Se ti piace il nostro sito votalo adesso con un click sul pulsante Google +1 qui sotto :


Categoria: "Crescita spirituale"

La parabola del vecchio Samurai che ci insegna come reagire alle provocazioni

Molto, molto tempo fa, nei pressi di Tokyo viveva un vecchio e rispettato samurai che aveva vinto molte battaglie.


Il suo tempo di guerriero era passato. Questo saggio samurai si dedicava ora ad insegnare ai più giovani, anche se sopravviveva la leggenda secondo la quale fosse tuttora in grado di sconfiggere qualsiasi avversario, non importa quanto forte.

Una sera d’estate, si presentò a casa sua un guerriero noto per la sua arroganza e la poca cavalleria. Era famoso per il suo carattere provocatorio ei pochi scrupoli. La sua strategia era quella di provocare l’avversario fino a quando questo, mosso dalla rabbia, abbassava la guardia e attaccava alla cieca. Si dice che non fosse mai stato sconfitto. E quel pomeriggio si proponeva di distruggere la leggenda del vecchio samurai per aumentare ulteriormente la sua fama.

Presto il guerriero cominciò ad insultare il saggio samurai, arrivando a lanciargli pietre e perfino a sputargli in faccia. Così passavano i minuti e le ore, ma il saggio samurai rimaneva impassibile senza sguainare la spada. Giunta la sera, esausto e umiliato, il guerriero si dette per vinto.

I discepoli del samurai, irritati dagli insulti che aveva ricevuto il maestro, non capivano perché il vecchio non si fosse difeso e considerarono il suo atteggiamento come un segno di codardia. Quindi gli chiesero:

– Maestro, come hai potuto sopportare tale indegnità? Perché non hai sguainato la tua spada anche sapendo che stavi per perdere la battaglia piuttosto che agire in un modo così vile?

Il maestro rispose:

– Se qualcuno arriva con un regalo e non lo accettate, a chi appartiene il regalo?

– Alla persona che è venuta a consegnarlo!

– Bene, lo stesso vale per la rabbia, gli insulti e l’invidia… – rispose il samurai – Quando non sono accettate, continuano ad appartenere a chi le ha portate con sé.
Persone tossiche che vogliono farci “regali” indesiderati

Nella vita incontriamo spesso persone che portano con sé un pesante fardello di insoddisfazione, senso di colpa, rabbia, frustrazioni e paure. Queste persone, a volte, non sono neppure consapevoli di ciò, ma possono sempre agire da camion dell’immondizia, tentando di scaricare un poco del loro peso sugli altri.

Come lo fanno?

– Attraverso la critica distruttiva che non ha lo scopo di aiutarci a migliorare

– Facendoci sentire in colpa per cose che sono fuori dal nostro controllo

– Togliendo valore ai nostri sforzi e successi, con l’obiettivo di intaccare la nostra autostima

– Inoculandoci le loro paure per impedirci di andare avanti con i nostri sogni
– Lamentandosi continuamente di tutto, mostrando un atteggiamento di vittimismo cronico per tentare di contagiarci con la loro visione pessimistica della vita

– Scaricando le loro frustrazioni su di noi, alla ricerca di motivi di discussione e arrabbiandosi per nessun motivo

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
scuola di reiki bologna
REIKI : ARTE DI CURA CON LE MANI
SCUOLA DI REIKI BOLOGNA [ CLICK QUI ]

– Considerandoci responsabili dei loro errori e scaricando su di noi le loro insoddisfazioni
Impara a rispondere, non a reagire

Tutti questi comportamenti non sono altro che provocazioni. Dobbiamo imparare a vederli come il “dono” a cui faceva riferimento il vecchio samurai, quindi dipende da noi accettarli o rifiutarli.

Il primo passo è capire la sottile differenza tra “reagire” e “rispondere”. La maggior parte delle persone semplicemente reagisce alle circostanze, il che significa che sarà sempre alla mercé di queste. Ad esempio, se qualcuno urla contro di loro, si arrabbiano e reagiscono urlandogli. Ad ogni stimolo segue una reazione immediata.

Ci sono altre persone che hanno imparato a rispondere. Rispondere è un atto cosciente, implica una decisione e, di conseguenza, significa anche che siamo noi ad avere il controllo. Siamo in grado di decidere come rispondere alle circostanze, senza perdere il nostro equilibrio emotivo.
Disattiva i tuoi pulsanti interni

La soluzione per smettere di reagire alle provocazioni e a questi “doni” indesiderati è abbastanza semplice: disattivare i pulsanti che ci fanno reagire automaticamente quando gli altri li premono.

Ognuno ha una configurazione personalizzata di pulsanti sensibili. Generalmente questi pulsanti vengono configurati durante i nostri primi anni di vita, così in un certo modo, quando qualcuno li attiva, ci sentiamo impotenti e vittime, è come tornare ad essere un bambino insicuro, e la risposta del cervello emotivo di fronte al pericolo è reagire immediatamente, attaccando o fuggendo dalla situazione per ripristinare la sicurezza. Nessuna di queste risposte è matura e, naturalmente, portano con sé un enorme costo emotivo.

Cosa fare?

1. Inizia a scoprire quali sono questi pulsanti. Ti renderai conto che di solito reagiscono a situazioni che generano alcuni stati, come sentirti ignorato, disprezzato, rifiutato, umiliato, debole, inadeguato, stupido, imbarazzato, impotente… Pensa alle circostanze in cui hai perso il controllo e hai risposto automaticamente, tenta di trovare dei punti in comune. Così potrai scoprire le dinamiche che stanno dietro a questi pulsanti.

2. Desensibilizzati dalle esperienze passate. Una volta che hai trovato gli stati che ti fanno reagire, devi trovare le esperienze negative legate a questi, gli eventi inquietanti che in un modo o nell’altro, hanno creato questi pulsanti sensibili. Puoi rivivere quelle situazioni e chiederti come reagiresti ora, da adulto e dopo tanti anni.

L’idea è renderti conto che il tuo passato non ti definisce e ora sei maturo e in grado di gestire questi sentimenti in modo diverso. Ti renderai conto di esserti lasciato alle spalle quei problemi quando pensando ad essi o ad una reazione che hai avuto, ti sembreranno addirittura ridicoli. La capacità di ridere del passato indica sempre che la ferita è guarita.

A questo punto, il comportamento degli altri ti sembrerà sempre meno provocante perché gli darai meno importanza. Così, i loro “doni” indesiderati non scateneranno una reazione immediata che ti faccia perdere la serenità. Ma manca ancora un passaggio.

3. Separati dalle tue emozioni. Ci sono casi in cui, a prescindere dai nostri pulsanti emotivi, i comportamenti, le parole e gli atteggiamenti degli altri ci possono disturbare. È praticamente impossibile controllare tutte le nostre reazioni emotive, ma possiamo imparare a gestire i nostri atteggiamenti e comportamenti. Possiamo scegliere di rispondere piuttosto che reagire.

È quindi essenziale che non ti identifichi con i tuoi sentimenti. Pensa ai tuoi stati emotivi come a delle nuvole che ora coprono il cielo, ma presto non ci saranno più, a meno che non ti afferri a loro. Pertanto, fai un passo indietro, fai un respiro profondo e ritrova l’equilibrio per rispondere in modo assertivo. La tua salute emotiva ti ringrazierà.

E ricorda sempre che nessuno può farti del male senza il tuo consenso.

 

via Angolo della Psicologia

https://www.angolopsicologia.com/2017/07/il-vecchio-samurai-la-parabola-che-ci.html

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

http://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

http://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

UN URLO ALL'UMANITA' : un monito per le genti. Insieme per la Terra il 22 dicembre alle ore 22

VERSIONE ITALIANA : UN URLO ALL’UMANITÀ : un monito per le genti - Insieme per la Terra il 22 dicembre alle ore 22 [ click qui ]

ENGLISH VERSION : A SCREAM TO HUMANITY : an appeal to the people. Together for the earth on the 22th of December at 10pm [ click here ]

FRENCH VERSION : UN CRI À L’HUMANITÉ : un avertissement pour les gens. Ensemble pour la Terre le 22 Décembre à 22 heures [ cliquez ici ] 

-----------

versione italiana

VERSIONE ITALIANA

UN URLO ALL’UMANITÀ

Un urlo all’umanità, un monito per le genti.

Insieme per la Terra il 22 dicembre alle ore 22

La nostra paura più profonda non è di essere inadeguati. La nostra paura più profonda, è di essere potenti oltre ogni limite. E’ la nostra luce, non la nostra ombra, a spaventarci di più. Ci domandiamo: ” Chi sono io per essere brillante, pieno di talento, favoloso? ” In realtà chi sei tu per NON esserlo? Siamo figli di Dio. Il nostro giocare in piccolo, non serve al mondo. Non c’è nulla di illuminato nello sminuire se stessi cosicché gli altri non si sentano insicuri intorno a noi. Siamo tutti nati per risplendere, come fanno i bambini. Siamo nati per rendere manifesta la gloria di Dio che è dentro di noi. Non solo in alcuni di noi: è in ognuno di noi. E quando permettiamo alla nostra luce di risplendere, inconsapevolmente diamo agli altri la possibilità di fare lo stesso. E quando ci liberiamo dalle nostre paure, la nostra presenza automaticamente libera gli altri. (Marianne Williamson)

 

Bentornati umani o piacere di conoscervi, scriviamo a voi con onestà di intento e semplicità d’animo.

Nonostante le incomprensioni o gli insulti o i fanciulleschi entusiasmi da parte di molti, noi abbiamo continuato con tranquillità a divulgare quello che gli Alberi Maestri ci hanno insegnato in tutti questi anni di incontri e di dialoghi silenziosi.

