Se ti piace il nostro sito votalo adesso con un click sul pulsante Google +1 qui sotto :


Categoria: "Cure Naturali"

Riflessologia facciale - come eseguirla per alleviare dolori e stress.

Riflessologia facciale: come eseguirla per alleviare dolori e stress.

 

 

La riflessologia facciale è una terapia naturale complementare tramite la quale si possono massaggiare precisi punti del viso con l’obiettivo
di alleviare il dolore in un’altra parte del corpo, ma anche semplicemente rilassare o riequilibrare lo stato emotivo.

 

Questa tecnica, nata dalla tradizione vietnamita e strettamente collegata ai meridiani e ai punti per l’agopressione dell’antica medicina cinese, è basata sul fatto che sul viso sono presenti centinaia di terminazioni nervose che corrispondono a diverse aree del fisico. Attraverso una leggera stimolazione si possono quindi ristabilizzare gli equilibri energetici e far passare dolori e fastidi.

Fin dall’antichità sono stati sviluppati diversi metodi per rimuovere il dolore. Anche quando non esisteva la medicina “chimica”, l’uomo è riuscito a superare queste barriere con la medicina naturale a base di erbe, esercizi, massaggi e altri metodi.

La modernizzazione e la globalizzazione hanno quasi cancellato molte di queste tecniche. Tuttavia, qualcuna tra esse è riuscita a sopravvivere e viene ancora oggi tramandata.
Riflessologia contro dolori e stress

La riflessologia facciale è una tecnica che aiuta a migliorare le condizioni di diversi organi. Ogni punto del nostro viso rappresenta un organo del nostro corpo, e la sua applicazione si basa essenzialmente su una pressione da effettuare sugli stessi punti. Le connessioni nervose fra essi e gli altri organi aiutano a migliorare il flusso sanguigno e scaricare stress.

Con la riflessologia facciale si può anche migliorare lo stato emotivo, riuscendo ad equilibrare i punti del viso considerati importanti.

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
Notte di natale
24 DICEMBRE (a bOLOGNA)
LE SEGNATURE : L'ARTE DEL BENEDIRE

LA NOTTE DI NATALE DI OGNI ANNO LA NOSTRA ASSOCIAZIONE ORGANIZZA UNA SERATA CON FINI UMANITARI PER TRAMANDARE GLI INSEGNAMENTI DELLA NOSTRA TERRA CHE DESIDERIAMO NON VADANO PERDUTI ! Per imparare a segnare il fuoco sacro-herpes zoster- l'herpes labiale, le bruciature, le lombalgie, per togliere gli ossiuri, per la segnatura del "sangue" ed altre segnature ...'. [ Continua la lettura e/o iscriviti ... ]

Il metodo più efficace ed utilizzato di riflessologia facciale si chiama “Dien Chan”: con questa tecnica è possibile lavorare su se stessi o su altri per mantenere uno stato di perfetta salute oppure si può esercitare per curare ed eliminare disturbi e dolori di tutto il corpo.

Il principio base della riflessologia facciale è lo stesso di quella plantare: il prof. Bui Quoc Chau e la sua equipe medica provenienti dal Vietnam ha individuato sul volto ben 600 punti riflessi degli organi interni del nostro corpo e massaggiando e premendo su questi punti si è in grado di riequilibrare la parte associata e quindi di riportarla in salute.Segui i nostri consigli su Salute e Benessere. Metti un Like

Si basa sull’antico concetto dell’agopuntura, ma anziché aghi si eseguono delle pressioni con un cerca punti o una semplice penna a sfera.
Come eseguire la riflessologia facciale

Sarebbe importante eseguire questo “percorso” davanti allo specchio per rendersi conto che le zone seguite disegnano realmente il nostro corpo.

 


I passi sono semplici: basta massaggiare in modo circolare i punti specificati nell’immagine. Questo processo di massaggi e pressioni su questi punti si traduce in liberazione di endorfine. Le endorfine sono neurotrasmettitori che vengono prodotti nel sistema nervoso. Inoltre, la riflessologia aiuta a regolare la circolazione sanguigna e migliorare il sistema immunitario.

