Se ti piace il nostro sito votalo adesso con un click sul pulsante Google +1 qui sotto :


Perche' quando l'intestino e' felice lo siamo anche noi

Sapere come nasce e si forma il microbiota, l’insieme dei microorganismi simbiotici che compongono l’intestino, conoscerne le funzioni, come fare per mantenerlo in salute e quali sono i disagi che corre se abbiamo abitudini scorrette può aiutarci a migliorare la nostra vita, perché quando l’intestino è felice lo siamo anche noi.

Cos’è il Microbiota
Quando parliamo di “microbiota umano”, dal greco micròs (piccolo) e bìos (vita), intendiamo l’insieme di tutti quei microorganismi che vivono in sintonia con il corpo umano. Si potrebbe dire che il microbiota sia “una microvita” che ci accompagna e ci aiuta sin dalla nascita, il microbiota è composto da un numero di batteri di gran lunga superiore al numero delle stesse cellule umane. Per quanto si possa definire “micro”, va detto che secondo alcune ricerche si parla di 10 trilioni di cellule umane contro 100 trilioni di cellule batteriche localizzate principalmente nell’apparato digerente e nel colon, con 4 milioni di tipi diversi di batteri. Il peso stesso dei batteri intestinali è notevole: secondo alcuni studi, in una persona di 70 chili, il loro peso equivale a 1 chilo e mezzo.

In passato il microbiota veniva chiamato con il termine più generico di flora batterica intestinale perché i batteri, ancora sconosciuti, erano considerati alla stregua di piante, da qui il concetto di “flora” intestinale. Come le piante, anche i batteri infatti si distinguono per habitat, alimentazione e grado di velenosità.

 
Le funzioni del microbiota
Queste due comunità di esseri viventi, l’organismo pluricellulare, ovvero il nostro corpo, e i colonizzatori (microbioti) hanno iniziato a convivere e a trovare regole per ottenere vantaggi reciproci. L’organismo pluricellulare procura una casa e del cibo; il microbiota ricambia producendo per esempio la vitamina K, fondamentale per la corretta coagulazione del sangue, e la vitamina B12, fondamentale per la formazione dei globuli rossi. Se ben formato, il microbiota oltre a fornire questi utili nutrimenti, impedisce la crescita di microrganismi non funzionali per noi: mediante i suoi enzimi elimina quello che non riusciamo a sminuzzare e a digerire. Interviene nel metabolismo degli acidi biliari, garantisce integrità alla mucosa intestinale, demolisce i veleni e mantiene in buona forma il sistema immunitario.

Per la precisione, il rapporto tra microbiota e sistema immunitario è ben più stretto di così: i due sono praticamente coinquilini, visto che gran parte del nostro sistema immunitario (circa l’80 per cento) è situato proprio nell’intestino. E non potrebbe essere altrimenti visto che è qui che si trova la più alta concentrazione di batteri (e funghi, lieviti, virus e altri organismi unicellulari) e che il sistema immunitario ha il compito fondamentale di tenere a bada ed eliminare tutto ciò che può rappresentare un pericolo per l’organismo.

L’intestino è il secondo cervello del nostro corpo
Un’altra scoperta ancora più stupefacente ci dice che questi innumerevoli e microscopici esseri sono dotati di un intelligenza straordinaria. Il dottor Anthony Bassler, professore di gastroenterologia a New York, ha scoperto infatti che i batteri comunicano tra loro attraverso sostanze chimiche con due modalità: un linguaggio comune a tutti i batteri chiamato Al 2, e un altro linguaggio caratteristico per ogni specie, Al 1. Grazie a questa lingua chimica ogni specie batterica ha la capacità di connettersi a esse e coordinare il proprio comportamento. I microrganismi sono esseri sociali: collaborano tra loro e cooperano per il benessere comune.

 
Inoltre è stato scoperto che questa capacità di comunicazione consente ai batteri microbiotici d’influenzare notevolmente le nostre scelte e le nostre reazioni. In particolare, secondo la teoria dell’olobionte (insieme di organismi in simbiosi tra loro), i batteri che formano il nostro microbiota hanno la capacità di produrre sostanze chimiche che inducono nell’uomo comportamenti utili sia al batterio sia al microbiota stesso. I batteri sono circa 10 volte più numerosi delle cellule che costituiscono il corpo umano e possiedono un patrimonio genetico più ricco del nostro, per questo possiamo presumere che molti dei nostri comportamenti, atteggiamenti emotivi e condizionamenti alimentari siano indotti da questi ultimi.

Per questi ricercatori il microbiota influenza direttamente la nostra qualità di vita, i pensieri, le nostre abitudini alimentari, il nostro metabolismo e perfino la scelta del partner! Per questo motivo è importante riflettere sul modo in cui influenziamo il microbiota attraverso l’utilizzo di antibiotici, germicidi, cibo con conservanti, lavaggi troppo frequenti e una cattiva alimentazione. Inoltre si è scoperto che i batteri (sia simbionti che non) sono in grado di influenzare la mente attraverso sostanze che inviano al Sistema Nervoso Centrale. Quindi si può dire che l’influenza del microbiota nella nostra vita abbia più “peso” di quella che c’immaginavamo, in tutti i sensi.

Loading...
Nell’intestino ha sede il sistema nervoso enterico formato da cento milioni di neuroni: esso trasmette le proprie sensazioni viscerali proprio tramite la rete di neuroni e permette all’organismo di svolgere la digestione e altre funzioni complesse senza l’intervento diretto del cervello. Sappiamo che i segnali provenienti da diverse parti del corpo vengono inviati al cervello ed eleborati da sue aree specifiche. Lo stesso vale nella comunicazione tra intestino e cervello, tra la pancia e la testa. Spesso ci sentiamo guidati a compiere scelte di pancia, e le crediamo irrazionali, mentre le scelte di testa ci sembrano ragionevoli e “più giuste”: bè sarai sorpreso di scoprire che c’è molta testa anche nell’intestino e che le scelte di pancia non sono poi così insensate. I segnali dell’intestino possono giungere in diverse zone del cervello e precisamente nelle seguenti: insula (o corteccia insulare), sistema limbico, corteccia prefrontale, amigdala, ippocampo e corteccia cingolata anteriore. Semplificando molto, possiamo attribuire alle aree indicate sopra le seguenti funzioni:

Insula: senso del sé
Sistema limbico: elaborazione dei sentimenti
Corteccia prefrontale: senso dell’etica
Ippocampo: memoria
Corteccia cingolata anteriore: motivazione
A livello fisico, cervello e intestino sono collegati dal nervo vago: esso parte dal midollo allungato e arriva fino allo stomaco. Cervello e intestino sono posti agli antipodi del corpo umano e hanno anche una collocazione nient’affatto simile. Il primo è isolato e protetto, il secondo è in mezzo alla mischia ed è in grado di dire cose di noi che altrimenti il cervello ignorerebbe. La collaborazione tra questi due organi fondamentali inizia quando siamo neonati e si concentra sulla creazione del nostro mondo emotivo.

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
Se respiri meglio riderai di più
29 OTTOBRE (a bOLOGNA)
SE RESPIRI MEGLIO RIDERAI DI PIU'
 

Se respiri meglio riderai di piu' : BREATHWORK e YOGA DELLA RISATA

SESSIONE ESPERIENZIALE : POTERE DEL RESPIRO BREATHWORK + YOGA DELLA RISATA

Potrai conoscere un nuovo modo di respirare e anche esperirlo, potrai attraverso una sola esperienza iniziare a comprendere quanto sia importante respirare correttamente per migliorare la tua vita e la tua salute mentale, fisica e spirituale…E POTRAI ANCHE INIZIARE A RIDERE DI PIU' nel pomeriggio con lo Yoga della Risata.

La sessione si terra' dalle ore 9,30 alle 12,30 .     L'investimento e' di 45 Euro
PER LEGGERE DI PIU' : http://www.spaziosacro.guru/se-respiri-meglio-riderai-di-piu/

Quando abbiamo la pancia piena e digeriamo bene proviamo piacere, quando abbiamo le coliche ci lamentiamo per il dolore. Questo rapporto di base continua evolvendosi negli anni, legando indissolubilmente benessere emotivo e fisico. Uno dei primi studi che riporta gli effetti benefici di una terapia intestinale sul cervello risalgono ad anni recenti (2013) ed è la conferma che se l’intestino sta bene, anche il cervello prospera.

Come far felice il nostro intestino
L’alterazione del microbiota si può considerare come la risposta del corpo a un modello alimentare troppo ricco di:

Zuccheri raffinati e dolci
Carne
Cibi industriali
Amidi
Farmaci
Lassativi
Additivi alimentari
Alcol
Cibo in generale
Prodotti caseari
E allo stesso tempo povero di alimenti come:

Ortaggi
Frutta
Noci
All’alimentazione sbilanciata, si aggiunge l’uso eccessivo di antibiotici, lo stress quotidiano che è da non sottovalutare quando si tratta della salute dell’intestino, e anche – paradossalmente, un igiene eccessiva. Oltre a curare questi fattori, alcuni strumenti utili sono l’idrocolonterapia e il digiuno.

Bibliografia e approfondimento: “L’intestino intelligente” di Giuseppe Cocca

 

 


Giuseppe Cocca, laureato in Medicina e Chirurgia, con diploma di Medicina Tradizionale Cinese, Agopuntura e Omeopatia, tiene conferenze in tutta Italia di Alimentazione Naturale e Raw Food, Digiuno Consapevole, Nuova Igiene Naturale. Ha studiato Natural Hygiene con il dr. Kaki Siidwa allievo diretto di H.M. Shelton e con Desirè Merien, uno dei massimi esponenti dell’Igienismo Francese.

https://www.dionidream.com/giuseppe-cocca-intestino/

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

http://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

http://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

Ancora nessun commento ...
Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento. Entra ora !