da David Anrias (5) 25 Una giusta precisazione (6) 26 Come possiamo aiutare i Maestri? (7) 26 Altri modi per aiutare i Maestri (8) 27 L'illusione riguardo ai Maestri 27 I pericoli della medianità (10) 28 Un messaggio del Maestro D.K. (11) 28 LA TRADIZIONE ESOTERICA (1) 30 I MESSAGGERI DEGLI DEI (2) 30 Le caratteristiche dei Re Sacerdoti 31 L'ESOTERISMO NELL'ANTICHITA' 32 L'iniziazione (6) 32 Gli Iniziati (7) 32 Le scuole dei Misteri (8) 32 I Misteri Egizi e la grande Piramide (9) 33 Anche gli Ebrei avevano i loro Misteri (12) 34 IL CRISTIANESIMO ESOTERICO 36 Necessità di un insegnamento differenziato (1) 36 Qual'è lo scopo delle religioni? 36 Il lato occulto dell'insegnamento (2) 36 Una risposta da Origene a Celso (4) 37 Un brano di Ignazio, Vescovo d'Antiochia 37 Un passo dalla Stromata di Giamblico (6) 38 L'insegnamento nei Misteri 38 Alcune parole del Maestro Gesù 38 Il parere di S. Paolo 39 Quando e perché venne perso l'insegnamento (10) 39 La necessità di riproporre l'esoterismo (11) 40 Conclusione di Eliphas Lèvi (12) 40 LA DIFFUSIONE DELL'ESOTERISMO 42 I motivi per la diffusione dell'esoterismo (1) 42 La trasformazione dell'insegnamento (2) 42 Il nuovo insegnamento (3) 43 Il Maestro Djwal Khul (4) 43 FASE PREPARATORIA: DAL 1875 AL 1890 (5) 44 La vita di Helena Petrovna Blavatsky (1831-1891) 44 Il lavoro di H.P.B. 45 Un brano della signora Blavatsky (6) 46 FASE INTERMEDIA: DAL 1919 AL 1949 46 La vita di Alice Bailey (1880-1949) (7) 46 Il lavoro di Alice Bailey (9) 47 LO SCOPO DEI MAESTRI (10) 47 L'insegnamento del Maestro D.K. (11) 47 FASE RIVELATRICE: DOPO IL 1975 47 NOI E I MAESTRI 49 Alla ricerca della Luce 49 I Maestri si preoccupano per noi 49 Come entrare in rapporto con la Gerarchia (3) 49 Come collegarsi con la Gerarchia (3) 50 LA GRANDE INVOCAZIONE 52 Origine della Grande Invocazione (4) 52 Diffusione della Grande Invocazione (4) 53 IL SERVIZIO 54 Com'è l'amore vero? (1) 54 Dare e ricevere (2) 54 L'amore ci rende completamente disponibili (1) 55 Non possiamo conoscere Dio... (1) 55 Molti discepoli vorrebbero il completo supporto di Dio (1) 55 Prima di servire l'umanità dobbiamo "servire" noi stessi (3) 55 Come realizzare i progetti per il bene (1) 56 Come possiamo aiutare i Maestri? (4) 57 Altri modi per aiutare i Maestri (5) 57 La benedizione (6) 58 AUTOESAME 59 FENOMENI DI MISTICISMO (1) 60 LE SETTE SOTTO INCHIESTA (2) 60 Strategia dell'alienazione 61 I risultati della ricerca 62 Il decondizionamento 63 SETTE: IDEE E VITA (3) 64 Un suggerimento di Roberto Gervasio (4) 66 CHI SIAMO? 67 Nessuno si chiede il perché della vita (1) 67 Per ogni anima viene un momento che... 68 La Scienza e la Sapienza Antica 68 I chiaroveggenti volontari e involontari (2) 68 ALLA RICERCA DEL SE'... (3) 69 Noi siamo più che un semplice corpo (3) 69 La costituzione sottile dell'uomo 69 Il doppio eterico o corpo vitale 69 La personalità (4) 70 Riassunto 71 IL DOPPIO ETERICO O CORPO VITALE 72 La costituzione del doppio eterico (1) 72 L'Io può agire nel corpo fisico tramite il doppio eterico 73 I CENTRI ENERGETICI O CHAKRAS 73 Chakras e livello di coscienza 74 Il Kundalini (2) 74 IL DOPPIO ETERICO E LE MALATTIE (3) 74 Altre problematiche del doppio eterico (4) 75 Come armonizzare il doppio et...
---------------------------------
Titolo: LA CHIAVE DELLA TEOSOFIA
Libro intro: Una chiara esposizione, in forma di domande e risposte dell?etica, della scienza e della filosofia per lo studio delle quali la Società Teosofica è stata fondata. Idealmente, La Chiave della Teosofia può essere suddivisa in due grandi Sezioni: l?Esposizione degli Insegnamenti e la Teosofia pratica, rigorosamente interdipendenti e imprescindibili....
---------------------------------
Titolo: LA CHIAVE PER GABRIELE - EM-POWER TERAPIA
Libro intro: Testo di Coby Zvikler. L'Em-Power Terapia - come liberarsi dai condizionamenti e rimuovere la colpa non necessaria. COme cambiare l'immaginazione negativa in immaginazione positiva. La programmazione istintiva e le nostre caratteristiche ereditarie. Come comunicare con l'higher self ed effettuare cambiamenti positivi. Creare il sistema di gestione del pensiero. La ruota della spiritualità dell'em-power...
---------------------------------
Titolo: LA DECODIFICA BIOLOGICA E LE ORIGINI DELLA MALATTIA
Libro intro: INTRODUZIONE Negli anni ’80, il Medico Tedesco Ryke Geerd Hamer (adesso in carcere in Francia, in seguito ad una contestata accusa di “abuso della professione medica), dopo un lungo studio su oltre 13.500 TAC di pazienti affetti da forme tumorali, formula la teoria della “Nuova Medicina”. Questa teoria, basata su cinque Leggi Biologiche, comporta un completo capovolgimento della comprensione diagnostica della genesi delle malattie ed in particolare quella del cancro. Secondo la Nuova Medicina, le malattie fanno parte di un “programma speciale, biologico e sensato” della Natura. Ogni volta che un individuo è colpito da un trauma emotivo che abbia le seguenti caratteristiche: vissuto in maniera drammatica, ci colga impreparati, sia vissuto in solitudine, non si trovi una soluzione soddisfacente per superare il conflitto, e quindi interessi contemporaneamente i tre livelli psichico, cerebrale ed organico, il cervello entra in azione creando uno speciale programma biologico per la sopravvivenza dell’individuo che si manifesta a livello dell’organo malato. L’intensità del trauma emotivo determina la gravità della malattia e il tipo d’emozione ne determina la localizzazione nel corpo. Senza conflitto non vi è malattia. Il “Decodage Biologique” si basa sul lavoro svolto da Hamer ed è stato sviluppato e approfondito da un gruppo di ricercatori francesi (Sabbah, Athias, Flèche, Fréchet ecc.), che applicano protocolli di lavoro efficaci per la soluzione dei conflitti scatenanti la malattia e la conseguente guarigione. In questo scritto approfondirò principalmente le teorie riguardanti l’origine della malattia. Origini della malattia Nella nostra cultura la malattia è vissuta come stato di un’aberrazione organica, di un inesplicabile sconvolgimento della salute e quindi non è assolutamente apprezzata, ma al contrario, detestata. Per gli atei è addirittura la prova dell’inesistenza di Dio. Gli scienziati, nel tempo, hanno continuamente cercato di combattere questo “mostro” in modo sempre più aggressivo e forte, ma ci stiamo invece rendendo conto che sconfiggendo alcune forme patologiche, altre, diverse, si manifestano. Ancora oggi il cancro è considerato la manifestazione insensata di cellule impazzite e maligne e i microbi, i principali responsabili delle malattie. Partendo invece dal principio che in Biologia niente è legato al caso, la domanda che dobbiamo porci è: La malattia a cosa serve? Tutte le malattie sono causate da uno stress che porta ad un conflitto biologico, cominciano in seguito ad un preciso ordine dato dal cervello e sono d’origine genetica, essendo i geni portatori di memorie d’antichi adattamenti ad antichi conflitti. La malattia ha sempre un senso biologico autentico, che nasce da un quadro ben preciso, ed ivi si mantiene. Agendo sul quadro originale, essa può scomparire. Non c’é bisogno di lottarle contro e non rappresenta un fenomeno per l’eliminazione degli individui più deboli. Ad essa sono legati processi arcaici che includono anche il bagaglio dei momenti difficili della vita dei nostri antenati che sono trasmessi alle nuove generazioni e questa trasmissione costituisce la programmazione trans-generazionale, grazie alla quale i bambini traggono “profitto” dall’esperienza dei loro antenati per l’evoluzione della specie. Ogni generazione agisce al meglio delle proprie possibilità e pertanto non può essere considerata colpevole anche quando sembra essere la causa della nostra patologia. Possiamo invece, grazie ad una presa di coscienza, curare le antiche ferite generazionali a posteriori. Il nostro percorso di vita è anche quello dei nostri antenati. Si può evolvere, risalendo ai problemi della nostra vita e a quelli dei nostri genitori o di coloro che ci hanno preceduti, al momento del concepimento, dove ritroveremo l’atmosfera delle nostre origini, il quadro, i colori, gli “odori” del nostro concepimento, dove scopriremo infine di che cosa siamo debitori, saldare il conto e scegliere un percorso che finalmente possa soddisfare i nostri bisogni emozionali di base... di: Tamara Macelloni...
---------------------------------
Titolo: LA DIMENSIONE ASTRALE
Libro intro: La dimensione astrale è un piano vibrazionale della realtà più sottile di quello fisico e per questo invisibile ai sensi ordinari (negli studi teosofici si parla di “Manas inferiore”). Attraverso la pratica, cosciente o incosciente, dei viaggi astrali (ved. incontro n° 176) è possibile esplorare questa dimensione che a sua volta è divisa in molteplici sottopiani. Tra i maggior esploratori e divulgatori della realtà astrale citiamo Anne e Daniel Meurois-Givaudan che in molti dei loro affascinanti libri hanno descritto questa dimensione; per descrivere parzialmente la realtà astrale prenderemo spunto dal loro libro “Racconti di un viaggiatore astrale” (Ed. Amrita - titolo originale ”Récits d’un voyageur de l’astral”), dove narrano le prime esplorazioni fatte in questa realtà parallela. In astrale l’atmosfera è viva e palpabile e fatta di pura luce (scrive Platone nel Fedone che “L’aria è per loro ciò che sono l’acqua ed il mare quaggiù per noi, e ciò che è per noi l’aria per loro è l’etere”), il corpo astrale vibra in modo percettibile e fluttua in assenza di peso, il tempo non sembra misurabile. L’astrale è sia il regno delle persone trapassate, che abitano in uno dei suoi sottopiani a seconda della coscienza che hanno più o meno sviluppato, sia il regno delle favole, dove tutto è possibile poiché mediato direttamente dal pensiero e dove esistono molte creature che considereremmo impossibili nella realtà ordinaria. Nei vari piani di questa dimensione possiamo trovare i corpi astrali delle persone viventi e addormentate, i corpi astrali dei defunti, i corpi astrali degli animali addormentati, gli spettri (gusci o fantasmi), gli esseri di natura (fate, gnomi, silfi, nereidi, fiammelle ed altro ancora - in realtà abitanti del piano eterico-astrale), le forme pensiero, gli aiutanti invisibili, gli spiritelli dispettosi, gli spiriti sacri, angeli o maestri disponibili ad aiutarci, ecc… Quando un individuo muore entra in uno spazio immaginativo modellato sulle sue credenze terrene (ad es. un ateo potrà ritrovarsi in una sorta di magma nero indefinito) fino a che - con maggiore o minore velocità a seconda del grado di sviluppo spirituale - si disvela il piano astrale, che però non è la meta ultima del viaggio di Ritorno all’Assoluto, in quanto l’universo spirituale (monadico o Intrauniverso) è 100.000 volte ancor più sottile di quello astrale; se l’anima ha lasciato delle situazioni non risolte dietro a sé sarà costretta a reincarnarsi sui piani fisici ed in seguito tornerà ancora nelle dimensioni astrali (il Piano dell’Anima), ma la Vera Realtà è nello Spirito. In astrale ognuno può assumere la forma che più gli piace......
---------------------------------
Titolo: LA DOLCEVITA PREVENIRE E VIVERE IL DIABETE SENZA RINUNCIARE AI PIACERI DELLA TAVOLA
Libro intro: Questa iniziativa è resa possibile grazie al contributo educazionale e non condizionato di Merck Sharp & Dohme Italia. La pubblicazione riflette i punti di vista e le esperienze degli autori e non necessariamente quelli della Merck Sharp & Dohme Italia SpA. Il presente materiale non intende in alcuna maniera, né direttamente, né indirettamente, delineare o sostituirsi a percorsi terapeutici che rimangono esclusiva responsabilità del medico curante. Le indicazioni contenute in questa pubblicazione non devono essere valutate in sostituzione di cura professionale medica. È necessario, pertanto, consultare il medico prima di intraprendere qualsiasi cambiamento dello stile di vita. Un grazie di cuore a tutti coloro, in primo luogo i maestri della cucina italiana e le dietiste Elena Colombo e Cinzia Galimberti, che hanno reso possibile questa iniziativa. Il diabete mellito: impariamo a conoscerlo 10 Cos?è il diabete · 10 Il diabete di tipo 1 · 10 Il diabete di tipo 2 11 I test: diagnosi e monitoraggio dell?andamento glicemico · 12 I fattori di rischio 14 I sintomi · 14 Le complicanze · 15 La prevenzione · 17 Il trattamento 18 Le terapie convenzionali · 19 Le nuove terapie · 20 L?autocontrollo 21 Cos?è il Piano Terapeutico · 22 Note e bibliografia 23 Il valore di un?alimentazione corretta 24 Dieta e comportamento alimentare · 24 La dieta come terapia 25 I carboidrati · 26 Le proteine · 26 I grassi · 26 Le fibre · 26 Il sale e l?alcool 27 13 consigli da ricordare · 27 Note e bibliografia...
---------------------------------
Titolo: LA DOTTRINA DEI 7 CHAKRA
Libro intro: Per tutta la prima parte della mia vita, dal dopo biberon, ho parlato e scritto di arte. Avevo necessità di una pausa di riflessione durata 10 anni, nel cui spazio mi sono dedicata alla spiritualità in parecchie sue forme. Ho scritto molto sull'argomento, ho spaziato dall'esoterismo al Reiki e ovviamente non poteva mancare l'esperienza con i chakra. Poteva non venirne fuori un trattatino? Tutto quello che so su questi vortici di energia, lo propongo. Spero di essere stata chiara ed esauriente e per quando siano tanti i lbri scritti sui chakra ( dei tanti ne ho letti molti), uno in più...può essere tollerato? La Dottrina dei 7 chakra non l'ho inventata io, ne ho solo saccheggiato il titolo, la prima volta che l'ho avvicinata, mi ha incuriosita e poi molto interessata, tanto da farla entrare nella mia vita per studiarla. La propongo nel mio stile ovviamente! JOLANDA PIETROBELLI. Chakra I chakra sono punti in cui si convoglia l'energia e fanno da stazione di raccordo tra l'interno e l'esterno. Sono prevalentemente disposti in nodi corrispondenti anatomicamente ad importanti centri nervosi e a ghiandole. I chakra principali, i più noti, i più importanti sono sette ed il loro movimento non ha per tutti la stessa frequenza. Paragonati alle note musicali, quelli posti nella parte inferiore del nostro corpo, hanno una vibrazione cupa e corrispondono ai toni più bassi della scala, quelli posti nella parte superiore corrispondono ai toni più alti. La varietà del ritmo e di intensità, dipendono dallo stato di coscienza dell'individuo umano, nell'ordine delle forze che scorrono lungo la colonna vertebrale e quelle che orizzontalmente vanno da destra a sinistra. I chakra sono descritti come ruote o fiori di loto, con un numero di petali diverso l'uno dall'altro, per indicare la differente velocità di rotazione. Ad ogni chakra corrisponde un colore, un suono e una qualità con cui è possibile influenzare l'organo preposto. Le nadi e i chakra Ma facciamo un passo indietro: Il nostro corpo è percorso da canali conosciuti come nadi all'interno di cui scorre l'energia. Come i vasi sanguigni, alcuni sono più importanti, si incrociano in certi punti del nostro corpo, costituendo dei centri energetici conosciuti come chakra Alcuni di essi corrispondono nel corpo fisico alle ghiandole del sistema endocrino, che è la parte visibile di un sistema più vasto. Le nadi più importanti sono tre: · Sushumna detta anche raggio cristico o shiva lingam, è verticale e corrisponde al midollo osseo. Collega i sette chakra. Al proprio interno scorre l'energia cosmica kundalini. Secondo la tradizione Indù, la Dea Kundalini, rappresentata come un serpente avvolto alla base della spina dorsale, risvegliandosi chakra, dopo chakra, dal basso verso l'alto, rendeva la persona illuminata. · Ida e Pingala hanno un percorso ondulatorio. Quasi sempre nelle loro raffigurazioni le nadi, terminano alla sommità del capo e alla base della spina dorsale, ma in realtà proseguono sia verso l'alto che verso il basso, rendendo l'essere umano, un' antenna tra cielo e terra. Le tre nadi ricordano "il Caduceo" di Mercurio ed anche la catena del DNA. DI JOLANDA PIETROBELLI...
---------------------------------
Titolo: LA DOTTRINA SEGRETA : ANTROPOGENESI
Libro intro: LA DOTTRINA SEGRETA : ANTROPOGENESI...
---------------------------------
Titolo: LA DOTTRINA SEGRETA : COSMOGENESI
Libro intro: LA DOTTRINA SEGRETA : COSMOGENESI...
---------------------------------
Titolo: LA DOTTRINA SEGRETA BLAVATSKY
Libro intro: LA DOTTRINA SEGRETA SINTESI DELLA SCIENZA, DELLA RELIGIONE, E DELLA FILOSOFIA di HELENA P. BLAVATSKY...
---------------------------------
Titolo: LA FELICITA' NEL CAMBIAMENTO
Libro intro: Sommario Premessa 6 Ervin Laszlo 7 Marco Roveda 8 Introduzione 9 le radici dela crisi I nodi dell’insostenibilità 11 Comportamenti irrazionali 20 Aspirazioni e credo obsoleti 23 COSA FARE PER IL MONDO? Gli obiettivi tempestivi della politica 25 Gli obiettivi sociali del business 28 curare i drogati di cose Fine della cultura materialista 32 Il monito americano 36 Il quinto elemento 39 Causa ed effetto 45 Il cambiamento 47 Il passo imperativo: la crescita della consapevolezza 49 Dalle parole ai fatti 53 La nuova impresa del futuro a 3P 55 Questione di tempo 57 Appunti per essere felici 61 3 condividi | invia | sostieni La felicità nel cambiamento i volti del cambiamento Mikhail Gorbaciov 65 Tornare alle basi 67 Wangari Maathai 70 Il potere di una rete verde 72 Adolfo Pérez Esquivel 74 Nessuno può essere felice da solo 76 Shirin Ebadi 78 La democrazia, pietra basilare per la pace 79 Lester Brown 81 C iò che serve: una svolta copernicana 82 Deepak Chopra 89 S voltare verso il nuovo mondo 91 Fritjof Capra 95 Il Tao della sostenibilità 96 Steve Killelea 101 V erso il ministero della pace globale 103 Giampaolo Fabris 107 Ridipingere la casa 108 Paul Hawken 111 Istruzioni per il pianeta Terra 112 4 condividi | invia | sostieni La felicità nel cambiamento Rajendra Pachauri 119 Siamo un unico universo, siamo un’unica famiglia 121 Karan Singh 123 Il cambiamento necessario 125 Edgar Mitchell 129 Una visione dallo spazio 131 Vandana Shiva 134 Dal petrolio alla terra 135 Peter Russell 138 Sta suonando la sveglia 140 Tomoyo Nonaka 142 La necessità di essere globalmente “stralunati” 144 José Argüelles 147 Noosfera e il risveglio collettivo. Il mondo si prepara alla svolta 149 Ennio Morricone 155 Il valore del talento 157 Ermanno Olmi 159 La felicità è nella scelta dell’essenziale 161 5 condividi | invia | sostieni La felicità nel cambiamento Leonardo DiCaprio 164 Lo star system verso la consapevolezza 165 Robert Kennedy III 167 Un passo indietro per la felicità 168 Niccolò Branca 171 La forza dei sogni, l’attenzione verso la realtà 173 Christian Boiron 178 Lavorare su se stessi per cambiare il mondo 179 I due autori affrontano insieme una nuova sfida: far partire l’espressione di un “pensiero collettivo”. Costruire in progress un grande libro che raccolga i contributi e le riflessioni di tante belle persone, icone che costituiscono il gotha del mondo dei valori. Per promuovere, informare, delineare insieme un nuovo stile di vita per tutti. Perché alla radice dei mali del mondo (riscaldamento globale, desertificazione, sovrappopolazione etc.) c’è la mancanza di consapevolezza, ma esiste anche una grande possibilità di cambiamento. Importante è curare gli effetti, ma prima di tutto, curarne la causa....
---------------------------------
Titolo: LA FILOSOFIA DELLA LIBERTA'
Libro intro: TRATTI FONDAMENTALI DI UNA CONCEZIONE MODERNA DEL MONDO Risultati d'osservazione animica secondo il metodo delle scienze naturali. I N D I C E LA FILOSOFIA DELLA LIBERTÀ COMUNICAZIONI DI NICOLÒ GIUSEPPE BELLIA 4 PREFAZIONE ALLA SECONDA EDIZIONE (1918) 5 LA SCIENZA DELLA LIBERTÀ I - L'AZIONE UMANA COSCIENTE 9 II- L'IMPULSO FONDAMENTALE ALLA SCIENZA 12 III - IL PENSIERO AL SERVIZIO DELLA COMPRENSIONE DEL MONDO. 15 AGGIUNTA ALLA SECONDA EDIZIONE (1918) 19 IV - IL MONDO COME PERCEZIONE 21 V - LA CONOSCENZA DEL MONDO 27 AGGIUNTA ALLA SECONDA EDIZIONE (1918) 32 VI - L'INDIVIDUALITÀ UMANA 33 VII - VI SONO LIMITI ALLA CONOSCENZA? 35 AGGIUNTA ALLA SECONDA EDIZIONE (1918) 39 LA REALTÀ DELLA LIBERTÀ VIII - I FATTORI DELLA VITA 43 AGGIUNTA ALLA SECONDA EDIZIONE (1918) 44 IX - L'IDEA DELLA LIBERTÀ 45 X - FILOSOFIA DELLA LIBERTÀ E MONISMO 53 I - AGGIUNTA ALLA SECONDA EDIZIONE (1918) 54 II . AGGIUNTA ALLA NUOVA EDIZIONE (1918) 55 XI - SCOPO DEL MONDO E SCOPO DELLA VITA 56 AGGIUNTA ALLA SECONDA EDIZIONE (1918) 57 XII - LA FANTASIA MORALE 58 AGGIUNTA ALLA SECONDA EDIZIONE (1918) 61 XIII - IL VALORE DELLA VITA 62 AGGIUNTA ALLA SECONDA EDIZIONE (1918) 69 XIV - INDIVIDUO E SPECIE 69 LE ULTIME QUESTIONI LE CONSEGUENZE DEL MONISMO 74 I. AGGIUNTA ALLA SECONDA EDIZIONE (1918) 76 II. AGGIUNTA ALLA SECONDA EDIZIONE (1918) 76 PRIMA APPENDICE 78 AGGIUNTA ALLA SECONDA EDIZIONE DEL (1918) 78 SECONDA APPENDICE 81...
---------------------------------
Titolo: LA FILOSOFIA E LA PRATICA DEL KRIYA YOGA
Libro intro: Testo di Roy Eugene Davis. Introduzione agli insegnamenti essenziali, alle pratiche, ed allo stile di vita di questa via diretta alla trasformazione psicologica, alla soddisfacente crescita spirituale e al raggiungimento di tutti gli scopi principali della vita. Contenuti: ? Introduzione: il percorso della luce ? L?aspirazione irresistibile di ogni anima ? Un ritorno alla completezza ? Guide senza tempo, per vivere efficientemente, e per una rapida crescita spirituale ? Alcune verità (fatti della vita) da conoscere. ? Tecniche di meditazione del kriya yoga, iniziazione alla pratica, e la via del discepolato ? Un invito alla crescita spirituale...
---------------------------------
Titolo: LA GRANDE OPERA : LA PIENA REALIZZAZIONE DELL'UOMO
Libro intro: Peter Roche de Coppens --- Biografia dell’Autore Prefazione Introduzione Capitolo I La Fede Capitolo II La Grande Opera Capitolo III La Terapia del lavoro Capitolo IV La legge d’attrazione Capitolo V La Psicosintesi: manifestazione della Grande Opera diventata auto-Cosciente. Conclusione Bibliografia e riferimenti generali...
---------------------------------
Titolo: LA GRANDE OPERA DI GRILLOT
Libro intro: Molto si parla e si è parlato della Grande Opera. Alcuni propongono di dedicarvisi, ma ben pochi lo fanno. Dicono: «Più tardi, quando avremo agio e calma necessari, ci impegneremo». Ma l’agio e la calma non vengono mai; sino a che giunge il momento supremo, quello in cui l’Assoluto ci richiama a sè, poiché siamo suoi, ed allora è troppo tardi. Passare su questa Terra senza aver decifrato l’enigma, senza aver penetrato il segreto inesprimibile che alcuni, fra i nostri avi, conobbero. Forse lo potrai tu, tu che hai sollecitato la Sapienza fra tanti che non l’hanno fatto. La Grande Opera! La Grande Opera! Vocabolo prestigioso! Fulgido Splendore. Alcuni, nelle età passate, avrebbero dunque contemplato questa meraviglia, l’avrebbero posseduta completamente, e tu, tu la lasceresti insoluta nei libri? Nell’aldilà, con la pienezza della tua lucidità percettiva, vedrai la falange trionfante dei Sapienti inondarsi di una gioia radiosa, sperdersi nella beatitudine e nella felicità. Dilettarsi, nutrirsene per l’Eternità, mentre tu non avrai alcun posto in questo banchetto. Udrai le bianche teorie degli Iniziati gridarti, come Dante: « Guai a Voi Anime Prave non isperate mai veder lo Cielo! », mentre s’allontaneranno per sempre nella Luce e ti lasceranno solo, in seno alle tenebre crescenti, mentre il loro sinistro diazoma si stenderà attorno a te. Sia questo pensiero sufficiente ad ispirarti disgusto per la tua negligenza del Magistero dei Saggi. Piaccia a Dio che non sia troppo tardi, e che ti possa trovare non lontano dalla Via che ti introdurrà alla compiutezza. Se l’ascesi non ha inizio nella adolescenza è dubbio che tu possa mai pervenire alla perfezione. E’ in questo senso che Nicolas Valois ha detto: «La Primavera precede l’Opera». E San Tommaso D’Aquino: «Nei primi giorni è importante alzarsi di buon mattino per vedere se la vigna è in fiore ». Applicati senza ritardi, con la benedizione di Gesù Cristo, alla sua mathesi e alla sua agnizione. Discepolo mio, è proprio per dirigerti in questa Via che io ho intrapreso, invocato lo Spirito Santo, a scrivere le XII meditazioni che seguiranno. Lode a Dio....
---------------------------------
Titolo: LA GRANDE SINTESI DELLA TRADIZIONE ESOTERICA
Libro intro: La Grande Sintesi della Tradizione Esoterica a cura di Guido Da Todi ...
---------------------------------
Titolo: LA GRAVIDANZA CONSAPEVOLE
Libro intro: Quando nasce in voi il desiderio di avere un figlio, è bene pensare a un?informazione di base, esattamente come quando si intende svolgere una professione o affrontare un compito importante: in ogni situazione si rende necessaria un?adeguata preparazione. La nascita di un figlio è un momento determinante nella vita di ogni Donna e di ogni Uomo, momento che merita una profonda conoscenza di ciò cui si va incontro. Mi auguro che questo ?CORSO DI INTRODUZIONE ALLA GRAVIDANZA CONSAPEVOLE? sia di grande aiuto per voi, futuri genitori. Io non vi presento un trattato scientifico sul tema, ma soltanto quelle informazioni di base che ogni donna, ogni coppia, deve conoscere per seguire con consapevolezza ciò che avviene nei nove mesi di gestazione. Non posso che augurare di cuore a voi tutti, futuri genitori che, fatto tesoro di quanto apprenderete, possiate ottenere il migliore risultato a tutti i livelli per il bene vostro e del vostro bambino, bene che si ripercuoterà sulla società del domani. Grata dei suggerimenti e delle domande che vorrete farmi pervenire, vi auguro di vivere in serenità la vostra avventura verso una gioiosa maternità. Con tanto amore Bianca. ---===oooOooo===--- LA VITA PRENATALE E? uno spunto questo che dà adito allo sviluppo in tante direzioni. Quello che qui interessa maggiormente è prendere in considerazione la fase prenatale, periodo determinante per tutto il resto dell?esistenza, ma del quale si parla ancora troppo poco. Per dare un esempio: quando si parla di bambini, si intendono sempre solo i bambini già nati. I bambini in gestazione non vengono quasi mai considerati, se non per aspetti puramente medici, aspetti che riguardano però soprattutto le mamme. Invece ora è venuto il momento di dedicare tutta l?attenzione al bambino in gestazione, il quale, sulla base di ricerche fatte in tutto il mondo nel campo della vita intrauterina, non è affatto un essere passivo ma va visto da subito come una persona, bisognosa e degna di tutte le cure, ma soprattutto, di tanto Amore. L?Amore è cibo per i bambini in gestazione; infatti, per loro, tutto il benessere parte dall?Amore. Bambini non desiderati sono a rischio sin dal primo momento. Uno psicoanalista tedesco, Ludwig Janus di Heidelberg, nel suo libro intitolato ?Bambini non voluti? (Ungewollte Kinder) illustra numerosi casi di persone venute da lui in analisi perché tormentati da sensazioni alle quali non erano in grado di dare una spiegazione. Poi, nel corso dell?analisi è risultato che erano tutti figli non voluti o rifiutati in partenza da uno o da entrambi i genitori. Situazioni come queste creano la premessa per esistenze infelici e, non da ultimo, malattie. Questo spiega con quanta consapevolezza tutte le donne dovrebbero vivere la loro gravidanza quale evento straordinario che arricchisce profondamente la loro vita, dando solo il meglio di sé alla nuova creatura che si affaccia sul mondo. L?evoluzione non solo fisica ma anche psichica del bambino inizia sin dal momento del concepimento. I risultati delle numerose ricerche iniziate circa 40/50 anni fa mostrano qual è la vera identità del bambino in gestazione, affermando che il nascituro è dotato di capacità sensoriali, reagisce alle condizioni ambientali, è capace di provare sentimenti ed emozioni ed è felice quando si sente in stretta relazione con i genitori. Infatti il legame con i genitori è determinante, specialmente con la madre, ed è alla sua voce che il bambino è particolarmente sensibile. Ora anche alla figura del padre viene attribuita un?importanza sempre maggiore. Entrambi i genitori sono indispensabili, ognuno con un compito diverso ma uniti nel dare Amore al figlio atteso. Legame questo che darà i suoi frutti anche durante l?infanzia, l?adolescenza e oltre. I figli hanno bisogno di un punto di riferimento saldo in cui riporre la massima fiducia, e le basi di questo rapporto si possono gettare già durante la vita prenatale. Michel Odent, noto ginecologo francese che ora vive e lavora a Londra, convinto pioniere della psicologia prenatale, afferma che la salute dell?individuo inizia nel grembo materno. Egli afferma anche che ?Non si potrà mai cambiare la società se non si cambia il modo di far nascere i propri figli?. Questa frase fa capire che anche nel mondo della ginecologia e dell?ostetricia ci sarebbe molto da rinnovare, da aggiornare, da rendere più in armonia con i valori che le nuove conoscenze mediche e psicologiche richiedono a favore del percorso prenatale. Infatti, è venuto il momento di dare grande valore all?aspetto psicologico del processo. E? vero e va riconosciuto che da quando la medicina si è impossessata del ?percorso nascita?, la mortalità di donne e bambini è sensibilmente diminuita, e molti disturbi specifici della gravidanza sono diventati curabili, ma è vero anche che si sono persi tanti aspetti che in passato davano alla nascita di un figlio un senso di ...
---------------------------------
Titolo: LA GURU PUGIA - PARTE 1
Libro intro: La versione italiana della “Guru P¾jõ” di Lama TzoÒ Khapa che qui si riporta è stata effettuata principalmente sulla traduzione in inglese pubblicata dal “Dharma Therapy Trust” di Bristol nell’ottobre 1994 sotto la direzione di ghesce Damchö Yönten. La numerazione delle strofe segue invece quella de “La Guru Pugia” più sopra citata, normalmente usata nei Centri Ghelugpa in Italia. Infine, per rendere pienamente comprensibile il testo, si è ritenuto opportuno accompagnare ogni strofa con note di commento che ne illustrino sinteticamente i punti più complessi. LA P¿J÷. “P¾jõ” (in sanscrito) o “mChod-pa” (in tibetano) è - in generale - una pratica devozionale comprendente un’offerta sacra, che è un mezzo per venerare e compiacere i Tre Gioielli o la propria divinità di meditazione (yi-dam) o il proprio maestro spirituale (guru). Si tratta quindi di una cerimonia di rispetto, devozione e venerazione mediante un’offerta : è un atto rituale esteriore, diverso cioè dal culto interiore consistente nella meditazione e nella visualizzazione. L’offerta rituale è un antidoto contro il nostro egoismo ed attaccamento e procura un’accumulazione di merito. Essa può essere : -materiale, tangibile e concreta (posta, ad es., sull’altare): ciotole d’acqua, candele, incenso, fiori, cibo, ecc.; -verbale : ad es., la recitazione di versi di lode ; -mentale, cioè semplicemente visualizzata : ad es., un magnifico tramonto o i nostri meriti o pensieri positivi (immaginati sotto forma di luce). Il tantrismo contempla poi 4 tipi di offerte : --esteriori : acqua pura da bere, acqua per lavarsi, fiori, incenso, luce, profumo, cibo, suono, come pure canto, danza e meditazione ; --interiore : il proprio corpo, rappresentato dai puri costituenti fisici di seme, sangue e carne ; --segreta : la sensazione di beatitudine risultante dall’unione yab-yum (v. 11 d) ; --assoluta : la percezione della realtà così com’è, l’unione di beatitudine e vacuità (v. 8b), e il riconoscimento della vacuità dell’offerente, dell’offerta e di chi la riceve. Con la cerimonia della p¾jõ offriamo dunque preghiere ai guru, ai buddha e ai bodhisattva per richiedere benedizioni e invocare il loro aiuto. Così, essa può venire effettuata a) per prevenire e superare le condizioni che ci impediscono di realizzare i nostri scopi terreni e spirituali, ossia gli ostacoli -mondani: riguardanti le nostre relazioni quotidiane, gli affari, ecc. -interiori: concernenti la salute o i nostri stati mentali; -segreti: relativi al raggiungimento della saggezza innata; b) per pacificare la mente di chi sta per morire o per benedire e guidare il principio cosciente dei defunti verso un più alto stato di rinascita, verso la Liberazione e verso la Completa Illuminazione. IL GURU-YOGA. La guru-p¾jõ è una pratica di guru-yoga.1 Quest’ultimo è il metodo per unire e fondere la nostra mente ordinaria con la mente di saggezza del maestro, per cui ci viene trasmessa la benedizione di tutti i buddha. Nel guru-yoga infatti non solo si visualizza una Divinità, ma si riconosce che il proprio guru-radice - dopo aver eliminata ogni apparenza o concezione ordinaria nei suoi confronti - è inseparabile da Essa e quindi è in realtà un autentico buddha: con tale atteggiamento, il discepolo mette in pratica i suoi insegnamenti, trasferendo nel proprio continuum mentale le realizzazioni del guru. Tale pratica è dunque il fondamento dell’anuttarayogatantra, perché il guru è l’effettiva personificazione di tutti i buddha e l’accesso tramite cui si possono sperimentare le benedizioni e l’ispirazione dei Tre Gioielli. Dobbiamo quindi aver fede in lui e mostrargli grande rispetto per la sua gentilezza e preziosità. 1 Anche il dGa’-ldan Lha-gya-ma è un tipo di guru-yoga: entrambi riguardano Lama TzoÒ-kha-pa. Infatti, mediante il guru-yoga si può ottenere il “puro Corpo Illusorio” e l’effettiva consapevolezza della “Chiara Luce”2, fattori che conducono all’Illuminazione. LA GURU-P¿J÷. “Guru p¾jõ” (tib. bLa-ma mchod-pa) significa “rituale d’offerta al guru”, “rituale per fare offerte al guru”, e consiste in una pratica per compiacere il nostro maestro spirituale e ringraziarlo della gentilezza con cui ci guida nel nostro progredire lungo il Sentiero verso l’Illuminazione. In tale rituale il guru è considerato come la personificazione dei Tre Gioielli ed è visualizzato come una divinità a cui si fanno offerte e che entra nel nostro corpo, purificandoci. Le offerte rivolte ai nostri guru sono fatte a nostro beneficio, non a loro vantaggio: siamo noi che necessitiamo di merito o karma positivo affinché il nostro potenziale di Illuminazione possa crescere e diventare perfetto, e uno dei modi migliori per ottenere ciò consiste appunto nel rendere offerte e preghiere ai Tre Gioielli e ai nostri Guru...