Questa tecnica si può applicare in qualsiasi momento, in qualsiasi luogo e senza strumenti particolari: il massaggio sui punti riflessologici può essere eseguito orizzontalmente, verticalmente o diagonalmente esercitando una pressione tale da far apparire un lieve rossore (questo è importante perché una stimolazione troppo leggera risulterebbe inefficace, ovviamente il massaggio non deve essere nemmeno troppo pesante da provocare dolore).

Il movimento di massaggio va ripetuto circa 30 volte su ogni punto stimolato e una volta terminata la sessione di massaggio è opportuno stimolare il punto zero che si trova davanti a entrambe le orecchie il linea con le tempie.

Gli strumenti che potete utilizzare per il massaggio sono le dita (gli indici in particolare), oppure le nocche con il dito piegato oppure ancora tutto quello che ha un’ estremità arrotondata come penne e matite.


Fonte: www.rimedio-naturale.it / https://animanaturale.com

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

http://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

http://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

8 cose che gli occhi mostrano sulla nostra salute

8 cose che gli occhi mostrano sulla nostra salute
Molti dicono che gli occhi sono una “finestra per l’ anima”. La verità è che questi organi offrono una ricchezza di informazioni sulla nostra salute.

Quando qualcosa non funziona, il nostro corpo ci invia segnali per avvertirci. Uno dei modi in cui il corpo ci fa sapere che qualcosa non va è attraverso gli occhi .

Conosciamo ciò che i nostri occhi possono dirci circa la nostra salute!

1. La sporcizia persistente

La sporcizia può essere dolorosa e irritante, ma di solito scompare entro pochi giorni. Se non scompare entro circa tre mesi, potrebbe essere un segno di un raro cancro conosciuto come il carcinoma della ghiandola sebacea.


2. Perdita di peli del sopracciglio

Le ragioni per la perdita dei peli nel sopracciglia può essere l’invecchiamento, lo stress e la carenza di nutrienti. Potrebbe anche essere l’alopecia areata, anche se solo il 0,1% ne soffrono.

Tuttavia, la ragione più probabile per la caduta delle sopracciglia in questa zona può essere l’ipotiroidismo : mancanza di ormoni della tiroide, che nei suoi casi estremi, provoca la perdita del cuoio capelluto. Quindi, se le sopracciglia iniziato a essere più sottili, consultarsi con il medico per lo stato della tiroide .

 


3. Occhi dilatati

Se ha costantemente la sensazione di occhi dilatati , può essere correlato a ipertiroidismo, una condizione in cui la ghiandola tiroidea è troppo attiva , nota anche come la malattia di Graves.

Un sintomo è l’occhio che sembra spalancato, questo accade nel 30% dei pazienti con la malattia. Quindi, se si nota qualcosa di simile, si va da un medico con urgenza.


4. Visione offuscata

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
Notte di natale
24 DICEMBRE (a bOLOGNA)
LE SEGNATURE : L'ARTE DEL BENEDIRE

LA NOTTE DI NATALE DI OGNI ANNO LA NOSTRA ASSOCIAZIONE ORGANIZZA UNA SERATA CON FINI UMANITARI PER TRAMANDARE GLI INSEGNAMENTI DELLA NOSTRA TERRA CHE DESIDERIAMO NON VADANO PERDUTI ! Per imparare a segnare il fuoco sacro-herpes zoster- l'herpes labiale, le bruciature, le lombalgie, per togliere gli ossiuri, per la segnatura del "sangue" ed altre segnature ...'. [ Continua la lettura e/o iscriviti ... ]

Se siete il tipo di utente che sta al computer di frequente, si può sperimentare la visione offuscata o sentire che gli occhi bruciare. Ma se la visione diventa offuscata mentre si guarda lo schermo del computer, può essere il risultato disindrome da visione da computer. Gli occhi sono tesi a causa della mancanza di contrasto sullo schermo del pc, combinato con il lavoro supplementare di concentrarsi sui pixel.

