Se ti piace il nostro sito votalo adesso con un click sul pulsante Google +1 qui sotto :


Funghi ai piedi e alle unghie : rimedi naturali

Le infezioni fungine che colpiscono gli strati superiore della pelle e le unghie sono solitamente causate da organismi conosciuti come dermatofiti. La dermatofitosi (tricofizia o tigna), è spesso responsabile di prurito all'inguine, piede dell'atleta e altri fastidi che colpiscono la cute.

 

Tali infezioni tendono a svilupparsi prima sulla pelle e nei polmoni perché le spore fungine si trovano solitamente nell'aria o sul suolo con cui si entra in contatto. Nella maggior parte dei casi, questi fastidi non sono gravi, a meno che il proprio sistema immunitario sia in qualche modo compromesso. Tuttavia, possono esistere dei tipi di micosi sottocutanee che colpiscono il derma e sono difficili da trattare, quindi richiedono l'intervento da parte di uno specialista; lo stesso discorso vale per le micosi sistemiche che vanno a interessare polmoni e altri organi.

 

In quest'articolo vogliamo proporre dei metodi naturali per trattare quei funghi della cute che di solito crescono lentamente e possono causare diversi fastidi quali pruriti, eruzioni cutanee, vescicole, screpolature, arrossamenti e desquamazione della pelle.

 

► Olio di Tea Tree

 

Basta far cadere qualche goccia di olio dell’albero del tè (Melaleuca alternifolia) direttamente sulla zona infetta da micosi e lasciar asciugare. I principi di tale olio sono in grado di danneggiare la membrana del fungo senza andare a colpire i tessuti sani.

 

Un altro modo per usare l'olio di tea tree è quello di diluirne 10 gocce in acqua tiepida, insieme a 3 cucchiai di sale marino. Mescolare bene il tutto e immergere i piedi, lasciandoli in ammollo per circa 20 minuti. Se si vuole, si può applicare sull'area interessata qualche goccia di olio di tea tree dopo il pediluvio. In questo modo si potrà provare subito sollievo. Ripetere quotidianamente questo rimedio fino alla scomparsa della micosi.

 

Un buon olio essenziale alternativo a quello di tea tree è l'olio essenziale di origano, utile soprattutto per i funghi che interessano le unghie.

 

► Aceto e acqua

 

In una bacinella pulita, versare un mix composto per metà da acqua tiepida e metà da aceto. Se si vuole rendere la diluizione ancora più forte aggiungere anche dell'alcol, in una concentrazione che non superi 1/3 del composto.

 

Immergere la zona infiammata nella miscela per circa 30 minuti. Se è stato aggiunto l'alcol, tenere in ammollo per circa 5 minuti. Far asciugare i piedi all'aria. Si consiglia di adottare questa soluzione durante la sera, prima di coricarsi. Ripetere fino a quando il fungo svanisce.

 

► Aglio

 

L'aglio è un antibiotico naturale noto per le sue proprietà anti-fungine, antibatteriche e antivirali, per questo viene usato da secoli come rimedio casalingo per curare diversi disturbi (leggi: Usare l'aglio come antibiotico naturale).

 

Per il trattamento con l'aglio, sono necessari alcuni spicchi della pianta. Schiacciare gli spicchi e strofinarli direttamente sulla zona infetta. Tale cura è particolarmente indicata per i funghi delle unghie.

 

È possibile anche immergere le unghie in una piccola ciotola contenente il succo d'aglio fresco ottenuto schiacciandolo. Lasciare a bagno le unghie per alcuni minuti e ripetere l'operazione due volte al giorno.

 

Se non si avvertono particolari fastidi mangiando questo vegetale, si può altresì ingerire dell'aglio crudo in modo da rinforzare il proprio sistema immunitario, ed evitare ulteriori propagazioni dell'infezione, agendo dall'interno.