---------------------------------
Titolo: LA GURU PUGIA PARTE 2 TARA LA DIVINA MADRE NEL BUDDHISMO
Libro intro: 1. Chi è Tara a) L’aspetto esteriore di Tara b) L’aspetto interiore di Tara c) L’aspetto segreto di Tara d) L’aspetto ultimo o assoluto di Tara 2. Le Terre Pure di Tara a) Il concetto di Terra Pura b) Le Terre Pure di Tara 3. Come agisce Tara a) Le tre direzioni in cui opera Tara --Dea del Mondo Sotterraneo --Dea della Terra --Dea dei Cieli b) Tara e la Grande Madre --La compassione --La saggezza 4. Tara e noi. a) Il culto di Tara b) Tara come divinità tutelare --La devozione --La recitazione del mantra --La visualizzazione --I benefìci della pratica c) Il rituale di Tara nella tradizione bKa’-brgyud-pa 5. I Tantra di Tara a) I Tantra b) Il testo attuale 6. “La lode a Tara in 21 omaggi” a) Testo e traduzione della Lode b) Il commento alla Lode c) Versi relativi ai benefici derivanti dalla Lode d) Come recitare la Lode e) Una Lode essenziale e condensata 7. Le varie forme di Tara a) Le 21 Tara b) Le 8 Tara c) Le altre manifestazioni di Tara A P P E N D I C E 1. “ 6. “La lode a Tara in 21 omaggi” a) Testo e traduzione della Lode b) Il commento alla Lode c) Versi relativi ai benefici derivanti dalla Lode d) Come recitare la Lode e) Una Lode essenziale e condensata 7. Le varie forme di Tara a) Le 21 Tara b) Le 8 Tara c) Le altre manifestazioni di Tara A P P E N D I C E 1. “Il diadema dei saggi” 2. “Le lodi di Matisõra alle 21 Tara” 3. Breve sõdhana di Tara Bianca 4. Una preghiera alla Nobile Tara. PRESENTAZIONE Fare uno studio su Arya Tara - dopo le opere che lungo i secoli sono state scritte da studiosi illustri e personaggi famosi - potrebbe sembrare presuntuoso. Ma l’affetto e la riconoscenza per Tara da un lato e la gioia provata nell’avvicinarmi ai testi sacri dall’altro, mi hanno spinto a scrivere questo lavoro - pur nella consapevolezza d’avere aggiunto ben poco a quanto già detto dagli autori citati nella bibliografia e ai quali sono incondizionatamente debitore. 1. “Le lodi a Tara : commentario” di ghesce Jampel Senghe Ati - ed. Istituto Lama Tzong Khapa - Pomaia, s.d. 2. “Commentario sulla pratica di Tara Tzittamani” di ghesce Ciampa Lodro - ed. Centro Ghe-pel-ling - Milano, s.d. 3. “The cult of Tara : magic and ritual in Tibet” di S.Beyer - ed. University of California Press - Berkeley, 1973 4. “Le 21 lodi a Tara” a cura di Tubten Donio - ed. Istituto Lama Tzong Khapa - Pomaia, 1977 5. “La sõdhana di Tara Cittamani : il particolare guru-yoga di Tara Cittamani chiamato ‘La scala che conduce alla Liberazione’” a cura dell’Istituto Lama Tzong Khapa - Pomaia, 1978 6. “Lodi a Tara” (comprendente il testo ‘Come praticare la preghiera a Tara’ composto da lama Zopa Rinpoce a Dharamsala nel 1982) 7. “Le 21 lodi a Tara : commentario” di ghesce Tenzin Gonpo - ed. Centro Ghepel- ling - Milano, 1983 8. “Breve sõdhana di Tara Bianca, Yiscin Korlo, la ruota che esaudisce i desideri per la lunga vita” a cura di Chodrup Tsering e Carlo Brigandì - ed. Centro Ghe-pelling - Milano, 1985 9. “’Il rosario d’oro di Tara’ di Taranatha” a cura di Vajranatha - ed. Shangshung - Arcidosso, 1985 10. “In praise of Tara” di M.Willson - ed. Wisdom Publications - Londra, 1986 11. “Offerta dello tzog ad Arya Tara Cittamani” a cura di Chodrup Tsering - ed. Centro Rabten Ghe-pel-ling - Milano, 1987 12. “Sõdhana di Tara Bianca dai sette occhi” del ven. Ganchen Tulku Rinpoce - Milano, 1988 13. “Il rituale del maÐÅala, essenza delle due accumulazioni” estratto da “La profonda essenza della Liberatrice (Tara)” a cura di M.Blanchietti - ed. Centro Milarepa - Val della Torre, 1988 14. “Tara, l’energia illuminata” di lama Thubten Yeshe - ed. Chiara Luce - Pomaia, 1988 15. “Immagini buddhiste” di H.W.Schumann - ed. Mediterranee - Roma, 1989 16. “Le 21 lodi a Tara”, estratto da “Canti rituali buddhisti” a cura del ven. Thamthog Rinpoce - ed. Ghe-pel-ling - Milano, 1994 17. “La notte a Tara” a cura dell’Istituto Lama Tzong Khapa - Pomaia, 1996 18. "Tara, le divin au féminin" di Bokar Rinpoce - ed. Claire Lumière - Vernègues, 1997 19. "Louange et méditation des 21 Tara" di Gonsar Rinpoce - ed. Rabten - Le Mont-Pèlerin, 2000 20. "Dictionnaire encyclopédique du bouddhisme" di Ph.Cornu - ed. Seuil - Parigi, 2001 Inoltre sono stati utilizzati i dattiloscritti, redatti dall’autore, relativi --al corso su Tara, tenuto dal ven. Gonsar Rinpoce a Milano nel 1982 ; --all’iniziazione di Tara Bianca, conferita da ghesce Ciampa Lodro a Milano nel 1982 ; --all’iniziazione di Tara Cittamani, conferita dal ven. Thamthog Rinpoce a Milano nel 1987....
---------------------------------
Titolo: LA LEGGE DELL'ATTRAZIONE
Libro intro: La Legge dell?Attrazione I tuoi pensieri creano il tuo destino. La Legge dell?Attrazione Ottenere tutto quello che vuoi dalla vita attraverso il potere della tua mente. Permetti ai tuoi pensieri di creare il tuo destino....
---------------------------------
Titolo: LA LEGGE PERFETTA
Libro intro: Mesi fa, mi chiesi se avrei utilizzato, per il mio libro dedicato a Giordano Bruno (L’Uomo di Dio), una massima che più di tante altre mi aveva colpito: ”La memoria e’ colei che ci permette di rivedere il passato, capire il presente ed intuire il futuro”. Non lo feci. Non la utilizzai perché nonostante ne intuissi il significato, la mia “logica” non era ancora pronta per comprenderla appieno. Intuire il futuro. Mi domandavo come potesse celare un simile potere, la reminiscenza archetipicamente resa immortale dai Suoi “sigilli”. Sostanzialmente, era come se dicesse che la “Sua” memoria è in grado di divinare! Poi, quando ormai pensavo di aver dimenticato quelle poche parole dal significato dirompente, improvvisamente, nello scrivere dell’IChing (l’arte divinatoria cinese per eccellenza), mi ritrovai a meditare su un passaggio che mi fece molto riflettere. La Precessione degli Equinozi - che secondo me è un fenomeno fisiologico universale - coinvolge una capacità organizzativa al limite della preveggenza, che può essere analogicamente simile a quella divinatoria cinese. Penso, infatti, che si tratti di un evento periodico millenario, dove il ripetersi dei “momenti” stellari si avvicina molto alla ciclicità karmica degli eventi umani ed allora mi sono detto: caro Michele, adesso ti metti lì e spieghi perché, secondo te, Precessione degli Equinozi, I Ching, Karma e Reminiscenza sono solo modi diversi di… prevedere il futuro. Lo so, la mia è un’affermazione estremamente delicata, pericolosa e piena di insidie, ma ciò che studio da tempo mi ha abituato a percorsi conoscitivi puntuti e affilati senza limiti di tempo o spazio, abituandomi, come una specie di fachiro, a trovarsi a suo agio anche nelle situazioni più estreme. Ma avendo iniziato, come spesso faccio, dalle conclusioni, forse è il caso che spieghi come vi sono giunto, affinché questa mia voglia di cercare una verità “altra” possa essere condivisa e consumata anche da… altri. Quindi, non voglio indugiare oltre.... DI MICHELE PROCLAMATO...
---------------------------------
Titolo: LA LUCE DELL'ANIMA
Libro intro: LA LUCE DELL?ANIMA SCIENZA ED EFFETTI PARAFRASI DEI SUTRA YOGA di PATANJALI COMMENTATI DA ALICE A. BAILEY ------ ?Prima che l?anima possa vedere, deve essere raggiunta l?armonia interna, e gli occhi della carne devono essere ciechi a ogni illusione. Prima che l?anima possa udire, l?immagine (l?Uomo) deve essere sorda tanto al fragore quanto al mormorio; al selvaggio barrito dell?elefante quanto al ronzare della lucciola d?oro. Prima che l?anima possa comprendere e ricordare, deve essere unita a Colui che parla nel silenzio, come alla mente del vasaio è unita la forma secondo cui modella l?argilla. Allora l?anima udrà, e ricorderà. E all?orecchio interiore parlerà la Voce del Silenzio?. Da ?LA VOCE DEL SILENZIO?...
---------------------------------
Titolo: LA LUCE DELLE IDEE
Libro intro: LA CHIARA LUCE OVVERO LA FILOSOFIA PERENNE 1. Il distacco dal tempo In questa sede non si vuole cercare di collocare Elémire Zolla all’interno della storia del secolo da poco trascorso, quanto individuare il Leit-motiv di un peregrinare intellettuale che non ha mai voluto essere costruzione di sistema, ma rivelazione sapienziale, sì da essere, in maniera decisiva, una alternativa radicale alle filosofie accademiche molto diffuse. In tale prospettiva, il pensiero di Zolla è manifestamente fuori del tempo non perché di questo ignaro, ma per non scivolare nelle contraddizioni del contingente, le quali, determinate dalla fluidità degli accadimenti, non possono che condurre alla confusione della mente. La lezione di Zolla è infatti, in primo luogo, la liberazione dalle confusioni. Ripensando il pensiero diHorkheimer e Adorno1, 2 Da non trascurare Zolla romanziere con Minuetto all’inferno, Einaudi, Torino 1956 e Cecilia o La disattenzione, Garzanti, Milano 1961. 3 E. ZOLLA, Eclissi dell’intellettuale, cit., p. 71. 4 E. ZOLLA, Volgarità e dolore, III ed., cit., p. 99. Per una critica al demonismo puritano cfr. E. ZOLLA, Le origini del trascendentalismo, Edizioni di Storia e Letteratura, Roma 1963. 5 Ivi, p. 104. 6 E. ZOLLA, Storia del fantasticare, cit., p. 230. LA CHIARA LUCE OVVERO LA FILOSOFIA PERENNE 69 Zolla esordisce2 nel campo del pensiero (Eclissi dell’intellettuale, 1959) come critico severissimo dell’uomo massa, dell’industria culturale, ormai ovunque vincente. È già controcorrente. Né è per il ripristino di un passato che non è più. Al contrario, si tratta di saper leggere nel tempo ciò che non è sciupato dal processo dimassificazione. «Si salva colui che percorra l’altra strada, che non vuole restaurare nulla e tuttavia non rinuncia al passato che sopravvive nel principio dello stile e della forma»3. La sua è una posizione elitaria o, come allora è stato detto, da apocalittico. Significativo quanto scrive, in Volgarità e dolore (1961), su l’educazione. «Educare significava abituare a capovolgere i rapporti di forza, essere educati significava vivere naturalmente di là dalla forza»4. Questo una volta. Al presente, educare vuol dire sottomettere, integrare: «l’essere piegati da una forza passa per la condizione giusta ed encomiabile […]. È naturale perciò che la buona educazione appaia una maschera e chi la indossa sia un uomo nascosto-sotto »5. Non serve nemmeno (Storia del fantasticare, 1964) il rifugio nel fantasticare. Quest’ultimo conferisce durata al male, ai ricordi, ai timori. Rende pavidi, insinua debolezza e corruttela: perciò la fantasticheria deve essere dominata, controllata, guidata. «Si acquista così l’abito di cogliere al volo l’inclinazione, la virtualità d’ogni organismo; e di tale consuetudine alata è lecito dire soltanto che lasciata libera si sviluppa in modi oggigiorno rarissimi, […] che veleno per essa sono curiosità, frivolezza, vanagloria»6. C’è già la consapevolezza dell’inutilità di discutere delle cose contingenti; vi è il bisogno di trarre le conseguenze da un già troppo lungo confronto. Ne Le potenze dell’anima (1968) Zolla, dopo aver sottoli7 E. ZOLLA, Le potenze dell’anima, cit., p. 11. Il volume deve essere considerato per tanti aspetti un punto di arrivo e al tempo stesso di partenza rispetto ai precedenti Eclissi dell’intellettuale, Volgarità e dolore, Storia del fantasticare. 8 E. ZOLLA, Le potenze dell’anima, cit., p. 13. Nel richiamo all’intuizione come a un ricordare, Zolla nomina Platone; se non che l’intelligere come terzo e vero genere di conoscenza, a mio avviso, richiama espressamente Spinoza, la cui filosofia è una liberazione dalle passioni e quindi un messaggio di salvezza. Per tale interpretazione cfr. H.A. CAVALLERA, Del retto agire. Spinoza e l’educazione, il Segnalibro, Torino 1996....
---------------------------------
Titolo: LA LUCE OLTRE LA SOGLIA
Libro intro: Una raccolta di testi per conoscere il mondo dell’aldilà e farselo amico. Hanno Mosè e i Profeti, rispose Abramo, che li ascoltino!, e l'altro: No, Padre Abramo, ma se qualcuno dai morti andrà da loro si ravvederanno!. Ma Abramo gli replicò: Se non ascoltano Mosè e i Profeti, non si lasceranno convincere neppure da uno che sia risorto dai morti! (Vangelo di Luca, 16:29-31). Se dovessi analizzare fra i tanti scopi, il più urgente da portare avanti, non avrei esitazione: togliere la paura della morte e, immediatamente dopo, mettere in guardia sui pericoli dello spiritismo. Sono due argomenti strettamente collegati (Giuditta Dembech in Quinta dimensione)....
---------------------------------
Titolo: LA MEDICINA BIOENERGETICA
Libro intro: Questa è la mia storia professionale. Tutto è iniziato nel 1988, quando, dopo il conseguimento della prima specializzazione in ?tisiologia e malattie dell?apparato respiratorio?, nell?affrontare la pratica clinica relativa al settore della pneumologia (principalmente asma bronchiale e broncopneumopatie croniche ostruttive) mi sono reso conto che la strategia operativa conseguita dopo dieci lunghi anni universitari era assolutamente inadeguata per la guarigione dei pazienti che trattavo in studio. Di FRANCESCO OLIVIERO ...
---------------------------------
Titolo: LA MEDICINA DELLE ENERGIE
Libro intro: "Come ci si può preparare alla Medicina dell'Energia o delle energie che sarà la Medicina del domani?" Per essere un guaritore del nuovo mondo occorre essere discepolo. Per essere un guaritore del nuovo mondo, ebbene occorre essere discepolo, è assolutamente necessario; per essere un ricercatore del nuovo mondo, bisogna essere un discepolo, per essere qualsiasi cosa che appartiene al nuovo mondo, bisogna essere un discepolo. Perché? Perché, giustamente, la conoscenza , la scienza di questo nuovo mondo integrerà totalmente tutto l'aspetto energetico; occorre assolutamente essere discepolo per poterlo capire, per sentire e poter lavorare con questo aspetto energetico. Se studiate soltanto la cosa, non potrete forzatamente percepirla e se non potete percepirla, non potrete manipolarla ed adoperarla nel vostro lavoro. Gli individui che vivranno nell'Era futura, saranno in qualche modo il terreno stesso della mutazione, dell'alchimia; quando vorranno chiamare tale o tale altro Raggio, non sarà semplicemente un procedimento magico come lo è ora, ma l'uomo sarà veramente investito dal Raggio e ciò significherà che potrà sopportarlo e che ne sarà degno. Attualmente, il maggior numero delle guarigioni, che riguarda giustamente la grande manipolazione di energia, passa attraverso azioni più o meno magiche, perché l'uomo non è sufficientemente evoluto per contenere il Raggio stesso e rimandarlo in seguito perché possa operare. Allora l'uomo ne è l'intermediario; nell'invisibile ci sono degli esseri che servono come intermediari e l'uomo è l'esecutore solo dell'ultima fase dell'energia che arriva nel fisico. Ma se l'uomo potesse essere egli stesso il canale totale e integrale di quest'energia, quest'energia potrebbe agire ancora più miracolosamente; siccome ci sono più intermediari, affinché l'umano non sia disturbato, turbato, bruciato, allora, ogni volta questi intermediari filtrano sempre di più e quando arriva l'energia, non è così miracolosa come dovrebbe essere. Dovete innanzitutto sviluppare il vostro stato di discepolo. E' per questo che, chiunque siate, medici, guaritori, ricercatori, qualsiasi cosa voi siate, ciò che dovete sviluppare prima di tutto, ancora prima di pensare al vostro dono, è di sviluppare il vostro stato di discepolo. Più sviluppate il vostro stato di discepolo, più automaticamente il vostro dono si moltiplica non solamente per 2 o per 3, ma dico per 5 o 6 e anche per 10 volte. Più vi purificate, più aumentate le vostre vibrazioni, più diverrete un lavoratore alchemico di fronte agli altri; potrete prendere tutto, potrete prendere il loro Karma, questo non li disturberà, potrete bruciare il loro cancro, non ci saranno problemi, potrete restituire loro la vista, come ha fatto quel Gran Fratello in Palestina, non ci sarà alcun problema. Tutto dipende da ciò che l'uomo è capace di trasmettere in se stesso come energia: questo è il segreto. --- IL TESTO è la registrazione di un incontro tra Ghislaine Gualdi ed un gruppo di medici e guaritori. Le domande sono rivolte dai presenti....
---------------------------------
Titolo: LA MEDICINA PSICOSOMATICA : PANORAMICA E QUADRI CLINICI
Libro intro: TESI DI LAUREA DI MASSIMO BIONDI DIPARTIMENTO DI SCIENZE PSICHIATRICHE E MEDICINA PSICOLOGICA UNIVERSITA' LA SAPIENZA DI ROMA...
---------------------------------
Titolo: LA MEDITAZIONE PASSO DOPO PASSO
Libro intro: -Osho- La meditazione passo dopo passo Introduzione Ogni giorno usiamo infinite illusioni per cercare di colmare il vuoto che sentiamo. E’ giunto il momento di confrontarci con quel vuoto poiché quel vuoto è la nostra natura reale. Non bisogna subirlo, ma riconoscerlo e immergersi in esso per giungere a una realizzazione che ci faccia sentire vivi e che dia significato a questa esistenza. La cosa da fare non è cambiare vita ma vivere in pienezza ciò che siamo e ciò che abbiamo, cogliendo le nostra potenzialità più profonde per svilupparle. Dobbiamo introdurre un nuovo proposito nelle nostre vite affinché siano àncora per non essere più travolti dagli eventi e non vivere più come relitti alla deriva. Per trovare la risposta definitiva all’interrogativo esistenziale che noi siamo, dobbiamo arrivare a sentire dentro noi stessi cos’è la vita, la verità e chi siamo ma soprattutto dobbiamo vivere in piena consapevolezza ciò che siamo. Scenderemo dalla periferia della vita, in cui solitamente ci troviamo, al centro del nostro essere che è la fonte di ogni manifestazione di energia. C’è una cosa molto più semplice e concreta che pensare e aver paura: sperimentare. Basta fare il primo passo. Chi comincia a fare un passo e poi un altro e un altro ancora si ritrova ad aver percorso distanze infinite. Chi non fa nemmeno un passo poiché crede che facendo un passo alla volta non possano accadere grandi cose, non arriverà da nessuna parte. La pratica La cosa da tenere presente sempre è che se desiderate qualcosa di insignificante anche se la soddisferete non ci sarà alcuna gioia. Ma se desiderate l’essenza della vita e non la ottenete, sarete comunque felici. Quando desideri il divino, più lo desideri, più è possibile che il seme che è nascosto in te può germogliare. Se c’è stato anche un solo momento in cui avete sperimentato il desiderio di silenzio e di verità, allora questo seme è pronto a sbocciare. Ora però occorre anche un terreno: non è detto che un seme germogliato fiorirà. Il divino non è sperimentabile dall’esterno. Esso esplode nel tuo interno. Il seme può crescere solo se è sottoposto ad una forte pressione e al calore: questa pressione e questo calore sono dati dal desiderio e dalla speranza. Se hai sete e sai che se non bevi morirai e ti viene detto che ti daranno acqua solo a condizione che dopo aver bevuto morirai, sarai felice di accettare tale condizione. Se la morte è certa, perché non morire dopo aver appagato la sete? Questa sete è il desiderio e la speranza che faranno crescere quel seme. Ricercate qualcosa? Se è veramente così, esiste un modo per trovarlo. Se cerchi la verità non esiste alcun potere che può fermarti. Se non la cerchi non esiste alcun potere che te la darà. La vostra sete è il vostro sentiero per la verità. Inoltre c’è un’altra cosa da dire. A volte si ha un grande desiderio ma ciò non basta perché è accompagnato dalla disperazione. Se non siete ottimisti non potrete arrivare alla verità. Bisogna essere aperti, ricettivi e disponibili. 2 Essere ottimisti si può: guardate coloro che nella storia hanno sperimentato la verità! Non concentratevi sulla maggior parte che non l’ha sperimentata… Non guardate i semi che non sono mai diventati alberi! Tutti abbiamo un seme dentro ma molti non hanno neppure provato a trasformare questa potenzialità in realtà. L’ottimismo dà vita ad una personalità vincente: ogni cellula del corpo è piena di luce e vita. Il pessimismo dà una personalità lugubre. E’ come essere morti dentro. Chiunque voglia percorrere il sentiero della verità deve essere per forza di cose ottimista: è il più grande viaggio della vita! Nessuno uomo ha mai scalato cima più alta o si è tuffato in un abisso più profondo che coloro che hanno intrapreso il viaggio verso il Sé. Addormentatevi ogni sera pieni di ottimismo:domani qualcosa può accadere! Siatene certi! A volte a causa della negatività anche se si comincia a conseguire qualcosa è difficile vederlo. Pensate a ciò che sta accadendo e non a ciò che non sta accadendo! Dimenticate ciò che non succede o ciò che potrebbe succedere. Ricordate soltanto ciò di cui avete fatto esperienza. Anche se provate solo un piccolo assaggio di pace o di silenzio, tenetevelo ben stretto: vi darà speranza e vi spronerà. Prestare attenzione significa dare energia: smettete di dare energia a ciò che non succede ma nutrite ogni minima cosa che sperimentate. Spesso si dimentica ciò che si ha e si cerca di ottenere ciò che non si può realizzare. Rifletti, discuti, apprezza e valorizza tutto ciò che deriva dalla meditazione. La più piccola esperienza di luce può farvi arrivare al sole: tenetela cara. Il più sottile raggio di speranza che deriva dalla meditazione deve diventare il vostro fondamento: fate che si rafforzi sempre più. Se siete in una stanza buia e vedete un raggio di sole è in...
---------------------------------
Titolo: LA MEDITAZIONE PROFONDA LUMINOSA
Libro intro: MANUALE E SAGGIO SULLA MEDITAZIONE DI 96 PAGINE. tecniche per imparare la pratica sacra e raggiungere la serenità interiore- di leonardo piccardi...
---------------------------------
Titolo: LA METAFISICA PER TUTTI
Libro intro: Il presente libretto è stato scritto con quelle che l'autrice definisce parole da un centesimo; ossia in termini semplici e comprensibili adatti a coloro che hanno bisogno di conoscere la Verità in parole semplici e chiare. La parola "Metafisica" vuol dire "al di là di ciò che è fisico", ed indica la scienza che tratta e studia tutto quello che non è percepibile dai sensi. Questa scienza dà una spiegazione logica a tutto quello che non comprendiamo, a tutto ciò che è misterioso e per il quale la scienza ufficiale non dà nessuna spiegazione valida. Avrai modo di verificarlo da solo continuando a leggere questo libretto. Ogni volta che sentiamo o leggiamo qualcosa di nuovo, per noi sconosciuto, una parte della nostra mente si risveglia e, quando ci imbattiamo nuovamente in quell'idea, la comprendiamo un po' meglio. Il nostro cervello comincia a elaborarla ed in poco tempo tutto è chiaro in noi e accettiamo quell'idea, l'adottiamo e la mettiamo in pratica automaticamente. È in questo modo che ci svegliamo, evolviamo e miglioriamo. Non è necessario fare sforzi sovrumani per far entrare le cose in testa. È un processo naturale, anche se occorre molta buona volontà per rileggere, tornare a leggere e nuovamente rileggere fino a quando ciò che è stato appreso sarà anche stato assimilato. Porta con te, nella tua cartella o nella tua borsa, una copia di questo libretto. Mettine un'altra sul tuo comodino. Rileggilo spesso, soprattutto quando ti si presenta un problema, oppure quando devi affrontare una situazione dolorosa o spiacevole, non importa di cosa si tratta. Ti succederà qualcosa di meraviglioso: il libretto ti si aprirà alla pagina che più ti si addice e penserai: "Sembra che questo sia stato scritto proprio per me!". Gesù Cristo disse: "Nella casa di mio Padre ci sono molti posti" (Gv 14:2). La Metafisica, cioè lo studio delle leggi mentali-spirituali, è in uno di questi posti. Essa non si mescola con lo spiritismo, sebbene anche quest'ultimo sia una scienza della Casa del Padre. Mi auguro che questa piccola opera ti porti tutta la pace e la prosperità che ha portato a tanti altri. Che il Signore ti accompagni e ti benedica. Conny Mendez Quando l'allievo è pronto appare il Maestro Esiste una legge, la "legge di affinità", per la quale chiunque è pronto per avanzare nella sua evoluzione spirituale sarà automaticamente avvicinato da chi lo può aiutare. Per questo motivo non è affatto produttivo andare in giro a fare del catechismo. Non obbligare nessuno a ricevere lezioni sulla Verità, perché ti può succedere che coloro che tu credevi più predisposti si rivelino come i meno interessati a essa. Esiste una antica massima che dice: "quando il discepolo è pronto appare il Maestro"....
---------------------------------
Titolo: LA MORTE VISTA SECONDO GLI INSEGNAMENTI DEL KRIYA YOGA
Libro intro: LA MORTE VISTA SECONDO GLI INSEGNAMENTI DEL KRIYA YOGA testo di Furio Sclano - Brihadaranyaka Upanishad...
---------------------------------
Titolo: LA NATURA DELLA AUTOGUARIGIONE
Libro intro: LA NATURA DELL?AUTOGUARIGIONE Gli Antenati Hawaiani attraverso Karen Danrich ?Mila? 25 Giugno 2006. Benedizioni per ricordarvi come guarire il Corpo attraverso il Perdono e l?Amore Alla Cara Nazione Hawaiana (e a coloro che sono Hawaiani nel Cuore), Gli Antenati Hawaiani vorrebbero oggi disquisire sull?autoguarigione e su come il corpo guarisce dalle malattie o da altri disturbi fisici fastidiosi da sperimentare. C?è parecchia informazione sull?autoguarigione nei lignaggi associati alle Razze Radici Polinesiane e Tibetane. Il motivo ha a che fare con i Grandi Maestri, umani dalla voluminosa scatola cranica correlati all?Elite Spirituale di Sirio, che furono seminati sulla terra circa 50.000 anni fa (in anni della Terra)....
---------------------------------
Titolo: LA NECESSITA' DI UNA SPIRITUALITA' PRATICA
Libro intro: LA NECESSITA' DI UNA SPIRITUALITA' PRATICA Una semplicità sobria è il modo per scoprire la spiritualità Materia e spirito sono le due parti della stessa medaglia. La materia è ciò che misuriamo; quello che proviamo è spirito. La materia rappresenta la quantità; lo spirito la qualità. Lo spirito si manifesta attraverso la materia; la materia vive tramite lo spirito. Lo spirito conferisce significato alla materia; la materia dà forma allo spirito. Senza spirito la materia non ha vita. Noi siamo, nel contempo, corpo e spirito. Anche un albero ha un corpo e uno spirito; anche le pietre, che sembrano inanimate, hanno il loro spirito. Non c’è dicotomia, non c’è dualismo, nessuna separazione tra materia e spirito. Il problema non è la materia ma il materialismo. Allo stesso modo, non c’è problema con lo spirito, ma è lo spiritualismo il problema. Quando incapsuliamo un’idea o un pensiero dentro un “ismo” mettiamo le basi per il pensiero dualistico. L’universo è verso-l’uno, è una canzone, una poesia, un verso. Contiene forme infinite che danzano insieme armoniose, che cantano insieme in un concerto, che si equilibrano nella gravità, che si trasformano evolvendosi, tuttavia l’universo mantiene la sua interezza ed il suo ordine interiore. Oscurità e luce, sopra e sotto, sinistra e destra, parole e significato, materia e spirito sono complementari l’uno l’altro, a proprio agio in un reciproco abbraccio. Dov’è la contraddizione? Dove il conflitto? La vita nutre la vita, la materia alimenta la materia, lo spirito nutre lo spirito. La vita nutre la materia, la materia nutre la vita e lo spirito alimenta sia la materia che la vita. C’è una totale reciprocità. Questa è la visione orientale, un punto di vista antico, un modo di vedere che si ritrova nelle tradizioni tribali delle culture preindustriali dove, natura e spirito, Terra e cielo, sole e luna sono in eterna reciprocità ed armonia. Le culture moderne duali considerano la natura violenta, con denti e artigli, sopravvive il più forte e il più adattato, il debole e il mite scompaiono, la conflittualità e la competizione sono la sola vera realtà. Da questo punto di vista sorge il concetto di divisione tra mente e materia. Una volta che la mente e la materia sono state divise, allora il dibattito verte se sia superiore la mente o la materia. Questo è il testo di una relazione scritta da Satish Kumar...
---------------------------------
Titolo: LA NOSTRA EPOCA E L'ANNO 2012
Libro intro: LA NOSTRA EPOCA E L’ANNO 2012 : Cosa possiamo aspettarci e come possiamo prepararci? Peter Roche de Coppens, Ph.D. Da oltre 25 anni, e più ci avviciniamo al’anno 2012, più sentiamo parlare dell’Apocalisse, di grandi sfide e catastrofi così come della fine del calendario Maya! Che cosa significa tutto ciò, come possiamo fare luce su questo argomento e prepararci per far fronte ad anni difficili che ora anche la cultura dominante prevede? Cercherò di fare un pò di luce su questo argomento che diventa sempre più attuale, che mischia il mito e la leggenda con l’analisi razionale e scientifica e che preoccupa sempre di più un numero crescente di persone. Come “punto di riferimento” e prospettiva intellettuale prenderò, come al solito, la tradizione spirituale, le mie ricerche e la mia esperienza personale. Innanzitutto, vorrei menzionare esplicitamente due punti fondamentali: • Per conoscere se stessi e capire un pò meglio quello che viviamo, dobbiamo, necessariamente capire il mondo ed il periodo storico nel quale viviamo... come per capire il nostro ambiente e periodo storico dobbiamo conoscere noi stessi. • La teoria dei cicli è sempre esistita come sono sempre esistiti i miti e le leggende. Il punto fondamentale risiede in come interpretarli, come personalizzarli ed operazionalizzarli, per poterli adoperare in modo efficace ed utile che ci aiuti a vivere meglio! La fine di un secolo ed a maggior ragione, la fine di un millennio, sono sempre stati percepiti come periodi o cicli molto importanti, sia a livello negativo che positivo. Già l’anno 1000 ed i vari secoli, precedenti e su cc essivi, sono stati visti come periodi di grandi cambiamenti e, per alcuni gruppi o sensitivi, addirittura come la fine del mondo se non addirittura dell’intera umanità! “Mille e non più mille”, il Y2K, il cambiamento dei poli, del campo elettromagnetico o delle placche tectoniche, e cc . sono tutti esempi di queste previsioni “apocalittiche” emerse in diversi punti e momenti della storia umana. Il Calendario Maya che ebbe inizio l’11 agosto 3114 aC. finisce il 21 dicembre del 2012. Che cosa significa questo e come possiamo interpretarlo in modo razionale, coerente e pratico? Innanzitutto dobbiamo tener presente che i Maya sono un popolo antico con una cultura ed una visione del mondo molto differenti dalle nostre e quindi la nostra interpretazione sarà molto diversa da quella che potrebbero dare i loro antichi o moderni saggi (se questi parlassero)! Il Calendario Maya parla di varie epoche del mondo che tutte insieme durano circa 5,125 anni. Ma cosa rappresentano queste “epoche”, come possiamo interpretarle oggi ed in quale modo esse possono riconciliare la volontà ed il piano divino con il libero arbitrio umano? Forse ancora più importante è la domanda di come questo ci possa essere utile per capire meglio quello che viviamo, per prepararci nel miglior modo possibile a far 2 fronte a ciò che ci aspetta, e per dare il meglio di noi stessi in un momento storico non facile? Queste sono le domande alle quali cercherò di rispondere in questo scritto con la vostra ispirazione ed aiuto. Ovviamente, anche i miei pensieri e conclusioni devono essere “personalizzati” ed “operazionalizzati” da ognuno di voi per essere veramente intelligibili ed utili. La mia tesi di fondo è molto semplice e del tutto conforme a quella che la tradizione spirituale ha sempre sostenuto: Quello che stiamo vivendo e quello che ci sta davanti non è la fine del mondo e tanto meno quella dell’umanità, ma è la fine di un grande ciclo, livello di coscienza, di essere e di evoluzione, è il passaggio dall’infanzia all’età adulta dove “l’esame finale” sarà di natura emotiva e non materiale! È quello che si chiamava un “rite de passage” riconosciuto e vissuto da tutti i popoli e culture tradizionali. Per descrivere questo ci sono tre punti di riferimento o prospettive fondamentali che dobbiamo sviscerare ed articolare: la parabola del Figliol Prodigo del Vangelo, la mia teoria dell’uomo grattacielo, e la grande teoria dell’evoluzione umana e spirituale! È chiaro che il piano e la volontà divina si realizzeranno e che nulla può cambiarli o distruggerli; ma il libero arbitrio nel mondo del tempo, dello spazio e dei sensi, può accelerare o ritardare questo processo! Ed è qui che troviamo la nostra scelta e libertà, e non nell’abolire, negare o cambiare il piano divino! .......
---------------------------------
Titolo: LA PAROLA YOGA NEL SIRI GURU GRANTH SAHIB
Libro intro: LA PAROLA YOGA NEL SIRI GURU GRANTH SAHIB...
---------------------------------
Titolo: LA PICCOLA ANIMA E IL SOLE
Libro intro: Non avere paura del buio, ti aiuterà a trovare la luce Neale Donald Walsch Ai miei futuri nipotini se mai ne avrò, e a tutte le Piccole Anime in attesa di venire al mondo. Siete per noi benedizione e speranza, innocenza e gioia, siete una promessa e la prova dell'amore infinito di Dio....