 

 


5.Sclera gialla

L’ ittero può apparire sia nei neonati con funzioni epatiche sottosviluppate e negli adulti. Il loro aspetto può anche essere collegato alla condizione della colecisti o dei condotti, quindi, se si trova il colore amarrillento nei tuoi occhi, inizia ad indagare quale sia la ragione.


6. Chiarore

Un piccolo lampo di luce nella visione può avere un significato più profondo. Se si verifica un flash luminoso o una linea ondulata, può essere causa di un’emicrania con aura . La spia lampeggia e può essere accompagnata da un mal di testa.


7. Visione offuscata in un diabetico

Le persone con diabete hanno un rischio maggiore di avere diversi problemi agli occhi. Il più comune è la retinopatia diabetica . Questa condizione colpisce il sistema circolatorio dell’occhio ed è la principale causa di cecità in molti adulti.


8. visione doppia, visione fioca o perdita della vista

Se noti la doppia visione improvvisa , ipovisione o perdita della vista, consultare un medico immediatamente. Tutti questi sintomi possono essere segni premonitori di un ictus .

 

FONTI:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

http://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

http://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

CURCUMA - grandi benefici per il nostro organismo

Un pizzico di CURCUMA ha benefici simili ad un’ora di passeggiata

Viene coltivata in varie aree del mondo, in climi caldi e umidi, ed è una pianta dalla storia millenaria. La curcuma viene usata da secoli come spezia, ma anche come pianta medicinale per combattere numerose patologie.

Appartiene alla stessa famiglia dello zenzero, ed è stata oggetto di numerose ricerche che ne hanno dimostrato le sue proprietà in moltissimi settori. Di seguito ti elenchiamo tutte le proprietà della curcuma.

E’ una pianta digestiva: Le spezie piccanti come la curcuma sono importanti per via delle loro proprietà digestive. Si tratta di un condimento ottimo per lo stomaco, in quanto stimola la secrezione di mucosa e migliora la digestione.


Riduce il gas: Circa 2 o 3 grammi di capsule di estratto di curcuma al giorno possono fare miracoli per le persone che soffrono di dispepsia acida, flatulenza, pancia gonfia e torpore stomacale.

Evita lo sviluppo del diabete: Consumare regolarmente questa radice ritarda la comparsa di questa malattia, secondo l’American Diabetes Association.

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
Notte di natale
24 DICEMBRE (a bOLOGNA)
LE SEGNATURE : L'ARTE DEL BENEDIRE

LA NOTTE DI NATALE DI OGNI ANNO LA NOSTRA ASSOCIAZIONE ORGANIZZA UNA SERATA CON FINI UMANITARI PER TRAMANDARE GLI INSEGNAMENTI DELLA NOSTRA TERRA CHE DESIDERIAMO NON VADANO PERDUTI ! Per imparare a segnare il fuoco sacro-herpes zoster- l'herpes labiale, le bruciature, le lombalgie, per togliere gli ossiuri, per la segnatura del "sangue" ed altre segnature ...'. [ Continua la lettura e/o iscriviti ... ]

Protegge il cuore: La curcuma contiene molti antiossidanti, ed è antinfiammatoria. Aiuta a prevenire attacchi di cuore, ed è indicata per persone con bypass, secondo il “Journal of Cardiology”.

Protegge il cervello: La curcuma promuove il restauro e la riparazione delle cellule del cervello, impedendo lo sviluppo di malattie degenerative come Alzheimer e ictus.

 

Alcune ricerche hanno concluso che la curcuma non dovrebbe mancare mai dalla nostra dieta quotidiana, in quanto ottima per depurare il corpo ed eliminare tossine.