 

► Aceto di sidro di mele

 

L'aceto di sidro di mele è un altro rimedio naturale contro le infezioni fungine. Imbevere un batuffolo di cotone nell'aceto di sidro di mele e applicare sulla zona interessata, quindi lasciar asciugare. Per tenere fermo il batuffolo, è possibile utilizzare un cerotto. Questo trattamento può essere usato in aggiunta a quello con l'aglio.

 

► Tabebuia impetiginosa

 

La tabebuia impetiginosa è una pianta dalle proprietà anti-fungine, antibatteriche, antivriali, anti-parassitarie e anti-infiammatorie. Secondo la American Cancer Society, la tabebuia avellanedae contribuisce a trattare le infezioni, riduce l'infiammazione, favorisce la digestione e rafforza il sistema immunitario. La tabebuia impetiginosa è un albero che cresce nelle foreste pluviali del Centro e Sud America, e solitamente nella medicina alternativa viene usata soprattutto la sua corteccia per preparare rimedi naturali.

 

► Conclusione

 

Le infezioni fungine possono essere estremamente difficili da trattare nei casi in cui sono sottocutanee, nei casi di deficienze immunitarie e di micosi sistemiche. Si consiglia di usare i rimedi naturali sopra descritti nelle situazioni più comuni, vale a dire micosi superficiali e cutanee; in circostanze più gravi bisogna invece consultare uno specialista.

 

Fonte: http://www.beautyerelax.com/salute/240-funghi-ai-piedi-dell-atleta-unghie-rimedi-metodi-naturali-per-curare-la-micosi-o-dermatofite-tricofizia-tigna.html

 

-------------------

 

Sebbene il consiglio principale, in caso di infezioni micotiche, è quello di rivolgersi tempestivamente al proprio medico, in modo da avere la giusta cura a seconda del caso, è possibile avvalersi dell’aiuto di alcuni rimedi naturali che, utilizzati insieme quotidianamente, possono dimostrarsi utili ed efficaci, specie quando siamo agli inizi dell’infezione oppure quando vogliamo osservare regole di igiene e pulizia giornaliera, che evitino l’aggressione di aree più estese.

Decotto: Bollire per 15 minuti in un litro d’acqua 40gr di radice di bardana e 15gr di timo. Prima di bere il decotto, aggiungere 30 gocce di estratto di propolis. Tale rimedio naturale serve per rinforzare le nostre difese immunitarie, e soprattutto, svolge azione depurativa sulla pelle, contro infezioni, impurità, acne ed irritazioni. E’, dunque, assai utile per ridurre il più possibile l’aggressione della pelle ed i tempi di cicatrizzazione e scomparsa dell’infezione

Sapone di Marsiglia: Detergete regolarmente la pelle con Sapone di Marsiglia liquido aggiungendo una goccia di olio essenziale al timo rosso; tale trattamento di detersione, abbasserà il ph troppo acido della nostra pelle, che è uno degli ambienti preferiti dai  ed eviterà che possa diffondersi ulteriormente.

Maleuca Alternifolia: Particolarmente efficace come rimedio naturale antimicotico sono le foglie di un albero australiano, la Malaleuca Alternifolia, il cui estratto in gocce può essere aggiunto ad acqua per pediluvi di circa 15 minuti.  Il dosaggio consigliato è di circa 6/8 gocce per ogni litro d’acqua. Può essere utilizzato come trattamento di igiene quotidiana sulla pelle colpita da , per almeno 30 giorni, per ridurre l’aggressione del fungo sulla pelle.

------------

Per la cura della micosi delle unghie di mani e piedi esistono diverse terapie, più o meno semplici, conosciuta con il nome scientifico di onicomicosi, come anticipato, questa infezione delle unghie può colpire sia i piedi sia le mani, ma quelle dei piedi sono più comuni. Si consiglia di non acquistare e usare medicamenti contro i funghi senza prima avere una appropriata conoscenza dei loro effetti. Potreste peggiorare il disturbo, facendo insorgere germi. Anche una terapia incompleta potrebbe rendere l’infezione resistente e quindi richiedere farmaci ancora più forti, dai maggiori effetti collaterali.