---------------------------------
Titolo: LA PIENEZZA DELL'UOMO
Libro intro: LA PIENEZZA DELL'UOMO. Una cristofania. Jaca Book, Milano 1999. Presentazione di Julien Ries. Edizione originale, a cura di Milena Carrara Pavan. Copyright 1999 Raimon Panikkar. Copyright 1999 Editoriale Jaca Book SpA, Milano per l'edizione originale italiana. Prima edizione italiana maggio 1999. Seconda edizione marzo 2000. Dello stesso Autore presso la Jaca Book: "Mito, fede ed ermeneutica. Il triplice velo della realtà", 2000. Per informazioni sulle opere pubblicate e in programma ci si può rivolgere a Editoriale Jaca Book SpA - Servizio Lettori Via V. Gioberti 7, 20123 Milano, tel. 02/48561520-29, fax 02/48193361 NOTA SULL'AUTORE. Raimon Panikkar (Barcellona 1918) partecipa di una pluralità di tradizioni: indiana ed europea, hindu e cristiana, scientifica e umanistica. Laureato in chimica, filosofia e teologia, ordinato sacerdote nel 1946, ha tenuto corsi e lezioni nelle maggiori università d'Europa, India e America. Membro dell'Istituto internazionale di Filosofia, ha fondato diverse riviste di filosofia e centri di studi interculturali. Vive ora ritirato sulle montagne della Catalogna dove continua la sua vita attiva e contemplativa. E' autore di numerosi libri e articoli su argomenti che vanno dalla filosofia della scienza a metafisica, teologia e religione comparata. Tra le sue opere più recenti apparse in italiano si segnalano: "Trinità ed esperienza religiosa dell'uomo" (1989); "La torre di Babele" (1990); "Il silenzio di Dio. La risposta del Buddha" (1992[2]); "Saggezza stile di vita" (1993); "La nuova innocenza" (1996); "L'esperienza di Dio" (1998). Di prossima pubblicazione: "I Veda. Antologia dei testi fondamentali della rivelazione hindu"; e, in questa collana, "Mito, fede ed ermeneutica". AVVERTENZA DEI CURATORI. Per rendere possibile questa versione in ascii, abbiamo traslitterato noi le parole scritte in greco nel testo originale. Per le parole in sanscrito (traslitterate dallo stesso autore), abbiamo omesso i segni limitandoci a sostituire con "sh" la "s" puntata....
---------------------------------
Titolo: LA POTENZA DEL PENSIERO
Libro intro: LA POTENZA DEL PENSIERO A cura del Dott. Francesco Giovanetti (psicologo) - Note biografiche. Sommario ? Un uomo fa parte di un Tutto... o Le radiazioni del pensiero o Tutti noi siamo collegati l'un l'altro o Le forme-pensiero o "elementali artificiali" o Le forme-pensiero personali e i fenomeni correlati o Ogni pensiero ed ogni parola creano... ? La pericolosità di una mente incontrollata o Come usate le vostre parole? o I danni provocati dai pensieri incontrollati o Dobbiamo eliminare criticismo, dubbi e maldicenza o I giornali ed i telegiornali sono molto negativi ? L'importanza di una prospettiva spirituale o Che cosa fate con i vostri pensieri? o Ognuno di noi è perfetto nella mente di Dio o Noi non siamo il nostro corpo o È necessario evitare il rimorso continuo ? Esercizi per rendere la mente uno strumento più docile o Esercizio dei fili neri o Esercizio per il controllo mentale o Esercizio di visualizzazione per superare il risentimento ? Il rilassamento profondo o Esercizio per il rilassamento profondo ? Riferimenti bibliografici ? Ringraziamo per la collaborazione Essere ciò che siamo e diventare ciò che siamo capaci di essere, questo è l'unico scopo della vita (Robert L. Stevenson). ...
---------------------------------
Titolo: LA POTENZA DEL PENSIERO
Libro intro: SWAMI SIVANANDA LA POTENZA DEL PENSIERO Edizioni Babaji Il valore di questo libro appare evidente anche leggendo il suo indice. Difatti è un libro di vivo interesse e di infinita utilità per l'adepto che vuole la conoscenza e lo sviluppo della propria personalità e grandezza interiori. Esso dona il successo; e potenzia l'intelligenza e la volontà dell'uomo, facendogli trovare il giusto modo da seguire in ogni occasione della vita. Questo libro è una preziosa guida che contiene il segreto delle sottili leggi che governano la forza del pensiero, permettendo all'adepto di vivere una vita armoniosa dinamica, ricca e piena di gioia. .... Questo libro racchiude in se stesso un tesoro di eccezionale valore, che contribuirà a trasformare la vita del lettore. Chi leggerà quest'opera e ne applicherà gli insegnamenti, svilupperà rapidamente tutte le sue facoltà interiori e avrà mutati la vita e il destino. Il lavoro del Maestro è colmo di giusti consigli che trasformano la nostra personalità in forze irresistibili; rendono la nostra vita più intensa di gioia; ci schiudono verso la verità che portiamo in noi stessi; ci innalziamo verso la più alta perfezione. Questo libro che illumina, ispira, sostiene e guida, contiene molti metodi per sviluppare e usare la forza del pensiero. Esso ci offre la possibilità di penetrare e vivere nel regno della conoscenza e dell'esperienza trascendentali. Sostenuto dal suo infinito amore per l'umanità, Sivananda profuse tutte le sue inesauribili energie al servizio degli uomini. Scrisse libri su una ricca varietà di temi....
---------------------------------
Titolo: LA POTENZA DEL PENSIERO - SIVANANDA
Libro intro: Il valore di questo libro appare evidente anche leggendo il suo indice. Difatti è un libro di vivo interesse e di infinita utilità per l'adepto che vuole la conoscenza e lo sviluppo della propria personalità e grandezza interiori. Esso dona il successo; e potenzia l'intelligenza e la volontà dell'uomo, facendogli trovare il giusto modo da seguire in ogni occasione della vita. Questo libro è una preziosa guida che contiene il segreto delle sottili leggi che governano la forza del pensiero, permettendo all'adepto di vivere una vita armoniosa dinamica, ricca e piena di gioia....
---------------------------------
Titolo: LA QUINTA DIMENSIONE
Libro intro: Introduzione Come in alto così in basso... come dentro così fuori! Il Labirinto di Leonardo Islanda - Londrangar e il vulcano Snaefells il portale per la Quinta Dimensione Il golfo di Biscaglia e il mistero della croce di Hendaye Il castello di Abbadia e i due gemelli Lo strano simbolo Agartha la sorgente originaria I Baschi a ovest dei Pirenei e... ... i Catari a est: il mio viaggio attraverso i Pirenei L’Amiata il Sasso Porta e la Pietra Porta Abbadia toscana e Abbadia basca si incontrano in Etiopia I Gemelli portale per l’eternità Le città sotterranee della Cappadocia Sardegna: giganti, nuraghe e culto delle acque La vita in Quinta Dimensione Diario dal Pumahuanca: un mese di isolamento sulle Ande peruane Appendici (articoli pubblicati sul sito dell’autrice) Il Nuovo Mondo La via di mezzo: perché siamo venuti sulla Terra e non altrove? La fine del mondo? Sì ma… di quello virtuale L’Atman dentro di noi Conclusioni Bibliografia...
---------------------------------
Titolo: LA RABBIA DI VITTORIA
Libro intro: Questo lavoro, prendendo spunto da un caso clinico, è volto a dimostrare come il trattamento di un disturbo fisico, può portare alla luce emozioni rimosse e inconsapevoli, che ci confermano la stretta correlazione tra il piano fisico e il piano emotivo. Soma, mente e anima sono un’unità che a vari livelli comunicano i propri disagi. Il portare alla luce un’emozione di cui non siamo consapevoli, ci permette di integrarla nel nostro sistema e trasformarla, consentendo la risoluzione del conflitto che è in atto dentro di noi e la scomparsa del sintomo. Ho sempre ritenuto che una terapia psicologica solo verbale, possa portare ad un circolo vizioso, dove spesso la razionalizzazione che fa seguito al racconto del proprio vissuto, non fa altro che razionalizzare un’apparente comprensione del proprio vissuto. Il nucleo centrale scatenante spesso rimane intatto dietro la propria storia che assume quasi una connotazione epica dove noi diventiamo l’eroe protagonista che si muove attraverso le difficoltà della vita sfidando i nemici che trova sul proprio cammino, nemici che spesso sono rappresentati dalle emozioni che si provano. I nostri vissuti rischiano quindi di portarci lontano da noi. La presa di coscienza che deriva invece dalla scoperta dei legami tra corpo ed emozioni, conscio e inconscio, mente ed anima ci apre nuovi scenari, dove è possibile arrivare all’accettazione di noi e delle nostre parti... DI ENZA CIPRIANO RELATORE: MOLLY ROSSIN...
---------------------------------
Titolo: LA REALTA' UNICA
Libro intro: LA REALTA' UNICA compendio sulla costituzione del Progetto Divino Tratto da: ?La via della luce? di G. Filipponio edizioni fuori commercio Sommario: La Realtà Unica I sette piani del Sistema Solare Il Logos e lo spazio L'unità della vita L'evoluzione della vita Le qualità dei Regni di Natura Gli stati della Materia e della Coscienza L'universo, espressione matematica Le Leggi fondamentali L'Anima L'individualità e la personalità La Coscienza La realtà unica In ogni Cosmogonia, dentro e al di là della Divinità Creativa, esiste una Superiore Deità ideatrice, un Grande Architetto di cui, però il Creatore è l'Agente esecutivo. Andando più in alto ed oltre c'è l'Inconoscibile, la Sorgente, la Causa di ogni emanazione: l'Uno. Della Realtà Unica vi sono due Aspetti: Assoluto - Realtà trascendente. Immanente - Realtà manifesta. Della prima si può intuire solamente che oltre al tempo e allo spazio esistono eternità e universalità e che dietro la manifestazione e il cambiamento c'è l'Essere Puro immutabile. La Realtà trascendente in noi è la Monade, o Centro di Coscienza, che rimane nel Suo più Alto Loco; la Realtà Immanente è la Divinità in manifestazione che è celata in ogni atomo dell'Universo ed è l'Universo stesso. Nella Dottrina Segreta troviamo questa enunciazione: "Una Vita eterna, invisibile, onnipresente, senza principio né fine... un'Autoesistente Realtà". Questo concetto è espresso nella 1a proposizione fondamentale che parla di un Principio Onnipresente, Eterno, Illimitato e Immortale sul quale ogni speculazione è impossibile, in quanto trascende l'umana concezione. Si afferma che questa Essenza infinita e sconosciuta esiste da tutta l'eternità e, in regolare successione armoniosa, è ora attiva, ora passiva. Questo porta alla 2a proposizione fondamentale che afferma l'eternità dell' Universo in toto, come un piano infinito,- la rappresentazione periodica di numerosi universi che incessantemente si manifestano e spariscono. Questa 2a asserzione è l'assoluta universalità della legge di periodicità, o flusso e riflusso, che la scienza fisica ha registrato nei vari campi di natura Una tale alternativa come quella del giorno e della notte, della vita e della morte del sonno e della veglia, è un fatto perfettamente, universale per cui in essa vediamo una delle leggi fondamentali dell'Universo. Con l'introduzione di questi basilari principi che governano l'esistenza infinita e con la legge di periodicità che si evidenzia attraverso la natura noi veniamo alla 3a proposizione fondamentale che riguarda uomo e che scaturisce dalle prime due: "Una fondamentale identità di tutte le Anime con la Super-Anima Universale che è un aspetto della Radice sconosciuta; l'obbligatorio pellegrinaggio di ogni anima, framtento dell'Anima Universale, attraverso il ciclo delle incarnazioni, in armonia con la legge ciclica e karmica, durante l'intero periodo"....
---------------------------------
Titolo: LA REALTA' UNICA
Libro intro: compendio sulla costituzione del Progetto Divino Tratto da: “La via della luce” di G. Filipponio edizioni fuori commercio Sommario: La Realtà Unica I sette piani del Sistema Solare Il Logos e lo spazio L'unità della vita L'evoluzione della vita Le qualità dei Regni di Natura Gli stati della Materia e della Coscienza L'universo, espressione matematica Le Leggi fondamentali L'Anima L'individualità e la personalità La Coscienza La realtà unica In ogni Cosmogonia, dentro e al di là della Divinità Creativa, esiste una Superiore Deità ideatrice, un Grande Architetto di cui, però il Creatore è l'Agente esecutivo. Andando più in alto ed oltre c'è l'Inconoscibile, la Sorgente, la Causa di ogni emanazione: l'Uno. Della Realtà Unica vi sono due Aspetti: Assoluto - Realtà trascendente. Immanente - Realtà manifesta. Della prima si può intuire solamente che oltre al tempo e allo spazio esistono eternità e universalità e che dietro la manifestazione e il cambiamento c'è l'Essere Puro immutabile. La Realtà trascendente in noi è la Monade, o Centro di Coscienza, che rimane nel Suo più Alto Loco; la Realtà Immanente è la Divinità in manifestazione che è celata in ogni atomo dell'Universo ed è l'Universo stesso. Nella Dottrina Segreta troviamo questa enunciazione: "Una Vita eterna, invisibile, onnipresente, senza principio né fine... un'Autoesistente Realtà". Questo concetto è espresso nella 1a proposizione fondamentale che parla di un Principio Onnipresente, Eterno, Illimitato e Immortale sul quale ogni speculazione è impossibile, in quanto trascende l'umana concezione. Si afferma che questa Essenza infinita e sconosciuta esiste da tutta l'eternità e, in regolare successione armoniosa, è ora attiva, ora passiva. Questo porta alla 2a proposizione fondamentale che afferma l'eternità dell' Universo in toto, come un piano infinito,- la rappresentazione periodica di numerosi universi che incessantemente si manifestano e spariscono. Questa 2a asserzione è l'assoluta universalità della legge di periodicità, o flusso e riflusso, che la scienza fisica ha registrato nei vari campi di natura Una tale alternativa come quella del giorno e della notte, della vita e della morte del sonno e della veglia, è un fatto perfettamente, universale per cui in essa vediamo una delle leggi fondamentali dell'Universo. Con l'introduzione di questi basilari principi che governano l'esistenza infinita e con la legge di periodicità che si evidenzia attraverso la natura noi veniamo alla 3a proposizione fondamentale che riguarda uomo e che scaturisce dalle prime due: "Una fondamentale identità di tutte le Anime con la Super-Anima Universale che è un aspetto della Radice sconosciuta;...
---------------------------------
Titolo: LA RICERCA DELLA FELICITA'
Libro intro: Nota dell’Autore Lama Geshe Gedun Tharchin Gli Stadi della Meditazione Parte prima 1. Introduzione 2. Motivazione10 3. La radice di tutto il Dharma Parte Seconda 4. Mente e meditazione 5. La Bodhicitta 6. Lo Jong – Trasformazione della Mente 7. Gli Otto Versi della Trasformazione della Mente Parte Terza 8. L’Amore cristiano - la Compassione buddista. 9. Gli otto dharma mondani 10. La radice del samsara - visione illusoria...
---------------------------------
Titolo: LA RIVOLUZIONE OMEGA : 433 HZ - UNA NUOVA FREQUENZA NELL'ARIA
Libro intro: 432Hz: L'IMPORTANZA DEL TUNING di Andrea Doria Con l'incrementare dello sviluppo elettronico e sonoro, nell'ambito della registrazione e incisione musicale, abbiamo assistito nell'ultimo decennio a notevolissimi cambiamenti nel proporre e diffondere al pubblico diversi generi musicali, etichettandoli come sistemi di guarigione, auto-rilassamento e self-improving. Primo tra questi, tra i tanti proposti dalle varie discipline spirituali e non, e forse il più sfruttato commercialmente, è certamente la ?New Age? (Nuova Era) che fin dalla sua nascita ha sempre promesso ottimi risultati in campo terapeutico, o come ottimo deterrente antistress. Ma sarà davvero così? Ovviamente non è compito del sottoscritto invalidare il gusto delle persone, dei musicisti e degli operatori che credono in queste teorie, almeno fino a quando, con dati alla mano, posso arrivare ad affermare in tutta certezza che: l'idea di fondo della musico-terapia e le rispettive teorie riguardo l'applicazione sono senz'altro giuste, ma la realizzazione di questi brani in senso pratico e scientifico (matematica fisica) è pressoché inesatta. Prima di capire le ragioni di ciò che ho appena affermato, è necessario comprendere che cos'è la musica, e intendo nel senso più profondo e stretto del termine, al di là delle motivazioni artistiche che le danno vita. E' soltanto un mezzo di rilassamento o più semplicemente un deterrente anti-noia per passare il tempo? La musica è certamente anche questo, ma permettetemi di aggiungere che c'è di più dietro le sue origini e che val la pena scoprirle piuttosto che lasciare questa meravigliosa scienza in pasto al semplice ?passatempo? o ?comunicazione?, e per comprenderlo basta andarsi a leggere la definizione che ne dà qualsiasi dizionario:Perciò la musica, oltre che ad essere una forma d'espressione a beneficio dell'intera umanità, è anche una vera e propria scienza che basa le sue fondamenta su leggi matematiche e fisiche incontrovertibili, e andremo a vedere nel dettaglio di cosa si tratta. Vorrei però tranquillizzare il lettore che non è affatto mia intenzione trattare l'argomento proponendo delle soporifere equazioni scientifiche d'Accademia, ma è mio desiderio, attraverso alcuni cenni storici ed un necessario adattamento delle complicatissime rivelazioni di Ananda Bosman al riguardo, farvi comprendere l'enorme importanza della ricerca che vi trovate fra le mani, al fine di indirizzare chiunque all'utilizzo di queste leggi di composizione assolutamente rivoluzionarie. Questo documento è anche per coloro che non masticano e digeriscono alcun tipo di scienza. Ci tengo a precisare che non troverete mai conferma a livello ufficiale di questi studi, poiché ?le inquisizioni farmocratiche e clericali? sarebbero già pronte a schierare le loro orde. Queste informazioni hanno lo scopo di aprire un canale di comunicazione eterico tra voi e la composizione, in modo da diffondere onde sonore armoniche in grado di elidere in fase la disarmonia da cui siamo circondati. La musica è davvero un mezzo attraverso il quale comunicare le nostre più profonde emozioni? Può il suono guarire delle malattie? Ci sono ricerche in questo campo che possono confermare che la musica ha proprietà terapeutiche nonché guaritrici? La risposta è una e secca: SI? E' POSSIBILE E CI STIAMO AVVICINANDO A QUESTO OBBIETTIVO! E ci sono già molti dati a confermarlo, e tutti i musicisti possono dare il loro prezioso contributo, ma prima è necessario comprendere come costruire una ?gabbia matematica?, alchemica e frattale, all'interno di ciò che definiamo composizione. I segreti e le leggi di questa straordinaria ?struttura?, da applicare a qualsiasi genere musicale stiate affrontando, stanno per esservi rivelati in questo breve trattato di carattere sì teorico, filosofico, ma anche scientifico, e credo che sapranno accendere il vostro interesse almeno tanto quanto hanno acceso il mio. Comprendere tali leggi, per tutti gli amici e colleghi compositori sparsi in giro per il mondo, sarà una vera e propria Rivoluzione in grado di operare miracoli in qualsiasi settore queste composizioni vengano utilizzate. Il mio intento, con la diffusione di queste informazioni, è quello di creare un piano di ricerca più ampio ed instaurare, tra tutti i gruppi di sperimentazione, una sorta di simbiosi attraverso la quale raccogliere dati sufficienti, capaci di far crescere questa ricerca e trasformarla in una realtà tangibile di tutti i giorni. Confido pertanto che ne farete buon uso. DI ANANDA BOSMAN E EMMANUEL...
---------------------------------
Titolo: LA RUOTA DEL KARMA
Libro intro: La Legge del Karma regge e governa i cicli reincarnativi dell’Universo vivente; il modo più semplice per descriverla è definirla legge di azione-reazione, per cui ogni azione positiva o negativa, agita da uno o più individui, avrà una reazione conseguente (positiva o negativa) che gli tornerà contro ineluttabilmente. Non c’è alcuna idea di punizione in tutto ciò, se infatti vogliamo sbattere la testa contro un muro sappiamo - dalle leggi della fisica - che al momento dell’impatto il muro riverserà contro la nostra testa l’energia cinetica che gli abbiamo inviato contro, per cui… ci faremo certamente del male, ma non potremo dire che il muro ci ha giudicati, condannati e puniti! Ogni azione, fisica o mentale, buona o malvagia, possiede una propria causa-impulso che l'ha originata e genera i propri effetti innescando una catena pressoché infinita di azione e reazione, almeno fino al momento in cui non interviene qualcosa in grado di estinguerla: la Coscienza piena e perfetta dell’Unità, in grado di riportarci oltre la dualità incarnativa dei mondi della forma! Leggiamo nella sintesi sul Buddhismo ... “Ciò che comunemente percepiamo come io, la persona, altro non è che illusione tra i tanti processi di trasformazione, impermanenti, del cosmo. La nascita di un individuo è il risultato di cause che lo precedono e che lo seguono. Ogni individuo che nasce altro non è altro che l'effetto residuo, l'energia fisica e mentale di una vita individuale che si è conclusa e che diventa causa di una nuova esistenza individuale. Nessuna entità immortale o anima passa da una vita all’altra, ma ogni vita deve essere considerata l’effetto karmico della vita precedente e la causa di quella successiva. La rinascita è legata solo al karma. Il karma segue una legge per cui le qualità spirituali aggregate che costituiscono l'illusione-persona sono costrette a rinascere: questa circolazione o flusso del dharma è la ruota della vita da cui appunto ci si deve liberare.” ......
---------------------------------
Titolo: LA RUOTA OLOGRAFICA DI MEDICINA
Libro intro: Benedizioni per riacquistare memoria della Saggezza Olografica. Cari Amati sulla Strada Rossa della Scoperta Interiore, è nostro desiderio disquisire oggi sulla natura della ruota di medicina con la quale abbiamo lavorato quando eravamo in vita. Cos?è la ruota di medicina? Una ruota di medicina è un cerchio di conoscenza olografica che voi attirate per tessere il sogno per la vostra vita. La ruota di medicina, è quella ruota di conoscenza a cui fate appello nei momenti di difficoltà, siano esse in campo familiare, relazionale, lavorativo, o nel campo della salute. La ruota di medicina vi aiuterà ad aprirvi alla conoscenza che custodite al vostro interno per trovare direzione, per perdonare, per alterare il sogno per il vostro futuro e per autoguarirvi. Gli antenati Polinesiani hanno dettato un interessante compendio sull?autoguarigione e vi La Ruota olografica di Medicina 2 consigliamo caldamente di sintonizzarvi ad ogni singola serie di materiale ancestrale per sondare in profondità l?informazione che, più di ogni altra, saprà guidarvi nel vostro personale sentiero di vita. (Andate alla sezione delle ?Lettere dagli Antenati Hawaiani? per più informazione) A nostro parere è andata persa talmente tanta informazione che spesso le ruote di medicina difettano degli ingredienti chiave in grado di consentire a coloro che si stanno risvegliando di sintonizzarsi alla vastità della loro cultura olografica per portarla in seno alla specie umana. Oggi come oggi, la ruota di medicina è suddivisa in 18 settori, ognuno dei quali è di per sé una compiuta ruota olografica di conoscenza. Mila ha costruito un bellissimo diagramma della ruota di medicina di cui avevamo la padronanza al tempo in cui eravamo vivi. Voi siete i tessitori del sogno, collocati al centro della ruota di medicina, che tessono il sogno per la propria esperienza di vita. Qualcuno preferisce creare un altare fisico od un cerchio dei rappresentanti fisici di ciascun archivio olografico; qualcun?altro sedersi al centro della sua ruota di medicina, se tale è la sua volontà. In realtà non è necessario fare nulla di tutto questo, perché tutto il sapere olografico è immagazzinato nella regione cardiaca del campo, sede dell?ologramma umano. Volgetevi dentro e sintonizzatevi al cuore ed avrete accesso al sapere olografico della specie umana e di qualsiasi altra specie esistente sulla Terra, od alla conoscenza della Madre Terra nel suo complesso, od a quella del Padre Solare. Tutto realmente giace dentro, benché avere delle rappresentazioni simboliche di ogni regno, o parte della vostra ruota di medicina, possa anche essere piacevole da collocare nel proprio ambiente di vita. Ora vorremmo soffermarci su ogni singola ruota olografica e sul suo modo di contribuire alla vostra apertura spirituale, come anche alla guarigione dei traumi, delle ferite al cuore o della malattia che affliggono ed amareggiano la vostra esistenza. Ciascuna ruota fornirà le chiavi per l?autoguarigione ed il perdono. La natura di ogni ruota è pertanto unica nel suo modo di cooperare con ciascuno di voi, il sognatore del proprio sogno. Nei materiali della Madre Terra del sito, ai quali vi rimandiamo per un adeguato approfondimento in proposito, trovate pagine e pagine dedicate alla tessitura consapevole del sogno. Namaste Gli Antenati Nativo Americani Tradotto dall?originale ?The Holografic Medicine Wheel?(Trad. da Sonia) Karen Danric...
---------------------------------
Titolo: LA SACRA BIBBIA
Libro intro: Sacra Bibbia, edizione Liber Liber Copertina e indice Antico Testamento Pentateuco Libri storici Libri poetici e Sapienziali Libri profetici Nuovo Testamento Vangeli Atti degli Apostoli Lettere di san Paolo Lettere cattoliche Apocalisse. 1630 PAGINE...
---------------------------------
Titolo: LA SALUTE DELLA FARMACIA DEL SIGNORE
Libro intro: Maria Treben - La Salute dalla Farmacia del Signore Consigli ed esperienze con le erbe medicinali Ennsthaler Consigli ed esperienze con le erbe medicinali...
---------------------------------
Titolo: LA SEMPLICITA' DELL'ILLUMINAZIONE SPIRITUALE
Libro intro: Testo di Roy Eugene Davis. Che cosa sapere e fare per risvegliarsi velocemente alla cosciente consapevolezza della verità sulla tua reale natura in relazione a Dio. Contenuti: - Parole importanti da conoscere - Capitolo 1: La semplicità dell?illuminazione spirituale - Capitolo 2: L?importanza della dedizione totale al percorso spirituale - Capitolo 3: Fai che la tua vita abbia un senso - Capitolo 4: Risposta alle domande ...
---------------------------------
Titolo: LA SESSUALITA' DEI GIOVANI NEL CORSO DEL TEMPO
Libro intro: Rapporto della Commissione federale per l’infanzia e la gioventù. Prefazione di Pierre Maudet, presidente della CFIG 6 La sessualità giovanile ieri e oggi Nancy Bodmer 7 Amore, amicizia, sessualità Alunni del supporto pedagogico di Urtenen 10 La sessualità degli adolescenti: quale evoluzione in questi ultimi 40 anni? Pierre-André Michaud e Christina Akré 11 La sessualità adolescenziale oggi: studio su comportamenti, opinioni e conoscenze degli adolescenti Nancy Bodmer 29 Generazione porno: spauracchio mediatico o realtà? Eveline Hipeli e Daniel Süss 49 Giovani e sessualità tra culture diverse Jael Bueno 63 L’educazione sessuale a scuola Gabriela Jegge 73 L’educazione sessuale a scuola nella Svizzera romanda Anita Cotting e Caroline Jacot-Descombes 81 La sessualità dei giovani e la consulenza on-line Peter Kaenel 87 Raccomandazioni politiche della CFIG 94 Composizione della CFIG 100 Rapporti della CFIG 101...
---------------------------------
Titolo: LA SPIRITUALITA
Libro intro: L'ORIGINE DELLA RELIGIONE 4 LA RICERCA4 TESTI SACRI E SCRITTURE4 LA RELIGIONE DELL?ANIMA5 INUTILITÀ DEL MONDO ESTERIORE5 RIVELAZIONE DELLA REALTÀ6 LA SPIRITUALITÀ NON SI PUÒ NÉ COMPRARE, NÉ INSEGNARE7 DIO È LUCE7 DIO È IL VERBO8 LA VERA RELIGIONE8 LA DIVINITÀ ALBERGA GIÀ NELL?UOMO9 L?ANIMA9 LA VERA RELIGIONE E IL SUO VERO TEMPIO10 RELIGIONE ESTERIORE E RELIGIONE INTERIORE11 IL SAPERE DEL MONDO È UNA COSA MOLTO DIVERSA DA QUELLO DI DIO11 PER CONOSCERE DIO OCCORRE INNANZITUTTO CONOSCERE SE STESSI12 NON NECESSITA RINUNCIARE ALLA NOSTRA VITA SOCIALE, ANZI 12 LA SPIRITUALITÀ PUÒ SOSTENERE LA SOCIETÀ13 I MAESTRI NON VENGONO PER DISTRUGGERE LE RELIGIONI ESISTENTI 14 COME CI SI PONE SULLA VIA? 15 GLI INSEGNAMENTI SPIRITUALI SONO GLI STESSI 15 SCIENZA E SPIRITUALITÀ16 L'UNICA REALTÀ È LO SPIRITO16 LO STRETTO LEGAME TRA SCIENZA E SPIRITO16 L?UOMO HA DUE STRADE PER LA RICERCA DELLE CERTEZZE17 LA STRADA INTERIORE17 LA STRADA DELLA È COSPARSA DI NUMEROSI OSTACOLI 18 ANCHE LA SPIRITUALITÀ È GOVERNATA DA LEGGI PRECISE18 IDOLATRIA E ADORAZIONE DI DIO20 UNA BELLA CASA NON GIOVA A UN PADRONE CHE STA MORENDO20 NECESSITÀ DI UNA GUIDA COMPETENTE21 COS'È LA RELIGIONE E COS'È DIVENTATA 23 LA CONFUSIONE REGNA NELLE RELIGIONI! 23 PRATICA E TEORIA 24 LA VOCE DEL SILENZIO24 II SETTARISMO DELLE RELIGIONI26 RELIGIONI = ORDINI SOCIALI26 IL NUCLEO CENTRALE DI TUTTE LE RELIGIONI27 LE RELIGIONI DISATTENDONO LE INTENZIONI DEI LORO INIZIATORI 27 L'UOMO IDEALE 29 L'UOMO È L'APICE DELL'INTERA CREAZIONE29 SE L'UOMO AVESSE CURA DELLA SUA DIVINITÀ?30 L?UOMO HA LE RADICI NELLA DIVINITÀ31 NECESSITÀ DELLA SPIRITUALITÀ33 L'UOMO HA DIMENTICATO LA GRANDE VERITÀ FONDAMENTALE33 I MAESTRI CERCANO DI RIORIENTARE TUTTE LE RELIGIONI35 SIGNIFICATO DEL TERMINE RELIGIONE35 LA SPIRITUALITÀ 37 LA VERA RELIGIONE È AMORE UNIVERSALE E RIMEMBRANZA DI DIO38 DIO È AMORE38 C?È UNA SOLA RELIGIONE40 IL CORPO È IL TEMPIO DELLO SPIRITO SANTO 41 1 TUTTI GLI UOMINI HANNO RICEVUTO DA DIO UGUALI PRIVILEGI 42 2 DIFFERENZE RELIGIOSE 43 NON C'È CHE UN'UNICA RELIGIONE43 CIASCUNO È ILLUMINATO DALLA STESSA LUCE45 3 RIMEMBRANZA DI DIO45 IL VERO TEMPIO È IL NOSTRO CORPO46 EGLI È PROPRIO DENTRO DI NOI 48 LE SCRITTURE SONO IL MEZZO E NON IL FINE50 L?ORSO-COPERTA50 I VERI AMANTI DI DIO SI TENGONO LONTANI DALLE RELIGIONI51 I PORTAVOCE DEL MAESTRO51 4 LE VERITÀ FONDAMENTALI SONO COMUNI A TUTTE LE RELIGIONI E INDICANO LA STESSA VIA52 LE ANIME MAESTRE 53 I MAESTRI AMANO TUTTI I SANTI DEL PASSATO54 5 I DIVERSI ASPETTI E VALORI DEI LUOGHI DI CULTO E DEI RITUALI NELLE RELIGIONI54 SORGE SPONTANEA UNA DOMANDA 55....
---------------------------------
Titolo: LA STORIA DI RENE' CAISSE E DELLA FORMULA CHE HA GUARITO MIGLIAIA DI PERSONE DAL CANCRO
Libro intro: La storia incredibile ma vera che state per leggere, comincia in Canada nella regione dell'Ontario nel 1922. Rene Caisse era capo infermiera in un ospedale e fra i malati della sua corsia notò una signora con un seno stranamente deformato. Incuriosita, le domandò cosa fosse accaduto. La signora raccontò che vent'anni prima un uomo di medicina degli indiani Objiwa, saputola malata di cancro al seno, le aveva fatto bere per un lungo periodo un the di erbe che l'aveva guarita. L'indiano aveva definito questa miscela di erbe e radici: " Una bevanda benedetta che purifica il corpo e lo riporta in armonia col grande spirito ' Rene fece tesoro dell'informazione e prese nota della ricetta. due anni dopo ebbe modo di sperimentarla su sua zia, malata terminale di cancro allo stomaco e al fegato. La zia guarì. Rene capì di essere di fronte ad una scoperta fantastica e in collaborazione col dott. Fisher, il medico della zia che aveva assistito al processo di guarigione, cominciò ad usare la bevanda su altri malati terminali di cancro. I successi si ripetevano. In quei tempi si pensava di aumentare l'efficacia di un rimedio se lo si fosse inoculato per via intramuscolare e così Rene cominciò ad iniettare la tisana, ma gli effetti collaterali erano troppo spiacevoli. Negli anni a venire, dopo studi di laboratorio condotti su topi, fu individuata l'erba iniettabile e le altre venivano fatte bere in infuso. I risultati positivi continuarono. Bisogna sottolineare il fatto che Rene mai richiese un compenso dai suoi pazienti, accettando solo le loro offerte spontanee. La voce si sparse ed altri otto dottori dell'Ontario cominciarono ad inviarle pazienti giudicati senza speranza. Dopo i primi risultati i medici scrissero una petizione al Minis tero della sanità Canadese chiedendo che si prendesse in seria considerazione la cura. L'unico risultato che ottennero fu l'invio di due commissari col potere di arresto immediato nei confronti di Rene. I due pero rimasero colpiti dal fatto che nove dei migliori medici di Toronto collaborassero con la donna e invitarono Rene a sperimentare su topi la sua medicina. Ella tenne in vita per 52 giorni topi inoculati con il sarcoma di Rous. Tutto tornò come prima, Rene continuò a somministrare la bevanda in un appartamento di Toronto .In seguito dovette spostarsi a Peterborough in Ontario, dove la raggiunse un ordine di arresto recato da un poliziotto. Ancora una volta ebbe fortuna perchè il poliziotto, dopo aver letto le lettere che i suoi pazienti le avevano scritto in segno di riconoscenza, decise che era il caso di parlare della cosa al suo capo. Dopo questo episodio Rene ebbe il permesso del ministero di continuare a lavorare solo su quei pazienti che recassero una diagnosi scritta di cancro redatta da un medico. Nel 1932 uscì, su un giornale di Toronto, un articolo intitolato: "Infermiera di Bracebridge fa una importante scoperta per il cancro" A questo articolo seguirono innumerevoli richieste di aiuto da parte di malati di cancro e la prima offerta commercia le . L'offerta era davvero vantaggiosa ma le si richiedeva di svelare la formula in cambio di una somma considerevole e un vitalizio. Rene rifiutò categoricamente, giustificò la sua decisione col fatto che non voleva che si speculasse sul suo rimedio. Nel 1933 il comune di Bracebridge le mise a disposizione un Hotel, sequestrato per ragioni di tasse, perchè potesse farne una clinica per i suoi malati. Da allora e per i successivi otto anni, un cartello sulla porta avrebbe indicato "CLINICA PER LA CURA DEL CANCRO".......
---------------------------------
Titolo: LA STORIA ED IL POTERE DEL MANDALA
Libro intro: mandala è un diagramma geometrico, in cui sono sistemati dei simboli sui quali si basa il processo di visualizzazione. Esso è costituito di cerchi concentrici che racchiudono un quadrato (che simboleggia il palazzo divino o tempio, dimora delle divinità), munito di 4 aperture (?porte?) poste nelle direzioni cardinali e contenente nel suo interno un cerchio con un fiore di loto : sui petali di questo vi sono varie divinità (Bodhisattva ecc.), mentre sulla corolla vi è la deità principale (ad es. Buddha) - alla quale il mandala è dedicato e che rappresenta in modo concreto e visibile una determinata attitudine positiva della mente, un archetipo primordiale presente da tempo immemorabile nella psiche umana. Pertanto, il mandala favorisce la concentrazione della mente su una determinata divinità, sia essa rappresentata antropomorficamente sia essa solo indicata mediante simboli. Il mandala è stato definito ?uno psicocosmogramma?, cioè la rappresentazione simbolica ed ideale della struttura dell?intero universo e della persona umana, la raffigurazione delle forze elementari che governano l?esistenza, operando nel cosmo in genere e negli esseri senzienti a livello fisico e psichico ; cioè un complesso di energie fisiche (la costruzione e l?ordinamento dell?universo fenomenico) e psichiche (le estrinsecazioni del processo psicologico della rivelazione e dell'integrazione). Così, nel mandala dei 5 Dhyõnibuddha questi sono associati - dal punto di vista microcosmico - ai 5 skandha, ai 5 kleæa, alle 5 jñõna, ai 5 elementi, nonchè - sul piano macrocosmico - alle direzioni dello spazio, ai colori, alle parti del giorno, agli stessi 5 elementi, ecc. IL MANDALA E' LA RAPPRESENTAZIONE SIMBOLICA DELL'INTERO UNIVERSO...