Fonte http://www.rimedio-naturale.it riportato da http://terrarealtime.blogspot.it

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

http://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

http://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

LA MALVA - proprieta' lenitive, emollienti, antisettiche e antinfiammatorie

La malva è ricca di proprietà benefiche per il nostro organismo e per questo viene abitualmente consumata da tantissime persone ogni giorno; tra le proprietà della malva che la rendono una pianta così importante per i suoi usi fitoterapici abbiamo sicuramente quelle lenitive ed emollienti. L'azione lenitiva ed emolliente della malva unitamente alle sue proprietà antinfiammatorie ed antisettiche la rendono un ottimo rimedio naturale contro infezioni e stati infiammatori molto comuni; inoltre la malva ha proprietà gastroprotettive e lassative per questo le tisane alla malva sono consigliate a chi ha problemi intestinali di vario tipo come ad esempio la stipsi. Per tutti questi motivi, quindi, la malva viene ancora oggi utilizzata per preparare infusi, tisane e decotti per trattare una grandissima gamma di piccoli disturbi.

 

La malva viene utilizzata per trattare tantissimi piccoli disturbi sfruttando le sue proprietà lenitive, emollienti, antisettiche e antinfiammatorie; uno degli usi più comuni della malva riguarda l'igiene intima femminile, questa pianta viene infatti usata in maniera frequente per realizzare lavande vaginali. Oltre questo la malva viene impiegata per lenire la tosse e quindi usata per trattare disturbi come la bronchite, mentre dal punto di vista intestinale la malva serve sia per contrastare la stipsi sia per alleviare i disturbi dovuti alla malattia emorroidaria ma anche per lenire i sintomi di alcuni disturbi del cavo orale (come nel caso delle afte). Terminiamo segnalando che la malva viene anche comunemente impiegata per lenire alcuni disturbi di carattere psicologico come ad esempio gli stati di forte stress e quelli d'ansia

 

Il principale beneficio della malva per il nostro organismo è senza dubbio la sua azione lenitiva; grazie alle sue proprietà emollienti e antinfiammatorie la malva può essere impiegata con giovamento per trattare tutti quei disturbi che provocano stati infiammatori (dalla semplice tosse alla bronchite passando per l'irritazione vaginale fino a disturbi come la malattia emorroidaria). Un altro importante beneficio della malva consiste nella sua azione lassativa che rende, ad esempio, le tisane alla malva un ottimo rimedio naturale contro la stitichezza; associando poi all'azione antinfiammatoria anche quella antibatterica e depurativa la malva può essere usata anche come rimedio naturale per la pulizia del cavo orale sotto forma di soluzione per effettuare risciacqui e gargarismi

 

Della malva si può usare tutto, sia le foglie che i fiori e in alcuni casi anche le radici; in linea di massima occorre considerare che i fiori di malva contentongono più principio attivo per cui, nella preparazione di una tisana ad esempio, se si useranno fiori di malva se ne potrà usare una quantità inferiore rispetto a quanto necessario in caso si usassero le foglie. Se da un lato i fiori di malva risultano avere, ovviamente, concentrazioni più alte di principi attivi è anche vero che sono più difficili da conservare rispetto alle foglie. In linea di massima comunque nella preparazione di rimedi naturali a base di malva si possono usare indifferentemente sia le foglie che i fiori e persino, come accennato, le radici (per quanto non sia una cosa esattamente comune)

 

Spesso sentiamo parlare di malva bianca e malva blu ma non comprendiamo bene la differenza tra questi due tipi di pianta; sostanzialmente sono solo due diverse varietà di malva, ma le proprietà e i principi attivi che contengono sono molto simili.

Malva bianca è il nome con cui comunemente parliamo dell'altea, una pianta appartenente appunto alla famiglia delle Malvaceae particolarmente indicata per la sua delicatezza per la produzione di rimedi naturali per la cura della pelle; in particolare la malva bianca viene utilizzata dalle persone con problemi di pelle sensibile e per le pelli dei bambini.