Il 12 Novembre 2017, due nostri Alberi Maestri, durante una meditazione, ci hanno chiesto di “lanciare un Urlo all’umanità”, un monito per le genti. Ne siamo rimasti sorpresi e preoccupati. In 35 anni / 22 anni di frequentazione questo non era mai accaduto.

Chi siamo noi per fare questo? Perché continuare a ricevere insulti e sbeffeggiamenti ?

E chi siamo noi per non accogliere una richiesta da parte di chi ci ha donato tanto in insegnamenti e cure ? Non siamo forse coraggiosi ?

Si, “dialoghiamo con gli Alberi Maestri” e loro rispondono ( vedi dendroterapia ® energetica sul nostro sito ).

Dice Marcel Vogel che si può interagire con gli Alberi solo in uno stato di esaltazione dello spirito, come quello degli yogin ; poiché questo è successo, non vuol dire sentirsi chissà chi, siamo rimasti concentrati ed umili, ma come dice Guru Nanak, l’umiltà è piena di consapevolezza e di affidamento a Dio; quindi consapevolmente comprendiamo la necessità di affidarci per questo appello al nostro Divino Sé Superiore e alla Guida degli Alberi Maestri per lanciare quello che loro hanno chiamato “Urlo”.

Tre anni fa, il Grande Albero, ci aveva “avvisati” che sarebbero caduti tutti come birilli (lo abbiamo scritto anche ai nostri Allievi) e per molti di loro così è stato : da noi più di 1.500 alberi sono caduti in una sola notte e dalle notizie dei telegiornali e sul web abbiamo appreso che queste cadute erano avvenute in tutta Italia, troppe ed anomale. In ottobre anche la più grande quercia del nostro parco, di quasi 500 anni è caduta ed ora giace distesa al suolo, impressionando per la possanza del suo corpo a terra, oramai privo di vita.

Dunque, i nostri Maestri ci hanno chiesto di lanciare un urlo all’umanità, ma un urlo non è una mera invocazione, non è una richiesta edulcorata per non spaventare, un urlo è un urlo, ed in questo caso è un grido che squarcia l’aria, che impressiona, che immobilizza, che risuona a lungo nelle orecchie e nelle menti umane.

Un urlo è l’avviso di un pericolo che sta già manifestandosi, che nasce dalle viscere, risveglia paure e tensioni, è un lancinante lamento di dolore da parte della Terra e delle sue innocenti creature sottoposte a pressioni immani che non riescono più a sostenere né a trasmutare.

Così non utilizzeremo il “bla bla bla” dei soliti simposi sul clima, non utilizzeremo le parole di coloro che chiedono con prudenza di salvare questa o quella specie, non utilizzeremo le dure parole di coloro che giustificano o non ammettono che l’aria è piena di metalli pesanti, che le acque sono inquinate e le terre pure.

Il profitto è la chiave, così non ci invischieremo neppure in discorsi politici tesi a minimizzare o nascondere ai più quello che sta realmente accadendo. Non diremo a chi soffre per tutto questo, che le soluzioni arriveranno da sole o come vorrebbero in molti sentirsi dire, che va tutto bene.

E’ vero che vi sono molte persone che operano per il bene, ma non è sufficiente, infatti, come diceva Edmund Burke “perché il male trionfi, è sufficiente che i buoni rinuncino all'azione”.

Quindi quello che dicono non è la verità, non è quello che sta realmente accadendo sul nostro pianeta : siamo in pieno caos e nel caos solo UN URLO può farci fermare, un monito che viene dalle nostre stesse viscere ed ora dalla Terra attraverso i suoi Alberi.

L’addormentamento indotto è così obbligato ad un risveglio, il cinismo ad una presa di coscienza.

L’Urlo sarà più forte e più forte per gli indifferenti che vivono la vita per se stessi, per loro tornaconto; ben presto essi stessi si accorgeranno che anche “cambiando spiaggia” la vita languirà egualmente.

La presa di coscienza, la consapevolezza del fatto che ci stiamo distruggendo, può indurci a reagire e far agire chi detiene il potere. E’ sollevare la testa e farla sollevare ad altri velocemente, come fanno già in molti accettando la possibilità di attacchi, di offese gratuite, di maldicenze o di incredulità che fanno male.

E’ una possibilità, non è affatto la certezza.

Eppure gli Alberi non ci hanno mai lasciato nell’afflizione. Infatti mentre “affermavano” che sarebbero caduti come birilli, ci incoraggiavano anche ad aspettare delle “Guide” che sarebbero venute per indicarci la strada ed uscire dal caos. Abbiamo sentore che esse arriveranno presto.

Quando si parla di religiosità si pensa solo alle religioni strutturate ed ancora emergenti. In realtà, esse sono differenti anche se possono intersecarsi.

Prendere il buono e con integrità ovunque lo riconosciamo ci ha portato spesso ad essere etichettati e quindi allontanati, ma noi crediamo nella religiosità della vita, nella sacralità di ogni essere vivente che può essere rispettata ed accolta da ognuno.

Noi crediamo in Dio e nella sua meravigliosa creazione, pur senza definirci in una religione perché pensiamo che Dio sia di tutti.

La sacralità della vita là dove è andata perduta ha portato dolori e divisioni.

Così l’Urlo è stato lanciato da Madre Terra !

Non occorre credere in quello che scriviamo, sarà sufficiente guardarsi attorno e percepire quell’urlo dagli elementi, dagli alberi, dagli animali, dalle pietre e dagli indifesi esseri umani che abbiamo portato nel caos.

Dopo l’urlo vi sarà un lungo silenzio … la trasmutazione avverrà attraverso la consapevolezza che ognuno dovrà fare ammenda da sé stesso, perdonarsi e perdonare ed agire di conseguenza con una rinnovata fiducia nei propri confronti e negli altri e nel cominciare a vivere rispettando l’ambiente laddove non lo facessimo.

Siamo più di quello che crediamo, uniti negli intenti possiamo fare la differenza.

La Terra ha bisogno di un SI, il nostro, come ci insegna la guarigione dell’Ho’oponopono : “mi dispiace, perdono, grazie, guariamo, ti amo“. Madre Terra ti dico SI, sto dalla tua parte !

I ricercatori di HeartMath e molti altri autorevoli scienziati citati da www.heartmath.org  credono che esista un rapporto fra il cuore umano e il campo magnetico terrestre, e sostengono che «un’intensa emozione collettiva possa esercitare un impatto misurabile sul campo geomagnetico della Terra». Siamo in sostanza, tutti interconnessi, come in una grande sinfonia di frequenze.

Allora perche’ non adoperarci insieme per un’invocazione collettiva?

Lo hanno già fatto, ma non erano abbastanza, non abbastanza il cambiamento; né ci sentiamo di garantire che questo nostro intento funzionerà, ma andare avanti è mantenere una promessa e fare la differenza.

Oggi la tecnologia è in grado di misurare l’impatto emozionale e sarebbe, dunque, interessante provare a sintonizzare nello stesso momento una grandissima parte della popolazione mondiale, su un’emozione positiva come quella di salvare il nostro Pianeta.

Già fatto ? Si come abbiamo già detto, ma eravamo pochi.

Semplicistico ? Forse.

Scritto con il cuore per amore ? Sicuro.

Difficilissimo da realizzare ? Certamente !

Dopo lo sgomento, il dispiacere, la comprensione e l’invocazione, dopo un puro intento e la sua realizzazione, l’urlo potrebbe diventare un URLO di GIOIA, l’inizio di una inversione di rotta.

Gli Alberi, la Terra e noi ce lo auguriamo vivamente poiché il tempo stringe.

Il 22 dicembre (#22dicembreinsiemeperlaterra) uniamoci insieme per una meditazione collettiva di soli 30 minuti dalle 22 alle 22,30 per aiutare la Madre Terra e tutte le sue innocenti creature :

  • Leggiamo le motivazioni e firmiamo la nostra presenza sulla pagina dell’evento creata su google + https://goo.gl/y9JTBn
  • indossiamo per andare al lavoro un capo di abbigliamento di colore blu come il nostro pianeta, magari con la scritta “sono amico della Terra” ; un piccolo gesto che almeno incuriosisce e potrebbe portare a riflettere ;
  • condividiamo i file di questa cartella gdrive https://goo.gl/hXtzhH ( ad esempio per stampare su carta riciclata le etichette di questo messaggio e distribuirle nel tuo quartiere o inviarle ad un amico per email perché le faccia girare );
  • poniamo una candela accesa davanti ad un finestra della nostra casa come simbolo di presenza e di luce per tutta la Terra e le sue creature;
  • dalle 22 alle 22,30 ripeteremo per tutto il tempo queste semplici parole pronunciate con consapevolezza come da guarigione dell’Ho’oponopono : “Madre Terra e tutte voi innocenti creature, ci dispiace, vi chiediamo scusa,  grazie, vi amiamo, guariamo”. (#madreterraperdonaci) (#madreterraguariamo)

 

Dice Marianne Williamson : La nostra paura più profonda non è di essere inadeguati. La nostra paura più profonda, è di essere potenti oltre ogni limite. E’ la nostra luce, non la nostra ombra, a spaventarci di più. Ci domandiamo: ” Chi sono io per essere brillante, pieno di talento, favoloso? ” In realtà chi sei tu per NON esserlo? Siamo figli di Dio. Il nostro giocare in piccolo, non serve al mondo. Non c’è nulla di illuminato nello sminuire se stessi cosicché gli altri non si sentano insicuri intorno a noi. Siamo tutti nati per risplendere, come fanno i bambini. Siamo nati per rendere manifesta la gloria di Dio che è dentro di noi. Non solo in alcuni di noi: è in ognuno di noi. E quando permettiamo alla nostra luce di risplendere, inconsapevolmente diamo agli altri la possibilità di fare lo stesso. E quando ci liberiamo dalle nostre paure, la nostra presenza automaticamente libera gli altri ed il nostro amore si espande. La prima lezione d’amore infatti è non chiedere amore, ma dare amore. Diventiamo donatori di amore ! (#donatoridiamore )

*

Diciamo noi : la nostra paura più profonda è la nostra mancanza di unità, la nostra speranza più profonda è la comunione delle anime, e per armonizzare le due vi è solo la consapevolezza e la compassione buddista, che lascia all’intelletto il suo potere e alla preghiera l’espansione di quel sentimento di amore così abusato verbalmente ma così potente nel donare, nell’aprire porte, e nell’indicare via d’uscita.

Ci inchiniamo con riverenza verso la sofferenza di molti, ci inchiniamo con gratitudine verso la Terra, la nostra Madre che ha sostenuto tutto e perdonato tutto rifiorendo continuamente ed ora che con un URLO ci chiede aiuto, sarebbe appropriato che fosse ascoltato, meditato, sostenuto e liberato per una vera e proficua riconciliazione. Affrettarci nel cambiamento.

Noi siamo felici di essere dei terrestri,

così Madre Terra,

ci dispiace,

chiediamo scusa,

grazie,

ti amiamo, guariamo !


Grazie a voi per l’ascolto anche da parte degli Alberi,

Carmen ed Emmanuel

www.SpazioSacro.it

 

------------------

 

versione inglese

ENGLISH VERSION

 

To synchronize, find your country's time here :
UTC TIME https://www.worldtimeserver.com/convert_time_in_UTC.aspx?y=2017&mo=12&d=22&h=21&mn=0

 

A SCREAM TO HUMANITY: an appeal to the people. Together for the earth on the 22th of December at 10pm Italian Time ( to synchronize UTC TIME https://www.worldtimeserver.com/convert_time_in_UTC.aspx?y=2017&mo=12&d=22&h=21&mn=0 ).

 

Our deepest fear is not that we are inadequate. Our deepest fear is that we are powerful beyond measure. It is our light, not our darkness, that most frighten us. We ask ourselves: “Who am I to be brilliant, gorgeous, talented, fabulous? Actually, who are you not to be? You are a child of God. Your playing small does not serve the world. There is nothing enlightened about shrinking so that other people won’t feel insecure around you. We are all meant to shine, as children do. We were born to make manifest the glory of God that is within us. It is not just in some of us: it is in everyone. And as we let our own light shine, we unconsciously give other people permission to do the same. As we are liberated from our own fear, our presence automatically liberates others. (Marianne Williamson)

 

Welcome back, humans, or: it is nice to meet you. We write to you with honesty of intent and simplicity of soul. Despite the misunderstanding or insults or the boyish enthusiasm of many, we have kept to spread with ease what the Master Trees have taught us throughout these years of meetings and silent dialogues.

On November 12th 2017, two of our Master Trees asked us during a meditation to launch a scream to humanity, an admonition to the people. We were surprised and worried. In 35 / 22 years we are frequenting the trees, this had never happened before.

Who are we for doing this? Why should we continue to receive insults and slanders?

And who are we for not receiving a request from those who gave us so much teaching and care? Are we not courageous?

Yes, “we talk to the Master Trees and they answer to us (see dendroterapia ® energetica on our website ).

Marcel Vogel says that you can interact with the Trees only if you are in a state of spirit exaltation, such as that of yogins; since this has happened, it does not mean that we feel, we are something better than others; we kept being focussed and humble, but, as Guru Nanak says, humility is full of awareness and trust in God. So we understand in our full consciousness that we need to entrust ourselves to the Divine Superior Self, as well as to the Guide of the Master Trees, for launching what they called “a scream”.

Three years ago the Great Tree had “warned” us, they all would fall like pins (as we also wrote to our Learner), which really happened to many of them: in our region more than 1.500 trees have fallen just in one night and we learned from the TV-news as well as on the web, that these falls have taken place throughout Italy. They seem to be too many and abnormal. In October even the tallest oak in our park, that was 500 years old, has fallen and it is lying meanwhile on the ground, impressing for the power of its body, which is lying on the ground after having lost its life.

So our Masters asked us to launch a scream to humanity, but a scream, which is not a mere invocation, nor a sweethearted and not frightening request, because a scream is a scream. And in this case it is a scream that tears the air, that impresses, that should resound for a long time in the ears and minds of humanity.

A scream is a warning of a danger, that is already manifesting, which is born from the bowels and is awakening fears and tensions. It is a lament of pain from the Earth and its innocent creatures, that are subjected to enormous pressures the can no longer support or express by another way.

So we won't use the usual folderol of the summits about climate change, as we will not use the words of those people who are asking with caution for saving this or that species, and we won't use the harsh words of those who justify or don't want to admit that the air is full with heavy metals, the waters are polluted and the lands are pure.

Profit is the key, so we will not even barge in political speeches, that are intended to minimize or hide to most people what is actually happening. We will not tell to them who are suffering for it, that the solutions will come from alone, either, as many people would like to hear, that everything is all right.

It's true, there are many people working for good, but it is not enough. As Edmund Burke said: “All that is necessary for the triumph of evil, is that good men do nothing”.

So what they are saying is not the truth, it is not what is actually happening on our planet: We are in a full chaos and in this chaos only A SCREAM can make us stop, a warning coming from our own bowels and  now from the Earth through its Trees.

The induced sleep would be forced to become awakening, cynicism to a consciousness.

This scream will be stronger and stronger for the indifferent people who are living their lives for themselves and for their own profit. They will realize soon that even if they will change their settings, life will languish though. 

The consciousness, the awareness of the fact that we are destroying ourselves, can lead us to react, as well as it can lead those who hold the power to act. It is like raising your head and making other raise fast their head, as many are already doing, accepting the possibility of attacks, gratuitous offences, slanders or hurting incredibility. 

It is a possibility, it is not at all certain.

Although our Trees never left us in affliction. While they were asserting they would fall down like skittles, they also encouraged us to wait for some “Guides”, that would come and show us the way to get out of the chaos. We have the feeling, they will arrive soon indeed.

When it comes to religiosity, we mostly think of structured and still emerging religions. In fact they are different, even if they can cross each other.

Taking the good sides and doing this with integrity, by recognizing it everywhere, has often led us to be labelled and then avoided. But we believe in the religiosity of life as well as in the holiness of every living being, which can be respected and welcomed by everyone.

We believe in God and in his wonderful creation, even if we don't recognize us in a particular religion, because we think that God belongs to everyone.

When the holiness of life has been lost, it led to sorrow and splitting.

So the scream has been launched by Mother Earth.

***

You don't need to believe what we wrote, it will be enough to look around and to perceive that scream from the elements, from the trees and the animals, from the stones and the helpless human beings, that have been led to the chaos.

After the scream there will be a long silence... the transmutation will arise through the awareness that everyone will have to make himself fine, forgive himself and forgive the others and act accordingly with renewed trust in his own as well as in the others, beginning to live by respecting the environment.

We are more than we think and united in our intentions we can make the difference. The Earth needs a YES, our yes, as we learned from the Ho'oponopono Healing: “I am sorry, forgive me, thanks, let's heal, I love you”. Mother Earth, I say to you, I am on your side!

HeartMath researchers and many other authoritative scientists, cited by www.heartmath.org, believe that there is a relationship between the human heart and the earth's magnetic field and argue that “an intense collective emotion can exert a measurable impact on the geomagnetic field of the Earth”. Basically we are all interconnected, as in a great symphony of frequencies.

So why don't we give our best for a collective invocation?

Someone already did it, but they were not enough, not enough for a change; nor we can ensure that our intent will work, but going on is keeping a promise and make a difference.

Nowadays technology is able to measure the emotional impact , so it would be interesting to try to tune at the same time a great part of the world population on a positive emotional like saving our planet.

Has it already been done? Yes, as said, but we were not enough.

Is it simplistic? Maybe.

Has it been written with the heart for love? Sure.

Is it to hard to realize? Of course!

After the dismay, the sorrow, the understanding and the invocation, after a pure intent and its realization, the scream could become a joy scream, the beginning of a U-turn.

The Trees, the Earth and us are deeply wishing us that, because the time is getting over.

 

On the 22th of December (#22decembertogetherfortheearth) let's unite in a collective meditation, just for 30 minutes, from 10pm to 10:30, to help our Mother Earth and all her innocent creatures.

 

  • We will read the motivation and subscribe our presence on the event page on Google + : https://goo.gl/y9JTBn
  • When we go to work, we should wear something blue, the colour of our planet, perhaps with the writing “I am a  friend of the Earth”; it would be a little act, that could make other people curious and lead them to think about.
  • We should share the files in this Gdrive folder: https://goo.gl/hXtzhH (for example to print on recycled paper the labels of this message and distribute them in your area or to send them to a friend for sharing);
  • We will light a candle behind a window of our home as a symbol of presence and light for the entire Earth and all its creatures.
  • From 10pm to 10,30pm we will repeat all the time these simple words, speaking them with consciousness as by the healing process of Ho'oponopono: “Mother Earth and all you innocent creatures, we are sorry, we apologize, thank you, we love you, let's heal.

(#motherearthforgiveus) (#motherearthletsheal)

 

Marianne Williamson says : Our deepest fear is not that we are inadequate. Our deepest fear is that we are powerful beyond measure. It is our light, not our darkness, that most frighten us. We ask ourselves: “Who am I to be brilliant, gorgeous, talented, fabulous?” Actually, who are you NOT to be? We are a child of God. Your playing small does not serve the world. There is nothing enlightened about shrinking so that other people won’t feel insecure around you. We are all meant to shine, as children do. We were born to make manifest the glory of God that is within us. It is not just in some of us: it is in everyone. And as we let our own light shine, we unconsciously give other people permission to do the same. As we are liberated from our own fear, our presence automatically liberates others and our love becomes bigger. Actually the first love lesson is not to ask for love, but to give love. Let's become love donors! (#lovedonors)

 

We say: our deepest fear is our lack of unity, our deepest hope is the communion of souls. To harmonize both things the consciousness and the Buddhist compassion are needed. The Buddhist compassion leaves to intellect its power and to the prayer the extension oft that feeling, which has been verbally so misused, but which is so powerful in giving, in opening doors, in showing the way out.

We bow with reverence to the suffering of many, we bow with gratitude to the Earth, our Mother, who suffered and forgiven everything, who bloomed again and again and now is asking us for help with a SCREAM. It would be appropriate to listen to this scream, to meditate about it, to support it and to set it free for a true and fruitful reconciliation. We should hurry to make a change.

We are glad to be earthlings,

so, Mother Earth,

we are sorry,

we apologize,

thank you,

we love you, let's heal!

 

Thank you for your attention, also from the Trees

 

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
scuola di reiki bologna
REIKI : ARTE DI CURA CON LE MANI
SCUOLA DI REIKI BOLOGNA [ CLICK QUI ]

Carmen and Emmanuel.

www.spaziosacro.it

 

FOR PLEASE MOVE. THANK YOU

 

------------------- 

 

versione francese

FRENCH VERSION

 

Pour synchroniser, trouvez l'heure de votre pays ici :

UTC TIME https://www.worldtimeserver.com/convert_time_in_UTC.aspx?y=2017&mo=12&d=22&h=21&mn=0

 

 

Un cri à l’humanité : un avertissement pour les gens. Ensemble pour la Terre le 22 Décembre à 22 heures Heures italiennes (UTC TIME https://www.worldtimeserver.com/convert_time_in_UTC.aspx?y=2017&mo=12&d=22&h=21&mn=0 )

 

Un cri à l’humanité : un avertissement pour les gens.

Ensemble pour la Terre le 22 Décembre à 22 heures Heures italiennes

Notre peur la plus profonde

n'est pas que nous ne soyons pas à la hauteur,

Notre peur la plus profonde est que nous sommes puissants au-delà de toutes limites.

C'est notre propre lumière et non notre obscurité qui nous effraie le plus.

 

Nous nous posons la question...

Qui suis-je, moi, pour être brillant,

radieux, talentueux et merveilleux ?

En fait, qui êtes-vous pour ne pas l'être ?

Vous êtes un enfant de Dieu.

Vous restreindre, vivre petit,

ne rend pas service au monde.

L'illumination n'est pas de vous rétrécir

pour éviter d'insécuriser les autres.

Nous sommes tous appelés à briller, comme les enfants le font.

 

Nous sommes nés pour rendre manifeste

la gloire de Dieu qui est en nous.

Elle ne se trouve pas seulement chez quelques élus,

elle est en chacun de nous,

Et, au fur et à mesure que nous laissons briller notre propre lumière,

nous donnons inconsciemment aux autres

la permission de faire de même.

En nous libérant de notre propre peur,

notre puissance libère automatiquement les autres. (Marianne Williamson)

 

Bien retrouvés les Humains, ou ravis de vous connaître, nous vous écrivons avec l’honnêteté de l’intention et la simplicité d’âme.

Malgré les malentendus ou les insultes ou les enthousiasmes enfantines de la part de beaucoup de gens, nous avons poursuivi tranquillement dans la diffusion de ce que les Maître Arbres nous ont appris, pendant tous ces années de rencontres, de dialogues silencieux.

Le 12 Novembre 17, deux de nos Maîtres Arbres nous ont demandé de « lancer un cri à l’humanité », un avertissement aux gens. Nous sommes restés surpris et préoccupés. Ça  n’était jamais passé en 35 ans, pour Carmen, et 22, pour Emanuel, de fréquentations avec eux.

Qui est-nous pour faire ça ? Pourquoi continuer à subir des insultes, des ironies ?

Et qui sommes-nous pour ne pas accueillir une demande de la part de ceux qui nous ont donné si beaucoup, tant d’enseignements, de soins ? Sommes-nous pas courageux peut-être ?

Oui « nous parlons avec les Maîtres Arbres » et ils répondent (voir dendroterapia®energetica sur notre page internet)

Marcel Vogel dit qu’on peut interagir avec les Arbres seulement dans un état d’exaltation de l’esprit, similaire à celui des yogin ; du moment que  ça s’est produit, ça ne signifie pas que nous pensons d’être hors du commun, nous sommes restés concentrés et humbles. Selon les mots de Guru Nanak, l’humilité est pleine de conscience et de confiance en Dieu. Donc, avec conscience nous comprenons de faire confiance, pour cet appel, à notre Soi Supérieur Divin et à la guidance des Maîtres Arbres pour lancer ce qu’ils ont appelé « Cri »  

Ça fait trois ans, le Grand Arbre, nous avait «  alerté » qu’ils seront tombés comme des quilles (nous l’avons écrit aussi à nos étudiants) et pour beaucoup d’eux ainsi c’est passé. Chez nous, dans une seule nuit, plus de 1500 arbres sont tombés. Par les nouvelles télévisées et par internet nous avons appris que ces chutes se sont produites dans l’Italie entière, d’une façon massive et anomale. En octobre, aussi le grand chêne, âgé de 500 ans environs, est tombé et maintenant il est allongé au sol, impressionnant pour la puissance de son corps, désormais sans vie.

Donc, nos Maîtres nous ont demandé de lancer un cri à l’humanité, mais un cri ce n’est pas une simple invocation, ce n’est pas une requête édulcorée pour ne pas effrayer, un cri est un cri, et dans ce cas c’est un cri qui déchire l’air, qui impressionne, qui immobilise, qui résonne longtemps dans les oreilles et les cerveaux humains.

Un cri c’est l’avis d’un péril qui est en train de se manifester, qui nait des viscères, qui réveille peurs et tensions, c’est un aigu gémissement de douleur de la part de la Terre et de ses créatures, faites l’objet d’une pression insoutenable, qu’ils ne réussissent plus à transmuter.  

Donc nous irons pas utiliser les bavardages habituels des symposiums sur le climat, nous n’utiliserons pas les mots de ceux qui demandent avec prudence le sauvetage de telle ou telle espèce, nous n’utiliserons pas les dures mots de ceux qui justifient, ou de ceux qui ne veulent pas admettre que l’air est pleine de métaux lourdes, que les eaux sont polluées, et les terres aussi.

Le profit c’est la clé, donc nous nous ne mêlerons pas dans les discours politiques, le bout du quelles c’est de minimiser ou cacher à la plupart des gens ce qui se passe réellement. Nous n’irons pas dire à ceux qui souffrent pour tout ça, que les solutions arrivent toutes seules ou, comme beaucoup de gens  souhaitent entendre dire, que tout va bien.

C’est vrai qu’il y a un tas de personnes qui agissent pour le bien, mais ça  n’est pas suffisant, en effet, comme Edmund Burke disait : « Pour que le mal triomphe seule suffit l'inaction des hommes de bien. »

Donc ce qu’on nous dit ce n’est pas la vérité, ce n’est pas ce qui se passe réellement sur notre planète : nous sommes dans le chaos et dans le chaos seulement UN CRI peut nous faire arrêter, une mise en garde qui vient de nôtres viscères mêmes et maintenant de la Terre par ses Arbres.

L’endormissement induit c’est ainsi obligé à un réveil, le cynisme à une prise de conscience.

Le Cri sera plus fort et encore plus fort pour les indifférents qui vivent la vie pour eux-mêmes, pour leur propre intérêt ; bientôt ils s’apercevront qu’aussi « en changeant de plage » la vie ira quand même languir.

La prise de conscience du fait que nous sommes en train de nous détruire, peut nous faire agir, et laisser agir ceux qui détiennent le pouvoir. C’est soulever la tête et permettre aux autres de la soulever rapidement, comme beaucoup de gens font déjà, en acceptant la possibilité des attaques, de basses insultes, des propos malveillants, ou d’un’ incrédulité qui fait mal.

C’est une possibilité, pas une certitude.

Et pourtant les Arbres ne nous ont jamais laissés dans l’affliction. En effet, tout en « affermant » qu’ils seraient tombés comme des quilles, nous ont aussi encouragés à attendre des «  Guides » qui seraient arrivées pour nous indiquer la voie et sortir du chaos. Notre sensation est que bientôt elles arriveront.

Quand on parle de religiosité, on pense seulement à les religions structurées et encore émergeantes. En réalité elles sont différentes, mêmes s’ils peuvent s’entrecouper.

Prendre le bien et avec intégrité, partout où on le reconnait nous a souvent conduit à être catalogués et donc éloignés, mais nous croyons dans la sacralité de la vie, dans la sacralité de chaque être vivant, qui peut être respectée et accueillie par chacun.

 

Nous croyons en Dieu et à sa merveilleuse création, même sans nous définir dans le cadre d’ une religion, du moment que nous pensons que Dieu est à tous.

La sacralité de la vie, là où elle a été perdue, a causé doleurs et divisions

Ainsi le Cri a été lancé par la Mère Terre !

 

Pas besoin de croire en ce que nous écrivons, il sera suffisant de regarder aux alentours et entendre ce hurlement de la part des éléments, de la part des Arbres, de la part des animaux, de la part des pierres, et de la part des êtres humaines démunis, que nous avons conduit au chaos.

Après le Cri, il y aura un long silence…la transmutation aura lieu par la prise de conscience que chacun devra réparer ses fautes par lui-même, se pardonner et pardonner et agir en conséquence, avec une confiance renouvelée en soi-même et dans les autres, tout en commençant à vivre dans le respect de l’environnement, dans le cas qu’on le faisait pas.

Nous sommes quelque chose de plus de ce que nous croyons, unis dans l’intention nous pouvons faire la différence.   

La Terre a besoin d’un OUI, le nôtre, comme la guérison Ho’oponopono nous apprend :

Je suis désolé(e)  Pardonne-moi Merci Guérissons Je t’aime

Mère Terre je te dis OUI, je suis à ton côté !

Les chercheurs de HeartMath et autres éminents scientifiques cités par www.heartmath.com ils croient qu’il existe un lien entre le cœur humain et le champ magnétique terrestre, et affirment que « une émotion collective intense puisse exercer un impact mesurable sur le champ géomagnétique de la Terre » Nous sommes, en définitive, tous interconnectés, comme dans une grande symphonie de fréquences.

 

Alors pourquoi ne pas s’efforcer pour une invocation collective ?

Ils l’ont déjà fait, mais ils n’étaient pas assez, pas assez le changement ; néanmoins nous ne pouvons pas garantir que cette notre intention ira fonctionner, mais poursuivre c’est tenir une promesse et faire la différence.

Aujourd’hui la technologie est capable de mesurer l’impact émotionnel, et serait donc intéressant prouver à synchroniser dans le même instant une grande partie de la population mondiale, pendant une émotion positive comme celle de sauver notre planète. 

Déjà fait ? Oui comme on a dit, mais nous étions  peu

Simpliste ? Peut-être

Écrit avec le cœur pour amour ?  C’est sûr

Très difficile à réaliser ?  Evidemment !

Après le désarroi, le chagrin, la compréhension et l’invocation, après une pure intention et sa réalisation, le cri pourrait devenir un CRI de JOIE, le début d’un changement de cap.

Les Arbres, la Terre et nous le souhaitons vivement du moment que le temps presse.  

 

Le 22 décembre (#22dicembreinsiemeperlaterra) réunissons nous ensemble pour une méditation collective de la durée de seulement 30 minutes de 22h jusqu’à 22 :30, pour aider la Mère Terre et toutes ses innocentes créatures :

 

  • Lisons les motivations et signons notre présence sur la page évènement crée sur Google + https://goo.gl/y9JTBn 
  • Portons pour aller au boulot un vêtement de couleur bleu comme notre planète, peut-être avec écrit « je suis ami de la Terre » un petit geste qui au moins suscite de la curiosité et pourrait conduire à réfléchir
  • Partageons les fichiers de ce dossier gdrive https://goo.gl/hXtzhH   ( par exemple imprimer sur papier écologique les étiquettes de ce message et les diffuser dans son quartier ou les envoyer à un ami pour qu’il le partage à son tour)
  • Mettre une bougie allumée à une fenêtre de notre maison comme symbole de présence et de lumière pour toute la Terre et ses créatures ;
  • à partir de 22 h jusqu’à 22,30 nous répèterons pour tout le temps ces simples mots prononcés avec prise de conscience selon la guérison Ho’oponopono : « Mère Terre et vous toutes innocentes créatures, nous sommes désolés, pardon, nous vous aimons, guérissons » (#madreterraperdonaci) ( #madreterraguariamo)

 

Marianne Williamson dit: Notre peur la plus profonde

n'est pas que nous ne soyons pas à la hauteur,

Notre peur la plus profonde est que nous sommes puissants au-delà de toutes limites.

C'est notre propre lumière et non notre obscurité qui nous effraie le plus.

 

Nous nous posons la question...

Qui suis-je, moi, pour être brillant,

radieux, talentueux et merveilleux ?

En fait, qui êtes-vous pour ne pas l'être ?

Vous êtes un enfant de Dieu.

Vous restreindre, vivre petit,

ne rend pas service au monde.

L'illumination n'est pas de vous rétrécir

pour éviter d'insécuriser les autres.

Nous sommes tous appelés à briller, comme les enfants le font.

Nous sommes nés pour rendre manifeste

la gloire de Dieu qui est en nous.

Elle ne se trouve pas seulement chez quelques élus,

elle est en chacun de nous,

Et, au fur et à mesure que nous laissons briller notre propre lumière,

nous donnons inconsciemment aux autres

la permission de faire de même.

En nous libérant de notre propre peur,

notre puissance libère automatiquement les autres et notre amour s’agrandit. La première leçon ne s’est pas de demander de l’amour mais de le donner. Devenons des donneurs d’amour !  (#donatoridiamore)

 

Nous disons : notre peur la plus profonde c’est notre manque d’unité, notre espoir la plus profonde c’est la communion des âmes, et pour harmoniser les deux, il y a seulement la prise de conscience et la compassion bouddhiste, qui laisse à l’intellect son pouvoir, et à la prière l’expansion de ce sentiment d’amour, dont on a si abusé verbalement, mais si puissant à donner, à ouvrir des portes, à indiquer la voie de la sortie.

Avec révérence nous inclinons envers la souffrance de beaucoup de gens, nous inclinons avec gratitude envers la Terre, notre Mère Terre qui tout a soutenu et tout a pardonné,  fleurissant chaque fois à nouveau. Et maintenant qu’elle nous demande de l’aide avec un CRI, ça serait approprié qu’il soit entendu, médité, soutenu et libéré par une vraie et fructueuse réconciliation.  Se dépêcher dans le changement.

Nous sommes heureux d’être des terrestres

Ainsi Terre Mère

Nous sommes désolés

Pardon

Merci

Nous t’aimons, guérissons !

 

Merci à vous pour avoir écouté aussi de la part des Arbres

Carmen et Emanuel 

www.SpazioSacro.it

 

POUR S'IL VOUS PLAÎT DÉPLACER. MERCI

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

http://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

http://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

Intraprenderete la Nuova Missione dell'Anima

Amata Famiglia di Luce, i cambiamenti e le trasformazioni sulla Terra continuano ad accelerare. Ci sono molta confusione e incertezza, mentre i vecchi sistemi iniziano a fallire e crollare e il nuovo inizia a manifestarsi. In questa fase, il crollo del vecchio sembra più evidente della nascita del nuovo, ma siate certi che la Nuova Terra, mentre si manifesta, si sta rafforzando.

 

Per coloro che sono stati Operatori di Luce, Guaritori e Insegnanti per molti anni c’e’ da Intraprendere la vostra Missione Animica Potenziata o Nuova nella Realtà della Nuova Terra

 

Per coloro che sono stati Operatori di Luce, Guaritori e Insegnanti per molti anni, recentemente c'è stato un periodo di confusione in cui vi siete sentiti insicuri di ciò che stavate facendo. O potreste aver sperimentato problemi di salute che sembravano trattenervi e farvi fermare e riposare, anziché lavorare anche quando sembrava ci fosse troppo da fare.

 

Questo sta a indicare che la vostra anima vi spinge a fermarvi e a smettere di lavorare mentre siete sottoposti a quello che si può definire un periodo di "ri-orientamento" che vi porterà in allineamento con la nuova direzione della vostra missione animica per questo nuovo tempo.

 

Queste nuove missioni hanno bisogno di nuove percezioni del sé, di come manifestare e creare e come guarire e allinearsi in queste nuove energie. Semplicemente non potete fare le stesse cose che facevate nella vecchia energia.

 

In passato, Amati, le vostre energie erano concentrate sulla transizione e il risveglio, come lavorare con il risveglio e come affrontare il trauma quando le persone si risvegliavano. Adesso, però, ci sono persone risvegliate a sufficienza sul pianeta per facilitare la creazione di un Modello per un'accelerazione di questo processo.

 

Ora, il bisogno è di creare un Modello per aiutare i risvegliati nella coscienza della Nuova Terra. Per farlo, dovete voi stessi essere una parte della creazione di quel Modello. Dovete vivere nella coscienza della Nuova Terra e con la coscienza del vostro ruolo come pioniere nel Nuovo. Dovete essere andati oltre la dualità e la coscienza vittimistica e aver creato una vita emancipata che libera anche gli altri.

 

Quando raggiungete questo spazio o posto di allineamento con la Coscienza Superiore e la vostra Anima, vi allineerete piuttosto naturalmente con la vostra nuova Missione Animica. Non dovete forzarla o cercarla. A volte, quello che è più necessario è semplicemente tranquillità e riposo completi così da poter sentire i bisogni dell'anima attraverso l'intuizione e la sincronicità.

 

Fatta questa connessione, avrete una di due opzioni:

L'articolo che stai leggendo continua sotto :
scuola di reiki bologna
REIKI : ARTE DI CURA CON LE MANI
SCUOLA DI REIKI BOLOGNA [ CLICK QUI ]

- o la Missione Animica Potenziata dove la vostra precedente missione animica sarà potenziata da nuove comprensioni e nuove direzioni,

-o avrete una missione completamente nuova.

Nel caso della Missione Animica Potenziata continuerete a lavorare con la saggezza che avete ottenuto nel corso del tempo, ma sarete consapevoli di nuove percezioni e nuovi approcci necessari per questo nuovo periodo.

 

Tuttavia, potreste anche avvertire il bisogno di allontanarvi completamente dal passato e di abbracciare qualcosa di completamente nuovo che meglio esprime il senso di chi siete adesso.

Questo sarà il processo che vi porterà verso una missione animica completamente nuova che è più allineata con i bisogni e le espressioni della Nuova Realtà. In questo caso, potreste essere attratti a un modo di vivere più creativo e più connesso alla Terra e che meglio esprime chi siete in questo momento.

 

Amati, è un entusiasmante momento di Cambiamento e Creazione.

 

Auguriamo a tutti voi una grande avventura di Tempo e Spazio nella creazione della vostra Nuova Terra.

 

 

http://www.stazioneceleste.it/starchild/energie/ener_OTT17.htm

 

grazie!

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

http://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

http://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

L'AMORE E' CAMBIAMENTO.....

L'amore è fine a se stesso, e nell'amore non c'è più ego. Quando siete senza ego, c'è amore. Allora potete dare senza chiedere in cambio niente. Date perché dare è bellissimo, dividete perché dividere è stupendo ...

L’AMORE E’ CAMBIAMENTO

OSHO

L'amore è doloroso perché apre la strada all'estasi. L'amore è doloroso perché trasforma: l'amore è cambiamento.

Qualsiasi trasformazione è dolorosa perché occorre lasciare il vecchio per il nuovo.

Il vecchio è familiare, sicuro; il nuovo è assolutamente sconosciuto.  Ti muoverai in un oceano mai esplorato.

Non puoi usare la mente con il nuovo come facevi con il vecchio; la mente è molto abile, ma può funzionare con il vecchio,

non con il nuovo: ora è assolutamente inutile.

Per questa ragione nasce la paura; quando lasci il vecchio mondo - confortevole, sicuro - nasce il dolore.

È lo stesso dolore che prova il bambino quando esce dal ventre della madre.

È lo stesso dolore che prova il pulcino quando esce dall'uovo. È lo stesso dolore che prova l'uccellino quando prova a volare per la prima volta.
La paura dell'ignoto, l'insicurezza dell'ignoto, la sua imprevedibilità, ti spaventano moltissimo.


Dato che la trasformazione sarà dall'essere verso uno stato di non-essere, l'agonia è profondissima.

Ma non si può avere l'estasi senza passare per l'agonia.

Per purificare l'oro, esso deve passare attraverso il fuoco.
L'amore è fuoco.
È proprio a causa del dolore che l'amore procura, che milioni di persone vivono una vita senza amore.

Anche loro soffrono, ma la loro è una sofferenza inutile.

Soffrire per amore non è soffrire invano.

Soffrire per amore è creativo: ti porta a livelli più alti di consapevolezza.

 

Soffrire senza amore è un totale spreco, non ti porta da nessuna parte: continui a muoverti lungo il medesimo circolo vizioso.


L'uomo senza amore è narcisista, è chiuso. Conosce solo se stesso. Ma quanto può conoscere se stesso se non ha conosciuto l'altro?

Solo l'altro può essere per lui uno specchio. Non conoscerai mai te stesso se non conosci l'altro.

L'amore è fondamentale anche per la conoscenza di sé. La persona che non ha conosciuto l'altro in un rapporto profondo di amore,

di intensa passione, di totale estasi, non potrà nemmeno sapere chi è, perché non avrà uno specchio in cui osservare la sua immagine.


La relazione è uno specchio e, più l'amore è puro, migliore e più nitido sarà lo specchio.

Ma l'amore più alto richiede che tu sia aperto.

 

Richiede che tu sia vulnerabile. Devi lasciar andare la tua armatura, ed è doloroso.

Non devi stare sempre in guardia, devi abbandonare la mente e i suoi calcoli.

Devi rischiare, devi vivere pericolosamente.

L'altro può ferirti - è per questo che hai paura di essere vulnerabile. L'altro può rifiutarti - è per questo che hai paura dell'amore.
Il riflesso del tuo essere che scopri nell'altro potrebbe essere brutto - questa è la tua ansietà.

Evita lo specchio.  Ma non è che evitando lo specchio diventerai bello. Evitando la situazione, non puoi crescere. È necessario accettare la sfida.

Occorre entrare nell'amore. È il primo passo verso Dio, e non può essere aggirato.

Quelli che cercano di evitare lo spazio dell'amore, non raggiungeranno mai dio. È una necessità assoluta, perché diventi consapevole della tua totalità solo quando vieni stimolato dalla presenza dell'altro, quando la tua presenza viene rafforzata dalla presenza dell'altro, quando vieni aiutato a uscire dal tuo mondo chiuso, narcisista, e portato fuori sotto la volta infinita del cielo.


L'amore è un cielo, vastissimo. Essere in amore vuol dire mettere le ali.  Ma naturalmente, il cielo infinito fa paura.
Inoltre lasciare andare l'ego è molto doloroso perché ci hanno insegnato a coltivarlo. Pensiamo che l'ego sia il nostro unico tesoro. L'abbiamo protetto, decorato, l'abbiamo lucidato in continuazione e, quando l'amore bussa alla porta, tutto ciò che ci occorre per innamorarci è mettere da parte l'ego: è doloroso, certo. È il lavoro di tutta la tua vita, è tutto ciò che hai creato, questo ego orrendo, questa idea che sei separato dall'esistenza.
È un'idea brutta perché non è vera. È un'idea illusoria, ma la società esiste, è anzi basata proprio su questa idea che ogni persona è una persona, non una presenza.
La verità è che al mondo non esistono persone ma solo presenze. Non ci sei, non esisti come ego, separato dal tutto. Sei parte del tutto. Il tutto ti penetra, il tutto respira in te, pulsa in te, il tutto è la tua stessa vita.
L'amore ti dà la prima esperienza di armonia con qualcosa che non è il tuo ego. L'amore ti insegna per la prima volta che puoi entrare in armonia con qualcuno che non è mai stato parte del tuo ego.

Se puoi essere in sintonia con una donna, con un amico, con un uomo, se puoi essere in sintonia con il tuo bambino o con tua madre, perché non puoi esserlo con tutti gli esseri umani? E se essere in armonia con una sola persona ti dà tanta gioia, quale sarà il risultato se sarai in armonia con tutti gli esseri umani? Ma se puoi entrare in sintonia con tutti gli esseri umani, perché non anche con gli animali e le piante? Un passo porta al successivo.
L'amore è una scala: inizia con una persona, e finisce col tutto.

 

L'amore è l'inizio, Dio è la fine!

Aver paura dell'amore, aver paura dei dolori della crescita che l'amore procura, vuol dire rimanere chiusi in una cella oscura.


L'uomo moderno vive in una cella oscura: è narcisista. Il narcisismo è l'ossessione più grande della mente moderna. Il narcisista e’ anche nevrastenico.


E poi arrivano i problemi, problemi senza senso. Ci sono problemi che sono creativi perché ti portano a un livello più alto di consapevolezza. Ci sono problemi che non ti portano da nessuna parte, ti tengono solo legato, ti tengono nel caos del passato.

L'amore crea problemi; puoi evitarli, evitando l'amore.

Ma quelli sono i problemi essenziali! Bisogna affrontarli, viverli e passarci attraverso per andare oltre. L'unico modo per andare oltre, è di passarci attraverso.

L'amore è l'unica cosa che valga la pena di fare.

Tutto il resto è secondario - va benissimo se è di sostegno all'amore. Tutto il resto è solo un mezzo, ma l'amore è il fine.

Quindi, per quanto sia doloroso, entra nell'amore.
Se non entri nell'amore - come hanno deciso molte persone - rimani intrappolato all'interno di te stesso.

Allora la tua vita non è un pellegrinaggio, non è un fiume che va verso l'oceano; la tua vita è una pozza stagnante, sporca, e molto presto resteranno solo lo sporco e il fango.

Per rimanere limpido, devi continuare a fluire. Il fiume rimane pulito perché scorre. Scorrere è il modo di rimanere sempre vergini.
Chi ama rimane vergine. Tutti gli amanti sono vergini.

Le persone che non amano non possono rimanere vergini: si addormentano, diventano stagnanti, e prima o poi - più prima che poi - iniziano a puzzare perché non hanno nessun posto dove andare. La loro è una vita morta.
L'uomo moderno si trova in questa situazione, e per questo motivo nevrosi di ogni genere, follie di ogni genere, sono rampanti.

Il disagio psicologico ha preso proporzioni epidemiche.

Non è che alcuni individui siano psicologicamente malati: la realtà è che la terra nel suo complesso è diventata un manicomio. Tutta l'umanità soffre di una specie di nevrosi.
Questa nevrosi nasce dal tuo ristagnare, dal tuo narcisismo.

Tutti sono stretti nell'illusione di avere un sé separato, e poi impazziscono. Questa follia è senza senso, è improduttiva, non creativa.

Non è vita questa, ma la causa, la causa fondamentale, è che abbiamo dimenticato il linguaggio dell'amore.

Non siamo più così coraggiosi da buttarci nell'avventura chiamata amore.


La gente è interessata al sesso, perché il sesso non è pericoloso.

È il fenomeno di un momento, non occorre coinvolgersi.

L'amore è coinvolgimento, è impegno. Non è un fenomeno del momento.

 

Quando ha messo le radici, può durare per sempre. Può diventare un impegno che dura tutta la vita.

L'amore ha bisogno di intimità; solo quando c'è intimità, l'altro diventa uno specchio.

Quando ti incontri con una donna o un uomo solo a livello sessuale, in realtà non vi incontrate affatto, avete evitato l'anima dell'altra persona.

Tu ne hai usato il corpo e sei fuggito, e anche l'altro ha usato il tuo corpo ed è fuggito. Non siete diventati abbastanza intimi da poter rivelare all'altro il vostro volto originario.
L'amore è il più grande koan Zen.
È doloroso, ma non evitarlo. Se lo eviti, perdi la più grande opportunità di crescere.

Entra in esso, con tutta la sua sofferenza, perché grazie alla sofferenza arriva una grande estasi.

 

Sì, c'è agonia, ma da questa agonia nasce l'estasi. Sì, dovrai morire come ego, ma rinascerai come dio, come buddha.

 

L'amore ti darà il primo assaggio del Tao, del Sufismo, dello Zen. Ti darà la prima prova che dio esiste, che la vita non è priva di significato.


Quelli che dicono che la vita non ha significato sono quelli che non hanno conosciuto l'amore.

In effetti stanno dicendo che nella loro vita è mancato l'amore.


Lascia che ci sia il dolore, lascia che ci sia la sofferenza. Passa attraverso la notte oscura, e arriverai a una bellissima alba. Solo nel grembo della notte oscura, il sole può evolversi. Solo attraverso la notte oscura arriva il mattino.


Il mio approccio qui è unicamente quello dell'amore. Ti insegno l'amore, solo l'amore e nient'altro.

Puoi dimenticarti di dio: è solo una parola vuota. Puoi dimenticarti delle preghiere: sono solo riti che ti sono stati imposti da altri.

L'amore è la preghiera naturale, non imposta da nessuno. Appare con te alla nascita. L'amore è il vero Dio, non il dio dei teologi, ma il dio di Buddha, Gesù, Maometto, il dio dei Sufi.

 

L'amore è una tariqa, un metodo per ucciderti come individuo separato e per aiutarti a diventare l'infinito. Scompari come goccia di rugiada e diventi l'oceano, ma per questo devi passare attraverso la porta dell'amore.


Certo, quando scompari come goccia di rugiada - e hai vissuto a lungo come goccia di rugiada - è doloroso, perché pensi: "Io sono questo, e ora questo sta scomparendo. Sto morendo".

Non stai morendo, è l'illusione che muore. Ti sei identificato con l'illusione, è vero, ma l'illusione è sempre un'illusione.

 

Solo quando svanisce, puoi vedere chi sei. Questa rivelazione ti porta alle vette più alte della gioia, dell'estasi, della celebrazione.

 

AMA E CELEBRERAI DIO, L’AMORE!

 

Osho

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

http://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

http://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli

Sulle condizioni dell’iniziazione

Vi sono degli ignoranti che s’immaginano che ci “si inizi” da soli, il che è una sorta di contraddizione in termini; dimenticando, se mai l’hanno saputo, che la parola initium significa “entrata” o “inizio”, confondono l’atto stesso dell’iniziazione, intesa in senso rigorosamente eti­mologico, con il lavoro da compiere in seguito perché tale iniziazione, da virtuale che è stata in principio, divenga più o meno pienamente effettiva. L’iniziazione, così intesa, è ciò che tutte le tradizioni si accordano nel designare come “seconda nascita”; come potrebbe, perciò, un essere agire da sé ancor prima d’essere nato? Sappiamo bene che cosa si potrà obiettare a questo: se l’essere è veramente “qualificato”, porta già in sé le possibilità che si tratta di sviluppare; per­ché, se le cose stanno così, non potrebbe realizzarle con il proprio sforzo, senza alcun intervento esteriore?

Non siamo nell’epoca primordiale in cui tutti gli uomini possedevano in modo normale e spontaneo uno stato che è oggi inerente a un elevato grado d’iniziazione; e d’altronde, a dire il vero, la stessa parola iniziazione in quell’epoca non poteva avere alcun senso. Siamo nel Kali-Yuga, ossia in un tempo in cui la conoscenza spirituale è divenuta na­scosta, e in cui solamente qualcuno può ancora raggiungerla, purché si ponga nelle condizioni richieste per ottenerla; ora, una di tali condizioni è precisamente quella di cui stiamo parlando, così come un’altra condizione è uno sforzo di cui gli uomini delle prime età non avevano ugualmente nessun bisogno, poiché lo sviluppo spirituale avveniva in essi in modo altrettanto naturale quanto lo sviluppo corporeo.

Vi sono degli ignoranti che s’immaginano che ci “si inizi” da soli, il che è una sorta di contraddizione in termini; dimenticando, se mai l’hanno saputo, che la parola initium significa “entrata” o “inizio”, confondono l’atto stesso dell’iniziazione, intesa in senso rigorosamente eti­mologico, con il lavoro da compiere in seguito perché tale iniziazione, da virtuale che è stata in principio, divenga più o meno pienamente effettiva.

espressioni come quelle di “dare la luce” e “ricevere la luce”, sono utilizzate per indicare, con riferimento rispettivamente all’iniziatore e all’iniziato, l’iniziazione in senso stretto, vale a dire la trasmissione vera e propria della virtualita’.

Leggi tutto:

Per parlare delle condizioni dell’iniziazione, e diremo innanzitutto, quantunque la cosa possa parere ovvia, che la prima di tali condizioni è una certa attitudine o disposizione naturale, senza la quale ogni sforzo risulterebbe vano, giacché l’individuo può evi­dentemente sviluppare solo le possibilità che porta in sé dall’origine; tale attitudine, che fa quello che taluni chiamano l’“iniziabile”, costituisce propriamente la “qualificazione” richiesta da tutte le tradizioni iniziatiche.

Del resto, questa condizione è la sola che sia, in un certo senso, comune all’iniziazione e al misticismo, giacché è chiaro che anche il mistico deve avere una disposizione naturale particolare, quantunque interamente diversa da quella dell’“iniziabile”, se non addirittura opposta per certi versi; ma tale condizione, per lui, se è del pari necessaria, è inoltre sufficiente; non ce ne sono altre che debbano aggiungersi a essa, e le circostanze fanno tutto il resto, facendo passare a loro piacimento dalla “potenza” all’“atto” queste o quelle altre possibilità che comporta la disposizione in questione. Ciò risulta direttamente da quel carattere di “passività” in un simile caso, non può infatti trattarsi di un qualsivoglia sforzo o lavoro personale, che il mistico non dovrà mai effettuare, e dai quali dovrà anzi invece guardarsi con cura, come da qualcosa che sarebbe in opposizione con la sua “via”, mentre, al contrario, per quanto riguarda l’iniziazione e dato il suo carattere “attivo”, un lavoro del genere costituisce un’altra condizione non meno strettamente necessaria della prima, e senza la quale il passaggio dalla “potenza” all’“atto”, che è propriamente la “realizzazione”, non può assolutamente effettuarsi[

Eppure, non è ancora tutto: finora abbiamo insomma soltanto sviluppato la distinzione, che avevamo posto all’inizio, dell’“attività” iniziatica e della “passività” mistica, per trarne la con­seguenza che, per l’iniziazione, v’è una condizione che non esiste e non può esistere per quanto riguarda il misticismo; ma v’è ancora un’altra condizione non meno necessaria di cui non abbiamo parlato, e che si situa in qualche modo tra quelle di cui abbiamo appena trattato. Tale condizione, sulla quale occorre tanto più insistere poiché gli Occidentali sono in generale abba­stanza portati a ignorarla o a sottovalutarne l’importanza, è inoltre, per la verità, la più caratte­ristica di tutte, quella che permette di definire l’iniziazione al di fuori di ogni possibile equi­voco, e di non confonderla con qualche altra cosa; in virtù di essa, il caso dell’iniziazione è delimitato assai meglio di quanto non può esserlo quello del misticismo, per il quale nulla di simile esiste.

È spesso assai difficile, se non del tutto impossibile, distinguere il falso misticismo dal vero; il mistico è, per definizione, un isolato e un “irregolare”, e talvolta non sa neppure lui chi è veramente; e il fatto che nel suo caso non si tratta di conoscenza allo stato puro, ma che pure ciò che è conoscenza reale è sempre interessata da una mescolanza di sentimento e d’im­maginazione, è inoltre ben lungi dal semplificare la questione; in ogni caso, si è in presenza di qualcosa che sfugge a qualsiasi controllo, cosa che potremmo esprimere dicendo che non esiste per il mistico alcun “mezzo di riconoscimento”. Si potrebbe dire anche che il mistico non ha “genealogia”, che egli non è tale se non per una sorta di “generazione spontanea”, e pensiamo che tali espressioni siano facili da capire senza ulteriori spiegazioni; pertanto, come si potrebbe affermare indubitabilmente che qualcuno è un mistico autentico e che un altro non lo è, quando invece tutte le apparenze possono essere sensibilmente le medesime?

Per contro, le contraffa­zioni dell’iniziazione possono sempre essere rivelate infallibilmente grazie all’assenza della condizione alla quale abbiamo appena accennato, e che altro non è se non il ricollegamento a un’organizzazione tradizionale regolare.

Vi sono degli ignoranti che s’immaginano che ci “si inizi” da soli, il che è una sorta di contraddizione in termini; dimenticando, se mai l’hanno saputo, che la parola initium significa “entrata” o “inizio”, confondono l’atto stesso dell’iniziazione, intesa in senso rigorosamente eti­mologico, con il lavoro da compiere in seguito perché tale iniziazione, da virtuale che è stata in principio, divenga più o meno pienamente effettiva.

L’iniziazione, così intesa, è ciò che tutte le tradizioni si accordano nel designare come “seconda nascita”; come potrebbe, perciò, un essere agire da sé ancor prima d’essere nato? Sappiamo bene che cosa si potrà obiettare a questo: se l’essere è veramente “qualificato”, porta già in sé le possibilità che si tratta di sviluppare; per­ché, se le cose stanno così, non potrebbe realizzarle con il proprio sforzo, senza alcun intervento esteriore?

È questa infatti una cosa che è permesso prevedere teoricamente, a condizione di concepirla come il caso di un uomo “nato due volte” fin dal primo momento della sua esistenza individuale; ma, se ciò non presenta impossibilità di principio, v’è nondimeno un’impossibilità di fatto, nel senso che ciò è contrario all’ordine stabilito per il nostro mondo, perlomeno nelle condizioni attuali.

Non siamo nell’epoca primordiale in cui tutti gli uomini possedevano in modo normale e spontaneo uno stato che è oggi inerente a un elevato grado d’iniziazione]; e d’altronde, a dire il vero, la stessa parola iniziazione in quell’epoca non poteva avere alcun senso. Siamo nel Kali-Yuga, ossia in un tempo in cui la conoscenza spirituale è divenuta na­scosta, e in cui solamente qualcuno può ancora raggiungerla, purché si ponga nelle condizioni richieste per ottenerla; ora, una di tali condizioni è precisamente quella di cui stiamo parlando, così come un’altra condizione è uno sforzo di cui gli uomini delle prime età non avevano ugualmente nessun bisogno, poiché lo sviluppo spirituale avveniva in essi in modo altrettanto naturale quanto lo sviluppo corporeo.

Si tratta quindi di una condizione la cui necessità s’impone in conformità con le leggi che governano il nostro mondo attuale; e, per farlo meglio comprendere, possiamo ricorrere qui a un’analogia: tutti gli esseri che si svilupperanno nel corso di un ciclo sono contenuti fin dal principio, nello stato di germi sottili, nell’“Uovo del Mondo”; pertanto, perché non potrebbero nascere nello stato corporeo da soli e senza genitori? Neppure questa è un’impossibilità assolu­ta, ed è possibile concepire un mondo in cui ciò avverrebbe; ma, in realtà, questo mondo non è il nostro. Facciamo, beninteso, una riserva per le anomalie; può accadere che vi siano dei casi eccezionali di “generazione spontanea”, e, nell’ordine spirituale, abbiamo noi stessi applicato poco fa quest’espressione al caso del mistico; ma abbiamo anche detto che questi è un “irrego­lare”, mentre l’iniziazione è cosa essenzialmente “regolare”, che non ha niente a che vedere con le anomalie. Inoltre, occorrerebbe sapere esattamente fin dove queste possono spingersi; an­ch’esse devono pur rientrare in definitiva in qualche legge, giacché tutte le cose non possono esistere che come elementi dell’ordine totale e universale. Questo solo, se ci si volesse riflettere bene, potrebbe bastare per far pensare che gli stati realizzati dal mistico non sono precisamente gli stessi di quelli dell’iniziato, e che, se la loro realizzazione non è soggetta alle stesse leggi, è perché si tratta effettivamente di qualcos’altro; ma possiamo ora accantonare interamente il caso del misticismo, sul quale abbiamo detto abbastanza per quel che ci proponevamo di comprova­re, per considerare esclusivamente solo quello dell’iniziazione.

Ci resta infatti da precisare il ruolo del ricollegamento a un’organizzazione tradizionale, che non può, beninteso, dispensare in nessun modo dal lavoro interiore che ciascuno può compiere solo da sé, ma che è richiesto, come condizione preliminare, perché tale lavoro possa effettiva­mente portare i suoi frutti.

Si deve capire bene, fin d’ora, che coloro che sono stati stabiliti come depositari della conoscenza iniziatica non possono comunicarla in un modo più o meno parago­nabile a quello con cui un professore, nell’insegnamento profano, comunica ai suoi allievi delle formule libresche che essi dovranno solo immagazzinare nella loro memoria; qui si tratta di qualcosa che, nella sua stessa essenza, è propriamente “incomunicabile”, poiché sono degli stati da realizzare interiormente. Quanto si può insegnare, sono solamente dei metodi preparatori per l’ottenimento di tali stati; ciò che può essere fornito dall’esterno al riguardo, è insomma un aiuto, un appoggio che facilita grandemente il lavoro da compiere, e anche un controllo che elimini gli ostacoli e i pericoli che possono presentarsi; sono tutte cose tutt’altro che trascurabili, e colui che ne fosse privato correrebbe il grosso rischio d’incorrere in un fallimento, ma ancora questo non giustificherebbe interamente quel che abbiamo detto quando abbiamo parlato di una condi­zione necessaria.

Comunque non è quello cui intendevamo riferirci, almeno in modo immediato; sono tutte cose che intervengono solo secondariamente, e in certo qual modo a titolo di conse­guenze, dopo l’iniziazione intesa nel suo senso più stretto, quale abbiamo indicato sopra, e allorché si tratti di sviluppare effettivamente la virtualità che essa costituisce; ma ancora biso­gna, prima di tutto, che simile virtualità preesista. È dunque in modo diverso che dev’essere intesa la trasmissione iniziatica propriamente detta, e non potremmo caratterizzarla meglio se non dicendo che essa è essenzialmente la trasmissione di un’influenza spirituale; dovremo tornarvi più ampiamente, ma, per il momento, ci limiteremo a determinare più esattamente il ruolo che gioca tale influenza, tra l’attitudine naturale prima inerente all’individuo e il lavoro di realizzazione che compirà in seguito.

Abbiamo fatto notare in altro luogo che le fasi dell’iniziazione, così come quelle della “Grande Opera” ermetica che non ne è in fondo che una delle espressioni simboliche, riprodu­cono quelle del processo cosmogonico; tale analogia, che si fonda direttamente su quella tra il “microcosmo” e il “macrocosmo”, permette, meglio di ogni altra considerazione, d’illuminare la questione di cui si tratta presentemente.

Si può dire, infatti, che le attitudini o possibilità incluse nella natura individuale sono innanzitutto, in quanto tali, soltanto una materia prima, cioè una pura potenzialità, in cui non v’è nulla di sviluppato o di differenziato; si tratta perciò dello stato caotico e tenebroso, che il simbolismo iniziatico fa precisamente corrispondere al mondo pro­fano, e nel quale si trova l’essere che non è ancora pervenuto alla “seconda nascita”. Perché questo caos possa incominciare a prender forma e a organizzarsi, occorre che una vibrazione iniziale gli sia comunicata dalle potenze spirituali, che la Genesi ebraica indica con il nome di Elohim; tale vibrazione è il Fiat Lux che illumina il caos, e che è il punto di partenza necessario di tutti gli sviluppi ulteriori; e, dal punto di vista iniziatico, quest’illuminazione è precisamente costituita dalla trasmissione dell’influenza spirituale della quale abbiamo appena parlato[9]. Per­tanto, e in virtù di tale influenza, le possibilità spirituali dell’essere non sono più la semplice potenzialità che erano prima; esse sono divenute una virtualità pronta a svilupparsi in atto nei diversi stadi della realizzazione iniziatica.

Possiamo riassumere tutto quanto precede dicendo che l’iniziazione implica tre condizioni che si presentano in modo successivo, e che si potrebbero far corrispondere rispettivamente ai tre termini di “potenzialità”, “virtualità” e “attualità”:

1. la “qualificazione”, costituita da certe possibilità inerenti alla natura propria dell’individuo, e che sono la materia prima sulla quale il lavoro iniziatico dovrà effettuarsi;

2. la trasmissione, per il tramite del ricollegamento a un’orga­nizzazione tradizionale, di un’influenza spirituale che conferisce all’essere l’“illuminazione” che gli permetterà d’ordinare e di sviluppare queste possibilità che porta in sé;

3. il lavoro interiore mediante il quale, con l’aiuto di “ausili” o di “supporti” esteriori eventuali e soprattutto durante i primi stadi, tale sviluppo sarà realizzato gradualmente, facendo passare l’essere, di scalino in scalino, attraverso i differenti gradi della gerarchia iniziatica, per condurlo alla meta finale della “Liberazione” o dell’“Identità Suprema”. 

espressioni come quelle di “dare la luce” e “ricevere la luce”, usate per indicare, con riferimento rispettivamente all’iniziatore e all’iniziato, l’iniziazione in senso stretto, vale a dire la trasmissione vera e propria della virtualita’.

René Guénon

le conoscenze d’ordine dottrinale, che sono indispensa­bili all’iniziato, e la cui comprensione teorica è per lui una condizione preliminare d’ogni “realizzazione”, possono mancare interamente al mistico; da qui viene sovente, in quest’ultimo, oltre alla possibilità di errori e di molteplici confusioni, una strana incapacità d’esprimersi in modo intelligibile.

D’altronde dev’essere beninteso che le conoscenze in questione non hanno assolutamente niente a che vedere con tutto quel che è soltanto un’istruzione esteriore o “sapere” profano, che non ha qui alcun valore, come spiegheremo ancora in seguito, e che pure, tenuto conto di che cos’è l’istruzione moderna, costituirebbe piuttosto un ostacolo che non un aiuto in molti casi; un uomo può benissimo non sapere né leggere né scrivere e raggiungere nondimeno i gradi più elevati dell’iniziazione, e casi del genere non sono rarissimi in Oriente, mentre vi sono degli “studiosi” e persino dei “geni”, secondo il modo di vedere del mondo profano, che non sono “iniziabili” a nessun titolo.

Ricordiamo qui l’adagio scolastico elementare: «per agire, bisogna essere».

Lettera e Spirito

http://acpardes.com/letteraespirito/

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato con UN CLICK QUI :

http://www.spaziosacro.it/newsletterspazio/operazioni.php

Corsi in Arrivo

reiki bologna


breathwork il potere del respiro

AMI LEGGERE ?

libri gratuiti benessere e crescita personale e spirituale

ACCEDI SUBITO ALLA BIBLIOTECA GRATUITA DI LIBRI DEL BENESSERE, CRESCITA PERSONALE E SPIRITUALE PIU' GRANDE DEL WEB. SCARICA I LIBRI GRATUITI CON UN CLICK QUI :

http://www.spaziosacro.it/interagisci/libri/index.php

FIRMA PER UNA LEGGE SULLE DISCIPLINE BIO-NATURALI

UNA LEGGE PER LE DISCIPLINE BIO-NATURALI : FIRMA ANCHE TU

Ultimi 80 articoli