---------------------------------
Titolo: LA STRUTTURA NASCOSTA DEL MONDO
Libro intro: Da sempre l’uomo si è posto il problema di osservare e descrivere il mondo in cui si trova: dall’alba dei tempi, esso ha cercato di scoprire se esista un ordine nell’universo e se questo possa essere descritto e comunicato ad altri. Di volta in volta, a seconda del punto di partenza, ecco nascere scienze, filosofie, religioni. La scienza occidentale, in particolare, è senz’altro molto all’avanguardia nel campo dell’osservazione del mondo: i più remoti confini dell’Universo, così come il mondo pre-atomico, sono stati oggetto di innumerevoli ricerche, osservazioni e speculazioni, che hanno fornito abbondante materiale per teorie sempre più vaste e onnicomprensive. Al giorno d’oggi, in realtà, non sono molte le ricerche “innovative”, nel senso letterale del termine: da oltre 80 anni, i paradigmi accettati dalla comunità scientifica (prima di tutto la relatività einsteiniana e i modelli dell’atomo), pur essendo messi in discussione da sempre più ricercatori, hanno tracciato una strada così profonda che (per varie ragioni che non staremo qui a commentare) solo in pochi osano avventurarsi sui… sentieri laterali della ricerca pura. Ciò non ha impedito, d’altra parte, l’osservazione di numerosi fenomeni inspiegabili in base alle attuali teorie riguardanti la struttura della materia, per esempio produzioni anomale di energia o bilanci impossibili causati da comparsa o scomparsa di elementi: se fosse vero che questi fenomeni avvengono solo a partire da elementi radioattivi o in presenza di temperature tali da riuscire ad ottenere una fusione nucleare (come si dice “ufficialmente”), essi non potrebbero verificarsi. Ma la realtà dei fatti si è dimostrata diversa! E’ interessante notare come le prime pubblicazioni scientifiche che parlavano di questo genere di fenomeni risalgano già alla fine del 1700 e come, col tempo, esse siano cresciute in maniera esponenziale trovandone riscontri in chimica, fisica, astronomia, biologia, veterinaria, agricoltura, ecc. La ricorrenza in ambiti così differenti non fa che evidenziare la natura assolutamente generale di questa “anomalia”; ma prima di credere che il mondo contenga anomalie o eccezioni alle sue stesse leggi, è più semplice ipotizzare che siano le teorie su di esso ad essere miopi o parziali. Partendo da questo punto di vista, iniziamo il nostro percorso per scoprire innanzitutto quali siano questi eventi ufficialmente inspiegabili, che nel loro complesso sono conosciuti come “reazioni nucleari a debole energia”. LUCA CHIESI...
---------------------------------
Titolo: LA TECNICA DYNAMIND
Libro intro: La Tecnica Dynamind, o DMT, è un metodo di guarigione sicuro, semplice, rapido ed efficace, basato su una speciale miscela di parole, tocco, respiro e, qualche volta, immagini. E? stata formulata in modo tale che il maggior numero di persone possano usarla, per risolvere il maggior numero di condizioni, il più delle volte in meno di un?ora. Può essere usata anche in combinazione con altri trattamenti, per aiutare tutti, in qualunque condizione, in qualsiasi momento. Tutte le guarigioni vengono da dentro. La DMT di per sé non guarisce niente, ma aiuta a preparare la mente e il corpo, affinché la guarigione possa manifestarsi più facilmente. E? risultata efficace per favorire la guarigione in una grande varietà di condizioni fisiche, emotive e mentali, e viene testata tutti i giorni per molte altre condizioni, da una squadra internazionale di ricercatori. La DMT può essere usata da sola, o in combinazione con qualsiasi altro metodo di cura convenzionale, alternativo, o complementare. Può essere utilizzata da adulti e bambini ed è stata impiegata con successo anche per curare gli animali. La Tecnica Dynamind è semplice da imparare e da utilizzare. Non c?è bisogno di accettare un sistema di credenze o una filosofia per vederne i frutti, di fatto funziona anche se non credete in essa. Comunque un atteggiamento apertamente negativo diminuisce i suoi effetti. Potete usarla per voi stessi e condividerla con la vostra famiglia, gli amici e tutti quelli che ne hanno bisogno. ...
---------------------------------
Titolo: LA TERAPIA DEL DOLORE CRONICO NELL'ANZIANO MEDIANTE L'USO DI MEDICINE COMPLEMENTARI
Libro intro: Nella pratica clinica quotidiana i sistemi medici più frequentemente usati sono i seguenti: - Medicina Tradizionale Cinese (M.T.C.) - Omeopatia - Ayurveda (Medicina Indiana) - Fitoterapia - Tecniche di massaggio e/o manipolazione Oltre a questi, numerosi sistemi sono stati introdotti nell?uso clinico la chiropratica, l?osteopatia, la chinesiologia, i Fiori di Bach, la cromoterapia, la musicoterapia, la medicina tibetana, la medicina antroposifica, la nutrizione ortomolecolare, l?omotossicologia, il Reiki, il rebirthing, l?integrazione posturale e molti altri ancora, tutti in qualche modo unificabili dall?assunto che l?uomo non è composto da entità separabili, ma da un tutt?uno in cui corpo, mente e spirito non possono essere separati pena l?esclusione della comprensione della globalità dell?individuo. Questi sistemi si definiscono olistici proprio perché vogliono occuparsi di tutti gli aspetti della persona umana e non limitarsi allo studio ed alla terapia di un singolo distretto corporeo o di una particolare patologia. Dovendo necessariamente limitare il numero di a rgomenti da discutere, saranno esaminati quei metodi e quegli strumenti più adatti a trattare il dolore cronico nell?anziano, con particolare riferimento a quelli più diffusi e convalidati, entro certi limiti, anche dall?Organizzazione Mondiale della Sanità e da un numero sufficientemente elevato di operatori che si sono organizzati in società culturali, scientifiche e fondato scuole atte a garantire la preparazione dei diplomati dalle stesse. Verranno trattate la M.T.C., l?Omeopatia, la Fitoterapia, l?Ayurveda, e alcune delle varie tecniche di manipolazione (es. Shiatsu) più note. Luciano Belotti Centro Diurno Integrato, Iseo (Brescia)...
---------------------------------
Titolo: LA TRADIZIONE E LE TRADIZIONI
Libro intro: René Guénon...
---------------------------------
Titolo: LA TRADIZIONE VEDICA
Libro intro: Secondo la tradizione indiana la piena conoscenza e consapevolezza del divino è stata realizzata dagli antichi saggi (definiti in sanscrito rishi). Inizialmente trasmessa oralmente è stata poi trascritta in quattro volumi principali chiamati Veda (lett. “conoscenza”): 1. Rig Veda (composto tra il 1300 e il 1000 a.C., è una raccolta di 1028 inni alle divinità) 2. Yajur Veda (formulario liturgico ufficiale per il sacrificio) 3. Sama Veda (ulteriore raccolta di inni) 4. Atharva Veda (redatto intorno al 900 a.C., è un formulario magico).. L’induismo prevede sei correnti filosofiche maggiori che si rifanno, in modo diverso, alle conoscenze vediche. La più antica è il Samkhya, che postula una visione dualistica del mondo, in tensione polare tra prakriti (matrice primordiale dell’universo, principio dell’attività e del movimento, ma non dotato di coscienza) e purusha (principio intelligente, dotato di coscienza ma immobile). La materia o energia primordiale si compone di tre qualità tamas (“pesante”, “inerte”), rajas (“attivo”, “passionale”) e sattva (“luminoso”, “leggero”): fino a che restarono in equilibrio nessun accadimento turbò la pace cosmica, ma nell’istante in cui una prevalse sull’altra iniziarono i processi dinamici dell’universo, si sviluppò la materia, i 5 elementi e l’uovo di Brahma e da questi tre fattori l’universo come noi lo conosciamo. Gli esseri dominati da rajas e tamas (i primi attivi e passionali, i secondi incostanti e senza forza) sono vittime di maya (illusione), solo gli uomini dominati da sattva riconoscono il mondo come apparenza e percorrono la via verso la bontà e la verità, che conduce alla cessazione del samsara (il ciclo eterno di morte e rinascita)......
---------------------------------
Titolo: LA VIA DEL BODHISTATTVA
Libro intro: Per mezzo di tutta l'energia positiva accumulata ora, componendo La Via del Bodhisattva, possano tutti gli esseri viventi praticare il sentiero che conduce all'illuminazione. 2. In virtù dei miei meriti, possano tutti gli esseri, che in ogni luogo sono tormentati da sofferenze fisiche e mentali, ottenere illimitata felicità e gioia. 3. Per quanto a lungo essi dimoreranno nell'esistenza ciclica, possa la loro felicità non declinare mai, e possano tutti gustare l'insuperabile e costante beatitudine. 4. Possano tutte le creature incarnate, che in qualsiasi luogo dell'universo sperimentano i tormenti infernali, giungere a godere della pace e della beatitudine di Sukhavati. 5. Possano coloro che sono prigionieri negli inferni del grande gelo trovare calore, e possano coloro che sono tormentati dal fuoco degli inferni roventi provare la frescura delle piogge torrenziali, che sgorgano dalle grandi nuvole di meriti dei bodhisattva. 6. Possa la foresta delle foglie taglienti come rasoi diventare un incantevole boschetto colmo di delizie, e possano le piante di pugnali e spade trasformarsi in alberi che soddisfano i desideri. 7. Possano le zone più terribili dell'inferno diventare luoghi di gioia, con vasti stagni colmi di profumati fiori di loto, abbelliti dai piacevoli richiami di anatre selvatiche, oche e cigni. 8. Possano i cumuli di tizzoni ardenti trasformarsi in pile di gioielli, possa il terreno rovente diventare un pavimento di luminoso cristallo, e possano le montagne degli ‘inferni dello schiacciamento’ trasformarsi in palazzi celestiali, colmi di buddha da venerare. 9. D'ora in poi, possano le piogge di lava, pietre infuocate e armi trasformarsi in piogge di fiori, e possano coloro che si trovano...
---------------------------------
Titolo: LA VIA DEL RISVEGLIO PLANETARIO
Libro intro: INDICE RINGRAZIAMENTI 3 INTRODUZIONE DEI PLEIADIANI 4 Capitolo Uno LA REALTÀ MULTIDIMENSIONALE E IL DISEGNO DELL?ESISTENZA 5 Capitolo Due ENERGIA E FREQUENZA UN NUOVO SPAZIO RICREATIVO DELLA MENTE Capitolo Tre L?ENERGIA ACCELERATA E L?ESPANSIONE DELLA MENTE NEL NANOSECONDO DEL TEMPO Capitolo Quattro L?INTIMA DANZA DELLE CREDENZE E DELLE EMOZIONI Capitolo Cinque GUARIRE SULLE LINEE DEL TEMPO Capitolo Sei IL POTERE DELLA SESSUALITÀ UMANA Capitolo Sette IL GIOCO DELL?ESISTENZA Capitolo Otto LA SCELTA PROBABILE. INTRODUZIONE DEI PLEIADIANI Ci chiamiamo Pleiadiani. E, per presentarci, vi diciamo che siamo viaggiatori del tempo e delle multidimensioni. Siamo un collettivo di energie coscienti teso ad esplorare ogni angolo dell?esistenza, vagando per monti e valli cosmiche alla ricerca di risposte alla maestosità dei misteri della vita. Tutta l?esistenza è una grande rete di energia, e sembrano esserci infi nite e aff ascinanti direzioni, collegamenti, eventi e divertenti alternative da esplorare. Tuttavia, al momento siamo soprattutto intensamente focalizzati su uno specifi co spazio e tempo ? la Terra negli anni dal 1987 al 2012. Sembra che in questo periodo questo luogo salvaguardi la probabilità di un successo trionfante in cui, per un breve momento, si potranno realizzare e rivelare alcuni tra i più meravigliosi misteri della vita. Siamo qui per osservare e partecipare a questo evento grandioso. La nostra prospettiva ha uno scopo e un raggio d?azione multidimensionale, poiché siamo un meraviglioso collettivo che sta consapevolmente espandendo le proprie credenze sulla natura dell?esistenza nelle diverse situazioni legate al tempo. I cieli sono ricchi di vita e il nostro viaggio alla ricerca di sapere e di una migliore comprensione su chi siamo, ci ha portati a voi. Attualmente la Terra sta sperimentando un tumultuoso risveglio delle coscienze di un?ampiezza mai registrata prima nella storia dell?umanità. Eppure nelle memorie cellulari dell?uomo si aggirano vaghe immagini stranamente familiari. Siete profondamente immersi in un periodo di cambiamenti decisivi; l?umanità è sulla soglia di avere una nuova comprensione del potere dell?energia cosmica. Naturalmente, molti di noi si domandano cosa farete di questa conoscenza. In altre epoche la natura di questo potere è stata mal compresa e, di conseguenza, male utilizzata, portando inevitabilmente alla vostra auto-distruzione. Ciò nonostante, gli immensi cicli della vita e dell?apprendimento continuano pazientemente ad off rirvi le stesse lezioni perché, anche se la vita sembra distruggersi, la coscienza perdura sempre cambiando solo la forma. L?umanità si sta rapidamente avvicinando alla soglia di un grande salto cosmico di coscienza. Ciò che voi fate ora, le scelte che prendete, determineranno un corso di esperienze più complesso e stupefacente di quanto possiate al momento immaginare. L?alba di una nuova rivoluzione della coscienza è a un passo. Non potete sottrarvi alla necessità di gestire questo potere: adesso o mai. Poiché abbiamo uno spirito avventuroso, siamo qui per condividere la nostra visione sulla vostra vita in rapido cambiamento e per off rivi il nostro sostegno e alcuni tempestivi suggerimenti sulla gestione di un?energia così accelerata che potrebbe tranquillamente rivoltare il vostro pianeta. I Pleiadiani autore : Barbara Marciniak - La Via del Risveglio Planetario www.edizionistazioneceleste.it...
---------------------------------
Titolo: LA VIA ILLUMINATA
Libro intro: LA VIA ILLUMINATA compendio sulla iniziazione Tratto da: ?La via della luce? di G. Filipponio edizioni fuori commercio Sommario: La trasmutazione delle energie Il ritorno alla casa del Padre Il processo iniziatorio Azione di volontà e le nove iniziazioni La trasmutazione delle energie La Trasmutazione è un processo fondamentale che si svolge in ogni momento a tutti i livelli. Al livello fisico le trasmutazioni più semplici sono quelle del calore e dell?acqua in energia elettrica, che a sua volta, viene dalle macchine e dai veicoli ritrasformata in moto, in freddo, in calore, in onde radio, ecc. Anche la nostra personalità attua la trasformazione dell?energia nucleare, in potenza che può essere utilizzata per molti scopi. Infatti nella vita biologica si svolge un continuo processo di trasmutazione. Il nostro corpo fisico è una macchina meravigliosa che trasmuta i vegetali in sostanza animale, cioè trasforma le molecole in cellule. La digestione del cibo e la sua trasmutazione nei tessuti dei muscoli e dai nervi e in tutti gli altri costituenti del corpo sono essenziali per la crescita e per il costante funzionamento di ogni organismo vivente. Consideriamo soltanto come l?erba viene trasformata dalle mucche in latte. Mentre queste cose sono generalmente note, la trasformazione psicologica e spirituale, invece, avviene senza alcuna conoscenza e comprensione e, pertanto, è molto poco utilizzata. Per quanto riguarda le energie psichiche la loro trasmutazione avviene spontaneamente in noi. Per esempio. l?emotività della collera stimola la secrezione dall?adrenalina che conseguentemente accelera il battito del cuore, la pressione sanguigna aumenta e libera degli stimoli chimici nel sistema. Anche la paura produce effetti psicologici come il tremito e il pallore. Ma le energie psichiche possono anche essere trasmutate sul proprio livell o psicologico. Per esempio, quando siamo adirati e scriviamo una lettera furiosa, trasmutiamo la nostra collera in espressioni verbali. Questo è Ugualmente vero per altri stati emotivi e offre innumerevoli opportunità per agire interiormente e per una utilizzazione esteriormente delle energie. Cioè la sublimazione impiega le energie psichiche per più elevate finalità e scopi spirituali e costituisce una importante forma di trasmutazione. Può essere operata coscientemente utilizzando per scopi nobili ed elevati le energie che normalmente alimentano le illusioni, il fascino. In genere il desiderio può essere trasmutato in aspirazione, indirizzandolo gradualmente nella opportuna direzione, affinché tale aspirazione da orizzontale diventi verticale per sviluppare quelle qualità adatte per raggiungere elevate mete. Questo processo può essere facilmente visto nei riguardi dell?amore la cui graduale trasmutazione appare nei differenti stadi dell?amore coniugale, dell?amore altruistico, dell?amore mistico nel quale l?amore umano viene trasmutato in Amore Divino. Dobbiamo però al riguardo chiarire che l?Amore Divino non è una mera proiezione o sublimazione dell?amore umano, in quanto c?è un genuino sentimento di amore verso Dio in quelli che hanno inclinazione mistica la quale ha un?origine superiore....
---------------------------------
Titolo: LA VIA ILLUMINATA
Libro intro: compendio sulla iniziazione Tratto da: “La via della luce” di G. Filipponio edizioni fuori commercio Sommario: La trasmutazione delle energie Il ritorno alla casa del Padre Il processo iniziatorio Azione di volontà e le nove iniziazioni. La trasmutazione delle energie La Trasmutazione è un processo fondamentale che si svolge in ogni momento a tutti i livelli. Al livello fisico le trasmutazioni più semplici sono quelle del calore e dell’acqua in energia elettrica, che a sua volta, viene dalle macchine e dai veicoli ritrasformata in moto, in freddo, in calore, in onde radio, ecc. Anche la nostra personalità attua la trasformazione dell’energia nucleare, in potenza che può essere utilizzata per molti scopi. Infatti nella vita biologica si svolge un continuo processo di trasmutazione. Il nostro corpo fisico è una macchina meravigliosa che trasmuta i vegetali in sostanza animale, cioè trasforma le molecole in cellule. La digestione del cibo e la sua trasmutazione nei tessuti dei muscoli e dai nervi e in tutti gli altri costituenti del corpo sono essenziali per la crescita e per il costante funzionamento di ogni organismo vivente. Consideriamo soltanto come l’erba viene trasformata dalle mucche in latte. Mentre queste cose sono generalmente note, la trasformazione psicologica e spirituale, invece, avviene senza alcuna conoscenza e comprensione e, pertanto, è molto poco utilizzata. Per quanto riguarda le energie psichiche la loro trasmutazione avviene spontaneamente in noi. Per esempio. l’emotività della collera stimola la secrezione dall’adrenalina che conseguentemente accelera il battito del cuore, la pressione sanguigna aumenta e libera degli stimoli chimici nel sistema. Anche la paura produce effetti psicologici come il tremito e il pallore. Ma le energie psichiche possono anche essere trasmutate sul proprio livell o psicologico. Per esempio, quando siamo adirati e scriviamo una lettera furiosa, trasmutiamo la nostra collera in espressioni verbali. Questo è Ugualmente vero per altri stati emotivi e offre innumerevoli opportunità per agire interiormente e per una utilizzazione esteriormente delle energie. Cioè la sublimazione impiega le energie psichiche per più elevate finalità e scopi spirituali e costituisce una importante forma di trasmutazione. Può essere operata coscientemente utilizzando per scopi nobili ed elevati le energie che normalmente alimentano le illusioni, il fascino. In genere il desiderio può essere trasmutato in aspirazione, indirizzandolo gradualmente nella opportuna direzione, affinché tale aspirazione da orizzontale diventi verticale per sviluppare quelle qualità adatte per raggiungere elevate mete. Questo processo può essere facilmente visto nei riguardi dell’amore la cui graduale trasmutazione appare nei differenti stadi dell’amore coniugale, dell’amore altruistico, dell’amore mistico nel quale l’amore umano viene trasmutato in Amore Divino. Dobbiamo però al riguardo chiarire che l’Amore Divino non è una mera proiezione o sublimazione dell’amore umano, in quanto c’è un genuino sentimento di amore verso Dio in quelli che hanno inclinazione mistica la quale ha un’origine superiore....
---------------------------------
Titolo: LA VIA INIZIATICA
Libro intro: Renè Guènon nacque a Blois nel 1886. Nel 1930 lasciò la Francia per stabilirsi definitivamente in Egitto. Morì al Cairo nel 1951. Fu saggista in Francia. Nato da famiglia benestante conseguì a Blois il Baccellierato d'indirizzo Letterario e Filosofico nel 1903, all'età di 22 anni. Trasferito a Parigi con l'idea di seguire corsi di Matematica al Collegio Rollin (studi matematici dai quali acquisì un certo rigore metodologico nella ricerca filosofica), nel 1906 interruppe tali interessi accademici perché debilitato fisicamente e per un crescente interesse per discipline eterodosse (esoterismo soprattutto). Entrato a far parte della Libera Scuola di Scienze Ermetiche di Papus (Ordine Martinista; Rito di Memphis ed Misraim) ne uscirà dopo appena due anni in aperto dissenso con l'indirizzo reincarnazionista della Scuola Filosofica. Le fondamentali amicizie con gli amici spirituali (il saggista Albert Puyon, uno dei pochi occidentali entrato in contatto con i maestri orientali della misteriosofica taoista, ed il pittore svedese Ivan Gustav Agueli) ed il contatto con la Filosofia Taoista fecero l'esordio del filosofo ermetico come pubblicista (direttore della rivista "Lo Gnose"). Nel 1912 Guénon entra a far parte, segretamente, dell'Islam, e nella catena sufica del di lui maestro Abder- Rahman Elish el Kebir. Insegnante il Francia ed in Algeria dal 1915 al 1921 pubblicò nel 1921, a 35 anni, l'Introduzione generale allo studio delle dottrine Indù e iniziò a dare lezioni di filosofia al corso Saint Louis di Parigi. Dal 1925 collaborerà con la rivista cattolica Regnabit ; nel 1927 pubblica Il re del Mondo e la Crisi del Mondo Moderno. Nel 1928 collabora con 'il Velo di Iside' , rivista di studi esoterici tradizionali che dal 1933 cambierà il nome, su suo suggerimento, in 'Studi Tradizionali' (rivista tuttora esistente, mantenendosi ancora fedele alla caratterizzazione che le aveva dato il più illustre dei suoi collaboratori). Nel 1930 si trasferis Renè Guènon nacque a Blois nel 1886. Nel 1930 lasciò la Francia per stabilirsi definitivamente in Egitto. Morì al Cairo nel 1951. Fu saggista in Francia. Nato da famiglia benestante conseguì a Blois il Baccellierato d'indirizzo Letterario e Filosofico nel 1903, all'età di 22 anni. Trasferito a Parigi con l'idea di seguire corsi di Matematica al Collegio Rollin (studi matematici dai quali acquisì un certo rigore metodologico nella ricerca filosofica), nel 1906 interruppe tali interessi accademici perché debilitato fisicamente e per un crescente interesse per discipline eterodosse (esoterismo soprattutto). Entrato a far parte della Libera Scuola di Scienze Ermetiche di Papus (Ordine Martinista; Rito di Memphis ed Misraim) ne uscirà dopo appena due anni in aperto dissenso con l'indirizzo reincarnazionista della Scuola Filosofica. Le fondamentali amicizie con gli amici spirituali (il saggista Albert Puyon, uno dei pochi occidentali entrato in contatto con i maestri orientali della misteriosofica taoista, ed il pittore svedese Ivan Gustav Agueli) ed il contatto con la Filosofia Taoista fecero l'esordio del filosofo ermetico come pubblicista (direttore della rivista "Lo Gnose"). Nel 1912 Guénon entra a far parte, segretamente, dell'Islam, e nella catena sufica del di lui maestro Abder- Rahman Elish el Kebir. Insegnante il Francia ed in Algeria dal 1915 al 1921 pubblicò nel 1921, a 35 anni, l'Introduzione generale allo studio delle dottrine Indù e iniziò a dare lezioni di filosofia al corso Saint Louis di Parigi. Dal 1925 collaborerà con la rivista cattolica Regnabit ; nel 1927 pubblica Il re del Mondo e la Crisi del Mondo Moderno. Nel 1928 collabora con 'il Velo di Iside' , rivista di studi esoterici tradizionali che dal 1933 cambierà il nome, su suo suggerimento, in 'Studi Tradizionali' (rivista tuttora esistente, mantenendosi ancora fedele alla caratterizzazione che le aveva dato il più illustre dei suoi collaboratori). Nel 1930 si trasferis ......
---------------------------------
Titolo: LA VIA INIZIATICA DELL'ANIMA
Libro intro: Oggi, l'incredibile diffusione di argomenti metafisici ha raggiunto punte massime in ogni parte del pianeta. Assistiamo alla prolifica edizione di testi, cassette audio, video, ed altro. Una miriade d'argomenti spezzettati; o, al contrario, portati ad un punto di massima tensione e prescelti quale "principio finale dell'essenza esoterica delle cose".. Evidentemente non è così. La Verità non è mai cambiata nei secoli. Nasce, originariamente, dai Veda (il grande sistema filosofico indiano). Viene, poi, ripresa e tradotta in linguaggio moderno da ogni scuola iniziatica, nelle storiche ere successive. E si risolve nella magnifica traduzione e sintesi che ne fece, alla fine dell'ottocento, Helena Petrowna Blavatsky, in quei volumi chiamati: "La Dottrina Segreta". Altri autori, infine, hanno contribuito a sviluppare la rivelazione. Ed assistiamo ai metodi dello yoga; alle conoscenze riguardanti i piani sottili (o, della morte), la telepatia, la reincarnazione, i cicli evolutivi del nostro sistema solare, le misteriose iniziazioni del gruppo umano, le razze umane trascorse (Lemuria, Atlantide), ecc.…. Insomma, la domanda "Chi siamo, da dove veniamo e dove andiamo?" può ricevere, oggi, una dettagliata risposta; ma, solo dalle fonti di sapere tradizionale. E' a queste fonti, ed esclusivamente ad esse, che attinge il corso di lezioni del cdrom. Le diciassette Stanze che vi trovate riportano le cassette audio di una serie di conferenze tenute da Guido Da Todi, sull'intero arco dello scibile esoterico esistente. Riteniamo, senz'altro, di potere affermare che gli argomenti che ascolterete - collegati uno all'altro da un filo logico e didattico di continuità - siano in grado, alla fine, di condurvi alla sintesi definitiva della Rivelazione Esoterica, nei suoi più puri e cristallini contenuti. Il corso risulterà utile a chi desideri venire coinvolto in un’esperienza di apprendimento diretto; a chi abbia delle difficoltà a leggere; agli anziani, ai malati… Inoltre, è, senza dubbio, l’ideale per coloro che intendano costituire un gruppo di ricerca e di studio spirituali. In tal caso, le 24 ore circa del corso costituiranno un completo background per la completa assimilazione di tutta la metafisica tradizionale. (Guido Da Todi) STANZA 1 „h Introduzione al corso „h La Cosmogenesi „h Cosa e una lezione di gruppo „h Aspetti esoterici di una riunione di gruppo „h Le "forze pensiero" „h Natura magnetica dell'aura umana „h La meta di ogni vero studioso di esoterismo „h L'atmosfera della Gerarchia Bianca „h I "Servitori Mondiali". Chi sono? „h La Teosofia, l'Ordine Rosacroce, la Loggia Massonica „h Il Piano della Gerarchia Bianca „h L'Epoca dell'Acquario „h Ancora sulle "finalita magiche di un gruppo esoterico" „h Lo strato degli eteri cosmici „h La Gerarchia degli angeli „h Le riunioni di gruppo creano potenti forme-pensiero nei mondi sottili „h Le Piramidi egizie, gli Ordini Iniziatici, i Templi Rosacroce „h Cosa esisteva prima della creazione? „h Lo Spazio puro e la Vita immanifesta „h I mondi visibili ed invisibili dell'universo „h I sistemi, le stelle, le galassie abitati nell'universo „h L'Assoluto „h I "cubi di pietra" al centro di ogni tempio dell'antichita „h Colui che non si puo nominare „h Il Maestro Koot Humi „h Le infinite sfumature dello Spazio Uno „h Le tre qualita dello Spazio Uno „h Lo Spazio, visto come "pieno" e non come "vuoto" „h Il serbatoio di potente energia naturale, a disposizione di ogni iniziato „h Cosa dice la fisica moderna dello spazio-etere „h L'Energia, prima qualita dello Spazio „h Il Movimento, secondo aspetto dello Spazio unico „h L'Eternita, terza qualita dello Spazio „h La liberta interiore, derivante dalla comprensione del concetto di Spazio Uno „h Descrizione del processo misteriosofico d'incontro fra il discepolo ed il suo Maestro (Guru) „h Ancora sui Raggi „h Il mondo delle iniziazioni „h Le Coscienze dei piani invisibili che aiutano lo sforzo dei discepoli STANZA 2 „h Il numero sette magico, o musica delle sfere „h Il segreto contenuto nei Sette Raggi „h La magia del Numero, insegnata da Pitagora „h La Voce del Silenzio „h Ancora sull'Assoluto, in noi e fuori di noi „h La "nota musicale" che palpita in seno ad ogni aspetto del nostro pianeta: il Logos planetario terrestre „h Il Logos solare, la Vita sacra che anima l'intero nostro sistema „h I sette Pianeti sacri „h I rapporti tra l'Assoluto ed il Relativo „h Il tema delle iniziazioni „h L'iniziato che, a volonta, abbandona il proprio corpo fisico ed entra nei piani superiori dell'essere „h Le graduali, successive iniziazioni dell'uomo sul Sentiero „h Il controllo, da parte del discepolo, dei corpi eterico-denso, astrale e mentale „h I chakras, punti occulti lungo la colonna vertebrale eterica, e sulla testa „h La sintonia con l...
---------------------------------
Titolo: LA VITA DIVINA
Libro intro: Sri Aurobindo...
---------------------------------
Titolo: LA VITA DOPO LA MORTE
Libro intro: La vita dopo la morte di C.W. Leadbeater Traduzione di Silvia Cecchini e Ezio Sposato Indice I Vi sono conoscenze certe? 2 II I fatti reali. 8 III Il Purgatorio 14 IV Il Paradiso 26 V Molte Dimore 35 VI I nostri amici in Paradiso 42 VII Gli Angeli Custodi 50 VIII I Lavoratori Umani nell'Invisibile 57 IX Aiutare i defunti 65...
---------------------------------
Titolo: LA VITA E LA MORTE : LA STORIA INFINITA
Libro intro: LA VITA E LA MORTE, LA STORIA INFINITA: IL BENESSERE SECONDO NATURA L'approccio che ho vissuto con la morte, risale all'adolescenza: ero nel letto della casa dei genitori, in procinto di addormentarmi, quando, arrivò, improvvisamente un'angoscia, un terrore di morire. Provai paura. Pensai che se fossi morta i genitori sarebbero sprofondati nel dolore e proiettata in una visione in cui non esistevo più, vedevo i miei genitori distrutti. Ci misi un po' ad addormentarmi. Crescendo, sempre più volevo vedere e percepire la morte come un passaggio e mi entusiasmavo quando sentivo o vedevo che certi popoli festeggiano con canti, cibo, feste. Tentai di vivere un'esperienza simile con il cane che viveva in casa. Morta dopo 15 anni passati nella stessa casa, cercai di festeggiarla per vivere quella morte come un rito di passaggio. Quando mi venne comunicato della sua morte, le lacrime riempirono gli occhi e come in un film iniziai a rivivere certe immagini che avevo vissuto con lei. Rimasi tutta la mattina nel letto dei genitori, in sua compagnia, appoggiate su quel copriletto blu, lo stereo e il quaderno degli appunti di chimica organica. Feci partire la musica, avevo scelto una cassetta di canti africani, le lacrime continuavano a scendere a cascata. Non ero ancora pronta a vivere la morte come la sentivo dentro, come un viaggio da un'altra parte. Un giorno andai in una cascina del gruppo di meditazione e sul tavolo trovai un libro che parlava dell'Hospice americano e come interagire con le persone morenti. Fui attratta da quel libro e soprattutto dalla possibilità di veder la morte in faccia. Era l'occasione che aspettavo. Poco dopo feci la trafila per entrare come volontaria all'Hospice di Genova. Il servizio di volontariato si è svolto da settembre a maggio, una volta alla settimana per quattro ore: tante sono state le esperienze, una in particolare mi fece osservare che dentro non avevo ancora trasformato l'avvenimento della morte. Quest'uomo che ormai vedevo da circa un mese, mentre lo spingevo nella carrozzina iniziò a raccontarmi del suo lavoro da giovane, ci fermammo nella sala centrale, adibita all'ascolto della musica, al gioco, alla lettura e anche all'ammirazione del panorama del mare della città. Lavorava per l'esercito, iniziò a dirmi di aver ucciso diverse persone e che non era dispiaciuto dell'accaduto. Cercai di mascherare, di essere più neutrale possibile quando mi chiese “E' normale che non sia dispiaciuto?” risposi: “è chi è normale?” … ridemmo, ma un riso stretto. Di solito non mi portavo a casa le esperienze fatte in ospedale, ma quella volta sì. Mi osservai, mi chiesi perchè, notai che ero entrata anche un po' nel giudizio, osservai fuori e poi dentro, a quel punto capii il collegamento su come percepivo la morte. Ringrazio infinitamente quella persona che mi ha concesso di ascoltare il suo racconto e farmi vedere a che punto ero. Da lì ho iniziato il mio cammino per trovare il passaggio e riconoscere la morte come un evento di transizione. E nella transizione c'è anche posto per arrivare e nascere, per incontrare i genitori più adatti per il nostro percorso, un padre ed una madre, con le caratteristiche più idonee per noi, per intraprendere questo viaggio nell'evoluzione, nel cambiamento, nella trasformazione, nella trasmutazione del percorso. Ricordiamoci del libero arbitrio, dell'energia creativa e della forza dell'atto di volontà. Cosa possiamo fare per ricordare che il nostro corpo è un tesoro d’oro? Che siamo fatti a sua immagine e somiglianza e che possiamo fare cose più grandi di Lui? Iniziare o continuare, per chi crede nelle vite precedenti, un percorso di consapevolezza per utilizzare a nostro vantaggio i meccanismi di difesa attuati dalla personalità. Possiamo immaginare la personalità come un soprabito che possiamo togliere e mettere a 2 seconda delle esperienze che ci vengono offerte dalla Vita. Possiamo scegliere se utilizzare la rabbia o la sua energia trasmutata, ovvero il coraggio. Prendere dell'armadio il soprabito della rabbia o quello del coraggio? Indossiamo costantemente “abiti” che non ci servono e non ci permettono di essere noi stessi. Abiti vecchi e del passato (o trapassato). Vogliamo cambiarli? Regalarli al Cielo o al Fuoco? Per arrivare ad un Ben – Essere occorre ascoltare la nostra anima, il Sé, il bambino interiore e riscoprire la luce, il progetto per cui siamo qui. Chi sono io? Chi sei tu? Nel secondo capitolo della Bhagavad Gita sta scritto, che lo spirito è immortale e indivisibile, che il corpo è effimero e che il svadharma non può essere messo da parte, cioè è il dovere da compiere. Qual è il tuo dovere? Il progetto di vita? La tua croce da portare sulle spalle? La tua missione? TESTO DI ANDREINA CEI...