La malva blu invece è la malva così detta sylvestris, e sostanzialmente la malva propriamente detta, la varietà cioè a cui tutti ci riferiamo quando parliamo di malva

 

Le controindicazioni della malva sono le stesse che presenta qualunque altra pianta officinale; anche se su internet potrete leggere che le controindicazioni della malva sono sostanzialmente pari a zero esiste comunque la possibilità che la malva, oltre che causare una reazione allergica, riduca, anche in virtù delle sue proprietà lassative, l'assorbimento di molti farmaci assunti per via orale. Alcune fonti, poi, dichiarano incompatibilità tra alcuni farmaci antidiabetici e l'assunzione abituale di malva; se per le persone in salute, quindi, l'assunzione sporadica di malva non è un problema, per tutti gli altri, i soggetti affetti da patologie di qualunque tipo, le donne in gravidanza e durante l'allattamento oltre che per chi consumasse malva in maniera abituale una chiacchierata col medico di fiducia rimane consigliata

 

Anche se l'uso della malva in cucina è stato molto comune in passato nella nostra società oggi è andato un po' in disuso; certamente ancora molte persone usano la malva per insaporire piatti e preparare ricette sfiziose e ricercate, ma oggi come oggi è un fenomeno un po' di nicchia mentre in passato, sin dall'epoca classica, era una cosa estramente diffusa. La malva può essere mangiata sia cruda che cotta, può essere impiegata come condimento o essere l'ingrediente principale di numerose ricette; se cruda la malva viene usata per arricchire insalate oppure tritata come una specie di spezia per insaporire ripieni e salse. La malva può essere inoltre utilizzata per preparare gustosi risotti e frittate e viene inclusa tra gli ingredienti principali di un gran numero di ricette di zuppe e ministre tipiche delle varie regioni italiane.

 

L'olio essenziale di malva può essere usato tranquillamente in alternativa ai normali fiori di malva come rimedio naturale già pronto all'uso; può essere diluito per preparare soluzioni adatte a fare gargarismi o lavande vaginali, può essere impiegato a livello topico sulla pelle per lenire le irritazioni oppure ancora può essere usato contro alcuni disturbi del cavo orale (come nel caso delle afte). Ovviamente non potremo preparare una tisana o un decotto alla malva usando l'olio essenziale, ma per il resto questo prodotto può essere impiegato tranquillamente e con una certa comodità dal momento che con l'olio essenziale di malva diventa più facile regolarsi con le dosi (dato che possiamo contare le goccie), ed è per questo che l'olio essenziale di malva è considerato un'ottima alternativa per chi avesse poca confidenza con le piante officinali

 

In termini fitoterapici le proprietà della malva sono scientificamente provate in particolar modo per quel che riguarda i benefici per l'apparato intestinale; chi avesse problemi di stipsi e stitichezza può quindi orientarsi al consumo di prodotti a base di malva come valido rimedio naturale per contrastare i sintomi correlati a questi disturbi. La malva viene poi comunemente impiegata anche nella preparazione di numerosi altri rimedi naturali, per contrastare i sintomi di alcuni disturbi delle vie urinarie, ad esempio, o per contrastare alcune infezioni del cavo orale come nel caso delle afte; sostanzialmente quindi la malva viene usata in fitoterapia per trattare tutti quei disturbi che possono trovare giovamento grazie alle sue proprietà lenitive ed emollienti.

 

http://unadieta.it/malva/1604-fitoterapia-malva.html

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

http://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

http://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

Ictus, la vitamina C riduce il rischio

Ictus, la vitamina C riduce il rischio

Chi ha elevati livelli plasmatici di vitamina C ha un rischio quasi dimezzato di andare incontro a ictus cerebrale.

Chi ha elevati livelli plasmatici di vitamina C ha un rischio quasi dimezzato di andare incontro a ictus cerebrale.

Uno studio condotto su oltre 20mila persone ha dimostra che chi ha elevati livelli plasmatici di vitamina C presenta una riduzione pari al 42 per cento del rischio d’insorgenza di ictus.

La ricerca, pubblicata sulla rivista American Journal of Nutrition e durata 10 anni, lascia spazio a due possibilità di interpretazione: la prima prevede che questa vitamina svolga un ruolo protettivo, in virtù delle sue proprietà antiossidanti, sui vasi sanguigni, abbassando il rischio di ictus.