 

 

 

 

Micosi delle unghie

 

Esistono rimedi naturali per curare la micosi delle unghie?

Applicare rimedi casalinghi, come il Vicks Vaporub, la birra, l’aceto di vino per combattere ed eliminare l’infezione è solo una perdita di tempo, perché queste sostanze non possono raggiungere i funghi sotto le unghie e quindi non aiutano a risolvere il problema alla radice. Il trattamento di questo disturbo necessita quindi di rimedi che giungano sotto le unghie distruggendo l’infezione.

 

L’onicomicosi e le possibili cure in dettaglio

L’infezione da funghi alle unghie colpisce le persone di ogni età e sesso. L’infezione progredisce molto lentamente e quando le unghie iniziano a guarire, altri unghie iniziano a mostrare i sintomi. In molti casi si ha peggioramento in assenza di una terapia e il problema può diventare impossibile da trattare. Se non viene trattata, l’onicomicosi può provocare dolore, imbarazzo e frustrazione. È ovvio che a causa della decolorazione delle unghie, fino al cattivo odore nei casi più avanzati, le persone vorrebbero risolvere rapidamente il problema. Esistono rimedi erboristici che giocano un ruolo molto importante nel risolvere questo disturbo senza gli effetti indesiderati proprio dei farmaci prescritti dai medici. Abbiamo condotto ricerche intensive su un certo numero di terapie, comprese le più diffuse come Funginix, Zetaclear e Lamisil. I risultati danno una buona idea di quali farmaci erboristici antifungini lavorano meglio e quali no. Lo studio ha riguardato alcuni volontari, che si sono sottoposti al test per un periodo di 6 mesi. Tutti soffrivano di infezione alle unghie da funghi da oltre 3 anni e avevano provato vari tipi di trattamenti. Sono stati trattati per 5 mesi con antifungini. I risultati dello studio sono presentati in forma di classifica per le soluzioni top che hanno dato i maggiori effetti sui soggetti del test. I farmaci naturali di maggiore efficacia sono risultati Funginix e Zetaclear.

 

Consigli e suggerimenti per gestire ed evitare lo scurimento o l’ingiallimento delle unghie

quando vi accorgete che i sintomi si sono estesi da un’unghia alle altre unghie dovete trovare il modo migliore per eliminare il fungo, poiché è contagioso

è di vitale importanza utilizzare i medicinali nel dosaggio appropriato e in specifiche occasioni giornaliere. Ogni dosaggio mancato può non fare eliminare il problema come desiderato. Usualmente, i farmaci vanno assunti fino a che le unghie morte non sono state completamente rimosse e le unghie ricrescono pulite e bianche

stare alla larga dai metodi di lucidatura delle unghie poiché possono mantenere i sintomi delle unghie decolorate e sfigurate causati da vari tipi e stadi di onicomicosi

la decolorazione delle unghie è un sintomo estremamente comune in queste infezioni. Accorgersi di questo sintomo allo stato iniziale della malattia può prevenire danni maggiori e, nei casi estremi, la rimozione chirurgica dell’unghia

evitare le docce e i bagni pubbliche poiché in questi luoghi si annidano i funghi che possono infettare le unghie. Usare solo il proprio tagliaunghie. Se vi recate in un centro estetico per il taglio delle unghie, assicuratevi che gli strumenti siano stati accuratamente disinfettati

per evitare una infezione delle unghie dei piedi, tenere le unghie curate, tagliate e con i bordi regolari. Se si notano anomalie delle unghie, rivolgersi a un podologo. Cercare di tagliare le unghie dei piedi diritte e lasciarle appena più lunghe della pianta del piede. Non tagliare le unghie troppo in profondità, non tagliare la pelle poiché questo può causare una infezione. Il momento migliore per tagliare le unghie è dopo il bagno o la doccia, poiché sono più morbide e facili da tagliare.

non condividere asciugamani, scarpe e altri oggetti personali con altri, specie se si ha il sospetto che questi possano avere una infezione da funghi o altre malattie contagiose

quando ci si lava i piedi, usare un asciugamano per strofinare vigorosamente le dita e rimuovere la pelle morta, migliorando la circolazione

cambiarsi i calzini spesso; pulire i piedi ogni giorno, utilizzando anche uno spazzolino per le unghie

se avete problemi di circolazione dovuti a diabete o a disturbi periferici vascolari, dovreste andare periodicamente dal podologo e avere molta cura delle unghie dei piedi; indossate scarpe adatte a questi tipo di problemi dei piedi. Indossate scarpe e calzini della giusta misura, non troppo stretti. Non indossate scarpe chiuse, specialmente scarpe da jogging, quando non sia strettamente necessario. Toglietele prima possibile.

se fare un lavoro che mette a rischio di infortunio i piedi, indossate scarpe con la punta di acciaio o altri dispositivi di protezione.

Per concludere

Se queste misure preventive non funzionano sulle infezioni da funghi, occorre iniziare un trattamento. Uno dei migliori prodotti sul mercato è Funginix, che agisce in modo veloce e non ha effetti collaterali.

 

http://www.inerboristeria.com/micosi-delle-unghie-dei-piedi-delle-mani.html

 

--------------------

 

A volte capita di notare dei puntini bianchi o giallastri e deformazioni sulla superficie delle unghie di mani e piedi: potrebbero essere una manifestazione di onicomicosi, un’infezione fungina che colpisce prevalentemente le unghie dei piedi e talvolta quelle delle mani. Comincia con i puntini e si diffonde su tutta l’unghia, a volte attaccando anche le dita vicine, fino a ispessirla e ingiallirla; a volte l’infezione tende a emanare un cattivo odore e a sbriciolare l’unghia ai lati.Contro le micosi delle unghie a mani e piedi, oltre alle terapie farmacologiche a base di antibiotici e pomate che vanno assunte sotto controllo medico, si possono prendere in considerazione alcuni efficaci rimedi naturali che, specialmente agli inizi dell’infezione, possono contrastare il fungo:

 

olio di tea tree puro: va usato diluito in una soluzione 50% olio e 50% acqua, perché è un olio molto potente e può dare problemi di sensibilizzazione, molti soggetti non lo tollerano. Oltre ad essere un efficace rimedio contro i brufoli, l’olio di tea tree è un potente antimicotico, antibatterico, antisettico e cicatrizzante.

calendula: sotto forma di pomata o tintura, da applicare sulla zona interessata, combatte e calma l’infezione con le sue proprietà antibatteriche e antisettiche.

aceto: preparare un pediluvio con 1 parte di aceto e 2 di acqua tiepida e tenere i piedi in ammollo per 15-20 minuti, poi asciugare bene i piedi e le unghie. L’aceto (di vino o di mele) è un disinfettante totalmente naturale; volendo si può aggiungere anche del sale grosso per un leggero scrub antibatterico.

aglio: tagliare uno spicchio e strofinarlo leggermente sull’unghia infetta e zone circostanti. L’aglio è un disinfettante potente ed efficace contro le infezioni esterne ma anche interne, come quelle del cavo orale.

limone: fare un impacco di succo di limone sulla zona interessata dalla micosi e lasciar asciugare all’aria. Le proprietà antibatteriche del limone aiutano a contrastare l’infezione e a rinforzare, sbiancare e proteggere la ricrescita dell’unghia.

Visto che le micosi fungine colpiscono prevalentemente i piedi perché spesso “dimenticati” al buio caldo delle scarpe, come metodo preventivo è bene asciugarli accuratamente ad ogni doccia, bagno o pediluvio, evitare di camminare a piedi nudi in luoghi umidi e pubblici come le piscine e curare attentamente la pedicure, in modo da scongiurare fastidiosi problemi e fastidi come infezioni micotiche, unghie incarnite e verruche.

 

http://www.benessereblog.it/post/23237/contro-le-micosi-delle-unghie-a-mani-e-piedi-ecco-alcuni-efficaci-rimedi-naturali

 

--------------------

 

Fattori di rischio

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
scuola di reiki bologna
REIKI : ARTE DI CURA CON LE MANI
SCUOLA DI REIKI BOLOGNA [ CLICK QUI ]

 

L’onicomicosi è più comune tra gli anziani per diversi motivi, tra cui ricordiamo la minore circolazione sanguigna e la maggiore esposizione ai funghi nel corso della vita. Inoltre, con l’andare degli anni, le unghie possono crescere più lentamente e ispessirsi, e quindi essere più soggette all’infezione. Le micosi alle unghie tendono a colpire in prevalenza gli uomini, soprattutto quelli con precedenti famigliari di quest’infezione.

 

Tra gli altri fattori in grado di aumentare la probabilità di soffrire di onicomicosi ricordiamo:

 

Sudorazione eccessiva,

Lavoro in un ambiente umido,

Psoriasi (una malattia della pelle),

Calze e scarpe che impediscono la traspirazione e non assorbono il sudore,

Camminare a piedi scalzi in ambienti pubblici umidi, come le piscine, le palestre, gli spogliatoi e le docce,

Piede d’atleta (Tinea pedis),

Piccole lesioni della pelle o delle unghie, un’unghia danneggiata o un’altra infezione,

Diabete o problemi circolatori o a carico del sistema immunitario.

Sintomi

 

 

Unghia e fungo (http://it.wikipedia.org/wiki/File:Onicomicosi.jpg)

 

Probabilmente soffrite di micosi alle unghie o infezione fungina alle unghie se una o più delle vostre unghie:

 

Sono più spesse del normale,

Sono fragili, friabili o frastagliate,

Presentano deformazioni,

Sono opache, non lucide,

Sono di colore scuro per via dei frammenti che si accumulano sotto di esse.

Le unghie infette inoltre possono staccarsi dal letto ungueale e questo disturbo è detto onicolisi. Probabilmente le dita dei piedi o la punta delle dita faranno male ed emetteranno un cattivo odore.

 

Quando chiamare il medico

 

Una volta comparsa, l’onicomicosi può persistere a lungo se non viene curata; andate dal medico immediatamente se notate i primi sintomi del disturbo, che in molti casi consistono in una piccola macchia biancastra o giallastra sotto la sommità dell’unghia.

 

Pericoli

 

Le micosi alle unghie possono essere molto dolorose e causare danni permanenti alle unghie, inoltre possono provocare altre infezioni gravi in grado di diffondersi anche in altre zone dell’organismo se il vostro sistema immunitario è indebolito a causa dei farmaci, del diabete o di altre patologie.

 

Le onicomicosi sono particolarmente rischiose per i pazienti affetti da diabete e per quelli con sistemi immunitari indeboliti, ad esempio a causa della leucemia o dell’AIDS oppure per chi si è sottoposto a un trapianto. Se soffrite di diabete la circolazione e le terminazioni nervose dei piedi possono essere gravemente danneggiati; inoltre correte anche maggiori rischi di soffrire di un’infezione batterica della pelle che può avere conseguenze potenzialmente gravi.

 

Per questi motivi qualsiasi lesione anche di lieve entità al piede, comprese le onicomicosi, può provocare complicazioni più gravi, per le quali è necessario un intervento medico tempestivo. In questi casi è opportuno andare immediatamente dal medico se si pensa di soffrire di onicomicosi.

 

Diagnosi

 

Per prima cosa il medico vi controllerà le unghie; per vedere se sono presenti dei funghi con ogni probabilità raccoglierà alcuni frammenti dalla parte inferiore dell’unghia e li invierà in laboratorio per farli analizzare.

 

I frammenti possono essere esaminati al microscopio oppure sottoposti a coltura in laboratorio per capire qual è la causa dell’infezione. Altre patologie, come la psoriasi, possono avere sintomi simili a quelli dell’onicomicosi.

 

Le unghie, poi, possono essere infettate anche da altri microrganismi come i lieviti e i batteri.

 

Identificare la causa dell’infezione aiuta a decidere quale sarà la terapia più efficace.

 

Ricordiamo infine che gli specialisti di riferimento per problemi alle unghie sono dermatologi e podologi.

 

Cura e terapia

 

La micosi alle unghie può essere difficile da curare e le infezioni ricorrenti sono all’ordine del giorno. In farmacia sono disponibili creme antimicotiche e unguenti appositi, ma non sono molto efficaci. Se oltre all’onicomicosi soffrite anche di piede d’atleta, vi consigliamo di curare il piede d’atleta con farmaci per uso topico e tenere i piedi puliti e asciutti.

 

Farmaci per uso orale

 

Per curare l’onicomicosi, il medico probabilmente vi prescriverà un antimicotico per uso orale, le ricerche hanno dimostrato che i farmaci più efficaci sono la terbinafina e l’itraconazolo (Sporanox®, Triasporin®).

 

Il medico probabilmente vi consiglierà i farmaci per uso orale se:

 

Soffrite di diabete o di altri fattori di rischio,

Provate dolore o fastidio,

Volete farvi curare perché l’infezione è brutta da vedere.

Questi farmaci favoriscono la crescita di una nuova unghia non infetta, sostituendo lentamente la parte infetta dell’unghia colpita. Tipicamente li si deve assumere per un periodo variabile dalle sei alle dodici settimane, però non si vedranno i risultati della terapia finché l’unghia non ricrescerà completamente. Per eliminare un’infezione possono essere necessari quattro mesi o più e le ricadute sono frequenti, soprattutto se continuerete a esporre l’unghia al calore e all’umidità.

 

Gli antimicotici possono causare effetti collaterali che vanno dalle eruzioni cutanee ai danni epatici; i medici generalmente non li consigliano ai pazienti affetti da malattie epatiche o da insufficienza cardiaca congestizia oppure a coloro che sono in terapia con particolari farmaci.

 

Altre terapie

 

Il medico potrebbe anche suggerirvi queste altre terapie contro le micosi alle unghie:

 

Smalto antimicotico. Se soffrite di onicomicosi lieve o moderata, il medico potrebbe scegliere di prescrivervi uno smalto antimicotico che ha come principio attivo il tioconazolo (Trosyd®) o, più efficace e pratico, a base di amorolfina (Locetar®). Il primo richiede un’applicazione due volte al giorno, mentre il secondo è necessario applicarlo sulle unghie infette e sulla pelle circostante una o due volte alla settimana. Nel caso di Locetar® la durata del trattamento dipende essenzialmente dall’intensità e dalla localizzazione dell’infezione, indicativamente occorrono sei mesi di terapia per le unghie delle mani e da nove a dodici mesi per le unghie dei piedi.

Farmaci per uso topico. Il medico potrebbe anche scegliere altri farmaci antimicotici per uso topico; probabilmente vi consiglierà di usarli insieme a una lozione a base di urea disponibile in farmacia che aiuta a velocizzarne l’assorbimento. I farmaci per uso topico di solito non sono un rimedio efficace se usati da soli, però possono essere impiegati insieme a farmaci per uso orale. Il medico può limare la superficie dell’unghia (sbrigliamento) per diminuire la quantità di tessuto ungueale da curare e per cercare di rendere più efficace il farmaco per uso topico.

Intervento chirurgico. Se l’infezione è grave o estremamente dolorosa, il medico potrebbe consigliarvi di rimuovere l’unghia. L’unghia ricrescerà come quella precedente, magari più lentamente e potrebbe impiegare anche un anno per ricrescere del tutto. In alcuni casi l’intervento chirurgico viene usato insieme al ciclopirox per curare il letto ungueale.

Può rivelarsi efficace anche la terapia fotodinamica, in cui l’unghia, trattata con un acido, viene irradiata con un raggio laser.

Stile di vita e rimedi pratici

 

In alcuni casi i pazienti sperimentano particolari rimedi casalinghi, perché le terapie che abbiamo ricordato in precedenza impiegano molto tempo per agire e a volte non sono efficaci. Due rimedi che sembrano efficaci contro le micosi alle unghie sono l’aceto e il Vicks VapoRub®.

 

Aceto. Non esiste alcuna prova scientifica che tenere le unghie a mollo nell’aceto possa servire per sconfiggere le onicomicosi, però alcune ricerche hanno dimostrato che l’aceto è in grado di inibire la crescita di alcuni tipi di batteri. Gli esperti suggeriscono di fare un pediluvio di 15-20 minuti in una miscela di una parte d’aceto e due parti di acqua tiepida. Alla fine è opportuno risciacquare bene e asciugare i piedi accuratamente. Questo pediluvio può essere fatto una volta al giorno, però se la pelle si irrita provate a farlo soltanto due o tre volte alla settimana oppure aumentate la quantità d’acqua nella miscela.

Vicks VapoRub®. Proprio come per l’aceto gli esperimenti clinici finora eseguiti non hanno dimostrato l’efficacia per la cura delle onicomicosi, però numerose voci di corridoio sembrerebbero confermare che funziona davvero. Non si sa con esattezza quale sia la frequenza ottimale di applicazione, quindi chiedete consiglio al vostro medico prima di usarlo sulle vostre unghie.

Prevenzione

 

Per aiutare a prevenire l’onicomicosi e ridurre le infezioni ricorrenti, non dimenticate le buone norme per l’igiene delle mani e dei piedi e seguite questi consigli:

 

Tenete le unghie corte, asciutte e pulite. Tagliatele dando loro una forma quadrata e limate le zone ispessite. Asciugate accuratamente le mani e piedi, compresa la pelle tra le dita, dopo che vi siete fatti il bagno o la doccia.

Indossate le calze giuste. I calzini sintetici che lasciano traspirare l’umidità possono tenere i piedi più asciutti rispetto a quelli di cotone o di lana (è anche possibile indossarli sotto gli altri calzini). Cambiateli spesso, soprattutto se i vostri piedi sudano troppo. Se possibile, toglietevi le scarpe durante la giornata e dopo aver fatto esercizio fisico. Alternate le scarpe chiuse con quelle aperte.

Usate uno spray o una polvere antimicotica. Spruzzate o cospargete i piedi e l’interno delle scarpe.

Indossate i guanti in lattice. I guanti proteggono le mani dall’eccessiva esposizione all’acqua. Tra un uso e l’altro capovolgete i guanti per farli asciugare.

Non tagliate e non strappate la pelle intorno alle unghie. Se lo fate permetterete ai germi di penetrare nella pelle e sotto le unghie.

Non camminate scalzi nei luoghi pubblici. Indossate sempre le scarpe quando siete in piscina, nelle docce o negli spogliatoi.

Scegliete un centro estetico rinomato per la manicure e la pedicure. Assicuratevi che il centro sterilizzi tutti gli strumenti (ne sarebbe conferma, per esempio, vedere estrarre gli strumenti da una busta sigillata); sarebbe addirittura preferibile portare i vostri da casa.

Non usate lo smalto né le unghie finte. Potreste essere tentate di nascondere l’onicomicosi sotto uno strato di un bello smalto rosa, però lo smalto può intrappolare l’umidità e quindi aggravare l’infezione.

Lavatevi le mani dopo aver toccato un’unghia infetta. I funghi potrebbero infettare anche le altre unghie.

http://www.farmacoecura.it/pelle/micosi-alle-unghie-onicomicosi-sintomi-prevenzione-e-cura/

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

http://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

http://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

Ancora nessun commento ...
Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento. Entra ora !