---------------------------------
Titolo: LA VITA E LA MORTE: IL GIOCO INFINITO - IL BEN-ESSERE SECONDO NATURA
Libro intro: L'approccio che ho vissuto con la morte, in questa vita, risale all'atto di nascita, nel momento in cui sono nata sono anche morta, ho lasciato un Mondo di Amore per catapultarmi nel Mondo dei sensi, nel Mondo Materia. Perché sono qui, mi chiesi anni fa, cosa posso fare? Cosa posso realizzare? Ho scoperto che si può giocare con la materia, con i sensi e qui, su questo strato, si può giocare in questo modo. Diventa quindi una scelta come giocare, come vivere e morire. Quale motivazione profonda ci fa agire in un certo modo? Quale intenzione muove i pensieri? Se il cuore è il motore, la mente agisce e non reagisce. La conservazione della specie è insita in noi, come il voler progredire, il voler tornare a casa e quando scopriremo che possiamo sentirci a casa anche qui, potremo sistemare il giardino dell'Eden sul Pianeta Terra: si può fare, si può anche vedere, sentire l'amore di Mamma-Papà, perché non è lontano, è vicino a noi, dentro di noi, siamo una propaggine di questa fusione, della gioia universale: abbiamo capacità incalcolabili da mettere in pratica in questa scuola di vita e di morte ed espandere il paradiso fino a qui, su questo livello che ci ospita. Chi prima, chi dopo arriva alla morte e poi si trasforma. Due elementi, giorno e notte, giusto e sbagliato, vita e morte, nero e bianco, yin e yang etc. che fusi, messi insieme, miscelati come gli ingredienti di una torta danno lo scorrere del Ben-Essere perché tutti siamo Uno, siamo collegati, siamo uniti da una rete invisibile che si è resa visibile già a molti. Con la mente possiamo connetterci, possiamo viaggiare senza barriere, possiamo andare dove vogliamo. Possiamo unirci al Giappone e sostenere chi è in difficoltà, andare in Siria per donare affetto a chi ha scelto di entrare in battaglia, possiamo andare in Brasile per sostenere il polmone della Terra, possiamo fare qualsiasi cosa con una mente che sente il cuore che pulsa, che danza, che ascolta il soffio che entra ed esce, che ascolta il ritmo della vita e della morte, che ascolta chi apre le porte. E' attraverso il cuore che possiamo innalzare Monumenti. Quando mi resi conto di aver paura della morte, iniziai il lungo viaggio interiore per trovare le soluzioni che mi avrebbero portato a vedere questo evento, come un rito di passaggio, perché quella era l'informazione che le cellule mi inviavano. La personalità, i meccanismi di difesa, ti permettono di proteggerti da una parte e di non manifestarti dall'altra. Se queste maschere, come in un teatrino, le metto e le tolgo in modo consapevole, utilizzo questa energia a vantaggio del corpo che indosso, in questo modo, manifesto e proteggo da quello che non serve: possiamo immaginare la personalità come un soprabito che togliamo e mettiamo a seconda delle esperienze che ci vengono offerte. Possiamo scegliere se utilizzare la rabbia, se usare l'energia trasmutata, ovvero il coraggio. Prendere dall'armadio il soprabito della rabbia? Quello del coraggio? Indossiamo costantemente “abiti” che non ci servono e non ci permettono di essere noi stessi. Abiti vecchi e del passato (nonché trapassato). Vogliamo cambiarli? Regalarli al Cielo, regalarli al Fuoco? I Meccanismi di difesa alimentano la paura e viceversa: quale paura hai? Affrontala! Guardala in faccia e ti renderai conto che in quel momento ha perso di efficacia, ora sei l'eroe che è tornato dal viaggio, il coraggio ha invaso il corpo. In questo viaggio interiore ne ho incluso anche uno esteriore, sia di vita che di morte per conoscere la morte e la vita. Fare l'esperienza! Decisi di guardare in faccia la morte e iniziai con il volontariato all'Hospice di Genova per osservare e trovare il passaggio, riconoscere la morte come un evento di transizione. Per concludere il cerchio avevo bisogno di conoscere la vita e in un contesto naturopatico mi sono trovata a Torino in sala parto per sentire che vita e morte sono un tutt'uno, dove c'è una c'è l'altra. E tra un passaggio e l'altro, c'è anche posto per incontrare i genitori più adatti per il percorso che abbiamo scelto, un padre ed una madre, con le caratteristiche più idonee per consentirci di affrontare la scuola Vita, per intraprendere questo viaggio nell'evoluzione, nel cambiamento, nella trasmutazione: ricordiamoci del libero arbitrio, dell'energia trasformativa e della forza dell'atto di volontà. Cosa possiamo fare per ricordare che il nostro corpo è divino? Che siamo fatti a immagine e somiglianza e che possiamo fare cose più grandi di Lui? Iniziare e continuare, per chi crede nelle vite precedenti, un percorso di consapevolezza per utilizzare i talenti. Per arrivare ad un Ben – Essere occorre ascoltare l'anima, il Sé, il bambino interiore e riscoprire la luce, il progetto per cui siamo qui. Chi sono io? Chi sei tu? Nel secondo capitolo della Bhagavad Gita sta scritto, che lo spirito è immortale e indivisibile, che il corpo è effimero e che il svadharma n...
---------------------------------
Titolo: LA VITA E' UNA VISIONE : CONSIGLI PER VIVERE MEGLIO
Libro intro: Questo libro è nato da una intuizione, da un flash improvviso; senza alcun preavviso un lampo inaspettato ha portato una luce diversa e uno spiraglio si è aperto nella routine quotidiana di una vita normale, per quanto dinamica e molto attiva; come a volte accade, si può verificare che un fatto del tutto casuale indichi una nuova direzione, inizialmente inconsapevole, che poi risulterà definitiva; quel fatto può essere determinato da un incontro inatteso o da un evento inspiegabile verificatosi senza alcuna ragione apparente; come un treno o un aereo, perso per un motivo banale, che ci consente però di conoscere nel viaggio successivo la svolta della nostra vita; ognuno di noi conosce fatti simili, sa che sono veri e sa che sono altrettanto inspiegabili. Dopo quei fatti casuali, non cercati ma decisivi, la nostra vita cambia per sempre e noi ne dobbiamo semplicemente prendere atto, che ci piaccia o no. Qualche volta il fatto o l?evento di svolta si può presentare sotto la forma di una visione folgorante la cui durata è normalmente brevissima ma la cui incisività e profondità possono cambiare in modo netto il nostro futuro; quella visione, normalmente sfocata, ci appare come un quadro che vediamo da lontano, che non riusciamo a decifrare, a mettere bene a fuoco; i suoi contorni sono indistinti, come i suoi contenuti e le figure che racchiude. Poi tutto dipende da chi siamo e da cosa vogliamo; nella grandissima maggioranza dei casi quella visione evapora nel caos generale dei nostri pensieri, se ne va e non ritorna più; noi continuiamo la nostra lotta per la vita e torniamo ad occuparci delle nostre occupazioni abituali. Chi prestasse attenzione a questo tipo di messaggi dovrà fare una scelta coraggiosa, difficile, irta di problemi nuovi, spesso incomprensibile e confusa all?inizio perché il suo senso appare 5 lontano dalla nostra logica, fuori dalla rotta che ci ha guidato finora. Chi si concentrasse su questo tipo di messaggi, tuttavia, dopo un percorso che non si può apprendere in nessun centro di formazione perché è strettamente legato al nostro esclusivo mondo interiore, potrebbe cominciare a vedere con una precisione crescente i contorni e i contenuti di quel quadro, li vedrebbe sgranarsi con sempre maggiore nitidezza fino ad inquadrarli in immagini e colori incredibilmente precisi. Questo tipo di intuizioni, queste visioni, non vengono da luoghi sconosciuti, da mondi lontani; esse fanno parte di noi, della nostra natura recente e lontana, sono prodotti di un lungo percorso personale che le ha create e nascono nello stesso luogo, dalla stessa materia e dalla stessa energia che anima i nostri corpi e la nostra mente. Questi flash, questi lampi di luce vengono dalla nostra storia, dalla nostra essenza, dal nostro passato remoto e dal nostro presente; costituiscono il punto momentaneamente terminale di una evoluzione e possono essere la base di partenza di un?altra evoluzione, ma anche di una nuova consapevolezza del mondo. Non è facile saperli cogliere quei flash, non è semplice assaporare quei lampi, decifrare quelle visioni; un?infinità di ostacoli interni a noi si sovrappongono e coprono la luce, la oscurano e ci rimandano immagini deformi; molte barriere di ogni tipo ci impediscono la necessaria umiltà e ci fanno gettare nel cestino dei rifiuti molte occasioni irripetibili. Poi vi sono gli imbroglioni: maghi improbabili, buffoni di corte, preti improvvisati, apprendisti stregoni, poveri di spirito e anche piccoli faccendieri dilagano intorno a questi aspetti volatili, oscuri e insondabili, della nostra vita ancora sconosciuta; insozzano con falsi grossolani i bisogni innati e le buone maniere, dispensano fumo e inquinano, in definitiva, il nostro sentiero con buone dosi di ignoranza e di opportunismo. 6 Noi non dobbiamo mai pensare di possedere la verità assoluta, noi non conosciamo la via della luce; sappiamo che ognuno è solo nella sua unicità e ha una via che nessun altro conosce; il segreto personale di ognuno di noi è dato dalla sommatoria e dall?intreccio delle nostre componenti biologiche assemblate in modo molto confuso, all?interno del nostro organismo, insieme all?energia che ci anima, ci dà la scossa per esistere e la coscienza per capire; riuscire a cogliere quel segreto equivale a sentire la nostra essenza, annusare il nostro odore primordiale e vitale, toccare la nostra struttura, vedere le nostre radici, conoscere noi stessi. Non è facile, nessun medico potrà aiutarci in questa ricerca, nessuno potrà fare il nostro lavoro, nessuna apparecchiatura, per quanto sofisticata, potrà vedere dentro di noi, riuscire a fissare su schermo i nostri pensieri, le nostre idee, le nostre pulsioni nervose, la nostra energia. Ma conoscere noi stessi è la cosa più difficile e, insieme quella più importante, come ha detto qualche nostro illustre predecessore. Ciò che bisogna sapere, è che la...
---------------------------------
Titolo: LA VITA PRENATALE : LA MAGIA DEL CONCEPIMENTO
Libro intro: L?EDUCAZIONE DEL BAMBINO INIZIA CON IL CONCEPIMENTO, INFATTI LO STATO FISICO E MENTALE DEI GENITORI AL MOMENTO DEL CONCEPIMENTO SI RIPRODUCONO NEL BAMBINO. ANALISI DELLO SVILUPPO DEI CINQUE ORGANI DI SENSO DURANTE LA VITA PRENATALE. INTRODUZIONE1 LA MAGIA DEL CONCEPIMENTO3 IL TATTO5 L?OLFATTO6 IL GUSTO 7 L?UDITO9 LA VISTA 11 LA RICERCA CLINICA 14 I BAMBINI PICCOLI RICORDANO18 RICORDI CHE COINCIDONO19 ALCUNI ESEMPI20 LA VITA IN SALA PARTO22 LE FORTI SENSAZIONI RELATIVE ALLA NURSERY23 UN NUOVO INCONTRO CON LA MAMMA 24 I TRANELLI24 IL RIFIUTO25 LE CICATRICI CAUSATE DA CRITICHE26 IL BAMBINO PER IL GENITORE27 IL FIGLIO FANTASMATICO E REALE, IDEALIZZATO E VERO27 COSA FARE30 CONCLUSIONI32 VORREI COMINCIARE RACCONTANDO, IN BREVE, LA MIA STORIA32 BIBLIOGRAFIA 33...
---------------------------------
Titolo: LA VITA, LA MORTE, IL KARMA E LA REINCARNAZIONE
Libro intro: Un testo che vi parla della vita-morte-karma-reincarnazione. Sommario: La nascita dell'uomo I costruttori di forme La costruzione dell?uomo La morte La vita dopo la morte La legge del karma Il karma e il dolore La rincarnazione La rinascita e le leggi di causa effetto Il determinismo e il libero arbitrio La trasmutazione delle energie Coordinamento dei centri...
---------------------------------
Titolo: LE 5 LEGGI BIOLOGICHE DEL DOTT HAMER
Libro intro: Le 5 Leggi Biologiche del Dott Hamer. Tavole di Stabon Antonella Naturopata....
---------------------------------
Titolo: LE COSE CHE DEVI ASSOLUTAMENTE SAPERE
Libro intro: Indice Indice 2 Ringraziamenti 3 Introduzione 4 Triste ma necessaria avvertenza legale 5 Breve presentazione dell'autore 6 Capitolo 1 Il sole è pericoloso è causa di tumori e guardarlo provoca cecità 7 Il sole negli occhi 10 Il FOSFENISMO 11 il Sungazing ed il Breatharianismo in genere 12 APPROFONDIMENTO: sul recupero visivo 14 Libri e video consigliati 16 Cap 2 Bere tanto latte fa bene ti fa crescere forte e sano rinforza le tue ossa 17 Libri consigliati 19 Cap 3 Dal cancro NON si può guarire è il "brutto male" di cui nessuno deve parlare 20 Libri e video consigliati 22 Cap 4 Il passato non si dimentica il carattere non si cambia 25 Libri e video consigliati 28 Cap 5 La malattia va curata è necessario combatterla e sconfiggerne i sintomi 30 Libri consigliati 33 Cap 6 La colazione è il pasto più importante della giornata poi mangiare poco di tutto 35 Libri consigliati 39 Cap 7 Il lavoro è fatica noi siamo nati per lavorare chi si arricchisce è un ladro 40 Libri consigliati 45 Cap 8 Le vaccinazioni sono obbligatorie perché il rischio di alcune malattie nei bambini è alto 46 Libri consigliati 48 Cap 9 Il fluoro fa bene ai denti li rinforza e li rende più bianchi 49 In questo Libro 49 Cap 10 Gli aerei tracciano nel cielo scie di vapore hai visto che bei disegni si creano? 50 Libri e video consigliati 51 Introduzione Per prima cosa ci tengo a farvi sapere che io non sono l'esperto di turno, non indosso il camice bianco del medico e neppure le piume d'aquila dello sciamano, non sono nessuno, nessuno di estremamente competente o affidabile, tendo a sbagliarmi e a cambiare idea molto molto spesso quindi vi chiedo di fare ricerca, di leggere e domandare direttamente alle persone che hanno scritto i libri che citerò, alcuni di questi autori sono viventi e si stanno muovendo nel mondo per portare più persone possibili a prendere coscienza di ciò che accade loro. Questo libretto vuole solo essere una condivisione di ciò che ho imparato io stesso, leggendo e domandando, ma gran parte delle domande dovete rivolgerle a voi stessi. Chi sono? Cosa voglio? Cosa mi fa stare bene? Questo alimento è giusto per me? Mi piace davvero fare questo mestiere o lo sto facendo per adeguarmi ad un'immagine socialmente apprezzata? Lo so può fare paura diventare medici, psicologi e "esperti" di se stessi ma è l'unica soluzione praticabile... potete vedere da voi come affidarsi ad altri vi abbia allontanato dalle vostra personalissime idee di salute, felicità e ricchezza. Questi sono i tre temi di fondo che animano queste pagine, non saranno trattati in un ordine specifico poiché sono semplicemente una conseguenza, un effetto collaterale dell'aver orientato in maniera differente il vostro modo di vedere le cose: cambiando punto di vista, cambierà anche il mondo che state osservando. Il valore di questo mio piccolo lavoro sta nell'aver selezionato alcuni argomenti, che IO ritengo importanti, qualcuno sarà attratto di più da un'area piuttosto che da un'altra e consiglio vivamente di seguire quell'istinto... leggete per primo il capito che vi ispira e da lì seguite i collegamenti ai libri consigliati in modo che possiate approfondire. Gli argomenti che tratto vogliono stimolare l'appetito, sono solo piccoli assaggi, di qualcosa di più che deve essere trovato altrove... per questo sono un mangiatore di libri e consiglio a tutti di cibarsi di informazioni nutrienti e lasciar perdere il resto. ----- La mamma ti ha mentito 10 cose che dovresti assolutamente sapere di Diego Mattarocci...
---------------------------------
Titolo: LE FONDAMENTA DELLA SALUTE
Libro intro: FEGATO, CISTIFELLEA E VIE BILIARI a cura di Giorgini Dr.ssa Beatrice Con la collaborazione di: Giorgini Dr. Federico e Giorgini Dr. Filippo 1 Indice generale Avvertenze pag. 2 Introduzione: il sistema epato-biliare pag. 5 Capitolo I: un super lavoro del fegato causa una diminuzione della bile prodotta pag. 8 Capitolo II: cosa causa una scarsa produzione di bile pag. 11 Capitolo III: come avviene la neutralizzazione delle tossine da parte del fegato e quali nutrimenti sono necessari pag. 15 Capitolo IV: sui grassi alimentari e in particolare sugli acidi grassi insaturi essenziali pag. 19 Capitolo V: le principali erbe per il fegato e la cistifellea pag. 28 Capitolo VI: segni e sintomi di uno squilibrio epato-biliare. Diagnosi e approccio terapeutico pag. 32 Tavola comparativa: integratori per il benessere di fegato e cistifellea pag. 36 Bibliografia pag. 37...
---------------------------------
Titolo: LE GERARCHIE DEGLI ANGELI NEL MEDIOEVO
Libro intro: La concezione secondo cui le schiere angeliche si differenzierebbero, sulla base di specifiche caratteristiche o funzioni, in categorie separate e, ordinate gerarchicamente, governerebbero le sfere celesti, trae origine dalla tradizione apocrifa della tarda età giudaica. Inserita senza grandi difficoltà nella angelologia tardo-giudaica, la ripresa di tale concezione nella teologia paleocristiana doveva rivelarsi, al contrario, meno agevole. In generale, i Padri della Chiesa dei primi secoli assunsero un atteggiamento ambivalente verso le figure angeliche. Ciò si deve da una parte al loro scetticismo nei confronti della ricchezza dei testi giudaici e dall’altra all’aperta battaglia contro 1’angelologia della gnosi che attribuiva un ruolo alquanto dominante agli Angeli non soltanto per quanto riguarda la guida dell’universo, ma anche per la concezione che essa aveva della salvezza. La patristica accettava il ruolo di servitori di Dio e di intermediari tra 1’Eterno e 1’umanità, ma non che fossero oggetto di culto, fatto che ai suoi occhi poteva indurre a proposizioni eretiche o alla superstizione. Questo atteggiamento diffidente dei Padri della Chiesa ebbe effetti in primo luogo sulla questione del numero esatto delle categorie degli Angeli e della loro articolazione gerarchica...Barbara Bruderer Eichberg...
---------------------------------
Titolo: LE GERARCHIE SPIRITUALI
Libro intro: Di Rudolf Steiner Introduzione Se vogliamo parlare delle cosiddette gerarchie spirituali, dobbiamo elevarci con l'occhio dell'anima agli esseri che hanno la loro esistenza al di sopra dell'uomo vivente sulla Terra. Occhi visibili possono contemplare una scala di esseri che rappresentano soltanto quattro gradini di una gerarchia: il mondo minerale, il mondo vegetale, quello animale e quello umano. Ma sopra l'uomo comincia un mondo di esseri invisibili, e all'uomo è dato, grazie alla conoscenza di ciò che trascende i sensi fisici e fin dove essa gli è possibile, di salire per un certo tratto alle potenze ed entità che, nell'invisibile mondo soprasensibile, sono la continuazione dei quattro gradini che si trovano sulla Terra stessa. Queste potenze ebbero dapprima le immaginazioni, le ispirazioni, le intuizioni, le idee e i pensieri secondo i quali è formato il nostro mondo, quale lo vediamo stendersi intorno a noi. L'uomo, trova a sua volta in questo mondo quei pensieri e quelle idee; e quando si eleva alla contemplazione chiaroveggente, trova pure le immaginazioni, le ispirazioni e le intuizioni per mezzo delle quali egli penetra nuovamente nel mondo delle entità spirituali. Perciò possiamo dire: prima che il nostro mondo fosse, esisteva la saggezza della quale dobbiamo appunto parlare; essa è il disegno del mondo. Il compito della moderna scienza dello spirito, o antroposofia è ritrovare il nesso tra il fisico e lo spirituale, tra il mondo terrestre e le gerarchie spirituali....
---------------------------------
Titolo: LE MASSIME DEL BUDDHA
Libro intro: Il Dhammapada, o Libro della legge, raccoglie 423 aforismi che, secondo la tradizione, sono stati pronunciati dal Buddha e poi raccolti da un ignoto autore, probabilmente un suo discepolo. Essi possono considerarsi una sorta di summa del pensiero e della dottrina buddhisti, da utilizzarsi soprattutto nella vita quotidiana per iniziare quel cammino di affrancamento dalle passioni terrene e dagli affanni quotidiani che, una volta compiuto, porta alla liberazione (mukti). Il Dhammapada costituisce una delle opere più note della fede buddhista, la cui influenza si è estesa ben oltre i confini del buddhismo....
---------------------------------
Titolo: LE MEDICINE NON CONVENZIONALI : UNA PROSPETTIVA ANTROPOLOGICA
Libro intro: Cosa sono le MNC? Medicine non convenzionali (MNC) è il termine che si è affermato negli ultimi anni per definire un’ampia e assai eterogenea gamma di saperi e pratiche diagnostiche e terapeutiche che si differenziano in modo sostanziale dalla biomedicina e che, usualmente (anche se non sempre), non sono praticate e insegnate nelle istituzioni mediche ufficiali. Le si denomina talvolta anche attraverso etichette come medicina alternativa, complementare, dolce, naturale, olistica: l’espressione “MNC” è stata però adottata nelle discussioni istituzionali (ad esempio dal Parlamento Europeo) ed è oggi divenuta la denominazione standard in Europa (in ambito anglosassone è più diffusa la sigla CAM – Complementary and Alternative Medicine). Omeopatia, agopuntura, pranoterapia, iridologia, naturopatia, fiori di Bach, chiropratica, medicina ayurvedica, medicina antroposofica, shiatsu sono alcuni fra i possibili e più noti esempi di MNC. In realtà le discipline che rientrano in questo campo sono centinaia, con una tendenza alla proliferazione e alla produzione di varianti. Si tratta di dottrine e pratiche che in Europa e nei paesi occidentali hanno goduto di una certa diffusione a partire più o meno dall’ultimo quarto del Novecento, giungendo a far presa su segmenti significativi della domanda e del mercato sanitario, in particolare fra i gruppi sociali medio alti, più giovani e con un più alto livello di istruzione. Le ricerche quantitative in proposito sono varie e difformi: si afferma di solito che almeno il 50% dei cittadini dei paesi occidentali ha almeno una volta fatto ricorso a MNC, e una più bassa ma importante percentuale, superiore al 10%, vi fa ricorso in modo sistematico come conseguenza di scelte precise e di una vera e propria filosofia di vita. L’European Forum for Complementary and Alternative Medicine parla oggi di 100 milioni di utenti ...Fabio Dei...
---------------------------------
Titolo: LE ORIGINI DEL RITUALE NELLA CHIESA E NELLA MASSONERIA
Libro intro: di H. P. Blavatsky Traduzione di Marpa I teosofi sono molto spesso accusati, spesso davvero ingiustamente, di essere degli infedeli e perfino degli atei. Questo è un grave errore, specialmente per ciò che riguarda la seconda accusa. In una società vasta, composta di molte razze e nazionalità, in un’associazione nella quale ad ogni uomo e donna è consentito di credere in qualsiasi cosa loro piaccia e di seguire o no - proprio come essi preferiscono - la religione nella quale sono nati e sono cresciuti, non c’è molto posto per l’Ateismo. Quanto all’accusa di “infedeli”, essa è un controsenso ed una menzogna. Per mostrare quanto sia assurda, è in ogni modo sufficiente chiedere ai nostri diffamatori di indicarci, nell’intero mondo civilizzato, quella persona che non è considerata “infedele” da qualsiasi altra persona appartenente a qualche credo differente. E che ci si sposti nei circoli altamente rispettabili ed ortodossi o in una “società” cosidetta eterodossa, è perfettamente lo stesso. È un’accusa scambievole, tacitamente, se non apertamente, espressa; è una specie di partita di tennis mentale e un reciproco lanciare la palla, in educato silenzio, gli uni sulle teste degli altri. Stando ai fatti, quindi, nessun teosofo può essere “infedele” più di un qualsiasi non-teosofo; mentre, d’altra parte, non c’è essere umano vivente che non sia un infedele nell’opinione di un qualsiasi settario. Quanto all’accusa d’Ateismo, è completamente un’altra questione. In primo luogo, domandiamo, cosa è l’Ateismo? È il non credere all’esistenza di un Dio, o di molti Dei, e di negare quest’esistenza? O è semplicemente il rifiuto di accettare una divinità personale secondo la definizione piuttosto sentimentale di R. Hall, che spiega l’Ateismo come “Un sistema feroce” perché “non lascia niente al di sopra di noi ad ispirare sacro timore, né attorno a noi a stimolare tenerezza” (!). Se si prende in considerazione la prima possibilità - quella di non credere all’esistenza di un Dio o di molti Dei - allora molti dei nostri numerosi membri dell’India, di Birmania e di altri posti, potrebbero sollevare obiezioni; poiché essi credono in molti Dei ed esseri divini, ed hanno un sacro timore di alcuni di essi. Né un certo numero di teosofi occidentali esiterebbe a confessare che crede negli Spiriti, sia dello spazio che planetari, fantasmi o angeli. E molti di noi accettano l’esistenza d’Intelligenze superiori ed inferiori, e di Esseri molto al di sopra di un qualsiasi “Dio personale”. Questo non è un segreto occulto. Ciò che abbiamo ammesso nell’editoriale del Lucifer di novembre, lo ripetiamo ancora. La maggior parte di noi crede nella sopravvivenza dell’Ego Spirituale, crede negli Spiriti Planetari e nei Nirmanakaya - quei grandi Adepti delle ere passate che, rinunciando al loro diritto al Nirvana, rimangono nelle nostre sfere di esistenza non come “spiriti”, ma come Esseri spirituali umani completi. Eccetto il loro involucro corporeo visibile, che hanno abbandonato, essi rimangono come erano, allo scopo di aiutare la povera umanità, per quel tanto che può essere fatto senza peccare contro la legge del Karma. Questa è, veramente, la “Grande Rinuncia”; un incessante, cosciente auto-sacrificio attraverso gli eoni e le ere, fino al giorno in cui gli occhi della cieca umanità si apriranno e tutti, invece che pochi, vedranno la Verità universale. Questi esseri potrebbero essere riguardati come Dio e Dei, se solo essi permettessero che l’entusiasmo che arde nei nostri cuori al pensiero del più puro di tutti i sacrifici, alimentasse la fiamma dell’adorazione, o elevasse un altare in loro onore....
---------------------------------
Titolo: LE QUATTRO NOBILI VERITA'
Libro intro: Sono più di trent'anni che Ajahn Sumedho rappresentaconcretamente la via del Buddha. Da giovane si è laureatoall'Università Berkley in California, ha esercitato lamedicina nella Marina e ha insegnato nei Peace Corps. Perdieci anni ha studiato accanto al famoso monaco AjahnChah, che per la prima volta nominò un Occidentale comeabate di un monastero Thai. Ora vive in Inghilterra, a capodi una comunità spirituale di monaci e monache. Dedica Questo libro è pubblicato per la distribuzione gratuita in memoria diVincenzo Piga e di Khun Natchari Thananan.Che tutti gli esseri vivano felici, liberi dalla paura,e che possano partecipare delle benedizioni che nascono da tutto il bene che è stato fatto. Contenuti : Prefazione Introduzione La Prima Nobile Verità Sofferenza e illusione di un sé Negare la sofferenza Moralità e compassione Esplorare la sofferenza Piacere e dispiacere Intuizione delle situazioni La Seconda Nobile Verità Tre tipi di desiderio L'attaccamento è sofferenza Lasciar andare Attuazione La Terza Nobile Verità La verità dell'impermanenza Morte e cessazione Lasciare sorgere le cose Realizzazione La Quarta Nobile Verità Retta Comprensione Retta Aspirazione Retta Parola, Retta Azione, Retto Sostentamento Retto Sforzo, Retta Consapevolezza, Retta Concentrazione Aspetti della Meditazione Razionalità ed emotività Le cose così come sono Armonia L?Ottuplice Sentiero come insegnamento di riflessione Glossario...
---------------------------------
Titolo: LE TRE VIE
Libro intro: Il presuppo sto 19 Le tre vie 29 La via della conoscenza 39 La via del sentimento 49 Bhakti si muta in Tantra 67 La grande filosofia sivaita tantrica 75 Il Tantra buddhista 95 I legami fra l'India tantrica e altre nazioni 103 Medicina e alchimia 107 II combattimento meditativo 121 LE TRE VIE È tempo di inebriarsi! Per non ridurci a martirizzati schiavi del Tempo, ubriacatevi, ubriacatevi costantemente! Col vino, con la poesia o con la virtù, a vostra scelta. BA UD ELA IRE, Enivrez-vous, in Le Spleen de Paris Quest'uomo è il vostro re; quanto a noi (brahmani), il nostro re è Soma. Satapalhabràhmana, V, 4, 2, 3...
---------------------------------
Titolo: LE VIE DELLO SPIRITO
Libro intro: Parte 1ª Il Mondo Spirituale Parte 2ª Verso la Luce Parte 3ª La Realtà Esoterica Parte 4 ª Verso il Sentiero Parte 5ª La Via del Cuore Per onorare la memoria del nostro grande autorevole collaboratore, Dott. Roberto Assagioli, riuniamo in questa collana i più significativi articoli apparsi sulle pagine della Rivista VERSO LA LUCE, a firma Considerator nel periodo 1963/1974, articoli che tanta luce hanno irradiato nelle menti e nei cuori dei nostri amici lettori. Il Dott. Roberto Assagioli è stato uno dei migliori interpreti del corpo di insegnamenti ed informazioni esoterici ed exoterici contenuti negli scritti del Maestro Tibetano D.K., ricevuti in contatto telepatico da Alice Bailey. Dai livelli superiori raggiunti, Roberto Assagioli continuerà la sua opera, ispirandoci nel lavoro al servizio del Piano e della Gerarchia. Roma 25 Dicembre 1974 Giuseppe Filipponio...
---------------------------------
Titolo: LE VISIONI DEI MORENTI
Libro intro: LE VISIONI DEI MORENTI di Ernesto Bozzano 1 PREFAZIONE Il lavoro che viene qui presentato, fu originariamente pubblicato sulla rivista Luce e Ombra, 1906, mesi di febbraio-marzo-aprile, comprendendo complessivamente 38 pagine; e, contemporaneamente, sulle Annales des Sciences Psychique e su The Annals of Physical Science. Una seconda edizione aumentata fu pubblicata in Luce e Ombra, 1919-20 (in 4 puntate, dal luglio-agosto al gennaio-febbraio), e questa comprendeva 49 pagine. Una terza edizione fu pubblicata, questa volta in volume, dalla tipografia Dante (Città della Pieve, Perugia), nel 1930. Il numero delle pagine salì a 122. Tale è la storia di questa monografia. Ma negli anni della guerra, il Bozzano - in mancanza di riviste estere ed italiane da leggere e su cui pubblicare - pensò di rivedere le sue classificazioni analitiche, con lo scopo di esaminare tutti i nuovi casi che dal 1930 in poi si erano venuti accumulando nelle sue rubriche. Nacque così la monografia che qui viene ora pubblicata. Essa, come la prima, recava il titolo, quando il Maestro me la consegnò, di: Delle apparizioni di defunti al letto di morte; ma trattandosi di un titolo che, per quanto tecnicamente esatto, si dimostrava più adatto per una monografia che per un libro vero e proprio, pensai di mutarlo nell’altro - Le Visioni dei Morenti - che qui figura. L’importanza del tema non ha bisogno di essere sottolineata. L’Autore, infatti, dopo avere acutamente compenetrato il complesso di questa classe di fenomeni, perviene a dimostrare come, partendo appunto dalle acquisizioni fondamentali quali ci sono state poste in evidenza dalla telepatia sperimentale, non sia adeguata, per i casi del genere, l’ipotesi della telepatia fra viventi. Ne deriva che se alcuni metapsichisti vogliono continuare a servirsi dell’ipotesi della telepatia fra viventi per spiegare i casi di visitazione dei defunti al letto di morte, allora costoro, per sostenere il punto di vista strettamente animico, dovrebbero forzatamente fuoriuscire, per darsi ragione dei fatti, dai dati sperimentali. E se l’ipotesi in discussione è insufficiente e inadeguata, allora non rimane che l’ipotesi spiritica, la quale invece non ha contrasti di sorta da superare; o, se ne ha, li ha solo nel senso del misoneismo personale degli indagatori, ma non mai nel senso dell’inquadramento della teoria nel complesso fenomenico. LE VISIONI DEI MORENTI di Ernesto Bozzano 2 Tutto è teoricamente e praticamente chiaro se sono entità spirituali quelle che agiscono, mentre è anche luminosamente evidente al nostro criterio lo svolgersi degli eventi, visto che in nulla contrasta il nostro senso logico la circostanza che dei defunti - sempre viventi - si rechino al capezzale dei loro casi per accoglierli e per guidarli in ambiente spirituale. Il valore teorico della presente classe non era sfuggito del resto a due autentici scienziati ufficiali di fama mondiale; né a Sir William Barret, che vi dedicò un libro (Death-Bed Vision - Methuen, London, 1926, pagg. 116), né al prof. Charles Richet, il quale riconobbe che le apparizioni dei defunti al letto di morte sono francamente le più sconcertanti, le più suggestive e le più probanti in senso spiritualista. Gastone De Boni LE VISIONI DEI MORENTI di Ernesto Bozzano 3 INTRODUZIONE In qualsiasi epoca della storia dei popoli venne rilevato il fatto che durante la crisi suprema della morte l’intelligenza umana dava non di rado segni di perspicacia e antiveggenza straordinarie, o andava soggetta a percezioni d’ordine supernormale; queste ultime ben sovente condivise da altre persone presenti o lontane. I rappresentanti della scienza ufficiale, nonché i cultori delle nuove discipline metapsichiche investigarono già con metodo sperimentale tali manifestazioni interessantissime del periodo preagonico, e se pervennero con facilità a farne rientrare una parte nell’orbita delle leggi acquisite della psicofisiologia e della patologia mentale, non è detto che vi siano riusciti per tutte. Esse, infatti, appariscono di gran lunga più complesse di quanto era dato sospettare, e la vastissima loro sfera di azione si estende dai semplici fenomeni d’ipermnesia e di paramnesia, a quelli di azione e percezione telepatica; dai fenomeni di lucidità e di telestesia, a quelli di retrocognizione e precognizione, a tutto ciò sovrapponendosi episodi sensazionali di visioni estatiche, di visioni panoramiche, di visioni simboliche, nonché episodi altamente suggestivi di percezione di fantasmi di defunti. Questi ultimi risultano di gran lunga i più comuni, e ciò a tal segno che l’esperienza popolare ne trasse una delle tante sue generalizzazioni proverbiali, in conformità della quale ogni donna del popolo vi dirà che quando un infermo parla coi propri morti, non vi ha per lui più speranza di guarigione; e novantanove volte su cento il portato dell’esperien...
---------------------------------
Titolo: LEZIONI DI FITOTERAPIA
Libro intro: LEZIONI DI FITOTERAPIA I° PARTE GENERALE Docente: Prof. Rocco Carbone Fitoterapia Introduzione e storia della Fitoterapia Gli erbari Origini della moderna Fitoterapia Richiami di Botanica farmaceutica Il metabolismo delle piante Principali azioni dei costituenti delle piante medicinali Le classi di principi attivi delle piante medicinali Fitocomplesso Forme farmaceutiche in Fitoterapia e Farmacopea Aspetti tossicologici delle Piante Medicinali Descrizione delle principali piante impiegate in Fitoterapia Descrizione botanica, Parte utilizzata, Principi attivi, Avvertenze, Note Riferimenti bibliografici dell’autore 1. Carbone R Compendio delle terapie naturali minori. Edizione ED srl, Roma, 2004. 2. Carbone R Fiori di Bach, Capire l’essenza delle emozioni per vivere meglio. Edizione ED srl, Roma, 2006. 3. Carbone R Drenaggio e gemmoterapia: preparati e consigli del farmacista . Il Farmacista 2006. Tecniche nuove edizioni, Milano, 2006. 4. Carbone R. Perché non si toccano con le dita? Saggio di omeofarmacocinetica dei medicinali omeopatici. Cahiers de Biotherapie.. Numero 2, anno XIV, p. 19-25. Roma, aprile/giugno, 2006. 5. Carbone R. Planta medicamentum naturae – Aromaterapia, gemmoterapia e fitoterapia, Dibuono edizioni srl, Villa d’Agri (PZ), 2006. 3 Introduzione e storia della Fitoterapia Le origini della fitoterapia risalgono a migliaia di anni fa e sono strettamente legate alla nascita e alla sopravvivenza dell’uomo. Tutti gli animali dipendono dal regno vegetale dal quale prendono i nutrienti necessari e indispensabili per loro funzioni vitali. Questo stretto rapporto con la natura ed il mondo vegetale, ha spinto l’uomo, da sempre, ad utilizzare principalmente le piante come rimedio naturale per ovviare agli effetti provocati da un'alterazione del suo stato di salute. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) nel 1980, nella riunione di Tien- Tsin in Cina, definì le piante medicinali nel modo seguente: "È pianta medicinale ogni vegetale che contiene, in uno o più dei suoi organi, sostanze che possono essere utilizzate a fini terapeutici o preventivi, o che sono i precursori di emisintesi chemiofarmaceutiche". La fitoterapia moderna si basa, principalmente, sulle conoscenze provenienti dalle tre grandi medicine: fitoterapia della medicina tradizionale cinese, fitoterapia della medicina ayurvedica e la fitoterapia occidentale. Gli erbari Le più antiche testimonianze di Fitoterapia sono egiziane, risalenti ad oltre il quarto millennio avanti Cristo, sono note anche testimonianze cinesi, tibetane e indiane. Il testo di Fitoterapia più antico risale ad un libro erboristico cinese del terzo millennio avanti Cristo (Pen Tsao), che contemplava circa mille piante e rimedi naturali. I primi documenti scritti risalgono al papiro di Ebers (1500 a. C.) e Assiria (650 a.C.), nei quali sono documentate e descritte decine di erbe. Le terapie dell’antichità si basavano principalmente su rimedi a base di piante medicinali, alcuni trattati medici greci ci hanno tramandato queste conoscenze: “l’Erbario Greco” di Dioscoride, o la "Storia Naturale" di Plinio il Vecchio....