La seconda ipotesi invece considera gli alti livelli di vitamina C nel sangue come se fosse il segnale di uno stile di vita sano. Un sorta di marcatore che rivela quanto la persona che ha i livelli ematici alti per questo nutriente sia attenta a ciò che mangia, visto che la vitamina C è presente soprattutto in frutta e verdura.

Pubblicità

Dove si trova La vitamina C è presente negli ortaggi e nella frutta, soprattutto agrumi, kiwi, fragole, ribes nero, verdure a foglia scura (broccoli, crescione, spinaci, cavolo), peperoni, pomodori e patate.

Per ricavarne il più possibile dagli alimenti è fondamentale evitare una cottura prolungata. Anzi, quando è possibile è preferibile consumare frutta e verdura fresche.

Secondo le tabelle dei nutrizionisti, il fabbisogno quotidiano di vitamina C per gli adulti (uomini e donne) è pari a 60 - 80 mg. Chi ha la dipendenza da fumo di sigaretta dovrebbe raddoppiare la dose, e le donne in gravidanza dovrebbero aumentarla di 30 mg.

Che cos’è l’ictus
L’ictus è la rottura (ictus emorragico) o l’ostruzione (ictus ischemico) di un’arteria del cervello. È la terza causa di morte nei Paesi occidentali, dopo le malattie cardiovascolari e i tumori. Colpisce soprattutto, ma non solo, le persone di mezza età e gli anziani.

A seconda della zona cerebrale interessata, i sintomi riguardano differenti funzioni neurologiche quali per esempio: stato confusionale, caduta a terra improvvisa, paralisi (blocco dei movimenti delle braccia o delle gambe), perdita della parola, della vista, della memoria.

I fattori di rischio finora individuati sono: aterosclerosi, ipercolesterolemia, ipertensione arteriosa, alterazioni gravi e persistenti del ritmo cardiaco (fibrillazione atriale) e malattie delle valvole cardiache, diabete mellito, obesità, fumo di sigaretta, eccessivo consumo di alcol, vita sedentaria.

Dott. Angelo zilioli

neurologo

 

Benefici della vitamina C in supporto alle difese immunitarie
Innanzitutto, grazie alla sua marcata azione antiossidante, la vitamina C (nota anche come acido ascorbico) neutralizza i radicali liberi e le altre specie reattive dell’ossigeno (ROS) prodotte dal normale metabolismo energetico, ma soprattutto dalle cellule del sistema immunitario mentre combattono i microrganismi patogeni. In questo modo, la vitamina C evita i danni tipicamente prodotti da queste molecole nocive. L’azione antiossidante della vitamina C è ulteriormente amplificata dalla sua capacità di rigenerare la vitamina E dalla sua forma ossidata, permettendo così di avvantaggiarsi anche degli effetti antiossidanti di questo secondo micronutriente essenziale.

In aggiunta, alcuni studi hanno dimostrato che la vitamina C stimola la funzionalità di alcune cellule del sistema immunitario, come neutrofili, macrofagi e linfociti.

Da non dimenticare infine che la vitamina C, intervenendo nella biosintesi del collagene, proteina strutturale di pelle e cartilagini, contribuisce all’integrità della pelle stessa, prima linea di difesa del nostro organismo, e favorisce la guarigione delle ferite.

Vitamina C e raffreddore
Il primo a suggerire che la vitamina C potesse essere utilizzata per rafforzare le difese immunitarie e prevenire e/o trattare il comune raffreddore fu lo scienziato Linus Pauling, nel 1970. Gli studi condotti negli anni successivi hanno portato a risultati incerti e contrastanti, anche perché relativi a gruppi di persone con caratteristiche variabili e non confrontabili tra loro.