---------------------------------
Titolo: LIBERO OVUNQUE TU SIA
Libro intro: Cari amici, ho scritto questa poesia durante la guerra del Vietnam dopo che l’aviazione statunitense aveva bombardato la città di Ben Tre. Ben Tre è la città d’origine della mia collega Sister Chân Không: le forze aeree statunitensi la distrussero completamente perché in città vi erano cinque o sei guerriglieri. In seguito un ufficiale dichiarò che aveva dovuto bombardare e distruggere Ben Tre per salvarla dal comunismo. Questa poesia tratta della rabbia. Mi tengo il viso fra le mani; no, non sto piangendo. Mi tengo il viso fra le mani per tenere calda la mia solitudine: mani che proteggono, mani che nutrono, mani che impediscono alla mia anima di lasciarmi nella rabbia.1 Ero molto arrabbiato. E la mia rabbia non era solo mia, era di un’intera nazione. La rabbia è un tipo di energia che fa soffrire noi e le persone intorno a noi. Sono un monaco e quando mi arrabbio pratico il prendermi cura della mia rabbia: non le consento di causare sofferenza o di distruggermi. Se vi prendete cura della vostra rabbia e siete capaci di trovare sollievo da essa sarete in grado di vivere in modo felice e gioioso. L’energia che libera Per prendermi cura della mia rabbia innanzitutto torno al respiro e guardo profondamente dentro di me. Mi rendo immediatamente conto che in me c’è un’energia chiamata rabbia; poi riconosco di avere bisogno di un altro tipo di energia che si prenda cura della rabbia e la invito a sorgere e a svolgere questo compito. Questa seconda energia è chiamata presenza mentale. Ognuno di noi ha in sé il seme della presenza mentale. Se sappiamo entrare in contatto con quel seme possiamo iniziare a generare l’energia della presenza mentale; con la sua energia ci possiamo prendere cura dell’energia della rabbia. La presenza mentale è un tipo di energia che ci aiuta ad essere consapevoli di ciò che accade. Siamo tutti capaci di essere presenti; chi pratica ogni giorno lo è più di chi non lo fa. Anche coloro che non praticano hanno in sé il seme della presenza mentale, ma dotato di un’energia molto debole. Anche una pratica di soli tre giorni fa aumentare l’energia della presenza mentale. Può esserci presenza mentale in tutto ciò che si fa. Se bevendo un bicchiere d’acqua sai che in quel momento stai bevendo dell’acqua e non pensi ad altro, allora stai bevendo in presenza mentale, in consapevolezza. Se concentri sull’acqua tutto il tuo essere, corpo e mente, in te c’è consapevolezza e concentrazione e l’azione del bere può essere descritta come un “bere consapevole”. Bevi non soltanto con la bocca ma con tutto il corpo e in piena consapevolezza. Siamo tutti capaci di bere dell’acqua in consapevolezza. Così mi è stato insegnato a fare, da novizio. Puoi anche camminare in presenza mentale, dovunque tu sia. Quando cammini, concentra la tua attenzione sull’atto del camminare: renditi consapevole di ogni passo che fai e non pensare ad altro. Si chiama “camminare in consapevolezza”: è sorprendente quanto sia efficace. Con la pratica, poi, comincerai a camminare in modo che ogni passo ti darà solidità, libertà e dignità, ti renderà padrone di te stesso. Ogni volta che devo andare da un posto a un altro pratico la meditazione camminata, anche se mi sposto solo di uno o due metri. Salendo le scale, pratico la meditazione camminata; scendendo le scale, pratico la meditazione camminata; salendo su un aereo, pratico la meditazione camminata; andando dalla mia stanza al bagno, pratico la meditazione camminata; andando in cucina, pratico la meditazione camminata. Non ho un altro modo di camminare, soltanto il camminare in consapevolezza: mi aiuta molto. Mi dà trasformazione, guarigione e gioia. AUTORE : Thich Nhat Hanh è un monaco buddhista e un attivista in campo sociale. È stato a capo della Delegazione Buddhista Vietnamita alla Conferenza di Pace di Parigi al termine della guerra nel Vietnam; Martin Luther King jr. l’ha candidato al Premio Nobel per la Pace...
---------------------------------
Titolo: LIBERTA' DI CURA TRA"MEDICINA UFFICIALE E "MEDICINE ALTERNATIVE"
Libro intro: Libertà di cura tra"medicina ufficiale e "medicine alternative", prime riflessioni per una comparazione tra gli ordinamenti italiano ed inglese. Pubblicato in Diritto pubblico comparato ed europeo....
---------------------------------
Titolo: LIBRO DEI SEGRETI
Libro intro: OSHO IL LIBRO DEI SEGRETI NOTA BIOGRAFICA Osho nasce a Kuchwada, nel Madhya Pradesh, In India Centrale, l’11 dicembre 1931. Fin dalla più tenera età si pone nei confronti del mondo come spirito libero. Insofferente a regole e a norme imposte, rifiuta perfino la fede della famiglia, di religione pianista, e sfida sempre e comunque il potere costituito e chi lo rappresenta. La sua ricerca della verità raggiunge il culmine all’età di ventun anni, il 21 marzo 1953. quel giorno, Osho vive nel proprio essere la più alta vetta di consapevolezza sperimentabile dell’uomo: l’illuminazione. Descritta in Oriente come “l’istante in cui la goccia si fonde nell’oceano, nell’attimo stesso in cui l’oceano si riserva nella goccia”, per noi è più facile comprenderla come “ la totale rottura e la caduta delle maschere con cui comunemente ci si identifica, per sopravvivere, e attraverso le quali si vivono la propria vita e i rapporti con gli altri, perdendo la capacità di mettersi in contatto con la realtà dell’esistenza”. Questo suo aprire gli occhi sulla realtà dell’esistenza, quando non sia condizionata da immagini mentali e non sia distorta da emozioni o proiezioni, da desideri o speranze, lo spinge a voler invitare gli altri esseri umani alla stessa esperienza. Inizia quindi a viaggiare per tutta l’India, prima partecipando con spirito nuovo a convegni e dibattiti, e successivamente ( alla fine degli anni Cinquanta), tenendo conferenze a platee anche di centomila persone. Termina gli studi nel 1956, laureandosi in filosofia, e prosegue la carriera universitaria come professore al Sanskrit College di Rajpur prima, quindi come rettore della cattedra di filosofia all’università di Jabalpur. Solo intorno al 1960 si sente pronto a intraprendere un lavoro diverso: aiutare altri esseri umani a vivere la stessa esperienza da lui vissuta. E tenta di fare ciò che non può essere fatto, di condividere ciò che non può essere condiviso, di insegnare ciò che non potrà mai – per sua stessa natura – essere insegnato. Dalle folle che ascoltavano le sue conferenze, emergono alcuni novelli “ entronauti “ che, paradossalmente, si uniscono a lui proprio su questa certezza, cioè che l’illuminazione non può essere comunicata. Il bisogno e l’impegno di questi individui va al di là dell’ascoltare semplici parole di saggezza, e bel oltre le futili controversie che queste possono scatenare; essi vogliono intraprendere una ricerca reale, che li porti a conoscere veramente il proprio essere, senza intermediari. Per rispondere a questa esigenza, nel 1964 Osho inizia a organizzare Campi di Meditazione nei quali utilizza tecniche in grado di aiutare a cogliere quel Silenzio oltre i silenzi in cui la nostra vera natura si manifesta. Consapevole della diversa struttura mentale e psicofisica dell’uomo moderno, Osho ha ideato, negli anni, tecniche di meditazione più conformi al tipo di “ sonno psicologico “ in cui oggi si vive, facendo anche buon uso delle intuizioni della moderna psicoterapia. Nel 1966 abbandona la carriera universitaria e alla fine degli anni Sessanta si trasferisce a Bombay, dando vita a un ashram, o “ comunità spirituale “, che viene trasferito a Puna il 21 marzo 1974, in occasione del ventunesimo anniversario dell’illuminazione. Riconosciuto da quanti vivono intorno a lui come “ Maestro di Realtà “, dopo un’esperienza in America, conclusasi tragicamente con il suo arresto e un avvelenamento, scoperto con analisi mediche solo nel 1987, Osho torna proprio in quell’anno nell’ashram di Puna dove crea un “ laboratorio di crescita “: tale iniziativa ha impatto cosi’ profondo che ancor ogni parte del mondo ricercatori del vero consapevoli di trovare in questo habitat, immerso nella meditazione, quello stimolo esistenziale in grado di scuotere l’equilibrio interiore e spostare il centro dell’autoidentificazione dal senso di separatezza che generalmente ci contraddistingue a una profonda appartenenza alla vita. Osho ha spiegato che il suo nome deriva dal termine “ Oceanico “ ( pronunciato in inglese “ osheanic “ ). Questo termine, coniato dal filosofo inglese William James, era usato per indicare l’esperienza del “ dissolversi nell’oceano dell’esistenza “, comune a varie forme dell’esperienza religiosa. “ Ma ‘osheanic‘ descrive l’esperienza “, egli ha chiarito. “ Come definire colui che fa quell’esperienza della vita? Per definirlo usiamo il termine ‘Osho’.” Questo stesso termine era già utilizzato nell’antico Giappone, come segno di rispetto per i Maestri della tradizione Zen. Per la prima volta fu usato da Eka, nei confronti del suo Maestro, Bodhidharma. “O” significa “profondo rispetto, amore e riconoscenza”, come pure indica “sincronicità” e “armonia”. “Sho” significa “espansione multidimensionale della consapevolezza” ed...
---------------------------------
Titolo: LIBRO DEI SEGRETI DI ENOCH
Libro intro: [1] In quel tempo, disse Enoc, quando ebbi compiuto 365 anni, [2] nel primo mese, nel giorno solenne del primo mese, ero solo nella mia casa: [3] piangevo e mi affliggevo con i miei occhi. Mentre riposavo nel mio letto dormendo, [4] mi apparvero due uomini grandissimi come mai ne avevo visti sulla terra. [5] Il loro viso (era) come sole che luce, i loro occhi come lampade ardenti, dalle loro bocche usciva un fuoco, i loro vestiti una diffusione di piume, e le loro braccia come ali d'oro, al capezzale del mio letto. Mi chiamarono col mio nome. [6] Io mi levai dal mio sonno e gli uomini stavano presso di me realmente. [7] Io mi affrettai, mi alzai e mi inchinai loro ; il mio viso si coprì di brina per il terrore. [8] Gli uomini mi dissero: "Coraggio, Enoc, non avere paura. Il Signore eterno ci ha mandati da te ed ecco, tu oggi sali con noi al cielo. [9] Dì ai tuoi figli e alle genti della tua casa tutto quello che faranno sulla terra e che nella tua casa nessuno ti cerchi, finché il Signore ti abbia fatto ritornare da loro". [10] Obbedii loro e andai. Chiamai i miei figli Matusalemme e Rigim e raccontai loro tutto ciò che i due uomini mi avevano detto. II [1] "Ecco, o figli, non so dove vado né che cosa mi succederà. [2] E ora, figli miei, non allontanatevi da Dio, camminate davanti al volto del Signore e conservate i suoi giudizi. Non diminuite il sacrificio, vostra salvezza e il Signore non ridurrà il lavoro delle vostre mani. Non private il Signore di doni e il Signore non priverà (voi) delle sue acquisizioni nei vostri granai. Benedite il Signore coi primogeniti delle greggi e dei vostri buoi e sarete benedetti dal Signore nei secoli. Non allontanatevi dal Signore né adorate déi vani che non hanno creato né il cielo né la terra . [3] Il Signore raffermi i vostri cuori nel timore di lui. [4] E ora, figli miei, nessuno mi cerchi finché il Signore mi farà ritornare da voi"....
---------------------------------
Titolo: LIBRO EGIZIO DELLE RESPIRAZIONI
Libro intro: LIBRO EGIZIO DELLE RESPIRAZIONI SECONDO I MANOSCRITTI DEL MUSEO DEL LOUVRE, TRADUZIONE DI HORRACK DEL 1887...
---------------------------------
Titolo: LO 'YOGA DELLA DIVINITA'' O 'YOGA DI ESSENZA DIVINA' (DEVAYOGA)
Libro intro: Lo 'yoga della divinità' o 'yoga di essenza divina' (devayoga) è la pratica fondamentale ed essenziale delle 4 classi del tantra : in tutti i tantra infatti è previsto il devayoga per la rapida accumulazione di meriti e saggezza discriminante. A partire da una buona comprensione della Vacuità e di bodhicitta, il praticante visualizza se stesso come una particolare divinità e vi si identifica, cancellando l'immagine di sè come essere ordinario e limitato. La pratica di questo yoga ha lo scopo specifico di ottenere il saËbhogakõya di un buddha. In questo yoga dunque, lo yogi medita su se stesso come se avesse un aspetto simile ad un corpo divino o R¾pakõya e al tempo stesso la sua mente riconosce la Vacuità : la coscienza della saggezza che comprende la Vacuità e si fonde con essa, appare in forma di divinità. In questa pratica, un singolo momento di coscienza conosce la forma di una divinità mentre contemporaneamente è consapevole della sua natura di Vacuità : qui dunque meditazione sulla divinità e conoscenza della Vacuità coesistono in forma completa all'interno di un singolo momento cognitivo, cioè vi è la loro piena fusione all'interno di una singola entità di coscienza (che non è la semplice congiunzione di due distinti fattori che si completano l'un l'altro). Sia il Põramitõyõna che il Vajrayõna hanno un Sentiero per conseguire - con la meditazione sulla Vacuità - un Dharmakõya, ma solo il Vajrayõna possiede un metodo speciale per ottenere un R¾pakõya : questo metodo è il devayoga. La saggezza che riconosce la Vacuità è la causa specifica del Dharmakõya e una causa concomitante del R¾pakõya ; viceversa, il devayoga è la causa specifica del R¾pakõya ma anche la causa concomitante del Dharmakõya.......
---------------------------------
Titolo: LO SCIAMANESIMO HAWAIANO DI PAOLA DIANETTI
Libro intro: Lo Sciamanesimo di cui vi parlerò non è stregoneria e non è una religione; non richiede l?adesione ad una setta segreta, ed è compatibile con qualsiasi vostra credenza. È una concezione sacra dell?Universo, che vede lo Spirito riflesso in ogni più piccolo componente della Natura, dal sasso all?essere umano. In questa ottica, ogni cosa è degna di rispetto, è viva e sensibile, ed è possibile entrarci in contatto per stabilire una pacifica cooperazione? Le Isole Hawaii sono famose in tutto il mondo per l?accoglienza pacifica riservata ai visitatori, tanto da rappresentare il luogo ideale per andare in vacanza. Tutto questo è dovuto al fatto che gli hawaiani basano il loro modo di vivere sullo spirito di "Aloha", uno spirito di condivisione e amore universale...La filosofia Huna è un sistema di pensiero che trova applicazioni pratiche per vivere la vita con successo. Il segreto per raggiungere la salute e la felicità è creare armonia tra corpo, mente e spirito. Questa antica conoscenza si basa su Sette Principi, ognuno dei quali rappresenta un diverso potere sciamanico che può essere utilizzato per incentivare l?armonia. Imparare i 7 Principi, assimilandoli e prendendoli come struttura sulla quale organizzare la propria esistenza, aiuta a sviluppare i Sette Poteri connessi, ottenendo effetti concreti nel campo della salute, del successo e dello sviluppo personale. I 7 Poteri in realtà sono già dentro di noi allo stato latente... Secondo gli Sciamani hawaiani viviamo in una condizione di salute quando il nostro corpo e la nostra mente sono in armonia, mentre insorge la malattia quando tra corpo e mente, oppure tra individuo e ambiente, si crea un conflitto. In molte tradizioni spirituali l?idea della malattia è associata ad una punizione che dobbiamo sopportare per qualcosa di negativo che abbiamo commesso; tanto è vero che il malato viene chiamato ?paziente?... Gli Sciamani hawaiani si rivolgono alla malattia considerandola sotto il profilo puramente mentale. Ogni tipo di malattia, dall?influenza all?insufficienza cardiaca, deriva da un conflitto interiore e dal conseguente stress che si crea nel corpo per la resistenza a tale conflitto. Il punto in cui si manifesta il sintomo è il punto in cui si è localizzato lo stress... Meditare secondo qualsiasi disciplina spirituale significa mantenere un?attenzione concentrata e continuata su qualcosa; il fine è quello di incentivare un cambiamento in sé stessi o nell?ambiente... In generale le discipline mistiche orientano la meditazione verso la realizzazione del Sé, che significa l?espansione della mente nella dimensione spirituale, per aumentare la consapevolezza, la comprensione e l?unione con l?Universo... La meditazione dello Sciamano è orientata invece verso il conseguimento di benefici pratici: si medita per guarire, per ottenere il successo sociale e finanziario, per influenzare positivamente l?ambiente, per acquisire poteri mentali......Tutti abbiamo abilità psichiche innate, anche se non siamo stati educati a dargli credito. Capita, a volte, che suoni il telefono e sappiamo già chi è prima di rispondere, oppure ci viene in mente una persona e dopo poco la incontriamo per la strada. Riceviamo molte più informazioni a livello telepatico che attraverso i sensi fisici, a prescindere dalla nostra consapevolezza, perché la mente cosciente non è in grado di accogliere l?enorme mole dei dati in entrata indispensabili ad assicurare l?esistenza, e parecchi di questi vengono gestiti direttamente dal subconscio. Possiamo però sviluppare la nostra attenzione verso questi fenomeni ed imparare a collaborare col subconscio, per ampliare la consapevolezza e la possibilità di interagire con gli avvenimenti della nostra vita quotidiana, per conoscerci meglio o per lavorare, in quanto sciamani, nel campo della guarigione......Ognuno di noi prende forma dallo Spirito, che è la sorgente dalla quale emana l?energia. Espandendosi come un sole, man mano che si allontana dal centro, l?energia diviene sempre più lenta e solida, dando così vita al corpo mentale, al corpo emozionale e infine al corpo fisico. Tutti i corpi sono sovrapposti e presenti qui-e-ora, dandoci la possibilità di entrare in contatto con l?uno o con l?altro semplicemente variando il livello di vibrazione energetica sul quale è sintonizzata la nostra coscienza. La tradizione sciamanica insegna che ognuno dei nostri corpi esiste in una diversa dimensione, e che per divenire Sciamano occorre sviluppare il dono della magia, che consente di trascendere la coscienza ordinaria per viaggiare tra i ?vari mondi? alla ricerca di nuovi insegnamenti e più grandi poteri... E' possibile accedere alle altre dimensioni usando più semplici tecniche di respirazione. ...
---------------------------------
Titolo: LO SCOPO ED IL SIGNIFICATO DELLA VITA UMANA
Libro intro: Le conferenze e gli insegnamenti di Beinsa Douno, alias PETER DEUNOV, Bulgaria. ---------------> Riguardo la questione dell?esistenza dell?anima, le persone di oggi sono divise in due: alcuni dicono che l?anima esiste, altri no. Ma in questa disputa non è chiaro quale significato sia attribuito alla parola anima. L?anima secondo la scienza spirituale contiene tutte le possibilità ? ogni cosa depositata nell?essere umano, che dovrebbe essere sviluppata durante i secoli. Questa è una grande fonte, da cui uno può attingere. L?anima rappresenta l?essere umano nella sua completezza; questa è la Vita nella sua manifestazione senza fine con sempre nuovi problemi e compiti da risolvere. E come la Vita dell?umanità è rivelata simultaneamente in tre mondi, gli obiettivi degli uomini sono di tre aspetti: materiale, spirituale, mentale. Queste tre manifestazioni di Vita sono collegate. Quando parliamo della vita materiale, capiamo l?appagamento delle possibilità insite in una persona. Le persone dovrebbero prima imparare ad usare saggiamente le capacità dategli e non cercare ciò che non è alla loro portata. In altre parole, è meglio fare strada alla nostra innata attitudine rivelata che perdere tempo e forza nella persecuzione di cose per le quali non abbiamo i necessari potenziali in quel particolare momento....
---------------------------------
Titolo: LO SPIRITO DI ALOHA DI SERGE KAHILI KING
Libro intro: La caratteristica dello spirito di Aloha è meglio conosciuta come l'amichevole accettazione per le quali sono tanto famose le isole di Hawaii. Ma riguarda anche una potente forma per risolvere qualsiasi problema, per raggiungere qualsiasi obbiettivo e anche per ottenere qualsiasi stato della mente o del corpo si desideri. Nel linguaggio Hawaiiano, aloha vuol dire molto di pi di un semplice "ciao" o "arrivederci" o "amore". Il suo significato più profondo implica "l'allegria (aho) di condividere (alo) energia vitale (ha) nel presente (alo).". Più si condivide quest'energia più ci si sintonizza con il Potere Divino, quello che gli Hawaiiani chiamano mana. Usare, con amore, questo potere incredibile è il segreto che ci porta alla realizzazione della vera salute, felicità, prosperità e successo. Il modo per avere questo Potere e per sintonizzarsi con esso, è cos? semplice, che qualcuno potrebbe essere tentato di scartarlo perché lo ritiene troppo facile per essere vero. Per favore non vi lasciate ingannare dalle apparenze. Questa è la tecnica più potente del mondo e, anche se estremamente semplice, forse non risulta facile perché bisogna ricordarsi di praticarla, molto spesso. E' un segreto che è stato dato all'umanità più e più volte ed ora, ancora una volta, sotto un'altra forma: Benedite tutti, e tutto ciò, che rappresenta quello che desiderate. Questo è tutto quello che c'è da fare. ...
---------------------------------
Titolo: LO SVILUPPO DEI POTERI LATENTI NELL'UOMO
Libro intro: Dall?istinto di potenza alla consapevolezza Quello dello sviluppo dei ?poteri? latenti nell?uomo è tema centrale delle riflessioni sul presente e sul futuro dell?umanità. È anzi una sorta di tema trasversale, cui guardano con attenzione non soltanto gli esoteristi ed i ricercatori spirituali, ma anche il mondo della scienza e quello degli affari. Potremmo forse anche dire che, ad un livello contraddistinto da una certa superficialità ma largamente diffuso, lo sviluppo dei poteri latenti è quasi una sorta di complessa spinta, conscia ed inconscia ad un tempo, che anima i sogni di molti uomini. Una sorta di frenetica fuga dallo stato del presente per proiettare se stessi in un futuro migliore e lontano dalle secche dei problemi della vita quotidiana e del dolore. Questo movimento, un?onda gigantesca ed ininterrotta, alimenta una frenesia esistenziale che contiene degli elementi contraddittori: da un lato v?è una spinta psicologica a più vaste dimensioni e l?intera nostalgia di una consapevolezza più autentica; dall?altro e forse prevalentemente vi sono le proiezioni del ben noto ?istinto di potenza? così caro al trionfo dell??io? individuale e collettivo1. Lo sviluppo dei poteri, in quest?ultima accezione, si intreccia dunque strettamente con il concetto di potere e di potenza. Un primo livello di osservazione ci conferma che il movimento del pensiero e delle emozioni è assai simile se si confronta il significato del potere applicato alla sfera politica, a quella economica, a quella sportiva ed anche a quella spirituale o scientifica. Il concetto ha a che fare sia con l?accumulazione (di consenso, di risultati, di danaro, di tecniche, di conoscenza o di esperienze iniziatiche) sia con la diversità dagli altri (intesi come massa) sia ancora con il segreto (che può garantire la conservazione del potere non consentendo a tutti di avere lo stesso bagaglio informativo)... Antonio Girardi...
---------------------------------
Titolo: LO YOGA DEI BAMBINI
Libro intro: LO YOGA DEI BAMBINI...
---------------------------------
Titolo: LO YOGA DEL SOGNO
Libro intro: Iniziando a praticare lo Yoga del Sogno Un insegnamento di Khenchen Palden Sherab Rinpoche e Khenpo Tsewang Dongyal Rinpoche Estratto da “Pema Mandala- Magazine of Padmasambhava Buddhist Center” – Autunno/Inverno 2006 - pubblicato da Ann Helm Scelto, adattato e tradotto da Raffaele Phuntsog Wangdu e Salvatore Tondrup Wangchuk. INIZIANDO A PRATICARE LO YOGA DEL SOGNO Un insegnamento di Khenchen Palden Sherab Rinpoche e Khenpo Tsewang Dongyal Rinpoche      Nella Preghiera Radice dei Sei Bardo, rivelata da Karma Lingpa, Guru Padmasambhava usò queste parole per incitarci a risvegliare l’importanza di sviluppare consapevolezza e chiarezza nello stato del sogno: “Quando il bardo del sogno sta per iniziare abbandona il modo disattento e stupido di giacere come un cadavere, entra nella sfera naturale della attenzione incrollabile, riconoscendo i tuoi sogni, pratica trasformando l’illusione in luminosità. Non dormire come un animale. Fai la pratica che unisce sonno e realtà”. Ciò che segue è estratto da un ritiro di yoga del sogno condotto dai Venerabili Khenpo e ci introduce a questa profonda pratica. Sognare e dormire sono importanti per tutti gli esseri, in particolare per quelli che come noi vivono in ciò che il Buddha ha chiamato “il reame del desiderio”. Questo perché la coscienza nel reame del desiderio è connessa con i cinque elementi della terra, acqua, fuoco, vento e spazio. Noi siamo particolarmente connessi con l’elemento terra. Per noi il sonno è come il cibo. Esso sostiene sia il corpo che la mente. Esso calma e placa il corpo e rende la mente più fresca e più forte. Secondo gli insegnamenti del Buddha non appena un essere senziente ottiene l’aggregato della forma ha necessità di dormire. Più che stare semplicemente a riposare possiamo usare il tempo che passiamo a dormire per beneficiare profondamente noi stessi e gli altri. La vita umana in questo mondo potrebbe durare anche circa cento anni e quasi la metà di questo tempo, diciamo cinquant’anni, trascorrono dormendo. Sfortunatamente, i rimanenti cinquanta anni non possono essere totalmente dedicati al raggiungimento dell’illuminazione. Trascorriamo la maggior parte del nostro tempo a lavorare per vivere e a fare attività ordinarie come prepararci da mangiare o pulire casa. Se riusciamo a dedicare perfino quindici anni pieni a praticare con diligenza e concentrazione, questo potrebbe portare a una reale conoscenza della natura primordiale e all’illuminazione. Tuttavia, solo poche persone possono fare questo. La maggior parte di noi trascorre solo l’uno o il due per cento del proprio tempo a concentrarsi sulla pratica. Dal momento che metà del nostro tempo trascorre dormendo, se fossimo capaci di fare lo yoga del sogno, allora il nostro tempo del dormire potrebbe diventare un tempo della pratica. Questo farebbe del dormire una parte piena di significato e una parte importante del sentiero. A meno che non pratichiamo lo yoga del sogno, dormire è semplicemente dormire. La pratica dello yoga del sogno reindirizza e trasforma i nostri stati onirici neutrali in stati positivi o virtuosi. E’ possibile usare i nostri sogni per praticare il Dharma. Per quanto sappiamo, il tempo è molto prezioso e il tempo va sempre di corsa. Ogni qual volta ne abbiamo l’opportunità, dovremmo usare il nostro tempo per un buon proposito. Quando consolidiamo il nostro coraggio, impegno e devozione, possiamo concepire il tempo che trascorriamo dormendo come significativo per tutti noi. Ci sono fondamentalmente tre tipi di sogni: positivi, negativi e neutri......
---------------------------------
Titolo: LO YOGA DELLA RISATA
Libro intro: Anteprima del libro di MAURO TURRINI - Come Cambiare in Meglio la Tua Vita e Quella di Chi Ti Circonda con l’Abitudine alla Risata Sommario Introduzione Capitolo 1: Come imparare a ridere senza motivo Capitolo 2: Come e perché ridere ti fa star bene fisicamente Capitolo 3: Come abituarsi a ridere per stare bene ogni giorno Capitolo 4: Come migliorare la qualità della vita ridendo Capitolo 5: Come praticare lo Yoga della risata in gruppo Conclusione. ntroduzione Quando per la prima volta ho letto qualcosa di Yoga della risata mi è venuto subito da ridere. Forse poteva essere una delle tante stramberie che si sentono in giro, ma attirò inaspettatamente il mio interesse. Di più: curiosità viva e voglia di conoscere se quel che avevo letto era vero. E per sapere la verità c’era un solo modo: provare. Qualche esercizio è bastato a darmi belle sensazioni e a farmi capire che ridere è qualcosa di molto serio! Fare ho ho, ha ha ha battendo le mani ritmicamente, mi faceva sentire un bambino che si diverte con niente. Sì, ridevo senza sforzo e mi piaceva. Ho passato tanti anni a leggere e a scrivere che ormai mi viene d’istinto voler sapere qualcosa di preciso sull’autore di un libro o sul fondatore di un metodo. E così mi sono imbattuto nel dottor Madan Kataria, un medico indiano che nel 1995 ha concepito e sviluppato l’idea di Yoga della risata. Ne ho appreso la storia, i concetti base, la filosofia, le tecniche....
---------------------------------
Titolo: LO YOGA TANTRICO TIBETANO
Libro intro: yoga tantrico tibetano...
---------------------------------
Titolo: LOTUS BIRTH - LA NASCITA DI BO
Libro intro: Mi chiamo Jacqueline, sono nata in Olanda e vivo in Italia dal 1995. Anche mio marito Bart è olandese. Dal 2002 abitiamo sulle bellissime colline dell?Oltrepò Pavese, dove sono nate le nostre due figlie. Kim è nata in casa nell?ottobre 2002 venendo al mondo nell?acqua di una tinozza. Bo è nata nel gennaio 2006 in ospedale, in acqua e con il Lotus Birth. Due esperienze del tutto speciali che hanno arricchito e cambiato profondamente la mia vita. Lotus Birth Ho sentito parlare del Lotus Birth all?inizio della gravidanza. Il proposito del Lotus Birth è quello di rendere la nascita, per il bimbo, un?esperienza profonda e non traumatica. Molti studi hanno infatti dimostrato che il taglio immediato del cordone ombelicale causa un trauma nel neonato.Con il Lotus Birth il cordone ombelicale non viene tagliato subito dopo la nascita ma rimane collegato alla placenta. Infatti dopo che anche la placenta è nata, si aspetta che il cordone si secchi e si stacchi da essa spontaneamente (nel giro di tre/sette giorni), quando il bimbo si sente pronto a questo distacco. La mia gravidanza era stata seguita, fino all?ottavo mese, da ostetriche di Milano specializzate nella nascita in casa. Presso la loro sede nell'estate del 2005 Shivam Rachana, autrice dell'unico libro sull?argomento, aveva tenuto una conferenza alla quale io non avevo potuto essere presente ma il cui messaggio mi era pervenuto attraverso la lettura del libro che avevo ricevuto alcuni giorni dopo. Dal momento che non credo alle coincidenze, dissi a Bart che avrei voluto considerare la possibilità di fare un Lotus Birth. Non fu per nulla attratto dall?idea. Mi sentivo sola nei miei desideri e incapace di decidere... E allora da dove proveniva quella sensazione forte che mi spingeva ad andare avanti con questa scelta? Decisi allora di chiedere al bambino. Se per lui fosse stato importante nascere in questo modo, mi sarebbe bastato. La risposta arrivò affermativa. La nascita? Passata la notte non c?era ancora alcun segnale di contrazioni. La sveglia suonò alle 5 del mattino e andammo all?ospedale, eccitati di ciò che stava per accadere? Arrivammo alle 8 circa e il parto venne indotto. Bart e Kim erano con me. Avevamo ben preparato Kim a quello che stava per accadere, perché desideravamo che anche lei partecipasse all?evento. Mentre Bart e Kim passavano il tempo giocando con le diverse attrezzature che erano nella stanza (la corda che pendeva dal soffitto, il grosso Skippy Ball ecc.), io ero sdraiata nel lettino e aspettavo che il tempo passasse. Nel frattempo ostetriche e medici si affacendavano intorno a me, rivolgendomi parecchie domande e riempiendo la mia cartella di fogli di carta. A tutti dissi quello che avrei voluto e quello che non avrei voluto: volevo partorire in acqua, non desideravo invece che il bambino venisse lavato subito dopo la nascita, né che gli venissero messe gocce di antibiotico negli occhi e nemmeno che venisse messo nell?incubatrice, tutte procedure abituali della prassi medica., Non volevo che durante le contrazioni mi fosse applicato il monitor sulla pancia e che il cordone ombelicale venisse tagliato. Detti all?ostetrica il libro di Shivam Rachana insieme ad altre informazioni. Non ne aveva mai sentito parlare?c?era tempo per un corso rapido sul Lotus Birth? ...
---------------------------------
Titolo: LUCE DI CARLA PAROLA
Libro intro: PRIMA PARTE Schema energetico Aiuto alla comprensione Fiume della vita Punti fissi Il corpo vegetale Il mondo animale Il corpo umano L?anima Spirito energetico o energia L?istinto energetico Sviluppo e continuità energetica Energia primaria madre Fusioni energetiche Le aggregazioni Le pervesioni energetiche Le solitudini energetiche Energia solitaria Il passaggio dal bene al male Le energie provvisorie Le energie volanti Le paure energetiche Complesso cosmico che gravita attorno a voi Le diatribe energetiche composte e scomposte Le stasi energetiche Genitori e figli Coniugi terreni Le energie rudimentali Le scorie energetiche Commento alla prima parte Ricordate Il libero arbitrio SECONDA PARTE Il degrado umano La maturità energetica Energie terrene Energie miste Energie cosmiche Semplificazioni sui comportamenti umani Rimembranze energetiche con influsso cosmico Connubio fra esemplari terreni e misti Risonanze cosmiche Finalizzazione delle energie terrene Consguenze energetiche di avallo decisionale Amati e ama il prossimo tuo come te stesso Concetto maligno di sopravvivenza Contributo ?umano? alla carica energetica Ritorno energetico di compenso Bordure marginali di trascinamento Recupero rapido di positività Roteazione alternata di positività e negatività Fuorvianze energetiche Conclusione INTRODUZIONE DELL`AUTRICEMettersi a confronto con sé stessi può riservare sorprese inaspettate.Questo libro è la prova di questo meccanismo, sconosciuto ai più,contestato da qualcuno, accettato con gioia e fatica da chi lo attua.Parlo della scrittura automatica o psicoscrittura un automatismo?letterario? che si instaura in noi improvvisamente e che ci permettedi esternare cose e situazioni non accettate dalla razionalitàcorrente, ma non per questo, meno razionali e concrete. La stesuradi questo testo è avvenuta in modo molto semplice e scorrevole.È bastato che io prendessi carta e penna ed il tutto è fluito rapidodalla mia ?mente?.Ho avvertito dentro me tutti questi concetti prendere forma logica,ed ho avuto netta la sensazione di ?qualcuno? che mi dettasse.Parlo di ?qualcuno? perché la mia parte concreta e terrena nonriesce a dare altra qualifica alla voce che sempre ha risposto allemie domande, ai mie perché, ai mie dubbi.Questo ?qualcuno? si è firmato francesco di assisi, scritto propriocosì senza iniziale maiuscola, come mai la lettera maiuscola è statausata per scivere dio, per la qual cosa ad una mia richiesta dispiegazione ho ottenuto questa risposta:?dio è inteso come l`assoluto, il perfetto, il creatore di ogni cosa,non una entità in particolare od uno spirito eccelso o una forma?concreta?; il metterlo maiuscolo va bene solo nella lingua in cuila maiuscola è segno di rispetto (come in italiano), ma non nellelingue in cui mettere la maiuscola vuol significare un nome proprio.Dio non è un nome, non si può attribuire a nulla in particolare, maa tutto.Tutto è dio: l`universo, il cosmo, il piccolo, il grande e come taledio non può essere inteso unicità, ma totalità. Lo stesso vale perfrancesco di assisi: non è il Poverello di Assisi che ha filtrato iltesto, ma l`energia che prima ha ispirato lui e ora lo ha inglobato.Non voglio entrare nel merito se questo sia vero, possibile o solofantasia non dimostrabile: dico solo che a me è accaduto, chenessuna ricerca ho compiuto su di una materia non conosciuta.Questo per me non è un libro ?paranormale?, ma un libro e basta.Tutto è avvenuto nella massima normalità. Nessun artificio è statomesso in opera, nessuna correzione è stata portata al testo se nonpunteggiature o limature di frasi ripetitive.Questa normalità va sottolineata perché nessun alone di mistero diFalsità aleggi su questo evento. Concludo con queste parole ancora una volta vergate su?suggerimento? di francesco di assisi.?Se l`essere vivente si impegna a diventare UOMO, a quale potereo società o regime o religione può sottomettersi?A nessuna se non a dio, ma dio è in lui ed in tutti gli altri come lui eallora chi può governare con proprie leggi, intimidazioni consigliocculti o palesi?Nessuno può farlo perché nessuno è depositario del volere di dioper la collettività, ma ognuno è responsabile del volere di dio per séstesso. PREMESSALa ?dottrina? che mi accingo ad illustrare deve essere assimilata conlentezza e con ispirata fiducia.Non fermarsi ai primi ostacoli, non domandarsi: perché? già dalleprime righe, ma deve essere letta con attenzione, cura, cautela.È sbagliato volerla assimilare subito ?tutta?, come è sbagliato volerrinnegare subito ?tutto?.Il giusto modo di assimilarla è quello più semplice e diretto.Leggerla una prima volta, senza avere la pretesa né di averla capita,né di non averla capita. Una seconda, terza o quarta lettura, piu`consapevole, darà chiarezza e verità.Nello scorrere del testo è utile fare riferimento ai propri sentimenti,al proprio modo di sentire, di agire, verso sé s...
---------------------------------
Titolo: LUCE SUL SENTIERO
Libro intro: TRATTATO SCRITTO PER COLORO CHE IGNORANO LA SAPIENZA ORIENTALE E DESIDERANO RICEVERNE L’INFLUENZA RICEVUTO E TRASCRITTO DA MABEL COLLINS Nel frontespizio della prima edizione questo libro è chiamato “Trattato scritto ad uso di quelli che ignorano la sapienza orientale e che desiderano riceverne l’influenza”, ma il libro stesso comincia con la dichiarazione: “Queste sono regole scritte per tutti i discepoli”. Delle due questa seconda descrizione è certamente quella più accurata, come apparrà evidente dalla storia del libro stesso. Nella sua forma attuale questo piccolo libro fu dettato dal Maestro Hilarion per mezzo di M.C. (Mabel Collins), signora ben nota nei circoli teosofici, che fu ad un tempo co-editrice del Lucifer con M.me Blavatsky. Il Maestro Hilarìon l’aveva ricevuto dal suo Maestro, quel Grande Essere che fra i teosofi è talvolta chiamato “il Veneziano”; ma anche questi è solo autore di una parte del libro che è passato per tre fasi che ora tenteremo di descrivere. Anche attualmente il libro è di piccola dimensione, ma nella prima forma in cui lo vediamo è ancora più piccolo. Si tratta di un manoscritto di foglie di palma, incalcolabilmente antico, tanto antico che prima del tempo di Cristo gli uomini ne avevano già dimenticato la data e il nome dell’autore, e ritenevano che la sua origine si perdesse nell’antichità storica. Il manoscritto consta di dieci foglie e su ciascuna di esse sono scritte solo tre righe, poiché in un manoscritto di foglie di palma i caratteri sono scritti nel senso della lunghezza e non della larghezza come sulle nostre pagine. Ogni riga è completa in sé, cioè consiste di un breve aforisma. Per distinguerle, queste trenta linee sono stampate nell’attuale edizione in carattere grande. La lingua in cui questi aforismi sono scritti è una forma arcaica di sanscrito. Il Maestro Veneziano tradusse questi aforismi dal sanscrito in greco per uso dei suoi discepoli Alessandrini, uno dei quali era il Maestro Hilarìon nell’incarnazione in cui venne conosciuto col nome di Giamblico. Oltre a tradurre gli aforismi, il Maestro vi aggiunse alcune spiegazioni che è bene tenere unite alle sentenze originali. Per esempio, esaminando i primi tre aforismi, si vede subito che il paragrafo 4 successivo, è un loro commento; quindi dovremmo leggere: 1. “Uccidi l’ambizione, ma lavora come lavorano quelli che sono ambiziosi. 2. “Uccidi il desiderio di vivere, ma rispetta la vita come quelli che la desiderano. 3. “Uccidi il desiderio del benessere, ma sii felice come colui che vive per la felicità”. E di seguito ecco un altro esempio: 13. Desidera il potere ardentemente. Ma il potere che il discepolo cercherà è quello che lo farà apparire come nulla agli occhi degli uomini....
---------------------------------
Titolo: LUWEF - SIMBOLI ENERGETICI PER LA NATURA
Libro intro: Aria, acqua, terra, fuoco. La parola LuWEF è solo un termine collettivo per i simboli energetici che in primo piano danno beneficio alla natura. Questi simboli di forza derivano da sistemi vari, se vogliamo applicare una classificazione. In primo luogo questi simboli sono indirizzati per la natura e anche per gli animali, piante e minerali. Tornano utili anche a noi umani. Se la natura sta bene, allora anche noi umani possiamo stare bene! Esistono innumerevoli simboli (segni di Körbler, Rune, Geroglifici ecc.) che in parte sono molto antichi ma anche simboli che sono adatti alla Nuova Era (Ingmar, Larimar, Mahameru-everest e anche LuWEF). Gli "antichi" simboli non hanno più il significato per il nostro tempo perchè erano pensati per un utilizzo del tutto diverso. Sicuramente centinaia di anni fa non era necessario di purificare, disintossicare ed energetizzare l'acqua. Oggi, siccome l'acqua potabile diventa sempre più pregiata, i simboli che fanno esattamente questo, sono importanti. Per questa ragione ci sono questi nuovi simboli che i nostri amici stellari ci trasmettono per aiutare al meglio il nostro ambiente. Si aprirà una nuova epoca che porta con se grandi cambiamenti. Secondo il calendario Maya sarà concluso questo processo il 21. Dicembre 2012 e certi simboli lavoreranno con il proprio potere al massimo (Simboli per risparmiare energia per motori e apparecchi tecnici di tutti i generi - per esempio dal sistema Ingmar e Larimar). Non significa che proprio in quella data avvenga però una svolta di conclusione o di un nuovo inizio. Molti fattori possono influenzare questi eventi in modo positivo e anche in negativo. Ogni azione di ogni singola persona influisce nelle cose del flusso del tempo e nel suo fine. Perciò pensate bene ad ogni vostra azione! ...
---------------------------------
Titolo: MADRE TERESA - TUTTI I TESTI
Libro intro: Una raccolta dei testi più belli di Madre Teresa. Presentazione Questa piccola donna è un gigante dell?amore, dalla debolezza emerge la sua forza, il calore della sua mano è fonte di speranza per milioni di persone spezzate dalla miseria. Il suo sorriso è segno della presenza di Dio su questa terra. Qual?è il segreto di Madre Teresa ? ...
---------------------------------
Titolo: MANDALA : USO PSICOLOGICO ED EDUCATIVO
Libro intro: Perchè i mandala sono all'interno di un cerchio ? Le origini Il simbolo del cerchio è antichissimo, come attestano i graffi ti rupestri dell?Africa, dell?Europa e del Nord America, dove compare insieme al motivo della spirale. Ma è nella nostra storia biologica e appartenenza cosmica che vanno individuate le radici può profonde dell?importanza che gli uomini di tutti i tempi attribuiscono al mandala, che signifi ca cerchio ed anche centro, o cerchio magico ecc. I nostri antenati svolgevano tutte le loro attività secondo i cicli naturali, alla luce del sole di giorno o raccolti in cerchio di notte intorno ad un fuoco, la cui luminosità e calore evocavano quelli del sole. In effetti, il culto del dio Sole e quello del Fuoco (fi glio e supplente del padre celeste presso gli uomini) sono generalmente congiunti. Il mandala fi ssa e stabilizza analogicamente e magicamente, nello spazio-tempo rituale governato dall?uomo, le forze naturali e cosmiche governate dagli dei. Il motivo stabilizzante del quadrato e il ritmo quaternario - forme che si combinano con quella circolare dominante - derivano a loro volta dalla rassicurante regolarità dei cicli della luce, vissuti nella specularità analogica e reciproca uomo/sole e nei conseguenti rispecchiamenti terra/cielo, direzioni/punti cardinali, che ritroviamo congiunti nell?orientamento del rituale mandalico e nell?architettura sacra. Lo yantra viene talvolta erroneamente confuso con il man-dala, di cui è forse la forma più elementare e arcaica, ma presenta delle precise differenze: ha una cornice quadrata, con quattro proiezioni a T, è costituito solo di fi gure geometriche e rappresenta una particolare divinità o forza cosmica. Il mandala invece ha una cornice circolare con o senza lettere sanscrite, comprende fi gure, luoghi, oggetti simbolici complessi, e rappresenta l?universo fi sico e psichico .......
---------------------------------
Titolo: MANTRA DELLA GRANDE COMPASSIONE
Libro intro: Mantra della Grande Compassione Il testo del Mantra contiene i nomi di molti Bodhisattva. Versione tibetana NAMO RATNA TRAYAYA - NAMO ARYA GYANA SAGARA BEROTSANA BUHA RADZAYA - TATAGATAYA ARHATE - SAMYAKSAM BUDDHAYA NAMO SARWA TATAGATEBHYE - ARHATEBHYE SAMYAKSAM BUDDHAYA - NAMO ARYA AWALOKITE SHORAYA - BODHI SATOYA - MAHA SATOYA MAHA KARUNIKAYA - TAYATA - OM - DARA DARA DIRI DIRI - DURU DURU - ITTE WATE - TSALE TSALE PARTSALE PARTSALE - KUSUME KUSUME WARE IHLI MILI - TSITI DZOLA - AHPANAYE SOHA Versione in Sanscrito Namo ratnatrayaya. Namo aryavalokitesvaraya. Bodhisattvaya. Mahasattvaya. Mahakarunikaya. Om. Sarva abhayah. Sunadhasya. Namo sukrtvemama. Aryavalokitesvaragarbha. Namo nilakantha. [Siri] mahabhadrasrame. Sarvarthasubham. Ajeyam. Sarvasattvanamavarga. Mahadhatu. Tadyatha. Om avaloke. Lokite. Kalate. Hari. Mahabodhisattva. Sarva sarva. Mala mala. [Masi] Mahahrdayam. Kuru kuru karmam. [Kuru] Kuruvijayati Mahavijayati. Dharadhara. Dharin suraya. Chala chala. Mama bhramara. Muktir. Ehi ehi. Chinda chinda. Harsam prachali. Basa basam presaya. Hulu hulu mala. Hulu hulu hilo. Sara sara. Siri siri. Suru suru. Bodhiya bodhiya. Bodhaya bodhaya. Maitreya. Nilakantha. Dharsinina. Payamana svaha. Siddhaya svaha. Mahasiddhaya svaha. Siddhayogesvaraya svaha. Nilakanthasvaha. Varahananaya svaha. Simhasiramukhaya svaha. Sarvamahasiddhaya svaha. Cakrasiddhaya svaha. Padmahastaya svaha. Nilakanthavikaraya svaha. Maharsisankaraya svaha. Namo ratnatrayaya. Namo aryavalokitesvaraya svaha. Om siddhyantu. Mantrapadaya svaha...
---------------------------------
Titolo: MANTRA OM MANI PADME HUM PARTE 1
Libro intro: Mantra Om mani padme hum parte 1...
---------------------------------
Titolo: MANTRA OM MANI PADME HUM PARTE 2
Libro intro: Mantra Om mani padme hum parte 2...
---------------------------------
Titolo: MANUALE DI ALCHIMIA SPIRITUALE
Libro intro: L'Alchimia è lo studio dell'Energia della materia. L'Alchimia Spirituale è lo studio dell'Energia nella Forma. L'alchimista è colui che libera l'energia dalla materia. L'alchimista Spirituale è colui che libera l'Energia dalla Forma. D. O. M. A. (Deo optimo maximo Artista). "Nel nostro cielo si vedono due bei luminari. Essi ci indicano, come ti dico, le due luci del grande cielo: Unisci questi due come una donna viene condotta al suo uomo, affinché felicemente in te possa prodursi lo stato matrimoniale. Il mutamento degli elementi avviene dopo di ciò, con misura e rapidamente, di modo che la forma e la natura del rotondo metta in evidenza, dolcemente, le sue forze." GLOSSARIO dei principali termini alchemici....
---------------------------------
Titolo: MANUALE DI FENG SHUI : L'ARTE DI ARREDARE LA CASA
Libro intro: UN FANTASTICO MANUALE SUL FENG SHUI, L'ARTE DI ARREDARE LA CASA, CON ANCHE ALCUNE TECNICHE DI INTERVENTO PER TRACCIARE UNA MAPPA GEOMANTICA...
---------------------------------
Titolo: MANUALE INTRODUTTIVO SUI METODI DI RESPIRO CONSAPEVOLE
Libro intro: Caro amico, cara amica, sono molto felice della tua decisione di leggere questo manuale, che ti porterà nuove e importanti informazioni per trasformare in meglio la tua vita. Il respirare è certamente l’atto simbolico e concreto più importante e necessario, totalmente connesso con il concetto di vita autonoma. Al momento della nascita, ci prepariamo al più grande passaggio della nostra esistenza, entriamo in un mondo nuovo e sconosciuto, e ci stacchiamo definitivamente dalle sicurezze del passato, da un luogo caldo, confortevole e protettivo che è stato l’utero della nostra mamma, e ci affacciamo alla nuova vita con un gesto che esprime l’accoglienza, la fiducia e la disponibilità ad entrare in questa nuova realtà: il primo respiro. Quindi la nostra vita autonoma inizia con un’inspirazione, e termina con un’espirazione, nel giorno in cui concludiamo la nostra esperienza terrena e l’anima lascia il corpo. Molti benefici ti aspettano ad ogni livello se continui il tuo viaggio miracoloso con il respiro consapevole. Soprattutto imparerai a far fronte a momenti di tensione e di emozioni intense in un modo nuovo e molto più efficace.Ricordati che il respiro è la medicina naturale più preziosa e importante per il nostro benessere psico-fisico, e soprattutto è accessibile in ogni momento, se tu decidi di utilizzarla. Bastano davvero pochi minuti per fare la differenza, e per ritrovare calma ed equilibrio. Riappropriarci del valore del respiro è di fondamentale importanza per la comprensione della nostra vita, e soprattutto per un’esperienza piena a aperta a ciò che la vita ci propone. Recuperare il profondo significato del nostro respiro è un percorso lungo, che richiede coraggio, disciplina, dedizione, e grande passione. Come ogni esperienza di crescita ed evoluzione personale, c’è il momento della chiamata, in cui consapevolmente o meno intraprendiamo questo percorso, ma non esiste un momento in cui il percorso termina. Se ne capiamo il vero significato, sappiamo che questo percorso durerà un’intera vita. E siamo certi che, durante il nostro viaggio, avremo un compagno che ci sarà sempre accanto, che ci darà energia e salute, ci permetterà di gestire le emozioni, ci consentirà spazi di rilassamento e di profonda pace, di insegnerà a stare nel “qui ed ora” , ci permetterà fare esperienza del concetto metafisico di “essere uno con tutto”… questo prezioso compagno sarà il nostro respiro. Il primo passo quindi è proprio di diventare consapevoli del nostro respiro, imparare ad essere testimoni del nostro atto respiratorio, e in seguito di cambiarlo per riportarlo al nostro respiro originario, il respiro naturale. Benvenuti a condividere questo viaggio. DI Stefano Lusuardi...
---------------------------------
Titolo: MATERIALE PER LA RICERCA SPIRITUALE
Libro intro: Libri consigliati da leggere...
---------------------------------
Titolo: MEDICINA PSICOSOMATICA : PANORAMICA E QUADRI CLINICI
Libro intro: medicina psicosomatica : panoramica e quadri clinici...
---------------------------------
Titolo: MEDICINA PSICOSOMATICA E POSTURA
Libro intro: “Attraverso il nostro corpo, i nostri movimenti, il modo di respirare, la consapevolezza delle emozioni e dei nostri pensieri, esprimiamo il nostro modo di essere e di stare al mondo” Oggigiorno, sempre più oggetto di studio in ambito medico, sono le condizioni emozionali dell’individuo, che influenzano in modo non poco significativo il corpo e le affezioni. Ciò è quanto definito con il termine di Malattia Psicosomatica (dal greco psiche=anima, soma=corpo) ossia quella branca della medicina che studia le interazioni tra mente e corpo. La constatazione di correlazione tra individuo, ambiente e malattia era già stata fatta in passato a partire dalla medicina greca (400-300 a.c.) con Ippocrate il quale aveva ipotizzato che la malattia originasse nel corpo e fosse dovuta a uno squilibrio fra le sostanze fluide; fu tuttavia Aristotele (384-322 a.c.) a osservare che emozioni quali la rabbia, la paura, il coraggio o la gioia, potevano condurre a una malattia del corpo. Ma la grande evoluzione del pensiero psicosomatico si sarebbe realizzata però grazie a importanti acquisizioni proprie della moderna era della medicina, con Freud (1856- 1939) che con la sua frase “Il misterioso salto dalla mente al corpo” gettava le basi per la dimostrazione del ruolo dei fattori psicologici con l’insorgenza dei sintomi fisici, patologie oggi molto frequenti come: la sindrome del colon irritabile, l’ulcera peptica, la colite ulcerosa, l’asma bronchiale, la cardiopatia ischemica, l’ipertensione arteriosa, tumori (in fase di studi) , malattie reumatiche, diabete mellito, patologie ostretiche-ginecologiche ecc. . In questo articolo particolare spazio darò ai problemi psicosomatici correlati ai disequilibri posturali per meglio comprende i fattori di disturbo muscolo-scheletrico e somatoemozionale. Mentre Freud con la psicoanalisi poneva attenzione soltanto alla produzione verbale dei pazienti, il suo allievo Wilhelm Reich, introdusse anche l’osservazione del corpo, come l’espressione degli occhi e del viso, la qualità della voce e vari tipi di tensioni muscolari. Descrisse per primo quello che noi oggi chiamiamo “linguaggio del corpo”. Reich osservò che appena questi pazienti iniziavano la terapia, la postura del corpo si modificava; infatti le tensioni muscolari cambiavano: le spalle e le braccia delle persone depresse si rilassavano, le mascelle diventavano meno costrette e i denti meno serrati. In questo modo la correlazione mente-corpo-emozione-postura divenne più chiara. Più tardi il lavoro di Reich venne portato avanti da un suo allievo Alexander Lowen che introdusse il concetto di “bioenergetica”. Egli infatti anziché limitarsi alla sola pressione e manipolazione delle tensioni muscolari croniche , fece uso di alcune posizioni di stress che potevano aiutare queste rigidità a rilassarsi. Lowen potè quindi osservare come i blocchi muscolari impedivano il libero scorrere dell’energia, quell’energia corporea che quando viene a mancare determina perdita di vitalità e personalità dell’individuo. Infatti le persone il cui fluido energetico è bloccato si sentono depresse, sempre in lotta con se stessi e costantemente in difficoltà relazionale con gli altri. Per questi soggetti diventa difficile provare piacere quindi la vita diventa grigia e tetra, di conseguenza l’approccio energetico con la realtà è influenzato negativamente (grounding); organi di senso, braccia e mani, gambe e piedi, pelle e organi sessuali, subiscono della mancanza di questa energia provocando blocchi e rigidità muscolari che sono inconsce. Ad esempio i blocchi nella gola e nelle mascelle impediscono di piangere e gridare, ma impediscono anche di cantare o di gridare di gioia ; i blocchi nelle spalle e nelle braccia frenano non soltanto il desiderio di aggredire o di colpire, ma anche il desiderio di abbracciare; i blocchi in vita impediscono di piangere e gridare altrettanto bene di quanto limitano il respirare ed il sospirare; la contrattura dei muscoli della gamba e dei piedi blocca la spinta alla ribellione, ma diminuisce anche la capacità di stare in piedi e di essere indipendenti; ci sono molti muscoli che uniscono il bacino al tronco e alle gambe, quelli della parte bassa della colonna vertebrale, delle natiche, delle cosce e del pavimento pelvico, tutti questi muscoli sono coinvolti nel controllo della sessualità e delle funzioni escretorie. Le loro tensioni croniche intorpidiscono la sessualità e spesso sono causa di dolori lombari e di stimoli ad urinare frequentemente. Allentare questi blocchi energetico-emozionali non è facile; attraverso il lavoro con il corpo possiamo ammorbidire le tensioni muscolari agendo con una serie di tecniche, utilizzate nella psicoterapia e nella rieducazione posturale. Grazie a queste metodiche si interviene con una visione più olistica dell’organismo quindi non solo sistemica e coerente, ma più profon...
---------------------------------
Titolo: MEDITARE SULLA RINASCITA UMANA
Libro intro: Meditare sulla perfetta rinascita umana Il santo e profondo insegnamento che costituisce il tema di questo discorso deriva dall'insegnamento Mahayana che guida gli esseri fortunati all'illuminazione. Quest'insegnamento fu ampiamente trattato dai grandi filosofi Nagarjuna e Asanga. E' un profondo insegnamento sacro che contiene in sé l'essenza dei pensieri santi dei grandi bodhisattva Atisha e Guru Tsong Khapa. Include tutti gli 84.000 insegnamenti dati dal Guru Shakyamuni Buddha, il che significa che non esiste nessun insegnamento che non sia incluso nel sentiero graduale; non esiste nessun Buddhadharma separato che non sia incluso negli insegnamenti del sentiero graduale. Quest'ultimo include anche ogni singolo fenomeno esistente, non c'è niente che non sia spiegato dal Dharma. Poiché l'intero Buddhadharma è incluso nell'insegnamento del sentiero graduale, anche tutta l'esistenza è spiegata o inclusa negli insegnamenti del sentiero graduale. Dunque, l'insegnamento è predisposto per la pratica del raggiungimento dell'illuminazione di ogni singola persona. Questo sentiero graduale, il sentiero attraverso il quale tutti gli esseri illuminati del passato hanno raggiunto lo stato di buddhità, ha quattro caratteristiche: 1. Le qualità supreme degli autori che ne dimostrano la sua purezza. 2. Le qualità supreme dell'insegnamento che devono ispirare devozione nell'insegnamento. 3. Il modo di spiegare e ascoltare l'insegnamento che contiene due qualità supreme. 4. Infine il modo di condurre il proprio discepolo sul sentiero dell'illuminazione. Quest'ultimo punto ha due caratteristiche che sono: a. Il modo di seguire il proprio guru il quale è la radice del sentiero. b. Come allenare la propria mente nel sentiero graduale verso l'illuminazione seguendo il proprio maestro. Quest'ultimo punto ha due caratteristiche: i. Persuadere la mente a estrarre l'essenza dalla condizione di perfetta rinascita umana. ii. Come estrarre tale essenza dalla condizione di perfetta rinascita umana. Qui parleremo di come persuadere la mente a estrarre l'essenza....
---------------------------------
Titolo: MEDITAZIONE CORPO DI LUCE
Libro intro: DALLA METAFISICA ALLA METASPIRITUALE: IL CORPO DI LUCE BREVE INTRODUZIONE: Un corpo umano possiede oltre all’aura personale anche un’aura del cristallo della Coscienza Cristica: il Corpo di Luce. Lavorando sui singoli centri energetici del corpo fisico per riportarli alla forma sferica d’origine aumenta anche il corpo di Luce, ma come conseguenza secondaria visto che tutti i chakra (lo spettro della luce) si sottopongono al cristallo della Coscienza Cristica. Questo cristallo multidimensionale funziona da amplificatore delle energie universali e nella sua virtù è una componente primaria della trina unione del corpo, dello spirito e dell’anima – la Mer-Ka-Ba. Questo cristallo, situato nel centro cardiaco, riporta la Coscienza Cristica sul piano vibrazionale personale e possiamo lavorare quindi con i singoli elementi da noi ben conosciuti: la geometria sacra (simboli), la luce (arcobaleno) ed anche i suoni (melodia e ritmo). Vogliamo invitarvi ad usare la vostra intuizione per meditare e lavorare con il vostro cristallo che vi aiuta a far crescere il vostro corpo di Luce in modo permanente e neutro. INTRODUZIONE ALLA MEDITAZIONE: Questo semplice esercizio risana il corpo fisico e il corpo sottile che serve per trattenere frequenze e vibrazioni più elevate (essenza suprema). Mettetevi in posizione meditativa concentratevi sul cuore e stabilite un contatto con l’Amore Universale, col Padre e la Madre (il Sole e Sole interno della Terra). Chiedete sostegno e aiuto al regno di Luce con un saluto ed un ringraziamento. Scendete nel vostro stato d’amore sul primo chakra, visualizzando il colore rosso (tenue, allineato con il vostro stato di tenerezza per voi stessi): se vi arriva mentalmente o visivamente una forma geometrica includete questa struttura nella meditazione sul chakra. Non c’è differenza se questa figura geometrica sia all’interno del colore del centro energetico, o che abbia in sé una sua sfumatura, o che esso sia statico o addirittura in movimento......
---------------------------------
Titolo: MEDITAZIONE COSMICA MULTIDIMENSIONALE
Libro intro: L evoluzione e il destino di ogni essere sono parte di insiemi complessi. Noi conosciamo a malapena il nostro ambiente, ma non abbiamo il controllo delle nostre condizioni di vita né siamo riusciti, come specie, a garantire a tutti una sopravvivenza conforme alla dignità umana. Stiamo esplorando il sistema solare, ma sappiamo troppo poco delle dimensioni interiori e delle dinamiche della nostra esperienza, che consideriamo realtà. La nostra non è l esperienza della realtà come unità e totalità: è l esperienza dell isolamento egoico della paura, del bisogno o della presunzione infantile di poter sottomettere al nostro controllo ciò che ci circonda. Senza conoscere, né accettare, né amare noi stessi e senza alcuna considerazione o disponibilità a riconoscere gli stessi bisogni negli altri. Chi vuole aprire il cuore alla compassione trasforma la sua vita e la vita di tutti, perché la vita che ci è data è una: per chi vuole andare oltre il cerchio del proprio isolamento tutte le porte dimensionali sono aperte nella sfera eterna dell' Uno. L' Amore e la Sapienza divine si attivano in ognuno e in tutti insieme. Questo rituale non è magico, non sviluppa il potere personale, non appartiene ad alcuna religione o gruppo spirituale di iniziati, ma alla comune origine reale ed eterna di tutto ciò che è. Rispetta l' ordine cosmico e invita gli esseri a creare in unità, dove la preziosità e la pienezza risulta dalla presenza delle diversità integrate nell' armonia. Questa meditazione creativa viene diffusa in tutto il mondo via web in inglese, italiano e spagnolo. Costituisce uno strumento efficace per il superamento delle barriere culturali allo scopo di risvegliare ogni individuo e valorizzarlo nella coscienza e nella cooperazione di gruppo. Le ideologie, le suggestioni multimediali, le religioni usate per creare divisioni conflitti e distruzioni, sono il nostro terreno di lavoro: siamo tutti qui per guarire le nostre ferite. E' necessario creare nuovi equilibri in noi, fra noi, con la Terra e con il cosmo, in mancanza dei quali la nostra vita sul pianeta e la vita stessa del pianeta verrebbero meno alla funzione e al proposito che li ha posti in essere. Infiniti doni e numerosi talenti dobbiamo ancora ricevere dall' esistenza e metterli al servizio della prosperità e della dignità di tutti. Non perché è necessario o ci piace, non perché è giusto e giudicato nobile o spirituale. LA VITA E' SACRA PER NATURA: E' IL MISTERO DELL' UNITA' E DELLA DIVERSITA' in cui ci muoviamo, girando intorno a noi stessi senza riconoscerci e senza vedere gli altri per quello che sono. I conflitti derivano dalla incapacità di relazionarci con noi stessi e con gli altri in modo autentico, libero e creativo. Il Cielo e la Terra invitano tutti noi a condividere una grande iniziazione collettiva alla fiducia in noi stessi, nell' esistenza e nella solidarietà di gruppo. Partecipare ad una sola onda delle quattro è un processo compiuto e potente, il quale, anche se minimo, può essere giusto e sufficiente: può corrispondere al massimo possibile per molti. Le forze dell universo, della galassia, del sistema solare e della terra stanno modificando l insieme vivente cui apparteniamo. Se vogliamo partecipare consapevolmente, e non subire passivamente senza comprendere, avremo il meglio. Diversamente costituiremo una resistenza passiva: ci consumeremo senza aver trovato la nostra libertà. Per sostenere il ruolo cui la nostra natura umana ci destina, ci connettiamo nella meditazione cosmica multidimensionale per la creazione della Nuova Terra con le 13 dimensioni e con i 13 toni cosmici dell' energia proveniente dalla nostra galassia. L' essere umano galattico ha 13 punti strutturali e funzionali della luce di vita di cui è composto, corrispondenti ai 13 toni della musica cosmica, costituenti le frequenze fondamentali della sua forma di vita multidimensionale. Per noi umani terrestri un' onda galattica impiega 13 giorni ad attraversare tutti i livelli dimensionali e le articolazioni principali del corpo fisico: sei a destra, sei a sinistra, più il punto di risonanza con il centro della galassia, alla base del collo fra le clavicole. Per muoverci sull' onda cosmica attraverso le 13 dimensioni, che definiscono la nostra identità galattica e la nostra evoluzione nella consapevolezza, è necessario tener presente che questa meditazione è cosmica e multidimensionale: avviene in sincronizzazione galattica. E un mezzo di integrazione dimensionale dell esperienza umana a livello cosmico reale. Il cosmo vive la nostra esperienza soggettiva come un fenomeno oggettivo, ma ciò che accade non è soggettivo né oggettivo: è reale. Poiché crea avvenimenti nell esistenza (individuale e universale), e necessario conoscere e rispettare le opportunità per lesplorazione e la realizzazione degli obbiettivi date dal cosmo nei tempi e nei modi adatti. Si tratta di assumere il r...
---------------------------------
Titolo: MEDITAZIONE DEI CUORI GEMELLI
Libro intro: La MEDITAZIONE DEI CUORI GEMELLI è una tecnica di meditazione avanzata tesa al raggiungimento dell?illuminazione o coscienza universale. Rappresenta inoltre uno strumento, al servizio del mondo e della comunità, che col tempo armonizza la terra benedicendola con gentilezza amorevole, pace, gioia e buona volontà. La Meditazione dei Cuori Gemelli è un nobile strumento che eleva le vibrazioni dell?individuo verso stati di consapevolezza più alti e livelli espansi di coscienza. Il Grand Master1 Choa Kok Sui, autore noto a livello internazionale, docente e relatore in seminari e conferenze2, fondatore del moderno Pranic Healing e Arhatic Yoga, ha fatto conoscere al pubblico per la prima volta la Meditazione dei Cuori Gemelli negli anni 80. Il Grand Master Choa Kok Sui, maestro dello spirito e ispirazione spirituale per milioni di persone in tutto il mondo ha introdotto questa meditazione quale potente mezzo di evoluzione spirituale. Attualmente praticata da decine di migliaia di persone di diversa religione ecultura in tutto il mondo, la Meditazione dei Cuori Gemelli è straordinaria nella sua semplicità con risultati sorprendenti e straordinari. Questa eccezionale meditazione si basa su un segreto antico, rivelato solamente agli aspiranti3 spirituali avanzati. Il Grand Master Choa Kok Sui ha utilizzato diverse tecniche di meditazione avanzata ed ha sintetizzato il tutto in una meditazione semplice ma potente. La Meditazione dei Cuori Gemelli si basa sul principio che alcuni dei maggiori centri di energia del corpo, o chakra, sono punti di ingresso o porte verso certi livelli o orizzonti di coscienza. I Cuori Gemelli riguardano i centri di energia del cuore e della corona. Il chakra del cuore è un centro di energia che si trova nella parte anteriore del torace. È l?equivalente energetico del cuore fisico. Il chakra del cuore è il centro per la compassione, la gioia, l?affetto, il rispetto, la pietà ed altre elaborate emozioni superiori. Il centro energetico della corona (chiamato anche cuore spirituale), situato sulla sommità del capo è il punto di entrata verso una coscienza spirituale superiore. Per raggiungere l?illuminazione o la coscienza cosmica, è necessario attivare a sufficienza il chakra della corona. Ciò può essere fatto solo se il chakra del cuore è sufficientemente attivo. Solo sviluppando le emozioni superiori, più elaborate, si può sperimentare l?amore divino. Quando il centro della corona è molto sviluppato, si sperimenta l?Amore Divino e l?Unione con il Tutto. Pubblicazione del Centro di Pranic Healing USA...
---------------------------------
Titolo: MEDITAZIONE E MANTRA
Libro intro: Nel Buddhismo coesistono varietà di pratiche e metodi talvolta anche molto diversi tra loro, tutti, comunque, aventi lo scopo comune di volere emancipare gli esseri dal loro stato di sofferenza esistenziale. Nell’apparente contraddizione di queste diversità si possono distinguere, in generale, due vie fondamentali di pratica: una della meditazione e l’altra del mantra. Sotto il termine “meditazione” viene raggruppata una serie di vari metodi che differiscono notevolmente da scuola a scuola e da tradizione a tradizione. Vi sono, per esempio, meditazioni che intendono portare la mente a uno stato di calma e concentrazione, altre a uno stato di profonda consapevolezza, capacità di osservazione o di analisi. Alcune tradizioni, come quelle tibetane o esoteriche dell’estremo oriente, a tali scopi, si servono di visualizzazioni e rituali complessi. Altre, infine, come nello zen, tendono a definirsi un non-metodo, il semplice e puro essere nella natura originale (illuminazione). Nella tradizione Theravada la meditazione può essere classificata in mondana e sovramondana a seconda dello scopo per cui si pratica. Nella motivazione mondana la mente rimane a livello del condizionamento della legge di causa ed effetto, mentre la pratica ha lo scopo di coltivare quella saggezza che permette di vivere con equilibrio fra gli alti e bassi della vita. La meditazione, in questo caso, è un mezzo che aiuta ad essere meno coinvolti dai problemi quotidiani e ad aprire il cuore agli avvenimenti con mente equanime e compassionevole ... Comunità Bodhidharma...
---------------------------------
Titolo: MEDITAZIONE E TECNICHE PSICHICHE
Libro intro: saggio di 90 pagine...
---------------------------------
Titolo: MEDITAZIONE PER LA PURIFICAZIONE DELLA TERRA
Libro intro: Mettetevi seduti,in posizione eretta e rilassata,in un luogo tranquillo.Siate coscienti dei punti cardinali dalla posizione in cui siete,per poter poi agire con maggior correttezza.Richiamate a voi l?Energia Divina nel modo in cui siete soliti farlo,o pregate a parole vostre lo Spirito Divino di inondarvi con la Sua Grazia. Visualizzate una bella luce bianca brillante che si riversa in voi ...Ora visualizzate la Fiamma Violetta di purificazione Cosmica che,entrando dalla vostra testa,riempie e purifica i vostri chakra principali.Visualizzate tale energia come una luce molto brillante,bianca incandescente con una leggerissima sfumatura violetta.Questa luce entra dalla cima della testa e,scorrendo lungo la colonna vertebrale,scende ad illuminare ogni chakra ,mentre voi intonate la sillaba seme del chakra che si sta purificando e rigenerando grazie a questa luce.......
---------------------------------
Titolo: MEDITAZIONE PER UNO SPIRITO INVINCIBILE NELL'ERA DELL'ACQUARIO
Libro intro: Una sadhana di 1000 giorni Yogi Bhajan -Stiamo velocemente arrivando alla transizione con l?Era dell?Acquario, a proposito della quale si ha parlato molto. Essenzialmente questo cambio rappresenta la transizione dell?umano dall?adolescenza alla maturità. Ci lasciamo alle spalle l?Era dei Pesci ed entriamo in un?epoca di consapevolezza globale, di radianza, d?intuizione e di collaborazione; questa epoca porterà con sé equanimità e prosperità e ci darà la possibilità di percepire, pensare e sentire. Questa crescita implica che dobbiamo lasciare andare molte cose, tra le quali la vecchia struttura di pensare, comunicare e vivere. La confusione, la depressione e i conflitti incrementeranno, mentre la vecchia maniera di mantenere il potere ? politico, religioso, sociale e personale ? vivrà la sua ultima battaglia. Questo periodo di prova e crescita durerà fino al 2038, quando avremmo imparato una nuova maniera di guidare noi stessi e questo pianeta, e la pace avrà dunque l?opportunità di prevalere sulla terra. Yogi Bhajan utilizzó la chiarezza della sua intuizione per prepararci per questo cambio, sapendo che la transizione della nuova Era avrà luogo esattamente alle 11:30am (PST), del 11 novembre 2011. In questa data il periodo di transizione terminerà e l?Era dell?Acquario comincerà. Saremo confrontati su tutti i fronti ? e da questa pressione una nuova consapevolezza fiorirà. Yogi Bhajan definiva questo come il momento della Khalsa: di chi ha il cuore puro, la coscienza trasparente, é senza paura, efficiente, intuitivo, gentile e compassavo, nobile nel suo Essere e umile rispetto al Infinito Creatore. Una delle tante benedizioni della comunità di Kundalini Yoga insegnato secondo Yogi Bhajan, è l?amore della disciplina che ci permette di svegliarci, espanderci e raffinare la nostra consapevolezza. Destata la nuova consapevolezza possiamo agire efficientemente, guarire chi soffre e divertirsi con la spontanea tumultuosa creatività dell?universo. In Kundalini Yoga svolgiamo una pratica meditativa di 40 giorni per incorporare nuove esperienze o abilità; di 90 giorni per ripulire il subcosciente e creare nuove abitudini; di 120 giorni per realizzare una nuova consapevolezza nella vita quotidiana. Se, però, vogliamo esperimentare l?essere Maestro di noi stessi e confermare il nostro stato di consapevolezza indipendentemente dei cambi temporali, spaziali e delle circostanze, svolgiamo una meditazione per 1000 giorni consecutivi. Una pratica di 1000 giorni proietta la nostra ritrovata consapevolezza e la padronanza di noi stessi verso tutti ? in una maniera impersonalmente personale; questa disciplina ci da grazia e benedice tutti. Nelle tradizioni mitologiche e spirituali, come per esempio nella numerologia, il numero mille rappresenta la nobiltà dell?individuo: l??1? espanso e radiante, sostenuto dai tre ?0?: il corpo, la mente e lo spirito; la menta negativa, positiva e neutrale; e i tre gunas. Una meditazione di 1000 giorni ti da esperienza e padronanza, combinando entrambe in una consapevolezza auto?qualificata d?eccellenza umana....
---------------------------------
Titolo: MEDITAZIONI PER OGNI MESE
Libro intro: bellissime meditazioni da fare per ogni mese dell'anno - EMMANUEL - Gennaio Questo è il mese del Nuovo Inizio. Tutto ricomincia con il nuovo anno: il vostro lavoro, le vostre attività, le relazioni… la vostra Vita! Ma questo nuovo inizio dipende da voi, da come lo vivete, da come lo percepite. Cercate di coltivare in voi il pensiero positivo che porta creatività e successo. Siamo nell’era della Nuova Energia, dove tutto scorre molto più in fretta e la manifestazione appare più veloce ed immediata. Ci sono molti cambiamenti in atto e molti di noi ne sono consapevoli. Mi è stato spiegato che presto ci saranno nuovi colori, più tenui ma intensi nello stesso tempo. E, soprattutto, luminosi. Ho chiesto al mio spirito guida Emmanuel di darmi un nuovo colore per questo mese. Mi ha risposto che i nuovi colore di questo mese sono azzurro in luce bianca e oro pallido in luce opalescente. Il mantra di Gennaio è “Vivo con amore ogni nuovo inizio della mia vita.” Meditazione di Gennaio Sedetevi comodamente su una sedia o una poltrona. Chiudete gli occhi. Immaginate il colore bianco. Tutto è bianco attorno a voi. La stanza in cui siete è bianca, i mobili che vi circondano sono bianchi. La sedia o la poltrona in cui sedete è bianca. Nella stanza in cui siete ora visualizzate una finestra. Fuori cade la neve silenziosa, soffice. Si posa sul giardino che è all’esterno dell’abitazione bianca in cui vi trovate e lo potete vedere fuori da questa finestra. La neve cade fitta e leggera, si posa sui rami degli alberi, sulla strada, sui tetti, sui viali… su tutta la città. Osservate con gli occhi della mente il colore bianco, respiratelo, gustatelo. Osservatene le sfumature: ogni colore ha infinite minuscole sfumature – anche il bianco. Può essere luminoso, opaco, scintillante, luminescente… Cercate di sentire l’odore, il sapore del bianco. Il bianco ora è non solo attorno a voi ma in voi. Ora fa parte di voi perché lo conoscete. Ora dopo averlo osservato, conosciuto, dopo aver imparato ad apprezzarlo in tutte le sue sfumature, immaginate un oggetto candido. Questo oggetto si materializza davanti ai vostri occhi e vi porta un messaggio. Ascoltate, imparate il messaggio che vi reca. Memorizzatelo. Poi appoggiate questo oggetto sul tavolino che è davanti a voi. Immaginate ora un fiore bianco. Guardatelo bene. Osservate la grandezza dei petali, la forma, la lucentezza. Annusatene il profumo. Tenetelo in mano. Cercate di sentire la consistenza dei petali, del gambo, delle foglie. Questo fiore bianco vi porta un insegnamento. Cercate in voi quale insegnamento vi porta questo fiore. Memorizzatelo. Davanti a voi, sul tavolino, c’è anche un vaso. Questa volta il vaso è colorato. Costituisce infatti l’unica nota di colore. Guardate di che colore è il vaso e ponetevi il fiore. Ora guardatevi attorno nella stanza della vostra immaginazione. L’oggetto prima, il fiore poi e da ultimo il vaso colorato vi hanno donato sensazioni ed insegnamenti. L’accostamento bianco/colore del vaso che sensazione vi dona? Che cosa vi evoca? Che cosa vi ispira? Il bianco è il colore che racchiude tutti gli altri: ha in sé numerose possibilità d’essere. Il bianco racchiude la speranza di un futuro plasmabile, ancora da creare ma che contiene già l’essenza di ciò che sarà. Il bianco è il colore della possibilità. Quali possibilità avete in questo momento? Possono essere migliorate? Possono essere modificate? C’è speranza di vedere attorno a voi una vita migliore? Voi, con il bianco, potete creare altre possibilità di vita, di conoscenza, di amore. Voi con il bianco potete sperare di vedere un miglioramento nella vostra vita. A che cosa lo accostate? Vi dona l’idea del Divino? Vi suggerisce la speranza del futuro? Che cosa vi suscita? Che cosa vi fa sperare? Annotate le vostre riflessioni e impressioni e ricordate il colore del vaso. Questo colore lo potrete associare nelle meditazioni successive. E’ importante per farvi riflettere ancora. Tenetelo presente. Questa meditazione è associata al mese di Gennaio. Andrebbe fatta principalmente in questo mese. Per questa ragione fatela il meglio possibile, ritagliatevi il tempo necessario. Non abbiate fretta di finire. Una volta terminata la meditazione chiamate a voi l’Angelo della meditazione ed affidategli ciò che avete compreso...continua.... ...
---------------------------------
Titolo: MEDITAZIONI RACCOLTA
Libro intro: Una raccolta di meditazioni : la meditazione della luce dorata - la meditazione della luce profonda - la meditazione sui cuori gemelli - la meditazione sul corpo di luce - la meditazione sui 7 raggi - la meditazione del ponte arcobaleno - la meditazione dell'unione dei chakra ......
---------------------------------
Titolo: MESSAGGI SUBLIMINALI NELLA MUSICA LEGGERA
Libro intro: i messaggi subliminali nella musica leggera...
---------------------------------
Titolo: METODI NATURALI E MEDITAZIONE GLI EFFETTI DELLA MEDITAZIONE SULLA SALUTE
Libro intro: Da “La meditazione come cura” – Osho “La parola “medicina” e la parola “meditazione” hanno la stessa radice. “Medicina” indica ciò che guarisce il corpo, mentre “meditazione” indica ciò che guarisce lo spirito. Entrambi hanno poteri curativi. Inoltre si deve ricordare un’altra cosa: la parola “curativo” (healing in inglese) e la parola “integro” (whole in inglese) vengono anch’esse dalla stessa radice: holy (“sacro”, “santo”) ….. healing, whole, holy provengono dalla stessa radice semantica. La meditazione guarisce, ti rende integro, ed essere integri significa essere santi. La santità non ha nulla a che vedere con il tuo appartenere ad una qualsiasi religione, con l’essere membro di una chiesa qualsiasi essa sia. Vuol semplicemente dire che, dentro di te sei integro, completo, non manca nulla, sei appagato. Sei ciò che l’esistenza voleva che fossi. Hai realizzato il tuo potenziale.” Dunque salute significa prima di tutto integrità. In contrapposizione la medicina ufficiale ha, in genere, una visione un po’ riduttiva della salute, in quanto la identifica normalmente con l’assenza di malattia del corpo fisico. Non c’è una visione sufficientemente ampia poiché la scienza considera l’uomo solo in quanto materia. In realtà, l’uomo è un’unità, una totalità: un’unità organica. Per questa ragione non deve essere curato solo nella parte fisica malata. Tra l’altro il sintomo non deve essere represso. In questo modo ricacciando un problema da un lato, riapparirà da un altro. La medicina ufficiale non fa che respingere il sintomo da un punto all’altro dell’organismo. Il risultato di questo modo di operare è in genere un acuirsi sempre maggiore della malattia, non un “processo di guarigione” e a volte accade che un male insignificante diventi una malattia grave. Attraverso il sintomo il corpo sta semplicemente comunicando un disagio e ne va ricercata la fonte. La malattia non va vista come un nemico da respingere ma come un segnale che da qualche parte qualcosa non funziona. Si può dire che la malattia sta dalla tua parte, à un amico. Ti sta dicendo di andare alla fonte. La meditazione ti aiuta in questo processo. Semplicemente osservando il sintomo, senza la minima intenzione di fermarlo, senza desiderare che se ne vada, semplicemente osservando si può ricevere un messaggio che ti può condurre alla fonte del disagio. A questo proposito Osho, ad esempio, propone una piccola tecnica di meditazione: “Osservare il mal di testa” e spiega che quando non reprimi ma osservi, in questo caso il mal di testa, accadranno tre cose: “La prima: più lo scruti, più il mal di testa si acuisce. Il male aumenta semplicemente perché prima lo stavi evitando. Era presente, ma tu lo evitavi: lo stavi reprimendo. Quando lo osservi, ogni repressione scompare. Il mal di testa toccherà la sua acutezza naturale. Guardalo. E diventerà più acuto. E’ questo il primo segnale che è entrato nella tua visuale. Come seconda cosa, si focalizzerà sempre di più. All’inizio pensavi che fosse tutta la testa a farti male. Ora vedrai che non è vero, è solo un punto molto piccolo. Questo punto tenderà a rimpicciolirsi sempre di più, sarà estremamente pungente, dolorosissimo. Continua a guardare in quel punto. 2 Allora accadrà una terza cosa, la più importante: quando la tua attenzione è perfettamente a fuoco su quel punto, il dolore scompare. E quando scomparirà, intuirai che cosa lo aveva originato. La tua mente è pronta a rivelarti qual era la causa. Le cause possono essere migliaia….. l’allarme è sempre lo stesso perché si tratta di un sintomo d’allarme elementare. Forse di recente sei andato in collera e non l’hai manifestata. All’improvviso vedi la tua rabbia. La situazione è diventata insopportabile e quella rabbia vuole essere scaricata. E’ necessaria una catarsi e immediatamente il mal di testa scompare. Non era affatto necessario prendere alcuna aspirina. E quando la rabbia svanisce sorgerà in te una qualità di benessere completamente diversa, quale nessuna aspirina ti potrà mai dare. L’aspirina reprime, la rabbia rimarrà dentro di te. Ti limiti a spegnere il segnale d’allarme.Nulla cambia. La rabbia rimane. Quando una quantità eccessiva di pensieri si accumula nell’organismo si hanno cambiamenti qualitativi nei sintomi. Esiste un preciso limite di tolleranza nell’organismo, superato il quale esso inizia a sentirsi malato. La stessa cosa vale per la mente. Corpo e mente non sono due cose separate. L’uomo è un corpo-mente: è uno psicosoma”. Tra le diverse tecniche di meditazione proposte da Osho ci sono tre fantastiche tecniche di meditazione di sua creazione di cui vorrei approfondire la descrizione in questa sede e sono: . La Dinamica . La Kundalini . La Mistic Rose. Il libro le presenta approfonditamente...Cos’è effettivamente la m...
---------------------------------
Titolo: METODO EVOLUTIVO UNIVERSALE
Libro intro: Questo metodo di natura squisitamente pratica, viene presentato in forma integrale e pubblica per la prima volta; finora l?unico materiale, per di più parziale, a suo riguardo era reperibile esclusivamente negli insegnamenti segreti buddisti, qui ne verrà spiegata la pratica integralmente e senza alterazione alcuna. Il Metodo è un modo di essere coscienti interiormente per tutta la giornata e, in estensione, per l?intera vita; la sua finalità è la costruzione del diamante, tale diamante sarà il veicolo che ci ospiterà al termine della nostra vita terrena. La sua attuazione richiede che ci si visualizzi continuamente per tutta la giornata in un palazzo costituito da quattro sezioni: ? La stanza della Bilancia al primo piano; corrispondenza fisica: la zona del plesso solare. ? La stanza dell?anima al secondo piano; corrispondenza fisica: la testa. ? La postazione di osservazione nell'attico; corrispondenza fisica: la testa, all?altezza del centro della fronte. ? Il Diamante all?apice; corrispondenza fisica: la testa, nella zona della fontanella. Per avere una chiara idea dell?immagine del palazzo, da costruire visualizzando durante la giornata, potete cercare e scegliere un mandala a vostro piacimento, tenendo presente che un mandala è una rappresentazione grafica del palazzo visto dall?alto. Inoltre sia il mandala sia il palazzo sono rappresentazioni simboliche di noi stessi. Riassumendo, per praticare il metodo ci dovremo visualizzare come l?abitante del palazzo ( l?osservatore ) che si sposta fra le varie stanze, ogni stanza occupa un piano e rappresenta un lavoro su di se ben definito, che verrà illustrato appena di seguito, ad eccezione dell?apice della costruzione che ospita il diamante, culmine e obbiettivo dei lavori effettuati che riceverà l?energia equilibrata e liberata. ...
---------------------------------
Titolo: MILLE PIANTE CONTRO IL CANCRO
Libro intro: Dott. Giuseppe Nacci Medico Chirurgo Specialista in Medicina Nucleare Introduzione La motivazione di base che ha condotto l’autore del presente lavoro, dott. Giuseppe Nacci, all’approccio terapeutico di una vera e propria ”Dieta-anti-Cancro” integrata con più di 400 piante medicinali (nello specifico, vedi in fondo: “Protocollo-base Terapia-Nacci), è dovuta, fondamentalmente, ad una riflessione sulle tante scuole di pensiero medico nate per la cura del Cancro, di cui le più importanti, tutte a base di migliaia di fattori attivi estratti da piante medicinali (vedi anche: Nona Dichiarazione d’Intesa), sono la medicina tradizionale cinese (Pen Tsao), la medicina tradizionale indiana (Ayurveda), e la medicina classica occidentale Quest’ultima, in particolare, è oggi riportata in diversi protocolli come la “dieta Gerson”, la “dieta Breuss”, la “terapia Hoxsey”, la “terapia Ferguson”, e di altri autori (Chaterine Kousmine, Maria Treben, Renè Caissè, J. Valnet, Castore Durante, etc…). Vi sono infatti cliniche private che eseguono queste terapie “classiche” occidentali (“Medicina Classica Fitoterapica”), spesso associate anche a formulazioni indiane e cinesi. Personalmente, si ritiene che la chiave comune del successo terapeutico di tutte queste scuole europee, americane ed asiatiche debba riposare essenzialmente sul fatto che l’alimentazione data ai pazienti neoplastici risulti essere completamente priva di vitamina B12, quasi priva di Glucosio, priva di acidi nucleici (DNA), priva di formulazioni alimentari complete di tutti e 9 gli aminoacidi essenziali (Leucina, Valina, Isoleucina, Lisina, Metionina, Triptofano, Treonina, Fenilalanina, Istidina). Viceversa, l’alimentazione fitoterapica qui descritta risulterà essere ricchissima di decine di migliaia di vitamine e di complessi pro-vitaminici, capaci di detossificare gli organi e gli apparati emuntori (apparato gastro-intestinale, fegato e reni, vedi cap.9 e 12), d’innescare il fenomeno dell’apoptosi nelle cellule tumorali (vedi capitolo 5), cioè d’indurre la riattivazione degli enzimi di endonucleasi, con successiva auto-distruzione del DNA della cellula neoplastica e, soprattutto, di dare inizio alla cascata immunitaria (vedi capitolo 4), cioè d’indurre la riattivazione dei Linfociti Natural Killer, dei Linfociti B (con produzione di anticorpi policlonali diretti verso gli antigeni tumore-associati delle cellule malate), dei linfociti Killer, di monociti, granulociti etc…). A completamento della terapia così descritta, sarà anche importante, secondo l’autore del presente lavoro, che il paziente esegua attività fisica moderata per non indurre l’organismo a consumare le proprie masse muscolari per sopperire alla richiesta biochimica da parte del tumore di vitamina B12 e di acidi nucleici da parte delle cellule tumorali. Infine, la detossificazione epatica dalle tossine tumorali risulterà anch’essa necessaria, per evitare il fallimento della terapia stessa, una volta avviata la risposta immunitaria (VES), con infiammazione relativa della neoplasia ed immissione nel sangue delle sue pericolose tossine tumorali. Interessanti, risultano essere quindi i confronti della ”Medicina Classica Fitoterapica” con le ”moderne” terapie anti-tumorali, tutte a base di Chemioterapia, Radioterapia e Chirurgia. Si riporta, a tale scopo, un’indagine retrospettiva sulla cura del Melanoma attuato dalla “Terapia Gerson” confrontata con “Terapie Convenzionali” (Chirurgia, Radioterapia, Chemioterapia). Un’indagine retrospettiva si pone l’obiettivo di valutare il rendimento di una determinata terapia utilizzata in passato. Una indagine di questo tipo fu condotta in USA prendendo in esame pazienti affetti da Melanoma e che erano sopravvissuti per almeno 5 anni dall’inizio della terapia. Tale periodo di tempo fu preso come termine, poiché corrispondente al periodo terminato il quale i pazienti vengono considerati ”curati” secondo i ricercatori oncologici dell’American Cancer Society. L’indagine retrospettiva metteva a confronto dati di sopravvivenza di malati di Melanoma che avevano aderito ai protocolli della terapia Gerson (in totale 153 casi di pazienti gersoniani), confrontandoli con l’indice di sopravvivenza fissato a cinque anni delle terapie convenzionali attualmente in uso, e cioè Chirurgia, Radioterapia e Chemioterapia, derivati su dati estrapolati dalla letteratura medica su 16.229 casi (pazienti convenzionali). Questi ultimi ebbero percentuali di sopravvivenza di gran lunga inferiori a quelli trattati con la terapia Gerson, morendo in genere entro 1 anno, rispetto invece ai pazienti gersoniani, per i quali la percentuale di sopravvivenza a cinque anni fu di quasi il 70% (in realtà fu del 69%). Tale indagine retrospettiva sul melanoma fu condotta dai membri del Gerson Institut e da membri del Cancer Prevention and cont...
---------------------------------
Titolo: MILLE PIANTE PER GUARIRE DAL CANCRO SENZA CHEMIO
Libro intro: La motivazione di base che ha condotto l?autore del presente lavoro, dott. Giuseppe Nacci, all?approccio terapeutico di una vera e propria ?Dieta-anti-Cancro? integrata con più di 400 piante medicinali (nello specifico, vedi in fondo: ?Protocollo-base Terapia-Nacci), è dovuta, fondamentalmente, ad una riflessione sulle tante scuole di pensiero medico nate per la cura del Cancro, di cui le più importanti, tutte a base di migliaia di fattori attivi estratti da piante medicinali (vedi anche: Nona Dichiarazione d?Intesa), sono la medicina tradizionale cinese (Pen Tsao), la medicina tradizionale indiana (Ayurveda), e la medicina classica occidentale Quest?ultima, in particolare, è oggi riportata in diversi protocolli come la ?dieta Gerson?, la ?dieta Breuss?, la ?terapia Hoxsey?, la ?terapia Ferguson?, e di altri autori (Chaterine Kousmine, Maria Treben, Renè Caissè, J. Valnet, Castore Durante, etc?). Vi sono infatti cliniche private che eseguono queste terapie ?classiche? occidentali (?Medicina Classica Fitoterapica?), spesso associate anche a formulazioni indiane e cinesi. Personalmente, si ritiene che la chiave comune del successo terapeutico di tutte queste scuole europee, americane ed asiatiche debba riposare essenzialmente sul fatto che l?alimentazione data ai pazienti neoplastici risulti essere completamente priva di vitamina B12, quasi priva di Glucosio, priva di acidi nucleici (DNA), priva di formulazioni alimentari complete di tutti e 9 gli aminoacidi essenziali (Leucina, Valina, Isoleucina, Lisina, Metionina, Triptofano, Treonina, Fenilalanina, Istidina). Viceversa, l?alimentazione fitoterapica qui descritta risulterà essere ricchissima di decine di migliaia di vitamine e di complessi pro-vitaminici, capaci di detossificare gli organi e gli apparati emuntori (apparato gastro-intestinale, fegato e reni, vedi cap.9 e 12), d?innescare il fenomeno dell?apoptosi nelle cellule tumorali (vedi capitolo 5), cioè d?indurre la riattivazione degli enzimi di endonucleasi, con successiva auto-distruzione del DNA della cellula neoplastica e, soprattutto, di dare inizio alla cascata immunitaria (vedi capitolo 4), cioè d?indurre la riattivazione dei Linfociti Natural Killer, dei Linfociti B (con produzione di anticorpi policlonali diretti verso gli antigeni tumore-associati delle cellule malate), dei linfociti Killer, di monociti, granulociti etc?). A completamento della terapia così descritta, sarà anche importante, secondo l?autore del presente lavoro, che il paziente esegua attività fisica moderata per non indurre l?organismo a consumare le proprie masse muscolari per sopperire alla richiesta biochimica da parte del tumore di vitamina B12 e di acidi nucleici da parte delle cellule tumorali. Infine, la detossificazione epatica dalle tossine tumorali risulterà anch?essa necessaria, per evitare il fallimento della terapia stessa, una volta avviata la risposta immunitaria (VES), con infiammazione relativa della neoplasia ed immissione nel sangue delle sue pericolose tossine tumorali. Interessanti, risultano essere quindi i confronti della ?Medicina Classica Fitoterapica? con le ?moderne? terapie anti-tumorali, tutte a base di Chemioterapia, Radioterapia e Chirurgia. Si riporta, a tale scopo, un?indagine retrospettiva sulla cura del Melanoma attuato dalla ?Terapia Gerson? confrontata con ?Terapie Convenzionali? (Chirurgia, Radioterapia, Chemioterapia)....
---------------------------------
Titolo: MINERALOGRAMMA - ANALISI MINERALE TISSUTALE DEL CAPELLO
Libro intro: L’A.M.T. si differenzia dalle consuete analisi ematiche, in quanto rivela la reale situazione endocellulare dei tessuti, non solo del capello, ma, in base alle indagini effettuate in oltre quarant’anni su centinaia di migliaia di pazienti, dell'intero organismo. L’A.T.M. va considerato un test di screening e non diagnostico. Tuttavia indica la tendenza ad una trentina tra le maggiori patologie, incluse quelle dovute ad immunodeficienze, infezioni, osteoporosi, disfunzioni tiroidee e surrenaliche, patologie dell’apparato digerente, riproduttivo respiratorio, osteoarticolare e numerose altre. Inoltre, indicazioni precise vengono fornite sulla personalità ed il comportamento. Lo studioso che ha posto le basi per l’indagine ai capelli dell’uomo è stato il dr. Clivet, ricercatore statunitense, che ha sperimentato prima il mineralogramma in campo agronomico e veterinario. I maggiori ricercatori statunitensi sono stati successivamente il Dr. David Watts, il Dr. George Watson, i Dr. Paul Eck e Lawrance Wilson; in Italia un ricercatore di fama è il medico Massimo Pandiani, autore di alcuni testi approfonditi sull’argomento (Tecniche Nuove, vedi bibliografia). Fondamenti dell’A.M.T. 4 Prelievo ed esame 10 Il referto 12 Metabolizzatore veloce 16 Metabolizzatore lento 21 I Minerali tossici 25 Tabelle vitamine e minerali 32 Fisiologia dello stress 39 I Rapporti Minerali Ca/P 40 Na/Mg 44 Ca/K 45 Na/K 47 Ca/Mg 50 Zn/Cu 53 Fe/Cu 54 I quadri minerali 56 I “Quattro Bassi” 57 I “Quattro Alti” 58 Squilibrio del Cu 59 Valutazione digestiva e alimentare 61 Valutazione del sistema immunitario 62 Valutazione cardiovascolare 63 Valutazione strutturale 64 DEHA 65 Bibliografia 68...
---------------------------------
Titolo: MISTERO DELLA SECONDA NASCITA
Libro intro: Vincenzo PISCIUNERI - IL MISTERO DELLA SECONDA NASCITA3 L’ISTITUZIONE DEI MISTERI3 Figura 1 Simbolismo di Bes-pesce, l’Iniziatore5 SETTE GIORNI DI MISTERO5 INSEGNAMENTO ORFICO 7 Figura 2 L’Uccello Nero dell’Eternità 7 Figura 3 Trittolemo 9 LA NASCITA ED ESPIAZIONE PER L’UOMO COMUNE10 LE DUE VIE12 Figura 4 Lamina d’oro di Turi 12 Figura 5 Le Due Vie del Sole14 Figura 6 Le due Vie Sarcofago del Medio Regno 15 IL GUARDIANO DI JUANA COELI15 Figura 7 Capricorno 15 Figura 8 Makara, il drago16 Figura 9 Bes armato di fronte al candidato 16 L’ALLEGORIA DI GIOBBE16 Figura 10 Portatore di agnello (Moscoforo 570 aC) 17 LA SECONDA NASCITA DI LAZZARO 17 Figura 11 Giotto – resurezzione di Lazzaro19 LA DISCESA NELLA CRIPTA 19 Figura 12 Vishvakarman - Museo di Kyoto21 Figura 13 Sigillo raffigurante Orfeo in Croce21 Figura 14 Pozzo di S Cristina 22 Figura 15 L’ingresso nel mondo capovolto 23 Figura 16 Sobek dalla testa di coccodrillo 23 LE PORTE DELLA MORTE23 Figura 17 Papiro di Huberen, I Due Leoni25 Figura 18 Sacerdote di Osiride, rivestito con pelle di pantera 26 IL GIUDIZIO, LA PSICOSTASIA 27 Figura 19 Osiride sul trono a forma di cubito27 Figura 20 Pesatura del cuore del Defunto27 Figura 21 Leviatan e Ippopotamo di William Blake28...
---------------------------------
Titolo: MISTERO E PERSONALITA' DI CHRISTIAN ROSENKREUZ
Libro intro: Miei cari amici teosofi, con profonda soddisfazione io parlo qui per la prima volta, in questa sezione che da poco tempo è attiva, e per la quale hanno scelto un nome così caro al nostro movimento teosofico. E' per me una soddisfazione tutta speciale, il poter parlare oggi di questa personalità; ma ciò non sarà possibile senza gettare uno sguardo su tutto l'attuale movimento teosofico. Parlerò oggi del mistero di questa personalità e domani della sua opera. Il parlare di Christian Rosenkreuz, presuppone una certa fiducia non nell'uomo, ma nei misteri spirituali. Si penetra in cose profondamente segrete, prendendo a parlare di tali misteri; e quando ciò avviene in occasione della fondazione della sezione teosofica, è presupposto già che tutti i suoi membri riconoscano la vita spirituale. E quando una sezione teosofica si e prescelta il nome di Christian Rosenkreuz, così importante per la vita spirituale, a tal fatto deve anche, ammesso che questo nome debba essere giustamente compreso, collegarsi la fede in una azione invisibile, determinata da questa personalità. Christian Rosenkreuz è una individualità la quale esercita la sua azione sulla vita spirituale degli uomini, non soltanto durante il periodo delle sue incarnazioni fisiche, ma anche dopo la liberazione del corpo e durante il soggiorno nei mondi spirituali....
---------------------------------
Titolo: MITI, SOGNI E MISTERI
Libro intro: Nota editoriale 6 PREMESSA 10 NOTA BIBLIOGRAFICA 15 1 I MITI DEL MONDO MODERNO 17 NOTE 27 2 IL MITO DEL BUON SELVAGGIO O LA SUGGESTIONE DELLE ORIGINI 29 Una isola muy hermosa 29 Le preoccupazioni del cannibale 31 Il buon selvaggio, lo yogi e lo psicanalista 34 NOTE 40 3 IL SIMBOLISMO RELIGIOSO E LA VALORIZZAZIONE DELL'ANGOSCIA 43 NOTE 54 4 LA NOSTALGIA DEL PARADISO NELLE TRADIZIONI PRIMITIVE 55 NOTE 64 5 ESPERIENZA SENSORIALE ED ESPERIENZA MISTICA PRESSO I PRIMITIVI 67 Osservazioni preliminari 67 Malattia e iniziazione 68 Morfologia dell'elezione 71 Illuminazione e visione interiore 73 Il cambiamento dell'ordine sensoriale 75 Percezione extrasensoriale e poteri extramentali 77 Il calore magico e il potere sul fuoco 80 I sensi, l'estasi e il paradiso 82 NOTE 85 6 SIMBOLISMI DELL'ASCENSIONE E «SOGNI IN STATO DI VEGLIA» 89 Il volo magico 89 Mircea Eliade MITI, SOGNI E MISTERI 4 I sette passi del Buddha 96 Durohana e il sogno in stato di veglia 100 NOTE 105 7 POTENZA E SACRALITA' NELLA STORIA DELLE RELIGIONI 109 Le ierofanie 109 Il mana e le cratofanie 111 Personale e impersonale 112 Varietà dell'esperienza religiosa 115 Il destino dell'Essere Supremo 116 Gli dèi forti 119 Religioni indiane della potenza 122 Il calore magico 124 Potenze e storia 126 NOTE 130 8 LA TERRA MADRE E LE IEROGAMIE COSMICHE 135 Terra Genitrix 135 Miti di emersione 136 Ricordi e nostalgie 140 Mutter Erde 140 Humi positio La deposizione del bimbo per terra 142 La matrice sotterranea Gli embrioni 144 Il labirinto 145 Ierogamie cosmiche 146 Androginia e totalità 147 Un'ipotesi storico culturale 148 Lo stato primordiale 150 Izanagi e Izanami 151...
---------------------------------
Titolo: MOLTE VITE MOLTI MAESTRI
Libro intro: Premessa So che vi è una ragione per tutto. Forse nel momento in cui una cosa avviene non abbiamo né l'intuizione né il presentimento per comprenderne la ragione, ma col tempo e la pazienza, essa viene alla luce. Così fu con Catherine. La incontrai nel 1980, quando aveva ventisette anni. Era venuta nel mio studio cercando aiuto per attacchi di ansietà, panico e fobie. Sebbene questi sintomi si fossero presentati fin dall'infanzia, negli ultimi tempi erano molto peggiorati. Ogni giorno di più si sentiva paralizzata emotivamente e incapace di agire. Era atterrita e incomprensibilmente depressa. In contrasto con il caos che invadeva allora la sua vita, la mia fluiva tranquillamente. Ero felicemente sposato, avevo due bambini e una carriera promettente. Fin dall'inizio la mia vita sembrava avere seguito un corso senza ostacoli. Ero cresciuto in una casa piena d'affetto. I successi accademici erano venuti facilmente e già nel secondo anno di università avevo deciso di divenire psichiatra. Avevo ottenuto con lode i diplomi Phi Beta Kappa dalla Columbia University di New York nel 1966. E alla Vale University School of Medicine avevo conseguito la laurea nel 1970. Dopo un internato al New York University-Bellevue Medicai Center, ero tornato a Vale per completare la specializzazione in psichiatria. In seguito ero entrato nel corpo docente dell'Università di Pittsburgh. Due anni dopo ero passato all'Università di Miami come direttore della divisione di psicofarmacologia. Là avevo raggiunto fama nazionale nei campi della psichiatria biologica e della tossicodipendenza. Dopo quattro anni all'università fui promosso al grado di professore associato di psichiatria alla facoltà di medicina e nominato primario di psichiatria in un grande ospedale di Miami collegato all'università. A quel tempo avevo già pubblicato trentasette fra scritti scientifici e libri nel mio campo. Anni di studio disciplinato avevano abituato la mia mente a pensare da scienziato e da fisico lungo gli angusti sentieri del conservatorismo nella mia professione. Negavo tutto ciò che non potesse essere provato con i metodi scientifici tradizionali. Conoscevo alcuni studi di parapsicologia che venivano condotti nelle maggiori università del paese, ma essi non richiamavano la mia attenzione. Tutto questo mi sembrava troppo cervellotico e raffazzonato. Poi incontrai Catherine. Per diciotto mesi usai metodi :onvenzionali di terapia per eliminare i suoi sintomi. Quando nulla parve funzionare tentai l'ipnosi. In una se- ne di stati di trance, Catherine rievocò ricordi di «vite passate» che si dimostrarono i fattori causali dei suoi sintomi. Lei riuscì anche ad agire come canale di informazione per «entità spiritiche» altamente evolute e attraverso di esse rivelò molti segreti della vita e della morte. In soli pochi mesi i suoi sintomi scomparvero e lei riprese la sua vita, più felice e tranquilla di quanto fosse mai stata. Nulla mi aveva preparato a questo. Rimasi assolutamente stupito quando questi eventi si rivelarono. DI Brian Weiss...
---------------------------------
Titolo: MORIRE E' BELLO PIU' CHE NASCERE
Libro intro: di Paolo Vita - Indice : Nascere e morire La nascita, secondo i parenti La morte, nella comune accezione La vita e la morte: come saperne di più? PRIMA PARTE: ESPERIENZE Osservazioni al letto di morte NDE: La morte nel racconto dei "risorti" La morte nelle regressioni La nascita nelle regressioni SECONDA PARTE: SCAMBI CON L'OLTRE Messaggi Visioni e viaggi CONCLUSIONI APPENDICE I - Il monologo di Amleto --- Da molti anni mi occupo di ricerca spirituale. Nel farlo ho, tra l'altro, avuto modo di leggere molti libri che trattano della vita e della morte. Uno di questi fu quello di Suzanne Ward "Matthew, parlami del Paradiso", che riporta i colloqui medianici tra una madre ed il figlio defunto. Mi colpì perché il defunto descrive dettagliatamente il processo della sua morte e la situazione dell'Aldilà, in toni molto entusiastici, sebbene si trattasse di una persona comune, non di un santo che meritasse chi sa quali accoglienze in Paradiso. Sicché decisi di saperne di più e da fonti più possibilmente oggettive. Mi sono così imbattuto in una serie di informazioni sulle esperienze di nascita e di morte. Tali informazioni provengono da molti studiosi e scienziati i quali si sono occupati di persone morenti, che furono in coma, oppure che si sottoposero a regressione ad eventi della loro nascita e di vite passate. Ne sono scaturite informazioni che contrastano con il comune sentire delle masse, riguardo agli eventi di nascita e morte. Infatti, comunemente la nascita è considerata un evento assai gioioso e benaugurale, mentre la morte è stata sempre vista con timore: una sventura ed una gran tristezza, nel caso di morte naturale, o addirittura come la massima punizione, in caso di morte procurata. E' stato proprio il contrasto tra tale comune sentire e le informazioni che scaturiscono dall'analisi delle regressioni che mi ha indotto a riassumere tali risultati per evidenziarli e condividerli coi lettori, in modo da rettificare, per quanto possibile, quest'ottica. L'ottica tradizionale sembra fossilizzata su quella dei parenti ed amici, mentre il punto di vista del soggetto è completamente ignorato. Non pretendo che quanto esposto, pur essendo tratto da molte relazioni di autori seri e qualificati, sia oro colato, o verità incontestabile, ma ritengo che possa essere un modello razionale, utile a migliorare la nostra immagine del mondo e della vita e sopratutto possa ridimensionare il timore esagerato della morte. Questo libro non fa filosofia, non pretende di dimostrare l'esistenza dell'anima o dell'Aldilà, né espone teorie, ma solo resoconti di esperienze che possono essere utili a molti ed allietare la loro vita, fornendo un quadro tranquillizzante, anzi esaltante, più che propugnando delle ideologie. La concordanza delle descrizioni di tutte le decine e decine di libri sulle ricerche in materia sembra più convincente di un'analisi teorica. Chi desideri ancora dilettarsi di disquisizioni su ipotesi alternative, sollevate da scettici può leggere altri testi, menzionati in bibliografia: molti di essi, specie quelli più pionieristici, abbondano di tali valutazioni. D'altra parte siamo in un periodo di rapidi cambiamenti, in cui è opportuno riconsiderare tutte le nostre conoscenze, tradizioni ed insegnamenti, pena l'esclusione dall'evoluzione in atto. Oltre ai risultati di ricerche su esperienze in punto di morte e ricordi di regressioni, che formano la prima parte del libro, ho ritenuto di completare la visione del soggetto con una seconda parte, formata dal riassunto di una serie di informazioni di altra origine, che per alcuni è considerata meno sicura: quella dei messaggi paranormali, provenienti da medium e sensitivi, che ci informano più ampiamente sulla situazione dell’Aldilà. Anche queste informazioni non pretendono di convincere gli scettici preconcetti, ma sono rivolte a chi è aperto a considerare le testimonianze altrui, con animo disponibile e desideroso di sapere. In ogni caso è bene tener presente che si tratta di informazioni probabili, raccolte al meglio delle esperienze e delle rivelazioni, ma costituenti un modello di interpretazione del mondo. Il mondo dell'Aldilà è poi assai più soggettivo di quello terreno, che è già soggettivo e discutibile....
---------------------------------
Titolo: MORTE E IMMORTALITA' - I QUADERNI DELLA STAZIONE CELESTE: N°1
Libro intro: I QUADERNI dell a STAZIONE CELESTE N°1 - Una selezione adi Messaggi Canalizzti che trattano la tematica del