Tuttavia, una revisione delle principali ricerche sull’argomento effettuata dal gruppo Cochrane nel 2007 ha indicato che l’assunzione di quantità variabili da 200 a 1.000 mg di vitamina C al giorno può dimezzare l’incidenza del raffreddore in sportivi, come maratoneti e sciatori, che praticano attività fisica intensa in condizioni climatiche estreme (temperatura molto bassa, umidità ecc.).

Un aggiornamento al 2010 della stessa revisione Cochrane ha, inoltre, segnalato che 29 studi di comparazione condotti nella popolazione generale per valutare gli effetti protettivi di un apporto di almeno 200 mg/die di vitamina C hanno evidenziato la capacità di questa integrazione di ridurre la durata del raffreddore dell’8% negli adulti e del 13% nei bambini, con effetti positivi anche sul fronte dei sintomi (risultati mediamente meno severi).

Altre sostanze naturali che hanno dato prova di essere utili per proteggersi da raffreddori e influenza, soprattutto se assunti insieme alla vitamina C, sono lo zinco e l’Echinacea. Pubblicità

Dove trovare la vitamina C
Frutta e verdura sono le principali fonti naturali di vitamina C, nonché di altre vitamine, composti antiossidanti e sali minerali importanti per assicurare il buon funzionamento del sistema immunitario e la salute generale dell’organismo. Per questa ragione, frutta e verdura devono essere consumati ogni giorno, sia durante i pasti principali sia come spuntini salutari (ne vengono raccomandate 5 porzioni al giorno).

Per fare il pieno di vitamina C bisogna puntare soprattutto su frutti come agrumi, kiwi, fragole, frutti di bosco e uva, su verdure come peperoni, pomodori, broccoli, cavoli, cavolfiori, spinaci, nonché su piselli e su erbe aromatiche e spezie, come prezzemolo, basilico e peperoncino.

Il contenuto di vitamina C dei cereali è modesto, ma questo micronutriente viene spesso aggiunto a cereali per la colazione, barrette ecc. Anche i cibi di origine animale sono mediamente poveri di vitamina C.

Considerato che la vitamina C è un composto che si disperde facilmente nell’acqua e nell’aria e che viene danneggiato dalle alte temperature, per assumerla in quantità adeguata è importante consumare gli alimenti che ne sono ricchi a crudo o dopo cotture brevi (rapido salto in padella o alla griglia), evitando la bollitura e le permanenze in forno protratte, che li impoverirebbero in modo drastico. La cottura al vapore o in forno a microonde sembra essere più rispettosa del contenuto vitaminico.

Per ragioni analoghe, frutta e verdura dovrebbero essere consumate intere o in pezzi non troppo piccoli; se gli agrumi vengono spremuti o la frutta centrifugata/frullata, il succo, la bevanda o il passato che ne derivano devono essere consumati entro pochi minuti. In aggiunta, si devono preferire prodotti di stagione e vegetali raccolti da poco poiché queste due condizioni garantiscono il massimo contenuto di vitamina C e di altri composti utili per la salute (quindi, meglio scegliere prodotti a chilometro zero).

Dal momento che l’organismo umano non è in grado di creare riserve di vitamina C e che quella assunta con la dieta viene rapidamente eliminata con le urine, per averne sempre a sufficienza è necessario introdurre vitamina C ogni giorno.

Chi segue una dieta varia e rispetta queste regole basilari di nutrizione sana difficilmente andrà incontro a deficit di vitamina C.

Nei casi in cui non è possibile alimentarsi in modo bilanciato e di conseguenza se ne riduce l’adeguato apporto giornaliero o quando il fabbisogno aumenta per varie ragioni (per esempio in periodi di forte stress psicofisico, durante malattie infettive o se si pratica attività fisica intensa) una quota aggiuntiva di vitamina C può essere ottenuta attraverso integratori alimentari monocomponente o nel contesto di preparati contenenti mix di diverse vitamine e minerali, disponibili come compresse da inghiottire o da sciogliere in bocca, in tavolette o bustine effervescenti.

Rosanna Feroldi

https://www.saperesalute.it/la-vitamina-c-rinforza-le-difese-ecco-come-agisce

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

http://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

http://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli